MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane"

Transcript

1 INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA II periodo 1 aprile 30 giugno 2011 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

2 PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL (1 APRILE -30 GIUGNO) SISTEMA DI INCENTIVAZIONE IMPRESA (1 APRILE -30 GIUGNO) ATTENZIONE IL DIRETTORE DELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA PARTECIPA AD OGNUNO DEI DUE SISTEMI SEPARATAMENTE L OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE PARTECIPA SOLO AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE IMPRESA

3 COLLEGAMENTI TRA SISTEMA BASE II PERIODO 2011 E SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO SISTEMA DI INCENTIVAZIONE IMPRESA L OPERATORE DI SPORTELLO POSTE IMPRESE PARTECIPA ESCLUSIVAMENTE AL SISTEMA INCENTIVAZIONE IMPRESA E SARA DESTINATARIO DEL BONUS SISTEMA DI INCENTIVAZIONE IMPRESA SARA PREMIATO SE NE REALIZZA LE CONDIZIONI DI ACCESSO SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL Livello UP Retail con area Impresa L OPERATORE DI SPORTELLO NON POSTE IMPRESE APPLICATO IN UN UP CON AREA IMPRESA PARTECIPA ESCLUSIVAMENTE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL NEGLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA PER I PRODOTTI RACCOMANDATA + RACCOMANDATA 1 E CORRIERE ESPRESSO + PACCHI (NAZIONALE + INTERNAZIONALE), TUTTE LE FIGURE INCENTIVATE INTERESSATE AVRANNO UN UNICO OBIETTIVO A RICAVI DERIVANTE DALLA SOMMA DI QUOTA RETAIL + QUOTA IMPRESA CHE SARA CONFRONTATO CON IL CONSUNTIVO TOTALE DELL UP Livello Filiale/Area territoriale PER LE FIGURE COMMERCIALI E OPERAZIONI DI FILIALE E AT, IL SET DI PRODOTTI DI RIFERIMENTO E QUELLO INDICATO NELLE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE RELATIVE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL 2011 DEL II PERIODO. PER I PRODOTTI POSTA DESCRITTA (RACCOMANDATA + RACCOMANDATA 1 + ASSICURATA) E CORRIERE ESPRESSO + PACCHI (NAZIONALE + INTERNAZIONALE), SI CONSIDERANO I VOLUMI CON ESCLUSIONE DEI CONSUNTIVI E DEI BUDGET DEGLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA

4 Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono essere improntati sui principi di onestà, integrità, correttezza, imparzialità, riservatezza, diligenza, lealtà, rispetto reciproco. Gli obiettivi di business Dipendenti Organi di informazione COMPORTAMENTO ETICO Enti Pubblici, Istituzioni, Organizzazioni vanno conseguiti SEMPRE e COMUNQUE mantenendo un COMPORTAMENTO ETICO nei confronti del cliente, dei colleghi e dell azienda. Clienti Fornitori

5 Il processo di vendita è un processo delicato soprattutto quando vendiamo prodotti finanziari ETICA DI VENDITA Dare informazioni e spiegazioni esaurienti; Illustrare adeguatamente il profilo di rischio dei prodotti proposti PORRE SEMPRE AL CENTRO DELL ATTENZIONE LA SODDISFAZIONE E LA FIDELIZZAZIONE DEL CLIENTE

6 Il processo di vendita è un processo delicato anche quando vendiamo prodotti fisici e per quanto gli obiettivi possano essere sfidanti, il loro raggiungimento deve sempre essere coerente con i principi che rispettino le esigenze e la propensione all acquisto del cliente

7 INCENTIVAZIONE RETAIL- UP RETAIL CON AREA IMPRESA II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

8 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 PREMESSA 8 IL II PERIODO DEL SISTEMA BASE 2011 HA DURATA TRIMESTRALE, DAL 1 APRILE AL 30 GIUGNO 2011, ED E ARTICOLATO COME SEGUE: SISTEMA COMMERCIALE, DEDICATO A: DUP PROFESSIONAL COMMERCIALE SCCR APF E APF-F SISTEMA SPORTELLERIA, DEDICATO A: OSP SPECIALISTA FRONT END E COLLABORATORE UP DOPPIO TURNO REFERENTE OPERATION I DUE SISTEMI SI INTEGRANO, PUR ESSENDO DISTINTI

9 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 INDICE 9 IL PRESENTE DOCUMENTO DESCRIVE IN SEZIONI SEPARATE IL SISTEMA COMMERCIALE E IL SISTEMA SPORTELLERIA, SECONDO LA SEGUENTE ARTICOLAZIONE: UFFICIO POSTALE DA A "SISTEMA COMMERCIALE SLIDE. 10 SLIDE. 19 SISTEMA SPORTELLERIA SLIDE. 20 SLIDE. 25

10 10 INCENTIVAZIONE RETAIL Sistema Commerciale per: DUP, DUP POLO ZSM, PROFESSIONAL COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

11 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F VALORIZZAZIONE DEI CREDITI 11 % MINIME DI RAGG.TO BUDGET DI PERIODO 70% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET TETTI MASSIMI TETTO MASSIMO DI 200 CREDITI SOLO PER RACCOLTA NETTA TOTALE RISPARMIO POSSIBILITA' DI "BUCARE" LA FACOLTA DI BUCARE PRODOTTI VIENE CONCESSA SOLO AI DUP CENTRALI, RELAZIONE, TRANSITO E STANDARD: SI POSSONO BUCARE AL MASSIMO TRE PRODOTTI, PER CIASCUNO DEI QUALI NON E POSSIBILE SCENDERE COMUNQUE AL DI SOTTO DEL 50% DELL OBIETTIVO. ES. SE SU DUE PRODOTTI BUCATI SI REALIZZA IL 50% DELL OBIETTIVO E SUL TERZO IL 49% DELL OBIETTIVO, NON SI ACCEDE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE

12 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F PRODOTTI 12 Per i perimetri di riferimento di alcuni prodotti vedi slide 13

13 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F Perimetri di riferimento PRODOTTI 13 CONTO BANCOPOSTA PIU (APERTURE NETTE): ai fini del calcolo delle aperture nette si considerano: le nuove aperture di Conto BancoPosta Più (comprese quelle generate da intestatari già correntisti, non provenienti da migrazioni), al netto dei Conti BancoPosta Più chiusi nel periodo i nuovi Conto BancoPosta più derivanti da migrazioni da Conto Bancoposta tradizionale CONTO IN PROPRIO (APERTURE NETTE): ai fini del calcolo delle aperture nette si considerano: le nuove aperture di Conto In Proprio (Web, Pos, Base e Condominio), comprese quelle generate da intestatari già correntisti, non provenienti da migrazioni i nuovi Conto In Proprio derivanti da migrazioni da Conto Impresa (Switch) le chiusure di Conto In Proprio, Conto Soho e Office CPI: Postaprotezione Prestiti Personali + Postaprotezione Mutui POLIZZE DANNI: Posta Persona Affetti Protetti, Posta Protezione Persona (Infortuni - Infortuni basic - Infortuni senior Salute) e Posta Protezione Beni (Incendio, Capofamiglia e Furto), Posta Protezione Condominio e Posta Protezione Piccola Impresa CORRIERE ESPRESSO e PACCHI: nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA SIM POSTEMOBILE: Offerta Retail + Offerta Impresa

14 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F PRODOTTI E SOGLIE DI ACCESSO 14 Se l UP non risulta abilitato ad uno o più di tali prodotti, la soglia di accesso si intende diminuita di 70 crediti per ogni prodotto non previsto *Per gli SCCR assegnati all APF operanti in un ufficio che possiede anche l APF-F i prodotti di riferimento sono da considerarsi al netto dei prodotti di Finanziamento (Prestiti Personali, Prontissimo, Cessione del V e Mutui) e la soglia di accesso è pari a 440 crediti

15 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F 15 MECCANISMO MATURAZIONE BONUS IL BONUS PER CIASCUNA FIGURA PROFESSIONALE MATURA AL RAGGIUNGIMENTO/SUPERAMENTO DELLA SOGLIA DI ACCESSO SUL SET PRODOTTI (IN COERENZA CON I MECCANISMI DI CUI ALLA SLIDE 11) L IMPORTO DEL BONUS SI DETERMINA IN RELAZIONE AI CREDITI CONSEGUITI SUL SET PRODOTTI IN BASE ALLE FASCE DI SEGUITO INDIVIDUATE: (*) I limiti per ciascuna fascia sono determinati considerando 70 crediti in meno: per ogni prodotto non previsto, se l UP non risulta abilitato ad uno o più prodotti per gli SCCR assegnati all APF operanti in un ufficio che possiede anche l APF-F PER IMPORTI BONUS PER FASCIA DI CREDITI CONSEGUITI VEDI SLIDE 18

16 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F 16 ESEMPI MATURAZIONE BONUS 1) L UP Retail con Area Impresa X consegue 820 crediti sul set prodotti; il DUP matura un bonus corrispondente alla fascia 2 (>=800 e <880) 2) L UP Retail con Area Impresa Y consegue 700 crediti sul set prodotti; il DUP matura un bonus corrispondente alla fascia 1 (>=680 crediti e < 800 crediti), pur bucando due prodotti. Esempio: 3) L UP Retail con Area Impresa Z consegue 610 crediti sul set prodotti SCCR APF; ciascun SCCR APF matura un bonus corrispondente alla fascia 2 (>=600 crediti e < 660 crediti)

17 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F 17 SUPERBONUS SE TUTTE LE TIPOLOGIE DI FIGURA PROFESSIONALE PREVISTE NELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA, RELATIVAMENTE AL SISTEMA COMMERCIALE E AL SISTEMA SPORTELLERIA, REALIZZANO CONTESTUALMENTE L ACCESSO AL SISTEMA IN COERENZA CON I MECCANISMI DI INCENTIVAZIONE, MATURANO UN SUPERBONUS: IL DUP TUTTI GLI SCCR (APF/APF-F )* IL PROFESSIONAL COMMERCIALE * *ove presenti

18 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F BONUS 18 IMPORTI BONUS PER FASCIA CREDITI CONSEGUITI (PER INDIVIDUAZIONE FASCE VEDI SLIDE 15)

19 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F SUPERBONUS 19

20 20 INCENTIVAZIONE RETAIL Sistema Sportelleria per: OSP, SPECIALISTA FRONT END, COLLABORATORE UP DOPPIO TURNO, REFERENTE OPERATION II PERIODO 1 aprile 30 giugno 2011

21 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION CARATTERISTICHE DEL SISTEMA 21 ACCESSO SVINCOLATO DA SOGLIE DI ACCESSO DEL DUP BONUS SPORTELLERIA RICONOSCIUTO A TUTTI GLI OSP, SPECIALISTA FRONT END, REFERENTE OPERATION, COLLABORATORE UP DT SE RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI PREVISTI SUL LORO SET PRODOTTI SPECIFICO (LIVELLI MINIMI DI VALORIZZAZIONE CREDITI E SOGLIA DI ACCESSO IN CREDITI - PER FIGURA PROFESSIONALE) SUPERBONUS MATURA PER GLI OSP, SPECIALISTA FRONT END, REFERENTE OPERATION, COLLABORATORE UP DT (nel rispetto del N massimo di risorse premia bili ) SE TUTTE LE TIPOLOGIE DI FIGURA PROFESSIONALE PREVISTE NELL UP, RELATIVAMENTE AL SISTEMA SPORTELLERIA E AL SISTEMA COMMERCIALE, REALIZZANO CONTESTUALMENTE L ACCESSO AL SISTEMA IN COERENZA CON I MECCANISMI DI INCENTIVAZIONE DESTINATO AI PIÙ MERITEVOLI (CON LIMITE DI OSP PREMIABILI IN RELAZIONE AL RUOLO MASTER/TURNO DEGLI UP) LA SCELTA DEGLI OSP PREMIATI (E DELLE ALTRE FIGURE) È DISCREZIONALE, A CURA DEL DUP IN CONDIVISIONE CON IL DF SET PRODOTTI RACCOLTA NETTA TOTALE RISPARMIO; CONTO BANCOPOSTA PIU (APERTURE NETTE) + CONTO IN PROPRIO (APERTURE NETTE); CORRIERE ESPRESSO + PACCHI (NAZ.LE+INT.LE) (RICAVI); RACCOMANDATA + RACCOMANDATA 1 (RICAVI); SIM POSTEMOBILE IL SET PRODOTTI È LO STESSO PER TUTTE LE FIGURE Per i perimetri di riferimento di alcuni prodotti vedi slide 22

22 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION Perimetri di riferimento PRODOTTI 22 CONTO BANCOPOSTA PIU (APERTURE NETTE): ai fini del calcolo delle aperture nette si considerano: le nuove aperture di Conto BancoPosta Più (comprese quelle generate da intestatari già correntisti, non provenienti da migrazioni) al netto dei Conti BancoPosta Più chiusi nel periodo i nuovi Conto BancoPosta più derivanti da migrazioni da Conto Bancoposta tradizionale CONTO IN PROPRIO (APERTURE NETTE): ai fini del calcolo delle aperture nette si considerano: le nuove aperture di Conto In Proprio (Web, Pos, Base e Condominio), comprese quelle generate da intestatari già correntisti, non provenienti da migrazioni i nuovi Conto In Proprio derivanti da migrazioni da Conto Impresa (Switch) le chiusure di Conto In Proprio, Conto Soho e Office CORRIERE ESPRESSO e PACCHI: nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA SIM POSTEMOBILE: Offerta Retail + Offerta Impresa

23 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION VALORIZZAZIONE DEI CREDITI BONUS SPORTELLERIA 23 % MINIME DI RAGG.TO BUDGET DI PERIODO 70% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET TETTI MASSIMI TETTO MASSIMO DI 200 CREDITI SOLO PER RACCOLTA NETTA TOTALE RISPARMIO POSSIBILITA DI BUCARE NON VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE PRODOTTI. SOGLIE DI ACCESSO OSP UP CORE NETWORK, SPECIALISTA FRONT END, CUP DT E REFERENTE OPERATION: 425 MECCANISMO MATURAZIONE BONUS SPORTELLERIA MATURANO IL BONUS SPORTELLERIA TUTTI GLI OSP, SPECIALISTA FRONT END, CUP DT E REFERENTE OPERATION CHE RAGGIUNGONO/SUPERANO LA SOGLIA DI ACCESSO SUL SET PRODOTTI; L IMPORTO DEL BONUS SPORTELLERIA SI DETERMINA IN RELAZIONE AI CREDITI CONSEGUITI SUL SET PRODOTTI IN BASE ALLE FASCE DI SEGUITO INDIVIDUATE

24 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION SUPERBONUS 24 All interno degli up in cui tutte le tipologie di figura professionale previste, nel Sistema Sportelleria e nel Sistema Commerciale, realizzano contestualmente l accesso al sistema in coerenza con i meccanismi di incentivazione, sarà cura del DUP, previa condivisione con il Direttore di Filiale e in coerenza con quanto specificato nelle regole accessorie, individuare gli OSP/Specialisti Front End/Collaboratore UP Doppio Turno destinatari del Superbonus * In coerenza con il dimensionamento organizzativo Negli UP Centrali, Relazione, Transito e Standard in cui tutte le tipologie di figura professionale previste realizzano contestualmente l accesso al sistema in coerenza con i meccanismi di incentivazione, sarà erogato il superbonus agli OSP che hanno contribuito in maniera significativa in termini di proattività commerciale con un limite massimo stabilito per ruolo, secondo la tabella sopra riportata Inoltre sarà erogato il superbonus agli Specialisti Front End (ove previste le figure professionali) che hanno contribuito in maniera significativa in termini di proattività commerciale in Sala al pubblico, indirizzando la clientela verso le figure di front end dedicate alla vendita dei prodotti/servizi previsti dal sistema di incentivazione e/o ai CUPDT che abbiano significativamente contribuito al raggiungimento degli obiettivi garantendo la piena funzionalità dell UP Negli UP di Relazione, Transito e Standard Doppio Turno le risorse vengono individuate dal DUP tra OSP e Collaboratore UP Doppio Turno

25 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION IMPORTI BONUS e SUPERBONUS 25 IMPORTI BONUS SPORTELLERIA PER FASCIA CREDITI CONSEGUITI (PER INDIVIDUAZIONE FASCE VEDI SLIDE 23) * Si veda l approfondimento sui meccanismi di individuazione delle risorse che maturano il bonus (slide 24)

26 INCENTIVAZIONE IMPRESA UP RETAIL CON AREA IMPRESA II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

27 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 PREMESSA 27 IL II PERIODO DEL SISTEMA BASE IMPRESA 2011 HA DURATA TRIMESTRALE, DAL 1 APRILE AL 30 GIUGNO 2011 ED E ARTICOLATO COME SEGUE: SISTEMA COMMERCIALE, DEDICATO A: DUP SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO VENDITORE P.A.L.* VENDITORE IMPRESA* SISTEMA SPORTELLERIA, DEDICATO A: OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE I DUE SISTEMI SI INTEGRANO, PUR ESSENDO DISTINTI * solo ove previsto da dimensionamento organizzativo

28 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 INDICE 28 IL PRESENTE DOCUMENTO DESCRIVE IN SEZIONI SEPARATE IL SISTEMA COMMERCIALE E IL SISTEMA SPORTELLERIA", SECONDO LA SEGUENTE ARTICOLAZIONE: UFFICIO POSTALE DA A "SISTEMA COMMERCIALE SLIDE. 29 SLIDE. 38 SISTEMA SPORTELLERIA SLIDE. 39 SLIDE. 39 SLIDE. 42

29 29 INCENTIVAZIONE IMPRESA Sistema Commerciale per: DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

30 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO % MINIME DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET DI PERIODO 70% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET VALORIZZAZIONE DEI CREDITI 30 TETTI MASSIMI TETTO MASSIMO DI 150 CREDITI PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET POSSIBILITA' DI "BUCARE" AI DUP E SPECIALISTI DI SETTORE MERCEOLOGICO VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE AL MASSIMO TRE PRODOTTI. PER DUE PRODOTTI NON E POSSIBILE SCENDERE AL DI SOTTO DEL 50% DELL OBIETTIVO. PER IL TERZO PRODOTTO SI PUO SCENDERE ANCHE AL DI SOTTO DEL 50%. ES. SE SU UN PRODOTTO SI REALIZZA IL 51% DELL OBIETTIVO, SU UN SECONDO PRODOTTO IL 49% DELL OBIETTIVO E SU UN TERZO IL 20%, NON SI ACCEDE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE AI VENDITORI IMPRESA E VENDITORI P.A.L. VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE DUE PRODOTTI. PER UN PRODOTTO NON E POSSIBILE SCENDERE AL DI SOTTO DEL 50% DELL OBIETTIVO. PER L ALTRO PRODOTTO SI PUO SCENDERE ANCHE AL DI SOTTO DEL 50%.

31 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 31 SUPERBONUS SE TUTTE LE TIPOLOGIE DI FIGURA PROFESSIONALE PREVISTE NELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA, RELATIVAMENTE AL SISTEMA COMMERCIALE E AL SISTEMA SPORTELLERIA, REALIZZANO CONTESTUALMENTE L ACCESSO AL SISTEMA, IN COERENZA CON I MECCANISMI DI INCENTIVAZIONE, MATURANO UN SUPERBONUS: I DUP I VENDITORI P.A.L.* I VENDITORI IMPRESA* GLI SPECIALISTI DI SETTORE MERCEOLOGICO * ove presenti

32 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO PRODOTTI 32 * Comprende Postatarget, Mass mail internazionale, Posta non indirizzata ** Nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA *** Offerta per Partite Iva, clientela Impresa, P.A.L. e Retail N.B. Ai fini del calcolo delle aperture nette di Conti Impresa si conteggiano anche le chiusure di Conti Office e Soho

33 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 33 PRODOTTI E SOGLIE DI ACCESSO * Comprende Postatarget, Mass mail internazionale, Posta non indirizzata ** Nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA *** Offerta per Partite Iva, clientela Impresa, P.A.L. e Retail N.B. Ai fini del calcolo delle aperture nette di Conti Impresa si conteggiano anche le chiusure di Conti Office e Soho

34 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 34 MECCANISMO MATURAZIONE BONUS IL BONUS PER CIASCUNA FIGURA PROFESSIONALE MATURA AL RAGGIUNGIMENTO/SUPERAMENTO DELLA SOGLIA DI ACCESSO SUL SET PRODOTTI (IN COERENZA CON I MECCANISMI DI CUI ALLA SLIDE 30) L IMPORTO DEL BONUS SI DETERMINA IN RELAZIONE AI CREDITI CONSEGUITI SUL SET PRODOTTI IN BASE ALLE FASCE DI SEGUITO INDIVIDUATE: * solo ove previsto da dimensionamento organizzativo PER IMPORTI BONUS PER FASCIA DI CREDITI CONSEGUITI VEDI SLIDE 37

35 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 35 ESEMPI MATURAZIONE BONUS 1) L UP Retail con Area Impresa X consegue 920 crediti sul set prodotti; il DUP e gli Specialisti Settore Merceologico maturano un bonus corrispondente alla fascia 2 (>=900 crediti e < 990 crediti) 2) L UP Retail con Area Impresa Y consegue 800 crediti sul set prodotti; il DUP e gli Specialisti Settore Merceologico maturano un bonus corrispondente alla fascia 1 (>=765 crediti e < 900 crediti), pur bucando due prodotti. Esempio: 3) L UP Retail con Area Impresa Z consegue 610 crediti sul set prodotti Venditore Impresa; ciascun Venditore Impresa matura un bonus corrispondente alla fascia 2 (>=600 crediti e < 660 crediti)

36 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 36 PERIMETRI CONSUNTIVI E OBIETTIVI PER I DUP CI SI RIFERISCE PER CIASCUN PRODOTTO ALL OBIETTIVO TOTALE DELL UP (COMPRENDENTE ANCHE CLIENTI ALTO SPENDENTI NON ASSEGNATI AI VENDITORI) PER I VENDITORI P.A.L. E VENDITORI IMPRESA CI SI RIFERISCE ALL OBIETTIVO TOTALE DEI CLIENTI IN PORTAFOGLIO ASSEGNATO A CIASCUN VENDITORE PER GLI SPECIALISTI SETTORE MERCEOLOGICO CI SI RIFERISCE PER CIASCUN PRODOTTO ALL OBIETTIVO TOTALE DELL UP AL NETTO DEI PORTAFOGLI P.A.L. E IMPRESA ASSEGNATI E NON ASSEGNATI AI VENDITORI P.A.L. E VENDITORI IMPRESA * OVE PRESENTI

37 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 37 BONUS

38 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 38 SUPERBONUS

39 39 INCENTIVAZIONE IMPRESA Sistema Sportelleria per: OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

40 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE CARATTERISTICHE DEL SISTEMA 40 ACCESSO SVINCOLATO DA SOGLIE DI ACCESSO DEL DUP BONUS SPORTELLERIA SUPERBONUS SET PRODOTTI RICONOSCIUTO A TUTTI GLI OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE SE RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI PREVISTI SUL LORO SET PRODOTTI SPECIFICO (LIVELLI MINIMI DI VALORIZZAZIONE CREDITI E SOGLIA DI ACCESSO IN CREDITI) MATURA SE TUTTE LE TIPOLOGIE DI FIGURA PROFESSIONALE PREVISTE NELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA, RELATIVAMENTE AL SISTEMA SPORTELLERIA E AL SISTEMA COMMERCIALE, REALIZZANO CONTESTUALMENTE L ACCESSO AL SISTEMA IN COERENZA CON I MECCANISMI DI INCENTIVAZIONE (VEDI SLIDE 31) DESTINATO A TUTTI GLI OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE COMUNICAZIONE COMMERCIALE*; RACCOMANDATA + RACCOMANDATA1; POSTA EASY (FULL E BASIC); CORRIERE ESPRESSO + PACCHI (NAZ.LE+INT.LE)**; SIM POSTEMOBILE*** PERIMETRO CONSUNTIVI ED OBIETTIVI PER GLI OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE CI SI RIFERISCE PER CIASCUN PRODOTTO ALL OBIETTIVO TOTALE DELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA (COMPRENDENTE ANCHE CLIENTI ALTO SPENDENTI NON ASSEGNATI AI VENDITORI) * Comprende Postatarget, Mass mail internazionale, Posta non indirizzata ** Nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA *** Offerta per Partite Iva, clientela Impresa, P.A.L. e Retail

41 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE VALORIZZAZIONE DEI CREDITI BONUS SPORTELLERIA 41 % MINIME DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET DI PERIODO 70% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET TETTI MASSIMI TETTO MASSIMO DI 150 CREDITI PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET POSSIBILITA DI BUCARE NON VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE PRODOTTI SOGLIA DI ACCESSO PARI A 425 MECCANISMO MATURAZIONE BONUS SPORTELLERIA MATURANO IL BONUS SPORTELLERIA TUTTI GLI OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE CHE RAGGIUNGONO/SUPERANO LA SOGLIA DI ACCESSO SUL SET PRODOTTI. L IMPORTO DEL BONUS SPORTELLERIA SI DETERMINA IN RELAZIONE AI CREDITI CONSEGUITI SUL SET PRODOTTI IN BASE ALLE FASCE DI SEGUITO INDIVIDUATE : -FASCIA 1: >= 425 e < 500 -FASCIA 2: >= 500 e < 550 -FASCIA 3: >= 550

42 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE IMPORTI BONUS E SUPERBONUS 42 IMPORTI BONUS SPORTELLERIA PER FASCIA CREDITI CONSEGUITI (PER INDIVIDUAZIONE FASCE VEDI SLIDE 41)

43 SISTEMA BASE UP RETAIL CON AREA IMPRESA II PERIODO 2011 (1 APRILE-30 GIUGNO) REGOLE ACCESSORIE

44 Regole accessorie 1) Partecipa all iniziativa commerciale Sistema Base up Retail con area impresa II periodo il personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e applicato, nell ambito dell unità di appartenenza, sui ruoli coinvolti nel presente sistema di incentivazione; 2) Il tempo minimo di applicazione, nell ambito dell unità di appartenenza, necessario per la maturazione del bonus è pari alla metà del periodo di riferimento; 3) Gli operatori sportello poste imprese degli UP Impresa e degli UP con area Impresa che potranno accedere ai bonus previsti per l iniziativa commerciale Sistema Base up Retail con area impresa II periodo saranno individuati esclusivamente in base all effettiva e prevalente applicazione in attività di sportelleria. In particolare saranno considerati solo coloro ai quali è stata pagata, nel periodo di riferimento, l indennità di cassa per un periodo superiore al 50% dei gg. di presenza nell UP premiato I giorni di ferie eventualmente fruiti nel periodo saranno considerati gg. di effettiva applicazione allo sportello. 4) Ai fini della determinazione del bonus individuale i giorni di ferie vengono considerati come giornate di effettivo servizio. 5) Nelle Zone di Servizio Minori, ai fini della determinazione del bonus individuale, le giornate di attività lavorativa svolta all interno della ZSM (presso gli UP Satellite o presso l UP Polo) vengono considerate come giornate di effettivo servizio.

45 Regole accessorie 6) Fermo restando i tempi minimi di applicazione nell ambito dell unità di appartenenza: - l importo del bonus da riconoscere è determinato in base al periodo di presenza/permanenza nella figura professionale incentivata; - in caso di cambiamento di figura professionale l importo del bonus è determinato pro-quota in base ai periodi di presenza/permanenza nelle singole figure oggetto di incentivazione - in caso di trasferimento l importo del bonus è determinato pro-quota in base al periodo di presenza/permanenza nelle singole unità organizzative. 7) Il personale part-time accede ai meccanismi di incentivazione in proporzione alla durata della prestazione. 8) I DUP che accederanno al sistema in coerenza con il meccanismo di incentivazione, saranno esclusi dall erogazione dei bonus nei seguenti casi di esito delle ATTIVITA DI AUDIT CHIUSI: Audit di compliance con grading insufficiente e non adeguato Follow up con grading insufficiente e non adeguato L esclusione dall erogazione del bonus può avvenire una sola volta nel corso dell anno per ogni Audit o Follow up

46 Regole accessorie 9) Fermo restando ogni altra condizione, il pagamento del bonus relativo al Sistema Base up Retail con area impresa II periodo avverrà nel corso del ) Il bonus che sarà erogato al lordo degli oneri previsti dalla Legge è riservato alle risorse che risultano in servizio alla fine del periodo (in servizio fino al 30 giugno) 11) I bonus previsti dall iniziativa vengono determinati in funzione dei risultati raggiunti ad incremento della produttività del lavoro. 12) I bonus previsti per il Sistema Base up Retail con area impresa II periodo costituiscono una integrazione straordinaria, di natura variabile, del trattamento economico ed assorbono e superano quanto eventualmente definito in precedenza relativamente alla quota variabile della retribuzione correlata al conseguimento di risultati e/o positive performance.

47 Regole accessorie 13) La partecipazione al Sistema Base up Retail con area impresa II periodo non comporta il sorgere di alcun diritto ad analoghe erogazioni future, anche a fronte di andamenti positivi dei medesimi indicatori considerati nell ambito del presente Sistema, e non costituisce condizione per la partecipazione, negli anni a venire, ad analoghe iniziative che Poste Italiane si riserva di confermare, modificare o non prevedere 14) E escluso dall attribuzione del bonus eventualmente maturato nel periodo di riferimento, il personale che, nello stesso arco di tempo, abbia tenuto comportamenti professionali non coerenti con il codice etico e il codice disciplinare di Poste Italiane e sia stato conseguentemente destinatario di procedimento disciplinare che abbia comportato l applicazione di un provvedimento disciplinare più grave della multa. L erogazione del bonus sarà quindi sospesa fino alla definizione dell eventuale intervento disciplinare. 15) Durante il periodo di validità dell iniziativa, le presenti condizioni potranno essere soggette ad integrazioni, variazioni e/o proroghe in relazione a diversi scenari organizzativi e/o di mercato che si manifesteranno nel corso dell incentivazione in oggetto. In ogni caso le eventuali modifiche non inficeranno gli obiettivi eventualmente già raggiunti dai partecipanti. 16) Della presente iniziativa viene data informativa alle OO.SS. ai sensi dell articolo 5, lettera A, punto C del CCNL.

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE RETAIL II periodo 1 aprile 30 giugno 2011 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI BONUS

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti,

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009. Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009. Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Mercato Privati Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti

Dettagli

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (3 MAGGIO - 31 AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE 14 maggio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 3 MAGGIO 2010 31 AGOSTO 2010 FINALITA :FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono essere

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO BANCOPOSTA PIU

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO BANCOPOSTA PIU CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO BANCOPOSTA PIU (2 MAGGIO 30 GIUGNO 2011) Livello UP MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTI CONTO BANCOPOSTA PIU PERIODO: 2 MAGGIO 30 GIUGNO 2011

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO IN PROPRIO

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO IN PROPRIO CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO IN PROPRIO (22 maggio 30 giugno 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTO: CONTO IN PROPRIO PERIODO: 2 MAGGIO 30 GIUGNO 2011 UP COINVOLTI: FIGURE COINVOLTE LIVELLO

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (1 FEBBRAIO - 31 MARZO) estensione del periodo campagna al 30 aprile MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 1 FEBBRAIO 2010 31 MARZO 2010

Dettagli

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE 1 INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE (1 31 MARZO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTI: SIM POSTEMOBILE PERIODO: 1 31 MARZO 2011 UP COINVOLTI: TUTTI GLI ABILITATI FIGURE COINVOLTE

Dettagli

(LUGLIO AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

(LUGLIO AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA COMMERCIALE TRASFERIMENTO FONDI (LUGLIO AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTI TRASFERIMENTO FONDI E COSTITUITO DALLA SOMMATORIA DI VAGLIA POSTALE,VAGLIA ON

Dettagli

Iniziativa commerciale PosteMobile

Iniziativa commerciale PosteMobile 1 Iniziativa commerciale PosteMobile 2 febbraio 30 aprile MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Caratteristiche dell iniziativa : 2 Prodotti interessati : attivazioni di SIM PosteMobile, richieste di Mobile

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE HOME BOX

CAMPAGNA COMMERCIALE HOME BOX CAMPAGNA COMMERCIALE HOME BOX (2 maggio 30 giugno 2011) PREMESSA 2 L INIZIATIVA SI ARTICOLA COME SEGUE: MECCANISMO SU NUMERO CONTRATTI MECCANISMO SUI RICAVI PRODOTTO: HOME BOX PERIODO: 2 MAGGIO 30 GIUGNO

Dettagli

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE 1 INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE (1 31 MARZO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTI: SIM POSTEMOBILE PERIODO: 1 31 MARZO 2011 UP COINVOLTI: FIGURE COINVOLTE LIVELLO : RESPONSABILE

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI FINANZIAMENTO

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI FINANZIAMENTO CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI FINANZIAMENTO (1 MARZO 16 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTO: FINANZIAMENTO (PRESTITI PERSONALI + PRONTISSIMO + CESSIONE DEL QUINTO + MUTUI)

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Mercato Privati 2 SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE 1. SCHEMA GENERALE 2. ARTICOLAZIONE 1 QUADRIMESTRE

Dettagli

Iniziativa commerciale Conti Correnti Retail e Servizi Accessori

Iniziativa commerciale Conti Correnti Retail e Servizi Accessori 1 Iniziativa commerciale Conti Correnti Retail e Servizi Accessori 15 gennaio 30 aprile MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Caratteristiche dell iniziativa : 2 Prodotti interessati: Conti Correnti Retail (

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) PREMESSA PRODOTTI: POLIZZE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI LE POLIZZE DANNI SONO COSTITUITE DA: Postapersona

Dettagli

Iniziativa commerciale Posta Previdenza Valore, PostaPersona e PostaCasa 2 febbraio 31 maggio

Iniziativa commerciale Posta Previdenza Valore, PostaPersona e PostaCasa 2 febbraio 31 maggio 1 Iniziativa commerciale Posta Previdenza Valore, PostaPersona e PostaCasa 2 febbraio 31 maggio MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Caratteristiche dell iniziativa : 2 Prodotti interessati : Posta Previdenza

Dettagli

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 REGOLAMENTO 2 è legato ai risultati di tutto l anno sul budget complessivo e su un set di prodotti strategici che generano ricavi significativi e rappresentano una quota

Dettagli

CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE (compreso Home Box) + PACCOCELERE INTERNAZIONALE+ EMS/QPE+ PACCOCELERE IMPRESA (Nazionale) + RACCOMANDATA 1 BUSINESS (1 APRILE 31 MAGGIO 2011)

Dettagli

(1 FEBBRAIO 30 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

(1 FEBBRAIO 30 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE INCENTIVAZIONE INBOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (1 FEBBRAIO 30 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTI SIM POSTEMOBILE CON ATTIVAZIONE DI OPZIONI TARIFFARIE

Dettagli

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI BANCOPOSTA. Integrazione. 2 maggio 31 luglio 2008. Chief Network & Sales Office

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI BANCOPOSTA. Integrazione. 2 maggio 31 luglio 2008. Chief Network & Sales Office CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI BANCOPOSTA 2 maggio 31 luglio 2008 Integrazione Campagna di prodotto Prestiti: Professional Commerciale 2 Nei 171 UP con l Area prodotti finanziari - Finanziamenti in cui è presente

Dettagli

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI 2 maggio 31 luglio 2008. chief network & sales office

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI 2 maggio 31 luglio 2008. chief network & sales office CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI 2 maggio 31 luglio 2008 Campagna di prodotto Prestiti e Mutui : caratteristiche 2 Prodotti in campagna: Prestiti e Mutui BancoPosta Periodo di campagna: 2 maggio 31 luglio 2008

Dettagli

INCENTIVAZIONE IN BOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (2 MAGGIO 30 LUGLIO 2011) Posteitaliane

INCENTIVAZIONE IN BOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (2 MAGGIO 30 LUGLIO 2011) Posteitaliane INCENTIVAZIONE IN BOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (2 MAGGIO 30 LUGLIO 2011) PREMESSA 2 L INIZIATIVA SI ARTICOLA COME SEGUE: MECCANISMO DI BASE MECCANISMO DI TEAM FIGURE COINVOLTE PER ENTRAMBI I MECCANISMI

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA IV PERIODO (1 ottobre 31 dicembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI

Dettagli

Campionato PosteMobile

Campionato PosteMobile Campionato PosteMobile REGOLAMENTO 2 Il processo di vendita è un processo delicato soprattutto quando vendiamo prodotti finanziari Etica di vendita Proporre sempre i prodotti più adatti alle esigenze specifiche

Dettagli

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 integrazioni 2 Integrazioni Sistema di Incentivazione Base 2008 AMBITO UFFICI POSTALI AMBITO FILIALE 3 SCCR UP CENTRALI, RELAZIONE, TRANSITO E STANDARD CON L AREAPRODOTTIFINANZIARI

Dettagli

Modalità e Condizioni Operative

Modalità e Condizioni Operative Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendita Grandi Clienti Task Force Direct Marketing Poste Commerce Posta Internazionale Modalità e Condizioni Operative 1 luglio - 31 ottobre 2010 2 In relazione

Dettagli

Gara di Vendita 3 ottobre 31 dicembre 2007. CNS - Commerciale Retail

Gara di Vendita 3 ottobre 31 dicembre 2007. CNS - Commerciale Retail Gara di Vendita 3 ottobre 31 dicembre 2007 CNS - Commerciale Retail 2 Iniziative di fine anno Gara di vendita UP Country Filiale Gare di canale PosteBusiness: UPPTB & Team SSPMI PosteShop: SIS & Sale Consulenza

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (3 MAGGIO - 31 AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE 14 maggio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 3 MAGGIO 2010 31 AGOSTO 2010 FINALITA :FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE IMPRESA IV PERIODO (1 ottobre 31 dicembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 A PARTIRE DA QUESTO PERIODO IL SISTEMA BASE PREVEDE UN "NUOVO MODELLO" DI INCENTIVAZIONE DEDICATO AGLI

Dettagli

Modalità e Condizioni Operative

Modalità e Condizioni Operative PosteMobile Yes, I phone! Modalità e Condizioni Operative 1 ottobre - 31 dicembre 2009 Risorse Umane e Organizzazione - Clienti Affari - Mercato Privati Poste Mobile Yes, I phone! Caratteristiche generali

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA III PERIODO (1 luglio 30 settembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI

Dettagli

Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori

Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Incontro con OO.SS. 5 Febbraio 2010 1 Principali linee guida Il Sistema di Incentivazione 2010 ha lo scopo di

Dettagli

Portalettere Articolazione Servizi Innovativi

Portalettere Articolazione Servizi Innovativi Portalettere Articolazione Servizi Innovativi - Incentivazione Commerciale 2011 - aprile 2011 Sistema incentivante: fasi di avvio e destinatari 1 Durata: dal 2 novembre al 31 dicembre 2010 Tutti i portalettere

Dettagli

Campagna Commerciale. Conto Bancoposta. DR Commerciale Retail -1 - Roma 06 Aprile 2006. -Versione 1.5 26.03.04

Campagna Commerciale. Conto Bancoposta. DR Commerciale Retail -1 - Roma 06 Aprile 2006. -Versione 1.5 26.03.04 Campagna Commerciale Conto Bancoposta 1-1 - Kit 1 da Commerciale Retail a Country Manager, Direttori di Filiale e Responsabili Commerciali Retail da CM e RCR a Consulenti commerciali Transazionali 2-2

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI (1 MARZO 30 APRILE) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 SINGOLA CAMPAGNA COMMERCIALE PER: POSTA PREVIDENZA

Dettagli

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE 1 INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE (1 31 MARZO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTI: SIM POSTEMOBILE PERIODO: 1 31 MARZO 2011 UP COINVOLTI: TUTTI GLI ABILITATI FIGURE COINVOLTE

Dettagli

INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESE

INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESE INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESE VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL (2

Dettagli

INCENTIVAZIONE RETAIL

INCENTIVAZIONE RETAIL INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono essere

Dettagli

VERBALE DI INCONTRO. L Azienda premette che:

VERBALE DI INCONTRO. L Azienda premette che: VERBALE DI INCONTRO L Azienda premette che: il collocamento di prodotti e servizi offerti alla clientela richiede processi di formazione e aggiornamento continuo per le figure di rete commerciale, a tale

Dettagli

UFFICIO POSTALE Evoluzione modalità canali di offerta. Nuova figura professionale

UFFICIO POSTALE Evoluzione modalità canali di offerta. Nuova figura professionale UFFICIO POSTALE Evoluzione modalità canali di offerta Nuova figura professionale 1 agosto 2008 Indice del documento 2 Linee di contesto, principali razionali Ipotesi Organizzative Linee di contesto 3 Come

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

Accordo Quadro 30/09/2014

Accordo Quadro 30/09/2014 Accordo Quadro 30/09/2014 Nella tarda serata del 30/09/2014 è stata raggiunta un ipotesi di Accordo tra le OO.SS. e l Azienda in relazione alle ricadute sul Personale del Gruppo derivanti dall applicazione

Dettagli

INCENTIVAZIONE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Mercato Privati

INCENTIVAZIONE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Mercato Privati INCENTIVAZIONE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono

Dettagli

CONTO ORE INDIVIDUALE OPERATORE DI SPORTELLO. Redatto da:ruo/ri/ Normativa del Lavoro Approvata da: RUO/RI Distribuita da RUO/RI

CONTO ORE INDIVIDUALE OPERATORE DI SPORTELLO. Redatto da:ruo/ri/ Normativa del Lavoro Approvata da: RUO/RI Distribuita da RUO/RI CONTO ORE INDIVIDUALE OPERATORE DI SPORTELLO Redatto da:ruo/ri/ Normativa del Lavoro Approvata da: RUO/RI Distribuita da RUO/RI In vigore da Gennaio 2012 Premessa Per gli operatori di sportello è stata

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Venditori Pacchi. Dalla sperimentazione alla nuova figura professionale. 23 febbraio 2012. Mercato Privati/RU/Organizzazione Operativa

Venditori Pacchi. Dalla sperimentazione alla nuova figura professionale. 23 febbraio 2012. Mercato Privati/RU/Organizzazione Operativa 1 Venditori Pacchi Dalla sperimentazione alla nuova figura professionale 23 febbraio 2012 Agenda 2 I Premessa: razionali dell evoluzione da task-force a nuova figura professionale II Venditori Pacchi:

Dettagli

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014 Progetto Multicanalità Integrata Contact Unit Milano, 17 luglio 2014 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile creazione e distribuzione di valore Aumento della

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Premio Variabile DI RISULTATO

Premio Variabile DI RISULTATO Guid ida pratica A cura della Segreteria di Gruppo Premio Variabile DI RISULTATO Le previsioni per il premio del prossimo anno AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2015 SOMMARIO IL PVR PREMIO VARIABILE DI RISULTATO...

Dettagli

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Settore Risorse Umane e strumentali Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Accordo provvisorio: AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI E DEGLI INCARICATI

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banche della Divisione Banca dei Territori con l esclusione di

Dettagli

ALL. 4 Produzione/Staff

ALL. 4 Produzione/Staff FUNZIONE 1 livello FUNZIONE 2 livello STRUTTURA 3 livello STRUTTURA 4 livello Figura p. AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO REVISIONE INTERNA RISK MANAGEMENT COMPLIANCE PRIVATI E IMPRESE BANCOPOSTA MSP AMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

SISTEMA PREMIALE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Elaborato dal Nucleo di Valutazione Associato

SISTEMA PREMIALE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Elaborato dal Nucleo di Valutazione Associato SISTEMA PREMIALE DEL PERSONALE DIPENDENTE Elaborato dal Nucleo di Valutazione Associato SOMMARIO 1.- FINALITÀ E CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA PREMIALE -------------- 3 2.- IL SISTEMA PREMIALE DEI

Dettagli

Comune di Robecco sul Naviglio SISTEMA PREMIALE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Comune di Robecco sul Naviglio SISTEMA PREMIALE DEL PERSONALE DIPENDENTE Comune di Robecco sul Naviglio SISTEMA PREMIALE DEL PERSONALE DIPENDENTE Aprile 2012 SOMMARIO 1.- FINALITÀ E CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA PREMIALE --------------3 2.- IL SISTEMA PREMIALE DEI DIPENDENTI

Dettagli

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali www.bollettinoadapt.it, 16 aprile 2013 Tavola di confronto delle piattaforme sindacali a cura di Sabrina Chiarelli, Cecilia Porro, Giulia Rosolen Argomenti FeLSA Cisl NIdiL Cgil UILTem.p@ Le premesse Diritti

Dettagli

Progetto Semplificazione Rete avanzamento attività propedeutiche alla sperimentazione

Progetto Semplificazione Rete avanzamento attività propedeutiche alla sperimentazione Consegnato OO.SS. 19 settembre 2013 Progetto Semplificazione Rete avanzamento attività propedeutiche alla sperimentazione Settembre 2013 Avanzamento attività 2 Inviato al territorio il modello di sportelleria

Dettagli

t r a le Delegazioni Sindacali di Banca Popolare di Vicenza di Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Uil.C.A., UGL, P r e m e s s o c h e

t r a le Delegazioni Sindacali di Banca Popolare di Vicenza di Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Uil.C.A., UGL, P r e m e s s o c h e II giorno 8 dicembre 2007, in Bergamo t r a UBI Banca S.c.p.a. Banca Popolare di Bergamo S.p.A. Banco di Brescia S.p.A. Banca Popolare Commercio & Industria S.p.A. di seguito Cedente, Banca Popolare di

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona)

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) SISTEMA DI APPROVAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ART. 7 COMMA 1 DEL D.LGS 150/2009. INTEGRAZIONE AL VIGENTE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE 58 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 492 REG./.534 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 29/12/2010 Art.

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50%

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50% Anticipo export L anticipo all esportazione rende disponibili all azienda i mezzi finanziari necessari per la predisposizione della fornitura da vendere all estero, oppure reintegrare i mezzi finanziari

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

tra in relazione: si conviene quanto segue:

tra in relazione: si conviene quanto segue: Addì 26 giugno 2009, in Roma tra Alitalia - CAI e le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl-TA in relazione: ai confronti avviati nel trimestre in corso ed alle questioni emerse

Dettagli

SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE

SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE 2 Punti di forza del Sistema Base 2009 Superamento della leva dei ricavi e sostegno dei risultati a volumi fin dai

Dettagli

CHIEF NETWORK & SALES OFFICE LINEE EVOLUTIVE ORGANIZZAZIONE UFFICIO POSTALE

CHIEF NETWORK & SALES OFFICE LINEE EVOLUTIVE ORGANIZZAZIONE UFFICIO POSTALE CHIEF NETWORK & SALES OFFICE LINEE EVOLUTIVE ORGANIZZAZIONE UFFICIO POSTALE Roma, 19 febbraio 2007 1 Contenuti del documento 1. Linee di contesto 2. Ipotesi organizzative e focus sperimentazione 3. Prossimi

Dettagli

Campioni New Business

Campioni New Business Campioni New Business 1 settembre 31 ottobre 2008 REGOLAMENTO 2 Il processo venta è un processo delicato soprattutto quando venamo prodotti finanziari Etica venta Proporre sempre i prodotti più adatti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità :

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità : Accordo collettivo per la disciplina delle collaborazioni a progetto nelle attività di vendita di beni e servizi e di recupero crediti realizzati attraverso call center outbound, stipulato con riferimento

Dettagli

Oggetto: Commerciale Privati fine tuning modello Organizzativo AT e Filiale

Oggetto: Commerciale Privati fine tuning modello Organizzativo AT e Filiale Risorse Umane e Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL poste FAILP-CISAL CONFSAL Com.ni UGL Com.ni Roma, 3 luglio 2013 Oggetto: Commerciale Privati

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA N.472

COMUNICAZIONE INTERNA N.472 Data Validità Inizio 21/10/2013 Fine Data Pubblicazione 18/10/2013 Argomento Funzione Emittente Percorso DMS PosteMobile: Novità Release X10 Mercato Privati Gestione Operativa Processi Finanziari ALTRI

Dettagli

Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo

Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo S.p.A. Banco di Napoli S.p.A. Cassa di Risparmio del Veneto S.p.A. Banca CR Firenze S.p.A. Cassa di Risparmio in Bologna

Dettagli

Sindacato Nazionale Quadri delle Poste Italiane S.p.A. Via Cesare Balbo 35 00184 ROMA - Tel/Fax 06/4820307 e-mail: sindip_quadri@hotmail.

Sindacato Nazionale Quadri delle Poste Italiane S.p.A. Via Cesare Balbo 35 00184 ROMA - Tel/Fax 06/4820307 e-mail: sindip_quadri@hotmail. SINDIP QUADRI Sindacato Nazionale Quadri delle Poste Italiane S.p.A. Via Cesare Balbo 35 00184 ROMA - Tel/Fax 06/4820307 e-mail: sindip_quadri@hotmail.com Poste Italiane ha comunicato che con riferimento

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 13 giugno 2014 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

(SISTEMA PREMIANTE) Sottoscritto nell incontro di Delegazione Trattante. della Dirigenza del 31.03.04 e del Comparto del 7.04.04

(SISTEMA PREMIANTE) Sottoscritto nell incontro di Delegazione Trattante. della Dirigenza del 31.03.04 e del Comparto del 7.04.04 ACCORDO DECENTRATO PER L EROGAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO E DEL TRATTAMENTO ACCESSORIO LEGATO ALLA PRODUTTIVITÀ (SISTEMA PREMIANTE) Sottoscritto nell incontro di Delegazione Trattante della Dirigenza

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE TITOLO I PRESUPPOSTI DEL SISTEMA Oggetto Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance dell ASL di Lucca ha la finalità complessiva di

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

Difesa del risparmio e rapporto con le banche

Difesa del risparmio e rapporto con le banche EDUCAZIONE FINANZIARIA Difesa del risparmio e rapporto con le banche CUCE Dr. Vincenzo Difesa del risparmio e rapporto con le banche Legenda: Il Risparmio, Manifesto per la tutela del risparmio Oltre la

Dettagli

Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi di Siena SPA ACCORDO SU CESSIONE SPORTELLI MPS A BANCA CR FIRENZE

Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi di Siena SPA ACCORDO SU CESSIONE SPORTELLI MPS A BANCA CR FIRENZE Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi di Siena SPA ACCORDO SU CESSIONE SPORTELLI MPS A BANCA CR FIRENZE Il giorno 22 aprile 2010, a Siena, alla presenza dei responsabili del personale e delle relazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo Deliberazione della Giunta Comunale n. 150 del 22/05/2013 1 1.1.1.- Le modalità

Dettagli

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale Orientale Goriziano

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale Orientale Goriziano Autorità d Ambito Territoriale Ottimale Orientale Goriziano SISTEMA DI VALUTAZIONE Art. 1 Campo di applicazione L Ente individua la seguente metodologia permanente, improntata a criteri di imparzialità

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Gara di Vendita SHOP IN SHOP e BASIC 26 maggio - 31 luglio 2008 REGOLAMENTO. chief network & sales office

Gara di Vendita SHOP IN SHOP e BASIC 26 maggio - 31 luglio 2008 REGOLAMENTO. chief network & sales office 1 Gara di Vendita SHOP IN SHOP e BASIC 26 maggio - 31 luglio 2008 REGOLAMENTO 2 Il processo di vendita è un processo delicato soprattutto quando vendiamo prodotti finanziari Etica di vendita Proporre sempre

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 19/03/2015) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni è la Prima Agenzia Assicurativa italiana. La Società agisce su mandato di 17 compagnie leader nazionali ed internazionali e

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli