Le obbligazioni Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le obbligazioni Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo"

Transcript

1 Economia del mercato mobiliare e finanziamenti di aziende Le obbligazioni Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo

2 La tipologia delle obbligazioni

3 Definizione Gli strumenti di debito: le obbligazioni titoli di credito, normalmente al portatore, che rappresentano una quota di debito contratto dalla società o dall ente emittente. L accordo obbliga l emittente a effettuare dei pagamenti - di entità specificata - a determinate date future. Caratteristiche sono nominativi o al portatore; non conferiscono al titolare alcun diritto amministrativo, ma alcuni diritti economici certezza e ammontare dei flussi generati dalle obbligazioni vita limitata (le obbligazioni hanno una scadenza massima prefissata) Tipico esempio: un titolo di valore nominale di con scadenza 1/1/2001 e tasso cedolare del 7% pagabile il 1/1 e il 1/7 assicura al sottoscrittore i seguenti flussi: pagamento di cedole pari a L complessive per anno pagamento del valore di rimborso pari al valore nominale del titolo alla data di scadenza (1/1/2001)

4 L'art.2410 del Codice Civile disciplina i limiti all'emissione di prestiti obbligazionari da parte delle imprese: Limiti all emissione

5 La classificazione delle obbligazioni

6 La classificazione delle obbligazioni Emittente titoli di Stato enti pubblici imprese Durata a breve (12 mesi) a medio (da 1 a 5 anni) a lungo (fino 30 anni) Quotazione mercato ufficiale (MOT) non quotate Rilevazione del prezzo corso secco corso tel-quel Indicizzazione a tasso fisso a tasso variabile Tipologia obbligazioni obbligazioni convertibili, cum warrant zero coupon bond (ZCB) Nazionalità titoli italiani titoli esteri emessi in Italia (eurobbligazioni titoli italiani emessi all estero Rating AAA: merito di credito più elevato B: investimento speculativo C-CCC: investimento fortemente speculativo, talvolta con insolvenza Modalità di rimborso unica soluzione a scadenza estrazione a sorte piano di ammortamento italiano (quote capitale costanti), francese (rate costanti), libero

7 Il significato del rating Investment grade S&P Moody's Titoli di prima qualità: AAA Aaa altamente sicuri AA+ Aa1 (Gilt edge - higly safe) Categoria molto elevata: molto sicuri (Very high grade - very safe) Categoria di fascia medio alta (Upper medium grade) Categoria di fascia medio bassa: titoli piuttosto speculativi (Lower medium grade - quite speculative) AA AA- A+ A A- BBB+ BBB BBB- Aa2 Aa3 A1 A2 A3 Baa1 Baa2 Baa3 Non investment grade S&P Moody's BB+ Ba1 Categoria bassa: BB Ba2 titoli speculativi BB- Ba3 (Low grade - speculative) B+ Ba3 Titoli molto speculativi (Very speculative) Titoli altamente speculativi (Highly speculativee) In condizioni difficili: rischiosi (In poor standing - risky) Possibilità di fallimento del debitore: molto rischiosi (Possibility of being in default - very risky) Estremamente rischiosi (Extremely risky) B B- CCC+ CCC CCC- CC C B2 B3 Caa Ca C

8 I tipi di obbligazioni Titolo Caratteristiche principali Per l'investitore Obbligazioni ordinarie Rimborso del capitale a scadenza Cedola fissa Garantiscono un rendimento periodico certo Obbligazioni indicizzate Rendimento o prezzo di rimborso ancorati ad un indice (parametro di indicizzazione) Permettono di beneficiare di variazioni positive dei tassi, non tutelano di fronte a possibili diminuzioni degli stessi Obbligazioni in valuta Rimborso del capitale a scadenza Cedola fissa o variabile Clausola di rimborso anticipato Permettono di beneficiare di eventuali favorevoli evoluzioni dei tassi di cambio Obbligazioni convertibili Obbligazioni cum warrant

9 Le obbligazioni convertibili Definizione conferiscono la facoltà di convertire, in un determinato periodo di tempo (periodo di conversione) e secondo un rapporto di conversione predeterminato (rapporto di concambio), le obbligazioni in azioni della società emittente dette azioni di compendio (conversione diretta) o di altra società (conversione indiretta). Nel momento in cui le obbligazioni sono convertite, il debito obbligazionario, per la quota corrispondente, si estingue. Nell'ipotesi di conversione diretta, la società emittente registra un incremento del capitale sociale. Vantaggi per l investitore L'obbligazione convertibile permette al creditore, a fronte di una cedola più bassa, di farsi consegnare un numero prefissato di azioni invece di ricevere un rimborso in linea capitale

10 Definizione: Caratteristiche principali Le obbligazioni cum warrant strumento finanziario costituito da una cedola che dà diritto al portatore di sottoscrivere azioni di compendio a un prezzo stabilito entro un determinato periodo di tempo. Vengono in genere emessi dalle società che prevedono di dover aumentare il capitale a una data futura oppure vogliono reperire nuove risorse finanziarie, utilizzando azioni proprie già in portafoglio. Il titolo obbligazionario si accompagna ad un'opzione su una quantità prestabilita di titoli Nel warrant vengono definiti prezzo e periodo di esercizio dell'opzione Il warrant gode di vita autonoma, ovvero è staccato dall'obbligazione e negoziabile separatamente Il warrant è di tipo americano, se la facoltà di acquisto è esercitabile entro una data prefissata, o europeo, se l'opzione può essere esercitata esclusivamente in una specifica data Vantaggi per l investitore L'obbligazione con warrant consente al creditore di partecipare ad eventuali guadagni in conto capitale o di negoziare il warrant separatamente dal titolo obbligazionario

11 Altri tipi di obbligazioni Titolo Caratteristiche principali Per l'investitore Obbligazioni dual currency Denominate in valuta estera Prevedono in genere un tasso Cedole nella valuta di emissione di interesse elevato L emittente sceglie la valuta del rimborso Obbligazioni drop lock Obbligazioni reverse convertible Obbligazioni a rata costante e durata variabile Obbligazioni a tasso variabile convertibili in obbligazioni a tasso fisso Esiste una soglia minima di rendimento oltre cui scatta la conversione Obbligazioni a bt (6 mesi-2 anni) Offrono cedole più elevate dei TdS Funzionano in maniera speculare alle obblig. convertibili tradizionali Cedole indicizzate e rata costante Durata variabile Rimborso periodico contestuale al pagamento degli interessi La durata del titolo è: Maggiore se i Consentono di godere di eventuali aumenti dei tassi coprendo al contempo dal rischio di una loro eccessiva discesa A fronte di una cedola elevata, l obbligazionista accetta il rischio di vedersi consegnare un nr. prefissato d azioni invece del rimborso in c/capitale qualora il prezzo di mercat dell'azione sia inferiore al valore prefissato In caso di aumento dei tassi, il titolo garantisce al sottoscrittore alta redditività ma un rimborso di capitale molto dilazionato nel tempo. In caso di riduzione dei tassi, minore redditività ma più veloce restituzione

12 I principali Titoli di Stato Titolo BoT BTp CcT CTz Anno di creazione Durata attuale 2,3,6,12 mesi 3,5,10,30 anni 7 anni 2 anni Tasso Fisso Fisso Variabile Fisso Periodicità cedola Zero coupon Semestrale Semestrale Zero Coupon Rimborso Alla pari Alla pari* Alla pari* Alla pari* Sistema collocam. Asta competitiva sul prezzo senza prezzo base Asta marginale sul prezzo senza prezzo base Asta marginale sul prezzo senza prezzo base Asta marginale sul prezzo senza prezzo base Momento emiss. Metà e fine Inizio e metà Inizio e metà Variabile mese mese mese Taglio minimo Forma giuridica Al portatore Al portatore o Al portatore Al portatore nominativi Corso Tel-quel Corso secco Corso secco Tel-quel Ritenuta fiscale 12,5% sugli interessi (anticipata) 12,5% sulla cedola e sullo scarto 12,5% sulla cedola e sullo scarto 12,5% sullo scarto di emissione * Il rimborso avviene alla pari detratta la ritenuta sullo scarto di emissione per i titoli tassati Fonte: A. Ferrari, A. Landi, P. Vezzani

13 Il prezzo e il rendimento delle obbligazioni

14 Prezzo Caratteristiche di un obbligazione somma dei valori attuali delle cedole future e del valore di rimborso Rendimento misura l incremento di valore, passato e futuro, del capitale iniziale investito in un operazione finanziaria in relazione alla durata temporale il tasso di rendimento consente confronti tra titoli diversi tassi di rendimento semplici e composti tassi di rendimento immediato tasso di rendimento effettivo a scadenza Rischio Vita misura la variabilità del valore e del prezzo di reinvestimento rischio prezzo rischio di reinvestimento le variabili sopra elencate sono correlate alla vita residua del titolo

15 Valore attuale di un titolo privo di cedola Per calcolare il valore attuale di uno ZCB occorre conoscere: a) il tasso di mercato per titoli con una determinata scadenza; b) il prezzo di rimborso; c) la durata dell investimento. Si consideri lo zero coupon del valore nominale di Euro con scadenza fra tre anni. Il tasso di mercato per investimenti simili è del 12,62%. Pertanto, i dati che si conoscono sono: t n t 0 numero di periodi 3 0 r n tasso di mercato al tempo 0 per la durata n 12,62% VR valore di rimborso 100 P o valore attuale? In base a questi elementi, si può stabilire la relazione fra prezzo e valore di rimborso utilizzando il fattore di sconto: P VR (1 + r ) ( , n 3 ) 70 NOTA BENE: Per un approfondimento sul calcolo del prezzo di uno ZCB, si vedano le esercitazioni contenute nell allegato Tempo & Denaro nonché gli esempi contenuti nell allegato Esercizi.

16 Il rendimento degli Zero Coupon Bond (ZCB) Gli ZCB sono titoli privi di cedola. Il rendimento degli ZCB (come quello dei BoT) è dato interamente dallo scarto fra il prezzo di acquisto e il valore di rimborso o di smobilizzo nel caso di vendita prima della scadenza. Per calcolare il rendimento di uno ZCB occorre conoscere: a) il prezzo di acquisto; b) il prezzo di rimborso; c) la durata dell investimento. Conoscendo questi tre dati il calcolo è davvero semplice. Partiamo dal caso più semplice: Uno zero coupon del valore nominale di Euro con scadenza fra tre anni, il cui prezzo di oggi è di Euro. Per prima cosa, si ricostruisce il profilo finanziario dell investimento che, nel semplice caso di un titolo senza cedola, è composto da due soli flussi: Euro di spesa oggi e una entrata di Euro fra tre anni. Pertanto, utilizzando le formule presentate nella sessione precedente: Rendimento semplice Rendimento r s r c M C M C ,2% t t ,62%

17 La relazione prezzo-rendimento negli ZCB Si considerino tre zero-coupon bonds, con le seguenti caratteristiche: valore nominale: VR100 tasso di rendimento: r10%, composto annualment ZCB 1 ZCB 2 ZCB 3 Tempo / Valore ZC 10% $90,91 $75,13 $62, Si supponga che i tassi scendano al 9%, o crescano all 11%. Come reagiscono i prezz Se i rendimenti diminuiscono i prezzi salgono, e viceversa. Rend ZCB 1 ZCB 2 ZCB 3 1 anno 3 anni 5 anni 10% $90,91 $75,13 $62,09 9% $91,74 $77,22 $64,99 % var 0,91% 2,70% 4,46% 11% $90,09 $73,12 $59,35 %var -0,91% -2,75% -4,63% I prezzi variano maggiormente nei titoli con scadenze maggiori

18 La valutazione di un titolo con cedola? Qual è il prezzo di mercato di un BTp che ha un tasso cedolare del 9% con godimento semestrale, un valore nominale di e scade tra 10 anni se il tasso di rendimento richiesto è del 10% (liquidabile semestralmente)? Mesi Flussi di cassa 0,0 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 104,5 E come se si avessero tanti ZCB con valore di rimborso e scadenza corrispondenti a quelle di ogni singolo flusso di cassa Si attualizzano i diversi flussi a un fattore di sconto pari a: (1+r/m) -n (1+0,1/2) -n dove: r tasso rendimento (TRES) m nr. pagamenti per anno n nr. di periodi Mesi Flussi di cassa 0,0 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 104,5 Fattore di sconto 100,0% 95,7% 91,6% 87,6% 83,9% 80,2% 76,8% 73,5% 70,3% 67,3% 64,4% VA flussi di cassa - 4,3 4,1 3,9 3,8 3,6 3,5 3,3 3,2 3,0 67,3 Flussi di cassa cumulati - 4,3 8,4 12,4 16,1 19,8 23,2 26,5 29,7 32,7 100,0 VAN (Prezzo del titolo) 100,0

19 Il valore attuale di un titolo con cedola In regime di capitalizzazione composta il valore attuale è dato da: V dove: t1 V V t to valore attuale o n V t1 valore futuro P j t T ( 1 + i ) Valore attuale netto di un titolo (prezzo di un titolo): il prezzo di un titolo deve essere uguale al valore attuale dei flussi di cassa futuri del titolo, in base al tasso di interesse corrente sul mercato. I flussi di cassa, per i titoli con cedola (BtP), sono le cedole (semestrali o annuali) e il prezzo di rimborso. Pertanto, il prezzo del titolo deriva dalla seguente equazione: x tj + t 0 ( 1 + i ) ( 1 + V i ) T dove: P j valore attuale del titolo x tj cedole V valore di rimborso i tasso di mercato Valore attuale netto di un titolo (prezzo di un titolo) quando il titolo è acquistato in un momento in cui la cedola è già parzialmente maturata T x C tj V P + C + x 360 t 1 t 360 ( 1 i ) + ( 1 + i ) x T 360

20 Il valore attuale di un titolo con cedola: esempio BTP Prezzo di rimborso 100 Tasso di interesse cedolare 10% Cedole nominali 10 Scadenza (in anni) 5 Anno F att 1 (1+ i) n Flussi di cassa Fattore di attualizzazione 100% 91% 83% 75% 68% 62% VA del pagamento VA di tutti i pagamenti 100 P Se il titolo venisse acquistato a metà del primo anno (dopo 180 giorni dallo stacco della prima cedola)? + P T x + C (1 + i) (1 + i) C tj x t 1 t T 360 (1 i ) (1 + i ) (1 + i) (1 + i) V x (1 + i)

21 Prezzo di un titolo con cedola: corso secco e tel-quel Corso secco: comprende il solo valore capitale, escluso cioè il rateo di interessi maturati dalla scadenza dell ultima cedola alla data di valuta dell operazione Corso tel-quel: è dato dalla somma tra corso secco e rateo di interessi maturato RATEO: rettifica del prezzo di un titolo che rende equa la quota di interessi spettanti alle due controparti. In altri termini, è la quota di interessi proporzionale al periodo di detenzione, compreso fra due date di stacco cedola consecutive Elementi per il calcolo di un rateo: livello della cedola numero di giorni che compongono il periodo numero di giorni tra ultima cedola staccata e data dell operazione aliquota fiscale applicabile

22 Il calcolo del rateo ESEMPIO: BTP scadenza 01/03/2001 Cedola 12,5% annuo liquidabile semestralmente Aliquota fiscale 12,5% Data di negoziazione: 17/06/1998 Calcolo del rateo lordo: Determinazione della cedola lorda: (12,5% / 2) 6,25% Calcolo dei giorni (periodo che intercorre tra data ultima cedola staccata e data dell operazione): Marzo 30 Aprile 30 Maggio 30 Giugno 30 Totale 107 Rateo 6,25% x (107/180) 3,71 Calcolo del rateo netto (si considera l aliquota fiscale): Determinazione della cedola netta: [(12,5% * (1-0,125)] / 2 5,46% Calcolo dei giorni (periodo che intercorre tra data ultima cedola staccata e data dell operazione): Marzo 30 Aprile 30 Maggio 30 Giugno 30 Totale 107 Rateo 5,46% * (107/180) 3,24

23 Tassi di rendimento Uno degli elementi caratteristici delle obbligazioni è il rendimento, ovvero quel tasso che misura l incremento di valore, passato (rendimento ex-post) e futuro (rendimento ex-ante), del capitale iniziale investito in un operazione finanziaria in relazione alla durata temporale Nei mercati obbligazionari i tassi sono un modo alternativo di esprimere i prezzi di mercato. Il tasso di rendimento non è l unico elemento di valutazione di un titolo, ma consente di sintetizzare la maggior parte delle informazioni oggettive su un titolo consentendo così il confronti tra valori mobiliari che presentano caratteristiche differenti. Vi sono diverse modalità di definizione e di calcolo dei tassi di rendimento. Tra i principali, si segnalano: tassi di rendimento semplici e composti (precedentemente esaminati) tasso di rendimento effettivo a scadenza tasso di rendimento immediato

24 Il tasso di rendimento immediato Il tasso di rendimento immediato (TRI) è il rapporto tra il rendimento nominale (che corrisponde al valore delle cedole distribuite dato 100 il valore nominale) e il prezzo di mercato (o di emissione se il titolo è stato appena emesso). E un tasso incompleto perché non considera il differenziale tra prezzo corrente (o quello di emissione) e il prezzo di rimborso. Calcolo del TRI di un titolo con cedola annuale TRI lordo Cedolalorda Corsosec co TRI netto Cedolanetta Corsosecco Cedolalorda( 1 t) Corsosec co Esempio: BtP scadenza 1/10/2000 Cedola annuale 8% Prezzo di mercato (corso secco) 102 8% 008, 8%(1 t ) 0, 08 0, 875 TRI lordo 100 7, 84% TRI netto 100 6, 86% Calcolo del TRI di un titolo con cedola infrannuale n Cedola n annua Cedola periodicalorda TRI n lordo Corsosec co Corsosec co Esempio: BtP scad. 1/10/2000 Cedola annuale 8% liquid. semestralmente P mkt (corso secco) 102 TRI lordo n 102 n , 99% TRI 1 netto ( t ) 1 6, 98% 102

25 Tasso di rendimento effettivo a scadenza (TRES) Nelle obbligazioni, il TIR corrisponde al tasso di rendimento effettivo a scadenza (TRES ed è quel tasso che rende il prezzo tel quel del titolo uguale alla somma dei valori attuali delle cedole future e del rimborso del capitale. P n FC t ( 1 + TRES ) t 1 t dove: P prezzo equo del titolo FC t flussi di cassa al tempo t TRES tasso di rendimento effettivo a scadenza BTP scadenza 5 anni Prezzo di rimborso 100 Tasso di interesse cedolare 10% Prezzo di acquisto 98 Cedole nominali 10 Anno Flussi di cassa Fattore di attualizzazione 100% 91% 83% 75% 68% 62% VA del pagamento TIR (TRES) 10,53% Il TRES è così quel fattore di sconto che rende equivalente il prezzo di mercato del titolo al valore attuale netto dei flussi di cassa futuri rappresentati dalle cedole e dal valore di rimborso.

26 Le componenti di reddito del TRES Interessi reddito derivante dalle cedole incassate nel corso del periodo che intercorre tra la data di acquisto e la scadenza del titolo Capitale reddito derivante dalla differenza tra valore di rimborso e prezzo di acquisto, nel caso il titolo sia detenuto fino alla scadenza Interessi sugli interessi reddito derivante dal reinvestimento delle cedole nel periodo che intercorre tra l acquisto e il rimborso del titolo n nc ( 1+ r) 1 + P n [ C( 1+ r)] 1 nc r + P ( V P) P dove: r tasso di rendimento; C cedola; n nr. cedole; P prezzo di acquisto; V prezzo di rimborso

27 Peso sul rendimento complessivo Le componenti di reddito del TRES: un esempio BTP scadenza 5 anni Prezzo di rimborso 100 Tasso di interesse cedolare 10% Prezzo di acquisto 98 Cedole nominali 10 Anno Flussi di cassa Fattore di attualizzazione 100% 91% 83% 75% 68% 62% VA del pagamento TIR (TRES) 10,53% Cedole nc P , % 78,5% IntsuCed n [ C(1 + r)] r P 1 nc [10(1 + 0,1053)] 0, x10 0,12 12% 18,4% CG VR P P ,02 2 % 3,1% (1 + r) n 1 (1 + 0,1053) 5 1 0,51+ 0,12 + 0,02 0,65 65%

28 Il reinvestimento delle cedole Nota Bene: Nel calcolo del TRES si ipotizza implicitamente che si possano reinvestire le cedole intermedie a un tasso uguale al TRES medesimo. Per esempio, nel caso di un titolo con cedola annua del 10% e scadenza fra 5 anni, si ipotizza che le cedole maturate vengano reinvestite a un tasso annuo del 10%. Pertanto, il rendimento di questo investimento quinquennale è il 10%, se il montante dopo cinque anni è uguale a: Si ipotizzi di reinvestire le cedole non al 10%, bensì in un deposito a vista al tasso del 5%. BTP Valore nominale 100 Prezzo di rimborso 100 Cedola nominale 10 Vita residua 5 Interessi deposito 5% M C(1+ i) 5 100(1.1) 5 161,05 t Capitale Cedole Interessi su deposito Totale (cedole incassate + interessi maturati) ,000 10, ,500 10, ,025 11, ,576 11, ,155 12,155 Totale , ,256 Il rendimento di periodo (5 anni) è del 55,25%. Il tasso equivalente annuo è uguale a: i 5 s n 1 + i p ,25% 9,17 % ertanto, il reinvestimento delle cedole a un determinato tasso fisso è un ipotesi forte del Tir ne rappresenta uno dei limiti maggiori.

29 Vantaggi e limiti del Tres Vantaggi del TRES 1. è un indicatore di redditività diffuso 2. considera tutte le componenti di reddito rilevanti Esercizi sul calcolo del TRES Limiti del TRES 1. utilizza lo stesso tasso per attualizzare flussi con scadenze diverse 2. ipotizza che le cedole maturate vengano reinvestite sempre a un unico tasso uguale al Tres Quale è il TRES di un BTP quinquennale acquistato alla pari di valore nominale pari a 100 milioni con cedola annua del 10%? E se il titolo venisse acquistato sotto la pari, per esempio a 98, quale sarebbe il suo TRES? Il TRES coincide con il tasso di mercato? Se sì,in quale caso? La relazione tra prezzo di un obbligazione e TRES è inversa: al crescere dell uno decresce l altro e viceversa. In particolare, se: se TRES > tasso cedolare Prezzo di un titolo < 100 (titolo emesso sotto la pari) se TRES < tasso cedolare Prezzo di un titolo > 100 (titolo emesso sopra la pari) se TRES tasso cedolare Prezzo di un titolo 100 (titolo emesso alla pari)

30 Le variabili che influenzano il Tres Variabile Impatto sul Motivi Tres prezzo negativo ceteris paribus, l investimento con un prezzo più alto rende di meno cedole positivo a parità di capitale investito, l incremento delle cedole fa crescere il rendimento complessivo valore di rimborso positivo vedi punto 2). Il prezzo di rimborso è un flusso di cassa, come le cedole regime fiscale neutro (riduce, tuttavia, il rendiemnto netto dell investimento) durata negativo ceteris paribus, il titolo con scadenza più lunga recupera più lentamente il capitale investito reinvest. capitale positivo ceteris paribus, maggiore è il tasso di reinvestimento, più alto è il rendimento

31 Il Tres e la curva dei rendimenti Ipotesi del Tres Nella realtà... Motivi La curva dei rendimenti è piatta La curva è inclinata (crescente o decrescente) Titoli con scadenze differenti hanno diversi rendimenti La curva dei rendimenti non muta nel tempo La curva oscilla al variare del tempo I rendimenti richiesti variano nel corso del tempo

32 La relazione prezzo-rendimento: basic facts è una relazione inversa: il prezzo delle obbligazioni a reddito fisso (BtP) si muove inversamente rispetto al rendimento; dipende dalla durata: la variazione del prezzo dei bonds è proporzionale alla durata La stessa variazione dei tassi di rendimento provoca una variazione nel prezzo tanto maggiore quanto la scadenza del titolo è più lunga; dipende dal peso e dalla frequenza delle cedole: a parità di durata, una stessa variazione dei tassi determina una variazione di prezzo maggiore nei titoli senza cedola (ZCB), a cedola più bassa oppure con cedola meno frequente (cedola annuale anziché semestrale) è una relazione asimmetrica in quanto convessa: una variazione dei tassi di identico ammontare, ma di segno opposto, determina una variazione dei prezzi percentualmente non identica. In particolare, il prezzo cresce in seguito alla discesa dei tassi più di quanto rilevato dalla relazione lineare; e decresce a causa di una variazione in crescita del rendimento di mercato meno di quanto segnalato dalla retta. Nell esame della duration modificata e della convessità, viene approfondita la non linearità della relazione prezzo-rendimento.

33 Ma qual è il titolo più volatile? Se un investitore desiderasse acquistare un titolo a reddito fisso non molto rischioso, potrebbe aprire le pagine economiche di un quotidiano e, nella sezione dedicata al MOT, esaminare le caratteristiche dei titoli: titolo durata frequenza tasso cedolare quotaz. tres BTP Feb 99/04 3 annuale 1,62 95,69 4,14% BTP Mag 98/09 8 semestrale 2,25 96,80 4,45% I dati segnati in rosso, indicano che per quella determinata caratteristica il titolo è più volatile. Ma qual è il titolo più volatile? Per dare una risposta, è necessario introdurre il concetto di DURATION, ovvero un indicatore che offra una rappresentazione sintetica della rischiosità di un titolo obbligazionario.

34 Gli indicatori di rischio delle obbligazioni

35 Gli indicatori di rischio Nella scelta di un investimento uno dei fattori più importanti da considerare è il rischio, ovvero la possibilità che i rendimenti di fine periodo (rendimenti ex-post) siano diversi da quelli inizialmente attesi. Il rischio misura così la variabilità dei rendimenti. In particolare, un investimento è molto (poco) rischioso se, a fronte di una data variazione del rendimento, si ha una grande (piccola) variazione del prezzo o del valore dell investimento. Le tipologie di rischio presenti nelle obbligazioni sono due: il rischio prezzo: dal momento che l andamento dei corsi obbligazionari è inversamente correlato all andamento dei tassi, una variazione positiva nei tassi di mercato può determinare perdite in conto capitale. Il rischio prezzo tende a ridursi con l avvicinarsi della scadenza del titolo; il rischio reinvestimento: se i tassi di mercato scendono, il reinvestimento delle cedole avviene a un tasso inferiore a quello previsto. Pertanto, il rendimento complessivo dell investimento (che considera anche gli interessi sugli interessi) è inferiore a quello inizialmente atteso. Tra i principali indicatori di rischio si segnalano: la duration; la duration modificata; la convessità.

36 Definizione La duration (o Macaulay duration) misura la sensibilità delle variazioni del prezzo di un titolo alle variazioni dei tassi di interesse di mercato. Quale misura approssimata dell esposizione al rischio di interesse, consente di determinare la variazione nel valore di un attività finanziaria a reddito fisso in seguito a una variazione nei tassi di interesse. Costituisce l approssimazione lineare della relazione prezzo/rendimenti. è la durata media finanziaria di un titolo, calcolata come media delle scadenze dei flussi di cassa (cedole e valore di rimborso) di un titolo. Più precisamente, è la media aritmetica dei flussi di cassa associati a un titolo (cedole + valore rimborso) ponderata per il prezzo tel-quel del titolo in termini matematici, la duration è la derivata prima del prezzo rispetto al tasso è inversamente correlata al TRES la duration di uno ZCB è pari alla vita residua del titolo un portafoglio di titoli perfettamente immunizzato (cioè non esposto ai rischi di Formula variazioni dei tassi) presenta una duration nulla Duration n tct nv t + ( t + r ) ( + r ) P n dove: t tempo a scadenza delle cedol C t cedole al tempo t n scadenza del titolo V valore di rimborso P prezzo tel quel

37 Macaulay duration: una semplice dimostrazione Come noto, il prezzo di un titolo obbligazionario è dato dal valore attuale dei flussi di cassa futuri: Facendo la derivata prima del prezzo rispetto al tasso di rendimento r, si ha: Dividendo entrambi i membri dell uguaglianza per P, si ottiene: dp P 1 D + r r Per memoria: DM 1 D + r D dp r * 1 + r P

38 La duration La duration di un obbligazione misura la pendenza della relazione tra i prezzi delle obbligazioni e i tassi di interesse D dp dr ( 1 + P r ) Prezzo del titolo % 9% 10% 11% 12% 13% 14% 15% 16% 17% 18% Tasso di rendimento

39 La duration: un semplice esempio Sia data un obbligazione a reddito fisso con scadenza fra cinque anni; tasso cedolare fisso pari al 10%; prezzo di emissione alla pari; valore di rimborso 100. Calcolare all emissione il TRES Determinare la Duration Calcolo del Tres Dal momento che il titolo è stato emesso alla pari, il TRES è uguale al tasso cedolare e, quindi, è pari al 10%. Calcolo della Duration n tct nv t + ( n t + r ) ( + r ) Duration P ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) (4 anni, 2 417, mesi, 1,5 gg) NOTA BENE: Per un approfondimento sul calcolo della duration e della duration modificata, si vedano le esercitazioni contenute nell allegato Tempo & Denaro e quelle contenute

40 Definizione La duration modificata è una stima della variazione percentuale del prezzo di un titolo in corrispondenza di una determinata variazione del rendimento. E così una misura di sensibilità. il suo valore, calcolato per il livello corrente del rendimento effettivo, fornisce un approssimazione lineare della variazione del prezzo Formula dividendo il valore della duration per (1+r), dove r è il Tres del titolo si ottiene la volatilità, ovvero la variazione % del prezzo a fronte di una variazione del rendimento dp P 1 D + r r D mod La duration modificata di un portafoglio di titoli D D mod ificata portafoglio D ( 1 + TRES ) n V i V D i 417, ( 1+ 01, ) Duration ( 1 + r ) r tasso di rendimento effettivo a scadenza (TRES) La duration modificata del titolo precedentemente esaminato è così uguale a : 379, dove: V i /V peso del titolo i-esimo sul valore complessivo del portafoglio

41 Cosa determina la volatilità di un titolo? Come più volte accennato, esiste una correlazione inversa fra andamento dei tassi e andamento dei prezzi dei titoli (cosiddetta volatilità di un titolo). La più alta o più bassa duration e, di conseguenza, la maggiore o minore volatilità di un titolo è determinata da tre fattori: a) l importo della cedola: maggiore è l importo della cedola, minore è la duration del titolo e, quindi, più bassa è la sua volatilità. Se il titolo triennale dell esempio sopra riportato avesse un tasso nominale cedolare del 10% anziché del 5%, la sua duration sarebbe più bassa; b) la vita residua del titolo: generalmente la relazione tra volatilità e scadenza del titolo è diretta, ovvero più lunga è la scadenza dell obbligazione, maggiore è la sua volatilità. Dal momento che la duration aumenta all allungarsi del tempo alla scadenza, ne deriva che i titoli a lungo termine sono più volatili e rischiosi dei titoli a breve termine: il rendimento richiesto dagli investitori è così tanto più elevato quanto più lunga è la scadenza del titolo; c) il rendimento a scadenza: la volatilità è inversamente correlata al tasso di rendimento a scadenza del titolo, ovvero più alto è il rendimento a scadenza, minore è la duration. A parità di importo della cedola e di scadenza, i titoli con più alti rendimenti a scadenza sono così meno sensibili a variazioni dei tassi.

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Le metodologie alternative al VAN

Le metodologie alternative al VAN Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1-2 Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli