CORSI E.N.E.A. DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSI E.N.E.A. DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS"

Transcript

1 CORSI E.N.E.A. DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS Ing. Sandro Picchiolutto IL SISTEMA DI GESTIONE DELL ENERGIA

2 PREMESSE I Servizi costituiscono il 70% del PIL e della occupazione nella maggioranza degli stati Comunitari. I Servizi ne costituiscono la maggiore sorgente di crescita ed il loro volume risulta in continuo aumento con un incremento del valore aggiunto ad un tasso del 3.1% annuo nel periodo tra il 1991 ed il La disponibilità di Standards adeguati nel campo dei servizi rappresenta un mezzo per aumentare la trasparenza del mercato e, conseguentemente, la fiducia del consumatore, oltre che per alleggerire il peso del sistema normativo di regolazione. Le società di Servizi ritengono infatti che la standardizzazione altro non rappresenti che lacci regolamentari, limitazioni e vuoto controllo burocratico alle sue attività. La disponibilità di tali standards, soprattutto nel campo dei Servizi Energetici, rimane così considerevolmente arretrata rispetto alla dimensione (ed al potenziale) economico del settore. 2/29

3 Ricordiamo che ricadono nel campo dei servizi energetici: La ESCo: persona fisica o giuridica che fornisce servizi energetici e/o altre misure di miglioramento dell'efficienza energetica dell'utente accettando un certo margine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa (totalmente o parzialmente) sul miglioramento dell efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento degli altri criteri di rendimento stabiliti. La società di servizi energetici (ESPCo): soggetto fisico o giuridico, incluse le imprese artigiane e le loro forme consortili, che ha come scopo l offerta di servizi energetici. L esperto in gestione dell energia (EM): professionista specializzato che ha le conoscenze, l esperienza e la capacità necessarie per gestire l uso dell energia in modo efficiente. È emblematico il caso dell Energy Manager. Tale figura risulta imposta per legge, ma risulta largamente sottodimensionata per numero e peso professionale, non solo rispetto agli obblighi di legge ma anche rispetto alla dimensione economica ad ambientale nell uso dell Energia. 3/29

4 E quindi tempo di rivedere completamente definizione e strategia di inserimento nel mercato per tale professionista! L attuale modello professionale, infatti: a. Risulta imposto dall alto al sistema aziendale così da essere percepito come costo, oltre che come una professionalità spesso incompatibile e/o persino estranea all azienda; b. Richiede, per il suo funzionamento all interno della struttura aziendale: la dettagliata definizione del suo mansionario da parte di soggetti spesso estranei alle problematiche energetiche; la definizione e condivisione di una Politica Energetica, ove l Energy Manager opera come attore, responsabile e garante dell implementazione; la sovrapposizione di tale Politica (necessariamente orizzontale alle funzioni aziendali e, come tale, applicabile solo su istanza e pressione della alta direzione aziendale) allo schema funzionale dell azienda, con inevitabili contrasti, problemi di comunicazione e condivisione degli obiettivi, problemi di individuazione e condivisione degli strumenti operativi. 4/29

5 Tali problematiche potrebbero risultare superate, almeno in parte: 1. stimolando la crescita e l utilizzo all interno delle Aziende dei Sistemi di Gestione dell Energia (SGE) intesi come SISTEMI DI GESTIONE DELLA QUALITÀ NELL UTILIZZO AZIENDALE DELL ENERGIA; 2. riconoscendo l Energy Manager come responsabile di sviluppo, implementazione, gestione e monitoraggio di tale Sistema. 5/29

6 In questo modo: a. Il SGE rappresenterebbe una naturale espansione del Sistema di Gestione della Qualità (SGQ) aziendale (ove esistente), concetto comunque molto più diffuso e condiviso di una astratta pianificazione energetica; b. Il mansionario dell EM così come la catena di responsabilità, comunicazione, obiettivi, integrazione funzionale risulterebbe essere parte integrante del SGE; c. Il ruolo dell EM verrebbe ad evolvere da sovrastruttura imposta ad un componente fondamentale del SGQ aziendale; d. Ruolo e responsabilità dell EM risulterebbero in tal modo chiaramente definite e modulate secondo le esigenze i requisiti del SGQ; e. Risulterebbero automaticamente definiti percorsi di accreditamento, certificazione, aggiornamento della qualifica professionale dell EM; f. L obbligo di nomina dell EM rappresenterebbe un contestuale strumento per la penetrazione dei SGQ all interno delle Aziende ad elevato consumo energetico, con particolare importanza di tale influenza nel caso della Pubblica Amministrazione; g. Si garantirebbe la creazione di un presidio di responsabilità qualificato all interno dei soggetti in grado di proporre Servizi nel campo dell Energia (ad es. le ESCo) che dovranno comunque dotarsi di un SGE e, di rimando, di un EM ai fini del loro accreditamento e della loro certificazione. 6/29

7 L art. 16 (qualificazione dei fornitori e dei servizi energetici) del Decreto legislativo di attuazione della Direttiva 2006/32/CE concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici, approvato il , si muove esattamente lungo questa direttiva. Premesso che ivi sono definiti: servizio energetico: la prestazione materiale, l'utilità o il vantaggio derivante dalla combinazione di energia con tecnologie ovvero con operazioni che utilizzano efficacemente l'energia, che possono includere le attività di gestione, di manutenzione e di controllo necessarie alla prestazione del servizio, la cui fornitura è effettuata sulla base di un contratto e che in circostanze normali ha dimostrato di portare a miglioramenti dell'efficienza energetica e a risparmi energetici primari verificabili e misurabili o stimabili; sistema di gestione dell'energia: la parte del sistema di gestione aziendale che ricomprende la struttura organizzativa, la pianificazione, la responsabilità, le procedure, i processi e le risorse per sviluppare, implementare, migliorare, ottenere, misurare e mantenere la politica energetica aziendale; esperto in gestione dell'energia: soggetto che ha le conoscenze, l'esperienza e la capacità necessarie per gestire l'uso dell'energia in modo efficiente; 7/29

8 La norma approvata prevede infatti come: 1. allo scopo di promuovere un processo di incremento del livello di qualità e competenza tecnica per i fornitori di servizi energetici, a seguito dell'emanazione di apposita norma UNI-CEI, il Ministro dello Sviluppo Economico approvi una procedura di certificazione volontaria: per le ESCo; per gli esperti in gestione dell'energia; 2. allo scopo di promuovere un processo di incremento del livello di obiettività e di attendibilità per le misure e i sistemi finalizzati al miglioramento dell'efficienza energetica, a seguito dell'emanazione di apposita norma UNI-CEI, il Ministro dello Sviluppo Economico approvi una procedura di certificazione per il sistema di gestione energia e per le diagnosi energetiche. 8/29

9 ENERGY MANAGERS E GESTIONE DELL ENERGIA Nel Febbraio 2008 la Task Force CEN189 ha sottoposto in inchiesta pubblica la bozza di standard europeo pren Sistemi di Gestione dell Energia Specifiche e guida all utilizzo. E N Di seguito si riporta in sintesi la maggior parte dei principi che ispirano il documento. 9/29

10 FINALITA L adozione di un Sistema di Gestione dell Energia all interno di un processo di continuo miglioramento nell efficacia nell uso dell energia e/o nell incremento nell uso delle energie rinnovabili permette ad un organizzazione di: 1. formulare una politica energetica; 2. formulare obiettivi energetici; 3. prendere in considerazione i vincoli normativi correlati; 4. conoscere quali fattori aziendali siano influenzati dall uso dell energia. L adozione un tale standard gestionale è applicabile da ogni organizzazione che voglia: a. implementare, mantenere e migliorare un sistema di gestione energetica, separato o ricompreso in un sistema di gestione della qualità; b. assicurare la compatibilità con la propria politica energetica, così come espressa; c. dimostrare tale compatibilità all esterno; d. certificare/registrare il proprio sistema di gestione energetica con una organizzazione esterna; e. condurre una misurazione interna confrontandola con uno standard. 10/29

11 TERMINOLOGIA E DEFINIZIONI energia elettricità, combustibili, vapore, calore, aria compressa e altri vettori consimili; uso dell energia modi o generi di applicazione dell energia ( ad es. ventilazione, riscaldamento, processi, linee di produzione); consumo energetico quantità di energia utilizzata; aspetto energetico elemento delle attività, beni o servizi dell organizzazione che può influenzare l uso o il consumo dell energia (un aspetto energetico è significativo se rappresenta un alta proporzione di consumo energetico totale e ha potenziale in uno o più dei seguenti campi: uso più efficiente dell energia, aumento dell energia rinnovabile, aumento dell interscambio energetico con il resto della società; fattore energetico determinante fisico del consumo energetico quantificabile e ricorrente; 11/29

12 sistema di gestione dell energia sistema di elementi interrelati o interagenti di un organizzazione, indirizzati ad attivare politiche ed obiettivi energetici e a raggiungere tali obiettivi; target energetico dettagliata specifica di prestazione energetica quantificabile e applicabile in tutto o in parte all organizzazione, che deriva dagli obiettivi energetici e che necessita di essere definita e raggiunta al fine di conseguire tali obiettivi; politica energetica dichiarazione, da parte dell organizzazione, delle sue intenzioni e direttive relativamente alle sue prestazioni energetiche complessive, in grado di rendere disponibile uno schema di azione; obiettivo energetico obiettivo energetico complessivo coerente con la politica energetica che l organizzazione si impegna a raggiungere; efficienza energetica rapporto tra l output di attività, beni e servizi dell organizzazione e l input di energia; prestazione energetica risultato misurabile del sistema di gestione dell energia dell organizzazione; programma di gestione dell energia piano di azione mirato in modo specifico al raggiungimento di obiettivi e target energetici; 12/29

13 organizzazione gruppo, associazione, ditta, autorità, istituzione o parte di una combinazione di queste, sia essa una persona giuridica o meno, Ente Pubblico o privato, che abbia una propria struttura funzionale e amministrativa con l autorità di controllare il suo uso e consumo di energia; azione preventiva azione mirata ad eliminare la causa di una potenziale non conformità; azione correttiva azione atta ad eliminare la causa di una riconosciuta non conformità; miglioramento continuo attività il cui risultato è un miglioramento nella prestazione energetica e che sono implementate in maniera continua dall organizzazione; procedura metodo descritto di miglioramento di una attività / processo; alta direzione persona o gruppo di persone che, a livello più elevato, dirigono e controllano l organizzazione; documento informazione e suo mezzo di supporto; 13/29

14 registrazione documento comprovante i risultati ottenuti o le attività realizzate; audit processo sistematico, indipendente e documentato, mirato all ottenimento di prova da valutare in maniera oggettiva per determinare il livello di congruenza del Sistema di Gestione dell Energia con i criteri determinati dall organizzazione; auditor persona con la competenza per condurre un audit; non conformità mancato raggiungimento di una specifica; parte interessata persona o gruppo influenzato o coinvolto dalle prestazioni energetiche dell organizzazione; indicatore di prestazione energetica indice scelto dall organizzazione al fine di monitorare la prestazione energetica; baseline consumo energetico calcolato in un periodo di tempo in relazione a fattori di riferimento. 14/29

15 Requisiti generali L organizzazione dovrà: stabilire e mantenere un Sistema di Gestione dell Energia in conformità ai requisiti di questa norma; definire e documentare lo scopo e l ambito di applicazione del proprio Sistema di Gestione dell'energia; determinare e documentare come soddisfare i requisiti di questo standard al fine di ottenere un miglioramento continuo della sua efficienza energetica. 15/29

16 Politica energetica L Alta Direzione dovrà istituire, attuare e mantenere attiva la Politica Energetica dell organizzazione e si assicurerà che essa: a) definisca scopo e limiti del Sistema di Gestione dell Energia; b) sia appropriata in relazione a tipo, dimensione e impatto sull uso dell energia da parte dell organizzazione; c) includa un energetica; impegno al miglioramento continuo dell efficienza d) includa un impegno ad assicurare la disponibilità di informazioni e di tutte le risorse necessarie per raggiungere obiettivi e traguardi; e) fornisca un quadro di riferimento utile alla definizione ed alla verifica degli obiettivi e delle finalità energetiche; f) includa un impegno ad aderire a legislazione, regolamentazione e ad altre specifiche accettate dall organizzazione relativamente ai suoi aspetti energetici; g) sia documentata, attuata, mantenuta attiva e comunicata a tutti coloro che operano alle dipendenze o per conto dell organizzazione; h) sia regolarmente rivista e aggiornata; i) risulti accessibile al pubblico. 16/29

17 PIANIFICAZIONE Inventario ed analisi degli aspetti energetici L organizzazione provvederà a condurre una revisione iniziale dei suoi aspetti energetici, revisione che sarà aggiornata ad intervalli predefiniti e dovrà sempre essere documentata. Dette revisioni determineranno le priorità degli aspetti energetici significativi ai fini di un analisi successiva. L organizzazione manterrà in efficienza un registro delle opportunità di risparmi energetici. Le revisioni degli aspetti energetici dovranno includere: il consumo energetico passato e presente e i fattori energetici basati su misurazioni o altri dati; l identificazione delle aree di consumo energetico significativo, in particolare delle variazioni rilevanti nell utilizzo dell energia durante il periodo precedente; la stima del consumo di energia previsto durante il periodo successivo; l identificazione di tutti coloro che operano alle dipendenze o per conto dell organizzazione, le cui azioni siano in grado di modificare significativamente il consumo dell energia; l identificazione delle opportunità per migliorare l efficienza energetica e la definizione delle relative priorità. 17/29

18 Legislazione ed altri vincoli L organizzazione dovrà identificare e avere accesso alle prescrizioni legali applicabili e alle altre obbligazioni sottoscritte in relazione ai propri aspetti energetici e determinare come tali prescrizioni si applichino a detti aspetti. L organizzazione si assicurerà inoltre che tali prescrizioni legali e gli altri vincoli cui la stessa è sottoposta siano tenuti in considerazione nel Sistema di Gestione dell Energia. Obiettivi energetici, finalità e piano di azione L organizzazione dovrà, per ogni funzione e livello pertinente, stabilire, attuare e mantenere attivi obiettivi e traguardi energetici documentati. Gli obiettivi e i traguardi dovranno essere coerenti con la Politica Energetica, compreso l impegno al miglioramento dell efficienza energetica e alla conformità alle prescrizioni legali applicabili e alle altre obbligazioni sottoscritte dall organizzazione. L organizzazione dovrà stabilire obiettivi specifici per quei parametri chiave in grado di influenzare la prestazione energetica. Obiettivi e traguardi energetici dovranno essere misurabili e documentati, e dovrà essere fissato un programma temporale per il loro raggiungimento. Ogniqualvolta obiettivi energetici siano stabiliti e riesaminati, l organizzazione dovrà considerare i vincoli normativi e legislativi, gli aspetti energeticamente significativi, le proprie opzioni tecnologiche, le proprie esigenze finanziarie e operative, come pure i punti di vista delle parti interessate. 18/29

19 L organizzazione dovrà redigere e mantenere attivo un Programma di Gestione dell Energia che ricomprenda: ripartizione delle responsabilità; mezzi e scadenze temporali attraverso i quali dovranno essere raggiunti gli obiettivi individuali. Obiettivi, finalità e programma energetico dovranno essere documentati e aggiornati ad intervalli predeterminati. 19/29

20 IMPLEMENTAZIONE E GESTIONE OPERATIVA Risorse, ruoli, responsabilità e deleghe L Alta Direzione dovrà assicurare la disponibilità delle risorse necessarie per stabilire, attuare, mantenere attivo e migliorare il Sistema di Gestione dell'energia. Il concetto di risorse deve ricomprendere le risorse umane ed economiche, come pure le professionalità specialistiche e la necessaria tecnologia. Ruoli, responsabilità e deleghe saranno definiti, documentati e comunicati, in modo da agevolare un efficace gestione dell energia. L Alta Direzione dell organizzazione designerà un proprio rappresentante che, indipendentemente dagli altri compiti: avrà ruoli, responsabilità e deleghe che lo porranno in grado di assicurare che le esigenze del Sistema di Gestione dell'energia siano stabilite, attuate e mantenute attive in conformità con lo standard europeo; riferirà all Alta Direzione circa le performance del Sistema di Gestione dell'energia al fine del riesame, con raccomandazioni per il miglioramento. Nota Bene: il rappresentante della direzione potrà essere designato come Energy Manager. 20/29

21 Formazione, presa di conoscenza e competenza L organizzazione dovrà essere in grado di identificare i bisogni di formazione associati al controllo dei suoi aspetti energetici significativi ed all operatività del proprio Sistema di Gestione dell Energia. Tutto il personale il cui lavoro possa generare aspetti impatti significativi sull utilizzo di energia dovrà essere competente sulla base di un adeguata istruzione, formazione o esperienza. L organizzazione si assicurerà inoltre che ogni livello gestionale sia informato e addestrato in maniera adeguata nel campo della Gestione dell Energia, per essere in grado di stabilire obiettivi e traguardi pertinenti e di scegliere appropriati strumenti e metodologie di Gestione dell Energia. L organizzazione si assicurerà che i propri dipendenti e tutte le persone che operano per suo conto conoscano : a) la Politica Energetica dell organizzazione e i programmi di Gestione dell Energia; b) i requisiti del Sistema di Gestione dell'energia, incluse le azioni intraprese dall organizzazione per controllare l utilizzo dell energia e renderlo più efficiente; c) l impatto reale e/o potenziale sui consumi energetici delle loro attività e come tali attività e comportamenti contribuiscano al raggiungimento di obiettivi e finalità energetiche; d) il proprio ruolo e responsabilità nell ottenimento della conformità ai requisiti del Sistema di Gestione dell'energia; e) i vantaggi del miglioramento nell efficienza energetica. 21/29

22 Comunicazione L organizzazione dovrà assicurare la comunicazione interna relativamente alle proprie prestazioni energetiche e al Sistema di Gestione dell Energia. Ciò assicurerà che tutto il personale dipendente o che lavori per conto dell organizzazione possa rivestire un ruolo attivo nella gestione dell energia e nel miglioramento delle prestazioni energetiche. L organizzazione deciderà se comunicare all esterno relativamente al proprio Sistema di Gestione dell Energia e alle proprie prestazioni energetiche. In caso positivo, l organizzazione dovrà stabilire, implementare e documentare un piano di comunicazione esterna. Documentazione del Sistema di Gestione dell'energia L organizzazione verrà a stabilire, implementare e mantenere una informazione, in forma cartacea o elettronica, al fine di: a. descrivere gli elementi principali del Sistema di Gestione dell'energia e le loro interazioni; b. identificare la collocazione dei documenti correlati, compresa la documentazione tecnica. 22/29

23 Controllo dei documenti L organizzazione dovrà controllare le registrazioni e gli altri documenti richiesti da questo standard, in modo che: a.i documenti siano tracciabili e individuabili; b.la documentazione possa essere periodicamente riesaminata e rivista quando e se necessario; c.una versione aggiornata dei documenti rilevanti sia accessibile in ogni sito ove siano realizzate operazioni rilevanti ai fini di una efficiente Gestione dell'energia; d.i documenti siano custoditi e mantenuti in modo tale da essere facilmente accessibili e protetti contro danneggiamento, perdita o distruzione. Il loro periodo di archiviazione dovrà essere stabilito e documentato; e.tutta la documentazione obsoleta sia archiviata, qualora ricorrano ragioni legali e/o di conservazione, e sia identificabile in maniera opportuna, ovvero sia rimossa in modo appropriato. 23/29

24 Gestione delle procedure L organizzazione dovrà: identificare e pianificare quelle operazioni che siano associate ad aspetti energicamente significativi; assicurare la coerenza con la propria Politica Energetica, ai propri obiettivi e traguardi energetici. Questo include: a. prevenire situazioni che possano portare a scostamenti dalla Politica Energetica, obiettivi e traguardi energetici; b. stabilire e mantenere procedure per la gestione operativa e la manutenzione di installazioni, apparecchiature, costruzioni e servizi; c. considerazioni energetiche nell acquisizione di servizi, apparecchiature e materie prime. Nel caso tali acquisti siano caratterizzati da impatti energetici significativi, l organizzazione dovrà informare i fornitori che gli aspetti di efficienza energetica saranno considerati parti qualificanti nell ambito del processo di acquisizione; d. stime del consumo energetico, considerando la progettazione, la modifica o il restauro di tutte le proprietà che abbiano il potenziale di modificare significativamente il consumo energetico, compresi gli edifici; e. appropriata comunicazione a tale riguardo al personale dipendente e alle persone operanti per conto dell organizzazione, come pure agli altri soggetti interessati. 24/29

25 Controlli e misure VERIFICHE L organizzazione dovrà identificare e descrivere le specifiche, in termini di obiettivi, monitoraggio e misura, del suo programma di Gestione dell Energia; a tal fine dovrà essere definito e implementato un piano di misurazione dell energia. Ad intervalli definiti essa dovrà misurare, monitorare e registrare i consumi energetici significativi e i fattori energetici associati. L organizzazione dovrà assicurare che la accuratezza e la ripetibilità degli apparecchi di misura e controllo utilizzati siano appropriate ai compiti. Dovranno essere mantenute le relative registrazioni. L organizzazione dovrà: ogni qualvolta sia possibile, stabilire la correlazione tra i consumi energetici e i suoi fattori energetici associati; ad intervalli definiti, confrontare il consumo energetico atteso con quello effettivamente realizzato; mantenere registrazione di tutte le significative deviazioni accidentali dai consumi energetici attesi, incluse cause e rimedi; le correlazioni tra il consumo energetico e i fattori energetici saranno verificate a intervalli definiti e revisionate se necessario. L organizzazione dovrà, ogni qualvolta sia possibile, confrontare i propri indicatori di prestazione energetica con organizzazioni o situazioni simili, sia internamente che esternamente. 25/29

26 Valutazione di conformità Coerentemente con il proprio impegno, l organizzazione dovrà periodicamente valutare la conformità alle prescrizioni legali e alle altre obbligazioni sottoscritte, che siano rilevanti con lo scopo di questo standard. L organizzazione dovrà conservare registrazione dei risultati delle valutazioni periodiche. Non conformità, azioni correttive e preventive L organizzazione dovrà identificare e gestire le non conformità, dando l avvio ad azioni preventive e correttive in maniera appropriata entro un limite temporale determinato. L organizzazione dovrà conservare tutta la documentazione relativa, nel rispetto delle scadenze temporali documentate e/o legali. Nota: E facoltà dell organizzazione decidere come debbano essere intraprese azioni in caso di non conformità, in ciò ricomprendendo anche i criteri per determinare quando una non conformità sia di natura tale da richiedere un azione. 26/29

27 Controllo delle registrazioni L organizzazione dovrà stabilire, implementare e mantenere le registrazioni necessarie a dimostrare la conformità ai requisiti del Sistema di Gestione dell Energia e di questo standard. Le registrazioni dimostreranno le prestazioni raggiunte e l efficacia del Sistema di Gestione dell Energia. L organizzazione stabilirà, implementerà e manterrà le procedure per definire i necessari controlli richiesti dalla gestione delle registrazioni. Le registrazioni dovranno essere e rimanere leggibili, identificabili e tracciabili con riferimento alla rilevante attività, prodotto o servizio per la prescritta durata temporale 27/29

28 Audit del Sistema di Gestione dell'energia Ove tali audit siano realizzati nell ambito dell organizzazione stessa possono rappresentare la base per una autodichiarazione di adesione al Sistema di Gestione. Gli audit esterni, quando necessari, sono realizzati da organizzazioni esterne, indipendenti e normalmente accreditate tali da rendere disponibili certificazioni di adesione a quanto richiesto dal Sistema di Gestione dell'energia. L organizzazione verrà a stabilire e mantenere un Piano di Audit e procedure per una verifica regolare del Sistema di Gestione dell'energia. Il Piano di Audit dovrà soprattutto indirizzarsi agli aspetti energetici significativi come ai risultati di Audit precedenti e le procedure dovranno includere: scopo dell audit; frequenza e metodologia; le responsabilità assegnate come i prerequisiti richiesti a coloro che realizzeranno gli Audit; le modalità di comunicazione dei risultati dell Audit. 28/29

29 Riesame del sistema di gestione L Alta Direzione dovrà, a determinati intervalli, procedere al riesame del Sistema di Gestione dell'energia per assicurarne idoneità, adeguatezza ed efficacia. Il processo di revisione gestionale dovrà assicurarsi che le informazioni necessarie siano raccolte al fine di permettere al Top Management di portare a compimento tale valutazione. La revisione dovrà essere documentata. Il riesame del Sistema di Gestione dovrà indirizzarsi verso possibili variazioni in: politica, obiettivi, ed altre parti del Sistema di Gestione dell'energia, basandosi su: risultati di audit del Sistema di Gestione dell'energia, circostanze di cambiamento, l impegno ad un miglioramento continuo. 29/29

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI L efficienza energetica nell industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck La normativa tecnica come strumento Sandro Picchiolutto Comitato

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

La norma UNI CEN EN 16001 e i Sistemi di Gestione dell Energia (SGE) Marco Gentilini

La norma UNI CEN EN 16001 e i Sistemi di Gestione dell Energia (SGE) Marco Gentilini La norma UNI CEN EN 16001 e i Sistemi di Gestione dell Energia (SGE) Marco Gentilini L ambito di riferimento DIRETTIVA 2006/32/CE del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

Dalla EN 16001 alla ISO 50001: Prospettive e opportunità

Dalla EN 16001 alla ISO 50001: Prospettive e opportunità Dalla EN 16001 alla ISO 50001: Prospettive e opportunità La norma ISO 50001 sui sistemi di gestione dell energia: dove siamo e dove stiamo andando. Antonio Panvini - Comitato Termotecnico Italiano www.cti2000.it

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA COMMISSIONE ENERGIA CORSO: ENERGY MANAGER -EGE DATA: 08 LUGLIO 2015 DOCENTI: ING. SAVOLDELLI ROBERTO SEMINARIO ESCO-EGE-TEE 1 ENERGY MANAGER RICHIAMI:

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1 Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia September 29, 2010 Slide 1 Sommario La norma UNI CEI EN 16001:2009 Definizioni Approccio al sistema di gestione

Dettagli

ISO 50001:2011 Analisi energetica

ISO 50001:2011 Analisi energetica Decreto Legislativo 102/2014 Allegato 2 Audit energetico/diagnosi energetica I criteri minimi che devono possedere gli audit di qualità sono di seguito riportati: a) sono basati su dati operativi relativi

Dettagli

I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11

I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11 I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11 25 settembre 2012, Treviso Matteo Locati Direzione Certificazione Sistemi di Gestione QHSE e compliance Product Manager Sustainability a.ficarazzo@certiquality.it

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Le Diagnosi Energetiche e i Sistemi di Gestione dell Energia

Le Diagnosi Energetiche e i Sistemi di Gestione dell Energia organizzato da: in collaborazione con: Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia VERONA FORUM DEGLI ENERGY MANAGER Energy management for a smarter energy Sala Rossini Smart Energy Expo 11 Ottobre

Dettagli

Efficienza e certificazione energetica in edifici tradizionali. Il ruolo del Comune II parte

Efficienza e certificazione energetica in edifici tradizionali. Il ruolo del Comune II parte Corso di formazione per tecnici comunali Efficienza e certificazione energetica in edifici tradizionali. Il ruolo del Comune II parte Strumenti normativi per la gestione energetica dei Comuni Ing. Andrea

Dettagli

Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente

Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Tabella di correlazione tra l Allegato 2 del D.Lgs 102/2014, la serie UNI CEI EN 16247 (1:2012, 2-3-4:2014) e la UNI CEI EN ISO 50001:2011. Requisiti dell audit energetico, della diagnosi energetica, dell

Dettagli

UNI CEI EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell energia energia e linee guida per l utilizzol

UNI CEI EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell energia energia e linee guida per l utilizzol UNI CEI EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell energia energia e linee guida per l utilizzol Antonio Panvini Funzionario CTI Segretario del gruppo UNI/CTI CEI GGE Gestione dell energia energia Segretario

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Argomen( tra,a( Definizioni e riferimen( norma(vi su strumen( ed a,ori del risparmio energe(co

Dettagli

Matteo Locati. m.locati@certiquality.it 02 80 69 17 41 29 settembre, Ravenna

Matteo Locati. m.locati@certiquality.it 02 80 69 17 41 29 settembre, Ravenna I Sistemi di gestione dell energia: la nuova norma ISO 50001:11 Matteo Locati m.locati@certiquality.it 02 80 69 17 41 29 settembre, Ravenna QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Per una migliore qualità della vita ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Alessandro Ficarazzo Certiquality QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING 27 maggio 2015 Assolombarda

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Matteo Locati 25 novembre 2015 LA NORMA ISO 50001: CONTENUTI E OPPORTUNITA

Matteo Locati 25 novembre 2015 LA NORMA ISO 50001: CONTENUTI E OPPORTUNITA Matteo Locati 25 novembre 2015 LA NORMA ISO 50001: CONTENUTI E OPPORTUNITA TEMATICHE PRESENTATE AGGIORNAMENTI SU DLGS 102/2014 E GLI OBBLIGHI PER LE AZIENDE I CONTENUTI ED I REQUISITI DELLA NORMA ISO 50001:11

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

UNI CEI EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell energia. energia

UNI CEI EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell energia. energia Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Megalia - AIEE 4 a giornata sull efficienza energetica nelle industrie Milano 24 Novembre 2009 UNI CEI EN 16001:2009 Sistemi di gestione dell energia energia

Dettagli

18 settembre, Latina. Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl. a.ficarazzo@certiquality.

18 settembre, Latina. Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl. a.ficarazzo@certiquality. I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11 18 settembre, Latina Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl a.ficarazzo@certiquality.it 02 80 69 17 91 QUALITY ENVIRONMENT

Dettagli

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Per una migliore qualità della vita La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Matteo Locati Federchimica Milano 27/02/2013 La società: Certiquality: Profilo Società

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Diagnosi Energetiche. Il quadro normativo internazionale La norma UNI TR 11428. Modena Formazione, 08/05/14

Diagnosi Energetiche. Il quadro normativo internazionale La norma UNI TR 11428. Modena Formazione, 08/05/14 Diagnosi Energetiche Il quadro normativo internazionale La norma UNI TR 11428 Modena Formazione, 08/05/14 La Direttiva 2012/27/CE Il 25 ottobre 2012 il Parlamento Europeo ha emanato la Direttiva 2012/27/CE

Dettagli

DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese

DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese DLGS 102-2014 rev. 2014-11 PAG. 1 Vietata riproduzione anche parziale. Diritti riservati CTQ SpA. DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102 Attuazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

D.Lgs n. 102 del 04/07/2014 Art. 8: Diagnosi Energetiche. Obbligo normativo

D.Lgs n. 102 del 04/07/2014 Art. 8: Diagnosi Energetiche. Obbligo normativo D.Lgs n. 102 del 04/07/2014 : Diagnosi Energetiche Obbligo normativo D.Lgs. 102/2014 Art. 3 SCOPO: Il decreto si inserisce nel piano di misure volte al raggiungimento dell obiettivo nazionale, da perseguire

Dettagli

Il ruolo delle ESCO nel mercato dell efficienza energetica

Il ruolo delle ESCO nel mercato dell efficienza energetica Convegno FIRE - Expoconfort/NextEnergy Fiera di Milano - 5 marzo 2004 Il Mercato dell Efficienza energetica Il ruolo delle ESCO nel mercato dell efficienza energetica Mario de Renzio FIRE - Federazione

Dettagli

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Febbraio 2014 Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Nell era del risparmio energetico, le politiche e le più svariate forme di incentivo per l utilizzo

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica

L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica Nino Di Franco nino.difranco@enea.it ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica Giornata di formazione continua in collaborazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Progettazione/Redazione Contributi/Coordinamento Versione Visto. Ing. Massimiliano Bagagli Rev. 0

Progettazione/Redazione Contributi/Coordinamento Versione Visto. Ing. Massimiliano Bagagli Rev. 0 Studio preliminare sull ipotesi di introduzione di un Sistema di Gestione dell Energia in ARPA Umbria Ottobre 2010 La norma UNI EN 16001 sul Sistema di Gestione dell Energia... 3 La Pubblica Amministrazione

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

I PROVVEDIMENTI APPLICATIVI DEL D.LGS 102/2014

I PROVVEDIMENTI APPLICATIVI DEL D.LGS 102/2014 2015: obblighi e opportunità per l Efficienza Energetica I PROVVEDIMENTI APPLICATIVI DEL D.LGS 102/2014 Nino Di Franco ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica 23 Workshop del programma T.A.C.E.C.

Dettagli

I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO. Marinella Baldi - A.E.R.E.

I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO. Marinella Baldi - A.E.R.E. I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO Marinella Baldi - A.E.R.E. 1 CONDOMINI INTELLIGENTI: LE QUESTIONI GIURIDICHE Le principali questioni giuridiche inerenti al progetto

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

CERTIQUALITY PER L EFFICIENZA ENERGETICA Decreto Legislativo n. 102/2014: Audit Energetico e Sistemi di Gestione Energia (ISO 50001)

CERTIQUALITY PER L EFFICIENZA ENERGETICA Decreto Legislativo n. 102/2014: Audit Energetico e Sistemi di Gestione Energia (ISO 50001) Per una migliore qualità della vita ENERGIA CERTIQUALITY PER L EFFICIENZA ENERGETICA Decreto Legislativo n. 102/2014: Audit Energetico e Sistemi di Gestione Energia (ISO 50001) Webinar CQY 19 Maggio 2015

Dettagli

IL CONTESTO NORMATIVO COMUNITARIO E NAZIONALE

IL CONTESTO NORMATIVO COMUNITARIO E NAZIONALE Ciclo formativo sulla Diagnosi Energetica 30 settembre 2015 IL CONTESTO NORMATIVO COMUNITARIO E NAZIONALE ing. Claudia Colosimo claudia.colosimo@teletu.it La Normativa Comunitaria e Nazionale in materia

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.) Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH 193 Pag. 1 di 5 AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI (S.G.E.) 0 01.10.2013

Dettagli

GReening business through the Enterprise Europe Network

GReening business through the Enterprise Europe Network GReening business through the Enterprise Europe Network Energy Management System UNI 14064 Audit Energetici Romano Selva, SOGESCA srl European Commission Enterprise and Industry UNI CEI EN 16001:2009 I

Dettagli

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE+ J. NIZZOLA TREZZO SULL ADDA Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE

Dettagli

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004 Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE La ISO 14001 è una norma internazionale, che stabilisce i requisiti per definire, attuare e gestire un Sistema

Dettagli

DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese

DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese DLgs nr. 102 del 4 luglio 2014: obblighi per le imprese DLGS 102-2014 rev. 2014-11 PAG. 1 Vietata riproduzione anche parziale. Diritti riservati CTQ SpA. DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102 Attuazione

Dettagli

Le diagnosi energetiche secondo il DLgs 102/14: opportunità di energy saving nelle imprese agro-alimentari

Le diagnosi energetiche secondo il DLgs 102/14: opportunità di energy saving nelle imprese agro-alimentari Dal 1983 EDISON ENERGY SOLUTIONS S.p.A Le diagnosi energetiche secondo il DLgs 102/14: opportunità di energy saving nelle imprese agro-alimentari Rimini, 6 novembre 2014 0. La diagnosi energetica: definizione

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni Ente di normazione per le Tecnologie Informatiche e loro applicazioni Ente federato all UNI studiare ed elaborare norme nazionali,

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Il meccanismo dei Certificati Bianchi e le relazioni con i sistemi di gestione (ISO 50001, UNI 11352, UNI 11339) Vicenza, 10 maggio 2013

Il meccanismo dei Certificati Bianchi e le relazioni con i sistemi di gestione (ISO 50001, UNI 11352, UNI 11339) Vicenza, 10 maggio 2013 Per una migliore qualità della vita Il meccanismo dei Certificati Bianchi e le relazioni con i sistemi di gestione (ISO 50001, UNI 11352, UNI 11339) QUALITY ENVIRONMENT Matteo Locati ENERGY Responsabile

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

Programma di risparmio energetico

Programma di risparmio energetico Programma di risparmio energetico Ridurre gli sprechi per ottenere risparmi CO2save per UNI CEI EN ISO 50001 Premessa La norma ISO 50001 definisce gli standard internazionali per la gestione dell'energia

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 31/03/2015 è una associazione no profit per lo sviluppo energetico sostenibile del

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale PGSA 05 Sistema di Gestione la Responsabilità PROCEDURA PGSA 05 Sistema di gestione la Responsabilità Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 2 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 PGSA 05 Sistema

Dettagli

AUDIT ENERGETICO. Efficienza energetica nell'industria interventi e casi applicativi. 20 Maggio 2014. Paolo Torri

AUDIT ENERGETICO. Efficienza energetica nell'industria interventi e casi applicativi. 20 Maggio 2014. Paolo Torri AUDIT ENERGETICO Efficienza energetica nell'industria interventi e casi applicativi 20 Maggio 2014 AUDIT ENERGETICI Cos è Cosa Come Analisi degli usi e dei consumi energetici di un organizzazione attuata

Dettagli

Codice di Condotta per i Contratti a Prestazione Energetica Garantita (EPC) Italy

Codice di Condotta per i Contratti a Prestazione Energetica Garantita (EPC) Italy (EPC) Italy Il Progetto Transparense Questo documento è stato redatto nell ambito del progetto Transparense - Aumentare la trasparenza dei Mercati Energetici, sostenuto dal programma Europeo Intelligent

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

LINEA GUIDA PER L ACCERTAMENTO DI CONFORMITA DEL SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE. ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) n.1179/2012 DELLA COMMISSIONE

LINEA GUIDA PER L ACCERTAMENTO DI CONFORMITA DEL SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE. ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) n.1179/2012 DELLA COMMISSIONE LINEA GUIDA PER L ACCERTAMENTO DI CONFORMITA DEL SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) n.1179/2012 DELLA COMMISSIONE del 10 dicembre 2012 recante i criteri che determinano

Dettagli

Linee Guida Efficienza Energetica

Linee Guida Efficienza Energetica Linee Guida Efficienza Energetica SOGGETTI NORMATIVE CONTRATTI - INCENTIVI domusblog.com IL BLOG DELL ENERGIA VERDE E.S.Co. o E.S.P.Co.? Il D. Lgs. 30 Maggio 2008 n.115 Attuazione della direttiva 2006/32/CE

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

VISION 2000 VISION 2000

VISION 2000 VISION 2000 VISION 2000 dalle QUALITA? ISO 9000 alle VISION 2000 SOMMARIO Aspetti generali, architettura e caratteristiche delle norme Evoluzione dei contenuti Ricadute sui processi di certificazione Applicazione

Dettagli

I processi amministrativi del SGQ di UTFUS TF-GQL

I processi amministrativi del SGQ di UTFUS TF-GQL I processi amministrativi del SGQ di UTFUS TF-GQL Generalità I processi amministrativi (interessano tutti i processi fondamentali) sono: - Gestione del personale (Procedura PSO 01); - Gestione degli approvvigionamenti

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VALIDAZIONE E VERIFICA DI PROGETTI DI EFFICIENZA ENERGETICA

REGOLAMENTO PER LA VALIDAZIONE E VERIFICA DI PROGETTI DI EFFICIENZA ENERGETICA REGOLAMENTO PER LA VALIDAZIONE E VERIFICA DI PROGETTI DI EFFICIENZA ENERGETICA In vigore dal 19 Novembre 2014 RINA SERVICES S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Italia Tel. +39 01053851 Fax: +39 0105351132

Dettagli

CHECK LIST - ISO 9001:2008

CHECK LIST - ISO 9001:2008 ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del 4. SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4.1 REQUISITI GENERALI L'Organizzazione ha stabilito, documentato, attuato e tiene aggiornato

Dettagli