CAPITOLO TERZO. Dal Network alla Connected Television: gli economics dei nuovi assetti dell industria televisiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO TERZO. Dal Network alla Connected Television: gli economics dei nuovi assetti dell industria televisiva"

Transcript

1 CAPITOLO TERZO VERSO UNA REINVENZIONE DEL BUSINESS DELLA TELEVISIONE di Giandomenico Celata e Marco Stendardo Dal Network alla Connected Television: gli economics dei nuovi assetti dell industria televisiva L industria televisiva cioè i network televisivi, altrimenti chiamati broadcaster nasce a cavallo del secondo conflitto mondiale negli USA e si presenta sul mercato con una offerta di prodotti modulata sul modello dei preesistenti network radiofonici privati da cui è gemmata. L Europa segue a ruota sulla stessa strada anche se, a differenza che negli USA, si poggia sull intervento diretto dello Stato e, nell immediato dopoguerra, incomincia ad occupare progressivamente una posizione dominante rispetto a altre forme di spettacolo, informazione e utilizzo del tempo libero. Col passare dei decenni, la Televisione si arricchisce di canali e di contenuti e, negli anni 70, nascono i primi dispositivi di videoregistrazione seguiti, dopo diversi anni, dai lettori DVD che le permettono, parzialmente, di uscire dalla rigidità del palinsesto e di prolungare, perlomeno per alcuni suoi prodotti (le serie televisive principalmente) il ciclo di vita e di valorizzazione. L entrata in campo di internet pone i broadcaster di fronte ad un competitore che, nelle nuove vesti che ha cominciato ad assumere negli anni novanta del vecchio secolo e ancor più in quelli zero del nuovo, la sfida sul piano dei contenuti e trascina altri competitori sul suo stesso terreno. La sfida è quella degli User Genereted Content (UGC) e del filesharing che non competono sul piano del mercato televisivo direttamente, ma lo fanno indirettamente sottraendo spazi di tempo dei viewers: il prodotto audiovisivo non è più monopolio dello schermo televisivo, ma si inserisce in una dinamica che potremmo definire di ubiquitous playing. Qualsiasi schermo connesso ad internet (desktop, laptop e più recentemente smartphone e tablet) diventa un possibile player di contenuti audiovisivi. La sfida delle audience, dunque, si gioca in un campo apertissimo sicuramente sul fronte dei contenuti, ma anche su quello del tempo, dei formati e dei linguaggi. Lo stesso contenuto più propriamente e tradizionalmente televisivo, come ad esempio può essere un talk sulla politica, si trova, in questi ultimi mesi, a confrontarsi con una dimensione di coinvolgimento e partecipazione del suo pubblico che può influenzarne in modo decisivo il successo. La grande penetrazione dei Social Network nel ciclo quotidiano della vita delle persone, ha determinato la nascita e l evoluzione di forme di interazione tra gli spettatori a ridosso dei prodotti televisivi (questa è una delle più semplici definizioni che si può formulare per il concetto di Social Tv) tanto che i broadcaster hanno dovuto necessariamente tenerne conto fino a provare a gestirli, interpretarli e, in più occasioni, integrarli nel flusso del programma in onda. Ma in questo scenario così mutevole e complesso, i nuovi competitori, hanno trovato il modo di irrompere direttamente nel mercato televisivo con l ingresso appunto della Connected Television, cioè di quello schermo televisivo che è connesso alla rete internet e al Web. Si tratta delle Digital Companies (Vudu, Netflix, Hulu, Google Tv, Apple Tv ed altri) che, nate aggregando e distribuendo contenuti su internet passando dallo schermo dei pc e di tutti gli altri devices connessi (smartphone e tablet su tutti) si propongono anche sullo schermo televisivo. In questo caso, sembra di rivivere il percorso dell Industria musicale nel rapporto tra Industrie Discografiche e itunes, con risultati che vedono la Apple conquistare una posizione di indiscusso predominio nel campo della distribuzione di musica online. Lo schermo tv connesso chiama poi nel mercato televisivo gli altri due protagonisti strettamente collegati a questo nuovo meta-settore del mercato dell entertainment: l Industra Elettronica e le Telcom. Entrambe, infatti, si propongono autonomamente come aggregatori e distributori di contenuti televisivi. Digital Companies e Industria Elettronica tendono poi ad intrecciarsi tra di loro, lungo una filiera verticale, e a comporre il comparto delle Tech Industries. C è poi un rovescio della medaglia che rende l analisi economica più complessa e, nello stesso tempo, molto più interessante: quanto più nuovi protagonisti tendono ad occupare lo spazio economico dello schermo televisivo, tanto più i broadcaster tendono a dispiegarsi anche sul Web alla conquista delle audience e degli spazi di tempo che questo ha conquistato sugli altri schermi. Tutto ciò sta cambiando gli assetti di mercato sia dal lato dell offerta che della domanda, la catena del valore, i modelli di business e con questi ruolo e riposizionamento dell investimento pubblicitario.

2 Il mercato dal lato dell offerta L introduzione della Connected Television si accompagna ad un mercato televisivo impegnato (o forse travolto) da una radicale e inevitabile mutazione, innescata dalla digitalizzazione dei contenuti e dalla loro possibilità di essere distribuiti online e considerevolmente accelerata dal processo di inarrestabile convergenza dei media. La mutazione si innesta su cinque dinamiche fondamentali: l aumento dell offerta dei prodotti televisivi (Fiction, News, Entertainment, ecc.) a causa della moltiplicazione dei canali digitali e degli schermi dei device su cui è possibile fruirli (PC, Tablet, smartphone, Game Console); la nascita di una concorrenza sullo schermo televisivo classico, ma anche su tutti quelli dei device in grado di riprodurre contenuti video, tra prodotti televisivi e formati nativi Web; la nascita di una concorrenza tra diverse piattaforme distributive, con la discesa sul mercato di altri player industriali: in particolare Tech Industries (Fornitori di apparati, Content Aggregator, Social Network, Motori di Ricerca, ecc.) e Telcom (Società di Telecomunicazioni e internet Provider), che si propongono, al pari dei broadcaster, come intermediari nella distribuzione del prodotto televisivo essendo, a diverso titolo, già operativi su gli altri formati nativi Web; l aumento della domanda di audiovisivi, dentro il cui alveo si collocano i prodotti televisivi, segnalato dall aumento del tempo libero che i consumatori passano davanti a questi tanti schermi 1 ; il necessario riposizionamento dell investimento pubblicitario tra i tanti schermi, i diversi formati (Tv e Web) e le diverse modalità di fruizione da parte del consumatore finale. Un mercato quindi, come si può facilmente intuire (Figura 1), molto complesso, con player che tendono a interpretare più ruoli, per di più diversi tra di loro e diversi dal loro tracciato industriale precedente, alla ricerca tutti di implementare i loro modelli di business. Figura 1 Il complesso mercato Televisivo 2 La tracimazione dell offerta televisiva Il viraggio della distribuzione televisiva da analogica a digitale ha moltiplicato l offerta televisiva permettendo l affiancamento di una molteplicità di nuovi canali tematici e premium digitali ai limitati canali generalisti ex analogici. Canali della Televisione terrestre che si aggiungono, con un peso specifico significativo, derivato dal loro posizionamento storico sul mercato, a quelli numerosissimi già distribuiti dalla Televisione satellitare. Questa aumentata numerosità dei canali e la conseguente offerta di prodotti televisivi sta già vedendo vincitori e vinti nel campo propriamente televisivo: da un lato, l aumentata potenza di fuoco dell offerta dei broadcaster nazionali sta soffocando quella delle cosiddette Televisioni locali di cui sopravvivranno solo quelle capaci di interpretare la domanda, vitale, presente e importante, di Televisione di prossimità 3 ; 1 Secondo Nielsen, solo il consumo di Tv, in Italia, nei primi 9 mesi del 2011 è aumentato del 5% rispetto al 2010, segno di continuità dei 10 anni di costante crescita dei consumi televisivi (fonte: TIVU anno IX numero 12). 2 Elaborazione sulla base di J.C. Ulin, The Business of Media Distribution, Elsevier Focal Press, Per Televisione di prossimità si intende quella Televisione che si rivolge a contesti territorialmente ben definiti. Una Televisione che va dall iper alla micro territorialità, con vocazione per lo più informativa, ma anche partecipativa che contrapponga un modello

3 dall altro, le audience televisive si ridistribuiranno con share sempre più a favore dei nuovi canali tematici, a detrimento di quelli generalisti che manterranno, in ogni caso, un valore significativo seppur meno proporzionale all investimento pubblicitario che saranno capaci di raccogliere. La competitività dei broadcaster: tra Roma e Troia Già oggi, ma ancor più in prospettiva, lo schermo televisivo diventa il campo competitivo tra broadcaster, Tech Industries e Telcom che, per motivi che si vedranno appresso, vogliono entrare nella partita. Parafrasando la storia antica, i broadcaster, oggi padroni dello schermo televisivo e di parte decisiva dei contenuti audiovisivi, saranno come Troia padrona del commercio tra Asia ed Europa, che di fronte all attacco dei competitori Greci si chiuse dentro le sue mura e si fece ingannare dal Cavallo di Ulisse, che oggi, nel nostro caso, sarebbe rappresentato da internet? Oppure i broadcaster saranno capaci come l antica Roma, allora padrona del Mediterraneo di portare lo scontro sul terreno della sua antagonista Cartagine e l ebbe vinta? Oppure troveranno un punto di equilibrio e collaborazione tra grandi oligopoli, quali sono tutti nel loro settore specifico? Le leggi dell economia dicono che maggiore sarà il livello di cooperazione, minore sarà il vantaggio per i consumatori, e viceversa. I nuovi player in campo La crescita degli interlocutori per la negoziazione si deve principalmente alle Telcom e alle Industrie di Elettronica di consumo. Difatti, questi due settori industriali, alla ricerca dei margini perduti nei loro modelli di business tradizionali, hanno gradualmente trasferito l attenzione alla distribuzione di contenuti. Nel caso delle Telcom si tratta dell offerta del cosiddetto triple play, ovvero della possibilità di sottoscrivere abbonamenti che includano traffico voce (fisso e anche mobile), navigazione internet e una serie di contenuti audiovisivi, dalla fruizione su cavo di alcuni canali di flusso fino a più innovativi servizi di catch-up Television e video on demand. L offerta triple pay non è sicuramente una novità commerciale: già dai primi anni 2000 furono lanciati alcuni servizi di IPTv da aziende di telecomunicazioni che però, soprattutto in Italia, non seppero convincere il mercato. Ma le nuove abitudini di consumo, i nuovi device e l ampiezza del bouquet dei contenuti disponibili hanno convinto le Telcom a reinvestire in nuove offerte triple play. Nel caso dei produttori di elettronica, e in particolare delle industrie che producono apparecchi televisivi, il corso è del tutto inedito. L innovazione e la competizione tra le case produttrici di Tv set, da circa 15 anni fa fino al 2010, si è giocata sostanzialmente su tre leve: il design, le prestazioni/qualità delle immagini e, più recentemente, i consumi. Negli ultimi 2 anni, a questi tre fattori di competitività, si è affiancata un quarto terreno di confronto che però valica, semplificando, il confine della cornice dello schermo. I produttori offrono nuove funzioni, attraverso moduli di connettività internet e interfacce software pre-implementati negli apparecchi, che consentono al consumatore di utilizzare applicazioni e scaricare (legalmente) contenuti secondo una proposta che gli stessi produttori organizzano. Allo stesso tempo, come si è già detto, sono entrate nel mercato alcune digital companies, assieme a qualche industria tradizionale che ha deciso di trasferire il proprio core business su internet. Evolvendo il concetto dell ecommerce e degli store digitali, si sono proposte come aggregatori e, quindi, distributori di, più o meno grandi, cataloghi di contenuti audiovisivi (soprattutto film e serie televisive), contando sulle loro audience consolidate in Rete. Ciò che danno all industria dei contenuti è una platea di mercato «abilitata» a consumi alternativi al flusso televisivo classico (on demand enabled audience) e piattaforme di distribuzione sperimentate, efficienti e in continua evoluzione tecnologica. Il quadro degli interlocutori della produzione e della distribuzione di audiovisivi, fino ad oggi limitato al theatrical, ai broadcaster e all home video, tende così ad arricchirsi. Lo scenario televisivo si è affollato così di nuovi player. Ai broadcaster che da sempre lo presidiano si sono aggiunti i broadbander (telco e internet provider) e, come veri e propri nuovi outsider, le Tech Industries: da Apple a Google, dalle HW co. ai Social Networks, ai motori di ricerca. Le Tech Industries sono soggetti proteiformi che hanno eletto il cambiamento, molto spesso attraverso acquisizione di innovazione (Galbraith dixit 4 ), come la strada per il vantaggio competitivo. Si presentano ormai come conglomerate che a differenza di quelle tradizionali, manifatturiere o dei servizi, hanno come stella polare l acquisizione di audience su cui costruiscono le offerte più funzionali. Il loro assett più prezioso rispetto agli altri locale di esclusività alle lacune inevitabili della Televisione nazionale, sia pubblica che commerciale. 4 J.K. Galbraith, economista di fama e consigliere dei Presidenti Americani Roosevelt, Kennedy e Clinton, autore, tra gli altri, de Il capitalismo americano. Il concetto di potere di equilibrio, Ed. di Comunità, Milano, 1955, La Società Opulenta Ed. di Comunità, Milano, 1963 e Il progresso economico in prospettiva, Ed. di Comunità, Milano, 1963

4 (broadbander e broadcaster) è la facilità con cui cambiano pelle senza mai perdere quella originaria. Gli altri due player, al contrario, mostrano fatica rispetto al cambiamento (ovviamente chi più e chi meno), come avviene sempre alle industrie consolidate dal punto di vista di cultura industriale, organizzativa, gerarchica e di mercato, quando si tratta di affrontare un nuovo paradigma tecno-economico. In ogni caso, broadbander e broadcaster, conservano delle posizioni di vantaggio competitivo : per i primi, nella loro possanza economica (che va tarata in termini congiunturali dalla riduzione dei margini); per i secondi, nella proprietà dei contenuti audiovisivi (che va tarata sempre in termini congiunturali dalla debolezza e dal cambiamento degli investimenti pubblicitari). Lo scenario in divenire dell offerta Il mercato sta cangiando verso confini ancora non definibili con velocità inusitata, secondo la direzione che assumono da un lato la tecnologia, dall altro la creatività applicata alla tecnologia. Ed è un mercato tutt altro che stabilizzato e tendente all equilibrio. Unica certezza: l audiovisivo digitale, senza uccidere le altre forme e linguaggi analogici, assume un ruolo predominante e contaminante verso i prodotti media cosiddetti tradizionali. La sfida di mercato vede: i broadcaster in una difesa attiva sullo schermo televisivo e all attacco sugli altri schermi dalla posizione di content industry, i broadbander tributari dei contenuti di altri (Tv e Over-The-Top Player) dalla posizione di connettori di device, le Tech Industries all attacco di tutto ciò che è innovativo e porta audience dalla posizione di capitalizzazione (spericolata?) che hanno acquisito. E un mercato sempre più concentrato attorno ad oligopoli il cui DNA conflittuale può stemperarsi secondo le fasi contingenti e i vari mercati geografici o linguistici, in uno spazio però che non è mai nazionale, ma sempre più meta-nazionale. E un mercato la cui soglia d ingresso si innalza continuamente anche se la distanza che per alcuni si facesse grande tra obiettivi e risorse disponibili non esclude singole catastrofi economiche. Oltre la Coda Lunga: il modello della Piramide Rovesciata La teoria della coda lunga, per come abbiamo imparato a conoscerla, si basa sull osservazione di Chris Anderson che nei mercati dell industria culturale ci sono molti più prodotti di nicchia che hit/blockbuster e che il costo sostenuto per raggiungere queste nicchie è diminuito in maniera drastica grazie proprio all innovazione tecnologica. Gli attori dei vari mercati della cultura e dell entertainment che si sono dimostrati più innovativi, infatti, hanno registrato risultati economici significativi affiancando ai prodotti di maggior richiamo, che comunque garantiscono la parte fondamentale dei ricavi, una serie di prodotti rivolti a gruppi di interesse ristretti. Le imprese che aggregano contenuti digitali sono i prototipi perfetti della teoria della coda lunga. Difatti per queste imprese il costo di distribuzione tra e articoli è pressochè identico o quantomeno la differenza dell investimento si potrebbe definire trascurabile, molto di più di quanto fosse stoccare e spedire libri in più per Amazon nel 2004 quando Anderson ne analizzò il modello per scrivere il suo articolo. Nei sistemi tradizionali dove i costi di distribuzione sono elevati, vengono quindi venduti solo i prodotti più popolari; quando la coda lunga funziona, invece, i diversi interessi specifici vengono soddisfatti e possono aumentare esponenzialmente le possibilità di scelta, ribaltando la logica della scarsità delle risorse dell economia classica. I broadcaster televisivi analogici si sono trovati in una condizione paradossale, ovvero hanno gestito il palinsesto come il più classico dei negozi fisici di dischi o libri: le ore di programmazione erano scaffali che dovevano essere riempiti solo da titoli in grado di garantire un numero minimo di acquisti, ossia da programmi in grado di garantire ascolti per vendere pubblicità. Una gestione arrivata ad essere estremamente rodata, quasi infallibile per alcuni versi, ma che si è trovata irrimediabilmente compromessa dai processi di digitalizzazione e di convergenza inter-mediali. L assett fondamentale, infatti, è andato incontro ad una violenta svalutazione: quella rete broadcast che conferiva al network televisivo il primato del mass medium, non è stato più in grado di garantire l oligopolio de facto della distribuzione dei contenuti audiovisivi. A questo punto, prima con la pay-tv (satellitare o via cavo) e poi con lo switch-off al digitale terrestre, l aumento dei canali e la contro-conseguente frammentazione delle audience hanno portato i broadcaster a dover cominciare a ripensare le loro logiche di palinsesto. Ma questa crisi dell esclusivo modello mass, se così si può definire, è ovviamente deflagrata nel nuovo scenario della Connected Television che fin qui è stato descritto, visto che i nuovi player hanno allargato esponenzialmente sia i confini temporali della fruizione, sia le possibilità di interlocuzione per i detentori dei

5 contenuti altri. Ma è assodato che questi contenuti non possono costituire da soli un mercato diametralmente alternativo. Figura 2 Rappresentazione della Coda Lunga di Anderson La piramide rovesciata rappresenta l evidenza, sulla base delle esperienze maturate dai motori di ricerca e dalle grandi Web companies (ebay, Amazon, B&N, ecc.) che i niche products maturano la chance di cui parla la curva di Anderson nella misura in cui sono parte di un grande aggregatore di contenuti. Ma la piramide rovesciata è anche il modello che i broadcaster devono rielaborare per continuare ad essere competitivi: il rovesciamento della piramide infatti restituisce visivamente la capacità di penetrazione dei generi e dei gusti del pubblico, necessaria per ovviare agli elementi di criticità ineluttabili del mercato televisivo classico, in funzione soprattutto delle diverse piattaforme di distribuzione che si riescono a sfruttare. Figura 3 La Piramide Rovesciata Si può affermare che mentre la curva di Anderson è, semplificando, un modello bidimensionale che, tenendo conto dell abbattimento dei costi di distribuzione dovuto alle nuove reti digitali, mostra come la somma di svariati volumi di vendita minimi estremamente prolungati nel tempo possa raggiungere risultati pari a quelli dei pochi prodotti campioni nelle vendite, la piramide rovesciata è un modello tridimensionale che si applica a mercati digitali più complessi. Essa è infatti la rappresentazione di come la massimizzazione del ricavo (sia pubblicitario che pay) sia legata all ampiezza dello spettro delle piattaforme di distribuzione integrate e alla pervasività dell offerta rispetto ai gusti del consumatore e dei suoi spazi/tempi di fruizione: tanto più ampia sarà la base distributiva, tanto più profonda potrà essere la penetrazione nei momenti di fruizione e nelle scelte delle audience. Per quanto riguarda la Televisione, dunque, nell era della Connected Television, la sfida per i diversi player è quella di creare un sistema che assecondi la mobilità delle audience fornendo loro diverse modalità di visione e sempre più contenuti, dallo show generalista al documentario d autore.

6 Il mercato dal lato della domanda L offerta di prodotti televisivi è parte decisiva della più ampia famiglia dei prodotti audiovisivi che somma quelli del cinema, dei clip musicali, dei video pubblicitari, ecc. a cui internet ha aggiunto quelli nativi Web. Tutti assieme sono esplosi nella rete internet, prima attraverso il cosiddetto filesharing e poi in forme variamente commerciali, facendo nascere un nuovo mercato prima inesistente. La sua crescita è impressionante (Figura 4) ed è destinato con la Connected Television ad invadere lo schermo televisivo. A questa offerta delle Tech Industries e delle Telcom, i broadcaster provano a rispondere sul Web: offrendo i loro prodotti modalità di streaming, catch-up e Over the Top Television (OTTTv) nelle loro versioni integrali; rimodulando gli stessi prodotti nei formati propri della cosiddetta snack tv, pensati rispetto ai tempi e alle modalità di fruizione più tipiche dell utente internet. Questa dilatazione di piattaforme distributive e di formati ha già dato prodotto degli effetti sull offerta del prodotto televisivo: ha interrotto la fase di maturità in cui si era incamminato il suo ciclo di vita, ristretto com era nell analogico e nella programmazione generalista e di flusso, gli sta conquistando spazi di fruizione nel tempo disponibile del consumatore a detrimento di altri media e di altri utilizzi del tempo libero con il Video on Demand (VoD) sullo schermo televisivo e sugli altri schermi dei device; sta rendendo più lunga la sua catena del valore nella direzione del continua ri-fruizione, oltre i formati tradizionali del palinsesto; continua a premiare gli hit ma da più opportunità anche ai niche products (curva di Anderson). L entrata in gioco della Connected Television ridà, nello stesso tempo, vitalità e funzionalità allo schermo televisivo, mentre già si stava recitando il suo de profundis sotto i colpi dell invasività e della pervasività dei monitor dei computer e, più recentemente, degli schermi dei Tablet e degli smartphone sempre rigorosamente connessi alla Rete. Ma se lo schermo televisivo di per sé gode ancora di buona salute, questo non significa che la domanda di contenuti audiovisivi non stia trovando nuovi modi di rimodulare i propri bouquet di canali. Quella on demand enabled audience a cui si è accennato in precedenza, infatti, altro non è che quella porzione di pubblico televisivo (o audiovisivo) più dinamica che è pronta a trasferire abitudini di consumo tipiche del Web anche sullo schermo del salotto secondo il paradigma cerco-trovo-guardo. E questa porzione di pubblico è quella, che soprattutto oltre oceano, spaventa maggiormente gli incumbent televisivi ed è oggetto privilegiato delle attenzioni dei nuovi player, per la loro (presunta) disponibilità a rescindere gli abbonamenti pay (cord cutters) per investire il loro budget di spesa per entertainment audiovisivo in altri e diversi pacchetti di contenuti disponibili grazie agli schermi connessi. Volendo semplificare all estremo, abbiamo l alternativa tra la Tv free+pay (oggi) e Connected Television free+pay + Tv free (domani, nell ipotetica casa di un cord cutter). Secondo un sondaggio sul pubblico americano Deloitte dei primi giorni del , il nove per cento degli intervistati dice di aver recentemente «tagliato il cavo», ma ammettono di guardare i propri show preferiti su Netflix, Hulu, itunes, ecc E un altro 11 per cento dice che sta pensando di farlo. Deloitte segnala che circa nove milioni di persone afferma di aver da poco smesso di pagare per la Tv. Numeri per l Italia, come per la stragrande maggioranza del mercato Europeo, inimmaginabili, visto la pochezza dell offerta connected, ma questo è, probabilmente, il passaggio successivo e ancora più intenso su cui dovranno fronteggiarsi gli operatori Tv e i nuovi contenders. Il peso della regolamentazione Parlando di settore televisivo non si può però non sottolineare che questo tipo di attività è pesantemente regolamentata dagli Stati e vecchio Continente anche dall Unione Europea. Sulla stessa strada si stanno ponendo le attività su internet contro cui lavorano le lobby di quei settori che, incapaci di cogliere le opportunità del nuovo, remano contro l innovazione che tutto ciò comporta. Sono vicende che si ripetono stancamente nella storia economia del pianeta. Nel caso specifico della Televisione, la regolamentazione è già sedimentata, seppur soggetta a cambiamenti, mentre quella su internet è in progress. Il Parlamento Europeo ha adottato ufficialmente una posizione comune sui servizi media audiovisivi senza frontiere. La direttiva 2007/65/CE, infatti, offre un quadro legale internazionale, compresi i servizi on-demand, 5 Consultabile online su

7 regolando in particolare la pubblicità, il collocamento di prodotti, nuovi diritti per i cittadini e tutela dei valori chiave europei. La direttiva, viene applicata sia per la Televisione analogica che per quella digitale, compreso anche l online. In Italia la regolamentazione televisiva ha un trascorso più complesso: dal monopolio fino al 76, allo sviluppo delle reti commerciali fino agli anni 90 con la legge Mammì (n. 223/1990) e la legge Meccanico del 1997 (n. 249/1997) e più la legge Gasparri nel 2004 (n. 112/2004). Negli Stati Uniti, mercato televisivo di riferimento degli analisti, perché spesso anticipatore di problematiche che interverranno successivamente in Europa, un garante vigila sulla titolarità delle stazioni che sono soggette a regolamentazioni diverse. Le più importanti sono: la regola della proprietà delle Tv nazionali (vieta l'entità di raggiungere oltre il 39% delle famiglie televisive degli Stati Uniti); la norma sulle Tv locali (consente a un'entità di possedere due stazioni televisive nello stesso mercato designato); la regola della dual Tv (vieta una fusione tra le più grandi reti televisive come ABC, CBS, Fox e NBC). Inoltre negli Stati Uniti operano oltre 200 stazioni televisive via cavo di rilievo, che si distinguono da quelle via cavo premium, per le quali il consumatore paga un abbonamento incrementale per l'accesso a specifici canali premium come HBO. Con l'aumento della penetrazione del cavo e del satellite, molte aziende di grandi mezzi di comunicazione offrono una programmazione diversificata con canali di nicchia o specializzati, ampiamente consolidati (esempi di emittenti via cavo con portata nazionale sono Comedy Central, MTv, CNN, Disney Channel). Inevitabile pensare che, fuori dallo stato embrionale, nella prospettiva di un settore Connected Tv più strutturato si dovrà tener conto di una discussione di alcune regole e principi che non potranno essere elusi dagli operatori. Non è un caso, infatti, che all inizio del 2012, l Amministratore Delegato della Ofcom, l Autorità di Garanzia delle Comunicazioni britannica, ha dichiarato, alla Oxford Media Convention, che quegli apparecchi Tv connessi, che incorporano video-on-demand e servizi internet aperti, devono essere considerati alla stregua di un classico servizio Tv a livello di esperienza di consumo. Ed Richards sottolinea, quindi, che il pubblico si aspetta contenuti su questi dispositivi che siano più regolati di quanto i contenuti internet accessibili tramite PC e portatili 6. Il pensiero dell Autorità britannica è, dunque, quello di elaborare e suggerire dei principi di base che si tradurranno in standard minimi di servizio nell ottica, da un lato, di evitare frodi e danni per i consumatori meno preparati e, dall altro, di garantire la piena informazione a quei fruitori che possono essere in grado di scegliere un prodotto dall offerta Connected Tv anche in base alla qualità tecnica che viene garantita. Questo è, presumibilmente, un orientamento legislativo su cui tutti i Paesi interessati da emergenti servizi di Connected Tv, soprattutto quegli europei, convergeranno, spinti sia dalla volontà da evitare elementi distorsivi della concorrenza, sia dalla pressione che gli incumbent eserciteranno per aumentare le barriere all ingresso negli emergenti assetti del mercato. La creazione del valore e i modelli di Business Fattori di Valorizzazione, Work Flow e Filiera Distributiva Quattro sono i fattori di valorizzazione del prodotto televisivo: innanzi tutto il tempo che, per le cose sopra dette, viene inesorabilmente consumato dalla fruizione dei media e quindi assume una importanza strategica; la distribuzione online e il VoD allungano il periodo di sfruttamento dei prodotti e la loro ubiquità; la differenziazione dei prezzi, dal momento che, nei vari passaggi, si deve tener conto non solo della competitività verso altri media e usi del tempo libero, ma anche della distanza di tempo che intercorre tra le varie piattaforme distributive per cercare di capitalizzare al meglio ogni singolo prodotto; la reiterazione dei contenuti permessa senza soluzione di continuità dall online decisamente più efficacemente di quanto possa fare la distribuzione fisica dei DVD e la riproposizione dello stesso contenuto nel palinsesto che conserva in ogni caso una sua rigidità; l esclusività, nel senso di valorizzazione specifica del prodotto in ognuna delle piattaforme, evitando la simultaneità della fruizione che abbassa la sua capitalizzazione media. 6 Consultabile online su

8 Figura 5 - Il Work Flow Valorizzazione tanto più alta quanto maggiore sarà l interazione tra questi quattro elementi attraverso i quali, inoltre si possono interpretare meglio i passaggi che determinano il work flow, cioè l organizzazione del processo produttivo (Figura 5); e si possono comprendere meglio i passaggi successivi della Filiera Distributiva (Figura 6). Figura 6 - La Filiera Distributiva (Elaborazione su J.C. Ulin) Il percorso del Work Flow parte dalla tessera decisiva che comprende la creazione e ideazione del contenuto; passa poi attraverso la sua realizzazione per giungere infine alla distribuzione. Nel tassello va anche comprende l apporto decisivo del fund raising, ancora più importante nel caso dell audiovisivo, dove i costi sono tutti concentrati sulla cosiddetta «prima copia». Ciò vuol dire che, a differenza degli altri settori industriali, in quello televisivo, così come in quello più generale dell audiovisivo, non c è alcuna possibilità di recupero costi e investimenti nel caso di insuccesso di mercato o di risultato inferiore alle attese. Di conseguenza il rischio è altissimo. Il crescente sviluppo della distribuzione internet, allungando il periodo di sfruttamento del prodotto e allagando la platea dei fruitori (Anderson, 2006), nonché abbattendo i costi di distribuzione, costituisce un elemento di mitigazione del rischio di impresa. La catena del valore L accrescimento del valore del prodotto televisivo avviene poi lungo una catena in cui si evidenziano i blocchi principali del processo televisivo. A seconda dei casi i blocchi si uniscono o rimangono divisi. In Italia, così come in Europa e negli Stati Uniti, i broadcaster maggiori accumulano sia le funzioni di produzione sia quelle di distribuzione, essendo nei casi conosciuti anche i proprietari della rete. Più articolata è la catena nel caso delle Televisioni locali, dove il rapporto tra produzioni interne ed esterne, cioè acquisti da produttori televisivi terzi, è sbilanciato a favore di queste ultime. Figura 7 - La catena del valore dell industria televisiva Dal momento che nella catena del valore irrompe il digitale e l online, due blocchi diventano decisivi: il primo è quello è relativo all aggregazione e distribuzione di contenuti; difatti il broadcaster, abituato a proporre una programmazione di flusso a palinsesto, si attrezza per offrire online sia in streaming che tramite VOD di porzioni di palinsesto; Il secondo è relativo alla presenza sul mercato di schermi televisivi dotati di connettività broadband, i quali danno la possibilità ad aggregatori esordienti o già esistenti sul mercato di entrare in competizione con la programmazione degli incumbent broadcast.

9 Figura 8 - La catena dei contenuti digitali su internet Più specificamente: Approvvigionamento o creazione di contenuti, che può avvenire sia attraverso la produzione diretta sia attraverso l acquisto di contenuti da produttori terzi. Questa è la fase presidiata dai detentori dei diritti di proprietà intellettuale; Post-produzione, che consiste nelle attività necessarie a rendere i contenuti in formato digitale fruibili e sicuri, con notevoli differenze a secondo del device su cui il contenuto dovrà essere reso disponibile; Aggregazione e distribuzione, è la fase in cui operano i soggetti che svolgono attività di mediazione tra produttori e consumatore finale. Si tratta di packager che organizzano i contenuti in funzione della piattaforma e del tipo di utenza, trattenendo una quota dei ricavi, secondo un modello di revenue sharing; Infrastruttura di rete, che coincide con la fase di trasmissione di contenuti attraverso piattaforme tecnologiche di diversi tipi. Di questo comparto sono protagonisti gli operatori di telecomunicazione (sia fissa che mobile), gli operatori di Tv digitale terrestre e della Tv satellitare, gli internet Service Provider (ISP); Accesso, ossia la effettiva fruizione da parte dell utente. Il valore generato lungo tutta la fase di distribuzione fino a valle resta caratterizzato da una forte concentrazione, essendo suddiviso tra operatori TLC (telecomunicazioni) e broadcaster. Il valore dei contenuti prodotti si moltiplica lungo la filiera nel passaggio da una fase all altra, dal produttore all utente finale. Alcuni grandi broadcaster a livello internazionale come NBC, BBC e CBS hanno reagito con prontezza ai fenomeni precedentemente descritti della crisi degli indici di ascolto classici e del calo della raccolta pubblicitaria, valorizzando le proprie libraries ed espandendo la loro presenza sul mercato, gli operatori europei (ad eccezione di BBC) sono intervenuti su questo terreno con un certo ritardo, forse preoccupati delle ricadute negative sulla raccolta pubblicitaria. Gli operatori di TLC si sono orientati sull offerta di IPTv e si sono proposti come alternativa alle offerte proposte da altri soggetti quali le Tv satellitari e i broadcaster tradizionali per creare nuovi palinsesti. Contestualmente i portali di video online hanno optato per un modello più aperto, in cui coesistono sia contenuti Tv che user generated content. Questo potrebbe portare ad un netto abbassamento delle barriere all accesso e conferire alle emittenti minori la possibilità, almeno teorica, di accedere a mercati prima irraggiungibili con il solo uso delle frequenze terrestri. Questo renderà possibile la nascita di platee globali per contenuti locali. Tali tendenze potrebbero comportare effetti su tutte le fasi della catena del valore ed evolvere in forme di business con incidenza differente a seconda della tipologia di operatore: I broadcaster incumbent hanno scelto la multicanalità (gestita direttamente) come linea di condotta comune, puntando al presidio delle fasi iniziali della filiera, ovvero di gestione del content; sulle pay Tv pesa il costo dell attività di CRM (Customer Relationship Management), la cui spesa si attesta, secondo alcune stime, tra il 20-25% del valore del fatturato. Il ruolo delle entrate legate alla pubblicità diventerà sempre più importante, specialmente quella targettizzata su canali tematici; gli operatori di Web Video, saranno una forma ibrida tra Tv generalista e pay Tv, da cui si differenziano soprattutto per il maggior peso delle infrastrutture di rete, fattore di principale costo per i data center (encoding video e storage). Campagne di viral e buzz marketing determineranno in maniera crescente la sorte di queste nuove Tv che puntano sui ricavi pubblicitari come fonte primaria, e PPV e subscription come fonti secondarie. L acquisizione dei diritti di ritrasmissione preferirà soluzioni bundle piuttosto che revenue sharing (ossia ripartizione delle entrate e delle uscite tra partner).

10 Figura 9 - I modelli di business dei distributori di contenuti video su Web I modelli di Business: tra free, pay e connected La free Television è la forma di Televisione più tradizionale (comunemente indica trasmissioni televisive overthe-air). Il mercato si divide tra le terrestri, nazionali e locali e la satellitare. Le terrestri si poggiano su reti che, da analogiche, si stanno progressivamente trasformando in digitali, secondo il piano di switch-off definito dall Unione Europea e dagli Stati nazionali. Il passaggio della Televisione terrestre dall analogico al digitale, moltiplicando perlomeno per 4 i canali disponibili, ha indotto la Televisione italiana commerciale fondata e cresciuta sui ricavi da pubblicità ad entrare anche nel campo della Pay Tv. Le motivazioni possono essere individuate ne: il successo della campagna abbonamenti della Televisione satellitare, che ha portato alla luce un mercato mai prima esplorato nel nostro Paese; la crisi economica e la stagnazione degli ultimi anni che ha lasciato intravedere una fase di maturità nella crescita finora pressoché ininterrotta degli introiti pubblicitari; inoltre, le tendenze in atto lasciano prevedere che alla fine del 2012 si completerà il sorpasso tra ricavi da pubblicità e ricavi da pagamento diretto degli utenti; l aumento del costo dei contenuti premium, per la forte concorrenza tra Televisioni terrestri e satellitari, ha quasi imposto alla free Television di recuperare ricavi attraverso il modello pay, non lasciando alla satellitare campo libero in contenuti come il calcio e il cinema che sono driver per ogni singola emittente nel suo complesso. Secondo e-media Institute, nel 1992 le famiglie italiane spendevano «per guardare» poco meno di 2 miliardi. Nel 2008, tale spesa ha superato i 6,2 miliardi di e potrebbe crescere fino a quasi 8 miliardi nel Nel 1992, la spesa «per guardare» era sostanzialmente ripartita a metà tra canone radio-tv da una parte e Cinema/Home Video dall altra. Vent anni dopo, nel 2012, la Pay Tv potrebbe generare quasi il 60% del totale della spesa. Le previsioni al 2012, sempre secondo E-Media Institute, di danno i ricavi della Pay Tv superiori a quelli da pubblicità e da canone: cresce considerevolmente la Pay Tv in valore assoluto e percentuale, a cui internet e la Mobile Tv danno un contributo ancora assolutamente marginale; la crescita della Pay Tv erode quote sempre maggiori del mercato home video, riducendo il suo fatturato in termini assoluti e contraendo drasticamente la sua percentuale sul totale della spesa; incide in termini percentuali sulla sala cinematografica che, al contrario dell home video, vede crescere sensibilmente il valore assoluto del box office; si ridimensiona percentualmente il peso del canone Rai Tv che rimane pressoché costante nei suoi valori assoluti. Si può osservare questa evoluzione attraverso i dati di una ricerca E-Media Institute sul mercato italiano (2009) secondo la quale la spesa «per guardare» negli ultimi 20 anni delle famiglie italiane, oltre ad essere cresciuta dai circa 2 miliardi di euro del 1992 fino ai circa 8 stimati del 2012, è radicalmente cambiata nella sua distribuzione come rappresentato nella fig. 10.

11 Figura 10 - Distribuzione percentuale della spesa «per guardare» degli italiani (Fonte: E-media Institute) Complessivamente si possono declinare i diversi Modelli di Business nello schema della Figura 11 in relazione ai target di riferimento, agli standard e alla logica economica che li sottende. Figura 11 - Una declinazione dei modelli di Business Il Video on Demand (VoD) tra free e advertising Da questo complesso processo si distacca, tendendo ad assumere una importanza crescente, il Video on Demand (VoD). Il VoD dà al consumatore la possibilità di gestire in funzione dei suoi tempi di vita la fruizione di contenuti audiovisivi e quindi di Televisione. Non si dimentichi mai, infatti, che il consumo di media implica il consumo del tempo del consumatore. Quindi, più si creano device e modalità di consumo (in questo caso il VoD e l online) capaci di incunearsi negli slot di tempo libero del consumatore, maggiore sarà l ampiezza del mercato. Questo sarà tanto più vero quanto più si estende la rete a banda larga e quanto più matureranno i passaggi anagrafici degli alfabetizzati informatici. Come già descritto, la Televisione, con l entrata in scena dell online, tende progressivamente a dispiegarsi su di una galassia di diverse piattaforme. In questo quadro il VoD tende ad occupare uno spazio crescente. Questa fruizione video supportata dalla pubblicità è chiamata advertising VoD ed è una sottocategoria del più generico free video on demand. In futuro, free Television vorrà dire programmare il broadcast in Tv in simultanea con altre piattaforme. Così già fa la RAI con rai.tv a cui associa la snacktv dei programmi di maggior successo e l advertising VoD delle sue serie televisive, raccogliendo così audience prescindendo così dalla rigidità dei palinsesti. Lo sviluppo del VOD sta crescendo anche in Europa e in Italia sull onda dell affermazione di servizi di IPTv, Web Video e Over The Top Tv, grazie al protagonismo degli operatori Telco e dei portali dei broadcaster. Tipicamente (circa l 80% dei casi) il servizio VOD è di tipo rent cioè permette la visione dei programmi, con varie formule, entro un dato intervallo di tempo (24/48). Negli altri casi l offerta è di downloading illimitato, il cliente cioè entra in possesso di una copia originale dell opera.

12 Il VoD di HBO, Disney e NBC Una delle più importanti reti televisive americane come NBC (National Broadcasting Corporation) cede i diritti di sfruttamento dei suoi programmi ad Hulu, uno dei più importante Web Aggregator. ABC, il network televisivo di punta del gruppo Disney, rende disponibili i suoi programmi esclusivi di prima serata anche sul suo sito abc.com in maniera gratuita (nonché interviste inedite, fuori scena e interviste ai protagonisti). CBS Corporation offre on demand le sue famose serie televisive trasmesse in prime time. Si rendono gratuitamente accessibili alcune tra le serie di maggior successo (come CSI o Desperate Housewives), con il solo vincolo di vedere uno spot pre-roll. HBO (Home Box Office) che è uno dei più importanti servizi di Pay Tv, con oltre 40 milioni di abbonati negli Stati Uniti e in altri 150 Paesi associa l offerta pay come broadcast a quello di VoD. I servizi premium sono quasi sempre costituiti dalla sottoscrizione di un offerta di base, il che significa che ci si può abbonare a HBO, senza essere obbligati a sottoscrivere tutti i pacchetti commerciali. Tuttavia, la sottoscrizione di un servizio individuale include automaticamente l'accesso a tutti i contenuti di quel canale, l utilizzo di particolari servizi e, in alcuni casi, l'accesso ai contenuti tramite VOD. Il riposizionamento della pubblicità Tutto quanto detto finora apre una serie di riflessioni campali sullo scenario del mercato pubblicitario riguardo: le modalità di investimento dei grandi inserzionisti pubblicitari; le modalità di redistribuzione, da parte dei centri media, degli investimenti pubblicitari tra la nuova folta schiera di canali dell offerta televisiva digitale; le modalità di acquisizione di pubblicità da parte delle concessionarie del broadcaster pubblico e di quello commerciale-privato. Nei prossimi 5 anni avverranno maggiori cambiamenti per l industria della pubblicità di quanto sia successo negli ultimi 50. Il maggior potere dei consumatori, la maggiore autonomia degli investitori pubblicitari e la continua evoluzione delle tecnologie, stanno ridefinendo come la pubblicità verrà venduta, prodotta, consumata e misurata. I player tradizionali broadcasters, distributori e agenzie pubblicitarie, potranno sopravvivere solo se adatteranno con successo i loro modelli di business e saranno capaci di innovare la loro struttura interna. Nei nuovi scenari che si prospettano ci sarà forse la possibilità di superare quell allarme che girava tra i pubblicitari al tempo della Televisione analogica, quando si mandavano in onda gli spot sperando di catturare l attenzione del proprio target: «Metà del denaro che si spende in pubblicità è sprecato, e il guaio è che non si sa quale metà sia». Oggi studiare il proprio target, misurare i propri risultati e analizzare il successo di una campagna tende ad essere sempre più possibile da un lato per la diversificazione dei canali tematici che per sé stessi mirano ad un target d identità; dall altro perché tutto ciò che passa attraverso internet e il Web permette un posizionamento decisamente migliore. Una campagna di marketing tenderà sempre più ad essere un piano strategico interattivo e integrato, e il payoff 7 di tale campagna tenderà ad avvenire su dati reali (cost per mille impression, CPM), resi da uno spot sulle diverse piattaforme. Le campagne saranno sempre più «multiple», cioè con versioni diverse a seconda dei diversi segmenti di pubblico e delle varie piattaforme su cui la comunicazione è veicolata; se così sarà il ROI (Return On Investiment) crescerà perché le campagne saranno più efficaci. In questo caso non esisterà più un mezzo privilegiato per un audience di massa, ma mezzi tutti ugualmente importanti per raggiungere target specifici: We will see neutral evaluation of all media formats. There is no primary role for linear Tv any more (Gerbarg, 2009) La televisione analogica, imperniata per di più sui canali generalisti e quindi su un flusso lineare comandato da palinsesti preordinati, tenderà a perdere quel rapporto privilegiato con gli investitori che ha mantenuto per molti anni e che per certi versi continua a mantenere, ma che è destinato inesorabilmente a perdere le quote di audience e di share attuali. Diversi settori dell industria e dei servizi, come per esempio quelli di viaggio, automobili, finanza, tempo libero, etc., già da diverso tempo privilegiano il Web, mettendo come secondaria la promozione su Televisione. Questo cambiamento che sta avvenendo nell industria dell advertising, sta seguendo quattro driver: attention, 7 Pay-off è inteso non in termini pubblicitari, laddove si indica il posizionamento dell'azienda o del prodotto a cui si riferisce. Per «posizionamento» si intende lo spazio occupato dal prodotto o dall'azienda nella mente del target, in parole povere la personalità del prodotto o dell'azienda; ma in termini economici laddove si indica il ritorno economico di una azione intrapresa.

13 creatività, misurazione e advertising inventory. I primi due driver prendono come soggetto l utente/consumatore che diventa sempre più autonomo e cosciente del proprio potere, abilità verso le nuove tecnologie e controllo sui media ai quali accede, divenendo quelli che molti definiscono «prosumer». Gli altri due driver prendono come soggetto l investitore pubblicitario, le agenzie pubblicitarie, i centri media, che diventeranno, o saranno costretti a diventare, sempre più attenti al cambiamento che guiderà i processi e i protagonisti del video ed in particolare: in primis avendo attenzione alla ricerca di più efficienti KPI (Key Performance Indicator) e, subito dopo, sul pay-off degli slot pubblicitari acquistati. Che cosa si intende per ognuno dei driver sopra indicati? Attention Con questo termine si deve intendere il tempo che viene speso davanti ad uno schermo che non è più solo quello televisivo dei pochi canali analogici; prima la Televisione satellitare e poi il digitale terrestre hanno moltiplicato l offerta televisiva redistribuendo le audience tra i tanti canali digitali; l entrata in scena della Connect Tv è destinata a bulimare l offerta televisiva. Allo schermo televisivo si era, in termini di tempo di visione e quindi di spazi di tempo che il consumatore impegna da questo punto di vista, si è già aggiunto da tempo il monitor del PC, con lo sterminato mondo di internet e del Web, cannibalizzandogli fasce d età e di interesse. Questo scenario tenderà ad essere sempre più complesso con la Connected Television che, se da un lato cannibalizza le audience dei broadcaster, dall altro rimetterà lo schermo televisivo come perno sia dell offerta dei broadcaster, sia il wide space e le sue modalità di consumo dell offerta che vi si precipiterà dal protocollo internet. Tutto ciò renderà il consumatore di Televisione, sempre meno costretto nell offerta broadcaster e sempre più aperto ad un offerta digitale da qualsiasi sorgente essa provenga. In questo modo eserciterà una sempre maggiore sovranità rispetto ai providers, broadcast o broadband che siano, e rispetto alla scelta di vedere o di non vedere, o di selezionare i messaggi pubblicitari. Difatti per quanto riguarda la Televisione lineare, i DVR e il VOD gli permetteranno un controllo e/o una selezione dei messaggi pubblicitari. Lo stesso gli permettono da un lato lo ad skipping delle pubblicità non interessanti e, dall altro, lo ad sharing per quelle di interesse che vuole condividere. I consumatori tenderanno ad esercitare sempre più il controllo su quello che vedono, a creare interazione e filtrare la pubblicità, continuando a spostare la loro attenzione dalla Televisione lineare e adottando tutta una serie di strumenti per saltare, condividere e dare un giudizio su una specifica pubblicità. Per quanto riguarda il mercato americano, quello più avanzato da questo punto di vista, il PC è già diventato il secondo medium, dopo la Televisione, per livello di attenzione: il 71% dei rispondenti di una ricerca condotta da IBM dichiara di usare internet più di due ore al giorno per uso personale, mentre solo il 48% dichiara di spendere un tempo analogo guardando Televisione. Tra gli heaviest users il 19% spende più di 6 ore al giorno o più davanti al PC, mentre solo il 9% sono quelli che passano un tempo equivalente davanti alla Tv (Gerbarg, 2009). Creatività Internet e il Web ha dato vita ad un fenomeno di assoluta significatività che ha assunto una sempre maggiore estensione ed ampiezza: da un lato sono nati i cosiddetti user-generated content (UGC), dall altro si è estesa la condivisione grazie al file sharing e i Social Network. Nel primo caso si è in presenza di un fluorilegio di nuove forme video: si va dai machinima ai mush-up, dai remix e open-movies alle Web series, dai fun movies ai UGC contest, etc. E, dall altro, all enorme riflesso di diffusione che ricevono dal file sharing e dai Social Network. Queste nuove forme video vengono realizzate in gran parte sotto forma amatoriale, ma stanno dando luogo a forme di creatività semi professionale che tendono a porsi sul mercato video e sull ip come competitor rispetto ai formati professionali. Allo stesso tempo, queste nuove figure tendono ad essere considerate dagli investitori come una alternativa alla creatività delle agenzie. Specie se si considera il loro carattere low-cost, attraente, oltre che per i grandi investitori, per le piccole e medie imprese, che possono contemporaneamente sfruttare la capacità virale (e gratuita) di diffusione del messaggio pubblicitario nella Grande Rete. Ciò porta ad immaginare nuovi scenari per l industria della pubblicità che si potrebbero prefigurare in un futuro non troppo lontano: in particolare sempre di più si nota come ci sia un accorciamento della catena del valore e una rifocalizzazione a monte e a valle della produzione video, come vedremo nei prossimi capitoli. Produttore video e consumatore dialogano sempre maggiormente (spesso questi due profili finiscono per sovrapporsi), cancellando di fatto la fitta rete di intermediazione costituita da distributori, creativi, etc.

14 Misurazione Con questo termine si intende l assoluta necessità di misurare le audience in presenza di una proliferazione dei canali e dei media, che propongono medesimi contenuti video su piattaforme diverse (dalla game console, alla Televisione, al PC, al mobile, tablet, etc.) che se da un lato fa crescere le audience video, dall altro le disperde tra le tante Televisioni, internet e il Web. Questo scenario renderà sempre più complessa la scelta del medium da parte degli investitori pubblicitari e dei centri media che, se da un lato si troveranno in possesso di un database sempre più ricco di informazioni, profili ed abitudini psico-sociologiche dei target, dall altro non avranno più un pubblico massificato, quello correlava la scelta della Televisione generalista e l efficacia della campagna con i grandi numeri delle audience. Sempre più dovranno invece tener conto delle eyes ball impression di internet. Si avranno, quindi, due spostamenti in prospettiva: da un lato l inseguimento delle audience (la pubblicità si colloca laddove c è il suo target); dall altro gli investitori pubblicitari chiederanno sempre più i numeri che derivano da misurazioni più specifiche ed efficaci che rendano il coinvolgimento del consumatore e quindi l impression sullo stesso. Advertising Inventory Per advertising inventory si intende lo spazio venduto online per veicolare messaggi pubblicitari su diversi spazi come siti Web, RSS feed, blog, applicazioni di istant messaging, adware, e altri strumenti. Gli spazi acquistati sono per due terzi quelli sui siti, per i quali vengono stretti accordi con reti di agenzie pubblicitarie tramite il pagamento di un abbonamento o di una percentuale sulle entrate pubblicitarie (PPC). Nel nuovo scenario televisivo, come si è detto, sono già entrati e sono destinati a crescere nuovi player come i grandi motori di ricerca e i Web Aggregator o i Web Hosting che offrono e aprono agli investitori nuovi spazi pubblicitari. Alcune indagini con riferimento al mercato americano calcolano che nei prossimi 5 anni, queste piattaforme otterranno il 30% delle entrate pubblicitarie a discapito degli attuali protagonisti del mercato come i broadcaster. Uno scenario che è già visibile oggi, dove sempre maggiori investitori sono presenti in maniera sempre più rilevante sul Web, decidendo di investire in maniera sistematica, e non solo in maniera pionieristica e non definita (spesso infatti le campagne su Web non rientravano nei piani di comunicazione, non venivano definiti nella strategia complessiva né nella creatività). Gli scenari possibili per la raccolta pubblicitaria Da quanto appena descritto è possibile trarre, per quanto riguarda la pubblicità, due considerazioni: la prima riguarda la prospettiva per i viewers di gestire il proprio consumo pubblicitario e dall altro di partecipare alla creazione di campagne marketing e alla loro gestione nella grande Rete; la seconda riguarda il passaggio da un area chiusa e limitata di spazi pubblicitari, quelli della Televisione analogica, ad un area aperta ed in divenire per effetto della digitalizzazione e della distribuzione con protocollo internet di video short e long form. Da queste considerazioni si possono trarre quattro diversi tracciati che potrà seguire l industria televisiva: Continued Evolution, Open Exchange, Consumer Choice e Advertising Marketplace. Figura 12 - I nuovi scenari dell industria pubblicitaria

15 Lo schema nella Fig. 12 mostra a livello grafico come sono posizionati i quattro scenari secondo i quattro indicatori: maggiore o minore apertura/chiusura del mercato televisivo verso gli investitori pubblicitari; e maggiore/minore controllo dei media da parte dei provider o dei consumatori. Il primo tracciato, ovvero quello della Continued Evolution, vede l industria televisiva imperniata su un modello one-to-many. Questo tracciato presuppone il mantenimento del sostanziale oligopolio e uno sviluppo della catena del valore. L industria, come già ha intrapreso azioni in risposta al videoregistratore (DVR), applicherà strategie analoghe per affrontare la crescente popolarità degli user-generated content e del peer-topeer, adeguandosi, da un lato ai cambiamenti dei modelli economici e dei pay-off generato dall avvento di nuovi strumenti; e dall altro alle nuove misurazioni dell efficacia pubblicitaria, basate non solo sull impression ma anche sull engagement del consumatore. In questo sta l evoluzione rispetto al modello precedente. L industria pubblicitaria continuerà a fronteggiare un industria televisiva controllata dai provider e quindi un mercato non aperto a più concorrenti. Gli investitori pubblicitari collocheranno una parte del loro budget sulle nuove piattaforme digitali, mantenendo una quota significativa di investimento sulla Televisione considerata ancora mass-media, continuando a ridurre l impegno verso altri old media come ad esempio i quotidiani. Il controllo del mercato pubblicitario rimane quindi strettamente ancorato ai produttori dei contenuti video e ai distributori tradizionali, a cui si aggiungeranno i Web Aggregator e i Web Hosting per quanto riguarda il Web. Crescerà in ogni caso il potere dei consumatori che iniziano in questa scenario a ritagliarsi comunque un ruolo di driver per l evoluzione del mercato, diventando attori coinvolti indirettamente nei progressi di evoluzione dei modelli di Business delle imprese dell entertainment. L industria non può infatti ignorare gli spostamenti delle audience verso nuove piattaforme, né può sottovalutare le implicazioni dell uso massivo di questi nuovi device, primo tra tutti il DVR e altri tool come TiVO. Di fronte ad un pubblico sempre più attivo e ad un attività pubblicitaria ancora in maggioranza di massa, si prefigura così quello che si potrebbe definire un mercato bifronte: per gran parte del target continueranno ad essere utilizzati i modelli pubblicitari tradizionali, mentre per gli altri target (generalmente giovani e culturalmente evoluti) verranno sviluppate pubblicità più interattive e innovative. Il secondo tracciato è quello dell Open Exchange che vede l industria pubblicitaria, in termini diversi dall attuale, cavalcare questa evoluzione assieme ai grandi player televisivi ed internet. Gli investitori pubblicitari e i provider rimarranno principalmente gli stessi, ma cambieranno invece i processi per l acquisto degli spazi pubblicitari: quest ultimi verranno comprati e venduti grazie a un efficiente sistema di scambio diretto tra investitori e provider, escludendo probabilmente da questo processo la grande industria pubblicitaria. Si faranno spazio i piccoli e medi new comers pubblicitari in grado di interpretare con più flessibilità i nuovi scenari di mercato e, accanto ai player televisivi, entreranno in gioco i Multiple System Operator (MSO) e le Telco, se riusciranno a spostare il centro del loro core business dalla vendita di connessioni alla vendita di servizi. Nel mercato pubblicitario di internet, insieme ai nuovi player legati al settore tecnologico, deterranno invece il controllo del mercato i Web Aggregator e i Big dell hosting, insieme ai produttori di contenuti video. Una significativa porzione dello spazio pubblicitario sarà quindi «open», ovvero venduto attraverso scambi, permettendo così anche ai piccoli compratori di entrare nel mercato, una volta prerogativa solo delle grandi aziende. I fattori caratteristici dell industria pubblicitaria in questo tracciato saranno quelli del massimo controllo media da parte del provider e apertura del mercato pubblicitario. Per quanto riguarda il Consumer Choice, tale tracciato prevede un mercato pubblicitario controllato principalmente da un consumatore prosumer, che decide quale pubblicità vedere e filtrare. I formati pubblicitari evolvono quindi verso un modello più interattivo, basato sul consenso del consumatore e su messaggi specifici per i diversi target. I driver che hanno maggiore importanza in questo processo sono sicuramente l attenzione e la creatività, ovvero tutti quei processi guidati dal consumatore. I fattori caratteristici dell industria pubblicitaria in questo tracciato saranno quelli del massimo controllo media da parte del consumatore e massima apertura del mercato pubblicitario. Il distributore non fa quindi altro che offrire al consumatore diverse possibilità e sta al consumatore selezionare quale sia il prodotto video più accattivante, la piattaforma più idonea per consumarlo, e addirittura il «pacchetto» pubblicitario più appetibile e rilevante per le sue caratteristiche e per i suoi gusti personali (questo è possibile non solo grazie ai tool ad skipping e ad sharing già citati precedentemente ma attraverso gli spider dei motori di ricerca, che registrano le preferenze dell utente). Per esempio, potrebbe scegliere di guardare solo pubblicità di automobili, orientate al pubblico maschile di una certa fascia d età. L ultimo tracciato che si prefigura è quello dell Ad Marketplace. Questo tracciato presuppone la scomparsa dell attuale modello dell industria pubblicitaria e la nascita di un nuovo sistema, basato su due soli player nella catena del valore: produttore e consumatore. I consumatori rifiuteranno la pubblicità tradizionale e saranno sempre più coinvolti nel processo di sviluppo e distribuzione della pubblicità, scegliendo di quali media usufruire

16 e creando un palinsesto tailor-made, come si era già prefigurato in maniera più contenuta nei tracciati del Consumer Choice e, più limitatamente, nella Continued Evolution. La pubblicità viene venduta attraverso scambi aperti e dinamici come nell Open Exchange, ma in questo modello si raggiunge per così dire una sorta di mercato concorrenzialmente perfetto. Questo tracciato prevede infatti che potenzialmente ogni pubblicitario possa rivolgersi a qualsiasi consumatore, creando perciò infinite possibilità di scambio e di interazione. La distribuzione avviene perciò principalmente attraverso attività di buzz e di viral per la diffusione delle informazioni sul brand, cancellando tutte le figure di intermediazione che si frappongono tra produttore e consumatore. I fattori caratteristici dell industria pubblicitaria in questo tracciato saranno quelli del massimo controllo media da parte del prosumer e massima apertura del mercato pubblicitario. Il tracciato più vicino a quello attuale è sicuramente il Continued Evolution, che si posiziona rispettivamente nella parte più bassa a sinistra del grafico, con una chiusura sostanziale del sistema pubblicitario e da un controllo quasi assoluto dei provider e dei broadcaster. In futuro l industria pubblicitaria potrebbe spostarsi verso i modelli adiacenti, ma non si può prevedere in anticipo dove si sposterà realmente e se questi tracciati sia collegati tra loro da un percorso evolutivo o meno. Molto dipenderà dal comportamento dei player coinvolti nel cambiamento, dalla capacità di innovazione tecnologica, dai nuovi posizionamenti che riusciranno a ritagliarsi nella catena del valore e dal potere di un consumatore/prosumer sempre più rilevante. Starà ai vari attori del mercato scegliere i modelli di business più idonei, cercando nuove modalità di vendita della pubblicità, instaurando nuove relazioni e partnership, ridefinendo i modelli di guadagno e le misurazioni dei risultati. Sulla base di queste osservazioni i player all interno dell attuale catena del valore potrebbero prendere differenti percorsi di mutamento. Il percorso naturale potrebbe essere quello che va dallo scenario attuale, quello dell adattamento del mercato (Continued Evolution) al mercato pubblicitario (Ad Marketplace), attraverso due possibili passaggi intermedi: quello del Consumer-based o quello basato sull Open Exchange. Segni di evoluzione sono già presenti nel mercato attuale. Esempi di Open Exchange sono presenti già in internet, ma è chiaro che questo modello potrebbe estendersi anche in altri mercati in un futuro non lontano (Google ha già eliminato gli intermediari, essendo al tempo stesso distributore e produttore di contenuti e fornitore di servizi (AdSense, Radio, News, PrintAds, Tv, Telco, etc). Esempio di Consumer Choice è TiVo, che permette di selezionare i programmi e di saltare le pubblicità non di gradimento. Il futuro della pubblicità sembra disegnare un distacco radicale dal passato. La ricerca del controllo dell attenzione, della creatività, del rilevamento dei risultati e degli spazi pubblicitari, sta ridisegnando la catena del valore e sta spostando il peso e il potere negoziale che le aziende si erano ritagliate in questi anni. La crescita degli investimenti pubblicitari ha generalmente un rapporto direttamente proporzionale all andamento dell economia. E chiaro quindi che a fronte di un ciclo favorevole economico maggiori investitori avranno un budget più elevato da spendere in iniziative pubblicitarie; al contrario uno sfavorevole passaggio economico porterà non solo ad un taglio degli investimenti in questo ramo, ma al tempo stesso si ridurranno le sperimentazioni e le iniziative pionieristiche, riducendo le azioni a quelle di esito certo e con ROI massimo. Quello che interessa di più in questo lavoro non è quindi indagare in che punto del ciclo economico ci troviamo, ossia in quale direzione ci stiamo muovendo, se il cambiamento è verso una crescita o decrescita degli investimenti, ma è invece molto più interessante osservare con quale rapidità e in che misura i cambiamenti avverranno. Il cambiamento è molto più veloce di quanto si possa immaginare. Tutti i dati provenienti del mercato americano, che prendiamo in questo lavoro come esempio esemplificativo di ciò che succederà di qui a pochi anni nel contesto italiano, indicano che l online, il Mobile e i formati interattivi sono chiaramente le chiavi di crescita dell industria della pubblicità che traineranno il mercato. Mentre i formati maturi come stampa, direct marketing e Tv avranno una crescita piuttosto bassa, i nuovi formati (compresa la Televisione interattiva e la pubblicità attraverso videogiochi) avranno infatti una crescita complessiva superiore al 20%. Questa percentuale, seppur ancora moderatamente bassa in termini assoluti, rappresenta una rivoluzione se viene considerato come lasso temporale gli ultimi 8 anni. Si parla infatti di una crescita di investimenti da pochi bilioni di dollari, a una fetta consistente del mercato che vale oggi diversi bilioni di dollari: sono internet mostra una crescita quasi doppia in soli 5 anni, contro un sostanziale assestamento di tutti i media tradizionali e già da tempo posizionati nel mercato pubblicitario. Oggi, dunque, l attenzione del consumatore viene contesa infatti tra numerose piattaforme per l intrattenimento tramite schermi, Tv, PC, game console, smartphones, e molti altri. Ma non tutti quelli che accendono la Televisione, veramente usufruiscono dei prodotti che il medium propone. Sempre da ricerche americane si è visto come la Televisione, specialmente presso il pubblico giovane, sta inesorabilmente diventando un medium di background, al quale ci si dedica una attenzione «di secondo piano».

17 Il focus di attenzione viene sempre conteso tra almeno due attività, una di primo e una di secondo piano, a cui ci si deve dedicare minor impegno. Per i giovani l attività principale diventerà quindi quella di navigare su internet, chattare o giocare ad un gioco online o tramite game console, mentre la Televisione, incapace di competere con tale livello di coinvolgimento attivo e di interattività, viene guardata di sfuggita, se non addirittura solo ascoltata. Questo spiega perché questi nuovi mezzi non abbiano eroso lo spazio e l importanza del mezzo Televisione, che continua a mantenere il suo potere contrattuale nel mercato dell advertising pur perdendo l attenzione di parte dei suoi spettatori. Allo stesso tempo internet e i device assumono sempre maggiore importanza in termini di ritorno pubblicitario, sia attraverso la pubblicità classica che attraverso servizio di abbonamenti per contenuti premium, modalità di entrata diretta che ha interessato la Televisione solo negli ultimi anni con la Pay Tv. Sarà interessante nel futuro capire, specialmente in ambito Web, quale modello di Business, tra premium ed advertising-supported, prevarrà. Un indicatore che aiuta a comprendere maggiormente la direzione e l intensità del fenomeno premium/adsupported è sicuramente l analisi demografica. La frammentazione dell attenzione dei consumatori varia infatti a seconda delle fasce d età e in base a queste fasce varia sostanzialmente il servizio che viene richiesto per usufruire del contenuto. L unico media, se così possiamo definirlo, l unico service che ha una audience di massa è diventato il Social Networking, specialmente per le fasce di popolazione sotto i 35 anni. Sono proprio gli heaviest user, appartenenti alle fasce giovani della popolazione, che dichiarano di passare più ore su internet che guardando la Televisione 8, gli stessi che sperimentano maggiormente i contenuti provenienti dalle nuove piattaforme e che sono disposti a pagare per servizi online. Le audience più mature invece adottano servizi più tradizionali come i contenuti premium della Televisione e i servizi di abbonamento ai quotidiani online. Queste statistiche, riferite al mercato degli Stati Uniti, possono essere applicate al mercato italiano, che sta anche questo sviluppando le medesime caratteristiche. Diviene chiaro che, a seconda del target, gli investimenti si sposteranno da una piattaforma all altra, anche se alcuni strumenti attraversano in maniera trasversale tutta la popolazione e subiranno una crescita notevole nei prossimi anni: la Tv premium video content per esempio, il Social Networking e i siti aggregatori di UGC. Gli investitori di pubblicità sono quindi costretti a seguire questi mutamenti capricciosi del target: è sempre più seguire il consumatore dove vuole, quando vuole e come vuole. Per quanto riguarda il consumo di video, è possibile che in un futuro il consumo di Tv sarà sostituito da altri visual media, anche se ad oggi tale potere è ancora in gran parte detenuto dalla Televisione tradizionale. Anche se il video su Mobile riveste ancora una fascia molto limitata nel mercato globale, questa tecnologia sta crescendo in maniera sostenuta, e quasi metà della popolazione USA afferma di aver già visto o di voler vedere una mobile Tv o un video su telefonino. In Giappone la mobile Tv è un fenomeno molto sviluppato e tale strumento viene usato quotidianamente anche in casa. Oltre al mobile sono nati in questi anni nuovi strumenti e nuovi schermi per l intrattenimento, come ad esempio l Ipad della Apple, già largamente utilizzato dai cosiddetti «esploratori», ovvero da coloro che per primi esplorano e usano le nuove piattaforme che escono sul mercato. Questi device multimediali stanno crescendo in maniera differente da nazione a nazione, come i lettori mp3 in Germania e la game console portatile in Giappone, i Video-On-Demand in Gran Bretagna. Qual è l impatto di questi nuovi strumenti sugli investimenti pubblicitari? Gli executive dell advertising si aspettano una significativa diminuzione degli introiti provenienti dagli spot da 30 secondi e il rientro per i siti open source, dalla pubblicità su internet e dal product placement. Se i consumatori si stanno lentamente spostando dalla Televisione tradizionale alle nuove piattaforme di contenuti, come i maggiori siti online (es. YouTube, Myspace, Facebook), giochi, mobile ed altre piattaforme per l intrattenimento, sembra una conseguenza quasi logica che la pubblicità, le sottoscrizioni e i guadagni d intermediazione si spostino verso questi service. A loro volta il successo di questi Web Aggregator è data dallo sviluppo di device sempre più sofisticati, maneggevoli, userfriendly, accessibili a sempre più estese fasce di popolazione. Questo porta però a rischio i distributori di contenuti tradizionali specialmente per quelli che non producono direttamente i contenuti o quelli che non hanno i diritti di distribuire questi contenuti sui canali più nuovi. Allo stesso tempo però i nuovi player offrono agli inserzionisti la possibilità di portare la propria pubblicità in un network di aziende che investono su stessi siti, generando economie di scala. Un gruppo di imprese può infatti, attraverso apposite concessionarie pubblicitarie online, comprare degli spazi pubblicitari in condivisione con altre aziende, comparendo in maniera alterna ad ogni click del navigatore. Questa possibilità genera benefici per tutti gli attori, come la migliore gestione degli spazi, una maggiore trasparenza nel prezzo, lo snellimento dei processi di vendita e acquisto e miglioramento nell analisi e nella misurazione dei risultati. I nuovi arrivati e le nuove piattaforme si sono così posizionati per assicurarsi una parte importante nel futuro della pubblicità e in questa 8 Dati IBM 2007, Digital Consumer Study

18 catena del valore del video content. Se gli attori del mercato tradizionale spesso non sanno adeguarsi al nuovo mondo della Rete, al contrario i player di internet hanno dimostrato spesso di essere più adatti ad estendere il loro business tanto su diverse piattaforme online come anche su altri canali media. E il caso di Google che sta adattando il suo studio di tracking e sta configurando gli algoritmi sia per i vecchi che per i nuovi canali, siano questi radio, Tv e stampa (es, il lancio di Google PrintAds). Questo è un esempio di spostamento verso un mercato adiacente che ha permesso un ulteriore crescita nel campo della ricerca a pagamento. L investimento da parte di questi nuovi attori nella pubblicità tradizionale crea una ulteriore frattura destabilizzante nell attuale catena del valore, come vedremo nel prossimo paragrafo. Come diventa permanente la frammentazione tra media e intrattenimento, così i pubblicitari dovranno sforzarsi di essere maggiormente competitivi nel proprio ambito, rendendo le piattaforme più efficienti e dinamiche, capaci di gestire gli spazi, pianificarli, tracciarli, misurarli, attraverso i canali multimediali e in tempo reale. Inoltre i proprietari di contenuti, i distributori, i pubblicitari e le agenzie devono diventare molto più creativi e agguerriti, disposti a tutto per attrarre il proprio target. Un esempio lampante è la creatività continua per attirare l attenzione verso la pubblicità: stanno crescendo nuovi formati pubblicitari sia per lo schermo televisivo che per il Web, come lo short-for video, i flickers, bugs, i banner e i pop-up che continuano ad evolvere e migliorare. La Catena del valore della pubblicità Gli scenari futuri finora proposti hanno un impatto rilevante nella catena del valore pubblicitario. In particolare cambiano il peso rivestito dai vari player, che vedono perdere o aumentare il controllo sul processo di produzione del valore. I new comers nel settore dell acquisto di spazi, pianificazione e misurazione della pubblicità sui media interattivi, tenderanno a sostituirsi a quelli tradizionali e al tradizionale direct marketing, posizionandosi allo stesso livello ai centri media e alle agenzie di pubblicità. Allo stesso modo crescono i distributori interattivi di internet e Mobile, che si misurano con il potere dei grandi distributori broadcaster e i distributori tradizionali di telefonia. Di fronte di un generalizzato depotenziamento del potere contrattuale degli intermediari, sembra infine crescere, a monte e a valle del processo, il potere dell investitore pubblicitario e del consumatore. valore della pubblicità Fig. 13 L impatto sulla catena del I distributori tradizionali (operatori di sistemi multipli e Telco) e i nuovi player interattivi (provider internet e Mobile) devono condividere una stessa fetta di mercato pubblicitario. L introduzione dei nuove piattaforme e formati e il bisogno di difendere la propria posizione nella catena del valore, porterà questi soggetti a sviluppare nuove forme di pubblicità (come il VOD advertising) integrandoli ai canali video, mobile e internet, focalizzandosi inoltre nel mercato locale. La sfida rimane sull integrazione cross piattaforma, specialmente tra Telco e multiple system operator, che hanno la possibilità di integrare servizi di wireless, broadband e video. E se internet fosse la nuova generalista? internet è ormai in tutto e per tutto un mass medium. internet rende le Telecomunicazioni, che erano già considerate nel «canestro» dei media, un media a tutto tondo e il Web completa questa straordinaria operazione di parificazione. internet e il Web quindi sono media al pari livello di libri, giornali e riviste, fotografia, radio,

19 Televisione e cinema. Una affermazione che può apparire a prima vista scontata, ma che racchiude in sé un dato: ad oggi molti tra gli advertiser e tra gli spender di pubblicità lavorano ancora in un ottica di old media. È in corso però un cambiamento culturale con tempi più rapidi nei paesi anglosassoni e più lenti negli altri, che sta portando a comprendere internet come un mezzo specifico, con una sua audience profilata e con modelli di business alla ricerca di stabilità. Questo ritardo deriva da un sentiment ancora legato ad una lettura del mercato con lo specchietto retrovisore e dalle difficoltà di swiching delle culture d impresa, dei paradigmi tecnico-economici, che si frappongono sempre rispetto al cambiamento. In realtà il livello di penetrazione di internet ha raggiunto numeri molto interessanti, tanto da essere considerato un medium nella fase di sviluppo del ciclo di vita del prodotto. La sua diffusione è favorita dalla preesistenza di reti di telefonia e di elettricità, così come dalla riduzione tendenziale dei costi sia di abbonamento alla rete, sia di acquisizione dell hardware e del software necessari. In termini anagrafici si può affermare che ha conquistato le fasce di età fino ai anni, mentre si stanno affacciando i cosiddetti nativi digitali. Questa realtà, la realtà di internet, ha dato anche luogo ad una straordinaria crescita delle industrie ICT collegate e da un florilegio di canali distributivi che vedono assieme al PC, le game console, i device mobili e, ultimi ma prepotenti entranti, gli schermi televisivi. Oggi due italiani su tre accedono ad internet da casa, due su cinque dall ufficio, e con una percentuale minore (sotto la soglia del 10% della popolazione) anche da altri luoghi. Sempre di più cresce il numero di persone che si collegano al Web attraverso gli smartphone o i tablet, un settore in rapida espansione e che rappresenta per molti il futuro di internet 9. Si può anzi affermare che la crescita di internet sui device mobili è ritardata dalle carenze di disponibilità di banda. Mentre la ancora limitata utilizzazione di larga banda su rete fissa è dovuta principalmente allo scarso uso che ne fanno la pubblica amministrazione e le imprese. È quindi un uso ancora squilibrato dal punto di vista dell efficienza Paese, ma molto forte per quanto riguarda i consumatori finali, cioè i destinatari dei messaggi pubblicitari. Ciò che emerge dai dati di AudiWeb 2010 è l ubiquità e l enorme potenzialità del mezzo: ormai la maggior parte della popolazione è in grado di accedere ad internet da qualsiasi luogo/strumento. Un medium altamente pervasivo e permeabile in qualsiasi spazio e momento della giornata. Il trend di crescita di internet è quindi decisamente positivo (una crescita dell 12% rispetto all anno precedente, altrettanto positivo), anche a fronte di una congiuntura economica sfavorevole che lo vede come unico medium a crescere, assieme alla Televisione. Nella dinamica del totale della popolazione, internet può essere considerato uno tra i medium più affermati e nelle dinamiche di alcune popolazioni, in particolare quelle dei nativi digitali, è diventato il medium di riferimento. Tuttavia i minuti spesi su internet sono ancora minoritari rispetto a quelli passati davanti alla Televisione generalista (la Tv viene vista dal 99% degli italiani, internet dal 33%), anche se in una misura difficilmente quantificabile lo schermo è acceso senza una effettiva visione da parte dello spettatore. internet sta raggiungendo quelli spesi per la radio nazionale (ascoltata da 1 italiano su 2) e ha già di gran lunga superato i minuti spesi leggendo quotidiani e periodici, tanto che questi ultimi proprio su internet stanno cercando di rinnovarsi e recuperare attraverso il Web le audience perdute. I key drivers della crescita di penetrazione di internet nella popolazione sono soprattutto i Social Network e i video, che raggiungono entrambi livelli di consumo tra gli utenti superiori al 70%. Terzo fattore di crescita, con circa il 44%, è il mondo dell informazione. Un dato che va letto insieme alla crescita dello smartphone e dell uso del telefonino con uso di internet in abbonamento. La vera innovazione è quindi quella della penetrazione del video nel consumo di internet, che fino a pochi anni fa era trascurabile e che adesso sia dal punto di vista del consumatore che del pubblicitario sta diventando un item fondamentale per lo sviluppo del mezzo e che pone problemi serissimi di upgrading delle attuali linee telefoniche verso le Next Generation Networks. Detto ciò, lo scenario che si delinea è quello di un mercato pubblicitario che ha raggiunto una certa (forse preoccupante) maturità. Dai dati Nielsen del report Watch Insight del dicembre 2011, si osserva un monte investimenti da gennaio a settembre del 2011 leggermente minore, ma pressochè identico nella sostanza, rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Internet si presenta ovviamente come lo strumento più dinamico e vivo di raccolta, segnando un + 15%, ma la riflessione che occorre fare è più profonda. Se, infatti, il cumulo degli investimenti pubblicitari si è ormai stabilizzato, ma le modalità di investimento e di raccolta sono tutt altro che ferme, le posizioni più statiche, seppur dominanti, saranno oggetto di drenaggio di risorse a favore di altri settori 9 Anche se in valori assoluti si hanno ancora numeri molto bassi, alcuni esperti ritengono che nel 2020 gli Smartphone saranno i primi strumenti di connessione ad internet. Il collegamento da cellulare ha infatti avuto una crescita molto consistente rispetto al 2009 di circa il 63%. Stanno infatti continuando a crescere le ore di collegamento e la penetrazione di cellulari abilitati all uso di internet e con servizio di abbonamento internet incluso stanno raggiungendo cifre rappresentative.

20 media. Se, visto quanto detto sopra, il Web è sempre più il medium di riferimento per alcune fasce di popolazione, sembra inevitabile che la Tv vedrà impoverirsi la sua raccolta su porzioni di programmazione che diventeranno sempre più aderenti e direttamente concorrenti con i video visti sul Web. Il Web, tra le sue molteplici versioni e visioni, assume anche quel tratto spiccato di generalismo che tanto piace, e continuerà a piacere, ad un certo tipo di investitore pubblicitario e che, almeno per i prossimi anni, potrà comprarlo su internet a buon mercato. E quindi il generalismo on demand del Web il contender più temibile della Tv nell agone pubblicitario ed è anche il motivo per il quale i broadcaster devono pensare all orizzonte Connected Tv come un opportunità decisiva per rigenerare il proprio comparto di raccolta e aggredire, secondo il modello della piramide rovesciata, su più fronti un mercato dell advertising che richiederà sempre più innovazione e integrazione. Ovviamente sapendo che faranno lo stesso tutti i nuovi player del settore.

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza.

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Allegato B alla delibera n. 93/13/CONS Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Premessa In Italia, con il recente switch-off della televisione

Dettagli

LA RIVOLUZIONE DEL SETTORE TELEVISIVO: PER UN INTERPRETAZIONE DEL NUOVO SCENARIO COMPETITIVO 1

LA RIVOLUZIONE DEL SETTORE TELEVISIVO: PER UN INTERPRETAZIONE DEL NUOVO SCENARIO COMPETITIVO 1 LA RIVOLUZIONE DEL SETTORE TELEVISIVO: PER UN INTERPRETAZIONE DEL NUOVO SCENARIO COMPETITIVO 1 Il settore televisivo italiano ha subito, nell ultimo decennio, una notevole trasformazione dal punto di vista

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv

Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv Alberto Marinelli Teoria e tecniche della comunicazione e dei nuovi media A.A. 2013/ 2014 Parte terza UN NUOVO AMBIENTE DI SINTESI: LA CONNECTED TELEVISION

Dettagli

Le filiere della comunicazione

Le filiere della comunicazione ASK - Centro di ricerca Art, Science and Knowledge Le filiere della Paola Dubini Mario Campana 24 marzo 2009 Osservatorio Business TV Le domande della ricerca 1. Come si articola il processo di costruzione

Dettagli

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Progetto SCREEN Servizi e contenuti per le reti di nuova generazione CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Gianni Celata, Enrico Menduni Università degli Studi Roma Tre Spazio Incontri

Dettagli

DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA

DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA L AUTORITÀ NELLA riunione del Consiglio del 6 febbraio

Dettagli

XXVIIIa Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE

XXVIIIa Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE XXVIIIa Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE FOX CHANNELS ITALY 2 FOX Channel Italy http://www.foxtv.it/ FOX International Channels Italy nasce nel 2003. Oggi è uno dei player

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

L ultima edizione dello IAB svoltasi a Milano nei primi giorni di Dicembre 2013 ha confermato come ci sia ormai un grande interesse e attenzione fra

L ultima edizione dello IAB svoltasi a Milano nei primi giorni di Dicembre 2013 ha confermato come ci sia ormai un grande interesse e attenzione fra L ultima edizione dello IAB svoltasi a Milano nei primi giorni di Dicembre 2013 ha confermato come ci sia ormai un grande interesse e attenzione fra tutti i diversi attori della filiera di comunicazione

Dettagli

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Relazione Osservatorio ANFoV, in collaborazione con Baker & McKenzie. Integrazione e convergenza di servizi e piattaforme

Dettagli

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano

Monito Monit r r trimestr trimes ale merc mer a c t a o t tele l v e i v s i ivo i vo italiano Monitortrimestralemercato trimestrale mercato televisivo italiano Aggiornamento SETTEMBRE 2012 Novembre 2012 Indice Sintesi Pag. 2 I principali operatori del mercato Pag. 6 Focus sull offerta gratuita

Dettagli

Robert Castrucci. Coda lunga, convergenza, gatekeepers e liberalizzazione della TV via internet. Convegno IP-TV2.0

Robert Castrucci. Coda lunga, convergenza, gatekeepers e liberalizzazione della TV via internet. Convegno IP-TV2.0 Robert Castrucci Coda lunga, convergenza, gatekeepers e liberalizzazione della TV via internet Convegno IP-TV2.0 Vincoli tecnologici ed economici al dispiegamento di dinamiche Long Tail Limite dell'offerta

Dettagli

Lo switch over da broadcast a ultra broadband

Lo switch over da broadcast a ultra broadband Lo switch over da broadcast a ultra broadband Gli autori e i produttori audiovisivi sono stakeholder interessati al successo del Strategia italiana per la banda ultralarga e della Strategia per la crescita

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

2006, di un offerta di televisione via DSL ( 2 ). Télé 2 è attiva anche nel settore della telefonia mobile. Introduzione PREMESSA

2006, di un offerta di televisione via DSL ( 2 ). Télé 2 è attiva anche nel settore della telefonia mobile. Introduzione PREMESSA Il 18 luglio 2007 la Commissione ha adottato una decisione in un caso di concentrazione in conformità del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio, del 20 gennaio 2004, relativo al controllo delle concentrazioni

Dettagli

Offerta Televisiva. Generalità

Offerta Televisiva. Generalità Offerta Televisiva Generalità Quadro Generale Cambiamenti a livello delle filiera televisiva Accanto alla tradizionale modalità di diffusione terrestre (satellitare, TV via cavo,...) l offerta di contenuti

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi

Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi Introduzione La diffusione della televisione digitale in Europa Negli ultimi 18 mesi il digitale

Dettagli

UC e videocomunicazione

UC e videocomunicazione UC e videocomunicazione di Giuseppe Saccardi Se si osserva lo scenario delle comunicazioni aziendali si possono identificare diversi macrotrend. BYOD, interesse crescente per un approccio basato sul servizio

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre Lucca, 10 Giugno 2005 I contenuti interattivi per la nuova televisione Benedetto Habib Amministratore delegato My-tv Spa Indice -Verso il digitale - I

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook GIUGNO 2012 Nielsen Economic and Media Outlook NIELSEN ECONOMIC AND MEDIA OUTLOOK BROCHURE Maggio 2012 GIUGNO 2012 Scenario macro economico Tendenze nel mondo media Andamento dell advertising in Italia

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

Emanuela Mora Sharitaly, Roma 1 Dicembre 2014 Non è tutto sharing quello che luccica

Emanuela Mora Sharitaly, Roma 1 Dicembre 2014 Non è tutto sharing quello che luccica Emanuela Mora Sharitaly, Roma 1 Dicembre 2014 Non è tutto sharing quello che luccica Quando parliamo di sharing economy, l accento sulla parola condivisione porta spesso a enfatizzare un giudizio genericamente

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

2014-2018. Entertainment & Media Outlook in Italy Executive Summary

2014-2018. Entertainment & Media Outlook in Italy Executive Summary 2014-2018 Entertainment & Media Outlook in Italy Executive Summary 4 Entertainment & Media Outlook in Italy: Executive Summary Executive Summary Panoramica del settore Il valore totale del mercato dei

Dettagli

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it IPTV IPTV, o Internet Protocol Television è il generico acronimo per una serie di sistemi con i quali i segnali televisivi, o genericamente i contenuti video, sono distribuiti agli utenti utilizzando tecnologie

Dettagli

Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Professor Giovanni Pitruzzella

Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Professor Giovanni Pitruzzella DISEGNI DI LEGGE N. 1880 E CONNESSI SULLA RIFORMA DELLA RAI (Commissione 8ª - Lavori pubblici, comunicazioni) Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato Professor Giovanni

Dettagli

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE Il processo di trasformazione digitale delle aziende sta avendo profondi impatti sull offerta di servizi B2C e B2B che le stesse propongono ai propri clienti. La

Dettagli

SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV

SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV CHI SIAMO Presentazione versione 1.0 MoneyBoxTv - pag.0 Moneyboxtv è un marchio e un progetto di proprietà della società

Dettagli

I periodici ai tempi di Internet: dall advertising alla vendita di servizi. Forum nazionale ANES, 26 settembre 2007

I periodici ai tempi di Internet: dall advertising alla vendita di servizi. Forum nazionale ANES, 26 settembre 2007 I periodici ai tempi di Internet: dall advertising alla vendita di servizi Forum nazionale ANES, 26 settembre 2007 Ragazzi, ma vi rendete conto che siamo l ultima generazione ad avere i ricordi in bianco

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di OSSERVATORIO IPSOS per conto di DIFFUSIONE di COMPUTER e INTERNET tra le famiglie italiane Base: Totale famiglie Possesso di un computer Connessione a Internet TOTALE famiglie italiane 57 68 Famiglie monocomponente

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI

L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI Riflessioni sull evoluzione della distribuzione dei contenuti SOMMARIO Aumentano le vie di distribuzione... 3 Web e TV, il giornalismo partecipativo... 3

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future

I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future Ricerca a cura di Final Draft Ottobre 2014 Executive summary Per quasi 40 anni la storia della televisione

Dettagli

Scenario attuale e potenziale della televisione in digitale

Scenario attuale e potenziale della televisione in digitale Scenario attuale e potenziale della televisione in digitale Cagliari, gennaio 2008 Questo documento è stato prodotto ad uso interno del cliente. La sua circolazione, citazione o riproduzione all'esterno

Dettagli

Linguaggi & Tecnologie Multimediali

Linguaggi & Tecnologie Multimediali Linguaggi & Tecnologie Multimediali TV interattiva e mobile TV Azienda ospitante: Il T- GOV Applicazioni Interattive su piattaforma DTT per la Pubblica Amministrazione Tesi di fine corso di: Tutor del

Dettagli

Prospettive dell emittenza locale: la sfida di internet. Augusto Preta ITMedia Consulting

Prospettive dell emittenza locale: la sfida di internet. Augusto Preta ITMedia Consulting Prospettive dell emittenza locale: la sfida di internet ITMedia Consulting Roma - 27 maggio 2014 Struttura della presentazione Principali tendenze nel mondo internet Radio, televisione, internet: una prospettiva

Dettagli

28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE

28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE 28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE FOX CHANNELS ITALY 2 FOX Channel Italy hip://www.foxtv.it/ FOX Interna+onal Channels Italy nasce nel 2003. Oggi è uno dei player di

Dettagli

Comunicare Domani. Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2008. Milano, 26 giugno 2008

Comunicare Domani. Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2008. Milano, 26 giugno 2008 Comunicare Domani Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2008 Milano, 26 giugno 2008 Il mercato della comunicazione in Italia Le previsioni per il 2008 e la vision di AssoComunicazione

Dettagli

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia FACCIAMO SOLO CIO IN CUI SIAMO BRAVI: LA DOMOTICA MISSION Fin dal suo esordio, il marchio Easydom ha fatto della domotica il suo

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

Dirette Streaming & WebTv

Dirette Streaming & WebTv Dirette Streaming & WebTv Scenario e opportunità Utilizzare il web per veicolare contenuti video propri o altrui è la grande sfida ed opportunità per tutte le aziende tese a migliorare il proprio business

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

News. Digitale: la convergenza sta moltiplicando le opportunità, ma l'italia necessita dei gi...

News. Digitale: la convergenza sta moltiplicando le opportunità, ma l'italia necessita dei gi... Pagina 1 di 5 Advisory Board Home Page Presentazioni Vincitori e Vinti Figure e Tabelle RecenSiti Papers Profili Societari Reports Canale PodCast Cerca nel Sito Media Tecnologie Tv generalista Tv digitale

Dettagli

Cristian Pascottini. WebTV la TV va su Internet

Cristian Pascottini. WebTV la TV va su Internet Cristian Pascottini WebTV la TV va su Internet giovedì 19 aprile 2007 Argomenti Convergenza: uno per tutti, tutti per uno WebTV, la TV sul Web Produzione, pubblicazione e fruizione Trasmettere contenuti

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Media Monthly Report. Marzo 2010

Media Monthly Report. Marzo 2010 Media Monthly Report Marzo 2010 Media Monthly Report Marzo 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui per

Dettagli

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL WEBBOOK TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL MONDO DEL WEB Uno Smart Book per imprenditori che non hanno tempo da perdere e vogliono arrivare al sodo! PREMESSA Tutto sta cambiando nel

Dettagli

LA SVOLTA DIGITALE XII Rapporto Annuale

LA SVOLTA DIGITALE XII Rapporto Annuale LA SVOLTA DIGITALE XII Rapporto Annuale Welcome to the new TV Augusto Preta, Senior Partner FNSI, Roma, 30 ottobre 2014 Introduzione Turning Digital, giunto alla dodicesima edizione, è un analisi globale

Dettagli

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Report del PROF. FRANCO B. ASCANI - Presidente Federation Internationale Cinema Television Sportifs - Membro della Commissione Cultura ed Educazione

Dettagli

FILIERE DI ACQUISTO DI SPAZI WEB

FILIERE DI ACQUISTO DI SPAZI WEB FILIERE DI ACQUISTO DI SPAZI WEB Questo documento intende illustrare i principali sistemi di filiera che oggi sono disponibili per acquistare spazi di display e search advertising. Esistono tre modelli

Dettagli

VIAGGIO NEL TV BRAND 1 1. L INNOVAZIONE DEL MERCATO TELEVISIVO: LA FORZA DEL TV BRAND

VIAGGIO NEL TV BRAND 1 1. L INNOVAZIONE DEL MERCATO TELEVISIVO: LA FORZA DEL TV BRAND VIAGGIO NEL TV BRAND 1 1. L INNOVAZIONE DEL MERCATO TELEVISIVO: LA FORZA DEL TV BRAND Nello scenario che è stato descritto nella prima parte, conquistare la scelta di visione del telespettatore diventa

Dettagli

Il Video Advertising in Italia: fruizione, numeri e proiezioni

Il Video Advertising in Italia: fruizione, numeri e proiezioni Osservatorio New Media & New Internet Il Video Advertising in Italia: fruizione, numeri e proiezioni 16 ottobre 2014 Osservatorio New Media & New Internet 16 ottobre 2014 1 L Osservatorio New Media & New

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Multicast e IPTV. Come e perché? Marco d Itri Meeting NaMeX - 19 ottobre 2006. Seeweb S.r.l.

Multicast e IPTV. Come e perché? Marco d Itri <md@linux.it> Meeting NaMeX - 19 ottobre 2006. Seeweb S.r.l. Multicast e IPTV Come e perché? Marco d Itri Seeweb S.r.l. Meeting NaMeX - 19 ottobre 2006 Multicast Cosa è multicast Un metodo per inviare dati: in tempo reale efficientemente a un grande

Dettagli

INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI

INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI INTERNET SOLUTIONS Sia che vogliate un nuovo sito completo e aggiornato secondo i nuovi criteri

Dettagli

IL CASO RAI IDEAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO CANALE NEGLI USA 1

IL CASO RAI IDEAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO CANALE NEGLI USA 1 IL CASO RAI IDEAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO CANALE NEGLI USA 1 ANTEPRIMA RISERVATA AI SOCI SIMKTG, REFERENTI DI SEDE PREMIO MARKETING ED EX-. PREMESSA La diciannovesima edizione del primo per il Marketing

Dettagli

Pirateria: scenario 2011

Pirateria: scenario 2011 Pirateria: scenario 2011 Presentazione della ricerca Ipsos sulla pirateria audiovisiva Casa del Cinema - Roma 19 gennaio 2011 1. Obiettivi e Metodologia 2. Descrizione generale del fenomeno: incidenza

Dettagli

MARKETING LOW COST di Cristina Mariani

MARKETING LOW COST di Cristina Mariani Indice Introduzione Ringraziamenti 1. Come effettuare un analisi di mercato low cost 1. Ricerca di mercato low cost 1.1. Ricerca formale 1.2. Ricerca informale 2. Segmentare un mercato in evoluzione 2.1.

Dettagli

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing Master Universitario di I livello in Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti del master in Marketing e Comunicazione gli strumenti manageriali indispensabili

Dettagli

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Un adattamento del modello delle 5 forze di M. Porter Prof. Giorgio Ribaudo Management delle imprese turistiche Corso

Dettagli

Streaming Super Veloce In HD: WD entra nel mercato dell home networking wireless HW Legend

Streaming Super Veloce In HD: WD entra nel mercato dell home networking wireless HW Legend Western Digital, leader da anni nelle soluzioni storage, annuncia durante la giornata odierna, la sua prima linea di interessanti prodotti di home networking wireless, appositamente pensati per accelerare

Dettagli

Cos è ICTv? ICTv è la nuova WebTv interamente dedicata alla tecnologia e all informatica.

Cos è ICTv? ICTv è la nuova WebTv interamente dedicata alla tecnologia e all informatica. Cos è ICTv? ICTv è la nuova WebTv interamente dedicata alla tecnologia e all informatica. Gratuita, ricca di contenuti e in italiano, la WebTv risponde alla domanda di contenuti multimediali dei navigatori

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

DRAMMATURGIA DELLA TELEVISIONE I Seminario

DRAMMATURGIA DELLA TELEVISIONE I Seminario DRAMMATURGIA DELLA TELEVISIONE I Seminario DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE, MEDIAZIONE NAZIONALE E FILIERA TELEVISIVA Lezione 1 Luca Barra luca.barra@unicatt.it @luca_barra Presentazione Seminario n. 1 3

Dettagli

Quali scenari dal Mobile Payment?

Quali scenari dal Mobile Payment? Quali scenari dal Mobile Payment? 9 Giugno 2011 Filippo Renga filippo.renga@polimi.it La dinamica del mercato dei Media in Italia: Non Digitali vs. Digitali 16.000 14.000 12.000 14.570 14.150-16% 11.910

Dettagli

Proposta di azioni per dare all'italia. una posizione leader nei digital media

Proposta di azioni per dare all'italia. una posizione leader nei digital media Proposta di azioni per dare all'italia Leonardo Chiariglione DRM Problemi teorici e prospettive applicative Trento, 2007/03/22 1 Chi sono gli autori della proposta di azioni? Digital Media in Italia (dmin.it)

Dettagli

Diritto d autore e nuove tecnologie

Diritto d autore e nuove tecnologie Diritto d autore e nuove tecnologie Capitolo I: Il diritto d autore 1. Origini del diritto sulle opere dell ingegno. 2. La normativa italiana 3. La legge 22 aprile del 1941 n. 633 sul diritto d autore

Dettagli

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI I motori di ricerca non sono più solamente lo strumento per arrivare ai siti web, ma sono anche e sempre più il principale strumento di accesso alle informazioni

Dettagli

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show.

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show. Comunicazione Video Testi Slide Show Twitter Brochure Linkedin Slide Portale Immagini Editoria Newsletter Show Web Portale Editoria Editoria Flickr Digitale Device Mappe Cataloghi GPS Facebook Magazine

Dettagli

Gli scenari evolutivi delle comunicazioni e il programma SCREEN dell Agcom

Gli scenari evolutivi delle comunicazioni e il programma SCREEN dell Agcom Roma, 28-29 maggio 2013 Gli scenari evolutivi delle comunicazioni e il programma SCREEN dell Agcom Paolo Alagia Gli scenari evolutivi delle comunicazioni e il rapporto SCREEN dell Agcom Indice 1. La catena

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

VIII Congresso giuridico forense per l'aggiornamento professionale Roma, 16 marzo 2013

VIII Congresso giuridico forense per l'aggiornamento professionale Roma, 16 marzo 2013 VIII Congresso giuridico forense per l'aggiornamento professionale Roma, 16 marzo 2013 Relazione di Maurizio Feverati Sfruttamento audiovisivo dell'opera letteraria: aspetti negoziali Ringrazio l amico

Dettagli

Cinema e Televisione. Politica economica e politica editoriale

Cinema e Televisione. Politica economica e politica editoriale Cinema e Televisione. Politica economica e politica editoriale Auditorium Parco della Musica 13 novembre 212 Keynote Speech Anica/1autori Nicola Lusuardi (coordinatore nazionale 1autori) Buon giorno a

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

La rivoluzione digitale: Una grande opportunità. Stefano Nocentini Maggio 2014

La rivoluzione digitale: Una grande opportunità. Stefano Nocentini Maggio 2014 La rivoluzione digitale: Una grande opportunità Stefano Nocentini Maggio 2014 Indice 2 1 ASPETTI GENERALI DELLA RIVOLUZIONE DIGITALE 2 COSA E IL CLOUD 3 POSSIBILI SERVIZI AGGIUNTIVI PER IL CLOUD DI FIEG

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Media Monthly Report. Maggio 2010

Media Monthly Report. Maggio 2010 Media Monthly Report Maggio 2010 Media Monthly Report Maggio 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui

Dettagli

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione CAPITOLO I Informazioni complessive sul campione I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING Informazioni complessive sul campione 1. Descrizione In questa sezione

Dettagli

21/11/13. Video 05. Video. Dalle teorie di Zavattini alla pratica digitale

21/11/13. Video 05. Video. Dalle teorie di Zavattini alla pratica digitale 21/11/13 05 05 1 Dalle teorie di Zavattini alla pratica digitale 2 1 APPELLO PER UN FILM SULLA PACE Lanciamo un appello ai cineasti di tutto il mondo, a coloro che lo sono di professione e a coloro che,

Dettagli

Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV

Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV Lo sviluppo dell IPTV in Italia Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV Mercato IPTV Italia Dati in migliaia 1000 900 800 700 600 500 400 300 200 100 0 939 745 587 263

Dettagli

Il caso RAI Ideazione e lancio di un nuovo canale negli Usa 1

Il caso RAI Ideazione e lancio di un nuovo canale negli Usa 1 Il caso RAI Ideazione e lancio di un nuovo canale negli Usa 1 Premessa La diciannovesima edizione del primo per il Marketing è incentrata sul caso Rai. Gli studenti interessati a partecipare dovranno progettare

Dettagli

LA COMUNICAZIONE IN AMBITO ASSOCIATIVO

LA COMUNICAZIONE IN AMBITO ASSOCIATIVO LA COMUNICAZIONE IN AMBITO ASSOCIATIVO Il mondo delle associazioni di rappresentanza L universo delle associazioni vede coinvolti sindacati, organizzazioni di categoria, organizzazioni no-profit, ed anche

Dettagli

Il ruolo di Telecom Italia nello sviluppo dell editoria digitale

Il ruolo di Telecom Italia nello sviluppo dell editoria digitale GRUPPO TELECOM ITALIA 27 Settembre 2013 Il ruolo di Telecom Italia nello sviluppo dell editoria digitale La crisi dell editoria GERMANIA GRAN BRETAGNA USA DER SPIEGEL: 2012-6% fatturato; - 30% utili; Gruner

Dettagli

La regolamentazione del diritto d autore : IL RUOLO DELLA S.I.A.E.

La regolamentazione del diritto d autore : IL RUOLO DELLA S.I.A.E. La regolamentazione del diritto d autore : IL RUOLO DELLA S.I.A.E. Società Italiana degli Autori ed Editori - Sede di Bologna Angelo Pediconi Gianni Cavarocchi LA SIAE : LA STRUTTURA La SIAE è un ente

Dettagli

NON DIVULGABILE. Digital Display Advertising. Come costruire e proporre una campagna web sui media specializzati. Le guide ANES. www.anesdigital.

NON DIVULGABILE. Digital Display Advertising. Come costruire e proporre una campagna web sui media specializzati. Le guide ANES. www.anesdigital. Le guide ANES Digital Display Advertising Come costruire e proporre una campagna web sui media specializzati ANES - Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata Via Crocefisso 5-20122 Milano

Dettagli

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012 Monitor semestrale Internet in Italia I semestre 2012 Luglio 2012 Indice Premessa Pag. 2 Sintesi Pag. 3 Le dimensioni complessive del mercato Pag. 6 L offerta e l audience di Rai Pag. 11 Rai nel contesto

Dettagli