Le obbligazioni Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le obbligazioni Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo"

Transcript

1 Economia del mercato mobiliare e finanziamenti di aziende Le obbligazioni Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo

2 La tipologia delle obbligazioni

3 Definizione Gli strumenti di debito: le obbligazioni titoli di credito, normalmente al portatore, che rappresentano una quota di debito contratto dalla società o dall ente emittente. L accordo obbliga l emittente a effettuare dei pagamenti - di entità specificata - a determinate date future. Caratteristiche sono nominativi o al portatore; non conferiscono al titolare alcun diritto amministrativo, ma alcuni diritti economici certezza e ammontare dei flussi generati dalle obbligazioni vita limitata (le obbligazioni hanno una scadenza massima prefissata) Tipico esempio: un titolo di valore nominale di con scadenza 1/1/2001 e tasso cedolare del 7% pagabile il 1/1 e il 1/7 assicura al sottoscrittore i seguenti flussi: pagamento di cedole pari a L complessive per anno pagamento del valore di rimborso pari al valore nominale del titolo alla data di scadenza (1/1/2001)

4 L'art.2410 del Codice Civile disciplina i limiti all'emissione di prestiti obbligazionari da parte delle imprese: Limiti all emissione

5 La classificazione delle obbligazioni

6 La classificazione delle obbligazioni Emittente titoli di Stato enti pubblici imprese Durata a breve (12 mesi) a medio (da 1 a 5 anni) a lungo (fino 30 anni) Quotazione mercato ufficiale (MOT) non quotate Rilevazione del prezzo corso secco corso tel-quel Indicizzazione a tasso fisso a tasso variabile Tipologia obbligazioni obbligazioni convertibili, cum warrant zero coupon bond (ZCB) Nazionalità titoli italiani titoli esteri emessi in Italia (eurobbligazioni titoli italiani emessi all estero Rating AAA: merito di credito più elevato B: investimento speculativo C-CCC: investimento fortemente speculativo, talvolta con insolvenza Modalità di rimborso unica soluzione a scadenza estrazione a sorte piano di ammortamento italiano (quote capitale costanti), francese (rate costanti), libero

7 Il significato del rating Investment grade S&P Moody's Titoli di prima qualità: AAA Aaa altamente sicuri AA+ Aa1 (Gilt edge - higly safe) Categoria molto elevata: molto sicuri (Very high grade - very safe) Categoria di fascia medio alta (Upper medium grade) Categoria di fascia medio bassa: titoli piuttosto speculativi (Lower medium grade - quite speculative) AA AA- A+ A A- BBB+ BBB BBB- Aa2 Aa3 A1 A2 A3 Baa1 Baa2 Baa3 Non investment grade S&P Moody's BB+ Ba1 Categoria bassa: BB Ba2 titoli speculativi BB- Ba3 (Low grade - speculative) B+ Ba3 Titoli molto speculativi (Very speculative) Titoli altamente speculativi (Highly speculativee) In condizioni difficili: rischiosi (In poor standing - risky) Possibilità di fallimento del debitore: molto rischiosi (Possibility of being in default - very risky) Estremamente rischiosi (Extremely risky) B B- CCC+ CCC CCC- CC C B2 B3 Caa Ca C

8 I tipi di obbligazioni Titolo Caratteristiche principali Per l'investitore Obbligazioni ordinarie Rimborso del capitale a scadenza Cedola fissa Garantiscono un rendimento periodico certo Obbligazioni indicizzate Rendimento o prezzo di rimborso ancorati ad un indice (parametro di indicizzazione) Permettono di beneficiare di variazioni positive dei tassi, non tutelano di fronte a possibili diminuzioni degli stessi Obbligazioni in valuta Rimborso del capitale a scadenza Cedola fissa o variabile Clausola di rimborso anticipato Permettono di beneficiare di eventuali favorevoli evoluzioni dei tassi di cambio Obbligazioni convertibili Obbligazioni cum warrant

9 Le obbligazioni convertibili Definizione conferiscono la facoltà di convertire, in un determinato periodo di tempo (periodo di conversione) e secondo un rapporto di conversione predeterminato (rapporto di concambio), le obbligazioni in azioni della società emittente dette azioni di compendio (conversione diretta) o di altra società (conversione indiretta). Nel momento in cui le obbligazioni sono convertite, il debito obbligazionario, per la quota corrispondente, si estingue. Nell'ipotesi di conversione diretta, la società emittente registra un incremento del capitale sociale. Vantaggi per l investitore L'obbligazione convertibile permette al creditore, a fronte di una cedola più bassa, di farsi consegnare un numero prefissato di azioni invece di ricevere un rimborso in linea capitale

10 Definizione: Caratteristiche principali Le obbligazioni cum warrant strumento finanziario costituito da una cedola che dà diritto al portatore di sottoscrivere azioni di compendio a un prezzo stabilito entro un determinato periodo di tempo. Vengono in genere emessi dalle società che prevedono di dover aumentare il capitale a una data futura oppure vogliono reperire nuove risorse finanziarie, utilizzando azioni proprie già in portafoglio. Il titolo obbligazionario si accompagna ad un'opzione su una quantità prestabilita di titoli Nel warrant vengono definiti prezzo e periodo di esercizio dell'opzione Il warrant gode di vita autonoma, ovvero è staccato dall'obbligazione e negoziabile separatamente Il warrant è di tipo americano, se la facoltà di acquisto è esercitabile entro una data prefissata, o europeo, se l'opzione può essere esercitata esclusivamente in una specifica data Vantaggi per l investitore L'obbligazione con warrant consente al creditore di partecipare ad eventuali guadagni in conto capitale o di negoziare il warrant separatamente dal titolo obbligazionario

11 Altri tipi di obbligazioni Titolo Caratteristiche principali Per l'investitore Obbligazioni dual currency Denominate in valuta estera Prevedono in genere un tasso Cedole nella valuta di emissione di interesse elevato L emittente sceglie la valuta del rimborso Obbligazioni drop lock Obbligazioni reverse convertible Obbligazioni a rata costante e durata variabile Obbligazioni a tasso variabile convertibili in obbligazioni a tasso fisso Esiste una soglia minima di rendimento oltre cui scatta la conversione Obbligazioni a bt (6 mesi-2 anni) Offrono cedole più elevate dei TdS Funzionano in maniera speculare alle obblig. convertibili tradizionali Cedole indicizzate e rata costante Durata variabile Rimborso periodico contestuale al pagamento degli interessi La durata del titolo è: Maggiore se i Consentono di godere di eventuali aumenti dei tassi coprendo al contempo dal rischio di una loro eccessiva discesa A fronte di una cedola elevata, l obbligazionista accetta il rischio di vedersi consegnare un nr. prefissato d azioni invece del rimborso in c/capitale qualora il prezzo di mercat dell'azione sia inferiore al valore prefissato In caso di aumento dei tassi, il titolo garantisce al sottoscrittore alta redditività ma un rimborso di capitale molto dilazionato nel tempo. In caso di riduzione dei tassi, minore redditività ma più veloce restituzione

12 I principali Titoli di Stato Titolo BoT BTp CcT CTz Anno di creazione Durata attuale 2,3,6,12 mesi 3,5,10,30 anni 7 anni 2 anni Tasso Fisso Fisso Variabile Fisso Periodicità cedola Zero coupon Semestrale Semestrale Zero Coupon Rimborso Alla pari Alla pari* Alla pari* Alla pari* Sistema collocam. Asta competitiva sul prezzo senza prezzo base Asta marginale sul prezzo senza prezzo base Asta marginale sul prezzo senza prezzo base Asta marginale sul prezzo senza prezzo base Momento emiss. Metà e fine Inizio e metà Inizio e metà Variabile mese mese mese Taglio minimo Forma giuridica Al portatore Al portatore o Al portatore Al portatore nominativi Corso Tel-quel Corso secco Corso secco Tel-quel Ritenuta fiscale 12,5% sugli interessi (anticipata) 12,5% sulla cedola e sullo scarto 12,5% sulla cedola e sullo scarto 12,5% sullo scarto di emissione * Il rimborso avviene alla pari detratta la ritenuta sullo scarto di emissione per i titoli tassati Fonte: A. Ferrari, A. Landi, P. Vezzani

13 Il prezzo e il rendimento delle obbligazioni

14 Prezzo Caratteristiche di un obbligazione somma dei valori attuali delle cedole future e del valore di rimborso Rendimento misura l incremento di valore, passato e futuro, del capitale iniziale investito in un operazione finanziaria in relazione alla durata temporale il tasso di rendimento consente confronti tra titoli diversi tassi di rendimento semplici e composti tassi di rendimento immediato tasso di rendimento effettivo a scadenza Rischio Vita misura la variabilità del valore e del prezzo di reinvestimento rischio prezzo rischio di reinvestimento le variabili sopra elencate sono correlate alla vita residua del titolo

15 Valore attuale di un titolo privo di cedola Per calcolare il valore attuale di uno ZCB occorre conoscere: a) il tasso di mercato per titoli con una determinata scadenza; b) il prezzo di rimborso; c) la durata dell investimento. Si consideri lo zero coupon del valore nominale di Euro con scadenza fra tre anni. Il tasso di mercato per investimenti simili è del 12,62%. Pertanto, i dati che si conoscono sono: t n t 0 numero di periodi 3 0 r n tasso di mercato al tempo 0 per la durata n 12,62% VR valore di rimborso 100 P o valore attuale? In base a questi elementi, si può stabilire la relazione fra prezzo e valore di rimborso utilizzando il fattore di sconto: P VR (1 + r ) ( , n 3 ) 70 NOTA BENE: Per un approfondimento sul calcolo del prezzo di uno ZCB, si vedano le esercitazioni contenute nell allegato Tempo & Denaro nonché gli esempi contenuti nell allegato Esercizi.

16 Il rendimento degli Zero Coupon Bond (ZCB) Gli ZCB sono titoli privi di cedola. Il rendimento degli ZCB (come quello dei BoT) è dato interamente dallo scarto fra il prezzo di acquisto e il valore di rimborso o di smobilizzo nel caso di vendita prima della scadenza. Per calcolare il rendimento di uno ZCB occorre conoscere: a) il prezzo di acquisto; b) il prezzo di rimborso; c) la durata dell investimento. Conoscendo questi tre dati il calcolo è davvero semplice. Partiamo dal caso più semplice: Uno zero coupon del valore nominale di Euro con scadenza fra tre anni, il cui prezzo di oggi è di Euro. Per prima cosa, si ricostruisce il profilo finanziario dell investimento che, nel semplice caso di un titolo senza cedola, è composto da due soli flussi: Euro di spesa oggi e una entrata di Euro fra tre anni. Pertanto, utilizzando le formule presentate nella sessione precedente: Rendimento semplice Rendimento r s r c M C M C ,2% t t ,62%

17 La relazione prezzo-rendimento negli ZCB Si considerino tre zero-coupon bonds, con le seguenti caratteristiche: valore nominale: VR100 tasso di rendimento: r10%, composto annualment ZCB 1 ZCB 2 ZCB 3 Tempo / Valore ZC 10% $90,91 $75,13 $62, Si supponga che i tassi scendano al 9%, o crescano all 11%. Come reagiscono i prezz Se i rendimenti diminuiscono i prezzi salgono, e viceversa. Rend ZCB 1 ZCB 2 ZCB 3 1 anno 3 anni 5 anni 10% $90,91 $75,13 $62,09 9% $91,74 $77,22 $64,99 % var 0,91% 2,70% 4,46% 11% $90,09 $73,12 $59,35 %var -0,91% -2,75% -4,63% I prezzi variano maggiormente nei titoli con scadenze maggiori

18 La valutazione di un titolo con cedola? Qual è il prezzo di mercato di un BTp che ha un tasso cedolare del 9% con godimento semestrale, un valore nominale di e scade tra 10 anni se il tasso di rendimento richiesto è del 10% (liquidabile semestralmente)? Mesi Flussi di cassa 0,0 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 104,5 E come se si avessero tanti ZCB con valore di rimborso e scadenza corrispondenti a quelle di ogni singolo flusso di cassa Si attualizzano i diversi flussi a un fattore di sconto pari a: (1+r/m) -n (1+0,1/2) -n dove: r tasso rendimento (TRES) m nr. pagamenti per anno n nr. di periodi Mesi Flussi di cassa 0,0 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 4,5 104,5 Fattore di sconto 100,0% 95,7% 91,6% 87,6% 83,9% 80,2% 76,8% 73,5% 70,3% 67,3% 64,4% VA flussi di cassa - 4,3 4,1 3,9 3,8 3,6 3,5 3,3 3,2 3,0 67,3 Flussi di cassa cumulati - 4,3 8,4 12,4 16,1 19,8 23,2 26,5 29,7 32,7 100,0 VAN (Prezzo del titolo) 100,0

19 Il valore attuale di un titolo con cedola In regime di capitalizzazione composta il valore attuale è dato da: V dove: t1 V V t to valore attuale o n V t1 valore futuro P j t T ( 1 + i ) Valore attuale netto di un titolo (prezzo di un titolo): il prezzo di un titolo deve essere uguale al valore attuale dei flussi di cassa futuri del titolo, in base al tasso di interesse corrente sul mercato. I flussi di cassa, per i titoli con cedola (BtP), sono le cedole (semestrali o annuali) e il prezzo di rimborso. Pertanto, il prezzo del titolo deriva dalla seguente equazione: x tj + t 0 ( 1 + i ) ( 1 + V i ) T dove: P j valore attuale del titolo x tj cedole V valore di rimborso i tasso di mercato Valore attuale netto di un titolo (prezzo di un titolo) quando il titolo è acquistato in un momento in cui la cedola è già parzialmente maturata T x C tj V P + C + x 360 t 1 t 360 ( 1 i ) + ( 1 + i ) x T 360

20 Il valore attuale di un titolo con cedola: esempio BTP Prezzo di rimborso 100 Tasso di interesse cedolare 10% Cedole nominali 10 Scadenza (in anni) 5 Anno F att 1 (1+ i) n Flussi di cassa Fattore di attualizzazione 100% 91% 83% 75% 68% 62% VA del pagamento VA di tutti i pagamenti 100 P Se il titolo venisse acquistato a metà del primo anno (dopo 180 giorni dallo stacco della prima cedola)? + P T x + C (1 + i) (1 + i) C tj x t 1 t T 360 (1 i ) (1 + i ) (1 + i) (1 + i) V x (1 + i)

21 Prezzo di un titolo con cedola: corso secco e tel-quel Corso secco: comprende il solo valore capitale, escluso cioè il rateo di interessi maturati dalla scadenza dell ultima cedola alla data di valuta dell operazione Corso tel-quel: è dato dalla somma tra corso secco e rateo di interessi maturato RATEO: rettifica del prezzo di un titolo che rende equa la quota di interessi spettanti alle due controparti. In altri termini, è la quota di interessi proporzionale al periodo di detenzione, compreso fra due date di stacco cedola consecutive Elementi per il calcolo di un rateo: livello della cedola numero di giorni che compongono il periodo numero di giorni tra ultima cedola staccata e data dell operazione aliquota fiscale applicabile

22 Il calcolo del rateo ESEMPIO: BTP scadenza 01/03/2001 Cedola 12,5% annuo liquidabile semestralmente Aliquota fiscale 12,5% Data di negoziazione: 17/06/1998 Calcolo del rateo lordo: Determinazione della cedola lorda: (12,5% / 2) 6,25% Calcolo dei giorni (periodo che intercorre tra data ultima cedola staccata e data dell operazione): Marzo 30 Aprile 30 Maggio 30 Giugno 30 Totale 107 Rateo 6,25% x (107/180) 3,71 Calcolo del rateo netto (si considera l aliquota fiscale): Determinazione della cedola netta: [(12,5% * (1-0,125)] / 2 5,46% Calcolo dei giorni (periodo che intercorre tra data ultima cedola staccata e data dell operazione): Marzo 30 Aprile 30 Maggio 30 Giugno 30 Totale 107 Rateo 5,46% * (107/180) 3,24

23 Tassi di rendimento Uno degli elementi caratteristici delle obbligazioni è il rendimento, ovvero quel tasso che misura l incremento di valore, passato (rendimento ex-post) e futuro (rendimento ex-ante), del capitale iniziale investito in un operazione finanziaria in relazione alla durata temporale Nei mercati obbligazionari i tassi sono un modo alternativo di esprimere i prezzi di mercato. Il tasso di rendimento non è l unico elemento di valutazione di un titolo, ma consente di sintetizzare la maggior parte delle informazioni oggettive su un titolo consentendo così il confronti tra valori mobiliari che presentano caratteristiche differenti. Vi sono diverse modalità di definizione e di calcolo dei tassi di rendimento. Tra i principali, si segnalano: tassi di rendimento semplici e composti (precedentemente esaminati) tasso di rendimento effettivo a scadenza tasso di rendimento immediato

24 Il tasso di rendimento immediato Il tasso di rendimento immediato (TRI) è il rapporto tra il rendimento nominale (che corrisponde al valore delle cedole distribuite dato 100 il valore nominale) e il prezzo di mercato (o di emissione se il titolo è stato appena emesso). E un tasso incompleto perché non considera il differenziale tra prezzo corrente (o quello di emissione) e il prezzo di rimborso. Calcolo del TRI di un titolo con cedola annuale TRI lordo Cedolalorda Corsosec co TRI netto Cedolanetta Corsosecco Cedolalorda( 1 t) Corsosec co Esempio: BtP scadenza 1/10/2000 Cedola annuale 8% Prezzo di mercato (corso secco) 102 8% 008, 8%(1 t ) 0, 08 0, 875 TRI lordo 100 7, 84% TRI netto 100 6, 86% Calcolo del TRI di un titolo con cedola infrannuale n Cedola n annua Cedola periodicalorda TRI n lordo Corsosec co Corsosec co Esempio: BtP scad. 1/10/2000 Cedola annuale 8% liquid. semestralmente P mkt (corso secco) 102 TRI lordo n 102 n , 99% TRI 1 netto ( t ) 1 6, 98% 102

25 Tasso di rendimento effettivo a scadenza (TRES) Nelle obbligazioni, il TIR corrisponde al tasso di rendimento effettivo a scadenza (TRES ed è quel tasso che rende il prezzo tel quel del titolo uguale alla somma dei valori attuali delle cedole future e del rimborso del capitale. P n FC t ( 1 + TRES ) t 1 t dove: P prezzo equo del titolo FC t flussi di cassa al tempo t TRES tasso di rendimento effettivo a scadenza BTP scadenza 5 anni Prezzo di rimborso 100 Tasso di interesse cedolare 10% Prezzo di acquisto 98 Cedole nominali 10 Anno Flussi di cassa Fattore di attualizzazione 100% 91% 83% 75% 68% 62% VA del pagamento TIR (TRES) 10,53% Il TRES è così quel fattore di sconto che rende equivalente il prezzo di mercato del titolo al valore attuale netto dei flussi di cassa futuri rappresentati dalle cedole e dal valore di rimborso.

26 Le componenti di reddito del TRES Interessi reddito derivante dalle cedole incassate nel corso del periodo che intercorre tra la data di acquisto e la scadenza del titolo Capitale reddito derivante dalla differenza tra valore di rimborso e prezzo di acquisto, nel caso il titolo sia detenuto fino alla scadenza Interessi sugli interessi reddito derivante dal reinvestimento delle cedole nel periodo che intercorre tra l acquisto e il rimborso del titolo n nc ( 1+ r) 1 + P n [ C( 1+ r)] 1 nc r + P ( V P) P dove: r tasso di rendimento; C cedola; n nr. cedole; P prezzo di acquisto; V prezzo di rimborso

27 Peso sul rendimento complessivo Le componenti di reddito del TRES: un esempio BTP scadenza 5 anni Prezzo di rimborso 100 Tasso di interesse cedolare 10% Prezzo di acquisto 98 Cedole nominali 10 Anno Flussi di cassa Fattore di attualizzazione 100% 91% 83% 75% 68% 62% VA del pagamento TIR (TRES) 10,53% Cedole nc P , % 78,5% IntsuCed n [ C(1 + r)] r P 1 nc [10(1 + 0,1053)] 0, x10 0,12 12% 18,4% CG VR P P ,02 2 % 3,1% (1 + r) n 1 (1 + 0,1053) 5 1 0,51+ 0,12 + 0,02 0,65 65%

28 Il reinvestimento delle cedole Nota Bene: Nel calcolo del TRES si ipotizza implicitamente che si possano reinvestire le cedole intermedie a un tasso uguale al TRES medesimo. Per esempio, nel caso di un titolo con cedola annua del 10% e scadenza fra 5 anni, si ipotizza che le cedole maturate vengano reinvestite a un tasso annuo del 10%. Pertanto, il rendimento di questo investimento quinquennale è il 10%, se il montante dopo cinque anni è uguale a: Si ipotizzi di reinvestire le cedole non al 10%, bensì in un deposito a vista al tasso del 5%. BTP Valore nominale 100 Prezzo di rimborso 100 Cedola nominale 10 Vita residua 5 Interessi deposito 5% M C(1+ i) 5 100(1.1) 5 161,05 t Capitale Cedole Interessi su deposito Totale (cedole incassate + interessi maturati) ,000 10, ,500 10, ,025 11, ,576 11, ,155 12,155 Totale , ,256 Il rendimento di periodo (5 anni) è del 55,25%. Il tasso equivalente annuo è uguale a: i 5 s n 1 + i p ,25% 9,17 % ertanto, il reinvestimento delle cedole a un determinato tasso fisso è un ipotesi forte del Tir ne rappresenta uno dei limiti maggiori.

29 Vantaggi e limiti del Tres Vantaggi del TRES 1. è un indicatore di redditività diffuso 2. considera tutte le componenti di reddito rilevanti Esercizi sul calcolo del TRES Limiti del TRES 1. utilizza lo stesso tasso per attualizzare flussi con scadenze diverse 2. ipotizza che le cedole maturate vengano reinvestite sempre a un unico tasso uguale al Tres Quale è il TRES di un BTP quinquennale acquistato alla pari di valore nominale pari a 100 milioni con cedola annua del 10%? E se il titolo venisse acquistato sotto la pari, per esempio a 98, quale sarebbe il suo TRES? Il TRES coincide con il tasso di mercato? Se sì,in quale caso? La relazione tra prezzo di un obbligazione e TRES è inversa: al crescere dell uno decresce l altro e viceversa. In particolare, se: se TRES > tasso cedolare Prezzo di un titolo < 100 (titolo emesso sotto la pari) se TRES < tasso cedolare Prezzo di un titolo > 100 (titolo emesso sopra la pari) se TRES tasso cedolare Prezzo di un titolo 100 (titolo emesso alla pari)

30 Le variabili che influenzano il Tres Variabile Impatto sul Motivi Tres prezzo negativo ceteris paribus, l investimento con un prezzo più alto rende di meno cedole positivo a parità di capitale investito, l incremento delle cedole fa crescere il rendimento complessivo valore di rimborso positivo vedi punto 2). Il prezzo di rimborso è un flusso di cassa, come le cedole regime fiscale neutro (riduce, tuttavia, il rendiemnto netto dell investimento) durata negativo ceteris paribus, il titolo con scadenza più lunga recupera più lentamente il capitale investito reinvest. capitale positivo ceteris paribus, maggiore è il tasso di reinvestimento, più alto è il rendimento

31 Il Tres e la curva dei rendimenti Ipotesi del Tres Nella realtà... Motivi La curva dei rendimenti è piatta La curva è inclinata (crescente o decrescente) Titoli con scadenze differenti hanno diversi rendimenti La curva dei rendimenti non muta nel tempo La curva oscilla al variare del tempo I rendimenti richiesti variano nel corso del tempo

32 La relazione prezzo-rendimento: basic facts è una relazione inversa: il prezzo delle obbligazioni a reddito fisso (BtP) si muove inversamente rispetto al rendimento; dipende dalla durata: la variazione del prezzo dei bonds è proporzionale alla durata La stessa variazione dei tassi di rendimento provoca una variazione nel prezzo tanto maggiore quanto la scadenza del titolo è più lunga; dipende dal peso e dalla frequenza delle cedole: a parità di durata, una stessa variazione dei tassi determina una variazione di prezzo maggiore nei titoli senza cedola (ZCB), a cedola più bassa oppure con cedola meno frequente (cedola annuale anziché semestrale) è una relazione asimmetrica in quanto convessa: una variazione dei tassi di identico ammontare, ma di segno opposto, determina una variazione dei prezzi percentualmente non identica. In particolare, il prezzo cresce in seguito alla discesa dei tassi più di quanto rilevato dalla relazione lineare; e decresce a causa di una variazione in crescita del rendimento di mercato meno di quanto segnalato dalla retta. Nell esame della duration modificata e della convessità, viene approfondita la non linearità della relazione prezzo-rendimento.

33 Ma qual è il titolo più volatile? Se un investitore desiderasse acquistare un titolo a reddito fisso non molto rischioso, potrebbe aprire le pagine economiche di un quotidiano e, nella sezione dedicata al MOT, esaminare le caratteristiche dei titoli: titolo durata frequenza tasso cedolare quotaz. tres BTP Feb 99/04 3 annuale 1,62 95,69 4,14% BTP Mag 98/09 8 semestrale 2,25 96,80 4,45% I dati segnati in rosso, indicano che per quella determinata caratteristica il titolo è più volatile. Ma qual è il titolo più volatile? Per dare una risposta, è necessario introdurre il concetto di DURATION, ovvero un indicatore che offra una rappresentazione sintetica della rischiosità di un titolo obbligazionario.

34 Gli indicatori di rischio delle obbligazioni

35 Gli indicatori di rischio Nella scelta di un investimento uno dei fattori più importanti da considerare è il rischio, ovvero la possibilità che i rendimenti di fine periodo (rendimenti ex-post) siano diversi da quelli inizialmente attesi. Il rischio misura così la variabilità dei rendimenti. In particolare, un investimento è molto (poco) rischioso se, a fronte di una data variazione del rendimento, si ha una grande (piccola) variazione del prezzo o del valore dell investimento. Le tipologie di rischio presenti nelle obbligazioni sono due: il rischio prezzo: dal momento che l andamento dei corsi obbligazionari è inversamente correlato all andamento dei tassi, una variazione positiva nei tassi di mercato può determinare perdite in conto capitale. Il rischio prezzo tende a ridursi con l avvicinarsi della scadenza del titolo; il rischio reinvestimento: se i tassi di mercato scendono, il reinvestimento delle cedole avviene a un tasso inferiore a quello previsto. Pertanto, il rendimento complessivo dell investimento (che considera anche gli interessi sugli interessi) è inferiore a quello inizialmente atteso. Tra i principali indicatori di rischio si segnalano: la duration; la duration modificata; la convessità.

36 Definizione La duration (o Macaulay duration) misura la sensibilità delle variazioni del prezzo di un titolo alle variazioni dei tassi di interesse di mercato. Quale misura approssimata dell esposizione al rischio di interesse, consente di determinare la variazione nel valore di un attività finanziaria a reddito fisso in seguito a una variazione nei tassi di interesse. Costituisce l approssimazione lineare della relazione prezzo/rendimenti. è la durata media finanziaria di un titolo, calcolata come media delle scadenze dei flussi di cassa (cedole e valore di rimborso) di un titolo. Più precisamente, è la media aritmetica dei flussi di cassa associati a un titolo (cedole + valore rimborso) ponderata per il prezzo tel-quel del titolo in termini matematici, la duration è la derivata prima del prezzo rispetto al tasso è inversamente correlata al TRES la duration di uno ZCB è pari alla vita residua del titolo un portafoglio di titoli perfettamente immunizzato (cioè non esposto ai rischi di Formula variazioni dei tassi) presenta una duration nulla Duration n tct nv t + ( t + r ) ( + r ) P n dove: t tempo a scadenza delle cedol C t cedole al tempo t n scadenza del titolo V valore di rimborso P prezzo tel quel

37 Macaulay duration: una semplice dimostrazione Come noto, il prezzo di un titolo obbligazionario è dato dal valore attuale dei flussi di cassa futuri: Facendo la derivata prima del prezzo rispetto al tasso di rendimento r, si ha: Dividendo entrambi i membri dell uguaglianza per P, si ottiene: dp P 1 D + r r Per memoria: DM 1 D + r D dp r * 1 + r P

38 La duration La duration di un obbligazione misura la pendenza della relazione tra i prezzi delle obbligazioni e i tassi di interesse D dp dr ( 1 + P r ) Prezzo del titolo % 9% 10% 11% 12% 13% 14% 15% 16% 17% 18% Tasso di rendimento

39 La duration: un semplice esempio Sia data un obbligazione a reddito fisso con scadenza fra cinque anni; tasso cedolare fisso pari al 10%; prezzo di emissione alla pari; valore di rimborso 100. Calcolare all emissione il TRES Determinare la Duration Calcolo del Tres Dal momento che il titolo è stato emesso alla pari, il TRES è uguale al tasso cedolare e, quindi, è pari al 10%. Calcolo della Duration n tct nv t + ( n t + r ) ( + r ) Duration P ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) (4 anni, 2 417, mesi, 1,5 gg) NOTA BENE: Per un approfondimento sul calcolo della duration e della duration modificata, si vedano le esercitazioni contenute nell allegato Tempo & Denaro e quelle contenute

40 Definizione La duration modificata è una stima della variazione percentuale del prezzo di un titolo in corrispondenza di una determinata variazione del rendimento. E così una misura di sensibilità. il suo valore, calcolato per il livello corrente del rendimento effettivo, fornisce un approssimazione lineare della variazione del prezzo Formula dividendo il valore della duration per (1+r), dove r è il Tres del titolo si ottiene la volatilità, ovvero la variazione % del prezzo a fronte di una variazione del rendimento dp P 1 D + r r D mod La duration modificata di un portafoglio di titoli D D mod ificata portafoglio D ( 1 + TRES ) n V i V D i 417, ( 1+ 01, ) Duration ( 1 + r ) r tasso di rendimento effettivo a scadenza (TRES) La duration modificata del titolo precedentemente esaminato è così uguale a : 379, dove: V i /V peso del titolo i-esimo sul valore complessivo del portafoglio

41 Cosa determina la volatilità di un titolo? Come più volte accennato, esiste una correlazione inversa fra andamento dei tassi e andamento dei prezzi dei titoli (cosiddetta volatilità di un titolo). La più alta o più bassa duration e, di conseguenza, la maggiore o minore volatilità di un titolo è determinata da tre fattori: a) l importo della cedola: maggiore è l importo della cedola, minore è la duration del titolo e, quindi, più bassa è la sua volatilità. Se il titolo triennale dell esempio sopra riportato avesse un tasso nominale cedolare del 10% anziché del 5%, la sua duration sarebbe più bassa; b) la vita residua del titolo: generalmente la relazione tra volatilità e scadenza del titolo è diretta, ovvero più lunga è la scadenza dell obbligazione, maggiore è la sua volatilità. Dal momento che la duration aumenta all allungarsi del tempo alla scadenza, ne deriva che i titoli a lungo termine sono più volatili e rischiosi dei titoli a breve termine: il rendimento richiesto dagli investitori è così tanto più elevato quanto più lunga è la scadenza del titolo; c) il rendimento a scadenza: la volatilità è inversamente correlata al tasso di rendimento a scadenza del titolo, ovvero più alto è il rendimento a scadenza, minore è la duration. A parità di importo della cedola e di scadenza, i titoli con più alti rendimenti a scadenza sono così meno sensibili a variazioni dei tassi.

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari:

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri L investimento in strumenti finanziari

Dettagli

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro)

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) TABELLA 10.1 Titoli di Stato: le caratteristiche principali Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) CTZ (Certificati del Tesoro Zerocoupon) CCT (Certificati di Credito

Dettagli

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali 1 RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali Il mercato dei capitali 2 E costituito dalla incontro tra domanda e offerta di capitali, in esso ha luogo la fissazione del prezzo dei capitali rappresentato

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 10 Contenuti della lezione Valutazione di titoli obbligazionari

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI I TASSI DI INTERESSE TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO ALLA SCADENZA (TRES) O YIELD-TO- MATURITY (YTM) Lezione 3 1 I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE o o Misurazione dei tassi di interesse

Dettagli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli 1. I Tassi di interesse Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Strumenti (in generale) Un titolo rappresenta un diritto sui redditi futuri dell emittente o sulle sue attività Un

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti 1 MODULO 1 1.1 Principali grandezze finanziarie 1. Si consideri una operazione finanziaria di provvista che prevede di ottenere

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO La Cassa di Risparmio di Orvieto, in qualità di Emittente, invita gli investitori a prendere attenta visione della nota informativa, al fine di comprendere i fattori

Dettagli

"OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023"

OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023 "OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Prestiti divisi. 1 I prestiti obbligazionari. 1.1 Introduzione. 1.2 Grandezze fondamentali

Prestiti divisi. 1 I prestiti obbligazionari. 1.1 Introduzione. 1.2 Grandezze fondamentali Prestiti divisi 1 I prestiti obbligazionari 1.1 Introduzione Nell ammortamento di prestiti indivisi (mutui), un unico soggetto (creditore o mutuante) presta denaro ad un unico soggetto debitore (mutuatario).

Dettagli

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le obbligazioni: definizioni e caratteristiche Particolari tipologie di obbligazioni La valutazione delle

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Il Mercato Finanziario Il mercato finanziario è il complesso delle emissioni e delle negoziazioni che hanno come oggetto strumenti

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

I VALORI MOBILIARI I VALORI MOBILIARI I VALORI MOBILIARI CORSI DI RIALLINEAMENTO 19/10/2011

I VALORI MOBILIARI I VALORI MOBILIARI I VALORI MOBILIARI CORSI DI RIALLINEAMENTO 19/10/2011 CORSI DI RIALLINEAMENTO ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 Sono titoli di credito negoziabili e trasferibili emessi da enti pubblici o da società private, che rappresentano crediti fruttiferi in denaro

Dettagli

"BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI"

BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI "BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento finanziario

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

IL MERCATO OBBLIGAZIONARIO

IL MERCATO OBBLIGAZIONARIO IL MERCATO OBBLIGAZIONARIO LE FUNZIONI, GLI STRUMENTI, I PARTECIPANTI, I SISTEMI DI SCAMBIO Capitolo 12 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? La vostra azienda ha bisogno di un nuovo impianto per rispondere

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA CRV

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE A.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo, Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

Dettagli

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI 11.1. Il prestito obbligazionario: aspetti giuridici ed economicoaziendali Il prestito obbligazionario rappresenta una modalità di finanziamento a medio-lungo

Dettagli

Economia del Credito e della Finanza

Economia del Credito e della Finanza Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Economia Economia del Credito e della Finanza Parte II: Mercati Finanziari Docente: Massimo Pinna A.A. 2011/2012 - I semestre Indice Introduzione Prezzi e

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DEL CHIANTI FIORENTINO E MONTERIGGIONI TASSO FISSO CHIANTIBANCA 02.04.2012 2015 3,75% TASSO FISSO SEMESTRALE ISIN IT0004805682 Le presenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU S.C.P.A. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù S.c.p.a.

Dettagli

Soluzioni del Capitolo 5

Soluzioni del Capitolo 5 Soluzioni del Capitolo 5 5. Tizio contrae un prestito di 5.000 al cui rimborso provvede mediante il pagamento di cinque rate annue; le prime quattro rate sono ciascuna di importo.00. Determinare l importo

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "B.C.C. DI FORNACETTE OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE" Emissione n. 202 B.C.C. FORNACETTE 2008/2011 Euribor 6 mesi ISIN IT0004379480 Le

Dettagli

studi e analisi finanziarie La Duration

studi e analisi finanziarie La Duration La Duration Cerchiamo di capire perchè le obbligazioni a tasso fisso possono oscillare di prezzo e, quindi, anche il valore di un fondo di investimento obbligazionario possa diminuire. Spesso si crede

Dettagli

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/05/2011-24/05/2014 50a DI MASSIMI 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 Le presenti

Dettagli

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente A.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA DI CESENA 09/03/2009 09/03/2012

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI BANCA CARIGE S.P.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 16123 Genova Via Cassa di Risparmio 15 FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Titoli di Stato e altre obbligazioni

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Titoli di Stato e altre obbligazioni Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Titoli di Stato e altre obbligazioni Economia degli Intermediari Finanziari 5 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Introduzione 2. Titoli di Stato e di enti

Dettagli

Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari. ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari

Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari. ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Appunti sulla valutazione dei titoli obbligazionari ad uso del corso di Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Marco Fumagalli A.A. 2011-2012 Contents 1. LA RELAZIONE PREZZO-RENDIMENTO... 2 1.1. L obbligazione

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7 FINANZA AZIENDALE Lezione n. 7 Valutare i titoli obbligazionari 1 SCOPO DELLA LEZIONE L obbligazione è il titolo più semplice che si possa trovare sul mercato. Il suo valore dipende da due elementi: i

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CHIANTIBANCA TASSO FISSO CHIANTIBANCA 13.12.2012 2022 5,00% TASSO FISSO SEM SOCI ISIN IT0004881170 Le presenti Condizioni Definitive sono state

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO Banca Popolare del Lazio 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 Le presenti

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

Titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari Titoli obbligazionari Tipologie e classificazione strumenti obbligazionari; Mercati di quotazione; Tipologie di rischio; Valutazione di un titolo obbligazionario; Determinazione misure di rendimento; Struttura

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" BANCA C.R.S. T.F. 2,85% 2012/2014 146em., ISIN IT0004813561

Dettagli

SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902)

SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902) SCHEDA PRODOTTO SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902) Natura dello strumento finanziario Il titolo SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 è un obbligazione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. Banca

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A 1. Un tizio ha bisogno di 600 euro che può chiedere, in alternativa, a due banche: A e B. La banca A propone un rimborso a quote capitale costanti mediante tre

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE Banca di Cesena 15/01/2007 15/01/2010 TV EUR ISIN IT0004171218 Le

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO Gennaio 2003 FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO MEDIOBANCA 2003-2005 INDICIZZATO ALL ANDAMENTO DELL INDICE MIB30 (Cod. ISIN IT0003417075) L investimento nel titolo oggetto della presente offerta è caratterizzato

Dettagli

Scegli la tua Banca...

Scegli la tua Banca... Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario. Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Tasso Variabile con Minimo e Massimo 2016 - ISIN IT000532187 Obbligazione

Dettagli

Tipi di titoli di stato italiani ( tutti trattati a multipli di 1000 euro)

Tipi di titoli di stato italiani ( tutti trattati a multipli di 1000 euro) 1 BOND A) titoli stato italiani Tipi di titoli di stato italiani ( tutti trattati a multipli di 1000 euro) (tipo ZC) BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) [ durata 3m, 6m,1a ; non danno cedole Il rimborso e

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI STEP COUPON BANCA DI CESENA 04/02/2008 04/02/2011 STEP

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

9. I titoli di Stato a tasso reale

9. I titoli di Stato a tasso reale 9. I titoli di Stato a tasso reale Italia > rating YouInvest: 7 (Buono) > Titoli a tasso fisso > cedola semestrale > Btpei reale Rend. reale a scadenza (B) Index ratio (C) Imposta sul (D) Rateo di Controvalore

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.P.A. 2009-2011 TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DEL BOT IN ASTA ISIN IT0004506207

BANCO DI SARDEGNA S.P.A. 2009-2011 TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DEL BOT IN ASTA ISIN IT0004506207 BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 euro 155.247.762,00 i.v. Cod.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" BANCA C.R.S. T.F. 3% 2012/2015 149em., ISIN IT0004845647 NELL

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. TASSO VARIABILE

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa sul Programma

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa sul Programma BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio,15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 3 1. Il concetto del valore temporale

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per l offerta di

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per l offerta di CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per l offerta di Obbligazioni Cassa di Risparmio di Ferrara S.p.A. a Tasso Variabile Subordinato Lower Tier II 14/12/2007 2017 (codice isin IT0004291891) Le

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "B.C.C. DI FORNACETTE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Emissione n. 276 B.C.C. FORNACETTE 2011/2013 T.F. 3,43% ISIN IT0004690530 Le presenti

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa sul Programma

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa sul Programma BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio,15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - S.c. Obbligazioni Step Up

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - S.c. Obbligazioni Step Up Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Equivalenza economica

Equivalenza economica Equivalenza economica Calcolo dell equivalenza economica [Thuesen, Economia per ingegneri, capitolo 4] Negli studi tecnico-economici molti calcoli richiedono che le entrate e le uscite previste per due

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE al Prospetto di Base relativo al Programma di emissioni obbligazionarie del Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Per

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO 9-A. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI FERMO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 Euro 6.671.440

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Dettagli

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 700.000 Codice Nel presente Documento Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa sul Programma

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa sul Programma BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio,15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Denominazione: EMIL

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE Banca Popolare del Lazio T.V. 12//08/2008 12/08/2011 41ª, Codice Isin:

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO "BNPP ATHENA SU TASSO DI CAMBIO EURUSD"

SCHEDA PRODOTTO BNPP ATHENA SU TASSO DI CAMBIO EURUSD SCHEDA PRODOTTO "BNPP ATHENA SU TASSO DI CAMBIO EURUSD" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento finanziario

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Ravenna Piazza Garibaldi, 6 Capitale Sociale 174.660.000,00 Euro interamente versato Banca iscritta nell Albo delle Banche al n.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Step Up / Step Up Amotizing

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Step Up / Step Up Amotizing MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli