I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E"

Transcript

1 IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La gestione del personale nelle Pubbliche Amministrazioni continua ad essere al centro di ogni riflessione sull innovazione delle Pubbliche Amministrazioni. Anche in un contesto caratterizzato da misure di rigore sulla spesa per il personale non viene meno la strategicità della leva capitale umano nel portare avanti e rafforzare quel processo di cambiamento iniziato nei primi anni 90. Il decennio che stiamo vivendo prosegue all impronta del rigore finanziario e nell ottica di un razionale utilizzo delle risorse, così come confermato dalle ultime Leggi finanziarie. Pur mancando un progetto organico che affronti le grandi questioni aperte della gestione del personale, adeguamento delle disposizioni vigenti alla riforma del Titolo V della Costituzione, migliore efficienza ed efficacia della contrattazione, impiego corretto delle flessibilità, responsabilizzazione della dirigenza sull impiego del personale, sono emerse comunque negli ultimi anni forti indicazioni circa l esigenza di realizzare una sana gestione del personale con l impiego di tutti gli strumenti a disposizione del datore di lavoro. Il percorso delle riforme passa inoltre necessariamente dal superamento di una gestione meramente amministrativa e formalistica per puntare ad un governo del personale per competenze e obiettivi. Pur in un contesto finanziario di tagli, che viene confermato fino a tutto il 2008 dalla Legge finanziaria per il 2006 (legge 266/2005), acquista rilevanza la gestione delle risorse umane con tutte le sue leve, rilanciando la necessità di una programmazione di medio periodo che consenta un utilizzo coordinato di tutti gli istituti e gli strumenti, tra cui la formazione. I dati del Conto annuale delle spese sostenute per il personale, predisposto dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato ai sensi del Dlgs 165/2001, confermano intanto (dati al 31 dicembre 2004) la difficoltà a contenere il numero dei dipendenti a tempo indeterminato anche per le diverse deroghe previste dal legislatore in particolare per il settore sicurezza e la scuola. Si registra comunque in media una riduzione nei comparti Ministeri, Regioni ed Enti locali, ma soprattutto cominciano a non crescere i rapporti di lavoro flessibili nelle Pubbliche Amministrazioni. Consistente è infatti il numero delle collaborazioni coordinate continuative e dei contratti a tempo determinato. 1 Francesco Verbaro, Direttore generale del personale delle Pubbliche Amministrazioni - Dipartimento della funzione pubblica. 9 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2 PARTE II - CAPITOLO 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE Questo fenomeno, esploso a cavallo tra la fine degli anni 90 e i primi anni del 2000, nasconde diverse patologie e non solo di natura finanziaria comportando disfunzioni e criticità nelle politiche di razionalizzazione e di reclutamento. La flessibilità, introdotta nel settore pubblico al fine di accompagnare i processi di riorganizzazione e decentramento e rispondere meglio a fabbisogni temporanei e qualificati, si è trasformata in una modalità non corretta di reclutamento generando false aspettative e forti vincoli quindi nell organizzazione del lavoro. Andrebbe per questo effettuata una riflessione sull applicazione di tali tipologie contrattuali nel settore pubblico, con riferimento alle problematiche dell organizzazione del lavoro e tenendo conto dell obiettivo di realizzare il miglior utilizzo delle risorse umane già presenti nelle Amministrazioni. Per questo le riflessioni sul mercato del lavoro privato meritano attenzione e più di un commento anche da parte degli operatori delle Pubbliche Amministrazioni, alle prese da anni con problemi apparentemente distanti ma, per certi versi, dai tratti comuni. Il processo di privatizzazione del rapporto di lavoro con le Pubbliche Amministrazioni d altronde, pur con le specificità proprie, consente di analizzare la gestione delle risorse umane nelle Pubbliche Amministrazioni attraverso le lenti degli economisti e dei sociologi del lavoro che, in questi anni, hanno tra l altro fornito elementi di interesse anche ai giuristi. Il mercato del lavoro pubblico si è caratterizzato in questi anni per una forte garanzia per gli insiders, con rigidità nell impiego del capitale umano, come effetto dei numerosi vincoli interni, generando una vasta area di precariato e di fenomeni di duplicazioni, anche attraverso esternalizzazioni apparenti. In questo quadro vanno letti gli interventi previsti nel Dlgs 4/2006, contenente misure urgenti in materia di organizzazione e funzionamento della Pubblica Amministrazione, diretti a contenere il ricorso ai rapporti di lavoro flessibili rivedendo le causali e le procedure di autorizzazione e a prevedere le esternalizzazioni in modo corretto. Dal punto di vista del contenimento dei costi la Legge finanziaria per il 2006 rafforza gli strumenti e le politiche di rigore che caratterizzano ormai il decennio , prevedendo misure restrittive fino al Si interviene in modo strutturale sulle spese per il personale, sulla contrattazione di secondo livello e sui rapporti di lavoro flessibile, prevedendo risparmi per tutti i livelli di Governo, dai Ministeri, agli Enti locali, dagli Enti pubblici non economici alle ASL. Si mantiene il blocco del turn over, si attua nelle Regioni e negli Enti locali il taglio del 5% sugli organici, si fissa un obiettivo di risparmio di spesa dell 1% rispetto a quanto previsto dalle singole Amministrazioni nel Le misure di contenimento sono previste anche per i contratti a tempo determinato e le altre forme flessibili di lavoro. Misure finanziarie, dunque, che limitano le Amministrazioni nell uso del reclutamento per soddisfare i fabbisogni di personale, ma che, ad esempio, pongono anche un giusto freno ad un impiego improprio del lavoro flessibile che nel corso degli anni ha generato un precariato attorno alle Pubbliche Amministrazioni di dimensioni significative. Su tale fronte in considerazione della gravità del fenomeno è stato previsto un percorso legislativo di stabilizzazione di quel personale che presta da diversi anni ormai la RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2005

3 IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 propria attività a tempo determinato nelle Amministrazioni centrali dello Stato, ma migliaia sono i lavoratori nei confronti dei quali è stata alimentata una falsa aspettativa. L insieme delle misure vigenti dovrebbero portare le Amministrazioni a rivedere innanzitutto i propri modelli organizzativi, puntando ad una migliore organizzazione del lavoro alla luce del generale aggiornamento dei compiti e delle funzioni dei diversi Enti. Non si tratta quindi di rispettare soltanto i singoli tetti di spesa ma di rivedere il modo di essere e fare amministrazione. Tra l altro uno degli aspetti chiave delle ultime manovre finanziarie è proprio l estensione triennale dei provvedimenti, che consente alle Pubbliche Amministrazioni di avere definite le linee guida e le regole di governo della spesa per i prossimi anni potendo, in tal modo, programmare le azioni in materia di gestione e formazione del personale. Le dotazioni organiche rideterminate, le programmazioni triennali dei fabbisogni, per esempio, potranno essere già adottate tenendo conto dei limiti alle assunzioni e dei diversi tetti di spesa. Di fronte ad un blocco delle assunzioni generalizzato e ad un intervento di riduzione sulle dotazioni organiche così puntuale, occorre riflettere sugli strumenti del cambiamento delle Pubbliche Amministrazioni. Si dovranno mirare meglio innanzitutto le poche procedure di reclutamento. Un ragionamento comunque che ci porta a dire, ad esempio, che le Amministrazioni, anche alla luce dei processi di informatizzazione e ristrutturazione di questi ultimi anni, devono necessariamente operare con meno personale, utilizzando al meglio il personale in servizio. In questo quadro può risultare strategico, per far fronte ai diversi e qualificati fabbisogni, l utilizzo di strumenti come la formazione e la mobilità. La stessa apertura prevista negli ultimi interventi normativi (legge 311/2004, legge 246/2005, legge 266/2005, Dl 4/2006) in materia di mobilità, anche intercompartimentale, ci dice che le Amministrazioni dovranno guardare a tale istituto in modo diverso dal passato, considerandolo come un importante strumento di reclutamento. Per questo potrà essere utile lavorare per un accordo quadro sulla mobilità intercompartimentale e dotare le Amministrazioni di regolamenti e norme interne adeguate per eliminare le numerose incertezze in materia di inquadramenti e, quindi, favorire la nascita di un mercato del lavoro pubblico. La recente previsione di una banca dati della mobilità si colloca in questa direzione. Allo stesso tempo, però occorrerà ottimizzare le risorse economiche per attivare le iniziative di formazione che devono accompagnare i processi di ristrutturazione e di valorizzazione del personale. Rimane l obiettivo di lavorare al recupero di quel personale escluso dai processi produttivi e di lavoro, che costituisce forse oggi il più grande spreco soprattutto dal punto di vista umano. Oggi, più che in passato, sono gli Uffici del personale che devono giocare un ruolo di primo piano per garantire l efficienza e l efficacia dell azione delle Pubbliche Amministrazioni, programmando il migliore utilizzo delle risorse già a disposizione. In quest ottica occorre coprire una funzione essenziale nella gestione moderna delle risorse umane che è quella di puntuale conoscenza dei dipendenti attraverso l uso efficace di banche dati e di sistemi informativi. Le nuove tecnologie consentono oggi di sviluppare a pieno sistemi che permettono di seguire e programmare carriere, competenze, co- 9 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

4 PARTE II - CAPITOLO 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE noscenze, skill, obiettivi professionali dei propri dipendenti, importanti per assicurare la pianificazione del turn over, la programmazione della formazione e la creazione di sistemi di valutazione e incentivanti aggiornati e mirati. Le Amministrazioni conoscono quanto vengono pagate le proprie risorse umane, ma sanno ancora poco invece sulla loro vita professionale, sulle competenze e sulle potenzialità. In un quadro caratterizzato da scarsità di risorse e da forti vincoli sul reclutamento, il modello di direzione del personale basato sulla valutazione, gestione e valorizzazione delle risorse umane è il più coerente con l obiettivo di migliorare le performance del sistema e la qualità dell azione amministrativa a costi sostanzialmente invariati. Un modello che si deve caratterizzare per: una piena coscienza e conoscenza dell autonomia datoriale e delle responsabilità non solo finanziarie ad essa connesse; un azione finalizzata allo sviluppo delle competenze e quindi non una gestione ad impronta meramente giuridica o finanziaria; una progettazione e un aggiornamento continuo dei ruoli e dei profili professionali; un processo mirato di selezione in entrata in grado di considerare le attitudini e le competenze oltre alle conoscenze acquisite sulla base dei fabbisogni dell Ente; un processo d inserimento del personale selezionato, con un diretto coinvolgimento della dirigenza, tale da garantire un risultato efficace in tutte le fasi del reclutamento, inserendo l uomo giusto al posto giusto; un sistema di valutazione non disgiunto dall apprendimento e dalla formazione, che valorizzi al contempo la capacità di innovazione; una formazione orientata dai risultati della valutazione e finalizzata all apprendimento per il miglioramento della prestazione (non formazione astratta ed accademica o finalizzata esclusivamente agli adempimenti contrattuali); una politica diretta a migliorare l utilizzo del personale attraverso percorsi di riqualificazione mirati e la mobilità; una programmazione dei fabbisogni che consenta di rafforzare alcune competenze tradizionali oggi in crisi (giuridiche e contabili) e di contenere nell alveo della correttezza gestionale, e non solo giuridica, il ricorso ai rapporti di lavoro flessibili; una politica del personale che pone al centro la responsabilità della dirigenza, con l obiettivo di migliorare gli stili di direzione secondo quanto previsto dalle riforme di questi anni. I modelli di direzione del personale dovranno inoltre essere in grado di dare una risposta adeguata al diffuso (e a volte inopportuno) ricorso all outsourcing per le attività di formazione, scelta che priva di un importante leva gestionale le Amministrazioni. Un ufficio per la gestione delle risorse umane oggi deve curare direttamente le attività di programmazione, monitoraggio e valutazione (di frequente assegnate alle stesse società incaricate della progettazione e dell erogazione), che risultano essere i segmenti della filiera meno presidiati. E in più potrebbero attingere ad una risorsa di formazione interna e molto preziosa, come quella rappresentata dalla dirigenza pubblica. Si tratta in breve di rilanciare quanto previsto già dal Dlgs 29/93 con riferimento alla capacità e ai poteri del privato datore di lavoro per rafforzare l efficienza e l efficacia dell azione amministrativa RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2005

5 IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 L obiettivo pratico, e non solo strategico, rimane quello di puntare ad un migliore utilizzo delle risorse umane già in servizio. Occorre contenere le flessibilità organizzando meglio il lavoro e coinvolgendo il personale, contenendo i forti processi di deprofessionalizzazione. Uno strumento di programmazione che sta alla base sia dei processi di mobilità sia dei piani di formazione è la programmazione triennale dei fabbisogni, da predisporre in un ottica gestionale e non di mero adempimento. Si tratta di porre in evidenza il valore non solo finanziario, ma anche funzionale, di una corretta gestione del personale e in questo quadro gli interessi delle Amministrazioni e dei lavoratori non devono essere in contrasto ma devono incontrarsi nell interesse del funzionamento dell Ente. Si sente l esigenza di utilizzare al meglio gli strumenti oggi esistenti, anche attraverso l applicazione delle innovazioni tecnologiche, recuperando il ruolo di datore di lavoro privato in particolare nelle relazioni sindacali e a livello di contrattazione integrativa. Un aspetto da valorizzare, inoltre, è quello dei tirocini dei giovani laureandi o neolaureati, attraverso accordi con le università italiane, che dovranno essere promossi con attenzione se non si vuole perdere l occasione di inserire le migliori potenzialità formate negli Atenei. Su questo argomento il Dipartimento della funzione pubblica ha emanato nel 2005 una Direttiva a firma del Ministro Baccini proprio al fine di migliorare il rapporto tra Pubbliche Amministrazioni e mondo dell Università e della ricerca. Si registra, in merito, ancora una forte rigidità interna nel modificare e aggiornare i profili professionali oggi necessari per sviluppare quei processi di innovazione permanenti e al contempo si avverte la mancanza di alcuni profili tradizionali particolarmente specialistici. Terminata la fase delle riqualificazioni, promosse dalle ultime tornate contrattuali, bisognerà puntare su una formazione mirata, volta a colmare i gap in termini di professionalità oggi mancanti. Gli strumenti della formazione possono, infine, essere valutati anche al fine di migliorare il clima interno. Proprio le azioni dedicate al benessere organizzativo, come quelle riguardanti la sicurezza del lavoro, richiedono una partecipazione attiva dei destinatari dei processi formativi, in modo da generare un tipo di apprendimento orientato allo sviluppo delle strutture. Formazione continua, informazione, comunicazione interna, contribuiscono strategicamente all innovazione e al cambiamento dell ambiente di lavoro in maniera stabile e significativa, permettendo di ridurre il conflitto interno e il contenzioso del lavoro fortemente in crescita. La formazione, quindi, va progettata a sostegno delle politiche dell Ente nell ambito dell insieme degli strumenti oggi disponibili. La dirigenza pubblica può svolgere in tal modo un ruolo centrale nel programmare e gestire, in modo efficiente ed efficace, le risorse umane. Va data forza a quelle azioni dirette a rafforzare il management pubblico attraverso forme di reclutamento e di formazione qualificate ed efficaci. L invecchiamento della dirigenza, anche a causa del blocco dei concorsi specifici, non favorisce certamente una gestione moderna del personale e per questo oltre a rivedere le modalità del blocco delle assunzioni sarà sempre più necessaria una formazione specifica per i responsabili delle risorse umane. 9 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

6 PARTE II - CAPITOLO 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE Infine, vanno segnalati i vuoti registrati nella contrattazione con riferimento all adozione di sistemi di valutazione ed incentivanti. Più che mai nei prossimi anni dovrà emergere questa funzione della gestione delle risorse umane, tesa a valorizzare il personale in servizio e a promuovere, soprattutto a livello organizzativo, il processo di riforma della Pubblica Amministrazione, anche per sopperire ai vuoti normativi e far fronte in modo innovativo ai vincoli finanziari. Va recuperato per questo l interesse pubblico superiore che dovrebbe caratterizzare il lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni per superare i diversi interessi particolari, che si sviluppano nelle relazioni tra le parti, che hanno fatto crescere l autoreferenzialità delle Amministrazioni. La responsabilità finanziaria sulla spesa per il personale va rilanciata attraverso una forte responsabilità sociale dei soggetti pubblici. La competitività del nostro sistema pubblico non potrà prescindere dal capitale umano oggi presente nelle Amministrazioni. Né questo può essere considerato o gestito solo dal punto di vista finanziario. Occorre per questo rilanciare la sfida dell innovazione partendo dalla professionalità e dal merito RAPPORTO SULLA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2005

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

LE POLITICHE DEL PERSONALE TRA PROCESSI DI STABILIZZAZIONE E SPINTE AL CAMBIAMENTO: QUALE RUOLO PER LA FORMAZIONE

LE POLITICHE DEL PERSONALE TRA PROCESSI DI STABILIZZAZIONE E SPINTE AL CAMBIAMENTO: QUALE RUOLO PER LA FORMAZIONE RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLE POLITICHE DEL PERSONALE PARTE II - CAPITOLO 1 LE POLITICHE DEL PERSONALE TRA PROCESSI DI STABILIZZAZIONE E SPINTE AL CAMBIAMENTO: QUALE RUOLO PER LA FORMAZIONE di Francesco

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

PROVINCIA DI PISA Prot. 65558 02.04.00 Pisa, lì 5.3.2012 Il Direttore Generale. Che tempo che fa (linee e numeri di politica del personale).

PROVINCIA DI PISA Prot. 65558 02.04.00 Pisa, lì 5.3.2012 Il Direttore Generale. Che tempo che fa (linee e numeri di politica del personale). PROVINCIA DI PISA Prot. 65558 02.04.00 Pisa, lì 5.3.2012 Il Direttore Generale Al Presidente della Provincia Che tempo che fa (linee e numeri di politica del personale). Le vicende del personale hanno

Dettagli

Agli Enti pubblici non economici (per il tramite dei Ministeri vigilanti) e, p.c. Alla Presidenza della Repubblica - Segretariato generale 1

Agli Enti pubblici non economici (per il tramite dei Ministeri vigilanti) e, p.c. Alla Presidenza della Repubblica - Segretariato generale 1 Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Servizio per il trattamento del personale Lettera circolare Roma, 15 marzo 2005 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ufficio del Segretario

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA VERBALE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE DEL 12/03/2009 n. 3

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA VERBALE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE DEL 12/03/2009 n. 3 Il giorno 12/03/2009, a partire dalle ore 10,00, presso la sede dell Agenzia in via Belfiore n. 23/C, Torino, sono presenti i componenti del Consiglio d Amministrazione di seguito indicati: Giovanni Nigro

Dettagli

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali 17 L obiettivo delle presenti linee, nell ambito dell autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica aziendale

Dettagli

paola.tarquini@comune.tr.it

paola.tarquini@comune.tr.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Leondina Tarquini Data di nascita 27 aprile 1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Funzionario Comune di Terni Titolare di posizione organizzativa di direzione di prima

Dettagli

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto - Uffici del personale, dell'organizzazione e della formazione Alle

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

IL SISTEMA UNICO DI RECLUTAMENTO E FORMAZIONE DEI DIRIGENTI E FUNZIONARI PUBBLICI

IL SISTEMA UNICO DI RECLUTAMENTO E FORMAZIONE DEI DIRIGENTI E FUNZIONARI PUBBLICI IL SISTEMA UNICO DI RECLUTAMENTO E FORMAZIONE DEI DIRIGENTI E FUNZIONARI PUBBLICI SALA POLIFUNZIONALE DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - VIA S. MARIA IN VIA 37, ROMA, 26 marzo 2013 Ringrazio

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2005: NORME PER PERSONALE

LEGGE FINANZIARIA 2005: NORME PER PERSONALE LEGGE FINANZIARIA 2005: NORME PER PERSONALE Le disposizioni dettate dalla legge finanziaria 2005, legge n. 311/2004, in tema di personale, di assunzioni e di organizzazione delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile 30-1-2007 Speciale Finanziaria 2008 Legge 24 dicembre 2007, n. 244 II Pubblico impiego a cura di IGOR GIUSSANI E TOMMASO PIZZO Le disposizioni in materia di pubblico impiego contenute nella Finanziaria

Dettagli

XIII Comunità Montana dei Monti Lepini Ausoni

XIII Comunità Montana dei Monti Lepini Ausoni XIII Comunità Montana dei Monti Lepini Ausoni C.F. PIVA 80004930592 Piazza L.Tacconi, snc - 04015 PRIVERNO (Latina) Tel. 0773-91 13 58 / 90 20 73 Fax 0773-90 35 83 e-mail: presid_com_montana@libero.it

Dettagli

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Bozza Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Art.1 (Delega al Governo in materia di riforma del lavoro

Dettagli

D.L. 112/2008 CONVERTITO con L. 133/2008

D.L. 112/2008 CONVERTITO con L. 133/2008 D.L. 112/2008 CONVERTITO con L. 133/2008 "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria" del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE Brindisi Multiservizi S.r.l. Pagina 1 INDICE Introduzione... 3 1 - Principi generali... 3 2 - Regole generali

Dettagli

Circolare N. 89 del 16 Giugno 2015

Circolare N. 89 del 16 Giugno 2015 Circolare N. 89 del 16 Giugno 2015 Anticipazioni sulla nuova riforma del lavoro Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Consiglio dei Ministri ha esaminato, nella seduta dello scorso

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis Comuni de Aristanis DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (N. 122 DEL 24/06/2015) ORIGINALE OGGETTO: Approvazione piano triennale delle assunzioni 2015/2017. L anno 2015 il giorno 24 del mese di Giugno nella

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO DECENTRATO DI ENTE SU: Deroga ai vincoli di durata dei contratti a tempo determinato stipulati dal CNR Sottoscritto il 1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO

Dettagli

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA FORMAZIONE PUBBLICA TRA SPENDING REVIEW E RIORGANIZZAZIONE PRESENTAZIONE DEL 15 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI 21 MAGGIO 2013

Dettagli

UFFICIO DEL SEGRETARIO COMUNALE ATTI GESTIONE DEL PERSONALE. L Anno duemilaquindici i addì sette del mese di Aprile, nel Comune di Zerfaliu,

UFFICIO DEL SEGRETARIO COMUNALE ATTI GESTIONE DEL PERSONALE. L Anno duemilaquindici i addì sette del mese di Aprile, nel Comune di Zerfaliu, Comune di Zerfaliu Provincia di Oristano UFFICIO DEL SEGRETARIO COMUNALE ATTI GESTIONE DEL PERSONALE Determinazione N 8 del 7/04/2015 OGGETTO: Copertura posto vacante Istruttore direttivo - Amministrativo,

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N.

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. 190) INDICE Premessa 1. La formazione: strumento di promozione della

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA»

INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA» INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA» novembre 2014 FLC CGIL Quorum www.flcgil.it www.quorumsas.it L indagine sulla «scuola giusta» Nel periodo tra il 30 ottobre e il 19 novembre 2014 hanno risposto complessivamente

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -002 Razionalizzazione delle Risorse Umane e professionali RESPONSABILE SIG.- GUIDO PERGHEM (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE NORMATIVA DI ATTUAZIONE SPERIMENTALE DELL ART. 32 DEL CCI I N D I C E TITOLO I Mobilità interna Art. 1 - Finalità e tipologia

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R 3523267$',,17(51$/,==$=,21('(//(&203(7(1=( 5(*,21(38*/,$ ,QWURGX]LRQH Il presente documento costituisce una prima proposta di lavoro per attuare un processo di internalizzazione delle competenze. La Regione

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

LA MOBILITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA MOBILITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA MOBILITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI FRANCESCO VERBARO Uno degli istituti che caratterizzano la vita professionale di un lavoratore è senz altro quello della mobilità. Questa, nell ambito del

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

REGISTRO 83/bis DECRETO N 580 IL RETTORE

REGISTRO 83/bis DECRETO N 580 IL RETTORE REGISTRO 83/bis DECRETO N 580 IL RETTORE richiamato lo Statuto e il Regolamento Generale di Ateneo; richiamata la Legge 9 maggio 1989, n. 168; richiamato il D.lgs n. 165 del 30.03.2001 recante Norme generali

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELL ENTE LOCALE

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELL ENTE LOCALE Servizio Sviluppo risorse umane e Servizio Decentramento e Assistenza amministrativa ai piccoli Comuni Piano di formazione pluriennale per i dipendenti dei Comuni e delle Comunità Montane della Provincia

Dettagli

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora I poteri della dirigenza come datore di lavoro (Art. 5, comma

Dettagli

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI 13 ottobre 2014 N. Prot. Gen. Prot. precedente Oggetto: Relazione sulle possibilità assunzionali dopo la conversione in Legge del DL. 90/2014 Al Signor Sindaco Al Signor Assessore al Personale Al Signor

Dettagli

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi?

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi? Nel merito del parere espresso dalla corte dei conti, sezione della Lombardia 441/2013 si evidenzia: Primo quesito: ai fini dell inserimento nel piano triennale delle singole voci di spesa, è necessario

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372 La formazione turistica universitaria in Italia 365 Amedeo Tarsia in Curia Touring Club Italiano Abstract: Il boom dei corsi di laurea in turismo sembra essersi esaurito. Dopo anni di entusiasmo, l attuale

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DELLA CASA DI RIPOSO DI NOVENTA PADOVANA

REGOLAMENTO SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DELLA CASA DI RIPOSO DI NOVENTA PADOVANA REGOLAMENTO SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DELLA CASA DI RIPOSO DI NOVENTA PADOVANA Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 29 del 21/08/2012. Pagina 1 di 12 TITOLO

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Università degli Studi di Bergamo Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Management e leadership delle strutture sanitarie: nuovi scenari

Dettagli

Decreto sviluppo, un provvedimento da emendare

Decreto sviluppo, un provvedimento da emendare Decreto sviluppo, un provvedimento da emendare Inizia la discussione parlamentare sulla conversione in legge del decreto 70/2011. La FLC CGIL, dopo avere illustrato le sue proposte alla Commissione Cultura

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: UNA RISORSA PER LO SVILUPPO DEL PAESE

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: UNA RISORSA PER LO SVILUPPO DEL PAESE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: UNA RISORSA PER LO SVILUPPO DEL PAESE Proposte per valorizzare e rinnovare la P.A. ripartendo dalla centralità del lavoratore. Sostegno al reddito: sblocco dei contratti, sblocco

Dettagli

Piattaforma rinnovo ACN. (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13)

Piattaforma rinnovo ACN. (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13) Piattaforma rinnovo ACN (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13) Introduzione Negli ultimi quattro anni, cioè grosso modo dalla sigla degli ultimi ACN, la situazione economica del Paese è

Dettagli

Bozza delibera. Riorganizzazione del Sistema Formazione Professionale nella Regione Sicilia. Piano Regionale dell Offerta Formativa

Bozza delibera. Riorganizzazione del Sistema Formazione Professionale nella Regione Sicilia. Piano Regionale dell Offerta Formativa REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE UFFICI DI DIRETTA COLLABORAZIONE Palermo Bozza delibera Riorganizzazione del Sistema Formazione

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA REDATTA DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2011/2012. Il DIRIGENTE SCOLASTICO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA REDATTA DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2011/2012. Il DIRIGENTE SCOLASTICO Ai Revisori dei Conti Alle RSU dell Istituto Sede Spett.le A.R.A.N. Via del Corso, 476 00186 Roma integrativo@pec.aranagenzia.it Spett.le C.N.E.L. Viale Davide Lubin, 2 00196 Roma trasmissionecontratti@cnel.it

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro

Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro Nuovi ruoli Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro Roberto Camera Funzionario del Ministero del lavoro Con il decreto legislativo n. 150/2015, in vigore dal 24 settembre 2015, vengono poste

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 51 del 10/03/2011) OGGETTO: APPROVAZIONE DOTAZIONE ORGANICA E DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Convenzione SNA- CNR GIORNATE SEMINARIALI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE. Progetto didattico

Convenzione SNA- CNR GIORNATE SEMINARIALI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE. Progetto didattico Convenzione SNA- CNR GIORNATE SEMINARIALI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE Progetto didattico Destinatari L attività di formazione è rivolta al personale operante nelle aree di rischio del Consiglio Nazionale

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI BUSSERO (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 (Art. 13. C. 6, lettera e) del D.Lgs. 27/10/2009 n. 150) Approvato con deliberazione Commissariale

Dettagli

Intesa per un azione pubblica a sostegno della conoscenza

Intesa per un azione pubblica a sostegno della conoscenza Intesa per un azione pubblica a sostegno della conoscenza Il Governo e le Organizzazioni Sindacali, in data 6 aprile 2007, hanno sottoscritto l Intesa sul Lavoro pubblico e sulla riorganizzazione delle

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 La nostra Confederazione, quale Organizzazione maggiormente rappresentativa della Dirigenza dello Stato, dei Ministeri, degli

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GELMINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GELMINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3423 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GELMINI Delega al Governo per la promozione e l attuazione del merito nella società, nell

Dettagli

ORGANIGRAMMA AQP di 1 livello

ORGANIGRAMMA AQP di 1 livello ORGANIGRAMMA AQP di 1 livello Amministratore Unico Costantino Unità Comunicazione e Relazioni Esterne Palumbo Direzione Tutela Giuridica e Compliance Martellino Direttore Generale Di Donna Unità Sicurezza

Dettagli

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Il tema della riduzione dei costi della politica,

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

INDAGINE ON-LINE. Settembre 2014

INDAGINE ON-LINE. Settembre 2014 INDAGINE ON-LINE Settembre 2014 Rispondenti Indagine on-line condotta fra il 10-15 settembre 2014 (23,8% dei lavoratori sono giovani 15-29 anni) Settore Merceologico * Commercio 36,9% 26,2% 25,4% 11,5%

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015)

D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015) D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015) (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 agosto 2014, n. 191. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG)

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) SEMINARIO NAZIONALE Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) Roma, Università di Roma Tre, 5-6 maggio 2015 L assicurazione interna

Dettagli

La vertenza sull internalizzazione dei servizi della scuola. Il DPR sui servizi esternalizzabili e la posizione del Governo sui servizi ATA

La vertenza sull internalizzazione dei servizi della scuola. Il DPR sui servizi esternalizzabili e la posizione del Governo sui servizi ATA La vertenza sull internalizzazione dei servizi della scuola Il DPR sui servizi esternalizzabili e la posizione del Governo sui servizi ATA Il Governo ha elaborato un testo di DPR che in attuazione della

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

All On.le Ministro SEDE. OGGETTO: Pronuncia di iniziativa su autonomia e governance del sistema. Adunanza del 25 luglio 2012

All On.le Ministro SEDE. OGGETTO: Pronuncia di iniziativa su autonomia e governance del sistema. Adunanza del 25 luglio 2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Segreteria del Consiglio Nazionale

Dettagli

Job acts: Innovazioni e Opportunità per le imprese

Job acts: Innovazioni e Opportunità per le imprese Job acts: Innovazioni e Opportunità per le imprese 25 Novembre 2014 In collaborazione con Dott. Leonardo Fabretti Dati occupazionali di riforma in riforma 2 La mappa delle recenti riforme: un cantiere

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo luogo di lavoro Marisa Forti Piazza Unità d Italia, 26 - Formigine Telefono 059-416248 E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 17.06.1057

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO E DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO E DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO E DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA Mercoledì, 4 giugno 2008 LEGGE E CONTRATTAZIONE COLLETIVA NELLA REGOLAMENTAZIONE DEL

Dettagli

PER LA DEFINIZIONE DEI NUOVI ORDINAMENTI DIDATTICI PER LA PROGETTAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

PER LA DEFINIZIONE DEI NUOVI ORDINAMENTI DIDATTICI PER LA PROGETTAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEI NUOVI ORDINAMENTI DIDATTICI PER LA PROGETTAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO Questo documento individua gli orientamenti fondamentali relativamente

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Art. 21 della l. 183/2010 (cd. collegato lavoro) che ha modificato l art. 7, c.

Dettagli

Accordo SNA -CRUI- COINFO

Accordo SNA -CRUI- COINFO Accordo SNA -CRUI- COINFO Corso specialistico per Responsabili e Referenti Anticorruzione nelle Università Programma di dettaglio INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi...3 3. Destinatari...4 4. Coordinamento

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli