Un CRM a misura d azienda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un CRM a misura d azienda"

Transcript

1 FORUM DI MARKETING Hanno partecipato al forum: Luciano Berardi Direttore commerciale Italia, F.lli De Cecco Silvia Candiani Consumer Marketing, Vodafone Piercarlo Ceccarelli Presidente, Ceccarelli PIMS & Associati Guido Gerlotti Vice presidente, ibm.com Stefania Indirli Responsabile ricerche di mercato, Ducati Marco Metti Responsabile marketing d insegna, GS Carrefour Giorgio Santambrogio Direttore marketing, Interdis A cura di Piercarlo Ceccarelli Un CRM a misura d azienda Dopo aver attraversato qualche tempesta e lasciato molte aziende insoddisfatte, il CRM sta navigando in acque più tranquille e promettenti. La parola d ordine? Riduzione della complessità tecnologica e chiarezza d idee sui clienti cui rivolgersi. CECCARELLI: CRM on demand in promozione a 70 a postazione: Siebel lancia il CRM per le piccole e medie imprese. Microsoft, dal canto suo, propone un CRM integrato con Office mirando alla stessa clientela. E intanto nella Pubblica amministrazione il CRM diviene Citizen Relationship Management con l obiettivo dichiarato di migliorare il rapporto con i clienti-cittadini. E all orizzonte si delineano il CMR (Customer managed relationship), in cui è il cliente a guidare la relazione, ed il WRM (Web relationship management) che, sfruttando internet, permetterà di interfacciarsi con il cliente in tempo reale. 1

2 Il CRM cresce mutando: questo il segnale del mercato. Nato con grandi aspettative, sovente disattese nella realtà perché metà delle aziende lo considerano ancora una delusione, il fenomeno CRM sta ora conoscendo una fase di rinnovato interesse grazie, soprattutto, agli errori passati ed alla conseguente ridefinizione delle soluzioni proposte. L aura iper-tecnologica dei primi CRM pare dissolversi a favore di un approccio più concreto in cui la parola d ordine è la semplificazione sia della piattaforma tecnologica, sia degli obiettivi di marketing. Il CRM non deve essere un esibizione sofisticata cui asservire l azienda, ma uno strumento utile e facile da usare. I campi di applicazione? Tre sono i principali: la gestione delle interazioni col cliente, sia esso consumatore, punto vendita o intermedario; la pianificazione e controllo delle attività di vendita, per migliorare il processo commerciale; la business intelligence, per ottimizzare la redditività del conto economico di cliente. Se agli inizi il CRM utilizzava una piattaforma che solo le grandi imprese potevano permettersi, ora il suo ridimensionamento lo rende appetibile alla maggioranza delle aziende. Del resto le prime esperienze negative hanno dimostrato che la smania di offrire un prodotto complesso, con migliaia di funzioni, a nulla valeva senza un adeguato disegno strategico che qualunque tecnologia, per quanto potente, non può fornire. A dimostrazione di ciò, pare non vi sia alcuna correlazione tra mole di investimenti in CRM e qualità del risultato finale: non sono le aziende che hanno speso di più quelle che hanno tratto i maggiori benefici. Si è quindi capito che il CRM non è la panacea che permette di avvicinare l impresa al cliente: è solo un mezzo, potenzialmente molto utile, che richiede un comandante adeguato che lo guidi. La destinazione da raggiungere è un azienda nella quale il cliente sia posto al centro, ossia un organizzazione votata al cliente. Come tracciare la rotta più efficace? Il punto di partenza è proprio il cliente: conoscere chi sostiene l azienda e che, giorno dopo giorno, rinnova la propria fedeltà al fornitore o decide di andare altrove. Conoscere la clientela significa rendere espliciti sia i dati che sono necessari per identificare cosa vale un cliente per l azienda, come il volume d acquisto, i margini, la frequenza d acquisto, sia i fattori d acquisto del cliente, cioè i requisiti in base ai quali il cliente sceglie. Un analisi che porta alla segmentazione del mercato per individuare le leve più adatte per ogni segmento e costruire la rotta che l azienda intende perseguire, corredata dei fattori critici di successo da misurare per correggere eventuali deviazioni. Spesso si è trascurata questa fase delegando al CRM ciò che al CRM non competeva: il disegno della strategia. Il CRM è solo il fornitore di tutti i dati necessari all attuazione ed al controllo della strategia: è un aiuto, non un sostituto. Per analogia è uno strumento che aiuta l utente nella ricerca di un libro in una biblioteca, però non potrà mai definirne i parametri di ricerca. Se un efficace rotta è il presupposto di un iniziativa CRM che crei valore, l allineamento dei processi aziendali nella prospettiva del cliente è necessario affinché le aspettative si traducano in realtà. Alcune imprese hanno investito in CRM 2

3 adattandolo ai processi preesistenti ed obsoleti con il solo risultato di generare costi di realizzazione significativi e perdendo l occasione d introdurre in azienda nuovi processi in grado di dare valore al cliente. Ma il successo di un iniziativa CRM poggia pesantemente sul fattore umano e sull adeguamento dei comportamenti e delle competenze all interno dell organizzazione. Quindi si rivelano cruciali il coinvolgimento del vertice aziendale, l ascolto delle esigenze dei diversi business in cui l impresa è impegnata, la motivazione e la formazione degli utenti finali, la realizzazione a moduli con intervalli di tempo per facilitare l adozione da parte degli utenti. Un investimento proficuo in CRM ridimensiona, dunque, il ruolo del CRM come piattaforma tecnologica, a favore di un forte impegno che l organizzazione deve sostenere per porre veramente il cliente all interno dell azienda. Questa riduzione della complessità tecnologica del CRM ha generato piattaforme meno costose alla portata di imprese più piccole, 5 milioni nella sola Europa, che non sfuggono, comunque, all imperativo di essere orientate al cliente. Il ritorno di un investimento in CRM può rivelarsi interessante per tutti a patto che sia preceduto da una chiara definizione di obiettivi e percorsi per raggiungerli. CECCARELLI: l esperienza di CRM con la quale si è maggiormente confrontato è più positiva o più negativa? Quali ne sono le principali caratteristiche? BERARDI: parlerei di CRM come della capacità dell azienda di adottare sistemi utili a dare supporto al processo quotidiano di confronto con il cliente, senza cadere nell errore di pensare che software iper-tecnologici, capaci di immagazzinare ogni genere di dati, siano, alla prova dei fatti, sistemi che migliorano la qualità delle scelte. L esperienza in De Cecco è positiva e riguarda il sistema di pianificazione e controllo dell attività di vendita, che ha recepito e sviluppato diverse tipologie di informazioni utili al raggiungimento di obiettivi precisi e prioritari. Per rafforzare la leadership nel segmento premium, garantire il raggiungimento degli obiettivi di crescita e di redditività, l azienda ha deciso di dilatare il proprio focus dalla qualità del prodotto, che rappresenta oggi un pre-requisito, al valore per il cliente, allineando le attività e l organizzazione sui bisogni del cliente e valorizzando tutte le componenti dell offerta De Cecco, sia in termini di prodotto, sia in termini di servizio. Così l azienda ha adottato reti di vendita per canale distributivo, in grado di rispondere con maggiore efficacia ed efficienza ai bisogni della clientela trade, ed utilizza gli strumenti di pianificazione e controllo delle attività della forza di vendita per realizzare un maggior presidio del territorio e ad un incremento delle vendite e della numerica clienti. In questo ambito, compito specifico del CRM è facilitare i responsabili delle reti di vendita nella definizione degli obiettivi dei collaboratori e nel controllo delle attività sul campo di funzionari ed agenti. Le funzionalità principali riguardano la 3

4 programmazione e consuntivazione delle attività, la gestione del potenziale di mercato, la gestione degli standard di prestazione, il budget di vendita. CANDIANI: sicuramente un esperienza positiva. In Vodafone CRM non e' soltanto una modalita' di gestione dei clienti, ma una vera e propria filosofia di gestione del business in base alla quale poter prendere decisioni, allocare risorse e sviluppare la struttura organizzativa. Tutto quello che facciamo ruota intorno al cliente, anche il claim attuale di Vodafone richiama questo concetto di centralita' del cliente "Tutto Intorno a Te". Ad ogni livello della nostra azienda siamo, infatti, responsabili di come i nostri clienti vivono i nostri prodotti e servizi. La nostra attenzione al cliente, la nostra esperienza, la nostra dimensione e l'estensione delle nostre attività ci permettono di fornire loro maggiore qualità e valore aggiunto, anticipandone le esigenze. Per soddisfare i futuri bisogni dei clienti, meglio e più rapidamente di chiunque altro, e' necessario saper mettere in discussione lo status quo, innovare ed esplorare nuove opportunità per garantire un livello di servizio ai più elevati standard di mercato. GERLOTTI: ci sono due utilizzi del CRM. In veste esclusivamente di supporto tecnologico, con portata divisionale, oppure come enabler strategico, con portata aziendale. Nel primo caso il CRM viene percepito fondamentalemente come strumento di servizio ai clienti, necessario in un settore aziendale. Nel secondo caso esso gioca un ruolo fondamentale per l'organizzazione del business aziendale ed è efficace nei confronti di tutte le divisioni, richiedendo, per una attuazione di successo, una forte sponsorizzazione aziendale top-down. Il consenso è comunque unanime sulla funzione strategica del CRM, che si concretizza dell aumentare la redditività dell azienda offrendo servizi ai clienti in modo più intelligente. Quando la strategia CRM è gestita a livello centrale, le possibilità di successo crescono di circa il 25%; purtroppo oggi solo nel 25% dei casi, come si evince da una recente ricerca IBM, la responsabilità del CRM è mantenuta a livello centrale ed il motivo risiede nel fatto che il management lo ritiene uno strumento utile, ma non critico di successo. Solo il 17% delle aziende dichiara un utilizzo pieno del CRM una volta adottato. Nel caso di ibm.com, divisione di cui ho la responsabilita in IBM, il Teleweb CRM integra il CRM tradizionale con quello guidato dal web e rappresenta il fulcro delle operazioni di coverage, lead generation, vendita e supporto a tutti i clienti IBM, con approcci mirati in base al segmento di mercato di appartenenza. L obiettivo consiste nell identificazione del maggior numero di opportunita di business e nella loro trasformazione in fatturato secondo un processo ben disciplinato e misurato, denominato sell-cycle tracking, che si basa sull utilizzo combinato del tele e del web, sull offerta di prodotti e servizi IBM, sul lavoro di gruppo con le unita esterne alla ibm.com e sull esecuzione di differenti routes to market per ogni prodotto/segmento di mercato. 4

5 L utilizzo di indicatori di performance, finanziari e non, consente un monitoraggio dell efficienza ed efficacia delle operazioni e permette al management di operare le opportune correzioni all esecuzione. In IBM, quindi, l esperienza di CRM è un elemento ormai consolidato ed in continuo sviluppo a sostegno delle strategie aziendali. INDIRLI: Ho partecipato alla realizzazione del CRM in Ducati fin dall inizio del progetto, nel novembre 2001, e tuttora ne seguo sviluppi ed evoluzioni. Le scelte strategiche che hanno guidato il progetto sono state numerose ed hanno riguardato l adozione di un team misto, composto in parte da consulenti ed in parte da personale Ducati appartenente all area IT e all area marketing; approccio a tabula rasa. Una volta identificato e filtrato il fabbisogno informativo aziendale, attraverso l'applicazione dei criteri di priorità e attendibilità, il modello dei dati e il correlato disegno dei processi di data gathering e data management non sono stati condizionati dalla situazione corrente ma realizzati perseguendo l obiettivo di efficienza massima, anche rivoluzionando il preesistente. La scelta tecnologica è stata effettuata solo dopo l analisi e rispondendo ad esigenze di valorizzazione degli investimenti tecnologici effettuati in passato. Qundi la politica dei piccoli passi con attuazione modulare: dal CRM collaborativo all operativo e poi all analitico, dal centro, casa madre, alla periferia, filiali e network. Si sono fatti forti investimenti in comunicazione interna con riunioni periodiche con gli enti aziendali interessati al progetto, con il coinvolgimento di piccoli gruppi interfunzionali per lo sviluppo di tematiche specifiche e altre azioni dirette alla diffusione in azienda della mentalità customer oriented. Quindi un training effettuato da una persona del marketing e non dell area IT. L esperienza è assolutamente positiva; il risultato più tangibile in questo momento è ravvisabile nel forte mutamento della mentalità aziendale. Non c è area aziendale che oggi non sia interessata alla soddisfazione del cliente e Ducati può definirsi non solo una realtà multi canale nell accezione più tradizionale, ma un azienda il cui frontoffice si è esteso orizzontalmente, creando una moltitudine di interazioni tra diverse aree aziendali e il cliente finale. Ad esempio, manager e ingegneri di progetto chiamano direttamente il cliente per rilevare il suo livello di soddisfazione verso il prodotto e l azienda. METTI: Carta SpesAmica Club è senza dubbio una esperienza positiva. Le principali caratteristiche si possono riassumere nella lungimiranza della fase di progettazione; nella definizione di obiettivi semplici e chiari; negli sviluppi di software e hardware progressivi in funzione dei risultati del programma di fedeltà. Si è adottata la politica dei piccoli passi, costanti, concreti sempre giustificati e garantiti dai risultati e non sono mai accadute ingiustificate fughe in avanti di investimenti. SANTAMBROGIO: Il CRM per Interdis rappresenta la massima espressione dell'approccio one2one con il proprio cliente, attraverso un miglioramento della conoscenza dello stesso finalizzata a dare vantaggi differenziati e differenzianti. Partendo da questo postulato non può essere che positiva l'esperienza della nostra 5

6 azienda nell'ambito del CRM. Positiva in quanto ha permesso di comprendere appieno l'individualità del cliente e la conseguente possibilità di comunicare definendo segmentazioni per target ad hoc a seconda dell'obiettivo. Ma positiva anche perché ha creato nuovi vantaggi sia tangibili sia intangibili favorendo la creazione di un goodwill verso l'insegna e/o, in generale, verso il concept Delizie. Parlando delle caratteristiche del CRM, il tratto fondamentale risiede nella metabolizzazione del passaggio dall'ottica macro a quella micro nei confronti del cliente attraverso, un'altra fondamentale caratteristica, la conoscenza profonda del comportamento d'acquisto e di quello socio demografico dello shopper. Una ulteriore significativa peculiarità e' stata quella di considerare e gestire armonicamente ed in maniera intelligente le diverse fonti dati. Enfatizzare soltanto il dato comportamentale e' infatti un errore strategico in cui molte imprese incorrono: aver invece considerato congiuntamente anche il dato scanning, il dato geografico, il dato dei pdv e, soprattutto, in termini di curva di apprendimento, il dato di follow up dei risultati è stato fondamentale. In ultimo, risulta di assoluta importanza aver da subito condiviso con i migliori partner fornitori, non solo il mero dato, ma le logiche complessive del CRM. Da qui, la definizione del collaborative customer relationship management che caratterizza la leadership di innovazione di Interdis in Europa. CECCARELLI: la conoscenza del cliente è al centro di un progetto di CRM ma le aziende lo ritengono sovente un aspetto scontato su cui non vi sono molti margini di miglioramento. Eppure le evidenze indicano che vi è ancora molto da fare e che un adeguata conoscenza del cliente è alla base dell innovazione e può aumentare il fatturato e ridurre i costi. Quali sono i percorsi da attuare per cogliere questi obiettivi? BERARDI: ritenere di conoscere il cliente, inteso come capacità di saper cogliere, attraverso l immagazzinamento di dati, tutte le sue aspettative e le sue necessità, è un errore. La conoscenza non è mai una situazione statica ma fortemente dinamica, soggetta a continue modifiche ed aggiornamenti, in un contesto, il mercato, altrettanto dinamico, con modifiche continue di atteggiamenti, comportamenti ed esigenze. Esiste una correlazione tra i cambiamenti del mercato e quelli del cliente e gli eventi straordinari, come guerre, crisi petrolifere, etc., modificano le esigenze del cliente, sovente in maniera repentina e non pianificabile. Parlare di conoscenza del cliente è riduttivo e rischia di soddisfare solo la parte statica del processo di conoscenza. Probabilmente è meglio parlare d interpretazione delle esigenze del cliente, per cogliere anche la parte dinamica e aggiungere un ulteriore concetto che è componente del successo delle aziende, il rischio, inteso come capacità di leggere i segnali che arrivano dai clienti che altri, fermi alla conoscenza statica, non riescono ad individuare. Esistono, quindi, due livelli da soddisfare nel processo di conoscenza del cliente: la conoscenza statica, capace di dare supporto solo al alcune scelte di carattere operativo e la conoscenza dinamica, capace di indicare le scelte importanti, che creano valore al cliente e all azienda. 6

7 CANDIANI: il percorso per una strategia di CRM ideale potrebbe comporsi dei seguenti passi: individuazione di cluster di clienti (segmenti) distinti e chiaramente individuabili a cui legare tutte variabili principali del business; quindi, una strategia di marketing basata sul valore dei clienti e su KPI per segmento; la strategia deve essere declinata in azioni mirate e differenziate per segmento per massimizzare i ricavi e minimizzare gli sprechi di risorse; poi è necessario lo sviluppo e definizione di modalità di gestione sempre più personalizzate che offrano un'esperienza coerente e di valore in ogni singolo punto di contatto come CCare, Dealer, Web etc. Un esempio in Vodafone è Next Best Activity, un sistema che permette una personalizzazione totale della gestione delle chiamate inbound al call center sulla base del profilo attuale dei clienti e della loro propensione all utilizzo di nuovi servizi; quindi sono necessarie strutture di vendita e di supporto ai clienti che sfruttino le caratteristiche distintive dei segmenti per massimizzare la Customer Experience; infine il costante monitoraggio della soddisfazione e dello stato di salute dei clienti. In Vodafone abbiamo diversi strumenti tra cui il principale e` il Customer Satisfaction Index (CSI), una rilevazione periodica di mercato sul livello di soddifazione dei Clienti Vodafone e dei concorenti, che rappresenta uno dei driver fondamentali nella determinazione dei risultati commerciali raggiunti e uno stimolo al costante e continuo miglioramento delle performance da parte di tutte le nostre persone. GERLOTTI: Nelle aziende in cui il CRM non è uno strumento critico di successo, l'informazione sul cliente è gestita fondamentalmente in modo tradizionale, non strutturato, e non è utilizzata sistematicamente per indirizzare le scelte strategiche. Il cambiamento può avvenire solamente in un'ottica di CRM pervasivo, da strumento IT di pura portata funzionale, ad un enabler strategico di portata aziendale. Nella mia esperienza ho individuato le seguenti criticità nella realizzazione: da una parte, massimizzare l'utilizzo del CRM nell'area del servizio ai clienti in modo da costruire una solida base dati di informazioni sui clienti; dall altra, estenderne l'utilizzo al senior management delle divisioni marketing e vendite in modo da rifocalizzare la customer experience sulla base di precise strategie di segmentazione e di relazione con i clienti. In ibm.com, sulla base di un esperienza che nasce nel 1995, è stata fatta una precisa segmentazione dei clienti e si sono sviluppati differenti e precisi modelli di coverage e sales, sfruttando l integrazione fra il tele e il web a beneficio di tutti i canali relazionali aziendali. L obiettivo è quello di andare sui differenti segmenti di mercato sia con offerte ad alto valore sia con offerte a volume. La maggiore criticità sta nel trovare l equilibrio ottimale tra il numero dei touch (qualsiasi tipo di interazione con il cliente: , fax, demand generation, etc) ed i contact (efficaci call con i clienti con l obiettivo di concludere delle vendite). INDIRLI: La conoscenza del cliente è alla base di tutte le azioni dirette alla fidelizzazione dello stesso e all acquisizione di nuovi clienti. I passi necessari per 7

8 raggiungere i suddetti obiettivi sono articolati in ottimizzazione dei processi di data gathering, dati desk; iniziative dirette all acquisizione di dati field; identificazione delle leve di fidelizzazione e acquisizione attraverso un idoneo modello di analisi; campaign management; infine, misurazione dei risultati. METTI: La conoscenza del cliente è la base sulla quale costruire un vantaggio competitivo. Non è un aspetto scontato. Si devono avere le idee chiare circa gli indicatori principali da indagare, le modalità di analisi da adottare ed i periodi di osservazione da considerare. Insomma pochi indicatori chiave monitorati regolarmente possono fornire spunti interessanti circa la conoscenza dei migliori clienti, di quelli potenziali, etc. Una buona conoscenza permette di differenziare la politica commerciale massimizzando la soddisfazione dei clienti ed il ritorno economico delle attività promozionali. L obiettivo, nel medio termine, è di ottimizzare il rapporto tra promozioni tradizionali destinate a creare traffico e le promozioni personalizzate per gruppi di clienti destinate a migliorare la fedeltà. SANTAMBROGIO: Sicuramente il primo passo di un percorso verso la conoscenza del cliente è capire quale tipo di conoscenza è importante per l'impresa stessa. Questo perché intorno al cliente ruotano una infinità di informazioni, di natura socio - demografica, comportamentale e di stili di vita. Per il retailer solo la chiarezza nella finalità, quindi, permette di stabilire le priorità nel mare magnum della conoscenza. L'esaustiva conoscenza di ogni accadimento in punto di vendita con protagonista il cliente - acquirente e' però solo la conditio sine qua non: l'obiettivo non e' infatti la conoscenza ma la costruzione di relazioni personali di fiducia basate sulla conoscenza. Per Interdis, ad esempio, monitorare l'ammontare della spesa e la frequenza d'acquisto nei nostri punti di vendita è fondamentale ed è per questo che abbiamo creato una segmentazione di tipo decilico, che raggruppa cioè i clienti in classi economiche di differente importanza. Ed è proprio in base al diverso apporto al fatturato di punto vendita che il cliente ottiene, ad esempio, dei trattamenti differenziati che permettono quindi di migliorare il rapporto costi/benefici delle iniziative. Ovviamente per fare tutto ciò è necessario dotarsi di tecnologia fruibile, ma soprattutto di competenze per costruire un sistema che permetta di leggere in modo efficace le informazioni che genera il cliente. CECCARELLI: il successo di un iniziativa CRM poggia pesantemente sul fattore umano e sul cambiamento dei comportamenti e delle competenze all interno dell organizzazione. Quali sono le modalità che riescono a motivare e coinvolgere l intera azienda verso uno sforzo coeso e sostenuto da tutti? BERARDI: credo che il contesto del mercato evidenzi da diversi anni che le sfide, per risultare vincenti, non possono non essere sostenute da un continuo cambiamento dei comportamenti e dal continuo miglioramento delle competenze all interno dell organizzazione. Quindi se il CRM è uno degli strumenti di supporto ai risultati 8

9 aziendali, il coinvolgimento e la qualità dell organizzazione sono i veri pilastri che indiscutibilmente generano il successo dell azienda. Le modalità di coinvolgimento e di motivazione dell intera organizzazione, però, non sono semplici e in De Cecco trovano nella storia commerciale relativamente giovane un motivo di ulteriore difficoltà, inteso come capacità dell intera organizzazione di metabolizzare più velocemente i cambiamenti del mercato, adeguando i propri comportamenti e le proprie competenze alle nuove esigenze. I metodi ci sono ma ogni azienda ha la sua storia e le sue peculiarità che non devono essere considerati necessariamente come freni al cambiamento, data la naturale tendenza delle persone che operano in un ambiente di successo alla conservazione del sistema, ma evidenze sulle quali creare un nuovo percorso di successo, dove ogni singolo elemento dell organizzazione deve avere un ruolo che lo identifichi come parte attiva di un processo vincente. CANDIANI: il successo di una strategia di CRM si basa sulla reale centralità del cliente per tutte le persone in azienda, non soltanto nelle funzioni marketing. Alcuni esempi di azioni per ottenere un coinvolgimento allargato possono essere: fare divenire l orientamento al cliente una mission e un valore dell azienda; inserire la soddisfazione del cliente tra gli obiettivi di tutte le funzioni e legare anche a questo parametro la retribuzione variabile; stimolare con processi formalizzati il contatto con il cliente di tutti i dipendenti organizzando affiancamenti alla forza vendita sulla rete distributiva e con gli operatori di call centre. GERLOTTI: i passi più critici nel perseguire la focalizzazione ed aumentare così le possibilità di successo delle iniziative di CRM sono generalmente il change management e la technology implementation, congiuntamente alla mancanza di focus da parte del management e dei dipendenti, alla scarsità di risorse dedicate e alla poca chiarezza sul valore delle iniziative verso i clienti. Il fattore chiave è comunque il forte coinvolgimento del management all interno delle strutture di customer facing di tipo tradizionale per la cooperazione, la raccolta di e- mail permission e di profilazione, il contributo efficace alla sfruttamento ottimale dei dati che il CRM mette a disposizione. Le principali azioni da porre in essere per superare questi ostacoli sono: - la formazione delle persone: per ridurre i costi di formazioni del personale si possono costruire dei tutorial o tool web che guidino i dipendenti nello svolgimento delle loro mansioni CRM; - la gestione del cambiamento: sviluppare programmi con gratifiche, certificazioni, e collaborazioni che portino all'accettazione e all'adozione dei nuovi strumenti e del nuovo modo di lavorare; - la governance: fare in modo che oltre alla comunicazione efficace della strategia CRM, delineando gli scopi, i piani ed i risultati attesi, siano definite precise metriche per rappresentare i progressi ottenuti ed il livello dei benefici relativi. In ibm.com viene dedicata una particolare attenzione alle competenze CRM delle persone, soprattutto come agenti del cambiamento. 9

10 INDIRLI: forte coinvolgimento delle aree aziendali, condividendo fin dall inizio i benefici che ciascuna di esse può trarre da un approccio customer oriented; identificazione di metriche che mettano in diretta relazione l area aziendale ed il cliente; team interfunzionali per lo sviluppo di specifiche tematiche. METTI: il coinvolgimento del capitale umano è fondamentale... non si discute. L approccio è quello tipico del cliente interno. All inizio è necessaria una formazione completa e concreta. Completa ovvero capace di fornire una efficace definizione del ruolo della carta fedeltà, che non crea la fedeltà ma riconosce la fedeltà, e delle sue potenzialità. Concreta ovvero fondata su aspetti pratici e operativi: in questo senso è necessario pensare da uomini di azione. In seguito sono i programmi promozionali, i risultati, le innovazioni che consolidano l immagine del programma fedeltà. SANTAMBROGIO: indubbiamente la nuova consapevolezza di un orientamento veramente cliente-centrico ha portato a rivedere tutta una serie di processi e prassi interne. Infatti anche i fondamentali di punto vendita sono stati integrati sulla scorta della shopping experience, sono stati rivisti gli assortimenti attraverso l'analisi dei comportamenti dei clienti gold, tarando le promozioni avvalendosi delle link analysis, strutturando il call center in un'ottica di rintracciabilità della customer satisfaction, ecc. Anche i rapporti con l'idm si sono evoluti, passando da un approccio di tipo muscolare ad una collaborazione fondata sul cliente, nella rinnovata triplice visione consumatore-acquirente-individuo. Diventa, quindi, fondamentale la sedimentazione in tutta l'organizzazione della nuova vision: dalla cassiera del punto di vendita al category manager, tutti devono essere coinvolti nel processo. Anche per quanto riguarda le competenze dei manager vi deve essere una evoluzione: un marketing manager deve necessariamente avere competenze sia di tipo commerciale sia, soprattutto, di database marketing. CECCARELLI: le PMI rappresentano il nuovo terreno di conquista del CRM. Tradizionalmente sono gestite in un ottica familiare, più propensa ad investire in nuovi impianti produttivi che in innovazione delle funzioni di marketing. Quali ostacoli incontrerà il CRM in questo contesto? Quali saranno gli aspetti che stimoleranno le aziende ad investire in questa direzione? BERARDI: è vero che il CRM, per trovare terreno fertile nell ambito delle PMI, si deve confrontare in maggior parte con un sistema conservatore di gestione del business. Tuttavia, è il mercato con la sua dinamicità che sta imponendo alle PMI di modificare l approccio, passando progressivamente dalle modalità gestionali guidate dal prodotto, dove il cliente è di fatto un soggetto passivo, a quelle guidate dal clientepartner. Non bisogna comunque colpevolizzare le PMI, gestite in ottica familiare, per la propensione a guardare più agli investimenti produttivi che alle funzioni di marketing, in quanto credo sia compito del management dare valore aggiunto alla leva del CRM, coniugando l esperienza dell imprenditore con la conoscenza dinamica del 10

11 cliente, trasformando, quindi, le PMI da aziende con prodotti di successo a aziende di successo. CANDIANI: Minori competenze di marketing e risorse piu` limitate hanno in passato fatto si che la scelta degli investimenti fosse nelle PMI portata a seguire logiche tradizionali e focalizzate sul cuore dell attività. Oggi l inserimento e la diffusione di forti capacità manageriali e il diffondersi di storie di successo, stanno portando anche aziende di più piccole dimensioni a scegliere il CRM come arma per ottenere un significativo vantaggio competitivo. Le dimensioni aziendali più ridotte possono agevolare una forte focalizzazione sul CRM e sulla gestione strutturata della relazione con i propri Clienti in particolare grazie a un coinvolgimento diretto nella relazione da parte dei responsabili diretti/amministratori, facilitato da una più semplice acquisizione di feedback da parte del top management e delle funzioni commerciali e da una maggiore flessibilita` organizzativa per rispondere alle esigenze dei clienti in maniera veloce, puntuale e personalizzata. GERLOTTI: è vero che in passato, soprattutto tra le piccole e medie imprese, la propensione ad investire in impianti produttivi si è dimostrata prevalente rispetto a quella ad investire in tecnologie, sia perchè gli investimenti in impianti erano e sono comunque un asset aziendale tangibile, sia perché il ritorno degli investimenti è facilmente dimostrabile in termini di miglioramento dei tempi di produzione e qualità del prodotto. Di conseguenza l efficienza produttiva e l innovazione del prodotto sono state, nella quasi totalita delle aziende, le uniche leve su cui impostare le strategie di crescita e competizione. Oggi, mantenere e fidelizzare la base della clientela più redditizia è divenuta la priorità per ogni azienda. Di conseguenza i processi e le tecnologie a supporto delle attività di marketing e di analisi dei clienti stanno acquistando un peso sempre maggiore all interno dell organizzazione. Rimane la difficile quantificazione del ritorno dell investimento proposto e si aggiunge la difficoltà ad apprezzare la rilevanza e qualità del dato cliente/mercato, in quanto alle attività di marketing è sempre difficile dare un peso corretto, in termini di impatto sul business, a quella che viene definita come parte intangibile della relazione con il cliente. INDIRLI: gli ostacoli che vedo sono principalmente riconducibili a due fattori: - la barriera culturale, come ormai ribadito in ogni contesto, il CRM non è solo un fatto tecnologico ma un nuovo approccio aziendale, non basta adottare un applicativo, ma gli sforzi sono soprattutto in termini di processi e impatto organizzativo; - la scarsa immediatezza in termini di tempo e facilità di definizione del ROI in un progetto CRM. Lo stimolo sicuramente è ravvisabile nella necessità di differenziarsi nel servizio e fidelizzare, tipico di uno scenario fortemente competitivo. 11

12 METTI: Il CRM non deve essere imposto come una soluzione alla moda. Non è una questione di trend. Gli imprenditori delle PMI lo sanno bene perché hanno innata una certa sensibilità per tutti gli aspetti concreti e utili alla loro attività. L approccio al CRM è determinato da opportune situazioni di mercato e di settore. Pensiamo a contesti caratterizzati da forte concorrenza, con numerose segmentazioni di prodotto e dominati da un costante sviluppo di nuove offerte. L adozione del CRM dovrebbe rappresentare la soluzione più corretta alla crisi o la leva più opportuna per rilanciare l attività. Certo alla base di tutto è necessaria una buona diagnosi. Un analisi attenta e disincantata del business insieme ad una visione lungimirante sono alla base di una opportuna decisione circa l adozione del CRM. SANTAMBROGIO: Il primo grande ostacolo è di matrice culturale, in quanto bisogna iniziare a comprendere il valore del cliente, in una ottica di life time value, e soprattutto un nuovo kpi: il margine di contribuzione del cliente, senza peraltro perdere di vista la tradizionale logica di prodotto e di margine di contribuzione di prodotto. Compreso tale valore bisogna dotarsi di know-how non solo tecnologico, ma soprattutto professionale al fine di attuare un processo che possa essere sviluppato e seguito nel tempo in azienda. La tecnologia è ormai disponibile a basso costo. Tuttavia costituisce un mero strumento e quindi è una condizione fondamentale e indispensabile, ma non necessariamente di successo. La sfida per le PMI è indubbiamente importante ed affascinante in quanto è necessario, per sopravvivere, trovare nuove leve competitive come, ad esempio, la differenziazione, soprattutto di processo. Infatti, se è vero che l'ottimizzazione dei costi di produzione è più facile nelle multinazionali, diventa strategica per le PMI puntare anche ad altri aspetti. Ricordiamoci che il CRM porta differenziazione e la differenziazione, percepita e accolta dal cliente, può realmente generare profitto. 12

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza.

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza. B usiness I ntelligence: un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno.... abbiamo constatato ad esempio come le aziende che hanno investito significativamente in BI (Business Intelligence) abbiano

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

V01. Marketing e Vendite

V01. Marketing e Vendite Marketing e Vendite V01 La gestione del coraggio: aumentare impegno e risultati della rete di vendita rompendo le regole Come garantire all azienda maggiori risultati commerciali agendo sui punti di forza

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Loyalty.CRM Sempre più clienti, sempre più fedeli

Loyalty.CRM Sempre più clienti, sempre più fedeli Loyalty.CRM Sempre più clienti, sempre più fedeli Microsoft Dynamics CRM è la soluzione aziendale per la gestione delle relazioni con i clienti che consente di aumentare la produttività delle vendite e

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

BALANCED SCORECARD. Premessa

BALANCED SCORECARD. Premessa BALANCED SCORECARD Premessa Il progresso tecnologico, la globalizzazione dei mercati, l avvento dei paesi emergenti hanno provocato turbolenze e mutamenti tali da poter affermare che la più grande sfida

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software.

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. Customer Relationship Management Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. 2 CRM è una strategia competitiva,, basata sulla capacità di mantenersi costantemente

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Introduzione al Retail

Introduzione al Retail Introduzione al Retail Lezione 14.03.13 Pio Zito MARKETING RELAZIONALE FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI Il Retail etailè un sistema di vendita evoluto composto da una rete di punti caratterizzati da: SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

La piattaforma di Business Intelligence per la GOVERNANCE COMMERCIALE

La piattaforma di Business Intelligence per la GOVERNANCE COMMERCIALE La piattaforma di Business Intelligence per la GOVERNANCE COMMERCIALE "Difficile non è sapere, ma saper far uso di ciò che si sa" (Han Fei) La filosofia di base Lo studio delle politiche commerciali è

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Digital Marketing Area

Digital Marketing Area Digital Marketing Area Digital Strategy Web Communication Search Engine Optimization Online Advertising Social Media Marketing Web Copywriting Analytics and Web Reputation Ci hanno scelto: elogic s.r.l.

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp. www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.it coregain time to market Il CRM che fa pulsare il tuo business.

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Demand Planning Segmentation

Demand Planning Segmentation Introduzione Come abbiamo avuto modo di rilevare più volte, una buona pianificazione della domanda è una condizione assolutamente necessaria non solo per essere in grado di servire efficacemente quella

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI Indagine su un campione di PMI che utilizzano Microsoft Dynamics NAV A cura di: consulting Quali sono i principali vantaggi di Microsoft Dynamics NAV? CARATTERISTICHE

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

No Export..No Party!

No Export..No Party! I nuovi voucher per l internazionalizzazione e la figura del Temporary Export Manager No Export..No Party! Scegliere i mercati, pianificare e realizzare le azioni per rafforzare il business estero FAREXPORT

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE è confermata al dr. Paolo GAGLIARDO, con le specificazioni di seguito riportate. Alle dirette

Dettagli

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe Premessa Analisi dei progetti di Customer Il Customer Il data base per il marketing e per le : Come organizzare le informazioni Più di un terzo delle istituzioni non inserisce ancora in un unico data base

Dettagli

VINCERE NELLE VENDITE COMPLESSE: LA VALUE PROPOSITION EFFICACE NASCE CON IL PROCESSO DI VENDITA

VINCERE NELLE VENDITE COMPLESSE: LA VALUE PROPOSITION EFFICACE NASCE CON IL PROCESSO DI VENDITA VINCERE NELLE VENDITE COMPLESSE: LA VALUE PROPOSITION EFFICACE NASCE CON IL PROCESSO DI VENDITA BUYVALUESELL: VENDERE VALORE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI INNOVATIVI? Gli

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione Chi siamo Rete Value è una società di Marketing, Vendite e Rappresentanza, che opera sul Mercato Italiano a supporto di tutte le aziende, imprese, grossi gruppi, banche ed holding commerciali. Nasce dall

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4 White Paper Come affrontare un progetto di Workforce Management, dai Processi Aziendali al Ritorno Dell Investimento L adozione di un sistema integrato di workforce management nel contact center passa

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER di Riccardo Pio Campana* Come si configurava il dirigente privato nel passato e come lo si configura oggi, l obiettivo di questo lavoro è proprio quello di inquadrare giuridicamente

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management

Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management Luca Fiorucci, Direttore Divisione FM, Cofely Italia Piergiorgio Marini, Direttore Purchaising Italia, Philip Morris Il CLIENTE: Philip

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari DOTTORE COMMERCIALISTA -

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI

FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI Analisi di settore e internazionalizzazione (Mip) 2 Formazione

Dettagli

Il concetto di strategia ha subito nel tempo un'evoluzione, così sintetizzabile:

Il concetto di strategia ha subito nel tempo un'evoluzione, così sintetizzabile: La pianificazione strategica nelle Pmi: criticità e prospettive L'innovazione è un fattore critico di successo e di competitività: per il lancio o il restyling di prodotti possono essere utilizzate tecniche

Dettagli