Comunicare in rete Le relazioni col pubblico tra innovazione e nuove tecnologie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunicare in rete Le relazioni col pubblico tra innovazione e nuove tecnologie"

Transcript

1 Comunicare in rete Le relazioni col pubblico tra innovazione e nuove tecnologie della comunicazione 01>12

2 Quaderni della comunicazione Collana di documentazione a cura di Regione Emilia-Romagna Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità Responsabile: Paolo Tamburini Coordinamento editoriale: Gianni Varani Comunicare in rete, le relazioni col pubblico tra innovazione e nuove tecnologie Coordinamento redazionale e revisione testi: Gina Pietrantonio Ha collaborato: Barbara Murtas Il quaderno presenta una sintesi dei risultati del Progetto di riorganizzazione e ridefinizione dell ufficio relazioni con il pubblico della Regione e sua collaborazione con gli sportelli del territorio. Il progetto si è avvalso del coordinamento scientifico e metodologico dell università di Bologna - Dipartimento di Scienze della Comunicazione Prof. Pina Lalli - e del Gruppo di Ingegneria gestionale Ing. Massimo Di menna Ai diversi Gruppi di lavoro tematici hanno partecipato: Anna Bacchelli, Dario Barbieri, Annamaria Bernabè, Brunella Buttieri, Pier Francesco Campi, Fausto Capraro, Maria Lucia Contri, Stefano Cremonini, Maria Chiara Daldi, Milva Fabbri, Marinella Festi, Marta Fin, Milco Forni, Antonella Forti, Sabrina Franceschini, Maria Rosa Gheduzzi, Anna Maria Linsalata, Patrizia Maranzana, Gianluca Mazzini, Silvia Mazzoli, Maria Luisa Mela, Marina Mingozzi, Elisabetta Miranda, Silvia Pagnotta, Brunella Peli, Gina Pietrantonio, Paolo Pirani, Monica Pirazzoli, Elena Rossi, Stefania Santi, Teresa Valentina Sblendorio, Patrizia Soldati, Maria Cristina Tassinari, Carlo Tovoli, Simonetta Trevisi, Gianni Ulissi, Anna Maria Vanti, Gianni Varani, Donatella Vignali, Cristina Vittori, Anna Maria Zocca Creatività Pablo Comunicazione Bologna Realizzazione tipografica a cura di: Tipografia MDM Forlì Bologna, Aprile

3 indice Introduzione p.5 Premessa p.9 1 Metodo e risultati della ricerca: audit iniziale p Sintesi delle azioni migliorative p.23 Gruppo 1 p.27 Gruppo 2 p.34 Gruppo 3 p.48 3 Ricerca sull informazione regionale p.55 4 La realizzazione di una RETE di RETI: sintesi p.67 5 Urp Regione: fotografia di 15 anni di vita p

4 Donatella Bortolazzi Assessore Sviluppo delle risorse umane e organizzazione, cooperazione allo sviluppo, progetto giovani, pari opportunità Verso i nuovi Urp Un quaderno sul lavoro fatto e sulle prospettive dell Ufficio relazioni con il pubblico della nostra Regione non è un prodotto autoreferenziale. In primo luogo perché la valutazione di quanto fatto e delle progettualità in cantiere rappresenta un terminale costante e molto attendibile dei rapporti tra l istituzione regionale ed i cittadini, nonché degli aspetti da migliorare. La continua ottimizzazione del servizio ha la funzione prioritaria, se non esclusiva, di garantire sempre maggiore trasparenza e accessibilità al funzionamento e all organizzazione dell Ente. Proprio al fine di facilitare il dialogo costante tra Amministrazione e utenza, nonostante lo stato precario nel quale versa la finanza pubblica, a questa ricerca permanente concorre un ampia gamma di strumenti, dei quali l Urp si serve: dall analisi della tipologia delle richieste che riceve quotidianamente dall esterno, allo sviluppo delle nuove tecnologie. Esiste il rischio reale che, nella complessa agenda delle scelte che l Amministrazione pubblica ad ogni livello istituzionale compie, gli strumenti per rendere sempre più fruibili i servizi e offrire opportunità ai cittadini scendano nella lista delle priorità. Tuttavia, mantenere viva l attenzione rispetto alla possibilità di fare comprendere all esterno il complesso funzionamento della macchina pubblica, rappresenta non solamente un dovere, ma anche un vantaggio ed un risparmio per l Ente, basti pensare, ad esempio, alla possibilità di ridurre tempi di attesa per ottenere documenti e certificazioni. L Urp è un avamposto a difesa del diritto di informazione, di accesso e di partecipazione dei cittadini, così come definito dalla Legge 7 giugno 2000, n.150, e per merito dell innovazione tecnologica riuscirà a migliorare ancor più la qualità 4 5

5 dei servizi offerti, pur non avendo a disposizione maggiori risorse da utilizzare. L utilità del cantiere aperto, del quale le pagine a seguire offrono uno spaccato tendenzialmente sistematico, grazie anche alla collaborazione con l Università di Bologna, non ha valore solo per la Regione, ma può offrire spunti di lavoro, di collaborazione e di riflessione comune e potenziali sviluppi nell ambito dei rapporti tra Amministrazioni e loro servizi di relazioni con il pubblico, specie laddove vi è necessità economica di accorpare le funzioni di diversi uffici. Può essere perciò utile una riflessione comune, un lavoro di rete, per trovare nuove modalità di comunicazione, per scambiarsi informazioni e condividere buone prassi. Un lavoro di rete che la Regione Emilia-Romagna ha sempre incentivato nei diversi ambiti di intervento e che lo stesso Urp, nella sua specificità e nel suo settore, ha cercato di sviluppare. Ne è prova proprio questo elaborato. Si tratta di un quaderno rivolto ad un ampia comunità professionale, non solo quella degli Urp regionali, ma a tutta la filiera pubblica che, direttamente o indirettamente, ha a cuore l accesso dei cittadini ai servizi. Si tratta di un settore importante perché ha la funzione di garantire ai cittadini il diritto all informazione e ad un eguale accesso alle opportunità. 6 7

6 Premessa Gina Pietrantonio Coordinatrice sportello Urp Regione Emilia-Romagna Premessa Un progetto per fare rete L Urp della Regione Emilia-Romagna, istituito nel febbraio 1998, è un punto di riferimento importante per l ascolto e l accoglienza dei cittadini. Oggi, a distanza di oltre un decennio, abbiamo avvertito la necessità di ripensare all organizzazione di questo servizio sia sul versante della comunicazione interna sia nel rapporto con i cittadini. Per realizzare questi obiettivi, nel settembre 2010, il Servizio Comunicazione, educazione alla sostenibilità, ha avviato un project work con il Dipartimento di scienze della comunicazione dell Università di Bologna e il Centro di ingegneria gestionale. Il progetto, denominato Ridefinizione del sistema di relazioni con i cittadini, ha coinvolto gli operatori Urp e i referenti della comunicazione delle Direzioni generali, che insieme hanno potuto riflettere sulla percezione dell Urp all interno e all esterno dell Amministrazione regionale. Il percorso di rinnovamento si è articolato in due fasi: la prima, che abbiamo denominato di audit formativo, ci ha portato, attraverso interviste mirate, a conoscere le esperienze significative realizzate a livello regionale e internazionale e a costruire un percorso di rinnovamento dal basso, condiviso con le Direzioni generali. La seconda, di approfondimento e di lavoro di gruppo, ha consentito di definire le linee d indirizzo di organizzazione del nuovo Urp. Rispetto al territorio è stata poi avviata una ricerca, per capire i possibili collegamenti con gli sportelli già operativi nei settori di maggiore interesse per i cittadini. Un collegamento pensato non solo in termini tecnologici, ma anche sui contenuti, per condividere informazioni, FAQ, schede informative, procedimenti, stili di lavoro e di collaborazione. Questa pubblicazione vuole, con la necessaria sintesi, presentare i materiali prodotti nelle giornate di studio e i risultati della ricerca condotta sul territorio. La domanda, alla quale abbiamo cercato di dare una risposta con il project- 8 9

7 work, riguarda il futuro dell Urp come struttura di supporto e di mediazione delle relazioni tra interno ed esterno degli enti pubblici. Guardando al contesto internazionale a livello di Pubblica Amministrazione ci siamo accorti subito di un fatto: in Spagna, come in Canada, la tendenza è sempre più quella di costruire un network, di fare rete tra i vari uffici pubblici, in modo da riuscire a coprire in maniera capillare il territorio e fornire un servizio pubblico puntuale e il più possibile personalizzato. Il disegno abbozzato nell ambito del progetto di ridefinizione del sistema di relazioni col pubblico della Regione Emilia-Romagna, va in questa direzione e sembra essere l evoluzione più naturale. Certo, i primi tempi si tratterà di attivare un dialogo con gli enti interessati a collaborare con la struttura regionale, di definire la cornice entro cui si muoveranno i rapporti, le modalità condivise di azione, poi in un secondo momento si potrà guardare ancora più avanti e immaginare uno scenario dove la Pubblica Amministrazione avrà un unica porta d accesso attraverso la quale il cittadino potrà accedere ad una vasta gamma di servizi e informazioni con maggiore facilità. E dalla potenzialità di azione delle risorse umane, oltre che dall uso delle nuove tecnologie, che ci si attende lo scatto necessario ad avviare la rivoluzione di una Amministrazione degna dell attributo che porta, ovvero Pubblica

8 Un laboratorio per ridefinire le relazioni coi cittadini relazione finale Nelle pagine a seguire, viene fornito con uno stile volutamente ad appunti di lavoro, il riepilogo dell attività formativa regionale realizzata tra il 2010 e il 2011 per potenziare ed eventualmente riformulare gli obiettivi di servizio dell Urp regionale. Il titolo del percorso formativo è stato: Laboratorio per il supporto della ridefinizione del sistema di relazione con i cittadini per il tramite dell Urp. Vengono forniti quindi a seguire il calendario della formazione, le docenze, l audit iniziale in sintesi, ovvero le interviste che hanno fatto da base per l avvio delle attività. Sono poi riepilogate, sempre con lo stile di lavoro di questo Quaderno, le attività specifiche e le proposte formulate dai tre sottogruppi nei quali si è poi declinato il percorso formativo

9 3 Un laboratorio per ridefinire le relazioni coi cittadinii 3 Un laboratorio per ridefinire le relazioni coi cittadinii N. DATA ORARIO SEDE TEMI AFFRONTATI DOCENTE N. DATA ORARIO SEDE TEMI AFFRONTATI DOCENTE 1 Lunedì 13 dicembre Lunedì 24 gennaio 2010 Lunedì 14 febbraio 2010 Martedì 22 febbraio 2010Ferrara Giovedì 10 marzo 2011 dalle 9.30 alle e dalle alle dalle 9.30 alle dalle 9.30 alle e dalle alle dalle 9.30 alle e dalle alle dalle 9.30 alle e dalle alle Sala 315/d viale A. Moro n. 21 Urp, viale A.Moro n. 52 Sala 315/d viale A. Moro n. 21 Sala 315/d viale A. Moro n. 21 Plenaria: Sala 105/b 1 piano viale A. Moro n. 21 Gruppo 1 - Sala 1 - viale A. Moro n. 18 Gruppo 2 - Saletta Urp piano terra - viale A. Moro n. 52 Incontro formativo finalizzato all illustrazione e verifica degli scenari emersi dalle interviste formative, per individuare le linee generali e le esigenze formative specifiche legate ad un primo piano di fattibilità. Analisi SWOT Innovazione organizzativa e analisi SWOT; Benchmarking con i casi internazionali. Innovazione tecnologica per l informazione e la comunicazione; Benchmarking con i casi internazionali. Project work: l innovazione organizzativa 1 gruppo: Integrazione tra nuovo ERmes, percorso dei cittadini e schede Urp 2 gruppo: Innovazione tecnologica e multicanalità 3 gruppo: Comunicazione strategica Pina Lalli Massimo Di Menna Emanuele Bassetti Pina Lalli Tutor: Luisa Ornella Secci Massimo Di Menna Tutor: Luisa Ornella Secci Massimo Di Menna Tutor: Luisa Ornella Secci Pina Lalli Massimo Di Menna Tutor: Luisa Ornella SecciLuisa Ornella Secci 6 Giovedì 31 marzo 2011 dalle 9.30 alle e dalle alle Gruppo3 Saletta Urp piano primo - viale A. Moro n. 52 Gruppo 1: Aula 35 viale A. Moro n. 52 Gruppo2 - Saletta Urp piano terra - viale A. Moro n Sala 315/d viale A. Moro n Venerdì 15 aprile 2011 Giovedì 12 maggio 2011 Giovedì 26 maggio 2011 dalle 9.30 alle e dalle alle dalle 9.30 alle e dalle alle dalle 9.30 alle e dalle alle Plenaria: Aula 35 viale A. Moro n. 52 Plenaria - aula 315/d in viale A. Moro n. 21 Aula 35 viale A. Moro n gruppo: Integrazione tra nuovo ERmes, percorso dei cittadini e schede Urp 2 gruppo: Innovazione tecnologica e multicanalità 3 gruppo: Comunicazione strategica Plenaria per il confronto sul lavoro dei sottogruppi Plenaria per confronto sul lavoro dei sottogruppi, eventuale approfondimento sul rapporto con l Assemblea legislativa Incontro finale, in plenaria, per la presentazione delle linee d indirizzo di organizzazione del nuovo Urp Massimo Di Menna Tutor: Luisa Ornella Secci Pina Lalli Massimo Di Menna Tutor: Luisa Ornella Secci Pina Lalli Massimo Di Menna Tutor: Luisa Ornella Secci Pina Lalli Massimo Di MennaTutor: Luisa Ornella Secci 14 15

10 4 Il quadro normativo 1 metodo e risultati della ricerca 1 metodo e risultati della ricerca audit iniziale Obiettivo Ridefinizione del sistema di relazioni con i cittadini. Metodo Il percorso di rinnovamento ha avuto come input una fase di audit formativo. La decisione di partire con un momento di ascolto affonda le radici nella volontà di costruire un percorso di rinnovamento dal basso, che contemplasse momenti di confronto e partecipazione ed evitare di imporre modelli organizzativi preimpostati sulla Regione. Dal settembre al novembre del 2010 il gruppo di lavoro ha condotto così una serie di interviste aperte, singole e di gruppo, sul tema del sistema di relazioni con i cittadini, a 40 dipendenti afferenti alle 12 Direzioni generali della Regione, per un totale di 23 interviste. I risultati delle interviste sono stati poi raccolti in un report e presentati in forma anonima agli stessi intervistati nel corso di un incontro in plenaria, con l intento di costituire materiale di dibattito e porre le basi per le fasi successive del percorso di formazione. L utilità della fase di audit è stata duplice: da un lato, ha dato la possibilità ai dipendenti regionali di dire la propria, di esprimere le proprie idee e di dare suggerimenti, in una parola di partecipare in prima persona al cambiamento; dall altro lato, ha consentito ai docenti di conoscere a fondo le dinamiche operanti all interno dell ente, aspetto fondamentale per poter fornire un contributo ad hoc al percorso. Sulla base dei risultati della fase di audit, che ha evidenziato necessità informative particolari, sono state organizzate tre giornate di formazione. Dopo aver individuato tre macrotemi, quali l innovazione tecnologica, organizzativa e comunicazione strategica, si è dedicata ciascuna giornata all approfondimento 16 17

11 1 metodo e risultati della ricerca 1 metodo e risultati della ricerca degli stessi. Per ciascun macrotema sono state presentate inoltre alcune case histories di successo a livello internazionale, a partire dai quali introdurre i diversi argomenti. Il percorso si è poi snodato attraverso alcune sessioni in cui i partecipanti sono stati distribuiti in tre diversi gruppi, dove ciascuno aveva il compito di approfondire una determinata tematica da presentare, condividere e discutere poi con tutti agli altri, in plenaria. Ogni project work ha dato vita a un documento specifico sulle tematiche affrontate da poter utilizzare poi nell attività lavorativa quotidiana. Risultati I risultati ottenuti a seguito della conclusione dei lavori dei project works sono stati diversi. Innanzitutto, è stato rilevato un maggiore riconoscimento dell importanza delle attività e delle funzioni dell Urp regionale ai fini della comunicazione interna ed esterna. Inoltre, è stato ridefinito il rapporto con le Direzioni generali ed ufficializzata la comunità di pratica dei referenti Urp. In collaborazione con i referenti è stata avviata la revisione delle schede Urp e il percorso dei cittadini, avviata la revisione del sito Urp e del portale dei servizi on line. Un altro step fondamentale è stato l aver impostato il vademecum dell operatore dell informazione e il questionario per raccogliere la soddisfazione degli utenti. Contestualmente al percorso formativo, che aveva tra i suoi obiettivi anche quello di far nascere nuove idee operative per l Urp, negli ultimi mesi è stata avviata una riflessione su come poter attivare anche in Regione un servizio che prenda spunto dal progetto linea Amica nazionale. A partire da questa idea, è stata avviata una ricerca volta ad individuare con precisione gli sportelli attivi sul territorio che potessero entrare a far parte della rete Urp, sulla base delle esigenze dei cittadini. Il punto di partenza è stato individuare gli sportelli da candidare e, sulla base dei risultati ottenuti, sondare il terreno per comprendere come e sulla base di quali servizi ed attività dare vita ad una convenzione con l Urp regionale. Attività realizzate dai sottogruppi Sottogruppo n. 1 Pier Francesco Campi, Stefano Cremonini, Milva Fabbri, Marta Fin, Anna Maria Linsalata, Patrizia Maranzana, Silvia Mazzoli, Maria Luisa Mela, Marina Mingozzi, Elisabetta Miranda, Teresa Sblendorio, Cristina Vittori. Innovazione organizzativa Coordinatori: Milco Forni e Simonetta Trevisi Riorganizzazione e accorpamento delle informazioni e servizi disponibili nei portali tematici e modifiche da fare secondo la direttiva del luglio 2010; integrazione tra nuovo portale ER, aree tematiche, schede Urp; rete informativa all interno della Regione Emilia Romagna e come migliorare il rapporto con le Direzioni generali. Obiettivi Come lavorare insieme; ipotesi di integrazione tra Aree tematiche Nuovo portale ER; schede e portali divisi per argomenti. V. anche Allegato 1. Riorganizzazione Urp Sottogruppo n. 2 Anna Bacchelli, Anna Maria Bernabè, Fausto Capraro, Marinella Festi, Sabrina Franceschini, Silvia Pagnotta, Monica Pirazzoli, Elena Rossi, Stefania Santi, Maria Cristina Tassinari, Carlo Tovoli, Anna Maria Vanti. Innovazione tecnologica Coordinatrice: Gina Pietrantonio Definizione di servizi innovativi da offrire ai cittadini (direttiva siti Web, ricognizione servizi già disponibili on line, esperienze significative a livello internazionale); multicanalità: risponditore automatico, utilizzo di feed rss, sistemi invio sms per aggiornamenti su graduatorie, numero verde. Obiettivo Ridefinizione pagina web Urp con informazioni e servizi interattivi V. anche Allegato 2. La nuova pagina web del sito Urp V. anche allegato 3. Aree tematiche 18 19

12 1 metodo e risultati della ricerca 1 metodo e risultati della ricerca Sottogruppo n. 3 Dario Barbieri, Brunella Buttieri, Lucia Contri, Maria Chiara Daldi, Antonella Forti, Maria Rosa Gheduzzi, Brunella Peli, Paolo Pirani, Patrizia Soldati, Gianni Ulissi, Donatella Vignali, AnnaMaria Zocca. Comunicazione strategica Coordinatore: Gianni Varani Customer satisfaction; rete informativa con gli altri enti (quali informazioni condividere: criticità e vantaggi; numeri verdi standardizzabili,...); utilizzo e revisione degli strumenti tecnologici per il contatto con il cittadino: CRM, CMS, iter pratiche, PEC, ecc. Privacy; il vademecum dell operatore dell informazione della Regione. V. anche allegato 4. Il Questionario. v. anche allegato 5 vademecum 20 21

13 4 Il quadro normativo 2 sintesi delle azioni migliorative 2 sintesi delle azioni migliorative Cosa ha prodotto il project work Attraverso le interviste e la formazione si è già raggiunto un obiettivo fondamentale, ovvero quello di sensibilizzare, creare condivisione, legittimare e quindi rafforzare il ruolo e l immagine dell Urp all interno dell Ente. Inoltre, un attenta riflessione sul futuro dell Urp ha portato la struttura ad interrogarsi sulla necessità di attivare una rete di collaborazione e cooperazione allargata ad altri sportelli attivi sul territorio regionale, dove l Urp potrebbe avere un ruolo di raccordo. È stata dunque avviata anche una attività di ricerca, comprendente una ricognizione degli sportelli al cittadino e alle imprese già attivi sul territorio. Occorrerà stabilire quali potranno essere le aree di collaborazione e collegamento con l Urp regionale, sulla base di un dialogo ragionato con gli enti individuati, immaginando ad esempio come scenario futuro quello di una riorganizzazione dei sistemi di accesso alle informazioni telefoniche e, ancora, individuare i possibili miglioramenti e le criticità o le maggiori difficoltà derivanti dal coordinamento. Presentiamo di seguito la lista delle azioni migliorative individuate nell ambito del percorso di formazione

14 2 sintesi delle azioni migliorative 2 sintesi delle azioni migliorative Azioni migliorative rispetto alla comunicazione su web Il lavoro dei project work ha portato alla definizione di una nuova struttura per il sito web dell Urp, con l obiettivo di renderlo utile e ricco dal punto di vista dei contenuti, integrato e facilmente fruibile dagli utenti, e non un doppione rispetto al sito della Regione. La pagina web dell Urp diventerà una porta di ingresso alla Regione, dove i cittadini potranno trovare informazioni e servizi fruibili anche con modalità multicanale. Tra le novità del nuovo sito, si è deciso di lavorare per un potenziamento e collegamento dei servizi online con le schede informative. In particolare, le schede verranno integrate nelle aree tematiche del Nuovo Portale ER, al quale si accederà tramite una maschera di ricerca. Data la necessità di un sito dinamico e sempre aggiornato, si è optato per l adozione del servizio di feed rss, in modo da poter aggiornare tempestivamente le pagine sulle ultime novità per l utente. Rimanendo in tema di multicanalità, si prevede l attivazione di un servizio di invio sms per tenere aggiornati i cittadini sull esito di graduatorie, scadenze imminenti, etc, nonché il ricorso a tecnologie call center, sempre lasciando al centro il presidio dell operatore. Inoltre, il sito dell Urp verrà arricchito di una nuova sezione, battezzata Angolo free, dalla quale sarà possibile reperire e/o visionare gratuitamente materiali quali documentari, immagini, pubblicazioni curate dalla Regione. Azioni migliorative in rapporto alle Direzioni generali Per quanto concerne il rapporto con le Direzioni generali, l attività dei gruppi si è concentrata sull elaborazione di metodi e strumenti di lavoro condivisi in modo da creare sinergie ed ottimizzare tempi e risorse. Sulla base di questo presupposto, è nata l idea di stilare un sintetico vademecum con indicazioni operative per tutti gli operatori dell informazione della Regione, che serva anche per condividere regole di raccordo. Inoltre, è stato predisposto un modello unico di scheda informativa, il tracciato record unico, ad uso delle redazioni e dello stesso Urp, utile a snellire l attività di compilazione delle schede, nonché a stabilire uno standard unico di lavoro. Infatti, ciascuno avrà a disposizione una maschera standard con dei campi a compilazione obbligatoria e campi a compilazione facoltativa a seconda delle diverse necessità. I contenuti così inseriti non rimarranno confinati alle sole schede, ma andranno ad arricchire i portali tematici. Per rafforzare la cultura della condivisione, si è pensato inoltre di istituire una Banca dati delle non conformità, utile a tenere traccia del percorso di una richiesta giunta dal cittadino e a segnalare in merito a queste eventuali mancate risposte, o ancora la presenza di lacune informative nel sistema, in modo da consentire un intervento puntuale. Questa banca dati si può fare semplicemente nella Intranet visibile solo dal personale di front office e sotto il controllo della responsabile Urp. In merito a questo, pare auspicabile l integrazione delle banche dati presenti in Regione, raccordando le informazioni di primo livello (schede Urp) con quelle di secondo livello (es. banca dati SUAP o turismo), anche in caso di aggiornamenti, in modo che ci sia coerenza tra le informazioni. Questi raccordi vanno definiti mediante il maggiore coinvolgimento possibile nell elaborazione annuale del piano di comunicazione. Ad esempio, se quest anno si prevedono novità importanti sul SUAP, nel piano di comunicazione questo deve essere previsto, in modo che le schede Urp siano sempre aggiornate rispetto alle novità e che l Urp possa informare i cittadini sulle novità. Azioni migliorative sul piano tecnologico Dal momento che attualmente, a livello informatico, assistiamo alla coesistenza di due diversi sistemi CMS e CRM, quali Plone e SAP, la proposta emersa dal project work è di valutare con il Servizio informativo - informatico della Regione, la possibilità di passare tutto a Plone. In tale modo si risparmierebbero il tempo e i possibili errori derivanti dalla duplicazione dei dati e si potrebbe avere uno strumento CRM più ricco e adeguato non solo per le statistiche ma anche per tenere traccia di tutta la storia del contatto con quel cittadino, a vantaggio della qualità del rapporto cittadino - Regione. Azioni migliorative sul personale Il lavoro dell operatore di front office è spesso ripetitivo e logorante e il rischio è quello che subentri la stanchezza e venga meno la motivazione dei dipendenti, compromettendo i risultati di tutta la struttura. Per evitare situazioni di questo tipo, la soluzione prospettata è di stabilire regole di turnazione tra gli operatori di back e front office, in modo da alternare gli operatori allo sportello. Azioni migliorative rispetto ai cittadini Per fornire un servizio sempre più puntuale al cittadino è auspicabile un miglior utilizzo degli strumenti tecnologici per il contatto con il cittadino, tra cui il sistema CRM, che tenga traccia delle richieste pervenute e permetta agli operatori di reperire con facilità le informazioni che riguardano il caso specifico, senza che vi sia bisogno di chiedere al cittadino un riepilogo della sua situazione ad ogni occasione di contatto; 24 25

15 2 sintesi delle azioni migliorative 2 sintesi delle azioni migliorative è auspicabile aumentare l uso della PEC (che ha la stessa validità di una raccomandata con ricevuta di ritorno) attraverso la quale si potrebbe realizzare non solo un risparmio in termini di spesa e carta impiegata, ma rappresenterebbe soprattutto un vantaggio per il cittadino, che potrebbe comodamente inviare documenti e presentare domande da casa, con la stessa sicurezza della normale raccomandata postale; da valutare il completamento del software di gestione iter pratiche per la gestione delle istanze dei cittadini, software che consentirebbe anche di tenere traccia dello stato delle pratiche. In tale modo, l operatore Urp, e anche il cittadino stesso via web, possono avere un informazione più precisa sullo stato di una pratica; da valutare l estensione del già menzionato servizio di invio sms, che risparmierebbe al cittadino telefonate e visite sul sito per avere informazioni su scadenze e approvazioni di graduatorie; nell ottica di fornire un servizio sempre più disegnato intorno al cittadino, si è pensato di predisporre un questionario da somministrare agli utenti che usufruiranno dei servizi dell Urp regionale. Questo strumento avrà la funzione di dare un valore aggiunto ai contatti con i cittadini, perché attraverso la somministrazione l Urp raccoglierebbe pareri e suggerimenti, col risultato di contribuire alla definizione di un servizio sempre più strutturato sulle richieste degli utenti; il questionario sarà sia online che in formato cartaceo. L idea è quella di modulare il documento sui diversi canali attraverso cui gli utenti raggiungono l Urp. Il questionario va quindi suddiviso in diverse parti, almeno quattro (trasversali a tutti i canali in modo da facilitare il paragone e quindi il compito di analisi dei dati). Nella prima parte si chiede all utente se abbia ricevuto un servizio soddisfacente, una risposta adeguata alla sua richiesta (es.: Cosa ne pensi del servizio ricevuto? ), in modo da avere subito un dato importante. Se l utente si dimostra disponibile a collaborare, gli si possono sottoporre anche le altre parti, ad esempio quella relativa ai suggerimenti da dare all Urp (es.: Hai qualche consiglio da darci? ), fino alla richiesta dei dati personali. Si potrebbe andare oltre, chiedendo all utente più aperto e interessato di lasciare un recapito che consenta di ricontattarlo in seguito per eventuali focus group in tema di miglioramento dei rapporti con il pubblico Gruppo 1: Innovazione organizzativa Il gruppo di lavoro, nel corso degli incontri ha definito una tabella di sintesi su alcune delle principali schede informative in uso in Regione: scheda base o generale (contiene la descrizione di settori di intervento, attività o progetti realizzati dalla Regione nei diversi ambiti); scheda Bando (contiene i riferimenti a campi presenti anche nella scheda base o generale, più altri spazi specifici relativi a questa voce); scheda Come fare per (contiene campi comuni alla scheda base più informazioni di dettaglio per ottenere un accreditamento, un permesso o un autorizzazione dalla Regione); scheda Campagna di comunicazione (contiene campi simili a quelli della scheda base o generale, oltre che specificità connesse alle campagne di comunicazione organizzate dalla Regione); scheda Servizi ai cittadini (oltre a campi base tipici della scheda base o generale, prevede altri campi di approfondimento legati ai servizi resi ai cittadini). Le schede sono state raggruppate in due macro voci: scheda base o generale, contrassegnata dal colore giallo, applicabile a tutte le tipologie elencate sopra (contiene campi di base ritenuti necessari per qualsiasi tipologia es. bandi, campagne ecc.); schede specifiche (bandi, come fare per, campagne di comunicazione, servizi ai cittadini), contrassegnate dal colore verde e caratterizzate da campi obbligatori soltanto nell ambito della scheda. Si è pensato di raggruppare tutte queste tipologie di schede in un unica tabella al fine di generare un tracciato record unico, utilizzabile per diverse finalità senza richiedere ai redattori la compilazione di più informazioni in canali diversi, evitando quindi la duplicazione di contenuti su diversi spazi web. Per ciascuna di queste schede tipo è stata specificata la struttura tipo (parte introduttiva, corpo centrale, parte di approfondimento e campo riservato), i campi compilabili, una breve descrizione del contenuto di ciascun campo e il carattere obbligatorio/facoltativo nella compilazione

16 2 sintesi delle azioni migliorative 2 sintesi delle azioni migliorative Modello scheda notizia/informativa Questa scheda tipo può essere utilizzata come scheda base per soddisfare le diverse esigenze informative della Regione: scheda informativa Urp, scheda Percorso per i cittadini e scheda dei portali tematici STRUTTURA CAMPI della scheda Descrizione del contenuto Campo obbligatorio/facoltativo Corpo centrale Destinatari Target a cui si rivolge il bando/iniziativa Obbligatorio (scheda Bando; scheda Servizi ai cittadini; scheda Campagne di comunicazione); facoltativo (scheda generale) STRUTTURA CAMPI della scheda Descrizione del contenuto Campo obbligatorio/facoltativo Parte introduttiva Parte introduttiva Settore di riferimento/ macro area Sottosettore di riferimento Argomento all interno del quale si colloca la scheda informativa (es. cultura) Sotto argomento in cui si articola la macroarea (es. spettacolo ecc.) Corpo centrale Titolo Oggetto specifico della scheda informativa (es. Bando di finanziamento per il cinema) Corpo centrale Cosa fa la Regione Competenze/funzioni della Regione: breve testo descrittivo (sintetico e di semplice comprensione) sulle funzioni/compiti e azioni regionali in materia (es. funzioni della Regione in materia di spettacolo) Corpo centrale Oggetto Breve testo descrittivo specifico sul progetto/attività oggetto della scheda (es. finalità e scopo dei bandi dello spettacolo). Eventuale durata Obbligatorio (scheda generale) Obbligatorio (scheda generale) Obbligatorio (scheda generale) Obbligatorio (scheda generale) Obbligatorio (scheda generale) Corpo centrale Orari di apertura del servizio Es. Urp della Regione se fornisce informazioni sul servizio in oggetto, Urp di settore, ecc. Corpo centrale Requisiti Requisiti che devo essere posseduti dai richiedenti per poter partecipare al bando o per ottenere un autorizzazione o accreditamento Corpo centrale Spese Spesa ammesse e non ammesse dal bando Corpo centrale Corpo centrale Entità e modalità di erogazione del contributo; modalità per ottenere autorizzazioni, permessi o accreditamenti Modalità per presentare la domanda Dove, orari di apertura uffici, indirizzi e recapiti, modalità di consegna domanda ecc. Corpo centrale Modulistica Fac simili domande e altri tipi di moduli a supporto della compilazione Facoltativo Obbligatorio (scheda bando; scheda Come fare per ) Facoltativo (schede bando) Obbligatorio (scheda bando; scheda Cosa fare per ) Obbligatorio (scheda bando) Obbligatorio (scheda bando, se previsto) Corpo centrale A chi rivolgersi Ufficio competente, Responsabile di settore, recapiti (indirizzo, , telefono) Specificare i recapiti dei colleghi che si occupano dell attività oggetto della scheda, linkando al Cerca Regione del portale regionale ER Obbligatorio (scheda generale) Corpo centrale Scadenza Termine per la presentazione della domanda Obbligatorio (scheda bando; se esplicitata; se non prevista riportare dicitura: bando aperto) 28 29

17 2 sintesi delle azioni migliorative 2 sintesi delle azioni migliorative STRUTTURA CAMPI della scheda Descrizione del contenuto Campo obbligatorio/facoltativo Modello organizzativo e flussi informativi Parte di approfondimento Norme e atti in vigore Indicazione delle leggi e delle principali norme di riferimento relative alla specifica scheda (ulteriori approfondimenti alle norme vanno linkati alla sezione dedicata alla normativa dei portali tematici) Linkare materiali (documenti, materiali di comunicazione, progetti, iniziative particolari, ecc..) pubblicati sui portali tematici o siti Obbligatorio (scheda generale) 1) Gestione dei flussi informativi in risposta a richieste degli utenti L Urp della Regione eroga tre diversi livelli di informazione: generale (organizzazione dell Ente) informazioni specifiche (es. iscrizione corsi di formazione) informazioni specialistiche (es. programmazione orari ferroviari). Parte di approfondimento Parte di approfondimento Parte di approfondimento Materiali di approfondimento Pubblicazioni Link utili Linkare alle eventuali pubblicazioni collegate alla scheda presenti sui portali tematici/siti Linkare alla sezione Link dei portali tematici/siti Facoltativo (scheda generale) Facoltativo (scheda generale) Facoltativo (scheda generale) I primi due tipi di informazioni sono definite di primo livello e riguardano informazioni sull Ente e notizie relative a servizi resi dalla PA (anche altre Amministrazioni: comunali, provinciali ecc.). Non richiedono una competenza specialistica sulle singole materie. Questo tipo di informazioni viene fornito direttamente dall Urp, che eventualmente indirizza il cittadino verso il Settore per ulteriori informazioni più specifiche e di dettaglio. La presa in carico è dell Urp, che mantiene contatti con i referenti per la comunicazione delle strutture e con i referenti delle schede informative Urp (se non coincidenti). Campo riservato redazione centrale Urp-redazione decentrata Note Contiene note di approfondimento sulla scheda (nomi di referenti, FAQ, documenti riservati ecc.). La redazione centrale Urp può decidere se renderle visibili all esterno. Nel caso delle FAQ se presenti anche sui portali tematici occorre segnalare il link all Urp che ne prevede la pubblicazione Facoltativo (scheda generale) Il terzo tipo di informazioni è definito di secondo livello e riguarda procedimenti amministrativi più complessi. Per il forte contenuto specialistico devono essere soddisfatte da uffici di settore. L Urp inoltra la richiesta ai settori che si occupano della presa in carico. Questi ultimi informano l Urp sugli esiti della risposta, con comunicazione scritta e tempestiva, e ne danno conoscenza anche al referente per la comunicazione della struttura e/o al referente della scheda informativa Urp. 2) Modello redazione centrale Urp e redazioni decentrate per le schede informative Nel maggio 2010, con lettera del Responsabile del Servizio Comunicazione, educazione alla sostenibilità, è stata avviata la creazione di una comunità di pratica per l aggiornamento in modo condiviso e continuato delle schede informative Urp. Per semplificare e razionalizzare le modalità di lavoro è stato richiesto a tutti i Direttori generali di individuare uno o più referenti per ogni struttura, con la funzione di filtro e di collegamento con i collaboratori delle varie aree tematiche presenti nelle schede informative. Occorre mantenere e potenziare questa struttura di rete informativa redazione centrale Urp e redazioni decentrate. I referenti della comunità di pratica sono incaricati di reperire, verificare e tra

18 2 sintesi delle azioni migliorative 2 sintesi delle azioni migliorative smettere le informazioni di loro competenza ai fini della redazione delle schede informative Urp. Attualmente una criticità è rappresentata dal fatto che all interno della comunità di pratica non tutte le redazioni decentrate operano nello stesso modo e con la stessa continuità. Per questo è essenziale che si mantenga un collegamento e un interazione costante tra i vari redattori (centrali e decentrati). La redazione Urp, che ha da tempo definito regole comuni, ha il compito di validare, uniformare e pubblicare le schede informative di settore. Attualmente le schede informative vengono redatte nei seguenti modi: Dalle redazioni decentrate (che ricevono segnalazioni dagli uffici di settore oppure individuano autonomamente gli argomenti) sulla base del modello concordato; vengono trasmesse in bozza alla redazione centrale Urp per la successiva validazione e pubblicazione; dalla redazione centrale Urp su input del Bollettino Ufficiale, dalle notizie dei portali, dai comunicati stampa, anche dalla segnalazione degli utenti. La redazione spetta all Urp, che trasmette la scheda al referente di settore per la successiva validazione; a volte la scheda viene pubblicata dopo un apposita formazione fatta ai collaboratori Urp da parte dei Settori; l aggiornamento delle schede informative avviene sia su segnalazione dei referenti di settore che per iniziativa della redazione dell Urp (che segnala eventuali richieste di variazione sulla base del riscontro con gli utenti). Ogni modifica alla scheda va condivisa tra redazione decentrata e centrale per assicurare un allineamento sui contenuti. In particolare il referente della scheda informativa deve comunicare tempestivamente e per iscritto alla redazione Urp qualsiasi variazione di contenuto nelle schede. In relazione all allineamento dei contenuti occorre ricordare che il back office Urp utilizza una piattaforma Plone i cui contenuti aggiornati vengono poi riversati nel sistema della conoscenza di ambiente SAP che è stato mantenuto per il front office onde mantenere un unico CRM per i contatti e le schede informative. In pratica viene utilizzato un doppio archivio la cui manutenzione presenta, a volte, ovvi problemi proprio in termini di allineamento. Nel gruppo di lavoro si è parlato, anche se solo in termini generali, della possibilità di ricondurre tutte le funzioni all interno della piattaforma Plone. 3) Modello redazione centrale Urp e redazioni decentrate per le notizie Al momento della pubblicazione delle principali notizie sui portali tematici/siti, nel caso di informazioni che possano interessare la redazione dell Urp, queste vanno trasmesse, a cura del referente della comunicazione o del referente del portale tematico (se non coincidenti), al back office Urp, al fine di mantenere un flusso costante di aggiornamento sulle novità della struttura. 4) Gestione dei reclami e feedback agli uffici Attualmente non esiste un percorso formalizzato e strutturato per la gestione dei reclami, tranne nel caso delle liste di attesa per la sanità (è disponibile una scheda informativa per i colleghi dell Urp che hanno indicazioni sul percorso da seguire). Negli altri casi i reclami vengono raccolti dall Urp e trasmessi tutti alla struttura competente, in modo che al cittadino venga comunque assicurata una risposta. La presa in carico è dunque dei settori, vista la delicatezza delle questioni sollevate. Come nel caso delle schede informative, sarebbe opportuno che la risposta ai reclami venisse inviata in copia alla redazione Urp. Le segnalazioni dei cittadini all Urp devono essere utilizzare come un utile strumento per ridefinire le opportune azioni di comunicazione e le caratteristiche dei servizi erogati: verificare un collegamento con il lavoro del Gruppo 3 sulla rilevazione della qualità (questionari di gradimento) e su come restituire alle strutture eventuali feedback degli utenti

19 2 sintesi delle azioni migliorative 2 sintesi delle azioni migliorative Criticità Occorre anche approfondire il tema relativo ai problemi tecnologici nella gestione quotidiana dei contatti (portale vocale, SAP ecc.). Su questo aspetto forse è tempo di fare una riflessione sulla dotazione tecnologica utilizzata e su quanto tempo viene dedicato a risolvere i malfunzionamenti e a inseguire le soluzioni per superarli; verificare con la cabina tecnica sulla riorganizzazione web come verranno collocate le schede informative/percorso cittadini all interno dei portali tematici. All Gruppo 2: Innovazione Tecnologica Il gruppo 2 ha rivisto l impostazione grafica e i contenuti della pagina web dell Urp, garantendo un uniformità e una coerenza visiva con il Nuovo Portale della Regione Emilia-Romagna. In primo piano è stata messa in evidenza l attualità con le novità e gli appuntamenti della settimana: i bandi di concorso, le iniziative e gli eventi di interesse per il pubblico. A questa rubrica è stato associato un servizio di SMS che consente ai cittadini di ricevere gratuitamente le principali segnalazioni dell Urp anche sul proprio cellulare. Nella pagina è possibile consultare i servizi on line, la modulistica legata ai bandi, i progetti relativi alle aree tematiche ordinati in schede informative con l indicazione su dove andare, come fare, cosa serve per usufruire dei servizi erogati. La nuova sezione denominata la bottega dell Urp offre, inoltre, la possibilità di reperire e/o visionare gratuitamente materiali quali documentari, immagini, pubblicazioni curate dalla Regione. Il lavoro di riprogettazione della pagina web dell Urp ha richiesto la collaborazione di tutte le Direzioni generali e il supporto tecnico del Servizio Informativo-informatico della Regione. Grazie alla nuova pagina web dell Urp, il cittadino potrà accedere alla Pubblica Amministrazione da un unica porta virtuale per usufruire in modo semplice e veloce delle informazioni e dei servizi di pubblica utilità

20 2 sintesi delle azioni migliorative 2 sintesi delle azioni migliorative Allegato 2 Servizi da rendere disponibili on line nella nuova pagina web dell Urp AREE TEMATICHE ARGOMENTO SERVIZI DISPONIBILI NUOVI SERVIZI ARGOMENTO SERVIZI DISPONIBILI NUOVI SERVIZI AGRICOLTURA AGRITURISMO I MUSEI DEL GUSTO STRADE DEI VINI E DEI SAPORI FATTORIE DIDATTICHE Possibile sviluppo di un servizio consulenza on line per i cittadini sui problemi fitopatologici del verde urbano privato (servizio fitosanitario) Possibile sviluppo della lista dei Farmers Market con cartina di geolocalizzazione AMBIENTE Cartografie Web-GIS VIA e VAS procedura per la valutazione di impatto ambientale Catalogo informazioni ambientali attualmente elenco statico banca dati INFEA attualmente con maschera di ricerca SISTEMA INFO EDUCAZIONE AMBIENTALE CERCA I LAVORI DELLE SCUOLE banca dati con maschera di ricerca sui progetti realizzati dalle scuole in futuro (forse entro la fine dell anno) avremo un servizio (di Livello 4) in cui l utente segue on line l intero ciclo di un procedimento amministrativo di interesse, riceve informazioni come l esito del procedimento Catalogo delle informazioni ambientali che diventerà interattivo con banca dati interrogabile con parole chiave MAPPA DEL CONSUMO SOSTENIBILE sito di produzione e consumo con info sui vari mercati sostenibili BOTTEGA SOSTENIBILITA luogo per promuovere i prodotti sostenibili VETRINA SOSTENIBILITA vetrina delle buone pratiche Cartina di geolocalizzazione dei centri INFEA La Bottega della Sostenibilità in prospettiva verrà spostata nel sito Consumer PARCHI IN RETE elenco dei parchi L AMBIENTE SI LAUREA banca dati di tesi sulla sostenibilità TECNOLOGIE PULITE banca dati rivolta alle imprese con le tecniche per ridurre l impatto ambientale (con Ervet) sentieriweb: Banca dati. Si può costruire autonomamente un percorso attraverso la compilazione di alcune maschere 36 37

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa -

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa - BANDO PER LA SELEZIONE DI 2.005 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE CAMPANIA Art. 1 Progetti e sedi di

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli