Update. Esperienza e competenza: il binomio vincente. La gestione attiva un modello per il mondo di oggi e di domani II / 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Update. Esperienza e competenza: il binomio vincente. La gestione attiva un modello per il mondo di oggi e di domani II / 2014"

Transcript

1 II / 2014 Update La rivista di Allianz Global Investors per gli investitori istituzionali Esperienza e competenza: il binomio vincente La gestione attiva un modello per il mondo di oggi e di domani AZIONI Azioni: la nuova opzione sicura SMALL CAP Piccole imprese: grandi opportunità STRATEGIA Gestione di successo di una strategia di hedge fund market-neutral Documento ad uso esclusivo di investitori professionali, che non costituisce offerta al pubblico di prodotti/servizi finanziari.

2 06 AZIONI Azioni: la nuova opzione sicura 14 SMALL CAP Piccole imprese: grandi opportunità IN PRIMO PIANO Novità dal mondo di Allianz Global Investors STRATEGIA Gestione di successo di una strategia di hedge fund market-neutral INTERVISTA La gestione attiva 32

3 Update II/2014 EDITORIALE Raggiungere il grado ottimale di maturità Care Lettrici, cari Lettori, deludendo le aspettative il trend dei tassi di interesse dall inizio dell anno ha intrapreso un andamento al ribasso. Andamento decisamente più accentuato nei paesi periferici che partivano tuttavia da un livello notevolmente più elevato. Quale strategia rappresenta la migliore soluzione se il tasso di interesse per titoli governativi a dieci anni si trova su livelli intorno al 1,4 % in presenza di dibattiti accesi legati alla possibile deflazione in Eurolandia? Ridurre il rendimento atteso per gli investimenti azionari potrebbe rappresentare una soluzione, che tuttavia non trova applicazione tra gli investitori istituzionali a causa di disposizioni legali e di regolamenti interni. A chi spetta quindi il compito di eliminare il gap legato ai minori rendimenti? La modifica nell orientamento all investimento è secondo Allianz Global Investors una strada percorribile. Update si focalizza su questo tema e si dedica in questa edizione soprattutto alla possibilità di investimento con migliori aspettative di rendimento. Harald Sporleder approfondisce alcuni aspetti di una strategia hedge fund, long-short, basata sulla combinazione di un analisi esperta delle singole posizioni e di un puntuale sistema di gestione del rischio. Come spiega Andreas Utermann in un intervista, nell attuale contesto di mercato, solo la gestione attiva è in grado di incrementare il rendimento dei portafogli Active Share versus Tracking Error. Come ulteriore esempio, l interessante asset class azionaria Global Small Cap, in grado di generare nel lungo periodo un rendimento maggiore rispetto agli investimenti più tradizionali. Negli ultimi 13 anni, in controtendenza rispetto alle perdite registrate sugli investimenti azionari, questa asset class è riuscita ad ottenere un livello di rendimento (rispetto al MSCI World Global Small Cap Total Return Index) superiore al 300 %. Stefan Scheurer descrive nel suo articolo le motivazioni per cui l investimento in questa asset class sia in grado di offrire interessanti opportunità di conseguire rendimenti maggiori della media. Cari lettori, siamo sempre più convinti che l aumento della gestione attiva in portafoglio sia l unica via percorribile nell attuale contesto, per ottenere rendimenti più elevati. Potete contare sul valido solido supporto di Allianz Global Investors. Cordiali saluti. Ernst J. Riegel Managing Director Responsabile Organizzazioni & Banche in Germania

4 In primo piano Novità dal mondo di Allianz Global Investors OUTLOOK Global Strategic Outlook, Secondo trimestre 2014 Dall inizio dell anno gli asset rischiosi hanno tendenzialmente generato rendimenti positivi. Sebbene i risultati positivi sulle azioni globali siano stati contenuti nel primo trimestre rispetto all indice MSCI, il rendimento è stato leggermente positivo considerando i dividendi. Quali sono le prospettive future? C è ancora spazio per la crescita? Nel Global Strategic Outlook troverete le valutazioni dei nostri migliori esperti: accompagnate da interessanti contenuti sull aspetto socio-economico. Il trend con l inflazione in calo che persiste in Europa e negli Stati Uniti è destinato a proseguire, o si trasformerà addirittura in deflazione? Motiviamo il nostro scenario sull inflazione per i prossimi due anni. RETROSPETTIVA Sintesi dell AllianzGI Investor Forum 2014 Dal 28 maggio al 6 giugno con lo slogan Taking Smart Risk si è tenuto in 5 stati europei l AllianzGI Investor Forum. Ci troviamo in un contesto di bassi tassi in cui il maggior rischio è non assumere rischi, questa la frase di apertura in tutte le location europee. Con questa affermazione si desidera sottolineare che, nell attuale contesto di mercato, l investimento in asset class rischiose è l unica strada percorribile per poter ottenere rendimenti interessanti nel lungo periodo. Siamo sempre più convinti che assumere smart risk è diventata una necessità più che un opzione. I numerosi workshop e conferenze hanno avuto lo scopo di informare gli investitori sulle possibili opportunità d investimento e sulle strategie di gestione del rischio implementabili nell attuale fase del ciclo economico. INFRASTRUTTURE Allianz Global Investors investe oltre due miliardi di euro in infrastrutture AllianzGI ha raggiunto il traguardo di 2 miliardi di di investimenti in infrastrutture, destinando le risorse dei clienti al finanziamento di tali progetti. I progetti infrastrutturali finanziati si ripartiscono in sette Paesi europei e coprono diverse zone valutarie. Gli investimenti infrastrutturali offrono agli investitori con orizzonte di lungo periodo rendimenti stabili ed interessanti, superiori a quelli offerti dalle obbligazioni governative. AllianzGI è stata una dei primi asset manager a creare un team specializzato nello studio e nella selezione dei progetti infrastrutturali, consentendo al gruppo e ai clienti di partecipare ad investimenti profittevoli. Oltre ai finanziamenti già in essere, AllianzGI sta partecipando a numerose trattative finalizzate alla partecipazione attiva in nuovi progetti. Gli investimenti nel debito infrastrutturale sono fortemente illiquidi e concepiti solo per investitori professionali con aspettative di lungo periodo. 4

5 Update II/2014 PRiAS + Analisi degli obblighi pensionistici INDAGINE Global RiskMonitor L indagine globale RiskMonitor di AllianzGI rileva semestralmente come il rischio di mercato sia percepito dagli investitori istituzionali, e come tale percezione si rifletta nella costruzione del portafoglio d investimento. Complessivamente hanno partecipato all indagine oltre 400 persone di 51 paesi diversi. Dai risultati emerge che gli investitori istituzionali alla ricerca di rendite più elevate stanno pianificando una ristrutturazione del portafoglio, puntando sempre di più sull acquisto dell asset class azionaria e su investimenti alternativi e riducendo nel contempo l esposizione alle obbligazioni governative dei paesi sviluppati. ALLIANZ GLOBAL SOLUTIONS Nuovo: App PRiAS+ per la consulenza sul posto Lo sviluppo della nuova App PRiAS+, consente di svolgere durante gli incontri con i clienti l analisi dei rischi relativi agli obblighi pensionistici, semplificando in tale modo le procedure. Le esperienze hanno mostrato che specialmente all inizio dei colloqui sul tema finanziamento di obblighi pensionistici ovvero Asset Liability-Management una analisi dettagliata del rischio degli obblighi pensionistici risulta di difficile applicazione. Con l ausilio della nuova App PRiAS+ gli esperti sono in grado di fornire una consulenza ancora più chiara sull argomento rischi pensionistici. Gli intervistati in Europa non ritengono che la BCE sia in procinto di riportare il tasso base alla media di lungo periodo. Quasi due terzi degli intervistati ritengono che ciò potrebbe accadere soltanto dopo il Vedono segnali del fatto che per le azioni dei paesi sviluppati, i titoli a elevato rendimento, gli immobili in paesi emergenti e le obbligazioni Investment Grade nel 2014 si potrebbero creare delle bolle nelle quotazioni. Gli investitori europei hanno una percezione di rischio limitata per l implementazione dei requisiti normativi e di governance per la valorizzazione dei valori di quota dei fondi, mentre vedono più onerose le implementazioni richieste dalla normativa UE. 5

6 6 Azioni

7 Update II/2014 Azioni: la nuova opzione sicura In un orizzonte d investimento di lungo periodo le azioni sono più sicure rispetto alle obbligazioni governative con rating elevati. Tutto dipende dal punto di vista. 7

8 AZIONI AUTORI: HANS-JÖRG NAUMER & DENNIS NACKEN L azione: storia di una crescita La lunga storia di successo delle azioni non ci sorprende negli ultimi 200 anni il benessere soprattutto nei paesi sviluppati è cresciuto enormemente. E con la crescita di lungo periodo si ha per lo più una crescita degli utili a vantaggio l azionista. Uno sguardo al passato degli USA che dispone di una storicità maggiore rispetto agli altri paesi e dal quale si possono trarre numerosi insegnamenti mostra i seguenti fatti. Il valore nominale degli utili d impresa dal 1871 è cresciuto di ca. il 4 % annuo nonostante profonde crisi e recessioni. La crescita degli utili negli Usa è stata accompagnata dall aumento dei corsi azionari sui mercati americani. Il valore dell indice S&P 500 (Standard & Poor s) nel periodo compreso tra il e il è passato da 4.44 a punti, registrando una crescita del valore nominale circa del 4,3 % p. a.. Il contributo derivante dal reinvestimento dei dividendi che hanno guadagnato in media il 4,4 % circa, è stato significativo per poter ottenere un total return di oltre punti, con un aumento di S&P 500 dell 8,7 % annuo. Con un deposito storico in azioni del valore allora di 10 dollari USA gli eredi sarebbero oggi milionari con un valore patrimoniale circa 1,5 milioni di dollari USA (Grafico 01). Ma: Le azioni sono più sicure delle obbligazioni? Questa affermazione effettivamente può sembrare provocatoria, ma in realtà tutto dipende dalla definizione di sicurezza, o di rischio adottata dagli investitori, nonchè dall orizzonte d investimento considerato. Generalmente il rischio associato ad un asset class è misurato in termini di volatilità. Se è proprio la volatilità ad essere presa come riferimento per la quantificazione del rischio, allora le azioni in passato sono state certamente più rischiose rispetto ad altri investimenti. Le oscillazioni annuali partivano dal 38 % (del 1932) fino al +66 % (1862). Al contrario, la massima perdita registrata dai titoli di stato è stata del 22 % (1864), ma d altra parte non hanno mai registrato risultati così brillanti come quelli azionari, raggiungendo nell anno migliore un rendimento di soltanto +35 % (1982). Il timing dell investimento non era irrilevante. Sorprendentemente, anche i possessori di titoli legati al mercato aureo hanno subito predite consistenti. I divari delle rendite si sono portati da ca. il 16 % (1948) a ca. il +24 % nel 1801 (Grafico 02). 8

9 Update II/ AZIONI UNA STORIA DI CRESCITA Andamento dell indice S&P 500 dal 1871 Rendita media (incl. dividendi): 8,7 % p. a S&P 500 (Tasso di cambio) 10 S&P 500 (Indice della performance) Fonte: Robert J. Shiller Database, calcoli propri, AllianzGI Capital Markets & Thematic Research; I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri e possono risentire negativamente dellle fluttuazioni del tasso di cambio. Il valore nominale degli utili aziendali è cresciuto dal 1871 di ca. il 4 % annuo nonostante profonde crisi e recessioni. 9

10 AZIONI 02 RANGE DELLE OSCILLAZIONI DELLE DIFFERENTI ASSET CLASS DAL 1800 Ampiezza delle oscillazioni di S&P 500 dal 1800 (reale p. a.) un anno 5 anni 10 anni 30 anni 40,00 % 20,00 % 0 % 20,00 % 40,00 % 60,00 % Titoli obbligazionari Mercato monetario Azioni Fonte: Jeremy Siegel database & Elroy Dimson, Paul Marsh and Mike Staunton , Datastream, AllianzGI Capital Markets & Thematic Research; I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. 10

11 Update II/2014 Il rischio: eliminare no, gestire si! Con l allungarsi dell orizzonte d investimento sembra diminuire l importanza del timing per gli investimenti azionari. Gli investitori che negli ultimi 213 anni avessero lasciato i propri risparmi investiti in azioni per un periodo di cinque anni, per esempio, avrebbero subito una perdita in 36 casi, e solo in 16 casi considerando invece un periodo rolling a 10 anni. Per un periodo susseguente di dieci anni questo si è verificato solo sedici volte. Un calcolo effettuato su un campione di titoli USA compresi nell indice S&P 500 illustra chiaramente questo risultato. La performance è stata misurata a partire dal 1800 per un periodo rolling di 5 anni (cfr. Grafico 3). Nel peggiore dei casi, dal 1916 al 1921, è stata realizzata una perdita media annua di poco superiore all 11 %, mentre nel migliore dei casi il guadagno ha sfiorato il 27 % ( ). È interessante notare come i titoli governativi a 10 anni abbiano sofferto maggiori periodi di perdita sui cinque anni. La perdita annua media in questo caso ha addirittura superato il 10 % dal 1976 al 1981 e dal 1914 al Se gli investitori definissero la sicurezza in termini di conservazione del potere d acquisto (anche in presenza di tassi di inflazione in aumento), piuttosto che in base alle oscillazioni delle quotazioni, storicamente le azioni si rivelerebbero effettivamente più sicure delle obbligazioni lungo un orizzonte di investimento superiore a 10 anni (cfr. Grafico 3). Da un analisi dei rendimenti rolling medi a dieci anni emerge infatti che, negli ultimi 213 anni, i valori massimi negativi registrati dalle azioni sono stati di minore entità rispetto a quelli riferibili ai titoli governativi sia a breve che a lungo termine. Nel periodo di picco tra il 1949 e il 1959, un azionista avrebbe potuto guadagnare mediamente circa il 17 % p. a. in termini reali, mentre avrebbe perso circa il 4 % p. a. negli anni della Prima Guerra Mondiale (dal 1911 al 1921) e durante la prima crisi petrolifera (dal 1965 al 1975). Per contro, i detentori di obbligazioni statunitensi avrebbero sofferto perdite maggiori, superiori al 5 % p. a. in termini reali, dal 1971 al 1981, periodo di notevole aumento dell inflazione. In confronto, la performance negativa del mercato azionario dal 2000 al 2009, legata alla bolla tecnologica ed alla crisi finanziaria, è stata più moderata ( 3 % p. a.). 11

12 AZIONI 12

13 Update II/2014 Anche la fase più recente del mercato azionario trentennale è stata in grado di reggere il confronto storico nonostante le ripetute turbolenze dei mercati finanziari. Se estendiamo ulteriormente l orizzonte di investimento, analizzando periodi rolling trentennali negli ultimi 213 anni possiamo osservare che i rendimenti reali generati dalle azioni sono sempre stati positivi. In media, i valori degli asset sono cresciuti del 6,94 % p. a. al netto dell inflazione (cfr. Grafico 4). Il rendimento minimo a 30 anni generato tra il 1903 e il 1933 è stato del 2,81 % p. a., mentre il più elevato è stato del 10,6 % p. a. nel periodo tra il 1857 e il 1887 (per quanto entrambi i periodi risalgano effettivamente a molto tempo fa). Comunque, nonostante le forti turbolenze che hanno ripetutamente colpito i mercati finanziari, l andamento del mercato azionario negli ultimi 30 anni regge il confronto con i dati storici: se un investitore avesse comprato azioni USA nel 1983, avrebbe guadagnato intorno al 7,5 % p. a. in termini reali. Per contro, investendo negli Stati Uniti in titoli del mercato monetario (T-Bill a 3 mesi) e titoli governativi (Treasury USA decennali) si poteva correre il rischio di registrare perdite in termini reali. Per esempio, gli investitori che avessero optato per i depositi a tasso fisso tra il 1923 e il 1953, e nei successivi periodi trentennali fino al 1980, avrebbero sofferto una perdita del potere d acquisto; lo stesso sarebbe accaduto ai detentori di titoli governativi USA, in riferimento però al periodo dal 1934 al 1965 e ai successivi periodi fino al 1985 l era della financial repression. I depositi a tasso fisso al massimo avrebbero perso l 1,75 % p. a. ( ) e i Treasury decennali il 2 % p. a. ( ). Affermare che le azioni siano più sicure delle obbligazioni governative è una questione di punti di vista. Una cosa è certa: sono presenti in quasi tutti i portafogli. Hans-Jörg Naumer è entrato in Allianz Global Investors nel 2000 come Global Head di Capital Markets & Thematic Research. Le analisi dell allocazione strategica e tattica nonché di specifiche opportunità di investimento e l elaborazione di trend di lungo periodo degli investimenti di capitali rappresentano l aspetto fondamentale del suo lavoro. Hans-Jörg Naumer è anche il referente europeo del Center of Behavioral Finance di AllianzGI, con sede negli USA, che si dedica all applicazione pratica dell economia comportamentale. Prima di Allianz Global Investors, in Société Générale in Germania, ha fatto parte del team di ricerca francese a supporto degli investimenti della banca e successivamente è divenuto responsabile della ricerca per la Germania. Dennis Nacken è entrato in Allianz Global Investors nell ottobre del 2006 e riveste il ruolo di Vice President per i Family Office dove assiste le realtà imprenditoriali dei Family Office. Il settore Family Office fornisce consulenza generale dalla gestione patrimoniale, alla gestione del rischio nonché nelle asset class più tradizionali (azioni e obbligazioni) e in tutte le asset class meno liquide e più di nicchia. Dal 2003 al 2006 Dennis Nacken ha ricoperto il ruoli di strategist in AllianzGI per Capital Markets & Thematic Research. Si è occupato non solo delle attuali prospettive dei mercati internazionali, ma ha redatto diversi studi approfonditi che sono stati tradotti in diverse lingue. Prima di AllianzGI è stato analista responsabile del settore chimico e petrolifico in Helaba Trust. Dennis Nacken ha studiato presso l Università di Amburgo VWL e alla Wirtschaftsakademie Hamburg BWL ed è laureato in Economia aziendale. Ha conseguito il Chartered Financial Analyst (CFA). 13

14 Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In presenza di bassi tassi di interesse delle Banche Centrali, sembra siano in particolare i titoli Small Cap internazionali a beneficiare della situazione realizzando performance tendenzialmente superiori rispetto alle società Large Cap. AUTORE: STEFAN SCHEURER 14

15 Considerando un ampio arco temporale (gennaio 2001 aprile 2014) risulta evidente che: i mercati azionari globali hanno conseguito rendimenti di circa 90 % (misurato con l indice MSCI World World Total Return in dollari USA), mentre nello stesso periodo l indice Small Cap Total Return (calcolato da MSCI, investimenti globali, misurato in dollari USA) è quasi triplicato. La migliore performance a lungo termine, sebbene agevolata dai bassi tassi di interesse concessi dalle Banche Centrali, ha ricompensato gli investitori per il maggior rischio associato ad un investimento nelle Small Cap anche in presenza della bolla dotcom a cavallo tra il secolo scorso e quello attuale, della crisi dei mercati finanziari e della crisi del debito dell UE (vedi Grafico 1). Ciò è decisivo per poter ottenere, in un periodo di financial repression, un rendimento reale positivo al netto dell inflazione (Grafico 02). Analogia con la fase congiunturale passata Fin ora abbiamo affrontato le analisi basandoci su valori medi in quanto Large Cap e Small Cap possono registrare performance diverse nelle diverse fasi economiche di ripresa o di flessione del contesto economico. Le società Large Cap registrano andamenti migliori durante le fasi di recessione o di sviluppo economico debole, infatti storicamente i drawdown delle Blue Chip sono stati inferiori a quelli delle società medio-piccole. Il principale 15

16 SMALL CAP 01 LE SMALL CAP HANNO GUIDATO LA PERFORMANCE ( =100) indicizzato MSCI World Index (Total Return) MSCI World Small Cap Index (Total Return) MSCI World Large Cap Index (Total Return) Fonte: Datastream, AllianzGI Global Capital Markets & Thematic Research, Q I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. 02 SMALL CAP: RENDIMENTI MIGLIORI 50 % 40 % Large Cap Small Cap 0,4 0,48 30 % 20 % 15,6 17,5 10 % 7,1 8,7 0 % Rendita annua Rischio annuo Sharpe Ratio Fonte: Datastream (MSCI Total Return Indexes), Periodo 01/ /2014; AllianGI Global Capital Markets & Thematic Research, Q I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. 16

17 Update II/2014 In tempi di minore propensione al rischio è di fondamentale importanza anche la liquidità dei titoli di investimento. responsabile è la diversa propensione al rischio degli investitori durante le fasi di flessione e durante i periodi di ripresa. Quando la propensione al rischio diminuisce, in genere, gli investitori si concentrano principalmente sulla liquidità dei titoli, preferendo le società con elevata capitalizzazione di mercato e, di conseguenza, alti livelli di liquidità in quanto contano di poter rivendere più velocemente i titoli. In queste fasi, i titoli a bassa capitalizzazione tendono a passare in secondo piano. Le azioni small cap in alcuni casi riportano performance migliori rispetto alle large cap, in particolare nei periodi di ripresa economica. Sebbene siamo tutti consapevoli che i rendimenti passati non siano indicativi dei risultati futuri, sembra emergere una certa correlazione tra significative performance e sviluppo economico. Negli ultimi anni le azioni Small Cap hanno decisamente sovraperformato il mercato delle Large Cap, il che potrebbe portare a pensare che le valutazioni del segmento Small Cap siano notevolmente migliorate. Se scegliamo come riferimento per la valutazione il P/E (coefficiente prezzo / utili) basato sugli utili stimati per i prossimi 12 mesi, effettivamente le Small Cap sembrano sopravvalutate del % (a seconda dell area geografica considerata) rispetto alle Large Cap. Comunque, non possiamo ignorare che in passato questo segmento è sempre stato trattato a premio rispetto alle azioni Large Cap. Se si considerano però le valutazioni sul PBR (coefficiente prezzo / valore di bilancio) questa presunta sopravvalutazione risulta decisamente ridimensionata. Su questa base, le valutazioni delle Small Cap sono allineate o, nella maggior parte dei casi, inferiori alla loro media a lungo termine degli ultimi 10 anni e quindi, in alcuni casi, decisamente lontane dai picchi toccati a fine 2007 nelle valutazioni. 17

18 SMALL CAP Le operazioni M&A tornano ad essere una priorità Quali fattori sono in grado di giustificare una valutazione relativamente superiore dei titoli Small Cap? Le Small Cap sono più dipendenti dai cicli economici rispetto alle Large Cap, in particolare per il fatto che il settore delle Small Cap è pesantemente orientato verso i settori economici ciclici. Il maggior rischio associato all investimento nei titoli Small Cap dovrebbe riflettersi in premi più elevati per il rischio e la liquidità, vale a dire in una migliore performance. Le società di dimensioni medio-piccole in molti casi stanno ancora crescendo, e sono orientate a conquistare i mercati di riferimento per diventare Large Cap. La crescita più sostenuta rispetto alle società a maggiore capitalizzazione si riflette analogamente in un superiore e futuro aumento degli utili, il che potrebbe giustificare le valutazioni più elevate. Le azioni Small Cap potrebbero inoltre beneficiare delle operazioni di M&A (fusione e acquisizione). Maggiori acquisizioni d impresa Recentemente sembra emergere una tendenza sui mercati azionari: le operazioni di fusione e acquisizione sono apparentemente ritornate in cima alla lista delle priorità nei programmi delle società. In totale negli anni dal 2001 al 2013 si sono registrati i seguenti dati di acquisizione: Oltre 800 Small e Mid Cap negli USA, contro solo circa 60 Large Cap. Oltre 500 Small e Mid Cap nel Regno Unito contro circa oltre 70 Large Cap. Oltre Small e Mid Cap in Giappone versus ca. 30 Large Cap. È interessante notare anche il netto aumento nel numero di acquisizioni, specialmente dopo le crisi come nel caso della bolla TMT del 2000/2001 e della crisi del mercato finanziario del 2008/2009 con le società che perseguono l obiettivo di un ulteriore crescita (Grafico 03): 18

19 Update II/

20 SMALL CAP 03 MAGGIORI PREMI PER SMALL E MID CAP Premi pagati ad esempio negli USA (in %) 80 % Ø 25 % Premi per Small Cap 70 % 60 % 50 % 40 % Ø 26,1 % Premi Mid Cap Ø 25 % Premi Small Cap 30 % Ø 9,8 % Premi Large Cap 20 % 10 % 0 % 10 % Small Cap Mid Cap Large Cap Fonte: Bloomberg, S&P Indices, AllianzGI Global Capital Markets & Thematic Research, Q

21 Update II/ UNIVERSO DI INVESTIMENTO PER SMALL E MID CAP NAUTRALMENTE PIU GRANDE MSCI World Ponderato secondo capitalizzazione di mercato (in ) dell impresa Ponderato secondo il numero delle aziende 15 % Mid Cap 4 % Small Cap 21 % Small Cap 81 % Large Cap 39 % Mid Cap 38 % Large Cap Fonte: Datastream, AllianzGI Global Capital Markets & Thematic Research, Mai Negli USA è stato pagato un premio medio per le Small Cap di circa il 25 % e per le Mid Cap di circa il 26 %. Per le Large Cap invece il premio era solo del 10 %. Nel Regno Unito è stato pagato un premio medio per le Small Cap di circa il 20 % e per le Mid Cap di circa il 16 %. Per le Large Cap era invece di circa l 11 %. In Giappone è stato pagato un premio medio per le Small Cap di circa il 7 % e per le Mid Cap di circa il 5 %. Per le Large Cap invece il premio era solo del 4 %. La recente tendenza all aumento probabilmente continuerà, specialmente tenendo conto delle favorevoli condizioni di rifinanziamento, delle interessanti valutazioni di molte società e dell ingente liquidità disponibile. In presenza di una minore crescita tra le società dei paesi industrializzati, queste ultime sembrano essere sempre più alla ricerca di mezzi di espansione esterna o di nicchie interessanti. Management attivo soprattutto per le Small Cap L aumento dei corsi azionari ha fatto salire la capitalizzazione di mercato di alcune Small e Mid Cap al punto da farle diventare Large Cap e, di conseguenza, l universo di investimento pur rimanendo ampio si è notevolmente ridotto. Esempio: nell Indice MSCI World sono quotate in totale oltre società, di queste, circa sono imprese medio-piccole (a maggio 2014), con una quota di circa il 60 % (cfr. Grafico 04). Riuscire a generare rendimenti interessanti in questo ampio e particolare segmento richiede soprattutto, una politica di gestione attiva in cui la selezione dei titoli diventa sempre più importante per i titoli a bassa capitalizzazione rispetto alle Blue Chip. Alcuni investitori ed analisti hanno le competenze e le capacità per elaborare meglio e più velocemente le informazioni: questo vantaggio può essere utilizzato per perseguire rendimenti elevati, specialmente nell area delle Small e Micro Cap, in quanto la 21

22 SMALL CAP 05 NUMERO MEDIO DI ANALISTI PER OGNI SINGOLO TITOLO Quanto minore è il numero degli analisti del mercato dei capitali e delle relative imprese, tanto maggiore è l inefficienza informativa, che a sua volta può essere utilizzata attivamente NASDAQ S&P 600 SDAX FTSE 250 Topix 500 S&P 400 TecDax Topix 100 MDAX S&P 500 Stoxx 600 FTSE 100 Dow Jones S&P 100 EuroStoxx 50 DAX Fonte: Bloomberg, AllianzGI Global Capital Markets & Thematic Research, a maggio

23 Update II/2014 Le piccole e medie imprese saranno probabilmente anche in futuro una classe interessante di investimento. copertura delle singole società da parte degli analisti è relativamente bassa (cfr. Grafico 05). Numerosi analisti e investitori professionali sono interessati alla Large Cap, mentre molto più modesta è l attenzione rivolta alle Small e Micro Cap. Poiché l efficienza informativa è inferiore, le informazioni relative al prezzo probabilmente circolano meno velocemente. Chiunque sia ben informato può usare il vantaggio informativo per cercare rendimenti superiori. Un buon processo di analisi dei dati fondamentali può offrire vantaggi, special mente nel caso delle Small e Micro Cap, grazie alla capacità di sfruttare al meglio la minore efficienza informativa. Stefan Scheurer in Allianz Global Investors dal 2008 come Vice President Global Capital Markets & Thematic Research. Le analisi dell allocazione strategica e tattica nonché di specifiche opportunità di investimento e l elaborazione di trend di lungo periodo degli investimenti di capitali rappresentano l aspetto fondamentale del suo lavoro. Dopo la laurea ha iniziato la carriera nel 2007 nella broker-house Cheuvreux S.A. come analista. Qui era responsabile della consulenza di investimento a livello singoli titoli per i settori tecnologia informatica, software ed energie rinnovabili. I suoi studi sull analisi dei mercati sono stati pubblicati in undici lingue e letti in tutto in mondo. Piccole imprese: grandi opportunità La sovraperformance delle Small Cap prosegue ormai da tempo, ma riteniamo ci siano ancora numerose opportunità in grado di rendere interessanti gli investimenti nelle società a medio piccola capitalizzazione. Questa asset class dovrebbe essere avvantaggiata non solo dai budget di rischio più generosi di inizio anno o dall aumento delle acquisizioni, i titoli Small Cap dovrebbero continuare a beneficiare anche della prevista ripresa economica in grado di renderli un interessante investimento da aggiungere a un portafoglio strutturato e diversificato. 23

24 Strategia 24

25 Update II/2014 La gestione di successo di una strategia hedge fund market-neutral Il settore internazionale degli hedge fund dal 2007 si trova in una situzione non felice. Il nuovo millennio era iniziato con una incredibile crescita delle strategie alternative, spinte in particolare dal mercato USA. AUTORI: HARALD SPORLEDER & SPENCER RHODES Oggi siamo arrivati ad una situazione in cui, a causa di pesanti omissioni riguardo alla Corporate Governance, Compliance, Trasparenza e Gestione del rischio, che hanno accompagnato la crescita degli hedge fund, le attese e l iniziale fiducia degli investitori con il passare del tempo sono state deluse. Guardando al recente passato, possiamo affermare che con l insolvenza di Lehman Brothers e lo scandalo Madoff del 2008/2009 il settore degli hedge funds ha toccato il fondo, spingendo molti investitori a disinvestire dai cosiddetti prodotti offshore che avevano sede per lo più in regioni poco regolamentate come le Isole Cayman. La richiesta di soluzioni con bassa correlazione con le tradizionali classi di investimenti permane elevata. Soprattutto l attuale situazione dei tassi spinge gli investitori sempre più a ripensare le decisioni di allocazione in relazione a strategie alternative di investimento. I Fondi Ucits cambiano la scena Con la comparsa dei Fondi UCITS, disponibili dal 2008, gli investitori hanno oggi accesso a strategie di hedge funds liquide, completamente soggette a normative e che soddisfano pienamente i requisiti di trasparenza. In particolare negli ultimi tre anni i volumi dei Fondi UCITS, che rappresentano strategie di investimento alternative e sono registrati in Lussemburgo o in Irlanda, hanno evidenziato forti tassi di crescita. Essi ammontano attualmente a 200 miliardi di Euro (Grafico 01). Numerose banche di investimento a seguito di recenti indagini hanno confermato che gli investitori istituzionali scoprono e scelgono sempre più strategie azionarie, pertanto strategie di investimento in azioni con esposizione effettiva molto bassa (Beta) rispetto al mercato azionario, grazie al profilo interessante 25

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager Soluzioni orientate ai risultati Obiettivo raggiunto L esperienza trentennale di UBS Global Asset Management nella gestione dei

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.com Mangustarisk Italia s.r.l. Via Giulia, 4 00186, Roma (Italia) Tel. +39 06 45439400 Fax.

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Ignis Asset Management

Ignis Asset Management Ignis Asset Management Indice 2 Storia di Ignis 3 Ignis oggi 4 Eredità 5 Punti di forza 6 Capacità: innovazione, competenza ed esperienza 7 Panoramica sui prodotti 8 Assistenza clienti: il potere delle

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

Le nostre proposte Advisory. La consulenza patrimoniale professionale

Le nostre proposte Advisory. La consulenza patrimoniale professionale Le nostre proposte Advisory La consulenza patrimoniale professionale Le nostre proposte Advisory la consulenza patrimoniale su misura per voi Cosa vi offriamo? Desiderate beneficiare di un monitoraggio

Dettagli