I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze"

Transcript

1 I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo scolastico e crescita personale Rete di scuole di Pordenone Prof. Mario Di Mauro 1

2 Ragioneremo e dis cuteremo di punti di vis ta Il punto di vista dell ALLIEVO come persona Il punto di vista della SOCIETA come comunità Il punto di vista della SCUOLA come istituzione 2

3 Dobbiamo imparare a misurare ciò che apprezziamo o piuttosto apprezzare ciò che possiamo facilmente misurare? Coleman e Collinge,

4 Ripartiamo da qui OGGI In una società post-moderna e ad alto livello di complessità gli obiettivi dell apprendimento sociale puntano a: pro m uo v e re il s ape r e s s e re pe r pro m uo v e re c apac ità Ma capacità, cos a è? 4

5 A chi appartiene la capacità di un individuo? alla persona che la possiede? al soggetto che la rileva? al gruppo sociale che la determina? 5

6 UNA STORIA REALMENTE ACCADUTA 6

7 UNA STORIA REALMENTE ACCADUTA UNIVERSITÀ DI COPENHAGEN P rova s critta di es ame del cors o di F is ica De s c rive re c o m e de te rm inare l alte zza di un grattac ie lo c o n un baro m e tro Ris pos ta di uno s tudente : S i le g a u n lu n g o p e zzo d i s p a g o a l c o llo d e l b a ro m e tro, p o i s i c a la il b a ro m e tro d a l te tto d e l g ra tta c ie lo fin o a l s u o lo. L a lu n g h e zza d e llo s p a g o p iù la lu n g h e zza d e l b a ro m e tro s a ra n n o u g u a li a ll a lte zza d e l p a la zzo 7

8 UNA STORIA REALMENTE ACCADUTA UNIVERSITÀ DI COPENHAGEN E S ITO DE LLA P ROVA : Lo s tud e n te vie n e b o c c ia to m a fa ric o rs o. La Co m m is s io n e e s a m in a il ric o rs o e s ta b ilis c e c h e la ris po s ta è c o rre tta m a n o n m o s tra un a c o n o s c e n za e s plic ita d e lla fis ic a. Lo s tud e n te h a pe rc iò d iritto a d un a pro v a d a ppe llo : Pe r dim o s trare fam iliarità c o n i p rinc ip i fo nd am e ntali de lla fis ic a lo s tude nte ris p o nd a alla s te s s a do m anda in un te m p o m as s im o di 6 m inuti 8

9 UNA STORIA REALMENTE ACCADUTA UNIVERSITÀ DI COPENHAGEN Lo s tud e n te rim a n e in s ile n zio pe r 5 m in uti, s c riv e q ua e là s u un fo g lio d i c a rta e po i prim a d e llo s c a d e re d e l te m po ris po n d e C i s o n o m o lti m o d i d i ris p o n d e re a lla d o m a n d a, e n o n rie s c o a s c e g lie re q u a le. C o m u n q u e S i p o tre b b e p o rta re il b a ro m e tro s u l te tto d e l g ra tta c ie lo, la s c ia rlo c a d e re g iù e m is u ra re il te m p o c h e im p ie g a a ra g g iu n g e re il s u o lo. L a lte zza d e l g ra tta c ie lo p u ò e s s e re d e te rm in a ta d a lla fo rm u la c h e h o e la b o ra to s u q u e s to fo g lio. Tu tta v ia, n o n s a re b b e s a lu ta re p e r il b a ro m e tro. Un a s o lu zio n e a lte rn a tiv a è q u e s ta : s e c è il s o le s i p o tre b b e m is u ra re l a lte zza d e l b a ro m e tro e la lu n g h e zza d e lla s u a o m b ra q u a n d o è in p ie d i. P o i s i m is u ra la lu n g h e zza d e ll o m b ra d e l g ra tta c ie lo e c o n u n a s e m p lic e p ro p o rzio n e g e o m e tric a s i o ttie n e l a lte zza d e l g ra tta c ie lo. L a fo rm u la p e r c a lc o la rla è s u l fo g lio, s o tto a lla p re c e d e n te. 9

10 UNA STORIA REALMENTE ACCADUTA UNIVERSITÀ DI COPENHAGEN Tu tta v ia, s e p ro p rio v o g lia m o e s s e re m o lto s c ie n tific i, s i p o tre b b e le g a re u n p e zzo d i s p a g o a l b a ro m e tro e fa rlo o s c illa re c o m e u n p e n d o lo, p rim a a l p ia n o te rra e p o i s u l te tto. L a lte zza d e l g ra tta c ie lo p o tre b b e p o i e s s e re d e te rm in a ta d a lla d iffe re n za n e lla fo rm u la g ra v ita zio n a le c h e h o d e riv a to s u q u e s t a ltro fo g lio d i c a rta. M i s c u s o p e r il c a lc o lo lu n g o e c o m p le s s o. P e rò c è a n c h e u n a ltro m o d o n o n d is p re zza b ile. S e il g ra tta c ie lo h a u n a s c a la d i e m e rg e n za, s a re b b e p iù s e m p lic e s a lire le s c a le e m is u ra re l a lte zza d e l p a la zzo u tilizza n d o l a lte zza d e l b a ro m e tro c o m e u n ità d i m is u ra. 10

11 UNA STORIA REALMENTE ACCADUTA UNIVERSITÀ DI COPENHAGEN M a s e d a v v e ro s i v u o le e s s e re n o io s i e o rto d o s s i, s i p o tre b b e s e m p re u tilizza re il b a ro m e tro p e r m is u ra re la p re s s io n e a tm o s fe ric a s u l te tto, p o i a l s u o lo e c o n v e rtire la d iffe re n za d i m illib a r in p ie d i, c o s ì d a o tte n e re l a lte zza d e l p a la zzo. T u tta v ia, d a l m o m e n to c h e il n o s tro in s e g n a n te c i e s o rta c o n tin u a m e n te a d e s s e re c re a tiv i n e ll a p p lic a zio n e d e i m e to d i s c ie n tific i, il m o d o in d u b b ia m e n te m ig lio re s a re b b e q u e llo d i b u s s a re a lla p o rta d e l c u s to d e d e l p a la zzo e c h ie d e rg li : L e in te re s s e re b b e u n n u o v o b a ro m e tro? P o s s o re g a la rle q u e s to, s e m i d ic e l a lte zza d e l p a la zzo... 11

12 UNA STORIA REALMENTE ACCADUTA UNIVERSITÀ DI COPENHAGEN La Co m m is s io n e d e lib e ra c h e lo s tud e n te d e b b a e s s e re pro m o s s o c o l m a s s im o d e i vo ti. Lo studente era Niels Henrik David Bohr Premio Nobel per la fisica nel 1922 per i suoi studi sulla struttura atomica e sull atomo di Idrogeno 12

13 Alcune premesse Valutare ha valore sistemico perché affronta la complessità di una situazione data. Riguarda i risultati che sono visibili e misurabili, ma anche i processi che sono invisibili e non misurabili. La valutazione è un processo dinamico perché è finalizzato alle decisioni e ai mutamenti che ne conseguono. La valutazione è un processo aperto perché è interno alla scuola ma anche esterno in quanto in relazione con la società La valutazione è un processo funzionale perché serve all allievo ma anche alla scuola e alla società. 13

14 Alcune premesse È im p o s s ib ile n o n v a lu ta re È im p o s s ib ile v a lu ta re s e m p re e tu tto L a v a lu ta z io n e p u n ta in o g n i c a s o a llo s ta to d i c o n s a p e v o le z z a L a v a lu ta z io n e, p e r s u a n a tu ra, re g o la i p ro c e s s i, le a z io n i, i p ro d o tti 14

15 15

16 Insieme di operazioni finalizzate all osservazione e alla misurazione di un corretto svolgimento di azioni e di processi o di conseguimento di risultati (J. S c h e e re n s, 1990) Attività sistematica e continuativa che comprende un insieme organizzato di risorse, regole, procedure e azioni per il reperimento di dati fattuali, attraverso l osservazione ed operando sui processi al fine di visualizzarne l evoluzione (M.A. E c k s te in, H.G. No a h, 1993) Processo di sintesi che mira a comprendere la varietà e la diversità qualitativa dei processi interpretandoli alla luce dei valori e dei significati individualmente e collettivamente attribuiti (A. M a rv in, 1990) 16

17 Le parole della valutazione Un c o n c e tto le g a to a d o ppio filo a lla va luta zio n e La storia del concetto di standard 17

18 L importanza dello standard PROCEDIMENTO A PRIORI Superare la soggettività e il limite di analisi della valutazione C iò c h e s i ritie n e n e c e s s a rio ris c o n tra re in u n o o p iù a s p e tti d e l c o n te s to d i in te re s s e PROCEDIMENT O A POSTERIORI C iò c h e e m e rg e d a u n a rile v a zio n e e m p iric a rig u a rd o a d u n o o p iù a s p e tti d e l c o n te s to d i in te re s s e 18

19 La logica dello standard IL S IGNIF ICATO ATTRIBUITO AD UNA PROVA S TANF ORD-BINE T QI > 140 In te llig e n za e c c e zio n a le e m o lto s upe rio re a lla n o rm a 140 > QI > 120 In te llig e n za s upe rio re a lla n o rm a 120 > QI > 110 In te llig e n za m e d ia 110 > QI > 90 In te llig e n za no rm a le 90 > QI > 80 In te llig e n za a i lim iti d i q ue lla no rm a le 80 > QI > 70 In te llig e n za a l lim ite d e lla d e b o le zza m e n ta le 70 > QI > 50 In te llig e n za c o in c id e n te c o n la d e b o le zza m e n ta le 50 > QI > 25 In te llig e n za c o in c id e n te c o n l im b e c illità 19

20 Le tipologie di standard che fanno riferimento alle differenti accezioni che il termine contiene in ambito educativo Lo standard di CONTENUTO - Esprime il livello minimo per ottenere il riconoscimento della qualità in un determinato contesto formativo e in un determinato percorso (un sapere, un abilità, ecc.) Lo standard di DESCRIZIONE - Riguarda il formato con cui il sistema di qualità viene descritto (un tipo di sapere, un profilo di certificazione, ecc) Lo standard di PERCORSO - Esprime i caratteri di qualità dell ambito di intervento (una struttura, un organizzazione, ecc.) Lo standard di METODO - Si riferisce alla qualità delle azioni e delle strategie adoperate (una didattica, tipi di strumenti, ecc.) 20

21 Come si costruisce uno standard? Indichiamo la qualità per misurare il suo valore 21

22 UN INDICATORE, COSA E? Oggi non è uniforme il pensiero degli esperti sulla natura di un indicatore per cui si oscilla tra chi lo considera a tutti gli effetti solo un indice qualitativo soggetto ad un ampio spettro interpretativo e chi lo vede soprattutto come un parametro quantitativo Gli indicatori diventano significativi solo in riferimento ad un modello di pensiero (esplicito o implicito) o ad una teoria. La loro utilità, pertanto, dipende dalla validità dell assunto e da tutti i parametri a cui si attribuisce valore ( Kie ll He id e, ) 22

23 Gli Indicatori di sistema (USA-G8 2004) Indicatore n. 9 Attitud in e a lla le ttura d i s tud e n ti d e c e n n i s ulla b a s e d e lla s c a la SATR Fo n te : Na tio n a l Ce n te r fo r e d uc a tio o n s ta tis tic s 23

24 La logica degli indicatori Gli indicatori ps icologici che fanno riferimento allo s tato di fe lic ità e di s o ddis fazio ne pe rs o nale - relazioni interpersonali - espressione di emozioni e sentimenti - attività sociali, comunitarie e civiche - sviluppo e realizzazione personale - attività ricreative 24

25 TIPOLOGIE DI INDICATORI Il punto di vista funzionalistico Gli indicatori possono essere suddivisi in: 1 - Indicatori di efficienza (sono quelli che nell esame di una realtà mettono in rapporto l input e l output); 2 - Indicatori di efficacia (sono quelli che nell esame di una realtà rilevano il grado di conseguimento di un obiettivo); 3 - Indicatori di economicità (sono quelli che di una realtà rilevano lo scarto tra risultati attesi e risultati ottenuti). 25

26 Un sistema di indicatori locali INDICATORI DI CONTESTO - Pro ve n ie n za d e g li s tud e n ti; - Co n d izio n i s o c io -e c o n o m ic h e d e g li s tud e n ti; - Tipo lo g ia d e lla s c uo la (p ub b lic a, pa rific a ta, priva ta ). INDICATORI DI PROCESSO (classe) INDICATORI DI RISORSE INDICATORI DI PROCESSO (scuola) INDICATORI DI PRODOTTO - strutture ed edifici; - materiali a disposizione degli studenti; - livello di qualificazione dei docenti; - risorse finanziarie di base e aggiuntive; - rapporto numerico docenti/studenti. - tempo scolastico dedicato alle discipline fondamentali; - opportunità didattiche offerte; - percentuale di abbandoni; - percentuale di promozioni; - profitto degli studenti. - frequenza incontri di programmazione; - cooperazione tra docenti; - monitoraggio, valutazione e documentazione del processo di insegnamento-apprendimento; - pratiche di didattica personalizzata; - comunicazione scuola-famiglie; - insegnamento strutturato. J. Scheerens 26

27 La domanda è : Cosa si deve fare per valutare correttamente il processo di sviluppo di un giovane in modo da cogliere l espressione di tutte le sue potenzialità personali? 27

28 Il processo di apprendimento Os s e rv a re le s itua zio n i d i a ppre n d im e n to e rile v a re g li e le m e n ti c h e s i c o n s id e ra n o im po rta n ti pe r c o m pre n d e re ta li s itua zio n i c o n fro n ta re i d a ti e m e rs i (q ue lli q ua n tita tiv i e q ue lli q ua lita tiv i) c o n le ipo te s i e g li o b ie ttiv i pre fis s a ti d a l pro g e tto d id a ttic o, o rd in a n d o pe r liv e llo i ris ulta ti d e g li a llie v i In te rpre ta re i d a ti ris pe tto a i pro c e s s i in d iv id ua li d i a ppre n d im e n to, a lla lo ro q ua lità e q uin d i a lla pe rs o n a lizza zio n e d e l pe rc o rs o fo rm a tiv o Rifle tte re s ulla v a luta zio n e, c io è fa re m e ta -v a luta zio n e, c o n tro lla n d o s tra te g ie, te c n ic h e e s trum e n ti a d o pe ra ti pe r v a luta re. 28

29 Ma prima di tutto condividere significati! le competenze le padronanze le abilità le capacità 29

30 Ta n te pa ro le, ta n ti s ig n ific a ti LO STRANO RAPPORTO TRA CONOSCENZE E AZIONI 30

31 Conos cenze come S apere implicito Cosa sono le conoscenze Conos cenze come S apere es plicito 31

32 Conos cenze come S apere implicito LE CONOSCENZE DICHIARATIVE, il "sapere cosa cioè l insieme dei dati e delle informazioni su un oggetto, una nozione, una strategia, ecc. LE CONOSCENZE PROCEDURALI, il "sapere come", un saper fare di un soggetto sul modo di usare un oggetto, una nozione, una strategia, ecc. LE CONOSCENZE PRAGMATICHE, il "sapere perché, un sapere sulle ragioni che rendono importante l uso di un oggetto, una nozione, una strategia, ecc.. In u n g io c o d i c a rte, ric o n o s c e re le fig u re, le re la zio n i tra le c a rte C o m e a p rire u n a p o rta d is p o n e n d o d i u n a c h ia v e V o le r c o n o s c e re p e r s o d d is fa re u n is ta n za e m o tiv a 32

33 Conos cenze come S apere es plicito I FATTI cioè un insieme di dati che riguardano oggetti di contesto (una data, una formula, un luogo, un personaggio, ecc.) I CONCETTI cioè le rappresentazioni mentali che organizzano i dati (un concetto è un insieme di informazioni fornito di senso) I PRINCIPI cioè le regole che legano l'uno all'altro i concetti secondo determinati criteri e relazioni (un principio è valido se la relazione mantiene un valore scientifico LE TEORIE cioè i modelli esplicativi che ricostruiscono e danno senso alla realtà in forma di schemi di comprensione del mondo. 33

34 Cosa sono le azioni Le azioni c o s tituis c o n o un a m o d a lità a ttra v e rs o c ui l in d iv id uo in te rv ie n e s ulla re a ltà m o d ific a n d o la e tra s fo rm a n d o la 34

35 Dalle conos cenze e dalle azioni Le Capacità Le Abilità Le P adronanze Le Competenze 35

36 Da lle conos cenze e dalle azioni le capacità Le c a p a c ità ra ppre s e n ta n o la pro pe n s io n e d i un in d ivid uo a d a g ire, pe n s a re, fa re. È un c o n c e tto q ua lita tivo c h e c o n iug a in m o d o e s c lus ivo la c o n o s c e n za c o n l'a zio n e. le competenze Le c o m p e te n ze c o s tituis c o n o l in s ie m e d e lle c a pa c ità po rta te a l m ig lio re c o m pim e n to in un a s itua zio n e d a ta, q ua lific a n d o la ris po s ta fo rn ita d i fro n te a d un pro b le m a le abilità Le a b ilità d e te rm in a n o il s a pe r fa re q ua lc o s a in m o d o ris po n d e n te a d un o s ta n d a rd n o to. L'a n a lis i d i un a b ilità può e s s e re a n c h e d i tipo q ua n tita tivo. le padronanze Le p a d ro n a n ze rile va n o il s is te m a d i c o m pe te n ze a ttra ve rs o c ui un in d ivid uo s a c o m e o pe ra re in m o d o ris po n d e n te a d un o s ta n d a rd n o to s u un a re a ltà d a ta. 36

37 Competenza UNA PAROLA CRUCIALE DAI MOLTI SIGNIFICATI 37

38 LA PROVENIENZA SEMANTICA DEL CONCETTO DI COMPETENZA la Competence una teorica, derivata dallo strutturalismo linguistico chomskiano la Performance una professionale, legata al mondo del lavoro, che punta a riconoscere standard operativi di base o complessi. 38

39 La competenza, secondo K. Spencer Crescere è strano, non puoi fermarti, cambi e non te ne accorgi; non sei tu a deciderlo, nessuno lo decide, s kill c o n o s c e n ze nessuno sa perché Ruo lo s o c ia le ma tu cresci. La competenza costituisce una caratteristica intrinseca di un individuo casualmente collegata ad una performance eccellente in una mansione. Si compone di motivazioni, tratti, immagine di sé, ruoli sociali, conoscenze e abilità (Spencer, 1995) Im m a g in e d i s è Mo tiva zio n e Tra tti L iceberg di S pencer 39

40 In conclusione, competenza certamente è un sapere un sapere dotato di senso un sapere che si alimenta nella circolarità tra azione e riflessione un sapere condiviso da una comunità ma personalizzato un sapere che si esprime in un azione concreta 40

41 Gli obiettivi dell Unione Europea per il 2010 Il progetto istruzione e formazione per l Europa del futuro La s cuola e la s ua natura di s is tema s ociale orientato allo s viluppo dell apprendimento individuale devono garantire la trans izione vers o un economia bas ata s ulla conos cenza competitiva Co n s ig lio Euro pe o, Lis b o n a

42 Il valore dei saperi personali Memorandum dell Unione Europea del 30 Ottobre L appre ndim e nto fo rm ale è q ue llo c h e s i s v o lg e n e g li is tituti d is truzio n e e d i fo rm a zio n e e po rta a ll o tte n im e n to d i d iplo m i e d i q ua lific h e ric o n o s c iute - L appre ndim e nto no n fo rm ale è q ue llo c h e s i s v o lg e a l d i fuo ri d e l s is te m a uffic ia le d i is truzio n e e fo rm a zio n e e d è pro m o s s o e d o rg a n izza to d a s trutture d e lla s o c ie tà c iv ile - L appre ndim e nto info rm ale è q ue llo c h e s i c o n n o ta c o n il m o d o s te s s o d i viv e re d e ll in d iv id uo. No n è n e c e s s a ria m e n te in te n zio n a le e a v o lte può n o n e s s e re ric o n o s c iuto n e a n c h e d a llo s te s s o in te re s s a to 42

43 Competenze chiave e apprendimento continuo R a c c o m a n d a zio n e d e l P a rla m e n to e C o n s ig lio E u ro p e o D ic e m b re 2006 Le c o m pe te n ze c h ia v e s o n o un m ix d i c o n o s c e n ze, a b ilità e a ttitud in i pe rs o n a li d i c ui tutti h a n n o b is o g n o pe r po te r re a lizza re s e s te s s i d a l pun to d i v is ta pe rs o n a le, s o c ia le e d e l la v o ro la competenza nella madrelingua la competenza culturale la competenza nell imparare ad imparare la competenza in matematica e scienze La competenza interculturale e sociale la competenza interpersonale la competenza digitale la competenza nelle lingue straniere la competenza imprenditoriale 43

44 COME COSTRUIRE IL CITTADINO EUROPEO ECVET Sistema di trasferimento crediti di istruzione di base EQF Quadro Europeo delle Qualificazioni ECTS Sistema di trasferimento crediti di istruzione superiore EUROPASS il Libretto Formativo Individuale 44

45 Mobilità e cittadinanza europea E QF E UROP E AN QUALIF ICATIONS F RAME WORK La misura degli apprendimenti Le qualificazioni in un EQF sono descritte in termini di tre tipi di risultato di apprendimento CONOS CE NZE AB ILITA COMPE TE NZE Per ogni tipo di risultato sono previsti 8 livelli di qualità dell apprendimento ABILITA L IVE L LO 1 Us a re a b ilità d i b a s e pe r s vo lg e re c o m piti s e m plic i CONOS CE NZE LIVE LLO 5 Us a re a m pie c o n o s c e n ze te o ric h e e pra tic h e s pe c ia lizza te in un c o n te s to e d im o s tra re c o n s a pe vo le zza d e i lim iti d e lle c o n o s c e n ze b a s e 45

46 Dal Quadro Europeo delle Qualificazioni Il concetto di apprendimento L apprendimento è un processo cumulativo in cui gli individui assimilano gradualmente entità sempre più complesse ed astratte (concetti, categorie, schemi di comportamento o modelli) e/o acquisiscono abilità e competenze più ampie. Questo processo avviene in contesti informali, per esempio in attività ludiche e in contesti formali di apprendimento, incluso il luogo di lavoro. 46

47 Dal Quadro Europeo delle Qualificazioni Il concetto di risultato di apprendimento Per risultato di apprendimento si intende l insieme delle conoscenze, abilità e/o competenze che un individuo ha acquisito e/o è in grado di dimostrare di possedere dopo il completamento di un processo di apprendimento. I risultati di apprendimento sono delle dichiarazioni di cosa chi apprende deve sapere, capire e/o saper fare alla fine di un periodo di apprendimento. 47

48 Dall EQF (European Qualification Framework) Il concetto di competenza Il concetto di competenza è multi-dimensionale e sottende : una competenza cognitiva che include l uso della teoria e dei concetti, così come le conoscenze informali e tacite acquisite con l esperienza; una competenza funzionale, cioè il saper fare quelle cose che una persona dovrebbe essere in grado di fare quando sono collocate in un contesto di una data area di lavoro o di attività sociale; una competenza personale che comprende il sapere come comportarsi in una situazione specifica; una competenza etica che implica il possesso di certi pregi personali e professionali. 48

49 Og g i va luta re la q ua lità d e ll is truzio n e s c o la s tic a vuo l d ire s a pe r v a luta re i s a pe ri pe rs o n a li d i un g io v a n e e q uin d i la q ua lità d e l s uo a ppre n d im e n to 49

50 Le Indagini comparative internazionali (Le indagini IEA, IAEP, PIRLS PISA) Le indagini dell IEA (In te rn a tio n a l A s s o c ia tio n fo r th e E v a lu a tio n ) Le indagini PIRLS (Progress in International Reading Literacy Study) Il sistema di valutazione IAEP (In te rn a tio n a l A s s e s s m e n t o f E d u c a tio n a l P ro g re s s ) Il Programma PISA (P ro g ra m fo r In te rn a tio n a l S tu d e n t A s s e s s m e n t) 50

51 DECLINARE LE COMPETENZE Il pun to d i v is ta d e lla fun zio n e s o c io -e d uc a tiv a Il Programma P.I.R.L.S. ( Pro g re s s in In te rn a tio n a l Re a d in g Lite ra c y Stud y ) P IRLS - La competenza in Lettura (RE ADING LITE RACY) L a b ilità d i c a p ire e u s a re q u e lle fo rm e d i lin g u a g g io s c ritto ric h ie s te d a lla s o c ie tà e /o a p p re zza te d a ll in d iv id u o. I g io v a n i le tto ri d e v o n o s a p e r c o s tru ire u n s ig n ific a to d a te s ti d i v a rio tip o. L e g g o n o p e r a p p re n d e re, p e r fa r p a rte d e lla c o m u n ità d e i le tto ri a s c u o la e n e lla v ita d i o g n i g io rn o, e p e r g o d im e n to p e rs o n a le 51

52 - le caratteris tiche L indagine PIRLS (Progress in International Reading Literacy Study) I 4 tipi di processi di comprensione 52

53 P IRLS I ris ultati internazionali Indagine 2006 la frequenza della scuola dell infanzia (F o n te : INV A L S I, 2007) 53

54 DECLINARE I SAPERI PERSONALI Da i s a pe ri pe rs o n a l a lle c o m pe te n ze d i b a s e Il Programma P.I.S.A. (Pro g ra m fo r In te rn a tio n a l Stud e n t As s e s s m e n t) P IS A - La competenza in Lettura (RE ADING LITE RACY) È la c o m p re n s io n e e l u tilizza zio n e d i te s ti s c ritti e la rifle s s io n e s u i lo ro c o n te n u ti a l fin e d i ra g g iu n g e re i p ro p ri o b ie ttiv i, d i s v ilu p p a re le p ro p rie c o n o s c e n ze e p o te n zia lità e d i s v o lg e re u n ru o lo a ttiv o n e lla s o c ie tà 54

55 DECLINARE I SAPERI PERSONALI Da i s a pe ri pe rs o n a l a lle c o m pe te n ze d i b a s e Il Programma P.I.S.A. (Pro g ra m fo r In te rn a tio n a l Stud e n t As s e s s m e n t) P IS A - La competenza in Matematica (MATHE MATICAL LITE RACY) È la c a p a c ità d i id e n tific a re e c o m p re n d e re il ru o lo c h e la m a te m a tic a s v o lg e n e l m o n d o re a le, d i o p e ra re v a lu ta zio n i fo n d a te e d i u tilizza re la m a te m a tic a in m o d i c h e ris p o n d o n o a lle e s ig e n ze d e lla v ita d i u n in d iv id u o 55

56 DECLINARE I SAPERI PERSONALI Da i s a pe ri pe rs o n a l a lle c o m pe te n ze d i b a s e Il Programma P.I.S.A. (Pro g ra m fo r In te rn a tio n a l Stud e n t As s e s s m e n t) P IS A - La competenza in S cienze (S CIE NTIF IC LITE RACY) È la c a p a c ità d i u tilizza re c o n o s c e n ze s c ie n tific h e, d i id e n tific a re d o m a n d e c h e h a n n o u n s e n s o s c ie n tific o e d i tra rre c o n c lu s io n i b a s a te s u i fa tti, p e r c o m p re n d e re il m o n d o d e lla n a tu ra e i c a m b ia m e n ti a e s s o a p p o rta ti d a ll a ttiv ità u m a n a 56

57 L indagine - un es empio di ques ito PIS A (Program for International Student Assessment) Il tema : LAVORARE SOTTO IL SOLE Domanda 1: LAVORARE S OTTO IL S OLE S 420Q01 Pie tro s ta fa c e n d o la vo ri d i ripa ra zio n e a d un a ve c c h ia c a s a. Eg li h a la s c ia to un a b o ttig lia d a c q ua, a lc un i c h io d i d i m e ta llo e un a s s e d i le g n o d e n tro il b a g a g lia io d e lla s ua a uto. Do po c h e l a uto è rim a s ta s o tto il s o le pe r tre o re, la te m pe ra tura in te rn a d e ll a uto ra g g iun g e c irc a i 4 0 º C. Ch e c o s a s uc c e d e a g li o g g e tti n e ll a uto? Fa i un c e rc h io in to rn o a Sì o a No pe r c ia s c un a d e lle a ffe rm a zio n i pro Ques po to s te s. uccede all oggetto/agli oggetti? S ì o No? Tutti g li o g g e tti h a n n o la s te s s a te m pe ra tura. Sì / No Do po un po d i te m po l a c q ua c o m in c ia a b o llire. Sì / No Do po un po d i te m po i c h io d i d i m e ta llo c o m in c ia n o a d ive n ta re in c a n d e s c e n ti. Sì / No La te m pe ra tura d e i c h io d i d i m e ta llo è più a lta d i q ue lla d e ll a c q ua. Sì / No LAVORARE S OTTO IL S OLE : INDICAZIONI P E R LA CORRE ZIONE D 1 Punte ggio pie no Co d ic e 1 : Tutte e q ua ttro le ris po s te c o rre tte : Sì, No, No, No in q ue s t o rd in e. Ne s s un punte ggio Co d ic e 0 : Altre ris po s te. Co d ic e 9 : No n ris po n d e. 57

58 Fine 2 Modulo Continua 58

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le...

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le... 211 BILANCIO DI ESERCIZIO IN D IC E 2 IN D IC E G E N E R A L E I. R e la z io n e s u lla G e s tio n e II. S ta to p a tr im o n ia le e C o n to e c o n o m ic o III. N o ta in te g r a tiv a IV. R

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c -

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c - 1 7 D IC EM B RE 2 0 0 4 B OLLETTINO UF F IC IALE D ELLA REGIONE M ARC H E ANNO X X X V N. 1 3 3 Deliberazione n. 1408 del 23/11/2004. Lege 26/10/1995 n. 447, art. 2, commi 6, 7, 8 - D.P.C.M. 3 1/03 /1998.

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n T E R A P IA IN U L IN IC A IN O P E D A L E T A R G E T G L IC E M IC I N E L P A Z IE N T E D IA B E T IC O D I T IP O 2 R IC O V E R A T O G li a n a lo g h i d e ll'in s u lin a C o n e g lia n o,

Dettagli

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO VERBALE N. 2 DELLA GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ DELLA CN RUPAR-SPC, PER LA DURATA DI 48 MESI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA DI RILANCIO DEL CONFRONTO

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo Dal Curare al Prendersi Cura Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo La cura& & nella mitologia Mentre C ura stava attraversando un certo fiume, vide del fango argilloso. Lo

Dettagli

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i Il caso di Cleo U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i ANAM NESI FAM ILIARE: n o n s i rile v a n o p a to lo g ia d e g n e d i n o ta. ANAM NESI PERSONALE: p rim o g e n ita d i g e n ito ri n o n

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca La delocalizzazione delle università statali italiane Presentazione dei risultati della ricerca Obiettivi conoscitivi Descrivere il fenomeno della delocalizzazione universitaria; Analizzare il processo

Dettagli

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]*

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* Eleonora Berti & Tommaso Dall Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* L'approfondimento mira ad analizzare il rapporto tra padri e figli ieri e oggi, valutando

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot. 12775 dd 07/09/2007 PALMANOVA, 5 febbraio

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: TECNOLOGIE TESSILI classe Terza Le lezioni di Tecnologie Tessili hanno come scopo la conoscenza delle fibre tessili, dei filati e dei L o bbiettivo è que llo di co lle ga re

Dettagli

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA S p o s e i n b i a n c o, s p o s e i n r o s s o. S o n o d u e i m m a g i n i d i m a t r i m o n i a s s a i u s u a l i c h

Dettagli

Azienda USL di Piacenza

Azienda USL di Piacenza Azienda USL di Piacenza Aziende Sanitarie ed utenti Internet cambia il lavoro Le tecnologie della comunicazione cambiano anche i lavori tradizionali. Come cogliere le opportunità Roma, 19 maggio 2011 1

Dettagli

SERVIZI NON ISTITUZIONALI: Ag e n zie p ro v a to s o c ia le. As s o c ia zio n i v o lo n ta ria to. Ce n tri s o c io -e d u c a tiv i

SERVIZI NON ISTITUZIONALI: Ag e n zie p ro v a to s o c ia le. As s o c ia zio n i v o lo n ta ria to. Ce n tri s o c io -e d u c a tiv i L A R E T E D E I S E R V IZ I C E N T R O G IO V A N I S E R V IZ I A.S.L.: U.O. Co n s u lto ria le (Co n s u lto rio Fa m ilia re e Se rv izio d i Ne uro p s ic o p a to lo g ia e tà e v o lutiv a )

Dettagli

IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012

IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012 Franca Da Re CONFERENZA DI SERVIZIO PADOVA 03.10.2012 1 Competenze

Dettagli

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html Pagina 1 di 5 Blow Photofinish up sul mondo della fotografia AP R 0 9 8 Mo s tre, m o s t re e a n c o ra m o s t re! Pu b b lic a t o d a Fra n c e s c a D e Me is a lle 1 2 :3 3 in Mo s t re Si intitola

Dettagli

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo.

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo. SCUOLA ESTIVA DI RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA CHIMICA ULDERICO SEGRE Ferrara 15 luglio 2010 Riflettere sulle conoscenze per favorire un apprendimento significativo Tavola rotonda Le competenze e la didattica

Dettagli

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w.

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w. MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U).0000674.03-02-2016 ~ ~.( ) d e l! ocba Y :J tn tj a O? l~ -, d e!lrv J ln iv (ff.j d d e d e l l a~ c a q )~ ~ d ~ ~ ~ '~ e ~ '~ g z ; ~ M m,e ~ jw J < kjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba

Dettagli

Didattica speciale delle discipline: MATEMATICA

Didattica speciale delle discipline: MATEMATICA Didattica speciale delle discipline: MATEMATICA Maurizio Berni m.berni@adm.unipi.it Tutti i materiali sono disponibili su http://www.dm.unipi.it/fim/didattica_speciale/ Didattica speciale delle discipline:

Dettagli

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le?

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? Pro f. Do m e n ic o Be ra rd i Is titu to d i Ps ic h ia tria, Un iv e rs ità d i Bo

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO L a p p a re c c h io S w a tc h C o rd le ss II IS D N è u n c o rd le ss c h e c o m b in a le fu n z io n i tip ic h e d e lla te le fo n ia se n z a fili c o n il c o

Dettagli

L E G G E F INANZIARIA 2007

L E G G E F INANZIARIA 2007 FORUM PERMANENTE L E G G E F INANZIARIA 2007 art. 1 comma 263 PREVEDE IL PASSAGGIO DI 2 01 IMMOB IL I DE L L A DIF E S A (CASERME, TERRENI, ARSENALI, POLIGONI) NON PIÙNECESSARI PER USI MILITARI NEL PATRIMONIO

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17 Forum: I Soft Skills del Project Manager Paolo Vallarano 1/17 Elementi di conoscenza di Project Management (secondo Certificazione Base di ISIPM) CONOSCENZE COMPORTAMENTALI CONOSCENZE DI CONTESTO ELEMENTI

Dettagli

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di + P rogetto C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di B e llu n o A zio n i c o n g iu n te e s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità e n e rg e tic a e am bie n tale de l te rrito

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

I perché e i come della divulg azione s cientifica

I perché e i come della divulg azione s cientifica I perché e i come della divulg azione s cientifica dalle lezioni pubbliche di Faraday alla immers ività dei S cience C entre motivazioni e tecniche deg li s cienziati divulg atori attravers o i s ecoli

Dettagli

Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione

Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione Fd r. a re R ic clic a rd p eo r Dm aolle d ific G ara re v elo s tile d e l s o tto tito lo d e llo s c h

Dettagli

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9 L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza di Andrea Rinaldi A- A + 56% TOTALE VOTI 9 1 1 8 9 0 4 La pizza fa gola ai tedeschi, che hanno deciso di portarsela

Dettagli

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO G A Z Z E T T A S E T T I M A N A L E SCIENZA ECONOMICA, FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE INTERESSI PRIVATI Anno X!V - Voi. XVI I Domenica 27 Marzo 1887 N. 878 L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A

Dettagli

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO I n f o r m a z io n i pe r s o n a l i Nome Indirizzo Cozzo D a c ia Telefono Fax E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita E s p e r ie n z a l a v o r a t iv a

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b licità V ia C u s to z a 8 V e rc e lli M IC H Y 'S H

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00 Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana- Serie Generale n.139 del 16.06.6 Regioni, Province autonom e, enti regionali e enti locali Prospetto di cui all'articolo 8, comma 1, del Decreto Legge 24 aprile

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica L.R 7 / 1 9 8 8 in se d ia m e n ti p ro d u ttiv i In c e n tiv i a c o n so r z i di im p r e se in d u stria li ed a r tig ia n e o p e r a n ti

Dettagli

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i CON VEGN O D P S : 1 5-1 2-2 0 1 6 IN S IEM E P ER IN VECCH IAR E CON S U CCES S O Con t r ib u t o Is t it u t o F r is ia M e r a t e ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Corso di formazione AUSL di Lucca I I FACILITATORI DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO FONTI DI INFORMAZIONE PER LA IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO CLINICO LUCCA 25-05-2009 A cura del dott. G. Puntoni

Dettagli

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico CENTRO INTEGRATO SERVIZI SCUOLA/TERRITORIO L ORIENTAMENTO SCOLASTICO NELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 GRADO del Circondario Imolese Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento

Dettagli

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0028447.13-03-2015 R om a. P.d.c.: 0659084196 r8l cgcp@ pec.m it.gov.it M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

IL RAV. Maria Girone

IL RAV. Maria Girone IL RAV Maria Girone Foggia 12/03/2015 AVVIO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE ART. 6 DEL D.P.R. 80/2013 Autovalutazione delle Istituzioni Scolastiche Valutazione esterna Azioni di migliomento Analisi e verifica

Dettagli

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO PROGETTO 2/1/1/1758/2009 Riconoscimento e certificazione delle competenze acquisite in ambiente di lavoro dagli occupati in contratto di apprendistato AzioneMacro

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

Costruire le competenze chiave di cittadinanza

Costruire le competenze chiave di cittadinanza Costruire le competenze chiave di cittadinanza Incontri di formazione per gli insegnanti dell ICS Silvio Pellico di Arluno a.s. 2014/2015 Periplo s.n.c. Via Appiani 5-20121 Milano - Tel. + 39 02 36551556

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Il medico del pneumatico

Il medico del pneumatico LA REALTÀ D I U N C E N T R O G O M M E P E R V E IC O L I IN D U S T R IA L I Il medico del pneumatico Circolare in sicurezza significa anche montare pneumatici perfettamente funzionanti; un problema

Dettagli

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15 Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado Maria Cassani

Dettagli

ISTITUTO CAMILLO FINOCCHIARO APRILE PALERMO

ISTITUTO CAMILLO FINOCCHIARO APRILE PALERMO POF: contenuti essenziali per una consultazione rapida ISTITUTO CAMILLO FINOCCHIARO APRILE PALERMO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Il POF o Piano dell Offerta Formativa è il documento con cui l Istituto definisce

Dettagli

Piano Triennale dell Offerta Formativa

Piano Triennale dell Offerta Formativa Piano Triennale dell Offerta Formativa a.s. 2016-17 / a.s. 2018-19 ALLEGATO_P Il piano è il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche esplicita

Dettagli

L'Invalsi e le indagini internazionali sull'apprendimento della matematica. Napoli, 14 dicembre 2014

L'Invalsi e le indagini internazionali sull'apprendimento della matematica. Napoli, 14 dicembre 2014 L'Invalsi e le indagini internazionali sull'apprendimento della matematica Napoli, 14 dicembre 2014 Centralità della matematica nel contesto scolastico anche per quanto riguarda i fallimenti Perché tanto

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche c uriosando in Bibl i oteca Spunti tematici

Dettagli

Quali sono le ragioni per passare alle competenze? Stimoli esterni: Consiglio europeo di Lisbona (22-23/03/2000);

Quali sono le ragioni per passare alle competenze? Stimoli esterni: Consiglio europeo di Lisbona (22-23/03/2000); Stimoli esterni: Consiglio europeo di Lisbona (22-23/03/2000); Raccomandazioni Parlamento Europeo e del Consiglio dell'unione Europea (18/12/2006); DM 22 agosto 2007; I risultati nelle indagini internazionali

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 17 Il Centro Territoriale Permanente In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui Centri Territoriali Permanenti per l istruzione e la formazione in età adulta parole

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA classe Quarta Classe V Modulo 1 LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA TEMPI: settembre, ottobre Cono sce le teo rie della comunicazione pubblicitaria (attenzione

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

1. Finalità generali ed indirizzi di studio

1. Finalità generali ed indirizzi di studio 1. Finalità generali ed indirizzi di studio L Istituto d Istruzione Superiore Evangelista Torricelli, suddiviso al proprio interno nelle Sezioni Liceo e Istituto Professionale, al ine di assolvere ai suoi

Dettagli

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione C ONDIV IS ION E I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri Fem m inile M a s c hile U m ido S ec c o Freddo C a ldo P a s s ività A ttività C ons erva zione M uta m ento C ontra zio ne E

Dettagli

Bolog na, 07/05/2014

Bolog na, 07/05/2014 Bologna, 07/05/2014 Come fare a costruire un curricolo verticale? Personali Situazioni d aula Indicazioni Nazionali Confronto con i colleghi, con le Istituzioni, con le famiglie,.. Ricerche in Didattica

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI E LAVORARE PER COMPETENZE

INDICAZIONI NAZIONALI E LAVORARE PER COMPETENZE IC Bagnolo sul PIano INDICAZIONI NAZIONALI E LAVORARE PER COMPETENZE Mario Castoldi settembre 2015 LA SFIDA DEL CURRICOLO DI ISTITUTO Nel rispetto e nella valorizzazione dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1 C O M U N E D I C H I O G G IA REGOLAMENTO PER L "APPLICAZIONE DELLA TAR FA DI IGL NE AMB1-ENTALE Approvato con deli'bera delcommissario STR IORDINARIO assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia 1. Che c os è? La Po sta Ele ttro nic a Ce rtific a ta (PEC) è un siste ma di po sta e le ttro nic a (c he utilizza i pro to c o lli sta nda rd de lla po sta e le ttro nic a tra dizio na le ) me dia nte

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 88 Prot. n. 4956 del 14-07-2009 OGGETTO: Indirizzi

Dettagli

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No Gli obiettivi

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla certificazione della competenza Progetto di ricerca-formazione I nuovi Licei. Una guida a partire dalle pratiche USR Puglia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli