Strumenti finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti finanziari"

Transcript

1 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a Principi contabili internazionali 1 Strumenti finanziari IAS 32 Financial Instruments presentation IAS 39Financial instruments and recognition IFRS 7 Disclosure 2

2 MODULO 1 3 Financial Instrument Gli IFRS sono principi di rappresentazione della realtà economica di un certa azienda o reporting entity Nell ambito della realtà economica aziendale gli strumenti finanziari sono un area molto importante con una presenza diffusa e un impatto rilevante sui risultati finanziari aziendali

3 IAS 32 Financial instruments: Presentation Definizione degli strumenti finanziari Azioni Proprie Compensazione di attività e passività finanziarie Classificazione Passività/Equity Strumenti cd. ibridi IAS 32 Financial instruments :Presentation Strumenti Finanziari Uno strumento finanziario è qualsiasi contratto che dia origine a un attività finanziaria per un entità e ad una passività finanziaria o ad uno strumento rappresentativo di capitale per un altra entità.

4 IAS 32 Financial instruments: Presentation STRUMENTO FINANZIARIO qualsiasi contratto che dia origine a: ATTIVITA FINANZIARIA disponibilità liquide; diritto contrattuale a ricevere disp. liq. o un altra att. fin; diritto cont. a scambiare strum. fin. a condizioni pot. favorevoli; strum. rapp. di patr. netto di un altra impresa. PASSIVITA FINANZIARIA Qualsiasi obbligazione contrattuale a: consegnare disponibilità liquide o un altra attività finanziaria; scambiare strumenti finanziari con un altra impresa a condizioni potenzialmente sfavorevoli. STRUMENTO RAPPRESENTATIVO DI PN Qualsiasi contratto che rappresenti una partecipazione residua nell attivo di un impresa al netto di tutte le sue passività. IAS 32 Financial instruments :Presentation Strumenti Finanziari Strumenti base o non-derivati: Strumenti di Debito Strumenti di Equity Strumenti Composti Strumenti derivati

5 Strumenti Finanziari Base Strumenti di Debito Finanziamenti attivi e passivi (Loans) Obbligazioni Cambiali Corporate bonds Crediti e debiti commerciali (Receivables & payables) Strumenti Finanziari Base Strumenti di Equity Azioni Quote di capitale

6 IAS 32 Financial instruments: Presentation Azioni Proprie Classificate a riduzione del patrimonio netto e non tra le Attività Finanziarie. Nessuna rilevazione di utili o perdite a conto economico sia in fase di acquisto, di vendita e di emissione/annullamento poiché tali operazioni rappresentano trasferimenti tra azionisti uscenti e azionisti che continuano a detenere gli strumenti di patrimonio. IAS 32 Financial instruments :Presentation Strumenti Finanziari Base Strumenti Composti Azioni privilegiate Obbligazioni convertibili Azioni di risparmio

7 IAS 32 Financial instruments :Presentation Metodo del tasso di rendimento effettivo Il tasso di rendimento effettivo è il tasso che attualizza i pagamenti o incassi futuri stimati lungo la vita attesa dello strumento finanziario esattamente al valore netto contabile dell attività o passività finanziaria. IAS 32 Financial instruments :Presentation Costo ammortizzato Ammortamento Costo Ammort. = Valore di iscrizione iniziale - Rimborsi di capitale +/ - complessivo delle differenze tra valore iniziale - Svalutazioni durevoli o insolvenze e a termine Richiede l utilizzo del metodo del tasso effettivo di interesse Nessuna opzione all utilizzo del metodo a quote costanti

8 IAS 32 Financial instruments: Presentation Passività vs. Equity: classificazione Passività: Obbligazione a consegnare disponibilità liquide o altra attività finanziaria o a scambiare strumenti finanziari a condizioni potenzialmente sfavorevoli Equity: Interesse residuale nell attivo di un entità al netto di tutte le sue passività Strumenti composti ( ibridi ): Contengono entrambe le componenti IAS 32 Financial instruments :Presentation Passività vs. Equity: classificazione (cont/d) La classificazione dipende alla sostanza e non dalla forma legale dello strumento Nel contesto dello IAS 32 il concetto di sostanza risponde alle seguenti domande: esiste un obbligo legale o contrattuale al pagamento? il management ha la possibilità di evitare il pagamento? con quali modalità ed a seguito di quali eventi è dovuto il pagamento?

9 IAS 32 Financial instruments: Presentation Classificazione Passività / Equity Passività: Obbligazione a consegnare disponibilità liquide o altra attiviità finanziaria o a scambiare strumenti finanziari a condizioni potenzialmente sfavorevoli Equity: Interesse residuale nell attivo di un entità al netto di tutte le sue passività Strumenti composti (cd. ibridi ): Contengono entrambe le componenti IAS 32 Financial instruments: Presentation Strumenti cd. ibridi Strumenti in cui è presente una componente di passività finanziaria ed una componente di patrimonio; lo IAS 32 prevede un solo metodo di separazione delle due componenti: Passività: Valore passività similare che non contiene la componente di patrimonio Equity: Valore residuale dopo aver sottratto la componente passività Es. prestito obbligazionario convertibile in azioni dell emittente: Passività Capitale + Interessi Patrimonio Call option

10 Altri IAS Società controllate Società collegate Joint ventures Benefici ai dipendenti Leasing Contratti assicurativi Pagamenti basati su azioni Ambito di applicazione Strumenti di debito di terzi Strumenti di capitale Crediti Debiti Alcuni derivati su azioni proprie Derivati: IRS Currency forward / Swap Opzioni acquistate/sottoscritte Derivati su variabili climatiche Future Esclusioni Alcuni strumenti di capitale proprio Alcuni impegni creditizi Garanzie finanziarie classiche Contratti su merci ad uso proprio Considerazioni eventuali in merito a business combination Rilevazione iniziale Le attività e le passività finanziarie sono iscritte in bilanci quando, solo quando, l impresa diviene parte del contratto che identifica lo strumento finanziario. Quando un attività o passività finanziaria è rilevata contabilmente per la prima volta, essa deve: essere valutata al costo, ossia al fair value del corrispettivo pagato o ricevuto; includere i costi di transazione, ossia i costi direttamente attribuibili al processo di acquisizione.

11 Il costo rappresenta il prezzo di mercato o, qualora non disponibile, il valore dei flussi di cassa attesi attualizzati al tasso di mercato prevalente per strumenti similari. I costi di transazione comprendono tutti i costi direttamente attribuibili all attività/passività acquisita, con esclusione dei premi o sconti, dei costi di finanziamento e dei costi interni o di gestione indiretti. In particolare, includono: diritti e commissioni pagate ad agenti, consulenti o altri intermediari, contributi dovuti a organi regolamentari e alle borse valori, imposte e tasse. Classificazione Valutazione Not Attività Passività FV throug h P/L Trading FVO Loans and receivables Held-to-maturity Available-for-sale FV Trading throug h P/L FVO Altre passività finaziarie Fair value Variazioni di FV a CE Costo Ammortizzato Tasso di interesse effettivo Costo Ammortizzato Tasso di interesse effettivo Fair value Variazioni di FV a PN Fair value Variazioni di FV a CE Costo Ammortizzato Tasso di interesse effettivo Es. Derivati, crediti di trading Incluso crediti acquistati ma non di negoziazione Tainting rules Categoria residuale Es. Derivati e short securities positions In sede di rilevazione iniziale e irrevocabile Tutte le passività non di trading e designate

12 FAIR VALUE OPTION (FVO) ammessa ai sensi dell Amendments to IAS 39, Giugno 2005: The Fair Value Option. Limita la possibilità di classificare qualsiasi financial asset o liability al fair value con contropartita Conto Economico: Ciò è consentito solo nel caso in cui: elimina o riduce significativamente una inconsistenza da valutazione e/o classificazione (accounting mismatch); un gruppo di financial assets/liabilities è gestito e/o le sue performance sono valutate esclusivamente in base al FV (es. Venture Capital Market); contiene uno o più embedded derivatives da scorporare. Riclassificazioni a da HFT FVO L&R HTM AFS HFT no si* si* si* FVO no no no no L&R no no no no HTM no no no si tainting rule AFS no no si* si * Amendment ottobre 2008

13 Riclassificazioni Riclassificazioni ammesse ai sensi dell Amendments to IAS 39 and IFRS 7, Ottobre 2008: Reclassifications of Financial assets. Possibilità di riclassificare un attività finanziaria dalla categoria Held for trading (sottocategoria FVTPL) alla categoria L&R, HTM o AFS. Possibilità di riclassificare dalla AFS alla categoria L&R. Riclassificazioni non ammesse Permane il divieto di riclassificare al di fuori della categoria FVTPL gli strumenti derivati nonchè gli strumenti finanziari designati al fair value in adozione della cd. Fair value option. Gerarchia del Fair Value Valutazione Successiva FAIR VALUE MODEL Quotazioni di mercato (su mercati attivi) Valutazioni Tecniche (*) (in assenza di mkt) Costo al netto dell impairment (solo per Equity instruments in assenza di mkt)

14 Valutazione Successiva AMORTISED COST MODEL L obiettivo dell applicazione del metodo del costo ammortizzato è giungere alla determinazione di un interesse che rappresenti il rendimento economico effettivo dell investimento. L amortised cost è calcolato attraverso la determinazione del tasso effettivo (IRR) che è il tasso che sconta esattamente, all origine, i futuri flussi di cassa contrattuali del finanziamento al netto di tutti i costi di transazione direttamente attribuibili. Valutazione Successiva AMORTISED COST MODEL La società A acquista a uno strumento obbligazionario con le seguenti caratteristiche: Scadenza a 5 anni Valore nominale: Tasso di interesse nominale: 4,7% (1.250 x 4,7% = 59)

15 Valutazione Successiva AMORTISED COST MODEL 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno IRR=10% Valutazione Successiva AMORTISED COST MODEL Costo tasso contrattuale 4,7% - scarto di emissione 250 (a) Costo amm. Inizio es (b) = (a) x 10% Interesse attivo (c) Cash flow (d )= (a) + (b) (c) Costo amm. Fine es. X X X X X

16 MODULO 2 La nozione di impairment e provisioning secondo lo IAS 39 La nozione di impairment presuppone l identificazione di evidenze oggettive di impairment (cd. OEI) Sottointende un cd. Incurred loss model e non un expected loss model Richiede una valutazione quantitativa in termini di flussi finanziari futuri e presuppone che questi possano essere oggetto di stima ragionevole ed attendibile Si presuppongono dati osservabili a supporto dimostrazione OEI e relativi impairment

17 Quando ha senso parlare di impairment? IMPAIRMENT Step 1 Evidenza obiettiva dell impairment Significative difficoltà finanziarie dell emittente Alta probabilità di default dell emittente Conseguenze sull emittente dovute a cambiamenti in: tecnologia, ambiente economico, legale e di mercato Significativa o prolungata valutazione inferiore rispetto al costo dell investimento Step 2 Calcolare il valore recuperabile/fair value Step 3 Registrare l impairment nel conto economico

18 Determinazione dell Impairment per le attività misurate al costo ammortizzato Impairment loss = Carrying amount dell attività meno importo recuperabile Importo recuperabile = Valore attuale dei futuri flussi di cassa (incluso interessi, recupero capitale, ricavi e spese legali derivanti dal realizzo collateral,) scontate al : tasso effettivo originale per le attività a tasso fisso tasso corrente effettivo determinato in base al contratto per le attività a tasso variabile (AG84) Formula: Legenda Im p o r to R e c u p = T t = t 0 ( 1 + C F r e ff ) t ( t ) CF t Flussi di cassa attesi dalla transazione (e.g. collateral) al tempo t r eff. t t 0 Tasso di interesse effettivo originale Timing atteso dei flussi di cassa Data alla quale l importo recuperabile è oggetto di determinazione T Timing atteso dell ultimo flusso di cassa

19 Indicatori Oggettivi di impairment Le OEI includono dati osservabili quali: significative difficoltà finanziarie dell emittente o del debitore; una violazione del contratto; il finanziatore per motivazioni economiche o legali relative alle difficoltà finanziarie del debitore concede allo stesso condizioni che altrimenti non avrebbe considerato; è probabile che il debitore dichiari bancarotta o altre procedure di ristrutturazione finanziaria; scomparsa del mercato attivo dell attività finanziaria a causa delle difficoltà finanziarie; o dati indicano l esistenza di una riduzione misurabile nei futuri flussi finanziari stimati dell attività finanziaria o del gruppo di attività finanziarie. Il downgrading di un entità non costituisce di per sè indicatore di impairment Inoltre per gli strumenti di equity: Cambiamenti avversi (tecnologici,mercato,legali) che indicano che il costo dell investimento non può essere recuperato Una diminuzione significativa o prolungata del fair value di uno strumento di equity al di sotto del suo costo di acquisto è evidenza oggettiva di impairment

20 IMPAIRMENT Ad ogni chiusura contabile l impresa deve valutare le attività finanziarie al fine di determinare l esistenza oggettiva di fattori indicativi di una potenziale perdita di valore delle stesse (impairment). Lo IAS 39 definisce una serie di fattori che qualificano tale esistenza oggettiva di potenziale perdita di valore di un attività finanziaria. Qualora esista tale potenziale perdita di valore, il valore di carico deve essere rettificato secondo regole differenti, a seconda che si tratti di: attività finanziarie rilevate al costo ammortizzato, attività finanziarie rilevate al costo, attività finanziarie qualificate come AFS. L&R HTM Metodo di calcolo dell impariment L impairment è pari alla differenza tra il valore contabile (cd. carrying amount ) ed il valore recuperabile determinato sulla base dei futuri flussi di cassa attesi scontati all IRR originario. NON esposto ai rischi di mercato! AFS - Debt AFS - Equity L impairment è pari alla differenza tra il costo di acquisto originario ed il fair value. L impairment è pari alla differenza tra il costo di acquisto originario ed il fair value. Esposto ai rischi di mercato! A fronte del medesimo strumento finanziario, l ammontare dell impairment può risultare diverso a seconda della sua classificazione (L&R/AFS).

21 L&R HTM Contabilizzazione dell impariment e del reversal L impairment è contabilizzato a P/L. L eventuale ripresa di valore ( reversal ) viene contabilizzata a P/L. AFS - Debt AFS - Equity L impairment è contabilizzato a P/L. Se un impairment era stato precedentemente contabilizzato a Riserva AFS, la riserva cumulativa netta sospesa ad Equity (Riserva AFS) deve essere imputata a P/L. L eventuale ripresa di valore ( reversal ), viene contabilizzata a P/L. L impairment è contabilizzato a P/L. L eventuale ripresa di valore ( reversal ), viene contabilizzato a Patrimonio netto (Riserva AFS)! A seconda della classificazione iniziale l ammontare del REVERSAL può generare effetti diversi a P/L. Derecognition di attività finanziarie Consolidation Part or entire asset? Rights to cash flows expired? YES Derecognition NO Rights to cash flows transferred? YES NO Pass through arrangement? NO No derecognition YES Substantially all risks and rewards transferred? YES Derecognition NO Substantially all risks and rewards retained? YES No derecognition NO Control retained? NO Derecognition YES Continuing involvement

22 Derecognition di attività finanziarie Derecognition di attività finanziarie APPROCCIO METODOLOGICO ANALISI QUALITATIVA STRUTTURA OPERAZIONE CONTRATTUALISTICA (CLAUSOLE) ANALISI QUANTITATIVA EFFETTI CHE STRUTTURA OPERAZIONE O CLAUSOLE CONTRATTUALI PRODUCONO SUI FLUSSI DEI CREDITI OGGETTO DI CARTOLARIZZAZIONE TEST DI DERECOGNITION

23 TEST DI DERECOGNITION IAS 39.21: IL TRASFERIMENTO DEI RISCHI E DEI BENEFICI E VALUTATO TRAMITE IL CONFRONTO DELL ESPOSIZIONE DEL CEDENTE PRIMA E DOPO IL TRASFERIMENTO DELL ATTIVITÀ FINANZIARIA, CON RIFERIMENTO ALLA VARIABILITÀ NELL AMMONTARE E NEL TEMPO DEL VALORE ATTUALE DEI FLUSSI DI CASSA FUTURI NETTI DELL ATTIVITÀ FINANZIARIA; L ATTUALIZZAZIONE DEVE ESSERE EFFETTUATA CON UN APPROPRIATO TASSO CORRENTE DI MERCATO E STIMANDO RAGIONEVOLMENTE I FLUSSI DI CASSA. APPROCCIO METODOLOGICO ANALISI QUALITATIVA ANALISI QUANTITATIVA TEST DI DERECOGNITION E POSSIBILE OMETTERE I TEST DI EFFICACIA QUANDO L ESITO DELL ANALISI QUALITATIVA SIA TALMENTE OVVIO DA NON RENDERE NECESSARIA L ANALISI QUANTITATIVA

24 ESEMPI DI TRATTENIMENTO DEI RISCHI E BENEFICI IN CAPO AL CEDENTE (AG40): vendita con patto di riacquisto dei crediti ceduti a un prezzo prefissato (o accordo di prestito di titoli); vendita con un total return swap che trasferisce per intero allo stesso cedente il rischio di mercato; vendita con un opzione (call o put) con un prezzo di esercizio in the money ; vendita di crediti a breve in cui il cedente offre una garanzia che risarcisce il cessionario per le perdite che probabilmente si manifesteranno 47 ESEMPI DI TRASFERIMENTO RISCHI E BENEFICI IN CAPO AL CESSIONARIO (AG39): vendita incondizionata; vendita con l opzione a riacquistare le attività al fair value; vendita con un opzione (call o put) con un prezzo di esercizio out of the money alla scadenza; 48

25 ALTRI ESEMPI CHE ILLUSTRANO L APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI ELIMINAZIONE CONTABILE SONO ELENCATI IN AG 51 - accordi di riacquisto e prestito titoli - operazioni di vendita fittizia di titoli - le opzioni put e le opzioni call profondamente di the money - le opzioni put e le opzioni call profondamente out of the money - disposizioni di annullamento - richiamo di attività (clean-up call) - Total return swap - Interest Rate Swap 49 INDICATORI DI COINVOLGIMENTO DEL CEDENTE IN UNA OPERAZIONE DI CARTOLARIZZAZIONE: SOTTOSCRIZIONE JUNIOR NOTES - classe che sopporta il maggior rischio, senza rating, no quotata DPP (Deferred Purchase Price) il prezzo di cessione non viene pagato interamente; il prezzo futuro dipende anche dall andamento dell operazione GARANZIA COLLATERALE erogata dal cedente per prevenire problemi di liquidità ATTIVITA DI SERVICING se presente parte della remunerazione legata alla performance del portafoglio SOTTOSCRIZIONE MEZZANINE E SENIOR e SWAP 50

26 VERSO CONTINUING INVOLVEMENT Se non è possibile confermare il trasferimento (o il mantenimento) sostanziale dei rischi e dei benefici, occorre verificare la presenza o meno del controllo sull attività da parte dell entità ( c). (i) se l entità non ha mantenuto il controllo elimina l attività finanziaria e rileva separatamente come attività e passività qualsiasi diritto ed obbligazione originati o mantenuti nel trasferimento. (ii) se l entità ha mantenuto il controllo, deve continuare a rilevare l attività finanziaria nella misura del coinvolgimento residuo nell attività finanziaria. 51 IL CONCETTO DI CONTROLLO IAS il controllo dipende dalla capacità di vendere l attività trasferita nella sua totalità a una terza parte non correlata e si deve essere in grado di esercitare tale capacità unilateralmente e senza bisogno di imporre ulteriori restrizioni sul trasferimento. IAS 39 AG 42 stabilisce inoltre che: Un entità non ha mantenuto il controllo di un attività trasferita se il cessionario è in grado di vendere l attività trasferita Un cessionario è in grado di vendere l attività trasferita se essa è negoziata in un mercato attivo poiché il cessionario potrebbe riacquistare l attività trasferita sul mercato se necessita di restituire l attività all entità. 52

27 IL CONCETTO DI CONTROLLO IAS 39 AG 43 in relazione alla capacità del cessionario di vendere nella sua totalità a terzi non correlati e senza restrizioni l attività finanziaria, è necessario valutare nella sostanza cosa è in grado di fare il cessionario, e non di quali diritti contrattuali il cessionario gode 53 SE L ENTITA NON HA MANTENUTO IL CONTROLLO il trasferimento si qualifica per l eliminazione dell attività finanziaria (caso c (i)) - al momento della integrale eliminazione - la differenza tra valore contabile e somma del corrispettivo più qualsiasi utile e perdita rilevato a pn deve essere rilevato a conto economico - esempi di trattamento di obbligazioni o diritti sorti a seguito del trasferimento si rinvia AG 45 e AG 46 54

28 SE L ENTITA HA MANTENUTO IL CONTROLLO CONTINUING INVOLVEMENT il trasferimento non si qualifica per l eliminazione dell attività finanziaria (caso c (ii)). -l entitàcontinua a rilevare l attivitàtrasferita nella misura del coinvolgimento residuo ( 39.30). - l entità riconosce anche una passività associata. L attività trasferita e la passivitàassociate sono valutate su una base che riflette i diritti e le obbligazioni che l entità ha mantenuto. ( 39.31) 55 SE L ENTITA HA MANTENUTO IL CONTROLLO CONTINUING INVOLVEMENT In questo caso vanno riscritti i crediti in bilancio solo per la quota parte relativa al continuing involvement. Esempi: a) Offerta di una garanzia in questo caso l ammontare è rappresentato dal minore tra valore attività e l importo della garanzia rilasciata b) Opzione l ammontare è rappresentato dal valore dell attività finanziaria che il cedente può riacquistare 56

29 TRATTAMENTO CONTABILE CESSIONE CREDITI NO DERECOGNITION SI DERECOGNITION 57 TRATTAMENTO CONTABILE CESSIONE CREDITI SI DERECOGNITION CESSIONE A TITOLO DEFINITIVO Il cedente provvederà all eliminazione contabile dal proprio bilancio delle attività cedute rilevando in contropartita il corrispettivo ricevuto e l eventuale utile/perdita da cessione (IAS 39 26) 58

30 STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Strumenti finanziari Valore basato su un sottostante Investimento iniziale nullo o limitato Regolamento differito DERIVATI DI TRADING DERIVATI DI HEDGING DERIVATI INCORPORATI cd. Embedded Derivatives STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Tutti i derivati non sono più considerati fuori bilancio ma iscritti sopra la linea Tutti i derivati sono valutati al Fair Value Gli strumenti derivati sono sempre classificati come HFT ad eccezione di quelli designati come efficaci strumenti di copertura

31 MODULO 3 61 Strumenti Finanziari Derivati - Esempi STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI DERIVATI Contratti a termine Interest Rate Swap (IRS) Future Option

32 COSA SONO? DERIVATI INCORPORATI CLAUSOLE (es. termini contrattuali) incorporate in uno strumento che produce effetti uguali a quelli di un derivato autonomo. QUALI SONO GLI ASPETTI RILEVANTI? Può esserne richiesta la separazione dal contratto che ospita il derivato; Il derivato separato viene valutato sempre al FAIR VALUE DERIVATI INCORPORATI - QUANDO SEPARARLI? E strumento di negoziazione o disponibile per la vendita SI Nessuna separazione le cui variazioni di FV sono già contabilizzate a C/E? NO Il derivato incorporato rientra nella definizione di derivato prevista dallo IAS 39? Le caratteristiche e i rischi del derivato incorporato sono correlate con quelle dello strumento principale? E possibile determinare in modo autonomo il fair value del derivato incorporato? SI NO SI NO SI NO Nessuna separazione Nessuna separazione L intero contratto è classificato held for trading e valutato al fair value con imputazione a conto economico Si procede alla separazione contabile: il derivato incorporato segue le regole dello IAS 39 lo strumento principale segue lo IAS 39 o gli altri IAS applicabili

33 HEDGE ACCOUNTING - INTRODUZIONE DERIVATI DI HEDGING Ai fini della contabilizzazione di un operazione di copertura (cd. hedge accounting ) è necessario designare uno o più strumenti, solitamente degli strumenti derivati, con i quali compensare le variazioni di fair value o dei flussi finanziari dello strumento che si intende coprire. Regole Generali dell Hedge Accounting Una copertura economica potrebbe non essere una copertura contabile. Tutti i derivati sono valutati al fair value anche con l utilizzo del hedge accounting. Rigide regole di documentazione. Regole per dimostrare l efficacia delle coperture. Le porzioni non efficaci sempre contabilizzate a P&L. Copertura di Gap o Net position generalmente non concessa

34 Lo IAS 39 riconosce la possibilità di valutazione di uno strumento derivato sulla base dell hedge accounting, solo a condizione che siano soddisfatte precise condizioni. - es Copertura di posizioni nette Hedge accounting Copertura economica - es Copertura titoli HTM -es Copertura di derivati -es Derivato venduto -es Copertura non documentata - -es Internal deals Criteri per la classificazione delle operazioni di copertura Risk Management Strategy & Policy Documentazione formale indicante: Risk management strategy and objective Hedge type Hedged risk Hedged item Hedging instrument Method for assessing effectiveness Prospective Retrospective Elevata efficacia attesa (prospettica) Efficacia periodica (retrospettica) misurabile

35 Test di efficacia La relazione di copertura dovrà essere, e deve essere stata, altamente efficace (eg. 80/125) Test Prospettico Alla stipula X Alla data di reporting X E Test Retrospettico X Tipologie di hedge accounting Attività a tasso variabile Passività a tasso variabile Transazioni future Copertura di Copertura flussi di fair value finanziari Copertura investimenti esteri Attività a tasso fisso Passività a tasso fisso Firm commitments Investimenti netti in operazioni estere

36 Modello di fair value hedge accounting Valutazione dello strumento di copertura Variazioni di fair value Valutazione dello strumento coperto Conto economico Gli utili o le perdite dello strumento coperto attribuibili al rischio da coprire compensano le variazioni dello strumento di copertura Modello Cash flow hedge accounting (*) Valutazione dello strumento di copertura Variazioni di fair value Efficace Inefficace Patrimonio netto Conto economico (*) Analogo modello applicato per Hedge of Net Investment in foreign entity

37 Discontinuing hedge accounting - Prospettico Fair Value Hedge Valore della rettifica dell oggetto di copertura Cash Flow Hedge Se AFS - future variazioni di FV in equity Se al costo rimane sino alla vendita Se HTM o altra passività amortizzato lungo la rimante vita della passività Utili e perdite sospesi in riserva di equity Net Investment Hedge Riciclati a P/L quando l operazione coperta impatta il conto economico Transazione non più attesa riciclato a P/L immediatamente Utili e perdite sospesi in riserva di equity Riciclati a P/L alla vendita dell investmento IFRS 7 Cenni su IFRS Disclosure Lo standard prevede che i soggetti interessati presentino un livello di informativa che permetta agli utenti di valutare: la significatività degli strumenti finanziari in relazione alla situazione finanziaria ed ai rischi economici di una entità (IFRS ) la natura e l estensione dei rischi che derivano dagli strumenti finanziari ai quali il soggetto è stato esposto durante il periodo e alla data di reporting e come il soggetto gestisce tali rischi (IFRS )

38 IFRS 7 Risks arising from financial instruments Qualitative Disclosure Quantitative Disclosure Credit risk Liquidity risk Market risk Credit quality Collateral Loan performance Maturity analysis for financial liabilities Sensitivity analysis for each type of market risk Interest rate risk Currency risk Other price risk Equity price risk Commodity price risk Risk of early repayment

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione)

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) Roma, marzo 2006 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA 3 1. LE INFORMAZIONI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC OIC 3 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI DA INCLUDERE NELLA NOTA INTEGRATIVA E NELLA RELAZIONE SULLA GESTIONE (ARTT. 2427-BIS E 2428, COMMA 2, N. 6-BIS C.C.) Marzo 2006 PRESENTAZIONE L Organismo

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli