Laboratorio di Programmazione Lezione 4. Cristian Del Fabbro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio di Programmazione Lezione 4. Cristian Del Fabbro"

Transcript

1 Laboratorio di Programmazione Lezione 4 Cristian Del Fabbro

2 Prossima lezione Mercoledì 25 novembre ore 8:30-11:00

3 Classe Una classe descrive degli oggetti tramite: Proprietà/variabili/campi (dati/caratteristiche, es. colore di una mela,...). Metodi/funzioni (le azioni, es. sbuccia, raccogli, ). Una istanza di una classe è la concretizzazione della classe stessa (quindi è un oggetto).

4 Le mele public class Apple { private int color; // 0 = green, 1 = yellow, 2 = red public String getcolorname() { // code public void setcolor(int c) { // code // mela_verde è una istanza della classe Mela Apple mela_verde = new Apple(); // mela_rossa è una istanza della classe Mela Apple mela_rossa = new Apple();

5 Costruttore Un costruttore serve per inizializzare le variabili. Si possono passare dei parametri al costruttore. In Java il costruttore deve avere lo stesso nome della classe e non deve essere specificato nessun tipo di ritorno per il metodo. Possono esistere più costruttori con lo stesso nome, ma con numero e tipo di parametri differenti. Se non viene specificato nessun costruttore, viene creato uno di default da Java. Viene invocato dalla new un attimo dopo avere allocato ( creato ) tutte le variabili e un attimo primo di terminare la new.

6 Esempio public class Apple { private int color; // 0 = green, 1 = yellow, 2 = red public Apple() { color = 0; public Apple(int c) { color = c; Apple mela_verde = new Apple(); // default: 0 Apple mela_rossa = new Apple(2); // colore rosso!

7 Distruttore Nella programmazione orientata agli oggetti, un distruttore è un particolare metodo che viene invocato automaticamente quando l'oggetto viene distrutto. È stato concepito per liberare o finalizzare le risorse utilizzate dall'oggetto. Ad esempio per chiudere dei file o terminare una comunicazione. In Java il distruttore si implementa mediante il metodo finalize. Es. public void finalize(){ System.out.println ("L'oggetto è stato distrutto"); Il distruttore viene attivato dal Garbage collector

8 Esempio public class Apple { private int color; // 0 = green, 1 = yellow, 2 = red public Apple() { color = 0; public Apple(int c) { color = c; public void finalize() { System.out.println("Destroyed a " + getcolorname() + " apple!");

9 Apple class! public class Apple { private int color; // 0 = green, 1 = yellow, 2 = red public Apple() { color = 0; public Apple(int c) { color = c; public void finalize() { System.out.println("Destroyed a " + getcolorname() + " apple!"); public String getcolorname() { switch (color) { case 0 : return "red"; case 1 : return "green"; case 2 : return "yellow"; return "undefined"; public void setcolor(int c) { color = c;

10 Esempio public static void main(string[] args) { Apple green = new Apple(); Apple red = new Apple(2); green.setcolor(1); System.out.println("We have " + green.getcolorname() + " and " + red.getcolorname() + " apples");

11 Parametri e variabili membro? Premesso che in Apple esiste il campo color, supponiamo di modificare la definizion di: public void setcolor(int c) Nel seguente modo: public void setcolor(int color) A questo punto, il corpo di color diventa: public void setcolor(int color) { color = color; c'è qualche problema?

12 Soluzione: this this è una parola riservata e rappresenta l'oggetto stesso. E' invocata sempre in modo implicito ma può essere invocata in modo esplicito: public void setcolor(int color) { this.color = color; color è il parametro di setcolor this.color è la variabile di (una istanza) di Apple

13 Pile e code Proviamo a trasformare le pile e le code della lezione precedente in classi/oggetti?

14 rule 1: avoid static Da questo momento, la parola chiave static è bandita. E' ammesso il suo uso solo per: public static void main(string[] args) Se usate static da qualche altra parte, probabilmente state sbagliando qualcosa oppure si può scrivere meglio in un altro modo. N.B. Ovviamente ci sono un sacco di casi in cui static è utile, ma sono dei casi che esulano da questo corso di base.

15 rule 2: avoid public variables Dichiarate tutte le variabili di una classe private. Le variabili possono essere lette e modificate solo tramite funzioni/procedure. N.B. Non tutte le variabili necessitano di essere lette/scritte al di fuori della classe.

16 rule 3: public methods Dichiarare i metodi/funzioni/procedure come public. N.B. alcuni metodi potrebbe essere più utili non averli pubblici ma sono dei casi particolari (funzioni di supporto).

17 Esercizi per casa Definire la classe Portafogli con i metodi (e le opportune variabili): addeuro per aggiungere un certo numero di euro al portafogli adddollar per aggiunge un certo numero di euro (da convertire dai dollari) al portafogli removeeuro per rimuovere un certo numero di euro dal portafogli removedollar per rimuovere un certo numero di euro (da convertire dai dollari) dal portafogli balance per sapere il saldo isbroken per sapere se siamo al verde (booleano: se il saldo è > 0) Scrivere un programma che gestisce tre portafogli e fà un certo numero di operazioni su ognuno

18 Esercizi per casa Definire la classe Secchio che rappresenta un contenitore di acqua che può contenere solo un certo numero di litri. Quando il secchio viene costruito si deve passare un parametro che indica la capacità massima del secchio. All'inizio il secchio è vuoto. Se si cerca di mettere più litri della capacità, l'eccedenza viene persa. Scrivere i seguenti metodi: riempi() che riempi il secchio fino all'orlo; svuota() che svuota il secchio; travasain(secchio s) che svuota il contenuto del secchio dentro un altro secchio; quanto() che restituisce il numero di litri contenuti nel secchio. Scrivere un programma che utilizza un certo numero di secchi e che fà un po' di operazioni sui secchi.

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

Introduzione Programmazione Java

Introduzione Programmazione Java Introduzione Programmazione Java Paolo Tomeo paolo.tomeo@poliba.it Regole basilari Java è case sensitive quindi prestare attenzione alle maiuscole Il commento si inserisce con // all'inizio della linea

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object Programmazione orientata agli oggetti La classe, metodi e classi final, this 1 La classe Negli esempi fatti nella prima parte del corso abbiamo definito alcune classi, per esempio Counter e Orologio, senza

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object Programmazione orientata agli oggetti La classe, metodi e classi final, this 1 La classe Negli esempi fatti nella prima parte del corso abbiamo definito alcune classi, per esempio Counter e Orologio, senza

Dettagli

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Corso di Studi in Informatica Programmazione 1 corso B prof. Elio Giovannetti Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Programmazione 1 B - a.a. 2002-03 53 Modello di memoria

Dettagli

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap > Struttura di una classe > Costruttore > Riferimento

Dettagli

Java Le stringhe. Stringhe

Java Le stringhe. Stringhe Java Le stringhe 1 Le stringhe in Java In Java le stringhe non sono semplicemente array di caratteri terminati con zero come avviene in C In Java le stringhe sono oggetti appartenenti alla classe String

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Fondamenti di Informatica L-B 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito

Dettagli

3. un metodo che restituisce l elenco delle matricole di tutti gli studenti del corso;

3. un metodo che restituisce l elenco delle matricole di tutti gli studenti del corso; Un esempio di definizione di classe con array di oggetti Sia data la classe StudUniv per gli studenti universitari (definita in una lezione precedente). Scrivere una nuova classe Corso, dove ciascun corso

Dettagli

Insieme.java. Printed by Paolo. Feb 24, 04 16:44 Page 1/1 class Insieme { private int[] elementi; Tuesday February 24, /10

Insieme.java. Printed by Paolo. Feb 24, 04 16:44 Page 1/1 class Insieme { private int[] elementi; Tuesday February 24, /10 Feb 24, 04 16:44 Page 1/1 class Insieme { private int[] elementi; public Insieme() { elementi = new int[0]; public static boolean vuoto(insieme i) { return i.elementi.length == 0; Insieme.java public static

Dettagli

I costruttori. Il costruttore standard. Esempio di valori di default. Alterare il costruttore standard

I costruttori. Il costruttore standard. Esempio di valori di default. Alterare il costruttore standard I costruttori Servono a inizializzare i valori dei campi degli oggetti. Vengono invocati automaticamente dopo che l oggetto è stato creato. Il costruttore standard Questo tipo di costruzione mette dei

Dettagli

Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009. Enumerativi

Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009. Enumerativi Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009 Enumerativi Finora abbiamo creato enumerativi

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce

Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce Fondamenti di Informatica L-B 1 Classi astratte Java ci consente di definire classi in cui uno o più metodi non sono implementati, ma

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Corso di Informatica Prova d Esame del 02/02/2010

Corso di Laurea in Matematica Corso di Informatica Prova d Esame del 02/02/2010 Esercizio 1. Si deve modellare con una classe Java il contenuto di un portamonete, con delle opportune semplificazioni. Le monete da considerare sono di soli 4 tagli: 10, 20, 50 e 100 centesimi (cioè 1

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Oggetti e Classi Metodi Parametri Variabili di istanza Costruttori Esercizi Paradigma Object-Oriented Il paradigma OO

Dettagli

Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso

Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso AA 2015/2016 Tutor: Vincenzo Lomonaco vincenzo.lomonaco@unibo.it Programma Introduzione al calcolatore

Dettagli

Variabili e Parametri. Scope, Lifetime Inizializzazione

Variabili e Parametri. Scope, Lifetime Inizializzazione Variabili e Parametri Scope, Lifetime Inizializzazione Categorie di Variabili Variabili di istanza / campi saldo in BankAccount Variabili locali newsaldo nel metodo deposita() Parametri importo per il

Dettagli

Variabili e Parametri

Variabili e Parametri Variabili e Parametri Scope, Lifetime Inizializzazione Categorie di Variabili Variabili di istanza / campi saldo in BankAccount Variabili locali newsaldo nel metodo deposita() Parametri importo per il

Dettagli

Metodi. Un metodo è una porzione di codice a cui si associa un nome. Un istruzione eseguita da un metodo può essere:

Metodi. Un metodo è una porzione di codice a cui si associa un nome. Un istruzione eseguita da un metodo può essere: Metodi Un metodo è una porzione di codice a cui si associa un nome. Un istruzione eseguita da un metodo può essere: invocazione: esecuzione di un metodo assegnamento: cambia lo stato di un campo ripetizione:

Dettagli

14 - Metodi e Costruttori

14 - Metodi e Costruttori 14 - Metodi e Costruttori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Oggetti Composti. Oggetti composti

Programmazione orientata agli oggetti Oggetti Composti. Oggetti composti Programmazione orientata agli oggetti Oggetti Composti 1 - 1 Negli esempi che abbiamo visto finora gli attributi delle classi erano variabili di tipo primitivo E però possibile definire come attributi

Dettagli

Corso: Fondamenti di Informatica (Gruppo 2) a.a Corsi di laurea: Ing. Settore Informazione

Corso: Fondamenti di Informatica (Gruppo 2) a.a Corsi di laurea: Ing. Settore Informazione Corso: Fondamenti di Informatica (Gruppo 2) a.a. 2017-18 Corsi di laurea: Ing. Settore Informazione Questionario a Risposte Multiple per auto-valutazione del Lab05 Domanda n. 1 Argomento: Iterazioni, array

Dettagli

La Gestione della Memoria. Carla Binucci e Walter Didimo

La Gestione della Memoria. Carla Binucci e Walter Didimo La Gestione della Memoria Carla Binucci e Walter Didimo Esecuzione di programmi Java L esecuzione di un programma Java richiede: la compilazione del codice Java in bytecode Java (un linguaggio macchina

Dettagli

TIPI PRIMITIVI: LIMITI

TIPI PRIMITIVI: LIMITI TIPI PRIMITIVI: LIMITI I tipi primitivi sono i "mattoni elementari" del linguaggio In varie situazioni può però essere necessario trattare i tipi primitivi come oggetti quando una funzione pretende come

Dettagli

Definizione di classi. Walter Didimo

Definizione di classi. Walter Didimo Definizione di classi Walter Didimo Definizione di classi Fino ad ora abbiamo imparato a: creare oggetti da classi già pronte usare gli oggetti creati, invocando metodi la creazione e l uso di oggetti

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1 [Java]

Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Prova di esame - 26 Gennaio 2011 Tempo massimo: 50 minuti Si implementino in Java le classi Tavolo e Pizzeria. La classe Tavolo ha i seguenti attributi: nome (una

Dettagli

Variabili e Metodi di classe Interfacce e Package Gestione di File in Java

Variabili e Metodi di classe Interfacce e Package Gestione di File in Java Fondamenti di Informatica Variabili e Metodi di classe Interfacce e Package Gestione di File in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Variabili di classe: Static Una variabile di classe

Dettagli

Java Gli array. Array

Java Gli array. Array Java Gli array 1 Gli array In generale un array è una sequenza di locazioni di memoria, che contengono entità dello stesso tipo, e a cui si può fare riferimento con un nome comune Le entità che compongono

Dettagli

ESERCIZIO 1 (FILE DI TESTO)

ESERCIZIO 1 (FILE DI TESTO) ESERCIZIO 1 (FILE DI TESTO) Scrivere su un file di testo righe inserite da console, fino a quando non viene inserita la linea vuota. Passare il nome del file come parametro al programma. Bisogna incapsulare

Dettagli

Programmazione a oggetti

Programmazione a oggetti Programmazione a oggetti Quanti oggetti, tra di loro parlando, fanno programmi. Pilu Crescenzi piluc@dsi.unifi.it Università di Firenze Programmazione a oggetti p.1/32 Cosa è un oggetto Una scatola software

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Anno Accademico

Laboratorio di Programmazione Anno Accademico Università di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria Corso di Laboratorio di Programmazione Anno Accademico 2004-2005 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Giuseppe De Giacomo (A L) & Prof.

Dettagli

Java: Definire Classi e Creare Oggetti

Java: Definire Classi e Creare Oggetti Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 21 marzo 2014 Introduzione Programmare con gli Oggetti Un programma Java è costituito

Dettagli

La programmazione ad oggetti (OOP)

La programmazione ad oggetti (OOP) Oggetti e Classi (CAP 10) Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco Università degli studi di Padova 30 Novembre 2011 La programmazione ad oggetti (OOP) È un approccio concettuale alla programmazione (indipendente

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1 [Java]

Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Prova di esame - 7 Settembre 2010 Tempo massimo: 50 minuti Si implementino in Java le classi Tavolo e Ristorante. La classe Tavolo ha i seguenti attributi: numero

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

! Per quanto sappiamo finora, in C le variabili sono sempre definite staticamente

! Per quanto sappiamo finora, in C le variabili sono sempre definite staticamente ! Per quanto sappiamo finora, in C le variabili sono sempre definite staticamente!!la loro esistenza deve essere prevista e dichiarata a priori! Questo può rappresentare un problema soprattutto per variabili

Dettagli

Uso di classi e oggetti. Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Uso di classi e oggetti. Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Uso di classi e oggetti Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Tipi di dati Tipi primitivi: interi Java fornisce otto tipi primitivi indipendenti dall implementazione

Dettagli

Uso di metodi statici. Walter Didimo

Uso di metodi statici. Walter Didimo Uso di metodi statici Walter Didimo Metodi di istanza Fino ad ora abbiamo imparato a creare oggetti e ad invocare metodi su tali oggetti i metodi venivano eseguiti dagli oggetti un metodo invocato su un

Dettagli

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo Esempi al calcolatore su: 1) 2) Subtyping e polimorfismo 1 Esempio 1: 2 Introduzione Java prevede due automatismi legati ai costruttori: Se una classe non ha costruttori viene creato automaticamente il

Dettagli

Lezione 9 programmazione in Java Classi come contenitori

Lezione 9 programmazione in Java Classi come contenitori Lezione 9 programmazione in Java Classi come contenitori Nicola Drago drago@sci.univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Gestione della Memoria Dati dinamici e statici Il passaggio

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Oggetti e classi. Cos è un oggetto

Oggetti e classi. Cos è un oggetto Oggetti e classi Cos è un oggetto Basta guardarsi intorno per scoprire che il mondo reale è costituito da oggetti: libri, biciclette, giocattoli, ma anche ragazzi, bambini, fiori, gatti, cani, fiumi, montagne,

Dettagli

Variabili dinamiche. Obiettivi: Presentare le variabili dinamiche, allocate e deallocate nell area HEAP, e le funzioni malloc e free

Variabili dinamiche. Obiettivi: Presentare le variabili dinamiche, allocate e deallocate nell area HEAP, e le funzioni malloc e free Variabili dinamiche Obiettivi: Presentare le variabili dinamiche, allocate e deallocate nell area HEAP, e le funzioni malloc e free 1 Tipi di variabili in C In C è possibile classificare le variabili in

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Classi e relazioni Java

Laboratorio di Sistemi Classi e relazioni Java package carrelloconsoleapp; import javax.swing.imageicon; /* *.java /** * * @author maurizio public class { private String id; private String descrizione; private double prezzo; private int percsconto;

Dettagli

Esercizio 3. Oppure fare queste operazioni nel metodo main all interno della classe Persona.

Esercizio 3. Oppure fare queste operazioni nel metodo main all interno della classe Persona. Esercizio 3 Scrivere un programma con i seguenti requisiti. Utilizzare una classe Persona che dichiara le variabili nome, cognome, età. Si dichiari inoltre un metodo dettagli() che restituisce in una stringa

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA2 2.1- Funzioni 1 Prerequisiti Programmazione elementare in Java Tecnica top-down Concetto matematico di funzione Compilazione e link di programmi Esecuzione di funzioni

Dettagli

Esempio 2: Subtyping

Esempio 2: Subtyping Esempio 2: Subtyping 22 Subclassing e subtyping Fino ad ora abbiamo trattato l ereditarietà come strumento che consente il riuso flessibile di classi già esistenti mediante l aggiunta o la ridefinizione

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione VIII Tatiana Zolo tatiana.zolo@libero.it 1 PROGRAMMAZIONE A OGGETTI Quando si programma a oggetti si scompone il problema in sottogruppi di parti collegate che tengono

Dettagli

Oggetti. Oggetti e classi. Utilizzo di classi. Classe

Oggetti. Oggetti e classi. Utilizzo di classi. Classe Oggetti Oggetti e classi Oggetto: entità che può essere manipolata nel programma mediante l invocazione di metodi Black box dotato di:! Interfaccia pubblica " Metodi visibili " Comportamento dell oggetto!

Dettagli

Metodi statici. Dichiarazione e chiamata di metodi statici

Metodi statici. Dichiarazione e chiamata di metodi statici Metodi statici Dichiarazione e chiamata di metodi statici Cos è un metodo Un metodo è un blocco di istruzioni che fornisce una funzionalità e viene identificato con un nome Può avere dei parametri ed un

Dettagli

Esempio: Costruttori ed ereditarietà

Esempio: Costruttori ed ereditarietà Esempio: 1 Introduzione Java prevede due automatismi legati ai costruttori: Se una classe non ha costruttori viene creato automaticamente il costruttore di default (quello senza parametri) Se in un costruttore

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica - Programma Un programma è una formulazione

Dettagli

Esonero di Informatica I. Ingegneria Medica

Esonero di Informatica I. Ingegneria Medica Di seguito sono elencati una serie di domande tipo esonero ; i quiz vogliono dare un sistema di autovalutazione e di confronto allo studente che deve prepararsi alla prova di metà corso. Il numero e l

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Incapsulamento Polimorfismo e overloading Esercizi svolti Esercizi proposti Paradigma OO Nella programmazione tradizionale,

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Programmazione Orientata agli Oggetti Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Una metafora dal mondo reale la fabbrica di giocattoli progettisti Un semplice giocattolo Impara i suoni Dall idea al progetto Toy

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Oggetti Composti (1) Oggetti Composti (2)

Oggetti Composti (1) Oggetti Composti (2) Oggetti Composti () Negli esempi che abbiamo visto finora gli attributi delle classi erano variabili di tipo primitivo E però possibile definire come attributi dei riferimenti ad oggetti di qualche classe

Dettagli

public class Counter2 extends Counter { public void dec() { val--; }

public class Counter2 extends Counter { public void dec() { val--; } public class Main public class Counter2 extends Counter public void dec() val--; public class Counter public Counter() System.out.println("Counter : costruttore di default!"); val = 1; System.out.println("Counter

Dettagli

Classi Wrapper. int Integer float Float char Char byte Byte double Double. classe "wrapper"

Classi Wrapper. int Integer float Float char Char byte Byte double Double. classe wrapper 1 Classi Wrapper classe "wrapper" int Integer float Float char Char byte Byte double Double Generano oggetti che hanno come variabile di istanza un tipo di dato primitivo con nome uguale Integer int Float

Dettagli

Programmazione con Java

Programmazione con Java Programmazione con Java Classi e istanze in Java Definizione di classe in Java A meno che non si usino classi già scritte da altri, prima di poter creare un qualsiasi oggetto devo creare la sua rappresentazione:

Dettagli

OO puro. Primi concetti di Java. Tipi primitivi. Ogni cosa è un oggetto. Java è object-oriented puro Non come il C+ + (OO ibrido) Lorenzo Bettini

OO puro. Primi concetti di Java. Tipi primitivi. Ogni cosa è un oggetto. Java è object-oriented puro Non come il C+ + (OO ibrido) Lorenzo Bettini Primi concetti di Java Lorenzo Bettini OO puro Java è object-oriented puro Non come il C+ + (OO ibrido) Per compatibilità col C Ogni cosa è un oggetto Gli oggetti si manipolano tramite riferimenti String

Dettagli

3) Descrivere l architettura di un elaboratore tramite astrazione a livelli

3) Descrivere l architettura di un elaboratore tramite astrazione a livelli Di seguito sono elencati una serie di domande tipo esonero ; i quiz vogliono dare un sistema di autovalutazione e di confronto allo studente che deve prepararsi alla prova di metà corso. Il numero e l

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Definizione di metodi

Definizione di metodi Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 9 Definizione di metodi Carla Limongelli Novembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Definizione di metodi 1 Contenuti

Dettagli

Introduzione. Java. Costruttore

Introduzione. Java. Costruttore Java inizializzazioni e pulizia G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Introduzione Uno dei problemi principali nella programmazione è legato alla sicurezza Due principali aspetti di questo problema sono l inizializzazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A OGGETTI (OOP) Lezione 4 prj Mesa (Prof. Ing N. Muto)

PROGRAMMAZIONE A OGGETTI (OOP) Lezione 4 prj Mesa (Prof. Ing N. Muto) PROGRAMMAZIONE A OGGETTI (OOP) Lezione 4 prj Mesa (Prof. Ing N. Muto) In questa lezione applicheremo tutti i concetti teorici fin qui esposti, sarà presentato codice sviluppato in C# sviluppato con l'ide

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Programmazione O.O. Oggetti e Classi Metodi Parametri Variabili di istanza Costruttori Variabili locali Esercizi Implica: Programmazione

Dettagli

GESTIONE DEGLI ERRORI

GESTIONE DEGLI ERRORI GESTIONE DEGLI ERRORI Spesso vi sono istruzioni critiche, che in certi casi possono produrre errori L approccio classico consiste nell inserire controlli (if else..) per cercare di intercettare a priori

Dettagli

Classi e array. Viene ora affrontato un problema di definizione di una classe in cui una variabile d istanza è di tipo array

Classi e array. Viene ora affrontato un problema di definizione di una classe in cui una variabile d istanza è di tipo array Classi e array Viene ora affrontato un problema di definizione di una classe in cui una variabile d istanza è di tipo array Si vuole definire una classe Polinomio per la rappresentazione di polinomi a

Dettagli

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio)

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio) Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro A.A. 2005/06 Tutor: Loris Cancellieri loris.cancellieri@studio.unibo.it Riferimenti ad oggetti: Cosa si può fare con i riferimenti?

Dettagli

Modulo 2: Strutture fondamentali della programmazione Java

Modulo 2: Strutture fondamentali della programmazione Java Modulo 2: Strutture fondamentali della programmazione Java Argomenti Trattati: Un semplice programma Java: Presentazione di un primo Esempio; Introduzione alla struttura; Compilazione ed esecuzione. Argomenti

Dettagli

Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona

Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona di Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona su Sommario di su di di di su Astrazione sugli oggetti di su Il concetto di classe Classe: realizza l astrazione

Dettagli

Lezione 5 Namespace e JavaDoc

Lezione 5 Namespace e JavaDoc Lezione 5 Namespace e JavaDoc Vittorio Corso di Programmazione Distribuita Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno Organizzazione della lezione Il namespace di Java: i package

Dettagli

Programmazione 1 A.A. 2015/2016

Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Cognome e Nome Matricola Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Appello del 16 Dicembre 2015 Compito n 1 Prima parte Esercizio 1 (10 punti) Cosa stampa il seguente frammento di codice Java? int[] A = {3, 8, 91,

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Capitolo 9. Tipi enumerativi, tipi generici e interfacce. c 2005 Pearson Education Italia Capitolo 9-1 / 73

Capitolo 9. Tipi enumerativi, tipi generici e interfacce. c 2005 Pearson Education Italia Capitolo 9-1 / 73 Capitolo 9 Tipi enumerativi, tipi generici e interfacce c 2005 Pearson Education Italia Capitolo 9-1 / 73 Sommario: Tipi enumerativi, tipi generici e interfacce 1 Definizione di tipi enumerativi La classe

Dettagli

Lezione 11 programmazione in Java. Anteprima. Gestione della memoria

Lezione 11 programmazione in Java. Anteprima. Gestione della memoria Lezione 11 programmazione in Java Nicola Drago nicola.drago@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Gestione della Memoria Dati dinamici e statici Il passaggio di parametri

Dettagli

Capitolo 2. Utilizzare oggetti

Capitolo 2. Utilizzare oggetti Capitolo 2 Utilizzare oggetti Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione Oggetti e classi Gli oggetti sono entità di un programma che si possono manipolare invocando

Dettagli

Lezione 3 programmazione in Java

Lezione 3 programmazione in Java Lezione 3 programmazione in Java Nicola Drago drago@sci.univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Help in linea La selezione Il costrutto di scelta Espressioni logiche Esercizi

Dettagli

Programmazione II Compitino (Vers. B)

Programmazione II Compitino (Vers. B) Programmazione II Compitino (Vers. B) 15 gennaio 2015 Cognome Jackson Nome Michael Matricola 696969 Anno di corso 1 Nei seguenti quesiti, quando vi è richiesto di scrivere un programma, potete limitarvi

Dettagli

Fondamenti di Programmazione Prof.ssa Elisa Tiezzi. Programmazione orientata a oggetti

Fondamenti di Programmazione Prof.ssa Elisa Tiezzi. Programmazione orientata a oggetti Fondamenti di Programmazione Prof.ssa Elisa Tiezzi Programmazione orientata a oggetti 1 Programmazione OO Concetti base: dati istruzioni Dati: variabili tipi Istruzioni: istruzioni base strutture di controllo

Dettagli

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false;

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false; Metodi iterativi con array monodimensionali 1. Scrivere un metodo che, dato un array di interi a, restituisce il valore minimo in a. public static int minimo (int[] a) { int min = a[0]; for (int i=1; i

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList! Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Uguaglianza e copia di oggetti

Uguaglianza e copia di oggetti Uguaglianza e copia di oggetti Sommario 1. Classi Object e Class 2. Uguaglianza superficiale e uguaglianza profonda 3. Copia superficiale e copia profonda 4. Uguaglianza e copia in classi derivate 1 La

Dettagli

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 9 - Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

OCA JAVA 8 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 8 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 8 SE PROGRAMMER

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario La classe String Lettura da input di dati numerici (tipo int) Stampa di dati numerici Uno sguardo al codice Esercizi 21/03/2011 2

Dettagli

Linked Lists. Liste linkate (1) liste linkate ( stack, queues ), trees. Liste linkate come strutture

Linked Lists. Liste linkate (1) liste linkate ( stack, queues ), trees. Liste linkate come strutture Linked Lists Liste linkate () La combinazione di class/struct e puntatori porta alla creazioni di interessanti Abstract Data Type liste linkate ( stack, queues ), trees Liste linkate come strutture struct

Dettagli

Classpath e Esercizi su RMI

Classpath e Esercizi su RMI Classpath e Esercizi su RMI Esercitazione di Laboratorio di Programmazione di Rete A Daniele Sgandurra Università di Pisa 26/11/2008 Classpath Quando si avvia l interprete, esso deve localizzare le classi

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Le basi del linguaggio Java Compilazione e interpretazione Quando si compila il codice sorgente scritto in Java, il compilatore genera il codice compilato, chiamato bytecode. È un codice generato per una

Dettagli

Ogni variabile in C è una astrazione di una cella di memoria a cui corrisponde un nome, un contenuto e un indirizzo.

Ogni variabile in C è una astrazione di una cella di memoria a cui corrisponde un nome, un contenuto e un indirizzo. Ogni variabile in C è una astrazione di una cella di memoria a cui corrisponde un nome, un contenuto e un indirizzo. int a = 5; a 5 α=&a Esistono in C particolari variabili dette puntatori che possono

Dettagli

Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un

Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un giocatore, ogni giocatore una scheda Ci vengono già fornite le classi necessarie

Dettagli

Lezione 4 Casting, stringhe e caratteri, operatori relazionali, espressioni e variabili booleane

Lezione 4 Casting, stringhe e caratteri, operatori relazionali, espressioni e variabili booleane Lezione 4 Casting, stringhe e caratteri, operatori relazionali, espressioni e variabili booleane Barbara Rita Barricelli Corso di Laboratorio di Programmazione -Turno B (Cognomi M-Z) CdL in Informatica

Dettagli

Allocazione dinamica della memoria

Allocazione dinamica della memoria Allocazione dinamica della memoria Allocazione statica: limiti Per quanto sappiamo finora, in C le variabili sono sempre dichiarate staticamente la loro esistenza deve essere prevista e dichiarata a priori

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi.. 2010/2011 Sommario Conversione di tipo:casting Tipo enumerativo lgebra Booleana Esercizi Conversione di tipo:casting Il casting o conversione di tipo avviene

Dettagli