Programma Amministrativo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Amministrativo 2015-2020"

Transcript

1 Programma Amministrativo Pensare ai cittadini di oggi per costruire insieme la città di domani

2 INDICE 1 I VALORI CHE CI ISPIRANO Legalità Solidarietà Libertà L OBIETTIVO CHE VOGLIAMO RAGGIUNGERE 1 3 LA STRATEGIA CHE INTENDIAMO ADOTTARE Definire e realizzare un Pacchetto di Progetti Strategici Innovare Individuare e gestire tutte le possibili fonti di finanziamento, sia interne che esterne Mantenere relazioni intense e costruttive con le Istituzioni esterne IL METODO DI LAVORO CHE VOGLIAMO SEGUIRE Essere trasparenti Valorizzare la struttura comunale Lavorare in squadra Stabilire e perseguire obiettivi concreti e verificabili Decidere sulla base dei fatti e non degli interessi I PROGETTI CHE INTENDIAMO REALIZZARE NEI CINQUE ANNI Aree di azione e quadro complessivo delle linee guida e dei progetti strategici Area: Sicurezza e Protezione Civile Linee guida dell Area Progetto: Istituire uno Sportello Sicurezza per una migliore gestione del territorio Progetto: Istituire un servizio di pronto intervento volontario di Protezione Civile Area: Territorio, Trasporti e Ambiente...8

3 5.3.1 Linee guida dell Area Progetto: Rimodulare il territorio Progetto: Prolungare i servizi di trasporto pubblico da Milano a Baranzate Progetto: Recuperare la Cava Ronchi e l area Tapparelli Area: Servizi sociali e sanitari Linee guida dell Area Progetto: Piano Casa per le fasce deboli, giovani coppie e anziani Progetto: Adattare il parametro ISEE a Baranzate per l accesso ai servizi sociali Progetto: Supportare le famiglie con presenza di diversamente abili Progetto: Migliorare l offerta di asili nido per le mamme lavoratrici Progetto: Valorizzare il ruolo della famiglia, l esperienza degli anziani, l entusiasmo e la creatività dei giovani Progetto: Riqualificare il progetto ASL per portare servizi sanitari in Baranzate e POT H Area: Educazione, Cultura e Sport Linee guida dell Area Progetto: Attivare un offerta di formazione continua e di riqualificazione professionale Progetto: Realizzare un Centro Polivalente per lo sport, le associazioni culturali ed per il volontariato Area: Lavoro e Attività Produttive Linee guida dell Area Progetto:FAVORIRE insediamenti artigianali Area: Macchina comunale...15 Linee guida dell Area Progetto: Razionalizzare i servizi comunali Progetto: Effettuare la revisione della toponomastica e dei numeri civici Area: Risorse finanziarie Linee guida dell Area Progetto: Realizzare un sistema di controllo di gestione Progetto: Rafforzare il sistema di gestione delle entrate...17

4

5 1 I VALORI CHE CI ISPIRANO I valori di riferimento della lista corrispondono in modo puntuale a tre esigenze che in questo momento storico sono certamente prioritarie per Baranzate 1.1 Legalità Occorre applicare, anche a Baranzate, in modo tempestivo, equo e rigoroso le leggi vigenti, con particolare riferimento ai temi della sicurezza, delle politiche abitative, dell immigrazione, degli abusi edilizi. 1.2 Solidarietà Occorre aiutare chi ha bisogno, sia direttamente, sia favorendo la creazione di una rete di operatori della solidarietà e dell integrazione sociale. 1.3 Libertà Occorre garantire, promuovere e sostenere iniziative che nascono dalla libera creatività di tutte le realtà popolari in essere sul territorio. 2 L OBIETTIVO CHE VOGLIAMO RAGGIUNGERE L obiettivo del nostro Programma è: REALIZZARE INSIEME UNA CITTA VIVIBILE. Insieme significa: i cittadini, le associazioni, coloro che verranno eletti, il personale della macchina comunale. VivIbile significa, per un cittadino di Baranzate, che sono soddisfatti i suoi bisogni di: 1) Sicurezza fisica (es. no criminalità, no rischi ambientali) 2) Benessere fisico (es. salute, assistenza handicap) 3) Benessere economico (es. lavoro, sussidi) 4) Sviluppo personale e sociale (es. istruzione, cultura, tempo libero) 5) Ambiente fisico gradevole (es. aspetto fisico degli edifici e dei quartieri, razionale utilizzo degli spazi disponibili, arredo urbano, no inquinamento, verde pubblico) 6) Disponibilità di beni e servizi (es. negozi, servizi di artigiani e professionisti, ufficio postale, banche, uffici pubblici)

6 7) Disponibilità di tempo (es. collegamenti di trasporto sia interni che con l esterno, lungaggini burocratiche) 8) Certezza del diritto (es. equità fiscale, abusivismo) Questi otto aspetti della Qualità della vita traducono in modo concreto e verificabile il nostro obiettivo; essi costituiranno i parametri per decidere la destinazione ottimale delle risorse finanziarie e per misurare l evoluzione di Baranzate nei prossimi cinque anni. 3 LA STRATEGIA CHE INTENDIAMO ADOTTARE La nostra strategia è PENSARE AI CITTADINI DI OGGI PER COSTRUIRE INSIEME LA CITTÀ DI DOMANI Significa che dobbiamo risolvere i problemi dei cittadini di oggi, ma in un modo che semini per il futuro. Ma come si può fare? Come si può tradurre questa strategia in azione concreta? La risposta è che bisogna capire quali sono le priorità e destinare ad esse la maggior parte del tempo e delle energie. Bisogna intanto capire dove stanno le difficoltà, quali sono le complessità, quali cose vogliamo realizzare. Il nostro Programma muove dall assunto che la indipendenza amministrativa di Baranzate è un opportunità da non perdere, perché consente di sviluppare azioni mirate su Baranzate per migliorare in modo sostanziale la sua qualità della vita. L esperienza maturata nel primo quinquennio di vita del Comune ha però evidenziato che cogliere tale opportunità non è facile, poiché l efficacia dell azione amministrativa di Baranzate è fortemente condizionata da alcuni fonti di difficoltà e di complessità in gran parte dipendenti da soggetti e fenomeni esterni; in particolare: Risorse finanziarie limitate ed incerte Progetti sovra-comunali ad alto impatto potenziale (sia negativo che positivo) e con incertezza di sviluppo Immigrazione Opportunità/necessità di condividere risorse e soluzioni con i comuni limitrofi. Per conseguire l obiettivo (realizzare insieme una città in cui si vive bene) e, nel contempo, gestire i fattori complessi e le difficoltà, la nostra lista ritiene che il Sindaco e la Giunta nei prossimi cinque anni dovranno distribuire prioritariamente il loro tempo lungo quattro linee prioritarie di azione: le prime due consistono nel realizzare l obiettivo attraverso un pacchetto completo di progetti e attraverso la continua ricerca di soluzioni innovative; le altre due linee di azione servono a creare le

7 necessarie pre-condizioni finanziarie ed organizzative perché la prime due linee di azione abbiano successo. Descriviamo di seguito le quattro linee prioritarie di azione. 3.1 Definire e realizzare un Pacchetto di Progetti Strategici. Abbiamo individuato progetti di trasformazione strutturale, per incidere direttamente sul territorio e sulla vita quotidiana dei cittadini, per creare un salto nel livello di qualità della vita entro i prossimi cinque anni; ne abbiamo individuati 14, ma verificheremo tale elenco con la cittadinanza ed i funzionari comunali, per fissare le priorità, per affinarne la composizione e l ambito, per valutarne la fattibilità con le risorse disponibili. Abbiamo individuato anche progetti interni all amministrazione, per mettere a punto la macchina comunale e le modalità di accesso alle risorse finanziarie ed alla loro gestione.. Per assicurare l'effettiva esecuzione del Pacchetto dei progetti, verrà creata una delega assessorile in tema di aggiornamento e monitoraggio dell andamento del Pacchetto di Progetti Strategici e verrà attivato nella struttura comunale un corrispondente Ufficio Progetti. 3.2 Innovare Gli Amministratori e la struttura comunale, per fronteggiare la carenza di risorse e la complessità dei problemi dovranno ricercare e sviluppare soluzioni innovative; per questo si realizzerà un processo di innovazione che includerà, per esempio, contatti con le Amministrazioni comunali più innovative del Paese. 3.3 Individuare e gestire tutte le possibili fonti di finanziamento, sia interne che esterne. Il nostro Comune dovrà organizzarsi in modo da annullare l evasione ed in modo da accedere con efficacia e tempestività alle numerose forme di finanziamento finalizzato disponibili a livello europeo, nazionale, regionale, privato; e dovrà saper impostare forme di partenariato pubblico-privato che consentano di reperire finanziamenti dal settore privato. 3.4 Mantenere relazioni intense e costruttive con le Istituzioni esterne Vivere bene a Baranzate non dipende solo dall Amministrazione Comunale, ma anche in gran parte da azioni di cui sono responsabili altri livelli della Pubblica Amministrazione (Regione, Pubblica Amministrazione Centrale, l Unione Europea) ed altre istituzioni operative (es. ASL, forze dell ordine); sarà perciò prioritario interagire costruttivamente a livello sia politico che tecnico con essi sia nelle fasi di formazione delle decisioni, sia nelle fasi attuative.

8 Va inoltre osservato che Baranzate è un Comune piccolo situato in una grande area metropolitana; si trova quindi nella condizione di condividere con i Comuni vicini servizi, strutture, opportunità e problemi (Cittadini di altri Comuni fruiscono di servizi di Baranzate, e viceversa cittadini di Baranzate fruiscono di servizi di altri Comuni). Occorrerà perciò trovare forme di condivisione di servizi, risorse, costi e piani di azione con Milano e con i Comuni vicini. Le collaborazioni potranno portare a servizi migliori e ad azioni d'influenza su altri enti (ASL, ecc.) più efficaci. 4 IL METODO DI LAVORO CHE VOGLIAMO SEGUIRE Indipendentemente dai problemi che affronteremo e dalle iniziative che attueremo, vogliamo adottare alcune regole generali che ci permetteranno di lavorare producendo risultati e ottenere il massimo dalle risorse disponibili. 4.1 Essere trasparenti E necessario trasformare il Comune in una casa di vetro, in modo che chi sta fuori il cittadino possa vedere cosa avviene dentro, e chi sta dentro gli Amministratori ed i Funzionari pubblici sia in grado osservare e indirizzare meglio quanto si muove e accade nella comunità. 4.2 Valorizzare la struttura comunale E nostra intenzione valorizzare al massimo le risorse umane dell amministrazione comunale, avvalendoci della loro competenza ed esperienza per concretizzare le linee strategiche di azione sopra citate. 4.3 Lavorare in squadra I problemi amministrativi ed i Progetti Strategici normalmente non sono specifici di un certo Assessorato o di un certo Servizio comunale o di una certa Commissione Consiliare; devono perciò essere affrontati lavorando in squadra. 4.4 Stabilire e perseguire obiettivi concreti e verificabili Partiremo con un pacchetto di Progetti Strategici; per ciascuno di essi si fisseranno risultati visibili, scadenze, risorse da impiegare e ne verificheremo il rispetto; e, soprattutto, verificheremo il conseguimento dei benefici previsti. Per ogni progetto, in coerenza le specifiche deleghe assessorili, vi sarà un Assessore responsabile principale, ma vi saranno anche responsabilità condivise tra più Assessori nel caso di progetti che coinvolgono più Assessorati.

9 4.5 Decidere sulla base dei fatti e non degli interessi Conoscere per governare : non si può fare tutto, poiché le risorse finanziarie sono sicuramente limitate; per decidere le priorità si ragionerà sui fatti e sui numeri, non sulle opinioni e sugli interessi; le analisi costo-beneficio saranno normali strumenti di lavoro. 5 I PROGETTI CHE INTENDIAMO REALIZZARE NEI CINQUE ANNI 5.1 Aree di azione e quadro complessivo delle linee guida e dei progetti strategici In Tabella 1 sono sintetizzati Le Linee Guida (cioè i criteri) che orienteranno la nostra azione nelle diverse Area di attività dell Amministrazione Comunale (Sicurezza, Territorio, ecc.) I Progetti Strategici che, nel loro insieme, dovrebbero consentire a Baranzate di compiere nei prossimi cinque anni un significativo salto di livello della qualità della vita (cioè del vivere bene a Baranzate ). I Progetti indicano le iniziative prioritarie. Le Linee Guida indicano invece i criteri per decidere su eventuali nuove iniziative e per gestire le attività di routine. Perciò l assenza di un tema tra i Progetti Strategici non significa che ne ignoriamo l esistenza. Nella successiva Tabella 2 evidenziamo su quali aspetti del vivere bene ogni progetto ha impatto. 14 Progetti (dal n. 1 al n. 14) incideranno direttamente sul territorio e sulla vita quotidiana dei cittadini. (indicati con X). Gli altri 4 (dal n. 15 al n. 18) sono altrettanto necessari, ma incideranno, per lo più, indirettamente, in quanto servono a mettere a punto la macchina comunale e le modalità di acquisizione e gestione delle risorse finanziarie (indicati con [X]). La Tabella 2 si può leggere sia per righe (i Progetti) che per colonne (gli Aspetti della Qualità della vita). La riga indica su quali Aspetti un Progetto ha effetto. Per esempio, il progetto 1 (Istituire uno Sportello Sicurezza per una migliore gestione del territorio) impatta su due aspetti: Sicurezza fisica e Ambiente fisico gradevole, in quanto lo Sportello Sicurezza gestirà, tra l altro, anche le segnalazioni riguardanti atti di vandalismo ai danni dell arredo urbano, La colonna indica quali Progetti hanno impatto quell Aspetto. Per esempio, l aspetto Sviluppo personale e sociale è impattato direttamente da 6 progetti (n. 3, 8, 9, 10, 11, 13) e indirettamente da 4 progetti (15, 16, 17, 18).

10 Nei paragrafi seguenti, per ciascuna Area di attività esponiamo le Linee Guida che ispireranno la nostra azione amministrativa e descriviamo brevemente i Progetti collegati in modo prevalente all Area.

11 Tabella 1 Aree, Linee Guida e Progetti Strategici Area Linee guida Progetti Strategici Attivare ed integrare gli interventi di prevenzione Essere interfaccia qualificata tra cittadini ed istituzioni competenti Sicurezza e Protezione Civile Territorio, Trasporti e Ambiente Servizi sociali e sanitari Educazione, Cultura e Sport Lavoro e Attività Produttive Macchina comunale Risorse finanziarie Realizzare una Città a misura di bambino e senza barriere architettoniche Governare uno sviluppo armonico ed eco-compatibile della Città Progettare confrontandosi con tutta la collettività Innescare un ciclo virtuoso basato sulla mutualità Instaurare un rapporto nuovo con i cittadini, basato su ascoltare, fare, partecipare Assicurare servizi completi e accessibili Favorire la crescita coordinata del volontariato Promuovere, per la salute pubblica, prevenzione, informazione e controllo ambientale del territorio Favorire l iniziativa dei privati ma coordinandone le azioni in risposta ai bisogni effettivi Incentivare le associazioni di Baranzate in base a progetti condivisi, pianificati e con obbiettivi da raggiungere Attivare meccanismi di sviluppo socio-economico e non interventi assistenziali Favorire le imprese che assumono in Baranzate Garantire servizi di qualità ed efficienti e supportare il nostro programma amministrativo Promuovere l innovazione Avere visibilità tempestiva sulle risorse finanziarie Annullare l evasione 1) Istituire uno Sportello Sicurezza per una migliore gestione del territorio 2) Istituire il servizio di Pronto Intervento volontario per la Protezione Civile 3) Ridefinire e approvare il PGT 4) Prolungare i servizi di trasporto pubblico da Milano a Baranzate 5) Recuperare la Cava Ronchi e l area 6) Piano Casa per le fasce deboli, giovani coppie e anziani 7) Definire l ISEE a Baranzate per l accesso ai servizi sociali 8) Supportare le famiglie con presenza di diversamente abili 9) Migliorare l offerta di asili nido per le mamme lavoratrici 10) Valorizzare il ruolo della famiglia, l'esperienza degli anziani, l entusiasmo dei giovani 11) Riqualificare il progetto ASL per portare servizi sanitari in Baranzate 12) Attivare un offerta di formazione continua e di riqualificazione professionale x disoccupati e inoccupati 13) Realizzare un Centro Polivalente per lo sport, per le associazioni culturali e per il volontariato 14) Realizzare le condizioni per l insediamento di artigiani in baranzate 15) Razionalizzare i servizi comunali 16) Effettuare la revisione della toponomastica e dei numeri civici 17) Realizzare un sistema di controllo di gestione 18) Rafforzare il sistema di gestione

12 delle entrate

13 Tabella 2 Impatto dei Progetti Strategici sui diversi aspetti della Qualità della vita 5.2 Area: Sicurezza e Protezione Civile Linee guida dell Area A livello strategico, il Comune deve svolgere un ruolo di attivatore ed integratore degli interventi di prevenzione che riguardano il nostro territorio. Infatti, sia in tema di contrasto della criminalità che di contrasto delle catastrofi le necessarie azioni di prevenzione richiedono l intervento di soggetti diversi, sia interni al Comune, che esterni (forze dell ordine, ASL, ecc.). A livello operativo, il Comune, oltre a garantire la legalità e la sicurezza con le forze di cui dispone, deve essere interfaccia qualificata tra cittadini ed istituzioni competenti per i temi in cui la responsabilità è di altre istituzioni (p. es. i Carabinieri).

14 5.2.2 Progetto: Istituire uno Sportello Sicurezza per una migliore gestione del territorio Baranzate ha bisogno di una attenzione specifica in tema di sicurezza rispetto alla criminalità e alla illegalità. La sicurezza si ottiene conoscendo ed analizzando le specifiche condizioni di contesto che determinano i fatti criminali. Il progetto, non disponendo Baranzate di una propria stazione dei Carabinieri, ha l obiettivo di creare un ufficio comunale, lo Sportello Sicurezza, che raccolga tutte le segnalazioni di situazioni anomale, che contribuisca alle analisi delle istituzioni competenti, che coordini tutte le azioni che, in tema di sicurezza, sono consentite al Sindaco (le denunce per singoli reati, ovviamente, continueranno ad essere presentate alle autorità competenti) Progetto: Istituire un servizio di pronto intervento volontario di Protezione Civile Baranzate oggi non dispone di alcun servizio di protezione civile, pur essendo presenti rilevanti fattori di rischio. Il progetto ha due obiettivi: mappare le situazioni di rischio rilevante presenti nel territorio comunale e limitrofo; realizzare una rete di volontari per il pronto intervento, interagendo con le amministrazioni comunali vicine ed in raccordo con gli enti istituzionalmente preposti. 5.3 Area: Territorio, Trasporti e Ambiente Linee guida dell Area La nostra lista si propone di promuovere nella cittadinanza lo spirito di una crescita collettiva sensibile all applicazione di norme regolatrici per lo sviluppo compatibile della città di Baranzate. Si intende costruire una nuova dimensione della Città a misura di bambino e senza barriere architettoniche. Il processo di riequilibrio della Città di Baranzate porrà pertanto al centro delle proprie politiche territoriali i principi ispiratori delle motivazioni del progetto CNR Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, intitolato La Città dei bambini, che di seguito si riportano Operare per una nuova filosofia di governo della città assumendo i bambini come parametri e come garanti delle necessità di tutti i cittadini. Non quindi un maggior impegno per aumentare le risorse e i servizi a favore dell'infanzia, ma per una città diversa e migliore per tutti, in modo che anche i bambini possano vivere un'esperienza da cittadini, autonomi e partecipanti. Vogliamo inoltre attuare in maniera progressiva le condizioni per governare uno sviluppo armonico ed eco-compatibile della Città, mirando soprattutto al minore consumo del territorio agricolo ancora disponibile;

15 al recupero del patrimonio edilizio esistente ed alla costruzione di nuovi fabbricati con l utilizzo di processi tecnologici che limitino al minimo o portino all azzeramento delle emissioni nocive e contribuiscano in maniera apprezzabile, all abbattimento dei consumi energetici; all eliminazione delle problematiche di civile convivenza derivanti dalla presenza sul territorio, di quartieri ghetto. Individuazione di soluzioni di viabilità che possano prevedere nuovi percorsi che evitino l attraversamento del centro urbano Adeguate soluzioni di parcheggio pubblico per i quartieri evidentemente congestionati Attraverso il confronto con tutta la collettività Baranzatese, con le Associazioni rappresentative della produzione e del mondo del lavoro, con le Associazioni rappresentative degli Esercenti, con le Associazioni del Volontariato Sociale e più in generale, con tutti i cittadini interessati alla crescita compatibile della Città di Baranzate, si elaboreranno le linee per la formazione delle nuove iniziative necessarie alla rimodulazione delle risorse del territorio, in armonia con i principi fin qui illustrati sommariamente. La rimodulazione delle risorse del territorio di Baranzate sarà attuata anche avvalendosi del contributo scientifico e culturale delle competenti Facoltà delle Università Statali e del Politecnico di Milano, instaurando i necessari rapporti convenzionali di collaborazione Progetto: Rimodulare il territorio il progetto di rimodulazione del territorio ha l obiettivo di elaborare in condivisione con la Comunità, la ricomposizione del tessuto territoriale cittadino, potrà modificare l attuale assetto urbano fortemente degradato e poco vivibile di Baranzate. Dobbiamo creare le condizioni affinché si possa mirare progressivamente ad un nuovo equilibrio più compatibile tra le funzioni residenziali, produttive, commerciali, agricole e di svago, con l inserimento del nostro territorio nell ambito più ampio delle grandi aree verdi della rete ecologica Milanese. Baranzate deve ritrovare la sua identità ed individualità urbana recuperando gli elementi che possono divenire le nuove qualità del patrimonio urbano: Individuare il centro originario, come luogo principe della memoria storica della Città; Occorrerà infine, escludere ogni previsione di incrementi volumetrici costruttivi che risultino ingiustificati e possano diventare fonte ulteriore di squilibri nel disastrato assetto territoriale urbano di Baranzate.

16 5.3.3 Progetto: Prolungare i servizi di trasporto pubblico da Milano a Baranzate L esperienza degli ultimi cinque anni ha evidenziato che Baranzate non può risolvere in un modo autonomo e, nel contempo economicamente sostenibile, il problema della mobilità pubblica. Il progetto ha pertanto l obiettivo di studiare e realizzare una soluzione basata su accordi con le amministrazioni confinanti (in particolare Milano) e con gestori privati per estendere su Baranzate servizi già esistenti oppure per creare nuovi servizi sovracomunali.collegare Baranzate alle MM rossa e gialla, estendere il Bike sharing, il CAR sharing, radiobus Progetto: Recuperare la Cava Ronchi e l area Tapparelli Vi sono porzioni del territorio di fatto non utilizzabili e, in alcuni casi, pericolose. Si tratta di situazioni problematiche chiaramente individuate da tempo, ma che non hanno ancora trovato soluzione. Il progetto ha pertanto l obiettivo di estendere il territorio fruibile attraverso tre interventi mirati: bonificare e recuperare la Cava Ronchi, recuperare l area Tapparelli Per il recupero della Cava Ronchi si evidenzia che sono già previsti consistenti finanziamenti a livello Regionale ed è possibile accedere a finanziamenti europei, che risolverebbero il grave rischio ecologico. 5.4 Area: Servizi sociali e sanitari Linee guida dell Area Partiamo dal presupposto che se un cittadino si sente il più possibile rassicurato nei suoi bisogni primari (cioè la casa, il lavoro, una situazione economica che garantisca un giusto benessere per sé e per la propria famiglia, la certezza di poter educare al meglio i propri figli), si sentirà più partecipe della vita della comunità e sarà più disponibile ad aiutare gli altri. Occorre quindi innescare un ciclo virtuoso basato sulla mutualità con: chi riceve, dà e, in questo modo, aumenta le energie per l assistenza. Questa mutualità va però indirizzata a soddisfare nel modo più fattivo i bisogni effettivi:; occorre quindi instaurare un rapporto nuovo con i cittadini, basato su: ascoltare, fare, partecipare. In particolare occorre Assicurare servizi completi e accessibili Ascoltare i bisogni dei giovani e delle famiglie. Valorizzare e favorire la crescita e l azione coordinata delle associazioni di volontariato Promuovere iniziative per la salute pubblica attraverso la prevenzione, l informazione, il controllo ambientale del territorio

17 5.4.2 Progetto: Piano Casa per le fasce deboli, giovani coppie e anziani La necessità di una casa è una condizione globale che riguarda la vita delle persone e quindi la relazione fra gli uomini: nell uso dell ambiente, nel definire le condizioni tra gli insediamenti produttivi-abitativi e l organizzazione delle strutture e i servizi sociali. Occorre dare un aiuto concreto a tutte le famiglie perché possiedano una casa dignitosa e perché non si creino nel nostro Comune quartieri ghettizzanti. Il progetto consiste nell individuare tutte le possibili soluzioni atte a favorire l intervento di operatori per la creazione di social housing, ed a tutte le leve utilizzabili (p.es. contributi per l acquisto della prima casa, sostegno per l affitto, assegnazione alloggi di edilizia residenziale) Progetto: Adattare il parametro ISEE a Baranzate per l accesso ai servizi sociali E chiaro a tutti come Baranzate rappresenti, sul territorio Provinciale, una realtà sociale complessa, in cui esistono anche situazioni di illegalità. Questo comporta il rischio di un ingiusta distribuzione delle risorse pubbliche a discapito di chi ne ha diritto. Con questo progetto intendiamo rendere obbligatoria la presentazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) ed intendiamo rimodulare l Indicatore stesso sulla base delle esigenze dei cittadini Baranzatesi, creando un fattore correttivo per l accesso ai servizi comunali, che tenga conto delle situazioni di fatto, utilizzando VARANDO SPECIFICO REGOLAMENTO ulteriori indicatori di reddito oggettivamente riscontrabili e indicatori oggettivi di situazioni di disagio. INDIVIDUANDO specifiche fasce di esenzioni reddituali che possano aiutare PENSIONATI PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLI MONONUCLEARI Progetto: Supportare le famiglie con presenza di diversamente abili Le famiglie con presenza di congiunti diversamente abili hanno l esigenza di essere alleggerite, almeno per un periodo dell'anno, dall'impegno d assistenza Il progetto prevede che l'amministrazione comunale individui ed adotti tutti gli strumenti istituzionali comunali e sovra-comunali (Regione), compatibilmente con i fondi messi a disposizione dagli enti, utilizzabili per finanziare tale supporto; inoltre, potranno essere coinvolte in tali iniziative aziende private presenti sul territorio, associazioni e cooperative No Profit. Le iniziative potranno includere soggiorni con assistenza in strutture alberghiere convenzionate Progetto: Migliorare l offerta di asili nido per le mamme lavoratrici L Agenda di Lisbona, sottoscritta da tutti i Paesi comunitari, Italia compresa, prevedeva di raggiungere un obiettivo : 33 posti asili nido ogni 100 bimbi 0-3 anni.

18 In Danimarca siamo al 50%., in Svezia e Francia al %. In Italia siamo al 13,8 % in particolare, in Lombardia, siamo al 17,4 %, quasi come a Baranzate. Quindi siamo a metà del traguardo da raggiungere! Potenziare i servizi educativi per i piccoli significa aiutare le donne a conciliare lavoro e famiglia. Secondo il premio Nobel per l Economia James Heckman gli interventi di qualità per la prima infanzia avranno effetti duraturi. Le loro ricadute economiche nel tempo, sul benessere della collettività, sono dimostrate. Vi è anche un problema di costi: mandare un bimbo ad un nido comunale costa alla famiglia, mediamente 300 Euro, ad un asilo privato dai 400 ai 700 Euro. Il risultato è che 8-9 bambini su 10 stanno a casa, o con la mamma che rinuncia al lavoro o con nonni e parenti se ci sono. D altro canto un bambino 0-3 anni costa al Comune Euro al mese, con un recupero da 0 a 300 Euro secondo i parametri ISEE. E chiaro che con le ridotte risorse che oggi hanno i Comuni, nessuna Amministrazione desidera creare nuovi asili nido, né aumentare quelli esistenti. Il progetto ha l obiettivo di definire e realizzare soluzioni per conseguire l obiettivo del 33% senza incrementare i costi, per esempio Incrementando i posti nell attuale asilo nido comunale, attingendo anche a risorse messe a disposizione dagli Enti sovra comunali. Incentivando i privati ad investire in questo settore, garantendo qualità dei servizi e costi accessibili alle famiglie grazie ad accreditamenti e convenzioni con il Comune. Favorendo la creazione di nidi famiglia, previsti dalla Regione Lombardia, dove opera la Tages mutter (in tedesco: mamma di giorno), figura presente nel Centro e Nord Europa da decenni Progetto: Valorizzare il ruolo della famiglia, l esperienza degli anziani, l entusiasmo e la creatività dei giovani La famiglia deve essere posta nelle condizioni di poter svolgere il ruolo educativo e di sostegno economico dei figli. Per questo ad essa devono essere garantiti i supporti necessari per raggiungere tale fine. Vogliamo pensare agli anziani come risorsa ancora attiva, portatrice di esperienze umane e di lavoro in grado di contribuire alla vita della comunità. Vogliamo rimodulare i servizi rendendoli più flessibili e adattati alle varie criticità dell anziano favorendo cosi un processo di mutualità. Pensiamo all anziano non solo come utilizzatore di servizi ma anche come parte attiva della comunità, che sia stimolato a mettersi ancora in gioco rendendosi disponibile a trasferire parte del proprio bagaglio di esperienze umane e di lavoro ai giovani,ecc I giovani sono dotati, per propria naturale predisposizione, di entusiasmo, di creatività, di slanci e di fiducia e speranza nel domani. Noi vogliamo intercettare questi comportamenti che riteniamo positivi e utili per lo sviluppo della nostra comunità.

19 Vogliamo investire sui giovani non solo risorse economiche, ma progetti che li vedano protagonisti. A Baranzate non esiste nessun punto d'incontro pubblico che dia la possibilità ai ragazzi e alle famiglie di divertirsi o di trascorrere le ore pomeridiane o serali. Il progetto ha l obiettivo di affrontare i quattro temi con soluzioni specifiche ma integrate. Per i nuclei familiari reputiamo importante: regolamentare l'accesso all'edilizia pubblica privilegiando nuclei familiari con anzianità di residenza nel comune. potenziare l attività di sostegno economico alle famiglie in difficoltà attraverso accurati controlli per evitare gli sprechi. Per gli anziani, intendiamo favorire e valorizzare l autogestione e tutte le forme di partecipazione sociale della terza età. Per i giovani, vogliamo creare spazi di aggregazione per i giovani, favorire lo sviluppo e la nascita di associazioni giovanili in tutti i settori: dallo sport, alla cultura, alle arti e al volontariato. Vogliamo che i giovani trovino nel loro Comune chi li ascolta e chi potrà realizzare le loro aspettative. In questo modo noi pensiamo si possa contribuire far nascere un senso civico consapevole e responsabile. Per tutti, gli spazi verdi a Baranzate, se adeguatamente strutturati, possono diventare punti di ritrovo per le famiglia Progetto: Riqualificare il progetto ASL per portare servizi sanitari in Baranzate E stato molto enfatizzato dalla precedente amministrazione l utilizzo della struttura di via 1 maggio da parte dell ASL come bene per i cittadini. Noi diciamo che i progetti relativi a questi utilizzi debbano essere guidati dall amministrazione comunale e debbano prevedere servizi sociosanitari che sia veramente utili per i cittadini Baranzatesi. Pensiamo che se ben gestito questo progetto possa essere anche uno dei modi per promuovere l immagine di Baranzate facendo cosi accrescere nei cittadini L orgoglio di appartenenza alla città. Il progetto prevede di interagire con l ASL, le Aziende Ospedaliere e gli operatori presenti sul territorio, per dar vita ad un polo sanitario CHE PREVEDA L INSEDIAMENTO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO TERRITORIALE CON SERVIZIO H 24 IN PIENO ACCORDO CON MEDICI DI BASE PER ANCHE PER SGRAVARE I PRONTO SOCCORSO DEI CODICI BIANCHI. : noi vogliamo più sanità e meno uffici.

20 5.5 Area: Educazione, Cultura e Sport Linee guida dell Area Sino ad oggi è un fatto che il Comune di Baranzate non ha avuto un coordinamento attento tra le associazioni culturali, sportive e sociali. Occorre quindi favorire l iniziativa dei privati, ma coordinandone le azioni in risposta ai bisogni effettivi della popolazione di Baranzate. Il nostro programma ridefinisce completamente il rapporto tra di chi deve gestire i fondi e chi li riceve, incentivando maggiormente le associazioni del Comune di Baranzate in base a progetti condivisi, pianificati e con obbiettivi da raggiungere. Inoltre, particolare attenzione sarà posta a: Promuovere l immagine di Baranzate tramite il coinvolgimento dei cittadini, delle associazioni del no-profit sul territorio favorendo la costituzione di un forum. Favorire l iniziativa dei privati (sussidiarietà) Promuovere una rete di collaborazione le istituzioni competenti per fronteggiare il fenomeno dell abbandono scolastico e del bullismo Progetto: Attivare un offerta di formazione continua e di riqualificazione professionale Baranzate non ha oggi un offerta formativa per gli adulti. Vi sono fasce di popolazione che ne hanno bisogno La crisi internazionale e i suoi riflessi sull economia Italiana hanno determinato la chiusura di molte imprese con il conseguente licenziamento, collocamento in mobilità o cassa integrazione d innumerevoli lavoratori. Ogni settore risente di un drammatico calo occupazionale con conseguenze anche sul territorio di Baranzate, che si accentuerà quando cesseranno gli effetti del ricorso agli ammortizzatori sociali. Le imprese per superare la crisi e riagganciarsi alla ripresa economica devono innovarsi e specializzarsi in termini di prodotto e investire in nuove tecnologie. La valorizzazione e la riconversione delle professionalità, il bisogno di formare nuove specializzazioni, sono alla base della crescita e della ripresa e possono riassorbire l attuale impatto negativo occupazionale. Oltre alla formazione per il lavoro, vi è anche la formazione finalizzata a fornire conoscenze e strumenti utili a migliorare la qualità della vita. E il caso, per esempio, della formazione degli anziani all utilizzo dei PC e di internet. Occorre quindi che lo strumento della formazione sia attivato in maniera incisiva e permanente Il progetto, coordinandosi con il Governo Regionale in tema di formazione e riqualificazione, studierà soluzioni per favorire ogni iniziativa formativa tendente a soddisfare sia le esigenze di professionalità che le imprese che si insedieranno sul

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE 211 212 PROGETTO 13.1: CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Contributi economici erogati per bisogni

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Progetti di legge regionali e nazionali

Progetti di legge regionali e nazionali CONSIGLIO REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 8-9 febbraio 2007 Progetti di legge regionali e nazionali A cura di: di Giovanni Fantozzi PROPOSTA DI LEGGE N. 108 Di

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Missione valutativa Attuazione e risultati delle misure regionali di sostegno all affitto e all acquisto della prima casa Relazione finale 1. L ambito di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Programma Ore Preziose

Programma Ore Preziose Programma Ore Preziose Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Servizio della Programmazione Sociale e dei Supporti alla Direzione Generale Cagliari, 9 marzo 2009 LA CONCILIAZIONE Conciliare

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Prefettura di Roma Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio PATTO PER ROMA SICURA

Prefettura di Roma Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio PATTO PER ROMA SICURA PATTO PER ROMA SICURA CONSIDERATO che il diritto alla sicurezza ed alla qualità della vita urbana è una priorità che richiede, a fronte di problematiche complesse, l azione congiunta e sinergica di più

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE 205 206 PROGETTO 13.1: CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Contributi economici erogati per bisogni

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA SOMMARIO Premesse:... 2 I fattori di contesto... 2 Gli immobili facenti parte del patrimonio

Dettagli

Hai mai pensato di diventare

Hai mai pensato di diventare Hai mai pensato di diventare Collegati al sito WWW.TU-WELFARE.IT/DITUTTI Compila il modulo di manifestazione di interesse e inviaci il tuo curriculum Attendi l invito all incontro di presentazione del

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: ENEA Interventi

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

Comunitàincoop. Vademecum Cooperative di Comunità. Prima elaborazione

Comunitàincoop. Vademecum Cooperative di Comunità. Prima elaborazione Comunitàincoop Vademecum Cooperative di Comunità Prima elaborazione VADEMECUM COOPERATIVE DI COMUNITA COSA SONO LE COOPERATIVE DI COMUNITA Le Cooperative di Comunità o le Comunità Cooperative sono un progetto

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione.

Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione. Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Roma, 11/11/2011 Circolare n. 146 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli