Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies Data di Efficacia: 1 dicembre 2014 Versione 1.4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies Data di Efficacia: 1 dicembre 2014 Versione 1.4"

Transcript

1 Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies Data di Efficacia: 1 dicembre 2014 Versione 1.4 Se non diversamente stabilito, le presenti Oracle Cloud Hosting and Delivery Policies (le Delivery Policy ) descrivono i Servizi Cloud di Oracle ordinati dal Cliente. Le presenti Delivery Policy possono fare riferimento ad altri documenti relativi a Policy Cloud di Oracle; ogni riferimento al Cliente, operato nelle presenti Delivery Policy o in altri documenti, è usato per indicare il Cliente in base alla definizione di cui al documento d ordine. I termini in maiuscolo non definiti nel presente documento avranno il significato loro attributo nell Accordo Oracle, nel documento d ordine o nella policy rilevante. Panoramica e indice dei contenuti I Servizi Cloud qui descritti sono forniti ai sensi dell accordo, del documento d ordine e delle presenti Delivery Policy. La prestazione dei servizi da parte di Oracle è subordinata all osservanza da parte del Cliente e dei suoi utenti delle obbligazioni e delle responsabilità definite in tali documenti e policy incorporate. Le presenti Policy e i documenti in esse richiamati sono soggetti a modifica a discrezione di Oracle; in ogni caso, durante il Periodo dei Servizi, le modifiche apportate da Oracle alle Policy non potranno comportare una riduzione significativa del livello di prestazioni, sicurezza o disponibilità dei servizi forniti al Cliente. Accesso Oracle fornisce i Servizi Cloud mediante il data center di sua proprietà o dato in locazione. Oracle definisce i servizi di rete e le architetture di sistema, nonché i requisiti hardware e software. Oracle potrà accedere all ambiente dei servizi del Cliente ai fini della prestazione dei Servizi Cloud, ivi compresa la fornitura dei servizi di supporto. Orario di operatività I Servizi Cloud sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni l anno, ad eccezione dei periodi di manutenzione del sistema e di aggiornamento tecnologico, nonché nei casi previsti dall accordo, dal documento d ordine e dalle presenti Delivery Policy. Le Hosting and Delivery Policies includono quanto segue: 1. Oracle Cloud Security Policy 2. Oracle Cloud System Resiliency Policy 3. Oracle Cloud Disaster Recovery Service Policy 4. Oracle Cloud Service Level Objective Policy 5. Oracle Cloud Change Management Policy 6. Oracle Cloud Support Policy 7. Oracle Cloud Suspension and Termination Policy 1. Oracle Cloud Security Policy 1.1 Crittografia utente per le connessioni esterne Il Cliente accede al sistema mediante Internet. La tecnologia di crittografia SSL è disponibile per l accesso ai Servizi Cloud Oracle. Le connessioni SSL sono negoziate mediante un sistema di crittografia almeno a 128 bit o superiore. La chiave privata utilizzata per la generazione della chiave cifrata è almeno di 2048 bit. La tecnologia SSL è implementata o configurabile per tutti i programmi basati sul web certificati SSL e distribuiti da Oracle. Si consiglia di utilizzare i più recenti browser certificati per l impiego dei programmi Oracle. Tali browser, presentando un elevato livello di cifratura e una maggiore sicurezza, possono essere utilizzati per connettersi a programmi basati sul web. L elenco dei browser certificati per ciascuna versione dei programmi Oracle è disponibile per la consultazione sul Portale di Supporto dei Clienti Cloud previsto da Oracle per un uno specifico servizio ordinato (ossia il portale My Oracle Support). In alcuni casi, un sito di terzi (come, ad esempio, Facebook) che il Cliente desideri integrare nel Servizio Cloud potrebbe non accettare una connessione crittografata. Per i Servizi Cloud nei quali siano Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 1 di 19

2 consentite connessioni HTTP con il sito di terzi, Oracle potrà abilitare tali connessioni HTTP in aggiunta alla connessione HTTPS. 1.2 Separazione delle reti I data center regionali di Oracle contengono un ambiente di rete isolato utilizzato ai fini dell erogazione dei servizi ai Clienti Oracle Cloud. In ciascun ambiente Cloud, le tecnologie di rete sono impiegate secondo un approccio a strati, pensato per proteggere i dati del Cliente a livello materiale, di data link, di rete, di trasporto e di programma. I controlli di accesso sono articolati in più livelli, consistenti nella rete, nel sistema, nel database e nel programma. L accesso è autorizzato in base ad una policy di tipo deny by default. 1.3 Controllo di accesso alla rete I team operativi Oracle Cloud accedono agli ambienti del Cliente mediante una connessione di rete separata, la quale è espressamente dedicata all ambiente di controllo dell accesso ed è isolata dal traffico di rete aziendale interno di Oracle. La rete dedicata opera come gateway di accesso sicuro tra i sistemi di supporto e il programma obiettivo e i server dei database. I gateway regionali sono sincronizzati formando, in tal modo, un insieme globale progettato per assicurare la continuità delle operazioni di supporto anche nel caso in cui uno dei gateway dovesse presentare dei malfunzionamenti. Autenticazione, autorizzazione e accounting sono implementati mediante sistemi di sicurezza standard progettati per assicurare l accesso ai sistemi esclusivamente alle operazioni approvate e ai tecnici di supporto. I controlli crittografici sono implementati per fornire l operatività Cloud e il supporto mediante un sicuro e facile accesso ai programmi obiettivo. 1.4 Larghezza di banda della rete e latenza Oracle non è responsabile per le connessioni di rete del Cliente o per condizioni o problemi derivanti o correlati a connessioni di rete del Cliente (ad esempio, per problemi di banda, latenza eccessiva, interruzioni di rete), o causati da Internet. Oracle monitora le proprie reti e comunicherà ai Clienti ogni problema interno che possa inficiarne la disponibilità. 1.5 Controllo del routing di rete Router I controlli dei router sono implementati affinché Oracle Cloud possa fornire un punto di connessione tra i Servizi Cloud Oracle e l Internet Service Provider. I router perimetrali sono impiegati in una configurazione ridondante protetta da eventuali malfunzionamenti. I router sono, inoltre, utilizzati per attuare le policy di traffico a livello perimetrale Firewall I Servizi Cloud Oracle utilizzano firewall per controllare l accesso tra Internet e Oracle Cloud, consentendo esclusivamente il traffico autorizzato. I firewall sono impiegati mediante un approccio a livelli per effettuare l ispezione dei pacchetti secondo policy di sicurezza configurate in modo da filtrare i pacchetti in base al protocollo, alla porta, alla sorgente e all indirizzo IP di destinazione, a seconda dei casi, al fine di identificare sorgenti, destinazioni e tipi di traffico autorizzati. 1.6 Gestione della sicurezza di rete Controlli di rete I controlli di rete sono implementati affinché i Servizi Cloud Oracle offrano una protezione e un controllo dei dati durante la loro trasmissione dal sistema del Cliente al sistema ospitato da Oracle. L infrastruttura di sicurezza della rete è espressamente progettata allo scopo di garantire la protezione dei server da un attacco basato sulla rete. I firewall ridondanti, operando un ispezione sullo stato dei pacchetti, costituiscono una barriera tra i vari livelli dell architettura. Il traffico viene filtrato e solo le connessioni valide possono accedere alla demilitarized zone. Entro ciascun livello, il traffico è limitato e controllato per finalità di sicurezza Sistema di rilevamento/prevenzione delle intrusioni di rete I Servizi Cloud Oracle utilizzano Network Intrusion Detection Systems (nids) al fine di proteggere l ambiente di lavoro. I sensori nids sono impiegati sia in modalità IPS (Intrusion Prevention Mode) che IDS (Intrusion Detection Mode) Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 2 di 19

3 sulla rete, per monitorare e bloccare il traffico di rete sospetto, impedendogli di raggiungere la rete interna. Gli allarmi nids sono diretti a un sistema di monitoraggio centralizzato gestito dai team della sicurezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni l anno Valutazioni della vulnerabilità di rete I Servizi Cloud Oracle utilizzano strumenti di valutazione della vulnerabilità di rete allo scopo di individuare minacce alla sicurezza e altre vulnerabilità. Vengono adottate procedure dirette a valutare, validare, stabilire priorità e rimedi in relazione ai problemi individuati. Oracle è iscritta a sistemi di notificazione delle vulnerabilità al fine di avere sempre una perfetta conoscenza in merito a incidenti di sicurezza, avvisi e altre informazioni correlate. Una volta ricevuta notizia di una minaccia o rischio effettivo, Oracle adotta tutte le misure opportune, implementando le modifiche consigliate agli ambienti di servizio, che non inficeranno in alcun modo i servizi erogati Controlli antivirus Oracle Cloud impiega software antivirus per analizzare i file caricati. I virus rilevati sono rimossi (o posti in quarantena) automaticamente e altrettanto automaticamente viene generato un avviso che dà inizio al procedimento di risposta agli incidenti adottato da Oracle. Le definizioni dei virus sono aggiornate giornalmente Controllo/verifica della configurazione Oracle Cloud utilizza un sistema centralizzato per gestire gli accessi e l integrità delle configurazioni dei dispositivi di rete. Per assicurarsi che siano effettuate solo le modifiche approvate, pone in essere dei controlli delle modifiche. Sono, inoltre, effettuate delle verifiche regolari per confermare la conformità alle procedure operative e di sicurezza. 1.7 Hardening del sistema Oracle adotta pratiche standardizzate di hardening del sistema su tutti i dispositivi Oracle Cloud. Tali pratiche comprendono protocolli di limitazione degli accessi, rimozione o disabilitazione dei software e servizi non necessari, rimozione degli account utente non necessari, gestione delle patch e logging. 1.8 Misure di sicurezza fisiche Oracle fornisce strutture di elaborazione sicure sia per gli uffici che per l infrastruttura cloud di produzione. I controlli comunemente effettuati tra i luoghi degli uffici e i luoghi dei data center attualmente includono, a titolo esemplificativo: Autorizzazione e controllo degli accessi fisici Tutti i soggetti presenti sul luogo devono indossare identificativi ufficiali ben visibili I visitatori devono firmare un apposito registro ed essere accompagnati e/o osservati durante la loro presenza in loco Il possesso di chiavi o tessere d accesso e l autorizzazione all accesso sono monitorati. I dipendenti che lasciano Oracle devono riconsegnare le proprie chiavi o tessere Ulteriori misure di sicurezza fisiche sono adottate per tutti i data center Oracle Cloud; attualmente tali misure comprendono: Controllo dei luoghi mediante CCTV Protezione delle entrate mediante barriere fisiche progettate per prevenire l ingresso non autorizzato dei veicoli Le entrate sono sorvegliate 24 ore su 24, 365 giorni l anno da guardie di sicurezza incaricate del riconoscimento visivo dell identità e della gestione dell accompagnamento dei visitatori 1.9 Controllo dell accesso al sistema e gestione password L accesso ai sistemi Oracle Cloud è controllato mediante limitazione al solo personale autorizzato. Oracle adotta policy di sicurezza delle password sui componenti dell infrastruttura e sui sistemi di gestione cloud impiegati per il funzionamento dell ambiente Oracle Cloud. Tali policy comprendono una lunghezza minima delle password, nonché una significativa complessità e una modifica regolare delle medesime. Nell ambito dell infrastruttura sono impiegate password sicure o un autenticazione multi fattore al fine di ridurre il rischio che intrusi possano accedere sfruttando le vulnerabilità degli account utente. Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 3 di 19

4 Il sistema di controllo degli accessi include autenticazione, autorizzazione, approvazione degli accessi, fornitura e revoca per i dipendenti e qualsiasi altro soggetto considerato utente da Oracle. Il Cliente è responsabile per l amministrazione di tutti gli Utenti Finali nell ambito del programma. Oracle non gestisce gli account degli Utenti Finali del Cliente. Il Cliente può configurare i programmi e funzioni di sicurezza aggiuntive Verifica dei diritti di accesso Gli account relativi alla rete e al sistema operativo dei dipendenti Oracle sono verificati regolarmente al fine di assicurare i corretti livelli di accesso dei dipendenti medesimi. In caso di cessazione del rapporto di lavoro, Oracle adotterà le misure idonee ad impedire l accesso di rete, telefonico e fisico a tali ex dipendenti. Il Cliente è responsabile per la gestione e verifica degli accessi in relazione agli account dei propri dipendenti Manutenzione riguardante la sicurezza Oracle esegue la gestione e manutenzione delle modifiche riguardanti la sicurezza come previsto e descritto nella Oracle Cloud Change Management Policy. Per qualsiasi pacchetto di patch di sicurezza reso disponibile da parte di Oracle per i Programmi Oracle designati, Oracle stessa applicherà e proverà tale pacchetto di patch di sicurezza su un ambiente di staging del relativo Servizio Cloud. Oracle applicherà il pacchetto di patch di sicurezza all ambiente di produzione del Servizio Cloud solo dopo aver completato con successo la fase di testing nell ambiente di staging a tale scopo destinato Protezione e gestione dei dati Durante l utilizzo dei servizi Cloud Oracle, i Clienti di tali servizi conservano il controllo e la responsabilità in relazione ai propri dati residenti nel loro ambiente. I servizi Cloud Oracle forniscono una varietà di strumenti configurabili per la protezione delle informazioni quale parte del servizio sottoscritto. I dati del Cliente sono caricati o generati per l uso nell ambito del servizio Cloud Oracle sottoscritto Protezione dei dati Oracle Cloud offre diverse tecnologie e opzioni di crittografia standard volte a proteggere i dati durante il trasferimento o la conservazione. Per le trasmissioni di rete, i Clienti possono scegliere di utilizzare protocolli sicuri (quale, ad esempio, l SSL) per proteggere i propri dati durante il trasferimento su reti pubbliche. I protocolli sicuri disponibili in Oracle Cloud garantiscono algoritmi di crittografia decisamente potenti. In riferimento a qualsiasi crittografia operata da Oracle sono adottate policy e processi volti a garantire la gestione in sicurezza delle chiavi Media fisici in transito Il personale designato da Oracle gestisce i media e li prepara per il trasporto in base alle procedure previste e solo ove richiesto. I media digitali sono registrati, crittografati, trasportati in sicurezza e quant altro necessario ai fini dell archiviazione di backup presso un fornitore terzo in altro luogo. I fornitori sono contrattualmente obbligati a conformarsi alle condizioni stabilite da Oracle per la protezione dei media Cancellazione dei dati A seguito della cessazione dei servizi (come descritto nella Cloud Suspension and Termination Policy) o su richiesta del Cliente, Oracle provvederà alla cancellazione degli ambienti o dei dati ivi presenti, secondo modalità atte a impedire l accesso o la lettura dei medesimi, salvo che non vi sia un obbligo giuridico che vieti a Oracle la cancellazione totale o parziale dei summenzionati ambienti o dati Trasferimento sicuro dei file Funzionalità volte a garantire il trasferimento sicuro dei file sono implementate direttamente nelle piattaforme di archiviazione degli accessi di rete e utilizzano protocolli di trasferimento sicuri (quali, ad esempio, l SFTP o il WebDAV su SSL). Tale funzionalità può essere utilizzata per caricare file a una posizione sicura, di solito per importare/esportare i dati sul servizio Cloud Oracle, o per scaricare i file alla cessazione del servizio Risposta agli incidenti di sicurezza Oracle valuta e risponde agli incidenti determinanti sospetti di accesso o gestione non autorizzata dei dati del Cliente sia ove tali dati siano presenti su hardware di Oracle che su hardware personale dei dipendenti Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 4 di 19

5 o collaboratori di Oracle medesima. Quando il team Global Information Security (GIS) di Oracle viene informato di tali incidenti, a seconda della natura dell attività, il GIS medesimo definisce percorsi di escalation e team di risposta al fine di risolvere tali incidenti. In risposta ai suddetti incidenti, il GIS lavorerà al fianco del Cliente, dei team tecnici appropriati, nonché, ove necessario, delle forze dell ordine. Gli obiettivi della risposta agli incidenti consisteranno nel ripristinare la riservatezza, integrità e disponibilità dell ambiente del Cliente e nello stabilire cause e rimedi. Lo staff operativo dispone di procedure documentate volte a risolvere gli incidenti in caso di gestione non autorizzata dei dati, tra cui un rapporto tempestivo e ragionevole, delle procedure di escalation e pratiche di catena di custodia. Qualora Oracle dovesse rilevare un appropriazione indebita dei dati del Cliente, Oracle medesima la segnalerà entro tre giorni lavorativi dalla suddetta rilevazione, salvo divieti di legge Data privacy L Accordo denominato Data Processing Agreement for Oracle Cloud Services ( Accordo Data Processing ) e la Oracle Services Privacy Policy descrivono il trattamento dei dati personali presenti nei sistemi Oracle operato da Oracle medesima, la quale può accedervi in relazione alla fornitura dei Servizi Cloud. L Accordo Data Processing descrive i rispettivi ruoli di Oracle e del Cliente in relazione al trattamento e controllo dei dati personali forniti dal Cliente medesimo a Oracle nell ambito dei Servizi Cloud. Tali documenti sono disponibili all indirizzo: Oracle Services Privacy Policy: Data Processing Agreement for Oracle Cloud Services: Conformità alle normative I servizi Cloud Oracle sono conformi agli standard di sicurezza ISO (International Organization for Standardization) 27001:2013. Il framework di sicurezza ISO comprende una serie di controlli di sicurezza utilizzati come base per i controlli operativi e di sicurezza impiegati nella gestione e protezione del Servizio Cloud Oracle; tale framework non include, però, la certificazione ISO I controlli interni dei Servizi Cloud Oracle sono soggetti a testing periodici svolti da organizzazioni di verifica terze e indipendenti. Tali verifiche possono essere effettuate in base allo Statement on Standards for Attestation Engagements (SSAE) No. 16, al Reporting on Controls at a Service Organization ( SSAE 16 ), all International Standard on Assurance Engagements (ISAE) No. 3402, all Assurance Reports on Controls at a Service Organization ( ISAE 3402 ), o a standard o procedure delle summenzionate organizzazioni di verifica terze, che siano applicabili allo specifico Servizio Cloud Oracle. I rapporti di verifica relativi ai Servizi Cloud Oracle sono pubblicati periodicamente dalle organizzazioni di verifica terze, anche se tali rapporti potrebbero non essere sempre disponibili per tutti i servizi. Il Cliente può richiedere di ricevere una copia del rapporto di verifica correntemente pubblicato e disponibile per una determinato Servizio Cloud Oracle. I rapporti di verifica relativi ai Servizi Cloud Oracle, e le informazioni ivi contenute, sono da considerarsi confidenziali di Oracle e devono essere gestiti dal Cliente conformemente a tale loro natura. I suddetti rapporti possono essere utilizzati dal Cliente al solo scopo di valutazione della progettazione ed effettiva operatività dei controlli previsti per i pertinenti Servizi Cloud Oracle e sono forniti senza alcuna garanzia. Il Cliente è il solo responsabile per la propria conformità alle normative nel suo utilizzo di qualsiasi Servizio Cloud Oracle. Il Cliente deve informare Oracle di tutti i requisiti tecnici derivanti dai propri obblighi di legge prima della sottoscrizione del contratto. Alcuni servizi Cloud Oracle sono certificati per gli standard PCI DSS o FISMA/NIST e ulteriori certificazioni e conformità a specifici sistemi normativi nell ambito del Servizio Cloud Oracle possono essere disponibili dietro corrispettivi aggiuntivi. Il Cliente non deve fornire a Oracle informazioni relative a salute, carte di pagamento o altri dati personali sensibili che implicano obblighi normativi, di legge o contrattuali aventi ad oggetto la sicurezza dei dati in relazione al trattamento dei suddetti dati; tuttavia, ove disponibile per determinati Servizi Cloud, Oracle potrà offrire per l acquisto da parte dei Clienti Cloud servizi aggiuntivi progettati per il trattamento dei dati effettuato nell ambiente dei servizi (ad esempio, Oracle RightNow PCI Certified Cloud Platform Cloud Service). I suddetti servizi aggiuntivi non sono disponibili per tutti i Servizi Cloud. Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 5 di 19

6 Oracle è consapevole del fatto che alcuni Clienti possano avere obblighi normativi di verifica e, pertanto, coopererà in tali casi con il Cliente come descritto nell Accordo Data Processing Oracle Software Security Assurance Oracle Software Security Assurance (OSSA) è la metodologia adottata da Oracle per l implementazione della sicurezza nella progettazione, costruzione, testing e manutenzione dei suoi servizi. Il programma OSSA è consultabile all indirizzo 2. Oracle Cloud System Resiliency Policy La resilienza e i backup descritti nella presente Policy trovano esclusiva applicazione ai servizi Cloud Oracle. Il Cliente è l unico responsabile per la predisposizione di un piano di business continuity diretto ad assicurare la continuità delle proprie attività in caso di disastro, nonché per il backup e ripristino di qualsiasi software non Oracle. 2.1 Strategia diretta a un elevata disponibilità dei Servizi Cloud Oracle Al fine di assicurare la continuità in caso di incidente pregiudicante i Servizi Cloud Oracle, Oracle medesima implementerà i servizi su un infrastruttura informatica resiliente. I data center di produzione Oracle dispongono di componenti e alimentazione ridondanti con generatori di riserva volti a garantire la disponibilità delle risorse del data center in caso di crisi come di seguito descritto. 2.2 Alimentazione ridondante La progettazione dell infrastruttura comprende fonti di alimentazione ridondanti per il data center nonché una distribuzione di alimentazione ridondante per il data center e i rack presenti nel medesimo. I componenti di raffreddamento del data center (refrigeratori, torri, pompe e unità di condizionamento della sala computer) includono elementi ridondanti. L alimentazione in standby di emergenza include una batteria ridondante dotata di un generatore a carburante installato in loco e contratti stipulati per il rifornimento di carburante. 2.3 Infrastruttura di rete ridondante La progettazione della rete comprende circuiti ridondanti da diversi carrier, coppie di firewall, coppie di interruttori e coppie di bilanciatori del carico di rete. 2.4 Server dei programmi ridondanti L ambiente del Cliente consiste in un set costituito da uno o più server fisici o virtuali diretti alla fornitura dei servizi al Cliente medesimo. L intera funzionalità a livello di programma può essere distribuita tra più server fisici o server virtuali. 2.5 Server dei database ridondanti I database sono configurati in modo tale da distribuire il carico di lavoro tra diversi server fisici. Un elevata disponibilità è ottenuta mediante clustering e replicazione. 2.6 Archiviazione ridondante I dati dei servizi Cloud Oracle risiedono in configurazioni di archiviazione ridondanti dotate di protezione da malfunzionamento di dischi singoli o di array. 2.7 Strategia di backup dei Servizi Cloud Oracle A supporto delle pratiche di disaster recovery di Oracle Cloud (si veda l Articolo 3 di seguito riportato), Oracle effettua periodicamente backup dei dati di produzione presenti nel Servizio Cloud del Cliente al solo scopo di minimizzare il rischio di perdita dei dati in caso di disastro. I backup dei database sono archiviati presso il sito primario utilizzato per la fornitura dei Servizi Cloud Oracle e presso una locazione alternativa per finalità di ridondanza. Un backup è mantenuto online e/o offline per un periodo di almeno 60 giorni dalla data di esecuzione dello stesso. Di solito, Oracle non aggiorna, inserisce, cancella o ripristina i dati del Cliente per conto di Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 6 di 19

7 quest ultimo. A ogni modo, in via di eccezione e dietro approvazione scritta e pagamento di corrispettivi aggiuntivi, Oracle può assistere il Cliente nel ripristino dei dati andati perduti a seguito di condotte del Cliente stesso. 3. Oracle Cloud Disaster Recovery Service Policy 3.1 Ambito La presente Policy si applica esclusivamente all ambiente di produzione del Cliente nell ambito dei Servizi Cloud Oracle. Le attività descritte nella presente Policy non si applicano a piani o attività di disaster recovery, di business continuity o di backup propri del Cliente, e il Cliente è responsabile per l archiviazione e il ripristino di qualsiasi software non Oracle. I servizi di disaster recovery sono destinati a fornire la possibilità di ripristinare il servizio nell eventualità di un grave disastro, come dichiarato da Oracle, che determini la perdita di un data center e l indisponibilità del servizio corrispondente. In relazione alle finalità della presente Policy, un disastro indica un evento non programmato o condizione che determini una perdita completa di accesso al sito primario utilizzato per fornire i Servizi Cloud Oracle, rendendo indisponibile l ambiente di produzione del Cliente presso il sito primario stesso. 3.2 Resilienza del sistema I Servizi Cloud Oracle presentano una infrastruttura ridondante e resiliente progettata al fine di mantenere un elevato livello di disponibilità e di consentire il recupero dei servizi in caso di grave disastro o disturbo. Oracle progetta i suoi servizi cloud in base a principi di ridondanza e di tolleranza ai guasti al fine di ovviare al guasto di un singolo nodo hardware. I Servizi Cloud Oracle forniscono una infrastruttura caratterizzata da una completa strategia di backup dei dati. Oracle Cloud presenta funzionalità di ridondanza quali sorgenti di alimentazione, sistemi di raffreddamento, servizi di telecomunicazione, reti, domini delle applicazioni, archiviazione dei dati, server fisici e virtuali e database. Oracle possiede due data center separati operanti come siti primari e secondari per i Servizi Cloud Oracle. L ambiente di produzione in standby del Cliente (sito secondario) risiederà in un data center separato dal sito primario del Cliente stesso. Oracle inizierà il piano di disaster recovery ai sensi della presente Policy una volta dichiarato il disastro, e opererà al fine di ripristinare i dati di produzione e compirà ogni ragionevole sforzo per ristabilire l ambiente di produzione presso il sito secondario. Per un area territoriale maggiore (quali, ad esempio, gli Stati Uniti o l Unione Europea), Oracle possiede al contempo un sito di produzione e un sito secondario entro tale regione. I dati del Cliente sono replicati in strutture fisicamente separate al fine di ripristinare completamente i servizi in caso di disastro presso il sito primario. I backup sono eseguiti per l esclusivo utilizzo da parte di Oracle in caso di disastro. 3.3 Disaster recovery Oracle opera ai fini del recupero e della ricostituzione dei propri Servizi Cloud allo stato più recente disponibile successivamente al disastro. Oracle ha stabilito un sito di elaborazione alternativo al fine di consentire la piena capacità operativa in caso di perdita del servizio presso un sito primario. Oracle adotta un Piano di Disaster Recovery che descrive le procedure di recovery. Le operazioni di disaster recovery si applicano alla perdita fisica dell infrastruttura presso i complessi Oracle. Oracle si riserva il diritto di determinare in quali casi attivare il Piano di Disaster Recovery. Durante l esecuzione del Piano di Disaster Recovery, Oracle fornirà ai Clienti regolari aggiornamenti sullo stato della situazione. Note: L obiettivo dei tempi di recovery e l obiettivo del punto di recovery di seguito descritti non si applicano alle personalizzazioni del Cliente dipendenti da componenti esterni o software di terzi. Durante un evento di failover Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 7 di 19

8 attivo, le richieste di correzioni e di miglioramenti non essenziali non sono supportate. Il Cliente sarà il solo responsabile in relazione ai problemi derivanti da software di terzi e personalizzazioni (CEMLI) apportate ai programmi e servizi Oracle Obiettivo dei tempi di recovery L obiettivo dei tempi di recovery (Recovery time objective, RTO) consiste nell obiettivo di Oracle in relazione al periodo di tempo massimo intercorrente tra la decisione di Oracle di attivare i processi di recovery in base alla presente Policy per eseguire il failover del servizio al sito secondario a causa di un disastro dichiarato, affinché il Cliente possa riprendere le operazioni di produzione nell ambiente di produzione in standby. Ove la decisione di eseguire il failover sia adottata durante un processo di upgrade, l obiettivo del tempo di recovery (RTO) si estende in modo da includere il tempo necessario per completare tale upgrade. L obiettivo dei tempi di recovery (RTO) è di 12 ore a partire dalla dichiarazione di un disastro Obiettivo del punto di recovery L obiettivo del punto di recovery (Recovery point objective, RPO) consiste nell obiettivo di Oracle relativo alla massima lunghezza possibile del periodo di tempo durante il quale i dati possono andare perduti, in caso di disastro. L obiettivo del punto di recovery (RPO) è di 1 ora a partire dal verificarsi di un disastro, ad esclusione di qualsiasi caricamento dati che potrebbe essere in corso al momento del disastro. 3.4 Approvazioni e verifiche La presente Policy e il Piano di Disaster Recovery corrispondente sono verificati annualmente. Il Piano è rivisto durante il processo di verifica al fine di incorporare risoluzioni di problemi e miglioramenti del processo. 3.5 Ripristino del servizio La presente Policy individua ambito e finalità del Piano di Disaster Recovery, ruoli e responsabilità, impegno nella gestione, coordinamento tra i vari soggetti interessati e conformità. Il piano documenta le procedure volte al ripristino del Servizio Cloud in caso di disastro. Oracle si impegna a minimizzare i tempi di inattività dovuti a qualsiasi disastro o guasto delle apparecchiature. Come parte di tale impegno, Oracle dispone di un piano di disaster recovery relativo alla salvaguardia del business aziendale per un tempestivo recupero e ripristino dell operatività Oracle. 3.6 Obiettivi del Piano di Disaster Recovery Si riportano, nella seguente parte, gli obiettivi del Piano di Disaster Recovery relativo ai Servizi Cloud Oracle: In caso di emergenza, la massima priorità e il primario obiettivo di Oracle consistono nella tutela della salute e della sicurezza umana. Massimizzare l efficacia delle operazioni di emergenza mediante il previsto Piano di Disaster Recovery, il quale si articola nelle seguenti fasi: o Fase 1 - fase di autorizzazione all avvio del Disaster Recovery - per individuare la perdita del servizio o l interruzione presso il sito primario, determinare l entità del danno e attivare il piano. o Fase 2 - fase di recovery - per ripristinare temporaneamente le operazioni IT presso il sito secondario. o Fase 3 - fase di ricostituzione - per ripristinare le capacità di elaborazione e riprendere le operazioni presso il sito primario. Identificazione di attività, risorse e procedure volte a garantire i requisiti di elaborazione in caso di interruzioni prolungate. Assegnazione di responsabilità al personale designato e indicazione di linee guida per la recovery, durante periodi di interruzione prolungati. Assicurare il coordinamento con altro personale responsabile per le strategie di pianificazione del disaster recovery. Assicurare il coordinamento con punti di contatto esterni e fornitori ed esecuzione del presente piano. 3.7 Testing del piano Il Piano di Disaster Recovery dei Servizi Cloud Oracle è testato, mediante esercitazione dal vivo o table-top test, su base annuale. I test sono impiegati per la formazione del personale dell hosting e sono coordinati con tutto il Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 8 di 19

9 personale responsabile delle pianificazione ed esecuzione delle operazioni di emergenza. I test verificano che i backup online possano essere effettivamente recuperati e che le procedure di spostamento del servizio presso un sito di elaborazione alternativo siano adeguate ed efficaci. I piani dei test sono sviluppati in conformità al NIST I risultati del testing sono impiegati allo scopo di migliorare il processo e adottare azioni correttive. 4. Oracle Cloud Service Level Objective Policy 4.1 Disponibilità del servizio A decorrere dall attivazione, da parte di Oracle, dell ambiente di produzione del Cliente, e assunto che il Cliente sia conforme alle condizioni di cui al presente documento (ivi compreso l accordo) e soddisfi i requisiti tecnici minimi consigliati da Oracle per l accesso e utilizzo dei servizi mediante l infrastruttura di rete e le workstation utente del Cliente, come stabilito nella Documentazione di Programma dei Servizi Cloud, Oracle lavorerà al fine di raggiungere il Livello Obiettivo di Disponibilità del Servizio conformemente alle condizioni di cui alla presente Policy. 4.2 Livello obiettivo di disponibilità del sistema in relazione al Servizio Cloud Oracle Oracle opera affinché sia assicurato al Cliente un Livello Obiettivo di Disponibilità del Sistema pari al 99,5% del servizio di produzione, per un periodo di misurazione pari a un mese di calendario, con decorrenza dall attivazione, da parte di Oracle, dell ambiente di produzione. 4.3 Definizione di disponibilità e inattività imprevista Disponibilità o disponibile indica la possibilità per il Cliente di effettuare il login e accedere alla porzione OLTP o transazionale dei Servizi Cloud Oracle, in base alle disposizioni di seguito riportate. Inattività Imprevista indica un lasso di tempo nel quale i servizi non sono disponibili, ma non include qualsiasi periodo nel quale i servizi o un componente degli stessi non sono disponibili a causa di: Guasto, riduzione delle prestazioni o malfunzionamento determinato da script, dati, applicazioni, attrezzature, infrastrutture, software, test di penetrazione, test delle performance o agenti di monitoraggio controllati, forniti o eseguiti dal Cliente; Le interruzioni pianificate, le manutenzioni programmate e preannunciate o i periodi di manutenzione o le interruzioni avviate da Oracle su richiesta o direzione del Cliente per manutenzione, attivazione di configurazioni, backup o altre attività che richiedano la temporanea indisponibilità del servizio; Indisponibilità di gestione, servizi ausiliari o amministrativi, ivi compresi gli strumenti di amministrazione, i servizi di reporting, le utility, i componenti software di terzi non rientranti nell esclusivo controllo di Oracle o altri servizi di supporto a elaborazioni transazionali essenziali; Interruzioni determinate da una qualsiasi azione od omissione posta in essere da Oracle su richiesta o direzione del Cliente; Interruzioni determinate da apparecchiature del Cliente, nonché da apparecchiature o componenti software di terzi non rientranti nell esclusivo controllo di Oracle; Eventi determinati da un interruzione o arresto dei servizi a causa di circostanze ragionevolmente considerate da Oracle una significativa minaccia alla normale operatività dei servizi, all infrastruttura operativa, alla struttura mediante la quale i servizi sono forniti, all accesso o integrità dei dati del Cliente (ad esempio, un attacco hacker o malware); Interruzioni determinate da amministrazione del sistema, comandi o trasferimenti di file eseguiti da utenti o rappresentanti del Cliente; Interruzioni dovute ad attacchi denial of service, disastri naturali, modifiche derivanti da azioni governative, politiche o di altre autorità o da provvedimenti giudiziari, scioperi o vertenze sindacali, episodi di disobbedienza civile, guerre, atti contro le parti (inclusi i vettori e altri fornitori di Oracle) e altre cause di forza maggiore; Impossibilità di accedere ai servizi o interruzioni causate da condotte del Cliente, compresa negligenza o violazione delle obbligazioni sostanziali di cui all accordo o per altre circostanze al di fuori del controllo di Oracle; Mancanza di disponibilità o risposta tardiva del Cliente a incidenti che richiedono l intervento dello stesso per identificarne la fonte e/o essere risolti, compreso l adempimento delle responsabilità del Cliente riguardo qualsiasi servizio; Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 9 di 19

10 Interruzioni causate da guasti o fluttuazioni relative a elettricità, connessione, rete o apparecchiature di telecomunicazioni o linee dovute a comportamenti del Cliente o a circostanze che esulino dal controllo di Oracle. 4.4 Misurazione della disponibilità Successivamente alla fine di ciascun mese di calendario del Periodo dei Servizi ai sensi del documento d ordine, Oracle misura il Livello di Disponibilità del Sistema relativamente al mese immediatamente precedente. Oracle misura il Livello di Disponibilità del Sistema dividendo la differenza tra il numero totale di minuti nel periodo mensile di misurazione e ogni periodo di Inattività Imprevista per il numero totale di minuti del periodo di misurazione e moltiplicando il risultato per 100 per ottenere una figura percentuale Rapporto sulla disponibilità Oracle fornirà al Cliente l accesso a un portale relativo alle comunicazioni del Cliente. Tale portale fornirà informazioni relative al Livello di Disponibilità del Sistema per i Servizi Cloud acquistati in base al documento d ordine. In riferimento ai Servizi Cloud per i quali tali informazioni non siano disponibili mediante il suddetto portale, Oracle fornirà le informazioni relative al Livello di Disponibilità del Sistema una volta ricevuta una richiesta di assistenza da parte del Cliente avente ad oggetto le suddette informazioni. 4.5 Monitoraggio Oracle utilizza diversi strumenti software al fine di monitorare (i) la disponibilità e le prestazioni dell ambiente di produzione dei servizi del Cliente e (ii) l operatività dell infrastruttura e dei componenti di rete Componenti monitorati Oracle monitora l infrastruttura di servizio e genera correntemente avvisi relativi a CPU, memoria, database, componenti di rete e transazioni. Lo staff operativo di Oracle esamina ogni allarme automatico e avviso associato a deviazioni dell ambiente dalle soglie di monitoraggio definite da Oracle e segue procedure operative standard al fine di investigare e risolvere i problemi sottesi Strumenti di monitoraggio e testing del Cliente In ragione delle conseguenze potenzialmente negative su prestazioni e disponibilità del servizio, il Cliente non può utilizzare i propri strumenti di monitoraggio e testing (ivi comprese le interfacce utente e le chiamate di servizio web a un qualsiasi Servizio Cloud Oracle) al fine di tentare, direttamente o indirettamente, la misurazione della disponibilità, delle prestazioni o della sicurezza di qualsivoglia programma o funzione di un componente del servizio nellambiente dei servizi. Oracle si riserva il diritto di rimuovere o disabilitare l accesso a qualsiasi strumento che violi le precedenti limitazioni senza alcuna responsabilità nei confronti del Cliente Carichi di lavoro del Cliente Il Cliente non può apportare modifiche significative al carico di lavoro oltre il limite consentito in base ai diritti forniti ai sensi del documento d ordine Carichi di lavoro automatizzati Il Cliente non può utilizzare, né autorizzare l uso di, strumenti o tecnologie di scraping allo scopo di raccogliere i dati disponibili mediante l interfaccia utente del Servizio Cloud Oracle o per il tramite di chiamate di servizio web senza espressa autorizzazione scritta di Oracle. Oracle si riserva il diritto di richiedere al Cliente la validazione e il testing degli strumenti di scraping dei dati proposti dal Cliente stesso prima del loro utilizzo in produzione e di sottoporli annualmente a testing e validazione. Oracle potrebbe richiedere una dichiarazione scritta del lavoro da eseguire ai fini della prestazione di tale testing o lavoro di validazione. 5. Oracle Cloud Change Management Policy 5.1 Gestione delle modifiche e manutenzione Oracle Cloud Il team operativo Oracle Cloud apporta modifiche all infrastruttura hardware cloud, al software operativo, ai prodotti software e al software delle applicazioni di supporto al fine di mantenere stabilità operativa, disponibilità, sicurezza, prestazioni e diffusione del Cloud Oracle. Oracle segue procedure formali di gestione delle modifiche Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 10 di 19

11 per fornire la necessaria verifica, il testing e l approvazione delle modifiche prima di applicarle all ambiente di produzione Oracle Cloud. Le modifiche effettuate mediante le procedure di gestione delle modifiche includono attività di manutenzione di sistema e di servizio, upgrade e aggiornamenti e modifiche specifiche del Cliente. Le procedure di gestione delle modifiche Oracle Cloud sono progettate per ridurre al minimo l interruzione del servizio. Oracle riserva specifici periodi di manutenzione per le modifiche che possano determinare l indisponibilità del Servizio Cloud durante il periodo di manutenzione. Oracle opera al fine di assicurare che le procedure di gestione delle modifiche siano svolte durante le finestre di manutenzione programmata, tenendo in considerazione i periodi di basso traffico e i requisiti geografici. Di solito, il periodo di manutenzione programmata ricorre una sola volta al mese di venerdì, con inizio approssimativamente alle locali ore 20:00 del data center e ha una durata di circa 10 ore. Vi sono eccezioni a tale programmazione per alcuni Servizi Cloud; ulteriore documentazione è disponibile su My Oracle Support nel Knowledge Article : https://support.oracle.com/epmos/faces/documentdisplay?id= Oracle opererà al fine di comunicare preventivamente le modifiche alla programmazione standard del periodo di manutenzione. Per modifiche o upgrade specifici del Cliente, ove possibile, Oracle opererà al fine di coordinare i periodi di manutenzione con il Cliente stesso. Per le modifiche che si prevede possano causare l interruzione del servizio, Oracle opererà al fine di fornire una previa comunicazione di tale interruzione. La durata dei periodi di manutenzione relativi alla manutenzione programmata non sono inclusi nel calcolo dei minuti del tempo di Inattività Imprevista nella misurazione mensile periodica relativa al Livello di Disponibilità del Sistema (si veda la Oracle Cloud Service Level Objective Policy ). Oracle compirà ogni sforzo commercialmente ragionevole per minimizzare il ricorso a tali periodi di manutenzione programmata e per minimizzare la durata delle manutenzioni determinanti l interruzione del servizio Manutenzione di emergenza Oracle potrebbe dover eseguire periodicamente una manutenzione di emergenza al fine di proteggere sicurezza, prestazioni, disponibilità o stabilità dell ambiente dei servizi. La manutenzione di emergenza può includere patching dei programmi e/o manutenzione del sistema centrale come richiesto. Oracle lavorerà al fine di minimizzare il ricorso alla manutenzione di emergenza e opererà per fornire comunicazione con preavviso di 24 ore di qualsiasi manutenzione di emergenza che richieda un interruzione del servizio Modifiche di manutenzione maggiori Al fine di assicurare in modo continuativo stabilità, disponibilità, sicurezza e prestazioni dei Servizi Cloud, Oracle si riserva il diritto di apportare modifiche maggiori alla sua infrastruttura hardware, al software operativo, alle applicazioni software e alle applicazioni software di supporto che siano sotto il suo controllo, non più di due volte per anno. Ciascuna delle suddette modifiche è considerata manutenzione programmata e può determinare l indisponibilità dei Servizi Cloud per un periodo massimo di 24 ore. Ciascuna delle suddette modifiche dovrebbe verificarsi, tendenzialmente, contestualmente al periodo di manutenzione programmato. Oracle opererà al fine di comunicare fino a 60 giorni prima tale indisponibilità Migrazioni del data center Oracle può migrare i servizi del Cliente tra data center di produzione nella medesima regione al fine di recuperare i servizi del Cliente o in caso di disaster recovery. Per qualsiasi ulteriore migrazione del data center, Oracle fornirà al Cliente una comunicazione almeno 30 giorni prima di tale operazione. 5.2 Versione del software Upgrade e aggiornamenti del software Oracle richiede a tutti i Clienti dei Servizi Cloud di mantenere le versioni del software dei Servizi Cloud Oracle aggiornate con le versioni del software designate da Oracle medesima come generalmente disponibili (GA). Per i Servizi Cloud che supportano più versioni, Oracle, di solito, designa la versione corrente e quella immediatamente precedente come versioni GA. Oracle può fornire comunicazione dell uscita di GA di specifici Servizi Cloud sul portale di supporto o nell ambito delle Specifiche di Servizio relative ai Servizi Cloud. Aggiornamenti del software seguiranno all uscita di ogni versione GA e sono richiesti per mantenere la versione corrente. Le Oracle Cloud Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 11 di 19

12 Hosting and Delivery Policies, quali la Service Levels Objective Policy, la Disaster Recovery Policy e la Cloud Support Policy, dipendono dal mantenimento, da parte del Cliente, della corrente versione GA. Oracle non è responsabile per i problemi inerenti alle prestazioni o sicurezza dei Servizi Cloud che possano derivare dall esecuzione di versioni precedenti Valutazione della nuova versione Le nuove uscite della versione GA più recente dei Servizi Cloud Oracle possono essere valutate dal Cliente in modo autonomo mediante il portale o attivando un processo attraverso il Portale di Supporto del Cliente Cloud designato da Oracle per lo specifico servizio ordinato (ossia, il portale My Oracle Support). L inizio del processo di valutazione di una nuova versione o uscita è responsabilità esclusiva del Cliente. Il Cliente inizia il processo di valutazione inviando la richiesta di valutazione della nuova versione nel Portale di Supporto del Cliente Cloud. Per le richieste di valutazione della nuova versione processate mediante il Portale di Supporto del Cliente Cloud, a seguito della ricezione della richiesta di assistenza, Oracle invierà riscontro ai contatti tecnici del Cliente responsabili della ricezione di comunicazioni relative agli upgrade. Oracle predispone un ambiente di valutazione effettuando l upgrade dell ambiente di staging del Cliente all ultima versione del prodotto Cloud End of Life Oracle è consapevole e riconosce che il Cliente possa avere legittime ragioni afferenti al business per non effettuare l upgrade all ultima versione dei Servizi Cloud Oracle appena la medesima sia resa disponibile. Tuttavia, Oracle non supporterà le versioni meno recenti oltre la End of Life Policy di seguito riportata. Per i Servizi Cloud che supportano versioni multiple, Oracle ospiterà e supporterà solo le versioni GA designate di un Servizio Cloud Oracle. Tutte le altre versioni del servizio sono considerate come end of life (EOL). Oracle non fornisce i Servizi Cloud per le versioni end of life (EOL). Per i Servizi Cloud che supportano versioni multiple, i Clienti devono completare l upgrade dei servizi all ultima versione precedente la end of life (EOL) di una determinata versione. Il Cliente è consapevole e accetta che l impossibilità di completare l upgrade alla versione precedente la EOL di una versione del Servizio Cloud potrebbe risolversi in un upgrade automatico da parte di Oracle o in una sospensione dei servizi. In determinate circostanze, ove la versione del Servizio Cloud raggiunga la end of life (EOL) e Oracle non abbia reso disponibile una versione di upgrade, Oracle può designare un servizio cloud successore e richiedere la transizione del Cliente a tale servizio Funzioni obsolete Una funzione obsoleta consiste in una funzione presente in versioni precedenti o esistenti del Servizio Cloud ed ancora supportata come parte del servizio. Ma per cui Oracle ha comunicato che verrà eliminata in versioni future. Oracle compie ogni ragionevole sforzo al fine di comunicare le funzioni obsolete con un trimestre di anticipo rispetto alla loro rimozione e si riserva il diritto di dichiarare obsolete, modificare o rimuovere funzioni da qualsiasi nuova versione senza alcun preavviso. 6. Oracle Cloud Support Policy Il supporto descritto nella presente Cloud Support Policy si applica a qualsiasi Servizio Cloud Oracle fornito da Oracle quale parte di tali servizi ai sensi del documento d ordine. Il Cliente può acquistare servizi aggiuntivi per Oracle Cloud mediante un altra offerta di servizio di supporto Oracle designata da Oracle medesima per i Servizi Cloud. 6.1 Condizioni di supporto Oracle Cloud Corrispettivi del supporto I corrispettivi pagati dal Cliente per i Servizi Cloud Oracle offerti ai sensi del documento d ordine includono il supporto descritto nella presente Oracle Cloud Support Policy. In relazione ai servizi di supporto addizionali offerti da Oracle e acquistati dal Cliente, saranno applicabili dei corrispettivi aggiuntivi Periodo di supporto Il supporto Oracle Cloud diventa disponibile a partire dalla data iniziale del servizio e termina alla scadenza o cessazione del Servizio Cloud ai sensi di tale documento d ordine (il periodo di supporto ). Oracle non è obbligata a fornire il supporto descritto nella presente Cloud Support Policy oltre la fine del periodo di supporto. Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 12 di 19

13 6.1.3 Contatti tecnici I contatti tecnici del Cliente costituiscono l unica relazione tra il Cliente e Oracle in relazione ai servizi di supporto Oracle Cloud. Tali contatti tecnici devono avere, quanto meno, una formazione iniziale di base relativa al servizio e, come necessario, un ulteriore formazione adeguata allo specifico ruolo o fase di implementazione, all utilizzo specializzato di servizi o prodotti e/o alla migrazione. I contatti tecnici del Cliente devono avere conoscenza dell offerta del Servizio Cloud Oracle e dell ambiente Oracle al fine di agevolare la soluzione dei problemi di sistema e di assistere Oracle nell analisi e risoluzione delle richieste di assistenza. Quando inoltra una richiesta di assistenza, il contatto tecnico del Cliente dovrebbe avere una comprensione quantomeno di base del problema riscontrato e la capacità di riprodurre il medesimo al fine di assistere Oracle nella diagnosi e nello stabilire la priorità del problema. Per evitare interruzioni nei servizi di supporto, il Cliente deve comunicare a Oracle il trasferimento delle responsabilità del contatto tecnico ad altra persona Supporto Oracle Cloud I Servizi di Supporto Oracle Cloud sono costituiti da: Diagnosi dei problemi relativi ai servizi Cloud Oracle. Sforzi commercialmente ragionevoli per risolvere gli errori rapportati e verificabili nei servizi Cloud Oracle affinché i medesimi possano essere eseguiti in tutti i loro aspetti materiali come descritto nella relativa Documentazione del Programma. Supporto durante le attività di Gestione delle Modifiche descritte nella Oracle Cloud Change Management Policy. Supporto con Richieste di Assistenza tecnica 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Accesso 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, a un Portale di Supporto del Cliente Cloud designato da Oracle (ossia, My Oracle Support) e servizio di supporto telefonico con operatore per registrare le Richieste di Assistenza. Accesso ai forum delle community. Il servizio di assistenza al Cliente a carattere non-tecnico, è fornito durante il normale orario lavorativo locale di Oracle (dalle 8:00 alle 17:00). 6.2 Sistemi di supporto del Cliente Oracle Cloud Portale di Supporto del Cliente Cloud Quale parte dell offerta Oracle Cloud acquistata dal Cliente ai sensi del documento d ordine, Oracle fornisce al Cliente il Supporto per il Servizio Cloud mediante il Portale di Supporto del Cliente Cloud designato per tale Servizio Cloud. L accesso al pertinente Portale di Supporto del Cliente Cloud è regolato dalle Condizioni di Utilizzo pubblicate sul sito web di supporto designato, le quali sono soggette a variazioni. Una copia di tali condizioni è disponibile su richiesta. L accesso al Portale di Supporto del Cliente Cloud è riservato ai contatti tecnici designati dal Cliente e ad altri utenti autorizzati dei Servizi Cloud. Se applicabile, il Portale di Supporto del Cliente Cloud Oracle fornirà dettagli relativi al supporto ai contatti tecnici designati dal Cliente al fine di abilitare l uso del supporto Oracle Cloud. Tutte le comunicazioni e gli avvisi inerenti il servizio del Cliente sono pubblicati su questo portale Supporto telefonico I contatti tecnici del Cliente possono accedere al supporto telefonico con operatore mediante i numeri telefonici e le informazioni di contatto presenti sul sito di supporto Oracle all indirizzo 6.3 Definizioni di severità Le richieste di assistenza relative ai Servizi Cloud Oracle possono essere sottoposte dal contatto tecnico designato dal Cliente mediante i Sistemi di Supporto del Cliente Oracle Cloud di cui all articolo 6.2 della presente Policy. Il livello di severità di una richiesta di assistenza sottoposta dal Cliente è selezionato sia dal Cliente medesimo sia da Oracle e deve essere basato sulle definizioni di severità di seguito riportate: Severità 1 L uso a fini produttivi, da parte del Cliente, del Servizio Cloud Oracle è interrotto o così gravemente pregiudicato da impedire la continuazione del lavoro da parte del Cliente medesimo. Il Cliente subisce una completa perdita Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 13 di 19

14 del servizio. Le operazioni pregiudicate sono essenziali al business e la situazione è da considerarsi un emergenza. Una richiesta di assistenza di Severità 1 presenta una o più delle seguenti caratteristiche: Dati corrotti Una funzione documentata essenziale non disponibile Interruzione indefinita del servizio, determinante un ritardo inaccettabile o indefinito in relazione a risorse o risposte Crash del sistema e crash ripetuti dopo i tentativi di riavvio Oracle compirà ogni ragionevole sforzo per rispondere alle richieste di assistenza di Severità 1 entro una (1) ora. Oracle lavorerà 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, fino alla risoluzione della richiesta di assistenza di Severità 1, con l adozione di una soluzione ragionevole o fino a quando possano essere compiuti dei significativi progressi. Durante il suddetto periodo, il Cliente dovrà fornire a Oracle un contatto per assisterla con la raccolta dei dati, con il testing e con l applicazione delle correzioni. Il Cliente deve proporre questa classificazione di severità con estrema attenzione, affinché le situazioni effettivamente di Severità 1 possano ottenere la necessaria allocazione di risorse da parte di Oracle. Severità 2 Il Cliente subisce una grave perdita del servizio. Importanti funzioni dei Servizi Cloud Oracle non sono disponibili e non vi sono soluzioni alternative accettabili; tuttavia, le operazioni possono proseguire con delle limitazioni. Severità 3 Il Cliente subisce una marginale perdita del servizio. Il pregiudizio consiste in un inconveniente, il quale può richiedere una soluzione alternativa per ripristinare la funzionalità. Severità 4 Il Cliente richiede informazioni, miglioramenti o chiarimenti sulla documentazione in relazione al Servizio Cloud Oracle, senza, però, pregiudizio alcuno sull operatività di tale servizio. Il Cliente non subisce alcuna perdita del servizio. 6.4 Modifica al livello di severità della richiesta di assistenza Livello di severità iniziale Al momento dell accettazione della richiesta di assistenza, Oracle registrerà un livello iniziale di severità della richiesta di assistenza basato sulle definizioni di severità sopra esposte. Il focus iniziale di Oracle, a seguito dell accettazione di una richiesta di assistenza, consisterà nella risoluzione dei problemi sottesi a tale richiesta di assistenza. Il livello di severità di una richiesta di assistenza può essere modificato come di seguito indicato Riduzione dei livelli di richiesta di assistenza: Qualora, durante l iter della richiesta di assistenza, il problema cessi di appartenere al livello di severità correntemente assegnato in base al suo impatto sulle operazioni di produzione del relativo Servizio Cloud Oracle, il livello di severità verrà ridotto a quello più adeguatamente corrispondente al suo attuale impatto Aumento dei livelli di richiesta di assistenza: Qualora, durante l iter della richiesta di assistenza, il problema assuma un livello di severità maggiore di quello correntemente assegnato in base al suo impatto sulle operazioni di produzione del relativo Servizio Cloud Oracle, il livello di severità verrà elevato a quello più adeguatamente corrispondente al suo attuale impatto Aderenza alle definizioni dei livelli di severità: Il Cliente dovrà assicurare che l assegnazione e la modifica di una qualsiasi designazione del livello di severità sia basata, in modo accurato, sull effettivo impatto sulle operazioni di produzione del relativo Servizio Cloud Oracle. Il Cliente è consapevole e accetta che Oracle non è responsabile per qualsiasi impossibilità a soddisfare gli standard di prestazioni a causa di un uso o assegnazione inappropriati da parte del Cliente delle designazioni del livello di severità. 6.5 Escalation della richiesta di assistenza In caso di escalation delle richieste di assistenza, l analista del supporto Oracle opererà con il manager delle escalation delle richieste di assistenza, il quale sarà responsabile della gestione di tali escalation. Il manager delle Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 14 di 19

15 escalation del servizio di richiesta di assistenza Oracle coopererà con il Cliente al fine di sviluppare un piano d azione e allocare le risorse Oracle adeguate. Nel caso in cui il problema sotteso alla richiesta di assistenza resti irrisolto, il Cliente potrà contattare il manager delle escalation delle richieste di assistenza al fine di richiedere che la medesima sia portata al livello di escalation successivo in ambito Oracle come richiesto. Al fine di agevolare la risoluzione di una richiesta di assistenza posta in escalation, il Cliente deve fornire i contatti nell ambito della propria organizzazione operanti al medesimo livello di quelli di Oracle ai quali la richiesta di assistenza è stata posta in escalation. 6.6 Deroghe alla Policy Le domande o richieste del Cliente inerenti a deroghe alla Oracle Cloud Hosting and Delivery Policy devono essere formulate con una richiesta di assistenza sul Portale di Supporto del Cliente Cloud relativo al servizio (ossia, My Oracle Support). 7. Oracle Cloud Suspension and Termination Policy 7.1 Cessazione dei Servizi Cloud Cessazione dei Servizi Cloud A seguito della cessazione o scadenza dei servizi, ai sensi del documento d ordine o su richiesta del Cliente, Oracle cancellerà o renderà altrimenti inaccessibile l ambiente di produzione e i dati ivi presenti con modalità pensate al fine di assicurare che non ne sia ragionevolmente possibile l accesso o la lettura, salvo che vi sia un obbligo di legge gravante su Oracle che impedisca la cancellazione totale o parziale degli ambienti. Per un periodo fino a 60 giorni dopo la cessazione o scadenza dei servizi di produzione in base al documento d ordine, Oracle renderà disponibili al Cliente i dati produzione ai fini del loro recupero da parte del Cliente medesimo. Decorso tale periodo di 60 giorni successivo alla cessazione, Oracle non avrà più alcuna obbligazione di conservazione dei dati per scopi del Cliente. Gli Oracle Customer Support Identifiers (CSI) vengono meno alla fine del periodo di 60 giorni e Oracle rimuoverà o renderà inaccessibili i dati del Cliente presenti nell ambito del servizio Cessazione degli ambienti pilot I pilot dei Servizi Cloud Oracle sono regolati dalla medesima policy di cessazione del servizio prevista per i normali ambienti di produzione Assistenza del Cliente alla cessazione Alla cessazione del servizio, ove il Cliente abbia necessità di assistenza da parte di Oracle per accedere ai server protetti di Oracle al fine di recuperare i suoi dati di produzione, il Cliente stesso deve presentare una richiesta di assistenza sul Portale di Supporto del Cliente Cloud relativo al servizio (ossia, My Oracle Support) Trasferimento sicuro dei dati Quale parte del processo di cessazione del servizio, Oracle rende disponibili protocolli sicuri mediante i quali gli utenti designati dal Cliente possono trasferire i dati del Cliente medesimo dal servizio. 7.2 Sospensione dovuta a violazione Ove Oracle rilevi una violazione o sia contattata in merito a una violazione dei termini e condizioni dei Servizi Cloud Oracle o delle policy di utilizzo applicabili, Oracle medesima incaricherà un agente dell investigazione. L agente incaricato delle investigazioni può intraprendere azioni ivi comprese, senza limitazione alcuna, la sospensione dell account utente, la sospensione dell accesso all account dell amministratore o la sospensione dell ambiente fino alla risoluzione del problema. Oracle compirà ogni ragionevole sforzo per ristabilire tempestivamente l operatività dei servizi del Cliente una volta che, a propria ragionevole discrezione, ritenga che la situazione che ha dato luogo alla sospensione sia stata sanata. Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 15 di 19

16 7.3 Dati esportabili I seguenti dati del Cliente possono essere esportati da Oracle dall ambiente di produzione dei Servizi Cloud alla cessazione. Dati dei database: Tutti i dati transazionali. Documenti allegati: Tutti i documenti allegati caricati dal Cliente o collegati a una transazione commerciale o flusso di lavoro. Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 16 di 19

17 Appendice A - Oracle Responsys Marketing Platform Cloud Service La presente appendice si applica alle funzioni aggiuntive del Servizio Oracle Responsys Marketing Platform Cloud Service, noto come Responsys Automatic Failover for Transactional Messages Cloud Service, e apporta le modifiche, di seguito indicate, alle Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies in relazione al suddetto Servizio Cloud: 1.2 Separazione delle reti 1.3 Controllo di accesso alla rete Controlli di rete 2.3 Infrastruttura di rete ridondante 2.7 Strategia di backup dei Servizi Cloud Oracle Obiettivo dei tempi di recovery L ultima frase del presente articolo è modificata come segue: L obiettivo dei tempi di recovery in relazione a Oracle Responsys Automatic Failover for Transactional Messages Cloud Service è pari a 30 minuti dalla dichiarazione di un disastro Obiettivo del punto di recovery L ultima frase del presente articolo è modificata come segue: L obiettivo del punto di recovery in relazione a Oracle Responsys Automatic Failover for Transactional Messages Cloud Service è pari a 15 minuti dal verificarsi di un disastro. 4.2 Livello obiettivo di disponibilità del sistema in relazione al Servizio Cloud Oracle Oracle opera affinché sia assicurato al Cliente un Livello Obiettivo di Disponibilità del Sistema pari al 99,9% della produzione di Oracle Responsys Automatic Failover for Transactional Messages Cloud Service, per un periodo di misurazione pari a un mese di calendario, con decorrenza dall attivazione, da parte di Oracle, dell ambiente di produzione. Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 17 di 19

18 Appendice B - Oracle TOA Technologies Cloud Service La presente appendice si applica al Servizio Oracle TOA Technologies Cloud Service, e apporta modifiche alle Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies in riferimento al suddetto Servizio Cloud. Salvo quanto altrimenti specificato, ogni articolo qui di seguito riportato si applicherà in sostituzione del corrispondente articolo originario delle Delivery Policy: Parte 1 - Modifiche relative a ETAdirect Enterprise ed ETAdirect Professional 1.1 Crittografia utente per le connessioni esterne Il Cliente effettua l accesso al sistema mediante Internet. La tecnologia di crittografia SSL è disponibile per l accesso al Servizio Cloud Oracle. Le connessioni SSL sono negoziate mediante un sistema di crittografia almeno a 128 bit o superiore. La chiave privata utilizzata per la generazione della chiave cifrata è almeno di 2048 bit. La tecnologia SSL è implementata o configurabile per tutti i programmi basati sul web certificati SSL e distribuiti da Oracle. Si consiglia di utilizzare i più recenti browser certificati per l impiego dei programmi Oracle. Tali browser, presentando un elevato livello di cifratura e una maggiore sicurezza, possono essere utilizzati per connettersi a programmi basati sul web. L elenco dei browser certificati per il Servizio Oracle TOA Technologies Cloud Service verrà fornita al Cliente su richiesta. In alcuni casi, un sito di terzi (come, ad esempio, Facebook) che il Cliente desideri integrare nel Servizio Cloud potrebbe non accettare una connessione crittografata. Per i Servizi Cloud nei quali siano consentite connessioni HTTP con il sito di terzi, Oracle potrà abilitare tali connessioni HTTP in aggiunta alla connessione HTTPS Media fisici in transito Obiettivo dei tempi di recovery L ultima frase del presente articolo è modificata come segue: L obiettivo dei tempi di recovery in relazione a ETAdirect Professional è pari a 5 ore dalla dichiarazione di un disastro. L obiettivo dei tempi di recovery in relazione a ETAdirect Enterprise è pari a 4 ore dalla dichiarazione di un disastro Migrazioni del data center Parte 2 - Modifiche relative a ETAworkforce Accesso Orario di operatività 1. Oracle Cloud Security Policy 2. Oracle Cloud System Resiliency Policy 3. Oracle Cloud Disaster Recovery Service Policy 4. Oracle Cloud Service Level Objective Policy Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 18 di 19

19 5. Oracle Cloud Change Management Policy 6. Oracle Cloud Support Policy Alla fine dell articolo, è aggiunto il seguente paragrafo: Oracle non ha alcuna obbligazione di nessun tipo di fornire servizi di supporto per problemi operativi o prestazionali di ETAworkforce determinati da una delle seguenti cause: (i) problemi relativi a prodotti software, hardware, carrier di rete e impostazioni non di Oracle; (ii) alterazioni, danni o modifiche (ivi comprese, senza limitazione alcuna, le modifiche della configurazione) al software consegnato non eseguite o espressamente autorizzate da Oracle; (iii) problemi derivanti da negligenza, abuso o uso improprio da parte del Cliente, o (iv) dall uso del software non conforme alla legge o a quanto previsto nella relativa documentazione. Oracle si riserva il diritto di sospendere e/o disconnettere i servizi qualora una delle suddette cause sia considerata una minaccia ai sistemi o ai Servizi Cloud di Oracle. 7.1 Cessazione dei Servizi Cloud 7.3 Dati esportabili Cloud_Oracle Cloud Enterprise Hosting and Delivery Policies_v120114_IT_ITA Pagina 19 di 19

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Polizza CyberEdge - questionario

Polizza CyberEdge - questionario Note per il proponente La compilazione e/o la sottoscrizione del presente questionario non vincola la Proponente, o ogni altro individuo o società che la rappresenti all'acquisto della polizza. Vi preghiamo

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

Policy per fornitori

Policy per fornitori Policy per fornitori Con riferimento alla Decisione 32/2008 del Presidente dell EUI e in particolare degli articoli 4, 5 e 6 il fornitore è tenuto alla sottoscrizione della Dichiarazione dell impegno del

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Servizi di supporto Enterprise Symantec: Manuale per Essential Support e Basic Maintenance

Servizi di supporto Enterprise Symantec: Manuale per Essential Support e Basic Maintenance Servizi di supporto Enterprise Symantec: Manuale per Essential Support e Basic Maintenance Manuale dei servizi di supporto Enterprise Symantec per Essential Support e Basic Maintenance Note legali Copyright

Dettagli

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Informazioni sul documento Redatto da Ruben Pandolfi Responsabile del Manuale Operativo Approvato da Claudio Corbetta Amministratore Delegato

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL PROPRIO PATRIMONIO INFORMATIVO E DEL PROPRIO KNOW-HOW IMPRENDITORIALE. SERVIZI CREIAMO ECCELLENZA Uno dei presupposti fondamentali

Dettagli

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet OUCH! Ottobre 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione Le precauzioni da prendere Cosa fare in caso di smarrimento o furto Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet L AUTORE DI QUESTO NUMERO Heather

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Qualora il licenziatario si attenga alle condizioni del presente contratto di licenza, disporrà dei seguenti diritti per ogni licenza acquistata.

Qualora il licenziatario si attenga alle condizioni del presente contratto di licenza, disporrà dei seguenti diritti per ogni licenza acquistata. CONTRATTO DI LICENZA PER IL SOFTWARE MICROSOFT WINDOWS VISTA HOME BASIC WINDOWS VISTA HOME PREMIUM WINDOWS VISTA ULTIMATE Le presenti condizioni di licenza costituiscono il contratto tra Microsoft Corporation

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione CONDIZIONI D'USO 1. Accesso al sito L'accesso al sito www.stilema-ecm.it è soggetto alla normativa vigente, con riferimento al diritto d'autore ed alle condizioni di seguito indicate quali patti contrattuali.

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO 1 Il passato appena trascorso 2006 Studio di fattibilità 2007 Accordo sull Architettura di Alto Livello di Il presente Basi Legali Articolo 78

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI HOSTING E DOMINI OFFERTO DA WELIO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI HOSTING E DOMINI OFFERTO DA WELIO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI HOSTING E DOMINI OFFERTO DA WELIO 1. Oggetto 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Contratto (di seguito Condizioni Generali ) disciplinano le modalità

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli