La modesta crescita dell economia italiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La modesta crescita dell economia italiana"

Transcript

1 I fondi di debito hanno le potenzialità per diventare una fonte importante di accesso al capitale per le Pmi I risultati della prima indagine dell Ufficio Studi di MondoAlternative sul settore del private debt italiano mostrano dei portafogli obiettivo composti in media da circa 30 posizioni di Alessandro Moise e Stefano Gaspari LA QUOTA DEI DEBITI BANCARI SUL TOTALE DEI DEBITI FINANZIARI DELLE IMPRESE Paese % debiti bancari Italia 66,5% Francia 37,0% Germania 52,7% Spagna 51,5% Regno Unito 28,5% Zona euro 50,0% Fonte: Banca d Italia, 2013 La modesta crescita dell economia italiana potrebbe essere un fenomeno destinato a durare anche nel prossimo futuro. I principali problemi sono oggi legati alla strutturale debolezza della domanda interna e alla contrazione generalizzata della dinamica del credito bancario. Ma per tutte le piccole/medie imprese meritevoli si è aperta una nuova frontiera nel mercato delle obbligazioni, in grado di spezzare poco alla volta il cordone ombelicale che sinora ha legato le aziende alle banche: si tratta dei cosiddetti minibond. Per favorire l investimento in tali strumenti finanziari sono poi stati costituiti diversi fondi di debito e, al momento, risultano già partite o in fase di raccolta 26 iniziative, tra le quali si segnala l ultimo lancio di private debt fund da parte di Ver Capital con una dimensione target di 150 milioni di euro. Volendo fornire un accurata fotografia del settore, l Ufficio Studi di MondoAlternative ha condotto la sua prima indagine su 20 fondi di private debt. Caratteristiche dei fondi di private debt Per i fondi di debito le aziende target sono quelle con un fatturato compreso tra i 10 milioni (2 fondi però considerano anche le imprese con ricavi inferiori a tale cifra) e i 500 milioni di euro, mentre a livello di ammontare allocato per singolo emittente si prevede un ticket massimo d investimento di 30 milioni di euro: i fondi solitamente non investono più del 20% del patrimonio totale raccolto su una singola operazione. I portafogli obiettivo in media sono composti da circa 30 posizioni, ma si possono spingere oltre arrivando a 100 posizioni. I private debt fund analizzati hanno obiettivi di raccolta finale compresi tra i 100 e i 500 milioni di euro, con un target di performance tra il 4% e il 15% (vedi tabella pag. 6). Il potenziale dei fondi di debito privato Rimane ora da capire quanto il mercato del private debt riuscirà a diventare una vera e propria alternativa al canale bancario. Noi crediamo che i tempi siano maturi per un innovazione nel finanziamento delle imprese italiane, è il parere di Ersilia Molnar, marketing director di Muzinich & Co. Il punto, per le aziende, non è fare una scelta secca tra minibond o banca, ma modulare le fonti di finanziamento secondo le finalità. A che cosa servono i soldi che si stanno chiedendo al mercato? Per investimenti strategici di medio e lungo periodo o per farla funzionare nel breve? Minibond e finanziamento bancario possono assolvere finalità complementari e quindi convivere. Detto questo, le emissioni obbligazionarie sottoscritte da fondi specializzati possono certamente diventare fonte primaria di accesso al capitale: le potenzialità ci sono. Per Laurent Petit, portfolio manager di Lyxor Asset Management, se il mercato arriva a strutturarsi attorno a emittenti di qualità e a degli standard sufficientemente protettivi per gli investitori (covenant, etc.), i minibond possono diventare una vera alternativa al finanziamento bancario. C è già una vera domanda per questo tipo di strumento in Italia da parte delle piccole e medie imprese, mentre Federico Merola, partner del fondo Impresa Italia, spiega come il mercato dei bond per le Pmi sia un punto d arrivo, non un punto di partenza. Lavoriamo su tutta la struttura del passivo anche con strumenti convertibili o partecipativi e con modalità articolate, nei limiti di quanto consentito dalla legislazione nazionale. Il lavoro al fianco delle banche è fondamentale così come quello di miniera per arrivare in un prossimo futuro, e progressivamente, ad allargare la platea degli emittenti di piccole e soprattutto medie dimensioni. Il canale dei minibond costituirà col tempo un alternativa al canale bancario per il finanziamento dei piani di sviluppo, è infine l opinione di Robert Tann, fund manager di Advam Partners Sgr. Focus sulle emissioni I minibond sono ancora strumenti poco diffusi e al momento sono una quarantina 3 il primo e unico magazine italiano sugli investimenti alternativi

2 le emissioni effettuate sul segmento dedicato di Borsa Italiana ExtraMot Pro (attivo dal febbraio 2013), un numero decisamente inferiore alle aspettative degli operatori del settore: diverse aziende potenziali emittenti sono, infatti, ancora poco propense a comunicare in un ottica di massima trasparenza. Ma cosa servirebbe oggi per dare un vero e proprio impulso al settore dei minibond? Per decollare, il mercato ha bisogno che un certo numero di emissioni, considerevoli sia in termini di volumi (superiori a 10/15 milioni di euro) che di qualità/solvibilità, sia effettuato, al fine di attirare gli investitori verso questo nuovo segmento, spiega Petit. Per Molnar, è anzitutto necessario che il mercato prenda una forma compiuta attraverso l ingresso di nuovi operatori e le prime emissioni delle imprese. Sono le condizioni per far scattare l effetto emulazione: se un po d imprese accederanno a questa soluzione di finanziamento e ne apprezzassero l efficacia, tutto diventerebbe più facile. A quel punto si potrebbero superare le resistenze culturali di oggi. Noi crediamo che questo possa accadere. Negli Stati Uniti, fino a pochi anni fa, le imprese si finanziavano principalmente attraverso le banche, ma poi è cambiato tutto. Lo scenario europeo è cambiato: anche in Italia si sono create le condizioni per innovare nelle fonti di finanziamento. Merola, dal canto suo, sottolinea che il credito non bancario deve nascere e svilupparsi in Italia, come già accaduto in altri Paesi, in forma complementare al credito bancario e diversa da questo. Certamente il private debt include la sottoscrizione, anche in forma esclusiva (c.d. private placement) di obbligazioni emesse da Pmi (comprese le cambiali finanziarie), ma rappresenta un operatività più ampia che riguarda la capacità di lavorare in forma variegata sulla struttura del passivo. Ciò detto penso che tre provvedimenti potrebbero dare impulso al settore: l eventuale revisione del principio di riserva bancaria per assimilare i nostri fondi di debito a quelli operanti in altri regimi giuridici europei (e non), consentendo a soggetti regolati e vigilati anche forme di finanziamento diretto; il via agli investimenti istituzionali come quelli che ha annunciato la Cdp, importanti per dare fiducia e indirizzi virtuosi al mercato; infine, una fiscalità in grado di distinguere tra investimenti a breve e a medio/lungo termine (e quindi la riduzione del trattamento fiscale dei redditi derivanti dagli investimenti in fondi di private debt), 4 prosegue Merola. Sul primo punto mi preme sottolineare che dalla lettura dei giornali appare sopravvalutato il numero di Pmi che può emettere minibond, laddove il percorso che consente di arrivare a questo traguardo è graduale e va guidato da società capaci di guardare bene dentro l azienda ed accompagnarla verso una crescita anche organizzativa. Si collega anche a questa considerazione la perplessità suscitata da un intervento diretto di Sace nel settore, dato che proprio Sace svolge in regime di monopolio il compito di assicurare l export credit di società italiane e, tra le altre cose, ha esteso la sua operatività alla copertura del rischio di credito delle Pmi. Concentrandoci sugli investitori, invece, come si possono superare le problematiche legate all illiquidità dello strumento e alla scarsità delle emissioni? I minibond sono uno strumento molto giovane, che ha bisogno ancora di un po di tempo per definirsi, e per riuscire ad avere liquidità, è necessario che aumentino le emissioni di qualità e quelle di taglia sufficientemente importante, afferma Petit. Questa liquidità, infatti, esiste già sul fronte dei minibond di taglio più grande, che sono stati rapidamente utilizzati da fondi di private equity come strumento di finanziamento ad alto rendimento per alcune operazioni di leveraged buyout italiane (che non è il motivo per cui, originariamente, è stato progettato lo strumento dei minibond). Ad ogni modo, in caso di una controparte di buona qualità e di un minibond dall importo significativo, si prevede che la liquidità possa essere reperita facilmente: i volumi scambiati sul minibond di Tesmec, per esempio, dopo il suo lancio avvenuto in aprile, rappresentano circa il 20% dell emissione. Per quanto ci riguarda, la liquidità è un problema che non sentiamo: il nostro è un fondo take and hold che investe in emissioni che intende tenere fino alla scadenza. E chiaro, più in generale, che la bassa liquidità potrà essere agevolmente superata con l aumentare delle dimensioni del mercato specifica Molnar, a cui fa eco Tann sostenendo che a mano a mano che il numero di emissioni aumenta si svilupperà un mercato secondario. E dunque richiesto del tempo perché si sviluppi la liquidità. L illiquidità dei minibond, per il momento è di difficile soluzione per cui è necessario che questi siano, coerentemente, sottoscritti da fondi chiusi, aggiunge Merola. Col tempo forse si potrà creare un piccolo mercato anche di questo strumento ma nel breve non credo maggio 2014 MondoAlternative sia possibile. Proprio per cercare di accelerare questo processo abbiamo previsto la possibilità di coinvestimento con gli investitori sottoscrittori, che guidati dalla società potrebbero entrare in confidenza con lo strumento e il suo mercato. Le imprese eleggibili per emissioni di minibond sono però meno di quelle che si dice abitualmente sulla base di dati generali di varia provenienza: il private debt è un lavoro di miniera che serve per portare progressivamente sul mercato imprese che hanno i presupposti economici per fare questo passo ma non ancora la capacità tecnica e la possibilità dimensionale. Per questo ritengo che sia un mestiere naturalmente riservato alle società di private equity, afferma Merola. Ruolo delle garanzie Per favorire l investimento dei fondi di private debt è importante introdurre dei sistemi di garanzia che mitighino il rischio degli operatori economici coinvolti. Di questo parere ne è convinto Merola: Il fronte delle garanzie è molto importante e ogni ulteriore allargamento e articolazione è benvenuta e può favorire l operatività del private debt. Si deve però lavorare anche su quanto già teoricamente disponibile ovvero le garanzie dei confidi e della Sace. I primi si devono riformare per diventare più affidabili, solidi e competitivi. Anche perchè il fondo nazionale di garanzia è ora accessibile direttamente dai fondi di debito. Sulla Sace pesa invece l elevato costo e l imbarazzo di un iniziativa in competizione con il mercato. Bisognerà fare chiarezza sul punto. La creazione di un fondo di garanzia per le Pmi per favorire l'investimento dei fondi pensione e delle Casse di previdenza potrebbe aiutare a rassicurare gli investitori, che per certi aspetti possono esitare a investire nelle Pmi, controparti necessariamente più rischiose delle grandi società, dice Petit. Ma è importante che questi fondi di garanzia, in caso siano effettivamente lanciati, siano disponibili, con criteri di eleggibilità ben definiti, per tutti gli emittenti o tutti i fondi di minibond e non siano riservati soltanto ad alcuni. La nascita di fondi centrali di garanzia è allo studio e sarebbe certamente utile, ma per creare un mercato servono prima di tutto operatori professionali e numerosi fondi specializzati, afferma Molnar, mentre per Tann è necessario lo sviluppo di un sistema di garanzie a supporto delle emissioni delle imprese medie e servono incentivi per alcuni investitori istituzionali relativamente ai requisiti regolamentari che normano gli investimenti.

3 Nome fondo Antares - Azimut Private Debt Anthilia Bond Impresa Territorio Blue Lake Italian Minibond Bnp Paribas Bond Italia Pmi Crescita Impresa Italia Durata massima prevista 8 anni 10 anni + 3 anni Illimitata 7 anni 7 anni Durata investment period 4 anni + 2 anni eventuale estensione 10 anni Illimitata 24 mesi dal closing finale N.d. Durata fase fundraising 24 mesi max 2 anni Non prevista massimo 12 mesi 12 mesi Target di raccolta 200 mln 200 mln 100 mln 150 mln 100 mln Strumenti di investimento utilizzati Titoli di debito: minibond, obbl. convertibili, etc Obbligazioni, cambiali finanziarie e altri strumenti di debito emessi da PMI italiane Focus su Minibond Prevalentemente minibond Minibond e cambiali finanziarie Fatturato minimo azienda target 10 mln 10 mln 10 mln mln 10 mln Fatturato massimo azienda target 200 mln 200 mln 250 mln 150 mln 250 mln Rating minimo emittente Investment grade B+ Nessuna restrizione area bb N.d. Tutti con esclusione settore finanziario, real estate e industrie non etiche Tutti, esclusi: pornografia, immobiliare, case da gioco e/o attività equivalenti (anche online), produzione e commercio di armi Nessuna restrizione Ampia diversificazione - costruzioni e finanziario limitato/assente Esclusione settori finanziario e immobiliare Agenzia di rating di riferimento In via di definizione CRIF Nessuna credit rating agency autorizzata da Esma Credit Rating Agency autorizzata Esma Advisor finanziario N.d. N.d. Advisory Board nominato dal gestore finanziario Prometeia Spa Prometeia Gestore finanziario N.d. Anthilia Capital Partners Sgr Compass Asset Management SA Bnp Paribas Investment Partners Aletti Gestielle Sgr Distributore N.d. N.d. Nessuno N.d. UnicaSim Commissioni di gestione N.d. 1,05% 1,40% 1,00% nell'investment period, 0,90% successivamente 0,65% Commissioni di advisory N.d. N.d. Variabile Nessuna (ricompresa nelle commissioni di gestione) N.d. Rendimento target annuo 7-8% 7% - 9% Mid to high single digit btp 4 anni + 150/200 bp (netto per l'investitore) 6% circa Distribuzione dividendi Dal secondo anno Sì Nessuna Annuale Annuale Numero posizioni in portafoglio N.d Massimo investimento singolo settore N.d. 20% Nessuna restrizione 20% N.d. Massimo investimento singolo emittente 10% 10% Nessuna restrizione 15 mln ca 10% 6 maggio 2014 MondoAlternative

4 Nome fondo Duemme Fondo per le imprese Emisys Development Euregio Minibond Fondo Minibond PMI Italia Fondo Progetto MiniBond Italia Durata massima prevista 6 anni + 3 grace period 11 anni 10 anni 7 anni 6 anni + 18 mesi Durata investment period N.d. 5 anni Il fondo intende investire rapidamente il capitale raccolto con esclusione degli ultimi 3 anni di vita del fondo 18 mesi dalla data di chiusura del primo periodo di sottoscrizione 5 anni Durata fase fundraising 3 mesi (21 ottobre gennaio 2014) 12 mesi (scadenza Novembre 2014) 2 anni 6 mesi dalla data di approvazione del Regolamento o al raggiugimento di 50 mln 12 mesi Target di raccolta N.d. 150 mln (131 mln già raccolti) 50 mln primo closing 100 mln target 150 mln 100 mln Strumenti di investimento utilizzati Obbligazioni Debito subordinato, Debito convertibile, Strumenti finanziari partecipativi, Azioni privilegiate, Azioni ordinarie (di minoranza) Minibond di emittenti riconducibii esclusivamente alla Regione Trentino Alto Adige altri titoli di debito Almeno per l'80% del patrimonio del Fondo investito in Minibond quotati e non Titoli di debito emessi da PMI non quotate (minibond) Fatturato minimo azienda target N.d. 10 mln 2 mln euro preferibilmente 20 mln euro Non sono considerate le Microimprese 5 mln Fatturato massimo azienda target N.d. 150 mln senza limiti 150 mln 100 mln Rating minimo emittente Investment Grade N.d. Rating minimo interno equivalente a BB- B+ CRIF: B Sono esclusi immobiliare, allevamento, banche, assicurazioni e intermediari finanziari Tutti eccetto real estate, finanziario, settori eticamente sensibili (armi, tabacco, gambling, ecc.) Tutti Tutti, ad eccezione dei settori finanziario e real estate Esclusi settori non etici Agenzia di rating di riferimento Cerved N.d. Modello di rating interno che si ispira ad un'agenzia di rating tedesca in aggiunta Cerved CRIF CRIF/Cerved Advisor finanziario N.d. N.d. Prader Bank S.p.A. Prometeia S.p.A. - MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. ADB Gestore finanziario Duemme Sgr Emisys Capital Sgr PensPlan Invest SGR S.p.A. Finanziaria Internazionale Investments SGR Zenit Sgr Distributore N.d. N.d. N.d. N.d. Zenit Sgr Commissioni di gestione 0,80% 1,95% N.d. Commissioni di advisory N.d. N.d. N.d. 1,2% nell'investment period/0,9% nel periodo successivo all'investiment 0,42% nell'investmente period/0,48% nel periodo successivo all'investment 0,8% - 1,2% 0,35% Rendimento target annuo N.d % netto 4% - 5% al netto di tutti i costi 6-7% 6% - 8% Distribuzione dividendi Annuale In funzione dei flussi dagli investimenti in ptf Sì Semestrale Annuale Numero posizioni in portafoglio Massimo investimento singolo settore N.d. N.d. 20% 20% 25% Massimo investimento singolo emittente 10% mln 20% 6-7% 7% 7 il primo e unico magazine italiano sugli investimenti alternativi

5 Nome fondo Fysis Sicav Sif - Vesta Industrial HI CrescItalia PMI Fund Impresa Italia Lyxor Berica Sme Fund* Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia** Durata massima prevista 10 anni 8 anni 6 anni (più eventuale grace period) 7 anni Non prevista Durata investment period 24 mesi 2 anni 3 anni N.d. Non prevista Durata fase fundraising 24 mesi 1 anno 24 mesi N.d. Non prevista Target di raccolta 100 mln 250 mln 150 mln 500 mln Non previsto Strumenti di investimento utilizzati Minibond Senior and unsecured bond Srumenti di debito 80% - 100%. Equity kicker 0% - 20% (no rischio equity) Minibond Il Fondo investe in misura principale in strumenti finanziari di emittenti aventi sede in Italia. Il Fondo investe in strumenti finanziari di emittenti sovrani, sovranazionali e societari. Compatibilmente con i limiti previsti dalla normativa vigente, il Fondo può investire in titoli obbligazionari emessi da piccole e medie imprese italiane (cosiddetti minibond). Gli strumenti finanziari di natura obbligazionaria e monetaria possono arrivare fino al 100%, gli strumenti finanziari di natura azionaria fino al 25%. L'investimento in OICR può essere in misura significativa ed in OICR di società collegate in misura contenuta. L'investimento in fondi chiusi rientra nei limiti di legge. L'investimento in depositi bancari è in misura residuale. L'investimento principale è in strumenti finanziari denominati in euro e in misura contenuta in altre valute. Fatturato minimo azienda target 10 mln 7,5 mln 30 mln 50 mln Non previsto Fatturato massimo azienda target 250 mln 250 mln 150 mln 150 mln Non previsto Rating minimo emittente Solo Investment grade Investment grade N.d. N.d. Non previsto Principalmente meccanica - manifatturiero di qualità, aziende a forte connotazione Made in Italy Tutti, tranne immobiliare/costruzioni Tutti tranne settore Immobiliare N.d. Il Fondo può diversificare gli i nvestimenti in tutti i settori merceologici. Agenzia di rating di riferimento CRIF/Cerved CRIF N.d. N.d. Non prevista Advisor finanziario Gestore finanziario Distributore Per gli emittenti: Keystone, Mazars, PwC. Del fondo: Koralia Advisory Fysis Specialized Asset Management - Lussemburgo Fysis Specialized Asset Management - Lussemburgo CrescItalia Holding Srl N.d. No Non previsto Hedge Invest Sgr Riello Investimenti Partners Lyxor Am Mediolanum Gestione Fondi e Muzinich & Co., Ltd. N.d. N.d. Lyxor Am Banca Mediolanum Commissioni di gestione 2% 1,25% su capitale versato 1,25% N.d. Classe "L" 2,00% Classe "I" 1,10% Commissioni di advisory N.d. N.d. N.d. No Non previste Rendimento target annuo 4% - 6% 5% 8% - 10% N.d. Non previsto Distribuzione dividendi Non previsti Trimestrale Semestrale N.d. Semestrale con riferimento alla sola Classe "L". Numero posizioni in portafoglio 30 ca. 100 Tra le 10 e le 12 N.d. 127 Massimo investimento singolo settore 20 mln 25% 30% N.d. Non previsto Massimo investimento singolo emittente 10 mln 5% Investimento correlato a una singola impresa <= 10% del fondo N.d. Non previsto * fondo in fase di autorizzazione ** fondo aperto 8 maggio 2014 MondoAlternative

6 Nome fondo Muzinich Italian Private Debt RiverRock Italian Hybrid Capital Fund Tenax Credit Opportunity Fund Wise Private Debt Advam 1 Corporate Bonds Italy Durata massima prevista 7 anni 10 anni 5 anni 7 anni 31/12/2023 Durata investment period 2 anni N.d. 3 anni 3 anni 7 anni Durata fase fundraising 18 mesi N.d. 1 anno Massimo 24 mesi N.d. Target di raccolta 200 mln 200 mln 180 mln 250 mln 100 mln Strumenti di investimento utilizzati Obbligazioni Finanziamenti (senior, convertibili, partecipativi, con warrant) in combinazione con un investimento azionario, obbligazioni (convertibili, partecipative), azioni privilegiate Bond, loan Obbligazioni Obbligazioni, Cambiali finanziarie, Obbligazioni "covered" ed altri Fatturato minimo azienda target 50 mln 20 mln N.d. 15 mln 10 mln Fatturato massimo azienda target 500 mln 250 mln N.d. 250 mln 250 mln Rating minimo emittente N.d. N.d. N.d. Non necessario Ba1 Tutti tranne immobiliare, finanziario, high-tech Tutti tranne real estate e financial institution N.d. Tutti Tutti eccetto Immobiliare e finanziario Agenzia di rating di riferimento N.d. N.d. N.d. Nessuna Rating interno Moody's RisKCalc Advisor finanziario N.d. N.d. N.d. N.d. N.d. Gestore finanziario N.d. RiverRock European Capital Partners Tenax Capital Ltd Wise Sgr Advam Partners Sgr Distributore N.d. N.d. Tenax Capital Ltd N.d. N.d. Commissioni di gestione N.d. N.d. N.d. Mediamente 1% del NAV 1% - 1,3 % Commissioni di advisory N.d. N.d. N.d. Nessuna N.d. Rendimento target annuo 7% 15% N.d. > 8% 5% - 5,5% netto Distribuzione dividendi n.a. Annuale Sì N.d. Prevista Numero posizioni in portafoglio N.d. N.d. Massimo investimento singolo settore 20% 30% N.d. N.d. Non previsto Massimo investimento singolo emittente 7% 15% N.d. 10% del totale sottoscritto N.d. 9 il primo e unico magazine italiano sugli investimenti alternativi

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi kpmg.com/it Indice 1 Lo scenario di riferimento 4 2 Le opportunità del Decreto Sviluppo 2012 6 Obiettivi e finalità generali Strumenti di

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli