Programma Amministrativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Amministrativo 2015-2020"

Transcript

1 Programma Amministrativo Pensare ai cittadini di oggi per costruire insieme la città di domani

2 INDICE 1 I VALORI CHE CI ISPIRANO Legalità Solidarietà Libertà L OBIETTIVO CHE VOGLIAMO RAGGIUNGERE 1 3 LA STRATEGIA CHE INTENDIAMO ADOTTARE Definire e realizzare un Pacchetto di Progetti Strategici Innovare Individuare e gestire tutte le possibili fonti di finanziamento, sia interne che esterne Mantenere relazioni intense e costruttive con le Istituzioni esterne IL METODO DI LAVORO CHE VOGLIAMO SEGUIRE Essere trasparenti Valorizzare la struttura comunale Lavorare in squadra Stabilire e perseguire obiettivi concreti e verificabili Decidere sulla base dei fatti e non degli interessi I PROGETTI CHE INTENDIAMO REALIZZARE NEI CINQUE ANNI Aree di azione e quadro complessivo delle linee guida e dei progetti strategici Area: Sicurezza e Protezione Civile Linee guida dell Area Progetto: Istituire uno Sportello Sicurezza per una migliore gestione del territorio Progetto: Istituire un servizio di pronto intervento volontario di Protezione Civile Area: Territorio, Trasporti e Ambiente...8

3 5.3.1 Linee guida dell Area Progetto: Rimodulare il territorio Progetto: Prolungare i servizi di trasporto pubblico da Milano a Baranzate Progetto: Recuperare la Cava Ronchi e l area Tapparelli Area: Servizi sociali e sanitari Linee guida dell Area Progetto: Piano Casa per le fasce deboli, giovani coppie e anziani Progetto: Adattare il parametro ISEE a Baranzate per l accesso ai servizi sociali Progetto: Supportare le famiglie con presenza di diversamente abili Progetto: Migliorare l offerta di asili nido per le mamme lavoratrici Progetto: Valorizzare il ruolo della famiglia, l esperienza degli anziani, l entusiasmo e la creatività dei giovani Progetto: Riqualificare il progetto ASL per portare servizi sanitari in Baranzate e POT H Area: Educazione, Cultura e Sport Linee guida dell Area Progetto: Attivare un offerta di formazione continua e di riqualificazione professionale Progetto: Realizzare un Centro Polivalente per lo sport, le associazioni culturali ed per il volontariato Area: Lavoro e Attività Produttive Linee guida dell Area Progetto:FAVORIRE insediamenti artigianali Area: Macchina comunale...15 Linee guida dell Area Progetto: Razionalizzare i servizi comunali Progetto: Effettuare la revisione della toponomastica e dei numeri civici Area: Risorse finanziarie Linee guida dell Area Progetto: Realizzare un sistema di controllo di gestione Progetto: Rafforzare il sistema di gestione delle entrate...17

4

5 1 I VALORI CHE CI ISPIRANO I valori di riferimento della lista corrispondono in modo puntuale a tre esigenze che in questo momento storico sono certamente prioritarie per Baranzate 1.1 Legalità Occorre applicare, anche a Baranzate, in modo tempestivo, equo e rigoroso le leggi vigenti, con particolare riferimento ai temi della sicurezza, delle politiche abitative, dell immigrazione, degli abusi edilizi. 1.2 Solidarietà Occorre aiutare chi ha bisogno, sia direttamente, sia favorendo la creazione di una rete di operatori della solidarietà e dell integrazione sociale. 1.3 Libertà Occorre garantire, promuovere e sostenere iniziative che nascono dalla libera creatività di tutte le realtà popolari in essere sul territorio. 2 L OBIETTIVO CHE VOGLIAMO RAGGIUNGERE L obiettivo del nostro Programma è: REALIZZARE INSIEME UNA CITTA VIVIBILE. Insieme significa: i cittadini, le associazioni, coloro che verranno eletti, il personale della macchina comunale. VivIbile significa, per un cittadino di Baranzate, che sono soddisfatti i suoi bisogni di: 1) Sicurezza fisica (es. no criminalità, no rischi ambientali) 2) Benessere fisico (es. salute, assistenza handicap) 3) Benessere economico (es. lavoro, sussidi) 4) Sviluppo personale e sociale (es. istruzione, cultura, tempo libero) 5) Ambiente fisico gradevole (es. aspetto fisico degli edifici e dei quartieri, razionale utilizzo degli spazi disponibili, arredo urbano, no inquinamento, verde pubblico) 6) Disponibilità di beni e servizi (es. negozi, servizi di artigiani e professionisti, ufficio postale, banche, uffici pubblici)

6 7) Disponibilità di tempo (es. collegamenti di trasporto sia interni che con l esterno, lungaggini burocratiche) 8) Certezza del diritto (es. equità fiscale, abusivismo) Questi otto aspetti della Qualità della vita traducono in modo concreto e verificabile il nostro obiettivo; essi costituiranno i parametri per decidere la destinazione ottimale delle risorse finanziarie e per misurare l evoluzione di Baranzate nei prossimi cinque anni. 3 LA STRATEGIA CHE INTENDIAMO ADOTTARE La nostra strategia è PENSARE AI CITTADINI DI OGGI PER COSTRUIRE INSIEME LA CITTÀ DI DOMANI Significa che dobbiamo risolvere i problemi dei cittadini di oggi, ma in un modo che semini per il futuro. Ma come si può fare? Come si può tradurre questa strategia in azione concreta? La risposta è che bisogna capire quali sono le priorità e destinare ad esse la maggior parte del tempo e delle energie. Bisogna intanto capire dove stanno le difficoltà, quali sono le complessità, quali cose vogliamo realizzare. Il nostro Programma muove dall assunto che la indipendenza amministrativa di Baranzate è un opportunità da non perdere, perché consente di sviluppare azioni mirate su Baranzate per migliorare in modo sostanziale la sua qualità della vita. L esperienza maturata nel primo quinquennio di vita del Comune ha però evidenziato che cogliere tale opportunità non è facile, poiché l efficacia dell azione amministrativa di Baranzate è fortemente condizionata da alcuni fonti di difficoltà e di complessità in gran parte dipendenti da soggetti e fenomeni esterni; in particolare: Risorse finanziarie limitate ed incerte Progetti sovra-comunali ad alto impatto potenziale (sia negativo che positivo) e con incertezza di sviluppo Immigrazione Opportunità/necessità di condividere risorse e soluzioni con i comuni limitrofi. Per conseguire l obiettivo (realizzare insieme una città in cui si vive bene) e, nel contempo, gestire i fattori complessi e le difficoltà, la nostra lista ritiene che il Sindaco e la Giunta nei prossimi cinque anni dovranno distribuire prioritariamente il loro tempo lungo quattro linee prioritarie di azione: le prime due consistono nel realizzare l obiettivo attraverso un pacchetto completo di progetti e attraverso la continua ricerca di soluzioni innovative; le altre due linee di azione servono a creare le

7 necessarie pre-condizioni finanziarie ed organizzative perché la prime due linee di azione abbiano successo. Descriviamo di seguito le quattro linee prioritarie di azione. 3.1 Definire e realizzare un Pacchetto di Progetti Strategici. Abbiamo individuato progetti di trasformazione strutturale, per incidere direttamente sul territorio e sulla vita quotidiana dei cittadini, per creare un salto nel livello di qualità della vita entro i prossimi cinque anni; ne abbiamo individuati 14, ma verificheremo tale elenco con la cittadinanza ed i funzionari comunali, per fissare le priorità, per affinarne la composizione e l ambito, per valutarne la fattibilità con le risorse disponibili. Abbiamo individuato anche progetti interni all amministrazione, per mettere a punto la macchina comunale e le modalità di accesso alle risorse finanziarie ed alla loro gestione.. Per assicurare l'effettiva esecuzione del Pacchetto dei progetti, verrà creata una delega assessorile in tema di aggiornamento e monitoraggio dell andamento del Pacchetto di Progetti Strategici e verrà attivato nella struttura comunale un corrispondente Ufficio Progetti. 3.2 Innovare Gli Amministratori e la struttura comunale, per fronteggiare la carenza di risorse e la complessità dei problemi dovranno ricercare e sviluppare soluzioni innovative; per questo si realizzerà un processo di innovazione che includerà, per esempio, contatti con le Amministrazioni comunali più innovative del Paese. 3.3 Individuare e gestire tutte le possibili fonti di finanziamento, sia interne che esterne. Il nostro Comune dovrà organizzarsi in modo da annullare l evasione ed in modo da accedere con efficacia e tempestività alle numerose forme di finanziamento finalizzato disponibili a livello europeo, nazionale, regionale, privato; e dovrà saper impostare forme di partenariato pubblico-privato che consentano di reperire finanziamenti dal settore privato. 3.4 Mantenere relazioni intense e costruttive con le Istituzioni esterne Vivere bene a Baranzate non dipende solo dall Amministrazione Comunale, ma anche in gran parte da azioni di cui sono responsabili altri livelli della Pubblica Amministrazione (Regione, Pubblica Amministrazione Centrale, l Unione Europea) ed altre istituzioni operative (es. ASL, forze dell ordine); sarà perciò prioritario interagire costruttivamente a livello sia politico che tecnico con essi sia nelle fasi di formazione delle decisioni, sia nelle fasi attuative.

8 Va inoltre osservato che Baranzate è un Comune piccolo situato in una grande area metropolitana; si trova quindi nella condizione di condividere con i Comuni vicini servizi, strutture, opportunità e problemi (Cittadini di altri Comuni fruiscono di servizi di Baranzate, e viceversa cittadini di Baranzate fruiscono di servizi di altri Comuni). Occorrerà perciò trovare forme di condivisione di servizi, risorse, costi e piani di azione con Milano e con i Comuni vicini. Le collaborazioni potranno portare a servizi migliori e ad azioni d'influenza su altri enti (ASL, ecc.) più efficaci. 4 IL METODO DI LAVORO CHE VOGLIAMO SEGUIRE Indipendentemente dai problemi che affronteremo e dalle iniziative che attueremo, vogliamo adottare alcune regole generali che ci permetteranno di lavorare producendo risultati e ottenere il massimo dalle risorse disponibili. 4.1 Essere trasparenti E necessario trasformare il Comune in una casa di vetro, in modo che chi sta fuori il cittadino possa vedere cosa avviene dentro, e chi sta dentro gli Amministratori ed i Funzionari pubblici sia in grado osservare e indirizzare meglio quanto si muove e accade nella comunità. 4.2 Valorizzare la struttura comunale E nostra intenzione valorizzare al massimo le risorse umane dell amministrazione comunale, avvalendoci della loro competenza ed esperienza per concretizzare le linee strategiche di azione sopra citate. 4.3 Lavorare in squadra I problemi amministrativi ed i Progetti Strategici normalmente non sono specifici di un certo Assessorato o di un certo Servizio comunale o di una certa Commissione Consiliare; devono perciò essere affrontati lavorando in squadra. 4.4 Stabilire e perseguire obiettivi concreti e verificabili Partiremo con un pacchetto di Progetti Strategici; per ciascuno di essi si fisseranno risultati visibili, scadenze, risorse da impiegare e ne verificheremo il rispetto; e, soprattutto, verificheremo il conseguimento dei benefici previsti. Per ogni progetto, in coerenza le specifiche deleghe assessorili, vi sarà un Assessore responsabile principale, ma vi saranno anche responsabilità condivise tra più Assessori nel caso di progetti che coinvolgono più Assessorati.

9 4.5 Decidere sulla base dei fatti e non degli interessi Conoscere per governare : non si può fare tutto, poiché le risorse finanziarie sono sicuramente limitate; per decidere le priorità si ragionerà sui fatti e sui numeri, non sulle opinioni e sugli interessi; le analisi costo-beneficio saranno normali strumenti di lavoro. 5 I PROGETTI CHE INTENDIAMO REALIZZARE NEI CINQUE ANNI 5.1 Aree di azione e quadro complessivo delle linee guida e dei progetti strategici In Tabella 1 sono sintetizzati Le Linee Guida (cioè i criteri) che orienteranno la nostra azione nelle diverse Area di attività dell Amministrazione Comunale (Sicurezza, Territorio, ecc.) I Progetti Strategici che, nel loro insieme, dovrebbero consentire a Baranzate di compiere nei prossimi cinque anni un significativo salto di livello della qualità della vita (cioè del vivere bene a Baranzate ). I Progetti indicano le iniziative prioritarie. Le Linee Guida indicano invece i criteri per decidere su eventuali nuove iniziative e per gestire le attività di routine. Perciò l assenza di un tema tra i Progetti Strategici non significa che ne ignoriamo l esistenza. Nella successiva Tabella 2 evidenziamo su quali aspetti del vivere bene ogni progetto ha impatto. 14 Progetti (dal n. 1 al n. 14) incideranno direttamente sul territorio e sulla vita quotidiana dei cittadini. (indicati con X). Gli altri 4 (dal n. 15 al n. 18) sono altrettanto necessari, ma incideranno, per lo più, indirettamente, in quanto servono a mettere a punto la macchina comunale e le modalità di acquisizione e gestione delle risorse finanziarie (indicati con [X]). La Tabella 2 si può leggere sia per righe (i Progetti) che per colonne (gli Aspetti della Qualità della vita). La riga indica su quali Aspetti un Progetto ha effetto. Per esempio, il progetto 1 (Istituire uno Sportello Sicurezza per una migliore gestione del territorio) impatta su due aspetti: Sicurezza fisica e Ambiente fisico gradevole, in quanto lo Sportello Sicurezza gestirà, tra l altro, anche le segnalazioni riguardanti atti di vandalismo ai danni dell arredo urbano, La colonna indica quali Progetti hanno impatto quell Aspetto. Per esempio, l aspetto Sviluppo personale e sociale è impattato direttamente da 6 progetti (n. 3, 8, 9, 10, 11, 13) e indirettamente da 4 progetti (15, 16, 17, 18).

10 Nei paragrafi seguenti, per ciascuna Area di attività esponiamo le Linee Guida che ispireranno la nostra azione amministrativa e descriviamo brevemente i Progetti collegati in modo prevalente all Area.

11 Tabella 1 Aree, Linee Guida e Progetti Strategici Area Linee guida Progetti Strategici Attivare ed integrare gli interventi di prevenzione Essere interfaccia qualificata tra cittadini ed istituzioni competenti Sicurezza e Protezione Civile Territorio, Trasporti e Ambiente Servizi sociali e sanitari Educazione, Cultura e Sport Lavoro e Attività Produttive Macchina comunale Risorse finanziarie Realizzare una Città a misura di bambino e senza barriere architettoniche Governare uno sviluppo armonico ed eco-compatibile della Città Progettare confrontandosi con tutta la collettività Innescare un ciclo virtuoso basato sulla mutualità Instaurare un rapporto nuovo con i cittadini, basato su ascoltare, fare, partecipare Assicurare servizi completi e accessibili Favorire la crescita coordinata del volontariato Promuovere, per la salute pubblica, prevenzione, informazione e controllo ambientale del territorio Favorire l iniziativa dei privati ma coordinandone le azioni in risposta ai bisogni effettivi Incentivare le associazioni di Baranzate in base a progetti condivisi, pianificati e con obbiettivi da raggiungere Attivare meccanismi di sviluppo socio-economico e non interventi assistenziali Favorire le imprese che assumono in Baranzate Garantire servizi di qualità ed efficienti e supportare il nostro programma amministrativo Promuovere l innovazione Avere visibilità tempestiva sulle risorse finanziarie Annullare l evasione 1) Istituire uno Sportello Sicurezza per una migliore gestione del territorio 2) Istituire il servizio di Pronto Intervento volontario per la Protezione Civile 3) Ridefinire e approvare il PGT 4) Prolungare i servizi di trasporto pubblico da Milano a Baranzate 5) Recuperare la Cava Ronchi e l area 6) Piano Casa per le fasce deboli, giovani coppie e anziani 7) Definire l ISEE a Baranzate per l accesso ai servizi sociali 8) Supportare le famiglie con presenza di diversamente abili 9) Migliorare l offerta di asili nido per le mamme lavoratrici 10) Valorizzare il ruolo della famiglia, l'esperienza degli anziani, l entusiasmo dei giovani 11) Riqualificare il progetto ASL per portare servizi sanitari in Baranzate 12) Attivare un offerta di formazione continua e di riqualificazione professionale x disoccupati e inoccupati 13) Realizzare un Centro Polivalente per lo sport, per le associazioni culturali e per il volontariato 14) Realizzare le condizioni per l insediamento di artigiani in baranzate 15) Razionalizzare i servizi comunali 16) Effettuare la revisione della toponomastica e dei numeri civici 17) Realizzare un sistema di controllo di gestione 18) Rafforzare il sistema di gestione

12 delle entrate

13 Tabella 2 Impatto dei Progetti Strategici sui diversi aspetti della Qualità della vita 5.2 Area: Sicurezza e Protezione Civile Linee guida dell Area A livello strategico, il Comune deve svolgere un ruolo di attivatore ed integratore degli interventi di prevenzione che riguardano il nostro territorio. Infatti, sia in tema di contrasto della criminalità che di contrasto delle catastrofi le necessarie azioni di prevenzione richiedono l intervento di soggetti diversi, sia interni al Comune, che esterni (forze dell ordine, ASL, ecc.). A livello operativo, il Comune, oltre a garantire la legalità e la sicurezza con le forze di cui dispone, deve essere interfaccia qualificata tra cittadini ed istituzioni competenti per i temi in cui la responsabilità è di altre istituzioni (p. es. i Carabinieri).

14 5.2.2 Progetto: Istituire uno Sportello Sicurezza per una migliore gestione del territorio Baranzate ha bisogno di una attenzione specifica in tema di sicurezza rispetto alla criminalità e alla illegalità. La sicurezza si ottiene conoscendo ed analizzando le specifiche condizioni di contesto che determinano i fatti criminali. Il progetto, non disponendo Baranzate di una propria stazione dei Carabinieri, ha l obiettivo di creare un ufficio comunale, lo Sportello Sicurezza, che raccolga tutte le segnalazioni di situazioni anomale, che contribuisca alle analisi delle istituzioni competenti, che coordini tutte le azioni che, in tema di sicurezza, sono consentite al Sindaco (le denunce per singoli reati, ovviamente, continueranno ad essere presentate alle autorità competenti) Progetto: Istituire un servizio di pronto intervento volontario di Protezione Civile Baranzate oggi non dispone di alcun servizio di protezione civile, pur essendo presenti rilevanti fattori di rischio. Il progetto ha due obiettivi: mappare le situazioni di rischio rilevante presenti nel territorio comunale e limitrofo; realizzare una rete di volontari per il pronto intervento, interagendo con le amministrazioni comunali vicine ed in raccordo con gli enti istituzionalmente preposti. 5.3 Area: Territorio, Trasporti e Ambiente Linee guida dell Area La nostra lista si propone di promuovere nella cittadinanza lo spirito di una crescita collettiva sensibile all applicazione di norme regolatrici per lo sviluppo compatibile della città di Baranzate. Si intende costruire una nuova dimensione della Città a misura di bambino e senza barriere architettoniche. Il processo di riequilibrio della Città di Baranzate porrà pertanto al centro delle proprie politiche territoriali i principi ispiratori delle motivazioni del progetto CNR Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, intitolato La Città dei bambini, che di seguito si riportano Operare per una nuova filosofia di governo della città assumendo i bambini come parametri e come garanti delle necessità di tutti i cittadini. Non quindi un maggior impegno per aumentare le risorse e i servizi a favore dell'infanzia, ma per una città diversa e migliore per tutti, in modo che anche i bambini possano vivere un'esperienza da cittadini, autonomi e partecipanti. Vogliamo inoltre attuare in maniera progressiva le condizioni per governare uno sviluppo armonico ed eco-compatibile della Città, mirando soprattutto al minore consumo del territorio agricolo ancora disponibile;

15 al recupero del patrimonio edilizio esistente ed alla costruzione di nuovi fabbricati con l utilizzo di processi tecnologici che limitino al minimo o portino all azzeramento delle emissioni nocive e contribuiscano in maniera apprezzabile, all abbattimento dei consumi energetici; all eliminazione delle problematiche di civile convivenza derivanti dalla presenza sul territorio, di quartieri ghetto. Individuazione di soluzioni di viabilità che possano prevedere nuovi percorsi che evitino l attraversamento del centro urbano Adeguate soluzioni di parcheggio pubblico per i quartieri evidentemente congestionati Attraverso il confronto con tutta la collettività Baranzatese, con le Associazioni rappresentative della produzione e del mondo del lavoro, con le Associazioni rappresentative degli Esercenti, con le Associazioni del Volontariato Sociale e più in generale, con tutti i cittadini interessati alla crescita compatibile della Città di Baranzate, si elaboreranno le linee per la formazione delle nuove iniziative necessarie alla rimodulazione delle risorse del territorio, in armonia con i principi fin qui illustrati sommariamente. La rimodulazione delle risorse del territorio di Baranzate sarà attuata anche avvalendosi del contributo scientifico e culturale delle competenti Facoltà delle Università Statali e del Politecnico di Milano, instaurando i necessari rapporti convenzionali di collaborazione Progetto: Rimodulare il territorio il progetto di rimodulazione del territorio ha l obiettivo di elaborare in condivisione con la Comunità, la ricomposizione del tessuto territoriale cittadino, potrà modificare l attuale assetto urbano fortemente degradato e poco vivibile di Baranzate. Dobbiamo creare le condizioni affinché si possa mirare progressivamente ad un nuovo equilibrio più compatibile tra le funzioni residenziali, produttive, commerciali, agricole e di svago, con l inserimento del nostro territorio nell ambito più ampio delle grandi aree verdi della rete ecologica Milanese. Baranzate deve ritrovare la sua identità ed individualità urbana recuperando gli elementi che possono divenire le nuove qualità del patrimonio urbano: Individuare il centro originario, come luogo principe della memoria storica della Città; Occorrerà infine, escludere ogni previsione di incrementi volumetrici costruttivi che risultino ingiustificati e possano diventare fonte ulteriore di squilibri nel disastrato assetto territoriale urbano di Baranzate.

16 5.3.3 Progetto: Prolungare i servizi di trasporto pubblico da Milano a Baranzate L esperienza degli ultimi cinque anni ha evidenziato che Baranzate non può risolvere in un modo autonomo e, nel contempo economicamente sostenibile, il problema della mobilità pubblica. Il progetto ha pertanto l obiettivo di studiare e realizzare una soluzione basata su accordi con le amministrazioni confinanti (in particolare Milano) e con gestori privati per estendere su Baranzate servizi già esistenti oppure per creare nuovi servizi sovracomunali.collegare Baranzate alle MM rossa e gialla, estendere il Bike sharing, il CAR sharing, radiobus Progetto: Recuperare la Cava Ronchi e l area Tapparelli Vi sono porzioni del territorio di fatto non utilizzabili e, in alcuni casi, pericolose. Si tratta di situazioni problematiche chiaramente individuate da tempo, ma che non hanno ancora trovato soluzione. Il progetto ha pertanto l obiettivo di estendere il territorio fruibile attraverso tre interventi mirati: bonificare e recuperare la Cava Ronchi, recuperare l area Tapparelli Per il recupero della Cava Ronchi si evidenzia che sono già previsti consistenti finanziamenti a livello Regionale ed è possibile accedere a finanziamenti europei, che risolverebbero il grave rischio ecologico. 5.4 Area: Servizi sociali e sanitari Linee guida dell Area Partiamo dal presupposto che se un cittadino si sente il più possibile rassicurato nei suoi bisogni primari (cioè la casa, il lavoro, una situazione economica che garantisca un giusto benessere per sé e per la propria famiglia, la certezza di poter educare al meglio i propri figli), si sentirà più partecipe della vita della comunità e sarà più disponibile ad aiutare gli altri. Occorre quindi innescare un ciclo virtuoso basato sulla mutualità con: chi riceve, dà e, in questo modo, aumenta le energie per l assistenza. Questa mutualità va però indirizzata a soddisfare nel modo più fattivo i bisogni effettivi:; occorre quindi instaurare un rapporto nuovo con i cittadini, basato su: ascoltare, fare, partecipare. In particolare occorre Assicurare servizi completi e accessibili Ascoltare i bisogni dei giovani e delle famiglie. Valorizzare e favorire la crescita e l azione coordinata delle associazioni di volontariato Promuovere iniziative per la salute pubblica attraverso la prevenzione, l informazione, il controllo ambientale del territorio

17 5.4.2 Progetto: Piano Casa per le fasce deboli, giovani coppie e anziani La necessità di una casa è una condizione globale che riguarda la vita delle persone e quindi la relazione fra gli uomini: nell uso dell ambiente, nel definire le condizioni tra gli insediamenti produttivi-abitativi e l organizzazione delle strutture e i servizi sociali. Occorre dare un aiuto concreto a tutte le famiglie perché possiedano una casa dignitosa e perché non si creino nel nostro Comune quartieri ghettizzanti. Il progetto consiste nell individuare tutte le possibili soluzioni atte a favorire l intervento di operatori per la creazione di social housing, ed a tutte le leve utilizzabili (p.es. contributi per l acquisto della prima casa, sostegno per l affitto, assegnazione alloggi di edilizia residenziale) Progetto: Adattare il parametro ISEE a Baranzate per l accesso ai servizi sociali E chiaro a tutti come Baranzate rappresenti, sul territorio Provinciale, una realtà sociale complessa, in cui esistono anche situazioni di illegalità. Questo comporta il rischio di un ingiusta distribuzione delle risorse pubbliche a discapito di chi ne ha diritto. Con questo progetto intendiamo rendere obbligatoria la presentazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) ed intendiamo rimodulare l Indicatore stesso sulla base delle esigenze dei cittadini Baranzatesi, creando un fattore correttivo per l accesso ai servizi comunali, che tenga conto delle situazioni di fatto, utilizzando VARANDO SPECIFICO REGOLAMENTO ulteriori indicatori di reddito oggettivamente riscontrabili e indicatori oggettivi di situazioni di disagio. INDIVIDUANDO specifiche fasce di esenzioni reddituali che possano aiutare PENSIONATI PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLI MONONUCLEARI Progetto: Supportare le famiglie con presenza di diversamente abili Le famiglie con presenza di congiunti diversamente abili hanno l esigenza di essere alleggerite, almeno per un periodo dell'anno, dall'impegno d assistenza Il progetto prevede che l'amministrazione comunale individui ed adotti tutti gli strumenti istituzionali comunali e sovra-comunali (Regione), compatibilmente con i fondi messi a disposizione dagli enti, utilizzabili per finanziare tale supporto; inoltre, potranno essere coinvolte in tali iniziative aziende private presenti sul territorio, associazioni e cooperative No Profit. Le iniziative potranno includere soggiorni con assistenza in strutture alberghiere convenzionate Progetto: Migliorare l offerta di asili nido per le mamme lavoratrici L Agenda di Lisbona, sottoscritta da tutti i Paesi comunitari, Italia compresa, prevedeva di raggiungere un obiettivo : 33 posti asili nido ogni 100 bimbi 0-3 anni.

18 In Danimarca siamo al 50%., in Svezia e Francia al %. In Italia siamo al 13,8 % in particolare, in Lombardia, siamo al 17,4 %, quasi come a Baranzate. Quindi siamo a metà del traguardo da raggiungere! Potenziare i servizi educativi per i piccoli significa aiutare le donne a conciliare lavoro e famiglia. Secondo il premio Nobel per l Economia James Heckman gli interventi di qualità per la prima infanzia avranno effetti duraturi. Le loro ricadute economiche nel tempo, sul benessere della collettività, sono dimostrate. Vi è anche un problema di costi: mandare un bimbo ad un nido comunale costa alla famiglia, mediamente 300 Euro, ad un asilo privato dai 400 ai 700 Euro. Il risultato è che 8-9 bambini su 10 stanno a casa, o con la mamma che rinuncia al lavoro o con nonni e parenti se ci sono. D altro canto un bambino 0-3 anni costa al Comune Euro al mese, con un recupero da 0 a 300 Euro secondo i parametri ISEE. E chiaro che con le ridotte risorse che oggi hanno i Comuni, nessuna Amministrazione desidera creare nuovi asili nido, né aumentare quelli esistenti. Il progetto ha l obiettivo di definire e realizzare soluzioni per conseguire l obiettivo del 33% senza incrementare i costi, per esempio Incrementando i posti nell attuale asilo nido comunale, attingendo anche a risorse messe a disposizione dagli Enti sovra comunali. Incentivando i privati ad investire in questo settore, garantendo qualità dei servizi e costi accessibili alle famiglie grazie ad accreditamenti e convenzioni con il Comune. Favorendo la creazione di nidi famiglia, previsti dalla Regione Lombardia, dove opera la Tages mutter (in tedesco: mamma di giorno), figura presente nel Centro e Nord Europa da decenni Progetto: Valorizzare il ruolo della famiglia, l esperienza degli anziani, l entusiasmo e la creatività dei giovani La famiglia deve essere posta nelle condizioni di poter svolgere il ruolo educativo e di sostegno economico dei figli. Per questo ad essa devono essere garantiti i supporti necessari per raggiungere tale fine. Vogliamo pensare agli anziani come risorsa ancora attiva, portatrice di esperienze umane e di lavoro in grado di contribuire alla vita della comunità. Vogliamo rimodulare i servizi rendendoli più flessibili e adattati alle varie criticità dell anziano favorendo cosi un processo di mutualità. Pensiamo all anziano non solo come utilizzatore di servizi ma anche come parte attiva della comunità, che sia stimolato a mettersi ancora in gioco rendendosi disponibile a trasferire parte del proprio bagaglio di esperienze umane e di lavoro ai giovani,ecc I giovani sono dotati, per propria naturale predisposizione, di entusiasmo, di creatività, di slanci e di fiducia e speranza nel domani. Noi vogliamo intercettare questi comportamenti che riteniamo positivi e utili per lo sviluppo della nostra comunità.

19 Vogliamo investire sui giovani non solo risorse economiche, ma progetti che li vedano protagonisti. A Baranzate non esiste nessun punto d'incontro pubblico che dia la possibilità ai ragazzi e alle famiglie di divertirsi o di trascorrere le ore pomeridiane o serali. Il progetto ha l obiettivo di affrontare i quattro temi con soluzioni specifiche ma integrate. Per i nuclei familiari reputiamo importante: regolamentare l'accesso all'edilizia pubblica privilegiando nuclei familiari con anzianità di residenza nel comune. potenziare l attività di sostegno economico alle famiglie in difficoltà attraverso accurati controlli per evitare gli sprechi. Per gli anziani, intendiamo favorire e valorizzare l autogestione e tutte le forme di partecipazione sociale della terza età. Per i giovani, vogliamo creare spazi di aggregazione per i giovani, favorire lo sviluppo e la nascita di associazioni giovanili in tutti i settori: dallo sport, alla cultura, alle arti e al volontariato. Vogliamo che i giovani trovino nel loro Comune chi li ascolta e chi potrà realizzare le loro aspettative. In questo modo noi pensiamo si possa contribuire far nascere un senso civico consapevole e responsabile. Per tutti, gli spazi verdi a Baranzate, se adeguatamente strutturati, possono diventare punti di ritrovo per le famiglia Progetto: Riqualificare il progetto ASL per portare servizi sanitari in Baranzate E stato molto enfatizzato dalla precedente amministrazione l utilizzo della struttura di via 1 maggio da parte dell ASL come bene per i cittadini. Noi diciamo che i progetti relativi a questi utilizzi debbano essere guidati dall amministrazione comunale e debbano prevedere servizi sociosanitari che sia veramente utili per i cittadini Baranzatesi. Pensiamo che se ben gestito questo progetto possa essere anche uno dei modi per promuovere l immagine di Baranzate facendo cosi accrescere nei cittadini L orgoglio di appartenenza alla città. Il progetto prevede di interagire con l ASL, le Aziende Ospedaliere e gli operatori presenti sul territorio, per dar vita ad un polo sanitario CHE PREVEDA L INSEDIAMENTO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO TERRITORIALE CON SERVIZIO H 24 IN PIENO ACCORDO CON MEDICI DI BASE PER ANCHE PER SGRAVARE I PRONTO SOCCORSO DEI CODICI BIANCHI. : noi vogliamo più sanità e meno uffici.

20 5.5 Area: Educazione, Cultura e Sport Linee guida dell Area Sino ad oggi è un fatto che il Comune di Baranzate non ha avuto un coordinamento attento tra le associazioni culturali, sportive e sociali. Occorre quindi favorire l iniziativa dei privati, ma coordinandone le azioni in risposta ai bisogni effettivi della popolazione di Baranzate. Il nostro programma ridefinisce completamente il rapporto tra di chi deve gestire i fondi e chi li riceve, incentivando maggiormente le associazioni del Comune di Baranzate in base a progetti condivisi, pianificati e con obbiettivi da raggiungere. Inoltre, particolare attenzione sarà posta a: Promuovere l immagine di Baranzate tramite il coinvolgimento dei cittadini, delle associazioni del no-profit sul territorio favorendo la costituzione di un forum. Favorire l iniziativa dei privati (sussidiarietà) Promuovere una rete di collaborazione le istituzioni competenti per fronteggiare il fenomeno dell abbandono scolastico e del bullismo Progetto: Attivare un offerta di formazione continua e di riqualificazione professionale Baranzate non ha oggi un offerta formativa per gli adulti. Vi sono fasce di popolazione che ne hanno bisogno La crisi internazionale e i suoi riflessi sull economia Italiana hanno determinato la chiusura di molte imprese con il conseguente licenziamento, collocamento in mobilità o cassa integrazione d innumerevoli lavoratori. Ogni settore risente di un drammatico calo occupazionale con conseguenze anche sul territorio di Baranzate, che si accentuerà quando cesseranno gli effetti del ricorso agli ammortizzatori sociali. Le imprese per superare la crisi e riagganciarsi alla ripresa economica devono innovarsi e specializzarsi in termini di prodotto e investire in nuove tecnologie. La valorizzazione e la riconversione delle professionalità, il bisogno di formare nuove specializzazioni, sono alla base della crescita e della ripresa e possono riassorbire l attuale impatto negativo occupazionale. Oltre alla formazione per il lavoro, vi è anche la formazione finalizzata a fornire conoscenze e strumenti utili a migliorare la qualità della vita. E il caso, per esempio, della formazione degli anziani all utilizzo dei PC e di internet. Occorre quindi che lo strumento della formazione sia attivato in maniera incisiva e permanente Il progetto, coordinandosi con il Governo Regionale in tema di formazione e riqualificazione, studierà soluzioni per favorire ogni iniziativa formativa tendente a soddisfare sia le esigenze di professionalità che le imprese che si insedieranno sul

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA INDICE GENERALE SEZIONE I CARATTERISTICHE DEL SISTEMA LOCALE PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO ART. 1 PRINCIPI DI RIFERIMENTO ART. 2 FINALITA GENERALI

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli