WYLFORD Consortium. manifesto. 1- [exclusive right]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WYLFORD Consortium. manifesto. 1- [exclusive right]"

Transcript

1 WYLFORD Consortium manifesto «Il mercato è un vero mercato quando non produce solo ricchezza ma soddisfa anche attese e valori etici» Amartya Sen, economista «Nulla, anche se imperfetto e provvisorio, di tutto ciò che si può e si deve realizzare mediante lo sforzo solidale di tutti e la grazia divina in un certo momento della storia, per rendere più umana la vita degli uomini, sarà perduto né sarà stato vano» Sollecitudo Rei Socialis, n. 48 Giovanni Paolo II 1- [exclusive right]

2 Manifesto È da qualche tempo noto ovvero da quando la globalizzazione è stata imputata di fornire all'uomo quelle insicurezze 1 che solo l'etica può risolvere - che la performance economica di una azienda dipende essenzialmente, nella sua valutazione attuale e nella sua valutazione prospettica di crescita nel medio e lungo periodo, dal raggiungimento di una molteplicità di equilibri. Affinché possa emergere un quadro complessivamente chiaro, ciò che occorre comprendere è cosa si intende per equilibrio, in modo da commisurare la vocazione euristica degli attori economici e quella logaritmica del sistema. Genericamente, ma in maniera non approssimativa, potremmo definirlo come il punto di ottimizzazione - a livello soggettivo - degli sforzi effettuati, dei ritorni di valori percepiti, della soddisfazione ottenuta. In questo scenario, risulta quindi evidente che un qualunque disequilibrio riferito a ciascuno di queste tre summenzionate componenti diventi un elemento di distorsione che influenza tutto il sistema, ne altera i rapporti tra le parti, e provoca, nel medio periodo, ma con proiezioni significative che si estendono oltre, un qualche scollamento (in termini di produttività, di motivazioni, ecc. ecc.) che inevitabilmente assume una valenza economica. Come tale, esso si pone all'interno di un complesso effetto domino : produce perturbazioni che dissipano forze, moltiplica l'entropia e le variabili sconosciute, polverizza il governo del sistema, accorcia l orizzonte temporale di predicibilità intrinseca, rimpicciolisce il raggio di azione degli elementi, riduce la reattività, comprime l'efficienza. Per dirla in termini geometrici, in un sistema complesso, l'area non il punto - di equilibrio, incardinata sulle tre componenti sopra citate, è individuabile dal legame elastico che regola fattori di difficile quantificazione, ma che potremmo riassumere come la funzione che lega gli sforzi dell'azienda con la soddisfazione di tutti gli altri elementi del proprio ambiente. Questo modello permette di percepire l ambiente come un sistema complesso adattivo 2, in cui i singoli elementi producono azioni e 1 Z. Buaman, Postmodern Ethics, John Henry Holland, The Mind, The Brain, and Complex Adaptive Systems, Addison-Wesley, [exclusive right]

3 comportamenti globali non riconducibili ad una singola legge. D altra parte, nelle discipline che si occupano di management, è noto da tempo che il ruolo dello stakeholder, nel suo relazionarsi con l azienda, ha subìto diverse stratificazioni di ruolo: i portatori di interesse primari (azionista, dipendente, fornitore, ecc. ecc.) e secondari (gruppi di interesse, comunità locale, stampa, ecc. ecc.) sono stati oggetto di una evoluzione di quella che potremmo chiamare la diatesi dello stakeholder 3, alla cui passività - esso subisce le decisioni dell'azienda - si sostituisce, multilateralmente, un atteggiamento attivo e responsabile - esso partecipa alle decisione dell'azienda -, secondo tre concetti di cui si discute nel proseguo. In epoca recente, tale consapevolezza ha assunto la forma di un modello che prevede uno schema matriciale, in cui si incrocia interesse e grado di influenza di ogni singolo elemento 4. L'ambiente, in sostanza, assurge ad ecosistema dotato di complessità, la cui essenza riflette la dinamicità dei propri componenti. In questo scenario, l'azienda abdica progressivamente alla propria centralità, non percepisce più gli altri attori come funzionali alla propria sopravvivenza, e i processi di governance sono oggetto di riformulazione strategica. Ciò porta necessariamente ad annoverare tra coloro che influiscono sulle decisioni dell'azienda non solo i clienti e lavoratori dell'azienda stessa, ma anche tutto il contesto di riferimento, imponendo una ridefinizione dell'orizzonte di analisi degli strategy-makers. Ecco perché il consorzio si dota di un organismo di ricerca scientifica e tecnica che intende monitorare, e sempre meglio individuare, le suddette tre componenti di riferimento. Tali componenti presuppongono una metodologia di analisi del tutto interdisciplinare e multifattoriale, che sviluppa un modello economico a partire dalla centralità dello stakeholder nell'ambiente e dalla sua partecipazione alle decisioni strategiche dell'azienda. Su questa centralità convergono dunque, da un lato, la temporalità del portatore di interesse - la cui soddisfazione delle attese è oggetto di un dinamismo che non può essere ricondotto ad argomentazioni e/o proiezioni di massima - e dall'altro alla sua identità recondita ed intrinseca, ovvero 3 Dal greco, διάθεσις «modo d'essere» 4 L.Hinna, 3- [exclusive right]

4 umana. L'ambiente dunque fornisce il reticolo ermeneutico di azioni e strategie innovative, e, benché al suo interno emergano gangli di importanza differenziale, esso si comporta come una rete. L'impresa, soggetto che agisce all'interno dell'ambiente insieme ad altri soggetti (che sono, kantianamente, fini e non mezzi), è un nodo dei questa rete: essa, conoscendo gli stakeholders e basandosi sul loro consenso relazionale, si dota di una mission che rappresenti la componente teleologica del suo agire. Il substrato teleologico di riferimento di tutto il Consorzio consta di tre concetti fondamentali, come appresso specificati. 1. concetto di partecipazione, ben stigmatizzato da Giovanni Paolo II, che vede nell'inclusive approaching relativamente a ciascun stakeholder, la chiave di volta per renderlo soddisfatto; ciò significa che il portatore di interesse esprime al meglio se stesso nella situazione in questione e che l'azienda debba mettere a punto sistemi sempre migliori per includerlo nel proprio processo decisionale, pur mantenendo una autonomia di gestione strategica delle scelta da operare sul mercato; tale concetto, la cui attuazione è rivolta alla riformulazione di tutti gli elementi strategici dell'orizzonte di azione dell'azienda, permette la attribuzione di senso a dati che fino a qualche anno fa erano considerati di nessuna importanza; l'identità - e le connesse simbologie - del portatore di interesse, le sue legittime considerazioni, i suoi bisogni e le sue aspirazioni ampliano enormemente la difficoltà dell'azienda di conoscere l'ambiente, ma diventano elementi sistemici ed indicatori che modificano le forze in campo, saldano i rapporti e comprimono l'incertezza; 2. concetto di relazione, vale a dire la modalità di instaurare e gestire dei links con tutti i portatori di interesse; è necessario, affinché lo stakeholder partecipi ed ottimizzi se stesso nei rapporti con l'azienda, che la relazione sia stabile, ben strutturata e comunque congrua rispetto ai dati che deve consentire di trasmettere; non è infatti sufficiente la consapevolezza della complessità del sistema; è altresì necessario governare tale complessità con la regolazione di 4- [exclusive right]

5 relations tra elementi i portatori di interesse -, nel rispetto dell'approccio sopra menzionato 5 ; è tramite questo concetto che trova realizzazione il meccanismo di comunicazione e di partecipazione delle informazioni (e delle conoscenze). 3. concetto di responsabilità : qualunque non ottimizzazione della figura dello stakeholder (che include anche lo shareholder) non solo crea un disequilibrio che inficia la performance aziendale, ma genera anche una responsabilità in termini di disallineamento delle proprie attività rispetto ai codici etici di riferimento; alla soluzione di questa problematica si può pervenire tramite l'impianto di un modulo aziendale-etico ovvero tramite il ricorso ad una operazione di reporting che presuppone una assunzione di responsabilità e l'adozione di un sistema di regole e criteri trasparente e condiviso, secondo il quale l'azienda accetta anticipatamente di render conto all'ambiente - e, tramite esso, a tutti gli elementi del sistema - delle proprie azioni o dei risultati specifici. In particolare, va compreso che l'impianto del Corporate Social Reporting (che si esplica in una specifica area di competenza del Consorzio, come vedremo in seguito) è fondamentale per conoscere non solo il grado di soddisfazione dello stakeholder, ma per inquadrare le azioni del management in una evalu-ation grid affinché tale soddisfazione venga ottimizzata. Si tratta quindi di una operazione condotta al fine di monitorare il comportamento del management ed il suo grado di adesione al codice etico di riferimento. E deve essere dunque chiaro che, in corrispondenza dei concetti teleologici sopra espressi, l'azione dei singoli elementi - sia a livello di persona, sia di impresa rappresentano il collegamento tra performances etiche ed aziendali, al fine di fare emergere un modello in cui sia possibile comprendere il gradiente di rischio etico presente nel posizionamento strategico dell'azienda fuori e dentro il consorzio. In definitiva, il grado di benessere aziendale è, nell'ambiente consortile, commisurato alla adesione della singola azienda, ma anche del cliente, 5 R. E. Freeman, Managing for Stakeholders: Survival, Reputation, and Success, [exclusive right]

6 allo schema etico di riferimento, secondo il famoso principio jonasiano di responsabilità. È necessario, pertanto, delineare il valore intrinseco dell'imponderabile : al di là dell'ossimoro, è il patrimonio relazionale e culturale dell'ambiente il fattore di sviluppo su cui il Consorzio intende puntare. Nell'ambito delle responsabilità di ciascuna azienda, le azioni di coordinamento devono contribuire al perseguimento della Mission del Consorzio in ossequio al codice etico di riferimento. La mission si incentra dunque sul coordinamento di quei soggetti che hanno un substrato comune: il loro approccio sinergico è teso ad un grado di ottimizzazione maggiore rispetto a quello che caratterizza un lavoro coordinato fuori dal Consorzio. Per ogni area di azione del Consorzio esistono quindi diverse identità che reclamano il rispetto delle proprie aspettative ed impongono la formulazione, a livello macro, di categorie e livelli di interesse. Come anelli di una catena, all'interno del Consorzio ogni area ci colloca in continuità con le altre, e ciò che le accomuna è l alto valore intrinseco della consulenza fornita, dei servizi prodotti, delle relazioni poste in essere, ma soprattutto l'azione etica. L'area C.E.D. fa riferimento agli aspetti contabili e agli adempimenti lavoristici, previdenziali ed assistenziali. Essa rappresenta una competenza di carattere tecnico, necessaria alla corretta gestione amministrativa delle aziende clienti, ed alla loro reportistica. Proprio per ottemperare alla necessità di instaurare un duraturo rapporto con gli stakeholders, tale relazione deve essere monitorata con continuità e nel rispetto dei valori condivisi. Occorre dunque sviluppare delle pratiche che evidenzino la credibilità dei reports, analizzando le perfomances sociali, etiche, economiche, ambientali delle aziende clienti, per comunicare la sostenibilità dei loro processi interni e la trasparenza dei rapporti esterni. L'area International è anch'essa funzionale al corretto svolgimento di pratiche amministrative volte alla internazionalizzazione, ma con un focus più ampio e allargato alle problematiche connesse alla diversità dei vari ordinamenti giuridici di riferimento. In questa area, trova realizzazione il principio del rispetto dell'altro e della cooperazione in vista di una massimizzazione delle esternalità 6- [exclusive right]

7 positive. Anche in questo caso, il Consorzio si fa portavoce, mediandole, di tutte le istanze maggiormente efficienti in vista di un concetto di internazionalizzazione che non si limita all espletamento delle pratiche burocratiche, ma che include necessariamente anche gli aspetti relazionali e culturali, tramite la condivisione del codice etico di riferimento. È soprattutto in questa area che viene ad essere centrale il valore aggiunto che il Consorzio apporta alla sua clientela: la capacità di trasformare le negatività in positività, grazie alla forte articolazione delle rete in tante spunti complementari. Elemento centrale è la migliore individuazione degli stakeholders, i quali, in termini di mercato potenziale dei propri prodotti e/o servizi, possono avere un respiro mondiale. Pertanto internazionalizzazione vuol dire individuazione degli stakeholders esteri, instaurazione con loro di una giusta relazione fluida di input/output; incremento della produzione e quindi delle vendite, ottenendo le ottimalità intrinseche del networking. Quindi, allorché un'azienda cliente vuole individuare la sua clientela potenziale in ambito estero ovvero fuori dall'ambiente domestico, dovrà in primis captare i nuovi clienti/stakeholders, le loro aspettative, le capacità interne di incremento produttivo per soddisfarle, l'impianto manageriale di riferimento e tutte le altre componenti che possano garantire uno sviluppo equilibrato delle performances aziendali. Pertanto internazionalizzazione non è altro che l'individuazione e l'ottimizzazione di un networking internazionale coinvolgente varie categorie di stakeholders. L'area Communication convoglia le competenze relative alla creazione di un solido e duraturo collegamento tra gli elementi del sistema e gli stakeholders,, sempre nell'ottica del networking. È infatti necessario monitorare e dare evidenza della trasparenza delle relazioni, affinché si riesca a rispondere eticamente a bisogni etici, secondo un approccio che si fondi sul concetto di responsabilità e sulla mediazione delle identità, ma soprattutto sulla condivisione di una messaggio globale e della pieno sviluppo delle reciproche specificità. La comunicazione deve avere necessariamente un gradiente etico-sociale, nel senso che il comunicare deve portare in re ipsa un valore aggiunto in termini etico sociali, ovvero incremento del capitale umano tramite investimento in cultura, iniziative umanitarie, ecc ecc. Si muove su un doppio binario: quello del permettere un perfetto collegamento tra le aziende clienti e i suoi stakeholder, e quello del far aumentare gli assets del Bilancio Sociale in termini di ricadute etiche della attività di comunicazione poste in essere. L'area Financing si concentra su aspetti di carattere gestionale nel reperimento e nell'amministrazione di risorse finanziarie, affinché ogni elemento del sistema possa concorrere alla crescita di se stesso e tramite se stesso alla crescita dell'ambiente, del suo benessere e di quello della collettività. L'azienda cliente, in un piano perfetto di sviluppo con riferimento alla soddisfazione dei suoi stakeholders. Deve dotarsi delle necessarie ottime risorse finanziarie per dare esecuzione a tale piano e per il raggiungimento della ottimizzazione dei rapporti con essi. A tale fine, 7- [exclusive right]

8 contribuiscono gli strumenti di reportistica e di comunicazione, ma anche viene coinvolto anche il livello operativo e decisionale del management. L'area Logistic è quella che più da vicino si relaziona con le problematiche di tipo ambientale, anche da un punto di vista tecnico. Intervenendo sui flussi di materiali, essa rappresenta l area che maggiormente si presta alla misurazione di efficienza. Alla luce di questo presupposto le attività svolte in questo settore mirano alla integrazione tra azioni marketing, soluzioni logistiche ed etica, intese come i drivers dell innovazione. L'area Tax, Legal and Corporate consulting impegna le migliori risorse professionali del Consorzio per la definizione delle posizioni tributarie, per l ottimizzazione aziendale ed il raggiungimento della giusta ottimizzazione dei rapporti con il contesto di riferimento. L'area Education-Training ha il ruolo strategico di fornire gli strumenti, in una prospettiva di medio e lungo periodo, per l ottimizzazione delle risorse e delle procedure interne che è obiettivo essenziale per le aziende che vogliono raggiungere performance di elevato livello. Nonostante la collaborazione di massa sia di prassi considerata una nuova business rule, l attività di molti operatori economici rimane limitata allo spettro delle proprie competenze specifiche e il riconoscimento dei talenti è ostacolato dalle barriere esistenti nei rispettivi assetti organizzativi e nelle specificità di provenienza degli attori, che non favoriscono un approccio interdisciplinare. Il Consorzio è dunque l ambiente che sostiene la diffusione delle conoscenze e la cooperazione delle risorse umane allo scopo di condividere le competenze, diffondere l'innovazione e creare valore all'interno delle aziende. La formazione è dunque volta al pieno conseguimento di abilità interdisciplinari e specialistiche, in accordo con il sistema etico di riferimento e con la policy del Consorzio, che calibra la compensantion soprattutto in relazione al grado di adesione delle attività proposta nei confronti del codice etico. L'area Research and Development riflette la predisposizione del Consorzio a concentrare le energie e le risorse nella ricerca e nello sviluppo di innovazioni ad alto impatto economico e miranti alla ottimizzazione del rapporto con gli stakeholders. Anche in questa area, è preminente il legame con il codice etico di riferimento, al fine di poter sviluppare una dinamica di raggiungimento di indirizzi e comportamenti condivisi alla cui base si pone un identico schema di riferimento. È quindi necessario che l'adozione di nuove tecnologie, o la sperimentazione di alcune di esse, possa mantenere intatto ciò che si richiede all'azienda per restare nel consorzio, ovvero la corrispondenza al principio di responsabilità, che potremo sintetizzare nella affermazione agisci in modo che le tue 8- [exclusive right]

9 azioni possano permetterti raggiungere la tua massima espressione e di rispettar le potenzialità e le aspirazioni delle generazioni future. Tale consapevolezza è dunque un elemento di discrimine di tutte le attività ad alto rischio etico, e che coinvolgono il processo di adozione di nuove tecnologie di cui non si conosce pienamente l'impatto e le esternalità. L'area Ethics and Economics identifica gli aspetti relativi al prodotto dell attività consulenziale, non solo in riferimento alla materia trattata, ma soprattutto per quanto riguarda le conseguenze che deriveranno dal lavoro del consulente stesso. In questa contesto, il consulente partecipa all impatto che le proposte e le soluzioni elaborate per il proprio cliente produrranno sull ambiente circostante e sui corpi sociali interessati e mostra particolare attenzione alle compatibilità fra le soluzioni tecnologiche ed organizzative ipotizzate e le esigenze di tutela delle persone. E dunque etica è l azione del consulente che propone l adozione di comportamenti le cui conseguenze garantiscono la sostenibilità morale del comportamento stesso e che rispettino i diritti fondamentali della persona. L'area Technics affronta le tematiche connesse alla innovazione tecnologica e della ricerca applicata per proiettarle sul mercato globalizzato tramite adeguate strategie di internazionalizzazione. È essenziale fare riferimento ai principi generali per assicurare un corretto utilizzo delle tecnologie. L'area Trading raccoglie le competenze improntate al commercio di beni e servizi, in una ottica di integrazione di complementarietà in grado apportare valore alla catena economica. Anche in questa area, l approccio integrato che mette al centro una forte preminenza dell etica permette di poter individuare le più idonee strategie di business. L area Real Estate si occupa di tutte le questioni relative all edilizia, sia nel senso della catalizzazione delle migliori realtà imprenditoriali e professionali, italiane ed estere, utili per la progettazione e realizzazione di strutture e infrastrutture sostenibili, sia nel senso di selezionare le migliori e più esclusive possibilità di investimento immobiliare, localizzate soprattutto nelle principali città italiane ovvero in zone turistiche bellissime del bel Paese. 9- [exclusive right]

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Contenuti Introduzione 3 I valori del gruppo Value Partners 4 Le linee guida della nostra condotta verso gli stakeholder 5 Verso

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli