Università degli Studi di Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Verona"

Transcript

1 Università degli Studi di Verona Inaugurazione dell Anno Accademico Duemilaundici Duemiladodici

2

3

4 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Inaugurazione dell Anno Accademico Verona, 20 febbraio 2012

5 Coordinamento progetto editoriale: Maria Fiorenza Coppari Ufficio Comunicazione Integrata Università degli Studi di Verona Revisione dei testi e redazione a cura di Giovanni Cerutti Impaginazione: Centro Arti Grafiche Università degli Studi Verona

6 Relazione del Magnifico Rettore Alessandro Mazzucco La missione dell Università moderna e la riforma dell Università Signor Ministro, Assessore, Sindaco della città di Verona, Autorità, Onorevoli Parlamentari, Magnifici Rettori, Amplissimi Presidi, Chiarissimi Colleghi, Dirigenti e Personale tutto dell amministrazione, cari Studenti e gentili Ospiti. Innanzitutto esprimo un non formale apprezzamento per la disponibilità del ministro Profumo che ha voluto dare alla sua partecipazione di oggi un ruolo prioritario in un affollatissima agenda. È inoltre un onore avere con noi, oltre che un piacere almeno personale, il presidente della conferenza dei rettori il professor Marco Mancini attivo e capace protagonista di questa nuova stagione dell Università italiana che nel suo complesso un po come il clima generale del Paese sta cercando di decidere se essere ancora invernale o avviarsi francamente verso la primavera. Un grazie sentito a tutti coloro, a tutti voi, che hanno 5

7 voluto dedicare la propria attenzione, ancor prima che il proprio tempo, a questa manifestazione che rimane comunque un occasione pregnante del primario rapporto dell Università con la società civile; e le manifestazioni che hanno accompagnato il nostro ingresso ne sono comunque una indicazione e una testimonianza. Il rapporto Università - società civile mai è stato tanto indispensabile quanto lo è in questo momento di crisi e di necessità di ripresa. Noi crediamo che il ruolo della conoscenza sia fondamentale ma è anche un appuntamento importantissimo per rendicontare. Questa è la novità della nuova Università: rendicontare verso chi ci sostiene su quanto è stato fatto, sui risultati, sui nostri convincimenti, sulle nostre prospettive sottolineando che purtroppo esse sono solo molto parzialmente nelle nostre mani. Dopo anni di profondo rivolgimento e di cambiamenti certamente non facili di indirizzo, anche in questa sede, mi sembra indispensabile inaugurare una nuova stagione: quella della rendicontazione basata non su dichiarazioni autoreferenziali ma su dati; quindi vi verrà presentato un bilancio di quanto e come abbiamo interpretato la responsabilità di governare un istituzione di circa 23mila studenti e circa 1500 dipendenti in un momento di transizione e di valenza storica sia per l Università di Verona che per l Università italiana. Poiché non ho la minima intenzione di tediarvi con una noiosa elencazione, con i più stretti collaboratori abbiamo preparato e messo a vostra disposizione una relazione nella quale abbiamo scritto con dati e numeri una vera e propria relazione di mandato. Mi riservo invece in questo intervento di toccare questioni di natura politica fondamentale per l Università italiana, il modo con il quale a Verona le abbiamo interpretate con un attenzione particolare a quanto siamo stati chiamati ad assolvere all inizio di un processo di riforma che va inserito in un più generale processo di ammodernamento dell intera società ed in particolare della sua classe dirigente. In tema di Università la questione più attuale degli ultimi anni era legata al momento storico che si stava attraversando, durante il quale la figura stessa dell istituzione universitaria veniva messa duramente in discussione, fino a 6

8 descriverla come una sorta di obsoleto retaggio del passato. L accusa rivolta al sistema universitario era ed è nota: quella di essere autoreferenziale e di operare solo a proprio esclusivo vantaggio. In realtà la polemica aveva radici molto più estese ed articolate anche al di fuori dell Italia. Prendendo spunto dal dibattito internazionale sull argomento e con una visione ben diversa dell Università moderna nel XXI secolo, efficacemente descritta come Transforming the Walls of Academia into Bridges in una bella pubblicazione di Preuss e colleghi della University of California nel 2002, la questione poteva essere posta più correttamente in altri termini: quale doveva e, quindi, quale deve essere la collocazione moderna dell Università? Al processo di apertura dell Università di élite, iniziato ovunque negli anni Sessanta, in Italia ben più e più a lungo che altrove è seguito un percorso di netta impronta populistica, dal quale è uscito un sistema universitario pletorico, livellato ed insostenibile, le cui disfunzioni hanno infine imposto in termini molto accesi un sostanziale ripensamento della struttura universitaria. Un Università così ispirata non prometteva nulla di buono. Si era correttamente deciso di trasformare il vecchio modello, ma la tendenza all ampliamento dell offerta attraverso l abbassamento del livello ha condotto al risultato antitetico di quello atteso: l impoverimento della nostra Università. Da sempre e nella storia recente e passata vi sono illustri esempi in tal senso l Università per funzionare bene ha avuto bisogno di tre cose: la presenza in essa di grandi maestri, un buon governo dell Università, un buon governo dello Stato. Questi aspetti vennero meno negli anni critici in cui la 382/80 cercò di regolamentare la nascita di un Università di massa fondata su malintesi concetti, su malintese interpretazioni di diritto allo studio, diritto alla assunzione, diritto alla progressione in carriera, a prescindere dal fondamentale concetto di capacità individuale e non considerando che il diritto sta nella garanzia di un uguale punto di partenza e di uguali opportunità di realizzazione, non in un uguale punto di arrivo, che, al contrario, deve essere frutto dei meriti e delle attitudini individuali. 7

9 E non vi è dubbio che la malintesa rivendicazione del principio costituzionale di autonomia da parte delle Università abbia contribuito in pari misura a determinare l attuale situazione, ostacolando qualsiasi efficace intervento riformativo da parte dei numerosi governi succedutisi e ritardando il processo di rinnovamento che in tutta Europa si andava sviluppando assai prima e con un concorso generale di interventi. Anche ora, dopo la tormentata fase della recente legge 240/10 di riforma, credo che la maggior parte di noi abbia la consapevolezza che il risultato finale è una legge che tocca la superficie, non il cuore del sistema. E che molto lavoro c è ancora da fare richiedendo una cooperazione consapevole del governo insieme con le Università e con le autorità intellettuali della società. La grande crisi internazionale non risparmia l Università, che vi è pienamente coinvolta ed è chiamata ad uscire dal proprio ancor vivo conservatorismo riconoscendo nel pubblico interesse e nelle pressioni di mercato delle linee di sviluppo preferenziali su cui rendersi disponibile. Deve riconoscere di dover rappresentare l intervento pubblico nell orientamento della ricerca, finalizzato ad una strategia di innovazione scientifica e tecnologica nel Paese, consapevole dell esiguità di risorse e della modesta propensione all investimento della struttura industriale italiana, costituita prevalentemente da piccole e medie imprese. Questa collocazione dell Università in un patto sociale, se ne giustifica il ruolo di servizio o, meglio, di investimento pubblico, per altro verso sottolinea la necessità di rispondere ad interventi di verifica di qualità, ai quali si demanda la valutazione dell appropriatezza dell applicazione della propria autonomia decisionale. Anche questo appare infine come un dato definitivamente acquisito, anche se ancora in parte subìto. Il passaggio è stato molto sofferto, soprattutto per chi ha ritenuto di guardare al di sopra degli interessi di categoria, ma ha infine condotto ad una condivisione di nuove scelte di campo, quali quelle recentissimamente annunziate nell ambito della ricerca: costruita su programmi di ampio respiro e competitività internazionale. Anche questo nuovo indirizzo, per la verità, ha ancora 8

10 prodotto qualche inquietudine, ma non certo le guerre fratricide che ne sarebbero conseguite un tempo: abbiamo raggiunto un maggior grado di responsabilità collettiva nella popolazione universitaria, che questi concetti, sui quali si è polemizzato per anni, li conosce molto bene e della cui correttezza si rende perfettamente conto. Però sono concetti che sono stati in qualche misura imposti, non rappresentano una convinzione generatasi spontaneamente in chi ha scelto di dedicarsi all Università. O forse, ripeto, la convinzione c è, ma prevale ancora il personalismo sul senso di collettività. Con specifico riferimento alla recente polemica sui programmi di ricerca nazionale sorta a seguito della decisione ministeriale di puntare ad un sistema nazionale coordinato e finalizzato alla selezione delle migliori forze del Paese, nella difficile competizione internazionale in cui siamo ormai pienamente inseriti sembra evidente che, particolarmente in una circostanza del tutto straordinaria come è quella che stiamo vivendo, un provvedimento di tale rilevanza inevitabilmente punti su macro-obiettivi di valenza generale e non sia conciliabile con la tradizionale attesa di uno spazio per tutti, ottenibile solo con procedure spartitorie che producono polverizzazione delle risorse e con pre-assegnazioni per area che smorzano la selezione per qualità. Si può comprendere la richiesta di evitare spazi predeterminati ai singoli Atenei. È totalmente condivisibile che gli investimenti sulla ricerca libera, aperta a tutti sono sacrosanti, ma debbono coesistere, non possono avere la priorità assoluta sull imperativo di puntare ad un sistema Paese anche nella ricerca. La sensazione è che reazioni, commenti, critiche che sono apparsi sulla stampa anche da parte di bravi e stimati colleghi, si stiano limitando entro il confine in qualche modo prevedibile del malumore personale, ma non diano vita alla paventata reazione autolesionista di presa di distanza, attraverso la diserzione dai bandi. Si può, si deve arrivare a programmare in anticipo le proprie linee di ricerca in modo da poterle giocare in ragione delle opportunità che si offrono, non viceversa. Questo succede nel resto del mondo. Questo non è nelle abitudini italiane. La cooperazione è il segreto della qualità e vincente sarà alla fine il premio che 9

11 ci vedremo ritornare a casa se si riuscirà a costruire una buona operazione di sistema, anche nel ruolo di sede associata. Questo esempio può servire per sottolineare come la legge 240/10 da sola, in mancanza di un profondo processo culturale di assimilazione dei principi che sono venuto fin qui descrivendo, non potrà produrre gli effetti riformatori attesi. La legge 240/10 Ho sempre espresso la mia convinzione che l anomala governance dell Università connotata da una scarsa decisionalità, condizionata dall alto dai poteri centrali, dal basso dalla rivendicazione individualistica del diritto di scelte personali piuttosto che di politiche di sistema non fosse tanto la causa quanto una conseguenza di una mancata maturazione culturale del Paese e della sua Università. All inizio del 2009 si è avviato il percorso della legge di riforma, tormentata e maltrattata nello scontro tra intenti punitivi, esasperazione del contenimento della spesa, a prescindere, resistenza del sistema universitario, ancorato per motivi prevalentemente corporativi a tradizioni organizzative del passato. La legge è stata approvata in un clima politico distruttivo e se ne porta dietro le evidenti stigmate di compromesso. Pensavo, e penso ancora, che tanto era necessario un radicale intervento di riforma, quanto esso è stato invece poco incisivo per certi versi e per altri troppo invadente: in dettagli di poco significato introduce interventi burocratici incomprensibili per chi governa gli Atenei; poco incisivo nell indicare con coraggio le decisioni più impopolari che sarebbero state tuttavia le sole risolutive e che adesso sono lasciate alla decisionalità dei singoli Atenei. Tra questi, rimane solo parzialmente modificato l elemento di debolezza principale delle Università, quello del suo sistema di governo, che si manifesta nella complessità dei meccanismi decisionali, imputabile al rifiuto di una leadership forte. Il concetto stesso di leadership nell Università è molto complesso, 10

12 ma il rispetto della tradizionale autonomia accademica e della decisionalità collettiva si deve integrare con l esigenza di assumere, in tempi appropriati, decisioni di importanza sostanziale, spesso impopolari. Il modello più corretto ed efficace è quello di una governance partecipata, non più distribuita trasversalmente tra le Facoltà, ma organizzata in senso verticale per consentire che si possano generare processi di rinnovamento che il precedente modello conservativo non consentiva. Organize the university as a federation or as a holding company and apply the principle of subsidiarity, dice un documento della California State University. È un modello che prevede l organizzazione delle competenze decisionali nell Università di tipo federativo, dove viene eliminata la molteplicità dei livelli decisionali, riservando al vertice le scelte strutturali di base. Il governo acquisisce i contributi dell intera comunità, produce piani di sviluppo la cui approvazione è possibile nella misura in cui la decisione finale compete al Consiglio di Amministrazione ed al suo Presidente. Tuttavia, l attuazione del piano deve essere demandata a competenze subordinate a livelli successivi, il che richiede il reclutamento di dirigenti, responsabili di unità decentrate, scelti in ragione del reale possesso di competenze e capacità gestionali, non più per ragioni puramente accademiche. Per le Università statali, questa strutturazione per deleghe a competenze successive deve includere anche l interlocutore politico il Ministero da cui ci si aspetta quella vera e ampia autonomia che è l essenza del modello. Il governo politico deve definire come obiettivi degli indirizzi nazionali, che debbono essere estremamente chiari, in modo che ogni Università sappia cosa ci si attende da essa, conosca le risorse di cui dispone, sia lasciata in grado di agire e sia obbligata a rendicontare. Tutto ciò richiede che questa autonomia non solo sia definita e custodita in un quadro normativo generale ben preciso, ma che questo contenga le regole di salvaguardia di fronte a tutte le occasioni di successivi interventi legislativi che, anche indirettamente, la possano mettere in discussione. In buona sostanza, se vogliamo valorizzare al meglio il potenziale delle Università, è necessario che si allenti il guinzaglio politico sulla 11

13 loro autonomia, spostandosi dall attuale governo a monte nei fatti un vero e proprio blocco, esercitato attraverso un flusso continuo ed insostenibile di norme di dettaglio assai spesso contraddittorie e costantemente indiscriminate trasformandosi in un controllo a valle, esercitato attraverso procedure rigorose di valutazione. Siamo tutti consapevoli che di questo si parla ormai da tempo, ma si continuerà a parlarne fino a che non si darà luogo in concreto a quel percorso, che ho poco fa citato, di federalismo-sussidiarietà. La legge 240/10 contiene, sia pure confusa in un ridondante intrico di princìpi e di dettagli, la possibilità di generare un sistema di questo genere e le Università hanno ancora, all interno degli statuti che si sono date, la possibilità di strutturarsi secondo questo percorso; ma lo potranno fare e lo faranno nella misura in cui potranno utilizzare la propria competenza senza doversi scontrare con una moltitudine di vincoli per lo più ingiustificati. Il confronto con il mondo produttivo Parallelamente, sono anche persuaso che una significativa apertura è stata operata non solo dalle Università, da questa Università, ma dall interlocutore tradizionalmente tanto ostile quanto reciprocamente indispensabile: le imprese. Non molti anni or sono, le linee programmatiche del mondo dell industria e dell Università erano linee perennemente divergenti. Vi è stata, con tempi e modalità diverse, una conversione molto rilevante e stimolante: si pensi al recentissimo protocollo d intesa sottoscritto da Confindustria con la Presidenza della Crui. Certo, sono contenitori spesso vuoti, ma fino ad ora impensabili. Anche nel Veneto si è molto lavorato in questa direzione, partendo dalla comprensione del rischio di un estraniarsi dell Università dalla società, se non avesse tempestivamente saputo diventare supporto allo sviluppo del territorio, attraverso ricerca e innovazione, ma in particolare alla condivisione delle scelte di investimento in ricerca. Tuttavia, il ruolo dell Università è fare 12

14 ricerca a 360 gradi. Ma che cosa vuol dire fare ricerca? E soprattutto: è giusto che si investa in una ricerca che può sembrare astrusa e lontana dalla realtà di tutti i giorni? La domanda, in un periodo di crisi come l attuale, se la pongono non più solo i privati ma anche le istituzioni pubbliche. E ancor di più se lo pongono i mezzi di informazione. Quanto può lo Stato o l Unione Europea finanziare la ricerca di base se questa non fa intravedere applicazioni di sorta? Ai nostri tempi si tende a riferirsi a ricerca intendendo innovazione basata sulla tecnologia esistente : è il significato che viene spesso attribuito a questo termine in ambito industriale, e che viene invece più propriamente denotato in ambito accademico come sviluppo. Ricerca, invece, vuol più correttamente significare definizione di nuove conoscenze, un aumento del Sapere, prerogativa eccelsa dell intelletto umano. Ma le definizioni o gli usi ambigui delle definizioni non giustificano la reciproca denigrazione. Ho la speranza che si sia giunti a comprendere che non ha senso schierarsi su rive opposte del fiume e che, pur mantenendo proprie finalità e motivazioni diverse, si sia infine compreso l enorme vantaggio pubblico del mettersi reciprocamente a disposizione e cooperare. Ma c è di più: se l Università apre concretamente ad un proprio ruolo strutturale nella società, essa viene chiamata direttamente a rispondere alle sfide che l umanità ha di fronte, garantendo, per esempio, che le nostre istituzioni creino conoscenza tanto socialmente utile quanto scientificamente meritoria in settori ampi e complessi come la salute, la giustizia sociale, la lotta contro la povertà, la conservazione dell acqua, l utilizzo sostenibile del territorio e l innovazione tecnologica. Si deve integrare la tradizionale vocazione primaria alla creatività, all innovazione, alla scoperta, con una dichiarata ed esplicita assunzione di responsabilità verso la società. Ogni generazione ha avuto le sue sfide, ma quelle del XXI secolo sono uniche, nella misura in cui essi determineranno il futuro benessere della nostra specie; e occuparsi di questo è diventato un imperativo categorico. Deve 13

15 essere chiaro che siamo chiamati a condurre un esperimento globale, in tempo reale, sul nostro pianeta, per energia, materiali, alimenti e acqua. Tuttavia, la complessità delle sfide che abbiamo di fronte sarebbe schiacciante se dovessimo dipendere solo dalle odierne conoscenze, dalle risorse tradizionali e dagli approcci convenzionali. Le Università dispongono della capacità di innovazione in grado di rimuovere tale dipendenza. Ma è altrettanto imperativo che si rendano disponibili al cambiamento. Il tema non è da focalizzare sulla questione del valore legale del titolo di studio. Contestare che il famigerato pezzo di carta non sia garanzia assoluta di qualità sarebbe negare l evidenza. Dietro di esso si nascondono molte debolezze dell Università italiana, certo, ma non facciamo l errore di confondere il fine con il mezzo, di pensare cioè di risolvere il problema dando la caccia alle streghe. Si tratta di un falso problema, se questo non va a confluire in una riforma più generale e strutturale. Mi chiedo: la soluzione non potrebbe essere più semplicemente e pragmaticamente quella di reintrodurre in maniera sistematica la valutazione, la selezione, il merito e nel caso specifico anche il confronto della programmazione universitaria con i bisogni della società? Anche la giustizia può avere delle manchevolezze, ma nessuno immagina di risolvere il problema togliendo il valore ai tribunali o alle loro sentenze. A meno che non si pensi che ricerca, cultura ed educazione superiore non siano un valore prioritario. Cooperazione interateneo e rapporti con la Regione Da tempo anche questo Ateneo, avendo ben presente un modello sociale ed economico di primaria rilevanza in una realtà di ordine europeo qual è il Nord Est in Italia, sta dedicando una crescente attenzione, insieme ad altre Università d eccellenza, ad una strategia concordata per individuare obiettivi comuni e razionalizzare le iniziative. 14

16 Come ho ricordato, l Università italiana ha molte pecche che, diversamente da quanto abitualmente denunciato, non sono carenze di qualità. Le carenze dell Università italiana sono carenze di governo del sistema, che non premia la qualità, non esce dalla logica delle pressioni lobbistiche indifferenti al merito. Ma in essa esistono situazioni molto diversificate e ritengo che se, come in altre aree del Paese, anche nel nostro Triveneto le Università potranno integrarsi in un ampio sistema territoriale, si darà vita ad un ulteriore elemento di eminente prestigio di questa zona, così come già assodato per il sistema sanitario, per la ricchezza culturale ed il patrimonio turistico, per il modello sociale e le potenzialità economiche, per la credibilità del sistema amministrativo. Un primo passo sostanziale in questa direzione è stato compiuto dando vita alla Fondazione interateneo Univeneto, che non è certo una nuova Università, ma un progetto territoriale di condivisione di risorse finalizzato al potenziamento dell esistente e alla sua ridistribuzione mirata, con programmi di collaborazione ed integrazione già proiettati in una più ampia visione futura che coinvolge ambiti geografici e geopolitici più estesi. Mi sembra che il valore di tale progetto sia molto evidente al mondo produttivo, sotto il profilo economico, qualitativo, in particolare nell ottica di una offerta solida e complessiva. Esso però solleva un ulteriore aspetto, quello del rapporto con i Governi Regionali. Se la Costituzione riconosce alle Regioni un trasferimento tanto importante su alcuni aspetti delle competenze statali tra cui l istruzione, la sanità, la ricerca, lo sviluppo industriale, la partecipazione ai programmi europei mi sembra che ciò che rimane ancora in un artificioso ed ingiustificato limbo è un ruolo pieno della Regione nel suo sistema universitario. La questione universitaria è tanto importante per la società che la competenza su di essa dovrebbe essere nelle mani di colui che rappresenta l espressione diretta del mandato popolare, il Presidente della Regione. Certamente il dialogo con il territorio l Università lo esercita colloquiando con gli Enti, con le imprese produttive, con le realtà finanziarie, ma non può mancare se ne avverte la carenza il coordinamento con il governo della Regione, 15

17 così come per questioni di specifica competenza, quali i servizi agli studenti o l edilizia, è stato possibile con l amministrazione comunale. Il protocollo d intesa con la Regione per Medicina Per la città e per l Università di Verona uno dei temi più immediatamente collegati al precedente è quello, importantissimo, dei rapporti tra la medicina universitaria ed il sistema sanitario, che in massima parte compete alle Regioni. Farò un breve cenno al ruolo che la disciplina medica ha avuto nell Università italiana e al ruolo eccelso che la Medicina universitaria ha avuto nella assistenza sanitaria del Paese. Sappiamo bene che per l Università la Medicina è un costo assai pesante ed ingombrante, ma sappiamo altresì che, proiettata in un ambito internazionale, la ricerca biomedica italiana detiene il primato del contributo italiano alla scienza, figurando in questo settore fra le otto nazioni al mondo che producono l 85% dei risultati di alta qualità. Il modello dell Ente ospedaliero unico voluto nel 1968 da Mariotti, produsse una profonda dispersione del grande ed esclusivo significato della missione universitaria in Medicina. Nel 1999 questa paradossale lacuna fu percepita e in parte colmata con la legge 517 che identificò le Aziende Ospedaliero- Universitarie Integrate quali sedi per l esercizio delle attività proprie degli studi medici. Fu un progresso, molto limitato tuttavia, perché il concetto di integrazione non si è rivelato risolutivo e lascia aperto il dualismo che emerge principalmente dalla differenza degli obiettivi primari, dalla asimmetria di forze, risorse e retribuzione del personale, dal costo aggiuntivo legato al coordinamento, dalla complessità di individuare finalità comuni, dalla competenza di legislazioni e autorità diverse. Preoccupa in particolare l Università l evidente rischio che le misure restrittive della spesa pubblica oggi intervenute, più che comprensibili, qualora applicate senza criteri di selettività, possano colpire ambiti di competenza 16

18 universitaria pregiudicandone la qualità. E ciò appare particolarmente sensibile nel settore della Medicina, massimamente vulnerabile per la sua stretta interdipendenza con la sanità, voce di spesa necessariamente e molto correttamente candidata ad una sensibile rimodulazione. La soluzione c è, non è difficile da realizzare ma richiede piena convinzione e, come più volte ho auspicato questa mattina, capacità di affrontare decisioni impopolari. Ce n è l occasione: la revisione del protocollo d intesa Università - Regioni prevista dalla legge 240/10, con lo strumento di un decreto interministeriale, potrebbe essere l occasione migliore per introdurre un nuovo concetto: la creazione, non in aggiunta, ma all interno della rete ospedaliera regionale, precisamente collocata per funzioni ai suoi vertici, di ospedali universitari, con ciò intendendo ospedali dedicati interamente alla funzione universitaria. Dovrebbero essere strutture gestite dalle Regioni, integralmente, unitariamente e specificamente dedicate alla triplice finalità di formazione, ricerca e assistenza, inserite nella programmazione sanitaria regionale con specifica missione, funzione, dotazione e indicatori di valutazione. Il termine integrazione dovrebbe essere superato in quello di unificazione, una volta definita la mission di questo ospedale, il cui personale non può che essere completamente equiparato per unicità di funzioni, di mansioni, di retribuzione, unicità o equivalenza di requisiti per il reclutamento, come pure identiche prospettive di transitare nel ruolo universitario, non più in ragione della categoria di appartenenza ma esclusivamente in base al merito, definito attraverso l ottenimento della abilitazione nazionale ed in base al fabbisogno di ruoli direttivi. Sarebbe un arricchimento veramente notevole. Questa soluzione riduce i costi perché elimina la conflittualità tra categorie, unica e nota causa di tante duplicazioni e sprechi del passato e favorisce la cooperazione tra Università e Servizio Sanitario, senza interferire con la programmazione e gestione delle attività proprie dell Università. Nella nostra sede, non senza inquietudini e malumori, abbiamo intrapreso questa strada con il contributo della ammirevole lungimiranza dell attuale Direttore Gene- 17

19 rale che, senza esitazione, ha compreso ed abbracciato questo programma. Per consolidare quanto fatto sinora, è tuttavia necessario lo strumento normativo cui poc anzi facevo riferimento. In assenza di questo gli equivoci e l attuale conflittualità continueranno ad interferire con lo sfruttamento massimo delle nostre potenzialità. Finanziamento Sappiamo bene tutti che il nostro Paese vive nella diffidenza istituzionalizzata, ragion per cui anche dell Università si diffida e si sostiene che vi sono Università buone e cattive. È uno sbaglio enorme. Ci sono Università ben amministrate e Università male amministrate perché, come sottolineato in precedenza trattando della governance, fino ad ora gestite nel labirinto di regole precostituite, spesso inapplicabili, ma senza valutazione di risultato. Questo tema fondamentale ci porta alla questione di cui in particolare si è parlato negli ultimi anni: il tema del finanziamento delle Università. Non credo vi sia oggi una sola persona tanto irresponsabile da non essere convinta della necessità di intervenire drasticamente sull ottimizzazione della spesa pubblica. Ma se è vero che bisogna ridurre la spesa pubblica, è altrettanto vero che bisogna riformare un Università che non corrisponde in modo sufficiente alle necessità del Paese. Purtroppo abbiamo vissuto un triennio molto problematico. Già nel 2007, in questa Università, il ministro dell Economia e Finanza ha lanciato un monito: Siete sottofinanziati: riformatevi per avere diritto di essere finanziati in misura adeguata a quella dei Paesi Ocse. Poi ci è stato detto: Siete sottofinanziati: riformatevi per poter utilizzare al meglio un ulteriore contrazione di risorse. Siamo arrivati al limite del collasso ma l incipit del nuovo ministro è insperabilmente rassicurante, non tanto per noi, quanto per il futuro del nostro Paese che da un Università che recuperi nella comunità internazionale 18

20 l apprezzamento di cui sta godendo l attuale governo trarrà il più importante beneficio per lo sviluppo delle sue potenzialità di produrre ricchezza. Credo non ci si possa nascondere che anche per la nostra Università comincia ora un lavoro ben più impegnativo di quanto è stato fatto. Fino ad ora abbiamo operato prevalentemente operazioni difensive, spendendo tempo e risorse in un processo a volte troppo farraginoso e formalistico di revisione statutaria, più attento ad aspetti estetici che a sostanziale attuazione di una vera riforma. In altre parole, abbiamo dato una nostra personale, e complessivamente virtuosa, interpretazione di vincoli, non di progetti. Da oggi ciò non sarà più sufficiente. Dobbiamo ripartire a costruire su obiettivi concreti. E noi li abbiamo già inseriti nella nostra programmazione triennale a partire dal 2007: Trasformazione dell obiettivo didattica in obiettivo apprendimento ; Rigoroso rispetto della valorizzazione dei più meritevoli e costruzione di una anagrafe dettagliata della ricerca con un appropriato sistema di verifica della attività di ricerca di ogni unità; Investimenti selettivi in ambiti di ricerca scientifica su aree di competenza e di cooperazione inter-ateneo; Sinergia con il mondo produttivo. Il problema più impegnativo, però, non risiede tanto nella legge 240/10, quanto nei provvedimenti finanziari; gli aspetti cruciali del finanziamento dell Università sono: La tempestività della assegnazione del Fondo; La pluriennalità della sua consistenza, indispensabile per azioni di piano; La valenza negativa di vincolarne la parte preponderante alla numerosità degli studenti che induce al mercato degli studenti; Il progressivo incremento della componente variabile misurata sulla qualità della performance, con massima attenzione ai parametri di giudizio che debbono essere confrontabili e non selettivi. Se si decide, opportunamente, di investire su un limitato numero di progetti nazionali allora non si 19

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli