I primi effetti della Cura del ferro Il contributo di RFI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I primi effetti della Cura del ferro Il contributo di RFI"

Transcript

1 I primi effetti della Cura del ferro Il contributo di RFI Ing. Gianpiero Strisciuglio Direttore Commerciale ed Esercizio Rete di RFI Roma, 27 giugno 2017

2 Highlights Il mercato: trend e prospettive Il potenziamento della rete L orientamento al cliente Le azioni del Gestore orientate al mercato

3 Il mercato: trend e prospettive Il potenziamento della rete Customer centricity Le azioni del Gestore orientate al mercato

4 Il mercato (1/2)

5 Il mercato (2/2) Il traffico merci internazionale programmato è pari al 46% del traffico merci totale programmato Tr*Km programmati per corridoio 29% 32% 24% 15%

6 Il network dei terminali Oltre 200 stazioni per il traffico merci Circa 400 impianti per la terminalizzazione delle merci di cui circa 30 impianti con operatore d impianto RFI, che generano il 15% del traffico complessivo merci di cui oltre 350 impianti industriali e logistici con operatore d impianto privato, il 20 % dei quali genera circa l 80% del traffico 15 Porti Core e No Core collegati alla rete che generano più di 6 milioni treni*km/anno 16 Interporti collegati alla rete

7 Il mercato: trend e prospettive Il potenziamento infrastrutturale Customer centricity Le azioni del Gestore orientate al mercato

8 La strategia di sviluppo della rete Integrazione con la rete europea Le opere di valico Le opere di accesso L upgrading prestazionale delle linee nazionali appartenenti ai Core Corridor Il potenziamento delle linee di collegamento ai terminali («penultimo miglio») L ultimo miglio

9 Il Piano Commerciale di RFI Business Merci Business Trasporto Pubblico Locale Business Lungo Percorso Potenziamento infrastrutturale e tecnologico della rete Miglioramento dell accessibilità a terminali e porti Strategia di integrazione delle infrastrutture di collegamento Sviluppo di modelli commerciali coerenti con il reticolo logistico nazionale

10 La sagoma DOMODOSSOLA LUINO BRENNERO TARVISIO MODANE TO ORBASSANO NOVARA B. CHIASSO MILANO SM. MARZAGLIA VERONA Q.E. PADOVA I. BOLOGNA I. TRIESTE C.M. VENEZIA P.M. RAVENNA VILLA OPICINA VALICO PORTI CONNESSI ALLA RETE TEN-T % linee TEN-T core merci VENTIMIGLIA GENOVA LA SPEZIA LIVORNO ANCONA PRINCIPALI TERMINAL RFI % linee TEN-T core merci CIVITAVECCHIA POMEZIA MADDALONI M. BARI LAMASINATA BRINDISI % linee TEN-T core merci SEMIRIMORCHI E AUTOSTRADA VIAGGIANTE (PC 80) HIGH CUBE (PC 45) TARANTO CONTAINER 1 E 2 CLASSE UIC (PC 32 PC25) CONTAINER 1 CLASSE UIC (PC 22) SCENARIO OLTRE 2026 PALERMO BR. GIOIA TAURO BICOCCA

11 Il modulo delle linee DOMODOSSOLA LUINO BRENNERO TARVISIO CHIASSO TO ORBASSANO NOVARA B. MODANE MILANO SM. VERONA Q.E. PADOVA I. VILLA OPICINA TRIESTE C.M. VENEZIA P.M. VALICO MARZAGLIA BOLOGNA I. RAVENNA PORTI CONNESSI ALLA RETE TEN-T % linee TEN-T core merci VENTIMIGLIA GENOVA LA SPEZIA LIVORNO ANCONA PRINCIPALI TERMINAL RFI % linee TEN-T core merci CIVITAVECCHIA MODULO 750 METRI POMEZIA MADDALONI M. BARI LAMASINATA BRINDISI % linee TEN-T core merci MODULO 650 METRI MODULO 600 METRI MODULO INFERIORE AI 600 METRI TARANTO MODULO INFERIORE AI 500 METRI SCENARIO OLTRE 2026 GIOIA TAURO PALERMO BR. BICOCCA

12 Il peso assiale DOMODOSSOLA LUINO BRENNERO OSOPPO TARVISIO CHIASSO MODANE MILANO SM. VERONA Q.E. PADOVA I. TO ORBASSANO NOVARA B. VILLA OPICINA TRIESTE C.M. VENEZIA P.M. MARZAGLIA BOLOGNA I. RAVENNA VALICO % linee TEN-T core merci VENTIMIGLIA GENOVA LA SPEZIA LIVORNO ANCONA PORTI CONNESSI ALLA RETE TEN-T PRINCIPALI TERMINAL RFI % linee TEN-T core merci CIVITAVECCHIA POMEZIA MADDALONI M. BARI LAMASINATA BRINDISI % linee TEN-T core merci TARANTO D4 D4L C3 INFERIORE A C3 LINEE OGGETTO DI POTENZIAMENTO PALERMO BR. GIOIA TAURO BICOCCA

13 Piano ERTMS BRENNRO BRESCIA VERONA MODANE TORINO MILANO PADOVA VENEZIA TRIESTE % linee TEN-T core merci GENOVA BOLOGN A FIRENZE % linee TEN-T core merci ROMA BARI % linee TEN-T core merci NAPOLI

14 Gli interventi Pianificati di Ultimo Miglio Udine Gallarate Novara Boschetto To.Orbassano Savona Mi.Smistamento Brescia Piacenza Rivalta Scrivia Castelguelfo Villaselva Reggio Emilia Ravenna Cervignano Genova Voltri Collegamento dei porti Core alla rete ferroviaria Livorno Potenziamento delle stazioni di collegamento ai Porti Civitavecchia Pomezia Marcianise Bari Lamasinata Potenziamento stazioni di collegamento ai terminali e grandi impianti merci Napoli San Nicola di Melfi Taranto

15 Verso l integrazione dell ultimo miglio Integrazione INFRASTRUTTURALE Coerenza delle caratteristiche prestazionali dei binari interni ed esterni al terminal Layout binari Integrazione INFORMATIVA Informazione integrata nella catena logistica Strumenti per la gestione della manovra senza soluzione di continuità Integrazione GESTIONALE Gestione manovre ferroviarie Integrazione processi treno/manovra Velocizzazione operazioni terminalizzazione

16 Interventi Ultimo Miglio - Tipologici 1. Interventi di elettrificazione (es.trento Roncafort-Interbrennero, Borgo San Dalmazzo,Terni ) 2. Piccoli interventi di PRG per fluidificare/velocizzare le operazioni di manovra (allungamento aste di manovra, posa nuove comunicazioni ) (es. Piadena ) 3. Interventi di PRG per incrementare la capacità/il modulo dell impianto (implementazione binari A/P e P/C, allungamento binari ) (es. Melzo, Padova Interporto, Interporto Bologna ) 4. Interventi IS per fluidificare/velocizzare le operazioni di manovra (centralizzazione binari e/o scambi, segnalamento basso ) (Pomezia, Busto A.,TS Servola ) 5. Interventi per ampliamento possibilità di mercato ambito scalo (es. Cervignano)

17 Un esempio - il Porto di Trieste Protocollo RFI Regione FVG APT, sottoscritto a Roma il 15/11/2016, gli impegni: TRIESTE CAMPO MARZIO Coordinamento ed Integrazione interventi tra RFI ed Autorità Portuale Ripartizione degli interventi in modo da definire i confini e le responsabilità RFI ha in carico la progettazione e la realizzazione del potenziamento della stazione di Trieste Campo Marzio TRIESTE SERVOLA RFI ed APT svilupperanno una progettazione integrata anche al fine di consentire il trasferimento dalla stazione di Trieste Campo Marzio ai terminali portuali con la soluzione tecnologica più efficiente A seguito del Protocollo è prevista una convenzione attuativa per la realizzazione degli interventi

18 Il mercato: trend e prospettive Il potenziamento infrastrutturale Customer centricity Le azioni del Gestore orientate al mercato

19 La cura del ferro: il cliente al centro Ascolto dell esigenza del mercato Incontri periodici dedicati ad ogni cliente Azioni mirate in progettazione dell Orario volte allo sviluppo del traffico Azioni puntuali in Gestione Operativa volte alla riduzione delle criticità Task-force congiunte dedicate alle indisponibilità infrastrutturali a maggior impatto Interventi puntuali volti allo sviluppo di nuovi traffici (es. traffici Gioia Tauro) Progettazione integrata dell Orario (rete/impianto, slot /servizi) Avvio di tavoli puntuali su temi dedicati promossi dai clienti (2.000 ton)

20 Il mercato: trend e prospettive Il potenziamento infrastrutturale Customer centricity Le azioni del Gestore orientate al mercato

21 La progettazione dell offerta (1/2) Il Catalogo Tracce Il Progetto Orario Le riprogrammazioni Internazionali Le riprogrammazioni Nazionali

22 La progettazione dell offerta (2/2) Ad Aprile 2018 sono pervenute a RFI richieste di tracce merci Per il traffico internazionale sono state assegnate 54 PAP di cui: 1 sul valico Brennero 6 sul valico Tarvisio 8 sul valico Modane 39 sui valichi Domo Luino Chiasso Nel Progetto Orario 2018 saranno considerati tutti i lavori a maggio rilevanza programmati nel sono gli interventi di potenziamento inseriti in orario 2018

23 Rete/impianto Slot/servizi PROGETTAZIONE INTEGRATA

24 Le caratteristiche dell offerta + 19% VCO COMMERCIALI rilasciate 2017vs2016

25 Il catalogo freight Network individuato dopo consultazione con le imprese ferroviarie 88 mln Tr*Km offerti nel catalogo 2018 Armonizzazione con la capacità dei terminal e con i grandi lavori Evoluzione dell offerta di slot in relazione al piano di deployment degli interventi Solo il 21% del totale tracce a catalogo sono state richieste dalle IF 300 tracce del catalogo richieste dalle IF Sviluppo di un software per la costruzione di un offerta integrata con ultimo miglio.

26 Gli Accordi Quadro garanzia di capacità richiesta priorità nell allocazione degli slot programmazione stabile pianificazione dell utilizzo ottimale della rete programmazione degli interventi di potenziamento prioritari

27 Trasporti fino a tonnellate Ascolto dell esigenza del mercato Attivazione di tavoli tecnici congiunti RFI - IF Tratti di linea con deroga al raggiungimento delle tonnellate di peso Definizione del piano di azione Attivazione del monitoraggio dei trasporti Attenzione alle ricadute in termini di capacità 2 tr/g medi effettuati con peso > 1.600T

28 La gestione del traffico 2 Maggiore flessibilità 1 Regole di gestione 3 Nuove tracce/giorno

29 I servizi di manovra Autoproduzione e GU Analisi delle specificità dei singoli impianti, per individuare le soluzioni ottimali Efficienza gestionale del servizio, con l obiettivo del contenimento dei costi Ottimizzazione della capacità nel rispetto dei principi di equità, trasparenza e non discriminazione Il ruolo di RFI

30 Grazie per l attenzione

Interventi tecnologici ed infrastrutturali per il potenziamento del trasporto merci: IL PIANO COMMERCIALE DI RFI

Interventi tecnologici ed infrastrutturali per il potenziamento del trasporto merci: IL PIANO COMMERCIALE DI RFI Interventi tecnologici ed infrastrutturali per il potenziamento del trasporto merci: IL PIANO COMMERCIALE DI RFI Dott.ssa Rosanna Simeri Commerciale Responsabile Business Merci Ing. Roberto Mancini Responsabile

Dettagli

La cura del ferro nell ultimo miglio

La cura del ferro nell ultimo miglio La cura del ferro nell ultimo miglio Senato della Repubblica Convegno FERCARGO Christian Colaneri Direttore Commerciale ed Esercizio Rete di RFI Roma, 21 novembre 2017 Le informazioni contenute nel presente

Dettagli

MERCINTRENO 2017 «Una prima analisi degli effetti sul sistema ferroviario merci della presenza del Gottardo a circa un anno dalla sua inaugurazione»

MERCINTRENO 2017 «Una prima analisi degli effetti sul sistema ferroviario merci della presenza del Gottardo a circa un anno dalla sua inaugurazione» MERCINTRENO 2017 «Una prima analisi degli effetti sul sistema ferroviario merci della presenza del Gottardo a circa un anno dalla sua inaugurazione» Dott.ssa Rosanna Simeri Responsabile Business Merci

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana - DCER Milano 9 luglio 2013

Rete Ferroviaria Italiana - DCER Milano 9 luglio 2013 Le scelte di RFI per la gestione dell infrastruttura ferroviaria: pianificazione scali, contratti e servizi di manovra Rete Ferroviaria Italiana - DCER Milano 9 luglio 201 Le sfide di RFI per il traffico

Dettagli

Programmazione dei servizi ferroviari nel Comprensorio

Programmazione dei servizi ferroviari nel Comprensorio Analisi delle misure di regolazione dei servizi della manovra ferroviaria Delibera ART n.18/2017 Programmazione dei servizi ferroviari nel Comprensorio Ing. Gianpiero Strisciuglio Direttore della Direzione

Dettagli

TRASPORT ARE LA RIPRESA

TRASPORT ARE LA RIPRESA Convegno Confcommercio Roma, 14 Maggio 2014 TRASPORT ARE LA RIPRESA Amministratore Delegato RFI Ing. Michele Mario Elia Overview 1 La rete transeuropea dei trasporti (TEN-T) e l infrastruttura ferroviaria

Dettagli

Velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini Nuovi ponti ferroviari per treni più veloci. I corridori intermodali europei della rete Ten-T

Velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini Nuovi ponti ferroviari per treni più veloci. I corridori intermodali europei della rete Ten-T Velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini Nuovi ponti ferroviari per treni più veloci I corridori intermodali europei della rete Ten-T Ing. Eugenio Fedeli Direzione Territoriale Produzione

Dettagli

I principali sistemi portuali italiani. Febbraio 2015

I principali sistemi portuali italiani. Febbraio 2015 I principali sistemi portuali italiani Febbraio 2015 I principali porti nel mondo e in Europa Mondo: Volumi di traffico nei primi 20 porti (Mln tonn) Europa: Volumi di traffico nei primi 20 porti (Mln

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dal 12 giugno2011 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO MILANO CENTRALE 10.

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dal 12 giugno2011 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO MILANO CENTRALE 10. EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO 10.11 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.49 EC 15 CHIASSO 12.11 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.49

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 13 giugno 2010

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 13 giugno 2010 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.50 EC 13 CHIASSO 10.10 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.50 EC 15 CHIASSO 12.10 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.50

Dettagli

Categ. Treno Provenienza Par. Destinazione Arr.

Categ. Treno Provenienza Par. Destinazione Arr. EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.50 EC 13 CHIASSO 10.10 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.50 EC 15 CHIASSO 12.10 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.50

Dettagli

Nuove risorse per investimenti nell Aggiornamento 2015 del Contratto di Programma tra MIT e RFI. Roma, 11 febbraio 2016

Nuove risorse per investimenti nell Aggiornamento 2015 del Contratto di Programma tra MIT e RFI. Roma, 11 febbraio 2016 Nuove risorse per investimenti nell Aggiornamento 2015 del Contratto di Programma tra MIT e RFI Roma, 11 febbraio 2016 Nuovi finanziamenti per il Contratto di Programma parte Investimenti tra il MIT e

Dettagli

MANOVRA Lo scenario di riferimento e le linee di tendenza del Piano di Attività. 24 luglio 2008 Consegnato ed illustrato alle OO.SS.

MANOVRA Lo scenario di riferimento e le linee di tendenza del Piano di Attività. 24 luglio 2008 Consegnato ed illustrato alle OO.SS. MANOVRA Lo scenario di riferimento e le linee di tendenza del Piano di Attività 24 luglio 2008 Consegnato ed illustrato alle OO.SS. Lo scenario normativo Decreto 188 Ai sensi dell art. 20, comma 2, lettera

Dettagli

Sviluppo del territorio ed efficienza della catena logistica: Quali soluzioni per il trasporto delle merci a Milano?

Sviluppo del territorio ed efficienza della catena logistica: Quali soluzioni per il trasporto delle merci a Milano? Sviluppo del territorio ed efficienza della catena logistica: Quali soluzioni per il trasporto delle merci a Milano? Mobility Conference 2008 Mario CASTALDO, Responsabile Commerciale Divisione Cargo Assolombarda

Dettagli

L ANDAMENTO DELL IMPORT-EXPORT

L ANDAMENTO DELL IMPORT-EXPORT Analisi statistiche Aprile 2010 L ANDAMENTO DELL IMPORT-EXPORT Gennaio-Dicembre 2009 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 L ANDAMENTO DELL IMPORT EXPORT GENNAIO-DICEMBRE 2009

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dall' 11 dicembre 2011 al 9 giugno 2012 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dall' 11 dicembre 2011 al 9 giugno 2012 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO 10.11 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.49 EC 15 CHIASSO 12.11 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.49

Dettagli

le parti convengono quanto segue:

le parti convengono quanto segue: Addì 11 dicembre 2007 Tra FS spa, RFI spa e TRENITALIA spa e le Organizzazioni sindacali FILT/CGIL, FIT/CISL, UILTRASPORTI, FAST Ferrovie, UGL Trasporti e ORSA Ferrovie, con riferimento al progetto di

Dettagli

MERCINTRENO. Dott.ssa Rosanna Simeri Direzione Commerciale ed Esercizio Rete Commerciale Responsabile Business Merci. Roma, 26 settembre 2017

MERCINTRENO. Dott.ssa Rosanna Simeri Direzione Commerciale ed Esercizio Rete Commerciale Responsabile Business Merci. Roma, 26 settembre 2017 MERCINTRENO Evoluzione della normativa per l accesso agli impianti di servizio Il servizio di manovra ferroviaria Gestore Unico e programmazione dei servizi Dott.ssa Rosanna Simeri Direzione Commerciale

Dettagli

Le Aree Logistiche Integrate e gli obiettivi strategici del PON I&R Ing. Giovanni Infante

Le Aree Logistiche Integrate e gli obiettivi strategici del PON I&R Ing. Giovanni Infante Le Aree Logistiche Integrate e gli obiettivi strategici del PON I&R 2014-2020 - Ing. Giovanni Infante Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per lo sviluppo del territorio la

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 12 dic 2010 all'11 giu 2011

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 12 dic 2010 all'11 giu 2011 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO 10.11 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.49 EC 15 CHIASSO 12.11 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.49

Dettagli

Venerdì 12 Marzo 1/7

Venerdì 12 Marzo 1/7 GIOVEDI' 11 MARZO 1927 EXP MILANO CENTRALE 20.15 PALERMO CENTRALE 16.00 CONFERMATO 1943 EXP TORINO P.N. 20.50 PALERMO CENTRALE 18.00 CONFERMATO VENERDI' 12 MARZO 17 EC CHIASSO 14.10 MILANO CENTRALE 14.50

Dettagli

Tavolo regionale per la mobilità delle merci. Sottogruppo 1 Infrastrutture e intermodalità

Tavolo regionale per la mobilità delle merci. Sottogruppo 1 Infrastrutture e intermodalità Tavolo regionale per la mobilità delle merci Sottogruppo 1 Infrastrutture e intermodalità Sottogruppo 1- Infrastrutture e intermodalità Premessa L Assessorato ai Trasporti e alla Mobilità della Regione

Dettagli

Andamento traffici porto di Genova

Andamento traffici porto di Genova Andamento traffici porto di Genova Composizione traffici porto di Genova 2012 32% 1% 1% 6% 2% 40% Traffico containerizzato Traffico convenzionale Rinfuse solide Oli minerali Oli vegetali, vino 16% Prodotti

Dettagli

Sviluppo e territorio: il sistema italiano della Logistica. Mercoledì 14 maggio, ore Nuova Fiera di Roma Convegno Associazione Pimby - Forum PA

Sviluppo e territorio: il sistema italiano della Logistica. Mercoledì 14 maggio, ore Nuova Fiera di Roma Convegno Associazione Pimby - Forum PA Sviluppo e territorio: il sistema italiano della Logistica Mercoledì 14 maggio, ore 10.00 Nuova Fiera di Roma Convegno Associazione Pimby - Forum PA I corridoi Transeuropei e le densità abitative 2 Il

Dettagli

Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Campana. Napoli, 12 Aprile 2017

Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Campana. Napoli, 12 Aprile 2017 Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Campana Napoli, 12 Aprile 2017 Ing. Andrea Esposito Rete Ferroviaria Italiana Direzione Commerciale ed Esercizio

Dettagli

Paolo Celentani Responsabile Marketing e Sviluppo Servizi Commerciali Trenitalia - Divisione Cargo

Paolo Celentani Responsabile Marketing e Sviluppo Servizi Commerciali Trenitalia - Divisione Cargo Intervento Paolo Celentani Responsabile Marketing e Sviluppo Servizi Commerciali Trenitalia - Divisione Cargo Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I

Dettagli

COMPLESSITA TERRITORIALI

COMPLESSITA TERRITORIALI PROGETTO PILOTA COMPLESSITA TERRITORIALI AZIONE DI SISTEMA PROGETTO PILOTA COMPLESSITA TERRITORIALI AZIONE DI SITEMA La cui IDEA PROGRAMMA è Intercettare le opportunità offerte dall asse infrastrutturale

Dettagli

Tabelle di ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale tra le strutture territoriali doganali

Tabelle di ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale tra le strutture territoriali doganali Direzioni Direzione interregionale per la Campania e la Calabria 5 318 509 832 Direzione interregionale per l Emilia Romagna e le Marche 5 310 510 825 Direzione interregionale per il Lazio e l Abruzzo

Dettagli

Il progetto delle Aree Logistiche Integrate: una opportunità per il sistema logistico nazionale. Vittorio Marzano

Il progetto delle Aree Logistiche Integrate: una opportunità per il sistema logistico nazionale. Vittorio Marzano Il progetto delle Aree Logistiche Integrate: una opportunità per il sistema logistico nazionale Vittorio Marzano Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Struttura Tecnica di Missione Forum della

Dettagli

Premessa - 0- Pagina 0. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Premessa - 0- Pagina 0. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Premessa Il PON è stato adottato dalla CE con Decisione C(2015)5451 del 29 luglio 2015 La dotazione finanziaria è pari a 1.843.733.334: 1.382.800.000 finanziati FESR e 460.933.334 % dal Fondo di Rotazione

Dettagli

LO SVILUPPO DEL TRASPORTO MERCI TRANSALPINO

LO SVILUPPO DEL TRASPORTO MERCI TRANSALPINO LO SVILUPPO DEL TRASPORTO MERCI TRANSALPINO Paolo Ciochetta NORDCARGO S.r.l. Roma, 13 dicembre 2011 IL TRAFFICO TRANSALPINO Evoluzione delle condizioni operative: - 2002: accordo UE Svizzera (armonizzazione

Dettagli

Le vie del mare per la crescita dal Piano Strategico Portualità e Logistica alla Blue Economy. Prof. Rocco Giordano Roma, 21 luglio 2015

Le vie del mare per la crescita dal Piano Strategico Portualità e Logistica alla Blue Economy. Prof. Rocco Giordano Roma, 21 luglio 2015 Le vie del mare per la crescita dal Piano Strategico Portualità e Logistica alla Blue Economy Prof. Rocco Giordano Roma, 21 luglio 2015 Alcuni focus dei temi trattati aree economiche di riferimento dei

Dettagli

Potenziamento infrastrutturale linea Pontremolese (Parma La Spezia) Stato di attuazione del Progetto Quadro Finanziario Aspetti commerciali

Potenziamento infrastrutturale linea Pontremolese (Parma La Spezia) Stato di attuazione del Progetto Quadro Finanziario Aspetti commerciali Potenziamento infrastrutturale linea Pontremolese (Parma La Spezia) Stato di attuazione del Progetto Quadro Finanziario Aspetti commerciali 10 settembre 2014 Inquadramento territoriale della linea Milano

Dettagli

Corridoio Rotterdam-Genova: quali infrastrutture per il traffico intermodale?

Corridoio Rotterdam-Genova: quali infrastrutture per il traffico intermodale? Corridoio Rotterdam-Genova: quali infrastrutture per il traffico intermodale? Workshop CODE 24 Piero Solcà Direttore Logistica Milano, 03.12.2010 Facts & figures Anno di fondazione 1967 Capitale azionario

Dettagli

Terminali Italia. Piano di Impresa aggiornamento 2013-15. Milano, 18.11.2013. Pasquale Ventrella

Terminali Italia. Piano di Impresa aggiornamento 2013-15. Milano, 18.11.2013. Pasquale Ventrella Terminali Italia Piano di Impresa aggiornamento 2013-15 Pasquale Ventrella Milano, 18.11.2013 Prodotto Interno Lordo Confronto internazionale Prodotto Interno Lordo Confronto internazionale Commercio Italia

Dettagli

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta WORKSHOP ROMA TRENTUNOMARZODUEMILAQUINDICI ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORIDCII/DUEMILAQUINDICI Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie «Parte II» Antonino Vitetta Obiettivi

Dettagli

Ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale dell Area dogane dell Agenzia

Ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale dell Area dogane dell Agenzia Ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale dell Area dogane dell Agenzia Con determinazione direttoriale n. 22086 dell 8 ottobre 2015 è stata ripartita la dotazione organica complessiva

Dettagli

MERCI IN TRENO 2014. Amministratore Delegato RFI

MERCI IN TRENO 2014. Amministratore Delegato RFI MERCI IN TRENO 2014 Il ferroviario merci in Europa: le opportunità dei finanziamenti europei per il miglioramento delle prestazioni, delle infrastrutture e dei servizi. Maurizio Gentile Amministratore

Dettagli

Delibera n. 30/2016. L Autorità, nella sua riunione del 23 marzo 2016

Delibera n. 30/2016. L Autorità, nella sua riunione del 23 marzo 2016 Delibera n. 30/2016 Servizi di manovra ferroviaria. Misura 11.6.2 di cui all Allegato alla delibera n.70/2014. Ambito di applicabilità ed avvio di un procedimento per stabilire le modalità più idonee per

Dettagli

TERZO VALICO DEI GIOVI. Carrosio, 8 febbraio 2014

TERZO VALICO DEI GIOVI. Carrosio, 8 febbraio 2014 TERZO VALICO DEI GIOVI Carrosio, 8 febbraio 2014 Importanza dell'opera Il Terzo Valico dei Giovi e' una nuova linea ferroviaria che consente di potenziare i collegamenti del sistema portuale ligure con

Dettagli

La strategicità del corridoio Ti.Bre.

La strategicità del corridoio Ti.Bre. Ti.Bre. S.r.l. Analisi di opportunità afferente al completamento della direttrice ferroviaria Tirreno-Brennero mediante il potenziamento della tratta di collegamento Parma Piadena Mantova Verona ELEMENTI

Dettagli

Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Campana. Napoli, 12 Aprile 2017

Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Campana. Napoli, 12 Aprile 2017 Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Campana Napoli, 12 Aprile 2017 Gli obiettivi strategici del PON I&R 2014-2020 e la metodologia delle ALI - Ing.

Dettagli

DINAZZANO PO s.p.a. Le merci su ferro: un esperienza pilota. Gino Maioli. 26 novembre Dinazzano Po spa

DINAZZANO PO s.p.a. Le merci su ferro: un esperienza pilota. Gino Maioli. 26 novembre Dinazzano Po spa DINAZZANO PO s.p.a 26 novembre 2016 Le merci su ferro: un esperienza pilota Gino Maioli Dinazzano Po spa L'azienda La società nata nel 1985 è oggi una delle principali realtà logistiche e del trasporto

Dettagli

Area Logistica integrata Tavolo Tecnico del Polo Logistico di Gioia Tauro

Area Logistica integrata Tavolo Tecnico del Polo Logistico di Gioia Tauro Area Logistica integrata Tavolo Tecnico del Polo Logistico di Gioia Tauro Ing. Andrea Esposito Rete Ferroviaria Italiana Direzione Commerciale ed Esercizio Rete Direttrice Tirrenica Sud Reggio Calabria,

Dettagli

DETTAGLIO PROVVEDI MENTI TRENO CAT PROVENIENZA ORA PART DESTINAZIONE ORA ARR PROVVEDIMENTI

DETTAGLIO PROVVEDI MENTI TRENO CAT PROVENIENZA ORA PART DESTINAZIONE ORA ARR PROVVEDIMENTI Sciopero delle OO.SS.: - Cub Trasporti sciopero intero settore del trasporto ferroviario (in adesione ad uno sciopero generale proclamato da CUB). Personale addetto alla Circolazione e Attività Ferroviarie

Dettagli

SOLUZIONI PER L INTEGRAZIONE DEL TRASPORTO FERROVIARIO AL TRASPORTO MARITTIMO NELLA CATENA INTERMODALE

SOLUZIONI PER L INTEGRAZIONE DEL TRASPORTO FERROVIARIO AL TRASPORTO MARITTIMO NELLA CATENA INTERMODALE SOLUZIONI PER L INTEGRAZIONE DEL TRASPORTO FERROVIARIO AL TRASPORTO MARITTIMO NELLA CATENA INTERMODALE Dr. Fabrizio Camisetti Marketing & Sales Manager GENOVA, Porto Antico Centro Congressi 11 Novembre

Dettagli

Tassi di assenza e presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale

Tassi di assenza e presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale Tassi di assenza e presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale - dati relativi al mese di aprile 2014 - AREA DOGANE DIRETTORE AGENZIA UFFICIO DEL DIRETTORE 16,5% 83,5% UFFICIO CENTRALE

Dettagli

IL SISTEMA DEI TRASPORTI IN TOSCANA E IL RUOLO STRATEGICO DEGLI AEROPORTI DI PISA E FIRENZE NELLO SCENARIO EUROPEO E NAZIONALE

IL SISTEMA DEI TRASPORTI IN TOSCANA E IL RUOLO STRATEGICO DEGLI AEROPORTI DI PISA E FIRENZE NELLO SCENARIO EUROPEO E NAZIONALE IL SISTEMA DEI TRASPORTI IN TOSCANA E IL RUOLO STRATEGICO DEGLI AEROPORTI DI PISA E FIRENZE NELLO SCENARIO EUROPEO E NAZIONALE Regione Toscana Direzione Politiche mobilità, infrastrutture e trasporto pubblico

Dettagli

515 IC VENTIMIGLIA 6.33 ROMA TERMINI 14.14 LIMITATO A PISA 10.57

515 IC VENTIMIGLIA 6.33 ROMA TERMINI 14.14 LIMITATO A PISA 10.57 Treno Partenza Arrivo N. Categoria stazione orario stazione orario Note 227 EN DOMODOSSOLA 2.30 ROMA TERMINI 9.51 CONFERMATO 235 EN TARVISIO 0.41 ROMA TERMINI 9.05 CONFERMATO 313 EN DOMODOSSOLA 1.45 ROMA

Dettagli

FuoriMuro Sviluppo del trasporto ferroviario nel nord ovest: il treno per la competitività del sistema portuale e logistico e per il rilancio dell

FuoriMuro Sviluppo del trasporto ferroviario nel nord ovest: il treno per la competitività del sistema portuale e logistico e per il rilancio dell FuoriMuro Sviluppo del trasporto ferroviario nel nord ovest: il treno per la competitività del sistema portuale e logistico e per il rilancio dell industria. Milano, 2 febbraio 2017 Guido Porta Costituzione

Dettagli

al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione RFI /TRENITALIA

al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione RFI /TRENITALIA Allegato A al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione manovra Motivi del trasferimento Con il tasfeimento trasferimento, il Gruppo Ferrovie dello Stato si allinea alle altre principali reti

Dettagli

LO SVILUPPO DEL TRASPORTO FERROVIARIO: IL CASO TRENTO RONCAFORT

LO SVILUPPO DEL TRASPORTO FERROVIARIO: IL CASO TRENTO RONCAFORT IL TRASPORTO FERROVIARIO DELLE MERCI E LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE Verona, 22 novembre 2013 LO SVILUPPO DEL TRASPORTO FERROVIARIO: IL CASO TRENTO RONCAFORT Flavio Maria Tarolli Direttore

Dettagli

I valichi alpini Febbraio 2015

I valichi alpini Febbraio 2015 I valichi alpini Febbraio 2015 L Italia si trova all incrocio dei principali assi di traffico europei L asse Nord-Sud resta quello principale per volumi e per quota della modalità ferroviaria L asse Est

Dettagli

Incontro con il Partenariato Economico del Tavolo Tecnico del Polo Logistico di Gioia Tauro. Catanzaro, 21 giugno 2017

Incontro con il Partenariato Economico del Tavolo Tecnico del Polo Logistico di Gioia Tauro. Catanzaro, 21 giugno 2017 Incontro con il Partenariato Economico del Tavolo Tecnico del Polo Logistico di Gioia Tauro Catanzaro, 21 giugno 2017 Indice Le Aree Logistiche Integrate e gli obiettivi strategici del PON I&R 2014-2020

Dettagli

TEN-T e Connecting Europe Facility

TEN-T e Connecting Europe Facility TEN-T e Connecting Europe Facility Cenni storici 1957 Trattato istitutivo della CEE - Politica comune nel settore dei trasporti indicata tra le principali finalità (art. 3, punto e); ai trasporti è dedicato

Dettagli

Dr. Alberto Grisone, Director Network Development Milano,

Dr. Alberto Grisone, Director Network Development Milano, Dr. Alberto Grisone, Director Network Development Milano, 24.11.2014 Traffico combinato sulla corsia di sorpasso 18 Prestazioni di traffico transito alpino CH in mio. t Modal split in t., 2013 16 14 12

Dettagli

rete viaria d d interesse nazionale

rete viaria d d interesse nazionale VIABILITA ITALIA rete viaria d d interesse nazionale saranno possibili variazioni in relazione agli avanzamenti dei lavori 22 NORD-OVEST 20 luglio - 2 settembre 2012 A5 Torino Aosta tratto Torino Quincinetto

Dettagli

Atto di regolazione. Misure di regolazione volte a garantire l economicità e l efficienza gestionale dei servizi di manovra ferroviaria

Atto di regolazione. Misure di regolazione volte a garantire l economicità e l efficienza gestionale dei servizi di manovra ferroviaria Allegato A) alla delibera n. 18/2017 Atto di regolazione Misure di regolazione volte a garantire l economicità e l efficienza gestionale 1 SOMMARIO Nota di lettura... 3 Capo I. Obblighi generali... 4 Misura

Dettagli

2013 Profilo aziendale

2013 Profilo aziendale Profilo aziendale 2013 Il gruppo gestisce oggi una delle infrastrutture logistiche e intermodali più grandi in Europa, 2013 piattaforma sostenibile di una logistica innovativa e globale 1971 Il gruppo

Dettagli

MARINA DI CARRARA E LA COSTA

MARINA DI CARRARA E LA COSTA La Riviera Apuana MARINA DI CARRARA E LA COSTA LA BELLEZZA DI UN LUOGO AI CONFINI TRA IL MARE, LA TERRA E IL CIELO La bellezza della natura COME ERA La macchia mediterranea Una volta Cartolina del passato

Dettagli

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network;

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Porto di Ancona Posizionamento Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Corridoio scandinavo-mediterraneo (38% traffico tir del porto proviene da Paesi lungo questo asse, Italia esclusa);

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI S.I.S.Te.M.A.

I NUOVI PROGRAMMI S.I.S.Te.M.A. Allegato 1 I NUOVI PROGRAMMI S.I.S.Te.M.A. I sistemi territoriali ed i contesti-bersaglio individuati B A C E H 8 K D F G I J - 1 2 3 4 6 7 5 Progetto Pilota Complessità territoriali (Centro-nord) Progetto

Dettagli

BREVE SINTESI STUDI E PROGETTI SVILUPPATI DALL A.I.O.M. AGENZIA IMPRENDITORIALE OPERATORI MARITTIMI

BREVE SINTESI STUDI E PROGETTI SVILUPPATI DALL A.I.O.M. AGENZIA IMPRENDITORIALE OPERATORI MARITTIMI BREVE SINTESI STUDI E PROGETTI SVILUPPATI DALL A.I.O.M. AGENZIA IMPRENDITORIALE OPERATORI MARITTIMI 2016 IL SISTEMA LOGISTICO DEL NORD EST E IL RUOLO DELL INTERPORTO DI PADOVA - INTERPORTO DI PADOVA S.P.A.

Dettagli

INTERPORTO PADOVA SPA CENTRO AVANZATO DI LOGISTICA SOSTENIBILE.

INTERPORTO PADOVA SPA CENTRO AVANZATO DI LOGISTICA SOSTENIBILE. INTERPORTO PADOVA SPA CENTRO AVANZATO DI LOGISTICA SOSTENIBILE www.interportopd.it INTERPORTI DEL NORD EST Trento Pordenone Cervignano Verona Padova Rovigo Venezia Portogruaro Parma Bologna Nodo «core»

Dettagli

passeggeri e misure di snellimento delle procedure e innovazione amministrativa per l adozione dei Piani Regolatori Portuali.

passeggeri e misure di snellimento delle procedure e innovazione amministrativa per l adozione dei Piani Regolatori Portuali. Roma, 28 luglio 016 Porti più competitivi per fare crescere il Paese: approvato il decreto per semplificazione, razionalizzazione e riorganizzazione dei porti 15 Autorità di sistema portuale coordinano

Dettagli

1. ZES e politiche di sviluppo

1. ZES e politiche di sviluppo PRESENTAZIONE CINQUE OBIETTIVI STRATEGICI 1. ZES e politiche di sviluppo 2. Gateway 3. Hub Transhipment 4. Sistema portuale 5. Ricerca e formazione 1.1 Contesto e criticità 1. ZES e politiche di sviluppo

Dettagli

Alberto Milotti CERTeT Università Bocconi MEMIT Università Bocconi

Alberto Milotti CERTeT Università Bocconi MEMIT Università Bocconi Alberto Milotti Università Bocconi MEMIT Università Bocconi Trento 15 Aprile 2016 1 La filiera del trasporto intermodale Contesto politico-normativo Strada Terminal Ferrovia Terminal Strada Autotra sportatore

Dettagli

IL NUOVO PIANO COMMERCIALE DI RFI. Bologna, 16 Dicembre 2014

IL NUOVO PIANO COMMERCIALE DI RFI. Bologna, 16 Dicembre 2014 IL NUOVO PIANO COMMERCIALE DI RFI Bologna, 16 Dicembre 2014 1 Recast - Strategia di sviluppo dell infrastruttura Rif. Direttiva 2012/34/UE del 21 novembre 2012 art. 8 Entro il 16 dicembre 2014, ogni Stato

Dettagli

Cura del ferro e logistica sostenibile

Cura del ferro e logistica sostenibile Cura del ferro e logistica sostenibile FORUM DI PIETRARSA... un anno dopo La cura del ferro oggi e domani Portici, 15 novembre 2017 Prof. Ing. Ennio Cascetta Amministratore Unico, RAM Spa Una nuova stagione

Dettagli

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 09 giugno 2009

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 09 giugno 2009 Incontro con OO.SS. Divisione Cargo Roma, 09 giugno 2009 Indice Il Mercato Potenziale Lo scenario economico di riferimento Il piano commerciale 2 I volumi nei porti Anno 2006 Mercato non potenziale - Rinfuse

Dettagli

Corridoio Scandinavia - Mediterraneo Itinerario AV/AC Napoli Bari

Corridoio Scandinavia - Mediterraneo Itinerario AV/AC Napoli Bari Corridoio Scandinavia - Mediterraneo Itinerario AV/AC Napoli Bari Legge 11 novembre 2014, n. 164, di conversione del Decreto Legge n.133/2014 «Sblocca Italia» Grottaminarda, 15 dicembre 2014 1 Il Gruppo

Dettagli

PARCO LOGISTICO INTERMODALE DI MORTARA PRESENTAZIONE PROF. ANDREA ASTOLFI

PARCO LOGISTICO INTERMODALE DI MORTARA PRESENTAZIONE PROF. ANDREA ASTOLFI DI MORTARA PRESENTAZIONE PROF. ANDREA ASTOLFI l idea La Polo Logistico Integrato di Mortara spa (*) ha realizzato a Mortara un innovativo progetto che unisce: SERVIZI INTERMODALITÀ MORTARA LOGISTICA VERDE

Dettagli

Verso un sistema logistico integrato: le sfide della logistica e dei trasporti tra criticità e proposte

Verso un sistema logistico integrato: le sfide della logistica e dei trasporti tra criticità e proposte Verso un sistema logistico integrato: le sfide della logistica e dei trasporti tra criticità e proposte L Italia L Italia si si fa fa strada Intervento Prof.ssa Francesca Moraci Consigliere di Amministrazione

Dettagli

Logistica e intermodalità merci in Lombardia: le condizioni per lo sviluppo

Logistica e intermodalità merci in Lombardia: le condizioni per lo sviluppo Logistica e intermodalità merci in Lombardia: le condizioni per lo sviluppo Convegno, Assolombarda 07 febbraio 2011 Ing. Giorgio Pennacchi Direttore Engineering Gruppo HUPAC Davanti a noi c è il presente,

Dettagli

I Terminal nel Trasporto Intermodale. Terminali Italia La Società

I Terminal nel Trasporto Intermodale. Terminali Italia La Società I Terminal nel Trasporto Intermodale Terminali Italia La Società Direttore Operativo Olimpia Di Naro Lugo, 27 Marzo 2015 Rete TEN-T: i Core Corridors che interessano l Italia Corridoio Baltico Adriatico

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO UFFICIALE(U)

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO UFFICIALE(U) MIUR.AOODGEFID.REGISTRO UFFICIALE(U).0038316.27-12-2017 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alle Istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado c.a. Dirigenti scolastici LORO

Dettagli

I servizi di trasporto combinato tra la Lombardia e il Baden- Wuerttemberg

I servizi di trasporto combinato tra la Lombardia e il Baden- Wuerttemberg 1 TRANSITECTS Workshop I servizi di trasporto combinato tra la Lombardia e il Baden- Wuerttemberg Milano 29/06/2012 Carlo Vaghi Carlo.vaghi@unibocconi.it Il contesto di riferimento dell intermodalità in

Dettagli

Treni con orario soggetto a possibili variazioni per lavori di manutenzione e potenziamento della linea nel periodo 10 dicembre giugno 2018

Treni con orario soggetto a possibili variazioni per lavori di manutenzione e potenziamento della linea nel periodo 10 dicembre giugno 2018 Treni con orario soggetto a possibili variazioni per lavori di manutenzione e potenziamento della linea nel periodo 10 dicembre 2017-9 giugno 2018 Stazione di Stazione di + 5 minuti 23405 23405/23406 L

Dettagli

Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Sistema Pugliese e Lucano Bari, 6 Febbraio 2017

Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Sistema Pugliese e Lucano Bari, 6 Febbraio 2017 Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Sistema Pugliese e Lucano Bari, 6 Febbraio 2017 Il Documento Strategico di Sviluppo dell Area Logistica Integrata

Dettagli

Andare oltre i luoghi comuni: Concentrare risorse ed investimenti solo in pochi porti grandi e specializzarli

Andare oltre i luoghi comuni: Concentrare risorse ed investimenti solo in pochi porti grandi e specializzarli Concentrare risorse ed investimenti solo in pochi porti grandi e specializzarli La dittatura della geografia: l Italia è lunga e montagnosa, 8.000 km. di coste, disseminata di isole grandi e piccole. L

Dettagli

Scenario Esterno e Piano d Impresa pag.1/33 L evoluzione del trasporto di merci in Europa Evoluzione trasporti merci Unione Europea Quota Modale Ferrovia M.di tonn*km Strada 0,2 14,7% 14,3% Cabotaggio

Dettagli

Il SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO DEL PIEMONTE

Il SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO DEL PIEMONTE 2011 Il SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO DEL PIEMONTE Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio 1 Torino, 2 maggio 2011 Sommario Fotografia della dotazione

Dettagli

Treno Partenza Ora Arrivo Ora Provvedimenti IC 615 MILANO C.LE 9.45 CROTONE RITARDO PREVISTO 10 MINUTI

Treno Partenza Ora Arrivo Ora Provvedimenti IC 615 MILANO C.LE 9.45 CROTONE RITARDO PREVISTO 10 MINUTI DAL 15 AL 28 FEBBRAIO 2011 LINEE: MILANO - LECCE; MILANO - BARI - CROTONE; TORINO - LECCE; BOLZANO - LECCE; VENEZIA - BARI MODIFICHE CIRCOLAZIONE TRENI Da martedì 15 a lunedì 28 febbraio 2011, per lavori

Dettagli

DESTABILIZZAZIONE DELL AREA DEL MEDITERRANEO E I NUOVI SCENARI DEL

DESTABILIZZAZIONE DELL AREA DEL MEDITERRANEO E I NUOVI SCENARI DEL DESTABILIZZAZIONE DELL AREA DEL MEDITERRANEO E I NUOVI SCENARI DEL TRAFFICO DELLE MERCI I vincoli e le opportunità di sviluppo dei corridoi intermodali tirrenico e adriatico ANDREA APPETECCHIA Roma, 6

Dettagli

12 E 13 SETTEMBRE 2009 LINEA FIRENZE - ROMA MODIFICHE CIRCOLAZIONE TRENI

12 E 13 SETTEMBRE 2009 LINEA FIRENZE - ROMA MODIFICHE CIRCOLAZIONE TRENI LINEA FIRENZE - ROMA MODIFICHE CIRCOLAZIONE TRENI Sabato 12 e domenica 13 settembre 2009, per lavori di potenziamento infrastrutturale nei pressi di Chiusi, i seguenti treni sulla linea Firenze- Roma subiranno

Dettagli

EVOLUZIONE DELL ERTMS PER I BISOGNI DELLE LINEE LOCALI E REGIONALI

EVOLUZIONE DELL ERTMS PER I BISOGNI DELLE LINEE LOCALI E REGIONALI EVOLUZIONE DELL ERTMS PER I BISOGNI DELLE LINEE LOCALI E REGIONALI Fabio Senesi RFI Responsabile di Standard Tecnologie Indice L esperienza di RFI nel sistema ERTMS: 10 anni di operatività Come valorizzare

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00215888 Data invio 27/01/2014

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005 Evoluzione del sistema ferroviario Marsiglia, 29 marzo 2005 Progetti Prioritari della rete TEN e corridoi Paneuropei interessanti l Italia Tratti italiani del Progetto Prioritario 6 (TEN) e del Corridoio

Dettagli

MIT: l Italia, il San Gottardo, i valichi e i corridoi europei. Delrio, modernizzazione traffico merci

MIT: l Italia, il San Gottardo, i valichi e i corridoi europei. Delrio, modernizzazione traffico merci MIT: l Italia, il San Gottardo, i valichi e i corridoi europei. Delrio, modernizzazione traffico merci Author : com Date : 1 giugno 2016 (FERPRESS) - Roma, 1 GIU - "Per il Governo Renzi il potenziamento

Dettagli

PREMESSE Competenze ANSF assunte dal 1 gennaio 2010 (verbale n. 2 del 22/12/09):

PREMESSE Competenze ANSF assunte dal 1 gennaio 2010 (verbale n. 2 del 22/12/09): DIRETTIVA Adempimenti del Gestore dell Infrastruttura RFI concernenti la sicurezza della circolazione ferroviaria e attività propedeutiche al rilascio dell autorizzazione di sicurezza PREMESSE Competenze

Dettagli

Interporto di Trieste

Interporto di Trieste Interporto di Trieste Interporto di Trieste è situato sul confine italo-sloveno, all incrocio di due corridoi europei, quello Adriatico-Baltico e quello Mediterraneo opera da più di 30 anni nell interscambio

Dettagli

Incontro con OO.SS. Roma, 30 ottobre 2012

Incontro con OO.SS. Roma, 30 ottobre 2012 Incontro con OO.SS. Roma, 30 ottobre Scenario economico di riferimento Andamento produzione industriale e volumi Trenitalia Cargo A fronte di un trend pesantemente negativo della produzione industriale

Dettagli

Le opere infrastrutturali: l esperienza ligure

Le opere infrastrutturali: l esperienza ligure Le opere infrastrutturali: l esperienza ligure 1 Esercizio e gestione di reti di trasporto pubblico di interesse regionale e locale: Esperienze europee a confronto GENOVA - Facoltà di Ingegneria - Villa

Dettagli

Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA. Evoluzione del traffico ferroviario. Potenziamento linea adriatica

Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA. Evoluzione del traffico ferroviario. Potenziamento linea adriatica Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA Evoluzione del traffico ferroviario Potenziamento linea adriatica Corridoi transeuropei 2 La strategia merci di RFI Concentrazione del reticolo degli scali serviti e

Dettagli

I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità

I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità Intermodal Connections in the Adriatic Ionian Macro Region I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità Roberto Laghezza Direttore Direttrice Adriatica Ancona, 02 Luglio 2015 La Rete TEN-T che attraversa

Dettagli

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno Legnano, 5 maggio 2009 FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno 1 Progetti Prioritari rete TEN e corridoi paneuropei 2 Progetto Prioritario 6 (TEN.T) e del Corridoio Paneuropeo V Connessione con il sistema dei

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana SpA. Tecnologie per una Rete Sicura & Interoperabile. Paola Firmi Direzione Tecnica Milano, 20 febbraio 2017

Rete Ferroviaria Italiana SpA. Tecnologie per una Rete Sicura & Interoperabile. Paola Firmi Direzione Tecnica Milano, 20 febbraio 2017 Rete Ferroviaria Italiana SpA Tecnologie per una Rete Sicura & Interoperabile Paola Firmi Direzione Tecnica Milano, 20 febbraio 2017 Indice A B C D La Direzione Tecnica per le tecnologie Focus Piano Industriale

Dettagli

L MOLO ITALIA: ANALISI MERCEOL

L MOLO ITALIA: ANALISI MERCEOL MASTERPLAN DELLA LOGISTICA DEL MOLO ITALIA: ANALISI MERCEOLOGICA E MODULO 1 - CORRIDOIO GENOVA ROTTERDAM - Rapporto finale - Roma, Ottobre 2005 INDICE Considerazioni di sintesi Pag. 1 Parte prima ANALISI

Dettagli

Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Campana Giancarlo Laguzzi - Presidente FerCargo

Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata Campana Giancarlo Laguzzi - Presidente FerCargo Primo incontro con il Partenariato Economico Tavolo Tecnico dell Area Logistica Integrata ampana Giancarlo Laguzzi - Presidente Ferargo Napoli, 12 aprile 2017 1 riticità ed Ferargo riticità verso La Svizzera

Dettagli