Internet e le Mappe Cognitive

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Internet e le Mappe Cognitive"

Transcript

1 Dott. Gianluca De Grandis L organizzazione attuale dei siti Web Il World Wide Web fu inventato nel 1989 da Tim Berners-Lee 1 presso il CERN di Ginevra. Il progetto consisteva nel creare un ambiente di comunicazione universale, decentralizzato, basato sull ipertesto 2. Internet, creata negli Stati Uniti nel 1969, era già una realtà, ma aveva un aspetto profondamente diverso da quello attuale: niente immagini, niente navigazione ipertestuale, nessuna informazione a portata di click (anche i mouse non avevano ancora fatto la loro comparsa sulle scrivanie). In quegli anni la rete era riservata a ricercatori e informatici e serviva esclusivamente ad inviare e ricevere posta elettronica e a recuperare file su computer remoti; grazie all intuizione di Tim Berners-Lee, le cose erano destinate a cambiare e al CERN di Ginevra si stava scrivendo una pagina fondamentale della storia della rete delle reti e dell informatica. Nel marzo del 1991, tramite un software scritto dallo stesso Berners-Lee, i ricercatori del CERN poterono accedere alla prima pagina Web della storia: l elenco telefonico del centro di ricerca. Nel mese di agosto, il progetto World Wide Web diventava pubblico e veniva messo a disposizione su Internet attraverso alcuni gruppi di discussione. Della nuova tecnologia non veniva richiesto nessun brevetto: chiunque poteva utilizzarla senza pagare alcun diritto al CERN o al suo inventore; fu la fortuna di Internet, che diventò il sistema più aperto, più facilmente implementabile nella storia dell informatica e che ha consentito la sua rapida diffusione, diventando ciò che i suoi inventori desideravano: una vera ragnatela mondiale. Probabilmente, se Berners-Lee avesse brevettato la tecnologia del Web, la diffusione universale del WWW non si sarebbe mai verificata: perché esista qualcosa come il Web è necessario che tutto il sistema si basi su standard aperti, pubblici 3. La diffusione di Internet consente di condividere e ricercare informazioni su qualunque tipo di argomento; tuttavia, ricercare e recuperare dati in rete non è sempre facile ed immedia- 1

2 to: spesso, quando si interrogano i motori di ricerca, si ottengono migliaia e migliaia di pagine Web e, spesso, tra il materiale trovato non compare l argomento desiderato. La maggior parte dei siti Internet attuali sono realizzati in HTML (HyperText Markup Language); alcuni sono interamente costruiti attraverso Macromedia Flash; qualche pagina utilizza invece XML (extensible Markup Language), oppure altri formati come ASP, PHP, ecc. Le informazioni contenute nel Web, in qualsiasi formato siano descritte, sono leggibili dalle macchine, ma solo l uomo è in grado di comprenderne realmente il significato; inoltre, le e- normi quantità di pagine presenti in Rete rendono impossibile la catalogazione delle informazioni in esse contenute. 1.2 Resource Description Framework Per rendere comprensibili le informazioni presenti in Rete anche alle macchine, il W3C 4 ha pensato di usare i metadati per descrivere i documenti contenuti nel Web. I metadati sono dati per descrivere dati ; ad esempio, il catalogo di una biblioteca è un metadato in quanto descrive le pubblicazioni contenute nella biblioteca stessa. Resource Description Framework (RDF) 5, raccomandazione del W3C, è un applicazione di XML, una base per il trattamento dei metadati e fornisce interoperabilità tra le applicazioni che scambiano informazioni comprensibili alle macchine sul Web. RDF può essere utilizzato in diverse aree di applicazione: nella ricerca di risorse, per migliorare le capacità dei motori di ricerca; nella catalogazione, per descrivere il contenuto e le relazioni tra le risorse disponibili in un particolare sito Web, in una pagina o in una biblioteca digitale; può essere usato da agenti software intelligenti, per facilitare la condivisione e lo scambio di conoscenza; nella valutazione di contenuto; per descrivere i diritti di proprietà intellettuale di pagine Web e per esprimere le preferenze sulla riservatezza da parte di un utente; RDF, associato alla firma digitale può contribuire alla costruzione di un "Web affidabile" per il commercio elettronico, per la collaborazione e per altre applicazioni. Una delle finalità di RDF è quella di permettere la definizione di semantiche per dati in formato XML secondo modalità standardizzate che mirano all'interoperabilità. Il modello di base dei dati RDF è costituito da tre tipi di oggetti: 2

3 Risorse: sono tutti gli oggetti descritti con espressioni RDF: pagine Web, singoli elementi di pagine, oppure intere collezioni di pagine; una risorsa può anche essere un oggetto non direttamente accessibile via Web come ad esempio un libro stampato. Proprietà: consiste in un aspetto specifico, una caratteristica, un attributo, o una relazione usata per descrivere una risorsa; ogni proprietà ha un significato specifico: definisce i valori ammessi, i tipi di risorse a cui può riferirsi e la sua relazione con altre proprietà. Asserzioni: una risorsa, una proprietà definita e il valore relativo alla proprietà stessa, costituiscono un asserzione RDF; queste tre parti dell asserzione sono dette, rispettivamente, il soggetto, il predicato e l'oggetto. Di seguito viene riportata un applicazione di RDF direttamente tratta dalla raccomandazione del W3C in cui si specificano il modello e la sintassi di RDF 6. Si consideri la seguente frase: Ora Lassila è il creatore della risorsa questa frase è composta da tre parti: Soggetto (risorsa) Predicato (proprietà) Oggetto (letterale) creatore Ora Lassila È possibile rappresentare graficamente un asserzione RDF mediante grafi orientati ed etichettati (noti anche come diagrammi a nodi e archi ). In questi diagrammi i nodi, di forma ovale, rappresentano le risorse, gli archi rappresentano le proprietà, mentre i nodi che rappresentano stringhe (letterali) hanno forma rettangolare. La frase dell esempio può essere quindi rappresentata graficamente nel seguente modo: La direzione della freccia è significativa: l'arco parte sempre dal soggetto e punta all'oggetto dell asserzione. Il semplice diagramma riportato può anche essere letto nel modo seguente: 3

4 « ha come creatore "Ora Lassila"» più in generale <soggetto> ha <predicato> <oggetto>. Si consideri ora la seguente frase in cui si aggiungono altre informazioni relative al creatore della risorsa: L'individuo il cui nome è Ora Lassila, è il creatore di Lo scopo di questa frase è quello di rendere il valore della proprietà "Creatore" un'entità strutturata. In RDF tale entità è rappresentata come un'altra risorsa. La proposizione non dà un nome a questa risorsa; essa è anonima, quindi nel diagramma sottostante viene rappresentata come un ovale vuoto: Questo diagramma potrebbe essere letto come: « ha come creatore qualcuno e questo qualcuno ha come nome Ora lassila e come All'entità strutturata dell'esempio precedente può anche essere assegnato un identificatore unico. La scelta dell'identificatore è fatta da chi progetta il database dell'applicazione. 4

5 Si supponga di usare un id di un impiegato come identificatore univoco per una risorsa "persona". Gli URI utilizzati come chiave univoca per ciascun "impiegato" potrebbero essere qualcosa come E le proposizioni diventano: L'individuo riferito da id dell'impiegato ha come nome Ora lassila e come indirizzo La risorsa è stata creata da questo individuo. Il modello RDF relativo a queste proposizioni è: Si noti che questo diagramma è identico a quello precedente tranne per l aggiunta dell'u- RI della risorsa che prima risultava essere anonima. Dal punto di vista di una seconda applicazione che interroghi questo modello, non c'è alcuna differenza tra asserzioni presenti in un'unica frase e asserzioni fatte in frasi separate. Il modello dei dati RDF offre una struttura concettuale, astratta, per la definizione e l'uso di metadati. Per creare e scambiare questi metadati sarà necessaria anche una sintassi concreta. Questa specifica RDF usa la codifica XML come sintassi di interscambio. RDF richiede inoltre l'utilizzo di namespaces XML per associare ciascuna proprietà allo schema in cui è definita la proprietà. Sono numerosi i sottolinguaggi o le grammatiche che utilizzano RDF e definiscono elementi XML specifici per la descrizione delle risorse; il più popolare è Dublin Core 7. RDF non definisce un elemento dal nome <creator> per indicare l autore della risorsa, tuttavia <creator> è un elemento di Dublin Core; questo significa che i motori di ricerca che supportano Dublin 5

6 Core avranno informazioni sufficienti per cercare gli elementi <creator> quando è necessario trovare l autore di una particolare risorsa Web. RDF può anche essere impiegato per descrivere altri tipi di risorse; gli esempi precedentemente presentati, hanno illustrato la possibilità di rappresentare anche graficamente un asserzione RDF. La rappresentazione data è molto vicina alle mappe cognitive, quindi, RDF può essere considerato un ulteriore valido strumento per la rappresentazione della conoscenza e per la descrizione della struttura delle mappe. 1.3 Il Web Semantico Come precedentemente accennato, il Web è stato progettato sia per consentire la condivisione e la ricerca di informazioni, sia per migliorare la comunicazione uomo-uomo ; tuttavia, anche gli stessi computer dovrebbero essere in grado di contribuire alla ricerca e alla comunicazione delle informazioni, ma questo è attualmente impedito dal fatto che quasi tutte le pagine Web sono state ideate esclusivamente per la consultazione da parte dell uomo e non da parte del calcolatore. Per risolvere i problemi legati all implementazione attuale del Web, Tim Berners-Lee ha formulato l idea del Semantic Web 8, una sorta di ragnatela di dati, un enorme database globale, il cui approccio consiste nello sviluppo di linguaggi per esprimere informazioni comprensibili ed elaborabili anche dalle macchine. L approccio di Berners-Lee si basa su un comune modello di grande generalità: Resource Description Framework. Il criterio generale consiste in una stratificazione a livelli partendo dall alto; il modello di base contiene solo i concetti di asserzione e quotazione, e permette di fare asserzioni usando altre asserzioni. Il linguaggio in questa fase non ha negazioni o implicazioni e di conseguenza è molto limitato. I documenti RDF in questa fase non hanno un grande potere; il motivo per cui si utilizza questa rappresentazione è che tali dati potranno essere combinati insieme ad altri provenienti da diverse applicazioni Web; le applicazioni che operano sull intera Rete possono essere in grado di utilizzare una comune struttura per combinare insieme le informazioni di tutte queste applicazioni. Il modello di base fornisce uno schema di asserzioni e quotazioni in cui è possibile rappresentare i dati in qualsiasi nuova forma; serve, inoltre, uno schema a livelli per dichiarare l esistenza di nuove proprietà. 6

7 È necessario porre limiti alle modalità di utilizzo di questo schema. Solitamente si vuole limitare i tipi di oggetti a cui può essere applicato. Queste meta-asserzioni rendono possibili rudimentali controlli su un documento; in SGML, il DTD permette di controllare se gli elementi sono stati utilizzati in posizioni appropriate, in RDF, uno schema permette di controllare per esempio che una patente di guida sia intestata ad una persona e non ad un modello di automobile. Il linguaggio schema permette di fare semplici asserzioni circa le combinazioni permesse. I limiti espressi nello schema sono facilmente espandibili attraverso espressioni logiche (il livello successivo); questo per ora non viene fatto perché se ne vuole limitare le potenzialità. Successivamente si potrebbe volere fare inferenze attraverso l uso della semantica dello schema; le inferenze potrebbero anche essere combinate con altre espressioni logiche. Deve anche essere possibile convertire un documento da un particolare schema RDF in un altro. Il livello successivo è quello logico: è necessario un modo per inserire la logica all interno dei documenti per permettere, ad esempio, la deduzione di un tipo di documento da un altro, oppure, il controllo di un documento attraverso un insieme di regole di auto-consistenza, o anche per ottenere il risultato di un interrogazione mediante una conversione da termini sconosciuti in termini conosciuti. RDF non specifica nulla circa il meccanismo con cui queste considerazioni possono essere praticamente attuate sui documenti. A livello logico, RDF ha la possibilità di esprimere regole di inferenza; ovvero, consente di scrivere regole, ma non specifica in quale ordine esse dovranno essere applicate. Un'altra questione da affrontare è quale tipo di linguaggio utilizzare per effettuare le interrogazioni; chiaramente il linguaggio utilizzato deve basarsi sulla logica di RDF. La struttura che si occupa di effettuare le ricerche deve essere collegata alla verifica delle firme; i documenti saranno consultati non solo come alberi di asserzioni, ma anche come alberi di asserzioni relative agli autori delle asserzioni stesse. I motori di ricerca che indicizzano pagine HTML trovano molte risposte inappropriate alle interrogazioni e nascondono gran parte del Web; non c è la nozione di correttezza in queste ricerche; al contrario, i motori logici sono in grado di restringere il loro risultato a quella che probabilmente sarà la risposta corretta. Il motore di ricerca del futuro dovrebbe poter essere una combinazione delle due tecnologie. Attualmente non esiste un implementazione chiara e definita di quello che sarà il Web del futuro; tuttavia, esistono numerose proposte che si basano su vari metodi di realizzazione: al- 7

8 cuni prevedono l uso di XML, RDF, RDF Schema, Conceptual Graphs, approcci statistici, clustering, algoritmi genetici e reti neurali per l auto-apprendimento ecc Tutte queste proposte sono state discusse nel settembre del 2001 in occasione del workshop intitolato Semantic Web Mining 9, svoltosi a Freiburg, Germania. 1.4 L organizzazione di siti mediante mappe cognitive La lettura di una mappa cognitiva è semplice e riduce la confusione e l ambiguità; si tratta di un operazione visiva in cui la disposizione spaziale degli oggetti contribuisce a migliorare e a velocizzare la comprensione dei concetti, consentendo di ricordare un determinato argomento, meglio e più a lungo. L'uso delle mappe facilita l integrazione collaborativa nei gruppi, grazie alle possibilità di modificare ed integrare i diagrammi senza limiti; permette di vedere l'informazione da una prospettiva diversa, più intuitiva e stimolante; fornisce una rappresentazione visiva delle relazioni fra le diverse idee, concetti, argomenti ed oggetti, anche se organizzate su molti livelli; aiuta ad individuare discrepanze, contraddizioni o incongruenze, incoraggiando l'analisi ed il pensiero critico; riassume l'informazione essenziale in poco spazio, senza perdere la ricchezza delle altre informazioni collegate; l apprendimento a distanza diventa più efficiente, grazie anche alle possibilità di scambio offerte dalle reti locali e da Internet. Le mappe cognitive sono strumenti molto semplici ma nel frattempo anche molto utili e versatili; purtroppo, in Italia il loro impiego è limitato a qualche docente di scuola media e media-superiore ed è praticamente inesistente l utilizzo in altri campi. Negli Stati Uniti d America le mappe cognitive sono invece molto diffuse sia nelle scuole sia in ambito industriale, dove vengono sfruttate, ad esempio per controllare le fasi dei vari processi produttivi. La grande versatilità delle mappe ne consente l utilizzo in qualunque ambiente: per e- sempio anche nella pubblicazione delle informazioni su Internet. Spesso, infatti, consultando la Rete, si incontrano siti mal costruiti, in cui è davvero facile perdersi e, a volte, le informazioni contenute non sono affatto comprensibili. Per trasmettere chiaramente dei contenuti sul Web, è necessario che essi siano organizzati in modo logico e in maniera comprensibile; il problema della rappresentazione della conoscenza diventa, quindi, una questione cruciale per una buona leggibilità di un sito Web. 8

9 Le mappe cognitive possono essere impiegate per rappresentare, anche visivamente, l'articolazione di un sito, migliorandone la comprensione e la leggibilità. Una volta individuati i concetti da evidenziare, gli oggetti del discorso, il percorso del ragionamento ed i legami fra i concetti espressi, una mappa cognitiva aiuta a definire la struttura e la rappresentazione delle idee anche per un sito Web. La rappresentazione della conoscenza mediante mappe cognitive può contribuire, inoltre, alla ricerca e al recupero delle informazioni in Rete. Alcuni ricercatori che si occupano del Semantic Web hanno anche proposto una struttura basata sulle mappe cognitive per implementare l organizzazione delle pagine Internet del prossimo futuro. Nei paragrafi successivi saranno illustrati due possibili metodi di impiego delle mappe cognitive in Internet. Sfogliando il sito Mappe della rete 10 si possono trovare numerosi esempi che illustrano molti altri modi di impiego delle mappe nella Rete; il sito in questione è una traduzione autorizzata in lingua italiana del sito Cyber Geography Research 11, un tentativo di costruire un atlante del Cyberspazio attraverso mappe e rappresentazioni grafiche delle geografie dei nuovi territori elettronici. 1.5 Un applicazione delle mappe in Internet: WebMap s TotalView L introduzione del calcolatore ha portato anche allo sviluppo di software specifici per la progettazione e la realizzazione di mappe cognitive; la diffusione di Internet ha inoltre spinto la creazione di plug-in per i browser più diffusi, che consentono all utente di sfruttare la rappresentazione mediante mappe cognitive secondo diverse prospettive. WebMap s TotalView 12 è un add-on per browser Web che consente di dare un unica visualizzazione alle molte informazioni presenti in un sito attraverso una mappa interattiva; questo prodotto permette di aggregare un enorme quantità di dati consentendone la visualizzazione, l analisi e la comprensione a prima vista. 9

10 WebMap è orientato principalmente al mondo degli affari. Questo prodotto è, infatti, in grado di identificare modelli e tendenze che rappresentano opportunità o minacce commerciali; aiuta ad usare le informazioni per prendere decisioni migliori in ambito economico permettendo, ad esempio ad un investitore di identificare l esatto momento per fare un investimento. Attraverso WebMap è possibile tenere sotto controllo l andamento dell intero mercato grazie alla mappa in cui sono presenti i diversi settori (tecnologia, industria, finanza ecc ); ad ogni categoria è associata una freccia che può essere diretta verso l alto (di colore verde) o verso il basso (di colore rosso) ed indica l andamento di quella determinata area del mercato. Accanto alla mappa, sono presenti alcuni riquadri che mostrano in tempo reale le disponibilità di acquisto per le azioni di società precedentemente selezionate e le news provenienti dal mondo della finanza. La topografia della mappa riflette le tendenze del mercato nei diversi settori attraverso colori differenti: tonalità più marcate indicano categorie più richieste, mentre colori più tenui mostrano i settori meno quotati. Quando arriva una notizia, la mappa può mostrare l effetto che essa può avere sull intero mercato modificando la sua topografia. I diversi settori del mercato possono essere selezionati con un click del mouse ed ingranditi, in modo da poter vedere i dettagli delle singole società che li costituiscono; è possibile trascinare dalla mappa al riquadro news due società per visualizzare informazioni e relazioni tra esse; trascinando invece una società nel riquadro delle disponibilità di acquisto è possibile comprare o vendere azioni di quella determinata società in tempo reale. 10

11 1.6 Un motore di ricerca organizzato a mappe: WebBrain Oltre alla comprensione e alla memorizzazione di un determinato argomento e alla strutturazione di un sito Web, le mappe cognitive possono essere utilizzate per ricercare informazioni in Rete. WebBrain 13 è un vero e proprio motore di ricerca basato sulle mappe cognitive; la sua home page è suddivisa in quattro zone principali: una barra superiore che mostra il titolo e i link alle pagine con le informazioni sulla società e sulla versione, un ampia area in cui è visibile la mappa cognitiva per la ricerca, una barra per la ricerca attraverso parole chiave ed un area in cui vengono visualizzati i risultati. Supponendo di cercare informazioni relative alla storia degli elaboratori elettronici, cliccando sul termine computer la mappa cambia immediatamente aspetto e visualizza i concetti collegati alla parola scelta; a questo punto è possibile scegliere un ulteriore termine che specifica meglio ciò che si intende cercare. Cliccando sul termine history, la mappa cambia ulteriormente aspetto mostrando nuovi termini specifici, e nella parte inferiore della pagina vengono visualizzati i risultati preliminari della ricerca. 11

12 WebBrain ha trovato 19 pagine relative alla storia dei computer, ma la ricerca può essere ulteriormente affinata selezionando uno dei termini visualizzati nella mappa per indicare precisamente in quale area informatica si sta cercando informazioni storiche: linguaggi di programmazione, sistemi operativi, software, ecc WebBrain consente di ricercare materiale nella Rete in modo totalmente visuale, esplorando semplicemente un immagine invece di dover leggere lunghissime linee di testo. L interesse verso questo strumento è dovuto alla possibilità di evidenziare le relazioni tra le diverse aree di ricerca e alla possibilità di visualizzare sia l informazione al momento raggiunta, sia il contesto (cioè il percorso) in cui essa si colloca. WebBrain è un motore di ricerca realizzato dalla società TheBrain Technologies Corporation 14, un gruppo che si occupa della rappresentazione della conoscenza e del reperimento dell informazione in ambito aziendale. Questa compagnia ha realizzato, inoltre, Personal Brain : un prodotto che consente di realizzare mappe cognitive ipertestuali per la classificazione e la rappresentazione di insiemi di informazioni e delle loro relazioni; si basa su un modello di mappa particolarmente flessibile, dinamico, a punto di vista variabile

13 1 2 Sistema di scrittura che consente di collegare tra di loro diversi documenti come se si trattasse di una tela, una trama di tessuto nella quale tutti gli elementi sono collegati tra di loro. 3 Da un intervista a Tim Berners-Lee sul motivo per cui egli non ha brevettato la tecnologia del Web. 4 W3C o World Wide Web Consortium è l ente che si occupa di definire gli standard di Internet 5 Specifica del W3C: Un esempio di applicazione di questo strumento per la rappresentazione e la navigazione è visibile consultando il sito: 13

Introduzione a Internet e al World Wide Web

Introduzione a Internet e al World Wide Web Introduzione a Internet e al World Wide Web Una rete è costituita da due o più computer, o altri dispositivi, collegati tra loro per comunicare l uno con l altro. La più grande rete esistente al mondo,

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato 27 marzo 2007 v.1.7 SIAGAS: Manuale Utente: utente non autenticato 1/10 1 Introduzione 1.1 Destinatario del prodotto SIAGAS è uno Sportello Informativo per

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni Reti di Calcolatori Il Livello delle Applicazioni Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo è sicuramente molto più semplice; Il Domain

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Modulo 8. Sviluppo di pagine e siti Creare pagine Web

Modulo 8. Sviluppo di pagine e siti Creare pagine Web Pagina 1 di 6 Sviluppo di pagine e siti Creare pagine Web HTML è l'acronimo di HyperText Markup Language; si tratta di un linguaggio utilizzato per la marcatura ipertestuale. A differenza dei comuni linguaggi

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità Ipertesto Reti e Web Ipertestualità e multimedialità Ipertesto: documento elettronico costituito da diverse parti: nodi parti collegate tra loro: collegamenti Navigazione: percorso tra diversi blocchi

Dettagli

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI Documenti su Internet LINGUAGGI DI MARKUP Internet permette (tra l altro) di accedere a documenti remoti In generale, i documenti acceduti via Internet sono multimediali, cioè che possono essere riprodotti

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

Appunti di Sistemi Distribuiti

Appunti di Sistemi Distribuiti Appunti di Sistemi Distribuiti Matteo Gianello 27 settembre 2013 1 Indice 1 Introduzione 3 1.1 Definizione di sistema distribuito........................... 3 1.2 Obiettivi.........................................

Dettagli

I punti preliminari da trattare

I punti preliminari da trattare Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Economia - Bologna CLEA, CLED, CLEF,CLEM Prof. Jacopo Di Cocco Idoneità informatica e Sistemi informatici Parte prima Il word wide web e l informazione

Dettagli

Internet e World Wide Web

Internet e World Wide Web Alfonso Miola Internet e World Wide Web Dispensa C-02 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

Corso Creare Siti WEB

Corso Creare Siti WEB Corso Creare Siti WEB INTERNET e IL WEB Funzionamento Servizi di base HTML CMS JOOMLA Installazione Aspetto Grafico Template Contenuto Articoli Immagini Menu Estensioni Sito di esempio: Associazione LaMiassociazione

Dettagli

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I Introduzione ad XML G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I XML XML (Extensible Markup Language) è un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource I servizi OGC Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Avvertenze: 1) Questo NON è un manuale completo di Moodle. La guida è esplicitamente diretta a docenti poco esperti che devono cimentarsi per la prima volta

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

Internet Terminologia essenziale

Internet Terminologia essenziale Internet Terminologia essenziale Che cos è Internet? Internet = grande insieme di reti di computer collegate tra loro. Rete di calcolatori = insieme di computer collegati tra loro, tramite cavo UTP cavo

Dettagli

Comandi di Internet Explorer per aprire, chiudere e formattare la finestra Comando a menu

Comandi di Internet Explorer per aprire, chiudere e formattare la finestra Comando a menu 2.1 Primi passi con Internet Explorer 2.1.1 Cosa è Internet Explorer. I comandi fondamentali Internet Explorer è un browser (vedi RICHIAMO) ed, in quanto tale, con esso è possibile vedere, leggere, ascoltare

Dettagli

Architettura client-server

Architettura client-server Architettura client-server In un architettura client-server ci sono due calcolatori connessi alla rete: un client che sottopone richieste al server un server in grado di rispondere alle richieste formulate

Dettagli

Maria Grazia Ottaviani. informatica, comunicazione e multimedialità

Maria Grazia Ottaviani. informatica, comunicazione e multimedialità Maria Grazia Ottaviani informatica, comunicazione e multimedialità Unità digitale 1 Ambiente HTML Introduzione Oltre ai linguaggi di programmazione esistono anche linguaggi detti markup. Sono linguaggi

Dettagli

cos è l architettura dell informazione?

cos è l architettura dell informazione? Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 3. Architettura dell informazione cos è l architettura dell informazione? E la progettazione di spazi informativi

Dettagli

A T I C _W E B G U I D A AL L A N A V I G A Z I O N E S U L S I T O D E L G R U P P O. Rev. 2.1

A T I C _W E B G U I D A AL L A N A V I G A Z I O N E S U L S I T O D E L G R U P P O. Rev. 2.1 G U I D A AL L A N A V I G A Z I O N E S U L S I T O D E L G R U P P O A T I C _W E B Rev. 2.1 1 1. ISCRIZIONE Le modalità di iscrizione sono due: Iscrizione volontaria Iscrizione su invito del Moderatore

Dettagli

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie Introduzione Informazioni sui cookie Politica sui cookie La maggior parte dei siti web che visitate utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, consentendo al sito di 'ricordarsi' di voi,

Dettagli

Modulo 7: RETI INFORMATICHE

Modulo 7: RETI INFORMATICHE Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: RETI INFORMATICHE Il modulo 7 della Patente europea del computer si divide in due parti:

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DELLE QUOTAZIONI OMI

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DELLE QUOTAZIONI OMI GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DELLE QUOTAZIONI OMI LA CONSULTAZIONE DELLE QUOTAZIONI OMI IN MODALITÀ CLASSICA LA CONSULTAZIONE CARTOGRAFICA DELLE QUOTAZIONI OMI DOWNLOAD DEI PERIMETRI DELLE ZONE OMI 1 INTRODUZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale LET S GO Progetto del corso Il web: introduzione ad Internet; i linguaggi digitali; siti statici e siti dinamici; i programmi CMS. Approfondimento di HTML e CSS. Web di qualità: tecniche di web writing;

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 7, Reti informatiche, e fornisce i fondamenti per il test di tipo pratico relativo a questo modulo

Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 7, Reti informatiche, e fornisce i fondamenti per il test di tipo pratico relativo a questo modulo Modulo 7 Reti informatiche Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 7, Reti informatiche, e fornisce i fondamenti per il test di tipo pratico relativo a questo modulo Scopi del modulo Modulo 7 Reti informatiche,

Dettagli

Progettare e scrivere una relazione sociale: Assistente sociale nella P.A. e libera professione. Relazione di Ombretta Okely

Progettare e scrivere una relazione sociale: Assistente sociale nella P.A. e libera professione. Relazione di Ombretta Okely La documentazione: funzioni e strumenti del servizio sociale integrato Progettare e scrivere una relazione sociale: Assistente sociale nella P.A. e libera professione. Relazione di Ombretta Okely NAPOLI

Dettagli

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides Database Si ringrazia Marco Bertini per le slides Obiettivo Concetti base dati e informazioni cos è un database terminologia Modelli organizzativi flat file database relazionali Principi e linee guida

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

Motori di ricerca di ultima generazione: il web semantico

Motori di ricerca di ultima generazione: il web semantico Motori di ricerca di ultima generazione: il web semantico Quando parliamo di vie di comunicazione di un sistema EWS, è opportuno pensare a quale strada può essere la più rapida per il recupero dei dati

Dettagli

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri.

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri. Il Servizio World Wide Web () Corso di Informatica Generale (Roberto BASILI) Teramo, 20 Gennaio, 2000 Il World Wide Web Storia : obbiettivi : tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri La Storia (1990)

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

I link o collegamenti ipertestuali

I link o collegamenti ipertestuali I link o collegamenti ipertestuali Lo sviluppo mondiale di Internet è cominciato all inizio degli anni 90 quando un ricercatore del CERN ha inventato un sistema di mostrare le pagine basato su due semplici

Dettagli

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II Macchine per l elaborazione dell informazion e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica II Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta

Dettagli

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Università del Tempo Libero Caravaggio INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Prof. Roberto Foglia roberto.fogl@tiscali.it 21 gennaio 2016 COS È INTERNET È una rete di composta da migliaia di reti di computer

Dettagli

Un po di storia: la rete

Un po di storia: la rete Gabriella Pasi Università degli Studi di Milano Bicocca Il Web e i Motori di ricerca Un po di storia: la rete Metà degli anni 60: nasce ARPANET Fine anni 60: standardizzazione dei protocolli Anni 70: la

Dettagli

MANUALE UTENTE DELLA BIBLIOTECA VIRTUALE

MANUALE UTENTE DELLA BIBLIOTECA VIRTUALE MANUALE UTENTE DELLA BIBLIOTECA VIRTUALE Il sistema di ricerca della biblioteca virtuale permette di accedere in maniera rapida ai materiali didattici di interesse degli studenti presenti all interno del

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte.

OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte. 1 Guida Utente 1.1 Panoramica di OASIS OASIS è una fabbrica per il bene comune dei dati attraverso l uso delle applicazioni proposte. Grazie a OASIS, sarai in grado di acquistare o selezionare, dallo store,

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Formati di file aperti e standard ISO 1 per documenti informatici

Formati di file aperti e standard ISO 1 per documenti informatici MERCATI E TENDENZE Formati di file aperti e standard ISO 1 per documenti informatici Saverio Rubini 2 Comunicazione, documenti di testo e Word Nella comunicazione scritta, Microsoft Word è lo strumento

Dettagli

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE Servizio INT Sistema Informativo Geografico INDICE Utilizzare il bt.viewer Navigare nella mappa Confrontare foto aeree Tematismi Tematismi: applicare la

Dettagli

POLITICA SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI di Ultragas CM S.p.A.

POLITICA SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI di Ultragas CM S.p.A. POLITICA SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI di Ultragas CM S.p.A. La presente informativa viene resa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (di seguito: Codice privacy) a

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

INFORMATICA LE470. Ipertesto. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

INFORMATICA LE470. Ipertesto. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre INFORMATICA LE470 Ipertesto Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Il World Wide Web un immenso ipertesto Le pagine Web non sono basate su una struttura lineare. E possibile

Dettagli

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com La conoscenza della Legge 4/2004 nella scuola italiana Un recente questionario, proposto dall'istituto

Dettagli

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all atto della loro iscrizione sono limitati all indirizzo e-mail e sono obbligatori

Dettagli

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it Introduzione all uso di Internet Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it TIPI DI RETI ( dal punto di vista della loro estensione) Rete locale (LAN - Local Area Network): collega due o piu computer in

Dettagli

reperibilità e l'affidabilità

reperibilità e l'affidabilità I motori di ricerca Un informazione "disordinata" del web pone di fronte a due tipi di problemi: la reperibilità e l'affidabilità I motori corrono ininterrottamente attraverso il World Wide Web catalogando

Dettagli

HTML il linguaggio per creare le pagine per il web

HTML il linguaggio per creare le pagine per il web HTML il linguaggio per creare le pagine per il web Parte I: elementi di base World Wide Web Si basa sul protocollo HTTP ed è la vera novità degli anni 90 Sviluppato presso il CERN di Ginevra è il più potente

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara Curricolo 2014/2015 Infanzia-Primaria-Secondaria di I grado COMPETENZE DIGITALI

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara Curricolo 2014/2015 Infanzia-Primaria-Secondaria di I grado COMPETENZE DIGITALI Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I grado di Franca Da Re Indicazioni Nazionali 2012 La competenza digitale è ritenuta dall Unione Europea competenza chiave, per la sua importanza e pervasività

Dettagli

Linguaggi per il web oltre HTML: XML

Linguaggi per il web oltre HTML: XML Linguaggi per il web oltre HTML: XML Luca Console Con XML si arriva alla separazione completa tra il contenuto e gli aspetti concernenti la presentazione (visualizzazione). XML è in realtà un meta-formalismo

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA RICERCA DI INFORMAZIONI su Internet e sul web

IL PROBLEMA DELLA RICERCA DI INFORMAZIONI su Internet e sul web IL PROBLEMA DELLA RICERCA DI INFORMAZIONI su Internet e sul web GLI INTERROGATIVI 1. Perché Internet è il più grande contenitore di info del mondo? 2. Perché non è sempre facile reperire informazione utile

Dettagli

Cercare informazioni in rete. Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza

Cercare informazioni in rete. Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza Cercare informazioni in rete Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza L information overload Internet con la sua enorme mole di informazione disponibili

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA RICERCA DI INFORMAZIONI su Internet e sul web

IL PROBLEMA DELLA RICERCA DI INFORMAZIONI su Internet e sul web IL PROBLEMA DELLA RICERCA DI INFORMAZIONI su Internet e sul web GLI INTERROGATIVI 1. Perché Internet è diventato il più grande contenitore di informazioni del mondo? 2. Perché non è sempre facile reperire

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone Canavese Febbraio 2011 Cos'è una LIM? LIM è l'acronimo

Dettagli

STAMPA DI UNA PAGINA SEMPLICE

STAMPA DI UNA PAGINA SEMPLICE Pagina 11 copiati nel proprio sistema (disco fisso o floppy). Questa operazione è detta download o scaricamento. Il modo più semplice per effettuare un download di un file (a meno che non sia specificato

Dettagli

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a: Lab 3.1 Preferiti & Cronologia LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA In questa lezione imparerete a: Aprire l'elenco Preferiti, Espandere e comprimere le cartelle dell'elenco Preferiti, Aggiungere una pagina

Dettagli

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione Evoluzione del Web Direzioni di sviluppo del web a) Multimedialità b) Dinamicità delle pagine e interattività c) Accessibilità d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione e) Web semantico

Dettagli

Creare un Ipertesto. www.vincenzocalabro.it 1

Creare un Ipertesto. www.vincenzocalabro.it 1 Creare un Ipertesto www.vincenzocalabro.it 1 Obiettivi Il corso si prefigge di fornire: Le nozioni tecniche di base per creare un Ipertesto I consigli utili per predisporre il layout dei documenti L illustrazione

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

HTML5 e Accessibilità

HTML5 e Accessibilità HTML5 e Accessibilità Antonio Giovanni Schiavone, ISTI-CNR schiavone@isti.cnr.it Cos è l HTML? L'HyperText Markup Language (HTML) è il linguaggio di markup usato per la formattazione di documenti ipertestuali

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

Manuali.net. Nevio Martini

Manuali.net. Nevio Martini Manuali.net Corso base per la gestione di Siti Web Nevio Martini 2009 Il Linguaggio HTML 1 parte Introduzione Internet è un fenomeno in continua espansione e non accenna a rallentare, anzi è in permanente

Dettagli

L ipertesto multimediale o ipermedia

L ipertesto multimediale o ipermedia Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:45 Pagina 19 multimediale o ipermedia Il programma di scrittura Word, che già conosci, ti permette anche di creare ipertesti multimediali o ipermedia. R Cerchiamo

Dettagli

COS È UN LINGUAGGIO? LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO LA NOZIONE DI LINGUAGGIO LINGUAGGIO & PROGRAMMA

COS È UN LINGUAGGIO? LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO LA NOZIONE DI LINGUAGGIO LINGUAGGIO & PROGRAMMA LINGUAGGI DI ALTO LIVELLO Si basano su una macchina virtuale le cui mosse non sono quelle della macchina hardware COS È UN LINGUAGGIO? Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle

Dettagli

ITIS GALILEO GALILEI AREZZO PROGRAMMAZIONE. Classi Prime

ITIS GALILEO GALILEI AREZZO PROGRAMMAZIONE. Classi Prime ITIS GALILEO GALILEI AREZZO PROGRAMMAZIONE PER LA MATERIA TECNOLOGIE INFORMATICHE Classi Prime COMPETENZE DI BASE DELL'ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO 1. Individuare le strategie appropriate per la soluzione

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

Guida introduttiva. Barra di accesso rapido Personalizzare quest'area in modo che i comandi preferiti siano sempre visibili.

Guida introduttiva. Barra di accesso rapido Personalizzare quest'area in modo che i comandi preferiti siano sempre visibili. Guida introduttiva Questa guida è stata creata con lo scopo di ridurre al minimo la curva di apprendimento di Microsoft Project 2013, che presenta numerose differenze rispetto alle versioni precedenti.

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

Report e Analisi dei dati.

Report e Analisi dei dati. Report e Analisi dei dati. Introduzione al Sistema IBM Cognos Lo scopo di questa guida è quello di far capire con esempi semplici ed esaustivi, cosa si può ottenere con il sistema IBM Cognos, presentando

Dettagli

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database Concetti fondamentali dei database Nella vita di tutti i giorni si ha la necessità di gestire e manipolare dati. Le operazioni possono essere molteplici: ricerca, aggregazione con altri e riorganizzazione

Dettagli