MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane"

Transcript

1 INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA II periodo 1 aprile 30 giugno 2011 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

2 PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL (1 APRILE -30 GIUGNO) SISTEMA DI INCENTIVAZIONE IMPRESA (1 APRILE -30 GIUGNO) ATTENZIONE IL DIRETTORE DELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA PARTECIPA AD OGNUNO DEI DUE SISTEMI SEPARATAMENTE L OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE PARTECIPA SOLO AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE IMPRESA

3 COLLEGAMENTI TRA SISTEMA BASE II PERIODO 2011 E SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO SISTEMA DI INCENTIVAZIONE IMPRESA L OPERATORE DI SPORTELLO POSTE IMPRESE PARTECIPA ESCLUSIVAMENTE AL SISTEMA INCENTIVAZIONE IMPRESA E SARA DESTINATARIO DEL BONUS SISTEMA DI INCENTIVAZIONE IMPRESA SARA PREMIATO SE NE REALIZZA LE CONDIZIONI DI ACCESSO SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL Livello UP Retail con area Impresa L OPERATORE DI SPORTELLO NON POSTE IMPRESE APPLICATO IN UN UP CON AREA IMPRESA PARTECIPA ESCLUSIVAMENTE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL NEGLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA PER I PRODOTTI RACCOMANDATA + RACCOMANDATA 1 E CORRIERE ESPRESSO + PACCHI (NAZIONALE + INTERNAZIONALE), TUTTE LE FIGURE INCENTIVATE INTERESSATE AVRANNO UN UNICO OBIETTIVO A RICAVI DERIVANTE DALLA SOMMA DI QUOTA RETAIL + QUOTA IMPRESA CHE SARA CONFRONTATO CON IL CONSUNTIVO TOTALE DELL UP Livello Filiale/Area territoriale PER LE FIGURE COMMERCIALI E OPERAZIONI DI FILIALE E AT, IL SET DI PRODOTTI DI RIFERIMENTO E QUELLO INDICATO NELLE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE RELATIVE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE RETAIL 2011 DEL II PERIODO. PER I PRODOTTI POSTA DESCRITTA (RACCOMANDATA + RACCOMANDATA 1 + ASSICURATA) E CORRIERE ESPRESSO + PACCHI (NAZIONALE + INTERNAZIONALE), SI CONSIDERANO I VOLUMI CON ESCLUSIONE DEI CONSUNTIVI E DEI BUDGET DEGLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA

4 Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono essere improntati sui principi di onestà, integrità, correttezza, imparzialità, riservatezza, diligenza, lealtà, rispetto reciproco. Gli obiettivi di business Dipendenti Organi di informazione COMPORTAMENTO ETICO Enti Pubblici, Istituzioni, Organizzazioni vanno conseguiti SEMPRE e COMUNQUE mantenendo un COMPORTAMENTO ETICO nei confronti del cliente, dei colleghi e dell azienda. Clienti Fornitori

5 Il processo di vendita è un processo delicato soprattutto quando vendiamo prodotti finanziari ETICA DI VENDITA Dare informazioni e spiegazioni esaurienti; Illustrare adeguatamente il profilo di rischio dei prodotti proposti PORRE SEMPRE AL CENTRO DELL ATTENZIONE LA SODDISFAZIONE E LA FIDELIZZAZIONE DEL CLIENTE

6 Il processo di vendita è un processo delicato anche quando vendiamo prodotti fisici e per quanto gli obiettivi possano essere sfidanti, il loro raggiungimento deve sempre essere coerente con i principi che rispettino le esigenze e la propensione all acquisto del cliente

7 INCENTIVAZIONE RETAIL- UP RETAIL CON AREA IMPRESA II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

8 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 PREMESSA 8 IL II PERIODO DEL SISTEMA BASE 2011 HA DURATA TRIMESTRALE, DAL 1 APRILE AL 30 GIUGNO 2011, ED E ARTICOLATO COME SEGUE: SISTEMA COMMERCIALE, DEDICATO A: DUP PROFESSIONAL COMMERCIALE SCCR APF E APF-F SISTEMA SPORTELLERIA, DEDICATO A: OSP SPECIALISTA FRONT END E COLLABORATORE UP DOPPIO TURNO REFERENTE OPERATION I DUE SISTEMI SI INTEGRANO, PUR ESSENDO DISTINTI

9 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 INDICE 9 IL PRESENTE DOCUMENTO DESCRIVE IN SEZIONI SEPARATE IL SISTEMA COMMERCIALE E IL SISTEMA SPORTELLERIA, SECONDO LA SEGUENTE ARTICOLAZIONE: UFFICIO POSTALE DA A "SISTEMA COMMERCIALE SLIDE. 10 SLIDE. 19 SISTEMA SPORTELLERIA SLIDE. 20 SLIDE. 25

10 10 INCENTIVAZIONE RETAIL Sistema Commerciale per: DUP, DUP POLO ZSM, PROFESSIONAL COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

11 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F VALORIZZAZIONE DEI CREDITI 11 % MINIME DI RAGG.TO BUDGET DI PERIODO 70% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET TETTI MASSIMI TETTO MASSIMO DI 200 CREDITI SOLO PER RACCOLTA NETTA TOTALE RISPARMIO POSSIBILITA' DI "BUCARE" LA FACOLTA DI BUCARE PRODOTTI VIENE CONCESSA SOLO AI DUP CENTRALI, RELAZIONE, TRANSITO E STANDARD: SI POSSONO BUCARE AL MASSIMO TRE PRODOTTI, PER CIASCUNO DEI QUALI NON E POSSIBILE SCENDERE COMUNQUE AL DI SOTTO DEL 50% DELL OBIETTIVO. ES. SE SU DUE PRODOTTI BUCATI SI REALIZZA IL 50% DELL OBIETTIVO E SUL TERZO IL 49% DELL OBIETTIVO, NON SI ACCEDE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE

12 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F PRODOTTI 12 Per i perimetri di riferimento di alcuni prodotti vedi slide 13

13 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F Perimetri di riferimento PRODOTTI 13 CONTO BANCOPOSTA PIU (APERTURE NETTE): ai fini del calcolo delle aperture nette si considerano: le nuove aperture di Conto BancoPosta Più (comprese quelle generate da intestatari già correntisti, non provenienti da migrazioni), al netto dei Conti BancoPosta Più chiusi nel periodo i nuovi Conto BancoPosta più derivanti da migrazioni da Conto Bancoposta tradizionale CONTO IN PROPRIO (APERTURE NETTE): ai fini del calcolo delle aperture nette si considerano: le nuove aperture di Conto In Proprio (Web, Pos, Base e Condominio), comprese quelle generate da intestatari già correntisti, non provenienti da migrazioni i nuovi Conto In Proprio derivanti da migrazioni da Conto Impresa (Switch) le chiusure di Conto In Proprio, Conto Soho e Office CPI: Postaprotezione Prestiti Personali + Postaprotezione Mutui POLIZZE DANNI: Posta Persona Affetti Protetti, Posta Protezione Persona (Infortuni - Infortuni basic - Infortuni senior Salute) e Posta Protezione Beni (Incendio, Capofamiglia e Furto), Posta Protezione Condominio e Posta Protezione Piccola Impresa CORRIERE ESPRESSO e PACCHI: nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA SIM POSTEMOBILE: Offerta Retail + Offerta Impresa

14 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F PRODOTTI E SOGLIE DI ACCESSO 14 Se l UP non risulta abilitato ad uno o più di tali prodotti, la soglia di accesso si intende diminuita di 70 crediti per ogni prodotto non previsto *Per gli SCCR assegnati all APF operanti in un ufficio che possiede anche l APF-F i prodotti di riferimento sono da considerarsi al netto dei prodotti di Finanziamento (Prestiti Personali, Prontissimo, Cessione del V e Mutui) e la soglia di accesso è pari a 440 crediti

15 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F 15 MECCANISMO MATURAZIONE BONUS IL BONUS PER CIASCUNA FIGURA PROFESSIONALE MATURA AL RAGGIUNGIMENTO/SUPERAMENTO DELLA SOGLIA DI ACCESSO SUL SET PRODOTTI (IN COERENZA CON I MECCANISMI DI CUI ALLA SLIDE 11) L IMPORTO DEL BONUS SI DETERMINA IN RELAZIONE AI CREDITI CONSEGUITI SUL SET PRODOTTI IN BASE ALLE FASCE DI SEGUITO INDIVIDUATE: (*) I limiti per ciascuna fascia sono determinati considerando 70 crediti in meno: per ogni prodotto non previsto, se l UP non risulta abilitato ad uno o più prodotti per gli SCCR assegnati all APF operanti in un ufficio che possiede anche l APF-F PER IMPORTI BONUS PER FASCIA DI CREDITI CONSEGUITI VEDI SLIDE 18

16 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F 16 ESEMPI MATURAZIONE BONUS 1) L UP Retail con Area Impresa X consegue 820 crediti sul set prodotti; il DUP matura un bonus corrispondente alla fascia 2 (>=800 e <880) 2) L UP Retail con Area Impresa Y consegue 700 crediti sul set prodotti; il DUP matura un bonus corrispondente alla fascia 1 (>=680 crediti e < 800 crediti), pur bucando due prodotti. Esempio: 3) L UP Retail con Area Impresa Z consegue 610 crediti sul set prodotti SCCR APF; ciascun SCCR APF matura un bonus corrispondente alla fascia 2 (>=600 crediti e < 660 crediti)

17 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F 17 SUPERBONUS SE TUTTE LE TIPOLOGIE DI FIGURA PROFESSIONALE PREVISTE NELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA, RELATIVAMENTE AL SISTEMA COMMERCIALE E AL SISTEMA SPORTELLERIA, REALIZZANO CONTESTUALMENTE L ACCESSO AL SISTEMA IN COERENZA CON I MECCANISMI DI INCENTIVAZIONE, MATURANO UN SUPERBONUS: IL DUP TUTTI GLI SCCR (APF/APF-F )* IL PROFESSIONAL COMMERCIALE * *ove presenti

18 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F BONUS 18 IMPORTI BONUS PER FASCIA CREDITI CONSEGUITI (PER INDIVIDUAZIONE FASCE VEDI SLIDE 15)

19 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 DUP, DUP POLO ZSM, PROF. COMMERCIALE, SCCR APF, SCCR APF-F SUPERBONUS 19

20 20 INCENTIVAZIONE RETAIL Sistema Sportelleria per: OSP, SPECIALISTA FRONT END, COLLABORATORE UP DOPPIO TURNO, REFERENTE OPERATION II PERIODO 1 aprile 30 giugno 2011

21 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION CARATTERISTICHE DEL SISTEMA 21 ACCESSO SVINCOLATO DA SOGLIE DI ACCESSO DEL DUP BONUS SPORTELLERIA RICONOSCIUTO A TUTTI GLI OSP, SPECIALISTA FRONT END, REFERENTE OPERATION, COLLABORATORE UP DT SE RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI PREVISTI SUL LORO SET PRODOTTI SPECIFICO (LIVELLI MINIMI DI VALORIZZAZIONE CREDITI E SOGLIA DI ACCESSO IN CREDITI - PER FIGURA PROFESSIONALE) SUPERBONUS MATURA PER GLI OSP, SPECIALISTA FRONT END, REFERENTE OPERATION, COLLABORATORE UP DT (nel rispetto del N massimo di risorse premia bili ) SE TUTTE LE TIPOLOGIE DI FIGURA PROFESSIONALE PREVISTE NELL UP, RELATIVAMENTE AL SISTEMA SPORTELLERIA E AL SISTEMA COMMERCIALE, REALIZZANO CONTESTUALMENTE L ACCESSO AL SISTEMA IN COERENZA CON I MECCANISMI DI INCENTIVAZIONE DESTINATO AI PIÙ MERITEVOLI (CON LIMITE DI OSP PREMIABILI IN RELAZIONE AL RUOLO MASTER/TURNO DEGLI UP) LA SCELTA DEGLI OSP PREMIATI (E DELLE ALTRE FIGURE) È DISCREZIONALE, A CURA DEL DUP IN CONDIVISIONE CON IL DF SET PRODOTTI RACCOLTA NETTA TOTALE RISPARMIO; CONTO BANCOPOSTA PIU (APERTURE NETTE) + CONTO IN PROPRIO (APERTURE NETTE); CORRIERE ESPRESSO + PACCHI (NAZ.LE+INT.LE) (RICAVI); RACCOMANDATA + RACCOMANDATA 1 (RICAVI); SIM POSTEMOBILE IL SET PRODOTTI È LO STESSO PER TUTTE LE FIGURE Per i perimetri di riferimento di alcuni prodotti vedi slide 22

22 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION Perimetri di riferimento PRODOTTI 22 CONTO BANCOPOSTA PIU (APERTURE NETTE): ai fini del calcolo delle aperture nette si considerano: le nuove aperture di Conto BancoPosta Più (comprese quelle generate da intestatari già correntisti, non provenienti da migrazioni) al netto dei Conti BancoPosta Più chiusi nel periodo i nuovi Conto BancoPosta più derivanti da migrazioni da Conto Bancoposta tradizionale CONTO IN PROPRIO (APERTURE NETTE): ai fini del calcolo delle aperture nette si considerano: le nuove aperture di Conto In Proprio (Web, Pos, Base e Condominio), comprese quelle generate da intestatari già correntisti, non provenienti da migrazioni i nuovi Conto In Proprio derivanti da migrazioni da Conto Impresa (Switch) le chiusure di Conto In Proprio, Conto Soho e Office CORRIERE ESPRESSO e PACCHI: nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA SIM POSTEMOBILE: Offerta Retail + Offerta Impresa

23 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION VALORIZZAZIONE DEI CREDITI BONUS SPORTELLERIA 23 % MINIME DI RAGG.TO BUDGET DI PERIODO 70% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET TETTI MASSIMI TETTO MASSIMO DI 200 CREDITI SOLO PER RACCOLTA NETTA TOTALE RISPARMIO POSSIBILITA DI BUCARE NON VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE PRODOTTI. SOGLIE DI ACCESSO OSP UP CORE NETWORK, SPECIALISTA FRONT END, CUP DT E REFERENTE OPERATION: 425 MECCANISMO MATURAZIONE BONUS SPORTELLERIA MATURANO IL BONUS SPORTELLERIA TUTTI GLI OSP, SPECIALISTA FRONT END, CUP DT E REFERENTE OPERATION CHE RAGGIUNGONO/SUPERANO LA SOGLIA DI ACCESSO SUL SET PRODOTTI; L IMPORTO DEL BONUS SPORTELLERIA SI DETERMINA IN RELAZIONE AI CREDITI CONSEGUITI SUL SET PRODOTTI IN BASE ALLE FASCE DI SEGUITO INDIVIDUATE

24 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION SUPERBONUS 24 All interno degli up in cui tutte le tipologie di figura professionale previste, nel Sistema Sportelleria e nel Sistema Commerciale, realizzano contestualmente l accesso al sistema in coerenza con i meccanismi di incentivazione, sarà cura del DUP, previa condivisione con il Direttore di Filiale e in coerenza con quanto specificato nelle regole accessorie, individuare gli OSP/Specialisti Front End/Collaboratore UP Doppio Turno destinatari del Superbonus * In coerenza con il dimensionamento organizzativo Negli UP Centrali, Relazione, Transito e Standard in cui tutte le tipologie di figura professionale previste realizzano contestualmente l accesso al sistema in coerenza con i meccanismi di incentivazione, sarà erogato il superbonus agli OSP che hanno contribuito in maniera significativa in termini di proattività commerciale con un limite massimo stabilito per ruolo, secondo la tabella sopra riportata Inoltre sarà erogato il superbonus agli Specialisti Front End (ove previste le figure professionali) che hanno contribuito in maniera significativa in termini di proattività commerciale in Sala al pubblico, indirizzando la clientela verso le figure di front end dedicate alla vendita dei prodotti/servizi previsti dal sistema di incentivazione e/o ai CUPDT che abbiano significativamente contribuito al raggiungimento degli obiettivi garantendo la piena funzionalità dell UP Negli UP di Relazione, Transito e Standard Doppio Turno le risorse vengono individuate dal DUP tra OSP e Collaboratore UP Doppio Turno

25 SISTEMA BASE II PERIODO 2011 OSP, SPECIALISTA FE, CUP DT, REFERENTE OPERATION IMPORTI BONUS e SUPERBONUS 25 IMPORTI BONUS SPORTELLERIA PER FASCIA CREDITI CONSEGUITI (PER INDIVIDUAZIONE FASCE VEDI SLIDE 23) * Si veda l approfondimento sui meccanismi di individuazione delle risorse che maturano il bonus (slide 24)

26 INCENTIVAZIONE IMPRESA UP RETAIL CON AREA IMPRESA II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

27 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 PREMESSA 27 IL II PERIODO DEL SISTEMA BASE IMPRESA 2011 HA DURATA TRIMESTRALE, DAL 1 APRILE AL 30 GIUGNO 2011 ED E ARTICOLATO COME SEGUE: SISTEMA COMMERCIALE, DEDICATO A: DUP SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO VENDITORE P.A.L.* VENDITORE IMPRESA* SISTEMA SPORTELLERIA, DEDICATO A: OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE I DUE SISTEMI SI INTEGRANO, PUR ESSENDO DISTINTI * solo ove previsto da dimensionamento organizzativo

28 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 INDICE 28 IL PRESENTE DOCUMENTO DESCRIVE IN SEZIONI SEPARATE IL SISTEMA COMMERCIALE E IL SISTEMA SPORTELLERIA", SECONDO LA SEGUENTE ARTICOLAZIONE: UFFICIO POSTALE DA A "SISTEMA COMMERCIALE SLIDE. 29 SLIDE. 38 SISTEMA SPORTELLERIA SLIDE. 39 SLIDE. 39 SLIDE. 42

29 29 INCENTIVAZIONE IMPRESA Sistema Commerciale per: DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

30 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO % MINIME DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET DI PERIODO 70% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET VALORIZZAZIONE DEI CREDITI 30 TETTI MASSIMI TETTO MASSIMO DI 150 CREDITI PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET POSSIBILITA' DI "BUCARE" AI DUP E SPECIALISTI DI SETTORE MERCEOLOGICO VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE AL MASSIMO TRE PRODOTTI. PER DUE PRODOTTI NON E POSSIBILE SCENDERE AL DI SOTTO DEL 50% DELL OBIETTIVO. PER IL TERZO PRODOTTO SI PUO SCENDERE ANCHE AL DI SOTTO DEL 50%. ES. SE SU UN PRODOTTO SI REALIZZA IL 51% DELL OBIETTIVO, SU UN SECONDO PRODOTTO IL 49% DELL OBIETTIVO E SU UN TERZO IL 20%, NON SI ACCEDE AL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE AI VENDITORI IMPRESA E VENDITORI P.A.L. VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE DUE PRODOTTI. PER UN PRODOTTO NON E POSSIBILE SCENDERE AL DI SOTTO DEL 50% DELL OBIETTIVO. PER L ALTRO PRODOTTO SI PUO SCENDERE ANCHE AL DI SOTTO DEL 50%.

31 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 31 SUPERBONUS SE TUTTE LE TIPOLOGIE DI FIGURA PROFESSIONALE PREVISTE NELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA, RELATIVAMENTE AL SISTEMA COMMERCIALE E AL SISTEMA SPORTELLERIA, REALIZZANO CONTESTUALMENTE L ACCESSO AL SISTEMA, IN COERENZA CON I MECCANISMI DI INCENTIVAZIONE, MATURANO UN SUPERBONUS: I DUP I VENDITORI P.A.L.* I VENDITORI IMPRESA* GLI SPECIALISTI DI SETTORE MERCEOLOGICO * ove presenti

32 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO PRODOTTI 32 * Comprende Postatarget, Mass mail internazionale, Posta non indirizzata ** Nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA *** Offerta per Partite Iva, clientela Impresa, P.A.L. e Retail N.B. Ai fini del calcolo delle aperture nette di Conti Impresa si conteggiano anche le chiusure di Conti Office e Soho

33 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 33 PRODOTTI E SOGLIE DI ACCESSO * Comprende Postatarget, Mass mail internazionale, Posta non indirizzata ** Nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA *** Offerta per Partite Iva, clientela Impresa, P.A.L. e Retail N.B. Ai fini del calcolo delle aperture nette di Conti Impresa si conteggiano anche le chiusure di Conti Office e Soho

34 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 34 MECCANISMO MATURAZIONE BONUS IL BONUS PER CIASCUNA FIGURA PROFESSIONALE MATURA AL RAGGIUNGIMENTO/SUPERAMENTO DELLA SOGLIA DI ACCESSO SUL SET PRODOTTI (IN COERENZA CON I MECCANISMI DI CUI ALLA SLIDE 30) L IMPORTO DEL BONUS SI DETERMINA IN RELAZIONE AI CREDITI CONSEGUITI SUL SET PRODOTTI IN BASE ALLE FASCE DI SEGUITO INDIVIDUATE: * solo ove previsto da dimensionamento organizzativo PER IMPORTI BONUS PER FASCIA DI CREDITI CONSEGUITI VEDI SLIDE 37

35 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 35 ESEMPI MATURAZIONE BONUS 1) L UP Retail con Area Impresa X consegue 920 crediti sul set prodotti; il DUP e gli Specialisti Settore Merceologico maturano un bonus corrispondente alla fascia 2 (>=900 crediti e < 990 crediti) 2) L UP Retail con Area Impresa Y consegue 800 crediti sul set prodotti; il DUP e gli Specialisti Settore Merceologico maturano un bonus corrispondente alla fascia 1 (>=765 crediti e < 900 crediti), pur bucando due prodotti. Esempio: 3) L UP Retail con Area Impresa Z consegue 610 crediti sul set prodotti Venditore Impresa; ciascun Venditore Impresa matura un bonus corrispondente alla fascia 2 (>=600 crediti e < 660 crediti)

36 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 36 PERIMETRI CONSUNTIVI E OBIETTIVI PER I DUP CI SI RIFERISCE PER CIASCUN PRODOTTO ALL OBIETTIVO TOTALE DELL UP (COMPRENDENTE ANCHE CLIENTI ALTO SPENDENTI NON ASSEGNATI AI VENDITORI) PER I VENDITORI P.A.L. E VENDITORI IMPRESA CI SI RIFERISCE ALL OBIETTIVO TOTALE DEI CLIENTI IN PORTAFOGLIO ASSEGNATO A CIASCUN VENDITORE PER GLI SPECIALISTI SETTORE MERCEOLOGICO CI SI RIFERISCE PER CIASCUN PRODOTTO ALL OBIETTIVO TOTALE DELL UP AL NETTO DEI PORTAFOGLI P.A.L. E IMPRESA ASSEGNATI E NON ASSEGNATI AI VENDITORI P.A.L. E VENDITORI IMPRESA * OVE PRESENTI

37 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 37 BONUS

38 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 DUP, VENDITORE P.A.L., VENDITORE IMPRESA, SPECIALISTA SETTORE MERCEOLOGICO 38 SUPERBONUS

39 39 INCENTIVAZIONE IMPRESA Sistema Sportelleria per: OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE II periodo 1 aprile 30 giugno 2011

40 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE CARATTERISTICHE DEL SISTEMA 40 ACCESSO SVINCOLATO DA SOGLIE DI ACCESSO DEL DUP BONUS SPORTELLERIA SUPERBONUS SET PRODOTTI RICONOSCIUTO A TUTTI GLI OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE SE RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI PREVISTI SUL LORO SET PRODOTTI SPECIFICO (LIVELLI MINIMI DI VALORIZZAZIONE CREDITI E SOGLIA DI ACCESSO IN CREDITI) MATURA SE TUTTE LE TIPOLOGIE DI FIGURA PROFESSIONALE PREVISTE NELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA, RELATIVAMENTE AL SISTEMA SPORTELLERIA E AL SISTEMA COMMERCIALE, REALIZZANO CONTESTUALMENTE L ACCESSO AL SISTEMA IN COERENZA CON I MECCANISMI DI INCENTIVAZIONE (VEDI SLIDE 31) DESTINATO A TUTTI GLI OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE COMUNICAZIONE COMMERCIALE*; RACCOMANDATA + RACCOMANDATA1; POSTA EASY (FULL E BASIC); CORRIERE ESPRESSO + PACCHI (NAZ.LE+INT.LE)**; SIM POSTEMOBILE*** PERIMETRO CONSUNTIVI ED OBIETTIVI PER GLI OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE CI SI RIFERISCE PER CIASCUN PRODOTTO ALL OBIETTIVO TOTALE DELL UP RETAIL CON AREA IMPRESA (COMPRENDENTE ANCHE CLIENTI ALTO SPENDENTI NON ASSEGNATI AI VENDITORI) * Comprende Postatarget, Mass mail internazionale, Posta non indirizzata ** Nel consuntivo Corriere Espresso + Pacchi (naz.le+int.le) vengono conteggiati anche i ricavi di Home Box. Per il Corriere Espresso sia i consuntivi sia gli obiettivi sono al netto IVA *** Offerta per Partite Iva, clientela Impresa, P.A.L. e Retail

41 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE VALORIZZAZIONE DEI CREDITI BONUS SPORTELLERIA 41 % MINIME DI RAGGIUNGIMENTO BUDGET DI PERIODO 70% DEL BUDGET PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET TETTI MASSIMI TETTO MASSIMO DI 150 CREDITI PER TUTTI I PRODOTTI DEL SET POSSIBILITA DI BUCARE NON VIENE CONCESSA LA FACOLTA DI BUCARE PRODOTTI SOGLIA DI ACCESSO PARI A 425 MECCANISMO MATURAZIONE BONUS SPORTELLERIA MATURANO IL BONUS SPORTELLERIA TUTTI GLI OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE CHE RAGGIUNGONO/SUPERANO LA SOGLIA DI ACCESSO SUL SET PRODOTTI. L IMPORTO DEL BONUS SPORTELLERIA SI DETERMINA IN RELAZIONE AI CREDITI CONSEGUITI SUL SET PRODOTTI IN BASE ALLE FASCE DI SEGUITO INDIVIDUATE : -FASCIA 1: >= 425 e < 500 -FASCIA 2: >= 500 e < 550 -FASCIA 3: >= 550

42 SISTEMA BASE IMPRESA II PERIODO 2011 OPERATORI SPORTELLO POSTE IMPRESE IMPORTI BONUS E SUPERBONUS 42 IMPORTI BONUS SPORTELLERIA PER FASCIA CREDITI CONSEGUITI (PER INDIVIDUAZIONE FASCE VEDI SLIDE 41)

43 SISTEMA BASE UP RETAIL CON AREA IMPRESA II PERIODO 2011 (1 APRILE-30 GIUGNO) REGOLE ACCESSORIE

44 Regole accessorie 1) Partecipa all iniziativa commerciale Sistema Base up Retail con area impresa II periodo il personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e applicato, nell ambito dell unità di appartenenza, sui ruoli coinvolti nel presente sistema di incentivazione; 2) Il tempo minimo di applicazione, nell ambito dell unità di appartenenza, necessario per la maturazione del bonus è pari alla metà del periodo di riferimento; 3) Gli operatori sportello poste imprese degli UP Impresa e degli UP con area Impresa che potranno accedere ai bonus previsti per l iniziativa commerciale Sistema Base up Retail con area impresa II periodo saranno individuati esclusivamente in base all effettiva e prevalente applicazione in attività di sportelleria. In particolare saranno considerati solo coloro ai quali è stata pagata, nel periodo di riferimento, l indennità di cassa per un periodo superiore al 50% dei gg. di presenza nell UP premiato I giorni di ferie eventualmente fruiti nel periodo saranno considerati gg. di effettiva applicazione allo sportello. 4) Ai fini della determinazione del bonus individuale i giorni di ferie vengono considerati come giornate di effettivo servizio. 5) Nelle Zone di Servizio Minori, ai fini della determinazione del bonus individuale, le giornate di attività lavorativa svolta all interno della ZSM (presso gli UP Satellite o presso l UP Polo) vengono considerate come giornate di effettivo servizio.

45 Regole accessorie 6) Fermo restando i tempi minimi di applicazione nell ambito dell unità di appartenenza: - l importo del bonus da riconoscere è determinato in base al periodo di presenza/permanenza nella figura professionale incentivata; - in caso di cambiamento di figura professionale l importo del bonus è determinato pro-quota in base ai periodi di presenza/permanenza nelle singole figure oggetto di incentivazione - in caso di trasferimento l importo del bonus è determinato pro-quota in base al periodo di presenza/permanenza nelle singole unità organizzative. 7) Il personale part-time accede ai meccanismi di incentivazione in proporzione alla durata della prestazione. 8) I DUP che accederanno al sistema in coerenza con il meccanismo di incentivazione, saranno esclusi dall erogazione dei bonus nei seguenti casi di esito delle ATTIVITA DI AUDIT CHIUSI: Audit di compliance con grading insufficiente e non adeguato Follow up con grading insufficiente e non adeguato L esclusione dall erogazione del bonus può avvenire una sola volta nel corso dell anno per ogni Audit o Follow up

46 Regole accessorie 9) Fermo restando ogni altra condizione, il pagamento del bonus relativo al Sistema Base up Retail con area impresa II periodo avverrà nel corso del ) Il bonus che sarà erogato al lordo degli oneri previsti dalla Legge è riservato alle risorse che risultano in servizio alla fine del periodo (in servizio fino al 30 giugno) 11) I bonus previsti dall iniziativa vengono determinati in funzione dei risultati raggiunti ad incremento della produttività del lavoro. 12) I bonus previsti per il Sistema Base up Retail con area impresa II periodo costituiscono una integrazione straordinaria, di natura variabile, del trattamento economico ed assorbono e superano quanto eventualmente definito in precedenza relativamente alla quota variabile della retribuzione correlata al conseguimento di risultati e/o positive performance.

47 Regole accessorie 13) La partecipazione al Sistema Base up Retail con area impresa II periodo non comporta il sorgere di alcun diritto ad analoghe erogazioni future, anche a fronte di andamenti positivi dei medesimi indicatori considerati nell ambito del presente Sistema, e non costituisce condizione per la partecipazione, negli anni a venire, ad analoghe iniziative che Poste Italiane si riserva di confermare, modificare o non prevedere 14) E escluso dall attribuzione del bonus eventualmente maturato nel periodo di riferimento, il personale che, nello stesso arco di tempo, abbia tenuto comportamenti professionali non coerenti con il codice etico e il codice disciplinare di Poste Italiane e sia stato conseguentemente destinatario di procedimento disciplinare che abbia comportato l applicazione di un provvedimento disciplinare più grave della multa. L erogazione del bonus sarà quindi sospesa fino alla definizione dell eventuale intervento disciplinare. 15) Durante il periodo di validità dell iniziativa, le presenti condizioni potranno essere soggette ad integrazioni, variazioni e/o proroghe in relazione a diversi scenari organizzativi e/o di mercato che si manifesteranno nel corso dell incentivazione in oggetto. In ogni caso le eventuali modifiche non inficeranno gli obiettivi eventualmente già raggiunti dai partecipanti. 16) Della presente iniziativa viene data informativa alle OO.SS. ai sensi dell articolo 5, lettera A, punto C del CCNL.

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE RETAIL II periodo 1 aprile 30 giugno 2011 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI BONUS

Dettagli

INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE INCENTIVAZIONE RETAIL MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Il Comportamento Etico Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti, a tutti i livelli aziendali, devono essere

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti,

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009. Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009. Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Mercato Privati Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti

Dettagli

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (3 MAGGIO - 31 AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE 14 maggio 2010 CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 3 MAGGIO 2010 31 AGOSTO 2010 FINALITA :FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO BANCOPOSTA PIU

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO BANCOPOSTA PIU CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO BANCOPOSTA PIU (2 MAGGIO 30 GIUGNO 2011) Livello UP MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTI CONTO BANCOPOSTA PIU PERIODO: 2 MAGGIO 30 GIUGNO 2011

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Mercato Privati 2 SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE 1. SCHEMA GENERALE 2. ARTICOLAZIONE 1 QUADRIMESTRE

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO IN PROPRIO

CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO IN PROPRIO CAMPAGNA COMMERCIALE CONTO IN PROPRIO (22 maggio 30 giugno 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTO: CONTO IN PROPRIO PERIODO: 2 MAGGIO 30 GIUGNO 2011 UP COINVOLTI: FIGURE COINVOLTE LIVELLO

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU (1 FEBBRAIO - 31 MARZO) estensione del periodo campagna al 30 aprile MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA CONTO BANCOPOSTA PIU 2 DURATA: 1 FEBBRAIO 2010 31 MARZO 2010

Dettagli

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE 1 INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE (1 31 MARZO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTI: SIM POSTEMOBILE PERIODO: 1 31 MARZO 2011 UP COINVOLTI: TUTTI GLI ABILITATI FIGURE COINVOLTE

Dettagli

(LUGLIO AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

(LUGLIO AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA COMMERCIALE TRASFERIMENTO FONDI (LUGLIO AGOSTO) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTI TRASFERIMENTO FONDI E COSTITUITO DALLA SOMMATORIA DI VAGLIA POSTALE,VAGLIA ON

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE HOME BOX

CAMPAGNA COMMERCIALE HOME BOX CAMPAGNA COMMERCIALE HOME BOX (2 maggio 30 giugno 2011) PREMESSA 2 L INIZIATIVA SI ARTICOLA COME SEGUE: MECCANISMO SU NUMERO CONTRATTI MECCANISMO SUI RICAVI PRODOTTO: HOME BOX PERIODO: 2 MAGGIO 30 GIUGNO

Dettagli

Iniziativa commerciale PosteMobile

Iniziativa commerciale PosteMobile 1 Iniziativa commerciale PosteMobile 2 febbraio 30 aprile MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Caratteristiche dell iniziativa : 2 Prodotti interessati : attivazioni di SIM PosteMobile, richieste di Mobile

Dettagli

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 REGOLAMENTO 2 è legato ai risultati di tutto l anno sul budget complessivo e su un set di prodotti strategici che generano ricavi significativi e rappresentano una quota

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI FINANZIAMENTO

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI FINANZIAMENTO CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI FINANZIAMENTO (1 MARZO 16 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTO: FINANZIAMENTO (PRESTITI PERSONALI + PRONTISSIMO + CESSIONE DEL QUINTO + MUTUI)

Dettagli

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE

INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE 1 INIZIATIVA COMMERCIALE SIM POSTEMOBILE (1 31 MARZO 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PRODOTTI: SIM POSTEMOBILE PERIODO: 1 31 MARZO 2011 UP COINVOLTI: FIGURE COINVOLTE LIVELLO : RESPONSABILE

Dettagli

Iniziativa commerciale Posta Previdenza Valore, PostaPersona e PostaCasa 2 febbraio 31 maggio

Iniziativa commerciale Posta Previdenza Valore, PostaPersona e PostaCasa 2 febbraio 31 maggio 1 Iniziativa commerciale Posta Previdenza Valore, PostaPersona e PostaCasa 2 febbraio 31 maggio MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Caratteristiche dell iniziativa : 2 Prodotti interessati : Posta Previdenza

Dettagli

Iniziativa commerciale Conti Correnti Retail e Servizi Accessori

Iniziativa commerciale Conti Correnti Retail e Servizi Accessori 1 Iniziativa commerciale Conti Correnti Retail e Servizi Accessori 15 gennaio 30 aprile MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE Caratteristiche dell iniziativa : 2 Prodotti interessati: Conti Correnti Retail (

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane

CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) Posteitaliane CAMPAGNA COMMERCIALE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI (1 LUGLIO 30 SETTEMBRE) PREMESSA PRODOTTI: POLIZZE POSTA PREVIDENZA VALORE e POLIZZE DANNI LE POLIZZE DANNI SONO COSTITUITE DA: Postapersona

Dettagli

CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE (compreso Home Box) + PACCOCELERE INTERNAZIONALE+ EMS/QPE+ PACCOCELERE IMPRESA (Nazionale) + RACCOMANDATA 1 BUSINESS (1 APRILE 31 MAGGIO 2011)

Dettagli

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI BANCOPOSTA. Integrazione. 2 maggio 31 luglio 2008. Chief Network & Sales Office

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI BANCOPOSTA. Integrazione. 2 maggio 31 luglio 2008. Chief Network & Sales Office CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI BANCOPOSTA 2 maggio 31 luglio 2008 Integrazione Campagna di prodotto Prestiti: Professional Commerciale 2 Nei 171 UP con l Area prodotti finanziari - Finanziamenti in cui è presente

Dettagli

(1 FEBBRAIO 30 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

(1 FEBBRAIO 30 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE INCENTIVAZIONE INBOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (1 FEBBRAIO 30 APRILE 2011) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 PRODOTTI SIM POSTEMOBILE CON ATTIVAZIONE DI OPZIONI TARIFFARIE

Dettagli

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI 2 maggio 31 luglio 2008. chief network & sales office

CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI 2 maggio 31 luglio 2008. chief network & sales office CAMPAGNA PRESTITI e MUTUI 2 maggio 31 luglio 2008 Campagna di prodotto Prestiti e Mutui : caratteristiche 2 Prodotti in campagna: Prestiti e Mutui BancoPosta Periodo di campagna: 2 maggio 31 luglio 2008

Dettagli

INCENTIVAZIONE IN BOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (2 MAGGIO 30 LUGLIO 2011) Posteitaliane

INCENTIVAZIONE IN BOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (2 MAGGIO 30 LUGLIO 2011) Posteitaliane INCENTIVAZIONE IN BOUND CONTACT CENTER PER POSTEMOBILE (2 MAGGIO 30 LUGLIO 2011) PREMESSA 2 L INIZIATIVA SI ARTICOLA COME SEGUE: MECCANISMO DI BASE MECCANISMO DI TEAM FIGURE COINVOLTE PER ENTRAMBI I MECCANISMI

Dettagli

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 integrazioni 2 Integrazioni Sistema di Incentivazione Base 2008 AMBITO UFFICI POSTALI AMBITO FILIALE 3 SCCR UP CENTRALI, RELAZIONE, TRANSITO E STANDARD CON L AREAPRODOTTIFINANZIARI

Dettagli

Gara di Vendita 3 ottobre 31 dicembre 2007. CNS - Commerciale Retail

Gara di Vendita 3 ottobre 31 dicembre 2007. CNS - Commerciale Retail Gara di Vendita 3 ottobre 31 dicembre 2007 CNS - Commerciale Retail 2 Iniziative di fine anno Gara di vendita UP Country Filiale Gare di canale PosteBusiness: UPPTB & Team SSPMI PosteShop: SIS & Sale Consulenza

Dettagli

Campionato PosteMobile

Campionato PosteMobile Campionato PosteMobile REGOLAMENTO 2 Il processo di vendita è un processo delicato soprattutto quando vendiamo prodotti finanziari Etica di vendita Proporre sempre i prodotti più adatti alle esigenze specifiche

Dettagli

Modalità e Condizioni Operative

Modalità e Condizioni Operative Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendita Grandi Clienti Task Force Direct Marketing Poste Commerce Posta Internazionale Modalità e Condizioni Operative 1 luglio - 31 ottobre 2010 2 In relazione

Dettagli

Modalità e Condizioni Operative

Modalità e Condizioni Operative PosteMobile Yes, I phone! Modalità e Condizioni Operative 1 ottobre - 31 dicembre 2009 Risorse Umane e Organizzazione - Clienti Affari - Mercato Privati Poste Mobile Yes, I phone! Caratteristiche generali

Dettagli

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNA COMMERCIALE PRODOTTI POSTA PREVIDENZA VALORE POLIZZE DANNI CPI (1 MARZO 30 APRILE) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Mercato Privati PREMESSA 2 SINGOLA CAMPAGNA COMMERCIALE PER: POSTA PREVIDENZA

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE. Posteitaliane INCENTIVAZIONE IMPRESA IV PERIODO (1 ottobre 31 dicembre) MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 A PARTIRE DA QUESTO PERIODO IL SISTEMA BASE PREVEDE UN "NUOVO MODELLO" DI INCENTIVAZIONE DEDICATO AGLI

Dettagli

Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori

Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Incontro con OO.SS. 5 Febbraio 2010 1 Principali linee guida Il Sistema di Incentivazione 2010 ha lo scopo di

Dettagli

Campagna Commerciale. Conto Bancoposta. DR Commerciale Retail -1 - Roma 06 Aprile 2006. -Versione 1.5 26.03.04

Campagna Commerciale. Conto Bancoposta. DR Commerciale Retail -1 - Roma 06 Aprile 2006. -Versione 1.5 26.03.04 Campagna Commerciale Conto Bancoposta 1-1 - Kit 1 da Commerciale Retail a Country Manager, Direttori di Filiale e Responsabili Commerciali Retail da CM e RCR a Consulenti commerciali Transazionali 2-2

Dettagli

ALL. 4 Produzione/Staff

ALL. 4 Produzione/Staff FUNZIONE 1 livello FUNZIONE 2 livello STRUTTURA 3 livello STRUTTURA 4 livello Figura p. AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO REVISIONE INTERNA RISK MANAGEMENT COMPLIANCE PRIVATI E IMPRESE BANCOPOSTA MSP AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Venditori Pacchi. Dalla sperimentazione alla nuova figura professionale. 23 febbraio 2012. Mercato Privati/RU/Organizzazione Operativa

Venditori Pacchi. Dalla sperimentazione alla nuova figura professionale. 23 febbraio 2012. Mercato Privati/RU/Organizzazione Operativa 1 Venditori Pacchi Dalla sperimentazione alla nuova figura professionale 23 febbraio 2012 Agenda 2 I Premessa: razionali dell evoluzione da task-force a nuova figura professionale II Venditori Pacchi:

Dettagli

CHIEF NETWORK & SALES OFFICE LINEE EVOLUTIVE ORGANIZZAZIONE UFFICIO POSTALE

CHIEF NETWORK & SALES OFFICE LINEE EVOLUTIVE ORGANIZZAZIONE UFFICIO POSTALE CHIEF NETWORK & SALES OFFICE LINEE EVOLUTIVE ORGANIZZAZIONE UFFICIO POSTALE Roma, 19 febbraio 2007 1 Contenuti del documento 1. Linee di contesto 2. Ipotesi organizzative e focus sperimentazione 3. Prossimi

Dettagli

Portalettere Articolazione Servizi Innovativi

Portalettere Articolazione Servizi Innovativi Portalettere Articolazione Servizi Innovativi - Incentivazione Commerciale 2011 - aprile 2011 Sistema incentivante: fasi di avvio e destinatari 1 Durata: dal 2 novembre al 31 dicembre 2010 Tutti i portalettere

Dettagli

Rafforzare la capacità di presidio del mercato:

Rafforzare la capacità di presidio del mercato: 1 Rafforzare la capacità di presidio del mercato: Evoluzione del modello organizzativo territoriale ed ottimizzazione attività di supporto Novembre 2011 Obiettivi del documento 2 L evoluzione del business

Dettagli

UFFICIO POSTALE Evoluzione modalità canali di offerta. Nuova figura professionale

UFFICIO POSTALE Evoluzione modalità canali di offerta. Nuova figura professionale UFFICIO POSTALE Evoluzione modalità canali di offerta Nuova figura professionale 1 agosto 2008 Indice del documento 2 Linee di contesto, principali razionali Ipotesi Organizzative Linee di contesto 3 Come

Dettagli

3.927 1.905 2.526 2.468

3.927 1.905 2.526 2.468 Trasferimenti Volontari Individuali DOMANDE 2010 3.927 CAUSALI ASSENZA DEI REQUISITI N accessi alla Procedura >20 gg. di malattia 969 1.905

Dettagli

Progetto Semplificazione Rete avanzamento attività propedeutiche alla sperimentazione

Progetto Semplificazione Rete avanzamento attività propedeutiche alla sperimentazione Consegnato OO.SS. 19 settembre 2013 Progetto Semplificazione Rete avanzamento attività propedeutiche alla sperimentazione Settembre 2013 Avanzamento attività 2 Inviato al territorio il modello di sportelleria

Dettagli

- Metodologia tecnica -

- Metodologia tecnica - LINEE EVOLUTIVE UFFICI POSTALI E CRITERI DI ALLOCAZIONE DEL PERSONALE - Metodologia tecnica - 21 Febbraio 2008 Contenuti del documento 1. Ambito di applicazione del nuovo modello 2. Caratteristiche e descrizione

Dettagli

IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI

IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI 22 gennaio 2004 Posteitaliane 1 LINEE DI CONTESTO Negli anni passati è stato fatto un vigoroso sforzo per arricchire e diversificare

Dettagli

Sindacato Nazionale Quadri delle Poste Italiane S.p.A. Via Cesare Balbo 35 00184 ROMA - Tel/Fax 06/4820307 e-mail: sindip_quadri@hotmail.

Sindacato Nazionale Quadri delle Poste Italiane S.p.A. Via Cesare Balbo 35 00184 ROMA - Tel/Fax 06/4820307 e-mail: sindip_quadri@hotmail. SINDIP QUADRI Sindacato Nazionale Quadri delle Poste Italiane S.p.A. Via Cesare Balbo 35 00184 ROMA - Tel/Fax 06/4820307 e-mail: sindip_quadri@hotmail.com Poste Italiane ha comunicato che con riferimento

Dettagli

Ente Bilaterale per la Formazione e la Riqualificazione Professionale

Ente Bilaterale per la Formazione e la Riqualificazione Professionale 1 Ente Bilaterale per la Formazione e la Riqualificazione Professionale Incontro del 11 gennaio 2010 RUO FCRSI Formazione Indice dei progetti 2 La gestione economica dei progetti di miglioramento Formazione

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA N.472

COMUNICAZIONE INTERNA N.472 Data Validità Inizio 21/10/2013 Fine Data Pubblicazione 18/10/2013 Argomento Funzione Emittente Percorso DMS PosteMobile: Novità Release X10 Mercato Privati Gestione Operativa Processi Finanziari ALTRI

Dettagli

COMUNE DI TRIVIGNO PROVINCIA DI POTENZA

COMUNE DI TRIVIGNO PROVINCIA DI POTENZA COMUNE DI TRIVIGNO PROVINCIA DI POTENZA NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE NON DESTINATARIO DI P.O. - Capo I - Principi e Criteri generali Art. 1 Campo di applicazione 1. Il presente

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA

Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA Libero / Falcri Fiba Cisl Fisac Cgil Uilca Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA PREMESSA La struttura del Gruppo è costituita da una Capogruppo,

Dettagli

Oggetto: Commerciale Privati fine tuning modello Organizzativo AT e Filiale

Oggetto: Commerciale Privati fine tuning modello Organizzativo AT e Filiale Risorse Umane e Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL poste FAILP-CISAL CONFSAL Com.ni UGL Com.ni Roma, 3 luglio 2013 Oggetto: Commerciale Privati

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Il Profilo del Gruppo Poste Italiane Il Gruppo Poste Italiane è una

Dettagli

CONTO ORE INDIVIDUALE OPERATORE DI SPORTELLO. Redatto da:ruo/ri/ Normativa del Lavoro Approvata da: RUO/RI Distribuita da RUO/RI

CONTO ORE INDIVIDUALE OPERATORE DI SPORTELLO. Redatto da:ruo/ri/ Normativa del Lavoro Approvata da: RUO/RI Distribuita da RUO/RI CONTO ORE INDIVIDUALE OPERATORE DI SPORTELLO Redatto da:ruo/ri/ Normativa del Lavoro Approvata da: RUO/RI Distribuita da RUO/RI In vigore da Gennaio 2012 Premessa Per gli operatori di sportello è stata

Dettagli

ALLEGATI Gianluca Spolverato Paolo Tormen

ALLEGATI Gianluca Spolverato Paolo Tormen ALLEGATI Gianluca Spolverato Paolo Tormen CONTRATTO DI PRODUTTIVITÀ E FLESSIBILITÀ le nuove regole sulla detassazione e decontribuzione ESEMPIO 1. AZIENDA GDO DETASSAZIONE IN BASE A INDICI DI PRODUTTIVITÀ

Dettagli

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 -

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 - La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento - Roma, 12 novembre 2010 - 2 Agenda Attività di Bancoposta Compliance in Bancoposta L applicazione ai servizi di investimento

Dettagli

L evoluzione del Canale PMI

L evoluzione del Canale PMI Ente Bilaterale 15 maggio 2007 L evoluzione del Canale PMI Programma formativo per Responsabili Sviluppo PMI Specialisti Sviluppo PMI Premessa A seguito del cambiamento organizzativo che ha interessato

Dettagli

Il mercato nazionale, con le sue dinamiche, continua ad offrire alle aziende innumerevoli possibilità di espansione e di sviluppo.

Il mercato nazionale, con le sue dinamiche, continua ad offrire alle aziende innumerevoli possibilità di espansione e di sviluppo. Il mercato nazionale, con le sue dinamiche, continua ad offrire alle aziende innumerevoli possibilità di espansione e di sviluppo. Ad esempio, il settore specifico Business to Consumer, trainato in gran

Dettagli

MERCATO PRIVATI. Filiale Operazioni. 10 marzo 2010

MERCATO PRIVATI. Filiale Operazioni. 10 marzo 2010 MERCATO PRIVATI Filiale Operazioni 10 marzo 2010 Evoluzioni Organizzative Superamento delle 95 Casse Provinciali e confluenza attività vs il Servizio Sportelli Movimento Fondi (settembre 2003) Riorganizzazione

Dettagli

Relazione all Assemblea dei Soci del 28 ottobre 2011 sulle. Politiche di remunerazione del personale

Relazione all Assemblea dei Soci del 28 ottobre 2011 sulle. Politiche di remunerazione del personale Signori Azionisti, Relazione all Assemblea dei Soci del 28 ottobre 2011 sulle Vi abbiamo convocato per: Politiche di remunerazione del personale A) riferirvi sull applicazione delle politiche di remunerazione

Dettagli

Guida al PREMIO VARIABILE di RISULTATO 2015

Guida al PREMIO VARIABILE di RISULTATO 2015 Guida al PREMIO VARIABILE di RISULTATO 2015 A cura del CENTRO STUDI Dipartimento Analisi STATISTICO FINANZIARIE Don Rutii da Sulmona Libero SINFUB Edizione ottobre 2015 INDICE PREMIO VARIABILE DI RISULTATO

Dettagli

Relazione sulla remunerazione all Assemblea dei Soci del 28 ottobre 2013

Relazione sulla remunerazione all Assemblea dei Soci del 28 ottobre 2013 Relazione sulla remunerazione all Assemblea dei Soci del 28 ottobre 2013 Signori Azionisti, Vi abbiamo convocato per: A) riferirvi sull applicazione delle Politiche di remunerazione nell concluso al 30

Dettagli

Tavola 15 Sistemi e prassi di remunerazione e incentivazione

Tavola 15 Sistemi e prassi di remunerazione e incentivazione Tavola 15 Sistemi e prassi di remunerazione e incentivazione Informativa qualitativa Premessa Nel corso dell esercizio gli organi sociali di Mediobanca hanno continuato a dedicare particolare attenzione

Dettagli

Voucher CooperAttive!

Voucher CooperAttive! bando Voucher CooperAttive! per l acquisto di servizi di assistenza destinati allo sviluppo delle società cooperative Sviluppo Aziendale Check-up Economico Finanziario Riorganizzazione Responsabilita Sociale

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali www.bollettinoadapt.it, 16 aprile 2013 Tavola di confronto delle piattaforme sindacali a cura di Sabrina Chiarelli, Cecilia Porro, Giulia Rosolen Argomenti FeLSA Cisl NIdiL Cgil UILTem.p@ Le premesse Diritti

Dettagli

Osservatorio conti correnti aprile 2007: confronto costi e indici

Osservatorio conti correnti aprile 2007: confronto costi e indici Osservatorio conti correnti aprile 2007: confronto costi e indici CONTI STIPENDIO / BASE CONTI INTERNET LIBRETTI A RISPARMIO Grad. Banca / conto 2 4 6 7 8 9 0 2 - Cassa Rurale di Brunico Modulo famiglia

Dettagli

Portalettere Articolazione Servizi Innovativi. Incontro con le OO.SS

Portalettere Articolazione Servizi Innovativi. Incontro con le OO.SS Portalettere Articolazione Servizi Innovativi - Incentivazione Commerciale - Incontro con le OO.SS 19 ottobre 2010 L accordo sindacale 1 I passi più significativi del recente Accordo tra le Parti del 27

Dettagli

Nuovo Modello di Servizio Retail

Nuovo Modello di Servizio Retail Nuovo Modello di Servizio Retail Avvio sperimentazione 25 febbraio 2015 I principali bisogni del cliente, visti in funzione dell età e del macro segmento di appartenenza Bisogno di sicurezza che confluisce

Dettagli

Piano di sviluppo 2003-2005 Piano di Sviluppo 2003-2005

Piano di sviluppo 2003-2005 Piano di Sviluppo 2003-2005 Piano di Sviluppo 2003-2005 Incontro A.D. con OO. SS. 8 aprile 2003 CONTENUTI DEL DOCUMENTO Piano di sviluppo 2003-2005 - A. Impostazione Strategica - B. Conto economico A.1 Principali obiettivi B.1 Ricavi

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Dott. Michele Crippa Docente e Consulente di controllo di gestione economico/finanziaria della farmacia L evoluzione Decreto STORACE:

Dettagli

Le politiche retributive in azienda : offering e case histories

Le politiche retributive in azienda : offering e case histories Le politiche retributive in azienda : offering e case histories Bologna, 22 giugno 2011 Indice Contesto di riferimento Definizione di Sistema Incentivante La soluzione proposta Analisi esterna Progettazione

Dettagli

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014 Progetto Multicanalità Integrata Contact Unit Milano, 17 luglio 2014 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile creazione e distribuzione di valore Aumento della

Dettagli

Wind Business Benchmark. Ottobre 2012

Wind Business Benchmark. Ottobre 2012 Wind Business Benchmark Ottobre 2012 Rilevazioni effettuate sui siti degli operatori il 05/10/2012 Tutti i vantaggi di One Mobile Ricaricabile! pag. 2 Il portafoglio Wind Business Ottobre! XS S M L XL

Dettagli

Evoluzione Rete Commerciale

Evoluzione Rete Commerciale Evoluzione Rete Commerciale 2014 Razionali d Intervento 2 Vision L evoluzione del mercato richiede un modello di un Ufficio Postale sempre più moderno e dinamico, che da una parte sappia essere accogliente,

Dettagli

L automazione dei servizi in Poste Italiane. Roma, aprile 07

L automazione dei servizi in Poste Italiane. Roma, aprile 07 L automazione dei servizi in Poste Italiane Roma, aprile 07 L automazione è diffusa tra i principali player dei servizi finanziari e postali Posizionamento iniziative di automazione Banche e Poste Estere

Dettagli

CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO

CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO ALLEGATO B CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Convenzione GRUPPO D ACQUISTO FOTOVOLTAICO con istituti di credito (per la diffusione di impianti fotovoltaici incentivati in Conto Energia DM 19.02.2007)

Dettagli

Accordo Quadro 30/09/2014

Accordo Quadro 30/09/2014 Accordo Quadro 30/09/2014 Nella tarda serata del 30/09/2014 è stata raggiunta un ipotesi di Accordo tra le OO.SS. e l Azienda in relazione alle ricadute sul Personale del Gruppo derivanti dall applicazione

Dettagli

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Settore Risorse Umane e strumentali Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Accordo provvisorio: AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI E DEGLI INCARICATI

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

Inquadramenti e percorsi professionali. Inquadramenti e Percorsi professionali

Inquadramenti e percorsi professionali. Inquadramenti e Percorsi professionali Inquadramenti e Percorsi professionali 1 Indice La normativa su inquadramenti e percorsi professionali pag. 3 Schemi riepilogativi pag. 5 Le disposizioni per i percorsi professionali in essere pag. 8 La

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

Ipotesi di Accordo. Addì 15 maggio 2008, in Roma tra la Telecom Italia S.p.A. e UGL Telecomunicazioni nazionale e territoriali.

Ipotesi di Accordo. Addì 15 maggio 2008, in Roma tra la Telecom Italia S.p.A. e UGL Telecomunicazioni nazionale e territoriali. Ipotesi di Accordo Addì 15 maggio 2008, in Roma tra la Telecom Italia S.p.A. e UGL Telecomunicazioni nazionale e territoriali Premesso che - Le Parti ribadiscono il ruolo fondamentale riconosciuto al metodo

Dettagli

Informativa di cui ai punti dell art. 450 del CRR, integrati dalle disposizioni della Circ. 285/13

Informativa di cui ai punti dell art. 450 del CRR, integrati dalle disposizioni della Circ. 285/13 Informativa di cui ai punti dell art. 450 del CRR, integrati dalle disposizioni della Circ. 285/13 PUNTO a) informazioni relative al processo decisionale seguito per definire la politica di remunerazione,

Dettagli

MiFID. Roma, 21 gennaio 2008 22/01/2008. CNS_Commerciale Retail_Prodotti Finanziari

MiFID. Roma, 21 gennaio 2008 22/01/2008. CNS_Commerciale Retail_Prodotti Finanziari 1 MiFID Roma, 21 gennaio 2008 2 Contenuti del documento: - cenni sulla normativa; - disposizioni operative; - iniziative di formazione / addestramento. MiFID: Definizione ed obiettivi 3 MiFID (Market in

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO ORDINARIO (Tasso Indicizzato)

MUTUO CHIROGRAFARIO ORDINARIO (Tasso Indicizzato) FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO ORDINARIO (Tasso Indicizzato) Sezione I - Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEGLI ULIVI - TERRA DI BARI - Società

Dettagli

Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014

Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014 Settore Risorse Umane e Decentramento Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014 ACCORDO PROVVISORIO AVENTE AD OGGETTO L AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI DELL

Dettagli

Sono esclusi dalla partecipazione al presente Bando i dipendenti e collaboratori della Società Promotrice.

Sono esclusi dalla partecipazione al presente Bando i dipendenti e collaboratori della Società Promotrice. BANDO DI CONCORSO School for Dreamers School for Dreamers Srl, con sede in via Privata del Ronco, 13/A 22060 Carimate (CO) (di seguito la Società Promotrice) indice la prima edizione del Bando di Concorso

Dettagli

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP»

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP» UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia Cattedra Strategia e Organizzazione degli Intermediari Finanziari Prof. Stefano Dell Atti Relazione di Tommaso Gozzetti Presidente di Imprebanca

Dettagli

CREDITO AL CONSUMO (Tasso Fisso)

CREDITO AL CONSUMO (Tasso Fisso) FOGLIO INFORMATIVO CREDITO AL CONSUMO (Tasso Fisso) Sezione I - Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEGLI ULIVI - TERRA DI BARI - Società Coop. Sede legale

Dettagli

Esempio 6 Esempio di mappature 1) Ciclo attivo 2) Ciclo personale

Esempio 6 Esempio di mappature 1) Ciclo attivo 2) Ciclo personale Esempio 6 Esempio di mappature 1) Ciclo attivo 2) Ciclo personale 1 1) Voci di bilancio impattate dal processo CICLO ATTIVO Ricavi e crediti per vendite effettuate 2) Descrizione del ciclo personale rilevato

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA CONTABILITA

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli