Gruppo di Azione Locale della SILA LUNGO LE SPONDE DEI LAGHI SILANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo di Azione Locale della SILA LUNGO LE SPONDE DEI LAGHI SILANI"

Transcript

1 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE ASSE IV MISURA 421 Gruppo di Azione Locale della SILA Scheda progetto LUNGO LE SPONDE DEI LAGHI SILANI Cooperazione infraregionale Referente GAL per il Progetto infraregionale Contatti AVV. FRANCESCO DE VUONO ,

2 1. TITOLO DELL ITINERARIO LOCALE LUNGO LE SPONDE DEL LAGHI SILANI 2. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA LOCALI E LORO SINERGIA CON L IDEA COMUNE PRODOTTO TIPICO DI PUNTA La Patata Silana IGP Punto di forza dell economia Silana è il settore agro-silvo-pastorale. Questo è riconducibile a tre filiere produttive, Filiera della patata, Filiera Zootecnica, Filiera del legno. Sull altopiano silano emerge in primo luogo la coltivazione della patata, la quale alimenta la sua filiera produttiva che ha conosciuto nel corso degli anni una graduale evoluzione sia in termini quantitativi che qualitativi, mantenendo nel contempo tradizioni culturali decennali. Un insieme di elementi favorevoli di natura pedo-climatica ed orografica rende l ambiente silano naturalmente predisposto e vocato alla pataticoltura in generale e da seme in particolare. La coltivazione della patata si è confermata come elemento rilevante del comparto agricolo silano subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, contribuendo alla promozione ed al benessere delle popolazioni contadine.

3 Nel corso degli anni la filiera si è evoluta sia dal punto di vista tecnico i primi tentativi di meccanizzazione di sono avviasti in Sila sia per quanto riguarda l assetto strutturale, con le prima forme di aggregazione di produttori in cooperative a partire dagli anni 70 del secolo scorso. Oggi la pataticoltura rappresenta una fondamentale risorsa economica e culturale per l agricoltura silana, soprattutto per le produzioni da seme, ove il prodotto silano rappresenta uno dei pochi antagonisti nazionali dei produttori nord-europei, olandesi in primo luogo. Questa condizione, caratterizzata da peculiari assetti agronomici e socio-culturali, ha consentito il raggiungimento della protezione nazionale alla Indicazione Geografica Protetta (IGP) Patata della Sila, iscritta in via definitiva nel registro europeo delle denominazioni e indicazioni geografiche protette (Dop e Igp) con Regolamento (UE) N. 898/2010 della Commissione dell'8 ottobre La zona di produzione comprende il territorio dei seguenti comuni: ricadenti nell area del Gal e del Parco Nazionale della Sila: Acri, Celico, Pedace, San Giovanni in Fiore, Serra Pedace, Spezzano della Sila, Spezzano Piccolo. Ciò rende ancora più forte il legame tra il territorio ed il prodotto patata, fornendo un potenziale contributo determinate alla valorizzazione del territorio e delle produzioni, promuovendo il binomio produzioni tipiche/area protetta. Particolarità che caratterizza la zona di coltivazione è il fatto chi ci si trova in un altopiano cinto tutt'intorno da una catena montuosa completamente rimboschita, quasi a volerlo coronare e difendere dagli agenti esterni. Il territorio presenta aspetti paesaggistici unici ed invidiabili, tutti elementi che, ognuno per propria competenza, contribuiscono fattivamente alla qualità di questo prodotto agricolo, visto che possiede una percentuale di amido superiore alla media, rendendola più saporita e nutriente. La semina delle patate avviene da Maggio ad Giugno in buche profonde circa 10 cm ad intervalli di 40 cm. La raccolta si effettua da Settembre a Ottobre. E una patata di alta qualità con forti connotazioni organolettiche, caratteristiche date dall'essere l'unico prodotto di alta montagna coltivato nel centro del Mediterraneo. La denominazione Patata della Sila designa il tubero della specie Solanum tuberosum, della famiglia delle Solanacee ottenuto dalle varietà Agria, Desirèe, Ditta, Majestic, Marabel, Nicola, e che deve presentare al consumo le seguenti caratteristiche: Forma: Tonda Tonda/ovale Lunga/ovale Calibro: compreso tra - 28 mm. e 42 mm. (mezzanella o tondello) - tra 43 mm. e 75 mm. (prima) - oltre 76 mm. (fiorone); Buccia: consistente dopo sfregamento. Polpa: consistente, senza cedimenti alla pressione. Sostanza secca Contenuto minimo: 9% (%): All atto dell immissione al consumo i tuberi devono essere sani, non germogliati, interi, puliti, esenti da macchie aventi una profondità superiore a 3 mm e/o danni provocati da attacchi parassitari.

4 Il Consorzio Produttori Patate dell Altopiano Silano rappresenta una delle più importanti realtà associative Nell ambito del comparto pataticolo nazionale,70 produttori associati su una superfice di 700 ettari, lavorano circa quintali di patate all anno e costituiscono la forza del consorzio. Il consorzio PPAS promuove la produzione integrata, dispone di un sistema di tracciabilità del prodotto, certificato dal consorzio per il controllo dei prodotti biologici di Bologna, ed aderisce al sistema di qualità UNAPA. Il Consorzio è soggetto promotore della richiesta di riconoscimento dell'igp "Patata della Sila" e dell'inserimento della Patata della Sila nell'albo dei Prodotti di Montagna promosso dal MIPAF. Nell ambito del PSR Calabria 2000/2006 e 2007/3013 sono stati presentati ed approvati dei Piani Integrati nella filiera della patata. Nell aprile 2011 si è costituito il Consorzio di Tutela della patata silana IGP. Il Consorzio non persegue fini di lucro, ha, fra gli altri, i seguenti scopi che svolge a favore di tutti i soggetti inseriti nel sistema di controllo della Patata della Sila IGP: 1) promuovere l applicazione del disciplinare e proporre di esso eventuali modifiche od implementazioni, nonché promuovere il miglioramento delle caratteristiche qualitative della Patata della Sila IGP; 2) definire programmi recanti misure di carattere strutturale e di adeguamento tecnico finalizzate al miglioramento qualitativo della produzione in termini di sicurezza igienico-sanitaria, caratteristiche chimiche, fisiche, organolettiche e nutrizionali del prodotto commercializzato; 3) tutelare, promuovere, valorizzare e curare gli interessi generali della Patata della Sila IGP, anche attraverso l informazione al consumatore; 4) avanzare proposte di disciplina regolamentare, anche in attuazione del Disciplinare registrato, e svolgere compiti consuntivi relativi alla Patata della Sila IGP; ALTRI PRODOTTI TIPICI DELL AREA La filiera zootecnica La zootecnia ha da sempre rappresentato una risorsa per le popolazioni silane. Gli allevamenti sono presenti su tutto il territorio, sia in forma stanziale che stagionale. Quest ultima rappresenta la forma di conduzione prevalente, soprattutto per il comparto bovino, dove la transumanza primaverile-autunnale rappresenta un aspetto tipico del paesaggio. L incidenza delle aziende zootecniche sull intero comparto agricolo silano è superiore di 14 punti alla media regionale ed è in crescita nelle ultime rilevazioni intercensuarie. In questo contesto, mandrie di una certa consistenza di razza Podalica e Bruno Alpina provenienti in massima parte dal versante crotonese utilizzano il periodo invernale i pascoli marini, per poi migrare nel sui pascoli silani. Rustica e resistente, la razza bovina podolica è la migliore per sopravvivere e produrre tra i boschi e i magri pascoli di queste montagne.

5 La filiera zootecnica alimenta sia il settore lattiero-caseario, caratterizzato da una forte ed antica tradizione nella trasformazione del latte proveniente da allevamenti bovini ed ovini-caprini. Il paniere delle produzioni è abbastanza ricco e variegato: si passa dalle paste filate ai formaggi stagionati (Caciocavallo Silano, mozzarella, butirro, giuncata, il formaggio ovi-caprino, la ricotta). In tale contesto, l aspetto più caratteristico è rappresentato dal fatto che almeno il 50% delle aziende zootecniche è munito di un proprio caseificio dove viene trasformato il latte prodotto. Il Caciocavallo Silano DOP è, senza alcun dubbio, fra i più antichi e caratteristici formaggi a pasta filata del Mezzogiorno d Italia ma tipico dell area silano-calabrese La tesi più accreditata sull origine della denominazione caciocavallo la fa derivare dalla consuetudine di appendere le forme di formaggio, in coppie, a cavallo di pertiche di legno, disposte in prossimità di focolari. Il primo autore che descrive la tecnica usata dai greci nella preparazione del cacio è Ippocrate nel 500 a.c. In seguito diversi autori latini, fra cui Columella e Plinio, hanno trattato dei formaggi nelle proprie opere. In particolare, Plinio esalta le qualità del butirro, antenato del nostro caciocavallo, definito cibo delicatissimo. La denominazione silano, invece, deriva dalle origini antiche del prodotto, legate all altopiano della Sila. La Denominazione di Origine Protetta è stata riconosciuta il 1 luglio In base al disciplinare di produzione la zona di provenienza del latte di trasformazione e di elaborazione del formaggio "Caciocavallo silano" comprende territori delle regioni Calabria, Campania, Molise, Puglia e Basilicata, Riguardo alla zona Silana rientrano i seguenti comuni ricadenti nell area del Gal: San Giovanni in Fiore, Celico, Pedace, Serra Pedace, Spezzano Piccolo, Spezzano della Sila, San Pietro in Guarano, Rovito, Lappano, Pietrafitta. Il Caciocavallo Silano DOP è un formaggio ottenuto con latte vaccino scaldato a una temperatura di C e addizionato di caglio di vitello o di capretto per farlo coagulare. Dopo la rottura della cagliata, la massa casearia viene prima fatta spurgare, poi è lasciata maturare per tre o quattro giorni e infine viene immersa per alcune ore in acqua calda per la filatura. Seguono la formatura, la salatura in salamoia e la stagionatura, che si protrae per un periodo compreso tra quindici giorni e diversi mesi. E dal gusto inconfondibile appena acquisiti i caratteri ottimali della stagionatura, grazie al particolare clima della Sila. Consumato fresco o stagionato, grattugiato o fuso, è diventato nel tempo protagonista della dieta mediterranea. Le mucche dalle quali si ricava il latte per la sua produzione vivono allo stato brado sull altopiano silano e compiono ancora oggi la transumanza, trasferendosi durante la stagione invernale nelle zone più calde, a ridosso del mare

6 Il Consorzio di Tutela Formaggio Caciocavallo Silano DOP è stato costituito nel 993 in Calabria ed è stato riconosciuto dal MIPAAF con DM 8 agosto 006 (pubblicato sulla G.U. n. 00 del ) in base all art. 4 della legge 56/99 per la tutela, vigilanza e valorizzazione del prodotto. La sede principale è a Cosenza, in via degli Stadi, n 90. Altri prodotti legati alla tradizione zootecnica locale sono i salumi di montagna. Di questi ben quattro hanno ottenuto la Denominazione di Origine Protetta: un vero record, almeno tra le regioni del centro-sud Italia. Tra questi il più noto è forse la Soppressata di Calabria DOP, un salume di particolare pregio ottenuto utilizzando i tagli migliori (spalla e prosciutto) del suino.risalgono alla Magna Grecia le carni suine lavorate in questa parte di terra di Calabria ricca di gusti e sapori tradizionalmente tramandati nei millenni. I salumi in questione sono preparati con animali indigeni, a cui i produttori aggiungono aromi naturali (dal peperoncino, al pepe nero e rosso), e seguono una stagionatura variabile a seconda del prodotto da 30 a 100 giorni. Nella zona insistono due importanti realtà produttive di trasformazione della carne suina che aderiscono al Consorzio di Tutela dei Salumi di Calabria a DOP: il Centro Carni Sila dei F.lli Falcone a Camigliatello Silano ed il Salumificio San Vincenzo di Fernando Rota srl. A Spezzano Piccolo. ll Consorzio, costituito in data 8 gennaio del 2007, ha sede legale in Cosenza, capoluogo di provincia calabrese di più antica tradizione nella produzione dei salumi. Il Consorzio rappresenta attualmente oltre il 90% del prodotto certificato a DOP ed è, in quanto organismo riconosciuto dal MIPAAF (Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali), unico detentore delle denominazioni registrate. Da menzionare anche la produzione biologica della pregiata carne del Suino nero di Calabria presente sia sull altopiano che nella zona di Acri.

7 L allevamento zootecnico è ben integrato con l agricoltura silana. Infatti, negli avvicendamenti colturali della patata rientrano, oltre al frumento, i prati polititi annuali, fondamentali per la produzione di foraggio da utilizzare nell alimentazione invernale degli allevamenti stanziali. I prati naturali della sila rivestono un ruolo primario per la zootecnia, poiché rappresentano la principale fonte di alimentazione per gli allevamenti quelli stagionali in primo luogo. I Funghi L'altopiano silano è un vero paradiso micologico. Il clima temperato, la presenza dei laghi che creano la giusta umidità e gli immensi boschi di Pino Laricio, oltre alle bellissime faggete nonché di querceti e castagneti nella fascia pedemontana, favoriscono la crescita di innumerevoli funghi. Si stima che sull'altopiano silano siano presenti più di specie di funghi senza tenere conto di quelle microscopiche. Ultimamente sono nate molte aziende di trasformazione, in genere a conduzione familiare, che commercializzano i porcini secchi e sott'olio e altre specie fungine come i rositi (Lactarius deliziosus). La domanda di funghi silani è, comunque, così alta che alcune aziende sono costrette ad importare funghi porcini da altri paesi del mondo come Sud Africa, Tunisia e Slovenia. Il porcino è il fungo più ricercato in Sila. Viene consumato essiccato o sott'olio. E' presente sull' Altopiano nelle sue tre specie: Boletus edulis, Boletus aereus e Boletus pinophilus. Il Boletus aereus si trova principalmente nei boschi di castagno e di quercia e si presenta con un cappello di colore marrone ed una polpa profumata di colore bianco. Il Boletus pinophilus differisce dal precedente per il colore rosso granata del suo cappello. E' sicuramente il migliore delle tre specie di porcino e cresce nelle pinete e nelle faggete. Il Lactarius deliciosus, detto volgarmente "rosito" per il suo colore rosa-arancione, è uno dei funghi più noti e ricercati in Sila. Diffusissimo, cresce esclusivamente nei boschi di conifere. Classificato "buon commestibile" si può consumare fresco o conservato sott'olio.

8 Il Suillus luteus chiamato "vavuso" per la "bava" viscida che ricopre la cuticola del suo cappello è della famiglia dei porcini anche se non raggiunge il livello qualitativo delle tre specie di Boletus già viste. Diffusissimo in Sila, si trova ovunque dopo le piogge autunnali. E' classificato "buon commestibile" anche se spesso non viene raccolto da chi cerca le specie più prelibate. Si consuma fresco o sott'olio dopo aver tolto la cuticola che dà il colore marrone scuro al cappello e la parte spugnosa sottostante. Il fungo Macrolepiota procera è detto "mazza di tamburo" o "coppulino" per la sua forma inizialmente ovoidale e poi cupoidale tanto da ricordare il copricapo di un prelato. E' ricercatissimo per il suo buon sapore specie se cotto alla griglia. Si trova nei prati silani dopo le prime abbondanti piogge autunnali., invece, malgrado sia classificato "commestibile con cautela" è molto ricercato in Sila. Viene chiamato in dialetto "civita" o "cierru e' gallu" per la sua forma che ricorda la cresta di un gallo. Cresce nelle faggete in ottobre e in novembre. I fughi arricchiscono la rinomata gastronomia locale in numerose preparazioni culinarie, abbinati con la patate, vere attrattive per gli agriturismi e ristoranti sparsi nel territorio. La Sagra del fungo che si tiene nel mese di ottobre a Camigliatello Silan, giunta alla sua 42 edizione, richiama nella rinomata località turistica un pubblico sempre più attento alle tradizioni, alla tipicità ed alla riscoperta dei sapori. Le patate, le carni suine, bovine, caprine, i fomaggi ed i funghi sono gli alimenti principali della cucina tradizionale silana e si integrano mirabilmente in prelibati piatti vere attrazioni per i turisti. Complementarietà e/o integrazione dei prodotti e del progetto con il PSL o altri progetti di cooperazione o altri Programmi (POR, Piani locali, ecc.) Il progetto Lungo le sponde dei Laghi Silani è sicuramente trasversale e collegato alle Misure del PSL del Gal della Sila, e quindi all Asse III come di seguito illustrato. Il Progetto abbraccia la Multifunzionalità dell impresa agricola, con la Misura 311 in tema di vendita diretta e degustazione dei prodotti agroalimentari, fattoria didattica e educazione alimentare, nonché con la Misura 313 in tema di creazione di itinerari turistici e strade tematiche e sviluppo delle attività degli intermediari del turismo ai fini dello sviluppo delle presenze e dei territori rurali. Sicuramente prevede complementarietà con la politica a livello regionale di promozione e valorizzazione dei prodotti tipici locali nonché con il realizzando progetto di cooperazione interregionale Corto Circuito dei Contadini, Quindi risulta pacifico che il progetto Lungo le sponde dei Laghi Silani è complementare : a) al principio generale della multifunzionalità dell impresa agricola - Mis. 311 b) alla politica di vendita diretta e di spaccio aziendale presso l azienda - Mis. 311 Az. 1 c) alla valorizzazione e promozione dell attività agricola ed agrituristica - Mis. 313 d) alla creazione di itinerari enogastronomici - Mis. 313 e) ai percorsi di educazione alimentare, di riscoperta dei valori del territorio - Mis. 311 Az. 2 f) ai progetti di fattoria didattica - Mis. 311 Az. 2 g) alla commercializzazione e promozione dell offerta di turismo rurale, valorizzando l aspetto culturale e tradizionale Mis. 313 Az. 2. Indicare le ulteriori risorse (umane, ambientali, culturali, ecc) che si intendono promuovere ed il percorso che si intende mettere in campo a livello locale - per creare sinergie fra il prodotto di punta e le eccellenze locali (cultuali, ambientali e sociali) Il progetto mira a valorizzare il territorio rurale della Sila Grande attraverso un approccio strategico integrato ed innovativo: da una promozione verticale del prodotto a marchio, ad una promozione "orizzontale" insieme ad un paniere di altri prodotti di assoluta qualità che coinvolge diverse categorie

9 imprenditoriali ed istituzioni locali. Il progetto interessa le aree della Sila Grande più vocate alla produzione della patata ed in primis intende esaltare il ruolo multifunzionale dell agricoltura, attraverso la valorizzazione di quelle aziende agricole che hanno saputo diversificare la loro attività, consolidando nel tempo i valori dell accoglienza e della produzione di qualità. Inoltre si vuole mettere in relazione il potenziale visitatore con gli splendidi e suggestivi scenari del Parco Nazionale della Sila, individuando un percorso che ruota intorno alle sponde del Laghi Cecita, Arimacina e Arvo. L area interessata al progetto ricade nella Zona di Protezione Speciale (ZPS) "Sila Grande"e si trova in gran parte entro i confini del Parco Nazionale della Sila e include quattro riserve Naturali Statali: - Riserva Biogenetica Iona Selva della Guardia - Riserva Biogenetica I Giganti della Sila ; - Riserva Biogenetica Tasso Camigliatello ; - Riserva Biogenetica Golia Corvo - Cupone Presenta inoltre diversi rapporti di sovrapposizione con 15 altri siti Natura Il territorio silano in oggetto, oltre ad essere caratterizzato per la presenza di luoghi di interesse ambientale protetti, è altresì ricco di risorse ambientali e paesaggistiche che scaturiscono dalla forte differenziazione orografica dello stesso territorio. Per cui nell ambito dello stesso si trovano catene montuose, aree collinari, laghi e fiumi. Il massiccio della Sila è attraversato da una ricca rete di corsi d acqua la cui abbondanza è legata alle caratteristiche geomorfologiche e climatiche dell area. Infatti il substrato prevalentemente metamorfico e granitico, ha una scarsa permeabilità e favorisce lo scorrimento superficiale delle acque meteoriche, che, nella fascia montana e submontana, risultano particolarmente abbondanti. I corsi d acqua, tuttavia, pur mantenendo il loro importantissimo significato ambientale ed economico, sono di limitate dimensioni, i soli che si elevano a rango di fiume sono il Neto ed il Crati. Il Neto è il principale e nasce dalle viscere di Monte Corbello e Monte Donato, percorre la valle del Fallistro e attraverso Croce Magara, raggiunge il Lago di Ariamacina, quindi attraversa tutta l alta valle fino ad arrivare al centro di San Giovanni in Fiore.

10 Raccoglie nel suo alveo i propri affluenti: il Garga, il Ringhio, l Arvo, L Ampollino, il Lese, il Vitravo, per sfociare a 15 Km circa a nord della cittadina di Crotone, nel Mar Jonio. Il Crati ha origine da Timpone Bruno e da Monte Cristo, percorre le valli del comprensorio presilano, attraversa la città di Cosenza, dove confluisce con il Busento e scende a Valle percorrendo la pianura di Sibari, per sfociare in mare. Per quanto riguarda la presenza di laghi, si rileva come, a partire dal 1920, l altopiano della Sila, proprio per la sua grande abbondanza e disponibilità di acqua, siano stati creati dei laghi artificiali che si sono perfettamente integrati nel contesto ambientale. Per lo sfruttamento idroelettrico dei corsi d acqua, questi invasi hanno finito per acquisire una notevole valenza turistica. I laghi artificiali più importanti della Sila Grande sono l Arvo ed il Cecita. Nati Il Lago Arvo, è alimentato anch esso dalle acque del fiume omonimo, si trova in mezzo alle due più alte montagne dell altopiano Silano, quali Monte Botte Donato e Monte Nero. Anche per questo lago si è assistito ad una importante valorizzazione turistica, che ha significato nascita di insediamenti turistici, prima fra tutte la località di Lorica. Il lago Cecita creato nel 1951 con una diga alta m 55 e ad una quota di m s.l.m. Grande specchio d acqua della Sila viene utilizzato per la produzione di energia elettrica e per agevolare l irrigazione dei campi adibiti alla coltivazione della patata. E un invaso da 108 milioni circa di metri cubi d acqua in quanto vi confluiscono i fiumi di Mucone, Vaccarizzi, Cecita che mediante condotti e gallerie vanno ad alimentare le centrali elettriche di Acri e Bisignano. Il lago Cecita risulta essere anche un sito di interesse archeologico sul quale si effettuano dalla Soprintendenza di riferimento importanti scavi archeologici. In attesa di un pubblicazione sull archeologia Silana sono già note le notizie di un notevole insediamento preistorico e protostorico in quest area con ritrovamenti di selce, ossidiana e buche di palo, ed una successiva fase di epoca greca con tracce di un Santuario e abitazioni di epoca romane. In località Ariamacina è presente il lago omonimo, anche esso lago artificiale, che viene usato quale sussidiario del Lago Cecita al quale è collegato da un condotto/galleria. Il Percorso Il percorso congiunge le principali località turistiche della Sila Grande: Camigliatello Silano e Lorica,, ed interessa il territorio dei comuni di Spezzano della Sila, Celico, Acri, Longobucco, Spezzano Piccolo, Serra Pedace, Pedace e San Giovanni in Fiore.

11 Parte quindi da Camigliatello ed attraversa l i villaggi rurali di Moccone, Salerni, Lagarò, Cava di Melis, Cupone, Zagaria, Vaccarizzi, Campo San Lorenzo, Molarotta, Colle Lungo, Croce di Magara, Sculca, Torre Righio, Silvana Mansio, Garga, Rovale, Pino Collito sino ad arrivare alla località turistica di Lorica sul Lago Arvo. Un ricco patrimonio di strutture rurali raccontano e testimoniano l insediamento delle culture contadine di cui è disseminato sul territorio ed in particolari nei villaggi rurali dell ex OVS (Opera Valorizzazione della Sila). Tangibili testimonianze delle dinastie aristocratiche di un tempo passato sono le residenze nobiliari estive delle potenti e nobili famiglie calabresi del Regno di Napoli. Immerse in un contesto paesaggistico di incomparabile bellezza, rappresentano la memoria storica di un epoca passata: dimore di Re, principi e soldati, scenario di battaglie e di aspre contese, per la conquista delle terre e la difesa del territorio. I muri, le stanze, i locali di queste vecchie ma ancora intatte abitazioni, costituiscono un occasione importante per percorrere un itinerario turistico di grande interesse, ancora per molti sconosciuto, ma di grande interesse evocativo.

12 Rinomata località turistica della Sila Grande, Camigliatello Silano è situato a pochi chilometri dal lago Cecita. A 1 km dal centro del paese, in località Tasso è ubicata la stazione di partenza di una moderna cabinovia a otto posti che da 1368 m porta a 1765 m, sul Monte Curcio. Dal Monte Curcio parte la pista di fondo che segue il tracciato della panoramica Strada delle Vette che collega le più alte cime della Sila: il Monte Scuro (1630 m), il Monte Curcio (1768 m) e il Monte Botte Donato (1928 m). Nel centro abitato, dotato di diverse strutture ricettive, è possibile fare visita alle numerose botteghe di artigianato e di prodotti tipici dell agroalimentare silano (formaggi, funghi, salumi). Nelle vicinanze è possibile visitare la riserva biogenetica del Tasso, la vegetazione è formata da boschi misti di faggio e pino laricio. Buona la presenza faunistica, sia di mammiferi che di uccelli. Ad un Km da Camigliatello si raggiunge il villaggio di Moccone e da qui si imbocca la strada provinciale 279 per Acri-Luzzi e si raggiunge prima la c.da Labonia dove ha sede una rinomata azienda di produzione del Caciocavallo Dop e della patata Igp e poi la frazione di Salerni nel Comune di Celco. Da qui è possibile visitare la Riserva Biogenetica Iona - Serra della Guardia che interessa un'area di 264 ettari con formazioni pure di pino laricio e alcune zone a castagno, cerro e faggio. Questi boschi sono frequentati dal lupo, dal cinghiale, e da piccoli predatori come la martora, il gatto selvatico e la faina. E' presente anche il tasso, che però si nutre soprattutto di vegetali. Gli uccelli sono rappresentati dalla poiana, dallo sparviero, dall'allocco, dalla civetta e dalla beccaccia, oltre che da numerose specie di passeriformi tra cui il crociere. Le specie di mammiferi presenti sono lepre comune, scoiattolo, puzzola, tasso, volpe. Da Salerni, passando per le numerose contrade, si raggiunge la frazione di Lagarò Lupinacci. Lungo al strada si incontrano fattorie, agriturismi, ed aziende produttrici della patata silana IGP, ed il Museo delle tradizioni rurali dell Altopiano Silano che fa parte del Centro risorse realizzato dall Istituto comprensivo Abate Gioacchino di Celico. Il museo è organizzato in quattro sezioni tematiche più una sezione introduttiva che illustra, con materiale cartaceo e fotografico proveniente dall Archivio Storico dell Arssa (già Ovs), l attività di valorizzazione dell Altopiano svolta da quest ente, specialmente per quanto riguarda il suo ruolo fondamentale nella nascita del villaggio rurale di Lagarò. Lasciato il villaggio di Lagarò dopo 8 Km, costeggiando il lago Cecita si arriva al bivio per Acri-Longobucco e si imbocca la strada statale 177 sino a raggiungere la località di Cava di Melis nel Comune di Longobucco, proseguendo si arriva al bivio per Acei-Corigliano-Rossano, qui si trova una tipica trattoria silana e dopo pochi Km è possibile fare visita ad una rinomata azienda di produzione di carni e formaggi biologici, oggi anche fattoria didattica. Si ripercorre, quindi, in senso inverso la Statale 177 risalendo il Lago Cecita, dopo pochi chilometri si raggiunge la frazione del Cupone nel Comune di Spezzano della Sila dove è a sede il Centro Visita del Parco Nazionale delle Sila.

13 Il Centro Visita del Parco è nato dall'adattamento degli spazi intorno a una segheria demaniale e dei plessi accessori, oggi è un centro di educazione ambientale con sentieri naturalistici, osservatori faunistici, museo, giardino geologico ed un orto botanico accessibile ai disabili e ai non vedenti con pannelli e file audio mp3 esplicativi delle varie essenze. Tutto ciò, oltre alla adiacente area attrezzata per pic-nic lungo il lago Cecita, ed i diversi sentieri naturalistici, di cui è dotato, fa del Centro Visita una delle zone più frequentate del Parco della Sila. Il Corpo forestale dello Stato fornisce il servizio gratuito di visita guidata a scolaresche e gruppi organizzati che ne facciano richiesta. Dal Cupone è possibile visitare La Riserva Biogenetica Golia Corvo - Cupone che occupa un'area di 350 ettari di boschi di pino laricio e faggio (tra i m e i metri di quota) e la Fossiata. La Fossiata è una delle più estese e antiche foreste dell'altopiano silano. Vi domina incontrastato il pino laricio, i cui maestosi esemplari secolari raggiungono in molti casi i 40 m. di altezza.. Al limitare del bosco si distendono immensi pascoli erbosi, che in primavera si accendono degli smaglianti colori dei fiori. La Fossiata, nota nella provincia di Cosenza per il suo grandissimo valore naturalistico, è tappa di numerosi percorsi escursionistici. Risalendo il lago lungo la SS 177, dopo due Km si raggiungono i villaggi Rurali di Zagaria, Vaccarizzo e Campo san Lorenzo, dove si estendono diversi ettari di campi di patate con annesse Fattorie didattiche ed Agriturismi e dove si trovano rinomati ristoranti conosciuti in ambito nazionale e internazionale. Veri e propri percorsi culturali e culinari.

14 Lasciato Campo San Lorenzo si raggiungono le c.de di Molarotta e Colle Lungo dove sono presenti numerose aziende dedite alla coltivazione della patata e ristoranti ed aziende agrituristiche. Nella località di Molarotta si trova il Centro sperimentale dimostrativo dell ARSSA che effettua attività di Ricerca, Sperimentazione e Dimostrazione nel settore delle produzioni vegetali, zootecniche ed acquicoltura. Da Colle Lungo si arriva al pittoresco villaggio rurale di Croce di Magara dove si trova la Riserva Naturale del Fallistro dove vegetano dei pini ultracentenari noti come i "Giganti della Sila". La riserva biogenetica del Fallistro fu istituita con il Decreto Ministeriale n. 426 del 21 luglio Si estende per oltre 5 ha ad una quota media sul livello del mare di metri. E' un'area protetta destinata allo studio e alla conservazione genetica del Pino laricio protagonista antico e moderno del suggestivo paesaggio silano. Nella riserva è consentita la visita a piedi, nei mesi compresi tra giugno ed ottobre, proseguendo lungo un percorso obbligato. Nella vegetazione della Riserva, i pini laricio ultracentenari, sono predominanti sia sul pioppo tremulo che sul faggio e sull'acero montano. Si stima che la pineta sia stata impiantata fa tra il 1620 ed il 1650, quindi circa 350 anni fa. Le piante più vecchie che sono 52 pini laricio e 7 aceri montani, sono state tutte classificate e numerate. Misurati a 130 cm. dal suolo, i diametri del loro fusto, sono compresi tra i 71 e i 187 centimetri. L'altezza media di queste piante è di 35 metri, alcune di esse sfiorano i 43 metri. Da Croce di Magara percorrendo la vecchia statale 107 si attraversano i villaggi rurali della Sculca e di Righio, qui si trova una Torre, ancora in ottimo stato di conservazione tanto da non dimostrare l età che ha, fu costruita prima del La Torre fu costruita per motivi di controllo e di difesa del territorio. L aspetto del torrione, le feritoie, le grate, la disposizione delle aperture, confermano l atteggiamento difensivo di chi l ha voluta e costruita. La torre ha di fronte leggeri rilievi, per metà coltivati e per metà rimboschiti, oltre i quali c è il lago di Ariamacina Il lago Ariamacina è una zona lacustre e umida montana di interesse erpetologo ed ornitologico, è un sito di sosta migratoria di specie ornitiche palustri, ed uno dei pochi siti di nidificazione dello svasso maggiore. Nell'Ottobre del 2002 nell'area del lago di Ariamacina è stata istituita da Legambiente l'oasi Naturalistica omonima in quanto la zona rappresenta un sito importante per la tutela degli uccelli migratori che periodicamente passano o stazionano nella palude. Introno ai villaggi si estendono i campi coltivati a patate ed ortaggi ed operano alcune note aziende agrituristiche. Proseguendo si raggiunge la stazione ferroviaria di San Nicola Silvana Mansio la stazione più alta d Europa a scartamento ridotto. Ad un Km dalla stazione sorge la frazione di Silvana Mansio del

15 comune di Serra Pedace adagiata a metri di altitudine tra i distesi pianori della Sila è una piccola e graziosa località turistica, caratterizzata dai piccoli chalet di montagna tutti completamente in legno. Ritornati sulla SS 107 si raggiunge la località Garga del Comune di san Giovanni in Fiore. Nella zona sono presenti qualificate strutture agrituristiche, alberghiere e di produzione del caciocavallo silano Dop e della patata Igp.. Da Garga si prosegue per i villaggi rurali di Rovale e Pino Collito e quindi il lago Arvo e la località di Lorica. Tra le località montane più suggestive e pittoresche della Sila, Lorica è un piccolo villaggio di boscaioli adagiata sulle sponde del lago Arvo. Lorica è definita la perla della Sila per i suoi paesaggi rimasti ancora incontaminati e selvaggi. Lorica si trova a metri di altitudine in una posizione interna e defilata rispetto alle grandi vie di comunicazione stradale, e questo in realtà l'ha preservata dal turismo di massa e dall'assalto edilizio, conservandone l'ambiente ancora oggi integro, capace di paesaggi stucchevoli. Da un punto di vista ambientale la valle di Lorica, attraverso la quale il paese di San Giovanni in Fiore si collegava alla città di Cosenza, è una splendida valle di boschi bellissimi di pino laricio che si estendono intorno al lago Arvo e che, in alcuni punti, forma dei veri fiordi che fanno assomigliare il panorama ai migliori panorami alpini. Oltre i metri di altitudine e fino ai metri del monte Botte Donato,

16 regna il faggio secolare che, nei mesi autunnali, tinge il verde delle sempreverdi conifere con colori struggenti come il rosso e l'arancio. Lorica è rinomata stazione sciistica. In località Cavaliere ai piedi del monte Botte Donato, si trova l'omonima stazione dotata di efficienti impianti di risalita, uno dei quali conduce alla vetta del monte fino a metri di altitudine, da dove si gode una superba veduta complessiva sull'intero Altopiano della Sila. Nelle giornate limpide è possibile vedere il digradare dei monti sino a scorgere il mar Ionio. Sempre in cima al monte Botte Donato, sul versante occidentale si diparte la temuta pista della Valle dell'inferno, breve ma ripidissima, sede di gare ufficiali dello sci alpino. Alla stazione del Cavaliere, oltre alla principale pista da sci di Lorica, è presente anche una piccola pista di bob fisso. In località Carlo Magno, la Comunità Montana Silana, ha realizzato un impianto per lo sci di fondo, collocato in un paesaggio molto suggestivo lontano dalle località abitate. Indicare le attività che si vogliono mettere in campo a livello locale A livello locale si intende organizzare una manifestazione annuale nel mese di settembre-ottobre (mese di raccolta delle patate e dei funghi) dal titolo Lungo le sponde dei Laghi Silani, viaggio sensoriale nelle eccellenze agro-ambientali. Nei primi due week-end si prevede l organizzazione in due tappe di un itinerario che copre l intero territorio selezionato (da Camigliatello a Croce di Magara e da qui a Lorica), concepiti per offrire ai partecipanti la possibilità di stimolare il loro sistema sensoriale in rapporto ai prodotti tipici, la patata ed il caciocavallo, ed ai luoghi di produzione. Ogni tappa che si snoda lungo i percorsi, appositamente pubblicizzati con cartellonistica e materiale informativo, prevede la sosta nei luoghi di interesse naturalistico individuati e nelle aziende di produzione, trasformazione e commercializzazione con degustazioni e vendita diretta. Negli agriturismi e nei ristoranti selezionati saranno preparati menu a prezzo fisso attraverso la reinterpretazione di ricette tradizionali che utilizzano tra gli ingredienti la patata silana e gli atri prodotti tipici (formaggi, salumi, funghi), Nel terzo fine settimana si intende organizzare un evento espositivo dal titolo Terra & Sapori, expo dei prodotti tipici dell agro-alimentare di qualità, per promuovere la patata IGP ed il Caciocavallo DOP e le altre produzioni biologiche e certificate del territorio, da allestire all interno del Centro sperimentale dimostrativo dell ARSSA in c.da Molarotta di Spezzano della Sila. Con la partecipazione delle aziende del settore e l organizzazione di seminari e convegni tematici. Soggetti pubblici e privati e operatori che si intendono coinvolgere per la promozione del prodotto tipico, indicandone le motivazioni nonché le azioni che si intendono sviluppare per favorire il loro coinvolgimento, nonché il ruolo che andranno a svolgere Saranno sicuramente coinvolti i Comuni di Spezzano della Sila, Celico, Spezzano Piccolo, Pedace, Serra Pedcae San Giovanni in Fiore, i cui territori sono interessati al percorso, il Paco Nazionale della Sila, l ARSSA, i Consorzi di Tutela delle produzioni individuate, le associazioni dei produttori e delle fattorie, le associazioni di promozione del settore turistico rurale. Tra gli operatori pubblici, i consorzi e le associazioni rappresentative verrà sottoscritto col Gal un protocollo di intesa per la costituzione di un partenariato per l attuazione del progetto. Saranno, inoltre, scelti un gruppo di operatori privati da coinvolgere nel progetto, garantendo la presenza delle aziende più rappresentative ai fini della costruzione di un prodotto turistico d eccellenza: strutture ricettive, ristoratori, agriturismi, fattorie didattiche, aziende di produzione e trasformazione certificate. Privilegiando le aziende già beneficiare di misure del PSL e sottoscrittrici della Convenzione di Qualità predisposta dal Gal. Al fine di selezionare il gruppo di operatori maggiormente maturi turisticamente, le aziende locali saranno invitate a presentare una manifestazione di interesse attraverso la compilazione di un questionario, appositamente redatto, attraverso il quale valutare le caratteristiche intrinseche delle stesse, sia in termini strutturali che di capitale umano coinvolto.

17 Ogni soggetto coinvolti avrà un ruolo attivo nelle diverse tappe del percorso. Soggetti pubblici e privati e operatori che si intendono coinvolgere per la promozione del progetto complessivo e delle altre "risorse, indicandone le motivazioni nonché le azioni che si intendono sviluppare per favorire il loro coinvolgimento, nonché il ruolo che andranno a svolgere Sarà necessario coinvolgere nel progetto complessivo il Paco Nazionale della Sila, l ARSSA, la Provincia di Cosenza, la CCIAA di Cosenza, le associazioni dei produttori agricoli. Per le evidenti competenze che tali soggetti hanno maturato in tema di promozione e valorizzazione dei prodotti tipici del territorio. Il tavolo di coordinamento del progetto complessivo insieme all Adg ed al Dipartimento Agricoltura dovrà costituire con questi ed altri soggetti pubblici e privati un partenariato per l attuazione del progetto, individuando per ciascuno di loro il contributo che potranno dare per la buona riuscita dell iniziativa. Specificare eventuali fabbisogni del Gal in materia di cooperazione (attività formativa, ecc.) Specificare eventuali fabbisogni per la realizzazione delle attività sul campo, indicando quali potrebbero essere svolte in comune con le altre aree (formazione, creazione di reti, eventi, studi, ecc.) Il sistema di offerta tipica ha visto crescere notevolmente la propria rilevanza all'interno dell'economia agricola in quanto reputato un fattore critico di sviluppo delle economie locali. I prodotti agro-alimentari tipici, infatti, al pari delle risorse culturali o della bellezza del patrimonio paesaggistico di un territorio, costituiscono uno strumento di crescita economica e turistica delle zone d'origine. La valorizzazione di produzioni agro-alimentari di qualità non solo viene ormai riconosciuta come una variabile chiave per lo sviluppo delle zone rurali ma è anche diventata una filosofia che ispira specifici comportamenti di consumo. Questi grandi mutamenti richiedono una grande capacità di adeguamento e trasformazione da parte delle imprese agricole, sia sotto l aspetto strutturale che gestionale. Per l effettiva praticabilità del progetto complessivo occorre partire dal riconoscimento di standard comuni di qualità in grado di soddisfare un turista/visitatore sempre più esigente, attento alle varie sfaccettature della qualità percepita ed informato, anche e sempre di più grazie ad Internet. Tali standard non potranno basarsi sulle classiche forme adottate per le strutture alberghiere o extralberghiere, peraltro in fase di cambiamento, ma su parametri capaci di offrire al turista elementi di qualità identitaria legati ad una pluralità di elementi, quali la qualità architettonica, l accoglienza, la conoscenza del territorio, l offerta delle tipicità locali, la disponibilità di nuovi servizi territoriali. E necessaio pertanto innanzitutto di armonizzare le varie forme di classificazione delle strutture produttive e turistico-ricettive adottate dai vari GAL, a partire dal settore agrituristico, per poter concorrere a formare un sistema di garanzia di qualità e tipicità. Questo sistema potrà in seguito essere implementato fino a comprendere altre tipologie di strutture e servizi e potrà prevedere la concessione del marchio di qualità comune. Trattandosi di un offerta di un prodotto selezionato e classificato, sarà necessario mettere a disposizione di operatori in forma associata un percorso di certificazione condiviso territorialmente che definisca a livello centralizzato (quindi in modo condiviso) le linee guida (gli standard, le procedure ed i criteri), mentre la selezione, la costruzione e l organizzazione dei prodotti/itinerari turistici da promuovere e veicolare verrà effettuata a livello locale, sulla base di tali linee guida e di un sistema informativo anch esso condiviso, che metta a sistema sfruttando economie di scala informazioni, competenze, opportunità. Tale sistema integrato di accoglienza andrà a collocarsi sul mercato come un prodotto unitario garantito e certificato, attraverso l individuazione:

18 - di un sistema uniforme di classificazione e certificazione delle strutture azoendali-turistico-ricettive dei territori dei GAL in base a requisiti e criteri condivisi, fino a pervenire ad un unico marchio di qualità dell offerta turistica locale; - di un sistema centralizzato di gestione delle informazioni (eventi, offerta ricettiva e disponibilità, pacchetti turistici, offerta di prodotti e servizi complementari, e successivamente delle prenotazioni per via telematica, che utilizzerà le piattaforme informatiche più idonee e che verrà gestito da un soggetto ad hoc, selezionato dai GAL con procedure di evidenza pubblica; - di più canali e forme di comunicazione non convenzionali e a minor costo rispetto agli strumenti ed ai mezzi tradizionali, per la veicolazione dei prodotti/pitinerari turistici, grazie anche ad un lavoro preventivo di condivisione fra i diversi partner delle migliori pratiche relative all utilizzo dei new media, pratiche che tutti i partner coinvolti potranno applicare per una promozione efficace ed efficiente del proprio territorio e delle proprie strutture. Risorse umane GAL dedicate all esecuzione del progetto e breve descrizione del ruolo e delle competenze. Alla realizzazione del progetto parteciperanno le risorse umane a disposizione del Gal. Il Direttore Francesco De Vuono, a tempo pieno, il R.A.F. per le attività di rendicontazione e monitoraggio, e le due unità lavorative dipendenti della struttura amministrativa. Inoltre, collaboreranno a tiolo di contributo volontario il Sig. Franco Abbritti, membro del Comitato direttivo del Gal e dipendente del Dipartimento Agricoltura della Provincia di Cosenza ed il Dott. Michele Santaniello, Agronomo libero professionista, e consulente del Consorzio Produttori Patate Altopiano Silano. ESPERIENZA DEL GAL NELLA TEMATICA TRATTATA DAL PROGETTO ovvero promozione prodotti tipici e promozione delle risorse territoriali. Il Gal della Sila è un Gal nuovo, ma Sila Sviluppo Scarl, capofila amministrativo e finanziario, ha una esperienza ultradecennale nella programmazione territoriale e nella progettazione integrata. Oltre a curare la gestione delle iniziative e dei progetti afferenti strettamente al Patto Territoriale Silano, ormai in via di completamento, ha avviato la programmazione e la realizzazione di progetti di sviluppo e di servizi aggiuntivi, configurandosi così come Agenzia di sviluppo Locale. La Società ha contribuito alla realizzazione del Distretto Rurale della Sila, che è stato individuato ed istituito dalla regione Calabria con delibera del Riguardo alla valorizzazione del prodotti tipici negli anni scorsi Sila Sviluppo ha organizzato a Camigliatello Silano la manifestazione Terra & Sapori, Expo dei prodotti tipici dell agroalimentare di qualità nell area espositiva sono stati allestiti 21 gazebo che sono stati occupati da altrettanti espositori. In adempimento alle finalità progettuali sono stati invitati alla manifestazione prevalentemente aziende produttrici aventi un marchio di qualità (DOP, IGP e STG, Biologico), operanti nel territorio Silano e regionale. Di seguito l elenco dei partecipanti: 1. Coop Suino Nero Acri; 2. Grillo Saverio Lagarò Celico 3. De Grazia Alfredo Baracchelle Appigliano 4. Cozac Paino Lago 5. Le Conche Acri 6. Abbruzzese Salvatore Acri 7. Liquori Moliterno Altomonte 8. Mastro Birraio di Calabria Santa Sofia d Epiro 9. F.lli Mancina San Giovanni in Fiore 10. Chiodo Francesco - Panettieri

19 11. Patitucci Tarsia 12. Caseificio Biafora San Giovanni in Fiore 13. Mele Davide - Celico 14. New Agrical Campana 15. Vini Garrubba Melissa 16. F.lli Patrone Acri 17. Mieleria Sposato Acri 18. Le delizie di Marianna Costanzo Barracchelle Aprigliano 19. Casentino Bernardo - Camigliatello Silano 20. Salumificio Madeo San Demetrio Corone 21. Consorzio Patate Altopiano Silano Camigliatello Attraverso Terra & Sapori si è raggiunto un primo obiettivo di raggruppare in un unico evento il meglio delle tipicità agro-alimentari del territorio (come ad es. la patata, i formaggi, i salumi, le castagne, l olio, il vino, ii funghi, i frutti del sottobosco, i liquori e distillati, i prodotti da forno e da pasticceria, le confetture ecc.) con lo scopo di valorizzarli garantendo loro un aumento di visibilità, facendone da un lato la base di partenza per il potenziamento del turismo eno-gastronomico al fine di recuperare la tradizione e la cultura locale ma anche di inserirli nei moderni circuiti di valorizzazione economica, attraverso forme tecniche ed organizzative appropriate. RISORSE FINANZIARIE DESTINATE AL PROGETTO DI COOPERAZIONE INFRAREGIONALE QUOTA PUBBLICA QUOTA PRIVATA TOTALE , , ,00 TOTALE DOTAZIONE MISURA 421 QUOTA PUBBLICA QUOTA PRIVATA TOTALE , , ,00

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE ::Lago di Carezza:: :: Caratteristiche: i primi 200 m dopo l'albergo Lärchenwald (Gummer - S. Valentino) sono piuttosto ripidi, quindi si prosegue su strada forestale con discreti saliscendi fino al Passo

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

C era una volta... Nel castello di Roccabisaccia è un giorno di festa tutti sono contenti perché è finalmente pace con i vicini del regno, dopo una guerra lunga dieci anni! Re Baldassarre medita di preparare

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli