IL RUOLO DEL QA IN UN TEAM DI PROGETTO INTERFUNZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RUOLO DEL QA IN UN TEAM DI PROGETTO INTERFUNZIONALE"

Transcript

1 IL RUOLO DEL QA IN UN TEAM DI PROGETTO INTERFUNZIONALE Case Study in Farmacovigilanza: innovazione del Safety Database e migrazione dei dati Legacy XXII GIQAR - Bari, Maggio 2013 ANTONIA PASCALE - MARINA FILIPPONE ACRAF - R&D QUALITY ASSURANCE UNIT IL RUOLO DEL QA IN UN TEAM DI PROGETTO INTERFUNZIONALE Case Study in Farmacovigilanza: innovazione del Safety Database e migrazione dei dati Legacy Introduzione e scopo del progetto Normative di riferimento Ruoli e responsabilità del team interfunzionale Responsabilità del QA ed esperienza pratica Conclusioni XXII GIQAR ANGELINI - Bari, TITOLO PRESENTAZIONE Maggio

2 Introduzione Necessità di un Safety Database con elevati standard tecnologici e funzionali Input aziendale di innovazione del Safety Dabase e conseguente necessità di migrazione dei legacy data Esigenza di convalida (sistema GxP critico) 3 Cosa deve fare un Safety Database? Raccolta di reazioni avverse Processamento dei casi Gestione delle Librerie (MedDRA, Lista Prodotti, WHO) Gestione della reportistica (CIOMS, Line Listing, Summary Tabulation ) Sottomissione elettronica dei casi alle autorità regolatorie Analisi dei dati cumulativi o aggregati Il valore del safety database come strumento di analisi si accresce progressivamente 4 2

3 Introduzione 5 Fasi del Progetto Chiusura del progetto di implementazione 1. Implementazione del sistema Pianificazione, Requisiti e Configurazione Ambiente di convalida Ambiente di produzione e go-live per l inserimento dei nuovi casi 2. Migrazione dei Dati Legacy Recupero Dati Legacy Inserimento Dati Legacy 1st batch Ambiente di Migrazione 2nd batch 3rd batch - Chiusura del Progetto di Migrazione 6 3

4 Introduzione Ruolo del QA in un progetto complesso interfunzionale per l implementazione di un sistema GxP critico Confronto tra cosa richiedono le normative e quale è stata la nostra esperienza pratica 7 Team Interfunzionale Fornitore Ufficio legale Farmaco vigilanza IT Consulenti Financial 8 4

5 IL RUOLO DEL QA IN UN TEAM DI PROGETTO INTERFUNZIONALE Case Study in Farmacovigilanza: innovazione del Safety Database e migrazione dei dati Legacy Introduzione e scopo del progetto Normative di riferimento Ruoli e responsabilità del team interfunzionale Responsabilità del QA ed esperienza pratica Conclusioni XXII GIQAR ANGELINI - Bari, TITOLO PRESENTAZIONE Maggio (Non exhaustive) Regulations vs Guidelines schema REGULATIONS VS GUIDELINES Which are the Requirements WHAT REGULATIONS How to comply with the Requirements GUIDELINE HOW TO 10 5

6 Pharmacovigilance and CSV (Non exhaustive) Regulations vs Guidelines list Regulations Regulation (EU) 1235/2010 Commission Implementing Regulation No 520/2012 Directive 2010/84/EU Protection of Privacy US FDA - 21 CFR Part Pharmacovigilance and CSV (Non exhaustive) Guidelines list Good Pharmacovigilance Practice Guidelines ICH Topic E2B ICH Topic E2C ICH Topic E6 UNI EN ISO 9001:2008 GAMP 5 US FDA - Guidance for Industry: 21 CFR Part 11 PIC/S Good Practices for Computerised Systems in Regulated GXP Environments GUIDELINES 12 6

7 IL RUOLO DEL QA IN UN TEAM DI PROGETTO INTERFUNZIONALE Case Study in Farmacovigilanza: innovazione del Safety Database e migrazione dei dati Legacy Introduzione e scopo del progetto Normative di riferimento Ruoli e responsabilità del team interfunzionale Responsabilità del QA ed esperienza pratica Conclusioni XXII GIQAR ANGELINI - Bari, TITOLO PRESENTAZIONE Maggio RESPONSABILITÀ IN UN PROGETTO DI CONVALIDA: DEFINIZIONI DA GAMP Roles and Responsibilities Responsibilities for computerized system validation planning ultimately rests with the Process Owner. This may be delegated to a Project Manager and also may involve the System Owner. Typically, the computerized system validation plan is approved by the Process Owner and Quality Unit. 14 7

8 Team Interfunzionale Fornitore Ufficio legale Farmaco vigilanza IT Consulenti Financial 15 RESPONSABILITA IN UN PROGETTO DI CONVALIDA: PROCESS OWNER FARMACO VIGILANZA The Process Owner is the owner of the business process and of the system and he/she is the person responsible for the Validation status, the efficacy and the maintenance of the system. Usually, he/she is the head of the department having in charge the system or a delegated person. The Process Owner also may be the System Owner. 16 8

9 RESPONSABILITA IN UN PROGETTO DI CONVALIDA: SYSTEM KEY USER FARMACO VIGILANZA The System Key User (KU) is the person, group or department who use the system. He/she can eventually prepare the testing document and participate in validation activities. The Key User is required to: support the validation process attend required training properly apply in the operative procedures defined concerning the operation step of the system inform timely the Process Owner of any relevant anomalies 17 Team Interfunzionale Fornitore Ufficio legale Farmaco vigilanza IT Dept. IT Consulenti Financial 18 9

10 RESPONSABILITA IN UN PROGETTO DI CONVALIDA : SYSTEM ADMINISTRATOR IT The System Administrator has the following tasks: Responsible for reviewing and approving all the technical validation documentation Assuring libraries maintenance after system implementation Support system operators' workstations maintenance activities 19 RESPONSABILITA IN UN PROGETTO DI CONVALIDA : PROJECT MANAGER IT The Project Manager is a member of the Validation Team that supervises the overall project and system implementation. This individual shall make sure that resources are available and appropriately qualified. Responsible for reviewing and approving all the validation documentation

11 Team Interfunzionale Fornitore Ufficio legale Farmaco vigilanza IT Consulenti Financial 21 RESPONSABILITA IN UN PROGETTO DI CONVALIDA : FORNITORE Fornitore The SW Supplier is the primary responsible for : ensuring that the platform is installed and qualified as per standard IT procedures providing hardware and OS level software requirements to support the application writing application configuration and installation documentation installation of application SW/DB providing adequate training for maintenance and users staff system configuration, customization (if any) and testing support on validation activities and related deliverables system management and assuring its maintenance during and after system implementation ensuring Help desk support during the life cycle of the system 22 11

12 IL RUOLO DEL QA IN UN TEAM DI PROGETTO INTERFUNZIONALE Case Study in Farmacovigilanza: innovazione del Safety Database e migrazione dei dati Legacy Introduzione e scopo del progetto Normative di riferimento Ruoli e responsabilità del team interfunzionale Responsabilità del QA ed esperienza pratica Conclusioni XXII GIQAR ANGELINI - Bari, TITOLO PRESENTAZIONE Maggio Team Interfunzionale Fornitore Ufficio legale Farmaco vigilanza IT Consulenti Financial 24 12

13 RESPONSABILITA IN UN PROGETTO DI CONVALIDA : QUALITY ASSURANCE The Quality Assurance (QA) approves all the Validation documents and assures their compliance with the company Policies and SOPs and with the applicable rules. QA supports and supervises the execution of the validation activities and the issue of the related deliverables, in order to ensure their compliance to the reference standards and regulations 25 Quale è stata la nostra esperienza? 26 13

14 Rules & Guidelines The Quality Assurance covers the following tasks: identify the need for vendor assessment and to participate in the process of evaluation of the Supplier Supplier Audit 27 La nostra esperienza: 1. Supporta lo sviluppo e la preparazione dei Business User Requirements 2. Partecipa al processo di selezione e valutazione del fornitore 3. Partecipa alla definizione della strategia di progetto per l implementazione del safety database (on demand solution) 4. Effettua l audit al fornitore di sistema 5. Partecipa alla definizione della strategia di progetto di Data Migration 6. Partecipa alla revisione e finalizzazione dell Hosting Service Agreement e dello Statement of Work 28 14

15 STRATEGIA DI PROGETTO SOFTWARE AS A SERVICE (SAAS): IL PERCHE DELLA NOSTRA SCELTA MONEY TIME DATA HANDLING ON PREMISES ON DEMAND ON PREMISES ON DEMAND ON PREMISES ON DEMAND VALIDATION EFFORT IT EFFORT LEGAL IMPLICATIONS ON PREMISES ON DEMAND ON PREMISES ON DEMAND ON PREMISES ON DEMAND ON PREMISES Money Data Handling Legal Implications ON DEMAND Time Validation Effort IT Effort 29 OnDemand Solution: Company s elements SOFTWARE HARDWARE Firmware COMPUTER SYSTEM (Controlling System) OPERATING PROCEDURES AND PEOPLE EQUIPMENT CONTROLLED FUNCTION OR PROCESS INFRASTRUCTURE (NETWORK) COMPUTERIZED SYSTEM OPERATING ENVIRONMENT Validation Strategy: Defined according to the current GAMP 5 (SW Category 4) 30 15

16 STRATEGIA DI PROGETTO System Configuration Prototype Final Sandbox provision Test Environment 31 La nostra esperienza: 1. Supporta lo sviluppo e la preparazione dei Business User Requirements 2. Partecipa al processo di selezione e valutazione del fornitore 3. Partecipa alla definizione della strategia di progetto per l implementazione del safety database (on demand solution) 4. Effettua l audit al fornitore di sistema 5. Partecipa alla definizione della strategia di progetto di Data Migration 6. Partecipa alla revisione e finalizzazione dell Hosting Service Agreement e dello Statement of Work 32 16

17 Audit al fornitore del sistema GOOD AUDIT BAD (or NON EXISTING) AUDIT Customer docs + Supplier docs (Reference) Customer docs Validation testing can be greatly decreased if the supplier has a reliable set of verified functional testing. Vendor documentation for technical support may reduce or eliminate the need to recreate such documentation. 33 Audit al fornitore del sistema Scopo dell audit: L audit al fornitore è stato focalizzato sulla soluzione OnDemand con l obiettivo: di acquisire conoscenza sul sistema di qualità del fornitore e sui servizi ondemand in termini di responsabilità, procedure, processi e risorse di valutare il loro livello di compliance rispetto alle normative applicabili

18 ORGANIZZAZIONE E MODALITA DI CONDUZIONE DELL AUDIT 1. Preparazione e condivisione agenda 2. Il fornitore ha messo a disposizione un set di documenti attraverso un portale dedicato. I documenti sono stati analizzati e valutati 3. Conduzione dell audit in Teleconferenze e Live Meeting con scambio informazioni e condivisione documenti tramite desktop 4. Richiesta e analisi successiva di ulteriore documentazione 5. Emissione Audit Report 35 La nostra esperienza: 1. Supporta lo sviluppo e la preparazione dei Business User Requirements 2. Partecipa al processo di selezione e valutazione del fornitore 3. Partecipa alla definizione della strategia di progetto per l implementazione del safety database (on demand solution) 4. Effettua l audit al fornitore di sistema 5. Partecipa alla definizione della strategia di progetto di Data Migration 6. Partecipa alla revisione e finalizzazione dell Hosting Service Agreement e dello Statement of Work 36 18

19 Strategia di Data Migration Nuovo Safety Database Vecchio Safety Database 37 Strategia di Data Migration Scopo di un Processo di Migrazione: Migrate the right data into the right place at the right time Rischi collegati al processo di migrazione dei dati: Analisi errata del contenuto dei dati (data mapping) Perdita di dati o modifica di dati durante la migrazione Dati legacy che non sono corrispondenti ai campi del nuovo database. Rischi insiti nel processo di Data Entry 38 19

20 Strategia di Data Migration Il processo di data migration ha impatto su FV e Qualità e non è certo solo una questione IT! 39 Strategia di Data Migration Come migriamo i nostri legacy data? Dump del vecchio database e importazione? Strumenti di migrazione del Database? SQL scripts, programmi custom sviluppati in-house? Trasferimento manuale dei dati: Data (re-)enter? 40 20

21 Strategia di Data Migration Analisi dei nostri dati: Differente formato dei casi (elettronici e cartacei) Complessità dei dati Ambito di applicazione (GXP critici!) Numero limitato di casi Criticità nell utilizzo di programmi custom per la data migration Reinserimento manuale dei dati 41 Rules & Guidelines The Quality Assurance covers the following tasks: Review and approve the designated project documentation from a quality/compliance perspective. Approve the Standard Operative Procedures of the computerized systems and to verify their application Review and to approve the Training Plan Release the system together with the other involved functions 42 21

22 La nostra esperienza (1) 1. Revisione e approvazione documentazione di progetto da un punto di vista qualitativo a garanzia che il sistema sia implementato in accordo alle normative applicabili 2. Definizione in dettaglio dei requisiti utente, del flusso di processo e della configurazione di sistema a garanzia che il sistema soddisfi le necessità degli utilizzatori e del processo (fine tuning durante configurazione e test) 3. Supervisione su tutte le problematiche di progetto per poter eseguire i controlli necessari e per fungere da elemento di connessione tra i componenti del team 43 La nostra esperienza (2) 4. Revisione e approvazione delle Procedure Operative Standard per i sistemi computerizzati e verificare la loro applicazione 5. Garanzia che il training agli utenti sia eseguito in accordo alle procedure aziendali (SOPs, istruzioni operative, System Manual, ) 6. Rilascio del sistema insieme alle altre funzioni coinvolte 7. Controllo on-going della migrazione dei dati soprattutto nella prima fase per fare fine tuning insieme a owner dei dati (FV) 44 22

23 La nostra esperienza (1) 1. Revisione e approvazione documentazione di progetto da un punto di vista qualitativo a garanzia che il sistema sia implementato in accordo alle normative applicabili 2. Definizione in dettaglio dei requisiti utente, del flusso di processo e della configurazione di sistema a garanzia che il sistema soddisfi le necessità degli utilizzatori e del processo (fine tuning durante configurazione e test) 3. Supervisione su tutte le problematiche di progetto per poter eseguire i controlli necessari e per fungere da elemento di connessione tra i componenti del team 45 Standard Workflow Case registration Full data entry Quality Control Medical assessment Regulatory submission Exit workflow Data entry user The users can identify different cases for different products and perform initial assessment for case prioritization Data entry user The System data entry features facilitate case entry, reducing time for data entry activities while eliminating manual paper exchange QC reviewer The QC team can review and assess the quality of each case prior to case reporting Medical assessor The medical review and assessment capabilities enable the medical reviewers to accurately and efficiently conduct the case assessment Reporting user System supports the preparation of the required periodic/aggregate reports for clinical and spontaneous reporting 46 23

24 Workflow adattato per Angelini 47 Configurazione del Sistema Definizione e verifica di: Workflow Profili utente Lista Prodotti Codelists di Sistema Validation Checks Templates (Case Narratives, Std Letters, etc.) Lista di Distribuzione (Partners Commerciali e Autorità Regolatorie) 48 24

25 La nostra esperienza (1) 1. Revisione e approvazione documentazione di progetto da un punto di vista qualitativo a garanzia che il sistema sia implementato in accordo alle normative applicabili 2. Definizione in dettaglio dei requisiti utente, del flusso di processo e della configurazione di sistema a garanzia che il sistema soddisfi le necessità degli utilizzatori e del processo (fine tuning durante configurazione e test) 3. Supervisione su tutte le problematiche di progetto per poter eseguire i controlli necessari e per fungere da elemento di connessione tra i componenti del team 49 Strategie di comunicazione del team interfunzionale Weekly project status call con il Fornitore VDC TC Live Meeting E-room Portale del Fornitore 50 25

26 La nostra esperienza (2) 4. Revisione e approvazione delle Procedure Operative Standard per i sistemi computerizzati e verificare la loro applicazione 5. Garanzia che il training agli utenti sia eseguito in accordo alle procedure aziendali (SOPs, istruzioni operative, System Manual, ) 6. Rilascio del sistema insieme alle altre funzioni coinvolte 7. Controllo on-going della migrazione dei dati soprattutto nella prima fase per fare fine tuning insieme a owner dei dati (FV) 51 Attività di Data Migration Estrazione dati elettronici Standardizzazione e Armonizzazione dei dati Data Entry e Quality Check ongoing Test e Approvazione Recupero dei dati cartacei Conservazione dei Dati Legacy Trasferimento dei dati nel nuovo sistema ANGELINI 52 26

27 Rules & Guidelines The Quality Assurance covers the following tasks: assure that the Change Control procedure is properly applied organize periodical audits, in order to verify the maintenance of the Validation status of the Computerized Systems Periodic Review 53 La nostra esperienza Attività di mantenimento del sistema: gestione di possibili cambiamenti al sistema (aggiornamento normativa, issues identificate dall utente) revisioni periodiche audit periodici al fornitore Supervisione su: aggiornamento della Lista Prodotti, Lista di Distribuzione, Dizionari training nuovi utenti aggiornamento procedure 54 27

28 IL RUOLO DEL QA IN UN TEAM DI PROGETTO INTERFUNZIONALE Case Study in Farmacovigilanza: innovazione del Safety Database e migrazione dei dati Legacy Introduzione e scopo del progetto Normative di riferimento Ruoli e responsabilità del team interfunzionale Responsabilità del QA ed esperienza pratica Conclusioni XXII GIQAR ANGELINI - Bari, TITOLO PRESENTAZIONE Maggio Conclusioni Il QA nella nostra esperienza esegue attività in numero e consistenza maggiore di quanto la normativa richieda. Tale ruolo allargato comporta indubbi vantaggi (maggiore conoscenza del sistema e audit realmente efficaci dopo il go-live) e svantaggi (valutazione meno oggettiva) Il QA deve supervisionare tutte le problematiche di progetto per poter eseguire i controlli necessari e per fungere da elemento di connessione tra i componenti del team Per portare a termine un progetto complesso di QUALITA è comunque necessario un team competente e interfunzionale e un ottimo project management 56 28

29 Conclusioni il vero successo del progetto. implementazione di un Safety Database innovativo in accordo a Rules & Guidelines!!!

Convalida di sistemi per la farmacovigilanza: : l esperienzal Zambon

Convalida di sistemi per la farmacovigilanza: : l esperienzal Zambon Convalida di sistemi per la farmacovigilanza: : l esperienzal Zambon Anna Piccolboni - Gianluigi Moroni ZAMBON GROUP S.p.A. Giorgio Civaroli CTP System The strength of innovation ZAMBON GROUP S.p.A. Fondata

Dettagli

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Le aziende farmaceutiche operano in un ambiente molto regolamentato I prodotti farmaceutici sono progettati e sviluppati in modo

Dettagli

Good Practice Guide: Calibration Management

Good Practice Guide: Calibration Management Predictive Maintenance & Calibration Milano 14 dicembre 2005 GAMP Good Practice Guide: Calibration Management Giorgio Civaroli Le GAMP Good Practice Guides Calibration Management Validation of Process

Dettagli

Carlo Bestetti Consulente Tonino Ranieri - Schering Plough Workshop Predictive Maintenance & Calibration, Milano 14 dicembre 2006

Carlo Bestetti Consulente Tonino Ranieri - Schering Plough Workshop Predictive Maintenance & Calibration, Milano 14 dicembre 2006 Dai requisiti, alla convalida di software per la gestione della calibrazione e manutenzione Carlo Bestetti Consulente Tonino Ranieri - Schering Plough 1 Workshop Predictive Maintenance & Calibration, Milano

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici

Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici Congresso Nazionale GIQAR 2012 - Torino Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici Romina Zanier Computerised System Validation Specialist SIGMA-TAU ecrf electronic Case Report Form

Dettagli

SCADA & (Cyber) Security, Riconoscimento Biometrico, Configuration Management

SCADA & (Cyber) Security, Riconoscimento Biometrico, Configuration Management SCADA & (Cyber) Security, Riconoscimento Biometrico, Configuration Management Sergio Petronzi Inprotec S.p.A. Distributore ServiTecno Area centro sud s.petronzi@inprotec.it Agenda SCADA/HMI le funzioni

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

La Convalida Slide 1

La Convalida Slide 1 La Convalida Slide 1 Definizione La Convalida viene definita come la prova documentata che assicura che uno specifico Sistema è conforme alle specifiche approvate e che la produzione del prodotto è conforme

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Il punto di vista dell OEM sulla norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale dei veicoli: la sfida dell integrazione nei processi aziendali Marco Bellotti Functional Safety Manager Contenuti

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

Introduzione a COBIT 5 for Assurance

Introduzione a COBIT 5 for Assurance Introduzione a COBIT 5 for Assurance Andrea Pontoni 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 Agenda Obiettivi Assurance Definizione Drivers dell Assurance Vantaggi di

Dettagli

Telecontrol systems for renewables: from systems to services

Telecontrol systems for renewables: from systems to services ABB -- Power Systems Division Telecontrol systems for renewables: from systems to Adrian Timbus - ABB Power Systems Division, Switzerland Adrian Domenico Timbus Fortugno ABB - Power ABB Power Systems Systems

Dettagli

G A M P 4. (Good Automated Manufacturing Practice) Le linee guida per la convalida di Sistemi Automatizzati nell'industria farmaceutica

G A M P 4. (Good Automated Manufacturing Practice) Le linee guida per la convalida di Sistemi Automatizzati nell'industria farmaceutica G A M P 4 (Good Automated Manufacturing Practice) Le linee guida per la convalida di Sistemi Automatizzati nell'industria farmaceutica Pier Luigi Agazzi ADEODATA www.adeodata.it 1 INTRODUZIONE Le GAMP

Dettagli

Uffici EasyB. 01 e 04 dicembre 2014, Bergamo. Modulo A - La Computer System Validation Lunedì 01 dicembre 2014 9:00-18:00

Uffici EasyB. 01 e 04 dicembre 2014, Bergamo. Modulo A - La Computer System Validation Lunedì 01 dicembre 2014 9:00-18:00 Un approccio pragmatico per affrontare la fase progettuale e la fase operativa del ciclo di vita di un sistema computerizzato. 01 e 04 dicembre 2014, Bergamo Uffici EasyB via Roma 20, 24022 Alzano Lombardo

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011 Project Management e Business Analysis: the dynamic duo Firenze, 25 Maggio 2011 Grazie! Firenze, 25 Maggio 2011 Ing. Michele Maritato, MBA, PMP, CBAP 2 E un grazie particolare a www.sanmarcoinformatica.it

Dettagli

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico WELCOME This is a Step by Step Guide that will help you to register as an Exchange for study student to the University of Palermo. Please, read carefully this guide and prepare all required data and documents.

Dettagli

Dispositivi Medici Direttive

Dispositivi Medici Direttive Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Medica Dispositivi Medici Direttive La Comunità Europea (CE) Secondo gli accordi comunitari il Parlamento

Dettagli

Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention

Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention Raoul Savastano Responsabile Security Services Kpmg Information

Dettagli

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche AIM Italia: Membership: dal 1 febbraio 2010 Amendments to the AIM Italia: Membership:

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 UN BUON MOTIVO PER [cod. E316] Lo scopo di questo corso non MOC è fornire ai database professionals che lavorano in realtà di tipo enterprise

Dettagli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento.

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

ITIL & Project Management Quali relazioni?

ITIL & Project Management Quali relazioni? ITIL & Project Management Quali relazioni? ing. Andrea Praitano Via Vallombrosa 47/a 00135 Roma Tel. 06.33 71 14 61 Fax. 06. 33 66 09 87 www.isipm.org email info@isipm.org Agenda Progetto vs Servizio;

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

correzione, verifica e validazione dei risultati

correzione, verifica e validazione dei risultati Università degli Studi di Padova Scuola di Specializzazione in Biochimica Clinica (A.A. 2005-2006) INDIRIZZI: DIAGNOSTICO E ANALITICO TECNOLOGICO Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica: automazione

Dettagli

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati.

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. Progetto Michelangelo Click4Care - ThinkHealth System Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. 1 Storia Pfizer ha sviluppato negli ultimi anni know-how nel

Dettagli

Sistemi customizzabili vs sistemi configurabili nell approccio alla convalida

Sistemi customizzabili vs sistemi configurabili nell approccio alla convalida Sistemi customizzabili vs sistemi configurabili nell approccio alla convalida Ing. Roberto Tecco, Sales Manager LabSystems Italia partner di Thermo Scientific Sommario 1. Un po di terminologia Sistemi

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Elsag Datamat. Soluzioni di Cyber Security

Elsag Datamat. Soluzioni di Cyber Security Elsag Datamat Soluzioni di Cyber Security CYBER SECURITY Cyber Security - Lo scenario La minaccia di un attacco informatico catastrofico è reale. Il problema non è se ma piuttosto quando l attacco ci sarà.

Dettagli

Linee guida NBF parte III: GMP related documents

Linee guida NBF parte III: GMP related documents DIPARTIMENTO DELLA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÁ ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Linee guida

Dettagli

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented

I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Sede AICA Liguria Competenze Professionali per l Innovazione Digitale Le competenze per la SOA-Service Oriented Architecture I profili professionali EUCIP per le architetture Service Oriented Roberto Ferreri

Dettagli

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere Consulting Line Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere le Persone, le Competenze e le Tecnologie più adatte si rivelerà sempre una decisione determinante. Scegliere fra le formule Body Rental

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti Bando di gara a procedura aperta per l affidamento del Servizio di assistenza tecnica finalizzata al supporto alle attività di gestione, monitoraggio, valorizzazione e diffusione dei risultati del Programma

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

Il processo di fabbricazione mediante saldatura di strutture metalliche ed il suo controllo alla luce della EN 1090

Il processo di fabbricazione mediante saldatura di strutture metalliche ed il suo controllo alla luce della EN 1090 Seminario Gestione del livello di qualità nella fabbricazione di strutture e componenti saldati Roma 16 Ottobre 2009 Il processo di fabbricazione mediante saldatura di strutture metalliche ed il suo controllo

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

La qualità nella Gestione Dati. Antonella Bacchieri, Sonia Conte, Lidia Merli, Silva Tommasini. Biostatistica e Gestione Dati R&S

La qualità nella Gestione Dati. Antonella Bacchieri, Sonia Conte, Lidia Merli, Silva Tommasini. Biostatistica e Gestione Dati R&S La qualità nella Gestione Dati Antonella Bacchieri, Sonia Conte, Lidia Merli, Silva Tommasini Agenda Convalida Tracciabilità Sicurezza Standard Conclusioni 1 Guideline for Good Clinical Practice (E6) Step

Dettagli

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 POWER Indice Motivazioni di questa organizzazione Alstom - Organizzazione IS&T Governance Organizzazione ITSSC ITSSC Modalità

Dettagli

MS WINDOWS SERVER 2008 - CONFIGURING, MANAGING AND MAINTAINING SERVERS

MS WINDOWS SERVER 2008 - CONFIGURING, MANAGING AND MAINTAINING SERVERS MS WINDOWS SERVER 2008 - CONFIGURING, MANAGING AND MAINTAINING SERVERS UN BUON MOTIVO PER [cod. E103] Questo corso combina i contenuti di tre corsi: Network Infrastructure Technology Specialist, Active

Dettagli

CERTIFICATO N. EMS-1318/S CERTIFICATE No. FALPI S.R.L. RINA Services S.p.A. Via Corsica 12-16128 Genova Italy

CERTIFICATO N. EMS-1318/S CERTIFICATE No. FALPI S.R.L. RINA Services S.p.A. Via Corsica 12-16128 Genova Italy EMS-1318/S SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE ENVIRONMENTAL MANAGEMENT SYSTEM OF È CONFORME ALLA NORMA IS IN COMPLIANCE WITH THE STANDARD ISO 14001:2004

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE Agenda Item 9 EACC(11)M22Prep-QUESTIONS TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE WARNING: Documento NON UFFICIALE. Quando disponibile il verbale

Dettagli

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261)

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Questo corso ha lo scopo di fornire ai professionisti senza esperienza specifica di lavoro con Microsoft

Dettagli

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no.

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. 327/2011 In base alla direttiva ErP e al regolamento UE n. 327/2011, si impone

Dettagli

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S TECNOINOX S.R.L. ISO 9001:2008 VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S TECNOINOX S.R.L. ISO 9001:2008 VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE QUALITY MANAGEMENT SYSTEM OF VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA Per

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

VI Info-day 1 dicembre 2011. Computer Validation e Risk analisys Un approccio integrato

VI Info-day 1 dicembre 2011. Computer Validation e Risk analisys Un approccio integrato VI Info-day 1 dicembre 2011 Computer Validation e Risk analisys Un approccio integrato Dr. Michele Liberti Persona Qualificata Intervet Productions MSD Animal Health Dr. Aldo Brusi Responsabile Assicurazione

Dettagli

Circolare 239. principi per un risk data aggrega/on ed un risk repor/ng efficace

Circolare 239. principi per un risk data aggrega/on ed un risk repor/ng efficace Circolare 239 principi per un risk data aggrega/on ed un risk repor/ng efficace Cosa è richiesto Controls surrounding risk data should be as robust as those applicable to accounting data. Risk data should

Dettagli

Idea To Performance. Gianni Pelizzo Espedia 01 Ottobre 2013

Idea To Performance. Gianni Pelizzo Espedia 01 Ottobre 2013 Idea To Performance Gianni Pelizzo Espedia 01 Ottobre 2013 Agenda Quali sono i bisogni a cui si vuole dare risposta con questo scenario Overview dello scenario I2P Elementi di dettaglio SAP MES/MII SAP

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili

L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili 11 Workshop on Automotive Software & Systems Milano, 7 Novembre 2013 Ernesto Viale Agenda Overview AIDA Model AIDA for Agile L integrazione della

Dettagli

Corso: Configuring Managing and Maintaining Windows Server 2008-based Servers Codice PCSNET: MWS1-5 Cod. Vendor: 6419 Durata: 5

Corso: Configuring Managing and Maintaining Windows Server 2008-based Servers Codice PCSNET: MWS1-5 Cod. Vendor: 6419 Durata: 5 Corso: Configuring Managing and Maintaining Windows Server 2008-based Servers Codice PCSNET: MWS1-5 Cod. Vendor: 6419 Durata: 5 Obiettivi Questo corso combina i contenuti di tre corsi: Network Infrastructure

Dettagli

Umbra Cuscinetti. Quality Supplier Requirements

Umbra Cuscinetti. Quality Supplier Requirements Pagina: 1 di 5 Distribuzione controllata / Controlled Distribution Ciclo di Vita / Life cycle Redatto / Revisionato: Verificato: Approvato: M. Tozzi P.Trasciatti G. Sturniolo Indice Revisioni / Revision

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

Reply Business Intelligence Overview

Reply Business Intelligence Overview Reply Business Intelligence Overview 2 Coverage B.I. Competency Center Analytical Systems Development Process Analisi di dettaglio Definizione dell Ambito Assessment Aree di Business Interessate Business

Dettagli

Sistema Gestione dei Rischi

Sistema Gestione dei Rischi Sistema Gestione dei Rischi Applicazioni in Farmacovigilanza Annamaria Paparella Quality Assurance Manager General Management Takeda Italia Farmaceutici S.p.A Congresso GIQAR 4-5 Giugno 2009 Rischio e

Dettagli

AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico. Certificazioni informatiche europee

AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico. Certificazioni informatiche europee - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico Certificazioni informatiche europee Milano, 6 ottobre 2003 1 AICA Profilo istituzionale Ente senza fini di lucro, fondato nel 1961 Missione:

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Introduzione alla Computer System Validation Dalla teoria alla pratica

Introduzione alla Computer System Validation Dalla teoria alla pratica Dalla teoria alla pratica 27 e 28 maggio 2013 Sconto Early Bird di 150 euro per iscrizioni entro il 13/05/2013 Hotel Meliã Sala Quarzo - Via Masaccio 19 20149 Milano Lunedì 27 e martedì 28 maggio 2013

Dettagli

Service Manager Operations. Emerson Process Management

Service Manager Operations. Emerson Process Management Ronca Vito Service Manager Operations Emerson Process Management Italia Emerson e Cyber Security Nel settore industria ed energia, uno dei punti critici da un punto di vista CybSec è il sistema di controllo

Dettagli

Security policy e Risk Management: la tecnologia BindView

Security policy e Risk Management: la tecnologia BindView NETWORK SECURITY COMPANY Security policy e Risk Management: la tecnologia BindView www.bindview.com Luca Ronchini lr@symbolic.it Security policy e Risk Management : vulnerabilty management e security assessment,

Dettagli

IBM Green Data Center

IBM Green Data Center IBM Green Data Center Mauro Bonfanti Director of Tivoli Software Italy www.ibm.com/green Milano, 17/02/2009 Partiamo da qui... L efficienza Energetica è una issue globale con impatti significativi oggi

Dettagli

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 Skytechnology srl Skytechnology è una società di ingegneria,

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Simone Riccetti. Applicazioni web:security by design

Simone Riccetti. Applicazioni web:security by design Simone Riccetti Applicazioni web:security by design Perchè il problema continua a crescere? Connettività: Internet L incremento del numero e delle tipologie d vettori di attacco è proporzionale all incremento

Dettagli

La configurazione dell offerta commerciale

La configurazione dell offerta commerciale #cloudcpq Torino, 11 giugno 2014 La configurazione dell offerta commerciale Presentazione di Enigen #WhyEnigen Un gruppo di consulenza internazionale, focalizzata sui processi di CRM e front end aziendali

Dettagli

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia SOA/EDA Composite Apps Software + Services Esercizio EAI Integrazione Punto-a-Punto Web services Consolidamento dell Infrastruttira Razionalizzazione

Dettagli

The approach to the application security in the cloud space

The approach to the application security in the cloud space Service Line The approach to the application security in the cloud space Manuel Allara CISSP CSSLP Roma 28 Ottobre 2010 Copyright 2010 Accenture All Rights Reserved. Accenture, its logo, and High Performance

Dettagli

ICT Security Governance. 16 Marzo 2010. Bruno Sicchieri ICT Security Technical Governance

ICT Security Governance. 16 Marzo 2010. Bruno Sicchieri ICT Security Technical Governance ICT Security 16 Marzo 2010 Bruno Sicchieri ICT Security Technical Principali aree di business 16 Marzo 2010 ICT Security in FIAT Group - I Principi Ispiratori Politica per la Protezione delle Informazioni

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 27000 La sicurezza delle

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1)

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Analisi delle interdipendenze e delle opportunità di integrazione dei due standard secondo la ISO/IEC FDIS 27013 17/09/2012

Dettagli

Creating Your Future. Linee guida

Creating Your Future. Linee guida Creating Your Future IL CICLO DEL PERFORMANCE MANAGEMENT Un approccio sistematico Linee guida Il focus si sta spostando dal personale inteso come un costo al personale come fonte di valore 35% 30% 25%

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica.

Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica. Da sempre stabiliamo Obiettivi, Azioni e Tempi tramite un processo sistematico di Pianificazione Strategica. Utilizziamo gli strumenti più idonei a mantenerci sul sentiero di Miglioramento Continuo grazie

Dettagli

Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001

Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001 Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Sistemi di gestione integrati Come la ISO/IEC 20000 può essere di supporto alla ISO/IEC 27001 Cesare Gallotti Milano, 14 marzo 2011 Agenda Presentazione

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita Processi software Anno accademico 2009/10 Ingegneria del mod. A Tullio Vardanega, tullio.vardanega@math.unipd.it SCD IS Definizioni Ciclo di vita Copre l evoluzione di un prodotto dal concepimento al ritiro

Dettagli

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena?

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Relatori: Paolo SFERLAZZA Alberto PERRONE Relatori Paolo Sferlazza Security Advisor CISA,LA27001,LA22301,OPST, COBIT 5, ITIL,LA9001,ISFS, ITSM,ISMA

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

Serialization and Good Distribution Practices: Regulatory Impacts, Opportunities and Criticalities for Manufacturers and Drugs Distribution Chain

Serialization and Good Distribution Practices: Regulatory Impacts, Opportunities and Criticalities for Manufacturers and Drugs Distribution Chain Sonia Ricci Presidente di ISPE Italy Affiliate Serialization and Good Distribution Practices: Regulatory Impacts, Opportunities and Criticalities for Manufacturers and Drugs Distribution Chain Venerdì

Dettagli

Application Security Governance

Application Security Governance Application Security Governance 28 ottobre 2010 Francesco Baldi Security & Risk Management Practice Principal 1 AGENDA Problematiche di sicurezza applicativa Modello di riferimento Processo di sicurezza

Dettagli