EVOLUZIONE E PROSPETTIVE NELLA QUALITÀ. Giovanni Mattana ANIMA 4/7/2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EVOLUZIONE E PROSPETTIVE NELLA QUALITÀ. Giovanni Mattana ANIMA 4/7/2007"

Transcript

1 EVOLUZIONE E PROSPETTIVE NELLA QUALITÀ Giovanni Mattana ANIMA 4/7/2007

2 EVOLUZIONE DEI MODI DI FARE QUALITÀ RADICAMENTO VALORI CONFRONTI L AFFIDABILITÀ SUPPORTI PUBBLICI Iso Rinforzo dei legami con sicurezza ed ambiente SISTEMI DINAMICI DI Q ETICA Q.e RU. ASSICURAZIONE Q. PRIMO COORDINAMENTO Estensione del TQM in nuovi settori: scuole, sanità, pubblica amm.ne e SOCIALIZZAZIONE nella stessa normativa ISO L ORGANIZZAZIONE Premi nazionali per TQM e sviluppo mondiale ISO9000 ISO 9000 TUTTA LA SOCIETÀ ENTI SOVRANAZIONALI GOVERNI GESTIONE Organizzazione SA8000 Clienti ALTRE FUNZIONI SPC PROGETTO ISPEZIONI PRODUZIONE COLLAUDO FINALE Accreditamenti pubblici Sviluppo sostenibile Social Responsibility Parti Interessate EVOLUZIONE DELLE AREE COINVOLTE G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 2

3 I SAPERI DELLA QUALITÀ SISTEMI DI GESTIONE ASSICURAZIONE Q-AUDIT. MIGLIORAMENTO L AFFIDABILITÀ MODELLI DI ECCELLENZA PROCESSI VARIABILITÀ-SPC CLIENTI ISPEZIONI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 3

4 COME EVOLVE? Il successo della Qualità è dovuto ai problemi e bisogni ai quali ha saputo dare una risposta Quali nuove esigenze oggi? Quali problemi tendenziali? G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 4

5 Quali Prospettive per la Qualità? IL DOMANI CHE GIÀ SI INTRAVVEDE E IL DOMANI PIÙ LONTANO? IL DOMANI MOLTO VICINO OGGI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 5

6 OGGI Quale situazione e problemi rispetto ai metodi acquisiti? Prima necessità RIDARE SPESSORE! Certamente abbiamo un problema complessivo di recupero di terreno, di pervasività maggiore, di accelerazione nell'acquisizione di padronanza dei processi, di visione sistemica, di valutazione di efficacia, di rinforzo alle prassi di autovalutazione e di Benchmark. Ma anche di uscire dalla logica della soglia minima, quasi fosse la ricetta universale, per guardare ai percorsi, per accelerare il passo lungo il viaggio del miglioramento G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 6

7 OGGI Saper applicare i metodi che esistono (tanti!) Mettere più valore nell applicazione degli strumenti Processi, mondo clienti, obiettivi, efficacia del sistema, coinvolgimento Mettere più valore nella misurazione delle performances, nelle diagnosi e nell audit Saper dare un valore aggiunto alla propria organizzazione e aiutare le organizzazioni a convergere più rapidamente sugli obiettivi emergenti G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 7

8 OGGI ESTENDERE: Il FRONTE DELLA VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ IL FRONTE DELLA DIFFUSIONE E RADICAMENTO NEI VARI SETTORI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 8

9 Prospettive per la Qualità IL DOMANI MOLTO VICINO OGGI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 9

10 IL DOMANI MOLTO VICINO IL FRONTE DELLA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO IL FRONTE DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE Quanto sappiamo sfruttare il potenziale che può derivare dalle Parti Interessate? L impegno mondiale sulle ISO G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 10

11 INTERNATIONAL STANDARD ISO 10014:2006 Gestione per la qualità Linee guida per la realizzazione di benefici economici e finanziari. La graduazione lungo i Principi (la scalata ai Principi ) La quantizzazione della valutazione rispetto ad una griglia di maturità La priorità delle azioni di miglioramento L uso degli strumenti disponibili G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 11

12 ISO 10014: G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 12

13 Principio 2:Orientamento al cliente Le organizzazioni dipendono dai propri clienti e dovrebbero pertanto capire le loro esigenze presenti e future, soddisfare i loro requisiti e mirare a superare le loro stesse aspettative- Esempio di graduazione, da Norma UNE. Nessun approccio formale Le attività o i processi vengono condotti totalmente o parzialmente ma non sono adeguatamente documentati Approccio reattivo Le attività o i processi sono eseguiti e adeguatamente documentati con un minimo di dati per monitorare gli scopi e rivedere il miglioramento Approccio di sistema formale stabile le attività o i processi sono eseguite e revisionate; le azioni derivanti dal monitoraggio dall'analisi dei dati vengono prese. C'è una tendenza verso il miglioramento ai primi stadi del processo È enfatizzato il miglioramento continuo Le attività o i processi sono eseguite, revisionate, e le azioni derivanti dall'analisi dei dati vengono prese. Il processo è efficace ed efficiente. Viene mantenuta la tendenza al miglioramento Performance da primi della classe Le attività o i processi sono eseguiti arrivisti, tenendo in considerazione ciò che i migliori nel proprio settore fanno. I livelli di soddisfazione delle parti coinvolte vengono misurati e le azioni derivanti dalle revisioni vengono perseguite. L'efficace l'efficienza delle attività sono misurate e continuamente migliorate in modo da ottimizzare Il personale non conosce le politiche per la qualità dell'organizzazione Nello stabilire gli obiettivi vengono considerati solo obiettivi economici e di performance Non ci sono risorse da assegnate per tutti gli obiettivi. Non sono chiare le funzioni e le responsabilità Non vengono stabilite attività per il miglioramento dell'ambiente di lavoro e il coinvolgimento del personale. Ci sono politiche, obiettivi, funzioni e responsabilità definite per la qualità del prodotto o del servizio e che riguardano alcune aree dell'organizzazione La Direzione comunica all'intera organizzazione le politiche sulla qualità e gli obiettivi la direzione rivede periodicamente il sistema di gestione per la qualità e decide sulle azioni da prendere Le politiche per la qualità sono periodicamente revisionate allo scopo di adattarle alle nuove necessità dell'organizzazione. Gli obiettivi per la qualità sono misurabili e coerenti con le politiche Sono stabilite entro l'organizzazione le funzioni e i livelli necessari per soddisfare i requisiti del cliente. La direzione assegna le risorse necessarie per garantire che le posizioni di lavoro siano coerenti con le attività da eseguire La direzione promuove relazioni con clienti e fornitori e interagisce con loro Vengono stabiliti canali di comunicazione interna per migliorare l'efficacia del sistema di gestione della qualità C'è un pacchetto coerente di Vision, valori, strategia globale e deployment degli obiettivi dei processi La direzione riesamina le risorse assegnate ai vari obiettivi allo scopo di verificare la loro efficacia. C'è in atto un sistema per la revisione e l'aggiornamento degli obiettivi La direzione sostiene i piani di miglioramento che risultano dalla sua revisione del sistema. C'è una delega di autorità e funzione da parte del management per la identificazione delle opportunità di miglioramento, che incrementa la motivazione del personale Viene verificata l'efficacia e l'efficienza dei canali di comunicazione istituiti. I capi fanno uso sistematico degli strumenti di miglioramento La direzione gestisce la qualità, l'ambiente e i lavori a rischio, con la collaborazione di dipendenti, clienti e fornitori Per misurare le performance dell'organizzazione, la direzione fa uso di misure di tipo finanziario, studi di benchmarking, valutazione della soddisfazione dei clienti e dipendenti Nella pianificazione e miglioramento del sistema la tiene in conto, come parti interessate,i clienti, dipendenti, azionisti, fornitori, partner, e la comunità Per questa pianificazione, usa come dati di input le proprie strategie, i propri obiettivi, le necessità dei clienti, alla valutazione dei requisiti legali, la propria esperienza e le opportunità di miglioramento dei identificate. Tutti i capi sopportano attivamente il miglioramento dell'organizzazione, la cultura e kla reputazione dell'organizzazione Essi mantengono un comportamento responsabile tenendo in considerazione le necessità attuali e future Èssi promuovono la direzione dell'innovazione e della conoscenza tra i dipendenti, i clienti e fornitori La direzione è consapevole e attiva nel coinvolgimento sociale e nell'adattamento all'ambiente culturale dell organizzazione Sollecita il contributo di suggerimenti del personale per stabilire i criteri di gestione dell'organizzazione e per la definizione delle politiche La direzione serve da esempio e lo dimostra nell'addestramento e nei seminari ai quali regolarmente partecipa La direzione valuta i risultati degli indicatori di gestione e li confronta con quelli dei competitor, con quelli dei migliori in assoluto e con i propri obiettivi La direzione si impegna nella ricerca di punti di confronto e attività di benchmarking con le migliori organizzazioni

14 ISO 10014: La RADAR chart impostata per gli otto Princìpi della gestione per la Qualità Orientamento al cliente Rapporto di beneficio reciproco tra fornitori e clienti Leadership Decisioni The example basate depicted in Figure A.1 suggests that the Coinvolgimento organization should su consider dati di prioritizing fatto actions relating to customer focus del (5.1), personale and involvement of people (5.3). Miglioramento continuo Approccio per processi Approccio sistemico alla gestione G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 14

15 ISO 10014:2006 Elementi in ingresso Risultati dell autovalutazione (iniziale o completa) Fasi di Autovalutazione per ottenere gli elementi in ingresso: Familiarizzazione con i livelli di maturità (Tabella A.1) Completamento del questionario di auto-valutazione (Tabelle A.2 e A.3) Preparazione del grafico a RADAR (Figura A.1) Definizione delle priorità relative alle opportunità di miglioramento CICLO DEL MIGLIORAMENTO CONTINUO PLAN DO CHECK ACT Elementi in uscita Realizzazione di benefici economici e finanziari G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 15

16 G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 16

17 . saper rispondere al bisogno di eccellenza Sta crescendo un esigenza di eccellenza e si è moltiplicato l uso di questo approccio. In pochi semestri è "esplosa" l'esigenza di enucleare, valorizzare, moltiplicare i centri di eccellenza " (che comporta fissare criteri, valutare, riconoscere, pubblicizzare) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 17

18 Prospettive per la Qualità IL DOMANI CHE GIÀ SI INTRAVVEDE IL DOMANI MOLTO VICINO OGGI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 18

19 EVOLUZIONE DEGLI INTENTI PRIORITARI DELLA QUALITÀ Q strategica per lo sviluppo sostenibile Tutta la società e le generazioni future Qualità strategica Soddisfare le parti Interessate Qualità competitiva/esterna Soddisfare i clienti Quali nuove sfide? Quali capacità di risposta? Qualità interna Conformità alle specifiche Ridurre gli scarti Tenere sotto controllo la variabilità L AFFIDABILITÀ SPC ISPEZIONI ASSICURAZIONE Q. Organizzazione Clienti Tutta la società Parti Interessate G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 19

20 IL DOMANI CHE GIÀ SI INTRAVVEDE A quali nuove esigenze delle organizzazioni la disciplina e la pratica della qualità sapranno dare risposte? Responsabilità Sociale Sostenibilità Aiutare a creare il clima dell organizzazione Grande capacità di relazioni Balanced Scorecards Innovazione (Triz) Benchmarking Aiutare l organizzazione a crescere Applicare i metodi alle caratteristiche intangibili G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 20

21 I SAPERI DELLA QUALITÀ SISTEMI DI GESTIONE RESPONSABILITÀ SOCIALE ASSICURAZIONE Q-AUDIT. SOSTENIBILITÀ AFFIDABILITÀ MIGLIORAMENTO MODELLI DI ECCELLENZA INNOVAZIONE RISK MNGNT VARIABILITÀ-SPC ISPEZIONI PROCESSI CLIENTI KNOWLEDGE MNGNT RU e RELAZIONI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 21

22 UN MODELLO ESTESO DI SGQ GIAPPONE 2003, rivisto 2005 Quality management systems - Guidelines for sustainable growth L umanità ha la possibilità di rendere sostenibile lo sviluppo, cioè di far sì che esso soddisfi i bisogni dell attuale generazione senza compromettere la capacità di quelle future di rispondere ai loro. Dal Rapporto Brundtland (Our commun future,1987) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 22

23 UN MODELLO ESTESO DI SGQ GIAPPONE 2003, rivisto 2005 REQUISITI DI CLIENTI + P.I. LEARNING INNOVAZIONE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE GESTIONE RISORSE INNOVAZIONE DEL SGQ SGQ BUSINESS STRATEGY BS E SGQ PLANNING PER SGQ MIIGLIORAMENTO CONTINUO SGQ INNOVAZIONE DEL SGQ RIESAME STRATEGIE AUTOVALUTAZIONE MISURE MIGLIORAMENTO DEL SGQ INNOVAZIONE DEL SGQ MIIGLIORAMENTO CONTINUO PRODOTTI

24 Design Specification for the Revision of ISO 9004 Titolo: Quality management systems - Managing for sustainable results - A quality management approach G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 24

25 da DESIGN SPECIFICATION" FOR THE REVISION OF ISO 9004 Structure of the standard ISO 9004:2008 shall be developed to include the following parts A Top management oriented part, with a compact writing style, focussing on strategic issues, and describing managerial processes An Operational management oriented part, with practical guidance for the implementation of operational processes and the improvement of those processes. Introduction 1. Scope 2. Normative Reference 3. Terms and Definitions 4. Managing for Sustainable Success (incl. process and systems approach) 5. The Organization s Environment 6. Policy & Strategy formulation and deployment 7. Resources 8. Process Management 9. Measurement and Analysis (incl. results) 10. Improvement, Innovation and Learning G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 25

26 Prospettive per la Qualità E IL DOMANI PIÙ LONTANO? IL DOMANI CHE GIÀ SI INTRAVVEDE IL DOMANI MOLTO VICINO OGGI G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 26

27 IL DOPODOMANI PIÙ LONTANO Come cambierà lo Scenario? Come cambierà la Qualità nello scenario? Gli studi della ASQ G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 27

28 AMERICAN SOCIETY FOR QUALITY Gli Studi sul futuro Emerge l esigenza di maggior attenzione a che cosa, oggi, sta determinando il futuro Quattro Studi: Anche Spagna, Argentina, Messico hanno avviato iniziative di approfondimento del tema Un primo risultato: la consapevolezza di aver finora sottovalutato il tasso di cambiamento G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 28

29 ASQ 2002 TENDENZE DETERMINANTI La Qualità dovrà saper dimostrare i risultati dell investimento in Qualità I Sistemi di management assorbiranno sempre di più la funzione Qualità. Cambierà il ruolo dei quality professional : da fare la qualità a saper guidare tutti a fare essi stessi la qualità La Qualità sarà compito di ognuno La motivazione per una più estesa applicazione della qualità ( anche in campo sociale ed ambientale) dovrà essere provata, ma tenendo presente che la riduzione dei costi è solo una delle dimensioni della Qualità La domanda globale per prodotti e servizi creerà una forza-lavoro globalizzata (e si creerà una comunità di conoscenze legate dal Web) Diminuirà la fiducia automatica sui colossi del business; i consumatori avranno un peso maggiore nel pretendere responsabilità e comportamenti etici Aumenteranno le esigenze e le aspettative dei clienti (abituati a trovare in Internet velocità, efficienza e servizio, le pretenderanno anche nelle transazioni correnti e dalla pubblica Amministrazione) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 29

30 ASQ 2002 L IMPATTO SUI RUOLI PER LA QUALITÀ Dispersione e integrazione delle funzioni La qualità crescerà di importanza per tutte le organizzazioni ma nello stesso tempo diminuiranno le funzioni qualità. Gli strumenti della qualità saranno utilizzati da una vasta tipologia di persone rendendo più incerti i confini della professione Qualità. Ciò può aprire nuovi ruoli di integratori, di allenatori, di animatori,... Creazione di una nuova generazione di strumenti e tecniche Ciò richiederà un cambio di mentalità e anche approcci controcorrente e creazione di hub multidimensionali. Rivalutazione del lato umano della Qualità Un quality professional sarà più che un buon tecnico degli strumenti della qualità; dovrà essere capace di prendere decisioni corrette per l organizzazione ed essere abile nell integrare sistemi e processi per ottenere gli obiettivi (bilanciati) voluti, ma anche avere la capacità di energizzare le organizzazioni ; dovrà cioè possedere una combinazione di competenze tecniche, manageriali e sociali/rivolte alle persone ; Enfasi sugli aspetti economici L economia della qualità riemergerà come la più critica dimensione della qualità, occorrono evidenze più dirette G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 30

31 LO STUDIO ASQ 2005 Identificare le forze chiave che saranno determinanti per il futuro della Qualità Sviluppare scenari su come queste forze potranno dispiegarsi Esaminarne le implicazioni per le organizzazioni della Qualità, per le professioni, per l ASQ G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 31

32 LO STUDIO ASQ 2005 FORZE CHIAVE DETERMINANTI La qualità deve dare un contributo al bilancio I sistemi di management assorbiranno sempre di più la funzione qualità la qualità sarà compito di ogni ruolo. La motivazione per una più estesa applicazione della qualità dovrà essere provata La domanda globale per prodotti e servizi creerà una forza-lavoro globalizzata Diminuirà la fiducia automatica sui colossi del business Globalizzazione Innovatione Creatività e cambiamento Outsourcing Sofistificatione dei Consumatori Creazione di Valore Cambiamenti nella Qualità Le aspettative e le esigenze dei clienti continueranno ad aumentare G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 32

33 LO STUDIO ASQ 2005 FORZE CHIAVE DETERMINANTI Globalizzazione Innovazione Creatività - Cambiamento Comporta necessità di aumentare il contributo della qualità al vertice, con ruolo determinante della conoscenza, con contributi alla progettazione, con contributi alla flessibilità, anche del sistema, alla personalizzazione delle prestazioni Outsourcing Cugina della globalizzazione, diventerà sempre più pervasiva ed indipendente dallo spazio. Sofisticazione dei consumatori Cresceranno ulteriormente le attese su tutte le poste della transazione; la capacità anticipatoria di coglierle giocherà un ruolo crescente. Creazione di Valore La qualità dovrà creare valore in ogni cosa fatta; e dal punto di vista delle PI;valore include sostenibilità e Triple bottom line (aspetti sociali e ambientali oltre che risultati finanziari) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 33

34 ASQ 2005 GLI IMPATTI DELLE FORZE CHIAVE Le forze chiave hanno impatti differenziati nei differenti scenari L impatto sulla qualità privilegiato un approccio sistemico (qualità anche per i sistemi di sistemi) gestire la velocità anticipazione (verso il mercato, verso i cambiamenti, verso gli obiettivi e le strategie) la Qualità diventa gestione dei rischi (di progetto, di prodotto, di ambiente, di mercato, ) la Qualità deve diventare strategica, non solo tattica G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 34

35 QUANTO SIAMO PREPARATI PER IL FUTURO? Cosa sappiamo rispondere? Quanto stiamo investendo per capire le tendenze ed adeguarci? Il mondo ipotizza una figura più alta di quella che il mondo sembra richiedere? Milano Ma ciò destabilizza (butera) G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 35

36 Solo coloro che sanno apprendere, adattarsi, e cambiare, avranno un futuro di prosperità G.Mattana-Evoluzione e prospettive della Qualità 36

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 IL SISTEMA GESTIONE QUALITA DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 Col termine know-how ( so come ) si definisce il patrimonio brevettuale e brevettabile di un azienda, per la quale rappresenta

Dettagli

Criteri per un approccio efficace ed omogeneo alle valutazioni di conformità alla norma ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti

Criteri per un approccio efficace ed omogeneo alle valutazioni di conformità alla norma ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Criteri per un approccio efficace ed omogeneo alle valutazioni di conformità alla norma ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti INDICE Prefazione 3 A. PARTE PRIMA 3 A.0 Premessa 3

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli