A) DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A) DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE"

Transcript

1 Piano Casa Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 come modificata dalla legge regionale 8 luglio 2011 n. 13 ALLEGATO A della delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 29 novembre 2011

2 PREMESSA Nell'intento di consentire un adeguato rilancio dell attività edilizia e la sostituzione del patrimonio edilizio non più rispondente all attuale situazione tecnologica ed energetica, il tutto nel rispetto dell ambiente, del paesaggio e del tessuto storico esistente, la Regione del Veneto ha approvato la legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile e modifiche alla legge regionale 12 luglio 2007, n. 16 in materia di barriere architettoniche. Successivamente con Legge 8 luglio 2011 n. 13 la Regione ha prorogato al 30 novembre 2013 il precedente termine di validità, introducendo nel contempo alcune modifiche al testo normativo. In particolare la Legge Regionale n. 14/2009, cosi come modificata ed integrata dalla Legge Regionale n. 13/2011, in deroga alle previsioni dei regolamenti comunali e degli strumenti urbanistici e territoriali, comunali, provinciali e regionali consente: l'ampliamento degli edifici esistenti nei limiti del 20 per cento del volume se destinati ad uso residenziale, estendibili al 30/35/45 per cento, in caso rispettivamente di utilizzo di energia da fonti rinnovabili, di contestuale intervento di riqualificazione portando la prestazione energetica dell intero edificio in classe B od entrambi gli interventi, e del 20 per cento della superficie coperta se adibiti ad uso diverso (art. 2) estendile al 30% in caso di interventi su edifici ad uso diverso dal residenziale; la sostituzione e il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente, mediante la demolizione e ricostruzione degli edifici realizzati anteriormente al 1989 che necessitano di essere adeguati agli attuali standard qualitativi, architettonici, energetici, tecnologici e di sicurezza, con possibilità di aumentare, fino al 40 per cento, il volume o la superficie coperta demolita, rispettivamente degli edifici ad uso residenziale e di quelli adibiti ad uso diverso, purché situati in zona territoriale propria e solo qualora per la ricostruzione vengano utilizzate tecniche costruttive prescritte (art. 3); Viene consentita, inoltre, in deroga agli indici di edificabilità, la possibilità di realizzare sistemi di captazione delle radiazioni solari aderenti o integrati negli edifici e pensiline e tettoie su abitazioni esistenti, finalizzate all installazione di impianti solari e fotovoltaici di tipo integrato o parzialmente integrato, così come definiti dalla normativa statale, con potenza non superiore a 6 kwp. L'art. 9, co. 5, della legge prevede, poi, in capo ai Comuni la facoltà di stabilire se e con quali ulteriori limiti e modalità applicare la normativa di cui agli artt. 2, 3. Specificatamente, il Consiglio Comunale è chiamato a deliberare sulla base di specifiche valutazioni di carattere urbanistico, edilizio, paesaggistico ed ambientale. Le seguenti disposizioni quindi, definiscono per il Comune di Vigodarzere, in ottemperanza all articolo 9 comma 5 della L.R. n. 14/2009, cosi come modificato dalla L.R. n. 13/2011, le modalità ed i limiti applicativi della legge stessa, nell intento: - di salvaguardare gli indirizzi urbanistici definiti dal PATI di Vigodarzere e Cadoneghe; - di tutelare gli edifici e gli ambiti di pregio architettonico ed ambientale. A) DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Le presenti disposizioni comunali non sono applicabili alla prima casa d abitazione, per la quale si applicano direttamente norme della L.R.14/09 e dall art 8 della L.R. n 26/2009, cosi come modificate dalla L.R. n 13/2011, fatte salve le disposizioni in materia di distanze stabilite dalla normativa statale vigente, cosi come richiamato dall art 9, comma 8.

3 2. Ai fini dell applicazione degli ampliamenti previsti dagli artt. 2 e 3 della legge si stabilisce che la superficie coperta degli edifici a destinazione diversa da quella residenziale corrisponde alla superficie lorda di pavimento, così come definita all art. 103 del vigente Regolamento Edilizio Comunale. Disciplina delle distanze: 3. Nella realizzazione degli interventi edilizi, devono essere rispettate le distanze dalle strade previste dal PRG, salvo la possibilità di autorizzazione da parte del Comune di costruire, nel caso di ampliamenti in aderenza senza originare o dare luogo al sopravanzo dell edificio verso l origine del rispetto stradale. 4. Nei lotti in cui non sia rispettata la distanza minima dai confini di proprietà di 5 m., gli interventi di cui agli articoli 2 e 3 della legge regionale potranno essere realizzati solo in sopraelevazione, arretrando la sopraelevazione stessa dal filo dell edificio in maniera tale da rispettare la distanza di m. 5 dai sopraccitati confini, fermo restando il rispetto del D.I. 1444/68 per quanto riguarda il distacco tra fabbricati. 5. La distanza minima di 5 m. dal confine di proprietà può essere però ridotta solo nel caso di assenso dei proprietari confinanti con atto registrato e trascritto. Disciplina delle altezze: 6. Le sopraelevazioni, nelle zone territoriali omogenee B e C, possono essere realizzate per il massimo di un piano rispetto all esistente e/o al limite di zona, fermo restando il rispetto del D.I. 1444/ Nel caso di edifici esclusivamente a destinazione diversa da quella residenziale, l ampliamento, nei limiti previsti dall art. 2 della legge, dovrà rispettare i limiti di altezza previsti dalla Norme Tecniche di Attuazione per la zona territoriale omogenea di riferimento. 8. Nelle zone produttive D1 gli interventi non possono portare al superamento dell altezza stabilita dalle NTA per la zona. Disciplina delle strutture produttive e commerciali: 9. La legge e le presenti disposizioni non sono applicabili alle strutture produttive esistenti in zone particolari (D2), limitatamente alle attività produttive da trasferire ed alle attività produttive da confermare senza possibilità di ampliamento. Per le altre strutture produttive sarà possibile l ampliamento degli edifici di cui agli artt. 2 e 3 a condizione che l intervento si realizzi all interno del limite dell area di pertinenza prevista dalla scheda approvata, fino ad un massimo di 200 mq di superficie coperta, da aggiungere alla superficie coperta di ampliamento ammissibile. L ampliamento fino al limite massimo di 200 mq di superficie coperta, da aggiungere alla superficie coperta di ampliamento ammissibile potrà essere realizzato anche all esterno del limite dell area di pertinenza prevista dalla scheda approvata solo per le ditte che chiederanno di usufruire anche dell ampliamento consentito e/o previsto dall art. 5 del D.P.R. 447/98 (Sportello Unico Attività Produttive in variante al PRG). 10. Gli ampliamenti di edifici adibiti ad attività produttiva, direzionale e/o commerciale, dovranno dotarsi della quantità di parcheggi previsti dalle vigenti norme tecniche di attuazione, in ragione del maggior carico urbanistico connesso al previsto aumento di volume o di superficie. Qualora tali superfici non siano disponibili, in tutto o in parte, l Amministrazione Comunale potrà consentire la loro monetizzazione mediante apposita deliberazione da parte del Consiglio Comunale.

4 B) DISPOSIZIONI RELATIVE ALL ART Gli ampliamenti di edifici plurifamiliari caratterizzati dalla ripetizione seriale di una tipologia abitativa (schiere) devono essere realizzati in maniera uniforme e con le stesse modalità costruttive e formali per tutte le case appartenenti al complesso. Il progetto pertanto dovrà essere presentato unitariamente, sottoscritto da tutti gli aventi titolo e rilasciato un unico titolo abilitativo. La realizzazione dell ampliamento potrà essere realizzato anche in tempi diversi e separatamente, comunque nei limiti di validità dell unico titolo abilitativo. 2. E consentito esclusivamente il recupero dei sottotetti esistenti alla data del , con collegamento diretto con l unità immobiliare sottostante, senza aumento delle unità stesse anche all interno dei P.U.A. e senza conseguente necessità di adeguamento degli standard urbanistici del piano attuativo stesso. 3. Gli ampliamenti che danno luogo a nuove unità abitative sono comunque subordinati al rispetto dell art. 6 - penultimo comma delle NTA/PRG relativo ai parcheggi. 4. Gli ampliamenti commerciali sono consentiti solo per le superfici commerciali esistenti, di superficie netta non superiore a mq. 250 ricadenti in zone residenziali di completamento B-C1. 5. Gli interventi di ampliamento devono avvenire nel rispetto delle prescrizioni tipologiche di zona dettate dalla vigenti NTA, del Regolamento Edilizio Comunale oppure della tipologia e caratteristiche costruttive e formali originarie del fabbricato oggetto dell intervento, uniformandosi all altezza dell edificio esistente o, in alternativa, per le sole zone rurali, realizzando al massimo due piani fuori terra (piano terra e piano primo). Ampliamenti ai sensi della LR 14/2009 e s.m.i. congiunta all art. 44 comma 5 della LR 11/2004: In considerazione delle premesse citate, è possibile utilizzare la volumetria residua di un edificio esistente, ricadente in zona agricola (sino a 800 mc LR 11/2004), per l ampliamento di un corpo edilizio separato, congiunto alla LR 14/2009 e s.m.i. previo opportuna dimostrazione dell impossibilità di realizzarlo in aderenza così come definito dalla Legge stessa. Gli interventi dovranno essere realizzati all interno della medesima Z.T.O. Agricola. Si ribadisce che entrambi gli ampliamenti, sia della LR 14/2009 e s.m.i che della LR 11/2004 e s.m.i., sono concessi agli edifici che rispettano le caratteristiche determinate dalle rispettive norme. L efficacia di tale applicazione si esaurisce con i termini di validità definiti dalla LR 14/2009 così come modifica dalla LR 13/2011. Il Comune dovrà dotarsi di un registro sul quale scrivere i dati catastali degli edifici che utilizzano la cubatura residua del PRG congiunta con la volumetria prevista dalla L.R. 14/2009 e s.m.i. Collegamento Funzionale L ampliamento del corpo edilizio separato, una volta dimostrata l impossibilità di effettuarlo in aderenza, sarà realizzato ad una distanza non superiore a ml. 30,00 dall edificio generatore dell ampliamento e situato solo all interno del medesimo lotto in cui si trova l edificio da ampliare o su lotti contigui, appartenenti al medesimo proprietario, nonché i due fabbricati dovranno essere collegati esternamente da opportuni percorsi pedonali e/o carrai (vedi schema A ); - solo nel caso in cui l edificio da ampliare si trovi all interno della fascia di rispetto stradale o contiguo ad essa, ed il proprietario abbia un lotto posto sul fronte opposto ad una strada, una volta dimostrato l impossibilità a realizzare l ampliamento in aderenza o separato come indicato al precedente punto, è possibile realizzare l ampliamento anche sul lotto opposto e solo in corrispondenza del limite della fascia di rispetto stradale; in questo caso il collegamento funzionale è determinato dalla realizzazione del nuovo fabbricato fronteggiante all edificio generatore dell ampliamento (vedi schema B ).

5 Unità abitative Si conferma che qualsiasi ampliamento realizzato ai sensi della LR 14/2009 e dalla successiva modifica di cui alla LR 13/2011, in aderenza o tramite un corpo edilizio separato, ancorché utilizzando eventualmente anche la parte residua del PRG del generatore dell ampliamento, per non essere soggetta a quanto indicato all art. 9 comma 4 della Legge Regionale, deve creare una sola nuova unità abitativa in aggiunta a quella/e esistente/i. Vincoli Al fine dell efficacia del titolo edilizio, per l edificio generato con l utilizzo della volumetria residua di PRG congiunto alla volumetria della L.R. 14/2009 e s.m.i., realizzato separato, sia istituito un vincolo decennale da trascrivere nei registri immobiliari per la non alienazione e la non locazione del nuovo edificio a società o enti di qualsiasi genere o a persone non appartenenti al nucleo familiare del richiedente. C) DISPOSIZIONI RELATIVE ALL ART. 3 Fermo restando il rispetto della L.R. 4/2007 e delle linee guida di cui alla DGR n del 4 agosto 2009 si forniscono le seguenti ulteriori disposizioni: 1. Gli interventi per le destinazioni direzionali e commerciali sono subordinati al reperimento della dotazione di parcheggio nella quantità pari alla superficie ampliata e dell esistenza delle opere di urbanizzazione primaria. Gli interventi commerciali sono tuttavia consentiti esclusivamente per le superfici commerciali esistenti realizzati anteriormente al 1989, di superficie netta non superiore a mq 250 ricadenti esclusivamente in zone residenziali di completamento B-C1. 2. Non sono ammessi gli interventi di cui agli articoli 3, della LR n 14/2009, per le zone omogenee soggette a piano di recupero e per le aree del PATI soggette a riqualificazione e riconversione. 3. Gli interventi previsti da questo articolo sono applicabili anche agli edifici residenziali, rurali, annessi rustici, ubicati in zona agricola in quanto, l obiettivo che la legge si propone è quello di promuovere il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente e l adeguamento agli attuali standard qualitativi ed energetici. Anche in questo caso gli ampliamenti in zona agricola, dovranno essere eseguiti nel rispetto integrale della tipologia originaria, uniformandosi all'altezza dell'edificio esistente o, in alternativa, realizzando al massimo n. 2 piani (Piano Terra e Piano Primo). E) ESCLUSIONI DALL APPLICAZIONE DEL PIANO CASA (DISPOSIZIONI RELATIVE ALL ART. 9) Gli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 14/2009, come modificata dalla legge regionale n. 13/2011, oltre alle esclusioni già previste dalla stessa, non trovano applicazione: 1. negli edifici isolati o complessi edificati di grande valore storico-ambientale-monumentale individuati dal PATI di Vigodarzere e Cadoneghe e gli edifici schedati ai sensi dell ex art. 10 della L.R. 24/1985 individuati in ZTO A1;

6 2. negli edifici isolati o complessi edificati di interesse architettonico-ambientale individuati dal PATI di Vigodarzere e Cadoneghe e gli edifici schedati ai sensi dell ex art. 10 della L.R. 24/1985 individuati in ZTO A2; 3. nelle zona F zone ed attrezzature di interesse comune ed aree di tipo speciale ad esclusione delle zone F5; 4. nelle seguenti zone: - comparto CD/1,CD/2, CD/4, CD/5A, CD/5B (art. 13 NTA/PRG); - ZTO di tipo speciale CD/A (art. 13 bis NTA/PRG); - comparto D1/1 e D1/3 (art. 15 NTA/PRG); - ZTO D2/A (Vigodarzere, area produttiva compresa tra le Vie Carducci e De Gasperi denominata ex Benoni); - ZTO D2 attività produttiva azienda Ciandor Snc, n. 11 dell elenco di cui all art. 16 NTA/PRG, stralciata con DGR 2633/ ; - nelle zone individuate dal PATI di Vigodarzere e Cadoneghe come aree di riqualificazione e riconversione. F) CENTRI STORICI Ai sensi e per gli effetti dell art. 9 comma 1 lettera a) interventi di cui agli artt. 2 e 3 della citata L.R. 14/09 come modificata dalla legge regionale n. 13/2011, trovano applicazione all interno dei centri storici per gli edifici privi di grado di protezione anche se soggetti a piano urbanistico attuativo con le modalità previste dalle disposizioni di cui alla Legge Regionale 14/09 e ss.mm.ii. e del regolamento edilizio comunale per le norme compatibili, compresi gli edifici con grado di protezione di demolizione, ricostruzione, ristrutturazione, sostituzione edilizia, ricomposizione volumetrica o urbanistica anche se soggetti a piano urbanistico attuativo: 1. dovranno rispettare le norme in materia distanze dai confini di proprietà previste dalle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale; 2. le altezze degli edifici non potranno superare i limiti di altezza all edificazione definiti dalle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale, fatta eccezione per gli interventi a destinazione residenziale per i quali è consentito l aumento di detti limiti nella percentuale massima del 40%. G) CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Come previsto dall art. 7 della L.R. 14/2009, come modificata dalla L.R. 13/2011, per gli interventi di cui agli art. 2 e 3, il contributo di costruzione: 1. è ridotto del 60% per edifici o unità immobiliari destinati a prima abitazione del proprietario o dell avente titolo; 2. non è dovuto per edifici o unità immobiliari destinati a prima abitazione del proprietario o dell avente titolo, che utilizzano fonti di energia rinnovabile con potenza non inferiore a 3 kwh; 3. per tutti gli altri interventi (seconde case d abitazione e altre destinazioni diverse dalla residenza) il contributo è corrisposto per intero.

Comune di Rubano allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 29/11/2011

Comune di Rubano allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 29/11/2011 allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 29/11/2011 Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14, come modificata

Dettagli

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO . MODALITA PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 (BUR n. 56/2009)INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE

Dettagli

IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio Treviso, 28 luglio 2011

IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio Treviso, 28 luglio 2011 IL NUOVO PIANO CASA LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 Treviso, 28 luglio 2011 IL PIANO CASA La legge sul nuovo piano casa è una legge che non prevede nuovo consumo di territorio perché norma l edificato

Dettagli

IL SECONDO PIANO CASA

IL SECONDO PIANO CASA COMUNE DI MARTELLAGO L.R. n. 14 del 08.07.2009 come integrata dalla L.R. n. 13 dell 8.7.2011 IL SECONDO PIANO CASA Seminario tecnico del 20.10.2011 Settore Assetto del Territorio Settore Edilizia Privata

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regionale

Nuovo Piano Casa Regionale Nuovo Piano Casa Regionale Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Settembre 2011 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente

Dettagli

FAQ PIANO CASA 1. Quali sono gli interventi promossi dalla Regione Veneto con il Piano casa. per il sostegno del settore edilizio?

FAQ PIANO CASA 1. Quali sono gli interventi promossi dalla Regione Veneto con il Piano casa. per il sostegno del settore edilizio? FAQ PIANO CASA 1. Quali sono gli interventi promossi dalla Regione Veneto con il Piano casa. per il sostegno del settore edilizio? Il Piano casa ammette i seguenti interventi di ampliamento: - Ampliamento

Dettagli

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DISEGNO DI LEGGE presentato dai deputati: Mancuso, Leontini, Adamo, Caronia, Caputo, Buzzanca, Beninati, D Asero, Pogliese, Torregrossa, Leanza E., Bosco, Limoli, Campagna,

Dettagli

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 Città di Pescara Medaglia d oro al Merito Civile ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 1 ALLEGATO A INDIRIZZI OPERATIVI - LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 19 AGOSTO 2009 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 e s.m.i

REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 e s.m.i Allegato sub. A REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 e s.m.i Art 1. Ambito di applicazione... 2 Art 2. Modalità di presentazione della domanda di ampliamento...

Dettagli

Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e successive modifiche ed integrazioni

Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e successive modifiche ed integrazioni e successive modifiche ed integrazioni INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007, N. 16 IN

Dettagli

COMUNE DI TOMBOLO LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI 8 LUGLIO 2009 N. 14, COME DA ULTIMO MODIFICATA

COMUNE DI TOMBOLO LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI 8 LUGLIO 2009 N. 14, COME DA ULTIMO MODIFICATA Allegato A alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 2011 COMUNE DI TOMBOLO LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2 E 3 DELLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009 N.

Dettagli

Provincia di Rovigo COMUNE DI ROVIGO DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO

Provincia di Rovigo COMUNE DI ROVIGO DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO Provincia di Rovigo COMUNE DI ROVIGO doc A PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA ai sensi degli art. 3 della L.R. 14/09 come modificata dalla L.R. 13/11. ROVIGO_Via Olmo 5, Fenil del Turco oggetto: DOCUMENTAZIONE

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009

REGIONE CAMPANIA. Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 REGIONE CAMPANIA Legge regionale n. 19 del 28 dicembre 2009 v. anche legge regionale n. 1 del 5 gennaio 2011; DGR n. 145 del 12 aprile 2011 (Linee guida per la valutazione della sostenibilità energetica

Dettagli

Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14

Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 COMUNE DI CASALSERUGO - Prov. di Padova - Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 In data 8 luglio 2009 è stata approvata

Dettagli

C O M U N E D I L O N G A R E Provincia di Vicenza Area Tecnica - Settore Urbanistica ed Edilizia Privata

C O M U N E D I L O N G A R E Provincia di Vicenza Area Tecnica - Settore Urbanistica ed Edilizia Privata C O M U N E D I L O N G A R E Provincia di Vicenza Area Tecnica - Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Via G. Marconi 26 36023 Longare (VI) cod. fisc. 00415090240 tel. 0444/555444 fax 0444/953441 ALLEGATO

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA Legge regionale 13 marzo 2012 - n. 4 Norme per la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente e altre disposizioni in materia urbanistico edilizia

Dettagli

Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 11 febbraio 2011

Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 11 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

Il geom. Maniero, Responsabile del servizio Edilizia Privata e urbanistica, illustra l argomento.

Il geom. Maniero, Responsabile del servizio Edilizia Privata e urbanistica, illustra l argomento. OGGETTO: RECEPIMENTO DELLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009 N. 14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Relazione Tecnica di valutazione

Relazione Tecnica di valutazione Comune di CASALEONE Ufficio Tecnico Comunale Relazione Tecnica di valutazione L.R. 8 luglio 2009 n. 14, articolo 9, comma 5. (modificata dalla L.R. 8 luglio 2011 n.13) Intervento regionale a sostegno del

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 34 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 7-8-2009 6543 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 7 agosto 2009, n. 25 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 34 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 7-8-2009 6543 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 7 agosto 2009, n. 25 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE

Dettagli

Limiti e modalità applicative. della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14

Limiti e modalità applicative. della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 COMUNE DI VILLA ESTENSE Provincia di Padova Allegato A alla Delibera di C.C. n.36 Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n.

Dettagli

OGGETTO: Quesiti sull applicazione della L.R. n. 22/09 (Piano Casa).

OGGETTO: Quesiti sull applicazione della L.R. n. 22/09 (Piano Casa). Prot. n. 726056 del 29 novembre 2011 OGGETTO: Quesiti sull applicazione della L.R. n. 22/09 (Piano Casa). Il Comune formula dei quesiti su problematiche emerse in sede di attuazione della L.R. 8 ottobre

Dettagli

Proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale

Proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale PROPONENTE TERRITORIO\\SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ANNO 2011 NUMERO 5 OGGETTO INDIRIZZI APPLICATIVI DELLA L.R. VENETO N.14/2009 COME MODIFICATA DALLA L.R.

Dettagli

Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Allegato sub a) alla delibera di Consiglio Comunale n. 26 del 28.09.2011 COMUNE DI CASALSERUGO - Prov. di Padova - Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della

Dettagli

- Castelfranco Veneto (TV) 20 novembre

- Castelfranco Veneto (TV) 20 novembre L'ISTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PER FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE: FORME PREMIALI ED ECOINCENTIVI DELL'EDILIZIA - Castelfranco Veneto (TV) 20 novembre 2009 - Ing. Marco Frau Premesse L idea di base della

Dettagli

Comune di Vo PREMESSA. pag. n. 2 di 11

Comune di Vo PREMESSA. pag. n. 2 di 11 COMUNE DI VO (Pd) Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14, come modificata della legge regionale 8 luglio 2011, n. 13. PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI CISON DI VALMARINO Limiti e modalità operative di applicazione del Piano Casa (art. 9, comma 5, della LR n. 14/2009)

COMUNE DI CISON DI VALMARINO Limiti e modalità operative di applicazione del Piano Casa (art. 9, comma 5, della LR n. 14/2009) Allegato sub A alla delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 30.11.2011 COMUNE DI CISON DI VALMARINO Limiti e modalità operative di applicazione del Piano Casa (art. 9, comma 5, della LR n. 14/2009) Premesse

Dettagli

LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 COORDINATA CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA LR 32/2013

LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 COORDINATA CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA LR 32/2013 LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 COORDINATA CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA LR 32/2013 Art. 1 - Finalità. 1. La Regione del Veneto promuove misure per il sostegno del settore edilizio attraverso

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 07-08-2009 REGIONE BASILICATA Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile. - Padova (PD) 30 settembre 2009 -

Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile. - Padova (PD) 30 settembre 2009 - Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile - Padova (PD) 30 settembre 2009 - Ing. Marco Frau Premesse La LR 08.07.2009 n 14 è stata pubblicata

Dettagli

Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia

Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia Piano Legge Regionale n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio urbanistico della Lombardia Il Comune di Brescia con delibera n. 196 del 12 ottobre 2009 ha

Dettagli

Allegato A) alla Deliberazione del Consiglio Comunale n._20 del _ _ PIANO CASA

Allegato A) alla Deliberazione del Consiglio Comunale n._20 del _ _ PIANO CASA Allegato A) alla Deliberazione del Consiglio Comunale n._20 del _29.07.2010_ PIANO CASA MODALITÀ OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA L.R. 19 AGOSTO 2009,N. 16. 1. Ambito di applicazione Gli interventi di

Dettagli

Legge Regionale n. 22/2009. Piano Casa. 30 ottobre ore Jesi - Sala Consiliare del Comune

Legge Regionale n. 22/2009. Piano Casa. 30 ottobre ore Jesi - Sala Consiliare del Comune Legge Regionale n. 22/2009 Piano Casa Incontro con i professionisti e con i cittadini 30 ottobre 2009 - ore 16.00 Jesi - Sala Consiliare del Comune Comune di Jesi_Assessorato Urbanistica e Ambiente_Servizio

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PIANO CASA

ALLEGATO TECNICO PIANO CASA Provincia di Vicenza ALLEGATO TECNICO PIANO CASA Individuazione delle esclusioni, limiti e modalità applicative degli artt. 2,3 della L.R. 8 luglio 2009 n. 14 come modificata dalla L.R. 8 luglio 2011 n.

Dettagli

Studio Legale Spallino

Studio Legale Spallino LEGGE REGIONE LOMBARDIA 11 MARZO 005, N. 1 PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO TITOLO IV - ATTIVITÀ EDILIZIE SPECIFICHE CAPO I - RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI in grassetto le modifiche

Dettagli

TITOLO IV - CAPO I - Legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 così come modificata dalla Legge regionale 27 dicembre 2005, n. 20.

TITOLO IV - CAPO I - Legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 così come modificata dalla Legge regionale 27 dicembre 2005, n. 20. Alla cortese attenzione CONSIGLIO COMUNALE TITOLO IV - CAPO I - Legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 così come modificata dalla Legge regionale 27 dicembre 2005, n. 20. Indirizzi di politica urbanistica

Dettagli

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02 Progettista via dell'autostrada n. 9 51019 Ponte Buggianese (PT) COMUNE DI ALTOPASCIO Provincia di Lucca VARIANTE PUNTUALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ai sensi dell'art.8 del DPR n.160/2010 e dell'art.

Dettagli

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions )

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions ) 1 Un fabbricato, ubicato nel centro abitato, accatastato alla categoria C/2 può godere del cambio di destinazione d uso come abitazione da accatastare in categoria A e contestualmente godere dell ampliamento

Dettagli

Sintesi ANIT 15 settembre 2009 PIANO CASA Dall accordo Stato-Regioni alla pubblicazione dei diversi recepimenti regionali del piano casa

Sintesi ANIT 15 settembre 2009 PIANO CASA Dall accordo Stato-Regioni alla pubblicazione dei diversi recepimenti regionali del piano casa Sintesi ANIT 15 settembre 2009 PIANO CASA Dall accordo alla pubblicazione dei diversi recepimenti regionali del piano casa Indice 1. Accordo 2. Elenco leggi regionali 3. Sintesi leggi regionali 1. Accordo

Dettagli

Piano Casa Regione Lazio

Piano Casa Regione Lazio Legge Regionale 11 agosto 2009, n. 21 Piano Casa Regione Lazio Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l edilizia residenziale sociale 1 PRINCIPALI CONTENUTI: Interventi di ampliamento

Dettagli

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions)

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions) 1 La richiesta di chiarimenti formulata dall Amm.ne Com.le di Potenza riguarda l applicazione delle limitazioni contenute nella norma regionale al comma 1-quater dell art. 6 della L.R. n. 25/2012 in sostituzione

Dettagli

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO Art. 1.03 DEROGHE ALLE PRESENTI NORME Deroghe alle presenti norme sono ammissibili nei limiti e nella forma stabiliti dall art. 41 quater, L. 17/8/1942 n. 1150,

Dettagli

COMUNE DI MERLARA. (Provincia di Padova)

COMUNE DI MERLARA. (Provincia di Padova) Allegato A) alla deliberazione del Consiglio Comunale n 24 in data 29/11/2011 COMUNE DI MERLARA (Provincia di Padova) Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 della legge

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 1- DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE 1.1- Per i nuovi edifici il costo di costruzione al mq di superficie

Dettagli

Salva l applicazione di quanto disposto dal titolo III della legge regionale 6 luglio 2009, n. 6 si dispone quanto segue DEFINIZIONI COMUNI

Salva l applicazione di quanto disposto dal titolo III della legge regionale 6 luglio 2009, n. 6 si dispone quanto segue DEFINIZIONI COMUNI Salva l applicazione di quanto disposto dal titolo III della legge regionale 6 luglio 2009, n. 6 si dispone quanto segue DEFINIZIONI COMUNI 1. Per edifici abitativi si intendono gli edifici adibiti ad

Dettagli

DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1)

DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) (approvate con deliberazione della Giunta provinciale n. 2023 di data 3 settembre 2010) Art. 1 Disposizioni

Dettagli

NUOVO PIANO CASA REGIONE LAZIO. Legge 11 agosto 2009 n. 21, Modificata da L.R. 10/2011, L.R. 12/2012, L.R. 8/2014, L.R. 10/2014

NUOVO PIANO CASA REGIONE LAZIO. Legge 11 agosto 2009 n. 21, Modificata da L.R. 10/2011, L.R. 12/2012, L.R. 8/2014, L.R. 10/2014 NUOVO PIANO CASA REGIONE LAZIO Legge 11 agosto 2009 n. 21, Modificata da L.R. 10/2011, L.R. 12/2012, L.R. 8/2014, L.R. 10/2014 1 La legge si applica agli edifici per i quali alla data del 31.12.2013 sussistano

Dettagli

, n Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente.

, n Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente. REGIONE BASILICATA Legge regionale 7 agosto 2009, n. 25 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R. 7 agosto 2009,

Dettagli

INDIRIZZI OPERATIVI LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009, N

INDIRIZZI OPERATIVI LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009, N INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO - INDIRIZZI OPERATIVI Legge Regionale 8 luglio 2009 n. 14 come modificata dalla Legge regionale 8 luglio 2011 n. 13. -1- INDIRIZZI OPERATIVI LIMITI,

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO GENNAIO 2009 AREA CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE EX CASEIFICIO MERLO LOCALIZZAZIONE AREA STRADARIO DI ACQUI TERME Area con destinazione residenziale

Dettagli

REGIONE VENETO. (Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Veneto n. 56 del 10 luglio 2009)

REGIONE VENETO. (Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Veneto n. 56 del 10 luglio 2009) REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE 8 luglio 2009, n. 14 Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l'utilizzo dell'edilizia sostenibile e modifiche alla legge regionale 12 luglio 2007,

Dettagli

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:... 1 SCHEDA AU_03_18175.pdf COMUNE DI VERRUA PO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE:

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNALI ED INTERVENTI AMMISSIBILI BARI 22 FEBBRAIO 2013 Arch. Giacomo Losapio Dirigente Ripartizione Tecnica

Dettagli

L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011

L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011 L'ATTUAZIONE REGIONALE DEL D.L. 70/2011 Regioni che hanno dato attuazione Regioni che non hanno dato attuazione DOSSIER Aggiornato al 14 ottobre 2011 Direzione Legislazione Mercato Privato Normativa Statale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N.14

LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N.14 LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N.14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE - PIANO CASA - ART. 2 INTERVENTI EDILIZI 1 In deroga alle previsioni

Dettagli

PIANO CASA. Città di Termini Imerese 2 Settore Territorio, Ambiente e Attività Produttive. 7 aprile 2010

PIANO CASA. Città di Termini Imerese 2 Settore Territorio, Ambiente e Attività Produttive. 7 aprile 2010 Prime valutazioni riguardanti la legge n.6 del 23.03.10 comunemente definita: PIANO CASA 7 aprile 2010 Il PIANO CASA IN SICILIA La legge n.6 del 23.03.10, comunemente definita Piano Casa, si propone di

Dettagli

Dott. Ing. MARCELLO MONTEFORTE Cost Engineer Practitioner

Dott. Ing. MARCELLO MONTEFORTE Cost Engineer Practitioner Intervento Recupero edilizio e funzionale di volumetria e superfici edilizie non costituenti SLP in edifici ultimati al 18/7/09 NON ubicati in zone destinate all'agricoltura e alle attività produttive.

Dettagli

1. PREMESSA STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VIGENTI STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE...

1. PREMESSA STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VIGENTI STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE... SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VIGENTI... 2 3. STRALCIO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE... 5 1 1. PREMESSA In seguito alle considerazioni riportate

Dettagli

Art. 1 Disposizioni generali.

Art. 1 Disposizioni generali. ALLEGATO 2 DISPOSIZIONI PROVINCIALI IN MATERIA DI DISTANZE (articolo 58 della legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1) (Testo coordinato dell'allegato 2 alla deliberazione della Giunta provinciale n. 2023

Dettagli

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise settembre 2016 LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise Progetto Ubicazione: Padova, zona Mortise, via Polonio Lotto edificabile: Residenziale Perequazione Urbana. Volume urbanistico: 670 metri cubi. Progetto

Dettagli

DATO ATTO che le tabelle di cui sopra sono determinate applicando la variazione ISTAT degli indici dei prezzi al consumo Dicembre 2004/2007 ;

DATO ATTO che le tabelle di cui sopra sono determinate applicando la variazione ISTAT degli indici dei prezzi al consumo Dicembre 2004/2007 ; RICHIAMATA la Deliberazione di G.C. n 19/07.03.2008 con la quale venivano approvate le TABELLE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA da versare a favore del Comune per atti di natura edilizia ed urbanistica, disponendo

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali

Regione Lazio. Leggi Regionali 12/08/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64 Pag. 10 di 300 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 8 agosto 2014, n. 8 Modifiche alle leggi regionali 6 luglio 1998, n. 24 (Pianificazione

Dettagli

Allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del 16/04/2009

Allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del 16/04/2009 Regolamento esplicativo per la determinazione delle dotazioni di parcheggi pubblici e privati inerenti gli interventi edilizi ricadenti nell ambito del Piano Particolareggiato delle Strutture Ricettive

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Allegato alla delibera C.C. n. 77 del 27/10/2011 Legge Regionale 8 luglio 2009, n. 14 "INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE

Dettagli

Disposizioni provinciali in materia di distanze. Art. 1 Disposizioni generali

Disposizioni provinciali in materia di distanze. Art. 1 Disposizioni generali Disposizioni provinciali in materia di distanze Art. 1 Disposizioni generali 1. Questa deliberazione disciplina, ai sensi dell articolo 59, comma 2, della legge provinciale: a) le distanze minime tra edifici

Dettagli

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ

REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 11 AGOSTO 2010, N. 21 (MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELL'ATTIVITÀ EDILIZIA FINALIZZATA AL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DEL PATRIMONIO EDILIZIO

Dettagli

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI. PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15

PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI. PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15 PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NOMI PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE 2017 Art. 39 L.P. 4 agosto 2015, n. 15 ESTRATTO NORME DI ATTUAZIONE ESTRATTO NTA - Raffronto Prima Adozione Delibera del Consiglio

Dettagli

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Gli oneri si applicano alla superficie lorda, determinata ai soli fini del presente provvedimento, dalla somma delle S.U.L., così come previsto dall art. 3

Dettagli

Comune di Falconara Marittima

Comune di Falconara Marittima Allegato A REGOLAMENTO COMUNALE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 70 del 11/08/2011 Proposta N. 76779 del 08/06/2011 Pag. 1 INDICE Art. 1 Normativa di riferimento

Dettagli

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012

ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 ONERI CONCESSORI DA APPLICARE NELL ANNO 2012-12-11 DELIBERA DI C.C. N. 77 DEL 06/12/2012 QUADRO RIASSUNTIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE A) Edifici residenziali e scolastici

Dettagli

COMUNE DI SASSETTA Provincia di Livorno

COMUNE DI SASSETTA Provincia di Livorno AREA 1 - UFFICIO TECNICO TABELLE RELATIVE AL CALCOLO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E DEL COSTO DI COSTRUZIONE (Titolo VII - Capo I - Legge regionale n.65/2014) Regolamentazione approvata con delibera Consiglio

Dettagli

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale

Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale L.R. 6/2009: GOVERNO E RIQUALIFICAZIONE SOLIDALE DEL TERRITORIO Regione Emilia-Romagna Il riordino della disciplina urbanistica per il rilancio dell economia regionale Dott. Giovanni Santangelo 1 III.

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE AL PRG VIGENTE RELATIVA ALLA DISCIPLINA URBANISTICA DEGLI ALBERGHI AI SENSI DELLA L.R. 07 FEBBRAIO 2008 N. 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Sanremo, 21/04/2011

Dettagli

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO. Limiti e modalità operative di applicazione del Piano Casa (art. 9 comma 5 della LR n. 14/2009)

COMUNE DI QUINTO DI TREVISO. Limiti e modalità operative di applicazione del Piano Casa (art. 9 comma 5 della LR n. 14/2009) COMUNE DI QUINTO DI TREVISO Limiti e modalità operative di applicazione del Piano Casa (art. 9 comma 5 della LR n. 14/2009) Le presenti norme disciplinano le modalità di applicazione della legge regionale

Dettagli

COMUNE DI MONTEGROTTO TERME. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dalla legge regionale 8 luglio 2009, n. 14.

COMUNE DI MONTEGROTTO TERME. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dalla legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. COMUNE DI MONTEGROTTO TERME PROVINCIA DI PADOVA Settore Tecnico Unità Urbanistica - Allegato A Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dalla legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. PREMESSA

Dettagli

COMU E DI VALDOBBIADE E. Limiti e modalità operative di applicazione del Piano Casa

COMU E DI VALDOBBIADE E. Limiti e modalità operative di applicazione del Piano Casa Allegato A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 48 del 29/11/2011 dichiarata immediatamente eseguibile COMU E DI VALDOBBIADE E Limiti e modalità operative di applicazione del Piano Casa Testo vigente

Dettagli

Piano casa: cosa è possibile fare

Piano casa: cosa è possibile fare Piano casa: cosa è possibile fare Recupero edilizio e funzionale degli edifici esistenti Ampliamento della volumetria o sostituzione degli edifici esistenti Lo scorso 15 ottobre il Consiglio Comunale di

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO. Provincia di Grosseto

COMUNE DI GAVORRANO. Provincia di Grosseto COMUNE DI GAVORRANO Provincia di Grosseto Variante al regolamento urbanistico per la zona D1 di San Giuseppe Variante al piano per insediamenti produttivi "San Giuseppe 2" e contestuale variante al regolamento

Dettagli

Specifiche Operative

Specifiche Operative Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico- edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 27 giugno 2017 4 luglio 2017

Dettagli

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE

Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata. Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE Legge provinciale per il governo del territorio 2015 novellata Regolamento urbanistico edilizio provinciale II PARTE dott.ssa Lucia Frenguelli dott. Corrado Braito Trento, 6 ottobre 2017 1 FOCUS STANDARD

Dettagli

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI Allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 08/04/2014 COMUNE DI CAPENA REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N di iniziativa dei Consiglieri regionali: Fermi, Dotti, D.Maroni. Recupero dei piani seminterrati esistenti.

PROGETTO DI LEGGE N di iniziativa dei Consiglieri regionali: Fermi, Dotti, D.Maroni. Recupero dei piani seminterrati esistenti. REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 9323 PROGETTO DI LEGGE N. 0258 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Fermi, Dotti, D.Maroni Recupero dei piani seminterrati esistenti. PRESENTATO

Dettagli

C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia

C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia SETTORE URBANISTICO O G G E T T O VARIANTE N 20 AL PRGC PROPOSTA DI MODIFICHE ALLE N.T.A. DEL P.R.G.C. CONNESSE ALL APPROVAZIONE

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA

COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA COMUNE DI RIMINI CF/P.IVA 00304260409 DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE Settore Pianificazione Attuativa ed Edilizia Residenziale Pubblica U.O. Piani Attuativi Privati NORME TECNICHE DI

Dettagli

T A B E L L A A L L E G A T O A

T A B E L L A A L L E G A T O A T A B E L L A A L L E G A T O A A R E E E D I F I C A B I L I AREA LIBERA : area di completamento all interno del PRG oppure lotto in un piano particolareggiato già collaudato. C A L C O L O I M P O N

Dettagli

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio

l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio l.p. 4 agosto 2015, n. 15 legge provinciale per il governo del territorio step 19 aprile 2016 Recupero del patrimonio edilizio esistente Riduzione del consumo di suolo Valorizzazione del paesaggio Ridefinizione

Dettagli

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI MONITORAGGIO PIANO CASA STATO DELL ARTE Numero di istanze

Dettagli

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara)

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) 1 COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) PIANO PARTICOLAREGGIATO UNITÀ DI INTERVENTO n. 3-5 DELL AMBITO NORMATIVO Br3 VIALE BERRINI VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ NORME DI ATTUAZIONE 1. OGGETTO DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE Proposta di Deliberazione N 256 Del 29/11/2016

CONSIGLIO COMUNALE Proposta di Deliberazione N 256 Del 29/11/2016 CONSIGLIO COMUNALE Proposta di Deliberazione N 256 Del 29/11/2016 Oggetto: Gbr s.r.l. parere preventivo ai sensi dell'art. 15 del regolamento edilizio per intervento di demolizione e ricostruzione di un

Dettagli

Limiti e modalità operative applicative del Piano Casa (art. 9 comma 5 della LR n. 14/2009 integrato dalla LR n. 13/2011 )

Limiti e modalità operative applicative del Piano Casa (art. 9 comma 5 della LR n. 14/2009 integrato dalla LR n. 13/2011 ) Allegato sub (A alla delibera di Consiglio Comunale n. del 29.11.2011 COMUNE DI SUSEGANA Limiti e modalità operative applicative del Piano Casa (art. 9 comma 5 della LR n. 14/2009 integrato dalla LR n.

Dettagli

Comune di San Vendemiano Provincia di Treviso

Comune di San Vendemiano Provincia di Treviso San Vendemiano, 12 agosto 2015 OGGETTO: Perizia di stima del valore di mercato di un area con soprastante fabbricato di proprietà comunale, situata in località Saccon - Via Trieste n. 79 (ex Scuola Elementare).

Dettagli

Incentivi urbanistici ed edilizi ai sensi dell art. 2, 2 della L.R. 8 luglio 2009, n. 14 PIANO CASA

Incentivi urbanistici ed edilizi ai sensi dell art. 2, 2 della L.R. 8 luglio 2009, n. 14 PIANO CASA Incentivi urbanistici ed edilizi ai sensi dell art. 2, 2 della L.R. 8 luglio 2009, n. 14 PIANO CASA ( ) è consentito ( ) l ampliamento degli edifici esistenti nei limiti del 20 per cento del volume se

Dettagli

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici TORINO Via Bistagno, 10 Palazzo uffici Aprile 2013 Localizzazione 2 Descrizione Il complesso immobiliare occupa un intero isolato, di forma romboidale, delimitato a nord-est da Via Monbasiglio, a est da

Dettagli

Regione Veneto che introduce delle misure che permettono di ottenere vantaggi dagli interventi di ristrutturazione e riqualificazione degli edif

Regione Veneto che introduce delle misure che permettono di ottenere vantaggi dagli interventi di ristrutturazione e riqualificazione degli edif P I A N O C A S A : P I U V A N T A G G I P E R G L I I N T E R V E N T I. I l P i a n o C a s a è u n a L e g g e a c a r a t t e r e s t r a o r d i n a r i o p r o m o s s a d a l l a Regione Veneto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 24 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 24 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 24 DEL 04-08-2009 REGIONE VALLE D'AOSTA Misure per la semplificazione delle procedure urbanistiche e la riqualificazione del patrimonio edilizio in Valle d Aosta/Vallée d Aoste. Modificazioni

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Provincia di Udine COMUNE SAN GIORGIO DI NOGARO PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA VARIANTE NON SOSTANZIALE DEL PAC (EX PRPC) DI INIZ. PUBBLICA DENOMINATO

Dettagli

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 1 Maggio 2013 I N D I C E (in rosso gli articoli e gli allegati variati o aggiunti) ART. 1 - DEFINIZIONE ED AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli