- Evidenziare come l imprenditore ed i responsabili sviluppano valori e principi chiari per l impresa.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- Evidenziare come l imprenditore ed i responsabili sviluppano valori e principi chiari per l impresa."

Transcript

1 1. Capacità di guida Mettere a fuoco le modalità attraverso le quali l imprenditore guida l impresa agrituristica e i collaboratori tramite il personale impegno per il miglioramento sia all interno che all esterno dell impresa. La gestione delle aziende agrituristiche è di tipo familiare pertanto i responsabili delle strategie dell azienda sono uno o due membri della famiglia. Gli altri componenti oltre ad avere un ruolo lavorativo possono rivestirne comunque anche uno decisionale. Alla base della definizione degli obiettivi ( un esempio può essere costituito dalla stessa decisione di intraprendere l attività agrituristica ) c è, nella maggior parte dei casi, l entusiasmo, l intraprendenza e il coraggio di un singolo individuo appoggiato nelle decisioni dai membri della famiglia. - Evidenziare come l imprenditore ed i responsabili sviluppano valori e principi chiari per l impresa. I responsabili sono chiamati a definire valori e principi che possono essere di diverso tipo in funzione delle finalità che l azienda si propone Ad esempio: Rispetto per l ambiente ( ecocompatibilità ); Valorizzazione e difesa dei prodotti tipici ( biodiversità ); Spirito di ospitalità; Sviluppo rurale sostenibile; Recupero delle tradizioni; altro. I valori, direttamente collegati con le strategie e i piani dell impresa, non sono per forza di cose immutabili, ma dovrebbero essere rivisti e aggiornati in funzione dei cambiamenti delle condizioni interne ed esterne. - Evidenziare come i responsabili dimostrano e comunicano in modo chiaro i valori e principi dell impresa. Il Responsabile, condividendo i valori con i membri della famiglia ed i collaboratori, li promuove ai clienti, ai compaesani e ai colleghi attraverso Innanzi tutto i propri comportamenti, nonché attraverso strumenti di comunicazione, ad esempio, depliant illustrativi, pubblicità in riviste specializzate e TV locali, presenza in guide del settore e in siti privati o comuni.

2 - Evidenziare come l imprenditore ed i responsabili danno l esempio (coerenza di comportamento). Il responsabile testimonia i valori e i principi di cui sopra conducendo, ad esempio, una vita in armonia con la natura, ( l abitazione diventa l agriturismo stesso ) scandita dalle occupazioni quotidiane e da un orario di lavoro non prefissato. - Evidenziare come l imprenditore ed i responsabili ricevono ed erogano formazione. I Responsabili se vogliono essere credibili, devono aver capito ed interiorizzato, tramite la partecipazione a corsi, seminari, incontri, esperienze pratiche, i fondamenti dei concetti e delle prassi che vogliono diffondere all interno dell azienda. Ad esempio un iniziativa molto efficace è l erogazione di corsi ai dipendenti effettuata dagli stessi responsabili che hanno in precedenza partecipato a iniziative esterne quali: corsi di qualifica Professionale; corsi HACCP; corsi di formazione specifica su singoli argomenti inerenti alle attività; altro. - Evidenziare come i responsabili riesaminano e migliorano l efficacia del ruolo di leader. Periodicamente i responsabili dovrebbero riesaminare i risultati, gli effetti delle loro iniziative, per decidere se mantenerle, eliminarle o, se necessario cambiarle. Quando un imprenditore decide di fare un investimento lo fa perché si aspetta un ritorno ben preciso e si preoccupa di verificare a posteriori se questo c è stato. Nello stesso modo, quando l imprenditore decide di sviluppare un iniziativa, un progetto, un programma, automaticamente impegna risorse dell impresa: anche nei casi in cui non ci sia un esborso diretto di denaro, è indispensabile rivedere periodicamente i risultati delle iniziative più importanti, in confronto con gli obiettivi, per capire se quelle iniziative continuano ad essere valide o se sia il caso di modificarle o addirittura eliminarle. - Evidenziare come i responsabili assegnano priorità, risorse, impegno organizzativo e supporto nell ambito dell impresa. Anche se l impresa riesce a creare le condizioni ambientali più favorevoli, il miglioramento non avviene automaticamente, ma tutti i cambiamenti di una certa portata, che sono poi quelli che danno i ritorni più interessanti, necessitano di risorse umane, tecniche, organizzative. Queste risorse non dovrebbero essere decise al momento in cui se ne presenta la necessità perché potrebbero anche non esserci, pertanto è opportuno quantificare

3 preventivamente, costituendo budget dedicati per progetti specifici, e un budget generale per far fronte tempestivamente a necessità od opportunità impreviste, non pianificabili. Evidenziare come i responsabili operano su questi progetti ( il loro impegno diretto per il miglioramento delle prestazioni aziendali ). Esempi di progetti sui quali mettere in evidenza l impegno dei responsabili possono essere: il miglioramento/ampliamento delle infrastrutture aziendali; la ristrutturazione di locali per l aumento dei posti letto la costruzione di un caseificio per la lavorazione del latte prodotto dall azienda agricola la predisposizione di impianti di irrigazione lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi associati alle attività agrituristica; la predisposizione di spazi per l accoglienza di roulotte, camper e pullman. la costruzione di ricoveri per animali ( stalle per cavalli ) azioni di potenziamento dei canali di vendita; la costituzione di uno spaccio per la vendita diretta dei prodotti e di un canale di vendita on line altro. - Evidenziare come i responsabili riconoscono ed apprezzano le prestazioni dei singoli e dei gruppi, dei clienti e dei fornitori. Per tutte le aziende agrituristiche è importante avere positive relazioni con clienti e fornitori. L azienda agrituristica dovrebbe pertanto perseguire un rapporto sistematico e collaborativo con clienti e fornitori. E necessario assicurare che le informazioni di ritorno di clienti e fornitori siano formalizzate e discusse e che i reclami vengano analizzati e tempestivamente risolti. Un azienda non potrà essere competitiva se i suoi fornitori ed i suoi clienti non lo sono e se il Sistema Sociale locale (Pubblica Amministrazione, Enti Locali, Aziende di Promozione Turistica APT, Organismi e Associazioni di tutela dell ambiente, Corpo Forestale, Sanità) in cui opera non migliora continuamente e non è a sua volta competitivo. Quindi l azienda, nell ambito delle sue possibilità, dovrebbe cercare di stimolare il miglioramento e la crescita del Sistema in vista di ritorni a breve dalla collaborazione congiunta con clienti e fornitori o di vantaggi a più lungo termine dai rapporti con la comunità locale. Ad esempio: promovendo visite guidate del territorio e dell azienda agricola a scuole, associazioni culturali; promovendo convenzioni con musei o siti archeologici locali; altro. - Evidenziare come i responsabili diffondono le migliori prassi aziendali emergenti sia nell ambito dell impresa che all esterno.

4 Le migliori prassi sono le modalità di svolgere le attività o di eseguire processi aziendali che sono giudicate all avanguardia o comunque migliori di quelle utilizzate da altre aziende del settore. Le migliori prassi possono essere relative ad esempio a: metodologie di miglioramento, di analisi ( misurazione della soddisfazione del cliente ), processi tipici ( offerta di servizi per la valorizzazione del territorio, percorsi integrati sport/passeggiate a contatto con la natura ), partenership con altri agriturismi limitrofi ( creazione di itinerari per trekking ippico ), ecc.; pulizia e igiene; accoglienza ospiti; animazione del soggiorno; realizzazione di prodotti enogastronomici. L azienda dovrebbe cercare di individuare all esterno le migliori prassi, verificarne la possibilità e l opportunità di applicazione, adattarle se necessario alla propria realtà per trarne un vantaggio competitivo. La ricerca delle migliori prassi può essere fatta con diverse modalità in funzione delle dimensioni e delle peculiarità dell azienda. Ad esempio: le associazioni di settore o altri enti che svolgono ricerche di mercato; progetti congiunti di confronto con imprese del settore e non; l analisi di riviste o pubblicazioni specializzate e la partecipazione a convegni e seminari; la partecipazione a manifestazioni e premi locali e nazionali; altro.

5 2. Strategie e Pianificazione Mettere a fuoco le modalità attraverso le quali l azienda formula, articola e riesamina le sue strategie basandole su informazioni significative, ampie e correlate e le traduce in piani e in azioni. Il criterio è rivolto ad approfondire come l azienda agrituristica sviluppi le strategie e i piani, come questi siano basati su informazioni e dati adeguati, come costituiscano la base per la definizione dei piani operativi, come siano riesaminati dai responsabili dell azienda e come siano diffusi all interno ed all esterno della stessa. Lo sviluppo di precisi obiettivi strategici di riferimento e l utilizzo di un processo strutturato di sviluppo dei piani, almeno a breve termine, e la revisione periodica degli stessi, può consentire all azienda agrituristica di conseguire in modo più efficiente i propri obiettivi e di reagire con maggiore tempestività ed efficacia alla variazione della domanda del mercato. - Evidenziare come l azienda agrituristica identifica, aggrega, analizza ed utilizza le informazioni e i dati significativi. Le informazioni e i dati significativi possono provenire dall esterno come ad esempio: le aspettative e il livello di soddisfazione dei clienti ( percepite attraverso l utilizzo di questionari fatti compilare al termine del soggiorno e il colloquio diretto con i clienti stessi ); i reclami ( che potrebbero essere percepiti, attraverso l utilizzo di appositi moduli prestampati ); le prestazioni dei concorrenti ( ottenute attraverso la visita presso altri agriturismi limitrofi e non, attraverso incontri e convegni, attraverso l Associazione e la disponibilità di guide aggiornate del settore ); gli aspetti ambientali ( percepiti attraverso l analisi delle caratteristiche del luogo, e delle potenzialità turistiche del luogo ); la quota di mercato ( ottenuta attraverso l analisi della tipologia dei clienti: provenienza, età, interessi, ecc., dell azienda agrituristica in particolare e del settore in generale ); le leggi e gli standard di riferimento del settore nazionali ed internazionali ( percepiti attraverso la raccolta e la lettura di leggi e articoli pubblicati su riviste e giornali specializzati e non, su Gazzette Ufficiali o presenti su Internet ); altro oppure dall interno come ad esempio: i risultati finanziari ( ottenuti attraverso l analisi del bilancio aziendale ); i suggerimenti del personale o meglio dei collaboratori e dei familiari (ottenuti attraverso incontri, riunioni dove si analizzano le eventuali annotazioni /idee);

6 altro Non essendo sempre facile ottenere in modo autonomo le informazioni e i dati esterni può rendersi opportuno appoggiarsi alle associazioni di settore, come evidenziato sopra, a società di consulenza, a enti pubblici, ecc.. Basandosi sulle informazioni raccolte, l azienda, dovrebbe definire i propri obiettivi strategici e sviluppare strategie e piani su un arco di tempo (uno o più anni ) in base alle necessità interne e alla maggiore o minore variabilità del mercato in cui opera. I piani dovrebbero essere concreti e realizzabili entro le date previste e dovrebbero essere dettagliati con indicatori, risultati attesi qualitativi e di reddito. Esempi di obiettivi strategici, definiti sulla base delle informazioni raccolte, possono essere: predisposizione di servizi/attrezzature/attività percepite come importanti per il cliente e/o per l'azienda stessa predisposizione di percorsi natura ed integrati costruzione di ricoveri per animali la predisposizione di impianti di irrigazione la costituzione di uno spaccio per la vendita diretta di prodotti altro Per tali obiettivi dovrebbero essere definiti degli indicatori quali ad esempio: tempi di realizzazione ( rispetto dei tempi previsti per ogni fase di realizzazione ); budget (rapporto spesa/ fatturato mensile per ogni fase); altro Dovrebbero essere definite anche le aspettative di reddito e qualitative come ad esempio: un aumento del reddito del 10%; un aumento della clientela del 20% ( sia generale oppure legato ad aspetti o ad attività specifiche); un incremento della produzione agricola del 15%; altro - Evidenziare come l azienda agrituristica riesamina le prestazioni raggiunte rispetto ai piani, e modifica i piani stessi ove necessario. Il processo di sviluppo non si esaurisce con la fase di assegnazione degli obiettivi, ma è necessario che l azienda li verifichi per assicurare che, in ogni momento, tutte le azioni pianificate siano coerenti ed efficaci per il raggiungimento del risultato atteso. Le verifiche possono essere periodiche, ad esempio ogni mese, trimestre o con la frequenza dettata dalle necessità operative. I responsabili dovrebbero verificare l efficacia delle strategie e dei piani aggiornandoli e migliorandoli in base ai risultati operativi e alle variazioni dei parametri esterni, assicurando continuità e coerenza tra strategie, piani ed azioni.

7 - Evidenziare come l azienda assicura che tutte le parti interessate siano coinvolte nei cambiamenti di strategie e piani. Le strategie e i piani per essere veramente efficaci dovrebbero essere concreti e realizzabili, quindi compatibili con le risorse interne ( personale, capitali, macchinari, mezzi informatici, ecc ) ed esterne ( fornitori, territorio, ambiente ecc ) dell azienda e coerenti con le necessità richieste dal mercato e dal territorio. Tutti i componenti dell azienda dovrebbero essere informati e coinvolti nell elaborazione e nei cambiamenti di strategie e piani. Per quanto riguarda i clienti è opportuno che l azienda, li informi e cerchi di coinvolgerli in quei casi in cui il loro contributo sia importante per lo sviluppo di strategie e piani. Ad esempio pubblicizzando ai clienti gli obiettivi strategici definiti dall azienda e raccogliendo ed analizzando le informazioni, le opinioni ed i consigli concernenti gli obiettivi stessi attraverso la comunicazione con essi.

8 3. Gestione del personale Evidenziare in che modo l azienda agrituristica valorizza appieno il potenziale del suo personale. Il criterio analizza le modalità con cui l azienda agrituristica si prende cura del personale e si predispone per consentire ad ogni dipendente di esprimere al meglio il proprio potenziale, in modo tale che, essendo motivato, contribuisca il più possibile alla soddisfazione dei clienti per conseguire gli obiettivi di business. L azienda agrituristica presenta una gestione a conduzione familiare nella quale il personale dipendente è per lo più stagionale e/o part-time. Il miglioramento continuo delle prestazioni e dei risultati sono possibili solo se il personale è motivato, e il livello di motivazione è tanto più elevato se: il personale si identifica con i piani e le strategie dell azienda agrituristica, e ha, a sua volta, mansioni, obiettivi chiari e coerenti; i dipendenti hanno la competenza e le informazioni necessarie per svolgere le proprie attività; l azienda riconosce e premia in modo equo l impegno e i risultati ottenuti dai dipendenti; i responsabili incoraggiano e stimolano la partecipazione del personale. - Evidenziare ad esempio come l azienda agrituristica seleziona e prepara i piani del personale ( assunzioni, formazione, motivazione ) in modo coerente in funzione delle proprie necessità. Ad esempio: previsione di assunzione di personale esperto per l introduzione di nuovi servizi; piani di formazione ed addestramento in funzione di nuove mansioni, di nuove tecnologie emergenti o ad adempimenti di legge; corsi di formazione per aumentare le competenze e conoscenze degli operatori - Evidenziare ad esempio come l azienda agrituristica valuta le prestazioni e le esigenze di sviluppo di carriera del personale. Per premiare il merito l azienda agrituristica dovrebbe organizzarsi in modo tale da strutturare un processo che consenta di effettuare la valutazione della prestazione del personale, in modo formale, oggettivo ed equo. Tale valutazione, dovrebbe essere effettuata a livello personale, definendo e/o concordando con il singolo dipendente, obiettivi misurabili e premi in funzione del raggiungimento dell obiettivo stesso.

9 Esempi di obiettivi possono essere: sviluppo di nuove attività ( ricreative e culturali: percorsi guidati, enogastronomia, ecc..); aumento delle vendite di prodotti biologici; sviluppo di nuovi servizi tramite l utilizzo di Internet. - Evidenziare come l azienda agrituristica incoraggia i dipendenti a prendere iniziative. Uno degli aspetti evidenziati dal criterio è la delega, che può essere definita come una combinazione bilanciata di competenza ed autorità. I responsabili non si spogliano della propria autorità, ma sono loro che, in funzione delle capacità e della competenza dei dipendenti, delegano autorità di prendere decisioni in ambiti più o meno ristretti, ma sempre ben definiti. Esempi di delega possono essere: responsabilità ed autonomia nell attuazione e nella realizzazione di nuove attività; responsabilità ed autonomia nella gestione dei fornitori; responsabilità ed autonomia nella gestione finanziaria ( contabilità, magazzino). Oltre alla delega formale, i responsabili dovrebbero comunque stimolare lo spirito di iniziativa dei dipendenti per risolvere problemi ed introdurre miglioramenti nell ambito delle proprie attività e responsabilità o per presentare suggerimenti e proposte di miglioramento in genere. Esempi di iniziativa per incoraggiare la partecipazione dei dipendenti possono essere: la predisposizione di incontri e riunioni in cui il personale viene coinvolto in attività decisionali; la raccolta in modo sistematico delle idee e proposte del personale; l istituzione di un sistema di riconoscimenti per l idea che risulterà nel complesso originale e fattibile.

10 4. Risorse Mettere a fuoco le modalità attraverso le quali l azienda agrituristica gestisce le risorse in modo efficace ed efficiente. Il criterio è relativo a come le risorse finanziarie, informative, i materiali e l applicazione delle tecnologie sono reperite, utilizzate e gestite a supporto delle strategie, degli obiettivi e del continuo miglioramento dei risultati. - Evidenziare come l azienda gestisce le risorse economiche e finanziarie. Ad esempio come l azienda agrituristica: finanzia le attività aziendali in modo efficiente e controlla i parametri finanziari più importanti ( ritorno degli investimenti, cash-flow ) nel breve e lungo termine; destina ed utilizza le risorse economiche per sostenere le strategie e i piani di miglioramento; valuta le decisioni di investimento; gestisce i rischi; altro.. Un problema diffuso nelle aziende agrituristiche è costituito dalla disponibilità di risorse finanziarie reperite nella maggior parte dei casi con: fido bancario ipoteca È necessario che l azienda metta a punto ed utilizzi un sistema ordinato e completo per la gestione delle risorse finanziarie che comprenda ad esempio i seguenti aspetti: definire i criteri su cui basare le decisioni di collocazione delle risorse; definire i requisiti specifici per giustificare e approvare gli investimenti, coerenti con la situazione finanziaria generale e con gli obiettivi strategici che l azienda si è data e in cui ha deciso di competere; controllo della gestione delle risorse finanziarie tramite analisi degli indicatori chiave; revisione periodica delle strategie finanziarie per introdurre eventuali correzioni, per decidere iniziative di miglioramento; altro.. - Evidenziare come l azienda gestisce le risorse informative. Ad esempio come l azienda agrituristica: reperisce le informazioni e i dati significativi per l azienda; assicura che ciascuno abbia le informazioni adeguate per svolgere il proprio lavoro; assicura che le informazioni più significative ( relative a prestazioni, fornitori, clienti, ecc..) siano disponibili in base alle necessità;

11 altro.. L azienda dovrebbe definire quali sono i dati e le informazioni che servono al personale per svolgere le attività assegnate ed in particolare ai responsabili per controllare, gestire e per prendere le decisioni di ogni giorno. Dopo aver scelto dati ed informazioni l azienda dovrebbe: - classificarli per tipologia, come ad esempio: clienti fornitori mercato finanziari - aggregarli, se necessario, a livelli indicatori, come ad esempio: soddisfazione del cliente fatturati produttività - individuare le fonti di provenienza: interne esterne - definire le persone che ne hanno accesso, i responsabili che devono raccoglierli, gestirli e metterli a disposizione degli utilizzatori. Potrebbe essere predisposto un archivio in cui dovrebbero essere raccolti i testi e gli articoli relativi, ad esempio: all agriturismo stesso; ad argomenti di interesse per l attività; a guide turistiche del settore; a pubblicazioni promozionali degli agriturismi italiani e non; altro.. Tali articoli e testi potrebbero essere archiviati ad esempio per argomento, per ordine cronologico e messi a disposizione dei collaboratori, dei familiari e degli eventuali dipendenti ed anche dei clienti. Un importante strumento di sviluppo potrebbe essere l utilizzo di Internet, in particolare la creazione ed organizzazione di un sito web, per trasmettere informazioni ad esempio a potenziali clienti. - Evidenziare come l azienda gestisce i fornitori materiali. Ad esempio: le relazioni con i fornitori, in coerenza con le strategie e i piani operativi; la selezione dei fornitori e la misurazione della qualità delle forniture;

12 altro.. Le capacità e le potenzialità dei fornitori costituiscono parte integrante delle strategie e dei piani dell impresa dato che le loro prestazioni possono essere fattore chiave per soddisfare il cliente. L azienda agrituristica dovrebbe quindi definire un processo di gestione dei fornitori, basato su precisi requisiti contrattuali, su sistemi di misura e controllo delle prestazioni. Dovrebbero essere pertanto individuati i fornitori critici, in considerazione degli obiettivi strategici, i piani operativi, le necessità tecniche dell impresa e i livelli di prestazione dei fornitori. Il processo di gestione dei fornitori si dovrebbe basare su standard di riferimento scelti dall azienda come ad esempio: solidità finanziaria; coerenza di valori; vicinanza; prodotti tipici; genuinità dei prodotti; produzione biologica; tempi di consegna; definizione dei contratti; gestione dei rapporti in ottica di collaborazione; misura e valutazione delle prestazioni; altro.. - Evidenziare come l'agriturismo ottimizza l'utilizzo delle materie prime e l'impatto ambientale. L'ottimizzazione dell'utilizzo delle materie prime, permette una riduzione dei costi e degli impatti ambientali dell'agriturismo (minore quantitativo di rifiuti, maggiore prodotto/servizio realizzato, minori spese per la loro gestione). Riducendo i consumi diminuiranno anche gli scarti, i quali, se non vengono valorizzati rappresentano un ulteriore voce di costo. Sarebbe opportuno quindi: migliorare la qualità dei materiali in entrata (per es. attraverso accordi con i fornitori); migliorare lo svolgimento delle attività e dei processi (agricoli, gastronomici e legati in genere al soggiorno del cliente) con l'obiettivo di ridurre rifiuti e scarti (es. introducendo modi alternativi di operare, sfruttando lo scarto umido per produrre ammendanti, tenendo efficienti le attrezzature agricole, ecc.); controllando il possibile invecchiamento delle materie prime e prodotti (es. evitando il deperimento); altro.. - Evidenziare come l'agriturismo tutela il patrimonio naturale, ricicla le sue risorse non rinnovabili, minimizza gli sprechi.

13 L'Agriturismo dovrebbe impegnarsi nella difesa e corretto utilizzo dell'ambiente circostante, valutando gli elementi naturali presenti, identificando quelli maggiormente sensibili ad alto valore naturalistico (es. specie rare e relativi periodi di riproduzione, ecc.). Essi potrebbero essere valorizzati (es. introduzione di nidi artificiali, punti di osservazione per il bird-watching, ecc.) per creare un richiamo di ospiti, senza però sfruttare tale risorsa in modo non sostenibile (danneggiando o eliminando la risorsa stessa) portando all'agriturismo un effetto opposto. Sarebbe opportuno inoltre che l'agriturismo si impegni alla riduzione dei consumi di energia (elettrica e non), acqua, ecc. ed adottare delle azioni rivolte a sensibilizzare sia i dipendenti che gli ospiti nell'utilizzo "intelligente" delle risorse e della loro corretta "gestione" (es. organizzare la raccolta differenziata) sia presso l'agriturismo che presso i luoghi di vita quotidiana. Per fare ciò sarebbe opportuno valutare i ritorni di possibili investimenti che risultano: dalla riduzione di consumi e quindi di costi: introducendo interruttori fotosensibili o a tempo in aree di servizio; introducendo cartelli per sensibilizzare le persone (in cui si danno dei consigli o regole per un buon utilizzo); riducendo le perdite degli impianti (idrico, elettrico, riscaldamento, ecc.) e se del caso valutare in essi la modifica per aumentarne il "rendimento" (es. utilizzo di pannelli solari, di energia eolica per l'energia elettrica; sistemi di riutilizzo delle acque piovane); utilizzando materie prime secondarie (ottenute dal riciclo, es. la carta); dall'aumento di ospiti che potrebbe portare la realizzazione di percorsi natura, il servizio di guide naturalistiche, l'introduzione di nidi artificiali, percorsi misti con altri mezzi (biciclette, cavalli, ecc.) per l'osservazione della natura stessa. - Evidenziare come l azienda gestisce le altre risorse, intese come edifici, impianti e attrezzature. Come l azienda predispone ad esempio: piani per l ottimizzazione dell utilizzo delle strutture e degli spazi valutare un utilizzo diversificato (degli immobili e strutture) nelle diverse stagioni es. l utilizzo di un capannone in inverno per la sistemazione di attrezzi, in estate per accogliere gruppi sportivi; programmi di manutenzione preventiva su impianti, attrezzature e strutture controlli sui sistemi di sicurezza (impianto elettrico, antincendio, pronto soccorso, ecc.) controlli di mountain bike, archi, camere, servizi igienici, ecc. controlli ed inventari periodici dei beni fisici per evitare perdite, smarrimenti, furti. - Evidenziare come l agriturismo identifica e valuta nuove tecnologie emergenti di diretto interesse e le mette a frutto per il proprio vantaggio commerciale e competitivo.

14 I responsabili, in sede di pianificazione, dovrebbero prevedere le risorse necessarie per individuare le tecnologie emergenti e valutarne il potenziale impatto sul successo commerciale dell azienda. Le tecnologie emergenti si possono ricercare tramite le associazioni di categoria, il rapporto con clienti e fornitori e la collaborazione con altri partners (Enti ed Università). L azienda dovrebbe assicurare che lo sviluppo delle competenze e delle capacità del personale sia coerente con l evoluzione delle tecnologie, prevedendo e pianificando corsi di formazione adeguati. Esempi di tecnologie emergenti possono essere: Internet ( i vantaggi per la messa a punto di questa tecnologia possono essere: la predisposizione di pagine web dell azienda, di un sistema di prenotazione on line, di vendita di prodotti on-line, di e-commerce ); strumenti e metodologie per la valorizzazione degli scarti dell'agriturismo ( es. compostaggio della frazione umida dei rifiuti, termodistruzione con recupero di calore, ecc.); strumenti e metodologie per la riduzione dei consumi (di materie prime ed energia) (es. introduzione di tecniche e tecnologia per aumentare l'efficienza dei processi); altro

15 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica abbia organizzato i suoi processi al fine di realizzare le proprie strategie e di raggiungere gli obiettivi commerciali che si è prefissata. Per rafforzare la propria posizione nel mercato l azienda agrituristica dovrebbe mettere a punto un organizzazione e dei processi competitivi, che costino cioè meno possibile e che siano continuamente in grado di produrre servizi e prodotti che diano il massimo valore aggiunto ai clienti, soddisfacendone completamente le aspettative. Processi che dovrebbero quindi avere la capacità di tradurre le esigenze, i bisogni e i desideri dei clienti in servizi e prodotti di qualità. - Evidenziare ed esempio come l azienda agrituristica analizza le esigenze dei clienti, i trend di mercato e delle aziende agrituristiche concorrenti. Essendo quello attuale un mercato complesso e rapidamente mutevole, l attenzione continua al cliente e l analisi dell evoluzione delle sue esigenze dovrebbe essere un principio imprescindibile per una azienda agrituristica che voglia continuare a essere competitiva. L azienda agrituristica dovrebbe quindi condurre, nel modo più completo possibile, analisi sistematiche per ottenere informazioni sui requisiti del mercato in cui opera, sulle aspettative dei clienti attuali e di quelli potenziali, sui trend di mercato e anche sui concorrenti. Ad esempio mediante: indagini di mercato svolte dall azienda, da società specializzate e da associazioni di categoria ( finalizzate a captare i bisogni del cliente a livello generale: preferenze sui luoghi di villeggiatura ecc; e a livello specifico: focalizzazione sui valori ambientali e gastronomici per loro significativi ); analisi di pubblicazioni specializzate; questionari fatti compilare ai clienti o colloqui diretti tramite i quali percepire osservazioni, consigli e reclami; analisi di dati specifici su clienti ( reclami, clienti perduti e/o acquisiti, etc..); analisi di prodotti e servizi offerti dalla concorrenza ( incontri, seminari, convegni ). I dati e le informazioni raccolte dovrebbero poi essere aggregati, analizzati e utilizzati nelle fasi di definizione e revisione delle strategie e dei piani dell azienda ( vedi criterio 2 Strategie e pianificazione ).

16 - Evidenziare ad esempio come l azienda agrituristica cerca informazioni di ritorno dai clienti, al fine migliorare i suoi prodotti e servizi. Il cliente con l acquisto ripetuto del servizio/prodotto, e ancor prima con i suoi commenti, giudica se l azienda agrituristica è stata in grado di dare la giusta risposta alle sue aspettative e nello stesso tempo fornisce all azienda gli strumenti per migliorare e continuare la propria offerta. Esempi dei metodi più utilizzati per la raccolta delle informazioni sono: moduli distribuiti ai clienti subito dopo la conclusione del servizio, da compilare e ritornare all azienda ( contenenti dati quali: nome, provenienza, canali di comunicazione attraverso i quali è venuto a conoscenza dell azienda, composizione del gruppo, interessi ed esigenze particolari, ecc. ); incontri, seminari, convegni; questionari per la rilevazione del grado di soddisfazione dei clienti; i reclami dei clienti. I metodi scelti dall azienda dovrebbero essere tali da consentire di prevenire i problemi e le necessità dei clienti piuttosto che reagire a problemi ormai consolidati, come avviene nel caso del reclamo. L azienda agrituristica dovrebbe poi assicurare che le informazioni siano raccolte, aggregate, analizzate e utilizzate per avviare le opportune azioni per il miglioramento ad esempio inserendo tali informazioni in un database e realizzando statistiche. In particolare dovrebbe essere sviluppato un approccio sistematico per raccogliere e analizzare i reclami dei clienti e per poter sviluppare tempestivamente le opportune azioni correttive sia verso il cliente, sia verso le aree interne, allo scopo di eliminare la causa che ha generato il problema e di apportare delle azioni correttive che evitando così il ripetersi dello stesso. - Evidenziare ad esempio come l azienda agrituristica misura e controlla l andamento della soddisfazione del cliente. Un elenco di riferimento sulle caratteristiche che possono essere oggetto di valutazione da parte dei clienti è riportato nel criterio 6 Soddisfazione dei clienti. È importante tenere presente che le aspettative del cliente possono essere notevolmente influenzate dalle prestazioni dei concorrenti. L impresa dovrebbe quindi adottare una metodologia per misurare periodicamente e regolarmente il livello di soddisfazione dei clienti, relativamente alle caratteristiche del servizio fornito ad esempio:

17 questionari periodici per richiedere ai clienti la valutazione del servizio comparata con le loro aspettative e con le prestazioni dei potenziali concorrenti dell'azienda; questionari che vengono sottoposti ai clienti a valle della fornitura del servizio; indagini svolte da riviste specializzate, associazioni dei consumatori, associazioni del settore. Un metodo efficace, utilizzato da piccole aziende, potrebbe essere quello dei questionari sottoposti direttamente ai clienti. - Evidenziare ad esempio come l azienda agrituristica sviluppa attivamente rapporti di partnership con i clienti. Tale principio si può sviluppare verso enti, associazioni culturali, sportive, ricreative, ambientaliste, naturalistiche, agenzie viaggi, ecc. Ad esempio fornendo le proprie attrezzature a gruppi sportivi o/e ospitando alunni di scuole. - Evidenziare come l'azienda agrituristica esplora le esigenze latenti dei clienti ( ciò che il cliente non si aspetta ma che sarà piacevolmente sorpreso di trovare ) per sviluppare l'innovazione. Le modalità che dovrebbero essere adottate per individuare le esigenze latenti dei clienti possono essere le stesse sopra descritte per quanto concerne le esigenze esplicite come ad esempio: moduli fatti compilare ai clienti; incontri, seminari, convegni; questionari; colloqui diretti; reclami dei clienti; indagini di mercato; analisi di pubblicazioni specializzate e informazioni reperite da Internet; analisi di dati specifici su clienti ( reclami, clienti perduti e/o acquisiti, etc.); analisi di prodotti e servizi offerti dalla concorrenza. - Evidenziare come l azienda agrituristica sviluppa il proprio sistema di gestione per assicurare che i requisiti concordati dei clienti siano soddisfatti ad esempio: procedure istruzioni - Evidenziare come l azienda agrituristica utilizza schemi di riferimento come base per il proprio sistema di gestione, quali ad esempio: Norme ISO 9000

18 e come applica i requisiti imposti dalla legge come ad esempio: HACCP - Evidenziare come l azienda agrituristica gestisce i propri processi chiave per lo sviluppo e la realizzazione di prodotti e servizi. I processi chiave sono i processi che maggiormente contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di business dell azienda agrituristica. Un processo è una logica organizzazione di persone, materiali, equipaggiamenti e procedure che seguono attività progettate per fornire uno specifico risultato o valore aggiunto. Un processo per essere gestito necessita di un responsabile, di input e di output definiti e dovrebbe essere facilmente adattabile ai cambiamenti. Ogni attività quindi, più o meno complessa dell azienda agrituristica, può essere considerata come un processo. Esempi di processi sono i seguenti: processo di ristorazione; gestione dei fornitori; sviluppo dei nuovi prodotti e servizi ( nuove attività culturali, ricreative, sportive); processo di accoglienza; processo di produzione agricola; vendite e commercio; comunicazione e marketing; gestione del personale e del cliente; ecc. - Evidenziare ad esempio come l azienda agrituristica identifica le persone responsabili dei processi chiave, controlla i livelli di prestazione dei propri prodotti e servizi, e tiene una descrizione aggiornata dei processi. L azienda agrituristica dovrebbe definire l elenco dei sui processi e dopo averli attentamente analizzati in confronto con le proprie strategie e piani, dovrebbe identificare i processi chiave o critici, quei processi cioè che maggiormente contribuiscono al conseguimento degli obiettivi di business dell azienda. Il secondo passo è quello di scegliere un responsabile per ogni processo che l azienda vuole governare, definendo responsabilità gestionali, organizzative, deleghe. Un esempio di processo chiave è l accoglienza del cliente del quale può essere incaricato un addetto.

19 Un altro esempio di processo chiave è il ricevimento delle prenotazioni del quale può essere indicato un altro membro del personale. I responsabili dell azienda dovrebbero verificare l efficienza delle modalità con cui l azienda stessa gestisce i processi, vedi il criterio 1 Capacità di guida. L azienda agrituristica dovrebbe adottare modalità di gestione dei processi semplici ed efficaci. Ad esempio : la descrizione dei processi può essere fatta utilizzando il metodo dei flussi e dovrebbe essere molto sintetica per rendere facile la formazione del personale, la consultazione e l aggiornamento. - Fornire evidenza di come l azienda agrituristica gestisce il processo di miglioramento continuo. Ad esempio come: identifica le aree di miglioramento correlate ai bisogni dei clienti; migliora costantemente prodotti e servizi esistenti, in linea con i requisiti dei clienti e i loro bisogni impliciti; definisce gli obiettivi di miglioramento. L azienda agrituristica dovrebbe in primo luogo identificare le aree potenziali di miglioramento e definire le relative priorità di intervento. Fonti di informazione per la identificazione delle aree che necessitano di miglioramento sono ad esempio: i suggerimenti e le proposte provenienti da tutti i livelli aziendali; i reclami o le indicazioni dei clienti; i risultati delle iniziative per misurare il livello di soddisfazione dei clienti; l analisi dei risultati dell azienda a confronto con quelli dei concorrenti; il benchmarking ( processo di confronto dei risultati relativi ai prodotti, servizi e processi dell azienda agrituristica con quella dei concorrenti ). Dopo aver scelto le priorità l azienda dovrebbe definire gli obiettivi e i responsabili per il raggiungimento degli stessi. I responsabili avranno il compito di pianificare e di coordinare le varie attività fino alla loro conclusione. Alla fine è necessario verificare l efficacia delle azioni, verificare cioè che i risultati siano in linea con gli obiettivi prefissati e possano essere mantenuti nel tempo tramite l integrazione delle nuove modalità di lavoro nel sistema di gestionale dell azienda.

20 6. Soddisfazione del cliente Evidenziare i risultati inerenti alla percezione dei clienti dell azienda agrituristica riguardo ai prodotti, ai servizi e ai rapporti con l azienda. Le percezioni dei clienti possono concernere ad esempio: - l immagine complessiva dell azienda accessibilità (facilità di raggiungimento grazie alla pubblicazione e alla distribuzione di piantine, alla presenza di una strada carrozzabile d accesso, alla predisposizione di spazi idonei ed attrezzati per la sosta di camper e roulotte); comunicazione (la presenza su Internet e su guide turistiche e la pubblicazione di brochure e la visibilità); flessibilità (capacità di venire incontro alle esigenze di orario dei clienti); capacità di risposta (capacità di fornire informazione adeguate e di ricevere prenotazioni tramite internet, fax e telefono); l ospitalità (capacità di far sentire i clienti a casa propria). - i suoi prodotti e servizi conformità alle specifiche (corrispondenza tra quanto evidenziato nel materiale pubblicitario e la realtà); progettazione (nuova progettazione di attività ricreative, culturali, sportive e naturalistiche); profilo ecologico (l utilizzo di materie prime biologiche, il rispetto dell ambiente e della natura); innovazione (creazione di percorsi intergrati sport-natura); prezzo; affidabilità; profilo agrituristico (rispondenza dell agriturismo e dei suoi valori alle aspettative dei clienti). - l erogazione dei servizi gestione dei reclami; supporto tecnico (redazione di piantine per percorsi, opuscoli informativi su sport, natura etc.). - la fedeltà del cliente intenzione di ritornare e/o riacquistare; disponibilità ad acquistare altri prodotti e servizi della stessa azienda;

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE La Direzione della PAPPASOLE S.p.A. (di seguito denominata "Struttura turistica") dichiara la sua ferma volontà di rendere operante il Sistema di Gestione Integrata

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO 1 I. LE BASI DELL ENOTURISMO 1. Per enoturismo si intende designare lo sviluppo di ogni attività turistica e del «tempo libero», dedicate alla scoperta ed al godimento culturale

Dettagli

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000)

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) INTRODUZIONE Il 15 dicembre 2000, come atteso, è entrata puntualmente in vigore la nuova norma relativa ai Sistemi di Gestione della Qualità ISO 9001:2000 (altrimenti

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Allegato alla delibera di G.P. n. del PROVINCIA DI PESARO E URBINO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ED ORGANIZZATIVA DEI DIPENDENTI DEI LIVELLI IVI COMPRESI GLI INCARICATI DI P.O. E

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

CONOSCENZE DISCIPLINA (Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva) CONOSCENZE (V ANNO) ABILITA /CAPACITA (V ANNO) COMPETENZE

CONOSCENZE DISCIPLINA (Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva) CONOSCENZE (V ANNO) ABILITA /CAPACITA (V ANNO) COMPETENZE Articolazione: Accoglienza Turistica - V ANNO Discipline: Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva, Storia Riferimenti:. LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. 2. ATTI CONVEGNO

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Manuale di gestione della Qualità

Manuale di gestione della Qualità SOMMARIO 5.1 Impegno della 5.2 Attenzione focalizzata all utente 5.3 Politica per la qualità 5.4 Pianificazione 5.5.Responsabilità, autorità e comunicazione 5.6. Riesame da parte della direzione 5.7. Attenzione

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Direttore tecnico di agenzia di viaggio

Direttore tecnico di agenzia di viaggio identificativo scheda: 16-031 stato scheda: Validata Descrizione sintetica E la figura professionale che sovrintende le attività dell agenzia di viaggio dalle fasi di progettazione e strategia a quelle

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO Rev.00 del 10/01/2012 Pagina 1 di 5 Preparato da: Responsabile Gestione Aziendale Approvato da: Direzione Firma: Firma: 1. Organigramma DIREZIONE AMMINISTR. E SEG. RSSP/RGA AMMINISTR. E SEG. RLS/RGA UFFICIO

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga PARTE I Allegato B Criteri generali per la classificazione delle strutture ricettive agrituristiche 1. Le strutture ricettive agrituristiche autorizzate vengono classificate con l'attribuzione di un numero

Dettagli

Manuale per la Qualità. ABANA Biomedica

Manuale per la Qualità. ABANA Biomedica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Anno Accademico 2001/2002 Manuale per la Qualità ABANA Biomedica In accordo alle norme UNI EN ISO 9001:2000 Ansaloni M. Bulgarelli A. Neri D. Popovac A.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO Rev.00 del 10/01/2013 Pagina 1 di 5 Preparato da: Responsabile Gestione Aziendale Approvato da: Direzione Firma: Firma: 1. Organigramma AMMINISTRAZIONE MARIA LUCIA COSENTINO DIRETTORE DI SALA Tommaso Ciccopiedi

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Febbraio 2006 Premessa Il seguente Piano di Azioni scaturisce da un articolato processo

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

La tutela dell Ambiente al Cavallino Bianco di Rumo Val di Non Trentino

La tutela dell Ambiente al Cavallino Bianco di Rumo Val di Non Trentino Albergo Cavallino Bianco*** La tutela dell Ambiente al Cavallino Bianco di Rumo Val di Non Trentino L Ecolabel Ecolabel, Ecolabel istituito dalla Commissione Europea con Regolamento CE 66/2010 del 25/11/2009,

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ MANUALE GESTIONE QUALITÀ SEZ. 5.1 REV. 02 pagina 1/5 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

CORSI PER INSERIMENTO NEL MERCATO LAVORO DURATA 350 600 ORE

CORSI PER INSERIMENTO NEL MERCATO LAVORO DURATA 350 600 ORE 1 La Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni, ente di formazione collegato all Unione CTSP di Milano e provincia, propone la seguente offerta formativa: CORSI PER INSERIMENTO

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE Alessandra Damiani Managing Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Consulente per l Organizzazione degli Studi professionali 1

Dettagli

Servizi offerti dal sito

Servizi offerti dal sito Roma In Catering rispetta la privacy degli utenti dei suoi servizi on line ed assicura che il trattamento dei dati raccolti avverrà nel pieno rispetto del D.Lgs. numero 196/03 (Codice in materia di protezione

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione

la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione L esperienza e la competenza maturate in oltre trent anni di attività, nonché il continuo confronto con i propri clienti, ha permesso a Zucchetti

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Servizi di ricettività Sequenza di processo Gestione e coordinamento dei

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia Regolamento Comunale per l Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Castiglione della Pescaia CAPO I PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Articolo 1 Principi Ispiratori e Definizioni... 3 CAPO II - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli