Pietro Roselli Assessore all Agricoltura Provincia di Firenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pietro Roselli Assessore all Agricoltura Provincia di Firenze"

Transcript

1 La Provincia di Firenze, da sempre impegnata nel diffondere nel proprio territorio le migliori soluzioni per l uso delle risorse agroambientali e nel promuovere pratiche di gestione sostenibile degli agroecosistemi, si è attivata nel proporre al mondo agricolo in generale e alle proprie realtà locali in particolare, questo Vademecum. Lo scopo è quello di affrontare e sviluppare il tema sempre più attuale e sentito quale è il rapporto sinergico tra agricoltura e biodiversità. La presente pubblicazione quindi, oltre ad offrire suggerimenti e spunti di rifl essione, ha il merito di calarsi nelle criticità dei nostri agrosistemi, elaborando e proponendo possibili soluzioni attraverso l applicazione di pratiche agronomiche e di gestione ambientale, nonchè evidenziare le diverse opportunità tecniche ed economiche che si presentano all agricoltore capace di sfruttare a proprio vantaggio quella preziosa risorsa che è la biodiversità. Pietro Roselli Assessore all Agricoltura Provincia di Firenze

2 PERCHÉ UN VADEMECUM? L anno 2010 è l Anno Internazionale della Biodiversità. Sono trascorsi diciotto anni da quando a Rio de Janeiro nel 1992 fu firmata la Convenzione sulla Diversità biologica e otto da quando al vertice mondiale di Johannesburg i Capi di Stato di tutto il Mondo si sono accordati sulla necessità di ridurre il tasso della perdita della biodiversità entro l anno Nel 2004 è iniziato il Countdown, individuato come strategia globale tra governi (tra cui l Italia), ONG, settori privati e semplici cittadini per conseguire concreti obiettivi per l arresto della perdita della biodiversità entro la data indicata, alla quale ci stiamo avvicinando rapidamente. Nel luglio 2009 l Unione Europea ha pubblicato la prima relazione sullo stato di conservazione degli habitat e delle specie tutelate dalla Direttiva 92/43/CEE, nella quale si rileva come lo stato di conservazione di tutti i tipi di habitat associati ad attività agricole è molto peggiore di quello di altri tipi di habitat, richiamando l attenzione sulla necessità di una maggiore consapevolezza del ruolo svolto dall agricoltura nella conservazione della biodiversità e dell agroecosistema e nella costruzione e gestione dei paesaggi italiani. La Provincia di Firenze, nel quadro delle attività di divulgazione e promozione nell ambito del Piano Provinciale dei Servizi di Sviluppo Agricolo e Rurale, ha avviato la redazione del presente vademecum, il cui obiettivo è fornire uno strumento di informazione, scientificamente rigoroso ma di facile consultazione, a disposizione di quanti desiderino acquisire maggiore consapevolezza riguardo le potenzialità e gli effetti dell attività agricola sul recupero, la prevenzione e la salvaguardia degli habitat animali e vegetali e delle risorse paesaggistiche del nostro territorio. Il vademecum è articolato in una parte generale che affronta il rapporto tra Agricoltura, Paesaggio e Biodiversità descrivendone le problematiche più diffuse nel territorio della provincia di Firenze e in una serie di schede, riferite a ciascuna filiera produttiva, nelle quali vengono delineate le principali criticità e suggeriti specifici interventi migliorativi. L elaborazione della guida è stata affidata ad un gruppo di lavoro costituito da diverse figure disciplinari studio Biosfera per gli aspetti naturalistici e studio Paesaggio2000 per gli aspetti paesaggistici - che, in collaborazione con lo staff tecnico della direzione provinciale Agricoltura, Caccia e Pesca, ha predisposto e curato testi e disegni del vademecum. Gennaro Giliberti Provincia di Firenze

3 SOMMARIO Paesaggio/Biodiversità/Agricoltura 4 Cos è successo al paesaggio agrario? 6 Il territorio fiorentino: le caratteristiche 7 Il territorio fiorentino: le principali criticità 8 Uno X tutti, tutti X Uno : buone pratiche 9 Fiore all occhiello 25 A ciascuno il suo: interventi per fi liera 29 Per chi vuol saperne di più 47 Riferimenti utili / Bibliografia 48

4 PAESAGGIO/BIODIVERSITÀ/AGRICOLTURA Per capire meglio... PAESAGGIO Una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni. [Convenzione Europea del Paesaggio CEP, Legge n.14, 9 gennaio 2006] BIODIVERSITÀ La variabilità degli organismi viventi di qualsiasi fonte, inclusi, tra l altro, gli ecosistemi terrestri, marini e gli altri ecosistemi acquatici e i complessi ecologici dei quali fanno parte; essa comprende la diversità all interno di ogni specie, tra le specie e degli ecosistemi. [Convenzione di Rio sulla diversità biologica, 93/626/CEE] AGRICOLTURA La coltivazione del fondo, la selvicoltura, l allevamento di animali e le attività connesse. Le attività connesse sono quelle dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione dei prodotti ottenuti dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall allevamento di animali, nonché la fornitura di beni o servizi mediante l uso di attrezzature o risorse dell azienda agricola comprese la valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, la ricezione e l ospitalità. [sintesi da Codice Civile art. 2135] paesaggio biologicamente povero = agricoltura meno produttiva paesaggio ricco di biodiversità = + fertilità - chimica di sintesi... e fare scelte consapevoli 4

5 Il paesaggio è una risorsa di interesse comune ed ha una propria dimensione economica e sociale, oltre che ambientale. UN PAESAGGIO SANO È uno spazio eterogeneo in cui convivono specie diverse di piante e animali; un luogo piacevole dove vivere e far vivere i nostri figli; un luogo riconoscibile per la sua identità culturale e ambientale; una ricchezza per chi lo utilizza responsabilmente. UNA BUONA AGRICOLTURA È una pratica produttiva rispettosa della terra che la ospita; una fonte di cibo di elevata qualità; un attività che recupera alcune pratiche colturali tradizionali conciliandole con le moderne conoscenze scientifiche; uno strumento di valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale delle aree rurali; un contributo prezioso alla salvaguardia delle specie in via di estinzione. Etica della permacultura La permacultura (permanent + agriculture) è un sistema per la creazione di insediamenti umani sostenibili che parte dal riconoscimento che una cultura non sopravvive a lungo senza una base agricola sostenibile e senza un etica dell uso della terra. Lo scopo è creare sistemi ecologicamente stabili e economicamente produttivi, in grado di provvedere ai bisogni evitando ogni forma di sfruttamento e inquinamento e quindi sostenibili a lungo. 5

6 COS È SUCCESSO AL PAESAGGIO AGRARIO? (TRASFORMAZIONI DEL PAESAGGIO DI IERI E PROBLEMI DI OGGI) Le nostre campagne fino agli inizi degli anni 50 erano caratterizzate da una grande varietà di colture, con alberi e siepi a margine dei campi e strade delimitate da filari e alberature; un paesaggio a misura d uomo! La grande diversità biologica nei campi, il mantenimento di elementi naturali, quali piante spontanee ed animali selvatici, ma anche la presenza di manufatti, come i muretti a secco, garantiva il rispetto degli equilibri biologici. Dal 2 dopoguerra ad oggi la crisi della mezzadria, la progressiva meccanizzazione delle pratiche agricole, l abbandono delle campagne, lo sviluppo dell industria chimica, con concimi a basso costo e di facile uso, hanno modificato l agricoltura e il suo paesaggio. Oggi il paesaggio agroforestale manifesta i segni di un massiccio sfruttamento delle risorse: l impoverimento della ricchezza vegetale e animale, l estrema semplificazione delle relazioni colturali (monocolture, allevamenti senza terra), la mancanza di riciclo della sostanza organica, la scomparsa degli elementi tradizionali dell architettura rurale, la banalizzazione del paesaggio e l aumento incontrollato del bosco. Tratto da P. Fabbri, Natura e Cultura del paesaggio agrario, Cittàstudiedizioni,1997 6

7 IL TERRITORIO FIORENTINO: LE CARATTERISTICHE LE COLTIVAZIONI L Area Fiorentina è caratterizzata da un agricoltura residuale, prevalentemente ortiva e, in minor misura vivaistica, nelle zone pianeggianti e da colture arborate nelle zone collinari (olivo e vite). L Area del Mugello, oltre ad un eccellenza delle produzioni zootecniche, è interessata da colture foraggere e cerealicole, castagneti e marroneti. Il Chianti è noto a livello internazionale per le sue produzioni vinicole di alta qualità. L Area dell Empolese Valdelsa si differenzia per una vocazione vitivinicola, olivicolturale e cerealicola. L Area della Montagna Fiorentina con spiccata caratterizzazione forestale, è interessata anche da colture varie (olivo, vite, fagioli, cereali). L Area del Valdarno presenta una produzione agricola estremamente diversificata. I PRATI I prati montani nel territorio della provincia di Firenze sono in gran parte caratterizzati da una specie dominante il bromo (Bromus erectus): una graminacea che cresce in condizioni di aridità e buona luminosità. I brometi si differenziano in: Xerobrometi nei versanti assolati, su suoli con scarsa profondità e con rocce, si presentano con aspetto simile alla steppa e associati a specie xeriche come l eliantemo (Helianthemum nummularium); Mesobrometi su suoli abbastanza profondi e con moderata aridità estiva, caratterizzati dall associazione con altre graminacee come Fienarola dei prati (Poa pratensis) o Codolina comune (Phleum pratense), leguminose e altre specie. I prati senza il pascolo o senza interventi di sfalcio tendono a richiudersi naturalmente evolvendo in arbusteti, impedendo la sopravvivenza di numerose specie di pregio naturalistico. 7

8 IL TERRITORIO FIORENTINO: LE PRINCIPALI CRITICITÀ DIMINUZIONE DEGLI SPECCHI D ACQUA L acqua è un fattore importantissimo in agricoltura, ma anche in natura; la creazione di piccoli stagni e laghetti circondati da una fascia di vegetazione è utile sia per l irrigazione che per gli animali. Questi ultimi infatti li utilizzano per i loro spostamenti soprattutto quando non gradiscono l ambiente artificiale creato dall uomo. Tra le specie in maggiore difficoltà ci sono gli Anfibi, (rane e rospi) che sono in netta diminuzione proprio per la scomparsa delle aree umide e della vegetazione tipica di questi ambienti. ASSENZA DI INSETTI SENTINELLA PER I RACCOLTI Siepi e filari intorno ai campi costituiscono rifugio per insetti predatori utili all agricoltore per salvaguardare il raccolto dall aggressione di insetti infestanti. Tra le specie arbustive e arboree locali più utili a tal fine troviamo: il pioppo bianco, il prugnolo, l acero campestre, l evonimo, il sanguinello e il nocciolo che sono particolarmente ricche di predatori di afidi!!! Nei vigneti è possibile utilizzare anche il rovo, habitat ideale per alcune specie capaci di tenere sotto controllo gli insetti nocivi. Anche i pipistrelli costituiscono un valido aiuto nella lotta contro gli infestanti: lasciare in vita vecchi alberi nelle cui cavità possono trovare rifugio o dotarsi di piccole casette di legno (bat-box) è un modo per salvare questa specie alleata dell agricoltura! RIDUZIONE DEGLI SPAZI DEDICATI AL PASCOLO I pascoli sono di estremo interesse per gli allevatori poiché i prati costituiscono una risorsa per l allevamento del bestiame e sono anche dei preziosi scrigni di biodiversità. I pascoli ospitano numerosi fiori tra cui molte specie di Orchidee importanti per il loro valore ecologico e costituiscono, inoltre, luogo di riproduzione e alimentazione per molte specie di uccelli (averla piccola, succiacapre, tottavilla, calandro) e anche di rapaci. Per tali ragioni è necessaria la conservazione di radure e chiari all interno delle aree boscate. 8

9 UNO X TUTTI, TUTTI X UNO : BUONE PRATICHE Applicare buone pratiche agricole consente a tutta la collettività di beneficiare del lavoro di ognuno e, ad ognuno, di trarre vantaggio dallo sforzo di tutti gli altri. La reintroduzione delle siepi di campo, poiché costituisce rifugio e fonte di nutrimento per animali utili nella difesa delle colture (basta scegliere le specie vegetali più adatte!), consente un minore uso di prodotti chimici, a lungo andare nocivi per la salute, oltre che per la fertilità del terreno, assicurando cibo sano e di qualità. La maggiore fertilità dei terreni ottenuta dalla diffusione di queste pratiche consente oltre ad un risparmio sui costi, una qualità più elevata della produzione, maggiore appetibilità dei prodotti e quindi un maggiore guadagno. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) È uno strumento della Regione Toscana per il finanziamento di interventi a sostegno dell agricoltura. Gli ambiti interessati sono divisi in 4 assi: 1 migliorare la competitività delle aziende agricole forestali 2 migliorare l ambiente e lo spazio rurale 3 diversificare l economia rurale 4 aumentare la qualità della vita nelle zone rurali, la cooperazione fra aziende, l informazione e la promozione dei prodotti. 9

10 PRIMO PASSO: CAMBIARE IL NOSTRO PUNTO DI VISTA È essenziale comprendere che l agricoltura non ha solo fi ne produttivo che riguarda esclusivamente agricoltori e allevatori, ma interessa anche l intera popolazione a livello sociale e culturale (può modifi care i comportamenti e le abitudini alimentari delle persone) e infl uenza gli equilibri ambientali (compromettendoli o conservandoli a seconda di come è condotta). Funzione ambientale, funzione economica, funzione sociale, un attività tante funzioni! 10

11 SECONDO PASSO: (RI)CONOSCERE I PROBLEMI... CRITICITÀ LEGATE ALLA FUNZIONE AMBIENTALE Degrado ed erosione del suolo Semplificazione della struttura del paesaggio agrario Impoverimento delle comunità viventi (flora e fauna) Alterazione dei processi ecologici (fitofarmaci e fertilizzanti) Riduzione della risorsa idrica CRITICITÀ LEGATE ALLA FUNZIONE ECONOMICA Omologazione delle produzioni e rischio di perdita di semi e frutti antichi del territorio fiorentino Complessità della filiera produttiva con scarsa redditività per i produttori Bassa competitività rispetto ai paesi concorrenti CRITICITÀ LEGATE ALLA FUNZIONE SOCIALE Scarsa partecipazione sociale nella gestione del territorio agricolo Ridotta conoscenza dei processi di produzione alimentare Scarsa sensibilità del pubblico verso l agricoltura sostenibile e il consumo critico Perdita di identità dei territori...e TROVARE LE SOLUZIONI! 11

12 DEGRADO ED EROSIONE DEL SUOLO Il suolo è una risorsa preziosa per tutta la collettività anche se in gran parte di proprietà privata; degrado del suolo signifi ca perdita parziale o totale della sua integrità con conseguenze dannose anche per altri aspetti di vitale importanza, come la qualità delle acque, la salute umana, la sicurezza alimentare, la vita delle specie animali e vegetali. 12

13 MITIGAZIONE Per la conservazione e la difesa del suolo è necessario introdurre tecniche colturali in grado di garantire l uso corretto ed equilibrato degli elementi terra, aria ed acqua. AZIONI rispetto delle condizioni strutturali, delle condizioni di tempera dei terreni e dei limiti dei tempi di ritorno delle colture per le lavorazioni del terreno; introduzione di tecniche semplificate e miste (minimum tillage o no-tillage, lavorazioni superficiali 3-15 cm di profondità, discatura, discissura) per ridurre il numero delle operazioni di preparazione del letto di semina, evitando un eccessivo compattamento; utilizzo di macchine ad organi di lavorazione rotativi (vangatrici e le zappatrici) con attenta calibratura della velocità di avanzamento delle macchine operatrici; uso di materiale organico di scarto (biomasse, acque di lavorazione dell olivo opportunamente trattate) per limitare la formazione di crosta superficiale (soprattutto nei suoli argillosi in mancanza di materia organica); selezione delle colture in base alle specifiche caratteristiche del terreno, preferendo le varietà locali; copertura con erbacee che favoriscano l assorbimento di azoto anche in periodo critico e ne riducano la lisciviazione, incrementino la sostanza organica nel terreno e attivino effetti biocidi verso gli organismi nocivi. Finanziamenti: misure 214/221/223 del Programma di Sviluppo Rurale

14 SEMPLIFICAZIONE DEL PAESAGGIO AGRARIO Il paesaggio agrario è un ecosistema costituito da un insieme di componenti e relazioni il cui valore non è solo di natura ecologica ma anche di testimonianza storica del lavoro dell uomo, di qualità estetica e percettiva legata al delicato rapporto uomo-natura. La ricchezza degli elementi che lo caratterizzano garantisce la permanenza di qualità paesaggistico-ambientali, la resistenza ai cambiamenti di stato e la stabilità dell intero sistema. 14

15 MITIGAZIONE La conservazione della diversità del paesaggio agrario richiede l attivazione di un insieme di pratiche a tutto campo; dal recupero di elementi in abbandono, al mantenimento delle testimonianze storiche, fino alla reintroduzione di componenti e metodi colturali tradizionali e sostenibili. AZIONI restauro e reintroduzione di terrazzamenti, ciglionamenti e muri a secco come metodi di difesa idrogeologica delle colture di versante e in quanto rifugio per l erpetofauna (lucertole, serpenti, micromammiferi); utilizzo di siepi e filari alberati lungo i campi con funzione di difesa dall azione erosiva del vento; costruzione di fasce di vegetazione al confine tra aree boscate e campi coltivati per favorire la naturale depurazione del suolo da agenti inquinanti; recupero delle colture promiscue (vite-olivo, vite-pioppo, vite-acero, vite-salice) e delle consociazioni per rinforzare la resistenza delle colture all aggressione di agenti nocivi; mantenimento/piantagione di alberi lungo le strade campestri in quanto segni caratteristici del paesaggio toscano e utili per il drenaggio dei suoli e come rifugio per numerosi invertebrati e vertebrati di varie specie; uso di vegetazione autoctona (Salix alba, S.purpurea, Populus nigra, Populus alba, Alnus glutinosa) negli interventi di rinaturalizzazione delle fasce fluviali; limitazione dell espansione del bosco e mantenimento degli spazi prativi; conservazione/recupero dell edilizia rurale storica e degli elementi dell architettura minore (abbeveratoi, fontanili, edicole votive, croci, tabernacoli). Finanziamenti: misure 214/216 del Programma di Sviluppo Rurale

16 IMPOVERIMENTO DELLE COMUNITA VIVENTI La ricchezza di specie vegetali e animali è una condizione essenziale per la sopravvivenza dell uomo sulla terra. L equilibrio dell intero ecosistema planetario dipende dalla quantità e dalla varietà di specie esistenti. Lo sfruttamento indiscriminato delle risorse idriche, il consumo eccessivo di suolo, l uso di fertilizzanti chimici, fi tosanitari e diserbanti, l interruzione della continuità degli ambienti naturali, hanno portato alla crescente riduzione degli habitat e di conseguenza alla scomparsa di alcune specie. Risorse fitogenetiche Durante i secoli, l uomo ha utilizzato circa specie vegetali per alimentarsi, ma oggi ne usa solo un centinaio; ciò è stato causato all introduzione di un numero di varietà commerciali moderne limitato ed uniforme. La conservazione e la salvaguardia delle specie vegetali sono necessarie per permettere all umanità di far fronte a potenziali minacce come le malattie, le infestazioni delle piante. 16

17 MITIGAZIONE Il miglioramento delle condizioni ambientali per la conservazione e l aumento della diversità biologica può essere raggiunto attraverso interventi mirati e specifici, ma soprattutto attraverso il riconoscimento che l uomo è, al pari delle altre specie viventi (e non al di sopra!), dipendente dallo stato di salute dell intero ecosistema terrestre. AZIONI introduzione di colture ed associazioni vegetali e specie arbustive fruttifere per favorire la presenza di fauna selvatica e il ripristino della catena ecologica; piantagione di siepi e filari arborei interpoderali con funzione mellifera (i fiori attirano le api per la produzione di miele) e per gli spostamenti della fauna (corridoi ecologici); sostituzione delle recinzioni artificiali nelle aree a pascolo con siepi naturali; recupero di residui delle colture e stoppie quali fonti alimentari per la microfauna e il miglioramento del suolo; mantenimento di prati e radure utili alla conservazione della fauna selvatica conservazione di manufatti come fontanili e lavatoi utili per l abbeveraggio di uccelli e piccoli mammiferi; attivazione di produzioni locali, varietà antiche e specie addomesticate per conservare e sviluppare risorse fitogenetiche. Finanziamenti: misure 214/216/323 del Programma di Sviluppo Rurale Corridoi ecologici Le comunità animali e vegetali, così come gli esseri umani abitano città e paesi, occupano i loro habitat spostandosi lungo corridoi costituiti da siepi, filari alberati, fasce di vegetazione e corsi d acqua. Quando queste infrastrutture ecologiche sono interrotte o rese inagibili, vengono compromesse le possibilità di spostamento, rifugio e sosta e, per alcune specie, anche i cicli di riproduzione che avvengono in questi ambienti. 17

18 ALTERAZIONE DEI PROCESSI ECOLOGICI L alterazione dei processi ecologici è determinata in larga parte dall uso di prodotti chimici per la fertilizzazione, il diserbo e la difesa dagli organismi dannosi per il raccolto. Le conseguenze nocive di queste pratiche riguardano non solo l inquinamento delle falde acquifere, l eliminazione di specie vegetali e animali utili, l interruzione della catena ecologica, ma anche la salute degli esseri umani, che si nutrono dei prodotti trattati chimicamente (sui quali restano in ogni caso residui di trattamento). AGRICOLTURA CON MEZZI CHIMICI Suolo impoverito Introduzione di sostanze nocive Costi per i prodotti Ripetizione periodica dei trattamenti Alterazione dei cicli biologici AGRICOLTURA CON MEZZI NATURALI Suolo arricchito di nutrienti e sostanza organica Riutilizzo di scarti e residui delle colture Efficacia a lungo termine dei trattamenti Rispetto dei cicli biologici 18

19 MITIGAZIONE Attraverso l introduzione di metodi di coltivazione biologica, biodinamica e integrata, nonché utilizzando una serie di piccoli accorgimenti, molti dei quali già usati in passato, è possibile ridurre l uso dei prodotti chimici e garantire la qualità dei cibi, l integrità dei terreni, la conservazione delle risorse. AZIONI uso limitato dei fertilizzanti nel rispetto delle condizioni d impiego (dosaggio, periodo di utilizzo e numero di trattamenti) e scelta in relazione alle specifi che condizioni dei suoli e delle colture; conclusione dei trattamenti di fertilizzazione verso i bordi del campo per consentire alla fauna di spostarsi ai margini; riduzione degli interventi di diserbo solo per specifi che fasi colturali (pre-semina, pre e post-emergenza); esclusione di prodotti chimici su siepi, fossi e bordi di campo per evitare la contaminazione delle specie che vi trovano rifugio e nutrimento, nonché in caso di vento o pioggia per evitare di trasportare i residui; esclusione dei pesticidi ed erbicidi nella zona di confi ne del campo, per un ampiezza compresa tra i 4 e i 10 m, per favorire il mantenimento degli insetti utili; sostituzione dei diserbanti e dei fertilizzanti di origine chimica con metodi naturali quali pacciamatura, inerbimento e compost; sostituzione dei trattamenti antiparassitari con l introduzione di organismi utili e feromoni (lotta biologica e integrata); evitare l incendio di stoppie, siepi e canneti poiché i prodotti della combustione alterano la composizione dei suoli. consultazione della direttiva 2009/128/CE sull uso sostenibile dei fi tosanitari. A causa della progressiva diminuzione delle api è vietato l uso di fitofarmaci contenenti neonicotinoidi, probabili responsabili della morte di tali preziosi insetti. Finanziamenti: misure 121/214 del Programma di Sviluppo Rurale

20 RIDUZIONE DELLA RISORSA IDRICA L acqua rappresenta una risorsa di valore inestimabile, dalla sua disponibilità e accessibilità dipende la sopravvivenza di tutti gli esseri viventi del pianeta. I rapidi cambiamenti climatici, i processi di desertifi cazione in atto, l accresciuto fabbisogno idrico legato alle attività umane, l immissione di sostanze inquinanti nelle falde acquifere, hanno tuttavia portato ad una progressiva riduzione della sua quantità e qualità. 20

21 MITIGAZIONE In ambito agricolo l acqua è un fattore indispensabile per assicurare l efficiente sviluppo delle colture; un utilizzo parsimonioso di questa risorsa è possibile con poco sforzo e consente di garantire un approvvigionamento equo per tutti (piante, animali, uomini) e duraturo nel tempo, anche per le generazioni future. Le azioni di mitigazione possono sostanzialmente ricondursi a due obiettivi principali: il miglioramento della capacità di drenaggio dei suoli e la razionalizzazione della raccolta e dell utilizzo dell acqua. AZIONI mantenimento di una fascia di vegetazione naturale lungo i corsi d acqua variabile dai 5 ai 20 m oltre la vegetazione strettamente legata alla riva; eliminazione di interruzioni e sponde troppe ripide o cementificate; introduzione di colture locali con un fabbisogno idrico contenuto; differenziazione dei sistemi di irrigazione in relazione alle diverse esigenze colturali; sostituzione dei prelievi dalla falda con sistemi di raccolta delle acque meteoriche; realizzazione di sistemi terrazzati per potenziare la capacità d immagazzinamento idrico dei terreni; riforestazione dei terreni agricoli marginali e/o inquinati delle fasce periurbane, in linea con la politica forestale comunitaria per la lotta al cambiamento climatico; creazione di specchi d acqua per l irrigazione utili anche agli anfibi. DI MENS NSIO NI OTT TTIM IMAL I DE I LAGH GHET TI PER LA COS TI TUZI ONE DI HAB ABIT AT > 25 mq > 10 0 mq > mq > mq Finanziamenti: misure 121/214/216 del Programma di Sviluppo Rurale

22 22 CRITICITÀ LEGATE ALLA FUNZIONE ECONOMICA dai problemi... omologazione delle produzioni e rischio di perdita di semi e frutti antichi del territorio fi orentino complessità della fi liera produttiva con scarsa redditività per i produttori bassa competitività rispetto ai paesi concorrenti... alle opportunità Valutare le potenzialità degli impianti colturali e introdurre pratiche innovative, recuperando anche varietà colturali antiche o pregiate (es. pesca regina di Londa, mela San Giovanni...) [fi nanziamenti dalle misure 123a, 214b2 del PSR] Accorciare la fi liera, puntando soprattutto sulla sperimentazione di forme di vendita diretta, solidale e sostenibile (Gruppi di Acquisto Solidale, Farmer market) [fi nanziamenti dalla misura123a] Dotarsi di marchi e certifi cazioni per sostenere la qualità delle produzioni nel confronto con i mercati nazionali ed internazionali Attivare modalità di educazione e sensibilizzazione dei consumatori verso i prodotti locali (vendita diretta a km 0) e la stagionalità delle produzioni parola d ordine...

23 CRITICITÀ LEGATE ALLA FUNZIONE SOCIALE scarsa partecipazione sociale nella gestione del territorio agricolo ridotta conoscenza dei processi di produzione alimentare mancanza di sensibilità del pubblico verso agricoltura sostenibile e consumo critico perdita di identità culturale dei territori coinvolgere direttamente i consumatori nel processo di gestione agricola attraverso attività specifi che (raccolta in azienda, affi tto di piccoli orti, agriasilo...) realizzare attività formative, didattiche, educazione ambientale per adulti e bambini [fi nanziamenti da misura 311del PSR] partecipare a corsi e incontri di aggiornamento per acquisire informazioni sulle tecniche innovative di coltivazione nel rispetto delle necessità aziendali e delle esigenze paesaggistico-ambientali legate alle specifi cità del territorio [fi nanziamenti da misure 111,114 del PSR] introdurre forme associative ai fi ni produttivi e commerciali per valorizzare l attività agricola e superare le debolezze strutturali dovute alla frammentazione fondiaria e alla scarsa innovazione tecnologica della singola impresa [fi nanziamenti dalla misura 124 del PSR - metodo Leader]... diversificare 23

24 Aree protette Un area protetta individua una porzione di territorio alla quale la comunità riconosce un valore naturalistico, culturale, storico tale da necessitare di attenzioni e cure speciali perché non vada perduto. Questo non significa escludere la presenza dell uomo o lo svolgimento delle sue attività ma utilizzare le risorse in modo compatibile con la loro disponibilità e il loro valore. Se il tuo terreno appartiene ad un area protetta, ad un SIC Sito di Importanza Comunitaria) o un SIR (Sito di Importanza Regionale) della Rete Natura2000, puoi richiedere un contributo economico attraverso la misura 214a.3 del PSR! 24

25 FIORE ALL OCCHIELLO L adozione di alcuni semplici accorgimenti, a prima vista lontani da un ritorno immediato per l agricoltore, invece è in grado di attivare processi virtuosi i cui risultati sono apprezzabili a lungo termine e agli occhi di un operatore sensibile e paziente. Conservazione delle alberature morte o senescenti Un albero, quando muore, viene abbattuto e il legno immediatamente allontanato. Il mantenimento in sito di vecchi alberi o il ricollocamento di tronchi marcescenti rappresenta invece una pratica di grande valore ai fini della conservazione della biodiversità. Molte specie animali infatti (chirotteri, micromammiferi, uccelli, lucertole, coleotteri xilofagi) usano i vecchi alberi come riparo temporaneo o come luogo di riproduzione. Conservazione di muretti a secco e pietraie Le numerose cavità che queste strutture presentano offrono un valido rifugio per molte specie (lucertola muraiola e campestre, ramarro, biacco, cervone, piccoli mammiferi, anfibi e numerosi invertebrati). I muretti a secco di campagna, tipici dei terrazzamenti della collina toscana, dovrebbero rimanere intatti. Qualcosa di simile ai muretti a secco può essere ottenuto tramite accumulo di materiale inerte (pietraie), a scomparsa sotto una copertura di sassi, in modo da formare un numero consistentedi nicchie. 25

26 Conservazione di anfratti in vecchi edifici Le vecchie case coloniche abbandonate o i ruderi rappresentano il luogo ideale per il rifugio, lo svernamento e la riproduzione di molte specie animali, in particolare per pipistrelli, uccelli, rettili. Nei casi in cui non sia possibile mantenere in piedi queste strutture (o nei casi di ristrutturazione) si possono mettere in atto alcuni accorgimenti per consentire agli animali di conservare le vecchie abitudini : mantenimento degli accessi presenti o realizzazione di accessi alternativi; le aperture usate dai pipistrelli sono di due tipi: accesso in volo, corrispondente in genere a siti di rifugio di grande volume (sottotetti e cantine), non inferiori a cm, accesso in arrampicata, corrispondente a siti di rifugio di piccolo volume con l apertura, a forma circolare o di fessura, di 2-5 cm di larghezza; conservazione delle condizioni microclimatiche: fattore negativo sono le correnti d aria che possono essere evitate con opportuni tramezzi; mantenimento delle condizioni di oscurità mediante pannelli, tende nere, reti per ombreggiature; mantenimento o creazione di appigli, come semplici superfici ruvide, o nel caso di superfici lisce, tavolette di legno ruvide applicate in posizioni elevate; creazione di rifugi, che possono essere mattoni forati, elementi con fessure o cavità creati con tavolette in legno, bat-box (cassette in legno o materiale refrattario); verifica di assenza di sostanze tossiche nelle travi e nelle pareti. 26

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

Direttiva Habitat e agricoltura

Direttiva Habitat e agricoltura Natura 2000 ed il ruolo degli agricoltori Oliviero Spinelli Seminario Coldiretti Roma, 11 dicembre 2012 Direttiva Habitat e agricoltura Nella Direttiva "Habitat" viene specificato l'obiettivo di conservare

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC VENEZIA, 19 MAGGIO 2014 EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC MANUEL BENINCA (COLDIRETTI VENETO) 1 QUALI SONO LE NORME CHE REGOLANO LE

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE

PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE DIVIETI Cambiamenti dell uso del suolo. All interno degli habitat è vietato qualsiasi

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua PROVINCIA DI PRATO Ufficio Agenda 21 Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel.: 0574 534260 Fax: 0574 534329 E-mail: agenda21@provincia.prato.it Web: http:\\www.provincia.prato.it PTC 2008 Variante di adeguamento

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

La PAC dopo il 2014: condizionalità, greening e II pilastro

La PAC dopo il 2014: condizionalità, greening e II pilastro La PAC dopo il 2014: condizionalità, greening e II pilastro Patrizia Borsotto Agripiemonteform, 28 ottobre 2014 Presentazione Condizionalità CGO e BCAA Breve storia Post 2013 Sviluppo rurale Condizionalità,

Dettagli

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie Habitat di specie 575 HABITAT DI SPECIE In Liguria gli habitat di specie, cioè quegli habitat indispensabili per la vita delle specie elencate nell allegato 2 della direttiva 92/43 e nell allegato 1 della

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

CAMPO DI CONDIZIONALITÀ: BUONE CONDIZIONI AGRONOMICHE E AMBIENTALI. OBIETTIVO 1: EROSIONE DEL SUOLO: Proteggere il suolo mediante misure idonee

CAMPO DI CONDIZIONALITÀ: BUONE CONDIZIONI AGRONOMICHE E AMBIENTALI. OBIETTIVO 1: EROSIONE DEL SUOLO: Proteggere il suolo mediante misure idonee ALLEGATO 2 ELENCO DELLE NORME E DEGLI STANDARD PER IL MANTENIMENTO DEI TER- RENI IN BUONE CONDIZIONI AGRONOMICHE E AMBIENTALI DI CUI ALL AR- TICOLO 6 E ALL ALLEGATO III DEL REGOLAMENTO (CE) N. 73/09 CAMPO

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

Azienda Agricola Agri2000

Azienda Agricola Agri2000 Azienda Agricola Agri2000 Sezione anagrafica Nome Produttore: Paola Carnino e Carlo Maritano (foto 1) Indirizzo: Strada dei Pautassi S. Ambrogio Data inizio attività: 1996 1 Tipologia di conduzione e numero

Dettagli

CAMPO DI CONDIZIONALITA : BUONE CONDIZIONI AGRONOMICHE E AMBIENTALI. OBIETTIVO 1: EROSIONE DEL SUOLO: Proteggere il suolo mediante misure idonee

CAMPO DI CONDIZIONALITA : BUONE CONDIZIONI AGRONOMICHE E AMBIENTALI. OBIETTIVO 1: EROSIONE DEL SUOLO: Proteggere il suolo mediante misure idonee Allegato parte integrante Allegato 2 ELENCO DELLE NORME PER IL MANTENIMENTO DEI TERRENI IN BUONE CONDIZIONI AGRONOMICHE E AMBIENTALI DI CUI ALL ARTICOLO 6 E ALL ALLEGATO III DEL REGOLAMENTO (CE) N. 73/2009.

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali Criticità relative alla diminuz ione di biodive rsità in area risicola MATRICE ARGOMENTAZIONI Soluzioni/Interventi Prassi comuni Prassi proponibili Carenze conoscitive Strumenti finanziari Attori principali

Dettagli

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile.

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. Maggio 2014 greenpeace.it 2 A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile - Maggio 2014 Sintesi del rapporto Plan bee living without pesticides.

Dettagli

Vercelli ARCA 2 luglio 2015 Nutrirsi di paesaggio TERRITORIO AGRARIO E NUOVA PAC, LE STRATEGIE EUROPEE

Vercelli ARCA 2 luglio 2015 Nutrirsi di paesaggio TERRITORIO AGRARIO E NUOVA PAC, LE STRATEGIE EUROPEE Vercelli ARCA 2 luglio 2015 Nutrirsi di paesaggio TERRITORIO AGRARIO E NUOVA PAC, LE STRATEGIE EUROPEE LA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA PRIMO PILASTRO (pagamenti diretti) PAGAMENTO UNICO AZIENDALE GREENING

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento 2 ciclo di pianificazione 2015-2021 Piano Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: possibili integrazioni con il Piano di Gestione

Dettagli

Il PSR 2014-2020 della Toscana

Il PSR 2014-2020 della Toscana Il PSR 2014-2020 della Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Conferenza: Le opportunità offerte dalla nuova programmazione dei PSR per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali, IFOA-AIAB Perugia, 21 novembre

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

PROGETTO PER ORTO BIOLOGICO COOP. AGESPHA ONLUS ED AZIENDA AGRICOLA CALIARI

PROGETTO PER ORTO BIOLOGICO COOP. AGESPHA ONLUS ED AZIENDA AGRICOLA CALIARI PROGETTO PER ORTO BIOLOGICO COOP. AGESPHA ONLUS ED AZIENDA AGRICOLA CALIARI La Cooperativa Agespha ha stipulato una collaborazione con l Azienda Agricola Caliari di Bussolengo un progetto di Orto Biologico

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia

Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia Il piano di sviluppo rurale 2013-2020 in Italia Un approccio Regionale in un quadro nazionale 21 piani regionali Le misure prevalenti per la castanicoltura

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

Uso sostenibile delle piante della flora spontanea

Uso sostenibile delle piante della flora spontanea Uso sostenibile delle piante della flora spontanea Convegno nazionale organizzato da Direzione Generale Qualità dell Ambiente Direzione Generale Agricoltura VALUTAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ COME INDICATORE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA

RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA PSR TOSCANA 2007/2013 Regolamento CE 1698/05 MISURA 114 Utilizzo servizi di consulenza Provincia di.. Organismo prestatore del servizio:. Azienda :.... Tipologia di servizio

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-20132013 Antonino Drago Dirigente Area Studi e Programmazione DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE

Dettagli

Principio 10: Realizzazione delle attività di gestione Le attività di gestione condotte da o per conto dell Organizzazione* nell Unità di Gestione*

Principio 10: Realizzazione delle attività di gestione Le attività di gestione condotte da o per conto dell Organizzazione* nell Unità di Gestione* Principio 10: Realizzazione delle attività di gestione Le attività di gestione condotte da o per conto dell Organizzazione* nell Unità di Gestione* devono essere selezionate e realizzate coerentemente

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi Indirizzo: Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi Indirizzo: Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI Indirizzo Servizi per l agricoltura e lo L indirizzo Servizi per l agricoltura e lo è un percorso di studi che fornisce competenze relative all assistenza tecnica

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

Il PSR 2014 2020 e le azioni agro climatico ambientali. Patrizia Rossi Giovanni Soldato LIPU BirdLife Italia

Il PSR 2014 2020 e le azioni agro climatico ambientali. Patrizia Rossi Giovanni Soldato LIPU BirdLife Italia Il PSR 2014 2020 e le azioni agro climatico ambientali Patrizia Rossi Giovanni Soldato LIPU BirdLife Italia Regolamento 1305/2013 Articolo 14 Articolo 15 Articolo 16 Articolo 17 Articolo 18 Trasferimento

Dettagli

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it La Rete Natura 2000 nelle Marche Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it Direttiva Habitat (art. 2) Salvaguardia biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, flora e fauna

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA PSR 2014-2020 Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende Responsabile regionale Dott. Andrea Scarponi Tel. 0733 2932288-071 8063649 mail: andrea.scarponi@regione.marche.it

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia di Paolo Lassini, dirigente Direzione Generale Agricoltura

Dettagli

Azienda Forestale Ambientale

Azienda Forestale Ambientale SA Azienda Forestale Ambientale Storia La Compul SA è nata in origine allo scopo di trattare e gestire gli scarti vegetali provenienti da boschi, giardini, frutteti e vigneti. Dal 2011 è stata costituita

Dettagli

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020.

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Andando Verso il Nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Report - Attività Professionale Periodo di Spesa 2007 2013. Fondo F.E.A.S.R. Codice Fiscale e P.IVA 02035130513 - Via C. Concini

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE Sezione 1 Strutture, attrezzature e strumenti a disposizione degli studenti MODULO 1 L azienda agraria dell Istituto 12 1.1 La visita aziendale

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali Sottomisura 4.1. Sostegno a investimenti nelle aziende agricole Tipo di operazione 4.1.2 Investimenti in aziende

Dettagli

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe. Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.it Protocollo c/o Comune di Copparo Via Roma, 28 44034 Copparo

Dettagli

ALLEGATO 1. Procedura tecnica di rilievo del territorio nazionale

ALLEGATO 1. Procedura tecnica di rilievo del territorio nazionale ALLEGATO 1 Procedura tecnica di rilievo del territorio nazionale Nell ambito del Sistema Integrato di Gestione e Controllo viene svolta l attività di rilevazione dell occupazione del suolo mediante telerilevamento

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Friend of the Earth Standard

Friend of the Earth Standard Friend of the Earth Standard FOE-Agricoltura Criteri e indicatori per la certificazione di prodotti da agricoltura sostenibile (Ultimo aggiornamento 13/03/2014) CATEGORIE DI REQUISITI 1. SISTEMA DI GESTIONE

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme Tesero, 27 novembre 2014 Dott. Franco Rizzolli (MUSE) Dott. Angela

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 8 Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste Sottomisura 8.3 Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

Approvati i Piani di Sviluppo Rurale 2007-2013: novità per gli Ammendanti Compostati

Approvati i Piani di Sviluppo Rurale 2007-2013: novità per gli Ammendanti Compostati Approvati i Piani di Sviluppo Rurale 2007-2013: novità per gli Ammendanti Compostati Massimo Centemero, Werner Zanardi, Laura Bianconi Consorzio Italiano Compostatori Il Comitato sviluppo rurale della

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.2 Miglioramento della gestione

Dettagli

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere).

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere). L'agricoltura biologica è un metodo di produzione regolato sotto l aspetto legislativo a livello comunitario con un primo regolamento, il Regolamento CEE 2092/91, sostituito successivamente dai Reg. CE

Dettagli

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO a. Generalità: La seguente parte della misura definisce il concetto

Dettagli

presso gli Orti Urbani Garbatella

presso gli Orti Urbani Garbatella Progetto Laboratorio Didattico di Permacultura Sommario Scopo del progetto...2 Situazione attuale...3 Il Laboratorio di Permacultura in dettaglio...6 Corso di Introduzione alla Permacultura...7 Schema

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA 2011 P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI Il Sindaco ZENERE LINO Il Segretario Generale MICHELANGELO PELLÈ GENNAIO 2011 ALLEGATO CONI VISUALI

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Dr. Giuseppe CACOPARDI MIPAAF Direzione Generale Sviluppo Rurale PRIORITÀ DELL UNIONE IN MATERIA

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE Criteri applicativi al DGR 2495/2006

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE Criteri applicativi al DGR 2495/2006 Città di Arzignano REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE Criteri applicativi al DGR 2495/2006 ART. 1. PREMESSE Il presente Regolamento detta, all

Dettagli

Agroforestry e PAC in Italia

Agroforestry e PAC in Italia Agroforestry e PAC in Italia Andrea Pisanelli andrea.pisanelli@ibaf.cnr.it Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Biologia Agroambientale e Forestale Adolfo Rosati adolfo.rosati@entecra.it Consiglio

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI una prima riflessione Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Un work in progress Gli indicatori

Dettagli

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2014-2020 BANDO PUBBLICO REG UE 1305/2013, Art. 29 Priorità dello sviluppo rurale Focus area

Dettagli

!!!!! ! " # $!! %! $! & "! '! %! $ % $ #

!!!!! !  # $!! %! $! & ! '! %! $ % $ # " # $ % $ & " ' % $ % $ # ( ) $ * + ( 1 La definizione di tipo richiama a: possesso di caratteri qualitativi che consentono di accomunare ad un modello. Nel caso dell applicazione della definizione al

Dettagli

L Impronta ecologica

L Impronta ecologica Scheda didattica Foglio di lavoro Impronta Ecologica WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L Impronta ecologica Attività: Paragonare e osservare un paesaggio della prima metà del 20esimo secolo con lo stesso

Dettagli