Vademecum per la collaborazione tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vademecum per la collaborazione tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana"

Transcript

1 Vademecum per la collaborazione tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana 1

2 La carità è il dono di Dio per una Chiesa autenticamente missionaria Lo stile con cui l AC intende definire in termini progettuali la collaborazione con la Caritas è prima di tutto uno stile di comunione e si ispira ad alcune grandi scelte fatte nel documento programmatico dei vescovi italiani Comunicare il vangelo in un mondo che cambia e nella assemblea dell AC che ha aperto il triennio Dicono infatti i nostri vescovi:.resta sempre attuale la necessità di pensare che ogni attività e- vangelizzatrice è per sua natura indirizzata verso una concreta testimonianza della carità e che in ogni azione di carità va resa evidente la sua identità profonda di rivelazione dell amore stesso di Dio. In questo modo si fanno emergere le radici trinitarie e cristologiche della carità, per cui il vangelo di Gesù è servizio di carità e la vera carità è il dono del vangelo. (CVMC n. 62) Nella assemblea dell AC uno dei punti fondamentali è stata la scelta della missionarietà che si gioca soprattutto nella carità. Un'AC missionaria è un'ac che si pone dalla parte di tutti coloro che oggi sono poveri di speranza, di senso, di certezze... E se la scelta degli ultimi consentirà a tutti una migliore qualità di vita (cfr La Chiesa in Italia e le prospettive del Paese, n 4), la scelta di camminare a fianco di coloro che nella fede camminano con fatica consentirà a tutti di maturare in una vita cristiana più consapevole, meno lontana dall esistenza, più capace di reinterpretarsi a partire dalle domande di essa. La missione prenderà il nome di condivisione: della ricerca, del cammino, delle sofferenze, dei dubbi. Solo trovando una nuova carica di dedizione al vangelo e alle persone l associazione troverà nuove e- nergie anche per rigenerarsi, come accade alle realtà adulte che si esprimono nella loro maturità dedicandosi ad altro da sé. Un'AC missionaria è dunque disposta a camminare al fianco dei poveri di oggi, ad accoglierli nelle relazioni di ogni giorno, quelle che li fanno incontrare come vicini di casa o come colleghi di lavoro; come compagni di scuola o di svago E un'ac che sa condurre con tutti relazioni cariche di umanità, di attenzione, di ascolto, di silenzio o di parola; sapendo intessere dialoghi di umanità significativi, fatti per condividere, per essere vicino, per esprimere fraternità; per dire che siamo tutti figli di un Dio che ama ogni uomo Laicità è solidarietà con il proprio tempo, è interesse e attenzione ai problemi della società di oggi, guardati con lo sguardo dei più deboli; è disponibilità a dire con la parola, con i gesti, con lo stile personale i valori della vita umana e quelli di una convivenza civile; è impegno a educarsi a giocare la propria parte nella società, per costruire un tessuto di relazioni a misura delle persone e delle loro esigenze. Laicità è dunque educarsi a vivere nella società con responsabilità, con libertà, con capacità di iniziativa. Anche la Carta Pastorale della Caritas sottolinea che la carità è dimensione essenziale di una Chiesa in missione, dovunque e comunque la missione si attui: dal territorio di vita e testimonianza quotidiana, fino all'angolo della terra più lontano e all'ambiente di vita più problematico (n. 29). Per attraversare come cristiani questo tempo occorre stare in ascolto del Signore che parla, stare in silenzio davanti a Lui, stare dentro questo tempo. Queste tre forme dello stare dicono il profilo di una fedeltà al Signore oggi, alla sua parola nella storia, alla sua strada. E a partire dall essenzialità di queste tre forme dello stare che è possibile individuare il profilo di una vita cristiana che valga per questo nostro tempo. Non sono forme facili: esse chiedono totale gratuità e disponibilità a vivere in perdita di sé, ma sono l unico modo secondo cui vale la pena di essere cristiani: quello cui il Papa dà il nome di santità: oggi si può pensare di essere cristiani solo nella prospettiva della santità: cioè di una scelta di vita forte, radicale, personalmente motivata: una scelta che costituisca il cuore dell esistenza personale. Solo a questa condizione oggi vale la pena di essere cristiani. Solo a condizione di fare sul serio. La vita cristiana, per recuperare una misura alta, deve recuperare il senso dell amore che lega ogni persona al Signore, cuore e segreto dell esistenza. La fede diviene così la storia di un personale rapporto con il Signore e non rischia più di identificarsi con la pratica, con i comportamenti o le abitudini essa diventa esperienza viva e raccontabile, dentro una storia personale. Questa fede porta un profumo nel mondo: quello dell amore dato in risposta ad un amore che ci ha conquistato. Così la santità dà visibilità alla fede, consente anche ai nostri fratelli di incontrare il Signore attraverso le nostre persone. Perché questa santità è prima di tutto l amore di Dio in noi, la carità. Vera carità cristiana ed ecclesiale è quella che evangelizza mettendo in luce un amore che è da Dio e del suo Re- 2

3 gno; questa carità, anche in situazioni in cui per vari motivi non c'è annuncio esplicito di Gesù Cristo, è sempre portatrice di senso, ulteriorità, speranza, apertura e liberazione per la vita di ogni persona che incontra. (cfr. Carta pastorale della Caritas n.29) Vorremmo continuare a mantenere un atteggiamento pensoso davanti alla vita e alla società; aiutarci e aiutare a leggerne i problemi ma al tempo stesso anche i segni di speranza che continuano ad essere presenti anche oggi: in tutte le persone che nella complessità della vita di oggi sanno continuare a fare con onestà il loro dovere. Sono le persone che con gratuità sanno operare per alleviare le sofferenze dei più deboli; sono coloro che operano, sperano e pregano per la pace; sono coloro che non smettono di tessere i fili della solidarietà e della comunicazione perché la fraternità tra le persone e tra i popoli non resti un utopia. Sappiamo che di persone così anche nella nostra storia di oggi ce ne sono non poche; in loro vediamo fiorire come per miracolo il futuro della nostra società. La scelta della formazione è qualificante l Azione Cattolica e la Caritas Dicono i vescovi nella lettera all Azione Cattolica: Occorre pensare a livello parrocchiale o interparrocchiale, zonale o diocesano a luoghi significativi e a momenti forti di formazione, per alimentare il cammino di fede dei soci, da offrire all occorrenza anche a coloro che hanno fatto scelte di servizio nella comunità ecclesiale o civile (lettera n. 3) Per questo ogni nostra collaborazione deve sbilanciarsi dalla parte delle motivazioni, delle ragioni della nostra fede, della conversione dei nostri atteggiamenti. Tutto questo si chiama formazione, che è alimentare e far crescere l esperienza religiosa delle persone, è motivarla in modo sempre più approfondito per offrire le ragioni della vita, che danno felicità vera ad ogni persona e renderla una risorsa per la Chiesa e per la società. La formazione è il momento e il luogo in cui insieme si ascolta la vita e si interroga la fede. Insieme come laici, come credenti, come persone interessate a condividere un cammino di fede. All interno del grande compito della chiesa di annunciare la verità, l AC e la Caritas si incaricano soprattutto di accompagnare i percorsi personali verso la verità, quelli della e per la vita; di assumere i percorsi dei credenti più deboli e più in difficoltà, quelli che insieme al desiderio della fede portano anche tante domande, dubbi, fatiche In particolare, l AC e la Caritas assumono la fatica di tenere insieme la fede e la vita di ogni giorno cercando di animare luoghi nei quali sia possibile condividere il dialogo e la fraternità. La formazione è esperienza aperta e ospitale verso quanti desiderano condividere percorsi, cultura, stili, proposte si rivolge a tutti coloro che desiderano compiere un percorso di fede o di ricerca, anche sui grandi temi della vita. Si caratterizza per uno stile di accompagnamento personale, nell ascolto del Signore che opera nelle coscienze; valorizza la comunicazione della fede anche nella sua dimensione di testimonianza personale. La collaborazione La collaborazione tra Azione Cattolica e Caritas non nasce oggi, ma oggi vuol prendere maggior slancio su alcune linee già tracciate sia dalla Caritas che dall AC. La pastorale della carità, al momento di proporsi come servizio alla crescita della comunità, non può oggi non tenere conto di atteggiamenti che qui proviamo ad elencare, quasi tracciando i criteri sottostanti alle azioni da impostare: puntare a uno stile di prossimità che privilegia la relazione umana, la compagnia, la presa in carico, l empatia, la condivisione come traduzione della legge dell incarnazione: il Dio in cui crediamo, che è in sé relazione trinitaria, ci raggiunge attraverso relazioni che ce ne rivelano l amore; ne consegue l esigenza di dare attenzione alla persona come soggetto e fine 3

4 di ogni intervento: ogni persona è mistero, ogni vita è dono e tutti siamo affidati gli uni a- gli altri; favorire la cura delle relazioni familiari, amicali, di buon vicinato, di appartenenza sociale e culturale perché la persona sia aiutata nella presa di coscienza attiva della propria identità e ricchezza e sia messa in grado di stabilire relazioni costruttive, dialogiche, armoniose; promuovere partecipazione al momento di studiare e decidere iniziative educative, culturali, formative, informative, ricreative attraverso un attenta e rispettosa consultazione di soggetti/destinatari e uno stile di coinvolgimento delle persone e delle agenzie del territorio; lo stile è quello di pensare, definire e verificare progetti comuni adeguati, rispettosi delle varie peculiarità, diversità e pluralità; favorire nella comunità l educazione esperienziale alla partecipazione e alla corresponsabilità, maturando una sussidiarietà diffusa anche negli stili e nei comportamenti; far sì che partecipare significhi effettivamente sentirsi parte, giocare ciascuno il proprio ruolo con libertà e responsabilità; aiutare la comunità parrocchiale a ricomprendersi quale soggetto di cittadinanza territoriale che si confronta in rete con i diversi soggetti della società civile intorno alla costruzione - ciascuno per la propria parte di responsabilità e competenze - di risposte alle istanze comunitarie. I cristiani diventano così ricostruttori sociali di legami forti, di patti tra cittadini, ricollocando al centro i più deboli, superando pietismi e assistenzialismi e puntando decisamente all autopromozione, al protagonismo responsabile. In tale prospettiva molte attenzioni e impegni, a partire dal volontariato, diventano risorsa che valorizza il capitale umano che ogni persona è; allargare l attenzione e gli interessi della comunità e dei singoli oltre l immediato, verso gli orizzonti del Regno ; ciò significa rispetto delle persone e maturazione profonda del senso della vita e del valore della pace. In concreto: azione politica e sociale mossa dalla passione per la giustizia; stili di vita personali e familiari improntati ad accoglienza, sobrietà ed essenzialità; attenzione all ambiente come impegno pedagogico e fattivo di salvaguardia e di armonia col creato. (cfr Da questo vi riconosceranno : la Caritas parrocchiale n 24) Sintesi dell intervento di Paola Bignardi al I Seminario ACI-Caritas Educare alla carità, cuore della missionarietà laicale - missionarietà laicale: i laici battezzati sono chiamati ad essere missionari - c è una forma tipica della m.l. legata allo specifico della vocazione laicale; l accento si pone sulla dimensione della vita quotidiana e della vita dentro il mondo, dentro la vita di tutti 1. il laico parla del vangelo attraverso lo stile della sua vita, prima che con le parole 2. la via privilegiata della missionarietà laicale è l umanizzazione 3. anima della missionarietà è la carità in quanto dimensione essenziale e costitutiva della vita cristiana (non un segmento, ma il cuore della vita cristiana) 4. questa vita cristiana (una vita di carità) si manifesta attraverso uno stile che si vede, che si incontra nella vita ordinaria quotidiana Alcuni nomi di una vita di carità nella vita di ogni giorno Carità è: - ascolto: faccio posto dentro di me a quello che tu vuoi dirmi di te - accoglienza: accetto di accoglierti dentro di me per toglierti dalla tua solitudine (ti faccio posto dentro di me, nella mia vita, nella mia attività, nel mio tempo ) - relazione: disponibilità a perdere tempo con l altro (gratis, senza ritorno) - perdono: faccio in maniera unilaterale un passo verso di te, qualunque sia la storia che ci precede - solidarietà: la tua sorte è la mia, il tuo destino è il mio, i tuoi affari sono anche i miei - responsabilità verso l altro: so che devo rispondere della tua vita, so che devo cercare di non cadere nell inganno di Caino, e devo avere il riferimento in Gesù; la tua vita mi sta a cuore 4

5 - competenza: noi facciamo bene quello che dobbiamo fare (il mio lavoro, ) In tutto questo non c è niente di eroico, si può fare tutti i giorni. 5. Solo l incontro con il povero può educarci ad una vita di carità (cfr. Lc 16 Il ricco epulone) Questo uomo ricco: - aveva una vita agiata, ma non faceva niente contro Lazzaro - viveva pago delle sue ricchezze, così pago che non si accorgeva del povero alla sua porta ricco = cieco, dinanzi al povero e a Dio, incapace di accorgersi di cose che sono fuori di sé Possibili lezioni: - noi possiamo vivere la nostra umanità solo se ci accorgiamo dei tanti Lazzaro che vivono sulla porta della nostra casa, fino a quelli che ci sono così vicini da potersi cibare delle briciole della nostra mensa; - l incontro con Lazzaro ci educa solo se acconsentiamo a che sia un incontro che ci cambia la vita, nella sua concretezza; - il volto del povero rivela il volto del Signore (cf. Mt 25); così, l incontro con il povero non solo ci cambia la vita, ma ce la salva; 6. L incontro con il povero (per toglierci la cecità e l indifferenza) deve avere alcune caratteristiche - legato alla normalità della vita quotidiana; - portarci a stabilire un legame; - concreto; - deve sollecitare la creatività della nostra vita; L impegno dell AC Premessa: qualche anno fa questo seminario l AC non lo avrebbe mai fatto (a seguito di una certa interpretazione della scelta religiosa) Cinque affermazioni: 1) oltre le parole sui poveri 2) deve passare anche attraverso gesti concreti, che ci riguardano come persone, come famiglie, come associazione (Es: Io adotto un nonno, una famiglia adotta una coppia in difficoltà, adotto un bambino in difficoltà ) a. oltre la visita ai poveri a Natale, b. gesti organici, c. gesti vissuti nella consapevolezza che c è bisogno di un legame con chi è nella debolezza per vivere nella carità ogni giorno 3) imparare a vivere una vita di carità ogni giorno 4) uno sguardo di predilezione per i più deboli 5) sapendo dare parole ai gesti (passando dal gesto alla cultura, dal gesto alla narrazione, dal gesto al significato del gesto) N.B.: la compromissione col povero non può essere un affare dei giovani (anche se i giovani ne hanno bisogno per la loro formazione); ma gli adulti, sistemati nelle loro ricchezze, hanno bisogno di realizzare l incontro col povero che tiene desta la chiamata a vivere l amore come tessuto della vita di ogni giorno Sintesi dell intervento di Mons Vittorio Nozza al I Seminario ACI-Caritas Il volto che assume una comunità cristiana - una comunità di comunione, partecipazione, corresponsabilità Impegni: - Cura dei luoghi pastorali della comunità, solitamente preposti per costruire comunione, partecipazione, corresponsabilità (cf. Da questo vi riconosceranno n 21): consiglio pastorale 5

6 parrocchiale, consiglio per gli affari economici (luogo della comunione dei beni), i ministeri istituiti e di fatto, la famiglia, le diverse espressioni associative, i luoghi della aggregazione ed i luoghi della accoglienza (cf. Convegno di Palermo) - Cura e attenzione verso le mete a cui dobbiamo tentare di indirizzare la nostra attenzione: o l amore annunciato e celebrato ha bisogno di una traduzione che non può essere delegata a nessuno; o rendere ragione di un Dio che è amore; o il povero ci evangelizza (cf. Lo riconobbero nello spezzare il pane n. 2 - Poveri e Vangelo si illuminano a vicenda ) o la carità sta al centro del Vangelo e costituisce il segno che induce a credere al Vangelo - Attenzione agli stili ed alle scelte di vita (dal dono di cose al dono di sé) Stile di prossimità Cura di relazione primarie Partecipazione nelle decisione Sentirsi presenza di cittadinanza che assume il territorio Prospettiva del Regno - Scelta di stare nei fatti per educare attraverso i fatti Rapporto tra comunità cristiana e territorio 1) siamo chiamati ad essere nel territorio per costruire comunione ( vi riconosceranno se vi amerete ) 2) riscoprire la solidarietà quotidiana (risvegliare le 14 opere di misericordia corporale e spirituale); se questa riscoperta si realizzasse, si creerebbe il contesto giusto per una carità di popolo 3) capacità di coniugare insieme carità e giustizia, che implica la disponibilità all impegno politico 4) diverse forme di volontariato: gesti di gratuità che dicono con continuità la volontà di stare nel volontariato come palestra di stili e scelte di vita 5) la cura di opere-segno, che diventano nel tempo il luogo dell educare alla carità nella comunità Scelte prioritarie di Caritas 1) esigenza di un approfondimento teologico e culturale sulla dimensione della testimonianza della carità 2) ritorno alla politica (forma più alta di testimonianza della carità a servizio degli altri) 3) formazione, pensata, vissuta ed espressa come cammini di cambiamento, forza che va a cambiare, a modificare 4) l educazione dei giovani alla pace, alla giustizia e alla carità 5) l assunzione di una scelta di una spiritualità di povertà (dove anche il modo di ascoltare la Parola si trasforma); a. dove si costruisce il dono di sé b. che non demorde di fronte a qualsiasi vita, anche distrutta c. che usa le cose ma non si lascia condurre da esse Quale parrocchia 1) che osserva e conosce i poveri, in modo che questa conoscenza provochi tutta l azione pastorale 2) che educa alla solidarietà, che fa fare esperienze possibili, vicine 3) che concretamente solidarizza con i poveri 4) che collabora (con istituzioni, organismo del territorio, con gli altri soggetti di una rete territoriale) 6

7 Un programma di lavoro comune La Caritas è un organismo ecclesiale che non ha finalità propria e autonoma; persegue invece una finalità globalmente e totalmente ecclesiale; in altre parole non lavora per sé, per il successo della Caritas, ma per contribuire a dare il volto, il sapore, il senso della carità cristologica e trinitaria a tutta la Chiesa (cfr. Carta pastorale 24). L Azione Cattolica non è una aggregazione ecclesiale tra le altre, ma un dono di Dio e una risorsa per l incremento della comunione ecclesiale nello steso tempo il carisma dell Azione Cattolica fa di essa una vera espressione di laicati adulto e maturo, del quale la chiesa italiana ha urgente bisogno per attuare la conversione missionaria della pastorale. (cfr lettera dei vescovi all AC n.4) Fedeli alle finalità statutarie di entrambi gli organismi, infatti, il centro delle nostre attenzioni è il servizio alla chiesa locale. La vitalità della parrocchia, luogo di testimonianza e di missione, è certamente una sfida pastorale decisiva. La parrocchia è il luogo familiare dove la memoria di Gesù è narrata, accolta, celebrata e condivisa (Da questo vi riconosceranno, n 7). La necessità di un autentica Chiesa tra le case della gente, che possa, attraverso la missione e la corresponsabilità dei fedeli, annunciare il Cristo ad ognuno, richiede sempre un rinnovamento della pastorale a partire da un profondo spirito di comunione. E' su questo terreno dell'identità e della missione delle comunità cristiane locali, riunite intorno alla celebrazione dell'eucarestia, che si potranno delineare percorsi comuni tra Caritas e AC. In questo senso i gruppi di AC (che hanno nella parrocchia il luogo privilegiato di vita) e le Caritas parrocchiali possono suscitare sinergie nuove e contribuire ad una maggiore comunione a partire dalla vicinanza ai più deboli. Entro l orizzonte sopra delineato, entro i programmi che la Caritas ha avviato nel suo servizio ordinario e straordinario alle comunità cristiane, entro le decisioni della XI assemblea in cui l AC si è impegnata a: proporre ogni anno una iniziativa che annunci in maniera creativa e visibile i valori della pace, della solidarietà con i poveri, dell educazione, della giustizia, in rapporto anche alle esigenze del territorio. a dare valore ad alcune esperienze di servizio senza le quali è impossibile, soprattutto alle nuove generazioni, apprendere dimensioni essenziali della vita cristiana. a dar vita annualmente alla settimana della carità, dedicata a un concreto impegno di solidarietà. AMBITO FAMIGLIA Dalle Linee guida per la collaborazione tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana Le famiglie, luoghi di solidarietà Sempre sul fronte del rinnovamento della vita cristiana, e in particolare nella rinnovata attenzione pastorale alla famiglia, possono essere valorizzate, anche al di là degli spazi associativi, le molte esperienze di nuovi stili di vita, di famiglie aperte ed accoglienti. A dieci anni dalla pubblicazione del direttorio per la pastorale famigliare è importante approfondire la missione della famiglia nella Chiesa, aiutandola a vivere la sua soggettività ecclesiale originale e specifica e la sua partecipazione allo sviluppo della società. Se la famiglia diventa soggetto della vita di carità si possono affrontare anche tanti problemi concreti di aiuto vicendevole, di accoglienza dei poveri, di sensibilizzazione alle nuove povertà. Le stesse famiglie hanno bisogno di sperimentare la solidarietà di tutti nella fatica della loro quotidianità, nei traumi indotti dalla lacerazione della fedeltà coniugale, nelle famiglie divise, nelle separazioni, nelle fragili convivenze da far crescere verso decisioni più mature e responsabili.. Si può pensare un proficuo coinvolgimento di Azione Cattolica Italiana nel lavoro già iniziato da Caritas Italiana e Ufficio CEI per la pastorale della famiglia. Dalle sintesi per ambito del I seminario tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana Punti di forza: 7

8 - La consapevolezza, che va diffondendosi, che vede la famiglia come risorsa e non come problema - L accompagnamento della famiglia verso stili di vita quotidiani improntati alla solidarietà (ad esempio, amicizia tra coppie, l educazione ad aprire la casa ) - La diffusione di una cultura della solidarietà; si è sempre di più presenti, come famiglia, nella solidarietà della comunità - Il superamento del modello formativo dei corsi a favore dei percorsi - La diversità di tante esperienze presenti nelle realtà diocesane - La vita familiare come modello di solidarietà (che si allarga per cerchi concentrici oltre la casa) Possibili cammini comuni: A livello nazionale o favorire la conoscenza delle linee di fondo del Progetto famiglie solidali di caritas e ufficio CEI per la famiglia o un luogo di elaborazione e riflessione (in forma di laboratorio) da cui far emergere iniziative, proposte, progetti, sussidi A livello diocesano: o Riportare la famiglia al centro della pastorale ordinaria: attenzione alle famiglie nel momento dei sacramenti dei figli, attenzione ai giovani nella crescita vocazionale, attenzione alla coppia (serve un supporto preciso, valido, continuativo) A livello parrocchiale: - Parrocchia: Chiesa tra le case della gente. Questa prospettiva indica una parrocchia che deve andare verso le case, che non aspetta, una parrocchia fatta di case e di famiglie che la abitano - Spostare il baricentro della vita della comunità dall edificio del culto alle case - Formazione caritas parrocchiale secondo le prospettive conciliari. COSA PROPONE LA CARITAS SULLA FAMIGLIA Famiglie Solidali esperienze di solidarietà familiare nelle Diocesi Italiane «Oggi più che mai la famiglia è l epicentro di tutti gli avvenimenti sociali e culturali che investono le diverse popolazioni e l'intero contesto mondiale. In particolare, per questa sua centralità, è quasi sempre il contesto terminale in cui si riversano gli effetti gravosi dei piccoli e grandi drammi degli uomini. Così come è, di conseguenza, quello speciale consorzio umano in cui possono essere offerte le migliori risposte alla sofferenza delle persone. Gran parte delle storie di emarginazione, abbandono violenza e povertà affondano le loro radici nelle travagliate vicende di famiglie che, giorno dopo giorno, portano pesi troppo onerosi per le loro fragili risorse, con sempre meno probabilità di trovare sul loro cammino altre famiglie o servizi in grado di alleviarne le sempre più insostenibili fatiche». (cfr. Progetto CEI Famiglie solidali) Di fronte a questo quadro la Chiesa, nel suo compito di servizio all'uomo, è chiamata a riscoprire il ruolo e la vocazione speciale della famiglia cristiana come insostituibile nella sollecitudine verso le famiglie sofferenti. Caritas Italiana e l Ufficio Nazionale per la pastorale della famiglia hanno costruito e proposto, con il coinvolgimento dei rispettivi Uffici di alcune Diocesi individuate per una prima sperimentazione, un itinerario per lo sviluppo di esperienze quotidiane di solidarietà familiare per prevenire il disagio e riscoprire, attraverso i rapporti interfamiliari, la vocazione della famiglia ad essere soggetto ecclesiale di evangelizzazione e testimonianza della carità. L itinerario sarà concretizzato attraverso un programma operativo che prevede: una formazione specifica per le famiglie impegnate nel Progetto la costruzione di reti familiari 8

9 l attenzione alle famiglie più gravate da situazioni di disagio l attenzione alle famiglie di nuovo insediamento la promozione di stili di vita familiari solidali e responsabili rispetto alla gestione economica, all impegno civile organizzato, ad una solidarietà più ampia e universale. Un Gruppo Nazionale di Supporto, costituito da incaricati e coppie referenti per entrambi gli Uffici pastorali, conduce il programma operativo e offre sostegno alle Diocesi per individuare percorsi di condivisione del quotidiano delle famiglie, ricostruendone il tessuto relazionale e aprendole a nuovi spazi di cittadinanza. Partecipano al progetto: l Arcidiocesi di Palermo e le Diocesi di Reggio Calabria, Lecce, San Benedetto del Tronto, Pistoia, Cuneo e Como. Nel primo anno di avvio, dopo un approfondimento accurato con esperti, è emersa l'esigenza di un confronto diretto con le esperienze di solidarietà familiare già in atto nel nostro Paese. Il programma è stato poi presentato all approvazione dell assemblea permanente della CEI che ha stabilito l attribuzione di uno specifico contributo alle Diocesi impegnate nella sperimentazione. In ciascuna Diocesi è stato costituito un Gruppo diocesano di Supporto al Progetto composto dal direttore della Caritas diocesana, dal direttore dell Ufficio diocesano per la pastorale della famiglia, da loro incaricati ed esperti e da referenti delle comunità parrocchiali coinvolte. La seconda fase prevede in ciascuna delle parrocchie coinvolte l impegno di una famiglia per il coinvolgimento di altre famiglie. Fino a questo momento il Progetto si è sviluppato attorno alle seguenti tappe: febbraio 2003: incontro del Gruppo Nazionale di Supporto con i Gruppi diocesani e le prime famiglie coinvolte. marzo/settembre 2003: avvio di esperienze di servizio a persone e famiglie in condizione di grave emarginazione, con il coinvolgimento delle comunità parrocchiali. maggio 2003: verifica intermedia del percorso e incontro/confronto con esperienze di solidarietà familiare in atto in Italia. settembre 2003: incontro plenario con tutte le famiglie e gli operatori coinvolti nel progetto; avvio della seconda fase: l impegno di ciascuna famiglia già impegnata nel Progetto a coinvolgere altre famiglie. L esperienza sarà poi oggetto di verifica in un convegno unitario dei direttori delle Caritas diocesane e degli Uffici diocesani per la pastorale della famiglia. AMBITO FORMAZIONE Dalle Linee guida per la collaborazione tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana Per una formazione di qualità Ci troviamo di fronte ad una vera e propria emergenza educativa. Rispondendo all invito dei nuovi Orientamenti Pastorali insieme potremmo riflettere su cosa significhi per noi oggi educare, insistere sulla qualità della formazione rispondendo alle domande antropologiche evidenziate più volte all interno del progetto culturale orientato in senso cristiano alla ricerca di strumenti pastorali a- deguati. Di fronte alle molte sfide che ci riserva il futuro l'educazione appare un mezzo prezioso ed indispensabile che potrà consentirci di vivere i nostri ideali di pace, libertà, giustizia e solidarietà. Sempre di più, oggi, la formazione è ritenuta autentico baricentro dei sistemi socio-culturali, non solo come processo continuo di miglioramento delle conoscenze e delle abilità, ma anche, e soprattutto, come mezzo straordinario per accompagnare lo sviluppo personale e della coscienza degli uomini, tanto che si può ritenere l'educazione come un autentico volto dell'amore. Concretamente il tutto si può tradurre in schede (moduli di formazione) che, tenendo conto delle varie fasce d età (ragazzi, giovanissimi, giovani, adulti, terza età ), possano aiutare i destinatari a 9

10 riflettere sulla necessità di rinnovare l attenzione della comunità parrocchiale all animazione della testimonianza della carità in una prospettiva missionaria. Tali schede potrebbero essere pubblicate periodicamente dai rispettivi organi d informazione o integrate negli stessi testi formativi Un seminario di studio destinato ai presidenti diocesani di Azione Cattolica ed ai direttori delle Caritas diocesane potrebbe essere una periodica occasione di confronto e di rilancio dell azione educativa nelle rispettive realtà. Gli obiettivi possono individuarsi nel confrontarsi sulla memoria delle nostre realtà per cogliere le sfide che il presente ci pone. Dalle sintesi per ambito del I seminario tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana PUNTI DI FORZA: Centralità riconosciuta alla persona di Gesù ed al Vangelo, che implica la prospettiva di una contemplazione del volto di Cristo nel volto dei fratelli PUNTI DI FORZA RELATI VI ALL AC - il metodo esperienziale - la disponibilità al servizio educativo - la dotazione di strumenti adeguati e sperimentati - il radicamento nel territorio e diffusione fra tutti i ceti sociali - la prospettiva della formazione come carità intellettuale - l avvicendamento dei responsabili e, dunque, una progressiva disseminazione di alcune consapevolezze e scelte - l enfasi data alla spiritualità laicale - l educazione alla responsabilità - la valorizzazione delle relazioni educative (ed il valore attribuito all esperienza del gruppo) - la personalizzazione della formazione e l attenzione alle età e condizioni di vita PUNTI DI FORZA RELATI VI ALLA CARITAS - il metodo della pedagogia dei fatti - la dotazione di strumenti adeguati e sperimentati - presenza di testimoni e di iniziative esemplari - la storia e la tradizione della Caritas, che comporta, fra l altro credibilità ed affidabilità riconosciute - la prospettiva pedagogica della condivisione della vita del povero - la popolarità data dalla capacità di accoglienza - la tensione all unità della vita ecclesiale fra annuncio della Parola, celebrazione e testimonianza della carità il sostegno del vescovi e dei preti; una progettualità comune; un linguaggio comune; la ecclesialità di ciascuno; la disponibilità e valorizzazione di persone di collegamento ; la condivisione dei carismi specifici: ricchezza della diversità POSSIBILI CAMMINI COMUNI: A livello nazionale realizzare un maggiore collegamento nella stampa e nella produzione di testi e sussidi formativi; collaborare nella formazione dei formatori; attivare un laboratorio nazionale comune sul metodo nella formazione; realizzare annualmente un seminario comune. A livello diocesano attivare un laboratorio diocesano o zonale comune di formazione per animatori Caritas e responsabili AC; individuare e valorizzare figure ponte nei rispettivi organismi; collaborare nella formazione dei formatori; realizzare annualmente un incontro dei responsabili diocesani di Caritas e AC in vista della programmazione annuale; valorizzare in chiave formativa le opere-segno presenti sul territorio A livello parrocchiale sostegno reciproco e sinergia Settimana della carità (magari da spostare in avvento) promossa insieme per formare alla carità tramite la pedagogia dei gesti 10

11 COSA PROPONE L AC SULLA FORMAZIONE La formazione dell'ac è esperienza aperta e ospitale; si rivolge a tutti coloro che intendono compiere un percorso di ricerca sulla fede e sui grandi temi della vita. Si caratterizza per uno stile di accompagnamento personale, nell ascolto del Signore che opera nelle coscienze; valorizza la comunicazione della fede anche come testimonianza. Se si guarda in profondità, ci si rende conto che ciò che lascia un impronta nella vita delle persone è il clima in cui sono cresciute; i valori che hanno respirato; le esperienze in ci sono state coinvolte C è dunque, accanto ad un azione formativa intenzionale e strutturata, un incisiva azione formativa che passa attraverso la vita associativa, in questo caso! - le sue relazioni, le sue priorità, le sue provocazioni. Le esperienze formative Ciò che l AC propone sul piano formativo è complesso, come lo è l esperienza stessa dell AC. Occorre tenere conto che l AC ha una sua identità e che tuttavia rimanda ad altro da sé. Le principali esperienze formative sono: la partecipazione alla vita della propria comunità gli incontri formativi la catechesi il servizio il dialogo I luoghi della formazione sono: il gruppo il dialogo spirituale personale la propria comunità Le scelte educative di fondo: La centralità della persona L attenzione alle domande formative La personalizzazione della proposta Le opzioni pedagogiche del gruppo e dell esperienza LA DINAMICA DELLA FORMAZIONE DELL ACI Ci sono tre componenti, nella proposta di formazione, che interagiscono tra loro. In primo luogo, la formazione deve provvedere alla appropriazione della fede battesimale. Nell esperienza formativa oggi c è bisogno di annuncio: le persone hanno bisogno di riascoltare la novità del Vangelo. La formazione, in secondo luogo, deve dare alle persone la coscienza della stagione della propria vita. In questa prospettiva, deve contribuire a far rielaborare i vissuti personali, spesso vero banco di prova della vita quotidiana e della possibilità dell incontro tra essa e il Vangelo, e far rielaborare le strutture antropologiche della propria età, come luogo di un esperienza spirituale (le relazioni, il dialogo, il rapporto tra generazioni, la responsabilità, la ricerca, la solitudine, il dolore, l amore ). La formazione deve contribuire, infine, a far compiere un discernimento della realtà storica entro cui si vive. Questo implica, ad esempio, la capacità di leggere e di interpretare i caratteri del proprio tempo e le sfide che esso pone alla coscienza credente. L associazione, con le sue relazioni, i suoi dialoghi, le sue persone, le sue occasioni è il luogo dove fede, vita personale e vita del mondo si incontrano, interagiscono, possono produrre nuova cultura e segni leggibili nel contesto di cui si è parte. E l associazione è data dal gruppo associativo, che ha una diversa funzione nelle diverse età della vita; da una proposta ideale e formativa con cui si rivolge alle singole persone per il loro cammino personale; è data dagli educatori che in associazione o- perano; è data dalla vita associativa che in sé ha un valore e un efficacia formativa. Questa nuova 11

12 cultura si comunica attraverso l esercizio di una vita laicale adulta; attraverso le parole che l associazione pronuncia; attraverso le scelte e le iniziative che l associazione mette in atto. COSA PROPONE LA CARITAS SULLA FORMAZIONE «Al di sopra di questo aspetto puramente materiale della vostra attività emerge la sua prevalente funzione pedagogica, il suo aspetto spirituale che non si misura in cifre e bilanci, ma con la capacità che essa ha di sensibilizzare le Chiese locali e i singoli fedeli al senso e al dovere della carità in forme consone ai bisogni e ai tempi». 1 Da più di trent anni questa frase di Papa Paolo VI interpella la responsabilità e l azione della Caritas in Italia. Non si può riflettere sul formare alla testimonianza comunitaria della carità senza riferirsi a questo criterio di verifica per l azione pastorale della Caritas: in che modo i dormitori aperti, i pasti caldi serviti, le ore di ascolto donate, l assistenza ai fratelli durante le emergenze prossime o lontane sono stati educativi per la comunità cristiana che siamo chiamati a servire?. Ne emerge un altro polo decisivo nella riflessione e nell azione della Caritas, la pedagogia dei fatti 2 : quell attenzione educativa che si pone come obiettivo la crescita di ogni persona e dell intera comunità cristiana attraverso esperienze concrete, significative, partecipate. La testimonianza di carità rende capaci del gesto concreto verso chi è nel bisogno, qui e ora; educa a lavorare insieme e a camminare al passo degli ultimi; insegna l attenzione al povero che è sempre persona, mai riducibile a un numero, a un caso; aiuta a scoprire che l altro, per quanto sfigurata possa essere la sua sembianza, è sempre un volto in cui rispecchiarsi e riconoscersi simili, fratelli. Questo presuppone la consapevolezza dello stretto collegamento tra gli impegni di carità e i doveri di giustizia, la percezione che per risolvere i problemi bisogna risalire alle cause e contrastarle, il legame esistente tra lo sviluppo dei popoli e la causa della pace nel mondo, la necessità di saldare insieme le grandi prospettive di cambiamento sociale e politico con i piccoli passi quotidiani e con la coerenza personale. Come realizzare tutto questo - cioè le prassi, le proposte educative, i processi formativi che incidano nel vissuto delle comunità - è un aspetto decisivo della formazione proposta dalla Caritas agli animatori pastorali della parrocchia, del vicariato, della diocesi, in Italia e nelle Chiese sorelle dei Paesi in via di sviluppo. Di seguito un elenco non esaustivo e incompleto dei criteri alla base di quello che si va delineando come piano formativo della Caritas per i prossimi anni: la trasformazione dei fatti in processi educativi, attraverso l inserimento in un percorso che salda azione e riflessione personale e comunitaria la ricerca di un linguaggio per parlare a tutti: una sorta di alfabeto comune a partire dal vissuto quotidiano di ognuno (comunicazione attenta ai destinatari, che punta ad una formazione attiva e pensa i contenuti in forte interazione con il metodo) pensare il cammino di crescita della comunità cristiana all interno di un processo che tenga conto della complessità delle persone e del loro vivere sociale la costruzione di una logica progettuale della formazione che passi attraverso: l analisi attenta della realtà; l intelligente coinvolgimento delle risorse personali, comunitarie e istituzionali (dalla vicina di casa all assistente sociale, dal catechista al Sindaco, dal volontario all imprenditore ); la tessitura di reti di comunicazione e solidarietà; l individuazione di luoghi di verifica personali e comunitari l inserimento della formazione degli animatori della Caritas nel contesto comunitario delle proposte pastorali (educative, spirituali, culturali ) rivolte all intera comunità e dei cammini proposti agli altri animatori e operatori pastorali della parrocchia, del vicariato, della diocesi (di cui è fondamentale conoscere la situazione socioculturale) 1 CARITAS ITALIANA, Perseveranti nella carità, cfr.discorso di Paolo VI alle Caritas diocesane convenute a Roma per il loro I Convegno nazionale, Bologna, 2003, p 14 2 CARITAS ITALIANA, «Da questo vi riconosceranno» (Gv13,35) La Caritas parrocchiale, n.37, Bologna, 1999, p38 12

13 articolare la formazione in proposte di formazione base, specifica e permanente per costruire un accompagnamento costante: - formazione base per motivare l impegno, offrire un quadro di riferimento, indicare linee guida, porre a confronto esperienze in uno stile di laboratorio - la formazione specifica per produrre competenze, rielaborare vissuti, fornire strumenti - la formazione permanente per rinnovare le motivazioni, dare chiavi di lettura; indicare piste di ricerca, realizzare forme adeguate di accompagnamento. AMBITO MISSIONARIETÀ Dalle Linee guida per la collaborazione tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana Per una missione senza confini In questi anni sia l AC che la Caritas hanno dedicato molta attenzione ai paesi dell Est portando sia l apporto concreto di una solidarietà umana, sia l aiuto a ricostruire valori, esperienze di fede e di chiesa. L accompagnamento del cammino delle chiese sorelle uscite dai regimi dell Est, in seguito dell impegno in varie emergenze, costituisce un importante terreno di collaborazione. La formazione di autentiche coscienze conciliari, di un laicato corresponsabile, di un ecclesiologia di comunione richiedono, anche nel metodo, una pluralità di apporti. In questi paesi molti offrono il loro prezioso aiuto; accanto a questi è necessario offrire anche l esperienza di un laicato associato, dedito alla vita della comunità, capace di progetti formativi, per far crescere chiese vive secondo la visione conciliare che spesso non è stato possibile attuare nei tempi dell ateismo di stato. L apporto anche del Forum internazionale dell AC (Fiac) può collegare a tutte le altre esperienze di Azione Cattolica. In collaborazione con l ufficio CEI per la Cooperazione Missionaria si dovrebbe individuare un paese (ci sono convergenze comuni su Bosnia Herzegovina, ) su cui pensare un lavoro comune. Dalle sintesi per ambito del I seminario tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana Punti di forza: 1. Ecclesialità - Occorre, innanzitutto, richiamare la natura dei due soggetti, la ecclesialità che connota Caritas e AC. Caritas può incontrare e dialogare con tanti gruppi e movimenti; AC agisce a livello intergenerazionale. 2. Formazione e patrimonio culturale: occorre riscoprire e riproporre il background delle due esperienze. Attenzione ai ragazzi (forte nell AC e possibile sponda per il coinvolgimento delle famiglie) 3. Complementarietà delle identità: entrambe le organizzazioni hanno tutto da guadagnare nella collaborazione in quanto sono complementari (ciascuna può acquisire dall altra per un completamento di sensibilità ed esperienza) 4. Capillarità: su questo aspetto non ci sono differenze a livello locale, mentre a livello internazionale Caritas è più diffusa. Il modello di collaborazione che si sperimenta in Italia potrebbe essere esportato in altri paesi 5. Serbatoi di professionalità: fra i soci AC e gli operatori caritas ci sono molte esperienze e competenze che possono essere valorizzate per il lavoro comune (per mettere al centro della persona) Cammini comuni: 1. Formazione - servono luoghi, a tutti i livelli, di collaborazione e confronto fra le due strutture 2. Discernimento - (soprattutto a livello internazionale) un momento di discernimento comunitario sulla situazione dei paesi in cui intervenire (andare oltre l intervento materiale ed avere a cuore il sostegno globale alla persona, di cui intercettare le esigenze profonde) ad esempio, sulla Bosnia sentire tutti i soci AC e gli operatori Caritas che vi sono impegnati. Naturalmente, occorre anche sentire le chiese locali in cui si interviene 3. Progettazione 13

14 4. Comunione - l AC può sostenere le caritas in tutte le parrocchie, mentre la Caritas può aiutare l AC al livello internazionale nella promozione dell associazione stessa COSA PROPONE L AC SU MISSIONARIETÀ RAPPORTI INTERNAZIONALI L attenzione dell AC in questi anni è stato molteplice e ha toccato vari ambiti: dalla cooperazione internazionale tra le chiese, alla realizzazione di varie campagne di raccolta-fondi per la realizzazione di vari progetti soprattutto nel sud del mondo e nell Est Europa, alla formazione di volontari, in modo particolare di giovani che decidono di trascorrere parte delle loro ferie estive in un campo scuola-lavoro, alla formazione di veri e propri laici evangelii nuntiandi. Ultimamente l AC ha fatto una scelta di fedeltà, ovvero di accompagnamento di quelle realtà allora investiti di numerosi progetti, anche da parte della società civile, ma che ora, perché non più al centro dell attenzione mass-mediatica, sono caduti nel dimenticatoio. Realtà come la Bosnia- Erzegovina, l Albania, la Sierra Leone oggi non fanno più notizia ma necessitano più che mai di un aiuto, non solo materiale, quanto di vicinanza e di expertise. Il compito quindi che l AC si pone è quello di accompagnare, attraverso un costante confronto con le chiese locali, le stesse realtà di prima, ma puntando ora sulla riconversione di progetti che, passata la fase di emergenza, possono a lungo andare reggersi da soli. In questo senso la formazione in loco assume un importanza notevole; una formazione intesa come globale che investe l intera persona e non solo le sue competenze professionali e/o religiose. Questa stessa formazione non è unicamente rivolta ad extra, ma si sta rivelando necessario approfondire e sperimentare nuovi cammini di formazione anche dei nostri associati che intendono trascorrere un periodo della loro vita in una di queste realtà affinché avvenga un effettivo scambio di dono tra le persone, tra le chiese interpellate. Si tratta di impostare uno stile di una presenza dell AC negli altri paese, che comunque è già presente, ma che necessità lineamenta più attenti e definiti. In questo senso la ricerca reciproca tra AC e Caritas, in occasione di presenza su un territorio straniero appare fondamentale. Un altra sfida accolta in modo più significativa, è quella che potremmo definire dimensione internazionale in casa. Finora spesso la dimensione internazionale era una realtà vissuta e pensata da pochi, oggi, proprio perché l internazionale è entrato nelle nostre case, si impone di condividere con molti, se non con tutti, questa ricchezza: più che di integrazione si tratta di convivenza e di reciprocità. Pertanto l AC nei prossimi mesi si impegnerà soprattutto nel promuovere incontri con quelle comunità, in particolare quella albanese, presente sul nostro territorio. Infine attraverso ed in collaborazione con il FIAC (Forum Internazionale di Azione Cattolica), l AC intende da una parte promuovere la conoscenza e la collaborazione con le associazioni gemelle ; promuovere la rinascita di quelle realtà associative che nel tempo e per vari motivi sono venute meno che di stimolare incontri con i sacerdoti fidei donum e laici evangelii nuntiandi italiani nei vari paesi del mondo, oltre ad affrontare tematiche di dimensione internazionale. COSA PROPONE LA CARITAS SU MISSIONARIETÀ RAPPORTI INTERNAZIONALI Criteri alla base degli interventi delle Caritas diocesane all estero Con frequenza sempre maggiore lo scenario internazionale porta all'attenzione del grande pubblico situazioni drammatiche dovute ad emergenze di diversa natura. In questi casi un intervento deciso, veloce, ben organizzato può salvare migliaia di vite umane. La definizione di emergenza non può comunque limitarsi alla fase acuta della calamità. Scenari come quelli attualmente in atto in Sudan, Etiopia-Eritrea, Sierra Leone, Timor, Colombia, zona centrale dell'africa, Cecenia, Balcani, Iraq ed in altre zone meno alla ribalta interrogano le coscienze dell'intera umanità. Di fronte a queste situazioni non basta la "macchina organizzativa", pur importante, dei soccorsi internazionali. Occorre lavorare nella prevenzione e nella formazione delle 14

15 coscienze, nei valori più profondi dell'umanità troppo spesso negati nel quotidiano. Alle competenze occorre affiancare le esperienze e, soprattutto, una grande capacità di analisi e di ascolto. Di seguito, in estrema sintesi i principali criteri adottati dalla Caritas in Italia negli interventi all estero. 1) Un intervento di solidarietà non può esaurirsi con la fase di prima emergenza, ma si sviluppa nel tempo verso i piani di riabilitazione e di sviluppo. Le agenzie umanitarie non devono cadere nella tentazione di concentrarsi tutte nella primissima fase. In alcuni casi si assiste ad una esagerata concentrazione di organismi sullo stesso territorio nelle stesse settimane che causa, tra l'altro, sconcerto e in qualche caso irritazione tra la popolazione. Il cosiddetto "continuum" tra emergenzariabilitazione-sviluppo deve essere programmato fin dall organizzazione dei primi aiuti. 2) Nessuno meglio di chi vive in un determinato territorio conosce le situazioni di rischio, le risorse presenti in zona o comunque facilmente accessibili, i possibili sviluppi delle diverse situazioni, oltre che, ovviamente, storia e cultura della popolazione sinistrata. In altre parole, il coinvolgimento delle controparti locali è fondamentale in tutte le diverse fasi e permette di investire fin dall'inizio nei soggetti che, in prospettiva, saranno i protagonisti dell'auspicabile ripresa. 3) Un altro criterio importante consiste nell approccio di area: l'organismo che si fa parte attiva deve tener conto del complesso dispiegarsi dell'emergenza, per evitare squilibri e poterne cogliere le coordinate dell'evoluzione. È naturale, a questo proposito, richiamare l'importanza di un buon coordinamento tra le diverse agenzie, sia nei Paesi che si attivano per l'organizzazione di iniziative di solidarietà, sia nei territori coinvolti. 4) L'opinione pubblica è comprensibilmente molto sensibile all'utilizzo delle diverse risorse messe a disposizione. Tutti gli organismi impegnati su questo fronte di intervento devono impostare le proprie attività su rigorosi criteri di trasparenza, onestà, eticità e professionalità. L'aiuto deve essere realmente destinato ai più poveri, adattato ai bisogni e alle abitudini delle popolazioni, diversificato, per rispondere alle necessità più urgenti delle diverse fasce deboli. Gli interventi devono favorire i raggruppamenti familiari e, per quanto possibile, le loro attività quotidiane. 5) Particolare importanza ha l'aspetto della formazione dei volontari e degli operatori. Non è importante "quanto si fa", né "quanto si porta", ma "come ci si pone in servizio". È da privilegiare la scelta di investire nell'uomo e nelle sue organizzazioni, piuttosto che nelle cose. Lavorare sulle coscienze, diffondere valori, ricostruire solidarietà, favorire percorsi di riconciliazione equivale a costruire un futuro di pace. 6) Un'informazione martellante e le immagini forti contribuiscono alla mobilitazione dell'opinione pubblica e, di conseguenza, alla raccolta di fondi. Esiste d altra parte il rischio di distorcere la visione dei problemi e delle possibili soluzioni. Occorre tentare di far capire le cause di ciò che sta accadendo, l'interdipendenza degli avvenimenti e la reciprocità di alcuni problemi. La prevalente "funzione pedagogica" dell organismo pastorale Caritas implica il riconoscere che il valore principale non sta nel denaro offerto e nell'efficacia degli aiuti che esso può consentire, ma nella fraternità che esprime e nell'amore che fa crescere. Per questo è necessario che la Chiesa non si limiti a proporre raccolte di fondi, ma faccia conoscere alla comunità le situazioni di dolore, le cause sottostanti e le possibili risposte anche in termini di stili di vita personali e comunitari. AMBITO EDUCAZIONE ALLA PACE Dalle Linee guida per la collaborazione tra Azione Cattolica Italiana e Caritas Italiana Cogliendo la sfida della pace Il cambiamento previsto del sistema di arruolamento per la leva militare che dal 2005 non sarà più obbligatoria e che prevede la possibilità di optare o per il servizio civile sia maschile che femminile o per la leva o per nessuna delle due, esige che ci sia una preparazione non improvvisata del mondo 15

16 giovanile per fare scelte di valore. Le ragazze oggi possono fare domanda di servizio civile, affiancandosi o sostituendo all anno di volontariato sociale. L Azione Cattolica vede l urgenza di fare interventi educativi soprattutto orientati ai giovani, ma non solo per mettere in luce gli aspetti positivi del servizio civile. L obiezione di coscienza sarà sempre un valore da promuovere. Oggi però con la Caritas si possono fare progetti per sensibilizzare i giovani a donare questo tempo alla comunità, al mondo dei poveri, a iniziative di pace. In particolare è già stato presentato un progetto in collaborazione per una prima esperienza di servizio civile presso il Centro nazionale per studiarne le implicanze e le esigenze formative. Il progetto di servizio civile volontario realizzato da Azione Cattolica e Caritas Italiana Il progetto Servizio civile dei giovani per i giovani ideato insieme dalla Presidenza nazionale dell Azione Cattolica Italiana e dalla Caritas Italiana nasce dall ascolto anche delle parole che il Santo Padre ha pronunciato in occasione del 30 anniversario della Caritas Italiana, quando dice che occorrono dei progetti in grado di liberare "le fresche energie di tanti ragazzi e ragazze che, grazie al servizio civile possono dedicare una parte del loro tempo ad interventi socio-caritativi in Italia e in altri Paesi. In tal modo potrete contribuire a dar vita a un mondo in cui tacciano finalmente le armi e trovino attuazione progetti di sviluppo sostenibile". Le finalità per cui è stato promosso sono invece quelle indicate recentemente dai Vescovi italiani quando hanno invitato la Caritas Italiana per i suoi 30 anni, a ridefinire il quadro entro cui costruire il nuovo Servizio civile, ossia: 1. formazione della persona; 2. scelta preferenziale per le situazioni di povertà e di emarginazione; 3. diversificazione delle proposte secondo gli interessi e le prospettive dei giovani; 4. rilancio dello stesso servizio civile come contributo al bene comune; 5. attenzione alle situazioni locali e quelle dei Paesi più poveri o in guerra. Gli obiettivi specifici del progetto sono: 1- FORMAZIONE DEI VOLONTARI Il primo obiettivo è promuovere nei partecipanti al progetto la cultura della solidarietà e le competenze alla comunicazione sociale. Il Servizio Civile dei Giovani per i Giovani si configura come un progetto a servizio di altri progetti di Servizio civile nazionale. In particolare si propone di formare i volontari e di dotarli di quelle competenze e abilità che gli permettano durante il servizio di promuovere con efficacia la scelta del servizio civile volontario. La formazione delle ragazze in servizio avverrà così attraverso: Un intensa esperienza di vita comunitaria Alle volontarie è offerto un percorso di vita comunitaria sostenuto dalla preghiera e da spazi di condivisione personale. Ad esse si affiancheranno per accompagnarle un sacerdote assistente ed una responsabile. Un percorso di formazione teorica sostenuto dagli Istituti Scientifici dell ACI Alle ragazze sarà offerto un percorso di educazione ai temi della pace, della giustizia sociale, della cittadinanza e dell attenzione al territorio in collaborazione con l Istituto Bachelet, con l Istituto Paolo VI per quanto riguarda un analisi storica di tali tematiche, nonché con il nascente Istituto Toniolo. Seguiranno le ragazze in questo percorso di formazione finalizzato alla realizzazione di strumenti da mettere a disposizione degli altri progetti di SCV due responsabili ed un assistente. Un esperienza concreta di servizio in collaborazione con La lucerna ONLUS Alla formazione teorica si aggiungerà la possibilità di avvicinarsi a situazioni di concreta difficoltà. Le ragazze a gruppi di due frequenteranno tre centri di volontariato tutti promossi o coordinati da La lucerna ONLUS, di cui fa parte Maria Teresa Tavassi, a suo tempo responsabile nazionale dei percorsi AVS per Caritas Italiana. I centri sono: Casa Famiglia Verzeri per ragazze vittima della tratta gestito da religiose; Casa Famiglia per minori; 16

17 Laboratorio di pellame e cartonage per giovani donne in difficoltà gestito direttamente dalla La lucerna ONLUS. E previsto ogni 15 gg un incontro delle ragazze con i responsabili del progetto ed una figura di sostegno con presenza costante per verificare la loro esperienza concreta di servizio. 2- PROMOZIONE DEL SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Il secondo obiettivo è invece quello di sensibilizzare ed informare i giovani italiani sulla possibilità di scegliere il servizio civile nazionale. Il progetto Il Servizio Civile dei Giovani per i Giovani si propone di studiare ed elaborare strumenti di comunicazione sociale, testi formativi e di presentazione del SCV, per creare le premesse culturali e motivazionali affinché sempre più giovani accolgano consapevolmente e responsabilmente l opportunità del servizio civile volontario. La REALIZZAZIONE di tale obiettivo avviene in tre fasi: PRIMA FASE (DAL 25 AGOSTO AL 30 NOVEMBRE): RACCOLTA SECONDA FASE (DAL 6 DICEMBRE 2003 AL 28 FEBBRAIO 2004): ELABORAZIONE TERZA FASE (DAL 28 FEBBRAIO 2004 AL 30 GIUGNO 2004): OPERATIVITÀ COSA PROPONE L AC SULL EDUCAZIONE ALLA PACE Partiamo da due esempi per dire come la storia dell Azione Cattolica sia scandita dalla testimonianza di persone che hanno fatto della scelta di pace un ideale di vita. Pier Giorgio Frassati e la sua scelta negli anni 20 di scendere in piazza per manifestare contro il regime fascista. Gino Pistoni che vittima della guerra da partigiano, fece la scelta di partecipare ai moti della resistenza con l unico obiettivo di restituire la pace all Italia, morendo poi mentre soccorreva un tedesco, un nemico. Partire dalla storia di queste persone per dire che in AC scegliere la pace significa testimoniarla nella quotidianità della propria vita. Ma per raccontare questi 30 anni di AC e pace è necessario ricordare la prima Giornata Mondiale della Pace, istituita da Papa Paolo VI nel In quei giorni l intera l associazione si radunò a Roma per sostenere quella iniziativa e da allora ad oggi accompagna questo appuntamento del primo giorno dell anno. Nel cammino annuale dell associazione gennaio, il mese della pace è così diventato uno dei momenti fondamentali del suo percorso di formazione ed occasione di iniziative ed incontri che coinvolgono i suoi aderenti di tutte le età e di tutte le diocesi d Italia. La pace, dono di Dio, viene anche invocata attraverso i momenti di preghiera e di digiuno che tra l altro come associazione ci hanno visti impegnati a sostenere l impegno instancabile del Papa. Questi momenti, proposti dall associazione a livello nazionale, sono occasioni di intima riflessione e di partecipazione a livello personale che permettono di comprendere in pieno il significato di un tale dono, che può essere solo invocato e mai raggiunto nella limitatezza dei nostri mezzi: la conversione del cuore del nemico e l abbandono fiducioso a Dio sono occasioni per comprendere la vera natura della pace. Il raggiungimento della pace, frutto della giustizia ci ha visto invece attivarci in tutti quegli ambiti che vedono i diritti dell uomo calpestati, i poveri umiliati, gli ultimi ignorati, in particolare attraverso l impegno nel cartello delle associazioni ecclesiali Sentinelle del mattino e non ultimo il recente Forum sulla Globalizzazione della giustizia e della pace del 6 settembre scorso. L azione concreta accompagna così la preghiera e ci educa al ruolo instancabile di operatori di pace. L AC vive e testimonia il suo impegno per la pace anche attraverso un attenzione continua sul fronte del diritto internazionale, concretizzata tramite gli appuntamenti annuali di studio, di incontro e di approfondimento dell Istituto Toniolo. 17

18 COSA PROPONE LA CARITAS SULL EDUCAZIONE ALLA PACE Giustizia e pace sono il filtro attraverso cui passano tutte le sue attenzioni pastorali della Caritas in Italia, temi che conducono a verificare costantemente le prassi educative in atto. Non si tratta della sola elaborazione culturale ma soprattutto di condotta feriale. Il tempo attuale è segnato dall aumento della conflittualità a livello interpersonale, sociale, internazionale. La violenza dilaga in molti campi della vita sociale quotidiana, persino quelli delle relazioni giovanili, dello sport, della politica, del confronto sociale ( ). Restano dominanti l idea e la pratica del ricorso alla forza come via di risoluzione delle controversie economico/politiche. L irruzione di un inedita manifestazione del terrorismo internazionale ha favorito un imbarbarimento dei comportamenti, suggerendo strategie di contrasto che, di fatto, rischiano di porsi sullo stesso terreno. A livello nazionale perdurano fenomeni degenerativi quali, ad esempio, una diffusa cultura di illegalità, la criminalità organizzata e mafiosa. Tutto ciò è causato anche dalla crescente complessità della vita (che pone la persona in un sistema sociale in cui relazioni e comunicazioni seguono dinamiche nuove) e dalle disuguaglianze tra gruppi sociali e interi popoli, dovute ai sistemi socio-economici su larga scala. In questa realtà deve immergersi la comunità ecclesiale, in particolare la parrocchia, nell'impegno di essere centro di promozione di una cultura di pace attenta alla ricerca delle cause di profonda ingiustizia diffuse nel nostro Paese e nel mondo intero. Alla pace e a chi la persegue, nell educazione e nella prassi, tocca spesso il trattamento riservato a chi ignora le ragioni del realismo. Pochi la guardano come il compimento del destino dell umanità. Va comunque segnalato l emergere di un anelito mondiale alla pace e alla giustizia, che trova radicamento in culture, prassi ed esperienze diverse e a cui la comunità ecclesiale è chiamata a dare risposte. Sono numerosi gli impegni che vedono protagoniste le Caritas diocesane nel tentativo di limitare la conflittualità violenta e educare alla pace: la valorizzazione della nonviolenza come pedagogia della pace, l affermazione del diritto all obiezione di coscienza alla guerra, così come alle leggi incompatibili con la dignità della persona e i valori cristiani, la valorizzazione del Servizio civile come spazio di educazione alla solidarietà e alla pace, la realizzazione di percorsi formativi a partire dalla rilettura della Pacem in terris, il recupero di figure di testimoni impegnati sul tema della giustizia e della pace, la ricerca di percorsi di dialogo con le nuove forme di coscienza civile che si manifestano soprattutto tra i giovani, la denuncia del commercio delle armi, la difesa dei diritti umani fondamentali, la promozione del volontariato come scuola di disponibilità ed apertura agli altri, il recupero di una educazione alla legalità a livello personale e comunitario Occorre perseguire continuamente una saldatura tra la riscoperta della responsabilità verso gli altri nei contesti ordinari di vita (famiglia, scuola, territorio, parrocchia, ) e la percezione della sua insufficienza rispetto a ciò che è richiesto dalla dimensione globale dei problemi. È necessario investire e rilanciare l attenzione verso le forme di difesa civile non armata, sottolineando quanto l azione solidale, anche sul piano territoriale, sia elemento di costruzione di relazioni e prevenzione dei conflitti sociali. Soprattutto, la sfida per la Caritas è riaffermare il primato delle relazioni come veicolo di costruzione della pace, considerare la fiducia verso l altro come elemento fondamentale di una cultura di pace. Ricostruire la fiducia, a diversi livelli (rapporti personali, relazioni di prossimità, relazioni internazionali, ) anche attraverso la promozione di scelte ispirate alla nonviolenza, è uno dei compiti della Caritas dei prossimi anni. 18

19 La settimana della Carità Ognuno è qualcuno scelte di giustizia, stili di fraternità Idea di fondo Perché il Vangelo divenga cultura e possa dare i suoi frutti più belli nella storia, noi cristiani vivremo nella compagnia degli uomini l ascolto e il confronto, la condivisione dell impegno per la promozione della giustizia e della pace, di condizioni di vita più degne per ogni persona e per tutti i popoli, fiduciosi in un arricchimento reciproco per il bene di tutti. Si esprimono così i Vescovi italiani negli Orientamenti pastorali al numero 60 e ci sembra questa la chiave più adatta per comprendere lo spirito con cui vivere la Settimana della carità di questo anno associativo. Essere apostoli, saper vivere e raccontare la vita buona, bella e beata che la solo la fede ci può donare, non può prescindere dal camminare al fianco dei poveri di oggi e ad accoglierli nelle relazioni di ogni giorno, quelle che li fanno incontrare come vicini di casa o come colleghi di lavoro; come compagni di scuola o di svago. Solo così si potrà ribadire la dignità ed il valore di ogni essere umano, in questo contesto scristianizzato che continuamente la minaccia, senza dimenticare che i nostri comportamenti e le nostre azioni coinvolgono nell interrelazione il destino globale di tutta la comunità umana. È per questo che oggi la missionarietà dei laici di AC si gioca su nuovi stili di vita improntati all attenzione all altro e ai problemi della città, alla giustizia ed alla fraternità. In una parola al «dono sincero di sé» (Giovanni Paolo II) di cui S. Francesco, patrono d'italia, è modello attualissimo. Le nostre comunità, ed in particolare le associazioni parrocchiali, devono costantemente essere protagoniste di un ecclesiologia che parta dagli ultimi in modo condurre con tutti relazioni cariche di umanità, di ascolto, di silenzio o di parola, sapendo intessere dialoghi significativi, fatti per esprimere fraternità e per dire con la vita che siamo tutti figli di un Dio che ama ogni uomo. È solo nella relazione, infatti, che il Vangelo diventa comunicabile. Ed oggi la comunicazione del Vangelo, la testimonianza della fede è una priorità nella vita della Chiesa. Per il laico dell Azione Cattolica la fraternità è lo strumento attraverso cui passa il Vangelo. Si tratta in fondo di rispondere alla domanda: quello che faccio o non faccio, dico o non dico (e il modo in cui lo faccio o lo dico) hanno un senso, un peso, pur minimo nella grande causa della costruzione dell ordine nuovo che il Santo Padre indica come civiltà dell amore e della pace? Anche la Settimana della carità si inserisce nel percorso di avvicinamento all incontro nazionale di Loreto. In particolare, questa può diventare l occasione per stringere legami di condivisione con i poveri, con tante persone che nelle nostre comunità concrete conducono con fatica la loro vita di ogni giorno: i malati, gli stranieri, le famiglie in difficoltà, i disabili L accoglienza nella vita dell associazione e nel suo cammino ci porterà anche a condividere con loro il pellegrinaggio a Loreto del settembre Proposte concrete Alcuni suggerimenti per animare la Settimana della Carità: Invitare a gesti concreti di rinuncia e condivisione che sono patrimonio della tradizione della Chiesa nell Avvento, ma che oggi richiedono espressioni nuove o rinnovate, con la consapevolezza di poter coinvolgere tante persone forse non sempre praticanti ma ugualmente attente e disponibili sui temi della solidarietà e della responsabilità dei cittadini. Individuare particolari situazioni di povertà presenti nel nostro territorio (vicine a noi ma spesso nascoste) di cui farsi carico in maniera continua e puntuale: donne abbandonate, ammalati, persone che hanno perso il lavoro, ex carcerati.) in collaborazione con la Caritas e la San Vincenzo, Incontrare i responsabili di queste realtà ci aiuterà anche a conoscere e confrontarci sulle povertà del quartiere. 19

20 Presentare e approfondire alcuni progetti internazionali che l AC sostiene nel mondo (Terra Santa, Burundi, Birmania, Albania, Bosnia-Erzegovina ), sensibilizzando su queste situazioni, evidenziando la priorità dell educazione, educando alla rinuncia, e condividendo sia le competenze sia gli aiuti economici che consentono di portare avanti i progetti. Inserire emblematicamente in questa settimana una iniziativa che aiuti a comprendere come la carità oggi abbia delle urgenze di tipo culturale e politico. Si potrebbe affrontare un aspetto della povertà (disoccupazione, emarginazione, indigenza ) ed approfondirlo, in modo anche da motivare all impegno politico, nelle sue varie forme. Creare occasioni per approfondire il valore imprescindibile di ogni vita umana. Ad esempio, si possono invitare testimoni che si occupano di situazione limite e che ogni giorno si misurano con la sofferenza delle persone, per chiedere loro come tali esperienze li hanno aiutati a riconoscere il valore di ogni vita umana. Confrontarsi con scelte come il commercio equo e solidale, i bilanci di giustizia, il risparmio etico, la certificazione etica delle imprese, per comprendere come queste proposte concrete possono tradursi in scelte quotidiane di giustizia. Ad esempio, si può realizzare l iniziativa missionaria proposta dal Settore Adulti: Beviamoci un caffè equo e solidale. Individuare occasioni, anche di festa, per avvicinare e conoscere immigrati che vivono nelle nostre realtà avendo momenti di scambio e di conoscenza reciproca. Bibiliografia Rosanna Virgili, Giustizia e fraternità. Beato oggi l operatore di pace, Monti, Saronno Simone Morandini, Il tempo sarà bello. Fondamenti etici e teologici per nuovi stili di vita, Emi, Bologna AA.VV., Nuovi stili di vita nel tempo della globalizzazione, ed. Ave, Roma. AA.VV,. Immigrazione: lavoro e dignità della persona, ed. Ave, Roma. Settore Adulti di AC, Fogli di cultura popolare n. 7 (scaricabili dal sito 20

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE NUOVI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA (Centri Missionari Diocesani e Pontificie Opere Missionarie) Roma, 16 18 18 giugno 2009 Dal Vangelo secondo Matteo (28,19-20)

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti Giuseppe DARDES in occasione del seminario di formazione per parroci - Pianezza, 24 febbraio 2003.

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA

ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA Art. l: NATURA ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA La Caritas Diocesana è l'organismo pastorale istituito dal Vescovo per promuovere e favorire nella Chiesa Diocesana la nuova evangelizzazione

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

L abc dell ACR.e non solo

L abc dell ACR.e non solo AZIONE CATTOLICA ITALIANA PARROCCHIA SANT IPPOLISTO M. L abc dell ACR.e non solo SCUOLA per EDUCATORI ACR Direi che essere educatori significa avere una gioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani.

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani. 1. 1. Oratorio: definizione. L Oratorio è una comunità che educa all integrazione vita-fede. È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

"Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale

Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale "Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale Uno dei catechismi più invidiati nel mondo redatto da una delle

Dettagli

LINEE GUIDA. Centri di Ascolto

LINEE GUIDA. Centri di Ascolto LINEE GUIDA Centri di Ascolto 1. LA COMUNITA CRISTIANA CHE ASCOLTA A. L ascolto come dimensione della comunità cristiana L ascolto è l atteggiamento fondamentale che ogni comunità deve assumere per far

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale Anno 2006/2007 Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale 1 di 5 Premessa Queste linee guida presentano l identità della Commissione Missionaria Parrocchiale e le attività che è chiamata a

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 Animazione alla testimonianza comunitaria della Carità Mimmo Iannascoli Resp. Formazione Caritas Diocesi di Caserta Cosa: ciò di cui andremo ad

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Siamo invitati pertanto ad una riflessione comune attorno a:

Siamo invitati pertanto ad una riflessione comune attorno a: Convegno ecclesiale nazionale In Gesù Cristo il nuovo umanesimo Firenze, 9-13 novembre 2015 Sintesi dei contributi delle parrocchie, associazioni e movimenti della Diocesi di Frascati L Invito al Convegno

Dettagli

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas Caritas diocesana di Forlì Bertinoro III Tappa Equipe Caritas diocesane 14-16 Aprile 2008 Presentazione Caritas 1. brevi cenni storici - il Sinodo diocesano - la Casa Buon Pastore 2. Organizzazione ed

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

<>

<<CORAGGIO, SONO IO>> Quaderno delle settimane 2014-2015 Il progetto Formativo ci presenta le settimane come una modalità in cui missione e formazione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente (PF

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria AZIONE CATTOLICA ITALIANA Arcidiocesi di Bari-Bitonto XIV Assemblea Diocesana Ordinaria VIVERE LA FEDE, AMARE LA VITA 1 INTRODUZIONE 1.1 Le persone fanno sempre più fatica a dare un senso profondo all

Dettagli

La scommessa della pastorale missionaria oggi

La scommessa della pastorale missionaria oggi Commissione Missionaria Regionale Lombardia La scommessa della pastorale missionaria oggi Orientamenti per una pastorale missionaria delle Chiese di Lombardia Desideriamo che l attività missionaria della

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

FORUM SERVIZIO CIVILE L IDENTITÀ DEL SERVIZIO CIVILE IN CARITAS Caritas Italiana Roma 9-10 febbraio 2006

FORUM SERVIZIO CIVILE L IDENTITÀ DEL SERVIZIO CIVILE IN CARITAS Caritas Italiana Roma 9-10 febbraio 2006 FORUM SERVIZIO CIVILE L IDENTITÀ DEL SERVIZIO CIVILE IN CARITAS Caritas Italiana Roma 9-10 febbraio 2006 I NUOVI PILASTRI DEL SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO E LE PISTE DI LAVORO PER IL FUTURO IN CARITAS (Sac.

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Scheda per il Laboratorio sull educazione

Scheda per il Laboratorio sull educazione ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI EDUCARE alla solidarietà e alla condivisione XIV Convegno Diocesano * Cava S. Francesco, 22-23 Ottobre 2010 Scheda per il Laboratorio sull educazione 1. Dopo la riflessione

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13

CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13 CONGREGAZIONE GENERALE 34ª Decreto 13 COOPERAZIONE CON I LAICI NELLA MISSIONE [331] 1. Una lettura dei segni dei tempi dopo il Vaticano II indica in maniera inequivocabile che la Chiesa del terzo millennio

Dettagli

LABORATORIO NAZIONALE DELLA FORMAZIONE

LABORATORIO NAZIONALE DELLA FORMAZIONE consiglio diocesano? È il luogo della condivisione e decisione intorno a temi che possono determinare esperienze del LDF? LA FORMAZIONE PENSATA È SOLO INTRA-ASSOCIATIVA? O SI APRE ALLA CHIESA LOCALE? Quanto

Dettagli

Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia

Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia ORIENTAMENTI E NORME PER LA CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO NELLA DIOCESI DI SORRENTO - CASTELLAMMARE DI STABIA La Chiesa che è in Sorrento-Castellammare di

Dettagli

1.0 Premessa. 2.0 La catechesi degli adulti

1.0 Premessa. 2.0 La catechesi degli adulti 1.0 Premessa 1.1 La fede è per natura sua un fatto dinamico, che chiede la permanenza della crescita, di farsi cioè continuamente cammino verso la realizzazione di se stessi in Cristo, verso la responsabilità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Obiettivi formativi Verranno valutati: il comportamento, la partecipazione e l interesse, la responsabilità nei confronti dei

Dettagli

Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it

Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it Diocesi Firenze Caritas diocesana Firenze Via dei Pucci, 2-50122 Firenze FI tel 055267701 - e-mail caritasfirenze@caritasfirenze.it sito: www.caritasfirenze.it Caritas diocesana Firenze 1 Il Laboratorio

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Appartenenza e metodo nel MEC

Appartenenza e metodo nel MEC Appartenenza e metodo nel MEC Per un nuovo inizio del Movimento, per il rilancio della vita delle nostre Comunità Qual è il legame tra appartenenza e metodo? L APPARTENENZA CHE È PRIMA DI TUTTO UNA SCELTA

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ Il fuoco che scalda 57. Celebrare insieme l Eucaristia come festa di tutta la comunità e nutrimento per il cammino, imparare a vivere la comunione e la

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO SPUNTI DI RIFLESSIONE SULLO STATO DELL ARTE CIRCA IL PROGETTO CATECHISTICO-EDUCATIVO DIOCESANO PREMESSE 1. L attuale anno pastorale 2015-2016 dovrà essere dedicato, dal punto di vista che ci riguarda,

Dettagli

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani, Nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani La Presidenza della CEI, nella riunione del 13 giugno 2012, ha approvato il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO 249 CAPITOLO 1 LA CHIESA, COMUNITÀ DI CHIAMATI A) FAR CRESCERE LA CHIESA: EDUCARCI A VIVERE IN COMUNITÁ Formazione permanente per le famiglie, n.

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità 1 4. 23 dicembre 2013: La sinodalità Una volta precisata la natura della parrocchia come comunità ecclesiale, e del sacerdote parroco come pastore del popolo, passo a vedere come si debba affrontare al

Dettagli

L'esempio del passato e le questioni dell'oggi: il pensiero sociale di don Felice Una lettura nel passato per una luce nell'oggi

L'esempio del passato e le questioni dell'oggi: il pensiero sociale di don Felice Una lettura nel passato per una luce nell'oggi Contributo per libro Da "Giovane" a "Buon Cristiano ed Onesto e Attivo Cittadino" L'esempio del passato e le questioni dell'oggi: il pensiero sociale di don Felice Una lettura nel passato per una luce

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna CAMMINI di PROSSIMITA Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna Le motivazioni «Sapete ciò che vi ho fatto?» Gv 13, 12 Radici profonde Il servizio alla carità è intrinsecamente legato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

PRESUPPOSTI DOTTRINALI

PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità ecclesiale celebra le proprie Liturgie, ma nello stesso tempo non si dà pace, finché ci saranno fratelli e sorelle nella sofferenza spirituale e materiale" PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità

Dettagli

Operatori Laici di Pastorale-Formazione-1984

Operatori Laici di Pastorale-Formazione-1984 Operatori Laici di Pastorale-Formazione-1984 FORMAZIONE DEGLI OPERATORI LAICI DI PASTORALE L.V.D. LXXV (1984) pp. 384-396 I - Per una Chiesa tutta ministeriale PARTE PRIMA: PRINCIPI GENERALI 1. La Chiesa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

Identità di un Centro di Ascolto in 15 note

Identità di un Centro di Ascolto in 15 note Identità di un Centro di Ascolto in 15 note La costruzione 1) Occhio e Orecchio della parrocchia 2) Centro di aggregazione 3) Nucleo operativo 4) Segno di Chiesa Un C.d.A. è la parte iniziale di un più

Dettagli

Il cammino globale per diventare cristiani : in cosa consiste? Come cercare di attuarlo?! Incontro di febbraio 2014!

Il cammino globale per diventare cristiani : in cosa consiste? Come cercare di attuarlo?! Incontro di febbraio 2014! UFFICIO CATECHISTICO DIOCESANO PERCORSO FORMATIVO PER CATECHISTI E PRESBITERI INSIEME ANNO 2013/2014 ARCIDIOCESI COSENZA - BISIGNANO RELAZIONE DI PADRE CELESTE GARRAFA Incontro di febbraio 2014 Il cammino

Dettagli

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti Il Vescovo di Crema Alla Comunità Cristiana che è in Casaletto Vaprio, al parroco, don Achille Viviani, ai membri del consiglio pastorale, alle catechiste, ai diversi gruppi impegnati. Sono passate alcune

Dettagli

Vademecum degli Oratori

Vademecum degli Oratori Ufficio Pastorale dei iovani Vademecum degli Oratori Elaborato da Ufficio Pastorale dei Giovani in collaborazione con la Consulta Diocesana di PG Anno 2010-2011 Appunti per favorire il confronto e la riflessione

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

L adulto destinatario e soggetto di formazione

L adulto destinatario e soggetto di formazione Diocesi di Treviso Anno pastorale 2012-2013 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo L adulto destinatario e soggetto di formazione Orientamenti pastorali per l anno 2012-2013 A cura

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli