Teoria normativa della politica economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teoria normativa della politica economica"

Transcript

1 Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il benessere della collettività

2 Programmazione Programmare significa adottare decisioni di politica economica coordinate e coerenti, cioè che tengono conto dell insieme degli obiettivi e degli strmenti Infatti ogni strmento inflenza più (al limite ttti gli) obiettivi Qindi Per ogni obiettivo si deve scegliere lo strmento con la maggiore efficacia relativa C è simltaneità tra problemi di politica economica I problemi di politica economica hanno natra intertemporale e richiedono coerenza temporale teoria normativa - G. Croce 2

3 Elementi di n programma di politica economica Obiettivi: tragardi di politica economica misrabili mediante variabili es. tasso di inflazione, tasso di disoccpazione, tasso di crescita del PIL, eqilibrio della bilancia dei pagamenti Strmenti: grandezze economiche (misrabili mediante variabili) manovrabili dai policy makers per raggingere gli obiettivi es. spesa pbblica, investimenti pbblici, imposte, tasso di cambio Modello: relazioni fra le variabili economiche esprimibili mediante n modello matematico che descrive il fnzionamento del sistema economico teoria normativa - G. Croce 3

4 OBIETTIVI La scelta degli obiettivi Da qanto si è visto finora, dai fallimenti del mercato scatrisce l esigenza dell intervento dell operatore avente motivazioni e obiettivi collettivi anziché individali e capace di sperare le carenze del mercato Teoria normativa della p.e.: analisi razionale di ciò che l operatore pbblico deve fare per sperare le carenze del mercato Prospettiva metodologica: le scelte ottimali di tale operatore sono qelle che massimizzano i soi obiettivi dati i vincoli esistenti Tttavia si pone n problema della scelta sociale: come si scelgono gli obiettivi dell intervento pbblico? come si possono gidicare dal pnto di vista della collettività le alternative disponibili qando qeste implicano n gadagno per alcni e na perdita per altri? teoria normativa - G. Croce 4

5 Il problema della scelta sociale e il criterio paretiano Il criterio paretiano come si è visto offre na regola di scelta sociale che tttavia non genera n ordinamento completo Anche nel caso in ci il mercato assicri l efficienza, si pone il problema di scegliere tra le diverse sitazioni di ottimo p. possibili: qale ottimo scegliere tra qelli disponibili? cioè, qale pnto preferire lngo la crva dei contratti? In qesta scelta emerge n conflitto distribtivo: l alternativa tra diversi ottimi implica necessariamente la scelta tra avvantaggiare qalcno e danneggiare qalcn altro Qindi per scegliere è necessario far ricorso a lteriori criteri di scelta rispetto a qelli relativi all efficienza: serve na teoria della gistizia o n ideologia, na visione politica relativa al benessere della collettività teoria normativa - G. Croce 5

6 Il problema della scelta sociale (esempio con de individi) 2 B A C Crva di trasformazione (o frontiera delle tilità possibili) In qesto caso, la crva di trasformazione rappresenta la max tilità di n individo per ogni livello di tilità dell altro (è il logo dei pnti di ottimo p. dell economia). I pnti A, B e C lngo la crva sono ttti ottimi e non sono confrontabili secondo il criterio di Pareto (l ordinamento è incompleto). Tttavia essi non sono eqivalenti dal pnto di vista distribtivo poiché implicano na diversa distribzione dei beni tra gli individi. ormalmente l intervento pbblico implica la scelta di n pnto slla c. di trasf., ma spostamenti lngo tale crva comportano na redistribzione delle tilità ( non ci sono pasti gratis ). 1 teoria normativa - G. Croce 6

7 Metodi di scelta degli obiettivi 1. Obiettivi fissi 2. Metodo delle priorità 3. Obiettivi flex con saggio marg. di sost. variabile 4. Obiettivi flex con saggio marg. di sost. costante teoria normativa - G. Croce 7

8 Obiettivi fissi ŷ Crva di trasformazione: indica il max obiettivo raggingibile per ogni dato livello di S A Crva di Phillips (in qesto contesto rappresenta na crva di trasformazione) B B S ŷ S B La crva di trasformazione indica il max (min nel caso della c. di Phillips) valore raggingibile di n obiettivo per ogni dato livello dell altro obiettivo. Il policy maker attribisce valori prefissati alle variabili-obiettivo lngo la c. di trasformazione teoria normativa - G. Croce 8

9 Metodo delle priorità Se non si conosce l esatta posizione della c. di trasformazione, il policy maker fissa il valore dell obiettivo prioritario, e massimizza (o minimizza, nel caso della c. di Phillips) qello dell altro obiettivo, il ci livello dipenderà dall effettiva posizione del vincolo (c. di trasformazione). A A Crve di Phillips B Es. t. di inflazione obiettivo prioritario A B teoria normativa - G. Croce 9

10 Obiettivi flessibili Il problema della scelta sociale come problema di massimizzazione vincolata 2 * 2 A Crve di indifferenza sociale (o isobenessere) Crva di trasformazione * 1 Dato il significato della crva di trasformazione, essa rappresenta il vincolo nella scelta dell operatore pbblico. Tra ttti i pnti di ottimo lngo la c. di trasf., il pnto di max benessere sociale è dato dal pnto di tangenza con la crva di indifferenza sociale. 1 In qesto modo l operatore pbblico sceglie gli obiettivi (* 1, * 2 ) risolvendo n problema di massimo vincolato (analogamente al modo in ci il consmatore sceglie il so paniere preferito di beni) teoria normativa - G. Croce 10

11 Saggio marginale di sostitzione tra obiettivi Data na f. di benessere sociale con de obiettivi (es. t. di inflazione, t. di disoccpazione) W f(,) dove il simbolo W sta per benessere sociale, il s.m.s. tra i de obiettivi rappresenta il rapporto al qale è possibile scambiare l no con l altro mantenendo costante il livello del benessere sociale W. Esempio: n s.m.s. tra inflazione e disoccpazione pari a 3 indica che se l inflazione amenta di 3 p.p. in cambio di 1 p.p. in meno di disoccpazione, si passa a na sitazione eqivalente a qella di partenza in termini di ben. soc. teoria normativa - G. Croce 11

12 Crve di indifferenza sociale con s.m.s. costante e variabile D C B A D C B A Ttte le combinazione dei de obiettivi che mantengono lo stesso livello di benessere soc. formano na crva di indifferenza sociale (o crva di isobenessere): qando il s.m.s. è costante, la c.d.i. è lineare (fig. sinx) qando il s.m.s. è variabile, la c.d.i. è crvilinea (fig. dx) teoria normativa - G. Croce 12

13 Obiettivi flessibili con saggio marg. sostit. variabile Crva di trasformazione Crva di Phillips ŷ A Crve di indifferenza sociale Crve di indifferenza sociale B B S ŷ S B Il valore degli obiettivi non è fissato apriori ma è ricavato mediante la massimizzazione di na f. di benessere sociale (o minimizzazione nel caso a dx) rappresentata mediante na mappa di crve di indifferenza, dato il vincolo della c. di trasformazione teoria normativa - G. Croce 13

14 Obiettivi flessibili con saggio marg. sostit. costante Crva di Phillips Crve di indifferenza sociale Crve di indifferenza sociale ŷ A B B S ŷ S B In qesto caso il saggio marg. di sostit. è costante, qindi le c. di indifferenza sono lineari. Es.: FBS: Wa +b S da ci W/a-(b/a) S dove -b/a è il s.m.s. teoria normativa - G. Croce 14

15 Obiettivi: t. di inflazione e t. di disocc. Fnzione di benessere sociale: Indice di malessere di Okn W a + b (a e b sono pesi attribiti dal policy maker) Saggio marg. sostitzione (costante): b/a W 0,4 p & + 1, 2 p & W / 0,4 ( 1,2 0, 4 ) Es. Se ab1 W + s.m.s.-1,2/0,4-3 qesta FBS è detta indice di malessere di Okn ed è pari alla somma di inflazione e disoccpazione teoria normativa - G. Croce 15

16 Appendice. Obiettivi flex con s.m.s. variabile: esempio 1 Obiettivi: reddito del nord, S reddito del sd Crva di trasformazione: Ŷ b S dove Ŷ è n valore dato che misra il reddito potenziale totale Problema del governo: il governo deve scegliere la coppia di valori e S da assmere come obiettivi Metodo: per scegliere il governo applica il metodo degli obiettivi flex, per il qale deve specificare na fnzione di benessere sociale (FBS), rappresentabile tramite crve di indifferenza sociale Solzione: la coppia (, S ) che massimizza il benessere sociale è qella che si trova nel pnto in ci sono tangenti (hanno gale inclinazione) la c. di trasformazione e la c. di indifferenza, cioè -b sms dove -b è l inclinazione della c. di trasformazione e sms è l inclinazione della c. di indifferenza sociale teoria normativa - G. Croce 16

17 Obiettivi flex con s.m.s. variabile: esempio 1 Obiettivi: reddito del nord, S reddito del sd Crva di trasformazione: ,2 S, la ci inclinazione è -1,2 Fnzione di benessere sociale (FBS): Se, ad es., la FBS ha la segente forma (Cobb-Doglas) si ha sms Qindi se α β W S 0, 6 0, 4 S sms 0,6 0,4 S W α β S Solzione: 0,6 0,6 1 sms b cioè 1,2 S 1, 25 0,4 S 0,4 1,2 sostitisco S nella c. di trasformazione e ottengo e ,2 1,25 S 1, ,5 teoria normativa - G. Croce qindi ,

18 Obiettivi flex con s.m.s. variabile: esempio 2 Obiettivi: reddito del nord, S reddito del sd Crva di trasformazione: ,6 S, la ci inclinazione è -1,6 Problema: Se sceglie applicando il metodo degli obiettivi flex? Solzione: b sms 4 sms cioè 4 1,6 S S S, qali sono i valori degli obiettivi che il governo 4 1,6 sostitisco S nella c. di trasformazione e ottengo e da ci S ,6 1, , teoria normativa - G. Croce 2400 c. di trasformazione 6000 c. di indifferenza sociale pnto di tangenza 18 S

19 Obiettivi flex con s.m.s. variabile: esempio 3 Obiettivi: (tasso di disoccpazione), (tasso di inflazione) 0,18 2 Crva di trasformazione (c. di Phillips):, la ci inclinazione è -2 Fnzione di benessere sociale : Se, ad es., ha la segente forma (loss fnction) W 2 + γ 2 1 si ha sms γ 1 qindi se, ad es., γ 0,5 sms 2 0,5 Solzione: sms b cioè 2 2 sostitisco nella c. di Phillips e ottengo p & e 0,18 0,06 2 da ci 0,18 3 0,06 teoria normativa - G. Croce 19

20 Obiettivi flex con s.m.s. variabile: esempio 4 Obiettivi: (tasso di disoccpazione), (tasso di inflazione) 0,28 2 Crva di trasformazione (c. di Phillips):, la ci inclinazione è -2 Problema: Se sms 3 sceglierebbe applicando il metodo degli obiettivi flex?, qali sono i valori degli obiettivi che il governo c. di Phillips Solzione: 2 sms b cioè sostitisco nella c. di Phillips e ottengo p & e 0, , da 0,08 ci 0, ,12 teoria normativa - G. Croce 0,12 0,08 c. di indifferenza sociale pnto di tangenza 20

21 STRUMETI Proprietà degli strmenti di politica economica Controllabilità Efficacia Separabilità Tipi di strmenti Politiche qantitative, qalitative, di riforma Controllo diretto (impongono n comportamento), controllo indiretto (indcono n determinato comportamento) Misre discrezionali (richiedono valtazione caso per caso), regole atomatiche (entrano in fnzione senza specifica valtazione) Stabilizzatori atomatici: sssidi di disoccpazione, imposizione progressiva teoria normativa - G. Croce 21

22 VAR. ESOGEE: strmenti, dati VAR. EDOGEE: obiettivi, irrilevanti MODELLO Modello in forma strttrale presenta le relazioni tra variabili che descrivono la realtà economica var. endogene in fnzione di var. esogene e altre endogene Modello in forma ridotta si eliminano le irrilevanti e si esprimono gli obiettivi (y) in fnzione delle esogene (strmenti x) y 1 f 1 (x 1,x 2 ) y 2 f 2 (x 1,x 2 ) teoria normativa - G. Croce 22

23 Modello in forma ridotta inversa si esprimono gli strmenti (x) in fnzione degli obiettivi (y) x 1 g 1 (y 1,y 2 ) x 2 g 2 (y 1,y 2 ) assegnando n valore agli obiettivi (secondo il metodo degli obiettivi fissi), si determina il valore degli strmenti teoria normativa - G. Croce 23

24 Esempio di modello con n obiettivo fisso obiettivo : (occpazione) strmento: G (spesa pbblica) Forma strttrale π C + G + I C c Forma ridotta ( G+ π π 1 c I ) Forma ridotta inversa G ( c) I π 1 teoria normativa - G. Croce 24

25 Esempio di modello con n obiettivo fisso Dati π30, c0,8, I2500, per raggingere l obiettivo *2000, qale deve essere il livello dello strmento G*? Forma strttrale C 30 C + G 0, Forma ridotta ( G+ 2500) ,8 Forma ridotta inversa G * 30 ( 1 0,8) G * 9500 teoria normativa - G. Croce 25

26 Dalla forma ridotta: il modello è formato da tante eqazioni qanti sono gli obiettivi, e contiene tante incognite qanti gli strmenti REGOLA AUREA DI POLITICA ECOOMICA La solzione di n problema di politica economica richiede n. strmenti n. obiettivi invece se: n. strmenti > n. obiettivi il sistema è sottodeterminato ci sono molteplici solzioni n. strmenti < n. obiettivi il sistema è sovradeterminato non ci sono solzioni 1. si rinncia agli obiettivi in eccesso 2. si adottano novi strmenti 3. si passa al metodo degli obiettivi flessibili teoria normativa - G. Croce 26

27 Critica di Lcas I parametri delle fnzioni di comportamento degli operatori privati non sono stabili ma reagiscono alle aspettative relative alle politiche pbbliche i parametri stimati si valori passati non sono affidabili per prevedere gli effetti delle politiche l efficacia dell azione pbblica pò essere annllata se le aspettative degli operatori indcono na variazione nei parametri si svilppa n interazione tra operatori privati e policy makers che pò essere opportnamente analizzata mediante la teoria dei giochi teoria normativa - G. Croce 27

La teoria normativa della politica economica

La teoria normativa della politica economica La teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica Dai fallimenti del mercato scaturisce l esigenza dell intervento di un operatore avente motivazioni e obiettivi collettivi

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Stdi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli XI-XIII del testo Cladio Pacati a.a. 998 99 c Cladio Pacati ttti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico Strttra elettronica delle molecole. Teoria qantistica del legame chimico Lo ione idrogeno molecolare H 2 + Eq. Schroedinger singolo elettrone La fnzione d onda φ b soddisfa na eqazione analoga. Gli atovalori

Dettagli

LA POLITICA ECONOMICA. La teoria normativa

LA POLITICA ECONOMICA. La teoria normativa LA POLITICA ECONOMICA La teoria normativa 1 Questioni affrontate a) Le autorità di politica economica devono intervenire nell economia, oppure dovrebbero limitare al minimo i propri interventi e lasciare

Dettagli

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI Il mondo reale è per sa natra complesso e le organizzazioni mane lo sono in modo particolare. Per potere comprendere e gestire la realtà è indispensabile svilppare

Dettagli

Sistemi Interconnessi

Sistemi Interconnessi Corso di Fondamenti di Atomatica Università di Roma La Sapienza Sistemi Interconnessi L. Lanari Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Roma, Ital Ultima modifica Ma 29,

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

L attenzione verso le cose del passato è sempre più

L attenzione verso le cose del passato è sempre più La gestione della geometria tridimensionale di n oggetto È fondamentale per ogni simlazione nmerica Antonio Giogoli Agiotech Le capacità odierne dell ingegneria inversa aprono novi confini all analista

Dettagli

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO I. eneralità, definizioni, classificazioni. I.1 Definizioni rigardanti: macchine motrici ed operatrici e loro classificazione. Una macchina è n insieme di organi fissi e mobili, vincolati tra loro cinematicamente,

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Campi elettromagnetici

Campi elettromagnetici IQUADERNIDI Campi elettromagnetici in ambiente di lavoro A cra di Marina Barbiroli Doriana Gidcci e Simona Valbonesi Il contesto normativo in materia di protezione dei lavoratori dall esposizione ai campi

Dettagli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli bintec RV Robsti roter LTE per applicazioni a banda larga si veicoli Networking mobile per veicoli di ttti i tipi La connessione permanente ad Internet è diventata oggi na ovvietà. Sia nel privato, che

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Vincolo di bilancio e Preferenze del consumatore

Vincolo di bilancio e Preferenze del consumatore Vincolo di bilancio e Preferenze del consmatore Il vincolo di bilancio Il vincolo di bilancio nasce dall esigenza di modellare n economia dove gli individi non possono consmare qantità infinite di beni.

Dettagli

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA Capitolo ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA 1. Premessa La crescita di importanza della dinamica delle strttre rislta evidente a chinqe abbia segito l evolzione delle problematiche connesse alla progettazione

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Esempio di Integrazione 1

Esempio di Integrazione 1 Esempio di Integrazione Spponiamo di voler integrare la fnzione fx_,_: x Sl dominio x 3x x 3x && 3 x x RegionPlot && x 3 x && x 5 x, x,, 5,,, 3 3 5 Il dominio deve essere opportnamente sddiviso epr poter

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA Paolo Baroncini Roberto Manfredi MltiMath Matematica finanziaria LIBRO MISTO E-BOOK CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA MltiMath Matematica finanziaria Ambiente edcativo Digitale Libro digitale sfogliabile

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet Le verità nascoste? 2 A cra di Gido Riva L accesso ad Internet in mobilità ha sbìto negli ltimi mesi n esplosione raggardevole; se escldiamo i primi tempi della loro diffsione,

Dettagli

ESERCITAZIONI di ECONOMIA POLITICA ISTITUZIONI (A-K)

ESERCITAZIONI di ECONOMIA POLITICA ISTITUZIONI (A-K) ESERCITAZIONI di ECONOMIA POLITICA ISTITUZIONI (A-K) M. Bonacina - Università degli Stdi di Pavia monica.bonacina@nibocconi.it 1 5 ESERCITAZIONE: MERCATO DEL LAVORO: Solzioni ESERCIZIO 1. Si faccia riferimento

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda (Frank, Capitolo 5)

Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda (Frank, Capitolo 5) Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda (Frank, Capitolo 5) DUE ESEMPI SULL UTILIZZO DEL MODELLO DI SCELTA RAZIONALE AI FINI DELLA POLITICA ECONOMICA La politica economica influenza

Dettagli

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Mario frequenta la facoltà di Biologia dell Università di Vattelapesca. Vuole avere un buon voto

Dettagli

Le componenti della domanda aggregata

Le componenti della domanda aggregata Le componenti della domanda aggregata Lezione 3 Lezione 3 Economia Politica - Macroeconomia 1 Le componenti della domanda aggregata Ricordiamole: Consumo (C) Investimento (I) Spesa Pubblica (G) Ricordiamo

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale Università degli Studi di Teramo Corso di Laurea in Scienze del Turismo e dell'organizzazioni delle Manifestazioni Sportive Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale A. A. 2011/2012 1 Le scelte del consumatore

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

La garanzia del miglior prezzo

La garanzia del miglior prezzo white paper settembre.2015 La garanzia del miglior prezzo Come arginare la crescita della pressione promozionale nel grocery e contrastare lo show rooming nell elettronica di consmo - Gianpiero Lgli -

Dettagli

Partnership di canale

Partnership di canale white paper gennaio.2015 Partnership di canale Il trst mediator e n novo concetto di filiera corta iteam:lorena Cottone e x c e l l e n c e i n e x e c t i o n white paper 2 exective smmary introdzione

Dettagli

Progetto DSA Matematica

Progetto DSA Matematica Classe a Progetto DSA Matematica Come le insegnanti ben sanno, all interno della classe ogni bambino ha le se caratteristiche pecliari, i soi tempi e le se molità di apprendimento. Appare qindi necessario

Dettagli

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06 I NUMERI DECIMALI Calcolo rapido Rispondi alle segenti domande. Qanti decimi occorrono per fare 1 nità?... E mezza nità?... Qanti decimi mancano per avere 1 nità intera se ho 7 decimi?... E se ne ho 6?...

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet mobile Le verità nascoste? A cra di Gido Riva La Qalità di Servizio (Qality of Service - QoS) è diventa negli ltimi anni n tema di primaria importanza, e non solo nel settore

Dettagli

massimizzazione del benessere sociale

massimizzazione del benessere sociale POLITICA ECONOMICA A.A. 2011-2012 Prof. Francesca Gastaldi TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE (1930-1950) che studia il funzionamento di una economia di produzione e di scambio domandandosi quale debba

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA)

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA) OLO 6 MLFO E GND SEGNL (o D OENZ) 6. ntrodzione Finora si è parlato di amplificatori lineari che, se pr progettati a diverse freqenze, erano comnqe amplificatori a piccoli segnali. Lo stdio dell'elaborazione

Dettagli

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli atomatici Sistemi a tempo discreto Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informaione e Bioingegneria Introdione Un sistema dinamico a tempo

Dettagli

Una nuova generazione di sportelli automatici

Una nuova generazione di sportelli automatici IQUADERNIDI Una nova generazione di sportelli atomatici accessibili e sabili da ttti A cra di Raffaele Nicolssi Il problema delle barriere tecnologiche è stato affrontato spesso anche slle pagine di Telèma

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

La Teoria Moderna del Consumo

La Teoria Moderna del Consumo La Teoria Moderna del Consumo Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it Spesa per consumi Il consumo è la componente predominante della

Dettagli

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura 6.2 CRISTALLIZZAZIONE DA SOLUZIONE La cristallizzazione è l'operazione attraverso ci si ottiene na fase solida cristallina a partire da na fase liqida, costitita da na solzione o da n fso. Qesta operazione

Dettagli

UN ANALISI CRITICA DEI COSTI DI UNA VALUTA COMUNE (sintesi da De Grauwe)

UN ANALISI CRITICA DEI COSTI DI UNA VALUTA COMUNE (sintesi da De Grauwe) UN NLISI CRITIC DEI COSTI DI UN VLUT COMUNE (sintesi da De Grawe) È proprio vero che la rinncia ad alcni strmenti di politica economica a casa dell adesione a n UNIONE MONETRI rappresenta n costo elevato

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Un analisi critica dei costi di una valuta comune (sintesi da De Grauwe, Economia dell unione monetaria)

Un analisi critica dei costi di una valuta comune (sintesi da De Grauwe, Economia dell unione monetaria) Un analisi critica dei costi di na valta comne (sintesi da De Grawe, conomia dell nione monetaria) È proprio vero che la rinncia ad alcni strmenti di politica economica a casa dell adesione a n UNION MONTRI

Dettagli

Esercitazione. Capp. 1-5

Esercitazione. Capp. 1-5 Esercitazione Capp. 1-5 Esercizio 1 Elencate e spiegate sinteticamente: 1. I principi che regolano le scelte individuali 2. I principi che regolano l interazione tra gli individui Risposta: 1. Quattro

Dettagli

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management IQUADERNIDI PANDORA: l ICT per il Crisis Management A cra di Michele Cornacchia, Chiara Rossetti Il Crisis Management è n approccio sistematico adottato nelle sitazioni di emergenza, essenzialmente per

Dettagli

CORSO SERALE DI ECONOMIA POLITICA - anno accademico 2005-06 Facoltà di Scienze Politiche - Università degli Studi di Milano ANTONIO FILIPPIN

CORSO SERALE DI ECONOMIA POLITICA - anno accademico 2005-06 Facoltà di Scienze Politiche - Università degli Studi di Milano ANTONIO FILIPPIN CORSO SERALE DI ECONOMIA OLITICA - anno accademico 005-06 Facoltà di Scienze olitiche - Università degli Stdi di Milano ANTONIO FILIIN LEZIONE 0: SCELTA DEL CONSUMATORE: SOLUZIONE FORMALE DISEGNARE LE

Dettagli

elettronico. Questo risulta particolarmente semplice nel caso in questione dato che c è un solo elettrone.

elettronico. Questo risulta particolarmente semplice nel caso in questione dato che c è un solo elettrone. 68 3. 6 MOLECOLA IONE IDOGENO + La molecola dello ione idroeno molecolare, +, è la più semplice fra le molecole. Essa è infatti composta da nclei di idroeno ( protoni) ed n solo elettrone. Anche nello

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2 CAPITOLO L ENERGIA EOLICA Come noto, l tilizzo dell energia eolica nella sa forma attale rappresenta il perfezionamento di na tecnologia di prodzione energetica già impiegata dall omo nel corso di molti

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE Dottorato di Ricerca in Ingegneria Economico-Gestionale XVIII Ciclo TESI DI DOTTORATO

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici Ottimo del consumatore a.a. 2008/2009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 13:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore,

Dettagli

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore.

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Se nel mercato

Dettagli

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 2 Nell ambito della programmazione PO FESR 07-13, qesto Dipartimento

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

FAS 420 rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS 420 rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di rivelazione incendio FAS 420 rivelatori di fmo ad aspirazione FAS 420 rivelatori di fmo ad aspirazione www.boschsecrity.it Collegabili alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

5.4 Risposte alle domande di ripasso

5.4 Risposte alle domande di ripasso 34 Capitolo 5 5.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Poiché in seguito all applicazione dell imposta la benzina diventerà comunque relativamente più costosa rispetto ad altri beni, i consumatori tenderanno

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Esercizi sui sistemi non lineari

Esercizi sui sistemi non lineari Teoria dei sistemi ) Considera il sistema Esercizi si sistemi non lineari { ẋ = x + x ẋ = x x + g(x ). a- Verifica che il sistema è globalmente asintoticamente stabile se sign g(x ) = sign (x ). b- Verifica

Dettagli

Ottimizzazione Multi Obiettivo

Ottimizzazione Multi Obiettivo Ottimizzazione Multi Obiettivo 1 Ottimizzazione Multi Obiettivo I problemi affrontati fino ad ora erano caratterizzati da una unica (e ben definita) funzione obiettivo. I problemi di ottimizzazione reali

Dettagli

AZIONI ESPLOSIVE SU TRAVI IN ACCIAIO BLAST LOADS ON STEEL BEAMS

AZIONI ESPLOSIVE SU TRAVI IN ACCIAIO BLAST LOADS ON STEEL BEAMS AZIONI ESPLOSIVE SU TRAVI IN ACCIAIO BLAST LOADS ON STEEL BEAS Flavio Stochino, Università degli Stdi di Sassari, DADU, Alghero, Italia Università egli Stdi di Cagliari DICAAR, Cagliari, Italia fstochino@nica.it

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Anatomia del neutrone

Anatomia del neutrone Timothy Pal Smith è assistant research professor di fisica al Dartmoth College di Hanover, negli Stati Uniti. Ha diretto lo svilppo dei programmi informatici per BLAST, esperimento in ci è ancora coinvolto

Dettagli

Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali

Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Ottimo sociale Scelta di uno specifico punto Pareto ottimo sulla frontiera delle possibilità

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 Appunto n. 1: Il giudizio di efficienza di Ernesto Longobardi 8 ottobre 2002 1 Sovranità del consumatore vs paternalismo

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) La funzione del benessere sociale Alberto Zanardi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene Corso di Larea ORGANIZZAZIONE SANITARIA La Misra dell attività ospedaliera Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Brno FEDERICO Cattedra di Igiene 1 Corso di Larea La classificazione internazionale delle malattie

Dettagli

Parte II - Microeconomia

Parte II - Microeconomia 76 3.3 DL ONETTO DI UTILITÀ RDINLE LL TEORI DEL- L UTILITÀ ORDINLE La teoria economica neoclassica ha sviluppato due diversi approcci per risolvere il problema di scelta del consumatore: l utilità cardinale;

Dettagli

Equilibrio e stabilità di sistemi dinamici. Linearizzazione di sistemi dinamici

Equilibrio e stabilità di sistemi dinamici. Linearizzazione di sistemi dinamici Eqilibrio e stabilità di sistemi dinamici Linearizzazione di sistemi dinamici Linearizzazione di sistemi dinamici Linearizzazione di na fnzione reale Linearizzazione di n sistema dinamico Esempi di linearizzazione

Dettagli