La Certificazione energetica degli edifici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Certificazione energetica degli edifici"

Transcript

1 Seminario di studio La Certificazione energetica degli edifici 1 OTTOBRE PARTE 1 - Arch. Luca Raimondo

2 Cosa vedremo? PARTE 1 - Introduzione alla certificazione energetica PROGRAMMA DELLA GIORNATA Sintesi del quadro legislativo nazionale (A.P.E. e Requisiti minimi) La redazione dell A.P.E.: obblighi, procedura e metodi di calcolo La prestazione energetica e l attribuzione della classe Il Soggetto Certificatore: requisiti, incarico e svolgimento della prestazione PARTE 2 Aggiornamento di calcolo Il bilancio energetico dell edificio (ripasso) Principali novità introdotte dalle nuove UNI TS 11300:2014 (cenni) I metodi di calcolo e la compilazione dei dati di input su software Modalità di calcolo: INVOLUCRO a) Componenti opachi e trasparenti; b) Apporti solari; c) Capacità termica; d) Componenti vs terreno; e) Locali non riscaldati; f) Ponti termici; g) Ventilazione; IMPIANTO a) Caldaia a condensazione; b) Pompa di calore; discussione tra colleghi

3 Cosa vedremo? PARTE 3 Le fasi di redazione dell A.P.E. 1) La conoscenza del sistema edificio-impianto: Analisi di casi studio PROGRAMMA DELLA GIORNATA l involucro edilizio (calcolo delle prestazioni, abachi e banche dati) e l analisi di tipo strumentale (termografia e misura in opera di U) i sottosistemi impiantistici: generazione, regolazione, distribuzione, accumulo ed emissione (cenni) 2) Esempio di catalogazione e rielaborazione dei dati (impianto autonomo) 3) La definizione delle raccomandazioni 1) Impianto di riscaldamento centralizzato senza contabilizzazione del calore, differenze tra certificazione della singola unità immobiliare o dell intero edificio 2) Certificazione di una unità immobiliare collegata alla rete del teleriscaldamento discussione tra colleghi Moduli raccolta dati

4 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA A partire dalla Rivoluzione Industriale si è assistito ad una ininterrotta crescita dei consumi di energia, con il conseguente impatto ambientale: Impoverimento delle risorse non rinnovabili del pianeta Emissioni in atmosfera dei gas serra (in prevalenza CO2) Il Protocollo di Kyoto, accordo finalizzato alla riduzione progressiva dell emissione di CO2 entro il 2012 (rispetto al 1990), ha come obiettivo: Dipendenza UE!!! promozione dell efficienza energetica sviluppo fonti rinnovabili e delle tecnologie per la riduzione delle emissioni promozione di un agricoltura sostenibile, protezione ed estensione delle foreste Accordo (Paesi Europei) - 20% consumi - 20% emissioni quota 20% F.E.R.

5 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Gli edifici, nella loro costruzione ed utilizzo, rappresentano oltre il 40% del consumo finale di energia della Comunità Europea Dovuto a: un alto numero degli edifici esistenti, costruiti negli anni di abbondanza e basso costo dei combustibili fossili; lo scarso isolamento termico degli edifici esistenti, che comporta un maggiore consumo di energia per il riscaldamento; la scarsa tenuta di serramenti e infissi; la presenza di impianti di riscaldamento poco efficienti; la mancanza di sistemi di gestione e contabilizzazione per un uso razionale dell energia; l uso preponderante di combustibili fossili e lo scarso utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili

6 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Direttiva 2002/91/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio (16/12/2002) Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio (19/05/2010) OBIETTIVI sulla prestazione energetica in edilizia promuovere il miglioramento del rendimento energetico degli edifici della Comunità (usi termici ed elettrici), tenendo conto delle condizioni locali e climatiche, e l efficacia sotto il profilo dei costi [...]. accelerare le azioni di risparmio energetico vincolando gli stati membri a promulgare opportune disposizioni legislative, in merito a: 1 2 Requisiti minimi per le prestazioni energetiche degli edifici di nuova costruzione ed esistenti sottoposti a ristrutturazione Certificazione energetica degli edifici RECASTING (rif ) 3 Manutenzione/ispezione periodica di caldaie ed impianti di condizionamento

7 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Il quadro legislativo nazionale conseguente al recepimento della 2002/91/CE (fino al ) metodologie per il calcolo della prestazione energetica di edifici e impianti per la certificazione energetica degli edifici

8 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Il quadro legislativo nazionale conseguente al recepimento della 2002/91/CE (fino al ) «Decreto rinnovabili» modifiche ACE - APE

9 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Il quadro legislativo nazionale conseguente al recepimento della 2002/91/CE (fino al ) «gestione» impianti (ACE-APE) Accreditamento Certificatori modifiche ACE - APE

10 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA La Direttiva 2010/31/UE (RECASTING) è stata recepita dallo Stato Italiano con di Decreto Legge 63/2013 del 4 giugno 2013 (L. 3 agosto 2013, n. 90) Il documento contiene le modifiche al DLgs 192/05 ma non comporta attuazione immediata fino all approvazione dei decreti attuativi REQUISITI MINIMI DM 26/6/15 Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici Nuovi modelli di relazione tecnica DM 26/06/15 LGN 15 DM 26/6/15 Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26 giugno Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici

11 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Decreto Legge 63/2013 del 4 giugno 2013 (L. 3 agosto 2013, n. 90) NUOVE DEFINIZIONI - da ACE ad APE; - viene introdotto il concetto di confine del sistema edificio-impianto, quindi energia consegnata e di energia esportata ; - viene introdotto il concetto e la definizione di edificio a energia quasi zero e di edificio di riferimento o target per un edificio sottoposto a verifica progettuale ; confine del sistema edificio impianto REALE RIFERIMENTO energia consegnata e esportata

12 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Decreto Legge 63/2013 del 4 giugno 2013 (L. 3 agosto 2013, n. 90) REQUISITI MINIMI DI PRESTAZIONE ENERGETICA - PROGETTAZIONE (nulla cambia in attesa dei provvedimenti attuativi) - Ridefinizione degli scenari di intervento - Definizione di nuovi i requisiti minimi (analisi costi benefici del ciclo di vita economico) - In caso di nuova costruzione e di ristrutturazione importante calcolo dell edificio di riferimento NUOVE PRESCRIZIONI, NUOVI CALCOLI, NUOVE VERIFICHE E NUOVI MODELLI DI RELAZIONE DA COMPILARE CERTIFICAZIONE ENERGETICA (nulla cambia in attesa dell adeguamento del DM 26 giugno 2009 «LGN certificazione energetica») - la classe energetica assegnata sulla base dell indice di prestazione energetica globale dell edificio, espresso in energia primaria non rinnovabile - introdotti indici di prestazione riferiti all energia utile, primaria (rinnovabile e non) e di emissione di gas serra AUTONOMIA REGIONI MA COORDINAMENTO SANZIONI (immediatamente operative)

13 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Riferimenti di legge per la progettazione e per la certificazione energetica (settembre 2015) in continua evoluzione

14 L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA DISCIPLINA IN TERMINI DI E.E. DEGLI EDIFICI: DLgs 192/05 smi DM 26/06/15 PROGETTO ENERGETICO REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA (art. 28, comma 1, Legge 9 gen 1991, n. 10 s.m.i.) prima di iniziare i lavori IL PROPRIETARIO DEPOSITA IN COMUNE LA RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO IL CERTIFICATORE Nomina del certificatore che eseguirà verifiche e controlli in cantiere (nome riportato nella Relazione Tecnica LGN15) COLLAUDO ENERGETICO finiti i lavori 3. varianti IL PROPRIETARIO DEPOSITA IN COMUNE LA DICHIARAZIONE (SOTTOSCRITTA DAL DL) DI CONFORMITA DELLE OPERE REALIZZATE RISPETTO AL PROGETTO + AQE per richiedere il certificato di agibilità 4. IL PROPRIETARIO DEPOSITA IN COMUNE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Redazione AQE da parte del DL (o chi per esso) da consegnare al Certificatore Redazione APE

15 REQUISITI MINIMI ALLEGATO 2 ALLEGATO 1

16 QUANDO SI APPLICA? Secondo l Art. 3 del DLgs 192/05 modificato dalla Legge 90/13, sono esclusi dall applicazione del decreto le seguenti categorie di edifici: - gli edifici di pregio (rif. codice dei beni culturali e del paesaggio) solo nel caso in cui il rispetto delle prescrizioni implichi un'alterazione sostanziale del loro carattere o aspetto, con particolare riferimento ai profili storici, artistici e paesaggistici. Questi sono comunque obbligati all APE e alla corretta gestione degli impianti tecnici; - gli edifici industriali e artigianali quando gli ambienti sono riscaldati per esigenze del processo produttivo o utilizzando reflui energetici; - gli edifici rurali non residenziali sprovvisti di impianti di climatizzazione; - i fabbricati isolati con una superficie utile totale inferiore a 50 metri quadrati; - gli edifici che risultano non compresi nelle categorie di edifici classificati sulla base della destinazione d'uso di cui all'articolo 3 del DPR 412/93, il cui utilizzo standard non prevede l'installazione e l'impiego di sistemi tecnici (box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi, strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi), fatto salvo le porzioni eventualmente adibite ad uffici e assimilabili quando scorporabili ai fini della valutazione di efficienza energetica; - gli edifici adibiti a luoghi di culto e allo svolgimento di attività religiose. REQUISITI MINIMI

17 REQUISITI MINIMI QUANDO SI APPLICA? Inoltre in base al DM 26/6/15 i seguenti interventi sono esclusi dall applicazione dei requisiti minimi: - interventi su strati di finitura ininfluenti dal punto di vista termico; - rifacimento di porzioni di intonaco su superfici < 10% della superficie disperdente; - sostituzione dei generatori di calore di potenza nominale del focolare inferiore a 50 kw nel caso di un eventuale cambio di combustibile o tipologia di generatore. tutti gli altri casi ricadono nella disciplina dei Requisiti Minimi Nota: - si deve far riferimento al testo di legge in vigore alla data di richiesta del titolo abilitativo (PDC, DIA, SCIA, ).; - la variante sostanziale può essere considerata come un intervento di «ristrutturazione o manutenzione straordinaria dell edificio esistente», pertanto richiede nuova Relazione Tecnica relativamente a quanto modificato - rif alla data di variante (C.M )

18 METODOLOGIE DI CALCOLO REQUISITI MINIMI - raccomandazione CTI 14/2013 Prestazioni energetiche degli edifici - Determinazione dell energia primaria e della prestazione energetica EP per la classificazione dell edificio, o normativa UNI equivalente e successive norme tecniche che ne conseguono; - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell edificio per la climatizzazione estiva e invernale; - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale, per la produzione di acqua calda sanitaria, la ventilazione e l illuminazione; - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 3: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva; - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per riscaldamento di ambienti e preparazione acqua calda sanitaria. - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 5: Calcolo dell energia primaria e dalla quota di energia da fonti rinnovabili (*) - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 6: Determinazione del fabbisogno di energia per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili (*) - UNI EN Prestazione energetica degli edifici - Requisiti energetici per illuminazione (*) da pubblicare Software: scostamento massimo di più o meno il 5% rispetto a casi di studio predeterminati

19 REQUISITI MINIMI La prestazione energetica di un edificio è determinata sulla base della quantità necessaria annualmente per soddisfare le esigenze «standard» corrispondenti ai fabbisogni di energia per: - Riscaldamento; - Raffrescamento; Ventilazione; - Produzione di acqua calda sanitaria; - Illuminazione e mobilità verticale - ascensori e scale mobili (non residenziale).

20 Indicazioni generali: - Si calcola la quota rinnovabile e quota non rinnovabile per singolo vettore energetico su base mensile (si effettua compensazione tra le due fino a copertura totale); - Si applicano ai vari vettori energetici i pertinenti fattori di conversione in energia primaria non rinnovabile (fp,nren), rinnovabile (fp,ren) e totale (fp,tot) tabellati; - L energia elettrica da fonte rinnovabile non può essere conteggiata i consumi di resistenze a effetto Joule (solo per ausiliari, pompe di calore, VMC e illuminazione) REQUISITI MINIMI nren ren tot energia primaria energia consegnata e esportata

21 REQUISITI MINIMI indicazioni generali: VERIFICHE DI PROGETTO Si effettua il calcolo sia dell energia primaria totale (nren + ren) che dell energia primaria non rinnovabile (nren) CLASSIFICAZIONE ENERGETICA Si effettua il calcolo sia dell energia primaria non rinnovabile (nren) Il rispetto dei requisiti avviene innanzitutto progettando il sistema edificio-impianto indipendentemente dal vettore energetico energia primaria rinnovabile e non rinnovabile

22 REQUISITI MINIMI TIPI DI INTERVENTO: NUOVA COSTRUZIONE e assimilabili verifiche con impianto esistente

23 TIPI DI INTERVENTO: RISTRUTTURAZIONI IMPORTANTI REQUISITI MINIMI (***) Con ristrutturazione dell impianto si intende quanto previsto dal DLgs192/2009 All.A, ovvero: l insieme di opere che comportano la modifica sostanziale sia dei sistemi di produzione che di distribuzione ed emissione del calore

24 TIPI DI INTERVENTO: RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA REQUISITI MINIMI

25 REQUISITI MINIMI LE VERIFICHE alle lettere corrispondono delle prescrizioni

26 REQUISITI MINIMI NUOVA COSTRUZIONE 3.3 Requisiti 1. i requisiti sono determinati con l utilizzo dell edificio di riferimento 2. a) Determinazione dei parametri, degli indici di prestazione energetica, espressi in kwh/m 2 anno e delle efficienze (TAB 3)

27 REQUISITI MINIMI 3.3 Requisiti NUOVA COSTRUZIONE 2. b) i) H T < TAB 10

28 REQUISITI MINIMI 3.3 Requisiti NUOVA COSTRUZIONE 2. b) ii) A sol,est / A sup utile < TAB 11 (ovvero <0,03 per residenziale e <0,04 per altre D.U.)

29 REQUISITI MINIMI 3.3 Requisiti NUOVA COSTRUZIONE 2. b) iii) EP H,nd, EP C,nd, EP gl,tot < valori dei corrispondenti indici limite calcolati per l edificio di riferimento: I FASE, riferimento indicazioni (2015) II FASE, riferimento indicazioni (2019/2021, pubblici/privati) 2. b) iv) η H, η W, η C > valori delle corrispondenti efficienze indicate per l edificio di riferimento 3. EP gl,tot < EP gl,tot,limite il progettista effettua il doppio calcolo (EDIF.REALE / EDIF.RIFERIMENTO) REALE RIFERIMENTO

30 REQUISITI MINIMI 3.3 Requisiti NUOVA COSTRUZIONE 4. Al fine di limitare i fabbisogni energetici per la climatizzazione estiva e contenere la temperatura degli ambienti interni, il progettista: a) valuta e documenta l efficacia dei sistemi schermanti (interni o esterni) sulle superfici vetrate; b) esegue almeno le seguenti verifiche per località (I m,s > 290 Wm 2 ): - sulle pareti opache (eccetto quelle esposte nei quadranti Nord- Ovest / Nord / Nord-Est comprese): Ms > 230 kg/m 2 o in alternativa Y IE < 0,10 W/(m 2 K) - per le chiusure opache orizzontali e inclinate: Y IE < 0,18 W/(m 2 K) c) utilizzo di tecniche e materiali alternativi (es copertura verde) producendo adeguata documentazione 5. La trasmittanza termica delle strutture di separazione verticali e orizzontali tra diverse unità immobiliari > 0,8 W/(m 2 K) (Z.C. da Ca F); stesso limite per le strutture che delimitano gli ambienti non riscaldati

31 REQUISITI MINIMI 3.3 Requisiti NUOVA COSTRUZIONE 6. Il progettista assevera l osservanza degli obblighi di integrazione delle fonti rinnovabili di cui all All.3 del D.Lgs 28/ Ai fini delle determinazione della classe energetica complessiva dell edificio si utilizza l indice di prestazione energetica globale espresso in energia primaria non rinnovabile; la scala delle classi di efficienza energetica varia in relazione al valore calcolato per l edificio di riferimento

32 REQUISITI MINIMI EDIFICIO DI RIFERIMENTO REALE RIFERIMENTO

33 REQUISITI MINIMI FABBRICATO DI RIFERIMENTO strutture verticali opache strutture opache orizzontali di pavimento strutture opache orizzontali/inclinate (copertura) Infissi opachi/trasparenti e cassonetti INVOLUCRO DI RIFERIMENTO Nota: valori comprensivi di: - Incidenza dei ponti termici - Contributo del terreno e degli ambienti non riscaldati

34 REQUISITI MINIMI IMPIANTO DI RIFERIMENTO L edificio di riferimento si considera dotato degli stessi impianti di produzione dell energia dell edificio reale IMPIANTO DI RIFERIMENTO

35 REQUISITI MINIMI Decreto Rinnovabili (D.Lgs 28/11) Gli impianti di produzione di energia termica devono garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, del 50% dei consumi previsti per l acqua calda sanitaria (ACS) e delle seguenti percentuali della somma dei consumi previsti per l acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento: NOTA: sono previste soglie diverse per edifici pubblici (+10%) e edifici situati in centro storico (-50% c.a. Ri+ACS+Ra)

36 REQUISITI MINIMI Decreto Rinnovabili (D.Lgs 28/11) La potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, misurata in kw, è calcolata secondo la seguente formula: P = S/K S è la superficie in pianta dell edificio al livello del terreno, misurata in m 2. K è un coefficiente (m 2 /kw) che assume i seguenti valori: NOTA: per gli edifici pubblici gli obblighi sono incrementati del 10%.

37 USO CONVENZIONALE

38 COS E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI UN EDIFICIO? E un documento informativo che attesta la prestazione energetica di un immobile, in modo sintetico e comprensibile ad utenti tecnici e non tecnici. A Classi energetiche migliori corrisponde un minor uso di combustibili con possibile riduzione della spesa energetica ma Occorre ricordare che le indicazioni riportate sull A.P.E. hanno carattere informativo e corrispondono alla prestazione energetica secondo standard normativi, per valori corretti secondo il proprio uso dell edificio è necessario eseguire una diagnosi energetica

39 ALLEGATO 1 APPENDICE A Casi di esclusione APPENDICE B Format A.P.E APPENDICE C Format Indicatore per Annunci APPENDICE D Format A.Q.E.

40 Il DM LGN15 non sostituisce il DM LGN09, ma integra ed aggiorna le modalità di certificazione. RAPPORTO TRA STATO E REGIONI Le disposizioni delle LGN15 sono direttamente operative nelle regioni e nelle provincie autonome che non hanno recepito la Direttiva 2010/31/UE; le altre devono intraprendere misure atte a favorire l adeguamento alle LGN15 entro due anni. Le regioni e provincie autonome: - ricevono gli APE trasmessi dai Soggetti Certificatori; - effettuano controlli su almeno il 2% dei certificati depositati annualmente (a partire dalle classi energetiche più efficienti); - entro il 31 marzo di ogni anno alimentano la banca dati nazionale SIAPE (gestito da ENEA).

41 Articolo 6 del DLgs 192/05 smi QUANDO OCCORRE REDIGERE UN A.P.E.? Gli obblighi di redazione della certificazione sono definiti dall articolo 6 del DLgs 192/05 così come modificato/integrato a seguito della pubblicazione dei decreti legge DL 63/13 e DL 145/13 e dalle successive leggi di conversione (Legge 90/13 e Legge 9/14); ulteriori modifiche sono state apportate dal DM (LGN 15) L'attestato di prestazione energetica degli edifici è redatto: - per gli edifici o le unità immobiliari costruiti, venduti o locati ad un nuovo locatario; - per gli edifici di nuova costruzione e quelli sottoposti a ristrutturazioni importanti prima del rilascio del certificato di agibilità; - nel caso di nuovo edificio a cura del costruttore, nel caso di edifici esistenti a cura del proprietario dell immobile. In caso di inadempimento le parti sono soggette al pagamento, in solido e in parti uguali, della sanzione amministrativa pecuniaria da euro a euro ; la sanzione è da euro a euro per i contratti di locazione di singole unità immobiliari (oltre all obbligo di redazione).

42 QUANDO OCCORRE REDIGERE UN A.P.E.?

43 Articolo 6 del DLgs 192/05 smi QUANDO OCCORRE REDIGERE UN A.P.E.? Sono esclusi dall'obbligo di certificazione (Appendice A LGN 15): a) i fabbricati isolati con una superficie utile totale inferiore a 50 m 2 ; b) edifici industriali e artigianali quando climatizzati per esigenze del processo produttivo o utilizzando reflui energetici del processo produttivo e/o le attività svolte al loro interno non ne prevedano il riscaldamento o la climatizzazione; c) gli edifici agricoli o rurali, non residenziali, sprovvisti di impianti; d) gli edifici quali box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi, strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi (richiesto per le porzioni adibite ad uffici e assimilabili, purché scorporabili termicamente); e) gli edifici adibiti a luoghi di culto e allo svolgimento di attività religiose; f) i ruderi, purché tale stato venga espressamente dichiarato nell atto notarile; g) i fabbricati in costruzione per i quali non si disponga l'agibilità al momento della compravendita, purché tale stato venga espressamente dichiarato nell atto notarile ( "scheletro strutturale", "al rustico "); h) altri manufatti non riconducibili alla definizione di edificio dettata dall art. 2 lett. a) del decreto legislativo (ad esempio: una piscina all aperto, una serra non realizzata con strutture edilizie, ecc.).

44 Articolo 6 del DLgs 192/05 smi QUANDO OCCORRE REDIGERE UN A.P.E.? L Attestato di Prestazione Energetica è obbligatorio per l ottenimento di incentivi statali, regionali o locali, se è previsto che sia redatto il certificato ai fini dell accesso ai contributi.

45 Articolo 6 del DLgs 192/05 smi ANNUNCI IMMOBILIARI i corrispondenti annunci tramite tutti i mezzi di comunicazione commerciali riportano: - gli indici di prestazione energetica dell'involucro e globale dell edificio o dell unità immobiliare sia rinnovabile che non rinnovabile; - la classe energetica corrispondente. FORMAT DI INDICAZIONE PER GLI ANNUNCI IMMOBILIARI Appendice C LGN (eccetto annunci a mezzo stampa e internet) classe rinnovabile involucro non rinnovabile

46 Articolo 6 del DLgs 192/05 smi VALIDITA - ha una validità massima di 10 anni dalla data di rilascio - la validità decade se non sono rispettate le prescrizioni relative al controllo dell efficienza energetica degli impianti di climatizzazione (attività di ispezione e di manutenzione - rif. DPR 16 aprile 2013, n. 74, e DPR 16 aprile 2013, n. 75). I Libretti di impianto devono essere allegati all A.P.E. «nel caso di mancato rispetto l'attestato di certificazione decade il 31 dicembre dell'anno successivo a quello in cui è prevista la prima scadenza non rispettata» NOTA: Secondo il Notariato il termine allegato riferito al libretto di impianto deve essere considerato in senso atecnico, quindi non essere considerato unito all attestato come un unico documento, ma semplicemente come una documentazione di corredo. - deve essere aggiornato ogni volta che si interviene su più del 25% dell involucro edilizio o si migliora del 5% il rendimento degli impianti, ed in ogni caso ogni qualvolta si modifichi la prestazione energetica.

47 Articolo 6 del DLgs 192/05 smi QUAL E L OGGETTO DELLA CERTIFICAZIONE? L attestazione della prestazione energetica può riferirsi all intero edificio (quando con intero edificio si intende comunque singola unità funzionale: villetta singola, albergo, uffici, commerciale ) o a una o più unità immobiliari facenti parte di un medesimo edificio. Se e solo se le unità immobiliari hanno: - la medesima destinazione d'uso; - la medesima situazione al contorno e il medesimo orientamento; - la medesima geometria; - siano servite dal medesimo impianto termico per la climatizzazione invernale (se presente) e per la climatizzazione estiva. ovvero si redige un certificato per singola unità immobiliare replicabile per più unità.

48 Articolo 6 del DLgs 192/05 smi QUAL E L OGGETTO DELLA CERTIFICAZIONE? Nel caso di edifici esistenti nei quali coesistono porzioni di immobile adibite ad usi diversi, qualora non fosse possibile trattare separatamente le diverse zone termiche, l edificio è valutato e classificato in base alla destinazione d uso prevalente in termini di volume riscaldato. Per edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e assimilabili, l obbligo di attestazione può limitarsi alle sole zone adibite ad uffici o assimilabili ai fini di permanenza di persone, purché scorporabili agli effetti dell isolamento termico, sempre che le residue porzioni siano escluse dall obbligo ai sensi di quanto indicato. L attività agricola è assimilabile ad attività industriale o artigianale.

49 Articolo 6 del DLgs 192/05 smi CERTIFICAZIONE DI EDIFICI PUBBLICI Nel caso di edifici utilizzati da pubbliche amministrazioni e aperti al pubblico con superficie utile totale superiore a 250 m 2, è fatto obbligo di produrre l attestato di prestazione energetica entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione e di affiggere l attestato di prestazione energetica con evidenza all ingresso dell edificio stesso o in altro luogo chiaramente visibile al pubblico.

50 CERTIFICAZIONE DI SINGOLI APPARTAMENTI Secondo le LGN09 Par. 7.5, nel caso di singoli appartamenti in edifici condominiali si possono distinguere tre casi: 1. impianti termici autonomi o contabilizzazione del calore: un certificato per ogni appartamento determinato con l utilizzo del rapporto di forma proprio dell appartamento; 2. impianti centralizzati privi di regolazione o contabilizzazione del calore: l indice è ricavabile tenendo conto della prestazione dell intero edificio ripartita in base alle tabelle millesimali del riscaldamento; 3. impianto centralizzato e appartamenti che si distinguono per interventi di riqualificazione energetica o installazione di impianti di regolazione: si procede come nel caso dell impianto autonomo considerando il rendimento dell impianto comune.

51 CHI E IL CERTIFICATORE? Un tecnico abilitato che dichiara l assenza di conflitto di interessi: - nuova costruzione: «il non coinvolgimento diretto o indiretto nel processo di progettazione e realizzazione dell'edificio o con i produttori dei materiali e dei componenti in esso incorporati, nonché rispetto ai vantaggi che possano derivarne al richiedente»; - edifici esistenti: «il non coinvolgimento diretto o indiretto con i produttori dei materiali e dei componenti in esso incorporati, nonché rispetto ai vantaggi che possano derivarne al richiedente»; In entrambi i casi non deve essere né coniuge né parente fino al 4 grado Nel caso di edifici già dotati di APE sottoposti ad adeguamenti impiantistici l aggiornamento può essere predisposto anche da un tecnico abilitato dell impresa installatrice).

52 CHI E IL CERTIFICATORE? I requisiti del soggetto certificatore sono definiti dal DPR 75/13 s.m.i. (DL 145/13 e L 9/14) Corso di formazione di 80 ore

53 PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE Comprende il «complesso delle operazioni svolte dai Soggetti Certificatori»: 1) Esecuzione del rilievo in sito (OBBLIGATORIO) e eventuale verifica di progetto: a) Reperimento dei dati di ingresso (eventuale AQE o DIAGNOSI) b) Individuazione della procedura e del metodo di calcolo c) Individuazione degli interventi di miglioramento calcolo 2) Classificazione dell edificio, confronto con i limiti di legge e potenzialità di miglioramento 3) Rilascio dell A.P.E.

54 PROCEDURE DI CALCOLO EDIFICI NUOVI O SOGGETTI A RISTRUTTURAZIONI IMPORTANTI Procedura di calcolo di progetto o di calcolo standardizzato (Par. 3.1 LGN15) in accordo con le UNI/TS a partire dai dati di ingresso relativi: - al clima e all uso standard dell edificio; - alle caratteristiche dell edificio e degli impianti, così come rilevabili dal progetto energetico e dall AQE, previa verifica di rispondenza del costruito. EDIFICI ESISTENTI O SOGGETTI A RIQUAL. ENERGETICA Procedura di calcolo da rilievo sull edificio (Par. 3.2 LGN15): - in accordo con le UNI/TS a partire dai dati di ingresso rilevati direttamente sull edificio o ricavate per analogia costruttiva; - o con altri metodi semplificati predisposti da CNR/ENEA (*) (*) Nuovo Docet per edifici o unità immobiliari residenziali esistenti, con superficie < 200 m 2 non utilizzabile nel caso di ristrutturazioni importanti

55 METODI DI CALCOLO - raccomandazione CTI 14/2013 Prestazioni energetiche degli edifici - Determinazione dell energia primaria e della prestazione energetica EP per la classificazione dell edificio, o normativa UNI equivalente e successive norme tecniche che ne conseguono; - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell edificio per la climatizzazione estiva e invernale; - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale, per la produzione di acqua calda sanitaria, la ventilazione e l illuminazione; - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 3: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva; - UNI/TS Prestazioni energetiche degli edifici Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per riscaldamento di ambienti e preparazione acqua calda sanitaria. - UNI EN Prestazione energetica degli edifici - Requisiti energetici per illuminazione Nota: è stato chiarito che eventuali adeguamenti normativi entrano in vigore dopo 90 giorni dall emanazione

56 METODI DI CALCOLO SOFTWARE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA nuovo SOFTWARE PER IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (ALCUNI ) Elenco non esaustivo I software che impiegano metodi semplificati devono avere uno scostamento di +20% e -5% rispetto UNI/TS I software commerciali devono essere certificati CTI ed avere uno scostamento di ±5% rispetto UNI/TS 11300

57 Aggiornamento del

58 LA PRESTAZIONE ENERGETICA La classe energetica viene assegnata sulla base dell indice di prestazione energetica globale non rinnovabile: EPH,nren + riscaldamento EPW,nren + acqua calda sanitaria EPC,nren + raffrescamento (se presente) EPV,nren + ventilazione (se presente VMC) EPL,nren + illuminazione (*) EPT,nren = trasporto persone (*) EPgl,nren CLASSE (*) edifici non residenziali kwh/m 2

59 LA PRESTAZIONE ENERGETICA Ai fini del calcolo della prestazione energetica si considerano: - sempre gli impianti di climatizzazione invernale e nel settore residenziale di produzione di acqua calda sanitaria (in caso di assenza si simulano in maniera virtuale considerando gli impianti standard previsti per l edificio di riferimento) - i servizi di raffrescamento, ventilazione meccanica,, quando presenti. ηgn= 0,95 ηu= 0,81 edificio di riferimento ηgn= 0,85 ηu= 0,70

60 LGN09 ATTRIBUZIONE DELLA CLASSE ENERGETICA LIMITI DI LEGGE Ad esempio per il residenziale EPiL = indice di prestazione energetica invernale limite (2010) VARIA IN FUNZIONE DEL FATTORE S/V, GG FINO AL

61 LGN15 ATTRIBUZIONE DELLA CLASSE ENERGETICA EDIFICIO DI RIFERIMENTO 2019/21 Con impianti standard EPgl,nren,rif,standard (2019/21) EPgl,nren kwh/m 2

62 ATTRIBUZIONE DELLA CLASSE ENERGETICA EPgl,nren,rif,standard (2019/21) è calcolato per l'edificio di riferimento secondo quanto previsto dall Allegato 1, capitolo 3 del decreto Requisiti Minimi, dotandolo delle tecnologie standard per gli anni 2019/21 (specificate in apposita tabella); INVOLUCRO DI RIFERIMENTO

63 ATTRIBUZIONE DELLA CLASSE ENERGETICA EPgl,nren,rif,standard (2019/21) Non include eventuali impianti a fonti rinnovabili presenti nell edificio! IMPIANTO DI RIFERIMENTO ηgn= 0,95 ηu= 0,81 ηgn= 2,5 ηu= 0,82-0,83 ηgn= 0,85 ηu= 0,70

64 ALTRI INDICATORI: PRESTAZIONE ENERGETICA INVERNALE DELL INVOLUCRO EDILIZIO LGN15 EPH,nd EPH,nd,limite (2019/21) EDIFICIO RIFERIMENTO CON U CONFORMI AL 2019/21

65 ALTRI INDICATORI: PRESTAZIONE ENERGETICA ESTIVA DELL INVOLUCRO EDILIZIO LGN15 AREA SOLARE EQUIVALENTE ESTIVA TRASMITTANZA TERMICA PERIODICA (MEDIA PESATA) Nel calcolo si escludono le pareti a Nord

66 MODELLO APE pagina 1/

67 MODELLO APE pagina 1/ Prestazione di riferimento per nuovi edifici Prestazione di edifici esistenti simili

68 MODELLO APE pagina 2/4

69 MODELLO APE pagina 2/4

70 MODELLO APE pagina 3/4

71 MODELLO APE pagina 3/4

72 MODELLO APE pagina 4/4

73 MODELLO APE pagina 4/4

74 IL CERTIFICATORE: OBBLIGHI E DIRITTI L Attestato di Prestazione Energetica deve essere redatto e rilasciato da un Soggetto Certificatore in possesso dei requisiti, esperto ed indipendente (DPR16 aprile 2013, n. 75). Il certificatore: - è tenuto ad informare il richiedente sui contenuti del servizio di Certificazione Energetica e sulle diverse procedure applicabili (INFORMATIVA); - deve poter ottenere tutte le informazioni e la documentazione necessaria per il reperimento dei dati di base necessari per la valutazione della prestazione energetica; - nel caso di edifici di nuova costruzione, il Certificatore può/deve effettuare controlli in cantiere, per verificare e documentare le fasi più importanti della costruzione; - esegue controlli e rilievi in sito, eventualmente con dotazione strumentale, e secondo quanto previsto dalla normativa tecnica.

75 «INFORMATIVA» DEL SOGGETTO CERTIFICATORE

76 INCARICO E SERVIZIO DEL SOGGETTO CERTIFICATORE Nei casi di nuova costruzione e di ristrutturazioni importanti di primo livello: - la nomina del S.C. deve essere dichiarata nella Relazione Tecnica (L10/91); - il servizio di attestazione della prestazione offerto dal S.C. deve comprendere : a) la valutazione della prestazione energetica a partire dai dati progettuali e AQE con l'utilizzo del "Metodo di calcolo di progetto o di calcolo standardizzato" b) controlli in cantiere nei momenti costruttivi più significativi; c) una verifica finale con l'eventuale utilizzo di tecniche strumentali. A tal fine: - il direttore dei lavori segnala al Soggetto certificatore le varie fasi del cantiere rilevanti per le prestazioni energetiche - Il soggetto certificatore può procedere alle ispezioni e al collaudo energetico delle opere, avvalendosi ove necessario, delle necessarie competenze professionali

77 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Legge 90/2013 L «attestato di qualificazione energetica» è il documento predisposto ed asseverato da un professionista abilitato, non necessariamente estraneo alla proprietà, alla progettazione o alla realizzazione dell'edificio, nel quale sono riportati i fabbisogni di energia primaria di calcolo, la classe di appartenenza dell'edificio, o dell'unità immobiliare, in relazione al sistema di certificazione energetica in vigore [ ]. Il direttore dei lavori che omette di presentare al comune l'asseverazione di conformità delle opere e l'attestato di qualificazione energetica, contestualmente alla dichiarazione di fine lavori, è punito con la sanzione amministrativa non inferiore a 1000 euro e non superiore a 6000 euro. Il comune che applica la sanzione deve darne comunicazione all'ordine o al collegio professionale competente per i provvedimenti disciplinari conseguenti.

78 SISTEMI REGIONALI A CONFRONTO (ante ) CAMBIA CLIMA DI TORINO 3 ZONE CLIMATICHE LINK UTILE one-energetica-regionale/ EPLI Fonte: L.Raimondo, C.Massaia, G.Mutani, La procedura di certificazione energetica: dal sopralluogo all A.P.E., Maggioli, 2014

79 La Certificazione energetica degli edifici ESEMPI APE REGIONALE

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA I principali contenuti delle Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica e il modulo dell APE Arch. Luca Raimondo USO CONVENZIONALE L ATTESTATO DI PRESTAZIONE

Dettagli

Il nuovo APE 2015 Le offerte di vendita e locazione

Il nuovo APE 2015 Le offerte di vendita e locazione ARES Agenzia Regionale per l Edilizia Sostenibile s.r.l. Regione Friuli Venezia Giulia Il nuovo APE 2015 Le offerte di vendita e locazione entrata in vigore 1 L art.6 del Decreto Legislativo 192/2005 stabilisce

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013

Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013 1/5 Risparmio energetico in edilizia Decreto Legge numero 63 del 4 Giugno 2013 Il decreto legge D.L. 63/2013 varato dal Governo Letta e pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 130 del 5 Giugno 2013, attua

Dettagli

Norme in materia di dimensionamento energetico

Norme in materia di dimensionamento energetico Norme in materia di dimensionamento energetico Evoluzione della normativa europea La situazione italiana Le detrazioni fiscali Certificazione e classificazione energetica degli edifici L Attestato e la

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Certificazione Energetica degli Edifici Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Bozza DM sulle Linee Guida Nazionali LINEE GUIDA NAZIONALI Bozza DM sulle Linee

Dettagli

I nuovi requisiti di prestazione energetica

I nuovi requisiti di prestazione energetica Milano, 30 giugno 2015 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI: EDIFICIO DI NUOVA COSTRUZIONE: è un edificio il cui titolo abilitativo sia stato richiesto dopo l entrata in vigore del presente provvedimento. Sono

Dettagli

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 47 del 2 aprile 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 53 del 8 maggio 2012 1 Regolamento

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

EPBD recast ed il nuovo quadro normativo nazionale: nuovi requisiti minimi e linee guida APE

EPBD recast ed il nuovo quadro normativo nazionale: nuovi requisiti minimi e linee guida APE : nuovi requisiti minimi e linee guida APE EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO - VERSO IL 2020 Il futuro delle costruzioni tra decreti NZEB, edifici di riferimento, certificazione ed efficienza energetica in

Dettagli

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE ALLEGATO ENERGETICO 1 0. Premessa... 3 1. Campo di applicazione... 5 2. Categoria A... 6 3. Categoria B... 8 4. Categoria C... 10 5. Categoria D... 10

Dettagli

Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula

Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula NUOVA PRESTAZIONE ENERGETICA IN EDILIZIA Requisiti e modalità di calcolo, relazione di progetto e linee guida per la redazione dell APE in vigore dal 1 ottobre 2015 Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula

Dettagli

Le nuove disposizioni di legge per l efficienza energetica degli impianti ed esempi di calcolo per la progettazione di edifici a energia quasi zero

Le nuove disposizioni di legge per l efficienza energetica degli impianti ed esempi di calcolo per la progettazione di edifici a energia quasi zero 1 Le nuove disposizioni di legge per l efficienza energetica degli impianti ed esempi di calcolo per la progettazione di edifici a energia quasi zero Dott. Stefano Silvera Technical support Edilclima 2

Dettagli

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE Dal 1 ottobre 2015 entrano in vigore i nuovi decreti attuativi in materia di prestazione e certificazione energetica. Cosa cambia concretamente?

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Logo DATI GENERALI Destinazione d uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Oggetto dell attestato Intero edificio

Dettagli

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 I principali contenuti del Decreto Requisiti Minimi e la nuova Relazione Tecnica Guglielmina Mutani DENERG - Politecnico di Torino

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Classificazione D.P.R. 412/93:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI Elaborato redatto ai sensi dell art. 123, comma 1, lettera d) del Regolamento Edilizio

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici 2 Linee guida per l efficienza energetica degli edifici n Premessa Le linee guida per l efficienza energetica degli edifici in attuazione del decreto di modifica del D.Lgs. 192 del 2005 sono in corso

Dettagli

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3)

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3) Appendice A (Allegato 1, Capitolo 3) DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA SOMMARIO 1 PARAMETRI DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 Parametri relativi al fabbricato... 2 1.2

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 17/12/2013 Riferimenti catastali Particella 2174 - Sub. 36 edificio via Rossini, 92-80027

Dettagli

Roma, 11 e 12 Novembre 2015, dalle 9.00 alle 18.00 Istituto Salesiano Sacro Cuore, Via Marsala n. 42 SONO STATI RICHIESTI CREDITI FORMATIVI

Roma, 11 e 12 Novembre 2015, dalle 9.00 alle 18.00 Istituto Salesiano Sacro Cuore, Via Marsala n. 42 SONO STATI RICHIESTI CREDITI FORMATIVI NUOVA PRESTAZIONE ENERGETICA IN EDILIZIA Requisiti e modalità di calcolo, relazione di progetto e linee guida per la redazione dell APE in vigore dal 1 ottobre 2015 Corso di Aggiornamento - 16 ore in Aula

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

Prestazione energetica degli edifici

Prestazione energetica degli edifici Prestazione energetica degli edifici Perugia 31/03/11 Park Hotel, Ponte San Giovanni Ing. Alessandro Canalicchio Valutazione energetica Sono previsti due modi per la valutazione energetica secondo la EN

Dettagli

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità D.Lgs. n.192/05 Lineamenti essenziali e novità Parleremo di Sintesi dei contenuti Adempimenti sanzionati Norme transitorie Non entreremo nel merito degli aspetti inerenti l esercizio e manutenzione degli

Dettagli

A T T E S TAT O D I P R E S TA Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I

A T T E S TAT O D I P R E S TA Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMPIANTI E CONSUMI STIMATI La sezione riporta l indice di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile, nonché una stima dell energia consumata annualmente dall immobile

Dettagli

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I CODICE IDENTIFICATIVO: 001.2016 VALIDO FINO: 02/02/2026

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I CODICE IDENTIFICATIVO: 001.2016 VALIDO FINO: 02/02/2026 simbolo regione A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA 30 settembre 2015 Normativa regionale per l efficienza energetica in edilizia Nuove disposizioni

Dettagli

Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise

Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise L Attestato di Prestazione Energetica (APE) Attestato di Prestazione Energetica: la normativa e le procedure di attuazione nella Regione Molise Giacomo Iannandrea - Ricercatore ENEA Convegno GLOBAL ENERGY

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 03/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 6 Particella: 1430 Subalterno: 1 edificio

Dettagli

L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili

L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 28 L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili non è certamente una novità.

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA 02.12.15 Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto, 2 - Milano Normativa regionale per l efficienza

Dettagli

Download. Informazioni F.A.Q. Link. 1 di 5 27/12/2014 21.13. Lo strumento DOCET

Download. Informazioni F.A.Q. Link. 1 di 5 27/12/2014 21.13. Lo strumento DOCET 1 di 5 27/12/2014 21.13 Sito aggiornato il 30/10/2014 IVA: 02118311006 Download Lo strumento DOCET DOCET è uno strumento di simulazione a bilanci mensili per la certificazione energetica degli edifici

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015 Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia 3 luglio 2015 1 Disposizioni normative in fase di aggiornamento DM REQUISITI MINIMI (sostituisce il DPR 59/2009) LINEE GUIDA (sostituisce

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 05/02/2014 Riferimenti catastali VICENZA Sez.: Foglio: Part.: Sub.: Indirizzo edificio

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici Deliberazione di Giunta Regionale N. VIII/8745 del 22 dicembre 20082 Alice Tura REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale

Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Attestato di prestazione energetica per edificio residenziale Ubicazione Proprietà Tipologia edilizia Riferimenti catastali Codice attestato San Casciano Val Di Pesa, via Decimo 14, 50026 San Casciano

Dettagli

PRIME INDICAZIONI SULL UTILIZZO DELL APPLICATIVO SACE

PRIME INDICAZIONI SULL UTILIZZO DELL APPLICATIVO SACE PRIME INDICAZIONI SULL UTILIZZO DELL APPLICATIVO SACE La nuova release dell applicativo SACE presenta diverse novità. Nei primi giorni di utilizzo, sono stati rilevati numerosi errori di compilazione,

Dettagli

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico FIERA NUOVA BERGAMO Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico D.Lgs n.

Dettagli

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica Regolamento recante le procedure per la di sostenibilità energetico ambientale degli edifici, di cui all articolo 6 bis, della legge regionale 18 agosto 2005 n. 23, "Disposizioni in materia di edilizia

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 01/08/2014 Riferimenti catastali Indirizzo edificio Via Piccinni Nuova costruzione

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali. Milano, 09 ottobre 2015

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali. Milano, 09 ottobre 2015 RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA nuove disposizioni legislative nazionali Milano, 09 ottobre 2015 Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15/07/201 le nuove disposizioni legislative nazionali primo decreto contiene

Dettagli

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione).

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1 di 5 29/12/2013 18.25 (agg.5) Testo in vigore dal: 24-12-2013 Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente disposizione,

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 01/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 000 Particella: 000 Subalterno: 000 edificio

Dettagli

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia L allegato energetico al Regolamento Edilizio arch. filippo loiodice 12 ottobre 2011 Passirano I pesi in media.. in media.senza

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Soggetti beneficiari Per gli interventi di cui all art. 1, commi da 2 a 5 del Decreto 19 febbraio 2007, la detrazione dall imposta

Dettagli

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Associazione Nazionale Costruttori di Impianti Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Relatore: Vincenzo Corrado www.assistal.it

Dettagli

gruppo@reatecnica DM 26 GIUGNO 2015 (operativo dal 01/10/2015) in applicazione del D.legislativo 192/2005

gruppo@reatecnica DM 26 GIUGNO 2015 (operativo dal 01/10/2015) in applicazione del D.legislativo 192/2005 Giornata formativa aggiornamento APE professione certificatore Direttiva 2010/31/UE Promuove la prestazione energetica degli edifici introducendo il criterio dell ottimo energetico in funzione dei costi

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice Certificato Validità 20/09/2023 Riferimenti catastali Indirizzo edificio Nuova costruzione X Passaggio di proprietà

Dettagli

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28 Indice PREMESSA... 11 1. IL QUADRO LEGISLATIVO... 17 1.1. Provvedimenti legislativi... 21 1.2. Il dibattito sul 55% a seguito delle modifiche del decreto anticrisi del gennaio2009... 23 1.3. La situazione

Dettagli

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti Per. ind. Fabio Bonalumi -consigliere Collegio Periti Industriali delle province di Milano

Dettagli

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I DATI GENERALI Destinazione d'uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: E.1 (1) Oggetto dell attestato Intero edificio Unità immobiliare Gruppo di unità immobiliari Numero di unità

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 luglio 2009 il DM 26/06/2009 sancisce la piena attuazione della Direttiva 2002/91/CE- art. 7 e del Dlgs. 192/05-

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

conto energia termico

conto energia termico conto energia FV FER TO certificati verdi detrazioni fiscali 50% e 65% certificati bianchi o TEE conto energia termico decreto ministeriale 28 dicembre 2012 incentivazione della produzione di energia termica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Decreto

Dettagli

COMUNE DI DISO Provincia di Lecce

COMUNE DI DISO Provincia di Lecce COMUNE DI DISO Provincia di Lecce INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE ED EFFICIENTMAMENTO ENERGETICO DELL'IMMOBILE COMUNALE EX CONVENTO DEI PADRI CAPPUCCINI Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili

Dettagli

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E.

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E. Manuale d uso SACE Modulo Controlli Certificatori Energetici Rev. 01 Rev. 01 del 03-12-2014 Rif. Progetto Sistema per l esecuzione di verifiche e controlli sulle attività di certificazione energetica degli

Dettagli

Studio Tecnico S T A V I n g e g n e r i a E n e r g e t i c a

Studio Tecnico S T A V I n g e g n e r i a E n e r g e t i c a Scheda LETTERA INFORMATIVA ai sensi dell ALLEGATO 6 della PARTE SECONDA della D.A.L. 156/08 - Modello A N : Data: IMMOBILE O UNITA IMMOBILIARE OGGETTO DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ALLEGATO 5 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI RESIDENZIALI Codice Certificato Riferimenti catastali edificio - GENOVA (GENOVA) 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità

Dettagli

GUIDA ALLA RISTRUTTURAZIONE. REPORT parte 1

GUIDA ALLA RISTRUTTURAZIONE. REPORT parte 1 GUIDA ALLA RISTRUTTURAZIONE REPORT parte 1 1) Riassunto delle caratteristiche selezionate Provincia: Comune: Destinazione d'uso: Tipo di intervento: Bergamo Brignano Gera d'adda E.1 - Edifici adibiti a

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

D.1 Direttiva Europea 2002/91/CE. Fonti Rinnovabili di Energia Prof. Claudia Bettiol A.A. 2003-04

D.1 Direttiva Europea 2002/91/CE. Fonti Rinnovabili di Energia Prof. Claudia Bettiol A.A. 2003-04 1 2 Obbiettivi: 1. Tutela dell ambiente DIRETTIVA 2002/91/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia 2. Emissioni di biossido di carbonio 3.

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: Interno 5 VALIDO FINO: 31/01/2026

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: Interno 5 VALIDO FINO: 31/01/2026 DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Classificazione D.P.R. 412/93:

Dettagli

ALLEGATO 1 (Articolo 3)

ALLEGATO 1 (Articolo 3) ALLEGATO 1 (Articolo 3) LINEE GUIDA NAZIONALI PER L ATTESTAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Sommario 1 Finalità e campo di applicazione... 2 2 Prestazione energetica degli immobili: aspetti

Dettagli

CASA INSALUBRE STRUMENTI DI INTERVENTO

CASA INSALUBRE STRUMENTI DI INTERVENTO CASA INSALUBRE STRUMENTI DI INTERVENTO - principali disposizioni di legge per la certificazione energetica Cesena, 17/12/2008 Parte 1 Ing.Gabriele Raffellini principali disposizioni di legge per la certificazione

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

ESERCIZI PRATICI DI REDAZIONE DELL A.P.E.

ESERCIZI PRATICI DI REDAZIONE DELL A.P.E. Speciale aggiornamento Certificatori Energetici ESERCIZI PRATICI DI REDAZIONE DELL A.P.E. (ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) PREMESSA Sulla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015 sono stati pubblicati

Dettagli

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa:

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa: Simulazione tema d esame S_002 1. Indicare l affermazione errata: a. la superficie utile è la superficie netta calpestabile degli ambienti a temperatura controllata o climatizzati dell edificio; b. la

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali Codice certificato Riferimenti catastali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Nessuno Validità Indirizzo edificio Piazza Della Repubblica 1, Varese

Dettagli

SINTESI DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE riguardanti gli INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LE DETRAZIONI 55%:

SINTESI DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE riguardanti gli INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LE DETRAZIONI 55%: aggiornamento del 13/5/2008 SINTESI DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE riguardanti gli INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LE DETRAZIONI 55%: NORME PRINCIPALI DI RIFERIMENTO: - Legge n. 296/2006 (legge Finanziaria

Dettagli

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 «Condominio, nuove sfide per una gestione professionale dell immobile» Il Protocollo CasaClima e CasaClima R Certificazione di Qualità Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 Il

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA La strategia italiana per l'efficienza energetica arch. Mario NOCERA GREEN JOBS E NUOVE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO NELL AMBITODELL EFFICIENZA ENERGETICA: STRUMENTI, INNOVAZIONI E BUONE

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica)

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Per i partecipanti in omaggio 1 SACERT SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER CERTIFICATORI COSA È SACERT R SACERT (Sistema per l'accreditamento

Dettagli

X Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione

X Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione X Residenziale Intero edificio X Passaggio di proprietà Non residenziale X Unità immobiliare Locazione Gruppo di unità immobiliari

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edificio di classe: F

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edificio di classe: F ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edifici residenziali 1. Informazioni generali Codice certificato 100210 Validità:

Dettagli

ANPE - 2a Conferenza Nazionale

ANPE - 2a Conferenza Nazionale Norme tecniche e attuazione della Direttiva UE 2010/31 arch. Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI RECEPIMENTO DIRETTIVA 31/2010/UE 2a Conferenza Nazionale

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B TI PRESTAZIONI ENERGETICHE PARZIALI ALLEGATO 6 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali Codice Certificato 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità Riferimenti

Dettagli

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010 APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI (PARAGRAFO 4.2 DELL ALLEGATO ALLA D.G.R. N. 43-11965) SEDE CORSO : ORARIO 18,00 22,00 soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Numero di protocollo COMUNE DI ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Allegato A del D.M. 19/02/2007 (come modificato dal D.M. 26/10/2007) da redigere ai sensi dell art. 11, comma 1-bis del D.Lgs. 19/08/2005,

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edificio di classe: F

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edificio di classe: F ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edifici residenziali 1. Informazioni generali Codice certificato 100228 Validità:

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.140 del 13 Ottobre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi APE nuove regole a partire dal 01.10.2015: attenzione alle sanzioni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 INTRODUZIONE Allegato al Regolamento

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 Determinazioni in merito alle disposizioni per l'efficienza energetica in edilizia e per la certificazione energetica degli edifici in vigore

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli