PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE"

Transcript

1 Gruppo Consiliare Forza Italia Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 115 Prot. n. 9342/2.6 del Firenze, il 19 luglio 2006 Al Presidente del Consiglio Regionale SEDE PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Regione Toscana Di iniziativa dei seguenti consiglieri: Alberto Magnolfi Maurizio Dinelli Anna Maria Celesti Angelo Pollina Alessandro Antichi Stefania Fuscagni Rossella Angiolini Paolo Marcheschi Piero Pizzi Paolo Bartolozzi Via Cavour 2, Firenze Tel Fax

2 RELAZIONE INTRODUTTIVA Nell ultimo decennio l affermarsi sullo scenario economico mondiale dei paesi asiatici ed il loro repentino processo di industrializzazione ha portato a notevoli cambiamenti in merito alla divisione internazionale del lavoro. Ne è seguita una ridefinizione del sistema dei prezzi relativi alle materie prime, dei beni manufatti finali e di quelli intermedi. Tale fenomeno ha avuto pesanti conseguenze per i paesi non appartenenti all area di nuova industrializzazione dell Asia, capaci quest ultimi di assorbire la maggior parte della crescita del commercio mondiale. La Toscana, anche a causa di alcune caratteristiche particolari del proprio modello economico, ha risentito pesantemente del cambiamento avvenuto a livello mondiale ed ha dovuto registrare una tendenziale diminuzione di competitività e la conseguente perdita di proprie quote sul commercio nazionale e mondiale. Per affrontare al meglio le nuove sfide che ci vengono poste dal nuovo assetto dell economia mondiale occorre necessariamente che la Toscana si adegui alla situazione creatasi. La globalizzazione ci impone di agire in un contesto in continuo mutamento che pone domande pressanti e richiede risposte immediate. Occorrono pertanto strumenti agili e flessibili per perseguire l obiettivo di aumentare la competitività e recuperare la propria quota di mercato. La normativa regionale in materia di attività produttive, vecchia di oltre 6 anni, non è in grado di far fronte ad una dinamica sempre più accelerata, globalizzata ed aggressiva della competizione tra sistemi territoriali ed economici. Per aprirsi al confronto competitivo internazionale occorre tener presente le peculiarità della maggioranza delle nostre imprese. La piccola dimensione e la scarsa attitudine ad interagire comportano necessariamente una ridotta managerialità e livelli di investimento in innovazione estremamente bassi. L intervento normativo della Regione deve essere volto a fornire alle imprese gli strumenti necessari affinché tali caratteristiche non siano alla fine un impedimento per competere sul mercato globale. La pubblica amministrazione deve fare a riguardo la propria parte. La burocrazia della Regione e dei vari enti locali è ancora vista con diffidenza dalle imprese. Molte volte a ragione. Il percorso delle procedure che le imprese devono affrontare deve essere drasticamente snellito, tale da non porre in essere una penalizzazione per le stesse. Il compito dell amministrazione pubblica non deve limitarsi ad una politica poco più che assistenziale, ma deve trasformarsi in una parte fondamentale della spinta competitiva del sistema imprenditoriale. Contributi a pioggia hanno già dimostrato le proprie debolezze quando le risorse erano disponibili. Adesso che i conti pubblici e quelli di molte aziende sono alla corda, qualsiasi intervento diffuso risulterebbe essere privo di ogni efficacia, in quanto non riuscirebbe a fungere da motore per l economia ed inibirebbe la capacità del territorio di attrarre investimenti. Ciò che invece le imprese chiedono alla pubblica amministrazione per essere tangibile ed efficace, sono rapidità e semplicità. Il rapporto tra imprese e pubblica amministrazione deve essere più fluido, veloce e semplice. Alle sfide e necessità di oggi occorre rispondere oggi, non domani. La proposta di legge vuole essere in grado di rispondere a tutte queste esigenze. Attraverso uno strumento normativo radicalmente innovativo si vuole costruire una struttura portante sulla quale si sia in grado di sviluppare una strategia d azione capace di poter affrontare velocemente le molteplici sfide economiche dei nostri giorni. La competitività non si impone con le leggi o attraverso provvedimenti amministrativi o settoriali, ma con la messa a disposizione delle imprese degli strumenti necessari per raggiungerla. La proposta di legge non dà risposte, ma la capacità di rispondere. Essa non contiene le solite pedanti norme descrittive e procedurali, ma definisce una scatola di montaggio, una ossatura fondamentale grazie alla quale è possibile

3 realizzare una molteplicità di azioni, finanziarie e non, in una molteplicità di campi d azione in cui la Regione vorrà intervenire a sostegno della competitività del sistema produttivo toscano. La proposta di legge fornisce strumenti immediatamente operativi. La normativa comunitaria impone infatti la notifica preventiva di ogni azione destinata alle imprese. Se la proposta di legge comprendesse un elenco minuzioso delle procedure, la sua attuazione dovrebbe essere subordinata all esito dell esame comunitario sull intero testo, operazione che potrebbe protrarsi per mesi e bloccarsi ad ogni singola contestazione. La struttura innovativa della proposta di legge rende invece immediatamente operativo il testo, quale schema di riferimento per le azioni non finanziarie o in de minimis, permettendo in tal modo una più semplice e rapida notifica comunitaria delle singole azioni che verranno approvate con singola delibera da parte della Giunta regionale e che verranno quindi rese autonomamente operative. La proposta di legge permette infine di enfatizzare la competenza del Consiglio regionale rispetto al quadro normativo attuale. Anche se il testo esplicita la competenza della Giunta nella definizione operativa delle singole misure d intervento, si specifica altresì che sarà comunque il DPEF a definire i temi e le priorità d intervento delle azioni, aggiornandone gli orientamenti e quindi gli ambiti e gli strumenti con cui agire in relazione al mutare delle condizioni di contesto. PRESENTAZIONE DELL ARTICOLATO L art. 1 determina le aree di intervento attraverso le quali la Regione promuove la competitività del sistema economico toscano. In tal modo si individuano con precisione l ambito e gli obiettivi della politica industriale della Regione. Tali obiettivi sono: valorizzazione delle risorse umane, ricerca ed innovazione, imprenditorialità, mercato ed internazionalizzazione, gestione delle crisi, competitività del territorio e sostenibilità dello sviluppo. L art. 2 definisce le seguenti tipologie di strumenti: politiche fiscali volte ad una riduzione del carico fiscale nell ambito di un tetto annuo massimo definito dal bilancio regionale; migliore accesso al credito, con sostegno al sistema dei Confidi e della patrimonializzazione delle imprese; agevolazioni, con sostegno agli investimenti, alla ricerca e all innovazione nonché all accesso ed offerta di servizi; finanza innovativa attraverso lo sviluppo di fondi di investimento da parte della Regione, da attuare anche attraverso Fidi Toscana; strumenti promozionali di sensibilizzazione e comunicazione. L art. 3 definisce le modalità di attuazione della legge. L attuazione può avvenire attraverso specifici accordi con enti locali, enti e società a partecipazione regionale, autonomie funzionali, associazioni di categoria, o direttamente da parte della Regione od anche aderendo ad iniziative locali ed imprenditoriali.vengono altresì definite le modalità attraverso le quali la Giunta sottopone annualmente al Consiglio le indicazioni prioritarie per lo sviluppo delle azioni previste dalla legge e le modalità per la valutazione dell impatto delle azioni condotte. L art. 4 introduce la figura del distretto funzionale, ovvero una libera aggregazione di imprese che, all interno dei tradizionali distretti territoriali già esistenti, cooperano in modo intersettoriale. Tale aggregazione si sviluppa come integrazione dell offerta di beni e servizi da parte di imprese che svolgono attività complementari o comunque connesse. I distretti funzionali vengono riconosciuti dalla Regione e ad essi possono essere affidati rilevanti compiti nella gestione di funzioni regionali a favore delle imprese associate. Ad essi possono inoltre essere affidati tra l altro anche funzioni dirette di promozione dello sviluppo delle imprese aderenti nonché di relazione con la pubblica amministrazione.

4 Gli artt. 5 e 6 prevedono misure di semplificazione burocratica particolarmente significative che troveranno applicazione in diversi ambiti. I procedimenti amministrativi in tema di attività economiche a carattere vincolato vengono per esempio sostituiti con dichiarazioni di conformità o regolarità degli interventi ed attività da parte del loro titolare. Le procedure per l iscrizione all Albo delle imprese artigiane vengono radicalmente semplificate attraverso procedure dichiarative automatiche. Viene assicurato l accesso informatico alle procedure regionali nonché il raccordo e l interoperabilità fra le banche dati pubbliche sulle imprese. Il procedimento di Sportello Unico è definito in tempi certi, trascorsi i quali trova applicazione l istituto del silenzio-assenso con conseguente implicita autorizzazione all attività. L art. 7 è la norma finanziaria del provvedimento. INDICE Art. 1 Obiettivi Art. 2 Strumenti Art. 3 Attuazione Art. 4 Distretti funzionali Art. 5 Semplificazione dei rapporti Art. 6 Semplificazione delle procedure Art. 7 Norma finanziaria Art. 1 Obiettivi

5 1. La Regione, in conformità alle disposizioni comunitarie e nell ambito delle potestà e delle competenze regionali di cui al titolo V della parte II della Costituzione, persegue la crescita competitiva del sistema imprenditoriale della Toscana e del contesto territoriale e sociale che lo accoglie e lo alimenta, con i seguenti obiettivi: a) Sviluppo del capitale umano rispetto al quale la Regione promuove e sostiene: - l orientamento e lo sviluppo delle capacità professionali; - la valorizzazione delle risorse professionali; - l impiego ottimale delle capacità e delle risorse professionali; - la promozione dei livelli di eccellenza nella formazione professionale e in generale nella centralità delle risorse umane. b) Ricerca ed innovazione rispetto al quale la Regione promuove e sostiene: - i processi di ricerca, con una particolare attenzione al capitale umano, favorendo la crescita delle capacità innovative nei settori dell alta tecnologia ed in quelli tradizionali; - la ricerca applicata, l innovazione tecnologica ed il trasferimento tecnologico; - lo sviluppo precompetitivo e l innovazione organizzativa. c) Imprenditorialità rispetto al quale la Regione promuove e sostiene: - la creazione di nuove imprese; - lo sviluppo ed il consolidamento patrimoniale e finanziario delle imprese; - il supporto alle scelte dimensionali delle imprese ed il rafforzamento delle reti di condivisione. d) Mercato ed internazionalizzazione rispetto al quale la Regione promuove e sostiene: - la capacità delle imprese di sviluppare i propri orizzonti e spazi di mercato; - l internazionalizzazione del sistema imprenditoriale; - la tutela della proprietà intellettuale e la sensibilizzazione dei consumatori. e) Gestione delle crisi rispetto al quale la Regione promuove e sostiene: - il monitoraggio e la prevenzione del generarsi di crisi singole o di settore; - il recupero dell attività imprenditoriale e dell occupazione; - la riconversione imprenditoriale ed occupazionale. f) Competitività del territorio rispetto al quale la Regione promuove e sostiene: - lo sviluppo delle reti infrastrutturali e logistiche, telematiche ed energetiche; - lo sviluppo di parchi tecnologici e l insediamento delle imprese; - l attrazione di investimenti ed iniziative imprenditoriali; - un forte impulso alla liberalizzazione dei servizi pubblici. g) Sostenibilità dello sviluppo rispetto al quale la Regione promuove e sostiene: - l uso ottimale delle risorse ambientali e territoriali;

6 - la riduzione degli impatti ambientali; - lo sviluppo della responsabilità sociale e della funzione sociale delle imprese.

7 Art. 2 Strumenti 1. Gli obiettivi di cui all articolo 1 sono perseguiti con l utilizzo delle seguenti tipologie di strumenti: a) Politiche e strumenti fiscali Tali strumenti consistono nella riduzione del carico fiscale di pertinenza regionale gravante sulle imprese, attuata in forma complementare o alternativa agli strumenti di cui alle successive lettere nell ambito delle azioni di cui alla presente legge. A tale riguardo, nell ambito della legge finanziaria viene determinato il tetto complessivo di sgravio annuo ammissibile rispetto alle entrate regionali previste, nonché le tipologia di azioni cui tale strumento è applicabile. b) Accesso al credito Tali strumenti consistono in interventi di facilitazione dell accesso al credito da parte delle imprese, anche attraverso il potenziamento, nei limiti della disciplina comunitaria, degli interventi di garanzia ed il rafforzamento e la riorganizzazione degli attuali strumenti, nonché mediante nuovi modelli di intervento regionale. c) Agevolazioni Tali strumenti consistono in incentivi, contributi, agevolazioni, voucher, sovvenzioni ed altre forme di beneficio destinate a sostenere: 1 Investimenti per il sostegno agli investimenti in beni materiali ed immateriali, alla qualificazione dei servizi ed agli investimenti finanziari destinati alla riqualificazione del debito, alla patrimonializzazione ed allo sviluppo delle imprese. 2 Ricerca ed innovazione per la promozione ed il sostegno di attività e programmi di trasferimento di conoscenze, ivi compreso il sostegno all acquisizione di nuove tecnologie, nonché di azioni di particolare rilevanza nel campo delle tecnologie a carattere pervasivo nell'ampliamento della base tecnologica dei prodotti, nell interazione tra settori ad alta tecnologia e settori tradizionali, nelle nuove prestazioni di prodotto e di processo e l innovazione organizzativa e commerciale. 3 Accesso ai servizi per il sostegno all acquisto o all accesso a servizi, prestazioni e risorse professionali nel campo della ricerca, dell innovazione, dell organizzazione, dell internazionalizzazione, della finanza d impresa, della formazione, delle conoscenze. 4 Offerta di servizi per il sostegno alla produzione di servizi ed al miglioramento della qualità e del contenuto degli stessi escludendo l intervento diretto della Regione nell offerta di servizi e nel sostegno al finanziamento di società di servizi. d) Finanza innovativa Tali strumenti consistono nella costituzione e sviluppo di fondi di investimento in capitale di rischio, da parte della Regione, attraverso Fidi Toscana spa ed altri soggetti terzi specializzati destinati a sostenere iniziative imprenditoriali di peculiare rilevanza, specificamente orientate allo sviluppo d impresa ed aventi positive ripercussioni sul sistema imprenditoriale.

8 e) Promozione Tali strumenti consistono in iniziative di sensibilizzazione e comunicazione nonchè in premi ed altre forme non finanziarie volte a riconoscere e far conoscere le migliori pratiche e le realtà imprenditoriali di eccellenza nei diversi settori dell economia toscana.

9 Art. 3 Attuazione 1. La Giunta regionale, anche attraverso gli enti, aziende, agenzie ed altri organismi pubblici dipendenti e le società a partecipazione regionale, dà attuazione alla presente legge mediante lo sviluppo di azioni determinate dall applicazione degli strumenti di cui all articolo 2 in relazione agli obiettivi di cui all articolo 1, come di seguito: a) stipulando specifici accordi con gli enti locali, le Camere di commercio in quanto istituzionalmente preposte allo sviluppo delle economie locali, le organizzazioni imprenditoriali riconosciute come diretta rappresentanza delle imprese associate. Tali accordi dovranno: 1. privilegiare la collaborazione tra soggetti territoriali ed organizzazioni ed ottimizzare i vantaggi per i destinatari delle azioni; 2. favorire il concorso di risorse addizionali; b) attuando direttamente le azioni, definendo per ognuna le specifiche modalità e strumento d intervento, le categorie di destinatari e le modalità per la valutazione di efficacia delle azioni stesse in termini di: 1. impatto sulla competitività del destinatario e del sistema socio-economico; 2. effetti occupazionali; 3. altri effetti e parametri correlati alla specificità dell azione; c) aderendo alle proposte di cui al comma Le indicazioni prioritarie per lo sviluppo delle azioni sono proposte annualmente dalla Giunta regionale, dopo aver esperito un confronto con le istanze associative degli enti locali della toscana e con i rappresentanti dei soggetti economici e sociali regionali, come previsto dalla normativa regionale in materia di programmazione, e sono sottoposte all approvazione del Consiglio regionale nell ambito del Documento di programmazione economica e finanziaria (DPEF), di cui alla legge regionale 11 agosto 1999, n. 49 (Norme in materia di programmazione regionale). 3. La Giunta regionale presenta semestralmente alla commissione consiliare competente, che ne riferisce all Aula, una relazione contenente: a) l analisi congiunturale e del posizionamento competitivo del sistema produttivo toscano, riferito all ambito europeo, anche sulla base delle attività di monitoraggio della congiuntura e dell evoluzione strutturale svolte congiuntamente al sistema camerale toscano e all Istituto per la programmazione economica della Toscana (IRPET); b) la valutazione dell impatto delle azioni regionali condotte, specificando: 1. le dotazioni finanziarie assegnate ed impiegate; 2. gli strumenti d intervento e le procedure adottate; 3. il numero e la tipologia dei beneficiari ed il volume e la tipologia degli investimenti attivati; 4. la valutazione di efficacia delle azioni e l opportunità di correttivi. 4. Gli enti locali, le organizzazioni rappresentative delle imprese, le camere di commercio ed il loro sistema regionale e le parti sociali, con priorità alle iniziative collaborative, possono proporre alla Giunta regionale programmi di sviluppo della competitività locale che comportino l attivazione di azioni attuabili in forza della presente legge e che presentino le seguenti caratteristiche: a) rilevanza dei risultati attesi e capacità di conseguirli nel programma proposto;

10 b) equilibrio del rapporto tra impegni e risultati; c) addizionalità di risorse anche private attivabili; d) governabilità dei processi di sviluppo ed attuazione dei programmi. 5. Per l attuazione di tali programmi, la Regione può prevedere l intervento dell Agenzia di Promozione economica della Toscana (APET) di cui alla legge regionale 28 gennaio 2000, n. 6 (Costituzione dell Agenzia di Promozione economica della Toscana (APET). 6. Le azioni a valenza finanziaria a beneficio delle imprese di cui alla presente legge sono attuate nel rispetto della normativa comunitaria in materia di aiuti di stato, previa comunicazione di applicazione del regolamento di esenzione o notifica alla Commissione Europea nei casi e nei modi prescritti.

11 Art. 4 Distretti funzionali 1. Nell ambito dei distretti industriali previsti dalle disposizioni regionali vigenti di cui alla Deliberazione del Consiglio regionale 21 febbraio 2000, n. 69, adottata ai sensi dell articolo 36 della legge 5 ottobre 1991, n. 317 (Interventi per l innovazione e lo sviluppo delle piccole imprese), ed intesi come sistemi produttivi monosettoriali caratterizzati da un elevata concentrazione di piccole e medie imprese industriali e manifatturiere con forti relazioni di filiera produttiva, sociali ed istituzionali, la Regione riconosce la libera aggregazione di imprese che cooperano in modo intersettoriale e che sia finalizzata alla crescita collaborativa attraverso lo sviluppo di interazioni rivolte alla condivisione di risorse e conoscenze, all innovazione, all internazionalizzazione, all organizzazione, alla logistica. 2. Tali ulteriori aggregazioni sono denominate distretti funzionali; ad essi possono aderire liberamente le imprese industriali e manifatturiere, artigianali e commerciali, secondo affinità a carattere tematico/settoriale, territoriale o congiunto, ovvero altro specifico legame di correlazione esplicitamente espresso, nel numero minimo di almeno dieci imprese. 3. Nell ambito delle competenze e delle azioni regionali rivolte alla competitività, i distretti funzionali possono, in particolare: a) promuovere lo sviluppo di programmi ed azioni destinati prioritariamente allo sviluppo dell innovazione e dell internazionalizzazione delle imprese aderenti, nonchè di servizi di sviluppo aziendale, anche a carattere logistico, al sistema distrettuale ed alla sostenibilità ambientale, con particolare riferimento ai crediti ambientali, alla riduzione delle emissioni inquinanti ed al risparmio energetico; b) presentare, a nome del distretto ovvero delle imprese associate singole o aggregate, richieste di accesso ad interventi di agevolazione previsti dalle leggi regionali, nazionali o da disposizioni comunitarie gestite dalla Regione, nonché operare presso gli Sportelli unici per le imprese relativamente a procedimenti amministrativi delle imprese associate; c) stipulare apposite convenzioni, con Istituti di Credito ed intermediari finanziari vigilati, volte alla prestazione di garanzie relativamente alle quote di contributo soggette a rimborso attribuite alle imprese aderenti; d) accedere, per conto delle imprese associate, alle informazioni contenute nelle banche dati aderenti al sistema informativo di cui all articolo 5, comma 5. e) promuovere lo sviluppo di azioni a carattere interregionale a sostegno di azioni di filiera sovraregionali nel campo dell innovazione e dell internazionalizzazione. f) promuovere iniziative per la riconversione produttiva ed occupazionale nei casi di crisi interne ed esterne al distretto, a tal fine orientando e coordinando l intervento delle imprese aderenti. 4. A sostegno dello sviluppo dei distretti funzionali, la Regione: a) promuove, attraverso Fidi Toscana spa ed altri soggetti terzi specializzati, la costituzione di fondi di investimento in capitale di rischio ed altri specifici strumenti finanziari, anche con l apporto di soggetti pubblici e privati, finalizzati a sostenere lo sviluppo competitivo delle imprese distrettuali; b) promuove le iniziative volte all accertamento dei presupposti che consentono l accesso ad agevolazioni ed incentivi tributari e contributivi anche a livello nazionale ed all espletamento degli adempimenti previsti per la concessione dei relativi benefici.

12 Art. 5 Semplificazione dei rapporti 1. I procedimenti amministrativi preordinati all adozione di provvedimenti per l avvio, lo svolgimento, la trasformazione e la cessazione di attività economiche, nonchè per l installazione, l attivazione, l esercizio e la sicurezza di impianti e l agibilità degli edifici funzionali alle attività economiche, il cui esito dipenda esclusivamente dal rispetto di requisiti e prescrizioni di legge, regolamenti o disposizioni amministrative rientranti nella competenza legislativa regionale, sono sostituiti da una dichiarazione resa dal titolare o dal legale rappresentante dell impresa, che attesti la conformità e la regolarità degli interventi e delle attività. Restano fermi il controllo, la verifica e la vigilanza successivi da parte delle autorità competenti. 2. Le disposizioni di cui al comma 1 non si applicano agli atti e procedimenti riguardanti il patrimonio culturale e paesaggistico, l ambiente, la difesa nazionale, la pubblica sicurezza e l immigrazione, la salute e la pubblica incolumità, ai casi in cui la normativa comunitaria impone l adozione di provvedimenti amministrativi formali ed ai casi in cui la legge qualifica il silenzio dell amministrazione come rigetto dell istanza. 3. In caso di false attestazioni e di dichiarazioni mendaci ovvero di esecuzione difforme da quanto dichiarato, ferme restando le responsabilità specifiche, la dichiarazione resa è nulla. 4. La Giunta regionale, per i procedimenti amministrativi relativi ad attività economiche a cui non si applicano le disposizioni del comma 1 in quanto richiedono valutazioni a carattere tecnico-discrezionale, ovvero rientranti nelle disposizioni del comma 2, ovvero in quanto richiedono la valutazione di interessi plurimi mediante conferenza di servizi, definisce la modulistica unificata e la standardizzazione procedurale, di requisiti ed allegati, valida per tutte le amministrazioni interessate ai relativi procedimenti. 5. Il procedimento di iscrizione all Albo delle imprese artigiane, disciplinato dalla legge regionale 23 aprile 1988, n. 29 (Commissioni provinciali e commissione regionale per l artigianato- Albo provinciale imprese artigiane- Designazioni dei rappresentanti delle imprese artigiane nelle commissioni provinciali per l artigianato), è sostituito da denuncia di inizio attività del titolare rappresentante dell impresa, contenente il possesso dei requisiti, come da modulistica predisposta dalla Regione, che ne determina automaticamente l iscrizione. Le Commissioni provinciali per l artigianato dispongono accertamenti e controlli e adottano gli eventuali provvedimenti di cancellazione. E fatta salva la facoltà di non avvalersi della procedura semplificata da parte del titolare o rappresentante delle imprese. 6. La Regione, nel rispetto della disciplina sulla protezione dei dati personali, assicura: a) che le procedure regionali che interessano le imprese siano accessibili mediante procedura informatica e con la medesima modalità le imprese ottengano supporto informativo; b) il raccordo e l interoperabilità fra le banche dati pubbliche sulle imprese, a partire dal Registro Imprese presso le Camere di Commercio, allo scopo di costituire il Sistema Informativo Integrato imprese della Regione per: - razionalizzare e semplificare l interfaccia informatica tra imprese e Pubblica Amministrazione; - coordinare l offerta e l opportunità di servizi; - garantire la piena e reciproca consultabilità fra banche dati pubbliche e quelle relative alle imprese, al fine di evitare duplicazioni nei rapporti con la Pubblica Amministrazione; - costituire la banca dati dei contributi fruiti dalle imprese, anche al fine di verificare l efficacia delle politiche pubbliche ed orientarne lo sviluppo.

13 7. Gli enti locali adeguano i propri regolamenti a quanto previsto dal presente articolo, entro novanta giorni dall entrata in vigore della presente legge. 8. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano ai procedimenti riguardanti l apertura o la modificazione delle medie e grandi strutture di vendita, che restano disciplinati dalla legge regionale 7 febbraio 2005, n. 28 (Codice del Commercio - Testo unico in materia di commercio in sede fissa, su aree pubbliche, somministrazione di alimenti e bevande, vendita di stampa quotidiana e periodica e distribuzione di carburanti.) e dai provvedimenti attuativi dello stesso.

14 Art. 6 Semplificazione delle procedure 1. Fatto salvo quanto previsto all articolo 5, tutti i procedimenti amministrativi inerenti le attività economiche, fanno capo allo Sportello unico per le attività produttive di cui all articolo 24 del Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del Capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59); laddove questo non sia ancora attivo, le relative funzioni sono assolte dal competente ufficio comunale. 2. La domanda di avvio del procedimento è presentata allo Sportello unico. Entro quindici giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta l ufficio chiede l integrazione della documentazione mancante o incompleta; decorso tale termine la domanda si intende correttamente presentata. 3. Qualora lo Sportello unico chieda integrazioni nei termini di cui al comma 2, queste devono pervenire entro il termine perentorio di quindici giorni lavorativi dalla richiesta. 4. Verificata positivamente la completezza della documentazione, lo Sportello unico: a) nel caso la procedura non preveda l acquisizione di atti esterni alla Amministrazione comunale, adotta entro quindici giorni lavorativi il provvedimento finale; b) nel caso la procedura preveda l acquisizione di pareri e autorizzazioni esterni alla Amministrazione, entro quindici giorni convoca conferenza di servizi da svolgersi in seduta unica entro i successivi quindici giorni. In caso di mancata partecipazione dei soggetti invitati, ovvero in caso di mancata presentazione di osservazioni entro la data di svolgimento della conferenza stessa, i pareri, le autorizzazioni e gli altri provvedimenti dovuti si intendono positivamente espressi, ferma restando la responsabilità istruttoria dei soggetti invitati alla conferenza; 5. Il procedimento è espressamente concluso con provvedimento di: a) approvazione senza prescrizioni, che accoglie l istanza e costituisce titolo per la realizzazione dell intervento; b) approvazione con prescrizioni, quando il progetto necessita di modifiche o integrazioni risolvibili mediante indicazione specifica o rinvio al rispetto della relativa norma. Il provvedimento costituisce titolo per la realizzazione dell intervento alla condizione del rispetto delle prescrizioni poste; c) diniego, che può essere adottato nei soli casi di motivata impossibilità a porre prescrizione al progetto presentato per la presenza di vizi o imperfezioni tecniche insanabili e comporta il rigetto della richiesta. 6. Decorsi quindici giorni dal termine di cui al comma 4, lettera a), ovvero dalla seduta della conferenza di servizi di cui al comma 4 lettera b) senza che sia stato emanato il provvedimento conclusivo, lo stesso si intende acquisito; il prodursi di tale effetto è subordinato al pagamento dei corrispettivi eventualmente dovuti. 7. Restano ferme le procedure previste dalla legge regionale 3 gennaio 2005 n. 1, (Norme per il governo del territorio), quelle afferenti la media e grande distribuzione organizzata ai sensi della l.r. 28/2005, nonché le procedure regionali in vigore per le cave, gli impianti di stoccaggio e trattamento rifiuti e le imprese a rischio di incidente rilevante.

15 Art. 7 Norma finanziaria 1. Alle spese previste dalla presente legge si provvede con le risorse stanziate alle relative Unità previsionali di base (UPB) del Bilancio regionale 2006.

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività.

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Principali novità: Riferimento alla normativa europea e regionale in particolare a "Una

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI Art. 1 (Finalità e oggetto della legge) 1. La presente legge, nel rispetto del decreto legislativo 2 febbraio 2006,

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Gruppo Consiliare Forza Italia Firenze, il 15 febbraio 2007 Al Presidente del Consiglio Regionale SEDE Consiglio Regionale della Toscana Proposta di Legge n. 162 Prot. n. 2240/2.6 del 15.02.2007 PROPOSTA

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 49/2009 (Atti del Consiglio) Interventi di sostegno alle coppie impegnate in adozioni internazionali. *************** Approvata dal Consiglio regionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1327 del 23 luglio 2013 pag. 1/7 Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto Legge regionale 14 giugno 2013, n. 11 Disposizioni regionali di indirizzo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 47 SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE A VANTAGGIO DEL TERZO SETTORE

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 47 SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE A VANTAGGIO DEL TERZO SETTORE REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 47 SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE A VANTAGGIO DEL TERZO SETTORE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

MANOVRA ANTICONGIUNTURALE 2009 INCENTIVI ALLE IMPRESE

MANOVRA ANTICONGIUNTURALE 2009 INCENTIVI ALLE IMPRESE MANOVRA ANTICONGIUNTURALE 2009 INCENTIVI ALLE IMPRESE In risposta alle sollecitazioni delle parti sociali, l aggiornamento e l attuazione della manovra anticrisi prevede le seguenti iniziative: A) INIZIATIVE

Dettagli

Regione Toscana. D.P.G.R. 16 settembre 2011, n. 42/R

Regione Toscana. D.P.G.R. 16 settembre 2011, n. 42/R Regione Toscana. D.P.G.R. 16 settembre 2011, n. 42/R Regolamento regionale di attuazione della legge regionale 29 aprile 2008, n. 21(Promozione dell'imprenditoria giovanile, femminile e dei lavoratori

Dettagli

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO RISOLUZIONE N.100/E Roma, 19 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Articolo 1, commi 280-283, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna Cagliari, maggio 2007 Il processo di revisione dell attuale sistema di incentivazione alle imprese in Sardegna si sviluppa a partire da alcuni obiettivi fondamentali dell azione regionale: 1. Razionalizzare

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione autonoma Trentino- Alto Adige (Legge finanziaria) 1 Art. 1 (Sviluppo

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11 PROPOSTA DI INTESA TRA LO STATO E LE REGIONI AI SENSI DELL ART. 8 COMMA 6 DELLA LEGGE 131/2003 DISCIPLINA UNITARIA IN MATERIA FIERISTICA

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità)

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

Distretti agricoli in Regione Lombardia

Distretti agricoli in Regione Lombardia Distretti agricoli in Regione Lombardia Attività dei distretti (finalità, ruolo, opportunità), meccanismo di accreditamento in Regione Lombardia Roberto Daffonchio Distretti agricoli Distretti rurali >

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia Area Monopoli per il triennio 2013-2015 Il Piano delle attività sviluppato per il triennio 2013-2015 intende perseguire i seguenti

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del SERVIZIO SEGRETERIA E AFFARI GENERALI Dicembre 2009 TITOLO I DISPOSIZIONI SULL

Dettagli

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali COMPETITIVITA La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali Dalla Dia alla Scia anche per le attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande Cosimo

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese TITOLO I RAPPORTI CON L ASSOCIAZIONISMO ART. 1: Principi e finalità Il Comune riconosce e promuove il valore culturale, di solidarietà e di promozione sociale

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi)

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Monserrato

Comune di Monserrato Comune di Monserrato Assessorato alle attività produttive Tutto quello che devi sapere sullo Sportello Unico per le attività produttive (SUAP) Cos è E un nuovo sistema per semplificare e snellire le procedure

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale.

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. SOTTOMISURA 9.1 Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. La Sottomisura intende favorire la costituzione di Associazioni e Organizzazioni di Produttori

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Premesse DEFINIZIONI Ai fini delle presenti direttive: per Regione s intende la Regione

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA ART. 1 - FINALITA' DELL INTERVENTO E REQUISITI DI ACCESSO DEI CONFIDI AI

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 311 del 25 settembre

Dettagli

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA La seguente

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009 Regolamento recante modifiche al Regolamento concernente le modalità per lo smobilizzo dei crediti da parte delle banche, nonché le modalità e le condizioni per la concessione da parte del Fondo regionale

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli