Free Software e Open Source

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Free Software e Open Source"

Transcript

1 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELLA TUSCIA FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI PROF. TOMMASO FEDERICI Free Software e Open Source Alessio Maria Braccini, Francesco Di Punzio, Roberto Pettirossi ANNO ACCADEMICO 2002/

2 Indice Cap 1 Introduzione La filosofia del free software Free Software e Open Source La comunità del software libero Le licenze del software libero...14 Cap 2 Stato attuale del Free Software Principali progetti attivi Distribuzione settoriale del Free Software Aziende impegnate sul fronte del Free Software...43 Cap 3 Analisi competitiva Libertà e indipendenza Performance, scalabilità e sicurezza Facilità di utilizzo e Know How Assistenza Sviluppo continuo, rischio di fork e notorietà Costo Minaccia dei brevetti...76 Cap 4 Il futuro del Free Software La viralità della GPL Sviluppi della comunità e sfide Quote di mercato del Free Software...89 Cap 5 Free Software: opportunità o minaccia? Opportunità per chi e perchè L'Open Source nella Facoltà di Economia Minaccia per chi e perchè Bibliografia GNU GENERAL PUBLIC LICENSE

3 Cap 1 Introduzione Da sempre il mercato del software, e dell'information Technology in generale, è risultato uno dei più dinamici nel quadro generale dell'economia mondiale. Se negli anni del suo primo sviluppo era caratterizzato dalla presenza di molteplici realtà aziendali con diversi prodotti e strategie, successivamente la forte espansione ha determinato una selezione naturale che ha permesso solo a poche e grandi aziende di sopravvivere. Si è così delineata una struttura del mercato tale da rendere molto difficile, se non impossibile, l'ingresso di nuovi soggetti pur se portatori di idee innovative. Se il mercato risultava bloccato, un grande cambiamento maturava al di fuori di esso. Da quando il computer era diventato un bene facilmente accessibile, una piccola parte del software veniva sviluppato da programmatori indipendenti, per diletto o per la volontà di trarre da questa attività un guadagno minimo. Contemporaneamente una sola persona, creando un movimento volto a sviluppare l'ideologia di libertà collegata al software, riuscì a catalizzare l'attenzione di un gran numero di sviluppatori amatoriali e, in secondo luogo, quella degli addetti al settore. Parallelamente allo sviluppo del mercato questo movimento, organizzato attorno al suo fondatore Richard Stallman, cresceva raccogliendo sempre maggiori consensi e subendo a volte anche profonde trasformazioni. Il risultato di questo processo è che al giorno d'oggi il software libero si propone come una alternativa, più o meno valida a seconda delle applicazioni, al software proprietario, e con questo in aperto contrasto. Scopo di questo lavoro è effettuare una analisi del movimento del software libero, del suo modello di sviluppo e dei risultati da esso prodotti, ponendo attenzione sulla possibilità di una implementazione di tale 3-104

4 alternativa in un ambiente di produzione. Il percorso da noi intrapreso, dopo un inquadramento temporale del fenomeno, partirà da una analisi dello stato attuale ai fini di effettuarne una valutazione competitiva. Prendendo spunto dai principali progetti attivi ne verranno delineati i pregi e i difetti, e in base alle considerazione effettuate verrà formulata una previsione sugli sviluppi futuri di tale movimento. La domanda finale alla quale cercheremo di rispondere sarà quella di valutare se il software libero rappresenti una opportunità o una minaccia. 1.1 La filosofia del free software Stabilire una data precisa come origine della filosofia del free software non è compito semplice, ma dando credito alle parole di Richard Stallman scambiarsi i programmi all'interno di una comunità di programmatori (o meglio di hacker 1 ) è una abitudine vecchia quanto i computer, proprio come scambiarsi le ricette di cucina è vecchio quanto il cucinare. Stallman descrive infatti il laboratorio di ricerca sull'intelligenza artificiale del MIT come una comunità fortemente attiva dedita allo scambio di programmi, al fine di affrontare e risolvere problemi di natura tecnica o informatica. Sempre secondo Stallman, inoltre, scambiare software non era esclusiva prerogativa dei laboratori del MIT, ma questi ultimi in tale ambito erano i più attivi. Volendo stabilire una coordinata temporale in base alla quale classificare tale testimonianza si può far 1 Termine gergale dal significato poliedrico spesso frainteso dai non addetti ai lavori. Senza dilungarsi con discorsi sull'etimologia della parola, che nella sua origine non risulta neanche collegata ai computer, nel mondo dell'informatica si definisce hacker chiunque abbia una elevata capacità nella programmazione o nell'uso dei sistemi informatici, e vi si cimenti anche solamente per scoprirne i limiti, per diletto o per entusiasmo. Nella sfumatura di significati che assume, hacker è anche chiunque sia esperto o entusiasta in un determinato campo, che può anche non essere direttamente collegato all'informatica o ai computer (ad esempio l'astronomia). Nei mezzi di comunicazione di massa vengono spesso indicati come hacker, con una terminologia inappropriata, i pirati informatici che in gergo vengono definiti ``Cracker''

5 riferimento al 1971, anno nel quale Stallman entra a lavorare nei laboratori del MIT. La logica che sta alla base dello scambio dei software (o meglio dei sorgenti 2 ) consiste nella collaborazione unanime della comunità di ricerca alla risoluzione di problemi e al raggiungimento di soluzioni con sempre maggiori gradi di soddisfazione. Si tratta degli anni 60/70, gli albori dell'informatica moderna, anni nei quali i computer si diffondono presso università e centri di ricerca, sui quali vi lavorano un gran numero di ingegneri, fisici e matematici che al contempo li utilizzano come strumento di ricerca e ne perfezionano il funzionamento. La pratica di scambiarsi codici sorgente serviva tanto a risparmiare tempo nell'affrontare un problema, quanto a migliorare le implementazioni fatte da altri. Se per realizzare un programma erano già disponibili software già pronti che potevano svolgere tutto o parte del lavoro si preferiva utilizzare questi, ed eventualmente adattarli allo scopo specifico. Il vantaggio si aveva sotto differenti punti di vista: un risparmio di tempo per il programmatore che non si vedeva costretto a riscrivere tutto quanto il codice da capo, l'eventuale ampliamento delle funzionalità del software originale, la sua maggiore diffusione. Con la maggiore diffusione dei programmi maggiore diventa il numero di esperti che ne visiona il codice sorgente, ne corregge errori o ne aggiunge funzionalità. Nella struttura di una tale comunità di ricerca la condivisione dei sorgenti risulta quindi essenziale, a tal punto che gli stessi programmatori del tempo giungevano a considerare il software come una risorsa comune. Descrivendo questo panorama di sviluppo Stallman dice che al 2 Il codice sorgente costituisce l'insieme di istruzioni necessarie alla macchina per eseguire il programma. Scambiare un codice sorgente permette di capire come un particolare problema viene affrontato e risolto dalla macchina, mentre invece scambiare un semplice programma consente solamente di poterlo utilizzare. Per analogia la possibilità di utilizzare un programma equivale alla possibilità di utilizzare una radio (o un qualsiasi altro strumento), mentre invece la possibilità di accedere ai codici sorgenti equivale alla possibilità di visionarne gli schemi progettuali

6 tempo non chiamavano quel software libero in quanto ancora non sapevano che esistesse, ma di fatto si trattava di software libero a tutti gli effetti. Questo modello di sviluppo da molti veniva ritenuto, al tempo, come il modello normale, in quanto quello più diffuso. Tuttavia con lo sviluppo dell'informatica e, sopratutto con quello del mercato informatico, si fanno largo gli accordi di non divulgazione e le licenze. La pratica di scambiarsi il codice veniva vista da molte aziende come una minaccia al futuro ritorno economico che queste si attendevano dai loro progetti informatici. Per molti era chiaro che l'informatica cominciava a diventare un business dagli interessanti trend di crescita, per questo motivo molte aziende cominciarono a sviluppare prodotti per poi proporli al futuro mercato di massa. Così facendo attiravano al loro interno gli hacker dei laboratori di ricerca, con le prospettive di migliori opportunità economiche o di carriera. Dovendo però proteggere il loro investimento il primo obiettivo consisteva nell'impedire che le scoperte fatte all'interno dei propri laboratori di ricerca prendessero vie esterne all'azienda. Nasce così il software proprietario, protetto da licenze, e realizzato da programmatori legati alle società da accordi di non divulgazione. Questo fenomeno comportò, verso la fine degli anni '80, la disgregazione della comunità di Hacker del MIT nella quale lavorava Stallman. Contrariamente a tutti quanti i suoi colleghi Stallman si rifiutò di passare al modello proprietario e, difronte alla scarsità di alternative, meditò di abbandonare il mondo della programmazione, per poi maturare una importante scelta. Convinto che il software avrebbe dovuto essere libero, per tradizione, per utilità o per necessità, si fece promotore di una filosofia da lui stesso battezzata "Free Software'', volta alla realizzazione di una alternativa libera ai prodotti informatici proprietari. Nel 1984 Stallman lascia i laboratori del MIT per iniziare a lavorare al suo progetto da egli 6-104

7 stesso battezzato GNU 3. La sua prima mossa fu quella di identificare le esigenze, successivamente, ben chiarito l'obiettivo finale, procedette (non senza intoppi) alla realizzazione di tutti gli strumenti che gli avrebbero poi consentito di completare il sistema GNU. Contrariamente alle sue previsioni, però, lo sviluppo del sistema GNU richiese molto più tempo del previsto 4 e fu possibile completarlo solamente grazie al lavoro, indipendente, di un altro grande hacker: Linus Torvalds creatore del kernel Linux. Dopo dieci anni di lavoro al progetto GNU, la Free Software Foundation 5 aveva prodotto uno spettacolare parco software ma non ancora un sistema operativo unix-like come era nei progetti del suo fondatore. La fusione dei programmi GNU e del kernel Linux permise la nascita del sistema libero GNU/Linux, prima incarnazione del progetto originario di Stallman 6. Sebbene non possiamo adottare l'anno 1984 come data natale della filosofia del Free Software, dobbiamo comunque ricordarla come l'anno a partire dal quale questa verrà divulgata dal suo più convinto ed accanito sostenitore. Il ruolo che Stallman avrà fino ad oggi sarà quello di un comunicatore, un divulgatore, un evangelista instancabile, che farà della difesa della libertà del software lo scopo precipuo della sua vita. Con lo sviluppo della FSF la sua attività si sposta dalla programmazione alla comunicazione, e Stallman comincia a portare la sua testimonianza in tutto il mondo, sia attraverso la posta elettronica o il suo sito web, sia prendendo 4 Dopo il progetto iniziale il gruppo di Stallman cominciò a creare prima le componenti periferiche del sistema (i programmi applicativi) ed infine il kernel (va ricordato che GNU è un sistema di tipo Unix). Man mano che i programmi crescevano venivano apprezzati e quindi portati su tutti gli altri Unix. A detta di Stallman questo ritardò la creazione del kernel, ma permise una maggiore diffusione del software libero. 5 Fondazione istituita dallo stesso Stallman nel 1985 con lo scopo di sviluppare e promuovere il software libero. 6 Nella realtà tale processo richiese molto tempo, in quanto si resero necessari molti adattamenti sia al software GNU che al kernel Linux

8 parte in conferenze o iniziative di vario genere dove viene spesso invitato a riferire sul software libero. In questi anni in cui la Free Software Foundation ha svolto il suo ruolo di promozione circa il software libero, il contributo filosofico di Stallman circa la libertà si è andato evolvendo, abbracciando altri orizzonti oltre a quelli del software 7, ma non ne è diminuità l'intensità con la quale Stallman cerca di perseguire il suo obiettivo, né ha ceduto sotto alcun aspetto sull'idea di fondo del suo movimento: la libertà. 1.2 Free Software e Open Source Parlare di libertà non è mai stato facile, in questo Stallman avrebbe dovuto essere aiutato dal contesto storico/culturale contemporaneo, a suo agio con un simile concetto. Tuttavia il messaggio di Stallman ha trovato difficoltà a passare. Nella sua opera di assidua "evangelizzazione'' 8, Stallman ha incontrato innanzitutto una difficoltà di ordine lessicale. "Free'' nella lingua Inglese ha un duplice significato (libero e gratis). Stallman parla di un software "Free'' in senso di "Libero'' e non di gratuito, anzi, per come lo definisce lui, il software libero non è affatto contrario all'idea di commercio 9. In un processo comunicativo, però, vi è sempre una certa dose di rumore che ne inficia il corretto svolgimento, e il significato di "Free'' che Stallman comunicava non sempre era chiaro. Il software libero, infatti, spesso non viene acquistato ma scaricato oggi da internet, senza alcun 7 A tale scopo è sufficiente consultare la lunghissima home page del suo sito web (http://www.stallman.org). 8 In maniera allegorica, durante alcuni dei suoi interventi pubblici, Stallman interrompe il suo discorso per indossare una tunica scura e mettersi in testa il disco di un vecchio hard disk, transformandosi in "Sant'IGNUzio'', il santo protettore del software libero. 9 Difatti, dopo aver lasciato il MIT cercò di guadagnare con il software libero vendendo un programma da lui creato (EMACS) a $150 la copia, a chiunque ne avrebbe fatto richiesta

9 costo, e questa pratica contribuisce a confondere le idee. L'equivoco che derivò da un tale messaggio distorto fu duplice: in primo luogo il movimento di Stallman non sempre appariva chiaro e focalizzato, risultando spesso confuso con un neocomunismo, in secondo luogo, e in diretta conseguenza di quanto detto prima, questo era visto come una minaccia alla nascente industria del software. Risulta quindi utile chiarire immediatamente questo punto. Il concetto di libertà di Stallman non è guidato da idee di comunismo, bensì da fondamenti etici o morali. Questo è tanto più vero quanto più si considera che il messaggio di libertà che Richard da, come già ricordato, parte dal software ma si espande verso altri campi. Rimanendo in un ambito attinente al presente lavoro va comunque fatto notare che un motivo che potrebbe aver influito sull'equivoco circa la presunta gratuità del software libero consiste nel fatto che questo molto spesso, come già ricordato, viene distribuito gratuitamente. Questo però non avviene perchè imposto dalla licenza 10, quanto perchè generalmente questo software è anche disponibile tramite internet (o in altri canali di facile accesso), e quindi liberamente scaricabile da chiunque in possesso di un accesso alla rete. Visto in questa ottica il software libero diviene non più una risorsa scarsa (e quindi un bene in termini economici) ma una risorsa diffusa. Il prezzo, che in qualsiasi altro caso dovrebbe misurare le difficoltà di accesso a quella risorsa da parte della massa, deve quindi essere o basso, o nullo. Un'azienda che vendesse software libero a prezzi elevati sicuramente non avrebbe grande successo, in quanto la massa preferirebbe avere accesso a quel software tramite la rete piuttosto che comprarlo 11. Il 10 Per una analisi delle licenze del free software si rimanda all'ultimo paragrafo di questa sezione. 11 Alla luce di questo i $150 che Stallman chiedeva per una copia di EMACS non sono da intendersi come una cifra esorbitante, in quanto al tempo la rete non era affatto diffusa come lo è adesso. Per avere un termine di paragone, oggi la distribuzione Linux Red Hat 8.0 Personal costa $39.95, e consiste in un sistema operativo completo più centinaia di programmi per i vari usi (compresi anche programmi server), incluso EMACS

10 software libero però non è diretto oppositore di una iniziativa imprenditoriale, ma comunque richiede modelli di business differenti rispetto a quelli tradizionalmente adottati nel mercato del software proprietario. In anni più recenti si è però andata diffondendo un'altra terminologia per indicare il software libero, forgiata da altri appartenenti alla comunità che al contrario di Stallman non ritenevano fondamentale il concetto di libertà: si tratta dell'open Source, che in italiano potrebbe essere tradotto come "sorgente aperto'' 12. La terminologia Open Source deriva da un documento scritto da Bruce Perens con l'intenzione di fornire le linee guida nella politica del software libero di Debian 13, ma alla sua definizione compiuta hanno collaborato anche altre persone, primo fra tutti Eric Raymond. La coniazione di un nuovo termine venne spinta tanto da chi non riteneva centrale il tema della libertà, quanto dalla volontà di chi invece voleva far avvicinare il mondo del software libero alle aziende, cercando di evitare la naturale resistenza che l'equivoco sul termine ''free'' creava quando veniva portato in un ambiente ove il profitto è un elemento rilevante. Contrariamente al movimento della FSF quello dell'open source non diede luogo a delle licenze, ma semplicemente a delle linee guida in base alle quali poter classificare i termini di distribuzione di vari software come liberi o meno 14. Il messaggio dell'open Source si rivelò essere più semplice da comprendere per il pubblico, e quindi si diffuse in maniera molto rapida, generando però una serie di contrasti all'interno della comunità del software libero. Difatti Richard Stallman e Eric Raymond, personaggi di spicco della 12 E che quindi in una prima analisi farebbe immediatamente pensare alla possibilità di distribuire il codice sorgente allegato al programma eseguibile. 13 Distribuzione Linux tra le più "integraliste'', da sempre fortemente attiva sul lato del Free Software. 14 Per approfondimenti si rimanda al paragrafo relativo alle licenze

11 comunità, ritenuti come i rappresentanti ufficiali delle due facce della medaglia del software libero, vennero a trovarsi più volte in aperto contrasto. Ciò che differisce nel loro messaggio è il principio ideologico che ne sta alla base. Se Stallman ritiene che il software libero debba essere tale perchè moralmente giusto, Raymond, Perens, Torvalds e molti altri affermano che la libertà è invece necessaria perchè contribuisce ad un modello di sviluppo per il software più efficiente. Le loro posizioni sarebbero anche conciliabili ma risultano di fatto nettamente divise per l'atteggiamento intransigente che Stallman ha da sempre avuto nei confronti di qualsiasi tentativo di mutare l'ideologia base del movimento, o di farle prendere un percorso da lui non scelto, e consequenzialmente per la reazione di rifiuto del ruolo di coordinatore supremo del software libero che altri membri di spicco della comunità ritengano lui si attribuisca con un tale atteggiamento. Il successo del filone Open Source deriva anche da altre due considerazioni. In primo luogo si tratta di un concetto formulato per essere venduto e destinato al pubblico aziendale. Per questo motivo ha tutti i requisiti per essere recepito nella maniera corretta (e in questo sicuramente ha avuto maggior successo rispetto al free software). In secondo luogo il personaggio di Stallman potrebbe agire tanto come catalizzatore dell'attenzione sul movimento del free software, quanto come capro espiatorio di una denigrazione di tale movimento basata su considerazioni inerenti la stravaganza del suo rappresentante. A più di un interlocutore può venire il dubbio che il movimento promosso da Stallman altro non sia che un background di particolare successo del mondo informatico In effetti nel panorama informatico esistono molti altri movimenti che potremo definire originali se non retrò. Basti pensare, ad esempio, alle "Scene demo del Commodore 64'', ovvero ai raduni di programmtori che si sfidano con i programmi da loro creati cercando di trarre il massimo da una macchina orami tecnologicamente superata, ma che comunque fa parte della storia dell'home

12 Avendo fatto luce sulle diversità, e volendo classificare questi due fenomeni in maniera organica, ci sembra di poter affermare che il rapporto tra l'open Source e il Free Software sia quello di contenente a contenuto, e questo nostro punto di vista sarà più chiaro nel momento in cui affronteremo il discorso delle licenze. Nel prosieguo di questo lavoro si utilizzerà il termine di Open Source in maniera generica, e di Free Software quando per le considerazioni effettuate il riferimento all'ideologia di fondo di "Libertà'' risulterà preponderante. 1.3 La comunità del software libero Per come è stato definito il fenomeno del software libero dovrebbe ormai essere chiaro il ruolo principale che in questo svolge la comunità che ne compone il movimento. Fanno parte di questa comunità tutti quanti quei soggetti, siano essi individui, aziende, organizzazioni pubbliche o enti di ricerca, che a qualsiasi livello supportano o sviluppano il software libero. Un errore comune che si compie in questi casi consiste nel considerare questa comunità come un insieme di programmatori, in realtà una tale visione è abbastanza miope. Pensando ad un progetto di software libero, il cui prodotto finale sarà quindi un programma, risulterà semplice comprendere che prima del programmatore sicuramente ci sarà bisogno di una o più persone che si occupino di organizzare il progetto, di approntare gli strumenti necessari alla sua gestione e di coordinare il lavoro delle tante persone che vi partecipano e che nella maggior parte dei casi non si incontreranno mai. Arrivando poi agli aspetti tecnici ci sarà bisogno sicuramente di chi programma, ma anche di chi scrive la documentazione a supporto degli sviluppatori e degli utenti, di chi la traduce in altre lingue, di computing essendo stato, probabilmente, uno dei primi computer utilizzati da molti utenti attuali

13 chi realizza le interfacce grafiche, di chi si occupa della comunicazione al pubblico, di chi prepara o gestisce il sito web o l'archivio ftp dal quale scaricare il software, di chi risponde alle degli utenti, alle richieste di aiuto o di collaborazione o alle segnalazioni di bug. Questo elenco non vuole essere esaustivo, in quanto il numero e la qualità di figure professionali richieste per far progredire un progetto di software libero dipende anche dalla natura e dalla complessità del progetto stesso. Un'altra considerazione che va fatta è che una tale organizzazione produttiva riguarda sicuramente i progetti del software libero, ma meno quelli dell'open source. In quest'ultimo caso, infatti, a volte si tratta di progetti sviluppati all'interno di aziende e poi resi open source tramite il rilascio dei semplici sorgenti 16. Ovviamente per una tale metodologia di sviluppo non vi rientrano le considerazioni fatte in precedenza, o meglio non vi rientrano nella fase iniziale di un tale progetto. L'obiezione che sicuramente può essere mossa ad un tale modo di lavorare consiste nella difficoltà di organizzazione. Premesso che valutazioni competitive su questo e su altri parametri verranno trattate più approfonditamente nel terzo capitolo, in questa sede va solamente segnalato che gran parte degli strumenti informatici e comunicativi disponibili al giorno d'oggi hanno senza dubbio permesso e rendono ancora possibile che un tale sistema possa crescere e svilupparsi. Questo è tanto più vero se si considera che sono stati questi stessi strumenti a favorire la diffusione di un tale sistema. Nell'ambito della comunità del software libero, come in una qualsiasi comunità, esistono correnti di pensiero differenti e vari personaggi di spicco. Tra i più importanti vanno ricordati i già citati Stallman, 16 Di solito, poi, progetti resi Open Source generano progetti analoghi di tipo Free Software che ne riutilizzano il codice o il concetto per farlo poi rievolvere in altre direzioni. Per avere degli esempi si può pensare a Netscape e a Mozilla, a Star Office e a Open Office

14 Torvalds, Perens e Raymond, ma a diverse dimensioni la comunità è comunque densa di personaggi di un certo rilievo. Il ruolo di questi personaggi è da una parte quello di essere portavoci del movimento, e dall'altro quello di farlo progredire ed evolvere verso nuove direzioni. Un fattore di rischio insito nella comunità del software libero consiste nella sua relativa fragilità. Trattandosi di un insieme di persone in contatto tra di loro, tale comunità è sicuramente soggetta a tutte le dinamiche di gruppo, inoltre, considerando anche il fatto che si tratta di una comunità che ha spesso contatti solamente elettronici, la sua coesione potrebbe apparire labile. Nella realtà, fino al giorno d'oggi, questa ha dimostrato una sorprendente stabilità su pochi principi di base, unanimemente condivisi. L'aspetto dove questa relativa fragilità potrebbe avere maggiore impatto riguarda esattamente la gestione dei progetti. Dal momento che questi vengono portati avanti da gruppi di persone, se la coesione interna di questo gruppo viene a mancare lo sviluppo dell'intero progetto può risultare compromesso. D'altro canto però va fatto notare uno dei principali punti di forza della comunità, consistente nella continua attività di supervisione e auditing sui prodotti da questa realizzati, siano questi software, documentazione o altro. Questo meccanismo da solo è in grado di garantire elevati livelli qualitativi a questi prodotti. Naturalmente l'ambito dove questo fenomeno è più attivo è quello del software. Le considerazioni in tali materie verrano comunque riprese in occasione dell'analisi competitiva. 1.4 Le licenze del software libero Finora abbiamo parlato di software libero in termini generici senza aver avuto la cura di spiegare in maniera compiuta in cosa effettivamente

15 deve consistere questa libertà. Prima di parlare delle licenze è quindi il caso di sopperire a questa mancanza. Un software viene ritenuto libero se all'utente sono concesse le seguenti quattro libertà 17 : La libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo (libertà 0); La libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L'accesso al codice sorgente ne è un prerequisito; La libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2); La libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L'accesso al codice sorgente ne è un prerequisito. Un software è quindi definito libero nel caso in cui all'utente siano garantite tutte queste libertà, e tutte quante insieme. In merito all'ultima libertà va ricordato che, come già accennato, la distribuzione riguarda semplicemente l'atto di diffondere il software a terzi eventualmente anche dietro compenso. La vendita del software libero non è vietata e, anzi, è incentivata dalla stessa Free Software Foundation 18. Queste libertà sono consacrate dalla FSF in più licenze che stabiliscono i termini di distribuzione dei programmi ad esse allegati. La pratica di allegare una licenza di distribuzione al software libero avviene in analogia al software proprietario, ma con una sostanziale differenza. Mentre una licenza di un software proprietario è volta a sancire il diritto di autore 17 Onde evitare dubbi di natura interpretativa, le definizioni delle seguenti libertà sono state riprese con gli stessi termini che vengono riportati nella sezione italiana del sito 18 Di fatto però la Free Software Foundation suggerisce di utilizzare la definizione di "Distribuzione di software libero dietro compenso'', in quanto "Vendita'' collegato a "Software libero'' potrebbe generare della confusione

16 (stabilendo quali diritti sono ad esso riservati e cosa l'utente possa fare con il software in questione), un licenza di software libero è volta a sancire il permesso di autore (affermando tutte quante le libertà di cui sopra). Solitamente si definisce la prima metodologia distributiva "Copyright'' e la seconda "Copyleft''. Si parla quindi di permesso di autore perchè è l'autore del programma stesso che permette agli utenti di effettuare tutte quelle attività necessarie per esercitare le quattro libertà precedenti 19. La licenza cardine prodotta dalla FSF in materia di software libero è la General Public License (GPL), ma non è questa l'unica, in quanto ne esistono alcune specifiche per le librerie e la documentazione. In aggiunta ne esistono anche altre non formulate dalla FSF direttamente, ma comunque rientranti nella categoria del software libero, in quanto garantiscono le quattro libertà sopra elencate 20. Analizzeremo in questo luogo solamente la GPL, sia per motivi di brevità, sia perchè è la licenza che compiutamente incarna la definizione di software libero. Le altre licenze della FSF sostanzialmente consistono in versioni modificate della GPL dove le modifiche le rendono applicabili ad altri contesti (non solamente ai programmi, ma anche alle librerie o alla documentazione), mentre invece le licenze non FSF possono essere ricavate dalla GPL per differenza. Nella sua struttura la GPL si compone di tre parti principali: un preambolo, i termini e le condizioni per la copia, distribuzione e modifica e una serie di istruzioni sul come applicare tale licenza alle proprie opere. Nel preambolo vengono chiariti gli scopi della licenza, affermando che il suo fine principale consiste nel garantire libertà all'utente imponendo restrizioni ai terzi che potrebbero limitarla. La protezione dell'utente avviene principalmente con la protezione del software con un copyright e la 19 Escludendo il gioco di parole, lo strumento giuridico sul quale queste due metodologie poggiano è lo stesso, ovvero il Copyright. 20 E' possibile consultare la pagina web per un lungo ed esauriente elenco

17 concessione delle libertà di copia, distribuzione e modifica del programma. Normalmente queste attività risultano essere illegali, ma dal momento che vengono permesse dall'autore con una licenza scritta divengono pienamente legittime. Nel preambolo viene poi garantita anche una tutela per l'autore del software, determinata dalla distinzione tra la copia originale e quelle modificate. In questa maniera l'autore viene protetto contro chiunque possa introdurre delle modifiche arbitrarie sui programmi: in tal caso eventuali problemi sul funzionamento di una copia si rifletteranno sulla reputazione di chi l'ha modificato, non su quella dell'autore originario. La seconda sezione si compone di 12 commi dei quali i primi 10 sono volti a sancire in maniera esplicita tutte e quattro le libertà elencate in precedenza, contornate da una serie di disposizioni ulteriori volte a regolare determinati casi singoli, mentre invece gli ultimi due riguardano l'assenza di garanzia collegata alla distribuzione del programma 21. Nell'ultima sezione sono invece riportate delle semplici istruzioni che informano l'autore di un programma sul come fare per distribuirlo secondo i termini di questa licenza. Tra l'altro la GPL non si applica solo ed esclusivamente ai programmi, in quanto ai sensi del comma n. 0 questa si può applicare a qualsiasi altra opera che l'autore intenda distribuire in tale maniera. Infine viene anche ricordato che la GPL può essere modificata nell'arco del tempo 22, e per questo motivo ad ogni licenza viene assegnato un numero di versione. Se il programma non specifica nulla è l'acquirente che decide in base a quale delle licenze della FSF il programma viene distribuito, altrimenti questi si deve attenere alle direttive dell'autore. Particolarmente importante è poi la postilla che vieta l'utilizzo di codice GPL all'interno di software commerciale. 21 Questo è l'unico punto nel quale una licenza libera corrisponde ad una licenza proprietaria. 22 Di fatto il testo attuale della GPL è la risultante di un processo di sviluppo che ne ha coinvolto il contenuto il quale si è andato via via arricchendo di nuovi elementi che ne chiarivano l'applicazione o cercavano di "chiudere eventuali falle'' nel testo normativo della licenza

18 Occorre fare attenzione ai contenuti delle licenze, in quanto molto spesso queste contengono delle limitazioni volte ad escludere in tutto o in parte alcune delle libertà precedentemente elencate. Considerando che per rendere fattive la maggior parte delle libertà sopra esposte è necessario fornire il codice sorgente del programma, la Open Source Initiative ha definito il concetto di Open Source come sinonimo di Free Software 23. Come la Free Software Foundation la Open Source Initiative è una associazione senza scopo di lucro con il compito di promuovere lo sviluppo dell'open Source Definition. Quest'ultima altro non è che un testo dove viene data la definizione completa di Open Source, e che può essere utilizzato per discriminare tra licenze Open Source e licenze non Open Source. Sostanzialmente l'approccio della OSI è differente da quello della FSF. Anzichè proporre una propria licenza la OSI ha elencato una serie di caratteristiche che una licenza Open Source dovrebbe avere. Se qualunque licenza risponde a tutti questi requisiti può essere considerata una licenza Open Source, e beneficiare del relativo marchio Open Source 24. Al contrario della GPL la Open Source Definition non è però un documento dal valore legale. Un'altra differenza fondamentale tra la GPL e la OSD è che quest'ultima non richiede necessariamente che tutte le modifiche fatte ad un programma ricadano sempre sotto la stessa licenza del programma di origine. La OSD è un tentativo di unificare il panorama molto diversificato e, a volte, confusionario delle licenze libere o pseudo tali, in maniera da poter sviluppare e promuovere un unico concetto: ogni sforzo fatto per questo si ripartisce automaticamente su tutti gli elementi che ne fanno parte, con un beneficio generale per l'intero movimento. L'idea di una definizione di Open Source ha quindi sicuramente il pregio di garantire maggiore unità, 23 In questa assunzione sta il nocciolo del contrasto fra i due modi di concepire il software libero. 24 Che di fatto però, nonostante le intenzioni originali della OSI, non è un marchio depositato

19 ma non sempre garantisce maggiore libertà. La Open Source Definition sembra poi pensata per lasciare aperta una porta al software commerciale 25, in quanto non richiedendo che le modifiche siano assoggettate alla stessa licenza, codice open source può essere modificato e poi distribuito commercialmente sotto forma di binario 26. Naturalmente questa opportunità offerta dalla OSD è l'altro grande motivo di dissaccordo tra il Free Software e l'open Source. Come già ricordato tutte le altre licenze possono essere ricavate dalla GPL per differenza, per tale motivo riportiamo in basso la seguente tabella che mostra nel dettaglio le differenze tra la GPL e le altre principali licenze: Tipologia di licenza A B C D GPL LGPL 27 * BSD 28 * * NPL 29 * * * MPL 30 * * Dominio Pubblico 31 * * * A: Può essere miscelato con software commerciale; B: Le modifiche possono essere mantenute private e non restituite all'autore originale; C: Può essere ri-licenziato da chiunque; D: Contiene privilegi speciali sulle modifiche per chi detiene il copyright originale; Prima di concludere questo discorso ci preme fare una ulteriore 25 La GPL è stata infatti definita dalla Microsoft stessa come una licenza anti-commerciale. 26 E' ciò che può accadere, ad esempio, per un programma protetto dalla licenza X Consortium. 27 E' una licenza della FSF che può essere applicata alle librerie. 28 Licenza creata dall'università della California. 29 Netscape Public License, creata dalla Netscape Corp. quando decise di distribuire il suo browser come software libero. 30 Mozilla Public License, analoga alla NPL ma non concede a Netscape il diritto di licenziare le modifiche apportate al suo software. 31 Si tratta di software per il quale l'autore ha rinunciato al copyright

20 precisazione sul funzionamento delle licenze del software libero. Come accennato in precedenza, esiste una analogia tra il software libero e il software commerciale dal punto di vista delle licenze, e questa analogia consiste nella pratica di distribuire il software coperto da licenza. In altre parole, entrambe le metodologie di distribuzione si basano sul meccanismo del Copyright per tutelare i diritti dell'autore ma, come abbiamo visto, con un'ottica diametralmente opposta. In questa sede non ci preme richiamare i discorsi fatti sul diritto e sul permesso di autore, bensì chiarire quale sia la rilevanza giuridica di una licenza free software. Basandosi sul meccanismo del copyright la GPL è giuridicamente valida quanto la EULA di Microsoft, e una sua violazione produce effetti giuridicamente analoghi. Difatti, analizzando il testo della GPL, si può notare come questa risulti minuziosamente dettagliata andando a prendere in considerazione aspetti specifici piuttosto particolari. Questa capillarità è il frutto di anni di esperienza di Stallman il quale per molto tempo ha provveduto a far evolvere il testo normativo della licenza al fine di renderla il più possibile inattaccabile. Parte del lavoro svolto dalla FSF riguarda anche la consulenza legale alle aziende o ai soggetti che vogliano sincerarsi di non incorrere in violazioni della GPL, oppure in assistenza legale a chi si trovasse nella condizione di voler contestare una violazione della GPL. Dal momento che il copyright è riconosciuto in tutti gli stati, la GPL ha una portata internazionale, per cui può essere applicata anche al di fuori degli Stati Uniti. Questa affermazione merita però una precisazione. Sebbene sia vero che la GPL è applicabile anche in altri stati, in pratica il suo testo è stato sviluppato e modificato sulla base della legislazione statunitense. Questo ha due importanti conseguenze. Sebbene il testo della licenza sia stato tradotto in moltissime lingue, la FSF considera come unica versione ufficiale quella originale scritta in inglese, in modo da non incorrere in dubbi interpretativi

Software proprietario

Software proprietario Open Source Software proprietario NO Fino a tutti glianni sessanta, anche se in misura decrescente, la componente principale e costosa di un computer era l hardware. Da ciò la scelta dei produttori di

Dettagli

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Enrico Albertini 1 Di cosa stiamo parlando? L'hardware è la parte del computer che possiamo toccare, ciò che è composto da atomi. Il software, invece, è una

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina 1 / 34 Obiettivi di questo incontro Fornire delle informazioni di base sul funzionamento

Dettagli

OPEN SOURCE CLOSED SOURCE

OPEN SOURCE CLOSED SOURCE OPEN SOURCE CLOSED SOURCE VS Con questi due termini si intendono due strategie di distribuzione software. Questi due modelli si differenziano per le modalità di: REALIZZAZIONE DISTRIBUZIONE MANUTENZIONE

Dettagli

Introduzione al Software Libero

Introduzione al Software Libero Introduzione al Software Libero Linux Day 6 23 novembre 2002 Il software Programma (codice) scritto in un particolare linguaggio di programmazione esistono molti linguaggi di programmazione (Di solito)

Dettagli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli

LE PORTE DELL ACCESSO. iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli LE PORTE DELL ACCESSO iniziativa realizzata nell ambito delle attività di promozione del CSV Napoli Le porte dell accesso incontri seminariali per costruire strumenti di inclusione informatica e di contrasto

Dettagli

**************************************************************************/

**************************************************************************/ /************************************************************************** * * Guida introduttiva al mondo GNU/Linux. * * Autore: Salvatore "sneo" Giugliano * Email: sneo@tiscali.it * ICQ: 116699222 *

Dettagli

Open Source e Free Software

Open Source e Free Software Università della Tuscia Facoltà di Economia Cattedra di Organizzazione dei SI Alessio Maria Braccini Francesco Di Punzio Roberto Pettirossi Storia ed origini Il laboratorio del MIT; La scelta ideologica

Dettagli

Università di Padova - Corso di Laurea in Governo delle Amministrazioni - Informatica per ufficio

Università di Padova - Corso di Laurea in Governo delle Amministrazioni - Informatica per ufficio Il lavoro d ufficio La posta elettronica Intranet e Internet Browser OpenSource Mail server Utente 1 Utente 2 Apparato Rete Mail Server Server di posta POP3: (Post Office Protocol) protocollo per gestire

Dettagli

Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni

Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni Corsi di Formazione "Open Source & Scuola" Provincia di Pescara gennaio 2005 aprile 2005 Unix, Linux, Software Libero e Open Source: cenni storici e definizioni Spremere denaro dagli utenti di un programma

Dettagli

Definizione di Open Source

Definizione di Open Source L Open Source Definizione di Open Source In informatica, open source (termine inglese che significa sorgente aperta) indica un software i cui autori (più precisamente i detentori dei diritti) ne permettono,

Dettagli

OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design

OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design Presentazione di Cristina Zocca 736584 Nicole Galeone 735934 OPEN NON E FREE Metodi di ricerca per il progetto Docente Stefano Maffei Politecnico di Milano Facoltà del design di Ippolita AUTORE IPPOLITA

Dettagli

Il software Open Source

Il software Open Source Il software Open Source Matteo Baroni Open source non significa semplicemente accesso al codice sorgente. Secondo quanto stabilito nelle definizioni date dalla OSI (Open Source Initiative) e riportate

Dettagli

Il software. E' una serie di istruzioni eseguite dal PC.

Il software. E' una serie di istruzioni eseguite dal PC. Corso "Software Open Source per il commercio elettronico Modulo: Applicazioni di ecommerce L'OPEN SOURCE Il software E' una serie di istruzioni eseguite dal PC. I programmatori Sono degli informatici che

Dettagli

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Panoramica su Linux Cosè Linux Perchè Linux è libero Cosè Linux? Linux è un Sistema Operativo Agisce da interfaccia tra l' uomo e la macchina fornendo

Dettagli

Le licenze d uso. Le principali tipologie di licenze

Le licenze d uso. Le principali tipologie di licenze Le licenze d uso La legge 633/41 attribuisce in via esclusiva all autore dell opera software tutti i diritti derivanti dall opera stessa, e vieta e punisce ogni abuso che leda questi diritti esclusivi.

Dettagli

L'associazione Solira

L'associazione Solira L'associazione Solira SoLiRa = Software Libero Ragusa opera sul territorio dal 2003 attività: seminari, conferenze (Linux Day, Giornata del Software Libero) sito internet: http://www.solira.org Riscaldiamo

Dettagli

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro "libertà fondamentali":

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro libertà fondamentali: OPEN SOFTWARE Tecnicamente, Open Source significa a codice sorgente aperto. La maggior parte dei programmi sono infatti scritti in linguaggi (più o meno) leggibili dagli umani, quali il C, C++, C#, ecc.;

Dettagli

Software Libero e GNU/Linux

Software Libero e GNU/Linux Corso introduttivo a GNU/Linux Padova Software Libero e GNU/Linux Gianluca Moro Faber Libertatis Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis - http://faberlibertatis.org/ Linux che cos'è? Linux

Dettagli

Internet: Software Open Source e Sistemi operativi. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò

Internet: Software Open Source e Sistemi operativi. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò Internet: conoscerlo al meglio per usarlo meglio Software Open Source e Sistemi operativi Indice Cos'è un Software Open Source Perchè utilizzare Software Open Source Sistemi operativi Licenze software

Dettagli

Software Libero. Terra Futura - Firenze

Software Libero. Terra Futura - Firenze Cosa è il Software Libero Terra Futura - Firenze Simone Piccardi: piccardi@softwarelibero.it April 10, 2005 1 L Associazione Software Libero L Associazione Software Libero, è una associazione culturale

Dettagli

INTRODUZIONE AL SOFTWARE LIBERO STEFANO IANNUCCI 02/13/12 1

INTRODUZIONE AL SOFTWARE LIBERO STEFANO IANNUCCI 02/13/12 1 INTRODUZIONE AL SOFTWARE LIBERO STEFANO IANNUCCI 02/13/12 1 Agenda Introduzione: limiti del software proprietario Definizione di software libero Vantaggi del software libero Per end-user (persone, aziende)

Dettagli

Open. Source. Il software AUTORE: ELENA COCCO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA

Open. Source. Il software AUTORE: ELENA COCCO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA Il software Open Source UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA A.A. 2006/2007 DOCENTI:PROF.BRUNO TROISI DOTT.MASSIMO FARINA La società dell informazione

Dettagli

L'Open Source nella cultura giuridica italiana. -e anche al di fuori di essa

L'Open Source nella cultura giuridica italiana. -e anche al di fuori di essa L'Open Source nella cultura giuridica italiana. -e anche al di fuori di essa Alberto Di Cagno Law student at Università Degli Studi di Bari Aldo Moro Specializing in tech law, italian certified electronic

Dettagli

La Filosofia ''Open Source'' ed il Sistema Operativo ''Linux''. Gabriele Turco e Tudor Trani.

La Filosofia ''Open Source'' ed il Sistema Operativo ''Linux''. Gabriele Turco e Tudor Trani. La Filosofia ''Open Source'' ed il Sistema Operativo ''Linux''. Gabriele Turco e Tudor Trani. Trieste, 2 Maggio 2016 1) OPEN SOURCE COSA SIGNIFICA OPEN SOURCE? E' un aggettivo che si una per intendere

Dettagli

Licenze d uso libere. Rossetto Stefano Seminario di Commercio Elettronico

Licenze d uso libere. Rossetto Stefano Seminario di Commercio Elettronico Licenze d uso libere Rossetto Stefano Seminario di Commercio Elettronico Open Source L OSI definisce un elenco di condizioni per definire una licenza Open Source: 1. Redistribuzione libera; 2. Codice sorgente

Dettagli

Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento. Open Source e Free Software. Open Source e Free Software

Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento. Open Source e Free Software. Open Source e Free Software Paolo Zatelli Università di Trento 1/11 Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 2/11 Free Software Il termine free si deve tradurre

Dettagli

IL SOFTWARE LIBERO. e la sua filosofia

IL SOFTWARE LIBERO. e la sua filosofia IL SOFTWARE LIBERO e la sua filosofia A cura di: Francesco Murer 26 Giugno 2004 Autore: Francesco Murer Ultima modifica: 24/06/2004 La copia letterale ed integrale e la distribuzione sono permesse con

Dettagli

LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE

LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE LICENZE D'USO E TIPOLOGIE DI SOFTWARE Il software è tutelato dalle leggi sul diritto d'autore, in maniera simile a quanto avviene per le opere letterarie. Il contratto che regola l'uso del software è la

Dettagli

ALTRA ECONOMIA. Le licenze nel software. di virtualmondo. terza parte del seminario sul software libero. per contatti luciano@aniene.

ALTRA ECONOMIA. Le licenze nel software. di virtualmondo. terza parte del seminario sul software libero. per contatti luciano@aniene. ALTRA ECONOMIA Le licenze nel software di virtualmondo terza parte del seminario sul software libero per contatti luciano@aniene.net Le licenze L'utilizzo del software può essere concesso gratuitamente

Dettagli

Ambito della tutela del software I diritti esclusivi sul software Le licenze d uso Le licenze del software libero Le facoltà dell utilizzatore

Ambito della tutela del software I diritti esclusivi sul software Le licenze d uso Le licenze del software libero Le facoltà dell utilizzatore /H]LRQ TXDUWD Ambito della tutela del software I diritti esclusivi sul software Le licenze d uso Le licenze del software libero Le facoltà dell utilizzatore legittimo Il ruolo della SIAE Tutela civile

Dettagli

Introduzione ai software liberi

Introduzione ai software liberi Introduzione ai software liberi C l a u d i o S c h i f a n i Prima di tutto qualche chiarimento Il termine inglese Free assume significato diverso in funzione di ciò a cui si riferisce e ciò che anticipa.

Dettagli

GNU/Linux e il software libero a scuola (e non solo) A cura del Prof. Fulvio Ferroni

GNU/Linux e il software libero a scuola (e non solo) A cura del Prof. Fulvio Ferroni GNU/Linux e il software libero a scuola (e non solo) A cura del Prof. Fulvio Ferroni Hardware e software HARDWARE (HW) = Parte fisica del sistema di elaborazione. SOFTWARE (SW) = L'insieme dei programmi.

Dettagli

LINUX: la forza di un pinguino (e di uno GNU)

LINUX: la forza di un pinguino (e di uno GNU) LINUX: la forza di un pinguino (e di uno GNU) Prima è nato lo GNU Nel 1984 Richard Stallman avvia lo GNU project basato sul principio del free software (reazione a S.O. proprietari) Nel 1985 nasce la Free

Dettagli

GNU/Linux e *BSD: filosofia del software libero ed open source

GNU/Linux e *BSD: filosofia del software libero ed open source GNU/Linux e *BSD: filosofia del software libero ed open source Origini e filosofie dei sistemi operativi liberi. Principali licenze e libertà del software. Data: 28 ottobre 2006 Relatore: Massimo Masson

Dettagli

Il Sistema Operativo Linux

Il Sistema Operativo Linux Il Sistema Operativo Linux Sistema Linux storia Unix deriva da Unix open source software libero software open source GNU, GPL, LGPL storia Linux amministrazione struttura concetti base comandi shell Unix

Dettagli

Corso Software Open Source 2009 I.P.S.I.A A.M. Barlacchi Crotone

Corso Software Open Source 2009 I.P.S.I.A A.M. Barlacchi Crotone Corso Software Open Source 2009 I.P.S.I.A A.M. Barlacchi Crotone Linux is a free Unix-type operating system originally created by Linus Torvalds with the assistance of developers around the world. 1 Free

Dettagli

Software Libero. Nicola Asuni

Software Libero. Nicola Asuni Software Libero Nicola Asuni Software "programmi e procedure utilizzati per far eseguire determinati compiti agli elaboratori elettronici (computer) o qualsiasi altro apparato con capacità di elaborazione

Dettagli

Presentazioni. Chi siamo?

Presentazioni. Chi siamo? Presentazioni Chi siamo? Programma Giorno 25 - dalle ore 14.00 alle ore 17.00 Introduzione al free software: - Cos'è il free software e come nasce - GNU/Linux, panoramica sulle distribuzioni - File system

Dettagli

Software libero & Community Ing. Andrea Scrimieri

Software libero & Community Ing. Andrea Scrimieri & Community Ing. Andrea Scrimieri andrea.scrimieri@linux.it Origini del software libero 1984......ma prima un passo indietro... "Penso che nel mondo ci sia mercato forse per 4 o 5 computer" "Il microchip:

Dettagli

LPIC-1 Junior Level Linux Certification

LPIC-1 Junior Level Linux Certification Corso 2012/2013 Introduzione a GNU/Linux Obiettivi Il percorso formativo ha l obiettivo di fornire ai partecipanti le competenze basilari necessarie per installare, configurare e gestire un server/workstation

Dettagli

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 1

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 1 Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 1 Presentazione generale del concetto di open source Il sistema operativo LINUX e le varie distribuzioni Uso di una versione Knoppix live Presentazione di OpenOffice.org I contenuti

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono:

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono: 3. Il Software TIPI DI SOFTWARE La macchina come insieme di componenti hardware di per sé non è in grado di funzionare. Sono necessari dei programmi progettati dall uomo che indicano la sequenza di istruzioni

Dettagli

Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere

Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere Introduzione a GNU/Linux e alle licenze libere Luca Syslac Mezzalira Montebelluna Linux User Group 20/09/2007 Montebelluna Syslac (MontelLUG) Intro Linux/GPL 20/09/2007 Montebelluna 1 / 27 Licenza d utilizzo

Dettagli

Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"...

Linux e Open Source: Libero! Non gratis... Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"... Di Colucci Martino. 1 Cos'è Linux Linux è un sistema operativo alternativo al più blasonato Windows OS (o al cugino Macintosh) È parente stretto della famiglia

Dettagli

I Server. Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux,

I Server. Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux, I Server Andrea Sommaruga: I server e le OSC (12:15-13:00) I Sistemi Operativi alternativi: Distribuzioni Linux, FreeBSD, ecc. Apache / Tomcat / Jakarta / Samba e l'accesso a Windows Antivirus, firewall,

Dettagli

Il software libero. A cura del Prof. Fulvio Ferroni

Il software libero. A cura del Prof. Fulvio Ferroni Il software libero A cura del Prof. Fulvio Ferroni Hardware e software HARDWARE (HW) = Parte fisica del sistema di elaborazione. SOFTWARE (SW) = L'insieme dei programmi. Da HW proprietario a HW standard

Dettagli

Linux Sia: Linux Fu!

Linux Sia: Linux Fu! Linux Sia: Linux Fu! Pasquale Merella p.merella@blueberrypie.it Associazione Studentesca Blueberrypie Università Commericiale "L.Bocconi" http://www.blueberrypie.it 22 Gennaio, 2002 Abstract Cosa è Linux?

Dettagli

Materiale informativo per i soci

Materiale informativo per i soci Materiale informativo per i soci dell'associazione Culturale ACROS Premessa sul Software Libero e Open Source Il concetto di software libero si può ritenere strettamente legato a quello di libero scambio

Dettagli

Corso Linux ARCES. Lezione 2: Lavorare in ambiente grafico

Corso Linux ARCES. Lezione 2: Lavorare in ambiente grafico Corso Linux ARCES Lezione 2: Lavorare in ambiente grafico Un pò di storia... Il Graphical User Interface fu inventato dai ricercatori dello Standford Research institute; Il progetto fu poi ampliato da

Dettagli

Open Source. Sommaruga Andrea Guido. Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Monza e Brianza. Nov 2009

Open Source. Sommaruga Andrea Guido. Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Monza e Brianza. Nov 2009 http://sommaruga.stnet.net 1 Open Source Sommaruga Andrea Guido Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Monza e Brianza http://sommaruga.stnet.net 2 3 http://sommaruga.stnet.net 3

Dettagli

Open Source Cosa è, chi lo usa, perchè.

Open Source Cosa è, chi lo usa, perchè. GNU/Linux User Group Perugia http://www.perugiagnulug.org Perugia, 7 dicembre 2007 Paolo Giardini AIP Privacy Officer Eucip Certified Informatics Professional Consulente per la sicurezza delle informazioni

Dettagli

Linux Day 2013. Perche' siamo qui???

Linux Day 2013. Perche' siamo qui??? Perche' siamo qui??? tredicesima giornata nazionale per GNU/Linux ed il software libero Quindi noi siamo qui per sostenere e diffondere il GNU/Linux e il Software Libero!!! Quindi noi siamo qui per sostenere

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Argentia. Linux Day 2010. Scuola Pubblica e Software Libero. Sabato 23 ottobre 2010. Prima Edizione

Istituto Tecnico Statale Argentia. Linux Day 2010. Scuola Pubblica e Software Libero. Sabato 23 ottobre 2010. Prima Edizione Linux Day 2010 Scuola Pubblica e Software Libero Sabato 23 ottobre 2010 Prima Edizione 1 Software libero: programmi applicativi e didattica A cura della Prof.ssa Lina Marino Licenze d'uso e tipologie di

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

Il Software Libero. Lo Gnu, il simbolo universalmente riconosciuto del Software libero, ma anche acronimo di Gnu is not Unix

Il Software Libero. Lo Gnu, il simbolo universalmente riconosciuto del Software libero, ma anche acronimo di Gnu is not Unix Il Software Libero Un software libero è un software rilasciato con una licenza che permette a chiunque di utilizzarlo, studiarlo, modificarlo e redistribuirlo. Il fenomeno nato negli anni 80 come reazione

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti Premessa Il rapporto tra open source e innovazione è un

Dettagli

Lezione 3. Il software libero. Linux avanzato. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 3. Il software libero. Linux avanzato. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 3 Linux avanzato 15 marzo 2013 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata LA 13 3.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Il movimento del software libero 1 Nascita

Dettagli

Sviluppare Software Libero

Sviluppare Software Libero Sviluppare Software Libero Un introduzione allo sviluppo del software libero. Idee, motivi ed esempi. Maurizio Lemmo File TEST - 1 Per iniziare... Un progetto software, idealmente,

Dettagli

Software open source. Cenni. Termini del problema (i) Termini del problema (ii) Scenario. Approfondimento 2. diagram by Chao-Kuei

Software open source. Cenni. Termini del problema (i) Termini del problema (ii) Scenario. Approfondimento 2. diagram by Chao-Kuei Termini del problema (i) Software open source Cenni Approfondimento 2 Il mercato della produzione del software si classifica in base a tre fattori: Proprietà intellettuale del software: software proprietario

Dettagli

Uomo Libero software Libero

Uomo Libero software Libero Uomo Libero software Libero Marco Menardi marco.menardi@gmail.com marco.menardi@gmail.com (fellow Free Software Foundation Europe) presentazione realizzata con OpenOffice.org / LibreOffice Impress 23/10/2010,

Dettagli

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP DISPENSA LEZIONE 1 Autore D. Mondello Transazione di dati in una richiesta di sito web Quando viene effettuata la richiesta di un sito Internet su un browser, tramite

Dettagli

LinuxDay 2002 L'Aquila

LinuxDay 2002 L'Aquila LinuxDay 2002 L'Aquila 23 Novembre 2002 AULA MAGNA Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Cartella per addetti stampa L'Open Linux User Group (di seguito OpenLUG) è un gruppo di utenti Linux e appassionati di software

Dettagli

S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra

S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra S o f t w a r e L i b e r o : p e r c h é? a cura di don Paolo La Terra C o s a è i l S o f t w a r e L i b e r o? Tecnicamente ed eticamente parlando il Software Libero è quello che, a prescindere dal

Dettagli

L Open Source un mondo che forse dovresti conoscere? Viaggio alla scoperta dell open source e le sue caratteristiche.

L Open Source un mondo che forse dovresti conoscere? Viaggio alla scoperta dell open source e le sue caratteristiche. L Open Source un mondo che forse dovresti conoscere? Viaggio alla scoperta dell open source e le sue caratteristiche. Le licenze Cosa è la licenza? licenza o contratto d'uso è il contratto con il quale

Dettagli

Avete detto Open Source?!

Avete detto Open Source?! Come avvicinarsi all'open Source Sergio Margarita LIASES Università di Torino margarita@econ.unito.it Open Source nell'università - Software libero per studiare, insegnare e fare ricerca Università di

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria dell Informazione FONDAMENTI DI INFORMATICA PRIMA PARTE Manuale di Installazione dell ECMs SharePoint PROFESSORE: STUDENTE: Prof. Mario Bochicchio Paiano

Dettagli

Perché Gnu/Linux. Breve excursus su quali sono i vantaggi dell'uso di un sistema operativo free e opensource come una distribuzione GNU/Linux

Perché Gnu/Linux. Breve excursus su quali sono i vantaggi dell'uso di un sistema operativo free e opensource come una distribuzione GNU/Linux Perché Gnu/Linux Breve excursus su quali sono i vantaggi dell'uso di un sistema operativo free e opensource come una distribuzione GNU/Linux Vantaggi dell'uso dei formati aperti e liberi per salvare i

Dettagli

L o. Giulio Concas. Romolo Camplani Nicola Serra. Evento del TOSSAD Project. http://www.tossad.org. http://agile.diee.unica.it.

L o. Giulio Concas. Romolo Camplani Nicola Serra. Evento del TOSSAD Project. http://www.tossad.org. http://agile.diee.unica.it. FLOSS Opportunità per PPAA e PMI L o Evento del TOSSAD Project http://www.tossad.org Romolo Camplani Nicola Serra http://agile.diee.unica.it 1 Cosa è il FLOSS (o F/OSS) Free/Libre Open Source Software

Dettagli

Questi sistemi hanno le tipiche caratteristiche di tutti i sistemi software custom:

Questi sistemi hanno le tipiche caratteristiche di tutti i sistemi software custom: 3.9 NORMATIVA SUL RIUSO DEL SOFTWARE NELLA PA La Commissione propone che la commmissione tecnico-giuridica che studi la revisione della normativa, di cui alla proposta n. 3.1, valuti anche la problematica

Dettagli

2 La tempesta perfetta

2 La tempesta perfetta La tempesta perfetta : perché ora è il momento dell Open Source 2 INtroduzione 2 La tempesta perfetta 3 La promessa di valore dell open source 5 open source = riduzione dei costi per le aziende 6 Quali

Dettagli

Un percorso di introduzione al software libero...cercando di non scendere nei tecnicismi

Un percorso di introduzione al software libero...cercando di non scendere nei tecnicismi Introduzione al software libero Un percorso di introduzione al software libero...cercando di non scendere nei tecnicismi Marco Brambilla Introduzione al software libero Il software libero Linus, Richard

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Il sistema operativo Linux installato sul vostro computer non è un unico, grande

Il sistema operativo Linux installato sul vostro computer non è un unico, grande CAPITOLO 2 Scegliere una distribuzione di Linux Il sistema operativo Linux installato sul vostro computer non è un unico, grande programma, ma un insieme di molti programmi. Potete ottenere autonomamente

Dettagli

LICENZA PUBBLICA GENERICA (GPL) DEL PROGETTO GNU Versione 2, Giugno 1991

LICENZA PUBBLICA GENERICA (GPL) DEL PROGETTO GNU Versione 2, Giugno 1991 Questa è una traduzione italiana non ufficiale della Licenza Pubblica Generale GNU. Non è pubblicata dalla Free Software Foundation e non ha valore legale nell'esprimere i termini di distribuzione del

Dettagli

IZ0MJE Stefano sinager@tarapippo.net. per

IZ0MJE Stefano sinager@tarapippo.net. per IZ0MJE Stefano sinager@tarapippo.net per Perché? Se mi piace smanettare ho più libertà e strumenti per farlo Non devo formattare e reinstallare una volta ogni anno o due Il software che gira sul mio pc

Dettagli

Venerdì 16 Marzo 2007 Primi passi fra testo e finestre

Venerdì 16 Marzo 2007 Primi passi fra testo e finestre Venerdì16Marzo2007 Primipassifra testoefinestre LUG GOVONIS OpenSourceInitiative Tuttoilmaterialeutilizzatoperlapresenteesposizioneè gratuitamente scaricabile da internet e riutilizzabile secondol'iniziativaopensource.

Dettagli

<alceste.scalas@gmx.net> Benvenuti sul pianeta software libero Alceste Scalas Sommario Introduzione: cosa c'è di diverso Il software libero ieri Il software libero oggi Il software libero domani... Cosa

Dettagli

Nascita, sviluppo e risultati dell'open source

Nascita, sviluppo e risultati dell'open source Nascita, sviluppo e risultati dell'open source Gabriele Rota, Andrea Salimbeni, Matteo Marrocu GULCh 1 Protagonisti 2 Software Libero e Software Proprietario 3 Software Libero e Software Proprietario Definizione

Dettagli

LugSaronno. Linux day a Saronno. 22 ottobre 2011. I.C.S. Aldo Moro - Saronno

LugSaronno. Linux day a Saronno. 22 ottobre 2011. I.C.S. Aldo Moro - Saronno LugSaronno Linux day a Saronno 22 ottobre 2011 I.C.S. Aldo Moro - Saronno Cosa è il software libero Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo ( libertà 0 ) Libertà di studiare il programma e

Dettagli

A probabilistic approach for choosing the best licence in the Eclipse community

A probabilistic approach for choosing the best licence in the Eclipse community A probabilistic approach for choosing the best licence in the Eclipse community Autori: Pierpaolo Di Bitonto Maria Laterza Paolo Maresca Teresa Roselli Veronica Rossano Lidia Stanganelli Seen Solution

Dettagli

Open Source::cenni. Termini del problema (i)

Open Source::cenni. Termini del problema (i) Operatore Informatico Giuridico Informatica Giuridica A.A 2006/2007 II Semestre Open Source::cenni Lezione 5 prof. Monica Palmirani Termini del problema (i) Il mercato della produzione del software si

Dettagli

Copyright (C) 1989, 1991 Free Software Foundation, Inc. 59 Temple Place, Suite 330, Boston, MA 02111-1307 USA

Copyright (C) 1989, 1991 Free Software Foundation, Inc. 59 Temple Place, Suite 330, Boston, MA 02111-1307 USA Questa è una traduzione italiana non ufficiale della Licenza Pubblica Generica GNU. Non è pubblicata dalla Free Software Foundation e non ha valore legale nell'esprimere i termini di distribuzione del

Dettagli

Cosa è il sistema operativo

Cosa è il sistema operativo Sistemi Operativi Cosa è il sistema operativo Software che, tramite l'interfaccia utente, consente l'invio di comandi al computer, e che controlla e gestisce tutto il traffico di dati all'interno del computer

Dettagli

Open Source e business

Open Source e business Open Source e business I paradigmi attuali e l'esempio di Apache Software Foundation Andrea Pescetti pescetti@apache.org Presentazione Volontario di Free Software Foundation dal 2001 Volontario del progetto

Dettagli

Software libero e condivisione della conoscenza

Software libero e condivisione della conoscenza Software libero e condivisione della conoscenza Gianni Bianchini Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena Associazione Software Libero giannibi@dii.unisi.it - giannibi@softwarelibero.it

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DEL SITO ROSETTASTONE.IT

TERMINI E CONDIZIONI DEL SITO ROSETTASTONE.IT TERMINI E CONDIZIONI DEL SITO ROSETTASTONE.IT ATTENZIONE: questi termini e condizioni ("Condizioni") si applicano a tutti i contenuti del presente sito Web con il nome di dominio www.rosettastone.it (

Dettagli

Analisi delle soluzioni basate sul software libero

Analisi delle soluzioni basate sul software libero Analisi delle soluzioni basate sul software libero Documento Analisi delle soluzioni basate sul software libero Versione 1.0 Data Documento 12 dicembre 2004 Autore Giuseppe Sacco

Dettagli

Impatti strategici dell'uso del FLOSS nella piccola e media impresa

Impatti strategici dell'uso del FLOSS nella piccola e media impresa Impatti strategici dell'uso del FLOSS nella piccola e media impresa Alessandro Ugo augo@polito.it LinuxDay Torino 2011 Rivisto per la lezione del 9 aprile 2013 del Corso GNU/Linux avanzato e tecnologie

Dettagli

(Versione italiana di Francesco Paolo Micozzi www.micozzi.it) Preambolo

(Versione italiana di Francesco Paolo Micozzi www.micozzi.it) Preambolo Copyright (C) 2002 FSF Europe, e.v., Villa Vogelsang, Antonienallee 1, 45279 Essen, Germany Everyone is permitted to copy and distribute verbatim copies of this license document, but changing it is not

Dettagli

GNU/Linux e Software Libero

GNU/Linux e Software Libero GNU/Linux e Software Libero Alessandro Natilla www.alessandronatilla.it Linux Day Bari 26/10/2013 Il software libero Il software è libero quando il realizzatore lo rilascia secondo le libertà fondamentali,

Dettagli

Software e Sistemi Operativi Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Software e Sistemi Operativi Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Software e Sistemi Operativi Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Cosa vedremo Il software applicativo Categorie di SW Il sistema operativo Gestione programmi in esecuzione (processi) Gestione memoria Gestione

Dettagli

Cosa sono i software open

Cosa sono i software open Cosa sono i software open Biella, 8 Novembre 2012 Nicola Franzese Laboratorio ICT Settore Sistemi Informativi e Tecnologie della Comunicazione Regione Piemonte 2 Conoscenza come bene comune 3 Conoscenza

Dettagli

Introduzione a LINUX. Unix

Introduzione a LINUX. Unix Introduzione a LINUX Introduzione a Linux 1 Unix 1969: Ken Thompson AT&T Bell Lab realizza un ambiente di calcolo multiprogrammato e portabile per macchine di medie dimensioni. Estrema flessibilità nel

Dettagli

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa Copyright e Internet Diritto d autore e normativa I programmi per elaboratore sono tutelati civilmente e penalmente dalla normativa sul diritto d autore, in quanto opere dell ingegno, che si esprimono

Dettagli

Storia dell Open Source

Storia dell Open Source S.I.C.S.I. VIII CICLO Storia dell Open Source Storia dell Informatica e del Calcolo Automatico Giuseppe Caldo Elenco Contenuti Definizioni preliminari Prima del software Nascita del software Evoluzione

Dettagli

Linux e l'importanza dell'opensource

Linux e l'importanza dell'opensource Ci troviamo in un'era in cui la complessità tecnologica ha reso maggiormente evidente l'importanza e la necessità di informazione L'informatica: (dal francese informatique: infor(mation) (auto)matique

Dettagli

Introduzione al Software libero

Introduzione al Software libero Prato Officina Giovani - 27 ottobre Introduzione al Software libero Alessandro De Maria adblues@prato.linux.it Ugo Mattia umattia@prato.linux.it www.grafica-web.it 1 Linux Day 2007 Prato Officina Giovani

Dettagli