C.R.M.: gestione degli equipaggi di volo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C.R.M.: gestione degli equipaggi di volo"

Transcript

1 Solo per oggi mi farò un programma: forse non lo seguirò perfettamente, ma lo farò. E mi guarderò da due malanni: la fretta e lʼindecisione (Papa Giovanni XXIII) C.R.M.: gestione degli equipaggi di volo Rapporto S.V. A.T.M. anno 2008 Analisi di una piantata motore di notte

2 Obiettivi e Collaborazione Sicurezza del Volo n. 276 novembre/dicembre Anno LVII OBIETTIVO Contribuire ad aumentare la preparazione professionale degli equipaggi di volo, degli specialisti e, in genere, del personale dellʼa.m., al fine di prevenire gli incidenti di volo e quantʼaltro può limitare la capacità di combattimento della Forza Armata. I fatti, i riferimenti e le conclusioni pubblicati in questa rivista rappresentano solo lʼopinione dellʼautore e non riflettono necessariamente il punto di vista della Forza Armata. Gli articoli hanno un carattere informativo e di studio a scopo di prevenzione: essi, pertanto, non possono essere utilizzati come documenti di prova per eventuali giudizi di responsabilità né fornire, essi stessi, motivo di azioni legali. Tutti i nomi, i dati e le località, eventualmente citati, sono fittizi e i fatti non sono necessariamente reali, ovvero possono non rappresentare una riproduzione fedele della realtà in quanto modificati per scopi didattici e di divulgazione. Il materiale pubblicato proviene dalla collaborazione del personale dellʼa.m., delle altre Forze Armate e Corpi dello Stato, da privati e da pubblicazioni specializzate italiane e straniere edite con gli stessi intendimenti di questa rivista. Quanto contenuto in questa pubblicazione, anche se spesso fa riferimento a regolamenti, prescrizioni tecniche, ecc., non deve essere considerato come sostituto di regolamenti, ordini o direttive, ma solamente come stimolo, consiglio o suggerimento. RIPRODUZIONI E' vietata la riproduzione, anche parziale, di quanto contenuto nella presente rivista senza preventiva autorizzazione da richiedersi per iscritto alla Redazione. Le Forze Armate e le Nazioni membri del AFFSC(E), Air Force Flight Safety Committee (Europe), possono utilizzare il materiale pubblicato senza preventiva autorizzazione purché se ne citi la fonte. DISTRIBUZIONE La rivista è distribuita esclusivamente agli Enti e Reparti dellʼaeronautica Militare, alle altre FF.AA. e Corpi dello Stato, nonché alle Associazioni e Organizzazioni che istituzionalmente trattano problematiche di carattere aeronautico. La cessione della rivista è a titolo gratuito e non è prevista alcuna forma di abbonamento. I destinatari della rivista sono pregati di controllare lʼesattezza degli indirizzi, segnalando tempestivamente eventuali variazioni e di assicurarne la massima diffusione tra il personale. Le copie arretrate, ove disponibili, possono essere richieste alla Redazione. COLLABORAZIONE Si invitano i lettori ad inviare articoli, lettere e critiche in quanto solo con la diffusione delle idee e delle esperienze sul lavoro si può divulgare la corretta mentalità della sicurezza del volo. Il materiale inviato, manoscritti, disegni, fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. La Redazione si riserva la libertà di utilizzo del materiale pervenuto dando ad esso l'impostazione grafica ritenuta più opportuna nonché effettuando quelle variazioni che, senza alterarne il contenuto, possano migliorarne l'efficacia ai fini della prevenzione degli incidenti. Eʼ gradito lʼinvio degli articoli unitamente alle fotografie/illustrazioni (per foto digitali è richiesta la definizione minima di 300 dpi o 120 pixel/cm) su supporto informatico (CD/DVD) oppure inoltrando i testi, redatti in formato.txt o.doc, anche a mezzo INTERNET al seguente indirizzo di posta elettronica: Al fine della successiva corresponsione del compenso di collaborazione, si invita ad inviare, unitamente agli articoli, anche i seguenti dati: codice fiscale, aliquota IRPEF massima applicata, Ente amministrante, domicilio, recapito telefonico e coordinate bancarie IBAN. Periodico Bimestrale fondato nel 1952 edito da: Aeronautica Militare ISTITUTO SUPERIORE PER LA SICUREZZA DEL VOLO Viale dellʼuniversità, ROMA Redazione: tel fax Direttore Editoriale Gen. B.A. Luca VALERIANI Direttore Responsabile Col. Pil. Enrico GARETTINI Vice Direttore Ten. Col. CTA Antonino FARUOLI Redazione, Grafica e Impaginazione Annamaria MACCARINI M.llo Giuseppe FOTI Serg. Magg. Stefano BRACCINI Tiratura: n copie Registrazione: Tribunale di Roma n. 180 del 27/03/1991 Stampa: Fotolito Moggio - Roma - Tel Foto: Troupe Azzurra, Redazione S.V. Chiuso il 31/12/2009 In copertina: Velivolo Predator 32 Stormo Amendola Realizzazione: Stefano Braccini Indice Filosofia della Sicurezza Volo 38 Dalla Redazione in questo numero C.R.M. gestione degli equipaggi di volo nel... 2 Mar.Ca. Vincenzo Piazza Rapporto S.V. ATM anno T.Col. Claudio Manara Fatica del volo ed altro, molto altro Com. Maurizio Tampellini Analisi di una piantata motore di notte 26 Ass. Polizia Francesco Torregiani Crew Coordination e Soccorso 32 Lgt Pil. G.di F. Bartolo Campo Inconvenienti di Volo significativi 34 La Redazione Rubriche Indice

3 Mar. Ca. CC Vincenzo Piazza C.R.M. Filosofia della Sicurezza Volo gestione degli equipaggi di volo nel servizio aereo di polizia Filosofia della Sicurezza Volo 2 Da diversi anni oramai lʼacronimo C.R.M. è stato implementato nelle argomentazioni e nella didattica sulla Sicurezza Volo. Ma quale universo di valori ne sorregge le applicazioni aeronautiche? I greci, grandi navigatori, usavano il concetto di Kybernàn per definire probabilmente la stessa intuizione. Lʼidea associata al governo di un aeromobile è infatti cosa ben più complessa di quella associata al suo pilotaggio. Governare è assimilabile alla gestione (al management) di una realtà complessa e necessita di competenze sia cognitive (c.d. cognitive skills) che interpersonali (c.d. interpersonal skills), non associabile quindi a unʼattività semplicemente manuale. 3

4 Filosofia della Sicurezza Volo 4 C.R.M., gestione degli equipaggi di volo nel servizio aereo di polizia Dal mondo aeronautico anglosassone, cui spesso piace racchiudere significati articolati in acronimi, ci perviene allora il CRM come specialità dalle basi multidisciplinari tra loro molto permeabili (psicologia, sociologia, medicina aeronautica, ecc) con la finalità di incrementare lʼefficienza del sistema aeronautico nel suo complesso, affinché le risorse umane, intellettive e materiali possano lavorare sinergicamente in ottimali condizioni di simbiosi in un ambito di sicurezza. In ragione di uno zero accident rate di per sé irrealizzabile, a meno di scontare un azzeramento anche dellʼattività volativa, il CRM rappresenta allora un baluardo della safety culture di cui ne costituisce il suo lato applicativo nonché lʼaltra faccia della medaglia, permettendo così di intervenire sul fattore di causazione degli incidenti di volo percentualmente più importante (70-80% a seconda delle classificazioni adottate): il fattore umano. Si è infatti osservato che nel dinamismo che contraddistingue sistemi complessi come quello aeronautico, fatto di interazioni nonlineari e connessioni strette secondo la classificazione di Perrow C., gli incidenti sono spesso causati dallʼincapacità dellʼequipaggio di volo e dellʼambiente stesso in cui esso è inserito, di reagire nella maniera più appropriata e coordinata alle situazioni di crisi, di emergenza, di errore. Il CRM inoltre necessita di uno sviluppo sistemico della safety culture tra persone interdipendenti nellʼorganizzazione, le quali vedano la sicurezza come un sentire condiviso che stimoli un alto livello di auto-disciplina e di pro-attività individuale, unitamente a un flusso continuo di informazioni intra ed extra organizzative le quali facciano crescere ciascuna Amministrazione che si voglia impegnare nellʼattività volativa. La mentalità dei popoli neolatini è spesso quella di reagire a cose ormai avvenute (c.d. blood Gli incidenti sono spesso causati dallʼincapacità dellʼequipaggio di volo di reagire nella maniera più appropriata e coordinata alle situazioni theory), ecco perché è necessario un cambio di prospettiva che punti alla prevenzione con un atteggiamento pro-attivo (c.d. prevention by intervention). Il CRM è volto a questo con una tensione verso lo sviluppo delle cognitive e interpersonal skills. Lʼarea delle competenze cognitive attiene principalmente alle tematiche della situation awareness (nelle sue componenti di percezione, comprensione, proiezione) e dei processi mentali a questa sottesi (lʼinformation processing). Quella delle competenze interpersonali attiene invece a unʼarea dai confini meno netti e definiti che trova il proprio fondamento nella comunicazione al cui studio hanno contribuito non poco le ricerche di P. Watzlawick e il pensiero della scolastica californiana di Palo Alto che ne hanno definito 5 assiomi. Proprio la comunicazione sta alla base di qualsiasi processo di interazione tra individui, dispiegando i propri effetti nel teambuilding, nel teamworking (a seconda che si tratti di diade, triade, ecc), nello sviluppo di un pensiero sistemico, nei problemi di relazione tra leader e followers (in alcuni casi sfocianti nella pericolosa sudditanza psicologica) e, non meno importante, nello sviluppo di un proficuo emotional climate. Grazie a un buon CRM lʼequipaggio di volo tende a poter raggiungere quello che i jazzisti chiamano allineamento ovvero lʼessere in the groove, per riuscire a operare ruoli e funzioni come se si fosse una cosa sola. Questo tipo di apprendimento, che richiede la padronanza del dialogo (dal greco dià, attraverso, e logos, discorso) e il controllo del confronto dialettico affinché non si trascendano i limiti della discussione, richiede pratica sul campo perché è solo interagendo che si creano quelle aspettative reciproche sui comportamenti in tutta una serie di situazioni molto complesse e si creano inoltre quei Impegno Arruolamento Conformismo genuino Conformismo formale Conformismo riluttante Conformismo negativo Apatia significati comuni nel binomio pensiero-azione che nessuna standardizzazione linguistica o SOP (Standard Operative Procedure) possono da sole garantire. Peter Senge, un autore molto attivo negli studi sulle organizzazioni, ama ripetere che un gruppo di singoli individui di talento non produrrà necessariamente un gruppo di apprendimento, non più di quanto un gruppo di atleti dotati produrrà una grande squadra sportiva. Eʼ poi il linguaggio e la comunicazione, aggiunge lo psicologo sociale Mead G.H., a consentirci di interiorizzare lʼinterazione sociale, di rappresentarcela, di riflettere su di essa, in altri termini di avere una mente. Peter Senge afferma inoltre che le visioni condivise emergono dalle visioni personali. Eʼ in questo modo che esse derivano la loro energia e che promuovono lʼimpegno... Le organizzazioni dedite a costruire visioni condivise incoraggiano continuamente i loro membri a crearsi le proprie visioni personali. Se le persone non hanno la propria visione, tutto quello che possono fare è arruolarsi nella visione di qualcun altro. Il risultato è il conformismo, mai lʼimpegno. Senge classifica infatti gli atteggiamenti secondo una scala che va dallʼapatia allʼimpegno passando per vari stadi di conformismo come riassunto nella seguente tabella: Lo vuole. Farà si che si realizzi. Crea qualsiasi norma (struttura) che sia necessaria. Lo desidera. Farà tutto ciò che può essere fatto entro i limiti dello spirito della legge. Vede i vantaggi della visione. Fa tutto ciò che ci si aspetta e anche più. Segue la lettera della legge. Buoni soldati. In linea di principio vede i vantaggi della visione. Fa quello che ci si aspetta e non di più. Soldato discreto. Non vede i vantaggi della visione. Ma, parimenti, non vuole perdere il suo lavoro. Fa abbastanza di quanto ci si aspetta da lui perché lo deve, ma fa anche sapere che non è veramente parte del gruppo. Non vede i vantaggi della visione e non farà quello che ci si aspetta. Non lo farò, non potete obbligarmi. Non è né a favore, né contro la visione. Non ha interesse. Non ha energia. Fonte SENGE P., The fifth Disclipline La quinta disciplina nella versione italiana, Sperling & Kupfer Editori, Filosofia della Sicurezza Volo 5

5 Filosofia della Sicurezza Volo 6 C.R.M., gestione degli equipaggi di volo nel servizio aereo di polizia Al centro di tutto il CRM, come ben mostra il modello SHELL, cʼè sempre il Liveware ovvero lʼuomo o, per meglio dire, lʼumano e le sue capacità di interazione (c.d. matching) con il resto del sistema (software-hardware-environment) le cui parti possono essere inficiate da vari elementi di alterazione degli equilibri. Tra questi vi rientrano quelli stressogeni, il carico operazionale (c.d. workload), il time pressure, i problemi motivazionali e relazionali ecc. Posto, come detto, che lʼerrore umano è un fatto ineliminabile (recita emblematicamente il dilemma di Turing: se la macchina fosse intelligente, non sarebbe infallibile! ), il CRM si fonda allora su due strategie, una a monte e una a valle. La prima è quella di riduzione dellʼerrore cercando di evitare le condizioni nelle quali esso diventa statisticamente più probabile quindi investendo sulla variabile affidabilità (c.d. human reliability ). La seconda è una strategia di controllo sulle fonti dʼerrore, incrementando i livelli di ridondanza complementare del sistema come può essere, a titolo di esempio, lʼapplicazione di dual checks nellʼesecuzione di molte procedure (liveware e software). Entrambe le strategie sono tese alla prevenzione e, laddove possibile, alla correzione delle fonti di errore, siano esse latent o active failures. Queste ultime poi sono da cogliere in una prospettiva olistica che, nelle parole di Reason, è volta a una difesa in profondità ( defences in depth ) ovvero una difesa non solo dagli errori più immediati e visibili ma anche e soprattutto da quella progenie di failures preparatorie, propedeutiche e latenti nel sistema. Nella gestione dellʼerrore sarebbe dunque sbagliato ragionare in termini di causazione diretta e immediata degli eventi. Ma fatto un accenno ai due pilastri del CRM ovvero le cognitive e le interpersonal skills, nasce il problema di una loro diffusione in organizzazioni pubbliche che non hanno quale attribuzione principale il volo, affinché il CRM non rimanga un verba volant ma diventi una forma culturale diffusa, un sentire condiviso da chi ne è coinvolto. Nella tesi di laurea assegnatami col titolo CRM, gestione degli equipaggi di volo nel servizio aereo di polizia, discussa il 15 aprile scorso, sono state analizzate proprio le problematiche attinenti la diffusione di una cultura aeronautica al di fuori dei confini delle organizzazioni cui spetta in via di attribuzione principale il volo. Il CRM si fonde su due strategie: quella di riduzione dellʼerrore e quella di controllo sulle fonti di errore È stato infatti osservato che lʼapproccio mentale e culturale di enti come lʼa.m. rispetto allʼattività volativa non è lo stesso di organizzazioni che, nella fattispecie, hanno compiti di polizia o assimilati (Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Capitanerie di Porto, Vigili del Fuoco, ecc), ciò a causa di una sorta di diaframma culturale organizzativo di queste ultime rispetto al recepimento di valori, idee, concetti del CRM. Le principali motivazioni sono state individuate in alcuni fattori di sistema, di per sé costituenti delle potenziali latent failures, quali, ad esempio, la preponderanza di una cultura organizzativa (o mentalità di corpo) settoriale spesso poco attenta alle specifiche esigenze aeronautiche, correlata alle dimensioni relativamente ridotte del singolo ramo aereo rispetto allʼente di appartenenza; le specifiche attribuzioni e priorità di ciascuna amministrazione in relazione alle finalità della propria attività di volo; la irrazionale strutturazione di carriera del personale specializzato (piloti e specialisti), la cui posizione nel ruolo o nel grado non è quasi mai coerente con lʼanzianità di volo, derivando esso dalla selezione di soggetti già inseriti nellʼorganizzazione in altre mansioni e a cui non viene poi rimodulata la carriera nelle nuove funzioni; lʼinsufficiente osmosi e confronto tra culture ed esperienze inter-organizzative, ecc. Tutto ciò aprirebbe quindi nuovi e interessanti campi di indagine settoriale allʼinterno dellʼaffascinante mondo dellʼaviazione istituzionale, risorse e volontà permettendo. B i b l i o g r a f i a BANDURA, A. (1997), Autoefficacia: teoria e applicazioni. Tr. it. Erikson, Trento, BERGER P. L. & LUCKMANN T., (The Social Construction of Reality), trad. italiana La realtà come costruzione sociale di Sofri Innocenti M. & Sofri Perretti A., Il Mulino, Bologna, CIVIL AVIATION AUTHORITY, CAP 737 Crew Resource Management Training, CAA, DEPOLO M., Psicologia Delle Organizzazioni, Il Mulino, PATRIZI P., Professionalità competenti Lo sviluppo del Sé nei processi formativi, Carocci, Roma, PERROW C., Normal Accidents: Living with High- Risk Technologies, New York, Basic Book, QUAGLINO G. P., Fare formazione, Il Mulino, Bologna, REASON, J., Human Error, Il Mulino, Bologna, SENGE P., The fifth Disclipline La quinta disciplina nella versione italiana, Sperling & Kupfer Editori, TOSI H. L. e PILATI M., Comportamento organizzativo, Egea, Filosofia della Sicurezza Volo 7

6 T.Col. CTA Claudio Manara RAPPORTO S.V. ATM ANNO Il presente articolo si allinea alle analisi degli inconvenienti volo pubblicata sui precedenti numeri di SV ed espone, in maniera sintetica, i principali contenuti del Rapporto SV/ATM Il documento, prodotto dallʼusam, lʼufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia dello SMA e distribuito agli Alti Comandi, rappresenta una novità poiché, nel proporre una lettura analitica e consuntiva dei dati riferiti agli eventi ATM segnalati con il modello MoUSe (Modello Unico di Segnalazione) dalle unità ATS dellʼaeronautica Militare nel corso del 2008, fornisce agli addetti alla Gestione della Sicurezza ATM un quadro generale delle aree di rischio più rilevanti e dei settori sui quali rivolgere eventuali azioni correttive.

7 10 Rapporto SV ATM 2008 INTRODUZIONE Con la nascita dellʼusam, anno 2006, il comparto dei Servizi della Navigazione Aerea (SNA) (1) dellʼa.m. si è riorganizzato in ottemperanza alle disposizioni regolamentari dellʼue che vanno sotto la dizione di Cielo Unico Europeo (Single European Sky-SES). Il principale obiettivo è stato il Sistema di Gestione della Sicurezza, introdotto con una serie di direttive Modello di J. Reason nel 2008, attorno al quale ruotano una serie di attività per assicurare un ottimale livello di sicurezza nei SNA. Tra queste attività, quella della segnalazione degli eventi ATM è sicuramente un tassello fondamentale per verificare lʼeffettivo mantenimento del livello di sicurezza prefissato. Il MoUSe (Modello Unico di Segnalazione), il modello che ha sostituito ogni altro format nellʼatm reporting di Forza Armata, rappresenta ormai una realtà effettiva nelle operazioni ATM e, nel rispetto della Just Culture (2) e delle leggi nazionali e internazionali in materia di reporting, (3) si è rivelato un buon veicolo di informazioni. Va però sottolineato che tutto lo sforzo che gli operatori CTA stanno dimostrando nel segnalare gli eventi del comparto SNA deve essere seguito, oltre che dallʼattività investigativa, anche da unʼaccurata analisi dei dati che sappia leggere i principali trend e fissare le opportune aree di attenzione. IL TOPO CONOSCE TUTTE LE STRADE La novità maggiore del MoUSe è stata quella di essere un canale a disposizione del (1) I Servizi della Navigazione Aerea (SNA) sono: Servizio ATM (Air Traffic Management cioè ATS + ATFM + ASM); Servizio MET; Servizio CNS (Comunicazione Navigazione e Sorveglianza); Servizio AIS (2) Per Just Culture sʼintende un ambiente culturale nel quale gli operatori addetti ai SNA non siano perseguibili per azioni, omissioni e decisioni che risultino proporzionate alla loro esperienza e al loro addestramento ma dove la grave negligenza, le deliberate violazioni e gli atti distruttivi non devono essere tollerati. In tal senso è importante segnare un discrimine tra gli atti considerabili reati e quelli che possono considerarsi errori professionali e che devono essere segnalati affinchè si possa imparare e migliorare le operazioni. (3) Deve essere garantita unʼadeguata protezione dei dati personali nella diffusione esterna delle informazioni concernenti le segnalazioni e unʼassoluta assenza di conseguenze disciplinari, tranne che per quei casi configurabili come reati, come le gravi negligenze, le violazioni volontarie e gli atti distruttivi, e che, come tali, non devono essere tollerati. Controllore dedicato a tutte le problematiche ATM. Un canale che percorre molta strada risalendo i famosi buchi del modello a groviera di Reason (lʼacronimo risulta calzante in questo senso!) e informando dellʼeventuale carenza le varie parti dellʼorganizzazione. Eʼ così possibile avviare le dovute indagini, su un inconveniente di origine tecnica, procedurale o magari di addestramento, sulla base di informazioni che sono disponibili sia a livello periferico, sia a livello centrale di Alto Comando, che nel contesto SNA assume la veste di provider ossia lʼorgano che ha la capacità di addestramento e impiego del personale, impiego dei mezzi e applicazione delle procedure e, in ultimo, a livello centrale di USAM con poteri di verifica della conformità (audits) e dove sono messe a punto le necessarie d i s p o s i z i o n i regolamentari ATM. I risultati raggiunti con il MoUSe nel reporting ATM sono di tutto rispetto, come inizio, se si pensa che da un raffronto con il periodo in cui vi era in uso il vecchio ATIRF ( Air Traffic Incident Report Form) è stato registrato un incremento di circa sei volte il numero di segnalazioni precedenti: da una media di 40 ATIRF (4) Lʼincremento è anche dovuto allʼampliamento della casistica degli inconvenienti coperti dal MoUSe. Avarie agli impianti CNS, problematiche relative al servizio meteorologico, al servizio di informazioni aeronautiche e molte altre relative alle operazioni di volo erano precedentemente segnalate attraverso il normale criterio di segnalazione inconvenienti di volo pre-esistente perché non di pertinenza dellʼatirf. Ora, tutte queste segnalazioni sono state inserite nel MoUSeI LʼATIRF era considerato in senso negativo e vi era una consolidata consuetudine ad usarlo come ritorsione del CTA nei confronti del pilota e viceversa annui (negli ultimi 5 anni) a un massimo di 330 MoUSe nel periodo marzo (entrata in vigore Direttiva SMA USAM 105) dicembre 2008 (4). LʼATIRF era considerato in senso negativo dagli addetti ai lavori e vi era una consolidata consuetudine a usare il modello come ritorsione del CTA nei confronti del pilota e viceversa. La frase le farò rapporto è stata unʼespressione comune nel gergo aeronautico. La sostituzione del modello, cui erroneamente è stata attribuita questa cattiva fama, è avvenuta in un periodo di cruciali mutamenti in campo ATM. Lʼintroduz ione dei Regolamenti sul SES hanno 11

8 Rapporto SV ATM 2008 TIPOLOGIA ACRONIMO AREA - COLORE CONFLITTI IN CIRCUITO ATZ AD TFC PROBLEMI SERVIZI AEROPORTUALI AD SVZ V/A/P/O (veicoli, animali, personale, ostacoli) V/A/P/O AEROPORTO RUNWAY INCURSION RI SERVIZI T.A. ATS 12 ERRATO COORDINAMENTO AIRCRAFT PROXIMITY (sottoseparazioni) MISCOO AIPROX OPERAZIONI ATM 13 Azioni di riduzione dei rischi favorito la circolazione di temi senza dubbio favorevoli allʼelevazione della cu ltura della s i c u r e z z a (safety culture) e allʼaumento della fiducia nei sistemi di reporting: lʼindispensabilità Anche sul fronte delle investigazioni e, quindi, dei feedback da parte degli organi centrali della Sicurezza ATM si sono ottenuti notevoli traguardi di segnalare ogni errore, anomalia e c a r e nz a n e l miglioramento del sistema e, non ultimo, una positiva accettazione del concetto di Just Culture da parte delle autorità competenti nel settore dei S.N.A. Anche sul fronte delle investigazioni e, quindi, dei feedback da parte degli organi centrali della Sicurezza ATM (CSA - SV in primis, in quanto Ufficio preposto allʼindagine degli eventi ATM) si sono ottenuti notevoli traguardi: a inizio 2009 le (5) LʼESARR 2 (Eurocontrol Safety Regulatory Requirement) tratta delle specifiche da adottare in tema di implementazione di un sistema di valutazione e classificazione degli eventi. investigazioni dei MoUSe del 2008 erano tutte completate. Si può affermare che i ritmi di lavoro, in ambito investigazione e classificazione eventi, sono stati ragguardevoli e sono quasi triplicati rispetto al precedente periodo di riferimento nel quale vigeva lʼatirf. Il lavoro impostato con la nuova metodologia introdotta dalla Direttiva SMA USAM 106 permette di ordinare gli elementi dellʼinvestigazione secondo il software ToKAI (Tool Kit for ATM Investigations), di ottenere una classificazione di gravità dellʼevento, secondo i criteri dellʼesarr 2 (5) e infine di emettere una relazione standard sullʼevento nella quale sono inserite le raccomandazioni relative allʼevento. PENETR/NE NON AUT. IN SPAZIO AEREO ASINFR INFRAZIONE REGOLE RULEINFR PENETR/NE NON AUT. VDS/VFR VDS/VFR INFRAZIONI ERRORI PILOTAGGIO PILOT AVARIE SISTEMI RADAR RADARFAIL AVARIA AI COLLEGAMENTI T/B/T COMMFAIL AVARIA AGLI APPARATI ATS INSTRFAIL CNS AVARIA ENERGIA ELETTRICA PWFAIL AVARIA RADIOASSISTENZE NAV NAVFAIL PROBLEMI TECNICI A/M TECH IMPATTO VOLATILE BIRDSTRIKE OGGETTI SU AREE MANOVRA FOD EMERGENZE AM EMG ALTRI EVENTI INCIDENTI VOLO (6) ACCIDENT (6) Gli incidenti di volo, essendo unʼarea di specifica competenza di altri organi (Ispettorato Sicurezza Volo e Agenzia Nazionale Sicurezza Volo), non sono trattati nellʼanalisi dei dati.

9 Rapporto SV ATM 2008 STATISTICA PER TIPOLOGIA DI EVENTI TIPOLOGIA ACRONIMO EVENTI INCIDENZA INFRAZIONE REGOLE RULEINFR 39 12,8% RUNWAY INCURSION RI 36 12% PENETR/NE NON AUT VDS/VFR VDS/VFR 35 11% AVARIE SISTEMI RADAR RADARFAIL 26 8,6% CONFLITTI IN CIRCUITO ATZ AD TFC 26 8,6% AVARIA AI COLLEGAMENTI T/B/T COMMFAIL 24 7,9% AVARIA AGLI APPARATI ATS INSTRFAIL 21 7% V/A/P/O (veicoli, animali, personale, ostacoli) V/A/P/O 14 5% PROBLEMI SERVIZI AEROPORTUALI AD SVZ 11 3,4% PENETR/NE NON AUT. IN SPAZIO AEREO ASINFR 10 3,2% ERRATO COORDINAMETO MISCOO 10 3,2% AIRCRAFT PROXIMITY (sottoseparazione) AIRPROX 9 2,6% EMERGENZE A/M EMG 9 2,6% INCIDENTI VOLO ACCIDENT 8 2,4% AVARIA ENERGIA ELETTRICA PWRFAIL 8 2,4% ERRORI PILOTAGGIO PILOT 5 1,6% SERVIZI T.A. ATS 4 1,3% AVARIA RADIOASSISTENZE NAV NAVFAIL 4 1,3% 14 CLASSIFICARE GLI EVENTI Il primo problema da affrontare nellʼanalisi dei dati del reporting è quello della classificazione per tipologia e per gravità dellʼevento. Solo una buona classificazione permette di poter monitorare puntualmente le aree di pericolo e di cercare di capire quanto il sistema è sicuro in rapporto al tipo di servizio che stiamo assicurando. Nel Rapporto SV/ATM si sono proposte le seguenti tipologie, per la maggior parte in linea con quelle in uso nei documenti, unitamente ad un raggruppamento per aree omo- (7) Classi severità/frequenza in uso (Riferimento ESARR 2). SEVERITAʼ A Molto Grave genee delle stesse. Dai dati percentuali del grafico spicca il dato del mancato rispetto di regole/autorizzazioni /istruzioni ATS, seppure in larga parte di minima gravità (7). Anche in questo contesto, si può parlare di carattere residuale della sindrome dellʼatirf : in alcune circostanze si stigmatizza con il modello un comportamento di non perfetta aderenza alla regola da parte del pilota ( ti faccio rapporto ). A parte lʼosservazione sociologica, la tipologia va a sommarsi alla penetrazione in spazio aereo non autorizzata sia generata da voli VFR e da 5 Estremamente raro B Grave 4 Raro C Significativo FREQUENZA 3 Occasionale D Non Determinato 2 Frequente E Senza Effetti 1 Molto Frequente VDS (Voli Diporto Sportivo che, per la maggior parte, sono Ultraleggeri) sia occorsa in altre situazioni. In generale, emerge unʼarea di pericolo a prevalente fattore umano, quella delle Infrazioni (circa un terzo del totale), caratterizzata dal traffico aereo a scopo turistico o sportivo sulla quale occorre intervenire sia favorendo le occasioni dʼincontro tra i rappresentanti delle associazioni aero-sportive e le autorità ATS aeroportuali, sia con proposte, da parte degli esperti ATM locali, di miglioramento della geografia ATS. Per quanto riguarda la gestione di voli OAT ( Operational Air Traffic), si segnalano eventi, seppur in minima consistenza numerica ma di una certa gravità, di sconfinamento dalle aree riservate e conseguente conflitto di traffico o sotto separazione con voli GAT (General Air Traffic) così PROBLEMI TECNICI A/M TECH 4 1,3% IMPATTO VOLATILE BIRDSTRIKE 3 0,9% OGGETTI SU AREE DI MANOVRA FOD 3 0,9% Classe di gravità Effetti sulle operazioni Effetti sulle condizioni di lavoro del personale (indicatore) Effetti sul Sistema ATM o sulle funzionalità di bordo (indicatore) Effetti sulle misure di emergenza (indicatore) Indicatori delle classi di gravità A (Massima gravità) Incidente Il carico di lavoro è tale da impedire del tutto lo svolgimento dei propri compiti Perdita totale delle funzionalità del Sistema Nessuna misura di emergenza disponibile (nessun addestramento agli operatori) TOTALE % B C D Evento serio Il carico di lavoro è tale da impedire lo svolgimento dei compiti in modo efficace Larga riduzione delle funzionalità del Sistema Limitate misure di emergenza (gli operatori non sono familiari con le procedure) Evento significativo Il carico di lavoro influisce in modo evidente sullo svolgimento dei compiti Evidente riduzione delle funzionalità del Sistema Misure di emergenza disponibili (lʼintervento degli operatori rientra nelle procedure di addestramento) Evento minore Il carico di lavoro influisce in modo lieve sullo svolgimento dei compiti Leggera riduzione delle funzionalità del Sistema Misure di emergenza affidabili ed automatiche E (Minima gravità) Nessun effetto diretto Nessun effetto Nessun effetto Misure di emergenza totalmente affidabili ed automatiche 15

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo I-RF-083 Traino Aliante Page 2 di 16 INTENTIONALLY BLANK Page 3 di 16 Sommario 1 Parte generale... 4 1.1 Tipi di traino... 4 1.2 Aeromobili trainatori... 4 1.3 Piloti trainatori... 4 1.4 Condizioni minime

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile 1 Incidenti con perdita del velivolo (Jet di costruzione occidentale) per Milione di Tratte Giugno

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE DOTT. GIUSEPPE CALABRESE Istituto di Vigilanza Città di Milano

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

PILOTI E STRESS OPERATIVO: QUALI LE CAUSE?

PILOTI E STRESS OPERATIVO: QUALI LE CAUSE? PILOTI E STRESS OPERATIVO: QUALI LE CAUSE? Gestione dello stress raccontato da un Pilota ed un Aviation Coach NOTA: puoi ripubblicare gratis questo ebook sul tuo sito o blog, a patto di non modificare

Dettagli

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 11 maggio 2013 ore 18.00LMT Speaker: C.Ti: Ezio

Dettagli

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com CRM PER IL PILOTA SINGOLO Il CRM per un solo pilota sembra un paradosso, ma non lo è. Anche se il CRM si è sempre focalizzato sugli equipaggi, molti dei suoi elementi sono applicabili al pilota singolo

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo L 80/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo (Testo rilevante

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP Tipo dell aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA Il presente regolamento è stato redatto per dare a tutti la possibilità di uniformarsi alle procedure che permettono il volo acrobatico in sicurezza. Tutti i piloti sono tenuti a seguire, divulgare e meditare

Dettagli

Un viaggio accessibile

Un viaggio accessibile Un viaggio accessibile Cari amici, è da tanto ce non pubblico nulla, questa sera ho riletto il racconto di un viaggio fatto con mio figlio Nicola, e in un territorio come la Romagna dove il turismo accessibile,

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

La miopia organizzativa

La miopia organizzativa Miopia Organizzativa: Incertezza e Previsione nelle Organizzazioni Maurizio Catino Università di Milano - Bicocca La miopia organizzativa L incapacità a tutti i livelli (individuale, organizzativo, interorganizzativo)

Dettagli

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti Flight Utilities http://www.flightutilities.com Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti 1 Similmente alla necessità di installare semafori nelle aree di maggior traffico automobilistico,

Dettagli

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA SERVIZIO SPAZIO AEREO C CAPO Sezione Add.to & Stand.ne UFF.LE SV/ATM CAP AAras CSA-TA Angelo STICCO 15 STORMO C/SAR 415 Gr.STO Servizio CSA STRUTTURA C ARO TWR GCA 1 PUNTI di CONTATTO CAPO SERVIZIO C.S.A.

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Puoi abbonarti inviando il tuo indirizzo postale e versando la somma indicata con un bonifico bancario a CSVVA iban IT30M0542850180000000089272

Puoi abbonarti inviando il tuo indirizzo postale e versando la somma indicata con un bonifico bancario a CSVVA iban IT30M0542850180000000089272 Sped. in abb. postale - 70% Fil. di Varese. TAXE PERÇUE. Euro 8,00 GENNAIO/FEBBRAIO 2015 - n. 347 La Rivista dei Volovelisti Italiani Caro volovelista, ti invio in omaggio una copia dell ultima rivista

Dettagli

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA Siegfried Stohr Christian Sbocchi della GUIDA SICURA Informazione ai lavoratori per la sicurezza nella guida dei veicoli aziendali ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del Nuovo Codice della Strada della GUIDA

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

Materia: Circolazione Aerea. Programmazione dei moduli didattici

Materia: Circolazione Aerea. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL Natalia Distefano*, Giuseppe Falsaperla**, Salvatore Leonardi*, Salvatore Montessuto*** * D.I.C.A. Università degli Studi

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA 1. LA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI E DEGLI OPERATORI AEREI - La sicurezza delle operazioni dei vettori aerei e dei loro aeromobili è garantita da un complesso di

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com AVIATION COACHING PER PILOTI L applicazione del Coaching in Aviazione ha una fondamentale utilità per i Piloti di Aviazione. Qual è l effetto del Coaching sulla qualità di vita di una persona e come può

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

errori in aeronautica ( e in medicina) la storia e le soluzioni

errori in aeronautica ( e in medicina) la storia e le soluzioni errori in aeronautica ( e in medicina) la storia e le soluzioni 1 Airbus A320 Air France, 1998 2 USA, 1999 Errori in Medicina: USA Ogni anno 43.458 morti per incidenti automobilistici 42.297 morti per

Dettagli

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE:

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE: www.forzearmate.org SIDEWEB è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza pluriennale di coloro che hanno operato per anni nelle organizzazioni di tutela individuale e collettiva, contribuendo

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 Tipo dell aeromobile e volo Boeing 737-800, volo THY 1874. Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del

Dettagli

Videocorso Guida Sicura

Videocorso Guida Sicura GUIDA SICURA Le tecniche di guida per limitare i rischi di chi lavora al volante Slide n. 1 Indice del corso La sicurezza comincia da noi Il guidatore Il veicolo Tecniche di guida Come si affronta una

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica 08.3 Attività Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica ENAV progetta per l aviazione civile tutte le procedure strumentali di volo e realizza la cartografia aeronautica. Il servizio comprende

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS)

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) (Aggiornata 2014) Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) STORIA L aeroporto internazionale di Salisburgo si trova a circa 3 kilometri dal centro della città e nacque nel lontano 1910 quando un primo aeromobile decollò

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

Rete Innova ASL. Alternanza Scuola Lavoro a.s. 2013-2014

Rete Innova ASL. Alternanza Scuola Lavoro a.s. 2013-2014 Innova ASL a.s. 2013-2014 Allievo : Classe : Sez : Azienda : Tutor Scolastico : I.T.I G. Marconi Via Manzoni 80-35126 Padova Tel. 049-8040211 Fax 049 8040277 IIS Meucci - Cittadella Via Alfieri, 58-35013

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 SISTEMA AVIAZIONE CIVILE Ministero dei trasporti Ente nazionale per l aviazione i civile il (ENAC) Aero club d

Dettagli

VEHICLE TACTICS Come sparare dal veicolo, all interno ed intorno ad esso con l arma corta.

VEHICLE TACTICS Come sparare dal veicolo, all interno ed intorno ad esso con l arma corta. VEHICLE TACTICS Come sparare dal veicolo, all interno ed intorno ad esso con l arma corta. di BOTTERI Giovanni - GELFI Eros GRuppo Istruttori Formazione Operativa Polizia Provinciale di Brescia INTRODUZIONE

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Istituto Tecnico dei Trasporti e della Logistica

FONDAZIONE MALAVASI. Istituto Tecnico dei Trasporti e della Logistica FONDAZIONE MALAVASI Istituto Tecnico dei Trasporti e della Logistica PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Logistica DOCENTE: Chiovaro Lorenzo CLASSE III A.S.2014 /2015 1. ANALISI INIZIALE

Dettagli

Innsbruck Kranebitten (INN/LOWI)

Innsbruck Kranebitten (INN/LOWI) (Aggiornata 2014) Innsbruck Kranebitten (INN/LOWI) STORIA L idea di costruire un aeroporto nell area di Innsbruck nasce dal governo provinciale tirolese nel 1920, che avvia la stesura dei progetti e l

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento CLASSE 5 a A Serale Comprendente: 1. UDA 2. CONSEGNA AGLI STUDENTI 3. PIANO DI LAVORO 4. RELAZIONE INDIVIDUALE DELLO STUDENTE 5. GRIGLIA

Dettagli

Perché è sempre troppo tardi quando inizi a occuparti della tua salute?

Perché è sempre troppo tardi quando inizi a occuparti della tua salute? Perché è sempre troppo tardi quando inizi a occuparti della tua salute? Succede spesso ed è un comportamento molto diffuso. Troviamo la motivazione per occuparci della nostra persona (fisico e mente) solo

Dettagli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli UNITÀ 2 Collegate la definizione alla parola corrispondente. Persone con handicap. 2 Persone senza genitori. 3 Persone che stanno in carcere. 4 Persone che hanno bisogno di aiuto. Persone che hanno dovuto

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING 1. Dove si trova il centro di gravità longitudinale dell elicottero? Per la soluzione utilizzare il formulario annesso. R22 Beta I, S/N 2120, massa

Dettagli

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES Ciò che i bambini sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo da soli ( Lev VYGOTSKJJ) IX CONVEGNO DI RIMINI SULLA QUALITA

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

GRECIA 2013 - FLOTTIGLIA ALLE CICLADI. Una grande avventura

GRECIA 2013 - FLOTTIGLIA ALLE CICLADI. Una grande avventura GRECIA 2013 - FLOTTIGLIA ALLE CICLADI Una grande avventura 1) SABATO 10 AGOSTO - Arrivati alle 13,20 (intendo il grosso del gruppo) all aeroporto di Atene. - Al porto Kalamaki, dove sono ormeggiate tutte

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR DEFINIZIONE DI WIND SHEAR Una variazione nella velocità e/o nella direzione del vento, includendo correnti ascendenti o discendenti. La definizione è tratta dalla Circolare ICAO 186 del 1987, che descrive

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013

Anno scolastico 2012-2013 ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA Anno scolastico 2012-201 Classe V Sez. D Materia : TRAFFICO AEREO ED ESERCITAZIONI PROFF. : SALVATORE OLIVELLI SALVATORE ARANCIO (ITP) PIANO DI LAVORO

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello 1 AERODROMO MACCHI M.C. 72 1931 Nota introduttiva.- Il presente Annesso contiene gli standard e le raccomandazioni pratiche

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE INCIDENTI DI VOLO /INCONVENIENTI DI VOLO

OGGETTO: SEGNALAZIONE INCIDENTI DI VOLO /INCONVENIENTI DI VOLO AERO CLUB D'ITALIA Prot. nr.: TO - S.V./ 00031917-30.11.2011 Roma, 10 gennaio 2012 CIRCOLARE NR: 44 / 2011 Ai PRESIDENTI AERO CLUB FEDERATI PRESIDENTI ASSOCIAZIONI AGGREGATE DIRETTORI DELLE SCUOLE DI VOLO

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

LEZIONE 5 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI

LEZIONE 5 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI LEZIONE 5 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A.Completa le frasi coniugando i verbi tra parentesi al passato (imperfetto, passato prossimo trapassato prossimo) 1. Quando SIAMO ARRIVATI/E al cinema il film

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

La Gestione della Qualità. La Gestione della Qualità. Applicazione della Normativa ISO 9000 QUALITA? Romano Marmigi

La Gestione della Qualità. La Gestione della Qualità. Applicazione della Normativa ISO 9000 QUALITA? Romano Marmigi La Gestione della Qualità QUALITA? Applicazione della Normativa ISO 9000 MOTIVI DELL INIZIATIVA L'ambiente sociale ed il mondo produttivo chiedono continuamente qualità, e non in termini retorici o formalistici,

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Sicurezza: Viaggiare in gruppo

Sicurezza: Viaggiare in gruppo Sicurezza: Viaggiare in gruppo Guidare in gruppo può anche essere una bella esperienza, ma per guidare in modo sicuro in un gruppo eterogeneo di moto e motociclisti sono importanti la preparazione e il

Dettagli

High Impact Presentation Basic & Advanced Training

High Impact Presentation Basic & Advanced Training High Impact Presentation Basic & Advanced Training Relatore: Dottor Sergio Borra AD e Master Trainer Dale Carnegie Italia Corsi Base Vimercate, 20 marzo 2015 Vimercate, 15 maggio 2015 Corso Avanzato Vimercate,

Dettagli

Manuale per la guida sicura in Airside

Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety 1/12 Introduzione Il traffico aumenta. Gli aeroporti si espandono. Chi guida in Airside, é tenuto a conoscere come utilizzare il veicolo

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO Vado a scuola con lo Scuolabus Vado con lo Scuolabus alla scuola dell infanzia o alla scuola primaria Se non

Dettagli

studio hs La missione sicurezza e salute del lavoro valutazione dei rischi delle imprese creiamo la giusta armonia in simbiosi con la legislazione

studio hs La missione sicurezza e salute del lavoro valutazione dei rischi delle imprese creiamo la giusta armonia in simbiosi con la legislazione soluzione sicurezza 2 1 studio hs La missione STUDIOHS si occupa di sicurezza sul lavoro, argomento disciplinato da molte normative, che necessita di grande competenza e professionalità, per il quale noi

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

1. Finalità e obiettivi. 2. Incontri fondamentali nel corso del progetto. 3. Pianificazione degli incontri

1. Finalità e obiettivi. 2. Incontri fondamentali nel corso del progetto. 3. Pianificazione degli incontri 41 1. Finalità e obiettivi L organizzazione di incontri produttivi è un elemento cruciale per il successo di un progetto. Di conseguenza, gli incontri sono una componente fondamentale della gestione del

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 33 DEL 28/11/2014 IL SINDACO (Alberto PILLONI) IL SEGRETARIO COMUNALE (DOTT.SSA Valentina MARVALDI) INDICE

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli