Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio"

Transcript

1 Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio

2 INDICE 1. Premessa Contenuti e relazione con altre norme e documenti Politiche di acquisizione delle garanzie ai fini della credit risk mitigation Requisiti generali di ammissibilità Requisiti specifici di ammissibilità Requisiti di ammissibilità ipoteche Requisiti di ammissibilità delle garanzie finanziarie e delle altre forme di protezione di tipo reale Requisiti di ammissibilità delle altre garanzie personali, contro-garanzie e garanzie mutualistiche di tipo personale Descrizione delle attività di gestione delle garanzie Metodologia di acquisizione delle garanzie Garanzie ipotecarie Raccolta documentazione preliminare garanzie ipotecarie Valutazione e verifica dell ammissibilità della garanzia ipotecaria Verifica completezza della documentazione e stipula contratto di garanzia ipotecaria Perfezionamento garanzia ipotecaria e registrazione dei requisiti di ammissiblità Riduzione, restrizione e frazionamento ipoteche Acquisizione Garanzie reali finanziarie Raccolta documentazione preliminare garanzie reali finanziarie Valutazione e verifica dell ammissibilità della garanzia reale finanziaria Verifica completezza della documentazione e stipula del contratto di garanzia reale finanziaria Perfezionamento garanzia reale finanziaria e registrazione dei requisiti di ammissibilità Acquisizione Garanzie personali Raccolta documentazione preliminare garanzie personali Valutazione e verifica dell ammissibilità delle garanzie personali Verifica completezza della documentazione e stipula contratto per l acquisizione di garanzie personali Perfezionamento delle garanzie personali e registrazione dei requisiti di ammissibilità Sorveglianza Sorveglianza garanzie ipotecarie Rivalutazioni periodiche degli immobili Gestione delle esposizione di importo rilevante Sorveglianza garanzie finanziarie Sorveglianza altre garanzie personali Allegati Elenco Periti Estimatori / Garanzie Personali Ammissibili

3 1. Premessa La nuova disciplina prudenziale, rispetto alla precedente, consente un più ampio ricorso alle tecniche di attenuazione del rischio di credito (Credit Risk Mitigation - CRM), anche da parte delle banche che adottano la metodologia standardizzata per il calcolo dei requisiti patrimoniali. A fronte di tale ampliamento, essa contiene una più puntuale indicazione sia dei requisiti di ammissibilità - generali e specifici - degli stessi strumenti di CRM, sia delle modalità di calcolo della riduzione del rischio di credito che il loro utilizzo determina. Il rispetto dei citati requisiti di ammissibilità, delegato alla responsabilità dell ente segnalante, deve sussistere al momento della costituzione della protezione e permanere per tutta la durata della stessa. Questo documento definisce: le politiche di acquisizione delle garanzie, ai fini della Credit Risk Mitigation; i requisiti necessari alle singole garanzie per essere acquisite, ai fini della Credit Risk Mitigation; le metodologie di acquisizione delle garanzie; le metodologie di sorveglianza delle stesse. Lo scopo è quello di fornire le linee generali sulla Credit Risk Mitigation, che si prefiggono i seguenti obiettivi: assicurare adozioni di pratiche coerenti con la normativa; raggiungere un impatto positivo in relazione agli assorbimenti patrimoniali. 2. Contenuti e relazione con altre norme e documenti Questo documento si integra con il restante corpus di normativa interna concernente la gestione del credito. In una prossima revisione del Processo Credito, esso sarà integrato nell ambito del regolamento e delle disposizioni attuative. 3. Politiche di acquisizione delle garanzie ai fini della Credit Risk Mitigation Gli strumenti di Credit Risk Mitigation - CRM utilizzati dalla Banca sono: le ipoteche immobiliari residenziali e non residenziali; le garanzie reali finanziarie, prestate attraverso contratti di pegno, aventi ad oggetto: o contante; o depositi a risparmio; o certificati di deposito della Banca; o titoli di stato italia ed altre attività a ponderazione zero; o titoli obbligazionari di propria emissione; o quote di fondi comuni nei comparti liquidità e monetario. le garanzie mutualistiche di tipo personale, prestate da intermediari che soddisfano i requisiti soggettivi e oggettivi di ammissibilità. 3

4 Tenuto conto della complessità e delle caratteristiche operative, la Banca adotta: il metodo semplificato, quale modalità di calcolo della riduzione del rischio di credito, relativamente alle garanzie reali finanziarie; le rettifiche standard di vigilanza per il trattamento dei disallineamenti di valuta, nel caso delle garanzie personali e contro-garanzie. Ai fini del riconoscimento della mitigazione del rischio, quando esistono i presupposti per l acquisizione di una garanzia reale, la stessa deve possedere i requisiti di eligibilità previsti dalla normativa sulla CRM. Il Consiglio di Amministrazione deve essere informato quando i requisiti di ammissibilità della garanzia non sono presenti o lo sono solo parzialmente e l affidamento deve essere deliberato dal Consiglio di Amministrazione o dal Comitato Esecutivo, anche nel caso in cui ci siano i presupposti per l esercizio di una delega. Inoltre, all operazione che non presenti i requisiti della CRM si dovrà applicare un pricing differenziato. Nel caso in cui l operazione non presenti i requisiti della CRM e sia di importo inferiore ad E. 180 mila, indipendentemente dalle autonomie deliberative, potrà essere autorizzata solo da parte della Direzione Generale; il Consiglio di Amministrazione dovrà esserne informato alla prima occasione utile. Il responsabile del Servizio Crediti verifica che siano presenti i profili di certezza, nonché tutti i requisiti specifici minimi di ammissibilità richiesti dalla normativa e ne garantisce la correttezza. 4. Requisiti generali di ammissibilità I seguenti requisiti generali riguardano tutte le tipologie di garanzie ammesse: certezza giuridica: è assicurata dal rispetto delle presenti disposizioni e da quelle contenute nel processo di gestione del credito, che prevedono prassi operative e norme contrattuali standardizzate; sistema di gestione della CRM: è definito nel presente documento; tempestività di realizzo della garanzia: la tempestività è assicurata dalla corretta applicazione delle norme che la Banca ha emanato in tema di monitoraggio e gestione del contenzioso; data validità giuridica: la validità giuridica della garanzia deve essere contestuale all erogazione del finanziamento. 4

5 5. Requisiti specifici di ammissibilità 5.1. Requisiti di ammissibilità ipoteche Nell ambito della metodologia standardizzata, le esposizioni assistite da tale forma di garanzia su immobili nel rispetto di determinati requisiti - sono allocate in una specifica classe di attività e assoggettate ad una ponderazione preferenziale. L assorbimento patrimoniale differisce sulla base dell immobile acquisito in garanzia. Si definiscono residenziali gli immobili utilizzati, destinati ad essere utilizzati, dati in locazione, destinati ad essere dati in locazione dal proprietario. Si definiscono non residenziali gli immobili destinati ad attività produttive. Le ipoteche debbono essere acquisite in presenza dei seguenti requisiti: il valore dell immobile non dipende in misura rilevante dal merito di credito del debitore; deve essere acquisita la stima del valore del bene da parte di un perito indipendente 1 ad un valore non superiore al valore di mercato 2. la garanzia deve essere opponibile in tutte le giurisdizioni pertinenti e devono essere presenti i requisiti per essere escussa in tempi ragionevoli; vi è un adeguata sorveglianza sull immobile: o il valore dell immobile deve essere verificato almeno una volta ogni 3 anni per gli immobili residenziali ed una volta l anno per gli immobili non residenziali (è possibile anche utilizzare metodi statistici per sorvegliare il valore degli immobili ed individuare quelli che necessitano di una verifica); o se le verifiche di cui sopra indicano una diminuzione rilevante del valore dell immobile (20,0%, tenuto conto dell importo del debito residuo garantito), viene svolta una stima da parte di un perito indipendente, basata su un valore non superiore a quello di mercato; o la valutazione del valore dell immobile basata sulla stima di un perito indipendente deve, comunque, essere effettuata ogni 3 anni per le esposizioni di importo superiore ad E. 3 milioni od al 5,0% del patrimonio di vigilanza della Banca; il bene oggetto della garanzia è adeguatamente assicurato per importo e durata contro il rischio di danni. La Direzione stabilirà quali prodotti proporre di norma al cliente; la capacità di rimborso del debitore non deve dipendere in misura rilevante dai flussi finanziari generati dall immobile che funge da garanzia, ma dalla capacità del debitore di rimborsare il debito attingendo ad altre fonti; solo per le esposizioni garantite da immobili residenziali, l importo dell esposizione non ecceda l 80,0% del valore dell immobile; tale limite può essere elevato fino al 100,0% in presenza di garanzie integrative (ossia che rispettano i requisiti generali previsti dalla disciplina in materia di attenuazione sul rischio di credito e sono acquisite in misura tale che il rapporto tra l ammontare del finanziamento e la somma del valore del bene immobile ipotecato e delle garanzie integrative medesime non superi il limite del 80,0%. Le garanzie integrative possono essere costituite da fideiussioni bancarie, polizze fidejussorie di compagnie di assicurazione, garanzia rilasciata da fondi pubblici di garanzia o da consorzi e cooperative di garanzia fidi, cessioni di crediti verso lo Stato, cessioni di annualità o di contributi a carico dello Stato o di enti pubblici, pegno su titoli di Stato). Qualora l importo del finanziamento ecceda l 80% del valore dell immobile, la ponderazione di maggior favore si applica sull 80% del valore dell immobile; sulla parte restante l assorbimento è calcolato sulla base della ponderazione riferibile al soggetto richiedente. 1 Si definisce indipendente un professionista (iscritto negli appositi albi) che non abbia preso parte al processo di concessione o monitoraggio del credito. A tale proposito il Consiglio di Amministrazione indica l elenco dei periti cui rivolgersi per l effettuazione della stima. Nel caso in cui il perito sia scelto dal cliente, il responsabile del Servizio Crediti valuta se presenti i requisiti di professionalità ed indipendenza (evidenziandolo nella relazione di istruttoria), altrimenti richiede una nuova perizia. 2 Si definisce valore di mercato l importo stimato al quale l immobile verrebbe venduto alla data della valutazione in un operazione svolta tra un venditore ed un acquirente consenzienti alle normali condizioni di mercato dopo un adeguata promozione commerciale, nell ambito della quale entrambi hanno agito con cognizione di causa, con prudenza e senza costrizioni. A tale proposito, all interno della relazione dovranno emergere in maniera chiara e trasparente i criteri logicogiuridici utilizzati dal tecnico per quantificare il valore del bene (ad esempio le pubblicazioni sul valore dell immobile, l anzianità del bene, etc.) 5

6 5.2. Requisiti di ammissibilità delle garanzie finanziarie e delle altre forme di protezione di tipo reale Per essere riconosciute ai fini patrimoniali, le garanzie finanziarie devono rispettare le caratteristiche di seguito indicate: correlazione: non deve esistere una rilevante correlazione positiva tra il valore della garanzia finanziaria ed il merito creditizio del debitore. In ogni caso, i titoli emessi dal debitore, o da altra entità collegata del gruppo di appartenenza, non sono ammessi come garanzie finanziarie idonee. A tal fine si deve fare riferimento alla nozione di gruppo di clienti connessi di cui alle disposizioni sulla concentrazione dei rischi; valore equo (fair value): debbono essere utilizzati titoli per i quali si può calcolare il fair value della garanzia e procedere a rivalutazioni periodiche con cadenza almeno semestrale, ovvero ogni qualvolta si ritenga che si sia verificata una diminuzione significativa del fair value dell attività oggetto di garanzia; separatezza: qualora l attività oggetto di garanzia sia detenuta presso terzi, ci si deve assicurare che ne siano rispettate la separatezza esterna (tra patrimonio del depositario e bene oggetto di garanzia) e la separatezza interna (tra i beni appartenenti a soggetti diversi e depositati presso i terzi). In linea generale, il requisito può ritenersi soddisfatto qualora gli strumenti in garanzia siano specificamente individuati e attribuibili al titolare (titoli nominativi) ovvero siano custoditi sulla base di forme contrattuali quali contratti di deposito a custodia regolare con registrazione contabile in conti individuali (come avviene per gli strumenti finanziari dematerializzati nell ambito dei servizi di investimento in applicazione dell art. 22 del TUF). durata residua: la durata residua della garanzia non può essere inferiore a quella dell esposizione; impegno al riacquisto da parte dell emittente Requisiti di ammissibilità delle altre garanzie personali, contro-garanzie e garanzie mutualistiche di tipo personale La normativa definisce quali garanzie personali sono riconosciute come tecniche di attenuazione del rischio creditizio, quali tipologie di garanti sono ammesse e quali ulteriori caratteristiche, oltre quelle di carattere generale precedentemente descritte, devono possedere le garanzie per la loro ammissibilità. Fra le garanzie ammissibili per la normativa di vigilanza la Banca utilizza solo garanzie rilasciate da intermediari vigilati. Per essere riconosciute ai fini patrimoniali, si riportano di seguito i requisiti specifici che devono essere posseduti dalle garanzie personali: la protezione del credito deve essere diretta; l entità e l estensione della protezione del credito devono essere chiaramente definite e incontrovertibili; il contratto di protezione del credito non deve contenere clausole che consentano al fornitore di protezione di annullare unilateralmente la stessa od il cui adempimento sfugga al controllo della Banca; in caso di inadempimento della controparte, la Banca deve avere il diritto di rivalersi tempestivamente sul garante; nel caso in cui i sistemi di garanzia mutualistica (es. i Confidi) forniscano garanzie di tipo personale, tale requisito si ritiene rispettato se la Banca ottiene un pagamento provvisorio da parte del garante come stima attendibile delle perdite che potrebbe subire o se gli effetti di protezione delle perdite, assicurati dalla garanzia personale, giustificano il trattamento prudenziale come garanzia personale; la garanzia personale deve coprire la totalità dei pagamenti cui è tenuto il debitore principale rispetto al credito. Quando taluni tipi di pagamenti sono esclusi dalla garanzia personale, il valore riconosciuto della garanzia deve essere corretto in modo da tenere conto della limitazione della copertura. Per quanto riguarda i soggetti che prestano garanzie, diversi dalle banche, in allegato si riportano i Confidi e gli altri intermediari vigilati che attualmente rispettano i requisiti specifici di ammissibilità. Tale allegato sarà aggiornato ogni qualvolta il Consiglio di Amministrazione deliberi accordi che prevedano garanzie ammissibili. 6

7 6. Descrizione delle attività di gestione delle garanzie Le attività di gestione delle garanzie sono comprese nell ambito del processo del credito. Esse sono attività di acquisizione e attività di sorveglianza. L acquisizione delle garanzie si innesta nella fase di istruttoria ed erogazione del processo del credito ed è articolata, a sua volta, in quattro attività: raccolta documentazione preliminare; valutazione e verifica dell ammissibilità della garanzia; verifica completezza della documentazione e stipula del contratto; perfezionamento della garanzia e registrazione dei requisiti di ammissibilità. In particolare, le prime due fasi (raccolta documentazione preliminare, verifica di ammissibilità) vengono espletate nell ambito dell istruttoria di affidamento, mentre le ultime due (verifica completezza della documentazione e stipula contratto, perfezionamento della garanzia e registrazione dei requisiti di ammissibilità) vengono eseguite in fase di erogazione del credito. La sorveglianza delle garanzie si innesta nella fase di rinnovo del processo credito e nella fase di monitoraggio. Essa è finalizzata al monitoraggio del mantenimento del requisito di certezza giuridica e del valore della garanzia. 7. Metodologia di acquisizione delle garanzie 7.1. Garanzie ipotecarie Raccolta documentazione preliminare garanzie ipotecarie Nell ambito delle attività eseguite in fase di istruttoria della pratica di affidamento, devono essere valutare le eventuali garanzie ipotecarie fornite dal cliente per la copertura del rischio di credito. A tal fine viene innanzitutto acquisita dall Addetto Servizio Clienti la documentazione necessaria, stabilita nell ambito del processo di gestione del credito, per la valutazione della garanzia posta a copertura dell affidamento richiesto e per il riconoscimento della tipologia di garanzia offerta quale forma di mitigazione del rischio di credito ammissibile ai fini prudenziali. Deve inoltre essere richiesta la perizia, fatta effettuare da uno dei periti indipendenti accreditati dal Consiglio di Amministrazione. Se la perizia è effettuata da un perito scelto dal cliente, è necessario chiedere il parere di conformità preliminare al Responsabile del Servizio Crediti, che ne verifica la professionalità e l indipendenza. Nel caso di ipoteche di grado successivo al primo, deve essere richiesta la documentazione preliminare dei gravami sul bene, in particolare: se l ipoteca di grado precedente risulta attribuita alla stessa Banca deve essere analizzato il piano di ammortamento del gravame (in funzione del debito residuo); se risulta un ipoteca sul bene presso altre banche deve essere richiesta la documentazione che attesti il debito residuo alla data di apertura pratica (piano di ammortamento e copia dell ultima contabile di pagamento della rata) e l importo dell iscrizione ipotecaria; nel caso di finanziamento in pool, deve essere richiesta alla banca capofila l informativa relativa alla quota parte di garanzia in capo alla Banca. Gli oneri relativi all acquisizione della documentazione spettano alla banca capofila, qualora questa abbia poteri di rappresentanza, nel caso contrario sono a carico delle singole banche. 7

8 Valutazione e verifica dell ammissibilità della garanzia ipotecaria Una volta acquisita la documentazione la pratica viene trasmessa al Servizio Crediti. La documentazione raccolta deve consentire di disporre di tutte le informazioni che consentano di esprimere un giudizio relativamente alla consistenza della garanzia rispetto all importo dell affidamento richiesto e l ammissibilità della stessa ai fini della CRM. Questa attività prevede: la verifica della capacità di rimborso del debitore, che non dipenda in misura rilevante dai flussi finanziari generati dall immobile dato in garanzia; per tutti i finanziamenti assistiti da ipoteca su immobili residenziali, l Addetto Servizio Crediti, nel corso dell istruttoria deve verificare il c.d. loan to value (rapporto tra fido richiesto e valore della garanzia prestata): qualora il limite del loan to value (80,0%) risulti superato, deve evidenziare formalmente all organo deliberante la non completa ammissibilità della garanzia ai fini della CRM e l opportunità di richiedere un idonea garanzia integrativa che consenta di applicare la ponderazione preferenziale al totale dell esposizione, in misura tale che il rapporto tra l ammontare del finanziamento e la somma del valore del bene immobile e delle garanzie integrative rientri nel limite; o nel caso di delibera ordinaria tale valutazione viene effettuata sulla base del valore di mercato risultante dalla perizia e dagli eventuali gravami, risultanti dalla documentazione acquisita; la verifica della sussistenza della certezza giuridica della garanzia, desumibile dalla nota preliminare del notaio comporta: la verifica che il valore dell immobile non sia dipendente dal merito creditizio; la verifica che l immobile oggetto della garanzia sia identificato correttamente; la verifica che la categoria catastale dell immobile rientri fra quelle valutabili statisticamente; in caso contrario, la circostanza dovrà essere resa nota all organo deliberante ed essere presa in considerazione ai fini dell applicazione di un pricing differenziato. o nel caso di delibera condizionata, situazione che si presenta nel caso in cui non risulti disponibile la perizia tecnica estimativa del bene, tale valutazione viene effettuata sulla base del valore dichiarato dal cliente. Una volta che il finanziamento è stato deliberato, il Servizio Crediti procede ad acquisire la perizia sull immobile e la nota preliminare del notaio e verifica: se il valore di mercato è conforme a quanto indicato dal cliente; la presenza dei requisiti di certezza giuridica per l acquisizione della garanzia; la presenza di eventuali gravami. Qualora i dati della perizia e quelli derivanti dalla nota preliminare non siano coerenti con quelli forniti dal cliente, l Addetto Servizio Crediti non potrà dare seguito alla delibera e dovrà riportare la richiesta di affidamento all organo deliberante, che determinerà se proseguire e quindi confermare la concessione, oppure se richiedere ulteriori garanzie. Quando l ipoteca è di grado superiore al primo, i gravami già presenti debbono essere valorizzati per l importo di iscrizione, se iscritti da altri istituti, per il debito residuo, se l iscrizione è della Banca. Nel caso di ipoteca iscritta da altri istituti, essa viene valorizzata a zero solo nel caso in cui il debito risulta estinto, in attesa della cancellazione ipotecaria: la circostanza deve essere debitamente documentata. Qualora la garanzia non risulti totalmente ammissibile, l Addetto Servizio Crediti prosegue, comunque, il processo istruttorio, escludendo la possibilità di far deliberare la pratica agli organi delegati, ad esclusione della Direzione Generale per le richieste di importo inferiore ad E. 180 mila, del Comitato Esecutivo e del Consiglio di Amministrazione nel rispetto delle proprie autonomie. Gli organi competenti valuteranno se accettarla, anche se non potrà essere utilizzata come forma di CRM ai fini regolamentari, prevedendo un eventuale aumento del pricing dell operazione. ll Responsabile di Filiale potrà, quindi, formalizzare la proposta di delibera di affidamento, da sottoporre all organo deliberante individuato dall articolazione dei poteri delegati, o nel caso la garanzia non sia eligibile, alla Direzione Generale (per operazioni di importo inferiore ad E. 180 mila) al Comitato Esecutivo (nel rispetto delle proprie autonomie) o al Consiglio di Amministrazione. 8

9 Verifica completezza della documentazione e stipula contratto di garanzia ipotecaria L Addetto Servizio Crediti provvede ad inserire nel sistema informativo tutti i dati di dettaglio riguardanti il bene oggetto della garanzia. E necessario acquisire il valore reale peritato per ciascun singolo bene facente parte di una garanzia (es. qualora siano presenti garanzie di tipo fabbricati con annesso terreno non edificato, è necessario attribuire un valore al singolo cespite, in quanto per la normativa i terreni non sono ammessi quali CRM). L Addetto Servizio Crediti provvede alla verifica di detta relazione preliminare, al fine di accertare che le caratteristiche dell immobile siano atte al presidio della garanzia richiesta. Prima della stipula di contratti di finanziamento ipotecario, l Addetto Servizio Crediti procede alle seguenti attività: preparazione ed invio della minuta del contratto al notaio incaricato dal cliente per la stipula dell atto; richiesta della relazione notarile preliminare. Si procederà, quindi, ad acquisire la documentazione necessaria alla stipula Perfezionamento garanzia ipotecaria e registrazione dei requisiti di ammissiblità L ipoteca si costituisce con l iscrizione presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari presentando, per il tramite del notaio, la nota di iscrizione ipotecaria ed il titolo su cui è basata (contratto di mutuo, di apertura di credito in conto corrente, decreto ingiuntivo esecutivo, etc.). La nota deve essere redatta dal professionista incaricato del compimento dell atto. La nota di iscrizione ipotecaria, accompagnata dalla relazione notarile definitiva che conferma il grado di iscrizione, viene registrata a cura dell Addetto Servizio Crediti e conservata nello schedario del cliente, insieme alla copia esecutiva del contratto di mutuo ed alla copia della polizza assicurativa. I requisiti previsti dalla CRM vengono, quindi, registrati sul sistema informativo. Nel caso in cui la garanzia rispetti tutti i requisiti sopra richiamati, la somma di denaro oggetto del finanziamento viene resa disponibile al soggetto finanziato. Nel caso in cui uno dei requisiti non sia presente, il Servizio Crediti non procede all erogazione, ma ne dà comunicazione all organo deliberante Riduzione, restrizione e frazionamento ipoteche Le richieste da parte del cliente di riduzione, restrizione o frazionamento ipoteca seguono lo stesso iter del processo di acquisizione, cui si rimanda Acquisizione Garanzie reali finanziarie Raccolta documentazione preliminare garanzie reali finanziarie Nell ambito delle attività eseguite in fase di istruttoria della pratica di affidamento la Banca deve valutare anche le eventuali garanzie reali finanziarie fornite dal cliente per la copertura del rischio di credito. Se il pegno ha ad oggetto strumenti finanziari, viene innanzitutto acquisita dall Addetto Servizio Clienti la posizione titoli aggiornata del costituente il pegno, indicando il valore di mercato per i titoli quotati ed il valore nominale per i titoli emessi dalla Banca, al fine di valutare la copertura della garanzia rispetto all affidamento richiesto e per verificare se la tipologia di garanzia offerta rientri o meno in una delle categorie riconosciute Valutazione e verifica dell ammissibilità della garanzia reale finanziaria Una volta acquisita la documentazione, la pratica viene trasmessa al Servizio Crediti al fine di valutare l eligibilità della garanzia. La documentazione raccolta deve consentire all Addetto Servizio Crediti in fase di istruttoria di disporre di tutte le informazioni che consentano di esprimere un giudizio relativamente alla consistenza della garanzia rispetto all importo dell affidamento richiesto. La garanzia è sempre ammissibile, se costituita sugli strumenti indicati nella presente policy, e acquisita secondo la metodologia di seguito indicata Verifica completezza della documentazione e stipula del contratto di garanzia reale finanziaria In fase di erogazione del finanziamento, prima dell apertura della linea di credito, l Addetto Servizio Crediti raccoglie la documentazione definitiva riguardante la garanzia e predispone i documenti necessari per la stipula del contratto. 9

10 Il contratto viene redatto sullo schema convalidato dalla funzione Compliance e prevede il patto rotativo. Sul contratto deve essere acquisita la data certa che certifica nei confronti dei terzi l acquisizione del contratto di garanzia da parte della Banca Perfezionamento garanzia reale finanziaria e registrazione dei requisiti di ammissibilità Il pegno deve essere acquisito rispettando l iter previsto nelle disposizioni attuative del processo credito. Il Servizio Crediti provvede a verificare tutti i requisiti di ammissibilità della garanzia, sotto riportati, e ad inserirli nell apposita maschera del sistema informativo, dalla quale consegue il computo dell ammissibilità alla Credit Risk Mitigation: certezza giuridica: la certezza giuridica è data dalla regolarità del contratto di pegno, della sua costituzione e dell eventuale opponibilità a terzi; tempestività di realizzo: conseguita dalla corretta adozione delle norme già contenute nel processo del credito; separatezza: la separatezza è data dalla corretta costituzione del vincolo (spossessamento); correlazione: è sempre verificata acquisendo i titoli indicati nel paragrafo 3; valore equo: è sempre verificata, in quanto gli strumenti oggetto di pegno previsti nella presente policy sono sempre valutabili; impegno al riacquisto dell emittente: tale requisito è presente per definizione acquisendo a garanzia i titoli in parola. Nel caso in cui la garanzia rispetti tutti i requisiti sopra richiamati, la somma di denaro oggetto del finanziamento viene resa disponibile al soggetto finanziato. Nel caso in cui uno dei requisiti non sia presente, il Servizio Crediti non procede all erogazione, ma ne dà comunicazione all organo deliberante. I titoli in scadenza sul conto di deposito devono essere resi indisponibili al cliente così come i relativi frutti (salvo diversamente previsto dal contratto). Grazie alla clausola di rotatività, alla scadenza i titoli facenti parte del pegno devono essere sostituiti con titoli dalle stesse caratteristiche, attribuendo la data certa alla garanzia. Al termine di tali attività, viene tracciato il perfezionamento della garanzia, archiviando tutta la documentazione disponibile Acquisizione Garanzie personali Raccolta documentazione preliminare garanzie personali Nell ambito delle attività eseguite in fase di istruttoria della pratica di affidamento, la Banca deve valutare anche le eventuali garanzie personali fornite dal cliente per la copertura del rischio di credito. A tal fine viene innanzitutto acquisita, dall Addetto Servizio Clienti la documentazione relativa alla garanzia Valutazione e verifica dell ammissibilità delle garanzie personali Il Servizio Crediti valuta se l operazione è ammissibile al rilascio di garanzia eligibile ai fini CRM oppure se il prestatore di garanzia rientra fra quelli di cui all allegato. La garanzia viene rilasciata sulla base di quanto previsto dalle convenzioni in essere. Qualora il certificato di garanzia non fosse pervenuto prima della delibera, il Direttore Generale propone una delibera condizionata al rilascio della garanzia stessa da parte dell intermediario vigilato Verifica completezza della documentazione e stipula contratto per l acquisizione di garanzie personali In fase di erogazione del finanziamento, prima dell apertura della linea di credito, l Addetto Servizio Crediti verifica la conformità del certificato rilasciato dall intermediario vigilato Perfezionamento delle garanzie personali e registrazione dei requisiti di ammissibilità Il Servizio Crediti provvede a verificare tutti i requisiti di ammissibilità della garanzia, sotto riportati, e ad inserirli nell apposita maschera del sistema informativo, dalla quale consegue il computo dell ammissibilità alla Credit Risk Mitigation: certezza giuridica: la certezza giuridica è data dalla regolarità del certificato di garanzia, dal quale è desumibile l impegno assunto dal garante sulla posizione; 10

11 tempestività di realizzo: la tempestività di realizzo è data dalla convenzione sottostante il rilascio della garanzia e dalle norme stabilite nell ambito del regolamento di gestione del credito; congruo anticipo: è dato dalla convenzione sottostante; protezione del credito: è data dalla convenzione sottostante; garanzia definita: si desume dal certificato di garanzia, che riporta la percentuale garantita sul credito concesso; impossibilità di annullamento del contratto: è data dalla convenzione sottostante; impossibilità di modifica delle condizioni contrattuali: è data dalla convenzione sottostante; diritto di rivalsa: è data dalla convenzione sottostante; copertura totale: è data dalla convenzione sottostante; vincolo esplicito a carico del garante: è dato dalla conformità del certificato di garanzia. Nel caso in cui la garanzia rispetti tutti i requisiti sopra richiamati, la somma di denaro oggetto del finanziamento viene resa disponibile al soggetto finanziato. Nel caso in cui uno dei requisiti non sia presente, il Servizio Crediti non procede all erogazione, ma ne dà comunicazione all organo deliberante. La ponderazione agevolata si applica alla parte di credito garantita. 11

12 8. Sorveglianza 8.1. Sorveglianza garanzie ipotecarie La sorveglianza sulle garanzie ipotecarie viene condotta dal Servizio Crediti ed ha l obiettivo di monitorare costantemente il valore degli immobili a garanzia, al fine di verificare il mantenimento del loan to value nel tempo. In particolare, sono previsti dalla normativa specifici adempimenti riportati nel seguito del documento relativamente ai seguenti aspetti: rivalutazioni periodiche degli immobili; gestione delle esposizioni di importo rilevante assistite da garanzia ipotecaria. Inoltre, con cadenza periodica (attualmente ventennale), a fronte di un debito residuo ancora in essere, il Servizio Crediti dovrà provvedere al rinnovo delle garanzie ipotecarie scadute; in caso contrario, gli immobili a garanzia risulterebbero liberi da ogni vincolo e di conseguenza le esposizioni non più coperte Rivalutazioni periodiche degli immobili Il Servizio Crediti deve effettuare una valutazione dell immobile almeno una volta ogni tre anni, se residenziale, e almeno una volta l anno se non residenziale (ovvero più frequentemente qualora le condizioni di mercato siano soggette a variazioni significative); la valutazione viene di norma effettuata attraverso metodi statistici. Attualmente la Banca ha aderito alla convenzione proposta da Iside SpA con Pirelli RE, che rivaluta le principali categorie catastali (si veda la comunicazione di Iside Spa). Nel caso non sia possibile acquisire una valutazione statistica, è necessario far fare una rivalutazione da un perito indipendente. Il Servizio Crediti deve tracciare nel sistema informativo ogni rilevazione effettuata e confrontarla con la valutazione precedente (sia statistica che peritale). Qualora dal confronto emerga una diminuzione rilevante del valore dell immobile (20,0%, tenuto conto dell importo del debito residuo garantito), il Servizio Crediti deve far svolgere una stima da parte di un perito indipendente. Qualora per gli immobili residenziali si evidenzi un superamento del loan to value (rapporto tra valore del debito residuo e valore dell immobile), il Servizio Crediti deve informare la Direzione al fine di valutare le iniziative da intraprendere Gestione delle esposizione di importo rilevante Il Servizio Crediti deve in ogni caso provvedere a far stimare da un perito indipendente almeno ogni tre anni gli immobili a copertura di operazioni di importo rilevante (per le quali la quota parte di esposizione coperta da garanzia sia di importo maggiore ad E. 3 milioni od al 5,0% del patrimonio di vigilanza, riferito all ultima segnalazione effettuata). Qualora per gli immobili residenziali il Servizio Crediti evidenzi un superamento del loan to value (rapporto tra valore del debito residuo e valore dell immobile), il Servizio Crediti deve informare la Direzione, al fine di valutare le iniziative da intraprendere per l integrazione della garanzia Sorveglianza garanzie finanziarie La sorveglianza sulle garanzie reali finanziarie viene condotta dal Servizio Crediti e dal Servizio Finanza. Iside provvede giornalmente ad inserire il fair value dei titoli oggetto della garanzia. Qualora si rilevi una variazione del fair value dello strumento finanziario al di sotto del 20,0%, il Servizio Crediti deve informare il Responsabile del Controllo Andamentale posizioni creditizie, al fine di valutare le iniziative da intraprendere per l integrazione della garanzia Sorveglianza altre garanzie personali La sorveglianza sulle garanzie personali viene condotta dal Servizio Crediti ed ha l obiettivo di rilevare tempestivamente gli eventi che possono incidere negativamente sul garante. 12

13 Allegato Elenco Periti Stimatori Il Consiglio di Amministrazione ha individuato l elenco dei periti cui rivolgersi per l effettuazione della stima dei beni immobili oggetto di garanzia. Nel caso in cui il perito sia scelto dal cliente, il responsabile del Servizio Crediti valuta se presenti i requisiti di professionalità ed indipendenza (evidenziandolo nella relazione di istruttoria), altrimenti richiede una nuova perizia. Studio Tecnico Associato Franceschi Geom. Paolo e Marini Geom. Andrea, con studio in Pistoia (PT), via Di Bigiano e Castel dei Bovani 20; Giusti Geom. Giampiero, con studio in Pistoia (PT), via Fiorentina 182; Magni Arch. Federico, con studio in Agiana (PT), via Selva 207; Sibaldi Geom. Marco, con studio in Pistoia (PT), via Borgo Strada 11. Allegato Garanzie Personali Ammissibili Sono ammissibili ai fini della mitigazione del rischio: tutte le garanzia rilasciate dal Centro Fidi Terziario sulla base della convenzione, sottoscritta dalla Federazione Toscana; tutte le garanzie rilasciate da Artigiancredito Toscano a far data dal 1 luglio 2009, sulla base della convenzione sottoscritta dalla Federazione Toscana; le garanzie prestate da FidiToscana, se a prima richiesta sul patrimonio e condizionate alla controgaranzia del Fondo di Garanzia per le PMI (desumibile dal certificato di garanzia); le garanzie prestate da FidiToscana, se a prima richiesta sul patrimonio e subordinate alla controgaranzia del Fondo di Garanzia per le PMI (desumibile dal certificato di garanzia), purchè la stessa FidiToscana, con apposito atto, abbia comunicato l avvenuto rilascio della controgaranzia da parte del Fondo medesimo. 13

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE La struttura giuridica delle convenzioni vigenti ante Basilea 2 Negli ultimi trent anni la struttura giuridica delle convenzioni stipulate tra

Dettagli

Valutazione Immobili:

Valutazione Immobili: Valutazione Immobili: Requisiti per procedure di valutazione e monitoraggio degli immobili a garanzia Stefano Magnolfi Roma, 22 gennaio 2007 Introduzione Basilea 2 - Cosa devono fare le banche adesso per

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 gennaio 2013 Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006 (Fascicolo «Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche»). Chiarimenti interpretativi L'acclusa nota tecnica contiene

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 5 maggio 2010 n.87 (Ratifica Decreto Delegato 26 marzo 2010 n.58) Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 26 marzo

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO 2 CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore - MCC per la presentazione delle

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Vers 3/2014 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Avvocato Niccolò Nociforo Vice direttore FTBCC

Avvocato Niccolò Nociforo Vice direttore FTBCC Il valore della perizia a seguito della direttiva europea sui mutui Avvocato Niccolò Nociforo Vice direttore FTBCC Scansano 13/11/2014 Disciplina attuale in Italia in materia di valutazione degli immobili

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Metodologia di pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

PARADIGMA, Forum Garanzie, Milano 24 marzo 2010 Prof. Avv. Matteo De Poli, Studio De Poli Venezia www.studiodepoli.it

PARADIGMA, Forum Garanzie, Milano 24 marzo 2010 Prof. Avv. Matteo De Poli, Studio De Poli Venezia www.studiodepoli.it L istruttoria del credito e la valutazione delle garanzie: profili giuridici PARADIGMA, Forum Garanzie, Milano 24 marzo 2010 Prof. Avv. Matteo De Poli, Studio De Poli Venezia www.studiodepoli.it Il piano

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero Piano Bilanciato Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

DELIBERA n. 66 del 30.5.14. VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo 7;

DELIBERA n. 66 del 30.5.14. VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo 7; COMITATO DIREZIONALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DELIBERA n. 66 del 30.5.14 Il Comitato Direzionale per la Cooperazione allo Sviluppo VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo

Dettagli

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE UNIONE EUROPEA COMUNE DI CIRO MARINA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO BILANCIO E PROGRAMMAZIONE FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE Entità e finalità del Fondo Il Fondo

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

L esperienza del Leasing immobiliare Gianluca De Candia Direttore Generale Assilea

L esperienza del Leasing immobiliare Gianluca De Candia Direttore Generale Assilea L esperienza del Leasing immobiliare Gianluca De Candia Direttore Generale Assilea Roma, 23 novembre 2011 Ascesa o declino del Leasing immobiliare? (valore nuovi contratti stipulati in milioni di euro)

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione)

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) G GARANZIE RICEVUTE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA FOGLIO INFORMATIVO

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Allegato 8 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia Garanzia diretta a prima richiesta Pag. 1 di 6

Allegato 8 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia Garanzia diretta a prima richiesta Pag. 1 di 6 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia Garanzia diretta a prima richiesta Pag. 1 di 6 Data: Spett.le Banca del Mezzogiorno - MedioCredito Centrale Spa Area Fondi di Garanzia e Interventi per il

Dettagli

Cassa Lombarda S.p.A. 2 di 7

Cassa Lombarda S.p.A. 2 di 7 Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO A TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale: Via Alessandro Manzoni, 12/14 20121 MILANO

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1 Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione / emissione dei prestiti obbligazionari della Banca di Credito Cooperativo di Borghetto Lodigiano s.c. (Adottate ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Piano Base. CAP di Tasso. Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero

Piano Base. CAP di Tasso. Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO MUTUO IPOTECARIO FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Piazza S. M. Soprarno 1, 50125 Firenze Tel.: 055 24631 Fax: 055 2463231 E-mail: info@bancaifigest.it Sito internet: http://www.bancaifigest.com

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO Art. 1 - Premessa Il Comune di Fusignano, pone in essere azioni finalizzate a favorire l incremento

Dettagli

IL MUTUO. Che cos è. Come funziona

IL MUTUO. Che cos è. Come funziona IL MUTUO Che cos è Il mutuo è un finanziamento a medio-lungo termine, erogato da una banca o da altro intermediario finanziario autorizzato, rimborsabile attraverso pagamenti rateali secondo il piano di

Dettagli

FINANZIAMENTO IPOTECARIO IN CONTO CORRENTE

FINANZIAMENTO IPOTECARIO IN CONTO CORRENTE Pag. 1 / 5 Finanziamento ipotecario in conto corrente FINANZIAMENTO IPOTECARIO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena N verde

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO TRA l Istituto Regionale per le Ville Venete (IRVV) rappresentato dal Direttore

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

Sulla base dei valori di riferimento indicati sono assegnati alle imprese i seguenti punteggi: A 100% 3 75% < A < 100% 2 0 < A 75% 1

Sulla base dei valori di riferimento indicati sono assegnati alle imprese i seguenti punteggi: A 100% 3 75% < A < 100% 2 0 < A 75% 1 A. Procedura Ordinaria - Modello di valutazione per le imprese in contabilità ordinaria operanti nei settori: industria manifatturiera, edilizia, alberghi (società alberghiere proprietarie dell immobile),

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Silvia Lorenzini

Dettagli

22. MUTUO IPOTECARIO FONDIARIO CASA MIA Aggiornato alla data del 03.09.2009

22. MUTUO IPOTECARIO FONDIARIO CASA MIA Aggiornato alla data del 03.09.2009 22. MUTUO IPOTECARIO FONDIARIO CASA MIA Aggiornato alla data del 03.09.2009 Sez. I - Informazioni sulla Banca. Denominazione e forma giuridica: Banca di Credito Cooperativo di Gradara Società Cooperativa.

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI. Premessa

AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI. Premessa ALLEGATO A ALLA D.G.R DEL 2013 AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI Premessa L iniziativa s inserisce nell ambito della collaborazione attivata

Dettagli

FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE PRESTITO ARTIGIANCASSA

FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE PRESTITO ARTIGIANCASSA Finanziamento a medio-lungo termine ai sensi degli artt. 10 e 38 del D. Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 eventualmente agevolato ai sensi della legge 25 luglio 1952. n. 949 e/o di altre leggi agevolative

Dettagli

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa.

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA, AL RECUPERO ED ALLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO DEL COMUNE DI FUSIGNANO ED ALL

Dettagli

FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 art. 2 comma 100 lett. a), LEGGE 266 /97 art. 15, D.M. 248/99, DM del 26/6/2012

FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 art. 2 comma 100 lett. a), LEGGE 266 /97 art. 15, D.M. 248/99, DM del 26/6/2012 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia - Controgaranzia sussidiaria Pagina 1 di 5 Data: Spett.le Banca del Mezzogiorno - MedioCredito Centrale Spa Area Fondi di Garanzia e Interventi per il Capitale

Dettagli

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) Modifica del 24 novembre 2004 La Commissione federale delle banche (CFB) ordina: I L ordinanza della CFB del 24 gennaio 2001 1 sui fondi d investimento

Dettagli

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Raccomandazione n. DIE/0061944 Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Premessa I principi contabili internazionali IAS/IFRS

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SU OPERAZIONI SOCIETARIE CON PARTI CORRLATE

DOCUMENTO INFORMATIVO SU OPERAZIONI SOCIETARIE CON PARTI CORRLATE DOCUMENTO INFORMATIVO SU OPERAZIONI SOCIETARIE CON PARTI CORRLATE sull operazione di finanziamento fruttifero infragruppo concesso alla controllante Astrim S.p.A. redatto ai sensi dell art. 14 della PROCEDURA

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Art. 1 (Definizioni) 1. Nel presente regolamento

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI 1. Definizioni Prima casa ammessa a contributo. Si intende l abitazione che usufruisce delle agevolazioni

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A TASSO VARIABILE Il presente Foglio Informativo è rivolto ai clienti non Consumatori e ai clienti Consumatori che intendono richiedere

Dettagli

Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo. Regolamento

Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo. Regolamento Regolamento Approvato il 27 gennaio 2011 1 2 Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo Regolamento Articolo 1: Ambito della garanzia

Dettagli

7/a sub. 1 Foglio comparativo dei mutui ipotecari per l acquisto dell abitazione principale

7/a sub. 1 Foglio comparativo dei mutui ipotecari per l acquisto dell abitazione principale Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 7/a sub. 1 Foglio comparativo dei mutui ipotecari per l acquisto dell abitazione principale INFORMAZIONI

Dettagli

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana SCATTO il prestito partecipativo di Fidi Toscana FINALITA BENEFICIARI SETTORI AMMISSIBILI PROGRAMMA D ATTIVITA Anticipare all impresa, alle migliori condizioni del mercato e sulla base di un programma

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (D.LGS.

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Nell ambito del Fondo per il sostegno all accesso al credito delle imprese del Lazio (art. 20 LR 9/2005)

Dettagli

La presente Convenzione disciplina le condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di

La presente Convenzione disciplina le condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di Convenzione di Partnerariato per la costituzione di un dispositivo innovativo di credito co-finanziato tra la Provincia di Milano e La Banca Popolare di Milano (Parte A Rapporti Provincia/ Banche /Clienti)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO C/9 CREDITI SPECIALI

FOGLIO INFORMATIVO C/9 CREDITI SPECIALI FOGLIO INFORMATIVO C/9 CREDITI SPECIALI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni (di seguito la Banca ) Sede Legale e Direzione Generale: Viale Europa,

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO A TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale: Via Alessandro Manzoni, 12/14

Dettagli

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE TASSO BCE CON CAP PGC (Cat. 60)

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE TASSO BCE CON CAP PGC (Cat. 60) Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE TASSO BCE CON CAP PGC (Cat. 60) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa

Dettagli

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti Circolare n. 36 del 29 maggio 2012 Oggetto: Finanziamenti ai Dipendenti Serie: PERSONALE Argomento: CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

Dettagli

Foglio informativo APERTURA DI CREDITO IPOTECARIA 1 giugno 2011

Foglio informativo APERTURA DI CREDITO IPOTECARIA 1 giugno 2011 Foglio informativo APERTURA DI CREDITO IPOTECARIA 1 giugno 2011 (D.Lgs. 385/1993 e successive modifiche Deliberazione CICR del 04.03.03) INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA

Dettagli

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C.

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. _ Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. (Adottata ai sensi delle "Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA ALLEGATO 3 - Pag. 1 di 18 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. 1813 del 29.10.2010 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese Domande frequenti 1. COME PRESENTARE DOMANDA 1.1. Come si presenta una domanda?.....3 1.2. E previsto un termine per la presentazione delle domande?...3

Dettagli

Convenzione. Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati

Convenzione. Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati Convenzione 1. - Oggetto Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati dalla Provincia e dalle Banche di Credito Cooperativo di Carugate, Cernusco sul Naviglio,

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85)

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello 3 in tema di prodotti finanziari illiquidi del

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

MUTUO PRIMA CASA indicizzato BCE

MUTUO PRIMA CASA indicizzato BCE Foglio Informativo MUTUO PRIMA CASA indicizzato BCE Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci - Società Cooperativa per Azioni Sede legale: Via Vittorio Emanuele, 44

Dettagli