EVOLUZIONE E PROSPETTIVE NELLA QUALITÀ. Giovanni Mattana ANIMA 4/7/2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EVOLUZIONE E PROSPETTIVE NELLA QUALITÀ. Giovanni Mattana ANIMA 4/7/2007"

Transcript

1 EVOLUZIONE E PROSPETTIVE NELLA QUALITÀ Giovanni Mattana ANIMA 4/7/2007

2 EVOLUZIONE DEI MODI DI FARE QUALITÀ RADICAMENTO VALORI CONFRONTI L AFFIDABILITÀ SUPPORTI PUBBLICI Iso Rinforzo dei legami con sicurezza ed ambiente SISTEMI DINAMICI DI Q ETICA Q.e RU. ASSICURAZIONE Q. PRIMO COORDINAMENTO Estensione del TQM in nuovi settori: scuole, sanità, pubblica amm.ne e SOCIALIZZAZIONE nella stessa normativa ISO L ORGANIZZAZIONE Premi nazionali per TQM e sviluppo mondiale ISO9000 ISO 9000 TUTTA LA SOCIETÀ ENTI SOVRANAZIONALI GOVERNI GESTIONE Organizzazione SA8000 Clienti ALTRE FUNZIONI SPC PROGETTO ISPEZIONI PRODUZIONE COLLAUDO FINALE Accreditamenti pubblici Sviluppo sostenibile Social Responsibility Parti Interessate EVOLUZIONE DELLE AREE COINVOLTE G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 2

3 I SAPERI DELLA QUALITÀ SISTEMI DI GESTIONE ASSICURAZIONE Q-AUDIT. MIGLIORAMENTO L AFFIDABILITÀ MODELLI DI ECCELLENZA PROCESSI VARIABILITÀ-SPC CLIENTI ISPEZIONI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 3

4 COME EVOLVE? Il successo della Qualità è dovuto ai problemi e bisogni ai quali ha saputo dare una risposta Quali nuove esigenze oggi? Quali problemi tendenziali? G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 4

5 Quali Prospettive per la Qualità? IL DOMANI CHE GIÀ SI INTRAVVEDE E IL DOMANI PIÙ LONTANO? IL DOMANI MOLTO VICINO OGGI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 5

6 OGGI Quale situazione e problemi rispetto ai metodi acquisiti? Prima necessità RIDARE SPESSORE! Certamente abbiamo un problema complessivo di recupero di terreno, di pervasività maggiore, di accelerazione nell'acquisizione di padronanza dei processi, di visione sistemica, di valutazione di efficacia, di rinforzo alle prassi di autovalutazione e di Benchmark. Ma anche di uscire dalla logica della soglia minima, quasi fosse la ricetta universale, per guardare ai percorsi, per accelerare il passo lungo il viaggio del miglioramento G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 6

7 OGGI Saper applicare i metodi che esistono (tanti!) Mettere più valore nell applicazione degli strumenti Processi, mondo clienti, obiettivi, efficacia del sistema, coinvolgimento Mettere più valore nella misurazione delle performances, nelle diagnosi e nell audit Saper dare un valore aggiunto alla propria organizzazione e aiutare le organizzazioni a convergere più rapidamente sugli obiettivi emergenti G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 7

8 OGGI ESTENDERE: Il FRONTE DELLA VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ IL FRONTE DELLA DIFFUSIONE E RADICAMENTO NEI VARI SETTORI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 8

9 Prospettive per la Qualità IL DOMANI MOLTO VICINO OGGI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 9

10 IL DOMANI MOLTO VICINO IL FRONTE DELLA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO IL FRONTE DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE Quanto sappiamo sfruttare il potenziale che può derivare dalle Parti Interessate? L impegno mondiale sulle ISO G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 10

11 INTERNATIONAL STANDARD ISO 10014:2006 Gestione per la qualità Linee guida per la realizzazione di benefici economici e finanziari. La graduazione lungo i Principi (la scalata ai Principi ) La quantizzazione della valutazione rispetto ad una griglia di maturità La priorità delle azioni di miglioramento L uso degli strumenti disponibili G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 11

12 ISO 10014: G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 12

13 Principio 2:Orientamento al cliente Le organizzazioni dipendono dai propri clienti e dovrebbero pertanto capire le loro esigenze presenti e future, soddisfare i loro requisiti e mirare a superare le loro stesse aspettative- Esempio di graduazione, da Norma UNE. Nessun approccio formale Le attività o i processi vengono condotti totalmente o parzialmente ma non sono adeguatamente documentati Approccio reattivo Le attività o i processi sono eseguiti e adeguatamente documentati con un minimo di dati per monitorare gli scopi e rivedere il miglioramento Approccio di sistema formale stabile le attività o i processi sono eseguite e revisionate; le azioni derivanti dal monitoraggio dall'analisi dei dati vengono prese. C'è una tendenza verso il miglioramento ai primi stadi del processo È enfatizzato il miglioramento continuo Le attività o i processi sono eseguite, revisionate, e le azioni derivanti dall'analisi dei dati vengono prese. Il processo è efficace ed efficiente. Viene mantenuta la tendenza al miglioramento Performance da primi della classe Le attività o i processi sono eseguiti arrivisti, tenendo in considerazione ciò che i migliori nel proprio settore fanno. I livelli di soddisfazione delle parti coinvolte vengono misurati e le azioni derivanti dalle revisioni vengono perseguite. L'efficace l'efficienza delle attività sono misurate e continuamente migliorate in modo da ottimizzare Il personale non conosce le politiche per la qualità dell'organizzazione Nello stabilire gli obiettivi vengono considerati solo obiettivi economici e di performance Non ci sono risorse da assegnate per tutti gli obiettivi. Non sono chiare le funzioni e le responsabilità Non vengono stabilite attività per il miglioramento dell'ambiente di lavoro e il coinvolgimento del personale. Ci sono politiche, obiettivi, funzioni e responsabilità definite per la qualità del prodotto o del servizio e che riguardano alcune aree dell'organizzazione La Direzione comunica all'intera organizzazione le politiche sulla qualità e gli obiettivi la direzione rivede periodicamente il sistema di gestione per la qualità e decide sulle azioni da prendere Le politiche per la qualità sono periodicamente revisionate allo scopo di adattarle alle nuove necessità dell'organizzazione. Gli obiettivi per la qualità sono misurabili e coerenti con le politiche Sono stabilite entro l'organizzazione le funzioni e i livelli necessari per soddisfare i requisiti del cliente. La direzione assegna le risorse necessarie per garantire che le posizioni di lavoro siano coerenti con le attività da eseguire La direzione promuove relazioni con clienti e fornitori e interagisce con loro Vengono stabiliti canali di comunicazione interna per migliorare l'efficacia del sistema di gestione della qualità C'è un pacchetto coerente di Vision, valori, strategia globale e deployment degli obiettivi dei processi La direzione riesamina le risorse assegnate ai vari obiettivi allo scopo di verificare la loro efficacia. C'è in atto un sistema per la revisione e l'aggiornamento degli obiettivi La direzione sostiene i piani di miglioramento che risultano dalla sua revisione del sistema. C'è una delega di autorità e funzione da parte del management per la identificazione delle opportunità di miglioramento, che incrementa la motivazione del personale Viene verificata l'efficacia e l'efficienza dei canali di comunicazione istituiti. I capi fanno uso sistematico degli strumenti di miglioramento La direzione gestisce la qualità, l'ambiente e i lavori a rischio, con la collaborazione di dipendenti, clienti e fornitori Per misurare le performance dell'organizzazione, la direzione fa uso di misure di tipo finanziario, studi di benchmarking, valutazione della soddisfazione dei clienti e dipendenti Nella pianificazione e miglioramento del sistema la tiene in conto, come parti interessate,i clienti, dipendenti, azionisti, fornitori, partner, e la comunità Per questa pianificazione, usa come dati di input le proprie strategie, i propri obiettivi, le necessità dei clienti, alla valutazione dei requisiti legali, la propria esperienza e le opportunità di miglioramento dei identificate. Tutti i capi sopportano attivamente il miglioramento dell'organizzazione, la cultura e kla reputazione dell'organizzazione Essi mantengono un comportamento responsabile tenendo in considerazione le necessità attuali e future Èssi promuovono la direzione dell'innovazione e della conoscenza tra i dipendenti, i clienti e fornitori La direzione è consapevole e attiva nel coinvolgimento sociale e nell'adattamento all'ambiente culturale dell organizzazione Sollecita il contributo di suggerimenti del personale per stabilire i criteri di gestione dell'organizzazione e per la definizione delle politiche La direzione serve da esempio e lo dimostra nell'addestramento e nei seminari ai quali regolarmente partecipa La direzione valuta i risultati degli indicatori di gestione e li confronta con quelli dei competitor, con quelli dei migliori in assoluto e con i propri obiettivi La direzione si impegna nella ricerca di punti di confronto e attività di benchmarking con le migliori organizzazioni

14 ISO 10014: La RADAR chart impostata per gli otto Princìpi della gestione per la Qualità Orientamento al cliente Rapporto di beneficio reciproco tra fornitori e clienti Leadership Decisioni The example basate depicted in Figure A.1 suggests that the Coinvolgimento organization should su consider dati di prioritizing fatto actions relating to customer focus del (5.1), personale and involvement of people (5.3). Miglioramento continuo Approccio per processi Approccio sistemico alla gestione G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 14

15 ISO 10014:2006 Elementi in ingresso Risultati dell autovalutazione (iniziale o completa) Fasi di Autovalutazione per ottenere gli elementi in ingresso: Familiarizzazione con i livelli di maturità (Tabella A.1) Completamento del questionario di auto-valutazione (Tabelle A.2 e A.3) Preparazione del grafico a RADAR (Figura A.1) Definizione delle priorità relative alle opportunità di miglioramento CICLO DEL MIGLIORAMENTO CONTINUO PLAN DO CHECK ACT Elementi in uscita Realizzazione di benefici economici e finanziari G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 15

16 G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 16

17 . saper rispondere al bisogno di eccellenza Sta crescendo un esigenza di eccellenza e si è moltiplicato l uso di questo approccio. In pochi semestri è "esplosa" l'esigenza di enucleare, valorizzare, moltiplicare i centri di eccellenza " (che comporta fissare criteri, valutare, riconoscere, pubblicizzare) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 17

18 Prospettive per la Qualità IL DOMANI CHE GIÀ SI INTRAVVEDE IL DOMANI MOLTO VICINO OGGI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 18

19 EVOLUZIONE DEGLI INTENTI PRIORITARI DELLA QUALITÀ Q strategica per lo sviluppo sostenibile Tutta la società e le generazioni future Qualità strategica Soddisfare le parti Interessate Qualità competitiva/esterna Soddisfare i clienti Quali nuove sfide? Quali capacità di risposta? Qualità interna Conformità alle specifiche Ridurre gli scarti Tenere sotto controllo la variabilità L AFFIDABILITÀ SPC ISPEZIONI ASSICURAZIONE Q. Organizzazione Clienti Tutta la società Parti Interessate G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 19

20 IL DOMANI CHE GIÀ SI INTRAVVEDE A quali nuove esigenze delle organizzazioni la disciplina e la pratica della qualità sapranno dare risposte? Responsabilità Sociale Sostenibilità Aiutare a creare il clima dell organizzazione Grande capacità di relazioni Balanced Scorecards Innovazione (Triz) Benchmarking Aiutare l organizzazione a crescere Applicare i metodi alle caratteristiche intangibili G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 20

21 I SAPERI DELLA QUALITÀ SISTEMI DI GESTIONE RESPONSABILITÀ SOCIALE ASSICURAZIONE Q-AUDIT. SOSTENIBILITÀ AFFIDABILITÀ MIGLIORAMENTO MODELLI DI ECCELLENZA INNOVAZIONE RISK MNGNT VARIABILITÀ-SPC ISPEZIONI PROCESSI CLIENTI KNOWLEDGE MNGNT RU e RELAZIONI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 21

22 UN MODELLO ESTESO DI SGQ GIAPPONE 2003, rivisto 2005 Quality management systems - Guidelines for sustainable growth L umanità ha la possibilità di rendere sostenibile lo sviluppo, cioè di far sì che esso soddisfi i bisogni dell attuale generazione senza compromettere la capacità di quelle future di rispondere ai loro. Dal Rapporto Brundtland (Our commun future,1987) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 22

23 UN MODELLO ESTESO DI SGQ GIAPPONE 2003, rivisto 2005 REQUISITI DI CLIENTI + P.I. LEARNING INNOVAZIONE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE GESTIONE RISORSE INNOVAZIONE DEL SGQ SGQ BUSINESS STRATEGY BS E SGQ PLANNING PER SGQ MIIGLIORAMENTO CONTINUO SGQ INNOVAZIONE DEL SGQ RIESAME STRATEGIE AUTOVALUTAZIONE MISURE MIGLIORAMENTO DEL SGQ INNOVAZIONE DEL SGQ MIIGLIORAMENTO CONTINUO PRODOTTI

24 Design Specification for the Revision of ISO 9004 Titolo: Quality management systems - Managing for sustainable results - A quality management approach G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 24

25 da DESIGN SPECIFICATION" FOR THE REVISION OF ISO 9004 Structure of the standard ISO 9004:2008 shall be developed to include the following parts A Top management oriented part, with a compact writing style, focussing on strategic issues, and describing managerial processes An Operational management oriented part, with practical guidance for the implementation of operational processes and the improvement of those processes. Introduction 1. Scope 2. Normative Reference 3. Terms and Definitions 4. Managing for Sustainable Success (incl. process and systems approach) 5. The Organization s Environment 6. Policy & Strategy formulation and deployment 7. Resources 8. Process Management 9. Measurement and Analysis (incl. results) 10. Improvement, Innovation and Learning G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 25

26 Prospettive per la Qualità E IL DOMANI PIÙ LONTANO? IL DOMANI CHE GIÀ SI INTRAVVEDE IL DOMANI MOLTO VICINO OGGI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 26

27 IL DOPODOMANI PIÙ LONTANO Come cambierà lo Scenario? Come cambierà la Qualità nello scenario? Gli studi della ASQ G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 27

28 AMERICAN SOCIETY FOR QUALITY Gli Studi sul futuro Emerge l esigenza di maggior attenzione a che cosa, oggi, sta determinando il futuro Quattro Studi: Anche Spagna, Argentina, Messico hanno avviato iniziative di approfondimento del tema Un primo risultato: la consapevolezza di aver finora sottovalutato il tasso di cambiamento G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 28

29 ASQ 2002 TENDENZE DETERMINANTI La Qualità dovrà saper dimostrare i risultati dell investimento in Qualità I Sistemi di management assorbiranno sempre di più la funzione Qualità. Cambierà il ruolo dei quality professional : da fare la qualità a saper guidare tutti a fare essi stessi la qualità La Qualità sarà compito di ognuno La motivazione per una più estesa applicazione della qualità ( anche in campo sociale ed ambientale) dovrà essere provata, ma tenendo presente che la riduzione dei costi è solo una delle dimensioni della Qualità La domanda globale per prodotti e servizi creerà una forza-lavoro globalizzata (e si creerà una comunità di conoscenze legate dal Web) Diminuirà la fiducia automatica sui colossi del business; i consumatori avranno un peso maggiore nel pretendere responsabilità e comportamenti etici Aumenteranno le esigenze e le aspettative dei clienti (abituati a trovare in Internet velocità, efficienza e servizio, le pretenderanno anche nelle transazioni correnti e dalla pubblica Amministrazione) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 29

30 ASQ 2002 L IMPATTO SUI RUOLI PER LA QUALITÀ Dispersione e integrazione delle funzioni La qualità crescerà di importanza per tutte le organizzazioni ma nello stesso tempo diminuiranno le funzioni qualità. Gli strumenti della qualità saranno utilizzati da una vasta tipologia di persone rendendo più incerti i confini della professione Qualità. Ciò può aprire nuovi ruoli di integratori, di allenatori, di animatori,... Creazione di una nuova generazione di strumenti e tecniche Ciò richiederà un cambio di mentalità e anche approcci controcorrente e creazione di hub multidimensionali. Rivalutazione del lato umano della Qualità Un quality professional sarà più che un buon tecnico degli strumenti della qualità; dovrà essere capace di prendere decisioni corrette per l organizzazione ed essere abile nell integrare sistemi e processi per ottenere gli obiettivi (bilanciati) voluti, ma anche avere la capacità di energizzare le organizzazioni ; dovrà cioè possedere una combinazione di competenze tecniche, manageriali e sociali/rivolte alle persone ; Enfasi sugli aspetti economici L economia della qualità riemergerà come la più critica dimensione della qualità, occorrono evidenze più dirette G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 30

31 LO STUDIO ASQ 2005 Identificare le forze chiave che saranno determinanti per il futuro della Qualità Sviluppare scenari su come queste forze potranno dispiegarsi Esaminarne le implicazioni per le organizzazioni della Qualità, per le professioni, per l ASQ G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 31

32 LO STUDIO ASQ 2005 FORZE CHIAVE DETERMINANTI La qualità deve dare un contributo al bilancio I sistemi di management assorbiranno sempre di più la funzione qualità la qualità sarà compito di ogni ruolo. La motivazione per una più estesa applicazione della qualità dovrà essere provata La domanda globale per prodotti e servizi creerà una forza-lavoro globalizzata Diminuirà la fiducia automatica sui colossi del business Globalizzazione Innovatione Creatività e cambiamento Outsourcing Sofistificatione dei Consumatori Creazione di Valore Cambiamenti nella Qualità Le aspettative e le esigenze dei clienti continueranno ad aumentare G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 32

33 LO STUDIO ASQ 2005 FORZE CHIAVE DETERMINANTI Globalizzazione Innovazione Creatività - Cambiamento Comporta necessità di aumentare il contributo della qualità al vertice, con ruolo determinante della conoscenza, con contributi alla progettazione, con contributi alla flessibilità, anche del sistema, alla personalizzazione delle prestazioni Outsourcing Cugina della globalizzazione, diventerà sempre più pervasiva ed indipendente dallo spazio. Sofisticazione dei consumatori Cresceranno ulteriormente le attese su tutte le poste della transazione; la capacità anticipatoria di coglierle giocherà un ruolo crescente. Creazione di Valore La qualità dovrà creare valore in ogni cosa fatta; e dal punto di vista delle PI;valore include sostenibilità e Triple bottom line (aspetti sociali e ambientali oltre che risultati finanziari) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 33

34 ASQ 2005 GLI IMPATTI DELLE FORZE CHIAVE Le forze chiave hanno impatti differenziati nei differenti scenari L impatto sulla qualità privilegiato un approccio sistemico (qualità anche per i sistemi di sistemi) gestire la velocità anticipazione (verso il mercato, verso i cambiamenti, verso gli obiettivi e le strategie) la Qualità diventa gestione dei rischi (di progetto, di prodotto, di ambiente, di mercato, ) la Qualità deve diventare strategica, non solo tattica G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 34

35 QUANTO SIAMO PREPARATI PER IL FUTURO? Cosa sappiamo rispondere? Quanto stiamo investendo per capire le tendenze ed adeguarci? Il mondo ipotizza una figura più alta di quella che il mondo sembra richiedere? Milano Ma ciò destabilizza (butera) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 35

36 Solo coloro che sanno apprendere, adattarsi, e cambiare, avranno un futuro di prosperità G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 36

IL MIGLIORAMENTO: IL SIGNIFICATO, L URGENZA, LE TECNICHE E IL PROCESSO PER REALIZZARLO

IL MIGLIORAMENTO: IL SIGNIFICATO, L URGENZA, LE TECNICHE E IL PROCESSO PER REALIZZARLO WORKSHOP LA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA IL MIGLIORAMENTO: IL SIGNIFICATO, L URGENZA, LE TECNICHE E IL PROCESSO PER REALIZZARLO GIOVANNI MATTANA Palazzo Torriani 29 novembre 2007 EVOLUZIONE DEI MODELLI

Dettagli

Requisito imprescindibile di ogni processo

Requisito imprescindibile di ogni processo La Qualità è LA QUALITA E Requisito imprescindibile di ogni processo Prodotti di Qualità sono generati da Macroprocessi (Innovation e Supply Chain) di Qualità Gestiti da Aziende Eccellenti Quality Management

Dettagli

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DELLA NORMA Il quadro di definizione delle competenze

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di successo. Non solo come risposta ad un adempimento di

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Bologna, 29 aprile SAFER, SMARTER, GREENER Scenario normativo La prima edizione della norma ISO 9001 è stata pubblicata

Dettagli

LA NUOVA ISO 9001:2015

LA NUOVA ISO 9001:2015 Aspettative e confronto con la versione 2008 Vincenzo Paolo Maria Rialdi Lead Auditor IRCA Amministratore Delegato e Direttore Tecnico Vevy Europe S.p.A. 2/9 BREVE STORIA DELLA NORMA ISO 9000 standard

Dettagli

Qualità ed organizzazione: l orientamento al cliente. Le forme della qualità e gli strumenti per gestire la qualità di un organizzazione

Qualità ed organizzazione: l orientamento al cliente. Le forme della qualità e gli strumenti per gestire la qualità di un organizzazione : l orientamento al cliente Le forme della qualità e gli strumenti per gestire la qualità di un organizzazione Torino 21 aprile 2004 Carlo Colombino carlo.colombino@provincia.torino.it Gli ambiti della

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

Come cambierà la ISO 9001 nel 2015?

Come cambierà la ISO 9001 nel 2015? Come cambierà la ISO 9001 nel 2015? ISO 9001:2015 Indice 1. A che punto siamo con la revisione della norma? 2. Quali nuove esigenze sono alla base della revisione? 3. Che cosa cambia? 4. Quali vantaggi

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

Gli argomenti del corso

Gli argomenti del corso La gestione integrata HSE dott. Matteo Rossi Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA HSE LA GESTIONE AMBIENTALE LA SICUREZZA AZIENDALE (LEGGE 626/94)

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

La gestione della qualità è in grado di portare benefici economici e finanziari? Ing Massimo Tuccoli

La gestione della qualità è in grado di portare benefici economici e finanziari? Ing Massimo Tuccoli La gestione della qualità è in grado di portare benefici economici e finanziari? Ing Massimo Tuccoli 1 QUALITA E REDDITIVITA MIGLIORE QUALITA' = RIDUZIONE ELEMENTI DIFETTOSI Nel ciclo produttivo Sul mercato

Dettagli

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M.

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M. Sistema di qualità conforme allo standard ISO 9001:2008 certificato n 9175.AMB3 Autorizzazione Ministero del Lavoro n 13/I/0015692/03.04 per Ricerca e Selezione del Personale Autorizzazione Ministero del

Dettagli

VISION 2000 VISION 2000

VISION 2000 VISION 2000 VISION 2000 dalle QUALITA? ISO 9000 alle VISION 2000 SOMMARIO Aspetti generali, architettura e caratteristiche delle norme Evoluzione dei contenuti Ricadute sui processi di certificazione Applicazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE ottobre 2010 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo delle

Dettagli

Gli 8 principi della Qualità

Gli 8 principi della Qualità LA QUALITA NEL TEMPO Qualità Artigianale fino al ventesimo secolo; Ispezione e Collaudo - fino alla prima guerra mondiale; Controllo Statistico sui prodotti - fino al 1960; Total Quality Control fino al

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Il Modello europeo CAF

Il Modello europeo CAF Roma, 11 novembre 2011 Il Modello europeo CAF (Common Assessment Framework) Benedini Italo La visione dell Unione Europea sulla Qualità: un urgente bisogno di rinnovamento Tutte le organizzazioni, private

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Presentazione Generale

Presentazione Generale Presentazione Generale Milano, Maggio 2015 info@svreporting.com Servizi Se vuoi cambiare il modo di pensare di qualcuno, lascia perdere; non puoi cambiare come pensano gli altri. Dai loro uno strumento,

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Gruppo Bureau Veritas

Gruppo Bureau Veritas Gruppo Bureau Veritas Bureau Veritas in sintesi Nato nel 1828 Leader a livello globale per i servizi di verifica di conformità nell ambito della Qualità, Salute e Sicurezza, Ambiente e Responsabilità Sociale

Dettagli

La norma ISO 9001:2008

La norma ISO 9001:2008 L applicazione della norma ISO 9001:2008 al Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) del Gruppo di Ricerca Fusione La norma ISO 9001:2008 Frascati, 24 novembre 2009 L. Di Pace 24 novembre 2009 L. Di Pace

Dettagli

Novità 2015 ARE YOU READY FOR ISO 9001:2015?

Novità 2015 ARE YOU READY FOR ISO 9001:2015? Novità 2015 ARE YOU READY FOR ISO 9001:2015? *Novità 2015 Tutti gli standard ISO subiscono una revisione periodica per essere sempre rilevanti per il mercato. Anche la norma ISO 9001:2008, la più diffusa

Dettagli

IL MODELLO EFQM IN APSS

IL MODELLO EFQM IN APSS Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari giovedì 13.12.2007 IL MODELLO EFQM IN APSS Carlo Favaretti, direttore generale Ospedale S.Chiara la governance il modello EFQM l approccio APSS IL MODELLO EFQM

Dettagli

CRESCE, NELL ISO, IL PESO DELLE RU:

CRESCE, NELL ISO, IL PESO DELLE RU: Qualità 3 2013 CRESCE, NELL ISO, IL PESO DELLE RU: la nuova ISO 10018 e il nuovo TC 260 Giovanni Mattana, Presidente Commissione UNI Gestione Qualità e Metodi Statistici A supporto di tale affermazione

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA

UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA Scopo dell intervento Una panoramica sulle modifiche dell edizione 2008 della ISO 9001 per visualizzare la portata del cambiamento. I primi passi Individuare i cambiamenti

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Evoluzione della qualità

Evoluzione della qualità SOMMARIO Evoluzione della qualità ISO 9000 L evoluzione delle norme ISO 9000 (Vision 2000) Il Manuale della qualità secondo le ISO 9000 Il ciclo PDCA I punti del Sistema Qualità La Certificazione e i Marchi

Dettagli

LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO

LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO Congresso AICQ - Settore Autoveicoli - Torino C. La Torre - Iveco S.p.A. 1 / 35 Argomenti Sviluppo del Sistema di Gestione per la Qualità Iveco Processi aziendali

Dettagli

Poche strutture del settore hanno colto questa opportunità. La revisione degli standard rappresenta un occasione

Poche strutture del settore hanno colto questa opportunità. La revisione degli standard rappresenta un occasione Prassi Sistemi di Gestione per la Qualità - Certificazione per gli studi legali le novità Giovanna Raffaella Stumpo AVVOCATO Studi legali: l aggiornamento Iso apre alla qualità Èstato recentemente approvato

Dettagli

Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio

Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio INTRODUZIONE AI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA 23-05-2013 Il modulo formativo C1 Elementi di dettaglio 1) Introduzione ai sistemi di gestione della sicurezza; 2) Le attività tecnico amministrative;

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

Il nuovo standard normativo OHSAS 18001 per i sistemi di gestione della sicurezza

Il nuovo standard normativo OHSAS 18001 per i sistemi di gestione della sicurezza Il nuovo standard normativo OHSAS 18001 per i sistemi di gestione della sicurezza di Fabio Fortunati, amministratore SOLVER La norma OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series) 18001, ufficialmente

Dettagli

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione Questo documento guida vuol aiutare gli utilizzatori delle norme serie ISO 9000:2000 a comprendere i concetti e

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved.

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved. ISO/IEC 2700:2013 Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione ISO/IEC 27001 La norma ISO/IEC 27001, Information technology - Security techniques - Information security management systems

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

ISO 9001:2015 Il «nuovo approccio» sistematico al rischio

ISO 9001:2015 Il «nuovo approccio» sistematico al rischio ISO 9001:2015 Il «nuovo approccio» sistematico al rischio Milano, 10 Novembre 2015 Dott. Emanuele Riva Direttore Dipartimento Certificazione e Ispezione IAF Vice-Chair 1 Cosa cambia? ISO 9001: 2015 2 3

Dettagli

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER Breve presentazione su: - High Level Structure delle ISO per gli standard del sistema di gestione - Principali cambiamenti nel DIS 9001:2015 e DIS 14001:2015 - Piano per la revisione e il periodo di transizione

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali Edizione 10 ottobre 2008 2007 Ciclo Evoluzione ACEF Riproduzione degli studi vietata professionali - Tutti i diritti settimo riservati anno - MARKETING 1 Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer Il valore aggiunto del sistema di gestione della responsabilità sociale Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer L azienda come luogo di incontro L azienda è il luogo in cui si confrontano

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

Organizzare la sicurezza, palo. Pierluigi D Ambrosio. p.dambrosio@businesssecurity.it. 2002-2014 Business Security 1

Organizzare la sicurezza, palo. Pierluigi D Ambrosio. p.dambrosio@businesssecurity.it. 2002-2014 Business Security 1 Organizzare la sicurezza, ovvero come legare il cane al palo Pierluigi D Ambrosio p.dambrosio@businesssecurity.it 2002-2014 Business Security 1 Problema: Possiedo un cane, un palo, della corda, della catena

Dettagli

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3.

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3. OH&SAS Requisiti 1. Scopo e Campo di Applicazione Questa Norma della serie Occupational Healt and Safety Assessment (OHSAS) specifica i requisiti per un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza

Dettagli

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242 PREMESSA. L'esigenza di una gestione più attenta e razionale dell'energia ha spinto diverse nazioni ad elaborare standard nazionali volontari, tra le quali anche gli Stati Uniti con MSE 2000:2005, introducendo

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

To The Board Short master per diventare Board Member

To The Board Short master per diventare Board Member Sistema di qualità conforme allo standard ISO 9001:2008 certificato n 9175.AMB3 Autorizzazione Ministero del Lavoro n 13/I/0015692/03.04 per Ricerca e Selezione del Personale Autorizzazione Ministero del

Dettagli

La revisione 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001. Armando Romaniello Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto

La revisione 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001. Armando Romaniello Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto La revisione 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001 Armando Romaniello Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto 1) I Documenti di inquadramento per la revisione della norma

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO NELLA SCUOLA

IL MIGLIORAMENTO NELLA SCUOLA IL MIGLIORAMENTO NELLA SCUOLA 01 DOCUMENTAZIONE MINISTERIALE DPR 80-28 marzo 2013 Art. 2 Obiettivi e organizzazione dell's.n.v. Ai fini del miglioramento della qualita' dell'offerta formativa e degli apprendimenti,

Dettagli

AUDIT CON VALORE AGGIUNTO (Traduzione del documento APG - Value-added auditing, a cura del Comitato SGQ di AICQ)

AUDIT CON VALORE AGGIUNTO (Traduzione del documento APG - Value-added auditing, a cura del Comitato SGQ di AICQ) AUDIT CON VALORE AGGIUNTO (Traduzione del documento APG - Value-added auditing, a cura del Comitato SGQ di AICQ) Cosa si intende per processo "con valore aggiunto"? Si parla spesso dell'importanza di "aggiungere

Dettagli

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL)

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) Feedback report Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) 13 febbraio 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: Telefono: Fax: Direzione Didattica -2 Circolo Niscemi Via Calatafimi,

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015

LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015 LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015 Dr. Tatone Vito Nicola Doc/CSAD/2/Rev0 del 11/05/2015 La revisione della ISO 14001:2015 ad oggi è in fase di chiusura con l imminente rilascio del final draft, per cui

Dettagli

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena?

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Relatori: Paolo SFERLAZZA Alberto PERRONE Relatori Paolo Sferlazza Security Advisor CISA,LA27001,LA22301,OPST, COBIT 5, ITIL,LA9001,ISFS, ITSM,ISMA

Dettagli

MEDIA INNOVATION & CHANGE

MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA E DIGITAL COMMUNICATION Programma di sviluppo continuo dell innovazione MEDIA INNOVATION & CHANGE COMUNICAZIONE E CONFUSIONE COMUNICARE OGGI SIGNIFICA POTER SFRUTTARE OPPORTUNITÀ

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

International Organization for Standardization. International Organization for Standardization. www.iso.org

International Organization for Standardization. International Organization for Standardization. www.iso.org International Organization for Standardization www.iso.org 1 Sistemi di Gestione della Qualità: il Modello ISO Daniele Gerundino Strategic Adviser to the Secretary-General Perugia, La qualità negli atenei

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Strumenti di Risk Management. Ing Claudia Gistri

Strumenti di Risk Management. Ing Claudia Gistri Strumenti di Risk Management Ing Claudia Gistri 1 PERCHE GESTIRE I RISCHI? Il risk management non è una novità Nato nei primi anni del 1900, nel mondo finanziario e del credito La teoria nasce negli anni

Dettagli

ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015

ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015 TÜV NORD CERT FAQ ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015 Risposte alle principali domande sulle nuove revisioni degli standard ISO 9001 e ISO 14001 Da quando sarà possibile 1 certificarsi in accordo ai nuovi standard?

Dettagli

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione Fiona Healy 29 September 2011 Det Norske Veritas DNV è una fondazione internazionale indipendente che dal 1864 opera per la salvaguardia

Dettagli

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda 2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda Favorire la comprensione e l applicabilità delle metodiche del DOE nelle sue diverse applicazioni, in modo da permettere un reale controllo

Dettagli

organizzato da CONVEGNO SISTEMI DI GESTIONE NELLA LOGISTICA SCHEMI PER LA SICUREZZA IGIENICA E TOTAL QUALITY MANAGEMENT NELLA LOGISTICA

organizzato da CONVEGNO SISTEMI DI GESTIONE NELLA LOGISTICA SCHEMI PER LA SICUREZZA IGIENICA E TOTAL QUALITY MANAGEMENT NELLA LOGISTICA CONVEGNO SISTEMI DI GESTIONE NELLA LOGISTICA SCHEMI PER LA SICUREZZA IGIENICA E TOTAL QUALITY MANAGEMENT NELLA LOGISTICA Parma: 04 novembre 2010 organizzato da prof. Ing. Giampaolo Sarti 1 SISTEMI DI GESTIONE

Dettagli

Sistemi di misurazione delle performance

Sistemi di misurazione delle performance Sistemi di misurazione delle performance 1 Agenda Cos è la misurazione delle performance e a cosa serve? Tipi di indicatori Outcome Requisiti minimi Come gestire la performance. 2 Che cos e la misurazione

Dettagli

TOTAL QUALITY MANAGEMENT

TOTAL QUALITY MANAGEMENT TOTAL QUALITY MANAGEMENT 2005 TUZZI - Riproduzione vietata 2/49 IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT (TQM) ED I PREMI INTRODUZIONE LE SFIDE DALLA SOCIETÀ DEL 2000: UN NUOVO MODELLO DI IMPRESA IL TQM COME UNICA

Dettagli

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa)

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questo portale riflette il punto di vista degli sviluppatori e

Dettagli

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo BSI aiuta le organizzazioni a raggiungere l eccellenza. BSI aiuta a migliorare le organizzazioni per farle crescere e funzionare al meglio.

Dettagli

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Quando parliamo di analisi dei rischi esaminiamo il cosiddetto concetto di information security risk management. Per

Dettagli

La serie di Norme ISO 10000

La serie di Norme ISO 10000 La serie di Norme ISO 10000 Giovanni Mattana Giugno 2010 2 PERCHÉ UNA NUOVA ATTENZIONE ALLA SERIE DI NORME ISO 10000? La Norma Iso EN UNI 9001:2008, in vari punti specifici, ora rimanda alle norme della

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM - ISMS

INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM - ISMS INFORMATION SECURITY MANAGEMENT SYSTEM - ISMS GETSOLUTION Via Ippolito Rosellini 12 I 20124 Milano Tel: + 39 (0)2 39661701 Fax: + 39 (0)2 39661800 info@getsolution.it www.getsolution.it AGENDA Overview

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

R. De Pari. CO0142 rev. B 1

R. De Pari. CO0142 rev. B 1 R. De Pari CO0142 rev. B 1 VERIFICA ISPETTIVA PER LA QUALITÀ (O AUDIT DELLA QUALITÀ) - DEFINIZIONE Processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenze della Verifica Ispettiva e valutarle

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli