Circolare 2008/18 Direttive di investimento assicuratori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Circolare 2008/18 Direttive di investimento assicuratori"

Transcript

1 Circolare 2008/18 Direttive di investimento assicuratori Investimenti nel patrimonio vincolato e utilizzo di prodotti finanziari derivati nel settore assicurativo Riferimento: Circ. FINMA 08/18 «Direttive di investimento assicuratori» Data: 20 novembre 2008 Entrata in vigore: 1 gennaio 2009 Ultima modifica: 26 giugno 2013 [le modifiche sono contrassegnate con un * ed elencate alla fine del documento] Concordanza: sostituisce la Dir. UFAP 9/2006 «Direttiva di investimento» (in tedesco e francese) del 12 giugno 2006 Basi legali: LFINMA art. 7 cpv. 1 lett. b LSA art , 22, 37, 51, 56, 87 OS art. 56, 57, 68, 70-95, 96, 97, , 139 OS-FINMA art. 1 Allegato 1: Descrizione dei metodi di valutazione per gli immobili Allegato 2: Esempio di una verifica di due diligence per gli investimenti alternativi Allegato 3: Esempi relativi a operazioni su derivati Allegato 4: Modello di convenzione dell Associazione Svizzera dei Banchieri Allegato 5: Elenco delle limitazioni nel patrimonio vincolato Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0) , fax +41 (0)

2 Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società in accomandita per ICC SICAF Banche depositarie Gestori patrimoniali di ICC Distributori Rappresentanti di ICC esteri Altri intermediari OAD IFDS Assoggettati OAD Società di audit Agenzie di rating Destinatari LBCR LSA LBVM LICol LRD Altri X

3 Indice I. Campo di applicazione nm A. Struttura nm. 1 B. Quadro sintetico delle basi legali nm. 2 C. Patrimonio vincolato nm a) Patrimonio vincolato separato nm b) Portafogli assicurativi stranieri nm D. Impiego di strumenti finanziari derivati nm. 15 II. Principi relativi al patrimonio vincolato nm A. Definizione, scopo e obbligo di costituzione nm. 16 B. Principi di base nm a) Utilizzo nm b) Divieto di gravame e di compensazione nm C. Copertura nm a) Obbligo di copertura permanente nm b) Obbligo di copertura per le assicurazioni sulla vita legate a partecipazioni nm D. Prescrizioni di base concernenti gli investimenti nel patrimonio vincolato nm a) Criteri generali per l attribuzione degli elementi al patrimonio vincolato nm b) Principi di investimento nm aa) Sicurezza nm bb) Redditività nm. 52 cc) Diversificazione nm /94

4 Indice dd) Liquidità nm c) Rispetto dei principi di investimento per importi legali di modesta entità nm d) Investimenti indiretti: prima acquisizione, ristrutturazioni nm E. Limitazioni nm F. Requisiti posti all impresa di assicurazione nm a) Strategia di investimento nm b) Regolamento di investimento nm c) Organizzazione nm aa) Gestione degli investimenti nm bb) Gestione dei rischi e controllo ai sensi degli art. 78, 96 e 97 OS nm d) Regolarità dei provvedimenti necessari nm e) Verifica della solvibilità dei debitori nm f) Garanzia del mantenimento del valore effettivo nm G. Custodia degli elementi patrimoniali nm a) Custodia in Svizzera nm b) Custodia all estero nm H. Elementi patrimoniali investiti all estero nm I. Rendiconto all attenzione della FINMA nm III. Disposizioni sulle singole forme di investimento nm A. Depositi in contanti nm a) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm b) Requisiti speciali nm /94

5 Indice c) Valutazione nm. 145 B. Prestiti obbligazionari, obbligazioni convertibili nm a) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm b) Valutazione nm C. Prodotti strutturati e crediti cartolarizzati nm a) Prodotti strutturati nm aa) Definizione nm bb) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm cc) Computo e valutazione nm dd) Requisiti speciali nm. 178 ee) Limitazioni nm. 179 b) Crediti cartolarizzati nm aa) Definizione nm bb) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm cc) Requisiti speciali nm dd) Limitazioni nm ee) Valutazione nm D. Altri riconoscimenti di debito nm a) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm b) Elementi non ammessi nm c) Requisiti speciali nm d) Valutazione nm. 219 E. Azioni e altri titoli di partecipazione quotati nm /94

6 Indice a) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm b) Elementi non ammessi nm. 224 c) Limitazioni nm. 225 d) Valutazione nm F. Immobili nm a) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm aa) Tipologie di edifici nm bb) Immobili in diritto di superficie nm cc) Immobili non attribuibili nm dd) Uso misto nm b) Limitazioni nm c) Valutazione nm aa) Investimenti diretti nm bb) Società immobiliari nm cc) Immobili in diritto di superficie nm. 265 dd) Plausibilizzazione delle valutazioni nm d) Dossier completo per ogni immobile computato nm G. Ipoteche nm a) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm b) Elementi non ammessi nm c) Limitazioni nm d) Valutazione nm aa) Valutazione al valore nominale nm /94

7 Indice bb) Limiti di prestito nm cc) Determinazione del valore venale degli oggetti gravati nm dd) Correzione del computo nm ee) Verifica del valore venale degli oggetti gravati nm e) Dossier completo per ogni ipoteca computata nm H. Investimenti alternativi nm a) Definizione nm b) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm c) Requisiti speciali nm aa) Requisiti posti a organizzazione, know-how e processo di investimento dell impresa di assicurazione nm bb) Requisiti posti alla gestione (e al controllo) dei rischi nm cc) Due diligence nm dd) Monitoraggio dei rischi legali nm ee) Requisiti per l investimento in fondi di fondi nm d) Limitazioni nm e) Valutazione nm f) Piano relativo agli investimenti alternativi nm I. Strumenti finanziari derivati nm a) Principi nm aa) Campo di applicazione nm. 365 bb) Impiego di strumenti finanziari derivati nm cc) Obbligo di copertura per l impiego di derivati nm dd) Strategia di investimento nm /94

8 Indice ee) Requisiti posti all organizzazione e al personale nm b) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm aa) Basi legali nm. 396 bb) Disposizioni generali nm cc) Derivati ammessi a copertura delle consistenze patrimoniali nm dd) Derivati ammessi a copertura dei flussi di pagamento da impegni attuariali nm ee) Derivati ammessi per la preparazione di acquisizioni nm ff) Derivati ammessi per l incremento dei proventi nm gg) Combinazioni ammesse nm hh) Prodotti strutturati nm. 467 ii) Operazioni ed elementi non consentiti nm c) Limitazioni nm aa) Derivati a copertura di posizioni patrimoniali nm. 473 bb) Derivati a copertura dei flussi di pagamento da impegni attuariali (secondo il punto III.I.b.dd.bbb.) nm. 474 cc) Derivati per la preparazione di acquisizioni e per l incremento dei proventi nm dd) Computo delle esposizioni ai limiti dell underlying nm d) Valutazione nm aa) Valore di mercato e valore conforme ai livelli di mercato nm bb) Disposizioni speciali di computo nm e) Condizioni quadro giuridiche, accordi di netting nm aa) Disposizioni legali nm bb) Master agreement (MA, contratti quadro) ammessi nm cc) Ulteriori regolamentazioni per le transazioni con controparti estere nm /94

9 Indice dd) Netting opinion nm ee) Costituzione di garanzie nm ff) Requisiti per i prodotti derivati standardizzati nm. 514 gg) Rappresentazione delle operazioni su derivati nel patrimonio vincolato nm J. Investimenti collettivi e fondi a investitore unico nm a) Elementi ammessi nel patrimonio vincolato nm b) Requisiti speciali posti agli investimenti collettivi nm c) Requisiti speciali posti ai fondi a investitore unico nm aa) Disposizioni generali nm bb) Regolamento del fondo nm cc) Comunicazioni relative al piano di esercizio nm dd) Ulteriori informazioni e documenti che devono essere presentati alla FINMA unitamente alla comunicazione del piano di esercizio nm d) Limitazioni nm aa) Investimenti collettivi di capitale nm bb) Fondo a investitore unico nm. 559 e) Valutazione nm aa) Investimenti collettivi di capitale nm bb) Fondo a investitore unico nm IV. Disposizioni complementari (sul patrimonio vincolato) nm A. Prestito di valori mobiliari (securities lending) nm a) Basi legali nm. 564 b) Operazioni ammesse nel patrimonio vincolato nm aa) Condizioni quadro nm /94

10 Indice bb) Operazioni non consentite nm c) Requisiti speciali nm aa) Contratti quadro nm bb) Garanzie / Collateral nm d) Limitazioni nm. 587 e) Valutazione nm B. Operazioni repo (repurchase agreement, reverse repo) nm a) Definizione nm b) Computabilità nm. 593 c) Motivazione nm C. Relazioni infragruppo nm a) Fattispecie nm b) Investimenti non ammessi nel patrimonio vincolato nm aa) Azioni proprie nm bb) Obbligazioni proprie nm cc) Prestiti a società dello stesso gruppo nm dd) Partecipazioni nm c) Valutazione nm. 615 V. Disposizioni transitorie nm /94

11 I. Campo di applicazione A. Struttura La presente circolare 1 è strutturata nel modo seguente: 1. indicazione dei testi rilevanti relativi a leggi e ordinanze (in carattere Times New Roman); 2. testo della circolare (in carattere Arial); 3. spiegazioni sul testo della circolare (in carattere Arial corsivo). 1 B. Quadro sintetico delle basi legali Le modalità di determinazione e di costituzione del patrimonio vincolato sono disciplinate soprattutto nelle seguenti basi giuridiche in materia di diritto di vigilanza: 2 Legge federale sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione del 17 dicembre 2004 (Legge sulla sorveglianza degli assicuratori, LSA; RS ) Art , 22, 37, 51, 56, 87 LSA Ordinanza sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private del 9 novembre 2005 (Ordinanza sulla sorveglianza, OS; RS ) Art. 56, 57, 68, 70-95, 96, 97, , 139 OS Ordinanza della FINMA sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione del 9 novembre 2005 (Ordinanza FINMA sulla sorveglianza, OS-FINMA; RS ) Art. 1 OS-FINMA C. Patrimonio vincolato Basi legali rilevanti: Art. 17 LSA Patrimonio vincolato 1 L impresa di assicurazione deve costituire un patrimonio vincolato destinato a garantire le pretese derivanti dai contratti d assicurazione. 2 [ ] Art. 20 LSA Prescrizioni concernenti il patrimonio vincolato Il Consiglio federale emana prescrizioni concernenti la costituzione, la localizzazione, la copertura, i cambiamenti e il controllo del patrimonio vincolato. Esso può delegare alla FINMA il disciplinamento dei particolari tecnici. La presente circolare disciplina a integrazione delle disposizioni contenute nelle leggi e nelle ordinanze gli aspetti dettagliati relativi agli attivi che vengono attribuiti al patrimonio vincolato. Per gli attivi che non sono iscritti sotto il patrimonio vincolato non sono previste particolari disposizioni di investimento, ad eccezione delle norme relative agli strumenti finanziari derivati (cfr. punto. I.D. 2 ). Tali attivi non rientrano pertanto nell ambito di applicazione della presente circolare Le prescrizioni in materia di diritto di vigilanza su cui si basa la presente circolare sono riportate nel capitolo «Campo di applicazione» e nei capitoli successivi che trattano specificatamente le singole forme di investimento. I punti senza ulteriore indicazione si riferiscono alla presente circolare. 11/94

12 Nell ambito della vigilanza in materia di solvibilità, la FINMA richiede che gli attivi non vincolati (patrimonio libero) siano allocati e amministrati secondo principi di investimento generalmente riconosciuti. Questo principio trova applicazione anche per il patrimonio delle imprese di riassicurazione svizzere che non devono allestire alcun patrimonio vincolato. Le casse malati che offrono assicurazioni complementari per l assicurazione sociale contro le malattie ai sensi della LCA sono soggette in tale misura alla vigilanza della FINMA. Esse devono quindi costituire un patrimonio vincolato per le assicurazioni assoggettate alla vigilanza della FINMA. Gli investimenti da destinare al patrimonio vincolato sono soggetti anche alle prescrizioni della presente circolare. 6 7 a) Patrimonio vincolato separato Basi legali rilevanti: Art. 77 OS Patrimoni vincolati separati 1 Patrimoni vincolati separati devono essere costituiti per: a. le assicurazioni della previdenza professionale; b. la quota risparmio dei contratti assicurativi dei rami assicurativi A2.1, A.2.2 e A2.3; e c. la quota risparmio dei contratti assicurativi dei rami assicurativi A2.4, A2.5 e A Per i contratti in valuta estera del portafoglio di assicurazioni svizzero può essere costituito un patrimonio vincolato separato. 3 Per i contratti del portafoglio di assicurazioni straniero, per i quali all estero non deve essere fornita nessuna sicurezza equivalente, può essere costituito un patrimonio vincolato separato. Ogni singolo patrimonio vincolato separato deve ottemperare alle prescrizioni della presente circolare. Per ogni singolo patrimonio vincolato separato trovano applicazione, per esempio, i limiti legali (cfr. punto II.E.) oppure l obbligo di copertura (cfr. punto II.C.). I rami assicurativi da A2.1 ad A2.3 si riferiscono alle assicurazioni sulla vita vincolate a quote di fondi, mentre i rami assicurativi da A2.4 ad A2.6 alle assicurazioni sulla vita vincolate a portafogli di investimento interni o ad altri valori di riferimento (cfr. allegato OS) b) Portafogli assicurativi stranieri Basi legali rilevanti: Art. 17 LSA Patrimonio vincolato 1 L impresa di assicurazione deve costituire un patrimonio vincolato destinato a garantire le pretese derivanti dai contratti d assicurazione. 2 L impresa di assicurazione non è tenuta a garantire secondo il capoverso 1 i suoi portafogli esteri per i quali deve costituire garanzie equivalenti all estero. Art. 73 OS Portafoglio assicurativo straniero È considerato portafoglio assicurativo straniero secondo l articolo 17 capoverso 2 LSA il complesso dei contratti assicurativi con stipulanti domiciliati all estero. Art. 77 OS Patrimoni vincolati separati [ ] 3 Per i contratti del portafoglio di assicurazioni straniero, per i quali all estero non deve essere fornita /94

13 nessuna sicurezza equivalente, può essere costituito un patrimonio vincolato separato. D. Impiego di strumenti finanziari derivati Gli art OS disciplinano l impiego degli strumenti finanziari derivati per tutte le imprese di assicurazione assoggettate alla vigilanza della FINMA. Tali disposizioni valgono indipendentemente dal fatto che gli strumenti finanziari derivati appartengano al patrimonio vincolato oppure a quello libero. Le prescrizioni della presente circolare che disciplinano l'impiego degli strumenti finanziari derivati, specificate al punto III.I.a., trovano pertanto applicazione per tutte le imprese di assicurazione, inclusi i riassicuratori. 15 II. Principi relativi al patrimonio vincolato A. Definizione, scopo e obbligo di costituzione Al fine di garantire i diritti degli assicurati, le imprese di assicurazione soggette alla vigilanza della FINMA ad eccezione dei riassicuratori sono obbligate per legge a dotarsi di determinati elementi patrimoniali, ossia a costituire i cosiddetti «patrimoni vincolati». L importo legale del patrimonio vincolato viene determinato dall entità delle riserve tecniche e da un adeguato supplemento ai sensi dell art. 1 OS-FINMA. Gli elementi patrimoniali corrispondenti a tale importo vengono predisposti per attribuzione e sono registrati e contrassegnati con la denominazione di «patrimonio vincolato». 16 B. Principi di base a) Utilizzo Basi legali rilevanti: Art. 19 LSA Destinazione del patrimonio vincolato 1 Gli elementi del patrimonio vincolato sono destinati a sopperire alle pretese che il patrimonio vincolato deve garantire. 2 Se il portafoglio è trasferito a un altra impresa di assicurazione, gli elementi del patrimonio vincolato o elementi corrispondenti passano a quest altra impresa, salvo decisione contraria della FINMA. Art. 54 LSA Liquidazione del fallimento [ ] 4 Il ricavato della realizzazione del patrimonio vincolato serve in primo luogo a coprire i crediti derivanti dai contratti d assicurazione garantiti in virtù dell articolo 17. L eccedenza è versata alla massa fallimentare. Attraverso il patrimonio vincolato, gli assicurati beneficiano in particolare di un substrato di responsabilità atto a garantire che, in caso di fallimento dell impresa di assicurazione, le loro pretese vengano soddisfatte in via prioritaria rispetto a quelle di tutti gli altri creditori /94

14 b) Divieto di gravame e di compensazione Basi legali rilevanti: Art. 84 OS Ammissione degli elementi 1 [ ] 2 Gli elementi del patrimonio vincolato non devono essere gravati. I debiti dell impresa di assicurazione non possono essere compensati con i crediti appartenenti al patrimonio vincolato. È riservato l articolo 91 capoverso 3 (strumenti finanziari derivati). È esclusa qualsiasi forma di gravame a carico del patrimonio vincolato derivante da diritti di pegno, di ritenzione, di compensazione o da diritti analoghi (eccezione: cfr. punto III.I. Strumenti finanziari derivati). Gli elementi del patrimonio vincolato non possono in alcun modo fungere da garanzia (collateral) per i diritti di terzi nei confronti dell impresa di assicurazione (eccezione: cfr. punto III.I. Strumenti finanziari derivati). Allo stesso modo, è vietato gravare il patrimonio vincolato anche in relazione a un operazione di assunzione di capitale di terzi di tipo palese (p. es. crediti o pronti contro termine / repo) o occulto (p. es. vendite allo scoperto). A carico del patrimonio vincolato non può essere fatto valere alcun obbligo di versamento suppletivo C. Copertura a) Obbligo di copertura permanente Base legale rilevante: Art. 74 OS Copertura 1 L importo legale deve essere coperto in qualsiasi momento dagli attivi (art. 79 OS). 2 Se accerta un insufficienza di copertura, l impresa di assicurazione deve integrare senza indugio il patrimonio vincolato. La FINMA può in casi particolari concedere un termine per l integrazione. L impresa di assicurazione deve garantire sempre e comunque, attraverso opportuni provvedimenti di natura organizzativa, che l importo legale nel momento considerato ai sensi degli art. 56, 57 e 68 OS sia coperto con elementi patrimoniali ammessi ai sensi degli art. 79 e 81 OS. L entità dell importo legale viene calcolata sulla base delle riserve detenute. Ai fini della determinazione di tali riserve, nel corso dell anno possono essere applicate anche stime basate su dati fondati. L obbligo di verifica dell importo legale si spiega con la necessità di stanziare immediatamente ulteriori attivi a titolo di copertura del suddetto importo legale del patrimonio vincolato qualora si verifichino eventi durante l anno che richiedono ulteriori riserve tecniche e che quindi esercitano un influenza rilevante sull importo legale stesso, come per esempio sinistri imprevisti, fabbisogno di reintegro delle riserve o assunzione di nuove attività operative. Questo obbligo non significa tuttavia che l importo legale deve essere ricalcolato con frequenza giornaliera. In assenza di indicazioni specifiche secondo cui l importo legale non risulta più coperto, in genere sono sufficienti stime improntate alla cautela delle variazioni rispetto all ultimo calcolo per dare all impresa di assicurazione la certezza che l importo legale nel momento considerato è coperto /94

15 b) Obbligo di copertura per le assicurazioni sulla vita legate a partecipazioni Base legale rilevante: Art. 81 OS Elementi ammessi e assicurazioni sulla vita vincolate a partecipazioni 1 Il patrimonio vincolato per la quota di risparmio dei contratti assicurativi dei rami assicurativi A2.1, A2.2 e A2.3 può essere costituito solo con quote di investimenti collettivi di capitale aperti che rientrano nella legge federale del 23 giugno 2006 sugli investimenti collettivi di capitale. 2 Il patrimonio vincolato per la quota di risparmio dei contratti assicurativi dei rami assicurativi A2.4, A2.5 e A2.6 può essere costituito con elementi di cui all articolo 79 alle seguenti condizioni: a. se le prestazioni sono legate direttamente al valore di un portafoglio di investimenti interno, le riserve tecniche devono essere costituite tramite quote corrispondenti oppure, se non sono costituite quote, tramite elementi patrimoniali che costituiscono tale portafoglio; b. se le prestazioni sono legate a un indice o a un altro valore di riferimento, le riserve tecniche devono essere costituite tramite elementi patrimoniali che corrispondono ai valori sui quali si basa il valore specifico di riferimento. Non è consentito effettuare la copertura delle pretese degli assicurati derivanti da assicurazioni sulla vita legate a quote di fondi per le quali devono essere costituite riserve mediante altri attivi diversi da quelli sottostanti al contratto in questione, in quanto l impresa di assicurazione sarebbe altrimenti esposta a un ulteriore rischio di investimento (mismatch). Ciò non concerne tuttavia la copertura di un eventuale supplemento all importo legale. Se nei suddetti contratti assicurativi è stabilito un termine posteriore alla scadenza dei premi per l acquisizione degli attivi sottostanti al contratto, entro questo termine può essere computato nel patrimonio vincolato denaro in contanti per un ammontare pari ai premi non ancora investiti. Nel quadro della sovracopertura, gli elementi patrimoniali elencati all art. 79 cpv. 1 OS che in nessuna circostanza e in nessun momento hanno valore negativo possono essere computati nel patrimonio vincolato Abrogato 31 D. Prescrizioni di base concernenti gli investimenti nel patrimonio vincolato a) Criteri generali per l attribuzione degli elementi al patrimonio vincolato Affinché un elemento patrimoniale (di seguito denominato anche «investimento») possa essere attribuito al patrimonio vincolato e venga considerato come investimento di capitale consentito (di seguito anche «investimento»), devono sostanzialmente risultare soddisfatti i seguenti criteri: 32 l investimento deve corrispondere a una strategia che tiene conto sia della tipologia e della complessità delle attività assicurative svolte, sia della situazione finanziaria dell impresa di assicurazione (cfr. punto II.F.a.); l investimento deve essere, in linea di massima, valutabile senza alcun problema e presentare un elevata liquidabilità in relazione alla rispettiva categoria; l impresa di assicurazione deve disporre del necessario know-how tecnico-specialistico e 35 15/94

16 applicare adeguati processi e sistemi, necessari per la selezione professionale, l amministrazione e il controllo degli investimenti effettuati (cfr. punto II.F.c.); l impresa di assicurazione deve possedere le debite conoscenze tecnico-specialistiche e applicare i necessari processi per comprendere le conseguenze degli investimenti e delle loro singole componenti di rischio e per valutare in qualsiasi momento i rischi finanziari, giuridici e operativi; 36 la solvibilità come debitore deve essere verificabile (cfr. punto II.F.e.); 37 l investimento non può essere né gravato, né compensato con crediti di terzi (cfr. punto II.B.b); 38 l investimento non può contenere rischi di assicurazione. 39 Questi principi saranno oggetto di ulteriori precisazioni nel corso dei prossimi capitoli. Nel Capitolo III vengono stabilite apposite disposizioni complementari per ogni categoria di investimento. 40 b) Principi di investimento Basi legali rilevanti: Art. 76 OS Principi generali 1 [ ] 2 Gli elementi del patrimonio vincolato sono scelti innanzitutto secondo il criterio della sicurezza, della reale situazione finanziaria nonché della struttura e dell evoluzione attesa del portafoglio assicurativo. 3 Inoltre, con un adeguata diversificazione occorre perseguire un reddito conforme alle condizioni del mercato e assicurare in ogni momento il prevedibile fabbisogno di liquidità. La selezione degli elementi patrimoniali ai fini dell attribuzione al patrimonio vincolato avviene in base ai seguenti principi di investimento: sicurezza, redditività, diversificazione, liquidità. Ai fini della composizione del portafoglio, l impresa di assicurazione deve attenersi ai principi di allocazione definiti nella propria strategia di investimento e/o nel proprio regolamento di investimento (art. 78 lett. 1 cpv. a e b OS). Tali principi trovano applicazione sia per gli investimenti diretti che per quelli indiretti (p. es. investimenti collettivi di capitale). Anche se non tutti gli obiettivi dei principi di investimento possono essere raggiunti nella stessa misura, l impresa di assicurazione è tenuta a considerare tutti i principi di investimento in modo adeguato e secondo la propria capacità di rischio. Gli investimenti all interno del patrimonio vincolato dovrebbero comunque essere orientati a un risultato e un efficacia sostenibili nel lungo periodo /94

17 aa) Sicurezza Gli investimenti nel patrimonio vincolato devono essere selezionati in modo tale da offrire un congruo livello di sicurezza, garantire cioè in qualsiasi momento che le pretese avanzate dagli assicurati siano soddisfatte. Non è consentita la scelta di elementi patrimoniali che potrebbero compromettere la solvibilità dell impresa di assicurazione (p. es. elementi patrimoniali da cui possono risultare obblighi di versamento suppletivo a carico del patrimonio vincolato). La sicurezza degli investimenti è garantita se questi risultano sicuri sotto il profilo economico e giuridico. Per sicurezza economica si intende il mantenimento di valore del capitale e/o del patrimonio, mentre la sicurezza giuridica degli investimenti viene misurata in funzione della loro disponibilità e alienabilità. Il requisito della sicurezza economica e giuridica vale sia per gli investimenti diretti che per quelli indiretti. Sotto l aspetto del mantenimento del valore del patrimonio, viene prestata particolare attenzione, per esempio, ai seguenti criteri: oscillazione di valore (volatilità) minima dell intero patrimonio vincolato; metodo di valutazione affidabile degli investimenti; quotazione in borsa su un mercato regolamentato e liquido o altra forma di alienabilità in qualsiasi momento; livelli di qualità e di solvibilità elevati degli emittenti confermati da un agenzia di rating riconosciuta o da un istituto analogo (cfr. anche punto II.F.e.). La sicurezza giuridica dell investimento fa riferimento in particolare ai seguenti criteri: facoltà incondizionata di disporne; alienabilità illimitata e trasferibilità dei valori. In relazione alle prescrizioni da osservare per il principio di «sicurezza», si rimanda anche alle disposizioni speciali delle singole categorie di investimento bb) Redditività L impresa di assicurazione seleziona investimenti che sono remunerativi e generano un flusso reddituale sostenibile e duraturo. Gli investimenti patrimoniali che non producono rendimenti non sono idonei per il patrimonio vincolato. Ciò vale sia per gli investimenti diretti che per quelli indiretti. Gli investimenti devono generare proventi commisurati alle condizioni di mercato (p. es. remunerazione in linea con i tassi di interesse del mercato). 52 cc) Diversificazione Gli investimenti devono presentare una diversificazione sufficiente e appropriata. Occorre pertanto ottenere un adeguata combinazione tra le diverse categorie di investimento e una differenziazione degli investimenti per quanto riguarda gli emittenti degli elementi patrimoniali. Gli investimenti in categorie particolarmente rischiose possono essere effettuati nel patrimonio vincolato soltanto nell ambito di un mix di allocazione improntato alla cautela e di un opportuno livello di diversificazione. La capacità di rischio dell impresa di assicurazione deve essere tenuta in considerazione in ogni circostanza. Gli investimenti in titoli con rating inferiore all investment grade (BBB/Baa) sono consentiti soltanto a fronte di un elevata diversificazione della rispettiva categoria di investimento e in presenza di un adeguato know-how specialistico nel campo dei rischi di credito /94

18 Devono essere assolutamente evitati i grandi rischi. L esposizione nei confronti di una singola controparte non può superare la soglia del 5% dell importo legale nel patrimonio vincolato. Qualora l esposizione verso una controparte ecceda tale soglia, occorre darne immediata notifica alla FINMA al fine di ottenere un apposita autorizzazione (cfr. punto II.E. Limiti e allegato 5). I crediti nei confronti della Confederazione e di Cantoni, banche cantonali con garanzia statale, istituti svizzeri di emissione di obbligazioni fondiarie o Stati con rating AAA sono esclusi dalla limitazione del 5%. La stessa esclusione vale per i crediti nei confronti di enti esteri i cui impegni sono garantiti in qualsiasi momento e integralmente da uno Stato con rating AAA. Gli impegni derivanti da contratti di assicurazione / polizze dovrebbero essere coperti mediante investimenti congruenti sotto il profilo valutario. Gli investimenti in valute diverse da quella di riferimento sono limitate al 20% dell importo legale del patrimonio vincolato. È considerata valuta di riferimento la moneta in cui sono stilati i contratti di assicurazione / le polizze stipulati da parte dell impresa di assicurazione. L obiettivo della diversificazione è quello di contenere al massimo gli effetti dell insolvenza di una o più controparti oppure la perdita di valore di uno strumento di investimento. Un opportuna combinazione di allocazioni tra le diverse categorie di investimento deve tenere conto in particolare dei seguenti criteri: profilo di rischio specifico e rischio di insolvenza del debitore e/o rischio di perdita di valore delle singole classi di investimento, rendimento atteso (prospettive di redditi e utili di corso), orizzonte temporale (durata) dell investimento, correlazione tra le categorie di investimento. Un adeguata diversificazione degli investimenti in termini di debitori ed emittenti deve considerare almeno i seguenti criteri: diversi debitori / emittenti, diverse regioni geografiche in cui i debitori hanno la propria sede, diversi settori e segmenti in cui i debitori esercitano le loro attività operative dd) Liquidità Gli investimenti devono essere selezionati in modo tale che il fabbisogno prevedibile di risorse liquide da parte dell impresa di assicurazione sia garantito sempre e comunque. La liquidabilità di un investimento dipende tra l altro dalla durata dello stesso (p. es. obbligazioni, depositi a termine), così come dalla possibilità di cessione (vendita) dell investimento sul mercato e/o su una borsa valori. In linea di principio, l impresa di assicurazione dovrebbe scegliere investimenti che, in caso di necessità, risultano prontamente liquidabili c) Rispetto dei principi di investimento per importi legali di modesta entità I principi di investimento di sicurezza, redditività, diversificazione e liquidità (cfr. punto II.D.b.) devono essere rispettati, in linea generale, anche dalle imprese di assicurazione di piccole dimensioni. 63 In casi motivati, le piccole imprese di assicurazione possono richiedere l applicazione di una 64 18/94

19 regolamentazione in deroga per il limite di controparte del 5%. Oltre alla giustificazione dello scostamento dalle disposizioni vigenti, la domanda deve contenere anche indicazioni specifiche sul debitore dei crediti di importo superiore al 5% dell importo legale del patrimonio vincolato nonché sull entità del limite di controparte richiesto, tenendo in debita considerazione il principio di un adeguata diversificazione. Per le piccole imprese di assicurazione che presentano soltanto un basso importo legale del patrimonio vincolato, il rigido rispetto del principio di diversificazione può risultare, in talune circostanze, sproporzionato dal punto di vista economico. 65 d) Investimenti indiretti: prima acquisizione, ristrutturazioni Un allocazione (come prima acquisizione oppure a seguito di ristrutturazioni) nei cosiddetti investimenti indiretti, per esempio fondi, partecipazioni, prodotti strutturati o fondi emessi da società veicolo (special purpose vehicle, SPV) non può comportare un elusione delle disposizioni concernenti gli investimenti diretti. La presente circolare contiene prescrizioni in materia di investimento in relazione a diversi strumenti indiretti: investimenti collettivi di capitale di cui al punto III.J.b., fondi a investitore unico di cui al punto III.J.c., società immobiliari di cui al punto III.F.c.bb. (come partecipazione > 50%) oppure secondo il punto IIl.E.a. (come società immobiliare quotata), prodotti strutturati e crediti cartolarizzati di cui al punto III.C., investimenti alternativi di cui al punto III.H. Le disposizioni per questi strumenti di investimento sono strutturate in modo che, a seconda del prodotto, siano richiesti requisiti qualitativi specifici e un elevata liquidità per la totalità dello strumento stesso oppure venga invece applicato un cosiddetto approccio look through. Un allocazione in un investimento indiretto che contiene strumenti diretti non computabili è consentita solo se risultano adempiute le disposizioni specifiche per tale investimento indiretto e se, in ragione delle sue caratteristiche, gli svantaggi comportati dalla mancata computabilità dello strumento diretto non si ripercuotono sull investimento indiretto. Esempio: un allocazione in immobili che presentano una relativa illiquidità e una valutabilità difficoltosa e non risultano quindi idonei come investimenti nel patrimonio vincolato, conformemente alla presente circolare non può essere computata come investimento ammesso anche se essa viene ristrutturata sotto una nuova veste giuridica. L unica eccezione è costituita dal caso in cui la situazione di rischio dell investitore registra un effettivo miglioramento, come risulta dalla seguente tabella sulla base di un investimento immobiliare. Struttura Computabilità Motivazione Investimento diretto: investimento immobiliare illiquido e difficilmente valutabile (p. es. stadio di calcio) no Realizzabilità e valutabilità difficoltose (punto III.F.a.) Ristrutturazione in un fondo a investitore unico no Viene applicato l approccio look through, equiparazione a un investimento diretto (punto III.J.c.aa.). Ristrutturazione in una no Viene applicato l approccio look through, /94

20 società immobiliare Costruzione di un prodotto strutturato con partecipazione a immobili Creazione di un investimento alternativo (p. es. un fondo di private equity), cioè un investimento in quote di una società che a sua volta detiene come valori patrimoniali gli immobili in questione Creazione di un investimento collettivo ai sensi dell art. 82 cpv. 1 OS E. Limitazioni no no sì equiparazione a un investimento diretto (punto III.F.c.bb.). Ogni singolo elemento del prodotto strutturato e i sottostanti delle operazioni su derivati devono essere singolarmente computabili (punto III.C.a.bb.). Gli strumenti tradizionali che non risultano computabili come investimenti diretti non possono essere trasferiti nella categoria Investimenti alternativi (punto III.H.a.). Per gli investimenti collettivi sussistono tuttavia condizioni restrittive: alienabilità in qualsiasi momento su un mercato liquido e assoggettamento a un autorità effettiva di vigilanza in materia di fondi (punto III.J.b.). Questo sistema porta a un portafoglio immobiliare liquido, diversificato e sottoposto a vigilanza. Basi legali rilevanti: Art. 83 OS Limitazioni La FINMA può stabilire limitazioni per singole categorie di investimento. Sulla base dell art. 83 OS, per le singole categorie di investimento vengono fissate limitazioni specifiche. Ciò significa che un impresa di assicurazione può detenere posizioni di una determinata categoria di investimento fino a concorrenza della percentuale indicata come limite massimo per l importo legale di ogni singolo patrimonio vincolato. È obbligatorio rispettare le limitazioni di base (cfr. punto II.D.b.cc.) e quelle vigenti per ogni categoria di investimento. Nell ambito della sovracopertura dell importo legale, è consentito un eventuale superamento delle limitazioni fissate. Dietro richiesta, un impresa di assicurazione può derogare alle limitazioni delle categorie III.E. (azioni e altri titoli di partecipazione quotati), III.F. (immobili), III.G. (ipoteche) appositamente contrassegnati nella tabella dell allegato 5, nonché alle limitazioni per l esposizione valutaria netta (cfr. punto II.D.b.cc.), richiedendo la concessione di limitazioni apposite per queste categorie. L approvazione di limitazioni apposite da parte della FINMA avviene alle seguenti condizioni: l impresa di assicurazione dimostra in modo plausibile che non si prevedono ripercussioni 77 20/94

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 47 emanati dalla: Conferenza delle presidenze delle commissioni e delegazioni

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

2008 / 2009 / 2011 Commentario alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08)

2008 / 2009 / 2011 Commentario alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08) 2008 / 2009 / 2011 Commentario alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08) Indice Indice... 2 Introduzione... 4 Aspetti generali... 5 Commento alle singole disposizioni della

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli