A414 - POSTE ITALIANE-AUMENTO COMMISSIONE BOLLETTINI C/C Provvedimento n L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A414 - POSTE ITALIANE-AUMENTO COMMISSIONE BOLLETTINI C/C Provvedimento n. 20576 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO"

Transcript

1 A414 - POSTE ITALIANE-AUMENTO COMMISSIONE BOLLETTINI C/C Provvedimento n L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 16 dicembre 2009; SENTITO il Relatore Dottor Antonio Pilati; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287 e successive modifiche, e in particolare l articolo 14-ter, introdotto dalla legge 4 agosto 2006 n. 248, che ha convertito con modifiche il decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223; VISTI gli artt. 4, comma 3, del Trattato sull Unione Europea - TUE (già articolo 10 Trattato CE) e 102 Trattato sul Funzionamento dell Unione Europea - TFUE (già articolo 82 del Trattato CE); VISTO il Regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio del 16 dicembre 2002 concernente l applicazione delle regole di concorrenza di cui agli articoli 81 e 82 del Trattato CE (ora articoli 101 e 102 TFUE); VISTA la Comunicazione sulle procedure di applicazione dell articolo 14-ter della legge n. 287/90, adottata dall Autorità con delibera del 12 ottobre 2006 e pubblicata sul Bollettino n. 39 del 16 ottobre 2006; VISTA la propria delibera adottata in data 23 aprile 2009, con la quale è stata avviata, ai sensi dell articolo 14 della legge n. 287/90, un istruttoria nei confronti della società Poste Italiane S.p.A. volta ad accertare eventuali violazioni dell articolo 102 TFUE (già 82 del Trattato CE); VISTA la comunicazione del 21 luglio 2009, integrata in data 24 luglio 2009, con la quale Poste Italiane S.p.A. ha presentato impegni ai sensi dell articolo 14-ter della legge n. 287/90; VISTA la propria delibera adottata in data 5 agosto 2009, con la quale è stata disposta la pubblicazione sul sito internet dell Autorità di detti impegni, al fine di consentire ai terzi interessati di esprimere le loro osservazioni; VISTE le osservazioni pervenute dai terzi interessati; VISTE le modifiche accessorie agli impegni, comunicate da Poste Italiane S.p.A. in data 2 novembre 2009; VISTA la propria comunicazione alla Commissione europea, ai sensi dell articolo 11, paragrafo 4, del Regolamento (CE) n. 1/2003; VISTI gli atti del procedimento; CONSIDERATO quanto segue: I. IL FATTO La parte 1. Poste Italiane S.p.A. (di seguito, anche, Poste Italiane), capogruppo dell omonimo Gruppo Poste Italiane, è il gestore incaricato del servizio postale universale in Italia. Poste Italiane è stata trasformata da Ente Pubblico Economico in società per azioni a partire dal 28 febbraio Il capitale sociale di Poste Italiane è posseduto per il 65% dal Ministero dell Economia e delle Finanze e per il 35% dalla Cassa Depositi e Prestiti. 2. Il Gruppo Poste Italiane, oltre a garantire il servizio universale postale, è in grado di offrire prodotti e servizi integrati di comunicazione, logistici e finanziari su tutto il territorio nazionale. In particolare, l area finanziaria copre l offerta di conti correnti, di servizi di pagamento, di prodotti finanziari e di prodotti di finanziamento sviluppati da terzi. Questi servizi rientrano nell ambito dell attività di Bancoposta e sono erogati direttamente da Poste Italiane attraverso la propria rete di sportelli. 3. Il fatturato realizzato da Poste Italiane (dati bilancio consolidato 2008) è stato pari a circa 18 miliardi di euro, di cui oltre 5,5 miliardi di euro relativi al settore dei servizi postali, oltre 7,2 miliardi di euro relativi al settore assicurativo (tramite la controllata Poste Vita S.p.A.), oltre 4,5 miliardi di euro relativi al settore dei conti correnti postali e dei servizi finanziari in generale (direttamente tramite Poste Italiane), nonché altri servizi per circa 450 milioni di euro. L avvio del procedimento istruttorio: i comportamenti oggetto di contestazione 4. L Autorità, in data 23 aprile 2009, ha avviato un procedimento nei confronti di Poste Italiane per una presunta infrazione dell articolo 3 della legge n. 287/90 o dell articolo 82 del Trattato CE (ora articolo 102 TFUE) contestando l imposizione di condizioni economiche eccessivamente gravose e l attuazione di condotte escludenti. L istruttoria è stata avviata in seguito ad una denuncia dell associazione Centro servizi diritti del cittadino (CODICI). Oggetto del procedimento istruttorio è, come riportato nel provvedimento di avvio, la strategia attraverso la quale Poste Italiane - grazie alla posizione dominante detenuta nel mercato dei servizi di incasso e pagamento effettuati con bollettino postale 1 e al potere di determinare gli standard del bollettino che ne esclude l interoperabilità al di fuori della rete postale - avrebbe applicato condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose e/o con effetti escludenti. Il 1 [Il mercato, così come definito in avvio, è comprensivo dei MAV e dei bollettini freccia.]

2 provvedimento di avvio evidenziava che la fattispecie, in quanto riguardante comportamenti posti in essere da un impresa in posizione dominante, fosse suscettibile di rientrare nell ambito di applicazione dell articolo 3 della legge n. 287/90; inoltre, i comportamenti sono stati ritenuti potenzialmente idonei anche a pregiudicare il commercio intracomunitario e, pertanto, tali da integrare gli estremi per un infrazione all articolo 102 TFUE (già articolo 82 del Trattato CE). La condotta abusiva sarebbe consistita nella politica commerciale adottata da Poste Italiane la quale prevede l applicazione di commissioni di incasso per i soggetti beneficiari dei pagamenti 2 effettuati attraverso bollettini di conto corrente postale anche nulle (possono essere, infatti, pari a zero per talune grandi utilities), facendo invece gravare sul soggetto debitore che esegue il versamento una commissione di pagamento che varia da un massimo di 1,10 euro a bollettino (nel caso di pagamento allo sportello) ad un minimo di 1,00 euro per pagamenti effettuati on line sul sito di Poste Italiane. 5. Poste Italiane non consente al debitore che effettua il pagamento con bollettino postale la possibilità di ricorrere a sistemi alternativi meno onerosi. In particolare, il soggetto che non intenda recarsi fisicamente allo sportello postale per pagare il bollettino può ricorrere solo a strumenti strettamente connessi alla rete postale, ad esempio attraverso il pagamento on line sul sito internet di Poste Italiane. Quest ultimo strumento risulta quindi vincolato alla circostanza che l utente sia titolare di un conto corrente Banco Posta o di una carta Poste Pay. In caso contrario, invece, l unica alternativa on line è costituita dal pagamento con carta di credito ad un costo pari a 2,00 euro a bollettino o al 2% del pagamento per importi superiori a 100,01 euro. Inoltre, sempre nell analisi della condotta posta in essere da Poste Italiane, l avvio istruttorio evidenziava anche problematiche nel fornire sistemi di incasso/pagamento alternativi automatizzati, come quelli offerti da soggetti quali LIS Finanziaria (gruppo Lottomatica), ciò per l impossibilità di leggere in maniera automatizzata i dati riportati sul bollettino, cosa che sarebbe possibile inserendo nello stesso il codice a barre. 6. Pertanto, il provvedimento di avvio rilevava che, grazie alla propria posizione dominante, Poste Italiane è in grado di praticare condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose, applicando tra l altro commissioni per servizi non resi al soggetto debitore - tutti o la gran parte dei costi di rendicontazione servizi che, invece, sono forniti ai beneficiari. Questi ultimi sono conseguentemente disincentivati dal ricercare e quindi sviluppare strumenti di incasso alternativi e competitivi sul mercato. 7. Ne consegue il rischio, sempre rilevato in avvio istruttoria, di effetti escludenti: le politiche commerciali di Poste Italiane sembrano infatti frenare lo sviluppo di sistemi di pagamento alternativi al bollettino di conto corrente postale. Le grandi utilities non sarebbero infatti incentivate a ricorrere a strumenti di pagamento (e a operatori) alternativi, in quanto Poste offrirebbe un servizio di rendicontazione dei pagamenti a prezzi estremamente bassi, facendo gravare una parte dei costi del servizio stesso sui clienti che effettuano i pagamenti. Mentre tali clienti, non potendo utilizzare il bollettino per eseguire i pagamenti in un sistema interoperabile (non disponendo sul bollettino, ad esempio, dell l IBAN per effettuare bonifici bancari) risultano privi di strumenti alternativi al bollettino stesso, con conseguente ostacolo all operatività di operatori concorrenti come il sistema bancario. Sempre nell ambito della presunta condotta abusiva sopra descritta rientrerebbe il caso peculiare dei versamenti effettuati per il pagamento dei diritti relativi alle pratiche della Motorizzazione civile, Dipartimento Trasporti Terrestri del Ministero infrastrutture e Trasporti, per i quali è impossibile il ricorso a strumenti di pagamento delle tasse alternativi ai bollettini di conto corrente postale. II. GLI IMPEGNI ORIGINARIAMENTE PROPOSTI DA POSTE ITALIANE 8. In risposta alle criticità di natura concorrenziale rilevate dall Autorità, Poste Italiane ha presentato, in data 21 luglio 2009, impegni ai sensi dell articolo 14-ter della legge n. 287/90, integrati in data 24 luglio Gli impegni proposti, pubblicati sul sito internet dell Autorità in data 5 agosto 2009, consistevano essenzialmente nel: a) comunicare alla generalità dei titolari di conti correnti postali, ivi comprese le P.A, il nuovo layout di stampa che permette l inserimento del codice IBAN del conto corrente postale del beneficiario stesso; B) confermare la disponibilità a realizzare, previa adesione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, una modifica dell'attuale piattaforma on line di gestione delle pratiche automobilistiche, finalizzata a rendere disponibile, come ulteriore modalità di pagamento del bollettino postale relativo alle pratiche stesse, l'addebito su conto corrente bancario tenuto dal versante presso le banche interessate con accredito sul conto corrente postale. Tale modalità, che non modificherà in alcun modo il processo di gestione delle pratiche e dei pagamenti a queste connessi, lascerà inalterato anche il sistema di rendicontazione e riconciliazione dei pagamenti; 2 [I beneficiari dei pagamenti effettuati attraverso bollettini di conto corrente postale possono inquadrarsi in due categorie: retail e business. I primi, titolari di un conto corrente Bancoposta per persone fisiche, versano a Poste Italiane una commissione pari a 1,10 euro per ogni bollettino incassato. I secondi, titolari di un conto corrente Bancoposta riservato alle imprese, versano commissioni sensibilmente più basse. Tra questi ultimi vanno ulteriormente distinti i c.d. grandi fatturatori per i quali vengono emessi numerosi bollettini e a cui Poste fornisce una dettagliata rendicontazione dei pagamenti ricevuti. Si tratta spesso di grandi utilities come società energetiche, telefoniche etc. Si vedano, in merito, le condizioni contrattuali contenute nei fogli informativi n. 22, decorrenza dal 1 luglio 2009 (Bancoposta office), n. 45 decorrenza dal 1 luglio 2009 (Bancoposta Impresa); n. 2 decorrenza dal 1 luglio 2009 (Bancoposta Inproprio) e n. 34, decorrenza dal 16 settembre 2009 (Bancoposta persone fisiche).]

3 C) adottare ogni utile ed efficace modalità informativa idonea a pubblicizzare, mediante informativa da rendersi negli uffici postali e sul proprio sito Internet, nei confronti degli utilizzatori del servizio, sia le più ampie possibilità di pagamento del bollettino postale offerte dal nuovo layout di stampa che permette l inserimento del codice IBAN sul bollettino stesso; sia le modifiche apportate alla piattaforma on line di gestione delle pratiche automobilistiche. III. LE OSSERVAZIONI SUGLI IMPEGNI 10. I soggetti intervenuti nel procedimento, i denuncianti, numerose società che usufruiscono del servizio di incasso attraverso bollettini di conto corrente postale e l Associazione Bancaria Italiana (ABI), hanno presentato le loro osservazioni in ordine al contenuto degli impegni di Poste Italiane, evidenziando come i medesimi non fossero idonei a rimuovere i profili anticoncorrenziali oggetto dell istruttoria. III.1. Considerazioni in merito all impegno consistente nella possibilità di inserire l IBAN nel corpo del bollettino 11. Le osservazioni ricevute nell ambito del market test hanno messo in luce due problematiche: a) l opportunità di assicurare la reale interoperabilità, in particolare integrando l impegno con la previsione sia dell automatico inserimento dell IBAN nel corpo del bollettino sia dell impegno di Poste Italiane ad assicurare la rendicontazione dei pagamenti; b) la necessità di assicurare la concorrenza anche da parte di soggetti diversi in grado di offrire forme di pagamento alternative al bollettino, attraverso l uso del codice a barre che permetterebbe modalità automatizzate di incasso e rendicontazione 3. a) Le problematiche emerse in merito alla rendicontazione dei pagamenti 12. La gran parte delle società che hanno presentato osservazioni, nonché ABI, hanno segnalato la generale positività dell impegno, sottolineando il potenziale effetto di aumentare gli strumenti di incasso e pagamento. In particolare, ad esempio, Telecom rileva che «la soluzione prospettata amplia l utilizzo potenziale del bollettino postale [ ]» 4 e Tiscali ritiene che «[l inserimento dell IBAN n.d.r.] non può non essere visto come un ulteriore vantaggio per il cliente [ ]» Quasi tutti i beneficiari, tuttavia, hanno evidenziato che l inserimento dell IBAN nel corpo del bollettino di conto corrente potrebbe determinare dei problemi qualora non venisse garantita una qualche forma di rendicontazione. 14. Operatori quali Acea, Tiscali e Mondadori hanno valutato che «tale opzione [l inserimento dell IBAN n.d.r.], che rappresenta un indubbio vantaggio per il consumatore nell immediato, poiché amplia le modalità di fruizione dei servizi di pagamento, potrebbe tuttavia comportare per i motivi di seguito specificati alcune problematiche in relazione alla corretta imputazione dei pagamenti da parte dei soggetti beneficiari, con conseguenti disagi per il consumatore stesso» Analogamente Eni «auspica che gli impegni di cui al Formulario siano integrati in modo tale da prevedere anche l impegno, da parte di Poste, di individuare almeno con i principali Istituti di Credito, una modalità che consenta ai clienti di eseguire un bonifico bancario sul conto corrente postale del beneficiario, tramite l utilizzo del nuovo layout di bollettino, recependo dallo stesso le informazioni necessarie per la rendicontazione automatica dell incasso da parte di Poste verso il beneficiario» Con riferimento alle perplessità sollevate dalle imprese con riguardo allo specifico problema della rendicontazione (se e come Poste Italiane intenda assicurarla), ABI, nell ambito del market test, rileva da un lato la positività e utilità che il bollettino postale possa inserirsi in un sistema in circolarità e, dall altro, che la concreta implementazione di tale nuova forma di pagamento/incasso (da parte del beneficiario) dovrebbe comunque fornire ai clienti la rendicontazione. Su tali profili ABI evidenzia come entrambi siano possibili, alternativamente, i) prevedendo la code line nel bonifico, ii) utilizzando la rete interbancaria. 3 [Si tratta di servizi allo stato offerti da soggetti quali Lis Finanziaria - la società che fornisce servizi di pagamento attraverso il circuito Lottomatica. Analoghi servizi sono resi da Sisal con però notevoli problematiche per profili di privativa sui dati contenuti nel bollettino postale in assenza di un chiaro codice a barre. In particolare Lis Finanziaria fornisce il pagamento delle fatture di alcuni grandi fatturatori che con essa hanno stipulato specifici accordi commerciali. Già in avvio è stato riportato che secondo LIS Finanziaria: «[ ] tenuto conto che potrebbe esservi un diritto di privativa industriale sul bollettino di conto corrente postale, i dati presenti in quest ultimo vengono acquisiti manualmente anziché essere letti attraverso la scansione codice a barre. Per tale ragione, al fine di automatizzare e velocizzare l erogazione dei propri servizi, LIS Finanziaria sta implementando a proprie spese un sistema alternativo al conto corrente postale ed in particolare l emissione di bollettini ad hoc che conterranno un codice a barre che possa essere letto dai terminali di LIS Finanziaria». ] 4 [Cfr. risposta Telecom del 15 settembre 2009.] 5 [Cfr. Risposta Tiscali del 15 settembre 2009.] 6 [Cfr. risposta di Acea del 15 settembre 2009.] 7 [Cfr. risposta di ENI del 15 settembre 2009.]

4 b) La necessità di favorire anche forme di pagamento alternative al bollettino e non legate al circuito bancario 17. Lis Finanziaria, concorrente di Poste Italiane nel settore dei servizi di pagamento e interveniente al procedimento, ha osservato che l inserimento dell IBAN «è una misura suscettibile di favorire in via esclusiva l utilizzo, quale canale alternativo rispetto a quello postale, del sistema bancario. [ ] L impegno proposto da Poste Italiane, per quanto possa astrattamente determinare un ampliamento delle possibilità a disposizione del debitore per effettuare i pagamenti dovuti, appare suscettibile di avere un effetto pro-concorrenziale per così dire asimmetrico : esso infatti favorisce solamente alcuni operatori, che presentano determinate caratteristiche soggettive, e non la totalità degli operatori che sono già attivi sul mercato rilevante o che intendessero in futuro entrarvi offrendo servizi di incasso e pagamento ai clienti italiani». In considerazione di ciò Lis Finanziaria «ritiene che, ad integrazione e completamento degli [ ], Poste Italiane si dovrebbe impegnare a consentire che i dati riportati sui bollettini di conto corrente postale possano essere acquisiti, dagli operatori quali Lis Finanziaria, mediante l utilizzo di sistemi automatizzati, attraverso la scansione del codice a barre (previo suo opportuno inserimento sul bollettino postale), o permettendo la lettura automatizzata degli stessi dati ad oggi riportati sul bollettino postale. In particolare, l inserimento del codice a barre (analogamente all inserimento del codice IBAN) consentirebbe agli altri operatori di incassare i versamenti utilizzando lo stesso supporto cartaceo di Poste Italiane, per il quale come già rilevato si è nel tempo radicata presso la clientela una consuetudine di utilizzo che può essere difficilmente scalfita» Dall analisi delle indicazioni pervenute in merito agli impegni è emerso che l argomentazione da ultimo riportata ha una valenza pro concorrenziale per l intero settore degli incassi e pagamenti e non solo per i diretti concorrenti di Poste Italiane. La medesima osservazione è, infatti, prospettata anche da vari importanti clienti di Poste Italiane, come TELECOM, che suggerisce «l adozione di un identificativo universale standard, basato su elementi grafici (i.e. codice a barre): ciò consentirebbe una effettiva apertura della gestione del bollettino postale ai molteplici operatori non postali né bancari presenti sul mercato» 9, ed ENEL, che propone di «richiedere a Poste la possibilità di inserire, nell apposito spazio riservato al cliente, elementi grafici come codici a barre, codici 2D o di altre tipologie, per permettere ai clienti di effettuare i pagamenti attraverso canali alternativi come, ad esempio, i circuiti delle ricevitorie Sisal e Lottomatica o la rete della grande distribuzione» 10. Anche Tiscali «propone l inserimento nel bollettino postale, di un codice a barre nella cui decodifica sia inserito sia l IBAN che il riferimento alla fattura da saldare» 11. Da ultimo IRIDE afferma che «l apertura effettiva del mercato dei servizi di incasso e pagamento attraverso bollettino possa realizzarsi esclusivamente attraverso la possibilità per le società creditrici di inserire, nello spazio riservato all utente, il codice che per la diversa tipologia di clientela risulti più utile (non solo il codice IBAN ma eventualmente anche un codice a barre ): ciò permetterebbe di utilizzare tale strumento in modo rapido ed efficiente, anche mediante canali di incasso alternativi maggiormente preferiti dalla clientela. Purtroppo ad oggi PI [Poste Italiane n.d.r.] non rilascia alcuna autorizzazione per i bollettini nei quali viene inserito il codice a barre» 12. III.2. Considerazioni in merito all impegno di realizzare una modifica della piattaforma on line per la gestione dei pagamenti dei diritti della motorizzazione civile 19. L associazione CODICI, denunciante, pur esprimendo «soddisfazione per le già formulate censure», precisa che «l implementazione del sistema di pagamento dei diritti di motorizzazione [ ] non deve comportare l imposizione da parte di Poste Italiane, né a carico dell operatore che si avvarrà del sistema bancario né a carico dell utente finale, di alcuna commissione aggiuntiva». 20. Analogamente il Banco di Sicilia osserva che «l effettivo superamento del ricorso al tradizionale bollettino postale e della attuale esclusione dei canali interbancari si realizza mediante l immediata eliminazione del blocco apposto sul CCP 9001 a ricevere bonifici, ripristinando conseguentemente l operatività in uso ante febbraio 2009». Il Banco di Sicilia aggiunge, inoltre, che «occorrerebbe invece pervenire all ampliamento degli strumenti e delle reti utilizzabili, in linea con i recenti strumenti governativi, quali il c.d. progetto reti amiche, fermo restando la possibilità di gestire in forma accentrata i dati delle pratiche». 21. Il giudizio di inadeguatezza degli impegni emerso nel corso del market test si basa essenzialmente sul complesso delle seguenti considerazioni: a) l inserimento dell IBAN nel corpo del bollettino dovrebbe essere accompagnato dalla garanzia di una rendicontazione a favore del beneficiario; b) al fine di garantire il superamento dei profili anticoncorrenziali ipotizzati in avvio gli impegni dovrebbero prevedere anche l inserimento del codice a barre (o di altri codici simili) per aprire il mercato anche nei confronti di operatori diversi dai bancari; 8 [Così la nota di Lis Finanziaria del 7 settembre 2009.] 9 [Cfr. risposta di Telecom Italia del 15 settembre 2009.] 10 [Cfr. risposta di ENEL del 15 settembre 2009.] 11 [Cfr. risposta di Tiscali del 15 settembre 2009.] 12 [Cfr. risposta di IRIDE del 15 settembre 2009.]

5 c) l implementazione delle modalità di pagamento previste nel portale dell automobilista dovrebbe avvenire senza ulteriori oneri a carico dei soggetti che effettuano i pagamenti. IV. LE MODIFICHE ACCESSORIE AGLI IMPEGNI 22. Successivamente alla pubblicazione degli impegni presentati da Poste Italiane nel corso dell istruttoria avviata dall Autorità e alla formulazione delle osservazioni sul contenuto degli stessi sopra sinteticamente riportate, Poste Italiane, in data 2 novembre 2009, ha presentato una nuova versione degli impegni consistenti nel : A) comunicare alla generalità dei titolari di conti correnti postali, ivi comprese le P.A, il nuovo layout di stampa che prevede l inserimento da parte del beneficiario salvo suo rifiuto scritto e sotto la propria responsabilità - del codice IBAN del conto corrente postale del beneficiario stesso nel corpo del bollettino postale premarcato (tipo documento 451, 674 e 896) nello spazio riservato al cliente, onde consentirne il pagamento attraverso l esecuzione di un bonifico a favore del conto corrente postale indicato sul bollettino. A.1) Inoltre nel layout di stampa sarà inserito il codice a barre che permetterà la dematerializzazione del bollettino. Eventuale periodo di validità Per consentire gli adempimenti tecnici necessari, quale in particolare la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana delle nuove caratteristiche dei bollettini, il presente impegno diventerà efficace entro il Esso non sarà soggetto ad un termine di durata. B) Poste si impegna a trasmettere al titolare del conto corrente postale sul quale vengano effettuati versamenti tramite i bonifici di cui sub A) un report dei bonifici con la descrizione completa del movimento così come ricevuta dalla banca di provenienza. Eventuale periodo di validità Il presente impegno diventerà efficace entro il Esso non sarà soggetto ad un termine di durata. C) Poste Italiane si impegna a confermare la disponibilità a realizzare, senza ulteriori oneri a carico dei soggetti che effettuano i pagamenti e previa adesione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, una modifica dell'attuale piattaforma on line di gestione delle pratiche automobilistiche, finalizzata a rendere disponibile, come ulteriore modalità di pagamento del bollettino postale relativo alle pratiche stesse, l'addebito sul conto corrente bancario tenuto dal versante presso le banche interessate, con accredito sul conto corrente postale. Tale modalità, che non modificherà in alcun modo il processo di gestione delle pratiche e dei pagamenti a queste connessi, lascerà inalterato anche il sistema di rendicontazione e riconciliazione dei pagamenti. Eventuale periodo di validità Per consentire gli adempimenti tecnici necessari e la stipula delle convenzioni con le banche interessate, il presente impegno sarà efficace entro il Esso non sarà soggetto ad un termine di durata. D) Poste Italiane si impegna ad adottare ogni utile ed efficace modalità informativa, idonea a pubblicizzare, mediante informativa da rendersi negli Uffici Postali e sul proprio sito internet nei confronti degli utilizzatori del servizio, sia le più ampie possibilità di pagamento del bollettino postale offerte dal layout di stampa che permette l inserimento del codice IBAN sul bollettino stesso; sia le modifiche apportate alla piattaforma on line di gestione delle pratiche automobilistiche. E) Poste Italiane si impegna a far pervenire all Autorità, entro 60 gg decorrenti dalla notifica del provvedimento di accoglimento degli impegni, una prima relazione in merito all esecuzione dei presenti impegni. Successivamente, Poste Italiane invierà tempestivamente e progressivamente dettagliate informative sulle modalità con le quali sarà adottato, nel rispetto della tempistica prevista nel presente provvedimento, ciascun impegno sopra indicato. V. LA VALUTAZIONE DEGLI IMPEGNI 23. Gli impegni presentati da Poste Italiane, precedentemente descritti al punto 22, appaiono idonei a rimuovere i profili anticoncorrenziali oggetto del procedimento istruttorio, relativo ai comportamenti posti in essere da Poste Italiane. 24. In particolare, l inserimento dell IBAN nel corpo del bollettino postale consentirà al soggetto pagatore di scegliere tra diversi sistemi di pagamento rendendo, di fatto, tale bollettino interoperabile e quindi utilizzabile per eseguire pagamenti con modalità diverse. La misura dovrebbe consentire, tra l altro, l uso degli strumenti di pagamento anche telematici, come il bonifico bancario on line (attualmente riservati in esclusiva ai titolari di un conto corrente Banco Posta 13 ), tipicamente disponibili a prezzi inferiori (anche nulli) rispetto ai canale tradizionali, ed in particolare a quello offerto dal pagamento con contante allo sportello postale. Il sistema dovrebbe così risultare più aperto, offrendo al soggetto debitore di ricorrere a strumenti alternativi e di scegliere tra gli stessi in base alle condizioni economiche e tecniche offerte, mettendoli così in concorrenza con il tradizionale canale del pagamento allo sportello postale. 25. Poste si impegna a trasmettere al titolare del conto corrente postale sul quale vengano effettuati versamenti tramite i bonifici di cui sub A) un report dei bonifici con la descrizione completa del movimento così come ricevuta dalla banca di provenienza. Questo nuovo impegno dovrebbe garantire ai beneficiari l inserimento dell IBAN nel corpo del 13 [Con l unica eccezione dei pagamento on line con carte di credito che, sul sito di Poste Italiane, presentano dei costi alti.]

6 bollettino. Poste amplierà così la gamma di servizi offerti alla propria clientela (soggetti debitori) e darà ai beneficiari stessi la possibilità di ricevere comunque la lista dei pagamenti eseguiti sui propri conti correnti postali, qualunque sistema di pagamento sia utilizzato. Deve inoltre ritenersi che le misure previste potrebbero anche innescare delle spinte competitive tra Poste Italiane e il sistema bancario, aumentando l interoperabilità a livello di sistema di pagamenti e portando all elaborazione di nuovi sistemi di rendicontazione validi anche nei casi di pagamenti effettuati tramite bonifico bancario. 26. Nella stessa ottica, l inserimento del codice a barre consentirà ad operatori diversi da quelli bancari, come Lis Finanziaria e altri, di rendere il servizio di pagamento (e relativa rendicontazione) in modo più efficiente ai beneficiari, con un effetto di ulteriore spinta competitiva verso la domanda espressa dai beneficiari i quali potranno ricorrere a forme di incasso alternative a altrettanto competitive per qualità e condizioni economiche del servizio. 27. Con riguardo al terzo impegno, relativo all implementazione delle modalità di pagamento realizzabili sul portale dell automobilista, la necessità di coniugare le specifiche esigenze di rendicontazione del Ministero Infrastrutture e Trasporti ha condotto al perfezionamento di un impegno che garantisca al predetto Ministero la certezza dei pagamenti così come predisposta nella convenzione per la gestione automatizzata dei pagamenti dei corrispettivi dovuti (di seguito Convenzione), approvata dai Ministeri di Infrastrutture e Trasporti ed Economia e Finanze con decreto 3 maggio In quest ottica, Poste si è impegnata a realizzare una modifica alla piattaforma Il portale dell automobilista che consenta ai titolari di un conto corrente bancario così come già consentito per i titolari di un conto corrente Bancoposta di effettuare i pagamenti attraverso l addebito in conto. Quest impegno dovrebbe, da un lato, superare i vincoli prima esistenti nell eseguire i pagamenti solo attraverso strumenti di Poste Italiane, dall altro, garantire le esigenze di certezza dei pagamenti del Ministero dei Trasporti. Dipenderà, invece, dalla revisione della Convenzione, il superamento dell impedimento all effettuazione dei bonifici sui conti del Ministero dei Trasporti essendo il Ministero stesso che, ad oggi, ha affidato a Poste, in via esclusiva, il servizio di pagamento dei diritti dovuti in relazione a pratiche di motorizzazione L implementazione degli impegni sopra descritti sembra, infine, assicurata dagli obblighi di pubblicizzazione degli stessi assunti da Poste Italiane. Quest ultima dovrebbe, in primo luogo, assicurare una piena e chiara informativa circa le nuove modalità di pagamento rese possibili dal nuovo layout di stampa bollettino e, in secondo luogo, incentivare i soggetti pagatori a valutare, in base ad un confronto tra le condizioni economiche offerte dai vari operatori, quale sistema di pagamento del bollettino postale utilizzare. 29. L Autorità vigilerà sull esecuzione degli impegni ai fini e per gli effetti di quanto previsto dall articolo 14-ter, comma 1, della legge n. 287/90. A tal fine, la società Poste Italiane S.p.A. dovrà presentare all Autorità una relazione nella quale illustrerà le modalità di attuazione degli impegni assunti e resi obbligatori con il presente provvedimento. RITENUTO, pertanto, che gli impegni presentati dalla società Poste Italiane S.p.A. in data 2 novembre 2009 sono tali da far venire meno i profili anticoncorrenziali oggetto dell istruttoria; RITENUTO, inoltre, di disporre l obbligatorietà dei suddetti impegni nei confronti della società Poste Italiane S.p.A., ai sensi dell articolo 14-ter, comma 1, della legge n. 287/90; RITENUTO, infine, di poter chiudere il procedimento nei confronti della società Poste Italiane S.p.A., senza accertare l infrazione, ai sensi dell articolo 14-ter della legge citata; DELIBERA a) di rendere obbligatori gli impegni, ai sensi dell articolo 14-ter, comma 1, della legge n. 287/90, nei confronti della società Poste Italiane S.p.A., nei termini descritti al punto 22 e allegati al presente provvedimento di cui fanno parte integrante; b) di chiudere il procedimento nei confronti della società Poste Italiane S.p.A. senza accertare l infrazione, ai sensi dell articolo 14-ter, comma 1, della legge n. 287/90; c) che la società Poste Italiane S.p.A., entro sessanta giorni decorrenti dalla notifica del presente procedimento, informi l Autorità sulle modalità di attuazione degli impegni. Successivamente, Poste Italiane S.p.A. dovrà inviare tempestivamente e progressivamente una dettagliata informativa sull adempimento, nel rispetto della tempistica prevista nel presente provvedimento, di ciascun impegno sopra indicato. Il presente provvedimento verrà notificato ai soggetti interessati e pubblicato nel Bollettino dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Avverso il presente provvedimento può essere presentato ricorso al TAR del Lazio, ai sensi dell articolo 33, comma 1, della legge n. 287/90, entro sessanta giorni dalla data di notificazione del provvedimento stesso, ovvero può essere 14 [Sul predetto affidamento diretto l Autorità si è già espressa negativamente con la Segnalazione AS 464, CONVENZIONE PER LA GESTIONE AUTOMATIZZATA DEI PAGAMENTI DEI CORRISPETTIVI DOVUTI DALL UTENZA PER LE PRATICHE AUTOMOBILISTICHE E DEI SERVIZI CONNESSI, del 24 luglio 2008, in Boll. n. 22/08.]

7 proposto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, ai sensi dell articolo 8, comma 2, del Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1971, n. 1199, entro il termine di centoventi giorni dalla data di notificazione del provvedimento stesso. IL SEGRETARIO GENERALE Luigi Fiorentino IL PRESIDENTE Antonio Catricalà

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento Versione 1.0, 16 febbraio 2010 Indice 1 Premessa... 7 1.1 Contenuti di

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI (Conto corrente di corrispondenza per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale)

Dettagli