DONNE, ECONOMIA, CRESCITA: LA VIA PUGLIESE ALLO SVILUPPO SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DONNE, ECONOMIA, CRESCITA: LA VIA PUGLIESE ALLO SVILUPPO SOCIALE"

Transcript

1 DONNE, ECONOMIA, CRESCITA: LA VIA PUGLIESE ALLO SVILUPPO SOCIALE ARTI, Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione della Puglia Annamaria Monterisi, Responsabile Relazioni Esterne; Giuliana Trisorio Liuzzi, Presidente Perché presentare il caso Puglia nel contesto del progetto GEWAMED? E perché a presentarlo è un agenzia della Regione Puglia che si occupa di innovazione? Perché le strategie elaborate a livello internazionale ed Europeo per stimolare modelli di sviluppo che innescano crescita e occupazione sono imperniate sull innovazione, proprio come le politiche di promozione di crescita e occupazione che la Regione Puglia ha avviato, cercando di rimediare alle debolezze del sistema regionale e di far leva sui propri punti di forza. L innovazione è un ambito che si presta ad essere popolato da protagoniste femminili. Lo dice una parte della letteratura scientifica, lo dice il fatto che negli ultimi decenni il livello di istruzione delle donne si è elevato esponenzialmente, lo dicono gli esempi brillanti di donne ricercatrici e innovatrici che sono presenti qui oggi a testimoniare non realtà singole e sparute, ma un fenomeno di massa. Le donne, in massa, sono nella ricerca e nell impresa. Le donne pugliesi oggi sono un soggetto nuovo, forse non sempre collettivo, ma certamente protagonista della società e dell economia. Il legame con la terra non le caratterizza più, perché la Puglia non è più una regione essenzialmente agricola. Le pugliesi del 21 secolo sono comunque un motore dell economia. Obiettivo delle politiche regionali, come vedremo, è quello moltiplicare i casi di successo femminile e di renderli, progressivamente, una caratteristica strutturale del contesto pugliese. Parliamo di una regione che oggi è considerata un territorio a sviluppo intermedio. Nel 2010, con una popolazione di abitanti su una superficie di Km 2 ha prodotto un PIL di quasi 70 miliardi di euro, contando circa imprese (il 7% del totale nazionale). La sua economia si basa su: comparti produttivi emergenti basati sulla economia della conoscenza (aerospazio, meccatronica, energie rinnovabili, edilizia sostenibile); comparti del made in Italy caratterizzati da qualità e design (tessile, abbigliamento, calzature, arredamento); agroalimentare, turismo e logistica. La crisi economica globale sta inevitabilmente determinando mutamenti della struttura produttiva anche della Puglia e questo influisce sull evoluzione del mercato del lavoro anche femminile. Chi sono, come sono, cosa fanno oggi le donne pugliesi? In Puglia le donne sono poco più di , il 51% degli abitanti. Entro il 2020, i bambini e i ragazzi al di sotto dei 19 anni, sommati agli adulti oltre i 65 anni, determineranno una quota crescente di popolazione che graverà sulle classi di età intermedie, richiedendo cure tradizionalmente in capo alla componente familiare femminile. Dunque, nonostante il calo della natività, quello delle donne continuerà inevitabilmente a configurarsi come un ruolo di caregiver, comportando verosimilmente una sempre maggiore problematicità nella conciliazione dei tempi famiglia-lavoro. Emancipazione fa rima con istruzione. Anche in Puglia nel corso dell ultimo decennio, le leve più giovani tra le donne hanno cercato di investire consapevolmente o inconsapevolmente, perché seguendo scelte familiari nella propria istruzione, cioè nella qualificazione del capitale umano. Uno sguardo alle statistiche sulla qualificazione della forza lavoro rivela che nel 2008 in Puglia le donne con un dottorato, una laurea o un diploma universitario erano l 8,9% della popolazione femminile, la stessa percentuale dei colleghi maschi sulla popolazione maschile. Il numero di donne diplomatesi in Puglia (l 80,5% delle diciannovenni) era di molto superiore a quello dei colleghi maschi (72%). Si registrava infine un fenomeno di progressivo 1

2 adeguamento della domanda di formazione specialistica all offerta del mercato del lavoro, che qui si sta gradualmente spostando verso gli ambiti scientifico-tecnologici, come testimonia il crescere delle laureate nelle discipline scientifiche. Le donne rappresentano, infatti, solo il 33,7% degli occupati e ben il 41,6% dei disoccupati. Un dato che deve far riflettere è quello che riguarda specificamente le giovani donne tra i 15 e i 29 anni che non sono attualmente inserite in percorsi formativi, né di lavoro e che nel 2010 hanno superato quota 111 mila, cioè, drammaticamente, il 30,4% delle giovani di quella classe di età. È la generazione NEET (Not in Employment, Education or Training), che rappresenta uno dei banchi di prova delle politiche di sviluppo del nostro Paese e dei suoi territori regionali ed una forte criticità rispetto alla prospettiva di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva è l obiettivo della Commissione Europea nella Strategia Europa Il 70% dei lavoratori con un contratto a tempo parziale è costituito da donne, mentre la stragrande maggioranza delle occupate (l 82%) lavora nel terziario, il 9,8% nell industria e l 8,3% in agricoltura. Questi dati delineano una chiara correlazione tra la presenza femminile e la crescita del settore dei servizi, l unico settore che fatta eccezione per gli ultimi due anni ha registrato un incremento continuo del valore aggiunto prodotto (servizi 76%; industria 21%; agricoltura 3%). A dimostrazione del fatto che le donne rappresentano un enorme potenziale inespresso e, parallelamente, una preziosa risorsa per lo sviluppo. Soffermandoci sulla presenza femminile in agricoltura, la Puglia si configura come la prima regione italiana per numero di donne occupate, 113mila. Qui, nel 2007, il 31,6% dei conduttori era costituito da donne (contro una media nazionale del 30,1%). Tuttavia, dal 2000 al 2007, la percentuale di imprenditrici agricole sotto i 40 anni è diminuita vistosamente (dal 3,7 all 1,1%), mentre è aumentata in maniera importante la manodopera giovane di sesso femminile (pari al 12,2%). Solo il 5,7% dei capi azienda con laurea o diploma, però, sono donne. Anche per le aree rurali, dunque, diventano centrali le politiche di qualificazione delle risorse umane e di redistribuzione in maniera più equa del carico di lavoro tra uomini e donne, in modo da consentire anche alle addette all agricoltura di migliorare le proprie competenze nell arco di tutta la vita lavorativa e di conciliare meglio i tempi della famiglia e quelli del lavoro. Deve far riflettere, poi, il dato della progressiva diminuzione delle donne coinvolte in processi di ricambio generazionale alla guida delle imprese di famiglia, da mettere anche in relazione a fenomeni di emancipazione delle giovani donne, che sempre più preferiscono destini professionali diversi da quelli in abito agricolo o semplicemente impegni lavorativi nello stesso ambito, ma fuori dal contesto familiare. Prendono, infatti, sempre più piede le occasioni di lavoro offerte da attività in qualche modo connesse a quella agricola e che richiederebbero percorsi formativi ad hoc, quali, ad esempio, l agriturismo o le fattorie didattiche. Su queste nuove capacità imprenditoriali e sul nuovo ruolo delle donne in agricoltura si sta giocando anche in Puglia lo sviluppo delle attività agricole in senso più ampio. Se oggi la Puglia è la locomotiva del Mezzogiorno è perché qui stiamo sperimentando, da oltre un quinquennio, la costruzione di un ecosistema dell innovazione, in grado di determinare la crescita di un indice di sviluppo sostenibile e di benessere diffuso. Il varo di una nuova edizione della Strategia regionale per l innovazione (2009) ha come obiettivo primario quello di rendere la Puglia una regione competitiva nell economia globale della conoscenza, attraverso una strategia basata sull innovazione e sull uso intensivo della conoscenza nel contesto socio-economico. Il sistema regionale oggi può contare su 5 università, Enti Pubblici di Ricerca (CNR, ENEA) e numerosi centri di ricerca, parchi scientifici e tecnologici, consorzi di ricerca pubblico-privati e un totale di 6mila ricercatori. Per il periodo , la Puglia ha 2

3 complessivamente programmato investimenti in R&I per 1,8 miliardi di Euro, di cui 581 milioni di euro in R&I per la competitività. In questo quadro, l ARTI, l Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione creata nel 2004 dalla Regione Puglia quale strumento principale per realizzare gli obiettivi specifici della Strategia regionale, si occupa di attuare, monitorare e valutare, su incarico della Regione, progetti, iniziative e misure che coinvolgono le tematiche e gli attori dell innovazione e della ricerca. Lo fa seguendo le priorità settoriali dettate dalla Strategia (biotecnologie e scienze della vita, agroalimentare, tecnologie per l energia e l ambiente, aerospazio, meccanica e meccatronica, nuovi materiali e nanotecnologie, ICT, logistica e tecnologie per i sistemi produttivi e beni culturali). La Regione intende essere di per sé un fattore di innovazione, promuovendo intensamente la pratica della integrazione e delle reti, che ha incominciato a scardinare la cultura delle distinte visioni, contrapposizioni, sovrapposizioni, e la concentrazione di aiuti pubblici, non più distribuiti a pioggia ma usati, invece, come volano per ulteriore sviluppo. Le nuove politiche industriali si basano dunque su un sistema dell'innovazione inteso come modello di relazioni efficaci tra sistema produttivo, sistema scientifico e della formazione, sistema istituzionale; in questo contesto, particolare rilevanza assumono le azioni per la qualificazione delle risorse umane, tra cui quelle che mirano ad aumentare l occupazione femminile e a ridurre il divario di genere in ambito tecnicoscientifico (PO FSE ). Queste politiche confluiscono in una articolata architettura normativa di cui la Regione Puglia si è dotata nell ultimo quinquennio: si tratta di politiche mirate, che non sono solo politiche di genere, ma che sempre più spesso trovano nella lotta al gender gap uno degli scenari imprescindibili di riferimento. Prima regione in Italia, la Puglia si è dotata di una norma organica sulle politiche di genere e sulla conciliazione vita-lavoro: la legge del 2007 Norme per le politiche di genere e i servizi di conciliazione vitalavoro in Puglia, che introduce il tema dell universalità dell esercizio dei diritti di cittadinanza di donne e uomini e dell equità nella distribuzione delle risorse, dei poteri e delle responsabilità tra i generi e tra le generazioni. L obiettivo è quello di integrare la dimensione di genere nella programmazione, attuazione e valutazione delle politiche di sviluppo per garantire la piena partecipazione delle donne alla vita politica, economica, sociale, culturale e civile dei territori quale fattore di democrazia sostanziale. In coerenza con questi indirizzi, il Piano regionale delle Politiche Sociali individua alcuni obiettivi specifici, tra cui: promuovere la realizzazione di Piani dei Tempi e degli Spazi in ogni Ambito Territoriale, per favorire l organizzazione dei servizi pubblici e privati, i servizi di mobilità, le esigenze di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro delle famiglie, ed in particolare delle donne, e la condivisione del lavoro di cura familiare tra uomini e donne; migliorare l accesso al lavoro e l avanzamento delle donne nell occupazione, rendendo più accessibili servizi e prestazioni sociali che favoriscano la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro; potenziare la rete di strutture e servizi per la prevenzione ed il contrasto dello sfruttamento, della tratta e della violenza di donne; incentivare la realizzazione di iniziative di mutuo-aiuto, quali le Banche del Tempo; promuovere i Patti Sociali di genere quali accordi territoriali interistituzionali per sperimentare formule di organizzazione dell orario di lavoro nelle pubbliche amministrazioni e nelle imprese private. Sullo specifico fronte delle politiche agricole, il Programma di Sviluppo Rurale FEASR , varato nel 2008, prevede tra i propri obiettivi specifici quello di favorire l ingresso delle donne nel mercato del lavoro agricolo e di migliorare il livello di conoscenze e competenze professionali e imprenditoriali degli operatori 3

4 locali. È previsto un criterio di priorità a favore delle donne in tutte le misure dell Asse III del Piano, con interventi di diversificazione (negli ambiti del turismo, attività ricreative, servizi ambientali e servizi di servizi essenziali alla popolazione rurale), che permetterebbero alle donne che già operano da familiari in azienda di sviluppare una propria attività ed un proprio reddito integrativo. È importante notare come il Piano preveda un sistema di monitoraggio e valutazione delle azioni sensibile al genere, che cioè rilevi il livello di raggiungimento degli obiettivi di parità. Gli sforzi finanziari e organizzativi che la Regione Puglia, nonostante la crisi che ne condiziona le prospettive di crescita,- sta mettendo in atto sul fronte del recupero di competitività e dell innesco di occupazione stabile sono confluiti nel Piano Straordinario per il Lavoro varato dal Presidente Nichi Vendola nel gennaio 2011, con l obiettivo di favorire l integrazione delle programmazioni in corso e degli strumenti operativi a sostegno delle misure di contrasto alla contrazione del mercato del lavoro e di rilancio degli investimenti e dell occupazione. Il Piano è assolutamente in linea con gli obiettivi prioritari della Strategia Europa Parte significativa e trasversale nell insieme delle misure che lo compongono è la considerazione delle donne quale risorsa essenziale per lo sviluppo: lo stesso futuro delle politiche regionali della Puglia passa per un ruolo potenziato delle donne. Il Piano prevede numerose misure, che rispondono alla necessità di affiancare interventi diretti a favorire l ingresso e il reinserimento professionale delle donne nel mercato del lavoro (dipendente, autonomo o imprenditoriale) ad azioni per consolidare e sviluppare servizi integrati (conciliazione, cura, sostegno sociale) e ad interventi di sostegno al reddito e di promozione di modalità di lavoro che favoriscano la conciliazione vita-lavoro come il part-time. Su una dotazione finanziaria complessiva di 340 milioni di euro, il Piano destina alle azioni dirette a favore del lavoro femminile una quota del 10%. Queste ultime, in dettaglio mirano a: favorire l accesso qualificato al mercato del lavoro di donne disoccupate, anche puntando sul talento autonomo e imprenditoriale; migliorare la permanenza nel mercato del lavoro e le occasioni di carriera di donne occupate; ridurre i divari di genere e promuovere la conciliazione vita-lavoro per migliorare le condizioni di lavoro delle donne. Il target delle azioni destinate a nuova occupazione e alla salvaguardia dell occupazione femminile è di oltre donne. Ma numerose sono le altre azioni incluse nel Piano e che coinvolgono trasversalmente le donne. Tra quelle che stanno riscuotendo maggior successo, vi è senza dubbio la Dote occupazionale, un incentivo nella misura del 50% alle imprese che assumano a tempo indeterminato: finanziata con 20 milioni di euro, ha come destinatari le PMI e i consorzi che assumano disoccupati da almeno 6 mesi, inoccupati, donne, immigrati. Il target iniziale è di assunzioni. Altra misura che impatta sulla qualificazione del capitale umano, è Ritorno al futuro, che prevede la concessione di borse di studio a brillanti laureate e laureati pugliesi disoccupati o inoccupati, per la frequenza di master post lauream in Italia e all estero. Un sistema analogo di potenziamento delle competenze professionali, ma destinato a 500 soggetti occupati o cassintegrati sia laureati che diplomati, ispira la misura Alta formazione, finanziata con 3 milioni di euro, che prevede voucher per la frequenza di master e corsi di specializzazione. Sul fronte dell innovazione, un gruppo di misure mira a creare e consolidare posti di lavoro ad alta intensità di conoscenza per i giovani e i ricercatori pugliesi, attraverso azioni destinate a promuovere la ricerca ed il trasferimento tecnologico, partnership tecnologiche pubbliche e private, l autoimpiego ed il distacco di personale altamente qualificato. Alcune di queste azioni sono gestite proprio dall ARTI. Le principali riguardano: 4

5 i voucher per la nascita e il consolidamento di spin off da ricerca nei settori prioritari individuati nella Strategia regionale per l Innovazione; si tratta di un azione inclusa nel più ampio Progetto ILO gestito dall ARTI, che sino ad oggi ha consentito, tra l altro, la nascita di 16 nuove imprese innovative da ricerca e il consolidamento di ulteriori 18 imprese già costituite; l edizione 2011 della Start Cup Puglia, la competizione regionale che premia le migliori idee di impresa innovativa e che dal 2008 ha visto la partecipazione di 127 compagini, con una presenza media di donne del 32,7%; l azione Innovazione per l Occupabilità, di prossimo avvio, che mira a rafforzare le competenze dei giovani pugliesi disoccupati o inoccupati, in accordo con i bisogni di conoscenza e innovazione delle imprese e dei distretti produttivi regionali, per favorire l inserimento lavorativo o la creazione di nuova imprenditorialità. Ulteriori azioni sono state concepite a supporto delle piccole imprese innovative di nuova costituzione o già operative, delle imprese che assumono giovani ricercatori, della formazione di manager e imprenditori, di dottorati e borse di ricerca. La strategia di empowerment della componente femminile della società passa, dunque, per una maggiore istruzione, più life-long learning, un maggiore accesso alle tecnologie abilitanti: tutte chiavi per ridurre il gender gap salariale; ma anche strumenti per determinare un mutamento nelle abitudini mentali e culturali di un territorio. Accanto ad essi, grande rilevanza va riconosciuta alla costruzione di reti tra donne imprenditrici, donne innovatrici, nonché tra donne policy-maker. La dimensione di rete trans-nazionale, poi, favorendo lo scambio di esperienze, accelera i processi di mutuo apprendimento di buone prassi. Grazie alle politiche trasversali messe in campo negli ultimi anni, in Puglia oggi le donne possono ambire ad allargare i propri spazi di cittadinanza nel sociale e nel tessuto economico, nell iniziativa imprenditoriale e in famiglia, nelle attività agricole e nel terziario, dal momento che il modello sociale pugliese che sta prendendo forma ha come principali punti di forza l integrazione tra le politiche settoriali (economiche, sociali, sanitarie, giovanili, della formazione, del lavoro) e la perfetta coerenza tra queste e gli obiettivi Europei più avanzati in materia di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Come saranno le donne pugliesi nel 2020? Ci piace pensare, in conclusione, che potrebbero essere donne più colte, più occupate, più protette, più integrate e, dunque, più felici. La Puglia è oggi una terra di sperimentazione di questo modello di sviluppo sociale, pur tra le mille difficoltà e le costrizioni di politiche bilancio imposte da un situazione di crisi economica internazionale e da scelte di politica finanziaria nazionali, che troppo spesso rischiano di ridurre l impatto potenzialmente travolgente di questa nuova architettura normativa del benessere collettivo. Anche in questo momento di snodo, le donne potrebbero giocare un ruolo decisivo (in politica, in economia, nella ricerca, nell amministrazione pubblica) nel farsi carico in prima persona di rendere possibili le cose, di fare della Puglia un mondo nuovo. 5

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Rafforzare il sistema innovativo regionale e le sue filiere: il ruolo dell ARTI. Dott.ssa Adriana Agrimi ARTI 16 Giugno 2008, Bari

Rafforzare il sistema innovativo regionale e le sue filiere: il ruolo dell ARTI. Dott.ssa Adriana Agrimi ARTI 16 Giugno 2008, Bari Rafforzare il sistema innovativo regionale e le sue filiere: il ruolo dell ARTI Dott.ssa Adriana Agrimi ARTI 16 Giugno 2008, Bari Competizione tra territori Vi è una relazione positiva fra dimensione di

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma di Sviluppo Rurale FEASR 2007-2013

REGIONE PUGLIA. Programma di Sviluppo Rurale FEASR 2007-2013 REGIONE PUGLIA Programma di Sviluppo Rurale FEASR 2007-2013 Approvato con Deliberazione n. 148 del 12 febbraio 2008 pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione n. 34 del 29 febbraio 2008. Stralci

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 REGIONE PUGLIA Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 Approvato con Deliberazione n. 2282 del 29 dicembre 2007 pubblicata nel Bollettino Ufficiale n. 19 del 1 Febbraio

Dettagli

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi III Agorà Regionale FQTS Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi Anna Chiara Giorio - Ricercatrice Isfol - Welfare e Politiche Attive del Lavoro venerdì 6 dicembre 2013 Palermo

Dettagli

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Obiettivo tematico 8 Occupazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni

Obiettivo tematico 8 Occupazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Obiettivo tematico 8 Occupazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Aumentare l occupazione giovanile e favorire la transazione dei giovani nel MDL, con particolare attenzione ai NEET Aumentare

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*.

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. (*Il presente articolo è frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non impegna in alcun modo l Amministrazione

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI. Incontro con le Associazioni datoriali. 6 dicembre 2013

GARANZIA PER I GIOVANI. Incontro con le Associazioni datoriali. 6 dicembre 2013 GARANZIA PER I GIOVANI Incontro con le Associazioni datoriali 6 dicembre 2013 1 IL PIANO ITALIANO 2 DESTINATARI Giovani nella fascia di età 15-24 anni ai quali offrire un servizio entro quattro mesi dall

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

Regione Puglia. Piano straordinario

Regione Puglia. Piano straordinario Regione Puglia Piano straordinario per il lavoro in Puglia 2011 Indice LA PUGLIA AL LAVORO. Piano straordinario per il lavoro in Puglia 2011 (Nichi Vendola), 3 Risorse e destinatari potenziali, 8 Risorse

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Iniziative e strumenti a supporto della creazione di imprese spin-off nel contesto regionale

Iniziative e strumenti a supporto della creazione di imprese spin-off nel contesto regionale Iniziative e strumenti a supporto della creazione di imprese spin-off nel contesto regionale numeri e considerazioni sull'esperienza pugliese Paolo D Addabbo Le imprese spin-off della ricerca pubblica:

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

DIECI IDEE PER I GIOVANI DEL PIEMONTE

DIECI IDEE PER I GIOVANI DEL PIEMONTE DIECI IDEE PER I GIOVANI DEL PIEMONTE TORINO, GIUGNO 2011 DIECI IDEE PER I GIOVANI DEL PIEMONTE INTRODUZIONE Tra gli effetti più evidenti e preoccupanti della profonda crisi che ha investito le economie

Dettagli

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE 2014/2020 e 2007/2013. Venezia 27 maggio 2016

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE 2014/2020 e 2007/2013. Venezia 27 maggio 2016 COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE 2014/2020 e 2007/2013 Venezia 27 maggio 2016 INFORMATIVA 10. Il Programma Garanzia Giovani in Veneto: giovani iscritti e loro caratteristiche,

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Il Piano straordinario per il Lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani è parte integrante di una strategia di ampio respiro di rilancio e

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 SOMMARIO 1 - CONTESTO DI RIFERIMENTO...2 DATI DEMOGRAFICI...2 2 - OBIETTIVI GENERALI...6 3 - I COMPITI

Dettagli

RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA

RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA Statistiche A cura di Annamaria Fiore Editing a cura di Annamaria Monterisi ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione Copyright 2011 ARTI

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria

Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria Analisi del contesto 1. Il lavoro femminile in Calabria L analisi del mercato del lavoro secondo

Dettagli

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Dott.ssa Adriana Agrimi Coordinatore Tecnico ARTI Bari, 18 Febbraio 2009 - Expolavoro ARTI È l Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione l della Puglia

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica Punto 4 dell ordine del giorno Impatto territoriale e settoriale della crisi economica e attività di contrasto poste in essere nel Programma Operativo Le dimensioni i i globali li della crisi i La crisi

Dettagli

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Strettamente riservato Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Documento datato 25 novembre 215 Presentazione del lavoro 27 novembre 215 Terni 215 The European

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Programmazione F.S.E. della Provincia di Roma triennio 2011 2013. Progetti Obiettivo 2011. Presentazione

Programmazione F.S.E. della Provincia di Roma triennio 2011 2013. Progetti Obiettivo 2011. Presentazione Programmazione F.S.E. della Provincia di Roma triennio 2011 2013 Progetti Obiettivo 2011 Presentazione Struttura generale della banditura I progetti obiettivo saranno 4: 1. per cittadini occupati 2. per

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI. Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA: OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani Palermo lì 1 LE RAGIONI DEL PIANO I numeri ² la Sicilia è oggi la regione

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

POR FSE 2007-2013. L alta formazione finanziata dal POR FSE Sardegna 2007-2013

POR FSE 2007-2013. L alta formazione finanziata dal POR FSE Sardegna 2007-2013 POR FSE 2007-2013 L alta formazione finanziata dal POR FSE Sardegna 2007-2013 Cagliari, 14 Novembre 2013 Lo sviluppo del capitale umano nel PO Con gli interventi finanziati dal POR assi IV e V - la Regione

Dettagli

La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace

La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace Istituito nel 1999 con la legge n. 144/99, il canale della formazione tecnica superiore ha vissuto un articolato processo di adeguamento

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO Azioni preventive e curative della disoccupazione di lunga durata nelle aree territoriali della provincia di Torino ad esclusione del Comune di Torino,

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTI TECNOLOGICI NEL LAZIO Distretto Tecnologico dell Aerospazio (DTA) Distretto Tecnologico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE RISORSE PON RIPARTIZIONE RISORSE PER ASSE DI INTERVENTO Asse Risorse Asse Occupazione 1.838.398.081,00 Asse

Dettagli

Il differenziale retributivo in Europa

Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

La Regione si muove, muoviti anche tu.

La Regione si muove, muoviti anche tu. La Regione si muove, muoviti anche tu. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, DIRITTO ALLO STUDIO E FORMAZIONE DIREZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE, FSE ED ALTRI INTERVENTI COFINANZIATI VIA ROSA RAIMONDI GARIBALDI,

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

La programmazione Leader: un approccio di genere?

La programmazione Leader: un approccio di genere? La programmazione Leader: un approccio di genere? Annalisa Del Prete INEA Mantova, 7 Settembre 2012 Luogo e data Le donne nel rurale: dimensioni e attività (Dati Istat 2011) 51% del totale popolazione

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020 Obiettivo Tematico 1 - Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione Obiettivo Tematico 10 - Istruzione e Formazione IL

Dettagli

La programmazione Regionale 2014-2020

La programmazione Regionale 2014-2020 La programmazione Regionale 2014-2020 Paolo Baldi Coordinatore dell Area Formazione, Orientamento e Lavoro Regione Toscana PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 Investimenti a favore della crescita, dell occupazione

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia (Francesca Zampano Regione Puglia) 1. Finalità, obiettivi e direttrici

Dettagli

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 Con la Raccomandazione del 22 aprile 2013 il Consiglio dell Unione Europea ha richiesto agli Stati una riforma strutturale del mercato

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

LE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE NEL 2010 E IL RILANCIO DEI CONTRATTI A CONTENUTO FORMATIVO.

LE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE NEL 2010 E IL RILANCIO DEI CONTRATTI A CONTENUTO FORMATIVO. LE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE NEL 2010 E IL RILANCIO DEI CONTRATTI A CONTENUTO FORMATIVO. CONVEGNO UIL ADAPT Roma, 6 maggio 2010 L apprendistato di alta formazione: L esperienza FIXO di Italia Lavoro

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO IL PROGRAMMA La GARANZIA GIOVANI è un PROGRAMMA EUROPEO per il contrasto al fenomeno della disoccupazione giovanile IL CONTESTO LA RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

LA NUOVA ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

LA NUOVA ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Direzione Generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni M.I.U.R. Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo studente, l integrazione,

Dettagli

Il NUOVO POR FSE 2014-2020

Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Santo Romano INDICE 1. Nuova Programmazione le principali novità 2. Ripartizione Risorse 2014-2020 3. Calendario bandi triennio 2015-2017

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

GIOVANI SI! I (19-34) 17% 18% 1- LAVORO

GIOVANI SI! I (19-34) 17% 18% 1- LAVORO GIOVANI SI! I giovani residenti (19-34) sono circa 642mila, cioè il 17% della popolazione totale. Quasi il 18% di essi sono stranieri residenti (115mila) 1- LAVORO - Fondo incentivazione all occupazione

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

Il quadro normativo. 1 Si fa presente che per la definizione della scheda, si è utilizzato come documento di riferimento, per il FSE, l ultima

Il quadro normativo. 1 Si fa presente che per la definizione della scheda, si è utilizzato come documento di riferimento, per il FSE, l ultima Il quadro normativo Le proposte di Regolamento per la programmazione 2014-2020 vedono alcune innovazioni rispetto all attuale periodo di programmazione di particolare rilevanza e impatto per la definizione

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Collegare filiere formative e produttive. Verso i Cluster e i Poli Tecnico Professionali in Regione Lombardia. Valentina Aprea

Collegare filiere formative e produttive. Verso i Cluster e i Poli Tecnico Professionali in Regione Lombardia. Valentina Aprea Collegare filiere formative e produttive Verso i Cluster e i Poli Tecnico Professionali in Regione Lombardia Valentina Aprea Dal diritto allo studio al diritto all occupabilità il diritto all occupazione

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

POR FESR FVG 2014-2020

POR FESR FVG 2014-2020 { POR FESR FVG 2014-2020 Investimenti a favore { della crescita e dell occupazione 5 assi tematici (231 meuro) Asse 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione: 77 meuro Asse 2 Promuovere

Dettagli

COMUNICATO STAMPA STORIE DI (STRA)ORDINARIA INNOVAZIONE

COMUNICATO STAMPA STORIE DI (STRA)ORDINARIA INNOVAZIONE STORIE DI (STRA)ORDINARIA INNOVAZIONE Domani a Bari in Sala Murat ricercatori, inventori di brevetti e imprenditori di giovani aziende innovative dell agroalimentare pugliese raccontano la propria storia

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE REGIONANDO 2001 REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: BIOINDUSTRY PARK

Dettagli

Tirocini. Casa. Servizio civile. Fare impresa. Lavoro. Studio e formazione

Tirocini. Casa. Servizio civile. Fare impresa. Lavoro. Studio e formazione Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione INDICE 3. Presentazione 4. Un progetto per l autonomia dei giovani 4. Le opportunità di Giovanisì 5. Tirocini 5. Casa 6. Servizio civile

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008

Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008 Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008 La Priorità Donna nel PO FSE Abruzzo 2007/2013 e nel Piano 2007/08: il tema della Conciliazione Presentazione a cura di Antonio

Dettagli

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA pro FRANCESCA BERTAGNA Parmamoda D E L L E M I L I A R O M A G N A 2 L AZIENDA Un laboratorio di idee, abilità e tecniche: dalla formazione alle

Dettagli

DALLA STRATEGIA DI LISBONA AL POR MARCHE FSE 2007/2013. Mauro Terzoni Urbino 6 Luglio 2007

DALLA STRATEGIA DI LISBONA AL POR MARCHE FSE 2007/2013. Mauro Terzoni Urbino 6 Luglio 2007 DALLA STRATEGIA DI LISBONA AL POR MARCHE FSE 2007/2013 Mauro Terzoni Urbino 6 Luglio 2007 DA MAASTRICHT A LISBONA Con il trattato di Maastricht (7 febbraio 1992) la politica economica europea si era basata

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Giovanisì è il progetto regionale della Toscana per l autonomia dei giovani. Sei sono le aree d intervento adottate da giovani sì:

Giovanisì è il progetto regionale della Toscana per l autonomia dei giovani. Sei sono le aree d intervento adottate da giovani sì: Giovanisì è il progetto regionale della Toscana per l autonomia dei giovani. Comprende azioni di sistema e strumenti per la valorizzazione del merito, garantendo un diritto allo studio reale, una formazione

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo.

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Sonia Di Naccio Coordinatrice Impresa Donna Roma, 8 ottobre 2014 Garanzia Giovani in Abruzzo La Regione Abruzzo dispone di

Dettagli