Piano di Azione PROPOSTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Azione PROPOSTA"

Transcript

1 Piano di Azione PROPOSTA N GRUPPO AZIONE/RACCOMANDAZIONE A1 PREDISPORRE ED ATTUARE UN PIANO DI EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE Spiegare cos è la tariffa, come si calcola, e cosa paga ; capire quando e perché aumenta; spiegare il piano tariffario contenuto nel PdA e divulgare i risultati del monitoraggio delle previsioni Aumentare la trasparenza delle bollette, in particolare inviando bollette più comprensibili; introducendo tutte le voci di costo (acquedotto, depurazione, fognatura, gestione, ), inviando periodicamente agli utenti i bilanci del gestore (o, comunque, i costi sostenuti), istituendo uno sportello/indirizzo mail per richieste e chiarimenti presso l AATO Laguna, che mantenga informato il Comitato Utenti con report e statistiche. Educare al consumo critico (a tutti i livelli.. scuole, professionisti, enti, addetti ai lavori, ecc...), organizzando lezioni ai cittadini (anche per quartieri o comuni), promuovendo attività e ricerche scolastiche (anche con premiazioni), promuovendo corsi di formazione informare periodicamente sulla qualità distribuita all utenza, eventualmente allegando le analisi alla bolletta; promuovere campagne per il consumo dell acqua corrente (es. è buona, economica e sostenibile) Utilizzare la bolletta come strumento di informazione Educare all esclusivo uso potabile della risorsa Incentivare l utilizzo nelle fasce orarie meno critiche Informare la popolazione sull utilizzo di sistemi di risparmio idrico quali l installazione di frangigetto nei rubinetti Gli indicatori saranno contenuti nel Piano di educazione e comunicazione e discussi/condivisi con il Comitato degli Utenti. Alcuni suggerimenti di indicatori possono essere: investimento economico numero delle azioni di educazione messe in moto (nelle scuole, attraverso volantini e brochure, ecc.); numero delle azioni di miglioramento della bolletta monitoraggio delle richieste di chiarimenti inoltrate e risposte; indice di gradimento dell azione educativa A2 PROPORRE UN PIANO DI ARTICOLAZIONE DELLA CHE FAVORISCA LE FASCE SOCIALI PIÙ DEBOLI E COMPORTAMENTI SOSTENIBILI redigere studi che permettano di valutare se le attuali soglie possano essere modificate e in particolare se non sia Gli indicatori saranno contenuti nel Piano di articolazione della tariffa e discussi/condivisi con il Comitato degli Utenti. Alcuni suggerimenti di indicatori

2 A3 A4 possibile inserirne una bassa (40 mc/anno) con la quale tutelare i nuclei economicamente più deboli; tale soglia è considerata come fascia di consumo minimo vitale (Fonte ONU) e al di sotto di questo valore deve essere considerata un diritto e in linea di non pagata o comunque pagata meno; inserire valutazioni che permettano di parametrizzare i consumi in base ai nuclei familiari. valutare se cambiare la soglia degli 80 mc/anno per favorire il risparmio (alzandola o abbassandola); proporre incentivi tariffari per comportamenti sostenibili che consentano risparmio di risorsa e ottimizzazione della gestione, in particolare: applicare sconti per chi investe in tecnologie di risparmio, per chi consuma meno; inserire indicazioni nei regolamenti urbanistici (anche incentivi) APPLICARE IL FONDO DI SOLIDARIETÀ ANCHE DOPO IL PERIODO DI SALVAGUARDIA Il FORUM ha preso atto della proposta fatta dal COMUNE di VENEZIA, approvandola, per la regolamentazione del Fondo di Solidarietà (tale documento costituisce allegato al PAL), con le modifiche proposte dal Comitato Istituzionale dell AATO Laguna e ne propone l applicazione anche dopo il periodo di salvaguardia. Il Forum propone una adeguata informativa al cittadino, soprattutto nel suo utilizzo, che dovrà essere trasparente, competente ed efficace. REDAZIONE DEL BILANCIO IDROGEOLOGICO Il FORUM ha preso atto che NON ESISTE un Bilancio IDROGEOLOGICO. Pur nella consapevolezza che per attuare questa azione sarà necessario un coordinamento con altri ENTI (REGIONE; altri AATO,...) richiede che questa azione sia attuata per la tutela della risorsa acqua. Azioni collegate: Ridurre i prelievi privati dalle falde, collegando l utilizzatore alla rete acquedottistica ed eliminando i pozzi privati (in quanto prelevano indiscriminatamente e rappresentano possibili punti di contaminazione diretta della falda) Sensibilizzare un uso corretto delle acque in agricoltura, possono essere: n. incentivi economici messi in atto; n. di premi % risparmio effettivo nelle bollette dei soggetti virtuosi n. indicazioni inserite nei regolamenti edilizi monitoraggio del consumo nel tempo n. di richieste di fondi (CEE, Regione,...) verifica riduzione dei consumi L indicatore sarà correlato alla % di risorsa speso per la solidarietà. investimento economico per la redazione del Bilancio I-G anche in termini di persone impegnate n. di enti coinvolti n. di richieste di finanziamento (CEE, Regione, ecc...) stato di attuazione del lavoro n. allacciamenti in rete/n. pozzi preesistenti

3 A5 A6 ridurre i prelievi da pozzo (soprattutto censire quelli ad uso privato, limitandone l uso, soprattutto per grandi derivazioni), favorire la ricarica delle falde. REDAZIONE DEL BILANCIO IDRICO Predisporre un bilancio idrico che attualmente non c'è (calcolo delle quantità disponibili e delle quantità richieste per i vari usi e loro confronto nel tempo) Definire i reali fabbisogni di acqua per i vari usi (civile, industriale/artigianale, agricolo, energetico, ambientale), in particolare analizzando informazioni sull andamento demografico del territorio; dati sui fabbisogni attuali per i vari usi (civile, industriale/artigianale, agricolo, energetico, ambientale), possibilità effettive di riduzione dei consumi, adeguatezza del fabbisogno idrico procapite stimato evidenziare i deficit idrici sia globali sia puntuali (anche in funzione del raggiungimento degli obiettivi di qualità dei corsi d acqua Azioni collegate: individuare e ridurre le perdite favorire il riuso a fini irrigui delle acque depurate favorire uso delle cisterne per l accumulo verificare l effettivo consumo e le eventuali perdite nelle reti acquedottistiche, dotando di contatori sia i punti di captazione sia le utenze private PROMUOVERE ESTENSIONE DELLA RETE FOGNARIA E DELLA CAPACITÀ DEPURATIVA PER EVITARE LA DISPERSIONE DEGLI INQUINANTI E IN GENERE PER LA TUTELA DELLA contenimento dell impermeabilizzazione del territorio che non consente l infiltrazione dell acqua piovana (e quindi la ricarica degli acquiferi e l autodepurazione del territorio); utilizzo differenziale della risorsa in diverse zone in base alle disponibilità e alle caratteristiche locali (per evitare abbassamenti di falda o aumenti di concentrazioni di inquinanti in aree ambientalmente pregiate) recupero di aree degradate, in particolare tratti di corsi d acqua, favorendo interventi di rinaturalizzazione (aumento della capacità di autodepurazione del territorio e investimento economico per la redazione del Bilancio I anche in termini di persone impegnate n. di enti coinvolti (Gestori) n. di richieste di finanziamento (CEE, Regione, ecc...) stato di attuazione del lavoro nomina di un revisore tecnico n. contatori installati e monitorati/ utenze private Km di rete fognaria che viene messa in opera Quanta rete fognaria viene predisposta per la differenziazione tra acque nere e bianche Numero di allacciati Soldi spesi per il miglioramento della rete fognaria

4 A7 A8 A9 contemporaneamente della fruizione per i cittadini); estensione della rete fognaria e della capacità depurativa per evitare la dispersione degli inquinanti; favorire la fitodepurazione quale sistema di finissaggio delle acque depurate o depurazione di acque idonee estendere la rete fognaria e la capacità depurativa CERTIFICAZIONE AMBIENTALE Il FORUM richiede la certificazione EMAS; suggerisce la raccomandazione che gli enti gestori accedano ai finanziamenti europei per la certificazione presso l euro sportello veneto, senza dare una scadenza, ma attendendo un bando opportuno di finanziamento. MIGLIORARE LA CARTA DEI Il FORUM richiede che nel periodo di transizione sia adottata una carta dei servizi che presenti le migliori prestazioni delle singole carte riviste oggi dai 4 gestori Per quanto riguarda il gestore unico, il FORUM richiede all AATO di applicare almeno quanto previsto al punto precedente valutando di concerto con il Comitato degli Utenti le migliorie da apportare. (Alcuni consigli: ridurre il tempo di allacciamento e di riparazione, predisporre piani di emergenza (informativi e operativi) in caso di acque di pessima qualità, prevedere alcune clausole nel contratto dei servizi, in funzione degli standard tecnici e organizzativi fissati, per poi garantire l utente) Analisi dell adeguatezza del servizio alla popolazione fornito o programmato, in particolare attraverso indicatori quali: n. allacciamenti all acquedotto e alla rete fognaria rispetto alle utenze, % di reflui depurati, analisi di qualità delle acque addotte all utenza RENDERE PIÙ AGEVOLE LA FORMA DEL CONTENZIOSO Il FORUM richiede che siano studiate delle formule per agevolare la formula del contenzioso, anche per evitare dispendiosi ricorsi; una possibilità è quella di utilizzare come parere consultivo il Comitato degli Utenti messo al corrente gli enti gestori dell uscita dei bandi numero di domande fatte dai gestori arrivate all eurosportello customer satisfaction (indicatori standard) n. di forme di garanzia per l utente... tempo di soluzione del contenzioso n. di contenziosi

5 A10 A11 INSERIRE LA CLAUSOLA SOCIALE PER I DIPENDENTI DEGLI ATTUALI ENTI GESTORI In fase di conferimento tramite gara, del servizio idrico integrato, l Autorità d Ambito Laguna Di Venezia s impegna affinché nella realizzazione del BANDO DI GARA, della Convenzione di gestione e del relativo Disciplinare che saranno, nei tempi e modalità decisi dall A.T.O., si preveda espressamente l obbligo della clausola sotto riportata, nonché la sanzione della revoca del conferimento medesimo in caso di mancato rispetto dell obbligo stesso. In caso di subentro nella gestione del Servizio Idrico Integrato, a seguito di gara, realizzata in applicazione della L.36 05/01/94 e del Decreto Legge 29/09/2003 art.14 e/o di altra Legislazione che successivamente dovesse intervenire, il personale dipendente dai precedenti gestori, già addetto al servizio oggetto del conferimento, sarà assunto con passaggio diretto e imto, senza soluzione di continuità, alle dipendenze del nuovo gestore. La stipula degli atti del conferimento è subordinata alla assunzione da parte della società aggiudicataria dei dipendenti del gestore uscente, impiegati nella gestione del Servizio Idrico Integrato, come indicati nell elenco allegato, concordato con le OO.SS. di Settore, che specificherà: la qualifica professionale, l anzianità maturata, e le mansioni svolte. Ciascuna Impresa titolare del contratto di servizio applicherà al personale dipendente il trattamento previsto dal Contratto Collettivo Nazionale di Settore GAS-ACQUA e gli accordi integrativi e/o aziendali in essere. BONIFICARE LE CONDOTTE IN CEMENTO AMIANTO

6 R1 EVITARE PRIVATIZZAZIONE Il FORUM sostiene che sia importante che la gestione dell acqua sia lasciata ad un soggetto a maggioranza pubblica adottato preso tutte le misure al fine di evitare la privatizzazione R2 PROMUOVERE IL CONTRATTO DI FALDA SULLA FALSA RIGA DEL CONTRATTO DI FIUME accordare i soggetti sul miglioramento dell uso della falda, anche i privati sul modello del contratto di fiume verifica che l AATO si sia attivata per la promozione di un contratto di falda R3 RENDERE PIÙ SICURA LA CONSEGNA DELLE BOLLETTE nei confronti del gestore R4 R5 R6 DIVULGARE GLI STUDI DELL'AATO Il FORUM sostiene che l AATO abbia fatto molti studi interessanti per la collettività e che sarebbe utile AUMENTARE LA TRASPARENZA SUI RISULTATI RAGGIUNTI DAL GESTORE E SUL MONITORAGGIO DELL'ATTUAZIONE DEL PDA informare sulla realizzazione di nuove strutture; informare su analisi di qualità delle acque; informare su guasti e manutenzioni. MANTENERE (SE NON DIMINUIRE) L EMUNGIMENTO COMPLESSIVO DALLA FALDA nel divulgare i propri studi nei confronti del gestore n. di comunicazioni agli utenti verifica che l AATO adotti tutte le iniziative volte a ridurre l emungimento R7 FAVORIRE IL COORDINAMENTO CON I PRG, ALTRI STRUMENTI (SI RACCOMANDA DI COSTITUIRE UN GIS...)

7 R8 VALUTARE, SE POSSIBILE, L INSERIMENTO DI STANDARD DI QUALITÀ DELL ACQUA DIVERSI IN FUNZIONE DELLA TIPOLOGIA DI UTENZA INDICAZIONI SU COME LEGGERE IL PIANO D AZIONE Il documento riporta le azioni e le raccomandazioni proposte dai tavoli di lavoro Tariffa, Domanda, Servizi e Risorsa. Nella prima colonna viene riportato il numero progressivo della azione e raccomandazione: con A sono indicate le azioni, con R le raccomandazioni. La seconda colonna riporta, evidenziato in verde, il tavolo di lavoro che ha proposto l azione/raccomandazione. Come si può notare alcune azioni sono comuni a più tavoli di lavoro. La terza colonna riporta il titolo della azione/raccomandazione e la spiegazione dei contenuti, la quarta la priorità che si intende dare all azione e nella quinta la localizzazione temporale. Nella sesta colonna sono riportati gli indicatori proposti per il monitoraggio delle azioni/raccomandazioni.

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO CARTA DEI CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO DELLA CITTÀ DI AOSTA CITTÀ DI AOSTA CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Via Parigi 196 11100 Aosta Tel. 0165.300.600 - Fax: 0165.554.961

Dettagli

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO 1 INDICE 1. INQUADRAMENTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 1.1 RICOGNIZIONE... 7 1.2 LIVELLI DI SERVIZIO... 9 1.3 AREE CRITICHE E PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI...

Dettagli

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Dr.Fiorella Costa TREVISO 5 DICEMBRE 2007 1 Con il Decreto Legislativo 31/2001 e la DGRV 4080/2004 il panorama legislativo delle acque destinate

Dettagli

7 Modello gestionale e organizzativo

7 Modello gestionale e organizzativo 7 Modello gestionale e organizzativo 7.1 Premessa Il Piano d Ambito approvato affermava che il principale obiettivo del piano di gestione è la definizione dell assetto gestionale ed organizzativo del soggetto

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 LEGGE REGIONALE 27 aprile 2012, n. 17 Disposizioni in materia di risorse idriche. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

Il servizio idrico integrato

Il servizio idrico integrato 1 Università degli Studi ROMA TRE anno accademico 2009-10 ASSOCIAZIONE IDROTECNICA ITALIANA Corso di GESTIONE DEI SERVIZI IDRICI Il servizio idrico integrato dott. ing. Alessandro Piotti Dirigente Responsabile

Dettagli

Il servizio idrico e relativi scenari

Il servizio idrico e relativi scenari Il servizio idrico e relativi scenari Milano, 26 Novembre 2013 Silvio Bosetti Direttore Generale Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab Fondazione EnergyLab SPESA MEDIA ANNUA (rapporto

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

DISCIPLINA DEI CONTROLLI

DISCIPLINA DEI CONTROLLI LINEA GUIDA PER LA STESURA DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO DA PARTE DEL GESTORE DEL SERVIZIO IDRICO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 2906 DEL 10 DICEMBRE 2004 Approvazione di direttive

Dettagli

Piano di ambito. Riferimenti normativi Art. 11 comma 3 L. 36/94 e Art. 12 L.R. 25/99.

Piano di ambito. Riferimenti normativi Art. 11 comma 3 L. 36/94 e Art. 12 L.R. 25/99. Riferimenti normativi Art. 11 comma 3 L. 36/94 e Art. 12 L.R. 25/99. Obiettivi Stabilisce il modello gestionale ed organizzativo del SII; Determina i livelli dei servizi all utenza; Determina il programma

Dettagli

GUIDA FACILE alla lettura della bolletta

GUIDA FACILE alla lettura della bolletta GUIDA FACILE alla lettura della bolletta Facciamo i conti al Servizio Idrico Integrato Tutti ricevono periodicamente la bolletta dell acqua o pagano questo servizio nelle spese di un condominio. Ma quale

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

Piano Industriale 2015 2018 Sintesi

Piano Industriale 2015 2018 Sintesi Piano Industriale 2015 2018 Sintesi Overview Chi siamo Acquedotto Pugliese S.p.A. (AQP) nasce dalla trasformazione in società per azioni dell Ente Autonomo Acquedotto Pugliese (E.A.A.P.), ai sensi del

Dettagli

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO (Edizione 1 Gennaio 2007) Questa procedura è di proprietà del Gruppo Acam. Ogni divulgazione e/o riproduzione e/o cessione

Dettagli

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 8895 07/08/2008 Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA REGOLARIZZAZIONE DI PICCOLA DERIVAZIONE DI ACQUE SOTTERRANEE DA 3 POZZI AD USO INDUSTRIALE IN COMUNE DI CREMONA (CR).

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 Risoluzione ai sensi dell art. 38 del Regolamento generale

Dettagli

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti Investimenti nel settore idrico i e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese Giorgio Zampetti Responsabile scientifico di Legambiente L Italia è uno dei Paesi più ricchi di acqua

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua Società Metropolitana Acque Torino S.p.A. Concorrente Breve presentazione del soggetto concorrente Il Gruppo SMAT è leader nel campo del servizio idrico integrato nel quale opera progettando, realizzando

Dettagli

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Andrea Braidot Autorità di Bacino fiumi Alto Adriatico San Vito al Tagliamento, 12 maggio 2015 Cosa ci chiede la

Dettagli

Polesine Acque S.P.A.

Polesine Acque S.P.A. Polesine Acque S.P.A. Certificazione ISO 9001:2008 Certificazione ISO 22000:2005 Accreditamento laboratorio analisi UNI EN ISO 17025:2005 Modello organizzazione di gestione e controllo ai sensi del D.l.g.s.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna Le proposte di A.E.E.G.S.I. sulle tariffe di fognatura e depurazione dei reflui industriali autorizzati in fognatura. Il punto di vista di A.T.E.R.S.I.R. Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze

Dettagli

Sfide e impegni per lo sviluppo sostenibile. Sfide e impegni per lo sviluppo sostenibile 1

Sfide e impegni per lo sviluppo sostenibile. Sfide e impegni per lo sviluppo sostenibile 1 Sfide e impegni per lo sviluppo sostenibile Sfide e impegni per lo sviluppo sostenibile 1 Sommario Sfide, impegni, azioni che riguardano La governance Le persone che lavorano in azienda I Comuni Gli utenti

Dettagli

Consiglio di Quartiere 4. Assessorato all Ambiente. Assessorato alla Partecipazione democratica. e ai rapporti con i Quartieri

Consiglio di Quartiere 4. Assessorato all Ambiente. Assessorato alla Partecipazione democratica. e ai rapporti con i Quartieri Consiglio di Quartiere 4 Assessorato all Ambiente Assessorato alla Partecipazione democratica e ai rapporti con i Quartieri In collaborazione con ARSIA Acqua e paesaggi Cultura, gestione e tecniche nell

Dettagli

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Copia assegnata a: NOTA: Il presente disciplinare è di proprietà dell Ente Parco Regionale della Maremma ed è assegnato agli aderenti al progetto

Dettagli

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato La tariffa dell acqua Il D.L. n.201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011, ha disposto il passaggio delle competenze relative alla regolazione

Dettagli

Acqua: oro per noi. Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna

Acqua: oro per noi. Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA 22 MARZO 2006 Acqua: oro per noi Sala del Consiglio Provinciale Reggio Emilia Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna Romagna: : obiettivi ed azioni di risparmio

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

Allegato 2 Regolamento di attuazione della articolazione tariffaria unica

Allegato 2 Regolamento di attuazione della articolazione tariffaria unica Allegato 2 Regolamento di attuazione della articolazione tariffaria unica Roma, 14 dicembre 2010 Approvata con Delibera 6/10 della Conferenza dei Sindaci STO AATO2 Roma dell Autorità dell Ambito Territoriale

Dettagli

Longarone, 4 novembre 2011

Longarone, 4 novembre 2011 Acqua buona, città pulite, servizi di qualità, prezzi equi oggi e nel futuro nei Comuni che ci affidano la gestione dei servizi pubblici locali. Longarone, 4 novembre 2011 Il contesto in cui opera Etra

Dettagli

Innovazione tecnologica e LE BEST PRACTICES. Alessandro Mazzei Coordinatore tecnico scientifico ANEA

Innovazione tecnologica e LE BEST PRACTICES. Alessandro Mazzei Coordinatore tecnico scientifico ANEA Innovazione tecnologica e programmazione d Ambito LE BEST PRACTICES Alessandro Mazzei Coordinatore tecnico scientifico ANEA Il nuovo Piano di Ambito e 2 Le s e il Modello Il Piano di Ambito deve sempre

Dettagli

Acque. RSA Provincia di Milano. Acque

Acque. RSA Provincia di Milano. Acque RSA Provincia di Milano Acque Fig.1: utilizzo della risorsa idrica superficiale (fonte: SIA) Fig. 2: incidenza dei fenomeni inquinanti sulla risorsa idrica sotterranea (fonte: Provincia di Milano) La provincia

Dettagli

Relazione a cura del gruppo «Responsabili Qualità» Milano, Risorse Comuni 2010

Relazione a cura del gruppo «Responsabili Qualità» Milano, Risorse Comuni 2010 Relazione a cura del gruppo «Responsabili Qualità» Milano, Risorse Comuni 2010 1 Il gruppo ERREQ: è formato dai Responsabili Qualità dei Comuni membri di AQC si incontra a cadenza almeno bimestrale lavora

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA Marca da bollo in valore legale DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA Al Responsabile Ufficio Tecnico CAPALBIO (GR) Il sottoscritto Cognome

Dettagli

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria.

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO NELLA RETE FOGNARIA DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE Tipo di autorizzazione: nuova rinnovo

Dettagli

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Aerospaziale Università di Palermo La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Prof.Ing.Gaspare Viviani gviv@idra.unipa.it LA NORMATIVA SUL GOVERNO

Dettagli

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5.1 Obiettivi del Piano d Ambito Nel piano d ambito 2002 sono illustrati gli obiettivi generali della pianificazione d ambito (tecnico-impiantistici

Dettagli

area tematica: RISORSE IDRICHE

area tematica: RISORSE IDRICHE Tabella A. area tematica: RISORSE IDRICHE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Utilizzo di acqua di qualità in quantità ingenti per le attività produttive che comporta l abbassamento generalizzato

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Protocollo numero (viene apposto dall Archivio comunale) Faenza, / / (data di compilazione) Oggetto: domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche

Dettagli

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PIANO DI SVILUPPO RURALE REGOLAMENTO CE 1257/1999 MISURA 9.6 Gestione delle risorse idriche in agricoltura Regolamento CE 445/02 lettera q PARTE I ADEMPIMENTI

Dettagli

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n..

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIRETTIVA REGIONALE RIUTILIZZO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIRETTIVA REGIONALE RIUTILIZZO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE DIRETTIVA REGIONALE RIUTILIZZO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE Indice Capo I... 3 Disposizioni generali... 3 Art. 1...3 (Finalità)... 3 Art. 2...3 (Indirizzi per il riutilizzo delle acque reflue recuperate)...

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

art.3 Requisiti per l accesso ai benefici art.4 Modalità di definizione delle agevolazioni erogabili

art.3 Requisiti per l accesso ai benefici art.4 Modalità di definizione delle agevolazioni erogabili Disciplinare per la concessione di agevolazioni tariffarie per la fornitura di acqua potabile: criteri e procedure per la fruizione del Fondo Utenze Deboli istituito da A.A.T.O. 4 e Nuove Acque Spa per

Dettagli

TARIFFA D AMBITO Il ruolo del Comune nella tariffazione degli utenti con approvvigionamento autonomo da pozzi e nella tariffazione degli utenti che

TARIFFA D AMBITO Il ruolo del Comune nella tariffazione degli utenti con approvvigionamento autonomo da pozzi e nella tariffazione degli utenti che TARIFFA D AMBITO Il ruolo del Comune nella tariffazione degli utenti con approvvigionamento autonomo da pozzi e nella tariffazione degli utenti che scaricano acque reflue industriali in pubblica fognatura

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

RELAZIONE. Tariffa per il periodo di regolazione 2012-2013 Piano Tariffario e Piano Finanziario per il periodo 2012-2032

RELAZIONE. Tariffa per il periodo di regolazione 2012-2013 Piano Tariffario e Piano Finanziario per il periodo 2012-2032 Segreteria Tecnico Operativa CONFERENZA DEI SINDACI ATO 2 Lazio Centrale Roma RELAZIONE Tariffa per il periodo di regolazione 2012-2013 Piano Tariffario e Piano Finanziario per il periodo 2012-2032 Deliberazioni

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Chi sono? Marco Rusconi Ingegnere, responsabile del settore contratti di Idrolario Srl (project manager per l esecuzione degli interventi di piano d ambito e delle manutenzioni

Dettagli

FATTURAZIONE E STRUMENTI PER LA GESTIONE CLIENTI

FATTURAZIONE E STRUMENTI PER LA GESTIONE CLIENTI FATTURAZIONE E STRUMENTI PER LA GESTIONE CLIENTI SERVIZIO IDRICO IN REGIONE LOMBARDIA E BOLLETTA LUIGI VINCI STRUTTURA DELLA GESTIONE CLIENTI MISSION Gestire l area clienti con l obiettivo di assicurare

Dettagli

ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI SETTORE AMBIENTE

ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI SETTORE AMBIENTE ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI SETTORE AMBIENTE SERVIZIO ACQUE E RISORSE IDRICHE Ai sensi dell art. 35 d.lgs. 33/2013 secondo quanto indicato dalla Delibera 71/2013 della CIVIT Per tutti i procedimenti

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO

4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO A.T.O. n. 3 Marche Centro - Macerata Piano d Ambito provvisorio 4. IL MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO 4.1 Gli obiettivi del modello gestionale La definizione del Modello gestionale ha un duplice obiettivo:

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 62 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : DETERMINAZIONE IN VIA TRANSITORIA DELLE TARIFFE DEI SERVIZI ACQUEDOTTO, FOGNATURA E DEPURAZIONE ANNO 2006. L anno

Dettagli

NOTA. - la promozione di finanziamenti agevolati per la bonifica di edifici con presenza di manufatti contenenti amianto;

NOTA. - la promozione di finanziamenti agevolati per la bonifica di edifici con presenza di manufatti contenenti amianto; L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 venerdì 7 settembre, 2012 NOTA E stata pubblicata sul B.U.R.L. 3 agosto 2012 n. 31 ed è in vigore dal 4 agosto, la legge con la quale la Regione Lombardia ha inteso

Dettagli

LE RETI PER IL TRASPORTO ACQUE IN ITALIA

LE RETI PER IL TRASPORTO ACQUE IN ITALIA FERRARA, 18 maggio 2006 LE CONDOTTE IN PVC: DAL TRASPORTO ACQUE ALLE RETI INTELLIGENTI LE RETI PER IL TRASPORTO ACQUE IN ITALIA Renato Drusiani Federutility Roma Legge 36/1994 e ciclo integrato delle acque

Dettagli

Impianti fotovoltaici in esercizio grazie alle agevolazioni tariffarie

Impianti fotovoltaici in esercizio grazie alle agevolazioni tariffarie Impianti fotovoltaici in esercizio grazie alle agevolazioni tariffarie 1. Premessa Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it Comune di Vinchio Provincia di Asti - Italia www.comune.vinchio.at.it La certificazione ambientale come opportunità di sviluppo: l esempio del Comune di Vinchio Vinchio, 1 dicembre 07 - Andrea Laiolo,

Dettagli

Allegato 4 Procedura autorizzazione per lo scarico di acque reflue industriali ed industriali assimilabili alle domestiche

Allegato 4 Procedura autorizzazione per lo scarico di acque reflue industriali ed industriali assimilabili alle domestiche REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PARTE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 4 Procedura autorizzazione per lo scarico di acque reflue industriali ed industriali assimilabili alle domestiche

Dettagli

TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI

TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI I INDICE 1. PREMESSA 1 2. TIPOLOGIA DEGLI INVESTIMENTI 2 1 1. PREMESSA Il presente elaborato contiene l aggiornamento del conseguente alla revisione triennale del Piano d Ambito prevista dal D.M. 01/08/1996.

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO CARTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N. 30 DEL 19.02.2014 PREMESSA La presente carta del servizio idrico è stata adottata dal Comune di CARLAZZO in adempimento delle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto

Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto LEGGE REGIONALE 29 settembre 2003, N. 17 Norme per il risanamento dell ambiente, bonifica e smaltimento dell amianto (BURL n. 40, 1º suppl. ord. del 03 Ottobre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-09-29;17

Dettagli

Applicazione pratica del SIT nel governo del ciclo integrato dell acqua

Applicazione pratica del SIT nel governo del ciclo integrato dell acqua Applicazione pratica del SIT nel governo del ciclo integrato dell acqua Corso La gestione del territorio attraverso l integrazione delle informazioni sanitarie ed ambientali con l utilizzo della metodologia

Dettagli

Criteri per la definizione e ripartizione della tariffa del Servizio Idrico Integrato anno 2010

Criteri per la definizione e ripartizione della tariffa del Servizio Idrico Integrato anno 2010 Allegato A) al Decreto n. 03/2010 Criteri per la definizione e ripartizione della tariffa del Servizio Idrico Integrato anno 2010 Ad integrazione dei Criteri per l applicazione della tariffa del Servizio

Dettagli

L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14

L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 L.R. Lombardia 31 luglio 2012 n. 14 venerdì 7 settembre, 2012 NOTA E stata pubblicata sul B.U.R.L. 3 agosto 2012 n. 31 ed è in vigore dal 4 agosto, la legge con la quale la Regione Lombardia ha inteso

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO IN RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE (La domanda dovrà essere compilata

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

6 Piano degli interventi

6 Piano degli interventi 6 Piano degli interventi 6.1 Metodologia per l individuazione degli interventi Nel Piano degli interventi si tende ad individuare gli investimenti, intesi come nuove opere o azioni di ripristino di opere

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Alberto Biancardi Genova, 18 gennaio 2013 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 Gli obiettivi dell Autorità Fornire corretti incentivi

Dettagli

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa L efficienza nell uso dell acqua potabile Gli interventi possibili nel settore civile Obiettivi PTUA 3 Le misure per la programmazione e l uso delle risorsa idrica a scala regionale dovrà essere finalizzata

Dettagli

PROGETTO AT. Definizione dei criteri di valutazione degli interventi progettuali sostenibili in edilizia

PROGETTO AT. Definizione dei criteri di valutazione degli interventi progettuali sostenibili in edilizia PROGETTO AT Definizione dei criteri di valutazione degli interventi progettuali sostenibili in edilizia Uso razionale delle risorse idriche: quadro normativo Uno dei primi documenti a livello europeo fu

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IN PROVINCIA DI SONDRIO

INCONTRO INFORMATIVO IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IN PROVINCIA DI SONDRIO UFFICIO D'AMBITO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO INCONTRO INFORMATIVO IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IN PROVINCIA DI SONDRIO INTRODUZIONE Quadro normativo A LIVELLO NAZIONALE Legge Galli (L. 36/94)

Dettagli

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane Giornata di Studio GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Milano - Palazzo Lombardia - Auditorium 21 novembre 2012 Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA Art. 1 Oggetto Il presente regolamento ha per oggetto le procedure di autorizzazione

Dettagli

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 1 ANALISI DEI DATI PREGRESSI Serie storica delle produzioni del periodo 2002-2008 (t/anno)

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia - Supplemento al n. 1/2004 89 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI Contenuti di un ipotetico Progetto Tiziano

Dettagli

Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015

Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015 Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015 Autorità di Bacino dei fiumi Liri Garigliano e Volturno Distretto Idrografico Appennino

Dettagli

e supportato dall amministrazione comunale

e supportato dall amministrazione comunale di Padova Settore Ambiente Piano di azione: proposto dal Forum locale e supportato dall amministrazione comunale Parte Prima : Obiettivi a tre anni OBIETTIVI GENERALI Riduzione, in riferimento al valore

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato

CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE NELLA RETE

Dettagli

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA :

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : La pianificazione del fabbisogno e dell utilizzo della risorsa idrica nel PROGETTO

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA per la bonifica DEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE MASSA E CARRARA

ACCORDO DI PROGRAMMA per la bonifica DEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE MASSA E CARRARA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Regione Toscana Provincia di Massa Carrara Comune di Massa Comune di Carrara Arpa Toscana Associazion edegli industriali di Massa e Carrara

Dettagli

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D.1 LE RETI IDRICHE E GLI SPANDIMENTI SUL SUOLO AGRICOLO D.1.1 IL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO Introduzione ed inquadramento generale

Dettagli

Modalità di intervento e agevolazione Comitato tecnico e modalità istruttorie

Modalità di intervento e agevolazione Comitato tecnico e modalità istruttorie ALLEGATO Sub B) Criteri ed indirizzi per la definizione degli strumenti operativi finalizzati alla prestazione di garanzie fidejussorie ai soggetti attuatori degli interventi del servizio idrico integrato

Dettagli

IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia. Maggio 2012. Enia Reggio Emilia srl

IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia. Maggio 2012. Enia Reggio Emilia srl IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia Maggio 2012 Enia Reggio Emilia srl 3 Ciclo Idrico Integrato: gli assets Abitanti Residenti: 525.776 su 44 Comuni della Provincia di RE Acquedotto

Dettagli