Guida Mod. Red Disposizioni legislative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida Mod. Red 2011. Disposizioni legislative"

Transcript

1 Guida Mod. Red 2011 In questi giorni l Inps sta inviando a tutti i pensionati insieme al Mod. Cud anche il Mod. Red. La modalità di compilazione e di presentazione di detti modelli sono le stesse della campagna Red Dal 1 gennaio 2010, in base a quanto introdotto dal Dl 78/2009, l'agenzia delle Entrate deve trasmettere all'inps le informazioni reddituali in proprio possesso relative ai contribuenti titolari delle prestazioni collegate al reddito e, in alcuni casi, anche dei loro familiari. Ciò significa che se il contribuente presenterà la dichiarazione dei redditi nell anno 2011 (relativa ai redditi 2010) non dovrà compilare il modello Red perché l'inps acquisirà direttamente dall'agenzia delle Entrate le informazioni necessarie. Quindi i pensionati dovranno compilare il modello Red solo quando non hanno comunicato i propri redditi all'amministrazione finanziaria o perché esonerati dall'obbligo di presentazione della dichiarazione o perché nel 2010 hanno conseguito redditi esenti Irpef ma rilevanti ai fini delle prestazioni Inps. Non dovranno, invece, compilare il Mod. Red i soggetti che, anche se esonerati dall'obbligo dichiarativo, hanno comunque presentato la dichiarazione all'agenzia delle Entrate per, ad esempio, fruire di crediti d'imposta. Sono previste modalità semplificate di compilazione del modello quando i redditi da comunicare non sono cambiati rispetto a quelli dichiarati l'anno precedente o nel caso in cui il soggetto debba comunicare di non avere altri redditi oltre quelli derivanti da pensione. Disposizioni legislative In base all art. 13 comma 2 della legge 412 del 1991 l INPS e gli altri Enti previdenziali devono procedere annualmente alla verifica reddituale dei pensionati titolari di prestazioni il cui diritto e/o misura è collegato al reddito. Il Decreto legge 1 luglio 2009 n 78, art.15, comma 1.(Pubblicato in G.U. n. 150 del 01/07/2009), ha apportato modifiche che hanno determinato una variazione nella modalità di verifica dei redditi prodotti dal cittadino. Art. 15. Potenziamento della riscossione

2 1. A decorrere dal 1 gennaio 2010, al fine di semplificare le attività di verifica sulle situazioni reddituali di cui all'articolo 13 della legge 30 dicembre 1991, n. 412, l'amministrazione finanziaria e ogni altra Amministrazione pubblica, che detengono informazioni utili a determinare l'importo delle prestazioni previdenziali ed assistenziali collegate al reddito dei beneficiari, sono tenute a fornire all'inps, in via telematica e in forma disaggregata per singola tipologia di redditi, nonché nel rispetto della normativa in materia di dati personali, le predette informazioni presenti in tutte le banche dati a loro disposizione, relative a titolari, e rispettivi coniugi e familiari, di prestazioni pensionistiche o assistenziali residenti in Italia. Prestazioni collegate al reddito Integrazione al minimo ex articolo 6 della legge n. 638/1983. Pensioni con decorrenza anteriore al 1 febbraio 1994; Sospensione della pensione di invalidità ex articolo 8 della legge n. 638/1983. Pensioni con decorrenza anteriore al 1 agosto 1984; Integrazione al minimo dell assegno di invalidità ex articolo 1 della legge n. 222/1984. Assegni/Pensioni con decorrenza 1 agosto 1984; Integrazione al minimo ex articolo 4 del decreto legislativo n. 503/1992. Pensioni con decorrenza dal 1 febbraio 1994; Maggiorazione sociale del minimo ex articolo 1 della legge n. 544/1988 e articolo 69, comma 3 della legge 388/2000; Pensione sociale ex articolo 26 della legge n. 153/1969; Assegno sociale ex articolo 3 della legge n. 335/1995; Aumento della pensione sociale ex articolo 2 della legge n. 544/1988 e articolo 70, comma 4 della legge 388/2000; Assegno per il nucleo familiare ex articolo 2 della legge n. 153/1988; Trattamenti di famiglia ex articolo 23 L. 41/1986; Incumulabilità della pensione ai superstiti con i redditi ex articolo 1, comma 41, L. 335/1995; Incumulabilità dell assegno di invalidità con i redditi da lavoro ex articolo 1, comma 42, della legge n. 335/1995; Revisione straordinaria dell assegno di invalidità ex articolo 9 L. 222/1984; Pensione sociale ed assegno sociale erogati ai mutilati e invalidi civili e ai sordomuti; Incumulabilità con i redditi da lavoro autonomo ex articolo 11 L. 537/1993; Mantenimento dell importo al 30/9/83 ex sentenza C.C. n. 240/1994; Incumulabilità con redditi da lavoro dipendente all estero ex articolo 7 L. 407/1990; Aumento di L dal 1/ 1/1999 e di L dal 1/1/2000 per le prestazioni INVCIV con le regole di PS (nati prima del 1 gennaio 1931) ;

3 Aumento di L dal 1/1/1999 e di L dal 1/1/2000 per le prestazioni INVCIV con le regole di AS (nati dopo il 31 dicembre 1930) ; Aumento di L per le prestazioni INVCIV che hanno meno di sessantacinque anni ; Maggiorazione Sociale per gli Assegni Sociali; Importo aggiuntivo di L ; Incremento maggiorazione (legge finanziaria 2002) ; Prestazioni erogate a minorati civili prima del compimento del 65 anno di età; Quattordicesima : Decreto Legge n. 81 del convertito con modificazioni con la Legge n. 127 del Soggetti che hanno compiuto o compiono il 64 anno di età entro il 31 dicembre dell anno di erogazione; la somma è legata all anzianità contributiva e al reddito. CAMPAGNA RED 2011 QUANDO SI DEVE PRESENTARE IL MODELLO RED Quando i PENSIONATI non hanno l obbligo di presentare per l anno 2011 il Modello 730 o il Modello UNICO. ATTENZIONE: Il pensionato che ha presentato la dichiarazione dei redditi mod. 730 o mod. UNICO NON DEVE presentare il modello RED altrimenti scatteranno le sanzioni da parte dell ente previdenziale per il caf che lo ha trasmesso. QUALI SONO I REDDITI DA DICHIARARE NE MODELLO RED I Redditi da dichiarare sono i seguenti: Categoria A redditi di lavoro Categoria B redditi immobiliari Categoria C redditi di capitali Categoria D redditi assistenziali Categoria E redditi derivanti da arretrati o TFR Categoria F altri redditi Categoria H pensioni estere IL REDDITO DA Non devono essere dichiarati i redditi da pensione in quanto già presenti

4 PENSIONE nel Casellario dei Pensionati. QUANDO SI DEVE OBBLIGATORIA MENTE PRESENTARE IL MODELLO RED Quando il pensionato pur avendo presentato la dichiarazione dei redditi Mod. 730 o Modello Unico ha conseguito redditi che non vanno dichiarati. In questo caso il Modello RED dovrà essere presentato obbligatoriamente ( riportando anche i redditi già dichiarati nel Mod. 730 o Mod. Unico). Le tipologie di redditi da indicare nelle righe del Modello RED sono: rigo A2 reddito da lavoro dipendente prestato all estero non presente nella dichiarazione dei redditi; rigo C1 redditi di capitali; rigo D1 prestazioni assistenziali; rigo F4 altri redditi non assoggettabili all IRPEF tra cui: 1. redditi per attività sportive dilettantistiche fino a ; 2. quota esente (massimo 3.098,74) dei redditi per lavori socialmente utili; 3. importi percepiti per prestazioni occasionali di tipo accessorio. Rigo H tipo 3 pensioni estere da infortunio sul lavoro; Rigo H tipo 1 o 2 solo per AVS Svizzera; Rigo G2 ATTENZIONE Nel caso in cui venisse presentato un Modello RED da un pensionato che possiede redditi per i quali sussiste l obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi Modello 730 o Modello Unico e che quest ultima non sia stata presentata il Modello RED non potrà e non dovrà essere accettato dal CAF al fine di non incorrere in sanzioni. MODELLO RED CON IMPORTI A ZERO Dal 2010 per i Modelli RED a zero l asseverato equivale ad un modello autocertificato. FUNZIONE DI E una nuova funzione da utilizzare per comunicare all Istituto le pratiche che

5 ANNULLAMENTO FUNZIONE DI RETTIFICA CAF Fenalca Dipendenti e Pensionati Srl non devono essere liquidate pur rimanendo valido il RED trasmesso. Tale funzione sarà disponibile entro le date comunicate dal Caf Fenalca e dovrà essere utilizzata dopo aver effettuato le verifiche con i propri archivi fiscali ed escludere dal pagamento i MOD. RED che non dovevano essere elaborati perché il pensionato aveva presentato il Mod. 730 e/o mod. Unico. Nel caso in cui l intermediario debba modificare un RED già trasmesso è possibile utilizzare la funzione di rettifica entro le date comunicate dal Caf Fenalca. RED AUTOCERTIFICA TO A seguito della complessità dei controlli obbligatori che verranno effettuati sui Red 2011, considerato le penalità applicate dall ente previdenziale in caso di riscontro di anomalie, il Caf Fenalca ha deciso di inoltrare esclusivamente Modelli RED Autocertificati dal pensionato e non più modelli asseverati. A tal fine si invitano tutti i responsabili a raccogliere ed inviare esclusivamente tali modelli (eventuali mod. Red Asseverati verranno scartati dal sistema). SOGGETTI NON OBBLIGATI ALLA PRESENTAZION E DELLA DICHIARAZION E DEI REDDITI Non è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi chi nell anno 2010 ha posseduto: un reddito complessivo, al netto dell abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 8.000,00 nel quale concorre un reddito di lavoro dipendente o assimilato con periodo di lavoro non inferiore a 365 giorni e il sostituto d imposta non a operato ritenute; un reddito complessivo, al netto dell abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.500,00 nel quale concorre l assegno periodico corrisposto dal coniuge ad eccezione di quello relativo al mantenimento dei figli; un reddito complessivo, al netto dell abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.500,00 nel quale concorre un reddito di pensione con periodo di pensione non inferiore a 365 giorni e il sostituto d imposta non ha operato ritenute; un reddito complessivo, al netto dell abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.750,00, nel quale concorre un reddito di pensione con periodo di pensione non inferiore a 365 giorni e

6 il soggetto ha un età pari o superiore a 75 anni e il sostituto d imposta non ha operato ritenute; un reddito complessivo, al netto dell abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 4.800,00 nel quale concorre uno dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro (es. compensi percepiti per l attività libero professionale intra-muraria del personale dipendente dal Servizio sanitario nazionale, redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente, redditi derivanti da attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente) solo redditi di lavoro dipendente (anche se corrisposti da più soggetti ma certificati dall ultimo sostituto d imposta che ha effettuato il conguaglio) e reddito dei fabbricati, derivante esclusivamente dal possesso dell abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.); solo redditi da pensione per un ammontare complessivo non superiore a euro 7.500,00, goduti per l intero anno, ed eventualmente anche redditi di terreni per un importo non superiore ad euro 185,92 e dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e relative pertinenze; solo redditi fondiari (terreni e/o fabbricati) per un ammontare complessivo non superiore a euro 500,00; solo redditi di lavoro dipendente o di pensione corrisposti da un unico sostituto d imposta obbligato ad effettuare le ritenute di acconto ed eventualmente redditi di fabbricati derivanti esclusivamente dal possesso dell abitazione principale e di sue eventuali pertinenze; solo redditi esenti (ad es. rendite erogate dall Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, talune borse di studio, pensioni di guerra, pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva, pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell Interno ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili, sussidi a favore degli hanseniani, pensioni sociali e compensi per un importo complessivamente non superiore a euro 7.500,00 derivanti da attività sportive dilettantistiche);

7 solo redditi di lavoro dipendente corrisposti da più soggetti, se ha chiesto all ultimo datore di lavoro di tener conto dei redditi erogati durante i precedenti rapporti e quest ultimo ha effettuato conseguentemente le operazioni di conguaglio; solo redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa compresi i lavori a progetto intrattenuti con uno o diversi sostituti d imposta, se interamente conguagliati, ad eccezione delle collaborazioni di carattere amministrativo-gestionale di natura non professionale rese in favore di società e associazioni sportive dilettantistiche; solo redditi dei fabbricati derivanti esclusivamente dal possesso dell abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.); solo redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta (ad es. redditi derivanti da attività sportive dilettantistiche per un importo fino a euro ,28; interessi sui conti correnti bancari o postali; redditi derivanti da lavori socialmente utili); solo redditi soggetti ad imposta sostitutiva (ad es. interessi sui BOT o sugli altri titoli del debito pubblico). ATTENZIONE L obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi sussiste anche nell ipotesi in cui le addizionali regionale e comunale all Irpef non sono state trattenute o sono state trattenute in misura inferiore a quella dovuta. Sono in ogni caso esonerati dalla dichiarazione i contribuenti, non obbligati alla tenuta delle scritture contabili, che hanno un imposta lorda corrispondente al reddito complessivo al netto della deduzione per l abitazione principale e relative pertinenze, che diminuita delle detrazioni per carichi di famiglia, delle detrazioni per redditi di lavoro dipendente, pensione e/o altri redditi, e delle ritenute, non supera euro 10,33.

8 Guida alla compilazione del Mod. RED 1. MATRICOLA RED 2011 Nella lettera di accompagnamento al Mod. RED è presente la matricola, un codice alfanumerico contenente le informazioni utili per elaborare il modello RED. La matricola è composta da un codice di 28 caratteri alfanumerici (necessari per l elaborazione del modello RED). La matricola determina l univocità del soggetto e le caratteristiche della dichiarazione richiesta. La rilevazione reddituale fa riferimento, infatti, alla situazione del titolare della prestazione pensionistica e non alla prestazione stessa. Codice emissione (n. posizione: 17 carattere / n. caratteri: 1) Definisce l ente che eroga la prestazione è individuato da un numero: per l INPS è 1; per l INPDAP è 2; per l IPOST è 3;

9 Alla data di pubblicazione della presente circolare l INPDAP non ha ancora deciso se effettuare o meno le verifiche reddituali mentre l IPOST seguirà le stesse procedure adottate per l INPS. Anni richiesti (n. posizione: 18 carattere / n. caratteri: 1) Il codice identifica gli anni oggetto della verifica reddituale: Nel caso in cui si dovessero modificare/integrare informazioni relative a verifiche reddituali sugli anni precedenti il cittadino si dovrà rivolgere al Patronato o direttamente all Ente previdenziale. Stato civile (n. posizione: 19 carattere / n. caratteri: 1) Nella matricola è indicata la situazione del pensionato conosciuta dall ente. I codici presenti sono: 0 = non noto; 1 = celibe/nubile; 2 = coniugato/a; 3 = vedovo/a; 4 = separato/a; 5 = divorziato/a. Se la situazione del pensionato è variata occorre indicare SEMPRE la situazione attuale riportando altresì la data di variazione. Nel caso lo stato civile riportasse 0 deve essere modificato con uno stato civile conosciuto. L INPS nei casi in cui la posizione del cittadino negli archivi non risultasse corretta ha inserito il codice 0 (in questo caso se il cittadino è coniugato sono sempre richiesti i redditi del coniuge, codice rilevanza coniuge 1). La modifica dello stato civile è ammessa anche se avvenuta nel corso degli anni interessati alla rilevazione (2010); a seconda del momento in cui è variato lo stato civile possono verificarsi situazioni di compilazione parziale (cioè non per tutto il periodo). Per esempio nel caso fossero richiesti i redditi relativi al 2010 e il coniuge fosse deceduto nel 2011, occorre indicare, oltre alla data del decesso anche i redditi prodotti dal coniuge nel Rilevanza coniuge (n. posizione: 20 carattere / n. caratteri: 1)

10 0 = Non rilevante (coniuge non richiesto anche se presente); anche se il titolare è coniugato, i redditi del coniuge NON SONO da rilevare perché non rilevanti per la prestazione erogata dall Istituto; 1 = Rilevante (coniuge richiesto se presente); 2 = Rilevante ma non richiesto (i redditi del coniuge sono rilevanti ma NON SONO da dichiarare insieme a quelli del titolare); in questo caso il coniuge riceverà uno proprio modello RED quale titolare di una prestazione. Sarà poi l Ente ad abbinare successivamente le due dichiarazioni. E opportuno avvisare il cittadino che il coniuge deve elaborare il modello RED al fine di completare la rilevazione reddituale dei due soggetti. Numero figli (n. posizione: 21 carattere / n. caratteri: 2) Viene evidenziato il numero dei figli per i quali sono richiesti i redditi. Se nella matricola viene riportato il codice 0 anche in presenza di figli NON bisogna indicare il numero in quanto non rilevante per la prestazione del titolare. Identificativo righi reddito dichiarante e nucleo (n. posizione: 23 carattere / n. caratteri: 2) Identifica i redditi da dichiarare nel RED Identificativo redditi lavoro dipendente (n. posizione: 25 carattere / n. caratteri: 1); Tali informazioni hanno valore indicativo, vengono date dall Ente previdenziale al fine di agevolare l intermediario nella verifica reddituale.: 0 = assenza di reddito da lavoro dipendente 1 = presenza reddito lavoro dipendente per il titolare 2 = presenza reddito lavoro dipendente per il coniuge 3 = presenza reddito lavoro dipendente per entrambi Identificativo redditi lavoro autonomo (n. posizione: 26 carattere / n. caratteri: 1) 0 = assenza di reddito da lavoro autonomo 1 = presenza reddito lavoro autonomo per il titolare 2 = presenza reddito lavoro autonomo per il coniuge 3 = presenza reddito lavoro autonomo per entrambi

11 Identificativo redditi lavoro a progetto (n. posizione: 27 carattere / n. caratteri: 1) 0 = assenza di reddito da lavoro a progetto 1 = presenza reddito lavoro a progetto per il titolare 2 = presenza reddito lavoro a progetto per il coniuge 3 = presenza reddito lavoro a progetto per entrambi Identificativo redditi pensioni estere (n. posizione: 28 carattere / n. caratteri: 1) 0 = assenza di reddito da pensione estera 1 = presenza reddito pensione estera per il titolare 2 = presenza reddito pensione estera per il coniuge 3 = presenza reddito pensione estera per entrambi 2. PENSIONATI CHE HANNO L OBBLIGO DI ELABORARE IL MODELLO RED Devono elaborare il modello RED 2010 i cittadini che: non hanno l obbligo di presentare per l anno 2011 il modello 730 o Unico (allegato alla guida: istruzioni ministeriali sui soggetti esonerati alla presentazione del modello 730/2011; pur presentando il modello 730/Unico 2011 hanno prodotto altri redditi non presenti nel dichiarativo; RED da elaborare nel caso in cui il cittadino abbia prodotto redditi non presenti nel 730/Unico Nel caso in cui il titolare e/o il coniuge e/o gli altri familiari abbiano prodotto uno dei seguenti redditi, il RED deve essere sempre acquisito, si dovranno indicare i redditi esclusivamente dei soggetti presenti nel nucleo tenuti a presentare il RED. In quest ultimo caso, nel RED oltre ai redditi non presenti nel dichiarativo fiscale dovranno essere inseriti anche quelli indicati sul 730/Unico. Elenco/tipologia redditi non presenti nel dichiarativo (mod. 730/Unico 2010) che se prodotti portano ad elaborare il RED anche in presenza di 730/Unico:

12 CAF Fenalca Dipendenti e Pensionati Srl A2 Reddito derivante da lavoro dipendente prestato all estero quando tale reddito in toto (occupati nella Città del Vaticano) o in parte (frontalieri) non deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi in Italia. C1 Redditi da capitali: interessi bancari, postali, dei BOT, dei CCT e altri titoli di stato, proventi di quote di investimento ecc.. D1 - Prestazioni assistenziali. F4 Altri redditi non assoggettabili all IRPEF quali ad esempio: 1. Quota esente dei redditi percepiti per attività sportive dilettantistiche fino a Quota esente (massimo 3.098,74) dei redditi per lavori socialmente utili in regime agevolato; 3. Importi percepiti per prestazioni occasionali di tipo accessorio (voucher); H Tipo 3 Pensioni estere da infortunio sul lavoro; H Tipo 1 e 2 - AVS Svizzera da indicare sempre se diretta (tipo 1) o di reversibilità (tipo 2); G2 - Quote di pensione trattenute dal datore di lavoro 2.1. RED IN CUI UNO O PIÙ CITTADINI APPARTENENTI AL NUCLEO DEL TITOLARE SONO TENUTI A COMPILARE IL MODELLO Nel caso in cui la prestazione collegata al reddito richiedesse anche la verifica per il coniuge e/o figli, il Caf dovrà verificare per ciascun cittadino se deve essere acquisito il modello RED. In questi casi si possono verificare tre situazioni: 1. Nessuno (titolare ed eventualmente nucleo) è tenuto a presentare il modello RED perché le informazioni saranno disponibili tramite il 730/Unico 2011; 2. tutti sono tenuti a presentare il RED; 3. solo alcuni dei soggetti del nucleo devono presentare il RED, in questi caso bisognerà acquisire esclusivamente i redditi del soggetto tenuto a presentare il RED. Chiaramente sarà sempre il titolare della matricola (della lettera) a firmare il modello e dichiarare i redditi delle persone del nucleo tenute a presentare il RED. 3. REDDITI DA INDICARE NEL RED Tipologia A : lavoro A1) Lavoro dipendente prestato in Italia Redditi derivanti da: - lavoro dipendente ed assimilati, comprensivo dei redditi assoggettati ad imposta sostitutiva indicati nel CUD cassa integrazione guadagni - indennità di mobilità - indennità ordinaria, requisiti ridotti e trattamento speciale di disoccupazione indennità di

13 malattia - indennità di maternità - qualsiasi altra indennità che abbia natura integrativa o sostitutiva delle retribuzioni. Redditi di coloro che, da data non successiva al , prestano servizio alle dipendenze della Comunità Europea, a norma del regolamento n. 31 (CEE) e n. 11 (CEEA) dei Consigli del 18/12/1961, come modificato dal regolamento (CEE, EURATOM, CECA) n. 259 del Consiglio del 20/2/68 e successive modificazioni. N.B. Redditi da lavoro dipendente ed assimilati, riferiti all'anno in esame (lavoro svolto in Italia). I redditi da lavoro dipendente ed assimilati devono essere dichiarati al netto dei contributi previdenziali e assistenziali obbligatori per legge. Relativamente ai compensi percepiti per LSU, se risulta confermato il regime agevolato, tali redditi devono essere indicati al netto della quota esente di 3098,74. A2) Lavoro dipendente prestato all estero Redditi derivanti da: attività lavorativa svolta alle dipendenze di terzi fuori del territorio nazionale, anche se non iscritti all'assicurazione obbligatoria I.V.S. italiana; reddito da lavoro percepito da lavoratori dipendenti da ditte italiane e distaccati all'estero, pensionati occupati nella Città del Vaticano, ecc. attività lavorativa svolta alle dipendenze di terzi fuori del territorio nazionale in qualità di frontaliere. N.B. Redditi da lavoro dipendente, riferiti all anno in esame (lavoro svolto all estero). Per i frontalieri l importo va indicato al lordo della franchigia di euro. A3) Lavoro autonomo Redditi derivanti da attività di: lavoro autonomo professionale e d impresa lavoro autonomo o d impresa soggetto a imposta sostitutiva (c.d. contribuenti minimi previsti dalla finanziaria 2008) coltivatori diretti mezzadri e coloni imprenditori agricoli a titolo principale artigiani e commercianti

14 collaborazione occasionale (art C.C) attività commerciale occasionale sportivi dilettanti, da indicare al netto della quota esente di N.B. obblighi di fare, non fare, permettere diritti d'autore associati in partecipazione con apporto di solo lavoro venditori porta a porta esercizio di arti e professioni CAF Fenalca Dipendenti e Pensionati Srl reddito agrario nel caso in cui il titolare del reddito sia intestatario di partita IVA redditi d impresa connessi ad attività di lavoro redditi percepiti in qualità di socio accomandatario di società in accomandita semplice e di società in nome collettivo, in quanto viene espletata l attività lavorativa. i redditi da lavoro autonomo devono essere dichiarati al netto dei contributi previdenziali e assistenziali e al lordo delle ritenute erariali. Il reddito da lavoro autonomo dei coltivatori diretti, mezzadri e coloni è individuato nel reddito agrario, indipendentemente dalle modalità con cui tale reddito viene dichiarato ai fini fiscali; dal reddito agrario può essere dedotta la contribuzione versata all Istituto per costituire la propria posizione previdenziale ed assistenziale (circolare INPS n. 197, del 23 dicembre 2003); il reddito d'impresa deve essere dichiarato al netto anche delle eventuali perdite deducibili imputabili all'anno di riferimento del reddito; Nel caso di redditi negativi deve essere imputato zero ; Sono da ritenersi compresi nei redditi da lavoro autonomo tutti i redditi comunque ricollegabili ad attività di lavoro svolte senza vincolo di subordinazione, prodotti sia in Italia che all'estero. A4) Prestazioni coordinate e continuative, lavoro a progetto Attività regolamentate dall' articolo 61, commi 1e 2, D.lgs. 276/2003, compreso le mini collaborazioni fino a per anno e per committente N.B. Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (art. 50, co.1, lett. C - bis), TUIR), al solo fine del cumulo pensione /lavoro l'inps li valuta come attività autonoma. Tipologia B : immobili

15 B1) Casa di abitazione Reddito della casa di abitazione e di tutte le relative pertinenze. NB: da indicare al lordo della deduzione prevista ai fini IRPEF. CAF Fenalca Dipendenti e Pensionati Srl B2) Altri immobili (terreni e fabbricati): reddito dei terreni detenuti a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto redditi derivanti dal possesso di altri fabbricati diversi dalla casa di abitazione e relative pertinenze. N.B. Il reddito dei terreni deve essere indicato come imponibile IRPEF, cioè rivalutato e al netto di eventuali abbattimenti. Il reddito dei fabbricati deve essere indicato con le rivalutazioni e/o maggiorazioni come previsto per l imponibile IRPEF, se il fabbricato è locato deve essere indicato l imponibile IRPEF e cioè l importo della locazione al netto degli abbattimenti. Tipologia C : capitale C1) Interessi bancari, postali, dei BOT, dei CCT e altri titoli di Stato, proventi di quote di investimento, ecc. : interessi, premi e frutti di depositi e conto correnti bancari; interessi, premi e frutti di depositi e conto correnti postali; interessi dei Buoni Ordinari del Tesoro, dei certificati di credito e di altri titoli dello Stato; proventi di quote di investimento. N.B. Da indicare al lordo della ritenuta IRPEF effettuata alla fonte. Tipologia D : assistenziali D1) Prestazioni assistenziali in denaro erogate dallo Stato o altri Enti Pubblici o Stati esteri Sono escluse: le prestazioni assistenziali destinate a bisogni strettamente connessi ad una personale e contingente situazione, quali ad esempio assegno di cura erogato dalla Regione, assegni mensili erogati da Comuni a titolo di sostegno a persone anziane/invalide, i contributi una tantum. Per esempio il contributo erogato dalla regione Lombardia attraverso il FSA, a prescindere dall importo erogato - le indennità di accompagnamento per gli invalidi civili, di comunicazione per i sordomuti e quelle previste per i ciechi parziali. Tipologia E : arretrati TFR E1) Arretrati di lavoro dipendente riferiti ad anni precedenti in Italia e all'estero

16 Vanno indicate le stesse tipologie di reddito previste dal codice A1 e A2 con esclusione della cassa integrazione guadagni riferita ad anni precedenti (da indicare al rigo E2). N.B. Redditi da lavoro dipendente ed assimilati, soggetti a tassazione separata, riferiti ad anni precedenti a quello nel quale vengono percepiti (per lavoro svolto in Italia e all estero). Da dichiarare al netto dei contributi previdenziali e assistenziali obbligatori per legge. E2) Arretrati di integrazione salariale riferiti ad anni precedenti Cassa integrazione guadagni riferita ad anni precedenti. E3) TFR, buonuscita, liquidazioni, ecc. Indennità percepite alla cessazione del rapporto di lavoro: trattamento di fine rapporto (TFR) buonuscita liquidazione Tipologia F : altri redditi F1) Rendite vitalizie o a tempo determinato costituite a titolo oneroso Esempio: corrisposte da compagnie di assicurazione N.B. Deve essere indicato l'importo assoggettabile a IRPEF F2) Assegno di mantenimento corrisposto dal coniuge separato Gli assegni periodici corrisposti dall'altro coniuge ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli - in conseguenza di separazione legale o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio e gli alimenti corrisposti ai sensi dell'art. 433 c.c., nella misura in cui risultano da provvedimenti dell'autorità giudiziaria. Ai sensi dell'art. 50, primo comma, lett. i) del citato D.P.R. 917/1986, tali redditi costituiscono reddito assimilato a quello da lavoro dipendente. Se dal provvedimento giudiziale non risulta la ripartizione della somma destinata al mantenimento del coniuge e dei figli, tali assegni, a norma dell'art.3, del D.P.R. 4 febbraio 1988, n. 42, costituiscono reddito nella misura del 50%. F3) Altri redditi assoggettabili all'irpef assegni di sostentamento redditi di capitale

17 redditi di partecipazione in società ed imprese nel caso in cui l apporto sia costituito dal solo capitale o da capitale e lavoro N.B. i redditi di capitale vanno indicati anche se assoggettati a tassazione a titolo d imposta. F4) Altri redditi non assoggettabili all'irpef Vanno indicati i redditi o le quote di reddito esenti da IRPEF quali ad esempio: quota esente dei redditi percepiti per attività sportive dilettantistiche fino a euro; quota esente (pari ad un massimo di 3.098,74 euro) dei redditi percepiti per lavori socialmente utili in regime agevolato fino a 9.296,22 euro. Tipologia G G1) Ammontare dell'irpef pagata nell'anno in relazione ai redditi indicati negli altri righi Deve essere acquisito l intero importo IRPEF pagato nell anno richiesto in riferimento ai redditi dichiarati, comprensivo anche degli importi pagati per le addizionali regionali e comunali. Gli acconti IRPEF devono essere considerati nell anno di competenza e non in quello di pagamento. G2) Quote di pensione trattenute dal datore di lavoro Importo delle trattenute delle quote di pensione effettuate dal datore di lavoro nei confronti dei soggetti che percepiscono pensioni erogate a titolo di assegni di invalidità di importo superiore al minimo (e che pur essendo pensionati continuano a lavorare). L importo si rileva dalle buste paga o da specifica dichiarazione del datore di lavoro. trattamento minimo: ,20 mensile ,60 annuo. Se la pensione percepita è dell importo sopra descritto, non sono applicate queste ritenute in caso di contemporanea prestazione lavorativa, pertanto, se il dato è richiesto, deve essere indicato zero in questo rigo. Tipologia H Pensioni estere H1) Pensioni dirette erogati da Enti esteri Pensioni estere dirette H2) Pensioni ai superstiti erogate da Enti esteri Pensioni estere di reversibilità H3) Pensioni Estere da infortuni sul lavoro

18 Redditi da prestazioni erogate da Enti esteri a seguito di malattia professionale o incidente sul lavoro che hanno privato l interessato dell attitudine al lavoro per tutta la vita; Redditi di pensione estera concessi ai minatori che abbiano lavorato per almeno 20 anni nelle miniere di carbone del Belgio e per i quali sia stata riscontrata una malattia professionale che non abbia determinato un inabilità lavorativa permanente; Redditi derivanti da rendita per malattia professionale concessa dal FDMP - Fond des maladies professionnelles H4) Rendite vitalizie o a tempo determinato costituite a titolo oneroso Ad esempio, previdenza complementare estera H5) Arretrati da pensione estera Arretrati riferiti ad anni precedenti, relativi sia alle pensioni dirette che alle pensioni ai superstiti erogate da Stati esteri 4. DICHIARAZIONI BREVI: (decesso, espatrio, rinuncia) Dichiarazione BREVE di decesso E sufficiente comunicare la data di decesso del titolare, non è necessario inserire redditi. Si precisa che: nel caso in cui fosse deceduto il coniuge e i relativi dati reddituali fossero richiesti nella matricola (codice inserito nella matricola 1 = Rilevante, coniuge richiesto se presente), il cittadino dovrà: se il coniuge fosse deceduto prima degli anni richiesti nel RED, comunicare la sola variazione dello stato civile; se deceduto durante gli anni richiesti nel RED comunicare oltre la data di decesso e la variazione dello stato civile, i redditi prodotti fino alla data del decesso. Dichiarazione BREVE di espatrio E sufficiente comunicare la data di espatrio del titolare, non è necessario inserire redditi. Nel caso in cui non fosse il titolare del modello a fornirci tale comunicazione, il RED non deve essere acquisito ma bisognerà indirizzare il soggetto alla sede INPS di competenza. Dichiarazione BREVE di rinuncia: Il cittadino non dichiara la propria situazione reddituale e comunica all Ente di rinunciare alla/e prestazione/i erogata, in questo caso l Istituto provvederà a interrompere l erogazione della prestazione.

19 5. FUNZIONI DI RETTIFICA E ANNULLAMENTO L annullamento E una nuova funzione da utilizzare per comunicare all Istituto le pratiche che non devono essere rimborsate pur rimanendo valido il RED trasmesso. Tale funzione sarà disponibile entro le date comunicate dal Caf Fenalca e dovrà essere utilizzata dopo aver effettuato le verifiche con i propri archivi fiscali ed escludere dal pagamento i RED che non dovevano essere elaborati perché il cittadino ha presentato o era tenuto ad elaborare il 730/Unico. Rettifiche Nel caso in cui l intermediario debba modificare un RED già trasmesso è possibile utilizzare la funzione di rettifica entro le date comunicate dal Caf Fenalca. 6. VERIFICA DOCUMENTI DI SUPPORTO E DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ DEL CITTADINO Il RED può essere acquisito con due modalità: asseverato o autocertificato. Asseverato, il reddito è documentato e l operatore riscontra la corrispondenza del dato con la documentazione prodotta dal pensionato (almeno un rigo reddituale deve essere documentato); Autocertificato, i dati vengono autocertificati dal pensionato senza presentazione di alcuna documentazione all operatore. Al fine di evidenziare i documenti asseverati e/o quelli autocertificati e i relativi importi indicati nel RED, il CAF stampa un modello RED tipo/2 contenente anche la liberatoria per la privacy. ATTENZIONE A seguito della complessità dei controlli obbligatori che verranno effettuati sui Red 2011 e considerato le penalità applicate dall ente previdenziale in caso di riscontro di anomalie, il Caf Fenalca ha deciso di inoltrare esclusivamente Modelli RED Autocertificati dal pensionato e non più modelli asseverati. A tal fine si invitano tutti i responsabili a raccogliere ed inviare esclusivamente tali modelli, eventuali mod. Red Asseverati verranno scartati dal sistema. 7. CONTROLLI RED Indice di difettosita e sanzioni

20 L Inps si riserva di sottoporre a verifica a campione un numero di pratiche pari all 1% di quelle trasmesse (campione casuale). Le dichiarazioni saranno confrontate con i dati a conoscenza dell Ente. L Istituto determinerà un indice di difettosità del campione in base al quale verrà determinata la penale da applicare. L Inps ha suddiviso gli errori in 5 tipologie: 1. Stato civile errato : La correttezza dello stato civile deve essere rilevato con riferimento alla data di acquisizione del Mod. RED da parte dell operatore CAF. Non può essere considerato errato lo stato civile che, sulla base dei documenti esibiti dal CAF, risultava essere all epoca corretto; 2. Cod. fiscale errato: Il codice fiscale non può essere considerato errato se il CAF è in grado di esibire un documento (es. tesserino codice fiscale) che permetta di verificare la corrispondenza con il dato inserito dal CAF; 3. Errore di trascrizione: Il relativo codice di errore deve essere utilizzato in caso di errata trascrizione dei dati da parte del CAF ovvero nel caso in cui sia stato inserito l importo di un reddito in un rigo diverso rispetto a quello corretto; 4. Redditi certificati discordanti con quelli dichiarati al Fisco dallo stesso CAF: Nel caso in cui oltre al 730/Unico 2010 sia presentato il RED perché prodotti redditi nel 2009 non inseriti nel dichiarativo verranno controllati con il fisco tutti i redditi inseriti; 5. Trasmissione di soli redditi che, alla stregua del vigente ordinamento giuridico, devono essere dichiarati all Agenzia delle entrate dal titolare della prestazione e/o dal familiare. La sanzione richiama la novità dell attività RED 2010 ovvero quella di non presentare il RED se il cittadino è obbligato alla presentazione della dichiarazione dei redditi. In questo caso il CAF verrà sanzionato nel caso in cui uno o più importi indicati nel RED davano la certezza all obbligo per il cittadino di presentare la dichiarazione dei redditi (non interessa che poi effettivamente l abbia presentata). Si ricorda che nel caso di soggetti che, se pur esonerati, hanno presentato il 730/Unico presso il nostro CAF, il RED non deve essere trasmesso (solo se tutti i dati inseriti nel 730/Unico sono gli stessi del RED). Nel caso in cui fosse trasmesso all INPS dovrà essere annullato entro la scadenza dell attività. FASI DELLA VERIFICA REDDITUALE

21 FASI DELLA VERIFICA REDDITUALE Gli enti previdenziali individuano le persone interessate ed inviano loro una comunicazione; I pensionati si recano ad un CAF per richiedere la compilazione del modello RED; Il CAF compila la dichiarazione, stampa il Modello RED e le relative ricevute firmate sia dal CAF che dal pensionato, trasmette in via telematica i dati entro le scadenze fissate dagli enti; Gli enti effettuano il ricalcolo delle pensioni interessate e comunicano al pensionato conguagli a debito o a credito. LETTERA RED La lettera RED con l indicazione della stringa deve essere sempre ritirata dalla sede CAF al fine di evitare la presentazione di quest ultima presso altro caf. Il pensionato che ha smarrito la lettera può delegare il Caf a richiederne il relativo duplicato oppure recarsi presso gli uffici territoriali dell ente previdenziale competente. SCADENZA PER IL PENSIONATO Il pensionato entro il 30 giugno 2011 può presentare il Modello RED presso il CAF che provvederà successivamente ad inoltrarlo all ente previdenziale preposto. SCADENZA PER L INVIO DEI Il Caf Fenalca si riserva di comunicare le date

22 MODELLI RED AL CAF FENALCA entro cui dovranno essere inseriti i mod. RED acquisiti. CONTROLLO DEL CODICE FISCALE Il Caf deve sempre acquisire in fotocopia (laddove non ne sia già in possesso) il Codice Fiscale del pensionato che presenta il Mod. Red. CONSERVAZIONE MODELLO RED Il pensionato deve conservare il Mod. RED rilasciato dal caf per 10 anni; Il CAF deve conservare per 10 anni il Modello RED ed i suoi allegati firmati dal pensionato.

Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni. LAVORO (codice A)

Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni. LAVORO (codice A) 378 Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni LAVORO (codice A) Codice INPS vecchio nuovo Descrizione della tipologia di reddito Dettaglio dei redditi Note 1 A1 Lavoro dipendente

Dettagli

Campagna RED 2012 Redditi 2011 Scheda tecnica per l acquisizione dei redditi

Campagna RED 2012 Redditi 2011 Scheda tecnica per l acquisizione dei redditi Campagna RED 2012 Redditi 2011 Scheda tecnica per l acquisizione dei redditi Versione 1.2 del 16/05/2012 Premessa Per la Campagna RED 2012, la richiesta di dichiarazione reddituale viene inviata a tutti

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

Soggetti esclusi ed esonerati dalla presentazione del Mod. 730/2013

Soggetti esclusi ed esonerati dalla presentazione del Mod. 730/2013 Soggetti esclusi ed esonerati dalla presentazione del Mod. 730/2013 L'introduzione dell'imu ha inciso sulle casistiche di esonero della presentazione della dei redditi, e, quindi, anche del Mod. 730/2013.

Dettagli

Campagna RED 2013 Redditi 2012

Campagna RED 2013 Redditi 2012 Campagna RED 2013 Redditi 2012 Analisi per l acquisizione dei redditi Sommario 1. Premessa...2 2. Campagna RED 2013 Anno reddito richiesto 2012..3 3. Tipologia delle dichiarazioni.. 7 4. Avvertenze generali...7

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 219 04.12.2015 INPS: nuovo RED semplificato Semplificate le modalità di acquisizione delle dichiarazioni reddituali per i residenti

Dettagli

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di e le rilevanze e INPDAP Codice Reddito del 1 Integrazione al minimo. Pensioni con decorrenza anteriore al 1 febbraio 1994 - del della casa di abitazione

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

La somma aggiuntiva sulle pensioni di basso importo: la «quattordicesima»

La somma aggiuntiva sulle pensioni di basso importo: la «quattordicesima» La somma aggiuntiva sulle pensioni di basso importo: la «quattordicesima» A cura di Paolo Zani per FNP CISL Milano Aggiornata al 30/11/2015 2 La quattordicesima Fonti istitutive D. Legge 81/2007 art. 5

Dettagli

La certificazione unica CUD

La certificazione unica CUD La certificazione unica CUD Il datore di lavoro sostituto d'imposta dei propri dipendenti: il CUD Entro il 28 febbraio di ogni anno (fino al 2007 il termine era il 15 marzo) il sostituto deve rilasciare

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 Servizio Autonomo Personale Area Amministrazione Economica Risorse Umane Tel 0817953725/30 Fax 0817953875 A DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE (compilare

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. Variazione situazione nucleo familiare dal. Mod. ANF/DIP - COD.

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. Variazione situazione nucleo familiare dal. Mod. ANF/DIP - COD. Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal Variazione situazione nucleo familiare dal ALL AZIENDA al (gg/mm/aaaa) PROTOCOLLO (gg/mm/aaaa) CITTADANZA RESIDENTE TELEFONO* CELLULARE* E-MAIL* Stato

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 CUD 2014. Scade il 28 febbraio il termine per la consegna ai contribuenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il prossimo 28.02.2014 scade il termine

Dettagli

Le prestazioni collegate al reddito

Le prestazioni collegate al reddito Sindacato Pensionati Italiani Le prestazioni collegate al reddito 1 Le prestazioni soggette a controllo a. integrazione al minimo b. maggiorazioni sociali c. importo aggiuntivo d. somma aggiuntiva e. pensione

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal al Variazione situazione nucleo familiare dal (gg/mm/aaaa) (gg/mm/aaaa) LL'ZIEND CITTDNZ RESIDENTE TELEFONO* CELLULRE* E MIL* Stato civile del richiedente

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. 01-07-2012 al 30-06-2013. Variazione situazione nucleo familiare dal

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. 01-07-2012 al 30-06-2013. Variazione situazione nucleo familiare dal Mod ANF/DIP - COD SR16 PROTOCOLLO Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal 01-07-2012 al 30-06-2013 (gg/mm/aaaa) Realizzato con tecnologia SMART FORMS - wwwsmtformscom Variazione situazione

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) 18 Luglio 2012 SCADE IL 31 LUGLIO 2012 IL

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

RED e DICHIARAZIONI DI RESPONSABILITA 2015

RED e DICHIARAZIONI DI RESPONSABILITA 2015 RED e DICHIARAZIONI DI RESPONSABILITA 2015 FORMAZIONE PER OPERATORI A CURA DI: CAAF CGIL LOMBARDIA GUIDA REDATTA DA: ROBERTO BONIFACIO ALESSANDRA TADDEI LETTERA AI PENSIONATI Anche quest anno l'inps non

Dettagli

Modello 730 Aspetti generali

Modello 730 Aspetti generali Fisco Pratico 2010 Dichiarazione Redditi Persone Fisiche 5 Aspetti generali Vantaggi del Mod. 730 La presentazione del permette di ottenere eventuali rimborsi direttamente con la retribuzione o con la

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Roma, 24-09-2015. Messaggio n. 5901 1 PREMESSA. nell'anno 2014. CONSEGUITI NELL'ANNO 2014.

Roma, 24-09-2015. Messaggio n. 5901 1 PREMESSA. nell'anno 2014. CONSEGUITI NELL'ANNO 2014. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 24-09-2015 Messaggio n. 5901 OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Dichiarazione reddituale.

Dettagli

Emissione RED 2012 LA RICHIESTA DEI DATI REDDITUALI: PREMESSA CARATTERISTICHE DELLA CAMPAGNA RED 2012

Emissione RED 2012 LA RICHIESTA DEI DATI REDDITUALI: PREMESSA CARATTERISTICHE DELLA CAMPAGNA RED 2012 Emissione RED 2012 LA RICHIESTA DEI DATI REDDITUALI: PREMESSA Ai sensi dell'art. 13 della Legge n. 412 del 30 dicembre 1991, l'inps deve procedere annualmente, nei confronti dei pensionati titolari di

Dettagli

Le pensioni pagano l'irpef

Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni sono equiparate ai redditi da lavoro dipendente e quindi sono soggette a tassazione. L'Inps si sostituisce al fisco ed effettua sulle pensioni una ritenuta alla fonte

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti Roma lì 04/05/2014 Prot. 202/2014 A tutti i Centri e Sportelli Circolare n. 52 Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti L art. 51 bis del DL 69/2013 (Decreto del fare) ha previsto

Dettagli

RED Telematico. Guida Completa al Servizio

RED Telematico. Guida Completa al Servizio RED Telematico Guida Completa al Servizio Sommario Informazioni generali... 1 Normativa RED 2009... 2 Novità RED 2009... 2 Tipologia reddituale... 4 Tipologia A: lavoro... 4 Tipologia B: immobili... 6

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Centro Assistenza Fiscale I nostri servizi

Centro Assistenza Fiscale I nostri servizi Centro Assistenza Fiscale I nostri servizi La denuncia dei redditi, fatta tramite il Mod. 730, comporta notevoli vantaggi per i contribuenti: Il modello 730 è molto semplice da compilare, rispetto al Mod.

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI Le detrazioni sono riconosciute se il percipiente dichiara di avervi diritto, indica le condizioni di spettanza e si impegna a comunicare tempestivamente le eventuali variazioni. La dichiarazione deve

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

10. L'irpef: aliquote e detrazioni

10. L'irpef: aliquote e detrazioni 1 di 7 21/05/2010 16.56 10. L'irpef: aliquote e detrazioni Dal 1 gennaio 2007 è in vigore un nuovo sistema di determinazione dell'irpef che, rispetto al precedente, è caratterizzato da: nuovi scaglioni

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 22.04.2015 Redditi di lavoro dipendente e assimilati La novità del Bonus Irpef Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Nel quadro

Dettagli

MANUALE SOFTWARE RED ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE RED ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE RED ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 MODELLO RED Indice Capitolo 1: Premessa 3 1.1 Emissione modulistica redd. 2012 per l anno 2011 3 1.2 Red 2012: le principali novità 3 1.3 Redditi obbligatori

Dettagli

Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è

Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è stata messa a disposizione delle Sedi la funzione di acquisizione,

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA 2015

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 CERTIFICAZIONE UNICA 201 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART., COMMI -ter e -quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 199, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 201 DATI ANAGRAFICI AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO

Dettagli

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Il Mod. 730/2014 può essere utilizzato anche se non si ha un sostituto d imposta

Dettagli

SCADENZE FISCALI di Luglio

SCADENZE FISCALI di Luglio SCADENZE FISCALI di Lunedì 6 UNICO 2009 Chi applica gli studi di settore (per esempio, professionisti, imprese, ecc.), entro oggi può pagare le imposte di Unico 2009 (saldi 2008 e acconti per il 2009)

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015)

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Effettuare l accesso all Angolo del Dipendente con le credenziali in possesso (Istruzioni

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20-07-2009. Messaggio n. 16380. OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo.

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20-07-2009. Messaggio n. 16380. OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Direzione Centrale Pensioni Roma, 20-07-2009 Messaggio n. 16380 OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. 1 - PREMESSA L'articolo 10 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Emissione RED 2013 1.1 LA RICHIESTA DEI DATI REDDITUALI: PREMESSA 1.2 IL SERVIZIO IN CONVENZIONE

Emissione RED 2013 1.1 LA RICHIESTA DEI DATI REDDITUALI: PREMESSA 1.2 IL SERVIZIO IN CONVENZIONE Emissione RED 2013 1.1 LA RICHIESTA DEI DATI REDDITUALI: PREMESSA Ai sensi dell'art. 13, comma 2 della Legge n. 412 del 30 dicembre 1991, l'inps deve procedere annualmente, nei confronti dei pensionati

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108 26 marzo 2015 36/FS/om Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 11 del 23 marzo 2015 Sintesi Primi importanti chiarimenti

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

OGGETTO: cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo

OGGETTO: cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 30-05-2007 Messaggio n. 13792 Allegati 1 OGGETTO: cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI AI DIRETTORI REGIONALI

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

SCADENZE NOVEMBRE 2014

SCADENZE NOVEMBRE 2014 SCADENZE NOVEMBRE 2014 LUNEDì 17 NOVEMBRE RAVVEDIMENTO OPEROSO BREVE Scade il termine per regolarizzare gli adempimenti (omessi, tardivi o insufficienti versamenti di imposte o ritenute) non effettuati

Dettagli

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale Santobono-Pausilipon Struttura Complessa Risorse Umane - Ufficio Trattamento Economico tel. 081 220 5207/5223/ 5317 fax 0812205319/5207/5317 o ATTRIBUZIONE DELL

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 15.9.2014 EPPI 03/2013 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Dettagli

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO INDICAZIONI GENERALI

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO INDICAZIONI GENERALI REDDITI DI LAVORO AUTONOMO INDICAZIONI GENERALI Indicazioni generali sui redditi di lavoro autonomo Le caratteristiche che secondo il Codice civile contraddistinguono il lavoratore autonomo, sono lo svolgimento

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA La sottostante tabella riporta i requisiti, introdotti dalla nuova riforma previdenziale, necessari per ottenere la pensione di anzianità e quella

Dettagli

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione:

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Indicazioni sulla Compilazione dei Quadri del Modello 730/2012 in presenza di CUD 2012 Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Reddito lavoro

Dettagli

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2 Le pensioni nel 2013 Le pensioni da lavoro Allegato n. 2 Integrazione al minimo Le pensioni liquidate col sistema retributivo o col sistema misto, in presenza di determinate condizioni di reddito, vengono

Dettagli

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO Circolare informativa per la clientela n. 14/2010 del 10 giugno 2010 NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO In questa Circolare 1. Modelli 770/2010 Semplificato e Ordinario 2. Principali novità

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

Le novità in materia di trasmissione del Modello CUD 2013

Le novità in materia di trasmissione del Modello CUD 2013 CIRCOLARE A.F. N. 35 del 22 Febbraio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Le novità in materia di trasmissione del Modello CUD 2013 Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l Agenzia delle

Dettagli

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE ASPETTI PREVIDENZIALI E INAIL Art. 81, c. 1, lett. m) D.P.R.

Dettagli

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità a cura di Fabio Bonicalzi (*) Sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i Provvedimenti di approvazione dei seguenti modelli

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

GUIDA 2015 RED E DICHIARAZIONI DI RESPONSABILITA

GUIDA 2015 RED E DICHIARAZIONI DI RESPONSABILITA GUIDA 2015 RED E DICHIARAZIONI DI RESPONSABILITA 1 1.1 1.2. 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 1.3.1 1.3.2 1.3.3 1.7.1 1.7.2 1.7.3 1.7.4 1.7.5 1.7.6 1.7.7 1.7.8 1.7.9 1.7.10 1.7.11 1.7.12 1.7.13 1.7.14 1.7.15 Indice

Dettagli

Barrare la casella corrispondente. (compilare solo se si appartiene ad una delle categorie indicate) *Dati facoltativi. Essepaghe s.r.l.

Barrare la casella corrispondente. (compilare solo se si appartiene ad una delle categorie indicate) *Dati facoltativi. Essepaghe s.r.l. Protocollo Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal 01/07/2015 al 30/06/2016 (gg/mm/aaaa) Variazione situazione nucleo familiare dal (gg/mm/aaaa) ALL'AZIENDA Nome Cognome Codice fiscale Nato/a

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Modello 730 integrativo. di pagine 1 1 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Modello 730 integrativo. di pagine 1 1 COGNOME NOME CODICE FISCALE AGENZIA DELLE ENTRATE MOD. 730-2 PER IL C.A.F. O PER IL PROFESSIONISTA ABILITATO REDDITI 2014 Modello 730 integrativo RICEVUTA DELL AVVENUTA CONSEGNA DELLA DICHIARAZIONE MOD. 730 E DELLA BUSTA CONTENENTE

Dettagli

Dichiarazione ai sensi e per gli effetti dell art. 23 del DPR 29.9.73 n. 600 e successive modificazioni

Dichiarazione ai sensi e per gli effetti dell art. 23 del DPR 29.9.73 n. 600 e successive modificazioni Dichiarazione ai sensi e per gli effetti dell art. 23 del DPR 29.9.73 n. 600 e successive modificazioni Ufficio Stipendi Divisione Ragioneria Università degli Studi di Siena S E D E Il / La sottoscritto/a...

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta. Consulenti del Lavoro

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta. Consulenti del Lavoro Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 05.06.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: Moduli per l assegno al nucleo familiare

Dettagli

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39 SOMMARIO: - ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF - Contributi - riscossione 2013 - Prestazioni - invio CUD ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF Si riportano di seguito le correzioni alla versione della brochure dell'enpaf

Dettagli