RDC 04 Rev- 01 Novità per intermediari/operatori commerciali Laboratori di sezionamento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RDC 04 Rev- 01 Novità per intermediari/operatori commerciali Laboratori di sezionamento"

Transcript

1 RDC 04 Rev- 01 Novità per intermediari/operatori commerciali Laboratori di sezionamento 3A - PARCO TECNOLOGICO AGROALIMENTARE DELL UMBRIA Soc. Cons. a r. l.

2 PROGRAMMA DELL INCONTRO 1- nuovo dispositivo di controllo applicabile alla IGP Vitellone Bianco dell Appennino Centrale 2- informazione facoltativa: Animali alimentati con NO OGM (soia, mais e derivati) 3- Regolamento di smarchiatura 4- Regolamento d uso del marchio IGP Vitellone Bianco dell Appennino Centrale

3 In data 29/01/2014 il MiPAAF ha approvato il nuovo dispositivo di controllo applicabile alla IGP Vitellone Bianco dell Appennino Centrale

4 Il RDC 04 Rev. 1, descrive gli adempimenti e le procedure dei soggetti interessati al sistema di controllo attuato dalla 3A Parco Tecnologico Agroalimentare dell Umbria quale Organismo indipendente operante in conformità alla Norma EN e autorizzato ai sensi dell art. 53 della Legge 128/98 così come sostituito dall art. 14 della Legge 526/99, ai fini della produzione della IGP Vitellone Bianco dell Appennino Centrale.

5 RDC 04 Rev. 1 DISPOSITIVO DI CONTROLLO IGP Vitellone Bianco dell Appennino Centrale Prospetto riepilogativo dei controlli Relazione Università di Padova Relazione Università di Perugia

6 Principali modifiche introdotte dal dispositivo di controllo della IGP Vitellone bianco dell Appennino centrale rispetto al precedente Manuale MAP 04 MCS 04 per quanto riguarda gli intermediari /operatori commerciali e i laboratori di sezionamento

7 RIF. Requisito Note 4.11 Lotto. E ammessa la costituzione di lotti omogenei costituiti anche da carni provenienti dalle razze Chianina, Marchigiana e Romagnola

8 4.23 Etichetta Documento apposto sul singolo pezzo di carne, o su pezzi di carne o sul relativo materiale di imballaggio o, per i prodotti non preimballati, le informazioni appropriate scritte e visibili al consumatore nel punto vendita, così come definito dalla normativa vigente in materia.

9 L etichetta può essere generata dal software di gestione su web service o, in alternativa autoprodotta da altri software o comunque compilata ai fini dell etichettatura del prodotto IGP

10 13.4 Etichettatura del prodotto L etichetta dovrà essere conforme a quanto definito al punto 4.23 ed in particolare riportare, oltre ai dati obbligatori richiesti dalle normative vigenti, le seguenti informazioni: numero di riferimento o codice di rintracciabilità la denominazione Vitellone Bianco dell Appennino Centrale e/o il logo; la dicitura Indicazione Geografica Protetta e/o il logo comunitario previsto dalla normativa comunitaria vigente. E possibile l uso dell acronimo I.G.P.. Dal 4 gennaio 2016 è obbligatorio riportare il logo comunitario come previsto da Reg. UE 1151/12; la denominazione «indicazione geografica protetta» o la corrispondente abbreviazione «IGP» possono figurare nell etichettatura; la/e razza/e del soggetto/i; la dicitura: Certificato da Organismo di Controllo autorizzato dal Mipaaf.

11 La dicitura: Certificato da Organismo di Controllo autorizzato dal Mipaaf può essere omessa qualora il prodotto non sia destinato al consumatore finale (cliente, ristorazione) ma ad un passaggio intermedio della filiera. Tale condizione deve essere esplicitata ed approvata da 3A PTA.

12 Nel caso in cui il prodotto venga identificato, all interno della filiera nei passaggi fra operatori, secondo quanto ammesso al punto 6 dell art. 2 del D.M. del 30/08/2000 prot , le informazioni obbligatorie dal n. 1 al n. 4 devono essere riportate in un documento accompagnatorio della carne. Tale condizione deve essere esplicitata ed approvata da 3A PTA. Nell esercizio di vendita, in ogni caso, le informazioni riportate devono essere espresse in forma chiara, esplicita, leggibile. L'etichetta, in qualsiasi momento della commercializzazione, deve essere apposta in maniera tale da non consentirne la riutilizzazione. Le informazioni da riportare in etichetta possono essere espresse anche mediante codice a barre o codice alfanumerico attribuito dall'impianto di macellazione e/o dal laboratorio di sezionamento; in tal caso la carne deve essere accompagnata da un documento riportante, oltre il codice a barre o il codice alfanumerico, tutte le informazioni previste in etichetta.

13 Il laboratorio deve sottoporre in via preventiva alle attività di commercializzazione tutte le etichette, anche in bozza, destinate ad identificare il prodotto Indicazione geografica protetta Vitellone Bianco dell Appennino Centrale per la valutazione di conformità da parte di 3A PTA.

14 4.26 Frollatura Per periodo di frollatura si intende il periodo di tempo che intercorre tra la data di macellazione (compresa) e la data di immissione alla vendita al consumatore finale.. La frollatura può essere riferita alla carcassa, alla mezzene, al sesto, al singolo taglio anatomico o alla singola unità di vendita.

15 4.26 Frollatura Il prodotto dovrà essere ceduto nel rispetto del periodo di frollatura, ove applicabile (per i soggetti maschi, 4 giorni per i tagli del quarto anteriore e 10 giorni per i tagli del quarto posteriore). Ciò comporta l obbligo di porre in vendita il prodotto al consumatore finale a partire rispettivamente dal 5 e dall 11 giorno dalla data di macellazione compresa

16 In alternativa è possibile fornire il prodotto anche prima del periodo minimo di frollatura purché si dia opportuna informazione scritta, direttamente nel DDT/fattura o nell etichetta o in altro documento allegato all utente finale dell obbligo di rispetto del periodo minimo di frollatura per utilizzo del prodotto proveniente da soggetti maschi, 4 giorni per i tagli del quarto anteriore e 10 giorni per i tagli del quarto posteriore, indicando specificatamente che trattasi di Prodotto atto a divenire I.G.P. Vitellone Bianco dell Appennino Centrale a partire da oppure se viene fornita nella etichetta o nella documentazione accompagnatoria la data di macellazione può essere riportata l informazione Prodotto atto a divenire I.G.P. Vitellone Bianco dell Appennino Centrale a partire dal 4 giorno di macellazione per il quarto anteriore e 10 giorni per il quarto posteriore

17 INTERMEDIARI OPERATORI COMMERCIALI

18 Sono esclusi dall obbligo dell assoggettamento ai controlli e dall Iscrizione nel relativo Elenco gli Intermediari/operatori commerciali che non gestiscono direttamente la tracciabilità e l organizzazione della filiera (ad esempio che acquistano il prodotto I.G.P. preconfezionato e come tale provvedono alla vendita direttamente al consumatore finale senza ulteriore lavorazione o rietichettatura e senza stoccaggio presso strutture non assoggettate ai controlli

19 In alternativa al software di gestione, esclusivamente per gli operatori che destinano il prodotto a propri punti vendita o a punti vendita affiliati, è possibile utilizzare altro software che garantisca la verifica dei dati relativi al prodotto certificato e alle sue movimentazioni temporali e spaziali. Tale deroga all utilizzo del software di gestione su web service fornito da 3APTA deve essere richiesta per iscritto a 3APTA che, a seguito di verifica ispettiva in loco, può autorizzare l utilizzo di un sistema di rintracciabilità interno in grado comunque di fornire in tempo reale o su richiesta, le registrazioni delle destinazioni del prodotto a marchio IGP e i quantitativi in caricati/scaricati.

20 Vendita a soggetti operatori commerciali o laboratori o macellerie/punti vendita inseriti nel sistema dei controlli; Vendita a soggetti operatori commerciali o laboratori o macellerie/punti vendita non inseriti nel sistema dei controlli; 2 OPZIONI

21 Il prodotto IGP può 1) essere venduto come NON IGP 2) essere venduto come IGP purchè venga data comunicazione scritta nei documenti di trasporto e/o di vendita, o comunque in una comunicazione formale, del fatto che per i soggetti non inseriti nel sistema di controllo il prodotto perde il requisito della I.G.P. In tal caso in etichetta va aggiunta la dicitura: Prodotto in uscita dal circuito di qualità tutelata non commercializzabile come I.G.P..

22 VENDITA DI PRODOTTO CERTIFICATO IGP A SOGGETTI NON IN CONTROLLO DELL IGP (MACELLERIE, OP. COMMERCIALI, LAB. SEZIONAMENTO) DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

23

24 ID 64 Assenza della comunicazione ai soggetti non inseriti negli elenchi della impossibilità. di vendita del prodotto come IGP "Vitellone Bianco dell'appennino centrale NC GRAVE

25 ID 62/65 vendita del prodotto prima del periodo minimo di frollatura senza informazione scritta dell'obbligo di rispetto NC GRAVE

26 L attività di utilizzo del software per la registrazione dei carichi e degli scarichi per la tracciabilità del prodotto I.G.P. Vitellone Bianco dell Appennino Centrale, può essere fatto per conto dell Intermediario/operatore commerciale dal laboratorio di sezionamento presso cui svolge l attività di. sezionamento, porzionamento, confezionamento ed etichettatura del prodotto, previa comunicazione a 3APTA. In tal caso il laboratorio deve possedere le credenziali di accesso fornite dall operatore commerciale e comunque l intermediario è responsabile di eventuali anomalie e/o non conformità riscontrate in sede di controllo inerenti la tracciabilità del prodotto.

27 LABORATORI DI SEZIONAMENTO

28 LABORATORI DI SEZIONAMENTO Eventuali deroghe all utilizzo del software di gestione su web service fornito da 3APTA devono essere richieste per iscritto a 3APTA che, a seguito di verifica ispettiva in loco, può autorizzare l utilizzo di un sistema di rintracciabilità interno in grado comunque di fornire in tempo reale o su richiesta le registrazioni delle lavorazioni del prodotto a marchio IGP e i quantitativi in carico/scarico

29 ID 84 Utilizzo di sistemi di tracciabilità interni non approvati da 3APTA NC GRAVE.

30 LABORATORI DI SEZIONAMENTO DELLA GDO La dicitura Certificato da Organismo di Controllo autorizzato dal Mipaaf può essere omessa qualora il prodotto non sia destinato al consumatore finale (cliente, ristorazione) ma ad un soggetto intermedio della filiera che provvederà a successiva rietichettatura. Tale condizione deve essere esplicitata ed approvata da 3A PTA

31 INTERMEDIARI E LABORATORI DI SEZIONAMENTO I documenti di trasporto e/o di vendita della carne certificata devono contenere un riferimento ad almeno un codice di rintracciabilità riportato in etichetta oltre alla dicitura Indicazione Geografica Protetta Vitellone Bianco dell Appennino Centrale : possono essere utilizzate le abbreviazioni I.G.P. e Vit. Bianc. App. Centr. o diciture simili (DESTINATI A SOGGETTI INSERITI NEL SISTEMA)

32 LABORATORI DI SEZIONAMENTO (DESTINATI A SOGGETTI NON INSERITI NEL SISTEMA) SMARCHIATURA DICITURA nei documenti di trasporto e/o di vendita, o comunque in una comunicazione formale, Prodotto in uscita dal circuito di qualità tutelata non commercializzabile come I.G.P. ove applicabile

33 VENDITA DI PRODOTTO CERTIFICATO IGP A SOGGETTI NON IN CONTROLLO DELL IGP (MACELLERIE, OP. COMMERCIALI, LAB. SEZIONAMENTO) DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

34

35 ID 89 Assenza della comunicazione ai soggetti non inseriti negli elenchi della impossibilità di vendita del prodotto come IGP "Vitellone Bianco dell'appennino centrale NC GRAVE

36 INTERMEDIARI E LABORATORI DI SEZIONAMENTO Vendita a utenti finali (mense, ristorazione, clienti privati ecc. ecc.) RISPETTO DEL PERIODO DI FROLLATURA PER I SOGGETTI MASCHI 4 giorni per i tagli del quarto anteriore e 10 giorni per i tagli del quarto posteriore). Ciò comporta l obbligo di porre in vendita il prodotto al consumatore finale a partire rispettivamente dal 5 e dall 11 giorno dalla data di macellazione compresa

37 VENDITA PRIMA DEL PERIODO INDICARE direttamente nel DDT/fattura o nell etichetta o in altro documento allegato all utente finale CASO 1-IN ETICHETTA SI RIPORTA LA DATA DI MACELLAZIONE Prodotto atto a divenire I.G.P. Vitellone Bianco dell Appennino Centrale a partire dal 4 giorno di macellazione per il quarto anteriore e 10 giorni per il quarto posteriore CASO 2 -IN ETICHETTA NON SI RIPORTA LA DATA DI MACELLAZIONE Prodotto atto a divenire I.G.P. Vitellone Bianco dell Appennino Centrale a partire da

38 VENDITA DI CARNE FRESCA CERTIFICATA IGP A CONSUMATORI FINALI, MENSE E RISTORANTI NON ISCRITTI AL CIRCUITO «RISTORANTE AMICO» DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

39

40 ID 90 vendita del prodotto prima del periodo minimo di frollatura senza dichiarazione del mancato rispetto del detto periodo NC GRAVE

41 I 13.4 ETICHETTATURA DEL PRODOTTO IGP Il laboratorio deve sottoporre in via preventiva alle attività di commercializzazione tutte le etichette, anche in bozza, destinate ad identificare il prodotto Indicazione geografica protetta Vitellone Bianco dell Appennino Centrale per la valutazione di conformità da parte di 3A PTA.

42 14.2 Apposizione dei marchi a fuoco Il VAL deve controllare la presenza dei contrassegni nei tagli anatomici o nelle vaschette di prodotto finito; Nel caso di verifica di non conformità su mezzene, quarti, sesti per insufficiente numero di contrassegni applicati, è data facoltà all ispettore di provvedere all applicazione dei contrassegni mancanti riportando tale operazione nel verbale di controllo

43 ID 77 Insufficiente numero di contrassegni per mezzena o non corretta apposizione sui tagli previsti NC LIEVE ID 78 Assenza dei contrassegni nel numero e sui tagli previsti dal disciplinare NC GRAVE

44 PUNTI VENDITA MACELLERIE

45 15.1 Documentazione Tutta la documentazione inerente l IGP Vitellone Bianco dell Appennino Centrale (DDT, fatture, registri di carico-scarico) dovrà essere conservata per almeno2annieresadisponibileai controlli da parte di 3A-PTA.

46 15.2 ACCETTAZIONE DELLA CARNE Al momento dell accettazione della carne certificata il responsabile del punto vendita/macelleria o un suo delegato, si accerta della presenza dei requisiti di conformità del prodotto caricato (presenza dei contrassegni, presenza delle etichette di tracciabilità applicate al mattatoio sulla carne fresca o confezionata, presenza dei riferimenti all I.G.P. nei documenti di accompagnamento delle carne).

47 ID 102 ID 103 Insufficiente numero di contrassegni per mezzena o non corretta apposizione sui tagli previsti NC LIEVE Assenza dei contrassegni nel numero e sui tagli previsti dal disciplinare NC GRAVE

48 Nel caso di verifica di non conformità su mezzene, quarti, sesti per insufficiente numero di contrassegni applicati, è data facoltà all ispettore di provvedere all applicazione dei contrassegni mancanti riportando tale operazione nel verbale di controllo;

49 15.4. REGISTRO DI CARICO E SCARICO In ottemperanza a quanto previsto dalla normativa vigente la macelleria deve adottare un sistema di registrazione applicato in modo da garantire il nesso tra l'identificazione delle carni e l'animale o gli animali interessati. Il sistema di registrazione, contiene la correlazione tra gli arrivi e la carne messa in vendita al dettaglio. Il registro utilizzabile può coincidere con il Registro di carico e scarico conforme a quello riportato in Allegato 6 al RDC 04; il registro deve dare evidenza del rispetto del periodo minimo di frollatura della carne.

50 Vendita del prodotto al taglio su banco assistito Nel caso di vendita contemporanea di carne proveniente da più capi certificati IGP Vitellone Bianco dell Appennino Centrale è possibile formare lotti multipli di vendita, provenienti anche da razze diverse, purché sia sempre garantita la possibilità di risalire dal lotto di vendita alle carni dei singoli capi componenti il lotto stesso.

51 Vendita del prodotto preincartato e preconfezionato su banco a libero servizio: Il punto vendita deve sottoporre in via preventiva alle attività di commercializzazione tutte le etichette, anche in bozza, destinate ad identificare il prodotto Indicazione geografica protetta Vitellone Bianco dell Appennino Centrale per una valutazione da parte di conformità a 3A PTA.

52 FROLLATURA ID 104 esposizione del prodotto non ancora venduto che non ha completato il periodo minimo di frollatura NC LIEVE ID 105 vendita del prodotto che non ha completato il periodo minimo di frollatura NC GRAVE

53 FROLLATURA Sospensione del prodotto oggetto di NC dalla certificazione fino al ripristino per il prodotto non ancora venduto della conformità attraverso l'apposizione di un cartello che specifica che il prodotto non ha ancora completato il periodo di frollatura

54 ETICHETTATURA In accordo alla nota DG VICO del MiPAAF n del la verifica della conformità delle etichette riguarda tutte le indicazioni previste dal disciplinare di produzione oltre a quelle previste a norma di legge.

55 REGOLAMENTO DI SMARCHIATURA

56 ART.1, comma 2, Decr. L.vo 297/2004: Chiunque detiene per la commercializzazione o l'immissione al consumo prodotti privi della indicazione della denominazione protetta, già certificati conformi ad essa, e' sottoposto alla sanzione amministrativa pecuniaria di euro cento per ogni chilogrammo, litro o frazione di essi o comunque per ogni singola confezione, qualora essa sia di peso o di capacità inferiore alle misure di riferimento prima menzionate, di prodotto rinvenuto.

57 Decreto Legge n 135 del 20 settembre 2009: Art.8-bis: Al fine di consentire una maggiore competitività dei prodotti agroalimentari italiani e sostenere il made in Italy, dopo il comma 2 dell articolo 1 del Decr. Legislativo 19/11/2004, n.297, sono inseriti i seguenti: 2-bis: Non si realizza la fattispecie sanzionabile ai sensi del comma 2 nel caso in cui il soggetto autorizzato alla smarchiatura ai sensi del regolamento emanato, previa approvazione del Mipaaf, dal Consorzio di tutela ovvero, in mancanza del provvedimento di riconoscimento del Consorzio, dal Mipaaf e non abbia usufruito, per il prodotto smarchiato, di contributi pubblici. Con apposito decreto del Mipaaf sono individuate le condizioni e le modalità legate all attività di smarchiatura. 2-ter: L autorizzazione alla smarchiatura del prodotto deve essere comunicata dal soggetto interessato all OdC e non esonera dagli obblighi pecuniari nei confronti del Consorzio di tutela e della struttura di controllo.

58 PRODOTTO VENDUTO COME «NON IGP» A SOGGETTI ISCRITTI E NON ISCRITTI AI CONTROLLI DELL IGP (MACELLERIE, OP. COMMERCIALI, LAB. SEZIONAMENTO, RISTORANTI) DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

59

60

61 VENDITA DI CARNE FRESCA CERTIFICATA IGP A CONSUMATORI FINALI, MENSE E RISTORANTI NON ISCRITTI AL CIRCUITO «RISTORANTE AMICO» DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

62

63 VENDITA DI CARNE FRESCA CERTIFICATA IGP IN VASCHETTE (non vale per prodotto trasformato) DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

64 DA UTILIZZARE A CHIUSURA DEI LOTTI IN INGRESSO PER INDICARE GLI SCARTI DI LAVORAZIONI O IL CALO PESO DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

65 VENDITA DI PRODOTTO CONTENENTE INGREDIENTI, O PRODOTTI STAGIONATI, O MACINATI CON SALE > 1 % Es. HAMBURGER, SUGHI, BRESAOLE, PASTE RIPIENE DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

66 VENDITA DI PRODOTTO CERTIFICATO IGP A SOGGETTI NON IN CONTROLLO DELL IGP (MACELLERIE, OP. COMMERCIALI, LAB. SEZIONAMENTO) DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

67

68 PRODOTTO VENDUTO COME «NON IGP» A SOGGETTI ISCRITTI E NON ISCRITTI AI CONTROLLI DELL IGP (MACELLERIE, OP. COMMERCIALI, LAB. SEZIONAMENTO, RISTORANTI) DESTINAZIO NI IN CONTROLLO IGP ALTRE DESTINAZIO NI

69

70 Animali alimentati con NO OGM (soia, mais e derivati)

71 Informazione aggiuntiva facoltativa NO requisito di conformità previsto dal disciplinare di produzione PRIMA: Informazione autodichiarata dal produttore e controllata in sede di verifica dalle strutture di controllo ORA: Informazione certificata da Organismo Terzo di Controllo

72 Esclusività: 3A PTA è l unico organismo di certificazione autorizzato al controllo dell informazione supplementare in questione e relativa certificazione per la IGP Vitellone bianco dell Appennino centrale Riferimenti: RDC 04 no OGM A chi è destinata: a tutti i soggetti che chiedono l utilizzo dell informazione opzionale, in subordine all applicazione del RDC 04 vigente approvato dal MiPAAF

73 Prodotto oggetto di certificazione I) Additivi che contengono o che potrebbero contenere nella loro formulazione soia, mais e/o loro derivati. II) Sementi di mais e soia III) Alimenti zootecnici che contengono o che potrebbero contenere nella loro formulazione soia, mais e/o loro derivati. IV) Animali alimentati con alimenti zootecnici di cui al punto III) Requisito Utilizzo di materie prime non contenenti, non consistenti e non derivanti da soia e mais geneticamente modificati e/o assenza di contaminazione crociata (concentrazione di DNA geneticamente modificato inferiore allo 0,1% rispetto al DNA specie specifico totale; per valori compresi fra 0.01 % e 0.1 % dovrà essere comunque dimostrata la casualità dell evento da parte del richiedente/licenziatario). Utilizzo di materie prime non consistenti di soia e mais geneticamente modificati e assenza di contaminazione crociata (concentrazione di DNA geneticamente modificato inferiore allo 0,01 % rispetto al DNA specie specifico totale) L attività di controllo svolta dalle Organizzazioni è volta a garantire il rispetto del limite di legge (0,9 %), pari almeno a: materie prime: garanzia analitica su ogni lotto; questa può avvenire tramite prove svolte direttamente dal licenziatario o dai suoi fornitori, in ogni caso non ci si può basare solo sulle analisi del fornitore. prodotto finito: validazione delle attività/procedure attuate dalle organizzazioni per garantire l assenza di eventuale contaminazione crociata L utilizzo esclusivo di alimenti come descritti al punto precedente

74 PRODUTTORI ED OBBLIGHI Valutazione delle materie prime Il produttore, e/o per essi l Organizzazione, deve effettuare una valutazione dei prodotti finiti ovvero alimenti ad uso zootecnico al fine di stilare un elenco delle materie prime utilizzate. La composizione deve essere completa in accordo con quanto previsto dalla normativa vigente in materia di etichettatura (D.lgs 109/92 e successive modifiche). L elenco degli ingredienti deve essere esaustivo e includere: - fornitore - stato OGM accettabile intesa come soglia massima di presenza accidentale dovuta a contaminazione crociata - percentuale contenuta nel prodotto finito - origine (geografica e di matrice primaria) Per ogni materia prima che possa, dopo analisi del rischio, contenere o derivare da mais e soia deve essere identificata la criticità.

75 PRODUTTORI ED OBBLIGHI Valutazione delle materie prime Il produttore, e/o per essi l Organizzazione, deve effettuare una valutazione dei prodotti finiti ovvero alimenti ad uso zootecnico al fine di stilare un elenco delle materie prime utilizzate. La composizione deve essere completa in accordo con quanto previsto dalla normativa vigente in materia di etichettatura (D.lgs 109/92 e successive modifiche). L elenco degli ingredienti deve essere esaustivo e includere: - fornitore - stato OGM accettabile intesa come soglia massima di presenza accidentale dovuta a contaminazione crociata - percentuale contenuta nel prodotto finito - origine (geografica e di matrice primaria) Per ogni materia prima che possa, dopo analisi del rischio, contenere o derivare da mais e soia deve essere identificata la criticità.

76 PRODUTTORI ED OBBLIGHI Valutazione dei fornitori Il produttore, e/o per essi l Organizzazione, deve documentare la valutazione dei fornitori; questa deve comprendere, in funzione della criticità, almeno i seguenti punti: - Certificazione di prodotto per il requisito Non OGM oppure capacità di fornire garanzie sul lotto fornito (Certificato su prodotto acquistato e Certificato di analisi sui lotti) - Rapporto contrattuale definito fra le parti - Piano dei controlli e audit sul fornitore - Presenza di procedure documentate in grado di dimostrare: chiara definizione di lotto, elementi di rintracciabilità e procedure di richiamo, separazione OGM - non OGM

77 PRODUTTORI ED OBBLIGHI Gestione del processo Il produttore, e/o per essi l Organizzazione deve assicurare e rendere disponibile presso le unità produttive una chiara descrizione delle fasi di processo, dall arrivo merci fino alla consegna ovvero distribuzione degli alimenti zootecnici ai bovini. Il piano di autocontrollo aziendale deve contemplare il rischio OGM anche per l imballaggio. Per ogni fase di processo a rischio OGM devono esistere chiare metodiche di monitoraggio e procedure di azione.

78 PRODUTTORI ED OBBLIGHI OBBLIGHI: variabili in funzione della tipologia di alimenti zootecnici utilizzati A. tutti i prodotti destinati all alimentazione animale sono acquistati e certificati Non OGM oppure autoprodotti dal produttore; B. non tutti i prodotti destinati all alimentazione animale sono acquistati e certificati Non OGM mentre altri vengono autoprodotti; C. tutti i casi diversi da quelli di cui ai punti A) e B) Alla tipologia A) afferiscono: 1) tutti i produttori in possesso di una certificazione rilasciata ai sensi del Reg. CE 834/2007relativo alla produzione biologica e all etichettatura dei prodotti biologici e ss.mm.; 2) tutti i produttori facenti parte di un circuito di etichettatura delle carni bovineautorizzato dal MiPAAF ai sensi del Reg. CE 1760/2000 e del DM che riporti, tra i requisiti relativi all alimentazione bovina, quello relativo a Alimentazione zootecnica NON OGM così come definita al paragrafo 5.6 della Circolare 1 del del MiPAAF

79 PRODUTTORI ED OBBLIGHI Identificazione e Rintracciabilità Tutte le materie prime utilizzate per l alimentazione animale devono essere riportate in apposito registro di carico-scarico dei mangimi in cui viene indicato il nome commerciale del prodotto, il lotto identificativo (se presente), l impianto di produzione o l azienda agricola di provenienza, la quantità di prodotto, le date di inizio e termine somministrazione e l eventuale certificazione di prodotto Non OGM. Presso tutti i produttori si dovranno conservare tutte le certificazioni Non OGM relative ai prodotti acquistati presso i mangimifici.

80 PROVE, CONTROLLI E METODI DI PROVA Numerosità delle prove analitiche eseguite a cura di 3APTA Nel caso di filiere animali 3APTA deve campionare e analizzare (in fase di certificazione prima e per ogni anno di mantenimento poi) un campione per ogni mangimificio interessato (il campionamento può essere condotto presso il mangimificio e/o presso l allevamento). Nel caso di prodotti trasformati in fase di certificazione, deve essere campionato un numero di materie prime pari al 60% delle MP a rischio presenti in stabilimento al momento della verifica ispettiva di certificazione. Il primo anno di sorveglianza deve essere campionato un numero di materie prime a rischio pari al 30%, il secondo anno il 30% ed il terzo anno il 30%.

81 PROVE, CONTROLLI E METODI DI PROVA Numerosità delle verifiche ispettive 3A PTA provvede ad effettuare verifiche presso i mangimifici/allevamenti coinvolti nella filiera produttiva richiedenti la certificazione; le suddette verifiche sono finalizzate ad accertare la costante conformità ai requisiti previsti dal disciplinare tecnico ed il Valutatore incaricato di 3A PTA formalizza l incontro in apposito verbale di Verifica Ispettiva Alimentazione Non OGM. Le verifiche ispettive in fase di primo rilascio della certificazione vengono eseguite almeno su un numero di siti corrispondenti a n (ove n= numero siti coinvolti che sono stabilimenti produttivi e fornitori di materie prime critiche) arrotondato all intero successivo; gli anni successivi verranno verificati almeno 0.6 n (sorveglianza annuale) arrotondati all intero successivo di siti coinvolti. Il 60% della radice di n verrà determinato ogni anno nel caso in cui il numero di siti coinvolti nell oggetto della certificazione sia differente dal numero presente in fase di certificazione.

82 PROVE, CONTROLLI E METODI DI PROVA Eccezioni: non applicabilità verifiche ispettive/attività di prova Le attività di cui al e del RDC 04 no OGM non vengono eseguite presso: i produttori in possesso di una certificazione rilasciata ai sensi del Reg. CE 834/2007 relativo alla produzione biologica e all etichettatura dei prodotti biologici e ss.mm.; i produttori facenti parte di un circuito di etichettatura autorizzato dal MiPAAF ai sensi del Reg. CE 1760/2000 e DM e loro ss.mm. riportante tra i requisiti relativi all alimentazione bovina quello relativo a Alimentazione zootecnica NON OGM così come definita al paragrafo 5.6 della Circolare 1 del del MiPAAF.

83 PROVE, CONTROLLI E METODI DI PROVA Costi ATTIVITÀ SPECIFICAZIONI TARIFFA IVA escl. Verifica ispettiva Controllo on site 150,00/verifica Prelievo campioni Prove chimico-fisiche Attività di prelievo e spedizione campioni al laboratorio Attività di prova analitiche 35,00/prelievo Al costo

84 PROVE, CONTROLLI E METODI DI PROVA Costi - specificazioni I costi sono a carico dei Richiedenti e dei Licenziatari; possono essere sostenuti dagli Operatori Commerciali definiti nel dispositivo di controllo applicabile alla IGP Vitellone bianco dell Appennino centrale che, in qualità di Organizzazione così come definita dal presente documento, potranno richiedere la certificazione. L Operatore Commerciale/Organizzazione provvede a trasmettere l elenco degli allevatori ovvero produttori loro afferenti. Nel qual caso gli allevatori forniranno apposita delega agli Operatori Commerciali/Organizzazioni nonché le evidenze necessarie a garantire, in autocontrollo, la conformità ai requisiti della certificazione Non OGM.

85 REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO

86 GRAZIE PER L ATTENZIONE E BUON LAVORO

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO ALIMENTAZIONE VEGETALE. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO ALIMENTAZIONE VEGETALE. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA PRODOTTO 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9 1.INTRODUZIONE 3 2.TERMINOLOGIA 3 2.1 PRODUTTORE 3 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO 3 2.3 CAMPIONATURA 3 2.4 PIANO PER LA QUALITÀ

Dettagli

COMITATO DI ACCREDITAMENTO

COMITATO DI ACCREDITAMENTO Via P.A. Saccardo,9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Requisiti minimi per la certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 4 2.1 PRODUTTORE... 4 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO... 4 2.3 PIANO PER LA QUALITÀ DI PRODOTTO... 4 2.4 MATERIA PRIMA...

Dettagli

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for:

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: by: D. Capra S. Bianchini, M. Bonadonna CSI All in DNV GL Business Assurance

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) REGOLAMENTO PARTICOLARE

CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) REGOLAMENTO PARTICOLARE Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINOLOGIA... 2 3. RIFERIMENTI... 3 4. CONDIZIONI GENERALI... 4 4.1. PRODOTTI CERTIFICABILI... 4 4.2. DOCUMENTAZIONE

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

la certificazione per l etica vegana

la certificazione per l etica vegana la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di è una Certificazione Guida il consumatore in un acquisto consapevole Sostiene

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO Avv. Michele Mea Avv. Michele Mea NORMATIVA ATTUALE DI RIFERIMENTO 1. 1. Direttiva CE n. n. 18/2001 2. 2. Regolamento CE n. n. 1829/2003

Dettagli

BASILICO GENOVESE DOP Sistema delle Camere di Commercio Liguri SCHEDE RIASSUNTIVE

BASILICO GENOVESE DOP Sistema delle Camere di Commercio Liguri SCHEDE RIASSUNTIVE BASILICO GENOVESE DOP Sistema delle Camere di Commercio Liguri SCHEDE RIASSUNTIVE degli adempimenti dei soggetti della filiera (Produttori, Confezionatori) ADEMPIMENTI PRODUTTORE 1. Assoggettarsi al sistema

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione 01 Revisione 03 Data 31 agosto 2015

Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione 01 Revisione 03 Data 31 agosto 2015 Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione Revisione 03 31 agosto 25 è un progetto di un marchio di Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione Revisione 03 31 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO Art. 1 - ISTITUZIONE DEL MARCHIO Il presente Regolamento gestisce l uso del marchio collettivo denominato SUINO NERO PARMA istituito dalla Camera di Commercio

Dettagli

UNICARVE REG. 1760/00 UNICARVE ASSOCIAZIONE PRODUTTORI CARNI BOVINE DISCIPLINARE DI ETICHETTATURA

UNICARVE REG. 1760/00 UNICARVE ASSOCIAZIONE PRODUTTORI CARNI BOVINE DISCIPLINARE DI ETICHETTATURA UNICARVE REG. 1760/00 UNICARVE ASSOCIAZIONE PRODUTTORI CARNI BOVINE DISCIPLINARE DI ETICHETTATURA ai sensi del Reg. (CE) 1760/00 e del DM 876 del 16.01.15 Revisione 11.0 Pagina. 1/32 Data 15/05/2015 Redatto

Dettagli

AZOVE Società Agricola Cooperativa

AZOVE Società Agricola Cooperativa AZOVE Società Agricola Cooperativa DISCIPLINARE TECNICO PER LA RINTRACCIABILITA ED ETICHETTATURA DELLE CARNI BOVINE (Reg. CE 1760/2000 e del D.M. 16/01/2015) STATO DI REVISIONE: n. 8 PREMESSA: Il presente

Dettagli

Sicurezza Alimentare: Etichettatura carni bovine.

Sicurezza Alimentare: Etichettatura carni bovine. Sicurezza Alimentare: Etichettatura carni bovine. SALVATORE dott. Gerardo Regione Basilicata Assessorato Salute Ufficio Veterinario, Igiene Alimenti, Tutela Sanitaria Consumatori Potenza, lì 07.03.2012

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 07 RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO Copia conforme

Dettagli

éq studio srl Specifica tecnica di prodotto per la certificazione e la comunicazione dei prodotti vegani destinati ai consumatori consapevoli.

éq studio srl Specifica tecnica di prodotto per la certificazione e la comunicazione dei prodotti vegani destinati ai consumatori consapevoli. éq studio srl Specifica tecnica di prodotto per la certificazione e la comunicazione dei prodotti vegani destinati ai consumatori consapevoli. Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione

Dettagli

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ALLA NOTIFICA RELATIVA ALL IMPEGNO DELL OPERATORE E ALLE MISURE CONCRETE E PRECAUZIONALI PER LE AZIENDE DI PREPARAZIONE secondo l Articolo 63 del Reg CE n.889/2008 (in attuazione

Dettagli

Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari

Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari QUADRO NORMATIVO Reg. CEE 2092/91 Cons. 24.6.91 Metodo di produzione biologico di prodotti agricoli e alla indicazione di tale metodo sui

Dettagli

SQNPI. Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della Produzione integrata

SQNPI. Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della Produzione integrata SQNPI Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della Produzione integrata Indice 1 - Premessa... 3 2 Scopo e campo di applicazione... 3 3 - Riferimenti normativi... 3 4 Definizioni

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA PF COMPETITIVITA E SVILUPPO DELL IMPRESA AGRICOLA N. 451/CS I

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA PF COMPETITIVITA E SVILUPPO DELL IMPRESA AGRICOLA N. 451/CS I Numero: 451/CSI DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA PF COMPETITIVITA E SVILUPPO DELL IMPRESA AGRICOLA N. 451/CS I 26/10/2012 Oggetto: [L.R. 23 del 10.12.2003 art. 9, comma 1 Regolamento Tecnico per le procedure

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n. 876 del 16/01/2015 Il Ministro delle politiche agricole Nuove indicazioni e modalità applicative del regolamento (CE) n. 1760/2000 per quanto riguarda il titolo II relativo all'etichettatura delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari.

Dettagli

RINTRACCIABILITA. nel SETTORE TACCHINI

RINTRACCIABILITA. nel SETTORE TACCHINI TRACCIABILITA e RINTRACCIABILITA nel SETTORE TACCHINI FILIERA TACCHINO Totale rintracciabilità del prodotto in ogni fase. Identificazione del tipo di alimentazione per Gruppo di animali (LOTTO Allevamento).

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone pag. 1 Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PRODUZIONI ORTICOLE DA PRODUZIONE BIOLOGICA Premessa Il Parco Regionale di Montevecchia

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA'

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' AREA DI COORDINAMENTO SANITA' SETTORE SANITA' PUBBLICA VETERINARIA. Dirigente Responsabile: Andrea Leto

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO L attività di audit del Laboratorio Chimico per la ristorazione scolastica LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre

Dettagli

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006 Alle Imprese Associate del Settore Alimentazione e Pubblici Esercizi Oggetto: etichettatura alimenti ed indicazione alergeni La piena applicazione del Regolamento (CE) 25 ottobre 2011, n. 1169 ha comportato

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. Appendice Settore Agroalimentare Pagina 1/5 APPENDICE I SETTORE AGROALIMETARE 1 - Obiettivo Il presente

Dettagli

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI MASTER 205 1 REQUISITI DELL AZIENDA PREREQUISITI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO AUTORIZZAZIONE SANITARIA DISPONIBILITÀ DI ACQUA POTABILE (VERIFICARE

Dettagli

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico relativo alle certificazioni di prodotto agroalimentare di cui al Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità del prodotto agroalimentare

Dettagli

Disciplinare Rete del Gusto ART.8 OBBLIGHI SPECIFICI PER LE SINGOLE CATEGORIE DI SOGGETTI ADERENTI

Disciplinare Rete del Gusto ART.8 OBBLIGHI SPECIFICI PER LE SINGOLE CATEGORIE DI SOGGETTI ADERENTI INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 - DEFINIZIONI ART.3 SOGGETTI PROMOTORI E FINALITA ART.4 GESTIONE ART.5 MARCHIO ART.6 REQUISITI PER L ADESIONE ART.7 OBBLIGHI PER TUTTE LE IMPRESE ADERENTI ALLA RETE ART.8 OBBLIGHI

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 7770 del 13/04/2015 Alle Organizzazioni Autorizzate ad etichettare Carni Bovine LORO SEDI Agli Organismi di controllo autorizzati LORO SEDI Alla Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti Via XXIV

Dettagli

Ai sensi del Reg CE 1760/00 e del D.M.22601 del 30.08.2000

Ai sensi del Reg CE 1760/00 e del D.M.22601 del 30.08.2000 Pagina 1 di 19 Disciplinare di etichettatura volontaria della carne bovina Ai sensi del Reg CE 1760/00 e del D.M.22601 del 30.08.2000 IT007ET Pagina 2 di 19 Articolo 1 Definizioni Organizzazione Allevatore

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO

TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO DATA 00 17/6/2004 PREPARATO Responsabile qualità VERIFICATO Direttore APPROVATO Giunta Camerale n. 8/48 del 17/6/2004 01 15/09/2009

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

QUALITÀ E CERTIFICAZIONE NELL AGROALIMENTARE VENETO

QUALITÀ E CERTIFICAZIONE NELL AGROALIMENTARE VENETO QUALITÀ E CERTIFICAZIONE NELL AGROALIMENTARE VENETO Legnaro 16.05.2002 LA CERTIFICAZIONE Dr. Pietro Bonato DEI MANGIMI Cremona 29 Ottobre 2004 Pietro Cortiana CONTESTO IN CUI I MANGIMIFICI SI TROVANO AD

Dettagli

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA pag. 1 Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA Premessa Il Parco Regionale di Montevecchia e

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PREMESSA La certificazione volontaria di prodotto nasce dalla necessità da parte delle Organizzazioni che operano nel settore agroalimentare (Aziende produttrici, vitivinicole,ecc.)

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup. I MANGIMI MEDICATI Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.it 1 2 3 4 5 6 7 8 5. CONTROLLO DI QUALITÀ 5.1 esiste una persona

Dettagli

SGA - SGQ ISO 14001:2004 EN ISO 9001:2000. Manifestazioni ed Eventi Mercatini Bio P_749_M08_C_ALL01 CARTA QUALITÁ PNDB

SGA - SGQ ISO 14001:2004 EN ISO 9001:2000. Manifestazioni ed Eventi Mercatini Bio P_749_M08_C_ALL01 CARTA QUALITÁ PNDB Pag. 1 di 6 CARTA QUALITÁ PNDB Settore MANIFESTAZIONI ED EVENTI Disciplinare per gli organizzatori dei mercatini di operatori che vendono o espongono prodotti da agricoltura biologica Unione Europea Progetto

Dettagli

STANDARD PER LA CERTIFICAZIONE SECONDO IL METODO BIOLOGICO DEGLI OPERATORI DELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

STANDARD PER LA CERTIFICAZIONE SECONDO IL METODO BIOLOGICO DEGLI OPERATORI DELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA STANDARD PER LA CERTIFICAZIONE SECONDO IL METODO BIOLOGICO DEGLI OPERATORI DELLA GDL Ristorazione Standard FederBio - Ristorazione Collettiva Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. SCOPO... 3 3. TIPOLOGIA

Dettagli

Dipartimento di prevenzione

Dipartimento di prevenzione ARTICOLAZIONE TERRITORIALE E SEDI ACCORPAMENTO ASL 6 di Ciriè + ASL 7 di Chivasso + ASL 9 di Ivrea - Distretto Venaria ASL 6 = ASL TO 4 STRUTTURA COMPLESSA AREA B DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA AREA

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

CALCESTRUZZO: COME REALIZZARE E CONTROLLARE IL PROCESSO DI PRODUZIONE COME DOCUMENTARE IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

CALCESTRUZZO: COME REALIZZARE E CONTROLLARE IL PROCESSO DI PRODUZIONE COME DOCUMENTARE IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE CALCESTRUZZO: COME REALIZZARE E CONTROLLARE IL PROCESSO DI PRODUZIONE COME DOCUMENTARE IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE 1 Al fine di ottenere la certificazione del controllo del processo del calcestruzzo,

Dettagli

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla Organismi di Certificazione [ ] ORGANISMI D I CERTIFICAZIONE O C IL SISTEMA DI CONTROLLO L agricoltura biologica rappresenta uno dei primi esempi di certificazione di filiera : ogni fase del processo produttivo

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO UOVA IN GUSCIO I & F BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO UOVA IN GUSCIO I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 3 2.1 PRODUTTORE... 3 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO... 3 2.3 CAMPIONATURA... 3 2.4 PIANO PER LA QUALITÀ DI PRODOTTO...

Dettagli

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità Decreto Dipartimentale 26 settembre 2014 n. 18096 (pubblicazione sul sito internet del MiPAAF).- Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo

Dettagli

S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA

S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale Tecnici Veterinari SATA Direttive della Normativa Comunitaria creazione di una base normativa

Dettagli

Alberto Lolini. Grosseto, 23 aprile 2015

Alberto Lolini. Grosseto, 23 aprile 2015 Alberto Lolini Grosseto, 23 aprile 2015 Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti 1 OGM : cosa sono? Definizione Il regolamento (CE) n.

Dettagli

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche.

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche. OGGETTO: 14/PQ = Il Controllo Dei Prodotti Biologici In Italia 1 L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende

Dettagli

SISTEMA DI RINTRACCIABILITA IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE

SISTEMA DI RINTRACCIABILITA IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE 2 25/10/2010 RQ LTM 1 di 11 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ufficio II Prot. n. 22280 pos.26 Al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali dell Università di Bologna Laboratorio LaRAS Via Fanin, 40 40127 BOLOGNA

Dettagli

Fornitori di MOCA: quali strumenti utilizzare per un efficace ed efficiente controllo dei fornitori e delle forniture

Fornitori di MOCA: quali strumenti utilizzare per un efficace ed efficiente controllo dei fornitori e delle forniture Fornitori di MOCA: quali strumenti utilizzare per un efficace ed efficiente controllo dei fornitori e delle forniture Elisabetta Genta Marinigroup Moncalieri (TO) Socio AIBO Food Contact Expert MATERIALI

Dettagli

Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli Direzione centrale gestione accise e monopolio tabacchi Ufficio circolazione tabacchi Prot. n. DAC/CTL/ 8443 /2013 All. Risposta al foglio n.

Dettagli

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Unione Nazionale tra le Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli Agrumari e di Frutta in Guscio E vietata la riproduzione,

Dettagli

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI ai sensi dell art. 4 comma 3 del

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini /G ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE 6.8.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 205/3 REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 agosto 2005 recante modifica dell allegato IV del regolamento (CE) n. 999/2001 del Parlamento

Dettagli

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ACCORDO BILATERALE SVIZZERA/UE SUI PRODOTTI AGRICOLI L'accordo del 21 giugno 1999, fra la Confederazione Svizzera e la Comunità

Dettagli

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE Daniela Cuzzani UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA NELL AMBITO DEI CONTROLLI UFFICIALI

Dettagli

paese di macellazione e numero di riconoscimento dello stabilimento di macellazione;

paese di macellazione e numero di riconoscimento dello stabilimento di macellazione; Nelle macellerie e nei supermercati, in osservanza di norme comunitarie e nazionali, devono essere fornite le seguenti informazioni obbligatorie, per ogni taglio di carne, mediante un cartello esposto

Dettagli

VERIFICA ATTIVITA DI TRASFORMAZIONE E / O CONDIZIONAMENTO PRODOTTI OTTENUTI AI SENSI DEGLI STANDARDS DEMETER DI TRASFORMAZIONE

VERIFICA ATTIVITA DI TRASFORMAZIONE E / O CONDIZIONAMENTO PRODOTTI OTTENUTI AI SENSI DEGLI STANDARDS DEMETER DI TRASFORMAZIONE MODULO AGGIORNATO FEBBRAIO 2015 DEMETER ASSOCIAZIONE PER LA TUTELA DELLA QUALITA BIODINAMICA IN ITALIA Strada Naviglia 11/A-43100 Parma Tel. 0521 776962 Fax 0521 776973 e-mail: info@demeter.it- www.demeter.it

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SISTEMA DI RINTRACCIABILITA NELLE FIERE AGRO- ALIMENTARE BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SISTEMA DI RINTRACCIABILITA NELLE FIERE AGRO- ALIMENTARE BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 4 2.1 SISTEMA DI RINTRACCIABILITÀ... 4 2.2 FILIERA AGRO... 4 2.3 RINTRACCIABILITÀ DI FILIERA... 4 2.4 FILIERA AGRO

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Città di Alghero Provincia di Sassari IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Farmer market nel Comune di Alghero Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20/2009 REGOLAMENTO D'USO DEL CIRCUITO 1 SOMMARIO

Dettagli

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti EUWEP ASSEMBLEA GENERALE 2010 VERONA, 4 GIUGNO Dr. Silvio Borrello Direttore Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero

Dettagli

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi Coldiretti Validato dal Ministero della Salute a gennaio

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2003R1830 IT 11.12.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1830/2003 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA Pag. 1 di 6 GESTIONE DELLE NON CONFORMITA INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative 7 Archiviazione

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

31.12.2004: pronti per la rintracciabilità. La carne in scatola. Convegno AITA. Verona, 27 novembre 2003 Giancarlo Mosca. Kraft Foods International

31.12.2004: pronti per la rintracciabilità. La carne in scatola. Convegno AITA. Verona, 27 novembre 2003 Giancarlo Mosca. Kraft Foods International 31.12.2004: pronti per la rintracciabilità La carne in scatola Convegno AITA Verona, 27 novembre 2003 Giancarlo Mosca Rintracciabilità Regolamento CE 178/2002 del 28 gennaio2002 che stabilisce i principi

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SISTEMA DI RINTRACCIABILITÀ IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SISTEMA DI RINTRACCIABILITÀ IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE COD. RGT 01 Filiera REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SISTEMA DI RINTRACCIABILITÀ IN ORGANIZZAZIONI/SEGMENTI DELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE LISTA DELLE REVISIONI Rev. Data Motivo della

Dettagli

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare Tavola Rotonda Sicurezza alimentare: il controllo su frodi e qualità dei fertilizzanti Società Umanitaria, Milano L attività dell

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

REGOLAMENTO per i CLIENTI. sull USO del MARCHIO

REGOLAMENTO per i CLIENTI. sull USO del MARCHIO Questo documento, in formato cartaceo, NON deve essere considerato un documento ufficiale del Sistema di Gestione. La versione ufficiale, nel corrente stato di revisione, è unicamente quella disponibile

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Allegato 1 Sezione I - Modalità di tenuta del registro di cui all art. 7. Vidimazione 1. Il registro è tenuto: a) manualmente ed è costituito da non oltre 200 fogli fissi o da schede contabili mobili da

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione ed uso del marchio Art. 2

Dettagli

D - R - D - R - D - R D - R - D - R -

D - R - D - R - D - R D - R - D - R - Domande frequenti D - Quali parametri consentono di distinguere le aziende artigianali del settore agroalimentari dalle aziende industriali di trasformazione di prodotti agroalimentari R - Le aziende artigianali

Dettagli

Qualità igienico-nutrizionale del pasto nella mensa scolastica CONVEGNO AGIDAE

Qualità igienico-nutrizionale del pasto nella mensa scolastica CONVEGNO AGIDAE Qualità igienico-nutrizionale del pasto nella mensa scolastica CONVEGNO AGIDAE Chianciano,, giugno 2008 dott. Alessandra Mauti - Dietista NUOVI MODELLI DI CONSUMO CRESCITA DELLA RISTORAZIONE EXTRADOMESTICA

Dettagli

Concetto di ispezione e certificazione Versione 5

Concetto di ispezione e certificazione Versione 5 Concetto di ispezione e certificazione Versione 5 Frutta, verdura e patate Sommario 1 Livello ispettivo e di certificazione 2 2 Criteri da adempiere 2 2.1 Criteri obbligatori (punti critici)... 2 2.2 Criteri

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

Etichettatura degli alimenti e produzioni

Etichettatura degli alimenti e produzioni Etichettatura degli alimenti e produzioni alimentari tipiche PRINCIPIO FONDAMENTALE è necessario garantire la rintracciabilità dei percorsi dei mangimi e degli alimenti nonché dei loro ingredienti RINTRACCIABILITA

Dettagli

Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA

Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA Disciplinare di produzione della CARNE PODOLICA - BASILICATA Art. 1 Il marchio CARNE PODOLICA - BASILICATA è riservato alla carne bovina, prodotta da animali provenienti da allevamenti della Basilicata,

Dettagli