BUZZI UNICEM SpA PROSPETTO INFORMATIVO. Relativo a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BUZZI UNICEM SpA PROSPETTO INFORMATIVO. Relativo a"

Transcript

1 BUZZI UNICEM SpA Sede: Casale Monferrato (AL) - via Luigi Buzzi n. 6 Capitale sociale: euro ,40 interamente versato Codice fiscale e Registro delle Imprese di Alessandria: PROSPETTO INFORMATIVO Relativo a OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI E AI POSSESSORI DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI DI MASSIME N AZIONI ORDINARIE BUZZI UNICEM SpA Prospetto Informativo depositato presso la CONSOB in data 30 giugno 2004 L adempimento di pubblicazione del Prospetto Informativo non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Ai sensi dell articolo 33, comma 2, del Regolamento CONSOB n /99, il presente Prospetto Informativo non è sottoposto a controllo preventivo da parte della CONSOB

2

3 INDICE AVVERTENZE PER L INVESTITORE INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DELL OPERAZIONE E DELL EMITTENTE L Emittente L Offerta Dati contabili e moltiplicatori SEZIONE PRIMA INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE GLI STRUMENTI FINANZIARI I. INFORMAZIONI CONCERNENTI L ATTIVITA DELL EMITTENTE E DEL GRUPPO AD ESSA FACENTE CAPO Informazioni sui recenti sviluppi dell attività dell Emittente e del Gruppo ad essa facente capo e descrizione sommaria del Gruppo Buzzi Unicem Informazioni circa l eventuale dipendenza da brevetti, licenze, contratti industriali, commerciali o finanziari o da procedimenti di fabbricazione Investimenti Procedimenti giudiziari o arbitrali Eventuali interruzioni di attività II. INFORMAZIONI CONCERNENTI GLI ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione e principali attività svolte dai componenti al di fuori della Società e aventi rilievo nei suoi confronti Collegio Sindacale e principali attività svolte dai componenti al di fuori della Società e aventi rilievo nei suoi confronti Direttore Generale e principali dirigenti Compensi destinati dall Emittente e dalle società direttamente o indirettamente controllate, per l ultimo esercizio chiuso, ai componenti del Consiglio di Amministrazione, al Direttore Generale ed ai componenti del Collegio Sindacale Azioni dell Emittente detenute, direttamente o indirettamente, al 31/12/2003 dai componenti del Consiglio di Amministrazione, dal Direttore Generale e dai componenti del Collegio Sindacale Interessi dei componenti del Consiglio di Amministrazione, del Direttore Generale e dei componenti del Collegio Sindacale in operazioni straordinarie effettuate dall Emittente Interessi dei dirigenti rispetto all Emittente ed al Gruppo ad essa facente capo Piano di assegnazione di azioni di risparmio al personale direttivo Azioni di risparmio assegnate a componenti del Consiglio di Amministrazione e al Direttore Generale nel corso dell esercizio chiuso al 31/12/ Prestiti concessi e/o garanzie costituite a favore dei componenti del Consiglio di Amministrazione, del Direttore Generale e dei componenti del Collegio Sindacale I

4 III. INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ASSETTI PROPRIETARI Soggetti che possiedono partecipazioni superiori al 2% del capitale sociale ordinario Descrizione dell azionariato risultante a seguito dell Offerta Soggetto controllante ai sensi dell art. 93 del Decreto Legislativo del 24 febbraio 1998 n Indicazione dell eventuale esistenza di patti parasociali IV. INFORMAZIONI RIGUARDANTI IL PATRIMONIO, LA SITUAZIONE FINANZIARIA ED I RISULTATI ECONOMICI DELL EMITTENTE E DEL GRUPPO AD ESSA FACENTE CAPO V. INFORMAZIONI RELATIVE ALL ANDAMENTO RECENTE ED ALLE PROSPETTIVE DELL EMITTENTE E DEL GRUPPO AD ESSA FACENTE CAPO Indicazioni sui fatti rilevanti verificatisi successivamente al 31/03/ Prospettive dell Emittente e del Gruppo ad essa facente capo VI. INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE SULL EMITTENTE E SUL CAPITALE SOCIALE Denominazione e forma giuridica Sede legale e sede amministrativa Conformità dello Statuto alle prescrizioni di cui al Decreto Legislativo 24 febbraio 1998 n Ammontare attuale del capitale sociale sottoscritto e caratteristiche delle azioni Capitale deliberato e non ancora sottoscritto o impegni per l aumento del capitale ovvero delega agli Amministratori Obbligazioni convertibili o con warrants Azioni proprie detenute in portafoglio direttamente o indirettamente anche attraverso società fiduciarie o per interposta persona Autorizzazioni dell Assemblea all acquisto di azioni proprie SEZIONE SECONDA INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELLA SOLLECITAZIONE VII. INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI Descrizione delle azioni offerte Descrizione dei diritti connessi alle azioni offerte Decorrenza del godimento delle azioni offerte Regime fiscale Regime di circolazione delle azioni offerte Eventuali limitazioni alla libera disponibilità delle azioni offerte Quotazione delle azioni ordinarie Buzzi Unicem Effetti di diluizione Eventuale effetto di diluizione nell ipotesi di mancata sottoscrizione dei diritti di opzione 70 II

5 VIII. INFORMAZIONI RELATIVE A RECENTI OPERAZIONI AVENTI AD OGGETTO GLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELLA SOLLECITAZIONE Emissione o collocamento di azioni ordinarie Buzzi Unicem negli ultimi 12 mesi Offerte pubbliche di acquisto o di scambio Sottoscrizione o collocamento privato di strumenti finanziari dell Emittente in prossimità dell Offerta SEZIONE TERZA INFORMAZIONI RIGUARDANTI LA SOLLECITAZIONE IX. INFORMAZIONI RIGUARDANTI L OFFERENTE Informazioni riguardanti l Offerente Documenti a disposizione del pubblico X. INFORMAZIONI RIGUARDANTI I COLLOCATORI XI. INFORMAZIONI RIGUARDANTI LA SOLLECITAZIONE Ammontare totale dell emissione Delibere e autorizzazioni Destinatari della sollecitazione e mercati di offerta Periodo di Offerta Prezzo di Offerta Modalità di adesione Criteri di riparto Soggetto tenuto a comunicare i risultati della sollecitazione Modalità e termini di comunicazione ai richiedenti di avvenuta assegnazione delle azioni offerte Modalità e termini di pagamento del prezzo Modalità e termini di consegna delle Azioni offerte Garanzia del buon esito dell Offerta Stima dell ammontare complessivo delle spese relative all operazione Stima del ricavato netto della sollecitazione e sua destinazione XII. INFORMAZIONI RIGUARDANTI LA QUOTAZIONE Mercati di quotazione Estremi del provvedimento di quotazione Periodo di inizio delle negoziazioni Sponsor XIII. APPENDICI E DOCUMENTAZIONE A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO Stato patrimoniale e conto economico consolidati al 31/12/ Relazione della Società di Revisione al bilancio consolidato al 31/12/ Relazione del Collegio Sindacale al bilancio al 31/12/ Relazione della Società di Revisione allo stato patrimoniale e conto economico consolidati pro-forma al 31/12/ Statuto sociale di Buzzi Unicem SpA III

6 XIV. INFORMAZIONI RELATIVE AI RESPONSABILI DEL PROSPETTO, ALLA REVISIONE DEI CONTI ED AI CONSULENTI Responsabili del prospetto Società di revisione e durata del conferimento Eventuale altro organo esterno di verifica Altri dati inclusi nel Prospetto Informativo Rilievi della Società di revisione Dichiarazione di responsabilità Esclusione dei mercati di Offerta nei quali non sia consentita l Offerta in assenza di autorizzazioni delle Autorità L Offerta è promossa esclusivamente sul mercato italiano. Essa non è stata e non sarà diffusa negli Stati Uniti d America, nonché in qualsiasi altro Paese nel quale tale diffusione non sia consentita in assenza di autorizzazioni da parte delle competenti autorità (di seguito, collettivamente gli Altri Paesi ), né utilizzando i servizi postali né alcun altro strumento di comunicazione o di commercio interno o internazionale (ivi inclusi, a titolo esemplificativo, la rete postale, il fax, il telex, la posta elettronica, il telefono ed Internet) degli Stati Uniti d America o degli Altri Paesi, né attraverso alcuno dei mercati regolamentati nazionali degli Stati Uniti o degli Altri Paesi, né in alcun altro modo. Ne consegue che copia del presente Prospetto Informativo, così come copia di qualsiasi diverso documento che Buzzi Unicem emetterà in relazione alla presente Offerta in opzione non sono e non dovranno essere inviati o in qualsiasi modo trasmessi o comunque distribuiti negli Stati Uniti d'america o negli Altri Paesi. Chiunque riceva il presente Prospetto Informativo (ivi inclusi in via esemplificativa e non limitativa, custodi, fiduciari e trustees), così come qualsiasi altro documento emesso da Buzzi Unicem in relazione all Offerta in opzione, non potrà distribuirli, inviarli (anche a mezzo posta) negli o dagli Stati Uniti d America o negli o dagli Altri Paesi né utilizzare i servizi postali e gli altri mezzi di consimile natura in relazione all Offerta in opzione. Chiunque si trovi in possesso dei suddetti documenti si deve astenere dal distribuirli, inviarli o spedirli sia negli o dagli Stati Uniti d America sia negli o dagli Altri Paesi, e si deve altresì astenere dall utilizzare strumenti di comunicazione o commercio internazionale degli Stati Uniti d America o degli Altri Paesi per qualsiasi fine legato all Offerta in opzione. Il presente Prospetto Informativo non potrà essere interpretato quale offerta di strumenti finanziari rivolta a soggetti residenti negli Stati Uniti d America o negli Altri Paesi. Le Azioni e i relativi diritti di opzione non possono essere offerti o compravenduti negli Stati Uniti d America o negli Altri Paesi in assenza di specifica autorizzazione in conformità alle disposizioni di legge applicabili in ciascuno di tali paesi, ovvero di deroga rispetto alle medesime disposizioni. Le Azioni e i relativi diritti di opzione non sono stati né saranno registrati ai sensi del United States Securities Act del 1933 e successive modificazioni né ai sensi delle corrispondenti normative in vigore negli Altri Paesi e non potranno conseguentemente essere offerti, o comunque consegnati direttamente o indirettamente negli Stati Uniti d America o negli Altri Paesi se non avvalendosi di specifiche deroghe agli obblighi di registrazione o autorizzazione ai sensi delle disposizioni di legge applicabili. IV

7 AVVERTENZE PER L INVESTITORE L Operazione oggetto del presente Prospetto Informativo di sollecitazione (di seguito il Prospetto Informativo ) presenta i rischi tipici di un investimento in titoli azionari. Si invitano pertanto gli investitori a tenere in considerazione le seguenti informazioni al fine di un miglior apprezzamento dell investimento. Si indicano di seguito i fattori di rischio e/o criticità, sia generici che specifici, che dovranno essere tenuti in considerazione prima di qualsiasi decisione di sottoscrizione, ed in particolare vengono evidenziati quelli relativi all Emittente, all ambiente in cui questa opera, nonchè agli strumenti finanziari proposti. Il contenuto delle avvertenze deve essere letto congiuntamente alle altre informazioni fornite nel Prospetto Informativo. a) Fattori di rischio relativi all Emittente ed ai settori e mercati in cui opera Procedimenti giudiziari pendenti ed eventuali passività potenziali Alla data di pubblicazione del presente Prospetto Informativo il Gruppo Buzzi Unicem è parte di controversie legate al normale svolgimento della sua attività. Si segnalano, inoltre, i seguenti procedimenti in corso. Procedimento Antitrust calcestruzzo Lombardia In data 3 aprile 2003 l'autorità Italiana della Concorrenza e del Mercato ha aperto un procedimento riguardante un presunto accordo tra un certo numero di produttori di calcestruzzo, tra cui Unicalcestruzzi S.p.A., produttori facenti per lo più capo a Gruppi, come Buzzi Unicem, aventi presenza anche nel settore del cemento. L attività presa in considerazione dall Autorità è limitata alla sola area della Regione Lombardia. In data 29 aprile 2004 l Autorità ha trasmesso le risultanze preliminari dell istruttoria, in base alle quali sarebbe stata accertata la partecipazione di Unicalcestruzzi S.p.A. ad un intesa anticoncorrenziale commessa dal settembre 1999 alla fine del Unicalcestruzzi S.p.A. ritiene di non poter essere considerata responsabile di alcuna violazione delle regole di concorrenza. Si evidenzia che in caso di decisione contraria, che si può concretizzare in un provvedimento sanzionatorio di tipo pecuniario, Unicalcestruzzi S.p.A. si riserva la possibilità di ricorso al T.A.R. del Lazio (per maggiori dettagli si rimanda alla Sez. I, Cap. I, Par. 1.4). Procedimento Antitrust Dyckerhoff E in corso un procedimento giudiziario contro la sanzione comminata alla controllata Dyckerhoff AG dall Autorità Federale dell Antitrust Tedesca per presunta attività anticoncorrenziale nel settore del cemento Germania. Dyckerhoff AG ha provveduto ad effettuare l accantonamento della sanzione già nell esercizio 2002; il relativo fondo al 31 dicembre 2003 ammontava a 86,8 milioni di euro. 1

8 Dipendenza da contratti La Società ritiene che non vi siano contratti industriali, finanziari o commerciali da cui il Gruppo sia fortemente dipendente. Si segnalano per completezza d informazione i seguenti contratti di natura finanziaria aventi particolare rilevanza: (i) il finanziamento organizzato da SANPAOLO IMI S.p.A. per l acquisizione della partecipazione in Dyckerhoff AG (ii) il prestito obbligazionario di 450 milioni di dollari collocato nella primavera del 2002 presso investitori istituzionali statunitensi; (iii) il prestito obbligazionario in due tranches rispettivamente di 240 milioni di dollari e di 30 milioni di euro collocato nel settembre 2003 presso investitori istituzionali statunitensi; (iv) il prestito emesso da Dyckerhoff AG del valore nominale di euro 201 milioni, sottoscritto principalmente dalla famiglia Dyckerhoff, con scadenza fino al 2012, tasso corrente del 4,5% p.a. e tasso supplementare di 2,5% p.a. pagabile alla scadenza; (v) l opzione put concessa a IMI Investments SA relativamente alle azioni Dyckerhoff dalla stessa possedute, per la quale si rimanda alla Sez. I, Cap. I, Par I prestiti di cui ai punti (ii) e (iii), emessi dalla controllata al 100% RC Cement Holding Company (ora RC Lonestar Inc.) rappresentano circa il 32,1% del totale dei debiti finanziari al 31 maggio 2004 (per ulteriori dettagli, si veda Sez. I, Cap. I, par. 1.1) Dichiarazioni previsionali Il Prospetto Informativo contiene alcune informazioni di carattere previsionale circa l attività ed i risultati della Società e del Gruppo ad essa facente capo e circa eventi futuri che, per loro natura, sono caratterizzati da un certo grado di rischio ed incertezza. La Società non può garantire che tali previsioni siano mantenute o confermate a causa del verificarsi di eventi ignoti e altri fattori di rischio nonché a causa dell evoluzione delle strategie del Gruppo ovvero delle condizioni di mercato in cui esso opera. b) Fattori di rischio relativi agli strumenti finanziari proposti Le Azioni Ordinarie oggetto di sollecitazione presentano gli elementi di rischio in strumenti finanziari della stessa natura. Effetti diluitivi Il prezzo di emissione delle Azioni Ordinarie, fissato dal Consiglio di Amministrazione di Buzzi Unicem del 28 giugno 2004 in euro 8,50, di cui euro 7,90 a titolo di sovraprezzo, per ciascuna azione, si confronta con un patrimonio netto contabile per azione di euro 4,72, determinato sulla base del patrimonio netto civilistico di Buzzi Unicem SpA quale risultante dal bilancio al 31 dicembre 2

9 2003, e di euro 7,91 sulla base del patrimonio netto consolidato di pertinenza del Gruppo quale risultante dal bilancio consolidato al 31 dicembre L aumento di capitale, pertanto, essendo offerto, considerato il sovraprezzo, ad un prezzo complessivo superiore al suddetto valore del patrimonio netto contabile per azione, non avrà effetti diluitivi sul valore di patrimonio netto per azione nei confronti degli azionisti che non eserciteranno o eserciteranno parzialmente i diritti di opzione loro spettanti. L aumento di capitale avrà, invece, effetti diluitivi, in termini di percentuale di partecipazione al capitale sociale, nei confronti degli azionisti che non eserciteranno o eserciteranno parzialmente i diritti di opzione loro spettanti. In particolare, gli attuali azionisti subirebbero una diluizione massima della propria partecipazione, considerando l integrale conversione del prestito obbligazionario Buzzi Unicem 4% convertibile, pari al 17,15% per gli azionisti ordinari in relazione all attuale capitale sociale ordinario ed al 13,33% per tutti gli azionisti ordinari e di risparmio in relazione all intero capitale sociale attuale. Infine, poiché sono offerte in opzione solo Azioni Ordinarie Buzzi Unicem anche agli azionisti di risparmio Buzzi Unicem ed ai possessori delle obbligazioni convertibili del prestito obbligazionario Buzzi Unicem 4% convertibile, l aumento di capitale avrà comunque effetti diluitivi, in termini di percentuale di partecipazione al capitale sociale rappresentato da azioni ordinarie, per gli azionisti ordinari. Potenziale conflitto di interessi Il buon esito dell operazione è garantito da Banca IMI S.p.A., la quale intrattiene, direttamente o attraverso società del gruppo al quale la stessa appartiene, rapporti di finanziamento con società del Gruppo Buzzi Unicem, nonché è titolare, tramite la propria controllata IMI Investments S.A., dell opzione put relativamente alle azioni Dyckerhoff dalla stessa possedute (cfr. Sez. I, Cap. I, Par. 1.1). 1 Euro 8,18 sulla base del patrimonio netto consolidato di pertinenza del Gruppo quale risultante dalla relazione trimestrale al 31 marzo

10 INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DELL OPERAZIONE E DELL EMITTENTE Le informazioni sintetiche di seguito riportate devono essere esaminate congiuntamente a quelle più analitiche contenute all interno del Prospetto. 1 L Emittente Buzzi Unicem S.p.A. (di seguito Buzzi Unicem, l Emittente, la Società o la Capogruppo ) costituisce la Società Capogruppo del Gruppo Buzzi Unicem (nato nel 1999 dall integrazione delle società facenti capo a Buzzi Cementi S.p.A. e delle società facenti capo a Unicem S.p.A.) che opera nel settore della produzione e commercializzazione del cemento, del calcestruzzo e di alcune attività strettamente correlate, quali la produzione di additivi chimici per il processo di produzione di cemento, calcestruzzo preconfezionato, malte e intonaci premiscelati. Uno schema rappresentativo delle principali Società del Gruppo Buzzi Unicem alla data del presente Prospetto Informativo è di seguito riportato: BUZZI UNICEM SpA CEMENTO CALCESTRUZZO E AGGREGATI ATTIVITA CORRELATE ATTIVITA ESTERE BUZZI UNICEM UNICAL 100% LATERLITE 30% ALAMO CEMENT 100% USA CEMENTI RIVA 100% BETONVAL 70% ADDIMENT ITALIA 50% BUZZI UNICEM USA 52% 1 USA CEMENTI MOCCIA 50% (4) 15 partecipate 20%-50% PREMIX 40% CORP. MOCTEZUMA 50% 2 MESSICO Società quotate DYCKERHOFF 67% 3 GERMANIA (1) Marchio commerciale di RC Lonestar Inc. Il rimanente 48% è detenuto da Dyckerhoff (2) % della quota di controllo (3) Azioni ordinarie (4) Aumento della partecipazione dal 30% al 50% previsto entro il 30 giugno

11 Le tabelle che seguono sintetizzano i principali dati economico/finanziari del Gruppo Buzzi Unicem al 31 dicembre 2003; essi includono pro-forma Dyckerhoff, che nel 2003 era ancora consolidata con il metodo del patrimonio netto. milioni di euro 31/12/2003 pro forma Fatturato 2.781,9 Margine operativo lordo 680,1 % fatturato 24,4% Utile operativo 406,6 Proventi straordinari 188,7 Risultato prima degli interessi di azionisti terzi 361,1 Quota di competenza di terzi - 201,9 Utile netto del Gruppo 159,3 Cash flow* 634,7 milioni di euro 31/12/2003 pro forma Patrimonio netto (Gruppo+Terzi) 1.896,4 Quota di competenza di terzi 539,8 Posizione finanziaria netta (1.191,5) * Risultato prima degli interessi di azionisti terzi + ammortamenti Oltre che in Italia, dove è il secondo operatore con una quota nel mercato del cemento stimata 2 attorno al 18%, il Gruppo Buzzi Unicem è presente anche negli Stati Uniti (ove dopo la fusione con le attività prima facenti capo a Dyckerhoff costituisce il 4 produttore di cemento), in Messico e tramite la controllata Dyckerhoff in Germania (2 produttore di cemento), Polonia, Repubblica Ceca, Russia ed Ucraina. Laddove non sia evidenziata la fonte, i dati di mercato cui si fa riferimento nel presente prospetto sono stimati internamente dalla Società. Complessivamente, dispone attualmente di 45 cementerie, (la capacità produttiva è di circa 38 milioni di tonnellate annue) e circa 450 impianti di produzione di calcestruzzo. Nel 2003, consolidando pro-forma Dyckerhoff, il Gruppo Buzzi Unicem ha venduto circa 31,8 milioni di tonnellate di cemento e 14,8 milioni di metri cubi di calcestruzzo. La ripartizione del fatturato per prodotto ed area geografica è rappresentata nel seguente grafico: Fatturato 2003 pro forma con consolidamento integrale Dyckerhoff Polonia Rep Ceca 3% 4% Lux 4% Mes s ico 5% Russia 2% Ucraina 1% Italia 34% Calcestruzzo 32% Altro 1% Germ ania 19% USA 28% Cemento 67% 2 Ove non diversamente specificato, le stime indicate nel presente Prospetto Informativo sono effettuate dalla Società. 5

12 Nei prossimi anni il Gruppo Buzzi Unicem manterrà una costante attenzione all efficienza ed allo sviluppo nei mercati serviti, attuando programmi di investimento mirati al continuo miglioramento dei processi, sia produttivi che amministrativi, in linea con gli indirizzi gestionali da sempre perseguiti. Nel 2003, gli investimenti industriali in immobilizzazioni immateriali e materiali sono ammontati a 102,1 milioni di euro; oltre 25 milioni di euro sono stati destinati alla costruzione della prima linea di produzione del nuovo impianto messicano di Cerritos, mentre la parte rimanente è stata mirata al mantenimento dell efficienza degli impianti ed alla realizzazione di alcuni progetti specifici destinati ad aumentare in modo permanente la competitività dell impresa. Dyckerhoff ha investito 108,7 milioni di euro, di cui 78,7 in immobilizzazioni tecniche e 30 per l acquisizione di partecipazioni industriali. La percentuale sul fatturato del Gruppo Buzzi Unicem al 31/12/2003 dei primi 3 clienti del Gruppo è pari al 4,4%, mentre quella dei primi 10 clienti del Gruppo è pari al 7,5%. Il Gruppo Buzzi Unicem ha autonomia dai fornitori e dai finanziatori da un punto di vista gestionale. 2 L Offerta L operazione descritta nel presente Prospetto Informativo consiste in un offerta in opzione (l Offerta in opzione o l Offerta ) a tutti gli azionisti ordinari e/o di risparmio (gli Azionisti ) ed ai possessori delle obbligazioni convertibili del prestito obbligazionario Buzzi Unicem 4% convertibile (gli Obbligazionisti ) di massime n Azioni Ordinarie Buzzi Unicem, godimento 1 gennaio 2004, del valore nominale di euro 0,60 ciascuna (le Azioni Ordinarie o le Azioni ), nel rapporto di n. 2 Azioni Ordinarie ogni n. 15 azioni ordinarie e/o di risparmio e/o obbligazioni convertibili del prestito obbligazionario Buzzi Unicem 4% convertibile (le Obbligazioni Convertibili o le Obbligazioni ) possedute. Le Azioni Ordinarie saranno offerte ad un prezzo di euro 8,50 cadauna, di cui euro 7,90 a titolo di sovraprezzo, per un controvalore complessivo di circa euro 205,8 milioni. L aumento di capitale, al quale l Offerta è finalizzata, è stata deliberato dal Consiglio di Amministrazione di Buzzi Unicem in data 28 giugno 2004 a valere sulla delega conferitagli ai sensi dell art del codice civile dall Assemblea straordinaria degli azionisti del 30 aprile In particolare, il Consiglio di Amministrazione di Buzzi Unicem del 28 giugno 2004 ha deliberato di aumentare il capitale sociale a pagamento ed in via scindibile per un importo massimo di nominali euro ,60 mediante emissione di massime n Azioni Ordinarie Buzzi Unicem da nominali euro 0,60 cadauna, godimento 1 gennaio 2004, offerte in opzione a tutti gli Azionisti ordinari e/o di risparmio ed agli Obbligazionisti ai sensi dell art del 6

13 codice civile al prezzo di euro 8,50, di cui euro 7,90 a titolo di sovraprezzo, per ciascuna azione. Tale delibera del Consiglio di Amministrazione è stata depositata presso il Registro delle Imprese di Alessandria il 28 giugno 2004 e verrà iscritta entro il 2 luglio Si segnala, inoltre, che la Società ha stipulato un accordo di garanzia con Banca IMI S.p.A., così da assicurare l integrale sottoscrizione dell Offerta. Per maggiori informazioni si rimanda alla Sez. III, Cap. XI, Par Dati relativi all Offerta La seguente tabella indica i principali dati relativi all Offerta: Numero di Azioni offerte in opzione Rapporto di opzione n. 2 Azioni Ordinarie ogni n. 15 azioni ordinarie e/o di risparmio e/o Obbligazioni Convertibili possedute Prezzo di emissione per ciascuna Azione 8,50 Controvalore totale dell Offerta (in euro) ,00 Al termine dell Offerta in opzione, ipotizzando l integrale sottoscrizione delle Azioni, il capitale sociale di Buzzi Unicem sarà così rappresentato: Massime Azioni Capitale sociale ante Offerta - n. azioni ordinarie n. azioni di risparmio n. totale azioni n. azioni ordinarie a servizio della conversione delle Obbligazioni n. totale % delle nuove azioni ordinarie sul capitale sociale ordinario ante Offerta* 17,15% % delle nuove azioni ordinarie sul capitale sociale totale ante Offerta* 13,33% Capitale sociale massimo post Offerta - n. azioni ordinarie n. azioni di risparmio n. totale azioni n. azioni ordinarie a servizio della conversione delle Obbligazioni n. totale % delle nuove azioni ordinarie sul capitale sociale ordinario post Offerta* 14,64% % delle nuove azioni ordinarie sul capitale sociale totale post Offerta* 11,76% * calcolato sul capitale sociale in ipotesi di integrale conversione delle Obbligazioni Convertibili in circolazione Nel caso di sottoscrizione integrale delle Azioni oggetto di sollecitazione, il ricavato netto dell Offerta è stimato in complessivi euro 204,5 milioni circa. Il ricavato netto dell offerta consentirà di contribuire al rafforzamento ed al miglior equilibrio della struttura patrimoniale e finanziaria dell emittente. In particolare, il ricavato verrà utilizzato per finanziare parzialmente l esborso previsto in caso di esercizio completo dell opzione put concessa a IMI 7

14 Investments SA relativamente alle azioni Dyckerhoff dalla stessa possedute, pari a complessivi 418,5 milioni di euro. Azionariato dell Emittente In base alle risultanze del Libro Soci di Buzzi Unicem, integrate dalle comunicazioni Consob pervenute e dalle informazioni a disposizione, la situazione degli azionisti di Buzzi Unicem che, alla data del presente Prospetto Informativo, risultano detenere, direttamente od indirettamente, azioni con diritto di voto nell assemblea ordinaria, in misura superiore al 2% del capitale sociale ordinario, è la seguente: Numero Azioni ordinarie % su capitale ordinario senza azioni derivanti da conversione Obbligazioni % su capitale ordinario con azioni derivanti da conversione Obbligazioni Gruppo Fimedi PRESA SpA ,260 45,755 FIMEDI SpA ,922 8, ,182 54,042 Buzzi Unicem SpA* ,315 1,222 Fidelity International Limited ,040 4,682 Nextra Investment Management SGR S.p.A ,080 1,932 Banca d Italia ,011 1,868 Obbligazionisti** ,114 *con diritto di voto sospeso in quanto trattasi di azioni proprie ** in caso di integrale conversione delle Obbligazioni dalla stessa possedute La composizione dell azionariato dell Emittente potrà variare sia in funzione dell esercizio del diritto di opzione spettante agli Azionisti ed agli Obbligazionisti sia in funzione del fatto che sono offerte in opzione solo Azioni Ordinarie anche agli azionisti di risparmio ed agli Obbligazionisti. Tenuto conto che il Gruppo Fimedi ha dichiarato alla Società di voler sottoscrivere la quota dell aumento di capitale allo stesso spettante in opzione 3 nonché che la società intende esercitare integralmente il diritto di opzione spettante alle azioni proprie detenute, ed assumendo l integrale conversione delle Obbligazioni in circolazione alla data del presente Prospetto Informativo, si riporta di seguito la composizione dell azionariato rilevante di Buzzi Unicem nell ipotesi di integrale sottoscrizione da parte degli aventi diritto in proporzione 3 Ad eccezione di n. 11 diritti di opzione relativamente ai quali ha manifestato l intenzione di rinunciare all esercizio del diritto di opzione al fine di consentire l emissione di un numero intero di azioni. 8

15 alle azioni da ciascuno detenute. numero azioni ordinarie % su capitale ordinario Gruppo Fimedi PRESA SpA ,264 FIMEDI SpA , ,281 Buzzi Unicem SpA * ,182 Fidelity International Limited ,529 Nextra Investments Management SGR S.p.A ,869 Banca d Italia ,807 Obbligazionisti ,882 * con diritto di voto sospeso in quanto trattasi di azioni proprie Fimedi S.p.A., direttamente o tramite Presa S.p.A. (società controllata con una quota del capitale sociale ordinario pari al 92,758%), sulla base dei possessi azionari sopra indicati, esercita il controllo di diritto di Buzzi Unicem, ai sensi dell art. 2359, 1 comma, n. 1), del codice civile. Fimedi S.p.A., direttamente o tramite Presa S.p.A., sulla base di quanto sopra indicato, manterrà in ogni caso il controllo di diritto di Buzzi Unicem, ai sensi ai sensi dell art. 2359, 1 comma, n. 1), del codice civile. In ogni caso, Buzzi Unicem non è soggetta all attività di direzione e coordinamento di alcuna società od ente. Si segnala, inoltre, che Buzzi Unicem non ha notizia dell esistenza di accordi parasociali, rilevanti ai sensi dell art. 122 del D.Lgs. 58/98, aventi ad oggetto le azioni di Buzzi Unicem stessa. Calendario dell operazione Il calendario previsto per l Offerta in opzione di cui al presente Prospetto Informativo è il seguente: - pubblicazione dell avviso di Offerta in opzione: 30 giugno 2004; - inizio periodo di Offerta in opzione: 5 luglio 2004; - ultimo giorno di negoziazione in Borsa dei diritti di opzione: 16 luglio 2004; - termine del periodo di Offerta in opzione: 23 luglio I diritti di opzione saranno negoziabili in Borsa dal 5 luglio 2004 al 16 luglio 2004 compresi. I diritti di opzione non esercitati entro il 23 luglio 2004 saranno offerti in Borsa dalla Società, ai sensi del terzo comma dell art del codice civile. L Offerta diverrà irrevocabile dalla data di deposito presso il Registro delle Imprese di Alessandria del corrispondente avviso, ai sensi dell art. 2441, 2 comma, del codice civile, che dovrà intervenire entro il prossimo 2 luglio Pertanto, qualora non si desse esecuzione all Offerta nei tempi previsti nel 9

16 presente Prospetto Informativo, ne verrà data comunicazione al pubblico entro lo stesso 2 luglio 2004, mediante avviso pubblicato sui quotidiani Italia Oggi e Finanza & Mercati. I diritti di opzione saranno rappresentati dalla cedola n. 7 staccata dalle azioni ordinarie e di risparmio Buzzi Unicem e dal tagliando A staccato dalle obbligazioni convertibili del prestito obbligazionario Buzzi Unicem 4% convertibile. Trattandosi di un offerta in opzione non esiste il responsabile del collocamento. Le Azioni emesse saranno immesse nel sistema di amministrazione accentrata gestito da Monte Titoli S.p.A. in regime di dematerializzazione ai sensi del D.Lgs. 24 giugno 1998 n. 213 e successive modificazioni. La sottoscrizione delle Azioni mediante esercizio del diritto di opzione dovrà avvenire presso tutti gli Intermediari autorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata di Monte Titoli S.p.A.. 10

17 3 Dati contabili e moltiplicatori Al fine di rendere più efficace il confronto tra i dati del 2004 e quelli del 2003 è stato predisposto il pro-forma consolidato per l anno 2003 in quanto, ad inizio 2004, Buzzi Unicem SpA è pervenuta ad una situazione di controllo giuridico della Dyckerhoff AG con conseguente obbligo di consolidarla con il metodo dell integrazione globale. Stato patrimoniale consolidato annuale Migliaia di euro pro-forma (1) Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni finanziarie Altre attività a medio-lungo termine Capitale immobilizzato Attività di esercizio a breve termine Passività a breve termine ( ) ( ) ( ) ( ) Capitale di esercizio netto Trattamento di fine rapporto (39.913) (39.913) (39.784) (40.591) Fondi rischi ed oneri ( ) ( ) (85.136) (32.155) Altre passività a medio-lungo termine ( ) (98.825) ( ) (98.691) Capitale investito netto Patrimonio netto di Gruppo Patrimonio netto di terzi Totale patrimonio netto Indebitamento finanziario a medio e lungo termine Disponibilità finanziarie nette a breve termine ( ) ( ) (62.204) Indebitamento finanziario netto Totale fonti di finanziamento Conto economico consolidato annuale Migliaia di euro pro-forma (1) Ricavi della gestione caratteristica Altri ricavi e proventi Ricavi totali Variazione rimanenze prodotti semilavorati e prodotti finiti (12.822) (4.335) (2.518) Valore della produzione Costi per acquisti ( ) ( ) ( ) ( ) Variazione delle rimanenze delle materie prime sussidiarie, di consumo e di merci (830) Costi per servizi ed altri costi operativi ( ) ( ) ( ) ( ) Valore aggiunto Costo del lavoro ( ) ( ) ( ) ( ) Margine operativo lordo Ammortamenti ( ) ( ) ( ) ( ) Risultato operativo Proventi (Oneri) finanziari netti (98.546) (20.982) (15.492) (20.137) Proventi (Oneri) da partecipazioni netti (5.532) (9.003) (66.745) (2.393) Risultato della gestione ordinaria Proventi (Oneri) straordinari netti (87) 856 Risultato del periodo prima delle imposte Imposte sul reddito dell'esercizio ( ) ( ) (97.285) ( ) Risultato prima degli interessi di azionisti terzi Risultato utile di pertinenza di azionisti terzi ( ) (19.785) (23.035) (20.924) Risultato netto del periodo di competenza del Gruppo (1) I dati pro-forma al 31/12/2003 sono assistiti da comfort letter della Società di certificazione del bilancio. 11

18 Stato patrimoniale consolidato trimestrale Migliaia di euro pro-forma (1) Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni finanziarie Altre attività a medio-lungo termine Capitale immobilizzato Attività di esercizio a breve termine Passività a breve termine ( ) ( ) ( ) Capitale di esercizio netto Trattamento di fine rapporto (39.649) (39.913) (39.023) Fondi rischi ed oneri ( ) ( ) (98.040) Altre passività a medio-lungo termine ( ) ( ) ( ) Capitale investito netto Patrimonio netto di Gruppo Patrimonio netto di terzi Totale patrimonio netto Indebitamento finanziario a medio e lungo termine Disponibilità finanziarie nette a breve termine ( ) ( ) ( ) Indebitamento finanziario netto Totale fonti di finanziamento (1) I dati pro-forma al 31/12/2003 sono assistiti da comfort letter della Società di certificazione del bilancio. 12

19 Conto economico consolidato trimestrale Migliaia di euro pro-forma (1) Ricavi della gestione caratteristica Altri ricavi e proventi Ricavi totali Variazione rimanenze prodotti semilavorati e prodotti finiti (6.366) (6.366) Valore della produzione Costi per acquisti ( ) ( ) ( ) Variazione delle rimanenze delle materie prime sussidiarie, di consumo e di merci Costi per servizi ed altri costi operativi ( ) ( ) (81.261) Valore aggiunto Costo del lavoro (99.242) ( ) (41.976) Margine operativo lordo Ammortamenti (60.599) (70.464) (27.870) Risultato operativo Proventi (Oneri) finanziari netti (28.508) (25.495) (5.286) Proventi (Oneri) da partecipazioni netti (2.876) (2.204) (17.853) Risultato della gestione ordinaria (3.611) Proventi (Oneri) straordinari netti (263) Risultato del periodo prima delle imposte Imposte sul reddito dell'esercizio (8.749) (29.300) (23.588) Risultato prima degli interessi di azionisti terzi Risultato utile di pertinenza di azionisti terzi ( ) (5.086) Risultato netto del periodo di competenza del Gruppo (1) I dati pro-forma al 31/03/2003 non sono assistiti da comfort letter della Società di certificazione del bilancio. 13

20 ANNO 2003 ANNO 2003 ANNO 2002 ANNO 2001 euro/mille euro/mille euro/mille euro/mille euro/mille PROFORMA Dati economici, patrimoniali, finanziari Gruppo Buzzi Unicem Ricavi netti Risultato operativo lordo Risultato operativo netto Risultato ordinario Risultato netto di Gruppo Patrimonio netto di Gruppo Totale attivo Capitale sociale Capitale circolante netto Cash flow (1) Capitale fisso Investimenti tecnici Investimenti finanziari Posizione finanziaria netta Dati per azione (2) Numero di azioni: - Ordinarie Risparmio Totale azioni Risultato operativo lordo per azione n.s. 3,97 2,53 3,21 3,20 Risultato economico ordinario dopo il prelievo fiscale (considerando l'aliquota media degli ultimi 3 esercizi) per azione n.s. 1,76 1,69 1,73 2,12 Risultato netto per azione n.s. 0,93 0,93 0,90 1,15 Cash flow per azione n.s. 3,70 1,71 1,96 2,22 Patrimonio netto per azione 8,19 7,92 7,92 7,59 7,94 Price/Earning (3) n.s. 10,03 10,03 7,57 6,45 Price/Cash flow (3) n.s. 2,52 5,11 3,05 3,34 Price/Book value (3) n.s. 1,18 1,18 0,89 0,94 Altre informazioni Volumi di vendita Cemento e clinker - Ton/milioni 6,0 31,8 14,2 13,7 13,1 Calcestruzzo - Mc/milioni 3,2 14,5 9,9 8,9 8,6 Dipendenti Numero a fine esercizio (4) Italia Estero (1) Il cash flow è definito come somma del risultato netto (ante interessi di terzi) e degli ammortamenti. (2) Calcolati sulla base del numero complessivo delle azioni (ordinarie + risparmio) e su dati economici infrannuali per marzo (3) Calcolati sul prezzo di Borsa di fine periodo delle azioni ordinarie. (4) Totale calcolato considerando la metà dei dipendenti di Addiment Italia Srl e Corporacion Moctezuma SA de CV in quanto partecipate al 50%. 14

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli