Le future norme ISO dovrebbero rispondere alle ultime tendenze ed essere compatibili con altri sistemi di gestione.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le future norme ISO dovrebbero rispondere alle ultime tendenze ed essere compatibili con altri sistemi di gestione."

Transcript

1 name ISO 9001:2015

2 Perchè una nuova edizione delle norme? Tutti gli standard ISO dovrebbero essere rivisti ogni cinque anni, con lo scopo di stabilire se è necessaria una revisione per mantenerle aggiornate e rilevanti per il mercato. Le future norme ISO dovrebbero rispondere alle ultime tendenze ed essere compatibili con altri sistemi di gestione.

3 Concetto di «High level structure (HLS)» Nel 2012 ISO, a seguito del proliferare degli standard relativi ai sistemi di gestione, ha stabilito che le norme devono avere una struttura comune: High Level Structure (Annex SL - applicabile ai nuovi standard e alle future revisioni di standard esistenti)

4 High level structure (HLS) Le nuove versioni seguiranno una nuova struttura, l'high Level Structure: Terminologia, testo, definizioni, titoli e loro sequenza comuni Maggiore importanza al concetto di rischio

5 High level structure (HLS): struttura comune 1 Scopo e campo di applicazione 2 Riferimenti normativi 3 - Termini e definizioni 4 - Contesto dell Organizzazione 5 - Leadership 6 Pianificazione per il SG 7 - Supporto 8 Attività operative 9 - Valutazione delle prestazioni name 10 - Miglioramento

6 ISO9001:2015 La struttura ISO 9001:2015 La struttura

7 ISO 9001:2015 La struttura 4. Context of the organization 4.1. Understanding the organization and its context 4.2. Understanding the needs and expectations of interested parties 4.3. Determining the scope of the environmental management system 4.4Quality management system and its processes 5. Leadership 5.1. Leadership and commitment 5.2 Quality policy 5.3. Organizational roles, responsibilities and authorities PLAN 6. Planning for the quality management system 6.1. Actions to address risks and opportunities 6.2. Quality objectives and planning to achieve them 6.3 Planning of changes 7. Support 8. Operation 7.1. Resources 7.2. Competence 7.3. Awareness 7.4. Communication 7.5. Documented information DO CHECK ACT 8.1. Operational planning and control 8.2Determination of requirements for products and services 8.3Design and development of products and services 8.4Control of externally provided products and services 8.5 Production and service provision 8.6 Release of products and services 8.6 Control of nonconforming process outputs, products and services 9. Performance evaluation 9.1. Monitoring, measurement, analysis and evaluation General Customer satisfaction Analysis and evaluation 9.2. Internal audit 9.3. Management review 10. Improvement 10.1 General 10.2 Non conformity and corrective action 10.3 Continual improvement

8 ISO9001:2015 La struttura HLS come la ISO14001, ma i sottopunti sono sostanzialmente diversi (in particolare punto 6 «Planning» e punto 8 «Operation») name

9 ISO 9001:2008 e ISO 9001:2015 Correlazione fra le due edizioni (tratto dal documento «Correlation matrices between ISO 9001:2008 and ISO/DIS 9001» elaborato da ISO/TC 176/SC 2)

10 ISO 9001:2008 e ISO 9001:2015 ISO 9001:2008 ISO/DIS 9001: Quality management system 4 Context of the Organization 4.1 General requirements 4.4 Quality management system and its processes 4.2 Documentation requirements 7.5 Documented information General General Quality manual 4.3 Determining the scope of the quality management system General 4.4 Quality management system and its processes Control of documents Creating and updating Control of documented Information Control of records Creating and updating 5 Management responsibility 5 Leadership Control of documented Information 5.1 Management commitment 5.1 Leadership and commitment Leadership and commitment for the quality management system 5.2 Customer focus Customer focus

11 ISO9001:2015 Cosa cambia? ISO 9001:2008 e ISO 9001:2015 ISO 9001:2008 ISO/DIS 9001: Quality policy 5.2 Quality policy 5.4 Planning 6 Planning for the quality management system Quality objectives 6.2 Quality objectives and planning to achieve them Quality management system planning 6 Planning for the quality management system 6.1 Actions to address risks and opportunities 6.3 Planning of changes 5.5 Responsibility, authority and communication 5 Leadership Responsibility and authority 5.3 Organizational roles, responsibilities and authorities Management representative 5.3 Organizational roles, responsibilities and authorities Internal communication 7.4 Communication 5.6 Management review 9.3 Management review General Management review (input) Review input Management review (input) Review output Management review (output) 6 Resource management 7.1 Resources

12 ISO 9001:2008 e ISO 9001:2015 ISO 9001:2008 ISO/DIS 9001: Provision of resources General People 6.2 Human resources 7.2 Competence General 7.2 Competence Competence, training and awareness 7.2 Competence 7.3 Awareness 6.3 Infrastructure Infrastructure 6.4 Work environment Environment for the operation of processes 7 Product realization 8 Operation 7.1 Planning of product realization 8.1 Operational planning and control 7.2 Customer-related processes 8.2 Determination of requirements for products and services Determination of requirements related to the product Determination of requirements related to products and services Review of requirements related to the product Review of requirements related to the products and services Customer communication Customer communication 7.3 Design and development 8.5 Production and service provision

13 ISO 9001:2008 e ISO 9001:2015 ISO 9001:2008 ISO/DIS 9001: Design and development planning 8.3 Design and development of products and services General Design and development planning Design and development inputs Design and development Inputs Design and development outputs Design and development outputs Design and development review Design and development controls Design and development verification Design and development controls Design and development validation Design and development controls Control of design and development changes Design and development changes Control of changes 7.4 Purchasing 8.4 Control of externally provided products and services Purchasing process General Type and extent of control of external provision Purchasing information Information for external providers Verification of purchased product 8.6 Release of products and services

14 ISO 9001:2008 e ISO 9001:2015 ISO 9001:2008 ISO/DIS 9001: Production and service provision 8.5 Production and service provision Control of production and service provision Control of production and service provision Post-delivery activities Validation of processes for production and Control of production and service provision service provision Identification and traceability Identification and traceability Customer property Property belonging to customers or external providers Preservation of product Preservation 7.6 Control of monitoring and measuring equipment Monitoring and measuring resources 8.0 Measurement, analysis and improvement 9.1 Monitoring, measurement, analysis and evaluation 8.1 General General 8.2 Monitoring and measurement 9.1 Monitoring, measurement, analysis and evaluation Customer satisfaction Customer satisfaction Internal audit 9.2 Internal audit

15 ISO 9001:2008 e ISO 9001:2015 ISO 9001:2008 ISO/DIS 9001: Monitoring and measurement of processes General Monitoring and measurement of product 8.6 Release of products and services 8.3 Control of nonconforming product 8.7 Control of nonconforming process outputs, products and services 8.4 Analysis of data Analysis and evaluation 8.5 Improvement 10 Improvement Continual improvement 10.1 General 10.3 Continual Improvement Corrective action 10.2 Nonconformity and corrective action Preventive action 6.1 Actions to address risks and opportunities (see 6.1.1, 6.1.2)

16 ISO 9001:2015 Principali cambiamenti ISO 9001:2015 Principali cambiamenti

17 Principali cambiamenti ISO 9001:2015 maggiore compatibilità con i servizi (al punto 8 si parla sempre di «products and services») necessità di chiarire il contesto dell organizzazione (in questa edizione il termine ricorre 26 volte, nella precedente MAI) approccio per processi più esplicito concetto di azioni preventiva trasversale a tutto lo standard a causa del concetto di rischio il termine informazioni documentate sostituisce i documenti e le registrazioni il controllo di prodotti e servizi forniti esternamente sostituisce approvvigionamento / outsourcing concetto proprietà del fornitore, oltre a cliente

18 Principali cambiamenti ISO 9001:2015 Cosa non contempla la versione 2015? Procedure obbligatorie e riferimento diretto al Manuale della Qualità Rappresentante della Direzione Azioni preventive Esclusioni (un altro approccio)

19 Principali cambiamenti ISO 9001:2015 Punti ISO/DIS 9001:2014 Concetto 4. Context of the organization Nuovo Contesto (4.1 e 0.1) Parti interessate (4.2) Scopo del SGQ ed eventuali requisiti n.a. (4.3) Processi del SGQ (4.4 e 0.3) 5. Leadership Rafforzato 6. Planning Nuovo Concetto di rischio (6.1 e 0.5)

20 ISO 9001:2015 Principali cambiamenti Punti ISO/DIS 9001: Support 8. Operation 9. Performance evaluation Concetto Nuovo Organizational knowledge (7.1.6) Awareness (7.3) Documented Information (7.5) Rafforzato controllo di prodotti e servizi forniti esternamente (8.4) proprietà del fornitore (8.5.3) Rafforzato 10. Improvement Rafforzato

21 Principali cambiamenti ISO 9001: Contesto dell Organizzazione (0.1 e Annex A - p.to A.3) Implica conoscenza di: Organizzazione e suo contesto (4.1) Bisogni ed aspettative delle parti interessate (4.2) L obiettivo è di elevare il livello di visione strategica dell organizzazione nel progettare il sistema di gestione per la qualità, tenendo conto del contesto in cui l organizzazione opera. Devono essere definiti i fattori che possono influenzare la capacità dell organizzazione di raggiungere i risultati desiderati. Devono essere individuate le aspettative delle parti interessate che possono influenzare il sistema di gestione qualità (non tutte le parti interessate: solo quelle con un potenziale impatto sull efficacia del sistema).

22 Principali cambiamenti ISO 9001: Contesto dell Organizzazione Scopo del Sistema di Gestione per la Qualità (4.3) Lo scopo del sistema di gestione per la qualità costituisce le condizioni al contorno entro le quali sono applicati i requisiti della norma. Rispetto alla ISO 9001 :2008, è esplicitato cosa si deve tenere in considerazione per definire lo scopo: il contesto e le aspettative delle parti interessate oltre, ovviamente, ai prodotti o servizi offerti dall organizzazione. Il concetto di esclusione di punti della norma, peraltro limitato al capitolo 7, non è più previsto: i requisiti che non hanno impatto sulla capacità o la responsabilità dell organizzazione di assicurare prodotti e servizi conformi possono non essere applicati (Annex A - p.to A.5). Processi del SGQ (4.4 e 0.3)

23 I cambiamenti emergenti Principali secondo cambiamenti ISO ISO 9001: Leadership Vengono enfatizzate le responsabilità della direzione ed il ruolo che essa ha in termini di supporto e motivazione nei confronti delle risorse umane nell attuazione del sistema di gestione per la qualità. Il concetto di integrazione tra il sistema azienda e il sistema di gestione per la qualità è più esplicito. Politica della qualità (5.2) I contenuti della politica devono essere coerenti con i risultati dell analisi del contesto, con le esigenze di clienti e altre parti interessate e con i requisiti di tipo cogente. Ruoli, responsabilità ed autorità dell Organizzazione (5.3) La principale novità consiste nell eliminazione della figura del rappresentante della direzione.

24 Principali I cambiamenti cambiamenti ISO 9001:2015 emergenti secondo ISO 6. Pianificazione del Sistema di Gestione per la Qualità (Annex A - p.to A.4) Il requisito introduce il nuovo concetto di analisi del rischio. In particolare le organizzazioni dovranno: analizzare e classificare i rischi in rapporto alla gravità delle conseguenze; pianificare le azioni per poter affrontare i rischi (eliminazione e/o mitigazione degli stessi); mettere in atto tali azioni; controllarne l efficacia; apprendere dall esperienza Nella classificazione dei rischi può essere utile riferirsi a metodologie già riconosciute a livello internazionale (esempio citato al p.to 0.5: ISO 31000). In ogni caso le organizzazioni dovranno determinare il miglior modo per valutare i rischi e le opportunità in maniera commisurata alla complessità dell organizzazione e dei suoi processi.

25 7.1 Risorse La leadership dovrà definire l adeguatezza di tutte le risorse (umane e tecniche) interne ed esterne coinvolte nei processi rientranti nello scopo del Sistema di Gestione perla Qualità. La responsabilizzazione della Leadership è comprovata dalla eliminazione della figura del Rappresentante della Direzione. 7.2 Competenza Principali I cambiamenti cambiamenti ISO 9001:2015 emergenti secondo ISO La norma ISO 9001:2008 richiede di determinare le competenze per il personale che svolge attività che influenzano la conformità ai requisiti del prodotto, mentre la nuova ISO 9001:2015 richiede di determinarle per le persone che infuenzano le prestazioni qualitative dell organizzazione.

26 Principali I cambiamenti cambiamenti ISO 9001:2015 emergenti secondo ISO 7.3 Consapevolezza E fondamentale che il personale sia consapevole del fatto che con il suo lavoro ha la possibilità di influire sull efficacia del sistema di gestione e sulle prestazioni qualitative dell organizzazione. La consapevolezza viene elevata a requisito. 7.4 Comunicazione L organizzazione dovrà definire le modalità di comunicazione interna ed esterna rilevante per il sistema di gestione per la qualità includendo: cosa comunicare con chi comunicare come comunicare quando comunicare

27 Principali I cambiamenti cambiamenti ISO 9001:2015 emergenti secondo ISO 7.5 Informazioni Documentate (Annex A - p.to A.6) Where ISO 9001:2008 would have referred to documented procedures (e.g. to define, control or support a process) this is now (ISO9001:2015) expressed as a requirement to maintain documented information. Where ISO 9001:2008 would have referred to records this is now (ISO9001:2015) expressed as a requirement to retain documented information. L organizzazione deve definire la documentazione più appropriata per il controllo della propria operatività, non deve più seguire solo un formato prescrittivo come prescritto dalla ISO 9001:2008. Le procedure documentate ed il Manuale non sono più obbligatori.

28 Principali I cambiamenti cambiamenti ISO 9001:2015 emergenti secondo ISO 7.5 Informazioni Documentate (Annex A - p.to A.6) RETAIN DOCUMENTED INFORMATIONS MAINTAIN DOCUMENTED INFORMATIONS 4.3 «The scope shall be available and be maintained as documented information stating the: -products and services covered by the quality management system; -justification for any instance where a requirement of this International Standard cannot be applied. 4.4 «The organization shall maintain documented information to the extent necessary to support the operation of processes»

29 Principali I cambiamenti cambiamenti ISO 9001:2015 emergenti secondo ISO 8 Operation 8.1 Operation planning and control Introdotto il concetto di tenuta sotto controllo e di implementazione delle azioni definite a seguito dell analisi dei rischi. Chiarito meglio modalità tenuta sotto controllo processi in outsourcing (riferimento al punto 8.4). 8.2 Determination of requirements for products and services Chiarito meglio applicabilità a prodotti e servizi

30 Principali I cambiamenti cambiamenti ISO 9001:2015 emergenti secondo ISO 8 Operation 8.3 Design and development of products and services Where the detailed requirements of the organization s products and services are not already established or not defined by the customer or by other interested parties, such that they are adequate for subsequent production or service provision, the organization shall establish, implement and maintain a design and development process. NOTE 1 The organization can also apply the requirements given in 8.5 to the development of processes for production and services provision NOTE 2 For services, design and development planning can address the whole service delivery process. The organization can therefore choose to consider the requirements of clauses 8.3 and 8.5 together. Nella versione 2008 non è chiaramente definito quando si applica il requisito; adesso viene specificato

31 8 Operation Principali I cambiamenti cambiamenti ISO 9001:2015 emergenti secondo ISO 8.4 Design and development of products and services Chiarito meglio applicabilità a prodotti e servizi Aggiunto monitoraggio prestazioni fornitori c) Outsourcing 8.5 Production and service provision Chiarito meglio applicabilità a prodotti e servizi f) e g) Versione sintetica del punto della versione Esteso il concetto alla proprietà del fornitore, oltre al cliente 8.6 Release of products and services Chiarito meglio applicabilità a prodotti e servizi 8.7 Control of nonconforming process outputs, products and services Chiarito meglio applicabilità a prodotti e servizi Introdotta applicabilità a output processi

32 Principali I cambiamenti cambiamenti ISO 9001:2015 emergenti secondo ISO 9 Performance evaluation Attenzione spostata dal monitoraggio del sistema di gestione alla Pianificazione delle attività di monitoraggio: l organizzazione deve identificare COSA deve essere monitorato, in che MODO, QUANDO e QUANDO i risultati del monitoraggio devono essere analizzati. 9.2 Internal audit Mantenuto riferimento alla ISO19011 come guida Non si segnalano particolari novità, a parte che non serve più procedura per audit 10 Improvement Non si segnalano particolari novità, a parte che non servono più procedure per non conformità ed azioni correttive

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

I cambiamenti emergenti secondo ISO

I cambiamenti emergenti secondo ISO name ISO 14001:2015 I cambiamenti emergenti secondo ISO I cambiamenti emergenti secondo ISO 1. Gestione ambientale strategica Conoscenza del: 1. Contesto organizzazione 2. Bisogni e le aspettative delle

Dettagli

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione ISO 9001:2015 Il processo di revisione 1 Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione Marzo 2014: meeting ISO a Parigi ha completato la preparazione dell ISO/DIS 9001 (riesame dei commenti

Dettagli

HSE Manager. L Integrazione delle analisi di rischio tipiche del ruolo con i processi di risk management aziendali

HSE Manager. L Integrazione delle analisi di rischio tipiche del ruolo con i processi di risk management aziendali Data 21 settembre 2016 HSE Manager L Integrazione delle analisi di rischio tipiche del ruolo con i processi di risk management aziendali Agenda: La necessità di confronto ed integrazione dell analisi del

Dettagli

LA NUOVA ISO 9001:2015

LA NUOVA ISO 9001:2015 Aspettative e confronto con la versione 2008 Vincenzo Paolo Maria Rialdi Lead Auditor IRCA Amministratore Delegato e Direttore Tecnico Vevy Europe S.p.A. 2/9 BREVE STORIA DELLA NORMA ISO 9000 standard

Dettagli

ISO 9001:2015. L innovazione nei Sistemi di Gestione per la Qualità. Roma 23/10/15 Bollate 06/11/15

ISO 9001:2015. L innovazione nei Sistemi di Gestione per la Qualità. Roma 23/10/15 Bollate 06/11/15 ISO 9001:2015 L innovazione nei Sistemi di Gestione per la Qualità Roma 23/10/15 Bollate 06/11/15 ISO 9001 OBIETTIVI DELLA REVISIONE Relativamente agli obiettivi della nuova norma, era necessario chelaiso9001:

Dettagli

Verso l ISO 9001:2015 Opportunità e sfide per le imprese

Verso l ISO 9001:2015 Opportunità e sfide per le imprese Convegno ISO 9001 e ISO 14001 Cosa cambia nella nuova revisione 2015 Verso l ISO 9001:2015 Opportunità e sfide per le imprese CONFINDUSTRIA UDINE, 17 giugno 2014 Presidente Comitato Tecnico SGQ di AICQ

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena?

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Relatori: Paolo SFERLAZZA Alberto PERRONE Relatori Paolo Sferlazza Security Advisor CISA,LA27001,LA22301,OPST, COBIT 5, ITIL,LA9001,ISFS, ITSM,ISMA

Dettagli

VERSO L EDIZIONE 2015 DELLO STANDARD ISO 9001 SUI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

VERSO L EDIZIONE 2015 DELLO STANDARD ISO 9001 SUI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ VERSO L EDIZIONE 2015 DELLO STANDARD ISO 9001 SUI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ di Sergio BINI Presidente di AICQ-ci, Associazione Italiana Cultura per la Qualità centro-insulare; direttore responsabile

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ISO 9001:2015

LA STRUTTURA DELL ISO 9001:2015 LA STRUTTURA DELL ISO 9001:2015 Include 2 appendici informative: Appendice A Chiarimenti su nuova struttura, terminologia e concetti Appendice B altre norme internazionali riguardanti la gestione per la

Dettagli

I REQUISITI ISO 9001:2015

I REQUISITI ISO 9001:2015 I REQUISITI ISO 9001:2015 4 CONTESTO 9001:2015 9001:2008 NEW 4.1 Understandingthe organization and its context 4.2 Understanding the needs and expectations of interested parties NEW NEW Individuare ed

Dettagli

I REQUISITI INNOVATIVI DELLA ISO Alessandra Peverini Perugia 23 ottobre 2015

I REQUISITI INNOVATIVI DELLA ISO Alessandra Peverini Perugia 23 ottobre 2015 I REQUISITI INNOVATIVI DELLA ISO 9001 Alessandra Peverini Perugia 23 ottobre 2015 Le principali novità 1. Le relazioni fra l Organizzazione ed il contesto interno ed esterno 2. Le aspettative delle parti

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

L audit in incognito rif. ISO/TS 11312

L audit in incognito rif. ISO/TS 11312 Seminario AICQ SICEV SICEP Sessione di aggiornamento dedicata ai Registri AICQ SICEV SICEP Sistemi di Gestione per la Qualità e audit in incognito: un binomio possibile? Roma, 26 Settembre 2014 Milano,

Dettagli

Rif. Draft International Standard (DIS)

Rif. Draft International Standard (DIS) Aspettando la nuova ISO 27001 Rif. Draft International Standard (DIS) Laura Schiavon, Client Manager BSI Copyright 2012 BSI. All rights reserved. Indice Chi è BSI? Stato t dell arte ISO/IEC 27001 e 27002:

Dettagli

La nuova edizione della norma ISO 13485:2016 (UNI CEI EN ISO 13485:2016)

La nuova edizione della norma ISO 13485:2016 (UNI CEI EN ISO 13485:2016) La nuova edizione della norma ISO 13485:2016 (UNI CEI EN ISO 13485:2016) Milano, 25 ottobre 2016 ing. Marco Magni Responsabile Certificazione Dispositivi Medici ITALCERT (O.N. 0426) (magni@italcert.it)

Dettagli

Metodi di Progettazione - 3

Metodi di Progettazione - 3 Metodi di Progettazione - 3 Costanzo Pietrosanti ISO 9001 la transizione dalla Rev 2008 alla Rev. 2015 Conseguenze sul Processo di Progettazione Orientamento esplicito all approccio per Processi Approccio

Dettagli

SAFER, SMARTER, GREENER

SAFER, SMARTER, GREENER BUSINESS ASSURANCE Breve presentazione di: - High Level Structure per gli standard ISO per i sistemi di gestione - Principali cambiamenti della AS/EN 9100:2016 - Calendario previsto di pubblicazione degli

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

ISO 9001:2015 e ISO HLS:

ISO 9001:2015 e ISO HLS: ISO 9001:2015 e ISO HLS: -La sfida dell'ottenimento delle performance richieste -Il SGQ come strumento che produce valore Dr. Giovanni Mattana Pres. Commissione UNI: Gestione Qualità e Metodi Statistici

Dettagli

La nuova edizione della Norma ISO 9001. Roma, 26 marzo 2014 - Relatore: Nicola GIGANTE

La nuova edizione della Norma ISO 9001. Roma, 26 marzo 2014 - Relatore: Nicola GIGANTE La nuova edizione della Norma ISO 9001 Roma, 26 marzo 2014 - Relatore: Nicola GIGANTE 1 Obiettivi Questa presentazione intende offrire una panoramica sui cambiamenti e sui probabili impatti della revisione

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di successo. Non solo come risposta ad un adempimento di

Dettagli

SICUREZZA e QUALITÀ. Relatore: Giovanni Scotti - - Certification Coordinator per SGS Italia S.p.A.

SICUREZZA e QUALITÀ. Relatore: Giovanni Scotti - - Certification Coordinator per SGS Italia S.p.A. CONVEGNO ESSERE IN REGOLA PER ESSERE UN PASSO AVANTI Non solo un obbligo di legge, un dovere, ma anche una condizione ideale per potersi porre sul mercato nel modo più vantaggioso. SICUREZZA e QUALITÀ

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti NORMA EUROPEA Sistemi di gestione per la qualità Requisiti UNI EN ISO 9001 NOVEMBRE 2008 Quality management systems Requirements La norma specifica i requisiti di un sistema di gestione per la qualità

Dettagli

ORGANIZZAZIONE Un modello organizzativo per l efficacia e l efficienza dello Studio

ORGANIZZAZIONE Un modello organizzativo per l efficacia e l efficienza dello Studio ORGANIZZAZIONE Un modello organizzativo per l efficacia e l efficienza dello Studio Alessandra Damiani Managing Partner Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Consulente per l Organizzazione degli

Dettagli

Alessandra Peverini Milano 19 ottobre 2015 LA NUOVA NORMA ISO 9001:2015 E I RISCHI GESTIONALI

Alessandra Peverini Milano 19 ottobre 2015 LA NUOVA NORMA ISO 9001:2015 E I RISCHI GESTIONALI Alessandra Peverini Milano 19 ottobre 2015 LA NUOVA NORMA ISO 9001:2015 E I RISCHI GESTIONALI Le principali novità 1. Le relazioni fra l Organizzazione ed il contesto interno ed esterno 2. Le aspettative

Dettagli

Rintracciabilità di Filiera dalla UNI10939 alla ISO 22005

Rintracciabilità di Filiera dalla UNI10939 alla ISO 22005 Rintracciabilità di Filiera dalla UNI10939 alla ISO 22005 1 Rintracciabiltà: : UNI 10934 vs ISO 22005 Ente Nazionale Italiano di Unificazione 2 ISO 22005:2007 Tracciabilità nella filiera dei mangimi e

Dettagli

ISO 9001:2015 I NUOVI REQUISITI

ISO 9001:2015 I NUOVI REQUISITI ISO 9001:2015 I NUOVI REQUISITI L'obiettivo principale del SGQ è quello di soddisfare le esigenze dei clienti e mirare a superare le loro aspettative Il successo duraturo si ottiene quando un'organizzazione

Dettagli

ISO 9001:2015 vs. ISO 9001:2008

ISO 9001:2015 vs. ISO 9001:2008 ISO 9001:2015 vs. ISO 9001:2008 (Tabella di correlazione) In molti sono comprensibilmente curiosi di conoscere le differenze tra la nuova ISO 9001:2015 e l attuale ISO 9001:2008. La Perry Johnson Registrars

Dettagli

REVISIONE DI ISO /IEC Lo stato dell arte

REVISIONE DI ISO /IEC Lo stato dell arte REVISIONE DI ISO /IEC 17025 Lo stato dell arte Verona, 10-11 ottobre 2016 Roma, 24-25 ottobre 2016 Dott.ssa Sabrina Pepa Funzionario Tecnico e ispettore ACCREDIA Via Guglielmo Saliceto 7/9-00161 Roma 1

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2015 LE MODIFICHE APPORTATE, GLI ADEGUAMENTI NECESSARI - SINTESI-

UNI EN ISO 9001:2015 LE MODIFICHE APPORTATE, GLI ADEGUAMENTI NECESSARI - SINTESI- UNI EN ISO 9001:2015 LE MODIFICHE APPORTATE, GLI ADEGUAMENTI NECESSARI - SINTESI- info@mariobellomocom ARGOMENTI Gli obiettivi del processo di revisione della norma La nuova 9001: Le principali novità

Dettagli

Tutte le 3 principali e più diffuse norme sui sistemi di gestione aziendale:

Tutte le 3 principali e più diffuse norme sui sistemi di gestione aziendale: LA REVISIONE DELLE MSS Tutte le 3 principali e più diffuse norme sui sistemi di gestione aziendale: ISO 9001:2008 ISO 14001:2004 BS OHSAS 18001:2007 ISO 9001:2015 ISO 14001:2015 ISO 45001:2016 sono attualmente

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

GIOVEDI 12 LUGLIO 2012 - ORE 18.00

GIOVEDI 12 LUGLIO 2012 - ORE 18.00 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TORINO Via Giovanni Giolitti, 1 10123 Torino Tel. 011.562.24.68 Fax 011.562.13.96 ordine.ingegneri@ording.torino.it - ordine.torino@ingpec.eu - www.ording.torino.it

Dettagli

ISO/TC 210/WG 1 Application of quality systems to medical devices. wg1n233 Draft White Paper - ISO Transition Planning Guidance for ISO 13485:2016

ISO/TC 210/WG 1 Application of quality systems to medical devices. wg1n233 Draft White Paper - ISO Transition Planning Guidance for ISO 13485:2016 Francesco Dall Angelo- D&D Consulting - 4 maggio 2016 ISO/TC 210/WG 1 Application of quality systems to medical devices wg1n233 Draft White Paper - ISO Transition Planning Guidance for ISO 13485:2016 Replaces:N

Dettagli

ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto

ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto PMBOK IV e ITIL v.3 Project and Service Management : progettare e gestire la qualità Giampaolo Rizzi COGITEK Socio Fondatore itsmf Italia

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione per la Qualità del I.I.S. Liceo L. Anneo Seneca Manual of Quality Management System of I.I.S. L. Anneo Seneca Lyceum

Manuale del Sistema di Gestione per la Qualità del I.I.S. Liceo L. Anneo Seneca Manual of Quality Management System of I.I.S. L. Anneo Seneca Lyceum MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFF. SCOL. REG. PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO "L. ANNEO SENECA" Via F. Albergotti, 35 00167 ROMA Tel. 0039-06-6624843 - Fax 0039-06-6635521 C.F.

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ A - LINEE ESSENZIALI SUPPORTO DELLA CERTIFICAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI. SSFA / dic-2016

IL SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ A - LINEE ESSENZIALI SUPPORTO DELLA CERTIFICAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI. SSFA / dic-2016 SSFA / dic-2016 IL SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ A SUPPORTO DELLA CERTIFICAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI - LINEE ESSENZIALI 1 Marco Delbò segreteriamd@gmail.com - +393387210330 a cura di: MARCO DELBÒ segreteriamd@gmail.com

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

Introduzione alla ISO 9001:2015

Introduzione alla ISO 9001:2015 Introduzione alla ISO 9001:2015 Monza, 13/07/2017 Speaker: Susanna Rossi Definizioni SISTEMA [rif. 3.5.1 ISO 9000:2015] Insieme di elementi correlati o interagenti GESTIONE [rif. 3.3.3 ISO 9000:2015] Attività

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi 17/07/2012 1 Dott.ssa Francesca Leonardi RSPP-RSGSSL Istituti Clinici Zucchi. ORGANISMO AZIENDA SANITARIA : COGENZA

Dettagli

[RAGIONE SOCIALE AZIENDA] [Manuale Qualità]

[RAGIONE SOCIALE AZIENDA] [Manuale Qualità] [RAGIONE SOCIALE AZIENDA] [Manuale Qualità] Revisione [N ] - [Data di pubblicazione] Conforme alla ISO 9001:2015 (c) Tutti i diritti riservati. Questo documento può contenere informazioni riservate e può

Dettagli

ISO 9001:2015 LA STRUTTURA DELLA NORMA

ISO 9001:2015 LA STRUTTURA DELLA NORMA ISO 9001:2015 LA STRUTTURA DELLA NORMA ISO 9001:2015 LA STRUTTURA DELLA NORMA 1 Scopo e campo di applicazione 2 Riferimenti normativi 3 Termini e definizioni 4 Contesto dell organizzazione 5 Leadership

Dettagli

I contenuti e i vantaggi della certificazione ISO 50001 in relazione agli obblighi del Dlgs 102/2014

I contenuti e i vantaggi della certificazione ISO 50001 in relazione agli obblighi del Dlgs 102/2014 Per una migliore qualità della vita I contenuti e i vantaggi della certificazione ISO 50001 in relazione agli obblighi del Dlgs 102/2014 Alessandro Ficarazzo Certiquality 12 febbraio 2015 QUALITY ENVIRONMENT

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Il modello CMMI Engineering nelle organizzazioni software Agenda Focalizzazione sul processo CMMI come modello per il miglioramento dei processi Struttura del modello CMMI Aree di processo Riferimenti

Dettagli

IL SISTEMA DI NORMAZIONE E L EMISSIONE DELLA NORMA ISO 9001:2015: VERSO LA GESTIONE DEL RISCHIO E DELLE OPPORTUNITA Bari, 02 ottobre 2015

IL SISTEMA DI NORMAZIONE E L EMISSIONE DELLA NORMA ISO 9001:2015: VERSO LA GESTIONE DEL RISCHIO E DELLE OPPORTUNITA Bari, 02 ottobre 2015 IL SISTEMA DI NORMAZIONE E L EMISSIONE DELLA NORMA ISO 9001:2015: VERSO LA GESTIONE DEL RISCHIO E DELLE OPPORTUNITA Bari, 02 ottobre 2015 Cecilia de Palma Presidente Comitato Tecnico «Normativa e Certificazione

Dettagli

La Business Continuity in SIA

La Business Continuity in SIA Scopo del documento: Il presente documento descrive come SIA sviluppa, implementa e mantiene il proprio Sistema di Gestione della Continuità Operativa, in applicazione di quanto descritto nelle Linee Guida

Dettagli

International Institute of Business Analysis

International Institute of Business Analysis International Institute of Business Analysis Evento RETI D IMPRESA Prassede Colombo, IIBA Italy Chapter President Carrara, 4 Novembre 2011 1 Agenda The IIBA & IIBA Italy Chapter Business Analysis & Business

Dettagli

NUOVE E CONCRETE POTENZIALITA DI LAVORO NEL SETTORE ENERGETICO

NUOVE E CONCRETE POTENZIALITA DI LAVORO NEL SETTORE ENERGETICO A seguite delle ultime norme emanate nel campo energetico, il gruppo IngegnerinMovimento ha il piacere di invitarti all evento: NUOVE E CONCRETE POTENZIALITA DI LAVORO NEL SETTORE ENERGETICO LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

La Business Continuity in SIA

La Business Continuity in SIA Scopo del documento: Il presente documento descrive come SIA sviluppa, implementa e mantiene il proprio Sistema di Gestione della Continuità Operativa, in applicazione di quanto descritto nelle Linee Guida

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE PER PROCESSI COME SUPPORTO PER LA GESTIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Relatore: GABRIELE DE SIMONE

L ORGANIZZAZIONE PER PROCESSI COME SUPPORTO PER LA GESTIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Relatore: GABRIELE DE SIMONE L ORGANIZZAZIONE PER PROCESSI COME SUPPORTO PER LA GESTIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Relatore: GABRIELE DE SIMONE la Federazione degli 11 Maggiori Organismi di certificazione dei Sistemi di Gestione

Dettagli

La revisione 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001. Armando Romaniello Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto

La revisione 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001. Armando Romaniello Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto La revisione 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001 Armando Romaniello Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto 1) I Documenti di inquadramento per la revisione della norma

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Kit Documentale Qualità UNI EN ISO 9001:2015. Templates modificabili di Manuale, Procedure e Modulistica. Nuova versione 3.

Kit Documentale Qualità UNI EN ISO 9001:2015. Templates modificabili di Manuale, Procedure e Modulistica. Nuova versione 3. Premessa Il sistema di gestione per la qualità conforme alla norma internazionale UNI EN ISO 9001:2015 dovrebbe essere implementato nell ordine di seguito indicato, che riporta le clausole della norma

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242 PREMESSA. L'esigenza di una gestione più attenta e razionale dell'energia ha spinto diverse nazioni ad elaborare standard nazionali volontari, tra le quali anche gli Stati Uniti con MSE 2000:2005, introducendo

Dettagli

LA NORMA EN Management of Hygiene in the. foodstuffs. Maurizio Bonuomo Barilla G. & R. Fratelli S.p.A. UNI - MILANO - 14 GENNAIO 2008

LA NORMA EN Management of Hygiene in the. foodstuffs. Maurizio Bonuomo Barilla G. & R. Fratelli S.p.A. UNI - MILANO - 14 GENNAIO 2008 Management of Hygiene in the production of Packaging for foodstuffs Maurizio Bonuomo Barilla G. & R. Fratelli S.p.A. IL CONTESTO INTERNAZIONALE LA RICHIESTA DI CHIAREZZA È MOLTO SENTITA LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Il futuro dei sistemi di gestione, la nuova ISO 9001 per una qualità sostenibile La nuova norma ISO 9001:2015 - Stato dell arte su applicazione e nuove linee

Dettagli

Skills 4 security: antani? «Le dico solo tre parole... Chief Security Officer»

Skills 4 security: antani? «Le dico solo tre parole... Chief Security Officer» Skills 4 security: antani? «Le dico solo tre parole... Chief Security Officer» La security: esperienza vs conoscenza didattica Cosa può capitare avendone solo una delle due? Esperienza pregressa Conoscenza

Dettagli

Configuration Management secondo l ISO

Configuration Management secondo l ISO SUPSI Project Management Forum Configuration Management secondo l ISO Alessandro Colasurdo alessandro.colasurdo@aptar.com Lugano, 23 Giugno 2017 Alessandro Colasurdo Configuration Management secondo l

Dettagli

International Organization for Standardization. International Organization for Standardization. www.iso.org

International Organization for Standardization. International Organization for Standardization. www.iso.org International Organization for Standardization www.iso.org 1 Sistemi di Gestione della Qualità: il Modello ISO Daniele Gerundino Strategic Adviser to the Secretary-General Perugia, La qualità negli atenei

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Cosa cambia nei sistemi di gestione ambientale. Stefano Sibilio

UNI EN ISO 14001:2004 Cosa cambia nei sistemi di gestione ambientale. Stefano Sibilio UNI EN ISO 14001:2004 Cosa cambia nei sistemi di gestione ambientale Stefano Sibilio NORMA ITALIANA DESCRITTORI NORMA ITALIANA CLASSIFICAZIONE ICS 13.020.10 DESCRITTORI Environmental management Guidelines

Dettagli

USER LICENSE LICENZA D USO

USER LICENSE LICENZA D USO LICENZA D USO UNI riconosce al cliente di questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI (d ora in avanti denominati solo prodotto ) i diritti non esclusivi e non trasferibili di cui al dettaglio seguente,

Dettagli

I nuovi requisiti della ISO 9001:2015 e l approccio al rischio

I nuovi requisiti della ISO 9001:2015 e l approccio al rischio I nuovi requisiti della ISO 9001:2015 e l approccio al rischio Varese 6 aprile 2017 Alessandra Peverini - Certiquality 20 luglio 2016 ISO 9001:2008 Introduzione 0.1 Generalità L adozione di un sistema

Dettagli

Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005. Certification Europe Italia

Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005. Certification Europe Italia Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005 Certification Europe Italia 1 IT Service Management & ITIL Ä La IT Infrastructure Library (ITIL) definisce le best practice

Dettagli

Come cambieranno gli audit sui sistemi di gestione

Come cambieranno gli audit sui sistemi di gestione ISO 9001:2015 Come cambieranno gli audit sui sistemi di gestione 1 OBIETTIVI della revisione 2 1 Operare una REVISIONE RADICALE E STRUTTURALE, dopo la revisione light del 2008; Obiettivo ambizioso: fornire

Dettagli

La norma EN16001 sul Sistema Gestione Energia

La norma EN16001 sul Sistema Gestione Energia La norma EN16001 sul Sistema Gestione Energia Introduzione L'implementazione di sistemi di gestione volontari ha sempre avuto come scopo principale quello di migliorare le organizzazioni attraverso l'ottimizzazione

Dettagli

IBM - IT Service Management 1

IBM - IT Service Management 1 IBM - IT Service 1 IBM - IT Service 2 L IT si trasforma e richiede un modello operativo orientato ai Servizi IT Centro di Costo Operations Governance & CRM CRM IT - Azienda Strategy Organization Financial

Dettagli

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DELLA NORMA Il quadro di definizione delle competenze

Dettagli

Le nuove norme 91XX:2016 La Transizione. 14 Novembre

Le nuove norme 91XX:2016 La Transizione. 14 Novembre Le nuove norme 91XX:2016 La Transizione 14 Novembre 2016 1 IAQG Resolution # 139 e la SR003 sono state pubblicate il 12/10/2016 Risolution #139 9100/9110/9120:2016 e 9101:2016 Transition The IAQG OPMT

Dettagli

DOMANDA PER IL RICONOSCIMENTO DEL LABORATORIO DI PROVA APPLICATION FOR ASSESSMENT OF TESTING LABORATORY

DOMANDA PER IL RICONOSCIMENTO DEL LABORATORIO DI PROVA APPLICATION FOR ASSESSMENT OF TESTING LABORATORY ALLEGATO A FACSIMILE DI DOMANDA PER IL RICONOSCIMENTO DEL LABORATORIO DI PROVA DOMANDA PER IL RICONOSCIMENTO DEL LABORATORIO DI PROVA APPLICATION FOR ASSESSMENT OF TESTING LABORATORY Ragione Sociale Name

Dettagli

BVQI Italia. Roberta Prati. For the benefit of business and people

BVQI Italia. Roberta Prati. For the benefit of business and people BVQI Italia Roberta Prati For the benefit of business and people Uffici del gruppo Nord America 554 Francia 5567 BVQI Certification Body Un network operativo presente in 140 paesi con 600 uffici e 18000

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA

UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA Scopo dell intervento Una panoramica sulle modifiche dell edizione 2008 della ISO 9001 per visualizzare la portata del cambiamento. I primi passi Individuare i cambiamenti

Dettagli

MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO QUALITA E AMBIENTE

MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO QUALITA E AMBIENTE Rev. N Pag. 1 a 25 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO QUALITA E AMBIENTE STATO APPROVAZIONE Rev. N Pag. 2 a 25 Realizzato da: Riesaminato da: Approvato da: Nome e cognome Firma Ruolo REVISIONI N pagine

Dettagli

"Organizzazione del lavoro, Responsabilità amministrativa degli enti ed efficacia esimente ai sensi dell'art. 30 dlgs 81/08: l'importanza

Organizzazione del lavoro, Responsabilità amministrativa degli enti ed efficacia esimente ai sensi dell'art. 30 dlgs 81/08: l'importanza Unindustria Bologna, 11 Febbraio 2015 "Organizzazione del lavoro, Responsabilità amministrativa degli enti ed efficacia esimente ai sensi dell'art. 30 dlgs 81/08: l'importanza dell'integrazione tra sistema

Dettagli

COPYRIGHT NOTICE & TERMS OF USE

COPYRIGHT NOTICE & TERMS OF USE COPYRIGHT NOTICE & TERMS OF USE This document is the copyright of the Publisher. All rights reserved. The contract allowing you to use this document contains the following terms of use which must be followed:-

Dettagli

ISO 9001:2015 Strumenti manageriali per la sostenibilità

ISO 9001:2015 Strumenti manageriali per la sostenibilità Maggio 2016 Seminario approfondimento ISO 9001:2015 Strumenti manageriali per la sostenibilità Relatori: Luigi Marcello (lead auditor SQS) Carlo Giardini (coordinatore area Nord est) Associazione svizzera

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Concetti Introduttivi

Corso di Ingegneria del Software. Concetti Introduttivi Concetti Introduttivi Che cos è il software? Non solo programmi (sequenze di istruzioni di elaborazione), ma un insieme di artifatti Programmi ed istruzioni Documentazione Dati Definizione IEEE (Institute

Dettagli

La gestione del rischio nella nuova norma ISO 9001:2015

La gestione del rischio nella nuova norma ISO 9001:2015 La gestione del rischio nella nuova norma ISO 9001:2015 Alessandra Damiani Managing Partner Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Lo sviluppo del sistema di gestione per la Qualità in uno Studio

Dettagli

Qualità. Qualità. L impresa guidata dal cliente. Realizzare un sistema qualità GOVERNARE L IMPRESA NELL ECONOMIA DELL INCERTEZZA

Qualità. Qualità. L impresa guidata dal cliente. Realizzare un sistema qualità GOVERNARE L IMPRESA NELL ECONOMIA DELL INCERTEZZA GOVERNARE L IMPRESA NELL ECONOMIA DELL INCERTEZZA L impresa guidata dal cliente Qualità Qualità 11 Marzo 2002 Dr. Fausto Mazzali Partner Granelli & Associati STORIA DELLE ISO 9000 prima emissione: 1987

Dettagli

Bureau Veritas Italia Spa - Div. Certificazione

Bureau Veritas Italia Spa - Div. Certificazione Bureau Veritas Italia Spa - Div. Certificazione La Norma ISO 22000 Comparazione con BRC-IFS Roberta Prati Ottobre 2007 For the benefit of business and people Proliferazione delgi standard Requisiti di

Dettagli

La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE

La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE Invertire il TREND: l industria diventa efficiente 4 ottobre 2012, Milano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale

Dettagli

LA NORMA INTERNAZIONALE SPECIFICA I REQUISITI DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ PER UN'ORGANIZZAZIONE CHE:

LA NORMA INTERNAZIONALE SPECIFICA I REQUISITI DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ PER UN'ORGANIZZAZIONE CHE: LA NORMA ISO 9001 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE GENERALITÀ LA NORMA INTERNAZIONALE SPECIFICA I REQUISITI DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ PER UN'ORGANIZZAZIONE CHE: A) HA L'ESIGENZA DI DIMOSTRARE

Dettagli

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Bologna, 29 aprile SAFER, SMARTER, GREENER Scenario normativo La prima edizione della norma ISO 9001 è stata pubblicata

Dettagli

La serie di Norme ISO 10000

La serie di Norme ISO 10000 La serie di Norme ISO 10000 Giovanni Mattana Giugno 2010 2 PERCHÉ UNA NUOVA ATTENZIONE ALLA SERIE DI NORME ISO 10000? La Norma Iso EN UNI 9001:2008, in vari punti specifici, ora rimanda alle norme della

Dettagli

USER LICENSE LICENZA D USO

USER LICENSE LICENZA D USO LICENZA D USO UNI riconosce al cliente di questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI (d ora in avanti denominati solo prodotto ) i diritti non esclusivi e non trasferibili di cui al dettaglio seguente,

Dettagli

ISO 9001:2015. elementi di continuità, novità e approccio al rischio

ISO 9001:2015. elementi di continuità, novità e approccio al rischio ISO 9001:2015 elementi di continuità, novità e approccio al rischio Milano 5 aprile 2017 20 luglio 2016 Struttura della norma ISO 9001 edizioni 2015 e 2008 a confronto (1/3) Dimostrare la propria capacità

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Dalle attività ispettive alla creazione di valore: l internal audit. Dott. Gianfranco Ruggiero Resp. Internal Audit MPS Capital Services

Dalle attività ispettive alla creazione di valore: l internal audit. Dott. Gianfranco Ruggiero Resp. Internal Audit MPS Capital Services Dalle attività ispettive alla creazione di valore: l internal audit Dott. Gianfranco Ruggiero Resp. Internal Audit MPS Capital Services Dal rischio al sistema dei controlli Internal controls are designed,

Dettagli

Antonio Menditto. Istituto Superiore di Sanità

Antonio Menditto. Istituto Superiore di Sanità Dall universo dell audit alla programmazione delle attività di audit: il ruolo dell analisi basata sul rischio; modalità di scelta degli elementi da sottoporre ad audit nell ambito delle diverse catene

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento XXXI Convegno dei Centri di Taratura accreditati ACCREDIA La nuova revisione della ISO/IEC 17025. Le novità Federico Marengo Fabrizio Manta Affidabilità&Teconologie,

Dettagli

In altri termini cos è

In altri termini cos è Qualità Qualità?... Treviso, 20 ottobre 2012 Scuola di formazione delle AVIS del Triveneto Slide n. 2 Qualità è.. In altri termini cos è L insieme delle caratteristiche di un prodotto / servizio che lo

Dettagli

LA SICUREZZA NEI SISTEMI DI CONSERVAZIONE DIGITALE

LA SICUREZZA NEI SISTEMI DI CONSERVAZIONE DIGITALE LA SICUREZZA NEI SISTEMI DI CONSERVAZIONE DIGITALE Security Summit Roma, 11 giugno 2015 Agenda Introduzione a UNINFO Nuova ISO/IEC 27001:2013 Analisi del rischio secondo ISO/IEC 27001:2013 ETSI TS 101

Dettagli

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione Fiona Healy 29 September 2011 Det Norske Veritas DNV è una fondazione internazionale indipendente che dal 1864 opera per la salvaguardia

Dettagli

BANDO FORMAZIONE CONTINUA ANNO 2015/16 IV^ FINESTRA

BANDO FORMAZIONE CONTINUA ANNO 2015/16 IV^ FINESTRA BANDO FORMAZIONE CONTINUA ANNO 2015/16 IV^ FINESTRA TITOLO CORSO: LE NOVITA' DELLA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA ISO 9001:2015 OBIETTIVI: Il corso si propone di illustrare la versione definitiva dello standard

Dettagli