Conversione di obbligazioni o esercizio di warrant?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conversione di obbligazioni o esercizio di warrant?"

Transcript

1 Conversione di obbligazioni o esercizio di warrant? di Roberto Moro Visconti (*) L emissione di obbligazioni convertibili o cum warrant risulta particolarmente utile quando la società è alla ricerca di fonti di finanziamento flessibili, che si collocano a metà strada tra i titoli di debito e i conferimenti a patrimonio netto; le obbligazioni convertibili o cum warrant sono infatti formalmente titoli di debito, che contengono però anche un opzione che può essere esercitata dal sottoscrittore (e pertanto un opzione call) per un aumento di capitale differito nel tempo. Premessa Un obbligazione convertibile incorpora un opzione call, laqualeattribuiscealdetentore la facoltà di acquistare un determinato titolo sottostante, di solito azioni dell ente che ha emesso l obbligazione, ad un prezzo di esercizio rappresentato dal valore nominale dell obbligazione (1). Le obbligazioni cum warrant (o con diritto di opzione su azioni) attribuiscono all obbligazionista il diritto di sottoscrivere o acquistare azioni della società emittente o di altra società, ferma restando la posizione di creditore per le obbligazioni possedute. Nel caso delle obbligazioni convertibili, l opzione è incorporata nell obbligazione e pertantositrattadiun opzionediconversione, in base alla quale il sottoscrittore cessa di essere obbligazionista per diventare azionista; nei warrant, tipicamente emessi assieme ad obbligazioni (in sé epersénon convertibili), l opzione call ha una circolazione separata rispetto al titolo di debito. Il prestito obbligazionario convertibile è un valido strumento per quelle imprese che incontrano difficoltà a reperire mezzi finanziari attraverso semplici aumenti di capitale a pagamento, dovuti ad una redditività dell azienda poco soddisfacente o ad una situazione dei mercati finanziari sfavorevole o tramite emissione di obbligazioni ordinarie. L utilizzo di warrant e obbligazioni convertibili può inoltre risultare particolarmente utile nei gruppi, soprattutto per aumenti di capitale che devono essere pianificati ex ante in modo flessibile (tale da garantire al sottoscrittore la facoltà, ma non l obbligo, di effettuarli, anche parzialmente). La differenza fondamentale risiede nel fatto che l opzione di conversione nell obbligazione è insita nel titolo, mentre il warrant rappresenta esclusivamente l opzione; per esercitare l opzione, l obbligazionista cessa forzatamente di essere tale. Si può trattare di aumenti di capitale che promanano a cascata (tipicamente dalla holding sulle controllate) ovvero localizzati in singole società. L emissione di obbligazioni convertibili o cum warrant riduce i conflitti di interesse tra azionisti e obbligazionisti, in quanto consenteaquestiultimidipoterbeneficiaredi una redditività positiva, esercitando la loro opzione. Note: (*) Università Cattolica del sacro cuore di Milano, Dottore commercialista in Milano (1) Per approfondimenti bibliografici, si veda: Bajo E., (2003), Le obbligazioni convertibili, Carocci, Bari; Banfi A., (1990), Le obbligazioni convertibili in azioni, Il Mulino, Bologna; Bussoletti M.,(1988), «Obbligazioni convertibili, con Warrant, con partecipazione agli utili», in Rivista di diritto commerciale; Corapi D., (1991), «Obbligazioni convertibili e diritto di opzione», in Rivista di diritto d impresa; Domenichini G., (1993), Le obbligazioni convertibili in azioni, Giuffrè Milano; Galligani G., (1993), «Le obbligazioni convertibili», in Nuovo diritto; Garcia De Enterria J., (1989), Le obbligazioni convertibili in azioni, Giuffrè, Milano;GeraciL., (1990), «L azione attraverso l obbligazione. Note in tema di obbligazioni convertibili», in Rivista delle società; Quatraro B., (1993), «Le obbligazioni convertibili in azioni», in Rivista dei dottori commercialisti; Quatraro B., D Amora S., (1994), Le operazioni sul capitale, Giuffrè, Milano. 1/

2 Strumenti convertibili ed impatto sul controllo L emissione di strumenti convertibili può avere un impatto anche rilevante sulla composizione azionaria, con un eventuale diluizione dei soci storici nota a priori, come evidenziato anche nella figura riportata in Tavola 1. L opzione insita nel warrant o nell obbligazione convertibile contiene di norma la facoltà di sottoscrivere un aumento di capitale presso la stessa società emittente, anche se talora vengono emesse opzioni che hanno come sottostante azioni di altra società, tipicamente del gruppo. In questo caso, i meccanismi civilistici di tipo autorizzativo (aumento di capitale deliberato, per creare spazio ai potenziali sottoscrittori, ma con esecuzione differita) devono essere adattati alla cointeressenza che essi generano in più società. Iwarrant Un warrant è un contratto che conferisce al possessore il diritto, ma non l obbligo, di acquistare un numero prestabilito di azioni della società (di norma, emittente) a un dato prezzo entro una data stabilita. All atto dell emissione un warrant è parte di un altro titolo; i warrant sono tipicamente legati a obbligazioni non convertibili o azioni privilegiate. Nel primo caso, sono spesso utilizzati per rendere più attraenti per l investitore le condizioni di una emissione di obbligazioni. L investitore ottiene non solo il rendimento fisso assicurato dal titolo di credito, ma ha anche la facoltà di acquistare azioni ordinarie ad un prezzo prestabilito. Se il prezzo di mercato delle azioni tende a salire, questo diritto viene ad assumere valore in quanto il detentore del warrant avrà convenienza a esercitare l opzione che gli viene offerta solo se il prezzo dell azione risulta superiore all exercise price. In questo modo la società è in grado di emettere i titoli ad un tasso di interesse più basso di quello che, altrimenti, avrebbe dovuto corrispondere. Per le società che presentano un grado di rischio finanziario difficilmente accettabile dal mercato, l impiego dei warrant può consentire di raccogliere fondi mediante un emissione di titoli di debito. Di solito, i warrant possono essere staccati dal titolo cui erano legati, e quindi scambiati separata- Tavola 1 - Emissione di warrant od obbligazioni convertibili ed impatto sul controllo 54 1/2010

3 mente, cosa che non avviene con le obbligazioni convertibili. Il valore teorico di un warrant può essere determinato secondo la seguente formula: W=N*(P S -E) dove N = numero di azioni che possono essere acquistate con un warrant E = prezzo al quale può essere effettuato l acquisto di N azioni (exercise price) P S = quotazione di una azione. Quindi, il valore teorico del warrant è pari in ogni periodo alla differenza tra il corso azionario e il prezzo di esercizio. La maggior parte dei warrant sono quotati ad un prezzo superiore al loro valore teorico. Le ragioni vanno ricercate nella volatilità dei corsi delle azioni ordinarie, nella durata dell intervallo di tempo precedente la data di scadenza e nel valore temporale della moneta. Il warrant rappresenta in definitiva un opzione di acquisto, esercitabile in un ottica pluriennale, il cui valore è funzione della durata del periodo di esercizio, della variabilità del titolo di riferimento, del livello dei tassi di interesse correnti. I primi due fattori amplificano la probabilità deipotenzialiguadagni, mentre il terzo esprime la possibilità, daparte dell investitore, di ottenere un reddito aggiuntivo per il semplice differimento dell esborso necessario all acquisizione dei titoli di compendio. Le ragioni che inducono un impresa ad offrire obbligazioni con warrant, sono essenzialmente tre: 1) ottenere un finanziamento a tassi inferiori a quelli correnti per obbligazioni ordinarie dalle caratteristiche analoghe (il che si giustifica con la messa a disposizione del sottoscrittore di un diritto aggiuntivo); 2) diversificare le proprie fonti di provvista; 3) ampliare, almeno potenzialmente, la base azionaria (difatti, normalmente il lancio di un prestito con warrant viene preceduto da un aumento di capitale, che troverà esecuzione a mano a mano che il diritto viene esercitato). Di solito tali ragioni valgono anche per un prestito obbligazionario convertibile; ciò che rende, invece, un emissione con warrant preferibile dal punto di vista dell emittente è la presenza di un nuovo apporto di denaro con la sottoscrizione di nuove azioni. Pertanto, un prestito con warrant consente la realizzazione di un opportuna pianificazione finanziaria mediante la creazione di programmidinuoviapportidicapitaleedilposizionamento delle relative entrate con le effettive esigenze della società. Le obbligazioni convertibili Le obbligazioni convertibili sono titoli rappresentativi di un credito (il valore nominale dell obbligazione rimborsabile) che comprende la facoltà, concessa dalla società emittente al singolo sottoscrittore, di mutare tale rapporto in una partecipazione sociale tipicamente nella stessa società emittente o talora in un altra società (del gruppo...), a semplice richiesta ed entro un dato termine (se l opzione insita nell obbligazione convertibile è di tipo c.d. «europeo», la convertibilità si ha solo alla scadenza, mentre se l opzione è «americana», la conversione può avvenire anche prima della scadenza). Le obbligazioni convertibili permettono, pertanto, di investire in uno strumento finanziario che prevede il rimborso del valore nominale alla scadenza e che consente nel contempo di beneficiare dell andamento di un investimento azionario. L investitore ha infatti la facoltà di convertire il capitale in azioni alle condizioni (exercise price) definite per ciascuna obbligazione al momento dell emissione. L emissione di un prestito obbligazionario convertibile trova disciplina nell art bis c.c.: «L assemblea straordinaria può deliberare l emissione di obbligazioni convertibili in azioni, determinando il rapporto di cambio, il periodo e le modalità della conversione (...)». Particolare rilevanza assume il rapporto di cambio o prezzo di conversione. Esso indica il rapporto tra il numero delle obbligazioni e quello delle azioni ad esso riservate, o meglio il rapporto con cui ogni obbligazione o gruppo di obbligazioni può essere convertito in azioni, ovvero il valore nominale delle obbligazioni e delle azioni di compendio. Il rapporto di cambio può essere fissato alla pari o non alla pari. Considerato che le obbligazioni convertibili non possono essere 1/

4 emesse sotto la pari, ovvero per somme inferiori rispetto al loro valore nominale, ne consegue che: 1) in caso di rapporto di conversione alla pari, la società convertirà obbligazioni in azioni al loro valore nominale; 2) in caso di rapporto di conversione sopra la pari, la società registrerà un aumento di capitale sociale per l importo del valore nominale delle azioni emesse e rileverà la differenza in un fondo sovrapprezzo azioni; 3) in caso di emissione per un prezzo superiore rispetto al valore nominale, la società, al pari della fattispecie precedente, rileverà un aumento di capitale sociale per l importo delvalorenominaledelleazioniemesseeregistrerà la differenza in un fondo sovrapprezzo azioni. Un obbligazione convertibile è un obbligazione con un opzione call, la quale attribuisce al detentore la facoltà di acquistare un determinato titolo sottostante, di solito azioni dell ente che ha emesso l obbligazione, dove il prezzo venga rappresentato dall obbligazione stessa. Il prezzo del titolo sarà esprimibile come: P CB =P o +C 56 ove: P CB =prezzodiunconvertible bond P o =prezzodiun obbligazione senza opzioni C = prezzo della call option. La clausola di conversione in un emissione obbligazionaria societaria garantisce al detentore dell obbligazione il diritto di convertirla in un numero prestabilito di quote di azioni ordinarie dell emittente. Un obbligazione convertibile è come una ordinaria dotata di opzione call emessa da un soggetto, l ente emittente, a favore di un altro soggetto, il detentore del titolo. Questa opzione assicura un diritto di acquisto al possessore dell obbligazione ed impone un obbligo di vendita all ente emittente. In molti casi, come si è visto, i titoli convertibili vengono utilizzati come finanziamento attraverso azioni ordinarie differito nel tempo. Tecnicamente, questi titoli prendono la forma di una obbligazione, ma in effetti sono azioni ordinarie differite. Le società che emettono titoli convertibili si attendono di norma la loro conversione in futuro. Emettendo un titolo convertibile, anziché un azione ordinaria, le società determinano una minore diluizione degli utili per azione, sia al momento dell emissione sia in futuro. E ciò perché il prezzo di conversione di un titolo è più elevato del prezzo di emissione di una nuova azione ordinaria. I detentori pagano il diritto di acquisto accettando sulle obbligazioni una cedola inferiore a quella che richiederebbero se le obbligazioni non fossero convertibili. Società con un grado di credito relativamente basso, ma con buone prospettive di crescita, possono incontrare parecchie difficoltà qualora vogliano collocare obbligazioni ordinarie. Il mercato potrebbe reagire più favorevolmente all emissione di titoli convertibili, non tanto per le loro caratteristiche di obbligazioni, quanto piuttosto per la loro natura di potenziali azioni ordinarie. L obiettivo di ampliare la base azionaria interessando alle sorti dell impresa il maggior numero di risparmiatori, viene raggiunto anche utilizzando le obbligazioni convertibili come titoli di «transizione»: il loro classamento (rispetto ad un offerta di azioni), infatti, normalmente incontra un più diffuso interesse tra il pubblico e ciò, evidentemente non può che favorire, una volta esercitato il diritto alla conversione, l ampliamento della base azionaria. La ratio dell emissione di obbligazioni convertibili risiede essenzialmente nel perseguimento di finalità di retention per i key managers sottoscrittori delle obbligazioni, consentendo loro di diventare azionisti, seppure in un intervallo temporale differito durante il quale i key managers saranno incentivati a massimizzare il valore di mercato a termine della società, al fine di massimizzare il valore intrinseco delle loro obbligazioni convertibili (rappresentato dalla differenza, se positiva, tra il valore di mercato del titolo sottostante el exercise o striking price). Fusioni, scissioni e conferimenti in presenza di obbligazioni convertibili Quando una delle società partecipanti alla fusione ha emesso obbligazioni convertibili ovveroquandoessesonopresentinelbilancio della scindenda (e appartengono al ramo oggetto di scissione) emergono delicati pro- 1/2010

5 blemi, in merito all architettura dell operazione straordinaria, ai riflessi di natura civilistica, contabile e finanziaria, alla determinazione del rapporto di concambio. Nel caso in cui le società partecipanti alla fusione abbiano emesso obbligazioni, il progetto di fusione deve indicare il trattamento riservato agli obbligazionisti; in particolare, qualora si tratti di un prestito obbligazionario convertibile, il progetto dovrà contenere il rapporto di conversione delle obbligazioni ordinarie con le azioni della società incorporante o della società derivante dalla fusione. La società che ha emesso un prestito obbligazionario convertibile può deliberare la fusione solo dopo aver proposto la conversione anticipata delle obbligazioni. In caso di mancato esercizio del diritto, agli obbligazionisti devono comunque essere garantiti diritti equivalenti a quelli loro spettanti prima dell operazione, salvo che la modifica sia stata autorizzata dall assemblea degli obbligazionisti. Ai possessori di obbligazioni deve essere data facoltà, mediante avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (2) almeno 3 mesi prima dall iscrizione del progetto di fusione, di esercitare il diritto di conversione nel termine di un mese dalla pubblicazione dell avviso. Anche agli obbligazionisti è data facoltà di esercitare l azione di opposizione, secondo le stesse modalità di quella dei creditori sociali. Tuttavia tale diritto può essere esercitato solo dal rappresentante comune, in base adunadeliberaintalsensodapartedell assemblea degli obbligazionisti, e salvo che quest ultima non abbia dato autorizzazione preventiva all operazione di fusione stessa. Gli obbligazionisti possono opporsi quando non siano stati rispettati i diritti loro spettanti, ossia: non gli sia stata concessa facoltà di esercitare il diritto della conversione; non abbiano proceduto prima della fusione alla conversione e non siano stati loro assicurati diritti equivalenti a quelli loro spettanti in precedenza. Tuttavia, l eventuale contenzioso relativo alla congruità di trattamento delle obbligazioni non incide sulla validità e sull efficacia della fusione. Nelle scissioni, anche per gli obbligazionisti è previsto il diritto di opporsi all operazione qualoraneottenganopregiudizio;talefacoltà viene meno quando la scissione è stata approvata dall assemblea degli obbligazionisti. Nei conferimenti d azienda comprendenti obbligazioni convertibili, invece, pur nel silenzio della normativa civilistica, tipicamente si pongono le seguenti problematiche: a seguito del conferimento, la conferitaria deve rispettare i limiti all emissione di prestiti obbligazionari, ex art c.c.; della presenza di obbligazioni convertibili nel ramo d azienda conferendo va tenuto conto nella determinazione dell aumento di capitale della conferitaria a servizio del conferimento e del sovrapprezzo a tutela dei soci preesistenti della conferitaria; con la conversione delle obbligazioni, infatti, gli obbligazionisti diventano soci della conferitaria, insiemeaisocistoricieaisocidellaconferente. L interpretazione della struttura finanziaria in termini di opzioni Gli aumenti di capitale differiti modificano la struttura finanziaria dell impresa, imperniata sul leverage (rapporto tra debiti finanziari e mezzi propri), rilevante anche ai fini di Basilea 2. In base allo studio originario di Black e Scholes del 1973 (3), la relazione fra struttura finanziaria e valore dell impresa può essere analizzata con riferimento al modello di determinazione del prezzo delle opzioni. Il capitale azionario dell impresa può essere visto come un opzione call sulvaloretotaledell impresa, essendo il valore dell impresa l attività sottostante all opzione. I venditori della facoltà di acquisto sono, in questo caso, i creditori. Per semplicità si può ipotizzare che: 1) il debito dell impresa sia costituito da obbligazioni quotate sotto la pari e rimborsabili alla scadenza al valore nominale, con il tasso Note: (2) È l unico adempimento ancora operante nelle fusioni e scissioni per quanto concerne la Gazzetta Ufficiale, ex art bis, 2 comma, c.c. (3) Black F., Scholes M., (1973), The Pricing of Options and Corporate Liabilities, injournal of Political Economy, /

6 di interesse incorporato nello sconto rispetto al prezzo di rimborso, non prevedendo esborsi di cassa prima della scadenza; 2) non vi siano costi di transazione o imposte inmodocheilvaloredell impresanonvenga influenzato dalla sua struttura finanziaria (4); 3) si abbia un tasso di interesse privo di rischio non stocastico noto; 4) vi siano aspettative omogenee per quanto riguarda il processo stocastico che descrive il valore delle attività dell impresa. L opzione ha, quindi, un prezzo d esercizio uguale al valore nominale del debito e la sua scadenza risulta essere quella del debito stesso. Il valore dell opzione alla scadenza, per definizione pari al valore del capitale proprio, corrisponde a: V o =Max(V f -D, 0) in cui V f è il valore dell impresa alla scadenza dell opzione, D il valore nominale del debito, cioè il prezzo di esercizio dell opzione e Max significa il valore più alto fra la differenza V f - D e zero. Il payoff del capitale azionario diviene perciò analogo a quello di una call option europea su azioni ordinarie. Il valore del debito alla scadenza è semplicemente: V d =Min(V f,d) in cui Min significa «il minore» fra V f ed. Quando un impresa s indebita, cede di fatto agli obbligazionisti (termine che inteso in senso lato ricomprende tutti i creditori) le sue attività con l opzione di riacquistarle rimborsando il debito. La relazione fra obbligazionisti-creditori ed azionisti può essere espressa con riferimento al modello di determinazione del prezzo delle opzioni. Alla data di scadenza pagando l ultima cedola e il valore nominale delle obbligazioni, l azionista esercita l opzione di acquistare la società dall obbligazionista al valore nominale del debito. Impatto dell aumento di capitale sul leverage, anche ai fini di Basilea 2 58 La capacità di indebitamento per finanziare investimenti difficilmente controllabili dall esterno cresce in presenza di titoli ibridi (obbligazioni convertibili o cum warrant...), che riducono i costi di agenzia, consentendo ai creditori di compartecipare alla creazione di valore da parte dell impresa. Il leverage (o leva finanziaria, espressione del rapporto tra debiti finanziari e patrimonio netto) può subire modifiche anche rilevanti a seguito dell aumento di capitale con conversione del prestito obbligazionario. Ciò dipende dallo spostamento di debiti finanziari (obbligazioni), che con la conversione incrementano il capitale sociale, nel patrimonio netto. Con la conversione del prestito obbligazionario, si assiste dunque ad un aumento del patrimonio netto, a fronte di una diminuzione dei debiti finanziari, con positivi risvolti anche ai fini dei parametri richiesti dall accordo di Basilea 2. Anche prima dell eventuale conversione, il prestito obbligazionario convertibile ha una natura di quasi equity ed è tipicamente postergato rispetto ad altri debiti privilegiati. Da un punto di vista finanziario, le obbligazioni convertibili infatti sono una via di mezzo tra le obbligazioni e le azioni. Per la loro natura ibrida rendono meno di un azione quando il mercato azionario sale, ma al tempo stesso perdono meno di valore quando il mercato azionario scende. Già in sede di emissione, bisogna tenere conto dell effetto di diluizione che si può verificare in capo ai soci originari e alla possibilità che i loro pacchetti di partecipazione possano scendere al di sotto di determinate soglie strategiche. Tale aspetto, da valutare accuratamente ex ante, puòmodificare anche il vote segment, che identifica il valore attribuibile al diritto di voto di ciascun pacchetto azionario (così, adesempio,seconladiluizione si scende dal 51 % al 49 %...). Nella valutazione delle aziende, è opportuno tenere conto della presenza di obbligazioni convertibili, considerandone anzitutto la natura ibrida, che ne può consentire una valorizzazione nel valore dell azienda per gli azionisti (market value of equity), in ogni caso - ovviamente - quando la conversione è già avvenuta e seguendo un modello probabili- Nota: (4) Ossia, si suppone che la Proposizione I di Modigliani- Miller sull irrilevanza della struttura finanziaria nell influenzare il valore di mercato della società sia valida. 1/2010

7 stico (che stimi il valore dell opzione nel tempo), prima che sia spirato il diritto alla conversione. Il «valore normale» delle obbligazioni convertibili La determinazione del «valore normale» di azioni e obbligazioni è particolarmente delicata, soprattutto quando ci si riferisce a titoli di società non quotate. Il valore normale (fair value) assume rilevanza anzitutto sotto il profilo fiscale, ai sensi dell art. 9 del d.p.r. 917/1986, 3 e 4 comma. Il valore del patrimonio netto della società che ha emesso obbligazioni convertibili assume un rilievo fondamentale per determinare - per relationem -ilvaloreinsitonell opzione di convertibilità, soprattutto nell ipotesi in cui tale convertibilità risulti economicamente conveniente, essendo l opzione (rappresentata dalla clausola di convertibilità del prestito obbligazionario) in-the-money (5). La dottrina e la prassi si sono a lungo interrogate sul significato del termine patrimonio netto, atteso che ci si può riferire al mero patrimonio netto contabile, ovvero al patrimonio netto effettivo (di mercato), di norma ben più rilevante. Una risoluzione (n. 3/E dell 8 gennaio 2002) consolida l orientamento dell Amministrazione finanziaria in materia (6): il valore normale è fissato in proporzione al valore del patrimonio netto effettivo della società o ente (e non in proporzione al patrimonio netto contabile). Interessante è anche il riferimento contenuto nella Circolare ministeriale n. 188/E/1998, ove si ribadisce il principio della valorizzazione pro quota delle partecipazioni (senza applicare premi di maggioranza o - specularmente - sconti di minoranza). Il concetto di valore effettivo del patrimonio netto assegnato viene richiamato anche nell art quater, 3 comma, c.c., che tratta degli effetti della scissione, ove si rileva che ciascuna società è solidamente responsabile, nei limiti del valore effettivo del patrimonio netto ad essa assegnato o rimasto, dei debiti della società scissa non soddisfatti dalla società cui fanno carico (7). Si tratta, nel suo complesso, del patrimonio netto della società scindenda, che viene trasferito - in tutto o in parte - a una o più società beneficiarie (8). Ristrutturazione del debito attraverso le obbligazioni convertibili La ristrutturazione del debito, frequente in periodi di recesso, comprende quegli accordi mediante il quale le condizioni originarie di un prestito (tassi, scadenze, divisa, periodo di garanzia...) vengono modificate per alleggerire l onere del debitore, che si trova in difficoltà finanziaria o, nei casi peggiori, in stato di insolvenza. In questi casi, spesso, i potenziali azionisti non vogliono assumersi il rischio di sottoscrivere nuove azioni della società in difficoltà, e preferiscono pertanto sottoscrivere titoli ibridi, come le obbligazioni convertibili, rimandando al futuro la scelta di convertire o meno le obbligazioni e diventare soci. Gli accordi di ristrutturazione del debito sono stati introdotti con la riforma fallimentare dall art. 182 bis l.fall., secondo cui il debitore può depositare un accordo di ristrutturazionedeidebitistipulatoconicreditorirappresentanti almeno il 60% dei crediti, unitamenteadunarelazioneredattadaunespertosull attuabilità dell accordo stesso, con particolare riferimento alla sua idoneità ad assicurare il regolare pagamento dei creditori estranei. Conclusioni L emissione di obbligazioni convertibili consente alle società di raccogliere risorse finanziarie con un onere a servizio del debito (tasso di interesse) più basso rispetto ad una normale emissione obbligazionaria (non Note: (5) Le opzioni sono in-the-money quando il prezzo di esercizio è inferiore rispetto al valore di mercato del titolo sottostante. (6) Si veda anche la Circ. n. 12/E del 31 gennaio (7) Per approfondimenti, si veda Moro Visconti R., (2006), «Scissioni di società e valore effettivo del patrimonio netto», in Impresa c.i., 9. (8) Il concetto è richiamato anche dall art bis, 3 comma, che sancisce la solidarietà delle società beneficiarie nell ipotesi dell insorgere di passività la cui destinazione non sia desumibile dal progetto di scissione, secondo cui «la responsabilità solidale è limitata al valore effettivo del patrimonio netto attribuito a ciascuna società beneficiaria». 1/

8 convertibile), valorizzando l opzione di conversione. La possibilità di fare aumenti di capitale differiti nel tempo consente una grande elasticità alla società e ai sottoscrittori. La flessibilità può trovare agevole applicazione anche all interno di operazioni straordinarie - fusioni, scissioni o conferimenti - nell ambito di operazioni infragruppo ovvero nell ambito di procedure di ristrutturazione del debito. L eventuale conversione delle obbligazioni in azioni può avere un impatto positivo sul leverage, anche ai fini dei parametri previsti da Basilea 2, in quanto riduce l indebitamento finanziario a favore della patrimonializzazione delle società. In tempi di recessione e di credit crunch, in cui è particolarmente difficile per le società raccogliere risorse sia dai terzi finanziatori, sia dai soci, questo strumento ibrido e flessibile, a metà strada tra debito e capitale, può risultare particolarmente prezioso e incentivante. 60 1/2010

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa settembre 2007 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTO ARISTEIA N. 79 ASPETTI CONTABILI DELLA FUSIONE INVERSA Sommario:

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 25 I patrimoni ed i finanziamenti destinati ad uno specifico affare nella riforma del diritto societario giugno 2003 I PATRIMONI ED I FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli