Esercitazione Provinciale 2011 Rischio Idraulico ambito Po

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercitazione Provinciale 2011 Rischio Idraulico ambito Po"

Transcript

1 COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA PROTEZ IONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILA Esercitazione Provinciale 2011 Rischio Idraulico ambito Po a cura di PROVINCIA DI REGGIO EMILIA U.O. Difesa del Suolo e Protezione Civile: Federica Manenti, Luciano Gobbi, Alessio Campisi, Matteo Guerra, Giuseppe Sgrò COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA PROTEZIONE CIVILE: Giorgio Ballarini, Marcello Margini, Fausto Gagliardelli, Angelo Mosconi, Angela Siervo, Leonardo Napoli, Francesca Bagnacani Versione

2 Enti e strutture operative coinvolte: Prefettura di Reggio-Emilia Ufficio Territoriale di Governo Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale di Reggio-Emilia, Coordinamento Provinciale del Corpo Forestale dello Stato Provincia di Reggio Emilia Comune di Boretto Comune di Brescello Comune di Gualtieri Comune di Guastalla Comune di Luzzara Comune di Novellara Comune di Poviglio Comune di Reggiolo AUSL di Reggio Emilia 118 Soccorso Reggio ARPA Reggio Emilia ARPA - SIMC Regione Emilia-Romagna AIPO (Agenzia Interregionale per il Fiume Po) Consorzio di Bonifica dell Emilia Centrale Consorzio di Bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po IREN Spa Ferrovie Emilia-Romagna Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato per la Protezione Civile della Provincia di Reggio Emilia Croce Rossa Italiana ARI (Associazione Radioamatori) GeoProCiv Associazione Azione Solidale Versione

3 INDICE Obiettivi...4 L evento di riferimento...5 SCENARIO DELL EVENTO...8 Propagazione dell onda di piena... 8 Allagamento dell area golenale-argine destro del fiume Po nella provincia di Reggio Emilia... 8 Scenari locali di rischio... 9 MODELLO DI INTERVENTO...11 Organismi di coordinamento ORGANIZZAZIONE...12 CENTRI DI COMANDO GRUPPI DI LAVORO PARTECIPAZIONI ESTERNE FUNZIONI DI SUPPORTO ATTIVATE DAL PIANO RISCHIO IDRAULICO (AMBITO PO)...15 ALLEGATI...16 Versione

4 OBIETTIVI Verificare le risorse strategiche locali necessarie a fronteggiare l emergenza (aree e strutture di emergenza); Testare le procedure di attivazione della Colonna Mobile; Controllo dell'efficienza di tutto l apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi Verificare la funzionalità dei presidi territoriali di protezione civile: reperibilità dei componenti dei COC e del COM di Guastalla e della tempistica necessaria all attivazione degli stessi Definire congiuntamente alle componenti istituzionali del sistema provinciale di protezione civile scenari, modello di intervento, procedure di allertamento utili per la predisposizione della pianificazione di emergenza; Verifica dell'operatività del Piano di Emergenza Provinciale - Rischio Idraulico (Ambito Po) in relazione agli scenari locali dei Piani di Emergenza Comunali di Protezione Civile Verificare le criticità attualmente presenti nel territorio interessato tenendo conto degli interventi infrastrutturali e del potenziamento del sistema di protezione civile, realizzati dall anno 2000 ad oggi, attraverso un sopralluogo congiunto dei tecnici di AIPO, Provincia, Agenzia regionale di Protezione Civile e Comuni; Verifica delle capacità operative dei volontari ad intervenire con efficacia ed efficienza anche a supporto delle strutture istituzionali preposte, in particolare sul rischio industriale e sulla realtà specifica degli Stabilimenti a Rischio di Incidente Rilevante Incremento e valutazione della capacità dei volontari di collaborazione IN RELAZIONE ALLA FUNZIONALITA' DELLA CATENA DI COMANDO, NELL'OTTICA DI UN REGIME DI "COLONNNA MOBILE PROVINCIALE", PERTANTO OLTRE I CONFINI dell associazione di appartenenza Sensibilizzazione dei Volontari GENERICI E SPECIALIZZATI al riconoscimento delle figure di RIFERIMENTO dei Responsabili nominati. PASSAGGIO VERTICALE E TRASVERSALE DELLE INFORMAZIONI Formazione de i Volontari ad una corretta ed efficace procedura di intervento all interno di un campo soccorritori (AREA DI AMMASSAMENTO), con VERIFICA delle diverse funzioni presenti Test sulle capacità operative dei volontari nella realizzazione delle strutture di prima accoglienza, compresi il ricovero e vettovagliamento Verificare la funzionalità e l efficacia dei sistemi di allertamento e di comunicazione dei soccorritori Attivare interventi di assistenza alla popolazione con l attivazione della Colonna Mobile Addestramento al monitoraggio degli argini, preparazione e utilizzo di sacchi di sabbia, interventi su fontanazzi, messa in sicurezza delle arginature e dei punti critici Prove di evacuazione di abitazioni, di persone disabili e allevamenti Addestramento delle unità cinofile per la ricerca di dispersi Ricerca persone in acqua verifica delle procedure di allerta e segnalazione della popolazione dell area interessata al rischio sensibilizzare l opinione pubblica alle tematiche della prevenzione e della Protezione Civile Didattica e formazione IN PARTICOLARE, Verifica dell apprendimento dei temi affrontati nelle lezioni dei corsi DI SPECIALIZZAZIONE, PER CAPOSQUADRA E COORDINATORI EMERGENZA DELL'ULTIMO BIENNIO - applicazione delle tecniche apprese e relative modalità di relazione in emergenza

5 L EVENTO DI RIFERIMENTO L evento di riferimento scelto per questa esercitazione 2011 è la piena del fiume Po del periodo ottobre La piena d ottobre 2000 è da considerarsi come il secondo evento critico degli ultimi cinquanta anni, paragonabile a quello catastrofico del Essa è stata determinata da precipitazioni intense su bacini idrografici nelle valli alpine piemontesi e valdostane, ed ha interessato una superficie complessiva di circa Km2. Gli eventi sono stati seguiti anche in tempo reale attraverso il rilevamento delle stazioni pluviometriche e idrometriche in telemisura dislocate su tutto il bacino idrografico del fiume Po e affluenti. Figura 1 - Bacino del fiume Po Tabella 1 - Dati generali del bacino e del fiume po Origine Monviso (Piemonte) a quota 2022 m s.l.m. Lunghezza del fiume Po: 673 Km con 141 affluenti Superficie del bacino: Km2 Area del bacino: Regione Piemonte, Valle d Aosta, Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Provincia Autonoma di Trento (circa ¼ del territorio nazionale); comprende 3200 comuni Abitanti residenti: Max. densità abitativa: (Area Lambro) ab/km2 Min. densità abitativa: (Sud-bacino Trebbia) 25 ab/km2 Le precipitazioni d elevata intensità sono state determinate da un ascesa già nella giornata di giovedì 12 ottobre 2000 d aria fredda sul bacino occidentale del Mediterraneo. Inizialmente le precipitazioni piovose hanno interessato i rilievi (lo zero termico intorno ai m. s.l.m). e poi si sono estese alle zone pianeggianti di tutto il bacino del fiume Po. Le altezze di precipitazione registrate sull'alto bacino del Po hanno presentato in alcuni casi un valore cumulato nei cinque giorni dal 13 al 17 ottobre di oltre 700 mm che confrontato ai massimi storici registrati è risultato il massimo assoluto dell evento. E' da rilevare che precedentemente, ed in particolare dal 28 al 30 settembre, si erano avute precipitazioni notevoli, di oltre 250 mm che avevano già saturato in buona parte i terreni e che non avevano completamente esaurito il deflusso. Si sono determinati, pertanto, eventi di piena per molti corsi d'acqua delle regioni Valle d'aosta, Piemonte e Lombardia; in particolare si sono registrati elevati valori idrometrici per la Dora Riparia, la Stura di Lanzo, l'orco, la Dora Baltea, il Sesia, il Ticino e il suo affluente Toce, e l'adda. Degli affluenti si ricordano i principali che hanno contribuito in modo sostanziale all evento di piena: Versione

6 Tabella 2 Caratteristiche dei principali affluenti di Po CORSO D ACQUA ORIGINE LUNGHEZZA Km IMMISSIONE NEL PO STAZIONE BACINO DI DOMINIO Km 2 Pellice Pendici M.Granero Tra Villafranca e 55 (3171 m) Carmagnola Ponte di Bibbiana 277 Dora Riparia Monginevro, S. Antonino di Monte Rasin 125 Torino Susa Monte Tabor Sture di Viu, Stura di Lanzo di Ala, 70 Torino Lanzo 582 di Groscavallo Orco Gran Paradiso (lago di Serrù) 80 Chivasso Pont Canavese 617 Dora Baltea Monte Bianco 160 Crescentino Tavagnasco Sesia Monte Rosa 138 Valmacca Vercelli Ticino Passo di Novena (Gottardo) 284 Becca Miorina Si può inoltre notare come le precipitazioni delle stazioni principali dell alto bacino del fiume Po si collocarono in posizione rilevante per tutte le durate di riferimento, ed in particolare: nell Ossola i tempi di ritorno furono, superiori a 50 anni nel settore occidentale, mentre nel settore orientale, inferiori a 10 anni, nella Val Sesia-Dora Baltea furono generalmente intorno ai 20 anni; nelle Valli Orco e Stura di Lanzo si collocarono generalmente intorno ai 20 anni nella parte medio basso e su valori anche nettamente superiori ai 50 nelle testate; nelle Valli di Susa, Chisone-Pellice e alto Po si attestarono su valori superiori a tempi di ritorno di 50 anni. Il lago Maggiore e quello di Como hanno raggiunto valori dei livelli idrometrici superiori ai limiti di regolazione e non hanno potuto operare un efficace laminazione dei deflussi delle piene dei bacini a monte. I fenomeni di piena sulla rete idrografica degli affluenti dell'alto bacino del Po hanno determinato a loro volta una piena persistente ed elevata nel corso principale del fiume che è transitata a Torino nella mattinata del giorno 16 ottobre e si è propagata a valle giungendo a Ponte Becca (alla confluenza con il Ticino a 387 Km dalla foce) il 17 ottobre alle ore 06.00, Piacenza (327 Km dalla foce) il giorno 17 ottobre alle ore 16.00, a Cremona il giorno 18 ottobre alle ore 2.00, a Boretto (216 Km dalla foce) il giorno 19 ottobre alle ore 8.00, a Borgoforte (184 Km dalla foce) il giorno 19 ottobre alle ore e a Pontelagoscuro (91 km dalla foce) il giorno 20 ottobre alle ore È da rilevare che nei giorni 18 e 19 ottobre, su disposizione del Magistrato per il Po, è stato dato luogo a tracimazione controllata degli argini golenali per consentire la laminazione parziale della piena nelle aree a tale scopo destinate limitate dagli argini maestri; inoltre la piena, che ha presentato lunghi tempi di permanenza, ha dato luogo a fenomeni legati alla saturazione dei rilevati arginali come fontanazzi e sifonamenti locali. Di seguito si riportano i dati relativi alle stazioni di rilevamento idrometrico in telemisura principali da monte verso valle: Ponte Becca Piacenza Cremona Boretto Borgoforte Pontelagoscuro Versione

7 Figura 2 - Stazioni di rilevamento idrometrico lungo l'asta Po L'evento di piena lungo l'asta principale del fiume Po è riportato per le sezioni idrometriche storiche nel grafico e nelle tabelle seguenti. Figura 3 - Colmi di piena alle stazioni di rilevamento idrometrico 12,00 Magistrato per il Po Ufficio Coordinamento Servizio di Piena evento di piena Ottobre ,00 8,00 livelli idrometrici (m) 6,00 4,00 2,00 0,00 12/10/00 13/10/00 14/10/00 15/10/00 16/10/00 17/10/00 18/10/00 19/10/00 20/10/00 21/10/00 22/10/00 23/10/00 24/10/00 25/10/00 Crescentino Ponte Valenza Ponte Becca Piacenza Cremona Casalmaggiore Boretto Borgoforte Pontelagoscuro -2,00-4,00-6,00 data Tabella 3 Dati di sintesi della piena Ottobre 2000 Quota assoluta Tempo parziale Totale Stazione zero idrometrico Piena Ottobre 2000 propagazione onda di piena propagazione Onda di piena Becca 55,10 7,81 17/10/ Piacenza 42,16 10,5 17/10/ Cremona 34,34 6,15 18/10/ Boretto 19,95 9,06 19/10/ Borgoforte 14,70 9,93 19/10/ Pontelagoscuro 08,21 3,66 20/10/ Versione

8 SCENARIO DELL EVENTO Propagazione dell onda di piena La piena del fiume Po del 2000, dunque, è l evento di riferimento per la definizione dello scenario dell esercitazione e l individuazione delle fasi di attivazione del sistema di Protezione Civile previste dal modello di intervento di cui al protocollo d intesa sottoscritto in data 15 ottobre Viene simulata la formazione dell onda di piena nel tratto di Po a valle della confluenza del Ticino che è rappresentata dalle misure idrometriche alle stazioni di Becca, Piacenza, Cremona, Boretto, Borgoforte e Pontelagoscuro. Nella tabella sotto sono riportati i valori dei livelli idrometrici per ogni singola stazione idrometrica di riferimento rispetto ai quali si attivano le corrispondenti fasi di allerta di Protezione Civile. Tabella 4 Livelli idrometrici definiti per l attivazione dei livelli di allerta ai fini dell esercitazione PONTE BECCA PIACENZA CREMONA BORETTO BORGOFORTE PONTELAGOSCURO LIVELLI DI ALLERTA ATTENZIONE PREALLARME ALLARME Allagamento dell area golenale-argine destro del fiume Po nella provincia di Reggio Emilia L innalzamento dei livelli idrometrici del Po, prevede come scenario l allagamento delle aree golenali realmente interessate dalla piena del Sulla base delle disposizioni impartite, sono state allertate le imprese direttamente interessate ai lavori arginali, nonché i tecnici dei Consorzi di Bonifica interessati. E' stata condotta una ricognizione generale dello stato degli argini con particolare attenzione al tratto Coenzo-Brescello, recentemente adeguato agli attuali valori di riferimento ma finora non collaudato. Sulla base dei primi dati forniti da AIPO, venivano ipotizzati i primi valori di riferimento per il tratto reggiano, in termini di livelli idrometrici attesi e di tempo di arrivo e permanenza dell' onda di piena. Tale lavoro preliminare ha consentito di informare sullo stato dei fatti il Prefetto, alla presenza di tutti gli enti locali e istituti convocati per l'emergenza, dove sono stati illustrati i dati tecnici presunti dell'evento di piena atteso e la situazione degli argini, dei lavori in corso e dei possibili punti di debolezza. Il Prefetto, con l'accordo di tutti gli intervenuti, dispone pertanto la costituzione del COM - Centro Operativo Misto con sede presso il Comune di Guastalla, demandando a una riunione operativa ristretta le disposizioni immediate. Nella riunione operativa ristretta immediatamente seguente, i tecnici illustrano nei dettagli la situazione presente, proponendo le azioni concrete da adottare. Condividendo tutti i presenti il programma proposto, la riunione viene aggiornata alla mattinata successiva a Guastalla, in preparazione dei lavori del COM. I tecnici di AIPO e della Provincia, sulla base della verifica puntuale dei rilievi delle piene del 1994 e del 2000 e dei livelli idrometrici attesi (paragonabili a quelli del 2000), propongono al COM il quadro di interventi da attuare nell intervallo di tempo a disposizione prima dell'arrivo dell'onda di piena, pari a circa 48 ore di culmine registrato alla Becca (PV). Il programma sinteticamente esposto, viene approvato dal COM che ne affida la realizzazione nonché la sorveglianza, nei vari tronchi rispettivamente: - al Consorzio di Bonifica per il Crostolo e l Enza; - alle Imprese ove presenti; - alle associazioni del Volontariato, sotto il controllo dei tecnici dell AIPO, ufficiali idraulici e sorveglianti, dei tecnici della Bonifica dell Emilia Centrale, dei tecnici comunali e del STB, tra loro coordinati. Versione

9 Ai sindaci viene assegnato il compito di organizzare e coordinare gli interventi e sorvegliare ogni tronco nel rispettivo territorio comunale. Sulla base del programma esposto e approvato, il Prefetto affida al Sindaco del Comune capofila la responsabilità di coordinare tutte le attività tecniche disposte dal COM. La piena del 2000 ha fatto registrare a Boretto un livello idrometrico massimo pari a , e pertanto il livello atteso stimato per il Po. Ottimizzare l utilizzo del tempo a disposizione prima dell'arrivo dell'ondata di piena per disporre gli interventi utili al fine di garantire la sicurezza del territorio, considerando che sulla base delle esperienze precedenti il colmo a Boretto si verifica 48 ore dopo il colmo al Ponte della Becca. Scenari locali di rischio Criticità idrauliche indicate nella cartografia del Piano di emergenza provinciale e sottoposte alla validazione di AIPO: 1. adeguamento argine destro fiume Po tra il ponte di Coenzo e Brescello recentemente adeguato agli attuali valori di riferimento ma finora non collaudato. 2. argine destro fiume Po: lesioni di varia natura sul corpo arginale maestro (Boretto, Brescello, Guastalla) 3. località Ghiacciaia criticità rimossa 4. fontanazzo di modeste dimensioni acqua sierosa a mt. 50 circa dall'argine (Boretto) 5. piccolo fontanazzo a mt. 150 dall'argine infiltrazione all'unghia arginale (Gualtieri) 6. infiltrazione all'unghia arginale(boretto) 7. infiltrazione nell'argine (parte non diaframmata) circa 200 mt. e n 2 fontanazzi verso campagna (Luzzara) Manufatti idraulici da monitorare indicati dalla Bonifica 1. Impianto Canale derivatore 2. Botte Bentivoglio 3. Torrione Gualtieri 4. Canalazzo Brescellese (chiavica Scutellara) Localmente si verificheranno anche le criticità locali rilevate dalle Associazioni operanti sul territorio. Versione

10 Figura 4 - Ubicazione delle aree golenali allagate Figura 5 Localizzazione delle criticità idrauliche del sistema arginale dalla carta del modello di intervento Versione

11 MODELLO DI INTERVENTO Il modello d'intervento, che viene testato nella esercitazione, è quello concordato con il protocollo d intesa dell ottobre 2004, per la parte relativa agli eventi con possibilità di preannunciorischio idrogeologico, in riferimento anche agli indirizzi nazionali e come dettagliato nella pianificazione provinciale e locale di emergenza. Prevede l'attivazione delle fasi di attenzione, preallarme e allarme, in riferimento alle procedure previste dal sistema di allertamento nazionale e regionale con la rete dei centri funzionali, di cui alla circolare del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004, dettagliatamente definita dalla Regione, in particolare per la predisposizione degli avvisi meteo e di criticità e degli avvisi di protezione civile. Organismi di coordinamento LIVELLO REGIONALE Comitato Regionale per l Emergenza - COREM - presieduto dal Direttore dell Agenzia regionale di protezione civile; (all art. 23 della legge regionale 1/2005) Centro Operativo Regionale - COR - Agenzia Regionale di Protezione Civile (funzioni: tecnico scientifica e pianificazione; sanità, assistenza sociale e veterinaria; volontariato; mezzi e materiali; telecomunicazioni; strutture operative e SAR; assistenza alla popolazione) Centro Multirischio Agenzia Regionale di Protezione Civile Centro Funzionale ARPA-SIM Direzione regionale dei Vigili del Fuoco, per il coordinamento della funzione di soccorso tecnico urgente. Comando Regionale Corpo Forestale dello Stato Capitaneria di Porto Comitato regionale di coordinamento del volontariato di protezione civile LIVELLO PROVINCIALE Ufficio Territoriale del Governo Centro Coordinamento Soccorsi CCS presieduto dal Prefetto Sala operativa provinciale attivata presso l Ufficio Territoriale del Governo Prefettura (funzioni: tecnico scientifica e pianificazione; sanità, assistenza sociale e veterinaria; volontariato; mezzi e materiali; telecomunicazioni; strutture operative e SAR; assistenza alla popolazione) Provincia Comando provinciale dei Vigili del Fuoco Agenzia Interregionale fiume Po AIPO Servizio Tecnico di Bacino Consorzi di Bonifica AUSL 118 Coordinamento provinciale del volontariato di protezione civile LIVELLO SOVRACOMUNALE Centro operativo misto (COM), attivato dal Prefetto (funzioni: sanità, assistenza sociale e veterinaria; volontariato; mezzi e materiali; telecomunicazioni; strutture operative e SAR; assistenza alla popolazione, tecnica, censimento danni) LIVELLO COMUNALE Centro operativo comunale (COC ), coordinato dal Sindaco (funzioni: sanità, assistenza sociale e veterinaria; volontariato; mezzi e materiali; telecomunicazioni; strutture operative e SAR; assistenza alla popolazione) AUSL Locale Forze dell ordine presenti a livello Locali Strutture ed enti presenti nel territorio comunale Associazioni comunali del Volontariato Versione

12 ORGANIZZAZIONE CENTRI DI COMANDO Nell ambito dell esercitazione si prevede che dalla fase di Preallarme siano attivate realmente le 5 strutture di comando: COM di Guastalla COC di Brescello, Boretto, Gualtieri, Luzzara mentre saranno attivate virtualmente: COR CCS c/o sede Prefettura (o SOP) COC di Novellara, Poviglio, Reggiolo In questa occasione si è deciso di non allestire il Campo base con le tende, ma di insediare la Colonna Mobile presso l Area di Ammassamento soccorritori e mezzi di Guastalla, attualmente in fase di ultimazione (area c/o impianti sportivi comunali), già censita nella pianificazione di Protezione Civile ed oggetto delle attività di verifica e restituzione grafica ai sensi della DGR 1954/2009. Il Comune di Guastalla, d intesa con l Istituto di Istruzione Superiore Russell, mette a disposizione le palestre del polo scolastico per ospitare i volontari durante la notte di sabato. Il dimensionamento della Colonna Mobile è adeguato al numero di soccorritori attesi per affrontare gli scenari previsti, la progettazione è eseguita dallo specifico gruppo di lavoro col supporto dell Associazione Geometri Volontari nell ambito della Delibera sopra citata. Occorre precisare che l'insediamento della Colonna Mobile nel Piano di Emergenza per una Piena Catastrofica (con tempo di ritorno cinquecentennale corrispondente alla Fascia C dell'ex cartografia di PAI, oggi assunta dal PTCP 2010), sarebbe presso le Aree di Ammassamento di Correggio o Novellara. Questa esercitazione propone come scenario di evento una piena paragonabile a quella del 2000 che non prevede l'allagamento delle aree esterne all'argine maestro: per questo motivo è stato ritenuto possibile utilizzare il sito di Guastalla per l'allestimento della struttura. Il responsabile dell Area, che conformemente alle disposizioni di legge dovrà appartenere alle Istituzioni, sarà operativamente affiancato da 2 responsabili del volontariato; anche le varie funzioni dell'area quali logistica, cucina, sorveglianza, radiocomunicazioni ecc saranno rette da responsabili del volontariato. Versione

13 Figura 6 Planimetria dell Area di Ammassamento di Guastalla Figura 7 Area di Ammassamento e polo scolastico di Guastalla Versione

14 GRUPPI DI LAVORO La Funzione sanità (F2), composta da diversi settori dell'ausl reggiana e coordinata dal Reggio Soccorso, prevede di evacuare i pazienti di una struttura di Boretto e, in raccordo con il Servizio di Igiene Pubblica e con i servizi sociali, di procedere ad un censimento speditivo in merito alle richieste di supporto/soccorso registrate sul territorio per la popolazione non autosufficiente. Sarà inoltre simulata dal Servizio Veterinario l'evacuazione di un allevamento in golena. Oltre alle criticità arginali individuate nel Piano di Emergenza provinciale, i manufatti idraulici da monitorare indicati dalla Bonifica e le criticità minori locali rilevate dalle associazioni sul territorio, nella presente esercitazione sono inseriti ulteriori scenari di danno verosimili, anche sulla scorta di quanto già accaduto nel A tal proposito il Coordinamento delle Organizzazioni per il Volontariato ha istituito i seguenti gruppi di lavoro che, oltre ad affrontate le suddette emergenze legate a particolari scenari, si occupano delle classiche aree tematiche: - Gruppo Cinofili: ricerca persone disperse durante le operazioni di evacuazione della golena - Gruppo Tutela Beni Culturali: simulazione di sgombro preventivo di opere d'arte in mostra in un palazzo storico prossimo ad essere allagato - Gruppo tutela dell'ambiente: simulazione di bonifica di un'area inquinata da sversamento di idrocarburi da una cisterna sommersa dalla piena sotto la guida dei tecnici di ARPA - Gruppo Logistica: dimensionamento, progettazione e allestimento dell Area di Ammassamento soccorritori e mezzi - Gruppo Radiocomunicazioni: allestimento sale radio e prova collegamenti fra il COM, i COC, l Area d Ammassamento e le squadre sul territorio - Gruppo Cucina: allestimento di 2 cucine da campo e preparazione pasti - Gruppo formazione: organizzazione di approfondimenti tematici da inserire nelle pause fra le prove pratiche Gli orari, le corrispondenti quote idrometriche del Po, il dettaglio delle attività previste, il luogo di svolgimento, il personale impiegato sono illustrate nell'elaborato Cronoprogramma. PARTECIPAZIONI ESTERNE L'esercitazione assume di fatto carattere interprovinciale, in quanto la Provincia di Mantova e l'unione Bassa Est Parmense dei Comuni di Colorno, Sorbolo e Mezzani hanno espresso interesse alla partecipazione nei propri territori (limitrofi alla nostra provincia). La Provincia di Mantova desidererebbe svolgere la propria esercitazione annuale, unitamente a questa, per testare l operatività della propria Colonna Mobile Provinciale. L'Unione Bassa Est Parmense, oltre a condividere con Reggio Emilia i problemi del nodo critico sull'enza legato al Ponte sulla SP62R, già oggetto di intervento in occasione di eventi di piena, intenderebbe testare il loro piano di emergenza sovracomunale in fase di redazione. Versione

15 ENTE FUNZIONI DI SUPPORTO ATTIVATE DAL PIANO RISCHIO IDRAULICO (AMBITO PO) PREFETTURA AGENZIA REGIONALE PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA RE VVF CFS COMUNE SEDE COM COMUNI RIVIERASCHI POLIZIE MUNICIPALI AIPO STB BONIFICHE USL 118 F2 CRI/ANPAS ARI COORDINAMENTO VOLONTARIATO GRUPPI VOLONTARIATO CARABINIERI - FORZE POLIZIA FUNZIONI AL COM GUASTALLA F14 F1 F1 - F9 - F13 - F5 F10 F10 F5 - F6 - F9 - F13 F5 - F6 - F9 - F13 F9 - F6 - F13 F1 - F9 F1 F1 - F9 - F5 F2 F2 - F13 - F4 F7 F4 - F5 - F10 - F13 F4 - F13 F6 - F10 ACT F6 FUNZIONI ACCORPATE F1 - F9 COM/COC COC F1 Tecnico scientifico e pianificazione ENTE RESPONSABILE FUNZIONE PROVINCIA ENTI COMPOSIZIONE FUNZIONE AIPO - STB - BONIFICHE - AGENZIA REGIONALE PROTEZIONE CIVILE F9 Censimento danni PROVINCIA COMUNI - PM - AIPO - BONIFICHE F2 F2 Sanità, assistenza sociale e veterinaria 118 CRI - ANPAS - USL SERVIZIO VETERINARIO F4 F4 Volontariato COORDINAMENTO VOL. RE ANA - GRUPPI COMUNALI - PROING - GEOPROCIV F5 - F6 F5 Materiali e mezzi F6 Trasporti, circola. e viabilità COMUNE SEDE DI COM COMUNE SEDE DI COM COMUNI - COORDINAMENTO - BONIFICHE - PROVINCIA COMUNI - PM - CARABINIERI - ACT F7 F7 Telecomunicazione ARI ANTENNA AMICA F10 F14 F10 Strutture operative F14 Coordinamento Centri operativi VVF DELEGATO PREFETTURA F13 F13 Logistica evacuati PROVINCIA COORDINAMENTO - CFS - FORZE DI POLIZIA COMUNI - PM - GRUPPI VOLONT. COMUNALI - COORDINAMENTO (ANPAS) Versione

16 Versione ALLEGATI

17 Versione

18 Versione

19 Versione

20 Versione

21 Versione

Esercitazione Provinciale Rischio Idraulico ambito Fiume Po. Po 2012. 3-4 marzo 2012

Esercitazione Provinciale Rischio Idraulico ambito Fiume Po. Po 2012. 3-4 marzo 2012 COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA PROTEZ IONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILA Esercitazione Provinciale Rischio Idraulico ambito Fiume Po Po 2012 3-4 marzo 2012 a cura di

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

La prevenzione attraverso la gestione dei presidi idraulici ed idrogeologici

La prevenzione attraverso la gestione dei presidi idraulici ed idrogeologici La prevenzione attraverso la gestione dei presidi idraulici ed idrogeologici Settimo T.se, ottobre 2011 PRESIDI IDRAULICI E IDROGEOLOGICI DI REGIONE PROVINCIA COM PRESIDIO COMUNE... A COMUNE... B PUNTI

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

Piano di Emergenza. del Fiume Po Incontro 16 Settembre 2013

Piano di Emergenza. del Fiume Po Incontro 16 Settembre 2013 Piano di Emergenza Provinciale del Fiume Po Incontro 16 Settembre 2013 Normativa di Riferimento: - L. 225/92 Istituzione del Servizio Nazionale di - LR 16/2004 Testo unico in materia di protezione civile

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

Settembre 2015. Emergenza alluvione a Roncaglia. Comune di Piacenza

Settembre 2015. Emergenza alluvione a Roncaglia. Comune di Piacenza Settembre 2015 Emergenza alluvione a Roncaglia Emergenza Trebbia cronologia eventi nella mattina del 14 settembre 3.00 circa Notizie informali su rilascio dalla diga Boschi (telefonata da Prefettura a

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA

IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA IL PIANO INTERCOMUNALE PROTEZIONE CIVILE TERRE ESTENSI - COMUNI DI FERRARA, MASI TORELLO, VOGHIERA LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE Storia della protezione civile in Italia legata alle calamità: dalle

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 in data 29 novembre 2007) INDICE

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino distrettuali

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la gestione e la valorizzazione dei magazzini idraulici di A.I.PO

PROTOCOLLO D INTESA per la gestione e la valorizzazione dei magazzini idraulici di A.I.PO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. DEL PROTOCOLLO D INTESA per la gestione e la valorizzazione dei magazzini idraulici di A.I.PO nel circondario idraulico di ROVIGO PROTOCOLLO DI INTESA tra l'agenzia Interregionale

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Parma All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Parma All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME PRIORITÀ ALTA DATA ORARIO: DA: PREFETTURA DI A: AMMINISTRAZIONI, ORGANI ED ENTI DI CUI ALL UNITO ELENCO MESSAGGIO N. ALLE ORE. IN LOCALITÀ. SI E VERIFICATO (INDICARE TIPO

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

MODULISTICA OPERATIVA

MODULISTICA OPERATIVA MODULISTICA OPERATIVA INDICE SCHEDA OPERATIVA PER ATTIVAZIONE PIANO DI EMERGENZA Pag. 2 MESSAGGIO DI ALLARME, EMERGENZA E CESSATO ALLARME Pag. 4 COMUNICATO ALLA POPOLAZIONE Pag. 7 SCHEDA OPERATIVA RISCHIO

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione

Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione Piano Comunale di Protezione Civile Presentazione Aprile 2012 Comune di Piacenza Il Piano Comunale di Protezione Civile, nella sua edizione aggiornata, è stato elaborato con lo scopo di fornire al Comune,

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

L ESERCITAZIONE TRANSFRONTALIERA DI PROTEZIONE CIVILE RIVES 20 giugno 2007

L ESERCITAZIONE TRANSFRONTALIERA DI PROTEZIONE CIVILE RIVES 20 giugno 2007 STRATEGIE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO Sviluppi e prospettive per il territorio transfrontaliero Milano, 26 ottobre 2010 PIC INTERREG III A 2000-2006 ALCOTRA PROGETTO RIVES protezione del territorio

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5A PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO S1 IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5A PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO S1 IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5A PROCEDURE OPERATIVE RISCHIO S1 IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Gruppo di Lavoro 4 Telecomunicazioni Po 2007 Esercitazione Regionale Emilia - Romagna Reggio Emilia 28 29 30 Settembre 2007 IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Ughi Gilberto PREMESSA Il presente

Dettagli

Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino

Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino Luogo dell Evento: Parco degli Etruschi (compreso nell area tra via Gramsci, Cimitero Maggiore,

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi;

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi; Comune di Santa Lucia di Piave Provincia di Treviso Regione del Veneto Servizio Emergenza Radio 1 - T E M A Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012 Evento Sismico e intervento alluvionale.

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO Ing. Stefano Allegri Tec.Comunale Sindaco Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Redazione Verifica Approvazione Pag. 1 di 1 1. CONSIDERAZIONI

Dettagli

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA ALLEGATO A decreto dirigenziale n. del MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA 0. Premessa La valutazione di un evento di protezione

Dettagli

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A () (, CC, Polizia Municipale,..) FASE DI ATTENZIONE Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione Fax, telefono, cellulare ()

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

di PROTEZIONE CIVILE

di PROTEZIONE CIVILE PIANO SOVRACOMUNALE di PROTEZIONE CIVILE Fra i Comuni di Candiolo Via Foscolo, 4 Tel. 011.9934800 fax 011.9625926 e-mail comandopm@comune.candiolo.torino.it Castagnole Piemonte Via Roma, 2 Tel. 011.9862811,

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE della Provincia di Torino

PIANO PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE della Provincia di Torino PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE PIANO PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE della Provincia di Torino Allegato 1 Analisi dei corsi d'acqua provinciali e delle Attività Estrattive nelle

Dettagli

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI INTERVENTO COORDINATO PER LA RICERCA DELLE PERSONE DISPERSE ----------------------- PREFETTURA DI RIMINI - PIANO PER LA RICERCA DI PERSONE DISPERSE EDIZIONE 2011 Pagina 1 INDICE 1. Premessa pag.3

Dettagli

Il presente documento è stato redatto con il contributo degli Uffici Periferici dell Agenzia:

Il presente documento è stato redatto con il contributo degli Uffici Periferici dell Agenzia: RELAZIONE SULL EVENTO DI PIENA NEL BACINO DEL PO _ 03-12 NOVEMBRE 2011 Il presente documento è stato redatto con il contributo degli Uffici Periferici dell Agenzia: Ufficio di Torino-Moncalieri Ufficio

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile 1 COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza Piano Comunale di Protezione Civile Caorso 6 Ottobre 2009 2 RIFERIMENTI NORMATIVI DEL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE Legge 24.02.1992 n.225 (Istituzione del servizio

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO

MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Provincia di Forlì-Cesena PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO 11.07.08 Numeri Utili e di Reperibilità (aggiornato a giugno 2008) S.O.U.P. Sala

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA STRALCIO RISCHIO IDRAULICO

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA STRALCIO RISCHIO IDRAULICO Provincia di Modena U.O. PROTEZIONE CIVILE e DIFESA DEL SUOLO PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA STRALCIO RISCHIO IDRAULICO PROTOCOLLO D INTESA E MODELLO DI INTERVENTO Aprile 2006 INDICE PREMESSA....1 1) IL

Dettagli

Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 1994. Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 2000

Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 1994. Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 2000 Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 1994 Pavia - Borgo Ticino Alluvione del 2000 Pavia Alluvione del 2000 Sistema di preannuncio dei livelli del Fiume Ticino a Pavia Pavia Borgo Ticino (ingresso di via

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE CONTATTI E NUMERI UTILI DI PROTEZIONE CIVILE NUMERI UTILI DENOMINAZIONE INDIRIZZO DELLA SEDE TEL. REPERIBILE PREFETTURA Piazza del Papa

Dettagli

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Segreteria Normalità Emergenza Logistica Mezzi Materiali Specialità

Dettagli

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari della Protezione Civile di Paola Vitaletti (avvocato) Nel nostro Paese, da lungo tempo ormai, l intervento in emergenza è divenuto

Dettagli

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO 9290 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7 Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

Dettagli

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri##

Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria. F. Geri, Milano 8 ottobre 2013. F.#Geri## Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile per l emergenza in galleria F. Geri, Milano 8 ottobre 2013 www.protezionecivile.gov.it Lo scenario di rischio e le attività di protezione civile

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE TRA PROVINCIA DI TERNI ASSESSORATO ALLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DA ADOTTARE NELLE EMERGENZE IDRAULICHE Con la collaborazione Prefettura

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE 18 IL VOLONTARIATO Il volontariato di Protezione Civile è nato sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno colpito l'italia negli ultimi 50 anni: l'alluvione di Firenze del 1966 e i terremoti del

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Casalgrande, Lì 5/03/2012 Prot.gen.n.3014, 3017 e 3019 Cat.n.06/01 Al Presidente della Regione Emilia Romagna Al Presidente della Provincia Reggio Emilia Al Sindaco del Comune di Reggio Emilia Al Sindaco

Dettagli

Le figure della protezione civile a livello comunale

Le figure della protezione civile a livello comunale Obiettivo della lezione: Conoscere la struttura e le attività di un gruppo comunale di protezione civile Le figure della protezione civile a livello comunale Il responsabile della protezione civile a livello

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE

REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE (delibera del Comitato Centrale C.R.I. del 29 aprile 2006 n.39) Articolo

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

Inquadramento normativo, Selezione, Formazione, Integrazione e Compiti del Volontariato nella Protezione Civile

Inquadramento normativo, Selezione, Formazione, Integrazione e Compiti del Volontariato nella Protezione Civile Inquadramento normativo, Selezione, Formazione, Integrazione e Compiti del Volontariato nella Protezione Civile Sergio Bergomi Associazione Nazionale Alpini 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli