Prof.ssa Annalisa Sentuti. Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Prima Parte. 1. Inquadramento dell Economia Aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof.ssa Annalisa Sentuti. Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Prima Parte. 1. Inquadramento dell Economia Aziendale"

Transcript

1 Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Laurea Triennale in Lingue e Culture Straniere Curriculum Linguistico Aziendale (LIN-AZ) Corso di Economia Aziendale A.A Materiale Didattico Integrativo: Prima Parte L Attività Economica Prof.ssa Annalisa Sentuti Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Prima Parte L ATTIVITÀ ECONOMICA 1. Inquadramento dell Economia Aziendale 2. La natura del problema economico: la relazione bisogni, beni, attività economica 3. Gli istituti che svolgono prevalentemente l attività economica: famiglie, imprese, aziende pubbliche, aziende non profit. 2 1

2 Inquadramento dell Economia Aziendale CHE COS È L ECONOMIA AZIENDALE? PASSATO 1) rilevazione dei fatti amministrativi (acquisti, vendite, pagamenti salari, ecc.) 2) determinazione dei risultati (entrate, uscite, costi, ricavi, redditi, ecc.) PRESENTE 1) Contabilità e controllo di gestione 2) Strategia e Marketing 3) Organizzazione aziendale 3) interpretazione dei fatti e dei risultati Dalla RAGIONERIA all ECONOMIA AZIENDALE È un ramo della Scienza Economica che studia il comportamento delle aziende. 3 Inquadramento dell Economia Aziendale LA SCIENZA ECONOMICA E LE SUE DIVERSE DISCIPLINE SCIENZA ECONOMICA Studia le scelte operate dagli uomini al fine di adattare mezzi scarsi a molteplici bisogni umani ECONOMIA POLITICA Studia i fenomeni economici dei grandi aggregati regionali, nazionali ed internazionali: Macro Economia: fenomeni a livello di sistema (sviluppo, occupazione, inflazione, ecc.) Micro Economia: forme di mercato, modelli di comportamento di produttori e consumatori ECONOMIA AZIENDALE Studia i fenomeni economici a livello di aziende singole o di classi particolari di aziende (comportamento dell azienda o di una particolare tipologia di aziende) 4 2

3 Inquadramento dell Economia Aziendale Quindi sia la Micro Economia che l Economia Aziendale studiano il comportamento dell azienda, ma adottano un DIVERSO MODELLO DEL PROCESSO DECISIONALE che è alla base del comportamento aziendale Il processo decisionale viene studiato secondo due fondamentali approcci: MICRO ECONOMIA MODELLO DELLA RAZIONALITÀ TOTALE (o obiettiva o assoluta) Riferimenti: Pareto, Savage, Von Neuman Protagonista: UOMO ECONOMICO ECONOMIA AZIENDALE MODELLO DELLA RAZIONALITÀ LIMITATA Riferimenti: Herbert Simon Protagonista: UOMO AMMINISTRATIVO 5 Inquadramento dell Economia Aziendale COME DECIDONO LE PERSONE? SECONDO LA TEORICA ECONOMICA CLASSICA i processi decisionali degli individui sono razionali, basati su una conoscenza perfetta della realtà e giungono a soluzioni ottimali (modello astratto). SIMON introduce il concetto di razionalità limitata: l uomo compie scelte seguendo un processo decisionale sequenziale e iterativo, basandosi in modo più o meno consapevole su rappresentazioni semplificate e selettive della realtà, e giungendo a soluzioni soddisfacenti. 6 3

4 Inquadramento dell Economia Aziendale COME DECIDONO LE PERSONE? UN ESEMPIO Andrea si è iscritto alla Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell Università di Urbino. Vive a Catania ma intende trasferirsi stabilmente in Urbino per l intero Anno Accademico. Andrea deve quindi decidere quale soluzione scegliere come propria abitazione ad Urbino COME DECIDERÀ?! 7 Inquadramento dell Economia Aziendale COME DECIDONO LE PERSONE? SECONDO LA TEORICA ECONOMICA CLASSICA Andrea: conosce perfettamente il problema e l obiettivo da ottimizzare; ha immediatamente e gratuitamente tutte le informazioni relative alle possibili scelte alternative; sa perfettamente quali saranno le conseguenze di tutte le sue possibili decisioni; può confrontare simultaneamente tutte le alternative; decide in modo autonomo ed isolato; sceglierà l alternativa migliore. Nella realtà, queste ipotesi si verificano solo parzialmente 8 4

5 Inquadramento dell Economia Aziendale COME DECIDONO LE PERSONE? SECONDO SIMON Andrea: parte da un insieme di aspettative iniziali ( vorrei una stanza singola, in un appartamento grande e luminoso, in pieno centro, da condividere con massimo un altra persona, ad un prezzo di al mese ) individua alcune possibili soluzioni mediante una ricerca esplorativa (fa un po di ricerche su internet, contatta un amico che ha studiato ad Urbino 10 anni fa, va ad Urbino qualche giorno per cercare sul posto individua 5 possibili soluzioni alternative) esamina e valuta una prima soluzione (corrisponde alle attese? Sì/No) aggiusta le attese (verso l alto o verso il basso), valuta in sequenza altre possibili soluzioni confrontandole sulla base delle nuove aspettative, le attese si modificano di nuovo ad un certo punto Andrea sceglie la soluzione compatibile (soddisfacente) con le attese via via adattate ( una stanza doppia, in un appartamento grande e luminoso, a 3 km dal centro, da condividere con altre tre persone ). 9 Inquadramento dell Economia Aziendale COME È COME OPERA Modello della razionalità obiettiva UOMO ECONOMICO - onnisciente - obiettivamente razionale - in grado di scegliere sempre l alternativa migliore, in senso assoluto individua il problema raccoglie tutte le informazioni necessarie per impostare e definire al meglio il problema individua tutte le alternative di soluzione individua tutte le conseguenze associate a ciascuna alternativa infine sceglie l alternativa migliore Modello della razionalità limitata UOMO AMMINISTRATIVO - ha conoscenze limitate - è limitatamente razionale - sceglie alternative soddisfacenti definisce, sulla base di conoscenze e capacità limitate, i problemi che percepisce (non li conosce tutti) sviluppa alcune alternative (non riesce ad immaginarle tutte e non conosce tutte le conseguenze associate ad ogni alternativa sceglie l alternativa che più lo soddisfa (non necessariamente la migliore) Questo non significa che il processo decisionale non è razionale: il processo decisionale e la scelta finale sono razionali, ma la razionalità è limitata, non assoluta. 10 5

6 Inquadramento dell Economia Aziendale L Economia Aziendale si basa sul concetto di razionalità limitata: l azienda attua un processo decisionale razionale, giunge a soluzioni razionali, ma non è in grado di individuare l alternativa migliore in assoluto. L Economia Aziendale analizza il comportamento aziendale per sviluppare conoscenze, modelli, e strumenti che possano aiutare l azienda nelle sue decisioni. 11 Inquadramento dell Economia Aziendale L E.A. è una SCIENZA EMPIRICA AMBIENTE/ COMPORTAMENTO AZIENDA Modelli decisionali (normativi) osservazione comportamenti di successo/insuccesso Generalizzione modelli interpretativi Astrazione cause MA QUALI SONO LE DECISIONI CHE DEVE PRENDERE UN AZIENDA?! 12 6

7 Inquadramento dell Economia Aziendale ECCO ALCUNI ASPETTI ED ELEMENTI CHE RICHIEDONO UNA SCELTA ED I RISPETTIVI MODELLI/STRUMENTI DECISIONALI CHE VEDREMO: DECISIONI MODELLI/STRUMENTI Che tipo di azienda mi conviene costituire? Quale forma organizzativa è più adatta per la mia attività imprenditoriale? Quanta quantità di prodotto devo vendere prima di iniziare a conseguire un profitto? Qual è il modo migliore per finanziare la mia azienda? Mi conviene continuare la mia attività imprenditoriale? Forme giuridiche d impresa Modelli organizzativi Analisi del Break Even Point Leva finanziaria Criterio dell Economicità 13 Inquadramento dell Economia Aziendale Il processo decisionale è alla base del comportamento delle aziende, ma è solo uno dei suoi componenti. Il comportamento economico delle aziende, infatti, si compone di quattro processi distinti: 1) processo di decisione 2) processo di esecuzione 3) processo di controllo 4) feed-back o informazione di ritorno 14 7

8 Inquadramento dell Economia Aziendale Riguarda tutti gli aspetti e gli elementi che richiedono una scelta. Ad esempio: - l organizzazione - il tipo di prodotto - il nome del prodotto - il marchio - la confezione - la pubblicità - il prezzo - i canali distributivi - il risultato economico PROCESSO DI DECISIONE In questa fase l azienda PROGRAMMA la sua attività: Quali obiettivi raggiungere? In quanto tempo? Mediante quali azioni? 15 Inquadramento dell Economia Aziendale PROCESSO DI DECISIONE I tre livelli della PROGRAMMAZIONE 1. Programmazione Strategica: traduce la mission aziendale in obiettivi di lungo termine (oltre i 5 anni). Tiene conto dei punti di forza Strengths) e dei punti di debolezza (Weaknesses) dell azienda; delle opportunità (Opportunities) e delle minacce (Threats) derivanti dall ambiente di riferimento (Analisi SWOT ) 2. Programmazione Tattica: traduce gli obiettivi strategici in obiettivi di medio periodo (3-5 anni). 3. Programmazione Operativa-Gestionale: traduce gli obiettivi tattici in obiettivi gestionali annuali (1 anno.) Definisce dettagliatamente tempi e risorse necessarie per il conseguimento degli obiettivi (es. budget annuali). 16 8

9 Inquadramento dell Economia Aziendale PROCESSO DI ESECUZIONE È il momento in cui viene tradotto in pratica quanto stabilito nella fase della decisione. In questa fase si rileva gradualmente anche il risultato effettivo prodotto. PROCESSO DI CONTROLLO Si svolge secondo due fasi logiche: 1) confronto fra il risultato preventivato e il risultato effettivo; 2) analisi degli scostamenti ed individuazione delle cause degli stessi. Perché non siamo stati efficaci? C è stato un errore di programmazione? C è stato un errore di esecuzione? FEED-BACK (meccanismo di correzione) Flusso informativo di ritorno che rimette in moto il processo di decisione, con l obiettivo di eliminare l eventuale scostamento tra risultati preventivati e risultati ottenuti. 17 Inquadramento dell Economia Aziendale La relazione tra le diverse fasi del comportamento economico aziendale può essere rappresentata mediante il seguente schema: Processo di DECISIONE Processo di ESECUZIONE Processo di CONTROLLO Feed-back (meccanismo di correzione) 18 9

10 Inquadramento dell Economia Aziendale ESEMPIO Un azienda che opera nel settore meccanico si propone di incrementare le vendite di in un anno, passando da di fatturato a Fase 1 DECISIONE Schema di Programmazione Annuale Definizione obiettivi annuali Definizione obiettivi mensili Attività Budget Incrementare le vendite del 10%: Incrementare le vendite mensili di Sviluppo nuovi prodotti Sviluppo nuovi servizi Promozione del prodotto Partecipazione a fiere... Personale... Materie prime... Promozione... Analisi di mercato... Spese di viaggio Inquadramento dell Economia Aziendale ESEMPIO (segue) Fase 2 ESECUZIONE A Viene tradotto in pratica quanto stabilito nella fase precedente. Al termine dell anno, le vendite sono aumentate di Fase 3 CONTROLLO A 1. Confronto tra quanto preventivato ( ) e quanto effettivamente realizzato ( ). 2. Analisi dello scostamento e individuazione delle cause: tipo di promozione, problemi organizzativi, errate analisi, difficoltà del processo produttivo, ecc. Fase 4 FEED-BACK A 1. Errore di attuazione: rimuovere le inefficienze del processo produttivo, cambiare fornitori, intervenire sulla formazione del personale, ecc. 2. Errore di programmazione: revisione degli obiettivi e dei programmi di azione 20 10

11 Inquadramento dell Economia Aziendale ESEMPIO (segue) Fase 2 ESECUZIONE B Viene tradotto in pratica quanto stabilito nella fase precedente. Al termine dell anno, le vendite sono aumentate di Fase 3 CONTROLLO B 1. Confronto tra quanto preventivato ( ) e quanto effettivamente realizzato ( ). 2. Analisi dello scostamento e individuazione delle cause: il miglior risultato dipende direttamente dall azienda o è stato influenzato da eventi straordinari, episodici, ecc.? Fase 4 FEED-BACK B 1. Causa interna: rivedere gli obiettivi ed i programmi di azione 2. Causa esterna: rivedere gli obiettivi ed i programmi di azione 21 Inquadramento dell Economia Aziendale Riassumendo: la relazione tra le diverse fasi del comportamento economico aziendale può essere rappresentata mediante il seguente schema: DECISIONE Programmazione dell attività a livello: Strategico Tattico Operativo ESECUZIONE Azione che trasforma la Programmazione in risultato CONTROLLO Confronto tra risultato preventivato ed effettivo. Analisi degli scostamenti. Feed-back (meccanismo di correzione) SISTEMA INFORMATIVO Il SIA è l insieme delle strutture e delle procedure che raccolgono, conservano, elaborano e distribuiscono dati e informazioni aziendali con l obiettivo di sostenere i soggetti aziendali preposti all attività decisionale e di controllo e di soddisfare il fabbisogno informativo di soggetti esterni all azienda

12 Inquadramento dell Economia Aziendale QUINDI L ECONOMIA AZIENDALE studia il COMPORTAMENTO DELL AZIENDA e quindi studia i processi di decisione, esecuzione, controllo e feed-back e il sistema informativo come strumento che li collega, IN BASE AL MODELLO DELLA RAZIONALITÀ LIMITATA. 23 Parte 1 L ATTIVITÀ ECONOMICA 1. Inquadramento dell Economia Aziendale 2. La natura del problema economico: la relazione bisogni, beni, attività economica 3. Gli istituti che svolgono prevalentemente l attività economica: famiglie, imprese, aziende pubbliche, aziende non profit

13 La natura del problema economico L ECONOMIA AZIENDALE studia il comportamento dell AZIENDA... Ma che cos è un azienda? E a cosa serve? 25 L azienda e i bisogni umani L azienda contribuisce a soddisfare i bisogni umani. Le persone, durante la loro vita, perseguono FINI di natura varia e di diverso grado. Il perseguimento di tali fini genera in esse dei BISOGNI. Per soddisfare i bisogni le persone devono, tra l altro, produrre e consumare dei BENI (ATTIVITÀ ECONOMICA)

14 Che cosa sono i bisogni umani Il bisogno può essere definito come uno stato di insoddisfazione derivante dalla mancanza di qualcosa che è necessario o che si desidera. Il bisogno crea una sensazione spiacevole che l uomo cerca di eliminare. Esso si manifesta in modo soggettivo: è un desiderio di qualcosa, utile a superare uno stato di insoddisfazione dovuto ad una mancanza. Alcune classificazioni dei bisogni: Bisogni primari vs Bisogni secondari Bisogni individuali vs Bisogni sociali o collettivi Essenziali vs Voluttuari 27 Che cosa sono i bisogni umani Bisogni primari: sono legati a esigenze fondamentali della vita dell uomo ed originati dalla componente biologica della persona (mangiare, bere, dormire ecc.). Sono universali, ovvero pressoché uguali per tutte le persone, in tutti i tempi e in ogni luogo. Bisogni secondari: nascono dal desiderio di migliorare la qualità della vita e, solitamente, sono avvertiti dopo che sono state soddisfatti i bisogni primari (viaggiare, praticare sport, divertirsi, ecc.) Bisogni individuali: riguardano l uomo come singola persona (imparare una lingua straniera, andare al cinema, ecc.). Bisogni sociali o collettivi: suscitati dal fatto che le singole persone interagiscono con altre persone e sono membri di una comunità (giustizia, sicurezza, assistenza sanitaria, informazione, ecc.). Cambiano in funzione della società di appartenenza

15 Che cosa sono i bisogni umani Bisogni essenziali: sono relativi alle esigenze primarie. Bisogni voluttuari: sono secondari o superflui. Sono fortemente influenzati (e talvolta creati) dai processi imitativi e dimostrativi connessi alle mode, ai gruppi di appartenenza, ecc. Esempi Bere è un bisogno fisiologico. Ad esso può corrispondere un bisogno essenziale (bere acqua) o voluttuario (bere succo di frutta). La sicurezza è un bisogno sociale. Ad esso può corrispondere un bisogno essenziale (sicurezza pubblica) oppure voluttuario (ultimo modello di antifurto per la casa). Ognuno elabora la propria scala dei bisogni, mettendo in ordine di importanza e preferenza le varie necessità. Ognuno compie scelte economiche per ottenere la massima soddisfazione con il minimo dispendio di mezzi. 29 Una nota teoria in materia: la scala gerarchica dei bisogni di Abram Maslow (1964). A) Bisogni ragionevolmente soddisfatti - FISIOLOGICI : legati alla componente fisica delle persone (mangiare, bere, dormire, ecc.) - di SICUREZZA: protezione della vita fisica, sicurezza dell ambiente di lavoro, ecc. - di SOCIALITA : relazioni interpersonali positive, appartenenza ad un gruppo, amicizia, affetto, ecc. B) Bisogni in tensione - STIMA DI SÈ : esigenza di poter esprimere valutazioni positive sul proprio operato - STIMA DEGLI ALTRI: esigenza di ottenere valutazioni positive sul proprio operato da parte di altri (status, prestigio, potere) - AUTOREALIZZAZIONE : esigenza di poter esprimere ed utilizzare tutte le proprie conoscenze e capacità e di sviluppare le proprie potenzialità Che cosa sono i bisogni umani 30 15

16 Che cosa sono i bisogni umani I bisogni delle persone si dispongono in gerarchia (cioè in un ordine di priorità) in funzione del reddito: al variare del reddito variano le priorità dei bisogni e di conseguenza le scelte per soddisfarli. Autorealizzazione Stima degli altri Stima di sé Sociali Richiesta di bisogni di livello più elevato con l del reddito Sicurezza Fisiologici L ordine di priorità è rigido per i bisogni ed i redditi più bassi. Le preferenze individuali variano invece molto in corrispondenza dei redditi più elevati. Es. mangiare: pane vs aragoste 31 Classi di beni Il soddisfacimento di alcuni bisogni richiede, tra l altro, la disponibilità di beni, che possono essere classificati in due classi: Beni liberi o non economici: sono liberamente disponibili in natura, in quantità illimitata o comunque più che sufficiente rispetto alle esigenze di tutte le persone che ne sentono il bisogno. Beni economici: sono disponibili in quantità limitata, non esistono spontaneamente in natura e devono essere prodotti dall uomo. Si tratta di beni e servizi utili per il soddisfacimento dei bisogni delle persone e scarsi rispetto alle esigenze espresse da tutti gli individui. Per ottenerli bisogna pagare un prezzo. Per soddisfare i loro bisogni le persone consumano sia beni non economici che beni economici. ESEMPI?! 32 16

17 Classi di beni Alcune classificazione dei beni economici: Secondo l uso a cui sono destinati: beni strumentali o di produzione (utilizzati per la produzione di altri beni, es. carta per i libri) e beni di consumo (soddisfano direttamente i bisogni delle persone, es. felpa). Secondo le modalità di utilizzo: beni complementari (devono essere utilizzati insieme ad altri beni per soddisfare un determinato bisogno, es. la benzina è complementare alla macchina) e beni succedanei o surrogati (sono sostituibili tra loro e quindi possono essere utilizzati alternativamente per soddisfare lo stesso bisogno, es. burro/margarina; zucchero/dolcificante). Secondo la numerosità degli utilizzi: beni a fecondità semplice (uso singolo, es. la benzina, l acqua, materie prime) e beni a fecondità ripetuta (utilizzo ripetuto, es. auto, macchinario). 33 I servizi Anche i servizi possono contribuire al soddisfacimento dei bisogni. I SERVIZI: Sono prestazioni immateriali erogate da persone. Non hanno consistenza fisica. Non si possono immagazzinare: produzione e consumo coincidono. Esempi di servizio: un viaggio organizzato, la lezione del docente, il trasporto della merce, la pulizia degli uffici, ecc

18 L attività economica Mentre i beni non economici sono immediatamente disponibili, i beni economici non lo sono. Essi devono essere prodotti per essere resi disponibili al consumo. L attività di produzione e consumo di beni prende il nome di attività economica. Essa, insieme ad attività di altra natura (religiosa, politica, artistica, culturale, sportiva, ecc.) viene svolta per soddisfare i bisogni umani. FINI BISOGNI ATTIVITA ECONOMICA 35 L attività economica Le tre fasi fondamentali dell attività economica sono: - la produzione di beni e servizi economici: consiste nella combinazione di beni, servizi e lavoro dell uomo, finalizzata ad ottenere nuovi beni e servizi oppure ad aumentare l utilità di beni già esistenti; PRODUZIONE DIRETTA Processo di trasformazione fisicotecnica che permette di ottenere nuovi beni Erogazione di servizi PRODUZIONE INDIRETTA Trasferimento di beni nello spazio: distribuzione (es. la frutta) Trasferimento dei beni nel tempo: conservazione (es. alimenti surgelati) - il consumo di beni e servizi: è il fine ultimo dell attività economica. È la fase in cui i beni ed i servizi prodotti sono utilizzati per soddisfare i bisogni. - il risparmio: consiste nella rinuncia al consumo immediato di un bene, allo scopo di destinarlo all utilizzo futuro

19 Parte 1 L ATTIVITÀ ECONOMICA 1. Inquadramento dell Economia Aziendale 2. La natura del problema economico: la relazione bisogni, beni, attività economica 3. Gli istituti che svolgono prevalentemente l attività economica: famiglie, imprese, aziende pubbliche, aziende non profit. 37 L attività economica e gli istituti Gran parte dell attività economica si svolge all interno di quattro classi fondamentali di ISTITUTI, aventi fini economici o fini non economici: AZIENDE DI PRODUZIONE (IMPRESE) AZIENDE NON PROFIT FAMIGLIE AMMINISTRAZIONE PUBBLICHE L insieme degli istituti, legati tra loro da relazioni di scambio di beni e servizi, costituisce il SISTEMA ECONOMICO

20 È un istituto primario della società. La famiglia Essa è caratterizzata da finalità principalmente di ordine sociale ed etico. Il suo fine è generare, crescere, educare i figli ed assistere tutti i componenti della famiglia stessa. Tuttavia, ha anche un fine economico: appagare i bisogni delle persone che la compongono. La famiglia, quindi, svolge un attività economica: ha un patrimonio che deve essere gestito: beni conferiti al momento della formazione della famiglia + eredità + risparmio genera un reddito mediante il lavoro in imprese, enti no profit o istituti pubblici oppure con la professione autonoma consuma una parte del reddito percepito per acquistare beni (cibo, vestiario, mobili, libri, ecc.) e servizi (luce, trasporti, ecc.) risparmia una quota del reddito per soddisfare bisogni futuri (studi universitari dei figli, acquisto della casa, ecc.) 39 La PA è formata da: La Pubblica Amministrazione Stato: fornisce servizi pubblici di interesse nazionale ed unitario (giustizia, ordine pubblico, difesa del territorio). Regioni, Province, Comuni (c.d. enti locali o istituti pubblici territoriali): forniscono servizi pubblici di interesse locale, destinati a soddisfare i bisogni specifici dei soggetti residenti sul loro territorio (trasporti pubblici locali, promozione del turismo, costruzione delle infrastrutture, come strade, aeroporti, ecc.. Altri enti pubblici che svolgono funzioni di interesse generale, ad es.: INPS (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale), ospedali civili, Università statali, scuole pubbliche, ecc. Stato ed istituti pubblici territoriali svolgono un attività economica: Reperiscono risorse finanziarie (soprattutto mediante i tributi) per erogare servizi pubblici destinati a soddisfare i bisogni collettivi dei cittadini

21 Le aziende non profit Sono istituti di natura privata (ossia non sono parti o emanazioni dello Stato) che erogano principalmente servizi alla collettività per soddisfare bisogni collettivi. Sono chiamati non profit perché il loro obiettivo primario NON è il conseguimento degli utili (del profitto), ma il raggiungimento dei fini culturali, sportivi, artistici, religiosi e, in generale, di interesse sociale, per i quali sono stati costituiti. Anch esse realizzano un attività economica: Producono beni ed erogano servizi Consumano beni e servizi (in particolare nel caso delle associazioni, come vedremo meglio poi) Raccolgono contributi privati sotto forma di donazioni, lavoro volontario, sottoscrizioni, ecc. 41 Le aziende di produzione (o Imprese) L impresa è un istituto con fini economici (conseguire un profitto!) che, mediante la produzione di beni e/o l erogazione di servizi, contribuisce a soddisfare i bisogni umani. della clientela Quali? Bisogno di consumare e utilizzare i beni Come? dei prestatori di lavoro Quali? Bisogno di remunerazione, stima, sicurezza, autorealizzazione, ecc. Come? dei prestatori di capitale proprio Quali? Bisogni di autorealizzazione e di remunerazione Come? Producendo beni e servizi che rispondano alle loro esigenze (Marketing) Facendoli partecipare all attività, creando un buon clima sociale, garantendo lo stipendio, ecc. (Organizzazione e Gestione Risorse Umane) Producendo reddito sufficiente a remunerare il capitale proprio conferito nell impresa (Economia Aziendale ) 42 21

22 Le aziende di produzione (Imprese) Per l impresa l attività economica (produzione di beni, erogazione di servizi, vendita di beni/servizi, consumo di beni e servizi) NON è il fine. Il fine dell impresa è la produzione di redditi che possano remunerare coloro che hanno conferito il capitale nell impresa. La produzione e il consumo di beni/erogazione di servizi/negoziazione di beni sono funzionali al raggiungimento del fine: lo svolgimento dell attività economica è il MEZZO per produrre reddito

Corso di ragioneria generale

Corso di ragioneria generale Corso di ragioneria generale LAUREA TRIENNALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE D AZIENDA PROF.SSA SABRINA SPALLINI A.A. 2013/ 2014 ATTIVITÀ ECONOMICA E CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE MARKETING E COMUNICAZIONE

Dettagli

Obiettivo e temi del corso di Economia Aziendale

Obiettivo e temi del corso di Economia Aziendale ECONOMIA Corso di AZIENDALE Docente: Paola Paoloni Paola Paoloni 1 Obiettivo e temi del corso di Economia Aziendale Obiettivi: Fornire le conoscenze di base e gli strumenti metodologici concettuali indispensabili

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale

ECONOMIA AZIENDALE Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale ECONOMIA AZIENDALE Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale Dott. Gabriele Zambon Lez. 1 L attività economica e l economia aziendale Il campo dell economia aziendale L'economia èuna

Dettagli

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2)

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) 1 IL SISTEMA DEGLI ACCADIMENTI L economia aziendale si occupa, in generale, delle azioni e dei fenomeni che si manifestano

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Economia aziendale - introduzione-

Economia aziendale - introduzione- Economia aziendale - introduzione- Economia aziendale scienza che studia le condizioni di esistenza e le manifestazioni di vita delle aziende (Zappa 1927) mira a dare norme e precetti per la razionale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Introduzione Azienda ed organizzazione

Introduzione Azienda ed organizzazione Introduzione Azienda ed organizzazione 1 L AZIENDA E IL SUO AMBIENTE AZIENDA: sistema aperto che instaura rapporti di input e output con l ambiente esterno, sociale e naturale Condizioni fondamentali per

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Il Marketing Strategico La mente del mercato aspetta solo di essere esplorata Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Aureli Selena 1_Sistema di controllo e contabilità analitica Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione,

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 5 L AZIENDA DI PRODUZIONE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 Due principali tipologie di aziende Tutte le aziende esercitano attività di acquisizione, produzione ed uso dei beni economici

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Il dimensionamento della produzione e dell impianto

Il dimensionamento della produzione e dell impianto Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea in INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA, GESTIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Prof. Fabio Musso A.A. 2007-08

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

Università degli Studi di Roma Sapienza ANNO ACCADEMICO 2014/2015

Università degli Studi di Roma Sapienza ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Università degli Studi di Roma Sapienza ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CANALE E-M DANIELA COLUCCIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE (9 CFU) ORGANIZZAZIONE La struttura dell organizzazione

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

Il servizio nel marketing del turismo e il comportamento del consumatore

Il servizio nel marketing del turismo e il comportamento del consumatore Lezione n. 2 Il servizio nel marketing del turismo e il comportamento del consumatore Prof.ssa Clara Bassano Corso di Principi di Marketing A.A. 2006-2007 Il fine del marketing è di rendere superflua la

Dettagli

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione 1 L attività economica L attività umana diventa attività ECONOMICA quando comporta l uso di beni, risorse ovvero di mezzi scarsi, per la

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Il comportamento d acquisto del consumatore e delle organizzazioni Cap. 2

Il comportamento d acquisto del consumatore e delle organizzazioni Cap. 2 Il comportamento d acquisto del consumatore e delle organizzazioni Cap. 2 Il Comportamento d acquisto Comportamento d acquisto del Consumatore (Marketing B to C o Business to Consumer) Comportamento d

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A.

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi e le eventuali opzioni, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che,

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI 2 GRADO TECNICA E PROFESSIONALE Paolo Sarpi Scuola ESABAC Sede legale: via Brigata Osoppo -33078 San Vito al Tagliamento (PN) tel. 0434/80496 tel.0434/80372 fax 0434/833346

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

Corso di Marketing Lezione 1 Concetti base di marketing

Corso di Marketing Lezione 1 Concetti base di marketing Corso di Marketing Lezione 1 Concetti base di marketing Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola Elena Cedrola - Marketing - Università degli Studi di Macerata

Dettagli

LINEE GUIDA. Indice. 1 - Chi siamo. 2 - Finalità e attività. 3 - Perché un G.A.S. 4 - Cos'è un G.A.S.

LINEE GUIDA. Indice. 1 - Chi siamo. 2 - Finalità e attività. 3 - Perché un G.A.S. 4 - Cos'è un G.A.S. Indice LINEE GUIDA 1 - Chi siamo 2 - Finalità e attività 3 - Perché un G.A.S. 4 - Cos'è un G.A.S. 5 - Criteri per la selezione dei prodotti e dei fornitori 6 - Fasi di un ordine 1 - Chi siamo Un gruppo

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE

ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE PROF.SSA EMANUELA DE CARLO E STEFANIA BARTOLINI A.A. 2013-2014 Libera Università di Lingue e comunicazione IULM Introduzione Il corso di economia delle aziende turistiche

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni 1 Executive summary...2 2 Business idea...2 3 Analisi di mercato...2 4 Analisi dell ambiente competitivo...2 5 Strategia di marketing...3 5.1 SWOT Analysis...3

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

Indirizzo: Classe: Quarta Amministrazione,Finanza e Marketing. Disciplina: Economia aziendale ABILITA

Indirizzo: Classe: Quarta Amministrazione,Finanza e Marketing. Disciplina: Economia aziendale ABILITA Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale Indirizzo:

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Concetto e sistema di Marketing

Concetto e sistema di Marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea in INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA, GESTIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Prof. Fabio Musso A.A. 2008-09

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team Lezione 7 Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team 1 COS E UN GRUPPO Si definisce gruppo: un insieme di individui con caratteristiche o interessi comuni, legati

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE Lezione 1: Introduzione al corso Il concetto di azienda e la classificazione delle aziende Dott. Fabio Monteduro

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Caratteri generali della P.A.

Caratteri generali della P.A. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A.A. 2014-2015 Caratteri generali della P.A. 1. I processi di gestione 2. Il sistema di finanziamento 3. Il sistema delle rilevazioni

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE: IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:! definisce i bisogni e i desideri insoddisfatti! ne definisce l ampiezza! determina quali mercati obiettivo l impresa può meglio servire! definisce i prodotti

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale. Prof.

Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale. Prof. Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale Prof. Luca Mazzara A.A. 2004/2005 Economia aziendale: aspetti introduttivi L economia

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

1.1. L ATTIVITÀ ECONOMICA

1.1. L ATTIVITÀ ECONOMICA 1.1. L ATTIVITÀ ECONOMICA 1.1.1. LA CENTRALITÀ DELLA PERSONA Le persone perseguono molteplici fini, i quali suscitano in queste dei bisogni. Per soddisfare i loro bisogni le persone svolgono, tra l altro,

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

L impresa sociale italiana

L impresa sociale italiana Milano, 5 maggio 2006 L impresa sociale italiana D Angelo G. Ferretti M. Fiorentini G. Zangrandi A. IMPRESA SOCIALE L.118/05 e decreto legislativo 155/06! Le imprese sociali sono organizzazioni private

Dettagli

LA GESTIONE AZIENDALE

LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE = insieme delle operazioni che l impresa effettua, durante la sua esistenza, per realizzare gli obiettivi perseguiti dal soggetto economico. ESERCIZIO = parte di gestione

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli