Barriere di Sicurezza Stradali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Barriere di Sicurezza Stradali"

Transcript

1 Barriere di Sicurezza Stradali Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 1

2 Interventi di sicurezza attiva Obiettivo : raggiungere elevati standard di sicurezza Def. Sicurezza attiva: insieme di provvedimenti finalizzati ad EVITARE che l incidente si verifichi, o meglio, ad aumentare la probabilità che non si verifichi : ABS; limitatori di velocità; campagne di informazione e formazione; disposizioni legislative; criteri progettuali per le strade di nuova concezione; adeguamenti delle strade esistenti; interventi relative alle pavimentazioni, alla segnaletica, alla illuminazione; Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 2

3 Def. Sicurezza passiva: Interventi di sicurezza passiva insieme di provvedimenti finalizzati a MITIGARE i danni, principalmente alle persona, che conseguono al verificarsi dell incidente ; cinture di sicurezza + air bag; scocche particolarmente studiate; obbligo del casco per gli utenti dei veicoli a due ruote; provvedimenti per consentire la tempestività del soccorso medico; rifugi pressurizzati, impianti antincendio, cunicoli ausiliari (lunghe gallerie); dispositivi di ritenuta; In passato venivano utilizzati in maniera abbastanza sistematica come protezione dei margini stradali in tratti particolari (ponti, rilevati limitati da muri di sostegno a tutta altezza ed altri punti ritenuti particolarmente pericolosi). A partire dagli anni 50 si è riconosciuta l importanza e la necessità di protezioni meno rigide, in modo da limitare, per quanto possibile, i danni agli occupanti del veicolo/i incidentato/i. Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 3

4 Studi teorici e sperimentali sono stati compiuti per definire materiali, forme, resistenza, deformabilità, luoghi e modalità d installazione: Barriere metalliche (guard-rail); Barriere in calcestruzzo (New Jersey); Barriere in metallo e legno; La progettazione, l omologazione e l impiego delle barriere di sicurezza sono disciplinati dalla seguente legislazione: - D.M. n 223 del 18/02/1992 e successive modifiche (D.M. 15/10/96, D.M. 3/6/98, D.M. 11/6/99, D.M. 21/06/2004); - Circolare del Ministero dei LL.PP. del 6/4/2000; - UNI EN , 2, 3; Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 4

5 COSA E UNA INGEGNERIA CIVILE costruzioni edili NORMA squadra romama Sinonimo di REGOLA, di rispetto dell ordine naturale (dalla tradizione romana antica) Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 5

6 Attualmente l ORIGINE LEGISLATIVA è una Legge ordinaria sovrastante altri dispositivi di legge Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 6

7 L EVOLUZIONE TEMPORALE DELLE NORME sui dispositivi di ritenuta C M / 8 7 D M / 9 2 C M / A g gd M 2 23 / 9 2/ 9 6 P re n o rm a e u rop e a P R C E N re P nno rm a e u rop e a 1317/1/2/3/4 CEN AggDM 223/92/98 G.U. D M Disciplina Del transitorio 3 AggDM 223/92/98 G.U P rim a n o rm a Norma attuale Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 7

8 1. FUNZIONI realizzare accettabili condizioni di sicurezza per gli utenti e per terzi esterni, assicurando il contenimento e la redirezione dei veicoli che dovessero tendere ad uscire dalla carreggiata. Devono essere progettati in maniera tali da possedere 2 requisiti essenziali: - capacità di assorbimento dell energia cinetica del veicolo che urta; - capacità di limitare gli effetti/danni derivanti dall impatto. Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 8

9 2. CLASSIFICAZIONE A seconda della loro destinazione ed ubicazione le barriere di sicurezza sono classificate in: a) barriere centrali da spartitraffico; b) barriere laterali in rilevato o trincea; c) barriere per opere d arte, quali ponti, viadotti, sottovia, muri ecc.; d) barriere o dispositivi per punti singolari quali attenuatori d urto, letti d arresto, dispositivi per ostacoli fissi, zone terminali e/o di interscambio. Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 9

10 3. ZONE DA PROTEGGERE - spartitraffico; - bordo laterale delle sezioni in rilevato (h > 1 m); - sempre necessaria se la pendenza della scarpata > di 2/3, con pendenze minori e per sezioni in trincea è possibile adottare altre soluzioni; - bordi di tutte le opere d arte all aperto (ponti, viadotti, muri di sostegno); - ostacoli fissi, quali pile di ponti, rocce affioranti, alberature, pali per la illuminazione e quant altro possa rappresentare un ostacolo. La protezione è sempre necessaria se i predetti ostacoli (che non possono essere rimossi) distano 3.00 m o meno dal bordo della carreggiata; per 3.00 m < d < m va valutata, caso per caso dal progettista. Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 10

11 4. PARAMETRI FONDAMENTALI PER LA CLASSIFICAZIONE 4.a. Livello di Contenimento: grandezza che misura la capacità di una barriera a resistere agli urti. L c = 1 2 M ( v senφ) 2 L c = (KJ) M = massa del veicolo (t) V = velocità d impatto del veicolo (m/s) φ = angolo d impatto. Barriera di sicurezza θ v Veicolo di massa M Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 11

12 4. PARAMETRI FONDAMENTALI PER LA CLASSIFICAZIONE Indice di Severità dell Accelerazione: grandezza che misura la severità dell impatto e quindi le conseguenze sugli occupanti della vettura. ASI = a ( 12g a x 2 y 2 ) + ( ) + 9g a ( z ) 10g 2 ax, ay az sono i valori medi (su un interv. di 0,05 sec) delle componenti longitudinale trasversale e verticale dell accelerazione misurate in corrispondenza di un punto P vicino al baricentro dell autovettura. T.H.I.V. (Indice Velocità Teorica della Testa) P.H.D. (Indice di Decelerazione della Testa dopo l impatto) Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 12

13 4. PARAMETRI FONDAMENTALI PER LA CLASSIFICAZIONE Classificazione dei dispositivi di ritenuta secondo la normativa italiana Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 13

14 4. PARAMETRI FONDAMENTALI PER LA CLASSIFICAZIONE ASI < 1 ASI < 1,4 da preferire a parità di condizioni per barriere da installare in punti particolarmente pericolosi in cui il contenimento del veicolo in svio diviene essenziale per la sicurezza di terzi. (THIV < 33 km/h e PHD < 20 g) ( ) 2 = v (T) ( v (T)) 2 ( ) 2 PHD = a (t) + ( a (t)) 2 THIV + x y x y Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 14

15 5. DEFLESSIONE DINAMICA E LARGHEZZA UTILE Deflessione dinamica D n : massimo spostamento dinamico trasversale del frontale del sistema di contenimento. Larghezza utile W: distanza tra la posizione iniziale del frontale del sistema di contenimento e la massima posizione dinamica laterali di qualsiasi componente principale del sistema. Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 15

16 5. DEFLESSIONE DINAMICA E LARGHEZZA UTILE La deflessione dinamica e la larghezza utile permettono di determinare le condizioni per l installazione di ogni barriera di sicurezza, nonché di definire le distanze da creare davanti agli ostacoli per permettere alla barriera di fornire prestazioni soddisfacenti (corretto funzionamento): 1,20 m < Larghezza Operativa < 2,50 m (2,80 m) Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 16

17 PROCEDIMENTO DI OMOLOGAZIONE DEL PROTOTIPO PROGETTO ESECUTIVO DI UNA BARRIERA PROTOTIPO FIRMATO DA INGEGNERE PROVE SUI MATERIALI COMPONENTI E CERTIFICAZIONI RILASCIATE DA ISTITUTI ACCREDITATI PREPARAZIONE VEICOLO DI PROVA SISTEMAZIONE PISTA DI LANCIO VEICOLO ESECUZIONE PROVE IN QUALITA NORME ISO RELAZIONE DEL PROGETTISTA CON GIUDIZIO SULLA PROVA RICHIESTA FORMALE DI OMOLOGAZIONE A EX- ISPETTORATO C&T CON RELAZIONE PROGETTISTA E CERTIFICATI PROVE COMMISSIONE RELATRICE CSLLPP FORMULA PARERE SU BASE RELAZIONE EX-ISPETTORATO PARERE FORMALE DEL CSLLPP REALIZZAZIONE DEL PROTOTIPO SU PISTA AUTORIZZATA PER PROVE DI OMOLOGAZIONE LANCIO VEICOLO DI PROVA E MISURAZIONI PREVISTE DA NORMA ANALISI RISULTATI PROVE EMISSIONE CERTIFICATO EX ISPETTORATO CHIEDE PARERE AL CS LLPP CON RELAZIONE E GIUDIZIO SU PROVA PRESCRIZIONI eventuali CERTIFICATO DI OMOLOGAZIONE EMESSO DA MINISTERO PROPONENTE ISTITUTO DI PROVA PROPONENTE E MINISTERO CS/LLPP E MINISTERO Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 17

18 PROCEDIMENTO DI OMOLOGAZIONE DEL PROTOTIPO Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 18

19 PROCEDIMENTO DI OMOLOGAZIONE DEL PROTOTIPO Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 19

20 PROCEDURA E RUOLO CENTRALE DEL PROGETTISTA PROGETTO DEL PROTOTIPO INSTALLAZIONE SU STRADA CRASH TESTS E PROVE MATERIALI OMOLOGAZIONE DEL PROTOTIPO TIPO OMOLOGATO PROGETTO STRADALE (progettista) APPROVAZIONE DIREZIONE LAVORI COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 20

21 6. SCELTA Il criterio di scelta dei dispositivi di ritenuta si fonda essenzialmente sulle seguenti considerazioni: - l evento incidentale ha carattere aleatorio e così pure l energia cinetica da assorbire, ma è ragionevole presumere che i livelli di contenimento più elevati siano da prevedere tanto più elevate sono le velocità di progetto e le percentuali di veicoli pesanti; - a parità di strada e di traffico la resistenza della barriera deve essere tanto più grande quanto più gravi sono le conseguenze derivanti dallo sfondamento o dallo scavalcamento della barriera; questo a costo di accettare indici ASI fino a 1,4 (es. barriera bordo ponte). Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 21

22 6. SCELTA Traffico tipo I: TGM < 1000, o TGM > 1000 e veicoli pesanti (m>3,5 t) < 5% tot. Traffico tipo II: TGM > 1000 e 5% < veicoli pesanti (m>3,5 t) < 15% tot. Traffico tipo III: TGM > 1000 e veicoli pesanti (m>3,5 t) > 15% tot. Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 22

23 In definitiva il progettista stradale DEVE: - individuare i punti da proteggere; - scegliere le barriere da adottare fra i diversi tipi omologati in funzione del tipo di strada e del traffico veicolare; - richiedere il livello di larghezza utile della suddetta barriera onde prevedere gli spazi necessari per il corretto funzionamento della barriera; - dove inoltre curare con specifici disegni esecutivi e relazioni di calcolo l adattamento dei singoli dispositivi alla sede stradale in termini di supporti, drenaggio delle acque, collegamenti tra i diversi tipi di protezione, zone d approccio alle barriere (punto di inizio e fine), interferenza e/o integrazione con altri tipi di barriere. Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 23

24 7. SOLUZIONI ALTERNATIVE Soluzioni alternative alla installazione dei dispositivi di ritenuta è quella di prevedere spazi liberi al di là della carreggiata opportunamente dimensionati in modo tale che un veicolo in fuoriuscita possa arrestarsi senza danni e rientrare, eventualmente, sulla carreggiata. Incremento sicurezza; Incremento larghezza sede stradale; Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 24

25 7. SOLUZIONI ALTERNATIVE (manuale HCM) (clear zone) (clear zone) Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 25

26 7. SOLUZIONI ALTERNATIVE Ripresa dal manuale AASHTO Roadside Design Guide Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 26

27 Barriere New Jersey Zona d urto A: la resistenza di contatto iniziale frena i pneumatici e rallenta il veicolo: Zona d urto B: la pendenza consente al veicolo di arrampicarsi sulla barriera; l energia d urto è assorbita dal sistema pneumatico-sospensione e dall azione di sollevamento del veicolo stesso; Zona d urto C: quando le ruote raggiungono questa altezza, la sagoma più rigida ne corregge la direzione e ne raddrizza la traiettoria (comportamento ridirettivo) Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 27

28 Barriere Metalliche Tipo H3 e H4 Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 28

29 Tipo N 2 Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 29

30 Tipo H 4 Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 30

31 Barriere Metalliche Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 31

32 Tipo H 4 Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 32

33 Tipo bordo ponte H 3 Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 33

34 Tipo bordo ponte H 3 Tipo bordo ponte H 4 Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 34

35 Errata installazione carenza di supporto montanti Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 35

36 Barriere in Legno Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 36

37 Attenuatori d urto tipo ridirettivo Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 37

38 Attenuatori d urto tipo non ridirettivo Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 38

39 Attenuatori d urto tipo cinetico Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 39

40 Attenuatori d urto tipo inerziale Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 40

41 Terminali speciali Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 41

42 Terminali speciali Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 42

43 Terminali speciali a manina Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 43

44 Terminali speciali immerso Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 44

45 Terminali speciali immerso su scarpa Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 45

46 Terminali speciali - tubolare Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 46

47 Terminali speciali - tubolare Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 47

48 Terminali speciali - tubolare Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 48

49 Terminali speciali con attenuatore d urto Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 49

50 Soluzioni particolari integrate (pannelli acustici) Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 50

51 Soluzioni particolari integrate per motociclisti Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 51

52 Planimetria barriere di sicurezza Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 52

SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale

SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale Art. 28. (art.18 Cod. Str.) Fasce di rispetto per l'edificazione nei centri abitati. Edificazioni Con strumenti urbanistici a) 30 m per le strade

Dettagli

dott. ing. Francesca Maltinti - "Costruzione di Strade, ferrovie ed Aeroporti 1" AA 2012-2013 1 SISTEMI DI RITENUTA STRADALI

dott. ing. Francesca Maltinti - Costruzione di Strade, ferrovie ed Aeroporti 1 AA 2012-2013 1 SISTEMI DI RITENUTA STRADALI dott. ing. Francesca Maltinti - "Costruzione di Strade, ferrovie ed Aeroporti 1" AA 2012-2013 1 SISTEMI DI RITENUTA STRADALI dott. ing. Francesca Maltinti - "Costruzione di Strade, ferrovie ed Aeroporti

Dettagli

BARRIERE DI SICUREZZA... 1 SEGNALETICA STRADALE... 8 BIBLIOGRAFIA...

BARRIERE DI SICUREZZA... 1 SEGNALETICA STRADALE... 8 BIBLIOGRAFIA... INDICE BARRIERE DI SICUREZZA... 1 SEGNALETICA STRADALE... 8 BIBLIOGRAFIA... 10 I BARRIERE DI SICUREZZA CONSIDERAZIONI GENERALI La normativa vigente (D.M. 18/02/1992, n. 223 e successivo D.M. 24/06/2004,

Dettagli

Il progetto della sicurezza stradale: i sistemi di contenimento dei veicoli

Il progetto della sicurezza stradale: i sistemi di contenimento dei veicoli Il progetto della sicurezza stradale: i sistemi di contenimento dei veicoli ing. Andrea Demozzi CEN (Comité Européen de Normalisation), Road restraint systems (TC226/WG1) UNI (Ente Italiano di Unificazione),

Dettagli

Tavola riassuntiva tipologie

Tavola riassuntiva tipologie Tavola riassuntiva tipologie BORDO STRADA Classe Tipologia Caratteristiche Certificazioni H4b DWG: 050-001/01 Peso: 7,99 kg/m Acciaio: S235JR Zincatura EN.ISO141 Interasse pali: 1500 mm LIER, BSI-22/375

Dettagli

La tematica inerente la protezione degli ostacoli puntuali

La tematica inerente la protezione degli ostacoli puntuali 110 Protezioni Puntuali Sostegni certificati a sicurezza passiva UN OPPORTUNITÀ PER PROGETTISTI E GESTORI DI infrastrutture. è quella che può essere colta sostituendo gli ostacoli puntuali presenti ai

Dettagli

Unifonne applicazione delle nonne in materia di progettazione, omologazione e impiego dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali.

Unifonne applicazione delle nonne in materia di progettazione, omologazione e impiego dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali. " /,. DIPARTL\1E~TO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE E I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIO}.;E GENERALE PER LA SICUREZZA STRADALE Via G. Caraci, 36-00157 Roma M_TRA-DIPT -hp Trasporti Navigazione

Dettagli

ACS ACAI Servizi S.r.l. La protezione dei margini stradali

ACS ACAI Servizi S.r.l. La protezione dei margini stradali ACS ACAI Servizi S.r.l Copywright 2011 ACS ACAI Servizi srl La protezione dei margini stradali - Estratto del documento completo - Prof. Ing. Mariano PERNETTI INTRODUZIONE 1 1 - INCIDENTI PER FUORIUSCITA

Dettagli

Normativa nazionale italiana

Normativa nazionale italiana Normativa nazionale italiana Direttiva sui criteri di progettazione, installazione, verifica e manutenzione dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali (Piano nazionale Italia) Direttiva sui

Dettagli

PROGETTO TUBE INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA STRADALE

PROGETTO TUBE INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA STRADALE PROGETTO TUBE INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA STRADALE Alba, APRILE 2013 1- SINTESI DEL PROGETTO : TUBE Realizzazione di una nuova famiglia di ATTENUATORI D URTO ai sensi della normativa 1317 parte

Dettagli

FORNITURA DI BARRIERE METALLICHE DI SICUREZZA E PROTEZIONI MARGINALI ANNO 2008 RELAZIONE TECNICA

FORNITURA DI BARRIERE METALLICHE DI SICUREZZA E PROTEZIONI MARGINALI ANNO 2008 RELAZIONE TECNICA AREA VIABILITA - SERVIZIO ESERCIZIO VIABILITA www.proincia.torino.it FORNITURA DI BARRIERE METALLICHE DI SICUREZZA E PROTEZIONI MARGINALI ANNO 2008 Torino, OTTOBRE 2008 RELAZIONE TECNICA Redatta da: Ing.

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-A-W5 (3n31679)

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-A-W5 (3n31679) BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA Hb-A-W (n679) Prestazioni Livello di contenimento Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Intrusione del veicolo Deflessione dinamica Hb A W (.70

Dettagli

PROVINCIA di CHIETI. Settore 6 Manutenzione e Progettazione Stradale

PROVINCIA di CHIETI. Settore 6 Manutenzione e Progettazione Stradale PROVINCIA di CHIETI Settore 6 Manutenzione e Progettazione Stradale LAVORI DI: ADEGUAMENTO E RIFACIMENTO DELLE BARRIERE METALLICHE NEL CHIETINO 1 E 2 Distretto della viabilità provinciale PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H1-A-W6 (B21300)

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H1-A-W6 (B21300) BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H-A-W6 (B00) Livello di contenimento Prestazioni H Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Intrusione del veicolo Deflessione dinamica A W6 (,08

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-B-W5 (3n31862)

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-B-W5 (3n31862) BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA Hb-B-W (n86) Prestazioni Livello di contenimento Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Intrusione del veicolo Deflessione dinamica Hb B W (,0 m),0

Dettagli

www.digicorpingegneria.com

www.digicorpingegneria.com DM 21 06 2004 Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali Circolare 25 08 2004 Direttiva sui criteri di progettazione, installazione,

Dettagli

ANALISI CRITICA DELLE CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI DELLE BARRIERE DI SICUREZZA

ANALISI CRITICA DELLE CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI DELLE BARRIERE DI SICUREZZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA SALVATORE LEONARDI - GIUSEPPINA PAPPALARDO ANALISI CRITICA DELLE CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI DELLE BARRIERE DI SICUREZZA Quaderno n. 110 ISTITUTO

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401)

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) Livello di contenimento Risultati H2 Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Posizione laterale estrema del veicolo B W4 (1,3 m)

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO BARRIERE DI SICUREZZA STRADALE

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO BARRIERE DI SICUREZZA STRADALE ELABORATO N C.7 SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO PROGETTAZIONE E COSTRUZIONI STRADALI S.P. n 569 DI VIGNOLA COMPLETAMENTO DELLA VARIANTE GENERALE ALLA S.P. N 569 E REALIZZAZIONE DELLE VARIANTI ALLA S.P.

Dettagli

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE Tipo provvedimento Ente autore Titolo Decreto Ministeriale Ministero dei lavori pubblici Integrazioni e modificazioni al decreto ministeriale 3 giugno 1998 recante: Aggiornamento delle istruzioni tecniche

Dettagli

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione Schema RINA di Certificazione del Livello Qualitativo Autostradale (LQA) Genova, 25 ottobre 2007 Maura Moretti A chi è rivolto: Enti Gestori, Società Concessionarie per la gestione di tratte autostradali

Dettagli

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5

BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BARRIERA A MURETTO IN CAV PROFILO NEW JERSEY TESTATA CON LA NORMA EUROPEA EN1317 parte 1-2-3-4-5 BORDO PONTE CON CORRIMANO IN ACCIAIO MODELLO ABESCA NJBPH4 OMOLOGATA IN CLASSE DI CONTENIMENTO H4b Pagina

Dettagli

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Soluzioni realizzative e costruzione E importante valutare in fase di verifica preliminare del sito anche gli aspetti e le eventuali problematiche

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

L Associazione Italiana Professionisti per la Sicurezza Stradale. Roma 14 Novembre 2014 Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria Università Roma Tre

L Associazione Italiana Professionisti per la Sicurezza Stradale. Roma 14 Novembre 2014 Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria Università Roma Tre L Associazione Italiana Professionisti per la Sicurezza Stradale Roma 14 Novembre 2014 Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria Università Roma Tre COS È LA SICUREZZA STRADALE? La parola sicurezza viene

Dettagli

Attenuatore d urto redirettivo TUBE-ZM100 Livello 100 km/h secondo 1317:3-2010

Attenuatore d urto redirettivo TUBE-ZM100 Livello 100 km/h secondo 1317:3-2010 Agno 27/05/2015 Revisione 1 Attenuatore d urto redirettivo TUBE-ZM100 Livello 100 km/h secondo 1317:3-2010 Redatto da : Mauro ing. Monteleone Controllato da : Marcello ing. Burzi Approvato da : Mauro ing.

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 63290 (709) Anno 2014

Il Rettore. Decreto n. 63290 (709) Anno 2014 Il Rettore Decreto n. 63290 (709) Anno 2014 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici

Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici Andrea Milanese I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AEROSPAZIALE Laboratori

Dettagli

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Azioni variabili da traffico Azioni sugli impalcati Azioni variabili da traffico I carichi variabili da traffico

Dettagli

UNITAMENTE ALLO SFORZO PRODOTTO PER MIGLIORARE LA DISPO-

UNITAMENTE ALLO SFORZO PRODOTTO PER MIGLIORARE LA DISPO- 2 Gestione delle reti Nuove barriere ANAS UNITAMENTE ALLO SFORZO PRODOTTO PER MIGLIORARE LA DISPO- NIBILITÀ DI INFRASTRUTTURE NAZIONALI, ANAS HA POSTO L ACCENTO SUL MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE DELLA RETE

Dettagli

istruttore di autoscuola

istruttore di autoscuola Standard formativo relativo alla formazione iniziale propedeutica per il conseguimento dell abilitazione e formazione periodica istruttore di autoscuola ai sensi Decreto ministeriale 26 gennaio 2011, n.

Dettagli

Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti

Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti 1 Parte Le circostanze della catastrofe a) il tunnel del Monte Bianco nel 1999 b) consegne di sicurezza e regolamento di circolazione c) organizzazione della sicurezza

Dettagli

L ESPERIENZA AISICO NEL SETTORE DEI CRASH TEST DI DISPOSITIVI DI SICUREZZA STRADALE

L ESPERIENZA AISICO NEL SETTORE DEI CRASH TEST DI DISPOSITIVI DI SICUREZZA STRADALE Nel presente intervento è illustrata una panoramica delle principali grandezze introdotte dalla Normativa vigente per caratterizzare le sollecitazioni meccaniche cui risultano sottoposti gli occupanti

Dettagli

S.P.6 "di Comeno", S.P. 7 "di Gabrovizza" MESSA A NORMA DELLE BARRIERE DI SICUREZZA IN CORRISPONDENZA DELL'INCROCIO TRA LE DUE STRADE PROVINCIALI

S.P.6 di Comeno, S.P. 7 di Gabrovizza MESSA A NORMA DELLE BARRIERE DI SICUREZZA IN CORRISPONDENZA DELL'INCROCIO TRA LE DUE STRADE PROVINCIALI V.A. 1 DECESPUGLIAMENTO E ABBATTIMENTO ALBERATURE Esecuzione di decespugliamento di rovi, arbusti, cespugli in macchie e abbattimento di alberature comprese nell'area di cantiere. Intervento comprensivo

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 97762 (800) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 97762 (800) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 97762 (800) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DIREZIONE GENERALE M.C.T.C. IV Direzione Centrale Div. 41 CIRCOLARE N. 104/95

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DIREZIONE GENERALE M.C.T.C. IV Direzione Centrale Div. 41 CIRCOLARE N. 104/95 MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DIREZIONE GENERALE M.C.T.C. IV Direzione Centrale Div. 41 CIRCOLARE N. 104/95 Prot. N. 1809/4110/0 D.C. IV n. A042 Roma, 31 maggio 1995 OGGETTO: Pneumatici per

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo)

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) MACCHINA NUMERO DI FABBRICA LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) Costruttore/Mandatario: CIOFETTI SOLLEVAMENTO INDUSTRIALE SRL S. S. Tiberina Nord, 26/T - 06134

Dettagli

SPERIMENTAZIONE (TESTING)

SPERIMENTAZIONE (TESTING) SPERIMENTAZIONE (TESTING) Intro Laboratorio Carsim 1 LA SPERIMENTAZIONE INDOOR (1) Banchi e sale prova il 4 poster rig per la dinamica verticale ripetibilità ok (cond. ambientali poco rilevanti) condizioni

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

Responsabili tecnici di imprese e consorzi esercenti il servizio di revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi

Responsabili tecnici di imprese e consorzi esercenti il servizio di revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi Standard formativo relativo alla formazione dei Responsabili tecnici di imprese e consorzi esercenti il servizio di revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi e dei Responsabili tecnici

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Presentazione del Presidente della Provincia di Parma Dott. Vincenzo Bernazzoli

Presentazione del Presidente della Provincia di Parma Dott. Vincenzo Bernazzoli Presentazione del Presidente della Provincia di Parma Dott. Vincenzo Bernazzoli Programma Integrato per la Costruzione di una Cultura della Sicurezza Stradale. È in questo progetto, risultato fra i più

Dettagli

SCAVI e MOVIMENTO TERRA

SCAVI e MOVIMENTO TERRA SCAVI e MOVIMENTO TERRA Il quadro normativo D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 -art. 118 Splateamento e sbancamento -art. 119 Pozzi, scavi e cunicoli -art. 120 Deposito di materiali in prossimità degli scavi

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE. Docente: Marinella Giunta

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE. Docente: Marinella Giunta UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE Corso di PROGETTO E GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE VIARIE LECTURE 01 LA SICUREZZA STRADALE

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Ai sensi dell articolo 82, comma 1, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada: I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

COSTRUZIONI GENERALI DIVISIONE BONIFICA ACUSTICA B E R E I C H L Ä R M S A N I E R U N G

COSTRUZIONI GENERALI DIVISIONE BONIFICA ACUSTICA B E R E I C H L Ä R M S A N I E R U N G COSTRUZIONI GENERALI DIVISIONE BONIFICA ACUSTICA B E R E I C H L Ä R M S A N I E R U N G INDICE PRODOTTI BARRIERE INTEGRATE - AKURAIL 3000 (h = 3,0 m) pag. 6 - AKURAIL 3000 PMMA (h = 3,0 m) pag. 8 - AKURAIL

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Laboratorio per la Sicurezza e l Infortunistica Stradale PROCEDURA PER IL CALCOLO DELL ENERGIA DI DEFORMAZIONE DISSIPATA NEGLI URTI MOTO-AUTO

Laboratorio per la Sicurezza e l Infortunistica Stradale PROCEDURA PER IL CALCOLO DELL ENERGIA DI DEFORMAZIONE DISSIPATA NEGLI URTI MOTO-AUTO Laboratorio per la Sicurezza e l Infortunistica Stradale PROCDURA PR IL CALCOLO DLL NRGIA DI DFORMAZION DISSIPATA NGLI URTI MOTO-AUTO aprile 0 Introduzione L energia cinetica dissipata durante la collisione

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI U.O. PROGETTAZIONE STRADE ED ESPROPRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE OPERE D'ARTE POSTE AL SERVIZIO DELLA RETE STRADALE PROVINCIALE FINALIZZATI

Dettagli

barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO

barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO A) Operazioni preliminari 1. Lo scarico degli elementi della barriera stradale

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione e i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per la Sicurezza Stradale Prot. n. 4867/RU All'ANAS SpA

Dettagli

DIRETTIVA 2008/96/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2008/96/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 29.11.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 319/59 DIRETTIVE DIRETTIVA 2008/96/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 19 novembre 2008 sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture

Dettagli

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO LAVORI IN PROSSIMITÁ DI IMPIANTI ELETTRICI E LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE IN BT E FUORI TENSIONE IN AT

Dettagli

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori Il decreto legislativo 494/96 Geom. Stefano Fiori EVOLUZIONE NORMATIVA DEFINIZIONI Articolo 1 1. Il presente decreto legislativo prescrive misure per la tutela e per la sicurezza dei Lavoratori nei cantieri

Dettagli

LE PROCEDURE DI ANALISI DI SICUREZZA SULLA VIABILITA ESISTENTE

LE PROCEDURE DI ANALISI DI SICUREZZA SULLA VIABILITA ESISTENTE Provincia Regionale di Catania Unione Europea DICA Università degli Studi di Catania PROJECT TREN-03-ST-S07.31286 Identification of Hazard Location and Ranking of Measures to Improve Safety on Local Rural

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Nuove tipologie di guard-rail lungo la A22

Nuove tipologie di guard-rail lungo la A22 Nuove tipologie di guard-rail lungo la A22 Caratteristiche innovative delle barriere di sicurezza stradale in grado di assorbire l energia cinetica di veicoli leggeri e pesanti. Per garantire i diversi

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

Dinamica del veicolo in moto aberrante

Dinamica del veicolo in moto aberrante II WORKSHOP Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali Dinamica del veicolo in moto aberrante Francesco Timpone Salone dei Quadri - Sessa Aurunca (CE) 05 dicembre 2013 Definizioni

Dettagli

La GESTIONE della SICUREZZA delle INFRASTRUTTURE STRADALI DIRETTIVA 2008/96/CE del PARLAMENTO EUROPEO e del CONSIGLIO del 19 novembre 2008

La GESTIONE della SICUREZZA delle INFRASTRUTTURE STRADALI DIRETTIVA 2008/96/CE del PARLAMENTO EUROPEO e del CONSIGLIO del 19 novembre 2008 La GESTIONE della SICUREZZA delle INFRASTRUTTURE STRADALI DIRETTIVA 2008/96/CE del PARLAMENTO EUROPEO e del CONSIGLIO del 19 novembre 2008 Il Parlamento europeo valuta che mentre negli ultimi anni si sono

Dettagli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli 1 I bus elettrici a Torino LE ESIGENZE DA SODDISFARE Basso impatto ambientale Bassi consumi di combustibile

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI 5 INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PREMESSA Il presente paragrafo è stato elaborato a partire dalle situazioni di pericolo individuate dall

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI 12 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLA GESTIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA Ing. Davide Musiani STUDIO TECNICO PROF. NERI S.r.l. Bologna, 12 Giugno 2009

Dettagli

AUTORE: Mirarafiori Natale Consulente e Ricercatore - Sicurezza Stradale MIRAFIORI CONSULENZE Via San Bartolomeo del Fossato, 8/5-16149 - Genova Tel.

AUTORE: Mirarafiori Natale Consulente e Ricercatore - Sicurezza Stradale MIRAFIORI CONSULENZE Via San Bartolomeo del Fossato, 8/5-16149 - Genova Tel. AUTORE: Mirarafiori Natale Consulente e Ricercatore - Sicurezza Stradale MIRAFIORI CONSULENZE Via San Bartolomeo del Fossato, 8/5-16149 - Genova Tel. 010/418.310 Fax 010/465.504-335/5865939 Internet: www.mirafioricr.it

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

Università degli Studi di Catania Unione Europea Provincia Regionale di Catania. S. Cafiso, G. La Cava, A. Montella, G. Pappalardo

Università degli Studi di Catania Unione Europea Provincia Regionale di Catania. S. Cafiso, G. La Cava, A. Montella, G. Pappalardo Università degli Studi di Catania Unione Europea Provincia Regionale di Catania Manuale per le Ispezioni di Sicurezza delle Strade Extraurbane Secondarie e Locali S. Cafiso, G. La Cava, A. Montella, G.

Dettagli

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.)

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD MODELLO FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) Il presente documento è stato realizzato nell ambito dell attività di ricerca prevista:

Dettagli

www.prealux.it Via Berlese 1, 24124 Bergamo, Italy - Tel. +39 035 362510 Fax +39 035 362504 info@prealux.it

www.prealux.it Via Berlese 1, 24124 Bergamo, Italy - Tel. +39 035 362510 Fax +39 035 362504 info@prealux.it www.prealux.it Via Berlese 1, 24124 Bergamo, Italy - Tel. +39 035 362510 Fax +39 035 362504 info@prealux.it - Fondata nel 1986 - Specializzata nella produzione di segnaletica stradale - Distribuzione e

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI OPERE CIVILI SU LINEE IN ESERCIZIO SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo LOC-001 2 Luglio 2015 Opere Civili alla Sede Ferroviaria

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara.

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. 12/1/2010 Francesco Capuano 1 Articolazione strutturale dei Servizi

Dettagli

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO INDICE 1 NODO STRADALE ED AUTOSTRADALE DI GENOVA Adeguamento del Nodo di San Benigno... 3 1.1 Descrizione progetto... 3 1.2 Opere d arte... 9 1 NODO

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

PRONTUARIO PER IL RILEVAMENTO DI INCIDENTE STRADALE CON SOLI DANNI A COSE

PRONTUARIO PER IL RILEVAMENTO DI INCIDENTE STRADALE CON SOLI DANNI A COSE (Timbro lineare dell ufficio) Prot. N. PRONTUARIO PER IL RILEVAMENTO DI INCIDENTE STRADALE CON SOLI DANNI A COSE Operatori: (qualifica, cognome e nome) DATA: LOCALITÀ: ORARIO: incidente intervento OPERAZIONI

Dettagli

Analisi e Ricostruzione di Incidenti Stradali

Analisi e Ricostruzione di Incidenti Stradali CIRSS Centro Interdipartimentale di Ricerche sulla Sicurezza Stradale Università di Pavia Analisi e Ricostruzione di Incidenti Stradali Ing. Sillo Mattia Incidente Stradale Raccolta delle Informazioni

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA ETAG EOTA

SINTESI DELLA NORMATIVA ETAG EOTA SINTESI DELLA NORMATIVA ETAG EOTA Scopo del presente documento è riassumere in modo conciso e, nello stesso tempo, completo e dettagliato, le indicazioni fornite nella norma EOTA circa le modalità di svolgimento

Dettagli

COMUNE DI SCIACCA PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE

COMUNE DI SCIACCA PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE COMUNE DI SCIACCA PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE: INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DELL'I.I.S.S. "C. AMATO VETRANO" DI SCIACCA IN RELAZIONE ALL'EFFICIENZA

Dettagli

Allegato 4 DOCUMENTAZIONE PRESENTE IN CANTIERE

Allegato 4 DOCUMENTAZIONE PRESENTE IN CANTIERE Allegato 4 DOCUMENTAZIONE PRESENTE IN CANTIERE Una copia dei seguenti documenti deve sempre essere presente in cantiere. DOCUMENTO Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) Piano Operativo di Sicurezza

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori Premessa La produzione attuale di scooter superiori a 50cc e omologati EURO 3 è pressoché totalmente a 4 tempi. Attraverso

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli