REGOLAMENTO AFFIDAMENTI IN ECONOMIA DELL ENTE DI PREVIDENZA DEI PERITI INDUSTRIALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO AFFIDAMENTI IN ECONOMIA DELL ENTE DI PREVIDENZA DEI PERITI INDUSTRIALI"

Transcript

1 2011 EPPI REGOLAMENTO AFFIDAMENTI IN ECONOMIA DELL ENTE DI PREVIDENZA DEI PERITI INDUSTRIALI

2 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Modalità di esecuzione e di affidamento Art. 3 Limiti di applicazione TITOLO II AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 4 Lavori in economia Art. 5 Servizi e forniture in economia TITOLO III PROCEDIMENTO Art. 6 Responsabile del procedimento Art. 7 Interventi eseguiti in amministrazione diretta Art. 8 Cottimo fiduciario Art. 9 Scelta del contraente Art. 10 Requisiti degli affidatari Art. 11 Garanzie Art. 12 Forma del contratto Art. 13 Affidamenti integrativi e proroghe Art. 14 Inadempimenti Art. 15 Certificato di regolare esecuzione TITOLO IV DISPOSIZIONI FINALI Art. 16 Disposizioni di coordinamento Art. 17 Entrata in vigore Allegato A Servizi e forniture in economia Pagina 1 di 14

3 TITOLO I PRINCIPI Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l'esecuzione in economia di lavori, servizi e forniture, in attuazione dell art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture. L'attività di acquisizione in economia di beni e servizi si ispira a criteri di efficienza, efficacia ed economicità di gestione, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità. 2. Nessun contratto può essere artificiosamente frazionato allo scopo di sottoporlo alla disciplina di cui al presente Regolamento. 3. La procedura di acquisizione di lavori, beni e servizi in economia può essere effettuata, in tutto o in parte, avvalendosi di sistemi informatici di negoziazione e di scelta del contraente, nonché con l'utilizzo di documenti informatici. 4. Le forme della procedura devono comunque rispettare i principi di semplificazione ed economicità nonché di sinteticità dei contenuti. Art. 2 Modalità di esecuzione e di affidamento 1. L esecuzione in economia di lavori, servizi, forniture può essere effettuata: a) in amministrazione diretta b) per cottimo fiduciario 2. Nell amministrazione diretta l esecuzione di lavori, servizi e forniture è effettuata con materiali e mezzi propri o appositamente acquistati o noleggiati e con personale dipendente dell Eppi, o eventualmente assunto per l occasione, sotto la direzione del Responsabile del Procedimento. 3. Il cottimo fiduciario è una procedura negoziata a mezzo della quale i lavori, i servizi e le forniture vengono realizzati o acquisiti con affidamento a soggetti terzi. 4. L Eppi procederà ad affidare i lavori in economia secondo il criterio del prezzo più basso o secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, come disciplinati dalla normativa vigente. Il criterio di aggiudicazione dovrà essere esplicitato nella lettera di invito. 5. L Ente, di norma, adotta il criterio dell offerta al prezzo più basso nel caso in cui sia stato predisposto un dettagliato capitolato tecnico di riferimento tale che la valutazione delle offerte possa avvenire con riguardo al solo dato del prezzo. 6. Nei casi in cui sia opportuno procedere ad aggiudicare l appalto sulla base del rapporto qualità prezzo dell offerta, l Ente adotta il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa. 7. La valutazione tra la componente qualitativa e la componente economica dell offerta deve essere effettuata secondo criteri di equilibrio, proporzionalità e ragionevolezza, in relazione all oggetto dell appalto. 8. I parametri relativi alla componente qualitativa dell offerta da esplicitare nei documenti di gara, sono riferiti alla natura, all oggetto e alle caratteristiche dell appalto e sono esplicitati in dettaglio con la relativa congrua ponderazione dei punteggi parziali attribuibili nell ambito della ponderazione complessiva. Pagina 2 di 14

4 9. L Eppi può, in funzione della peculiare natura e oggetto dell affidamento, individuare nel disciplinare o nella lettera di invito, una clausola di riferimento, in base alla quale le offerte che, a seguito di valutazione della componente qualitativa, anche per singoli parametri, non raggiungano un giudizio di adeguatezza o un determinato punteggio minimo complessivo rispetto al punteggio massimo attribuibile, non sono ammesse al proseguo delle fasi procedurali della gara, in quanto non coerenti con i livelli funzionali e qualitativi minimi attesi dall Ente stesso. 10. In ogni caso resta salva la facoltà dell Ente di decidere di non procedere all'aggiudicazione se nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all'oggetto del contratto. 11. L Ente espliciterà, in dettaglio, nei documenti di gara le modalità di formulazione dei giudizi e di attribuzione del relativo punteggio, con riferimento alla valutazione della componente qualitativa dell offerta, e le modalità di valutazione e attribuzione del relativo punteggio con riferimento alla componente economica dell offerta. Le modalità dovranno essere opportunamente predisposte e dettagliate in funzione della natura dell oggetto dell affidamento. Gli elementi di riferimento per la determinazione dei parametri di valutazione e ponderazione delle offerte, variabili a seconda della natura della prestazione, sono tra l altro: prezzo, termine di esecuzione o consegna, qualità (certificazione), qualità ambientale (certificazione registrazione ambientale), caratteristiche estetico funzionali, valore o merito tecnico, servizio successivo alla fornitura, assistenza tecnica oltre al costo di utilizzazione ed al rendimento per le forniture. E ammessa la possibilità di orientare la scelta di beni e servizi secondo criteri ambientali, anche selezionando i potenziali affidatari in base al comportamento ed alla loro attenzione verso il problema della protezione ambientale. 12. La Commissione giudicatrice della gara, se nominata, è tenuta ad attenersi alle modalità indicate nei documenti di gara ai fini delle proprie valutazioni. Art. 3 Limiti di applicazione 1. L esecuzione in economia di lavori, ai sensi dell art. 125, comma 5, del D.Lgs n. 163/2006, è ammessa per importi non superiori ad Euro ,00, I.V.A. esclusa. 2. Le acquisizioni in economia di servizi e forniture, ai sensi dell art. 125, comma 9, del D.Lgs 163/2006, sono ammesse per importi inferiori ad Euro ,00, I.V.A. esclusa. 3. In presenza di interventi misti che comprendono servizi, forniture e lavori, o lavori e forniture, o lavori e servizi, o forniture e servizi, si applica il criterio dell'oggetto principale e del contratto come previsto dal codice dei contratti. 4. Le soglie sono soggette ad adeguamento in relazione alle modifiche apportate al D.L.gs 163/2006, con il meccanismo di adeguamento previsto dall'art. 248 del medesimo Decreto Legislativo. TITOLO II AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 4 Lavori in economia 1. Possono essere eseguite in economia, con i limiti di importo dell art. 3, le seguenti tipologie di lavori: Pagina 3 di 14

5 a) manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili quando l esigenza è rapportata ad eventi imprevedibili e non sia possibile od opportuno realizzarla con le forme e le procedure di evidenza pubblica previste in via ordinaria per l appalto di lavori, compresa la somma urgenza; b) manutenzione di opere o di impianti c) lavori che non possono essere differiti dopo l infruttuoso esperimento delle procedure di gara; d) interventi non programmabili in materia di sicurezza; e) completamento di opere ed impianti a seguito della risoluzione del contratto in danno dell appaltatore inadempiente quando vi è necessità ed urgenza di completarne l esecuzione; f) lavori in economia non previsti in alcun modo nel contratto d appalto e nel progetto e che il Responsabile del Procedimento reputi necessari in corso di esecuzione; essi possono essere affidati all appaltatore nel limite massimo del 5% dell importo originario del contratto e comunque entro ,00 euro qualora i lavori in economia vengano configurati come variante al progetto iniziale. Art. 5 Servizi e forniture in economia 1. Possono essere acquisite in economia, con i limiti applicativi dell art. 3, le tipologie di servizi e forniture incluse nell Allegato A. L eventuale modifica e/o integrazione delle tipologie di servizi e forniture elencate all allegato A, deliberate dal Consiglio di Amministrazione, costituirà adeguamento automatico del presente Regolamento. 2. Il ricorso all acquisizione di servizi e forniture è altresì consentito, in conformità all art.125, comma 10, del D.Lgs n. 163/2006, nelle seguenti ipotesi: a) risoluzione di un precedente rapporto contrattuale, o in danno del contraente inadempiente, quando ciò sia ritenuto necessario o conveniente per conseguire la prestazione nel termine previsto dal contratto; b) necessità di completare le prestazioni di un contratto in corso, ivi non previste, se non sia possibile imporne l esecuzione nell ambito del contratto medesimo; c) prestazioni periodiche di servizi e forniture, a seguito della scadenza dei relativi contratti, nelle more dello svolgimento delle ordinarie procedure di scelta del contraente, nella misura strettamente necessaria; d) urgenza, determinata da eventi oggettivamente imprevedibili, al fine di scongiurare situazioni di pericolo per persone, animali o cose, ovvero per l igiene e salute pubblica, ovvero per il patrimonio storico, artistico, culturale. 3. Possono, altresì, essere eseguite in economia le forniture accessorie e strumentali all esecuzione di lavori di cui all articolo precedente e alla prestazione di forniture e servizi elencate all allegato A. TITOLO III PROCEDIMENTO Art. 6 Responsabile del procedimento Pagina 4 di 14

6 1. Per ciascun affidamento in economia è nominato dal Consiglio di Amministrazione, con la medesima delibera di autorizzazione alla gara e impegno di spesa, un Responsabile del Procedimento, che svolge le funzioni di cui all art. 10 del D.Lgs 163/2006 e del relativo Regolamento di attuazione. 2. Per l'acquisizione di lavori, beni e servizi in economia il Responsabile del procedimento può avvalersi, se del caso, delle rilevazioni dei prezzi di mercato effettuate da amministrazioni od enti a ciò preposti, ovvero acquisibili con qualsiasi altro strumento funzionale, ai fini dell'orientamento e della valutazione della congruità dei prezzi. 3. Il responsabile del procedimento svolge tutti i compiti relativi alle procedure di affidamento previste dal presente regolamento, ivi compresa la vigilanza sulla corretta esecuzione dei contratti, che non siano specificamente attribuiti ad altri organi o soggetti. In particolare, il responsabile del procedimento: a) cura il corretto e razionale svolgimento delle procedure; b) segnala eventuali disfunzioni, impedimenti, ritardi nell attuazione degli interventi; c) richiede al Consiglio di amministrazione, se non già deliberata, la nomina della Commissione giudicatrice nel caso di affidamento con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa e in tutti gli altri casi che ritiene opportuno, con motivata relazione; d) fornisce all Ente i dati e le informazioni relativi alle principali fasi di svolgimento dell attuazione dell affidamento, necessari per l attività di coordinamento, indirizzo e controllo di sua competenza; e) raccoglie, verifica e trasmette, se richiesto dalla legge, all Osservatorio gli elementi relativi agli interventi di sua competenza anche in relazione a quanto prescritto dall art. 7 comma 8 del Dlgs. n. 163/2006; f) irroga le penali per il ritardato adempimento degli obblighi contrattuali; g) propone la risoluzione del contratto; h) richiede alle imprese interpellate di dichiarare, nelle forme di legge, i requisiti prescritti dal successivo art. 10, procedendo successivamente alla verifica dei documenti nei confronti della sola impresa prescelta per l'affidamento, se non già acquisiti. i) provvede alla soddisfazione degli oneri procedurali indicati nel presente Regolamento, in particolare a quanto prescritto dal successivo art. 9. Il responsabile del procedimento deve possedere titolo di studio e competenza adeguati in relazione ai compiti per cui è nominato e può essere un dipendente dell Ente. Per i lavori e i servizi attinenti all ingegneria e all architettura deve essere un tecnico. In caso di accertata carenza di dipendenti in possesso di professionalità adeguate, il Consiglio di Amministrazione nomina il responsabile del procedimento tra professionisti esterni, che abbiano stipulato adeguata polizza assicurativa a copertura dei rischi professionali. Il nominativo del responsabile del procedimento è indicato nell invito a presentare un offerta. Art. 7 Interventi eseguiti in amministrazione diretta Se gli interventi sono eseguibili in amministrazione diretta, il Responsabile del Procedimento vi provvede. Al riguardo, lo stesso Responsabile utilizza il personale già in servizio presso l Ente e quello eventualmente assunto in via straordinaria, nel rispetto della vigente normativa. Pagina 5 di 14

7 Art. 8 Cottimo fiduciario 1. Nei limiti delle prescrizioni deliberate dal Consiglio di Amministrazione, l esecuzione di lavori di importo fino ad Euro ,00 I.V.A. esclusa, e l acquisizione di servizi e forniture di importo fino ad Euro ,00 I.V.A. esclusa, affidati mediante cottimo fiduciario, avvengono nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione e parità di trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei. 2. Per gli appalti affidati secondo la procedura del cottimo fiduciario l Eppi utilizza di norma l elenco di operatori economici per le diverse tipologie di lavori, forniture e servizi, ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 11, del codice dei contratti, ovvero quelli diversamente individuati sulla base di indagini di mercato. Agli elenchi possono essere iscritti i soggetti che ne facciano richiesta e che siano in possesso dei requisiti di idoneità morale, capacità professionale ed economica finanziaria secondo le modalità indicate nel Regolamento per la formazione e la gestione dell elenco fornitori e dei prestatori di servizi di fiducia dell Eppi, pubblicato sul sito dell Ente. 3. La scelta del contraente ha luogo mediante gara informale alla quale gli operatori economici sono invitati con apposita lettera di invito. 4. Nella lettera di invito sono specificati: a) l'oggetto della prestazione, le relative caratteristiche tecniche e il suo importo massimo previsto, con esclusione dell'iva; b) le garanzie richieste all'affidatario del contratto; c) il termine di presentazione delle offerte; d) il periodo in giorni di validità delle offerte stesse; e) l'indicazione del termine per l'esecuzione della prestazione; f) il criterio di aggiudicazione prescelto; g) gli elementi di valutazione, nel caso si utilizzi il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa; h) l'eventuale clausola che preveda di non procedere all'aggiudicazione nel caso di presentazione di un'unica offerta valida; i) la misura delle penali, determinata in conformità delle disposizioni del codice; l) l'obbligo per l'offerente di dichiarare nell'offerta di assumere a proprio carico tutti gli oneri assicurativi e previdenziali di legge, di osservare le norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro e di retribuzione dei lavoratori dipendenti, nonché di accettare condizioni contrattuali e penalità; m) l'indicazione dei termini di pagamento; n) i requisiti soggettivi richiesti all'operatore economico e la richiesta allo stesso di rendere apposita dichiarazione in merito al possesso dei requisiti soggettivi richiesti; o) il giorno e l ora della prima seduta pubblica di gara. 5. Il termine per la presentazione delle offerte non deve essere inferiore a dieci giorni dalla data di spedizione della lettera di invito, salvo i casi di motivata urgenza, in cui il termine può essere ridotto sino a cinque giorni. Il Responsabile del procedimento, qualora valuti che la complessità della fornitura impone un termine superiore, potrà prudenzialmente indicare 20 giorni o anche un maggior termine. 6. La procedura dovrà essere improntata al rispetto del principio di segretezza tanto che, per la presentazione della proposta/offerta dovrà essere richiesta la forma in plico chiuso, debitamente sigillato, con le sole indicazioni, sulla busta, dei dati riguardanti la ditta e la gara per cui si concorre 7. AFFIDAMENTO DIRETTO Si può prescindere dalla richiesta di più offerte e si può trattare direttamente con un unico interlocutore nei seguenti casi: a) nel caso di lavori, di servizi e forniture, quando l'importo della spesa non superi l'ammontare di Euro ,00 I.V.A. esclusa; b) in caso di motivata urgenza, non imputabile all Ente; Pagina 6 di 14

8 Si potrà procedere con affidamento diretto anche nel caso (a) di nota specialità del bene o servizio da acquisire in relazione alle caratteristiche, (b) di diritti di esclusiva, (c) di fiduciarietà motivata, tale da rendere inutile, eccessivamente oneroso, palesemente sproporzionato o manifestamente irragionevole l invito di più soggetti. Il responsabile può ricorrere, se ammesso, alle convenzioni stipulate da CONSIP S.p.a. quando, a sua discrezione, lo reputi opportuno. Egli può utilizzarne, comunque, le relative condizioni di qualità/prezzo come base di riferimento per gli affidamenti. Art. 9 Scelta del contraente 1. La richiesta delle offerte alle ditte è effettuata di norma mediante lettera d invito inoltrata anche a mezzo fax, e mail o altro mezzo idoneo. 2. Nel rispetto di quanto indicato nel precedente art. 2 del presente Regolamento, la scelta del contraente avviene sulla base di quanto previsto nella lettera di invito, in uno dei seguenti modi: a) in base al prezzo più basso; b) in base all'offerta economicamente più vantaggiosa. 3. E sempre garantita la segretezza dell offerta. 4. L'esame delle offerte, qualora il criterio di selezione prescelto è quello del prezzo più basso, è effettuato dal Responsabile del Procedimento che provvede a redigere apposito verbale. 5. Il responsabile del procedimento può avvalersi di una commissione di gara, comunque sempre nominata in ipotesi di scelta del contraente con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, costituita da dipendenti dell Ente o da professionisti esterni qualora la valutazione delle offerte richieda specifiche competenze professionali delle quali l Ente è sprovvisto. 6. Dell esito della procedura di scelta del contraente è data motivazione nel verbale di affidamento che sarà approvato, per ratifica, dal Consiglio di Amministrazione. 7. Il Responsabile del procedimento comunicherà a tutti i partecipanti l esito della procedura di affidamento e curerà la pubblicazione della post informazione (o avviso postumo) sul sito web dell Ente. Art. 10 Requisiti degli affidatari 1. Sono ammessi a partecipare alle procedure di affidamento del cottimo fiduciario i soggetti previsti dall art. 34 del D.lgs. n. 163/ L'affidatario di lavori, servizi, forniture in economia deve essere in possesso dei requisiti di idoneità morale, capacità tecnico professionale ed economico finanziaria prescritta per prestazioni di pari importo affidate con le procedure ordinarie di scelta del contraente. 3. Per interventi in economia di importo inferiori o pari a ,00 euro è sufficiente la verifica dei requisiti di ordine generale, l iscrizione nel registro della CCIAA e la verifica della regolarità contributiva (DURC). 4. Il possesso dei requisiti previsti è sempre dimostrato mediante dichiarazione sostitutiva in conformità alle disposizioni del D.P.R. 28 dicembre 2000, n Il Responsabile del procedimento potrà, in ogni momento, effettuare controlli a campione sulle dichiarazioni sopra indicate e in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive. Pagina 7 di 14

9 6. Qualora dai controlli sopra indicati emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni rese, la ditta sarà esclusa dalla partecipazione alla gara. Art. 11 Garanzie 1. I soggetti candidati agli affidamenti di lavori, servizi e forniture in economia sono, di norma, esonerati dalla costituzione della cauzione provvisoria per la partecipazione alla gara, prevista dall art. 75 del Codice dei contratti pubblici. 2. I soggetti affidatari di lavori, servizi e forniture in economia sono, di norma, esonerati dalla costituzione della cauzione definitiva per tutti gli affidamenti di importo inferiore ad Euro ,00 I.V.A. esclusa, salvo diversa decisione del Responsabile del Procedimento. 3. I soggetti affidatari sono esonerati dalla costituzione delle assicurazioni di cui all articolo 129 del D.lgs. n. 163/2006, per tutti gli affidamenti di lavori di importo fino a euro ,00, a condizione che siano comunque muniti di polizza generica di responsabilità civile. 4. Resta salva la possibilità da parte del responsabile del procedimento di prevedere l obbligatorietà delle cauzioni/polizze anche per importi inferiori alle soglie sopraindicate, quando la natura dei lavori e il tipo di procedura di affidamento la renda opportuna. 5. Le ditte affidatarie saranno obbligate al presentazione di idonea cauzione, il cui importo non potrà eccedere il 10% del valore dell affidamento, per tutti i lavori, servizi e forniture di importo superiori ad Euro ,00 ed in tutti i casi richiesti dal responsabile del procedimento. Art. 12 Forma del contratto 1. Il cottimo fiduciario può essere regolato da scrittura privata semplice o mero scambio di lettere. 2. Le attività negoziali e gli ordinativi di fornitura, per quanto possibile, possono essere effettuati con ogni mezzo di comunicazione, ivi compreso l utilizzo di modalità telematiche al fine di modernizzare e semplificare le procedure e di accelerare le fasi di acquisto. 3. Tutte le eventuali spese di contratto (bolli, registrazione, copie, etc.) sono a carico del contraente. 4. Il contratto non può essere sottoscritto e non può darsi luogo ad esecuzione degli ordinativi se non siano trascorsi dieci giorni dalla comunicazione alle ditte intervenute ovvero dalla pubblicazione dell avviso di post informazione sul sito internet dell Eppi, se successivo. Art. 13 Affidamenti integrativi e proroghe 1. Per imprevisti nel corso dell esecuzione dei lavori, della fornitura o della prestazione di servizi e per necessità intervenute entro il termine della scadenza dell affidamento è consentito richiedere lavori, forniture e servizi integrativi di analogo contenuto d importo non superiore al 20% del corrispettivo conferito, direttamente alla ditta affidataria, alle medesime condizioni di prezzo che hanno consentito l affidamento, comunque l importo complessivo non potrà superare il limite massimo previsto all art. 3. Pagina 8 di 14

10 2. E possibile prevedere nel contratto il differimento dei termini contrattuali (termini di consegna, di ultimazione delle prestazioni o altri termini previsti per specifici adempimenti) per esigenze dell Ente. Art. 14 Inadempimenti 1. In caso di ritardo nell adempimento delle obbligazioni imputabile all impresa incaricata della esecuzione degli interventi in economia, il Responsabile del procedimento provvede all applicazione delle penali stabilite nella lettera d invito e/o nel contratto. 2. L importo massimo della penale è pari al 10% dell importo netto del contratto. 3. La penale può essere introitata anche attraverso l escussione della somma prestata a titolo di cauzione del contratto. 4. Qualora l inadempimento delle obbligazioni sia tale da compromettere l interesse all affidamento, il Responsabile del procedimento, previa formale diffida ad adempiere rimasta senza esito, può disporre la risoluzione del contratto, salvo in ogni caso il risarcimento dei danni subiti a norma dell art del Codice Civile. 5. Il Responsabile del procedimento, a seguito di inottemperanza alla diffida può altresì procedere all esecuzione di tutto o parte del lavoro, della fornitura del bene o del servizio a danno del soggetto o dell impresa inadempiente, salvo l esercizio, da parte dell Ente, dell azione per il risarcimento del maggior danno. Art. 15 Certificato di regolare esecuzione 1. Per i lavori eseguiti in amministrazione diretta, gli acquisti di materiali e i noli necessari per l esecuzione dei lavori si intendono regolarmente eseguiti con l apposizione del visto del direttore dei lavori e la relativa liquidazione della spesa indicata in fattura. 2. Per i lavori eseguiti mediante cottimo fiduciario, la regolare esecuzione viene attestata mediante la redazione del certificato di regolare esecuzione redatto dal direttore dei lavori. 3. Per i lavori in affidamento diretto, di importo inferiore ad Euro ,00 I.V.A. esclusa, considerata la modesta entità degli stessi ed il carattere fiduciario dell affidamento, il certificato di regolare esecuzione può essere sostituito con l apposizione del visto del direttore dei lavori sulle fatture di spesa. 4. Le prestazioni di beni e servizi affidate con le procedure in economia sono soggette a collaudo o attestazione di regolare esecuzione di norma entro il termine di venti giorni dall acquisizione, o comunque nei termini e modalità stabilite nella lettera invito. L attestazione di avvenuto collaudo o di regolare esecuzione deve risultare da apposito verbale. Per le spese di importo inferiore a ,00 euro con esclusione dell'i.v.a., tali verifiche e attestazioni sono sostituite dal visto di regolare esecuzione apposto direttamente sulla fattura. 5. Il collaudo è eseguito da impiegati appositamente nominati dal dirigente responsabile dell'ufficio destinatario del servizio o della fornitura. 6. Il collaudo non può essere effettuato da impiegati che abbiano partecipato al procedimento di acquisizione di beni e servizi. Pagina 9 di 14

11 7. Qualora per il collaudo si rendano necessarie particolari o specifiche competenze tecniche questo viene affidato dal Responsabile del procedimento ad uno o più consulenti esperti, in contraddittorio con l impresa affidataria. 8. Il verbale di esito positivo del collaudo o l attestazione di regolare esecuzione, sostituita eventualmente per i servizi e forniture di importo inferiori o pari a ,00 euro dall apposizione anche mediante nulla-osta/visto in calce alla fattura, costituisce condizione per la liquidazione della spesa per la fornitura o servizio. 9. Il pagamento è disposto entro il termine di trenta giorni (o il diverso termine stabilito nella lettera invito o nel contratto) dalla data del collaudo o dell attestazione di regolare esecuzione ovvero, se successiva, dalla data di presentazione della fattura. Al fine di garantire l attività ricostruttiva dei flussi finanziari, ai sensi della legge n. 136/2010 (tracciabilità dei flussi finanziari) e non disperdere l informazione finanziaria identificativa del contratto a cui è correlata ogni singola movimentazione di denaro soggetta a tracciabilità è necessario che la ditta affidataria a) utilizzi conti correnti dedicati per l esecuzione del pagamento; b) l Ente non utilizzi il contante per i pagamenti; c) l affidatario non effettui movimentazioni in contanti sui conti dedicati; d) il Responsabile del procedimento acquisisca il codice identificativo gara (CIG), tramite la procedura guidata SIMOG dell Autorità di Vigilanza dei lavori pubblici, che dovrà essere indicato in tutti gli strumenti di pagamenti agli affidatari. TITOLO IV DISPOSIZIONI FINALI Art. 16 Disposizioni di coordinamento 1. Per quanto non previsto dal presente Regolamento, si applicano le norme comunitarie, nazionali in materia. 2. Le soglie di importo previste da presente Regolamento sono automaticamente adeguate alle disposizioni legislative. 3. Tutti i regolamenti, le procedure o le delibere del Consiglio di Amministrazione dell Ente incompatibili con il presente Regolamento, devono intendersi implicitamente abrogati. Art. 17 Entrata in vigore 1. Il presente Regolamento entra in vigore dalla data di approvazione definitiva della delibera del Consiglio di Amministrazione. Pagina 10 di 14

12 Allegato A Servizi e forniture in economia A Tipologie di forniture FORNITURA DI ARREDI Categoria Mobili in legno Categoria Mobili in metallo e altri materiali Categoria Arredi ed accessori per ufficio Categoria Lampade e lampadari Categoria Segnaletica e cartellonistica FORNITURA DI ATTREZZATURE, PRODOTTI E MATERIALI PER IMPIANTI E SERVIZI Categoria Riscaldamento e condizionamento Categoria Forniture audio, video, ottiche e fotografiche Categoria Telefonie, impianti di comunicazione ed articoli di telefonia in genere. Categoria Agende, oggettistica in genere Categoria Materiale elettrico CANCELLERIA IN GENERALE Categoria Carta e cartonaggi Categoria Cancelleria Categoria Timbri, targhe e medaglie INFORMATICA Categoria Fornitura hardware grandi sistemi Categoria Fornitura software grandi sistemi Categoria Fornitura hardware minisistemi, personal computer e terminali Categoria Fornitura software minisistemi e personal computer Categoria Fornitura hardware trasmissione dati Categoria Fornitura accessori ed apparecchiature ausiliarie per l informatica MACCHINE DA UFFICIO Categoria Fotocopiatrici Categoria Attrezzature per il trattamento della carta (distruggi documenti, taglierine, imbustatrici, pinzatrici grandi spessori, ) VARIE Categoria Libri, riviste, giornali e pubblicazioni di vario genere ed abbonamenti a periodici e ad agenzie di informazione Categoria Materiale igienico sanitario e prodotti per la pulizia in genere Categoria Somministrazione di bevande B Tipologie di servizi INFORMATICA SERVIZI Categoria Sviluppo, manutenzione ed assistenza software applicativo Categoria Sviluppo, manutenzione ed assistenza software di base Categoria Manutenzione hardware grandi sistemi Pagina 11 di 14

13 Categoria Manutenzione hardware minisistemi e personale computer, stampanti, lettori di badge e materiale informatico di vario genere Categoria Manutenzione sistemi trasmissione dati Categoria Servizi di gestione operativa Categoria Personalizzazione e manutenzione software grandi sistemi Categoria Personalizzazione e manutenzione software minisistemi e personale computer SERVIZI VARI Categoria Traduzione, traduzione simultanea, interpretazione, trascrizione, registrazioni audio video, dattilografia, rassegna stampa Categoria Smaltimento rifiuti speciali Categoria Pulizia Categoria Facchinaggio Categoria Igiene ambientale (derattizzazione e disinfestazione) Categoria Stampa, tipografia, litografia Categoria Rilegatura di libri e pubblicazioni Categoria Partecipazione e organizzazione di convegni, congressi, conferenze, riunioni ed altre manifestazioni e/o iniziative culturali e scientifiche nazionali ed internazionali Categoria Servizi di consulenza, studi, ricerca, indagini e rilevazioni Categoria Corsi di preparazione, formazione e perfezionamento del personale Categoria Pubblicazione di bandi di concorso/gara o avvisi a mezzo stampa o altri mezzi di informazione Categoria Spedizioni Categoria Imballaggi, magazzinaggio Categoria Riparazioni e noleggio macchine, mobili ed attrezzature d ufficio Categoria Servizi di contabilità, compresi gli adempimenti conseguenti, quali consulenze fiscali, previdenziali e tributarie Categoria Servizi assicurativi, bancari e finanziari, escluso il servizio di tesoreria Categoria Servizi legali e notarili Categoria Servizi di somministrazione di lavoro a tempo determinato (cosiddetto lavoro interinale) Categoria Servizi relativi alla sicurezza, compresa la gestione degli impianti di allarme e Tele vigilanza Categoria Servizi di erogazione energia, acqua, gas Categoria Servizi di trasporto Categoria Altre prestazioni occasionali fornite da terzi quando lo richiedono motivate ragioni d urgenza, o la necessità di avvalersi di specifiche competenze professionali per prestazioni di carattere straordinario MANUTENZIONI VARIE Categoria Manutenzione impianti igienico sanitari e apparati igienizzanti Categoria Manutenzione impianti elettrici Categoria Manutenzione impianti telefonici Categoria Manutenzione impianti di riscaldamento e condizionamento Categoria Manutenzione impianti antincendio Categoria Manutenzione impianti elevatori Categoria Manutenzione macchine per ufficio Pagina 12 di 14

14 Categoria Manutenzione aree verdi Pagina 13 di 14

Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Art. 1 - Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con Delibera Assemblea n. 12 del 03 Aprile 2003 Modificato con Delibera Assemblea n. 10 del 03 Aprile 2007 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l esecuzione in economia di

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. Approvato con Determinazione del Direttore n. 007/DD del 22.01.2013 REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. ARTICOLO. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO....

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO VIA PIO VII N 9-10135 TORINO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI PRESSO L ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO (approvato con deliberazione n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI INDICE PARTE I ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA ARTICOLO 1- OGGETTO ARTICOLO 2- LIMITI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina l affidamento di lavori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA 8 Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Via Monzambano, 10 00185 Roma Tel. 06 44461 Fax 06 4456224 06 4454956 06 4454948 06

Dettagli

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e la parte IV, titoli I, II, III e IV del D.P.R.

Dettagli

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi Dicembre 2014 pag. 2 SOMMARIO Titolo I - OGGETTO E PRINCIPI... 3 Articolo

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi

Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 marzo 2011 Art. 1 OGGETTO 1. OGGETTO: Il presente regolamento disciplina il sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per per l acquisizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA approvato con Delibera Commissariale n. 28 del 26/09/2011

Dettagli

STORIA DELLE VARIAZIONI

STORIA DELLE VARIAZIONI RESPONSABILITÀ Funzione Nome Data Redatto da Donatella Diotti 11/01/2012 Controllato e Approvato da Sergio Duretti, Paola Mascarello 12/01/2012 Emesso da Sergio Duretti 18/01/2012 STORIA DELLE VARIAZIONI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SEN. ONOFRIO JANNUZZI Specializzazioni: ELETTRONICA - INFORMATICA MECCANICA E MECCATRONICA

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SEN. ONOFRIO JANNUZZI Specializzazioni: ELETTRONICA - INFORMATICA MECCANICA E MECCATRONICA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SEN. ONOFRIO JANNUZZI Specializzazioni: ELETTRONICA - INFORMATICA MECCANICA E MECCATRONICA Viale Gramsci, 40-76123 ANDRIA (BT) - Tel. 0883/599941 - Fax 0883/594578

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 Approvato con deliberazione n. 03/2012 del Consiglio di Istituto del 07/02/2012 INDICE ART. 1

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art.

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art. DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA (approvate dal 25/9/2007) Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del Art. 1 Oggetto Le presenti disposizioni disciplinano

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag.

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag. TECNOPOLIS CSATA Società consortile a responsabilità limitata Sede Legale: Str. Prov. Per Casamassima Km. 3-70010 Valenzano Bari/Italy tel. +39-80-4670.111 - fax +39-80-4551.868 Cap. soc. Euro 90.646,00

Dettagli

TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI

TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI FEEDEERRAAZZIIONEE NAAZZIIONAALLEE COLLLLEEGGII PRROFFEESSSSIIONAALLII TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA REGOLAMENTO INTERNO PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI Roma li 16/01/2016 pagina 2 di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA SOCIETA DI PROMOZIONE PER L UNIVERSITA NELL IMPERIESE P.A. Via Nizza, 8 18100 Imperia Società soggetta all attività di direzione e coordinamento dell Amministrazione Provinciale di Imperia REGOLAMENTO

Dettagli

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI Programma di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna 2007/2013 Asse IV Attuazione dell Approccio Leader Misura 431 GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353

COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353 COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353 Dipartimento Tecnico Ambientale Servizio Lavori Pubblici Sicurezza sul lavoro - Attività Produttive Sportello

Dettagli

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P. Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.) Regolamento per l acquisto in economia di forniture

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di C.C. n. 14 del 10.03.2006 Modificato con deliberazione di C.C. n. 29 del 25.05.2007 e n. 5 del 24.01.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006)

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) 1 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... ART. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... ART. 3 - RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO...

Dettagli

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale VERSIONE DEFINITIVA TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale Società partecipata dal Comune di Tivoli C.F.P. A. Rosmini Sede legale: 00019 Tivoli Viale Mannelli n. 9 Capitale Sociale 10.000,00 i.v. R.E.A. n. 1238379

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE LICEO SCIENTIFICO STATALE Fulcieri Paulucci di Calboli Via Aldo Moro, 13-47100 FORLI Tel 0543-63095 Fax 0543-65245 e-mail: fops040002@istruzione.it casella di posta elettronica certificata: fops040002@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI AVVISO PUBBLICO COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI AVVISO PUBBLICO BANDO PER ISCRIZIONE NEL NUOVO ALBO DELLE IMPRESE DI FIDUCIA PER L ESECUZIONE DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA. Il Comune di Poggiomarino,

Dettagli

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Scuola Secondaria di 1 Grado G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Via G.Carducci n.3-72023 MESAGNE (BR) Sede Materdona 0831 771421 Fax n. 0831 730667 Sede Moro / Fax 0831738266 C.F. 91062130744 - C.M. BRMM06500N

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento tenuto conto delle specifiche esigenze dell Ente disciplina il

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI dell Azienda di Servizi alla Persona di Spilimbergo Approvato con Delibera del C. di A. n. 4 del 12.04.2011 ART. 1 NORME GENERALI SULL ATTIVITÀ CONTRATTUALE 1. L ASP,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA ARTICOLO 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l acquisizione in economia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con delibera di Consiglio dell Unione N 05 del 24 maggio 2007 Il Presidente (dott. Domenico Salvi) Il Segretario dell Unione (dott.

Dettagli

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI 28 marzo 2014 INDICE Art. 1- Premessa e principi.. 3 Art. 2 - Individuazione della procedura di acquisto.. 3 Art. 3 - Responsabile

Dettagli

FARMACIA CONCORDIA SRL

FARMACIA CONCORDIA SRL FARMACIA CONCORDIA SRL REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DA PARTE DELLA SOCIETA FARMACIA CONCORDIA SRL AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 (Approvato dal

Dettagli

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2 DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA Via delle Palme, 13 97100 RAGUSA tel./fax 0932/228158 e-mail:rgee011005@istruzione.it Cod. Mecc.RGEE011005 C.F. 92020890882 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER LA GESTIONE DEI DERVIZI SOCIALI DELL AREA GROSSETANA REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Limite di valore 50.000 euro 1 Art. 1 Oggetto La

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA Articolo 1 - Ambito di applicazione e fonti Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori

Dettagli

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N.

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. 163 INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 AMBITO

Dettagli

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE Regolamento delle spese per l acquisizione in economia di beni e servizi >>> ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.P.R. 20.08.2001,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori in economia e l acquisizione di beni e servizi

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI E PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA (Emanato con D.R. n. 813/2002-03 del 9 giugno 2003 pubblicato nel Bollettino Ufficiale di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA INDICE GENERALE Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. Art. 6. Art. 7. Art. 8. Art. 9. Art. 10.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Curia Mercatorum del 13 aprile 2012 Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.

Dettagli

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI.

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI. REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI. Approvato con deliberazione N. del ART. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani Prot. n. 870/VI/10 Venezia-Mestre, 3 marzo 2016 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs. 12 aprile 2006,

Dettagli

Il sottoscritto, nato a. il, nella qualità di, della. ditta/società. Consede legale in, c.a.p., via, Codice Fiscale. tel.

Il sottoscritto, nato a. il, nella qualità di, della. ditta/società. Consede legale in, c.a.p., via, Codice Fiscale. tel. Camera di Commercio I.A.A. C.so Risorgimento, 302 86170 - ISERNIA OGGETTO: Istanza di iscrizione all Albo Fornitori. Il sottoscritto, nato a il, nella qualità di, della ditta/società Consede legale in,

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori 1 Oggetto del Regolamento 1. l presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in economia di

Dettagli

DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE 1 Articolo 1 Definizioni Sezione I Disciplina Generale Ai fini del presente regolamento si applicano le definizioni che seguono:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE Articolo 1 (Oggetto) Articolo 2 (Responsabile del procedimento) Articolo

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI 1 INDICE TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto Pag. 3 Art. 2. Finalità e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Prot N. 0007364/A32 del 02 ottobre 13 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE CONSIDERATO che le Istituzioni Scolastiche, per l affidamento di lavori, servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

SCABEC S.P.A. SEDE OPERATIVA: PIAZZA DANTE, 89-80135 NAPOLI TEL. (00) 39 081 5624561 - FAX (00) 39 081 5628569

SCABEC S.P.A. SEDE OPERATIVA: PIAZZA DANTE, 89-80135 NAPOLI TEL. (00) 39 081 5624561 - FAX (00) 39 081 5628569 SCABEC S.P.A. SEDE OPERATIVA: PIAZZA DANTE, 89-80135 NAPOLI TEL. (00) 39 081 5624561 - FAX (00) 39 081 5628569 E-MAIL: @scabec. SITO INTERNET: www.scabec.it PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI

Dettagli

Università degli studi di Messina

Università degli studi di Messina Università degli studi di Messina REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI CHE POSSONO ESSERE ESEGUITI IN ECONOMIA Art. 1 - Ambito di applicazione (aggiornamento D.R. 14 febbraio 2006 n.234)

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza n. 200 del 10/6/1996. Modificato con deliberazioni dell U.P. n. 270 del 18/7/1997, n. 74 del 20/10/1999, n. 204 dell 11/12/2001,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DEBITO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DEBITO 2014 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DEBITO PARTE I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina la gestione del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS TORINO

LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS TORINO CONSIGLIO DI ISTITUTO DEL 23/10/2012 DELIBERA N. 33 Visto il regolamento per l'attività negoziale per le forniture di beni e servizi (D.I. 44/2001 - D.Lgs 163/2006); Delibera il regolamento come da allegato.

Dettagli

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Allegato B COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 10.02.2012 ESECUTIVO DAL 27.02.2012

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUISTI

REGOLAMENTO ACQUISTI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI STATALE Luigi Einaudi BASSANO DEL GRAPPA M.I.U.R. REGOLAMENTO ACQUISTI ART. 1 - INTRODUZIONE 1. Il presente regolamento disciplina, nell ambito del D.I. n.44/2001

Dettagli

Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara

Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara SENATO ACCADEMICO 28/10/2008; 26/05/2009; 20/05/2011;22/11/2011;20/11/2013 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Umberto I

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Umberto I Regione Siciliana Ministero dell Istruzione Unione Europea Assessorato Regionale P. I. dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Umberto I LICEO CLASSICO STATALE "UMBERTO

Dettagli

per i servizi e le forniture da eseguirsi in economia

per i servizi e le forniture da eseguirsi in economia Regolamento FARMACIA COMUNALE DI COPRENO S.R.L. per i servizi e le forniture da eseguirsi in economia Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Premesso che la società: - per la fornitura di farmaci, parafarmaci

Dettagli

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia.

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei beni e servizi in economia E ammesso il ricorso alle procedure di spesa in economia per i seguenti beni

Dettagli

Svolge le funzioni di verbalizzante il Direttore Generale Alessandra Cavazzoni.

Svolge le funzioni di verbalizzante il Direttore Generale Alessandra Cavazzoni. ATTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA N. 7/1 DEL 24 GENNAIO 2014 OGGETTO: MODIFICA A REGOLAMENTO DELLE SPESE IN ECONOMIA (LAVORI, FORNITURE, SERVIZI, INCARICHI ESTERNI) DI ASP TERRE D ARGINE.

Dettagli

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 FORMAZIONE ELENCO OPERATORI ECONOMICI CONSULTABILI NELL AMBITO DI PROCEDURE IN ECONOMIA PER IL TRIENNIO 2010-2012 (art. 7 del regolamento per l acquisizione in economia

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 16/5/2011; successivamente modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI Rev.01 Pagina 1 di 8 TABELLA REVISIONI REGOLAMENTO Rev. Data Descrizione della Modifica 00 08 ottobre 2012 Prima emissione 01 16 settembre 2015 Aggiornamento 02 18 novembre 2015 Aggiornamento Rev.01 Pagina

Dettagli

Regolamento spese in economia

Regolamento spese in economia Regolamento spese in economia DISCIPLINA DELLE PROCEDURE IN ECONOMIA PER L ACQUISTO DI LAVORI, BENI E SERVIZI Premessa - Considerata l esigenza di disciplinare, con procedura uniforme, le acquisizioni

Dettagli

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A.

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag. 3 ART. 2 LIMITI DI IMPORTO E DIVIETO DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Approvato con delibera del Consiglio di Istituto n. 83 del 28/11/2015 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del protocollo

Articolo 1 Oggetto del protocollo Protocollo per l acquisizione di lavori, servizi e forniture in economia della Fondazione i Pomeriggi Musicali e della Società I Pomeriggi Musicali Servizi Teatrali Srl Approvato dal CdA il 15/02/2016

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Articolo 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE DI CORREZZANA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 29.09.2006 Modificato con delibera C.C. n. 35 del 20.12.2011 Art.

Dettagli

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE INDICE Art.1 - Oggetto del Regolamento Art.2 - Responsabile del procedimento dei lavori in economia Art.3 - Forma

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE IL CONSIGLIO D'ISTITUTO Delibera n. 126/15 del 27/11/2015 EMANA IL REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SEZIONE I DISCIPLINA GENERALE VISTO l art.125 comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI CALVENZANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 39 del 29/11/2004 Modificato con deliberazione di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL (approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 21 maggio 2012) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo

COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Pagina 1 di 6 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10

Dettagli

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA Revisione Approvazione Descrizione delle modifiche 0 27 novembre 2008 Consiglio di Amministrazione adozione 1 23

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI Articolo 1 Principi 1.1 L affidamento da parte della S.A.G.A. S.p.A. di lavori, servizi e forniture deve

Dettagli

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Delibera N. 202 del 29/09/2015 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEVEROLA VIA CAMPANELLO SNC - 81030 TEVEROLA

Dettagli