Bologna, 03 luglio 2014 Alla direzione generale Attività Produttive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bologna, 03 luglio 2014 Alla direzione generale Attività Produttive"

Transcript

1 TEL e FAX: E MAIL: Bologna, 03 luglio 2014 Alla direzione generale Attività Produttive Al Servizio Valutazione Impatto e Promozione sostenibilità Ambientale Regione Emilia Romagna Viale della Fiera Bologna POR FESR: Osservazioni Legambiente Emilia Romagna Osservazioni generali Nel documento del POR, due dei tre pilastri dell economia regionale vengono individuati nel sistema agroalimentare, e nel sistema dell industria edilizia e delle costruzioni. Ambiti di specializzazione ad alto potenziale di crescita sono le industrie della salute e del benessere assieme a quelle culturali e creative. Nell analisi sul contesto regionale il settore turistico inoltre è indicato come un comparto che genera il 10% dell occupazione regionale. Come indicazione generale si ritiene che per tutti questi temi/settori sia indispensabile una strategia che punta sulla costruzione e diffusione di bellezza e salubrità, superando le principali criticità ambientali (inquinamento atmosferico) e recuperando sul degrado estetico (e in termini di superficie edificata) del territorio. Per il settore delle costruzioni, riuscire ad avviare una vera stagione di grandi rigenerazioni urbane è fondamentale elemento di ripresa ed innovazione. Per il settore dell agroalimentare e salute in particolare il tema del paesaggio, del bio sono fondamentali elementi di marketing territoriali, come già evidenziato anche con le nostre note al PSR. Per il settore turistico, recuperare natura nei contesti più antropizzati della costa, rigenerare un patrimonio edilizio obsoleto (ad es. nei lidi ferraresi) lavorando su interventi di pregio e abbattendo brutture, risulta un elemento competitivo strategicamente alla lunga più utile che il lavoro software sulle strategie di promozione. Occorre creare una serie di poli territoriali di rappresentanza, in cui recupero della bellezza culturale e paesaggistica assieme ad agricoltura di qualità, risultino biglietti da visita tanto per i prodotti tipici e tutto l agroalimentare, quanto per l industria del turismo. Questo tipo di approccio strettamente funzionale alle esigenze dei settori chiave individuati dai documenti strategici regionali, sembra mancare nel POR. Le indicazioni puntuali successive vanno nella direzione di questa visione d insieme che è al contempo ambientale ed economica. In generale si ritiene infine che il complesso di azioni e priorità del POR debba portare un saldo in riduzione rispetto all uso delle risorse/pressioni antropiche. Questo vale con particolare riferimento alle azioni finanziate con l asse 5 e 6. Si chiede quindi che la VAS e gli indicatori di monitoraggio abbiano questo approccio globale. ONLUS - Associazione di Volontariato Iscritta al registro regionale (Decreto n. 669/1993) - C.F

2 Le città e la rigenerazione urbana Il tema più invocato tanto dal mondo delle costruzioni quanto da sindaci e mondo ecologista è quello dell avvio di una vera stagione di riqualificazione dell esistente, con interventi di ampio respiro che riguardi interi palazzi o quartieri e che superi le azioni parcellizzate e limitate che pur positivamente sono state portate dalla detrazione del 50 e 65%. Purtroppo azioni in questo senso sono quasi assenti sul territorio regionale e nazionale per una serie di problemi: parcellizzazione della proprietà, difficile accesso al credito, scarsa propensione sociale ai cambiamenti, problemi legali ed economici inerenti i siti di bonifica in aree urbane. Il POR, con le sue risorse e con la buona intuizione di inserire lo strumento del Laboratorio Urbano, deve essere strumento che attua una terapia d urto in grado di sbloccare almeno qualche esempio pilota sul territorio urbano. La sfida è quella di riuscire a far partire cantieri laboratorio in grado di misurarsi sul tema della riqualificazione energetica, sismica e sociale di palazzi o quartieri, affrontando i problemi del trasferimento temporaneo dei residenti, dell individuazione degli adeguati strumenti amministrativi, finanziari ed urbanistici. Per fare questo occorre che le azioni di finanziamento dell asse 4 e dell asse 6 disegnino in modo congiunto questo obiettivo. Al momento non sembra che l impostazione del POR permetta di conseguirlo. Infatti le risorse sull asse 6 Città sono limitate e orientate ad altri obiettivi, mentre i fondi ben più cospicui dell asse 4 sono rivolte essenzialmente verso interventi di riqualificazione del patrimonio pubblico. Tali interventi sul patrimonio pubblico sono certamente importanti, ma presentano uno scarsa riproducibilità sul resto del patrimonio edilizio, che presenta problematiche differenti (in particolar modo complessità amministrative maggiori e frammentazione della proprietà), e in ultima analisi hanno un effetto limitato sulla possibilità di rilanciare il settore delle costruzioni. Turismo Il turismo, come numero di azioni, sembra elemento centrale all interno del POR seppur non appaia ne tra i pilastri dell economia ne tra gli ambiti ad alto potenziale di crescita. In particolare si ritrovano azioni a favore del turismo, nell asse 3, nell asse 5 in modo massiccio ed in modo indiretto anche in una parte dell asse 6. Sull attribuzione delle azioni a favore turismo all interno dell Obiettivo Tematico 6 (che non a caso si chiama: preservare e tutelare l'ambiente e promuovere l'utilizzo efficiente delle risorse) si ritiene che tale coincidenza ci possa essere solo se le azioni vanno al miglioramento del patrimonio ambientale e naturale, non ad un incremento del turismo fine a se stesso, od addirittura ad un turismo di massa. Infatti già l accordo di partenariato nazionale sembra affrontare questo tema in modo estensivo rispetto agli obiettivi del regolamento UE, e un ulteriore indebolimento del concetto ambientale nelle azioni afferenti risulterebbe non in linea con le indicazioni europee. In questo senso le misure di qualificazione dedicate al turismo devono contenere anche interventi concreti di qualificazione del contesto ambientale (aree verdi, corridoi di rispetto, piste ciclabili). In generale, vista la preponderanza della zona costiera sul settore turistico regionale, si ritiene che le priorità e strategie turistiche su questa area non possano non prendere in considerazione aspetti quali: - la mobilità lungo la costa, oggi elemento di forte criticità - il rischio connesso ai cambiamenti climatici e quindi la realizzazione di azioni che aumentino la resilienza del settore 2

3 - una riduzione complessiva degli impatti delle attività esistenti (non solo dal punto di vista energetico) - una riqualificazione delle seconde case esistenti con l'ampliamento della definizione attuale di albergo diffuso, in modo da incentivare investimenti di privati nell'ammodernamento delle abitazioni e allo stesso tempo riqualificare il comparto turistico della costa nord senza ulteriore cementificazione Per potenziare anche il turismo delle aree interne ed in generale aumentare l offerta è necessario prevedere: - investimenti per garantire la fruibilità delle destinazioni turistiche alle fasce deboli (anziani, persone non autosufficienti, bambini) su tutto il territorio regionale al fine di destagionalizzare il turismo e favorirne uno spostamento anche nelle aree interne. - investimenti per favorire il turismo slow nelle aree protette e non, anche con la creazione o il potenziamento delle infrastrutture adeguate (es: nel cicloturismo piste ciclabili bellissime nda sole non servono se non ci sono treni per il trasporto bici o non ci sono strutture con adeguata accoglienza) - incentivazione del recupero di aree industriali/artigianali storiche attualmente in disuso per incentivare il turismo industriale (nuova nicchia di mercato in forte espansione che scongiurerebbe la trasformazione di aree dismesse in nuove case o peggio centri commerciali) - es: ex zuccherifici, cotonifici, canapifici con annessa valorizzazione dei maceri, mulini sui fiumi... Obiettivo tematico 5 e cambiamenti climatici Si rileva la mancanza all interno del POR dell obiettivo Tematico 5, finalizzato a promuovere l adattamento ai cambiamenti climatici, prevenzione dei rischi. La scelta strategica della Regione è quella di utilizzare a tal fine le risorse dei fondi di solidarietà nazionale. Se sul problema del dissesto tuttavia interviene anche il PSR, si ritiene che anche il POR possa lavorare su questo versante per quanto riguarda le aree della costa oggetto di azioni sul comparto turistico. In particolare occorre prevedere che gli interventi in aree a ridosso della linea di costa contemplino il rischio dell innalzamento marino e dell ingressione, con creazione di fasce dunose, arretramento dei manufatti ecc. Assi 1 e 3 Innovazione e competitività Tra le 3 grandi direttrici dell innovazioni e del cambiamento della Regione viene individuata la promozione dello sviluppo sostenibile ( a fianco delle tecnologie per una vita sana e sicura). E una valutazione sicuramente positiva, tuttavia negli assi 1 e 3 (che riguardano oltre il 50% delle risorse) con relative misure non sembra cogliersi questa direzione di marcia in modo chiaro ed esplicito. Si chiede quindi di rafforzare e chiarire le modalità di promozione dello sviluppo sostenibile sul versante dell innovazione e della competitività ed attrattività, esplicitando con maggior forza gli obiettivi di riduzione di uso delle risorse (non solo energia) e riduzione rifiuti. La green e clean economy individuate come elemento trasversale della S3 diventa elemento trasversale se si riesce a connotare le nostre produzioni - sia concretamente che nel marketing e nella comunicazione come migliori e più sostenibili di quelle fatte in altre parti del pianeta. 3

4 Asse 4 Low Carbon Economy L investimento economico è importante, anche se è al limite delle soglie minime previste per l Obiettivo Tematico. Per migliorare le percentuali di budget destinato si chiede di rendere il tema maggiormente trasversale agli assi 1 e 3. Rispetto alla destinazione dei fondi si ritiene che in alcuni casi gli interventi di risparmio energetico potrebbero pagarsi da soli. Al contrario le barriere per l avvio di buone pratiche sono spesso di natura non economica ( ad es. patto di stabilità, nella carenza progettuale o della mancanza di competenze nei comuni su procedure complesse di tipo i meccanismi economici virtuosi delle ESCO). Si consiglia quindi di affiancare alle risorse anche una struttura tecnica in grado di diffondere buone pratiche e superare le barriere culturali (sul modello del Laboratorio Urbano). Per favorire la rigenerazione del patrimonio edilizio, di cui si è detto in premessa, nelle schede priorità di intervento a pag. 113, inserire tra i beneficiari anche i semplici privati (a condizione di stipulare accordi con il comune per l accesso e la diffusione delle informazioni utili alla riproducibilità dell intervento). Togliere la priorità di intervento a pag 114 sulle reti di illuminazione, visto che si tratta di azioni che possono essere autofinanziante e possono sfruttare procedure di tipo TPF (finanziamento tramite terzi), in grado di superare il patto di stabilità. Per questo tema si richiama quanto detto sopra relativamente alla necessità di un supporto informativo ai Comuni. Rispetto ad incentivi per la realizzazione di reti di teleriscaldamento si chiede di limitare tale opportunità all allaccio di piccole reti per sfruttare calore di tipo industriale già esistente o in aree ecologicamente attrezzate, o per reti allacciate a sistemi a rinnovabili di tipo solare o geotermico. In ambito urbano le risorse andrebbero concentrate sulla riduzione dei consumi sull esistente, mentre i nuovi insediamenti dovrebbero essere già a consumi pressoché zero. Azioni sulla mobilità: si veda quanto riportato successivamente per l Asse 6 Indicatori di output Aggiungere l indicatore n di edifici residenziali o terziari oggetto di riqualificazione energetica oppure riduzione dei consumi energetici in settore residenziale e terziario L indicatore Numero di imprese beneficiarie di per se non è un indicatore di efficacia di risultato. Sostituire o affiancare con un indicatore di performance, del tipo Percentuale di riduzione dei consumi sulle imprese oggetto di finanziamento. Per l indicatore Numero di progetti di mobilità sostenibile finanziati vale quanto detto sopra. Sostituire con un indicatore di performance, ad es. N di utenze spostate dall auto privata ad altra forma di mobilità Asse 5 Valorizzazioni delle risorse artistiche, culturali ed ambientali Come emerge dalla relazione a pagina 38, sul tema Valorizzazione delle risorse artistiche, culturali e ambientali sembra individuarsi essenzialmente un azione del POR prevalentemente orientata ad obiettivi di tipo promozionale e di vendita di un prodotto unitario. Seppur questi obiettivi siano effettivamente condivisibili, si ritiene che siano in buona parte gestibili a livello di miglioramento 4

5 della governance (almeno in quelle aree dove il turismo risulta più maturo e sviluppato e ha già un peso economico preponderante). Si ritiene invece che (come già espresso sopra) con quest asse si dovrebbe innanzitutto creare, preservare o potenziare bellezza sia culturale che ambientale (oltreché favorirne la fruizione, come giustamente indicato nelle priorità di investimento). Tali interventi rientrano a pieno titolo in un azione di marketing territoriale. Rispetto all identificazione di tutti i 110 km di costa come territorio compreso tra i beni ambientali su cui effettuare gli interventi (pag 130) si ritiene che occorra effettuare una distinzione: - solo nelle parti più naturali delle province di Ferrara e Ravenna è possibile parlare di tutela e valorizzazione delle aree di attrazione naturale, su cui effettuare interventi di promozione - nelle parti più antropizzate (con particolare riferimento alla pare meridionale della provincia di Ravenna e alla parte di Rimini) i fondi relativi a questa misura devono necessariamente andare ad interventi che prevedano la ricostruzione di naturalità (es. riserve marine, ricostruzione di una fascia naturale frontemare, delocalizzazione edifici incongrui o frontemare). Si evidenza che la seconda tipologia di interventi, potrebbe rientrare a pieno titolo anche in azioni afferenti all Obiettivo Tematico 5, relativo alla resilienza dei sistemi economici di fronte ai cambiamenti climatici, ed in particolare alla subsidenza ed ingressione marina. Nell ottica della massimizzazione dell uso delle risorse si chiede quindi di individuare anche questa priorità con valenza di marketing e tutela del patrimonio economico. Rispetto alle risorse dell asse 5 si chiede di concentrare le risorse quindi sulle aree a maggior vocazione di un turismo di qualità oggi da potenziare (Parchi, aree interne, zone di valenza naturalistica). Le aree a vocazione turistica più intensiva possono beneficiare con maggior profitto delle risorse dell asse 3. Rispetto alla frase di pag 39 dove si evidenzia che gli interventi dovranno essere fatti nel rispetto dell integrità dell ecosistema, si chiede di sostituire rispetto col termine miglioramento. Tale modifica lessicale dovrebbe essere accompagnata anche da un approccio complessivo ad essa coerente. Asse 6 città Le città vengono viste essenzialmente come luogo vocato ad amplificare i fattori che concorrono allo sviluppo territoriale, con il potenziamento ed innovazione di offerte e servizi. Tale visione è sicuramente condivisibile ma si ritiene non possa essere disgiunta da un ripensamento strutturale delle città con la spinta a superarne i limiti (ambientali e sociali) come individuato nelle premesse generali. Le 3 tipologie di priorità individuate per il finanziamento sono afferibili ad altri assi (il 2, il 4 ed il 5) e con poche risorse. Manca l idea complessiva della necessità di una riqualificazione urbana energetica, estetica, e sismica. Si chiede di introdurre tra le priorità la realizzazione di ecoquartieri tramite interventi di rigenerazione, in cui le varie azioni (miglioramento ICT, mobilità sostenibile, creazione di bellezza e spazi aggregazione, riduzione dei consumi energetici) rientrino in una progettualità organica. Si chiede di non finanziare con questo asse azioni afferibili all asse 2 e 5 se non nell ottica integrata di cui sopra che coinvolga anche un disegno complessivo di riqualificazione almeno a scala di quartiere. Questo per non duplicare impropriamente le azioni e le risorse con specifiche priorità di altro tipo. 5

6 Occorre inoltre destinare risorse ad azioni di bonifica di comparti degradati, strettamente legati alla riqualificazione. Si richiede quindi di aumentare le risorse destinate a questo asse, portando almeno al 12% e integrarle in modo massiccio con risorse sul risparmio energetico dell asse 4. Rispetto ai fondi destinati al miglioramento della mobilità questi devono essere vincolati alla presenza di un quadro di azione e di una strategia ben chiara di necessità. Per questo si ritiene che come precondizione per accedere ai fondi debba essere necessariamente presente un piano della mobilità urbana che indichi obiettivi numerici di spostamento della mobilità da auto ad altra modalità con relative azioni, e che le azioni finanziate rientrino in questo disegno organico. Tale scelta risulta indispensabile per non vanificare le risorse su interventi episodici. Rispetto alla varietà di interventi finanziabili, sembra che il POR dia molta importanza alla mobilità su auto elettrica. Si tratta sicuramente di una opzione che riduce l inquinamento locale ma che va vista come ultima nella gerarchia delle azioni, che prevedano uso del trasporto pubblico e mobilità ciclabile al primo posto. L utilizzo dell auto elettrica va visto come prioritario per i parchi aziendali o delle PA o per car sharing. Indispensabile, per favorire un reale spostamento di utenza sul servizio pubblico, implementare il sistema Mi Muovo, verso un vero sistema di tariffazione integrata stile Alto Adige pass. L obiettivo finale è quella di mettere a disposizione al cittadino una Carta della mobilità, con credito ricaricabile utilizzabile su autobus e treni dell Emilia Romagna, e integrata nella carta con tutti i servizi di mobilità alternativa: bike sharing, car sharing e ricarica per le auto elettriche nelle colonnine stradali. Indispensabile, a supporto del sistema di tariffazione integrata, tutte le tecnologie ICT più adatte (es portale web applicazioni per smartphone) ecc. Si richiede quindi che nelle priorità del POR possa esservi anche la possibilità di finanziamento anche su questo tema. Infine si ritiene di privilegiare interventi di tipo strutturale in grado di portare maggiori risultati. Anche per questo si ritiene utile accorpare le due priorità di finaziamento sulla mobilità ora suddivise nell asse 4 e nell asse 6. Si ritiene molto positiva la proposta di un Laboratorio Urbano, che deve però avere forte carattere interdisciplinare ed interassessorile e deve poter avere a disposizione competenze adeguate e favorire il confronto con le migliori esperienze nazionali ed internazionali. All interno di tale Laboratorio, o al suo fianco, risulta indispensabile la creazione di un Agenzia per la riqualificazione per i fini già espressi in premessa. Si richiede che nel Laboratorio Urbano possano confrontarsi anche le ONLUS. Nel finanziamento di quest asse si dovranno privilegiare azioni integrate e di alta qualità piuttosto che interventi slegati e a pioggia sul territorio. Indicatori di output Nessuno degli indicatori presenti riguarda l efficacia di risultato (ma riguardano un semplice numero di progetti finanziati), a testimonianza di una non chiara strategia sulle città. Si chiede di sostituire od integrare tali indicatori con opportuni indicatori di performance. 6

7 Asse 7 Assistenza tecnica. Riguardo questo asse si rimanda alle integrazioni proposte sul Laboratorio Urbano (Asse 6) e la necessità di superare le barriere non tecnologiche che limitano la partenza di progetti di risparmio energetico (Asse 4) 7

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE

RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE RIGENERAZIONE URBANA E RIUSO DEL SUOLO EDIFICATO PROPOSTE PREMESSA A seguito dell esperienza maturata a livello nazionale con l iniziativa denominata #DissestoItalia sul tema del dissesto idrogeologico,

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

Intesa Ance Salerno e Parco del Cilento per promuovere la filiera dell edilizia green

Intesa Ance Salerno e Parco del Cilento per promuovere la filiera dell edilizia green 1 Intesa Ance Salerno e Parco del Cilento per promuovere la filiera dell edilizia green Ance Salerno ed Ente Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, insieme per valorizzare la filiera dell edilizia

Dettagli

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno Il Piano di Azione Congiunto per l Energia sostenibile dell Isola d Elba Un progetto territoriale condiviso Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno LA RISPOSTA DEL JRC 2 Gli Interventi previsti

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli ORGANISMO DI ACCREDITAMENTO REGIONALE Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

Aree produttive sostenibili e Green marketing

Aree produttive sostenibili e Green marketing Aree produttive sostenibili e Green marketing IL GREEN MARKETING COME OPPORTUNITÀ DI RILANCIO ECONOMICO Il marketing green si occupa di inserire nel mercato prodotti che salvaguardano l ambiente attraverso

Dettagli

Sviluppo del territorio e dell economia locale

Sviluppo del territorio e dell economia locale ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Settore Punti di forza Punti di debolezza Rischi Opportunità Sviluppo del territorio e dell economia locale Buoni livelli di qualità della vita a livello socio-economico,

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Rimini Allegato A alla Delibera di C.C. n.72 del 05/08/2015 Direzione Pianificazione e Gestione Territoriale Via Rosaspina, n. 21-47923 Rimini tel. 0541 704806-704804 fax 0541 704694 Unità Operativa

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta

Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Consultazione online FASE 3 - PSR FEASR 2014-20 Osservazioni GAL della Pianura veneta Misura 4. Investimenti in immobilizzazioni materiali (art. 17) Sottomisura 4.4 Sostegno per investimenti non produttivi

Dettagli

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna Il nuovo progetto per la mobilità sostenibile in Emilia-Romagna flash _ La regione Emilia-Romagna ha circa 4,5 milioni di abitanti. _ La densità di auto per abitante è superiore alla media nazionale ed

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 Floriana Clemente Direzione Ambiente Robassomero, 11 dicembre 2013 Le risorse:

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Fabrizio Tollari, ERVET Workshop progetto IPA Alterenergy Bologna, 22 novembre 2012 COMUNITÀ SOSTENIBILI NEL SISTEMA URBANO L Europa ha sviluppato

Dettagli

Comune di Faenza Settore Territorio

Comune di Faenza Settore Territorio Comune di Faenza Settore Territorio La sostenibilità a Faenza Un percorso coerente dalla bioarchitettura alla biourbanistica La sostenibilità a Faenza (le domande a cui rispondere) Perché si possa definire

Dettagli

I COMUNI NELLA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020. Un contributo di Anci Toscana all avvio del dibattito

I COMUNI NELLA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020. Un contributo di Anci Toscana all avvio del dibattito I COMUNI NELLA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Un contributo di Anci Toscana all avvio del dibattito Il contesto La situazione di crisi dell economia italiana e toscana aumenta la disoccupazione e

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER LA POLITICA ENERGETICA DELLA REGIONE La Regione Emilia-Romagna (in attuazione del nuovo art. 117 della Costituzione che definisce l energia materia

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Perugia, dalla città reale alla città immaginata. Presentazione di una ricerca condotta da Cittalia Anci Ricerche

Perugia, dalla città reale alla città immaginata. Presentazione di una ricerca condotta da Cittalia Anci Ricerche Perugia, dalla città reale alla città immaginata Presentazione di una ricerca condotta da Cittalia Anci Ricerche Contributo al posizionamento strategico di Perugia verso il 2019 Economia Il patto di stabilità

Dettagli

SMART CITY. Verso la città del futuro

SMART CITY. Verso la città del futuro SMART CITY Verso la città del futuro Rendere smart le città significa sottoporle a un insieme coordinato di interventi che mirano a renderle più sostenibili dal punto di vista energetico-ambientale, per

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA COMUNE di SCARPERIA E SAN PIERO La fusione tra i comuni di Scarperia e San Piero a Sieve, conclusasi il 31/12/2013 con lo scioglimento dei rispettivi Consigli Comunale,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO COMUNE DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO TRA COMUNE DI CREMONA COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI LODI.,.ottobre 2015 Premesso che: L

Dettagli

Newsletter Luglio 2014

Newsletter Luglio 2014 Newsletter Luglio 2014 Finanza Agevolata Notizie MACCHINARI E BENI STRUMENTALI GODRANNO DI UN CREDITO DI IMPOSTA DEL 15% Macchinari e beni strumentali godranno di un credito d imposta del 15% di cui però

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004 CONSULTAZIONI PER LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEGLI OBIETTIVI E DELLE SCELTE STRATEGICHE DELLA PIANIFICAZIONE ( Legge 241/90, art. 5 L.R.16/04 e Regolamento di attuazione per il governo del territorio della

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA

INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA ITALIA-FRANCIA ALCOTRA ALCOTRA 2014-2020 2014-2020 Nuove Nuove opportunità opportunità di di cooperazione cooperazione nell area nell area transfrontaliera transfrontaliera

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD)

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) Udine, Palazzo della Regione 27 giugno 2014 La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto

Dettagli

SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER. "Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città"

SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER. Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città UNA MANIFESTAZIONE DI IN CONTEMPORANEA CON SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER "Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città" ASTER ASTER èla società regionale che, dal

Dettagli

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n.

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n. Servizio «Procedura aperta di affidamento del servizio valutazione tematica di cui art. 47-48 REG. 1083/06, Rapporto Finale di Valutazione POR FESR 2007 13 e servizio valutazione ex-ante compresa Vas e

Dettagli

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità Anna Maria Pozzo Direttore tecnico di Federcasa Premessa L efficienza energetica é una esigenza e una opportunità che va anche

Dettagli

INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA

INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA ITALIA-FRANCIA ALCOTRA ALCOTRA 2014-2020 2014-2020 Nuove Nuove opportunità opportunità di di cooperazione cooperazione nell area nell area transfrontaliera transfrontaliera

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

AVVISO PUBBLICO "SFIDE"

AVVISO PUBBLICO SFIDE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana AVVISO PUBBLICO "SFIDE" STRUMENTI FORMATIVI PER INNOVARE, DECOLLARE, EMERGERE PROGETTO: RIQUALIFICAZIONE E RIUSO DEL PATRIMONIO EDILIZIO, STORICO

Dettagli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli Disegno di Legge n. 1541 conversione in legge del Decreto Legge 24 giugno 2014, n.91 Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l efficientamento energetico dell edilizia scolastica

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014 Il fund raising per la sostenibilità Belluno forum energia 20 giugno 2014 La Commissione Europea Common Strategic Framework 2014-2020 raccomanda un approccio metodologico all impiego degli Strumenti finanziari

Dettagli

Opportunità finanziarie per la mobilità sostenibile. Rimini, 6 novembre 2014 Mauro Conti

Opportunità finanziarie per la mobilità sostenibile. Rimini, 6 novembre 2014 Mauro Conti Opportunità finanziarie per la mobilità sostenibile Rimini, 6 novembre 2014 Mauro Conti Chi è BIT? Società di servizi tecnico-finanziari per le BCC nelle Tre A Al fianco delle BCC e dei loro clienti per

Dettagli

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Roma, 5 marzo 2015 LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Una città non può essere amministrata e basta. Non è niente amministrare una città, bisogna darle un compito, altrimenti muore Giorgio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività

LOMBARDIA 2020 Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività CO 2 LOMBARDIA Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività RE FER in collaborazione con RE Politica di Regione Lombardia PIANO PER UNA LOMBARDIA SOSTENIBILE Declinazione a livello nazionale

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40 Roma 29 e 30 settembre 2011 Regione Toscana La legge regionale 40/2011 1 ha introdotto significative modifiche ad alcune leggi ma in particolare alla legge regionale 1/2005 in attuazione dell articolo

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO BANDIERA CONTENUTI

SCHEDA PROGETTO BANDIERA CONTENUTI SCHEDA PROGETTO BANDIERA Requisiti: - respiro temporale di medio-lungo termine - coinvolgimento di più soggetti (possibilmente integrazione pubblico-privato) - intersettorialità / multidisciplinarità (non

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE Rappresentanza italiana PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE La ricorrenza del 50 anniversario dell O.I.T.S. (Organizzazione Internazionale del Turismo Sociale), ex B.I.T.S., ci

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

Tabella 1 Piano Finanziario per Assi Prioritari e Settori di Intervento e per Fonti di Finanziamento.

Tabella 1 Piano Finanziario per Assi Prioritari e Settori di Intervento e per Fonti di Finanziamento. Tabella 1 Piano Finanziario per Assi Prioritari e Settori di e per Fonti di Finanziamento. Anno 2010 I Asse I - Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Società dell'informazione 10,00% 299.824.005

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica nelle strutture sanitarie Claudia Carani AGENZIA PER L ENERGIA E LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena Progetto MARTE/IEE/13/465

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE MARCHE IL CENTRO STORICO - Verso un nuovo modello di sviluppo integrato del

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE Il Direttore

ISTITUTO NAZIONALE Il Direttore Sunto automatico INVITI A PRESENTARE PROPOSTE FINANZIATE ALL INTERNO DEL PROGRAMMA DI RICERCA, DI SVILUPPO TECNOLOGICO E DI DIMOSTRAZIONE DEL QUINTO PROGRAMMA QUADRO. Il programma "Energia, ambiente e

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli