Principi di biologia molecolare dei microrganismi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principi di biologia molecolare dei microrganismi"

Transcript

1 Principi di biologia molecolare dei microrganismi

2 I genomi microbici La conoscenza della sequenza completa del genoma di un organismo è importante per comprendere: 1. come l organismo funzioni 2. quale sia la sua storia evolutiva Oltre 100 genomi procariotici sono stati completamente sequenziati.

3 I genomi microbici Molti dei genomi interamente sequenziati appartengono: a patogeni causa di malattie gravi e molto diffuse, a batteri come gli ipertermofili che potrebbero offrire importanti sviluppi in biotecnologia, dal momento che gli enzimi di questi microrganismi sono stabili a elevate temperature. Nella lista dei microrganismi completamente sequenziati ci sono anche Bacillus subtilis ed E.coli che rimangono sistemi modello ampiamente studiati.

4 I genomi microbici Attraverso la ricerca di geni simili in microrganismi differenti, e attraverso la determinazione dei geni non essenziali con la mutagenesi mediante trasposoni, i ricercatori hanno concluso che sono necessari dai 265 ai 350 geni codificanti proteine per stabilire la minima funzionalità cellulare.

5 I genomi microbici I genomi procariotici sequenziati hanno dimensioni che vanno da 0.58 Mb a 8.7 Mb. Quelli più piccoli hanno le dimensioni dei virus più grandi e i genomi più grandi hanno più geni di quelli dei microrganismi eucariotici.

6 L informazione genetica Affinché un organismo possa crescere e riprodursi, l informazione genetica contenuta nella doppia elica del DNA deve poter essere replicata con precisione ed essere utilizzata come stampo, inizialmente, per la sintesi di RNA specifici e successivamente per la sintesi delle proteine.

7 Trasferimento dell informazione genetica nei procarioti Un singolo mrna spesso contiene più di una regione codificante (mrna policistronici)

8 Trasferimento dell informazione genetica negli eucarioti Le regioni non codificanti (introni) sono rimosse dal trascritto primario di RNA prima della traduzione. Gli mrna degli eucarioti sono quasi sempre monocistronici

9 La struttura del DNA Basi azotate presenti nel DNA: ADENINA GUANINA CITOSINA TIMINA Nel DNA a doppio filamento abbiamo l appaiamento specifico tra A e T e tra G e C per mezzo di legami idrogeno. Evidenziati: in rosso gli atomi che si trovano nel solco maggiore e che interagiscono con proteine. in verde lo scheletro zucchero-fosfato

10 NUCLEOTIDE fosfato Base azotata zucchero

11 Complementarietà ed antiparallelismo Nella molecola di DNA i 2 filamenti sono disposti in modo antiparallelo, cioè appaiati testa-coda coda. Ad ogni estremità della doppia elica un filamento termina con un gruppo 5 -fosfato, l altro con un 3 -ossidrile. Le basi in rosso rappresentano le pirimidine (C e T) e quelle in giallo le purine (A e G). Ogni coppia AT ha 2 legami idrogeno, mentre ogni coppia GC ha 3 legami idrogeno

12 Struttura secondaria del DNA Nel DNA ci sono spesso sequenze di basi che non hanno proprietà codificanti, ma che influenzano la struttura secondaria del DNA o il modo in cui esso interagisce con le proteine. Spesso si trovano brevi sequenze ripetute in senso inverso (INVERTITE RIPETUTE). Quando tali sequenze sono vicine possono portare alla formazione di strutture del DNA cruciformi con una morfologia del tipo ansa-stelo (stem-loop), per appaiamento di basi complementari sullo stesso filamento.

13 Le estremità coesive Le estremità delle molecole di DNA lineare possono contenere sequenze importanti nel determinare cambiamenti strutturali. Alcune molecole di DNA lineare presentano estremità a singolo filamento complementari (estremità coesive) che possono appiarsi con formazione di una molecola circolare.

14 Strutture a forcina Alcune molecole di DNA lineare presentano, ad ogni estremità, strutture a forcina (hairpin),simili alle strutture ansastelo, ma quasi completamente prive dell ansa. Queste strutture possono formarsi da regioni a singola elica che si trovano all estremità di una molecola che contengono sequenze invertite ripetute

15 Denaturazione termica del DNA Se si espone il DNA ad elevate temperature, i legami idrogeno tra le due eliche tendono a rompersi e le due eliche potranno così separarsi. Questo processo è detto denaturazione (melting) e si può misurare sperimentalmente, in quanto a parità di sequenza nucleotidica, DNA a singola e doppia elica differiscono tra loro per l assorbimento di luceuv. Il DNA con un elevato contenuto in GC si denatura a una temperatura più alta di una molecola di pari dimensioni con più coppie AT Con il procedere della denaturazione l assorbimento di luce UV da parte del DNA aumenta. La transizione è piuttosto brusca, e la temperatura, Tm, è direttamente correlata a l contenuto in GC della molecola.

16 IL PATRIMONIO GENETICO DEI PROCARIOTI GENERALMENTE 1 MOLECOLA CIRCOLARE DI DNA (eccezioni V.cholerae 2 cromosomi e Agrobacterium e Streptomyces cromosoma lineare) MEDIAMENTE 3-6 x 106 bp PESO MOLECOLARE ± 2-4 x 109 Da MOLECOLA SUPERAVVOLTA LUNGHEZZA 1,1 mm

17 Struttura del DNA: il superavvolgimento Una molecola di DNA si dice rilassata quando possiede l esatto numero di giri d elica atteso in base alla lunghezza in coppie di basi. L organizzazione strutturale superiore che permette alla molecola di DNA di essere impacchetta nella cellula è il superavvolgimento

18 Superavvolgimento del DNA nei procarioti Nei batteri è presente un enzima particolare, la DNA girasi (topoisomerasi II), in grado di introdurre nel DNA superavvolgimenti negativi. Step I: Ripiegamento della molecola di DNA circolare Step II: Introduzione di rotture a doppio filamento ad opera della topoisomerasi II, nel punto di contatto tra le due catene di DNA Step III: Saldatura della rottura a doppio filamento dal lato opposto dell elica intatta

19 Struttura del DNA: il superavvolgimento La doppia elica di DNA del cromosoma batterico non costituisce una singola molecola superavvolta, ma è organizzata in svariati domini superavvolti. In E. coli si stima che esistano circa 50 di tali domini, ognuno dei quali sarebbe stabilizzato grazie a legami con proteine specifiche

20 Organizzazione del DNA negli eucorioti Negli eucarioti la molecola di DNA lineare a doppia elica si avvolge intorno ad un nucleo di proteine istoniche, in modo regolare formando strutture chiamate nucleosomi, che possono aggregarsi a formare la cromatina.

21 La replicazione del DNA: la prima tappa del flusso dell informazione genetica La replicazione del DNA viene definita semiconservativa, in quanto le due doppie eliche risultanti da tale processo sono costituite da un filamento neosintetizzato e uno parentale.

22 La replicazione del DNA Il precursore di ognuno dei nuovi nucleotidi nella catena è un nucleoside 5 -trifosfato dal quale vengono rimossi i due fosfati terminali, mentre il fosfato interno viene legato covalentemente al deossiribosio della catena nascente.

23 La replicazione del DNA La replicazione del DNA procede sempre dall estremità con il gruppo 5 -fosfato verso l estremità con il gruppo 3 -ossidrile Gli enzimi che catalizzano le reazioni di addizione dei nucleotidi vengono definiti DNA polimerasi e tutte sintetizzano la nuova molecola di DNA nella direzione 5-3. Non si conosce nessuna DNA polimerasi in grado di dare inizio a una nuova catena di DNA: esse sono solo in grado di aggiungere un nucleotide a un gruppo 3 -OH preesistente. Quindi, per iniziare una nuova catena deve essere presente un innesco che nella maggior parte dei casi è costituito da una breve sequenza di RNA ed è sintetizzato da enzimi chiamati primasi.

24 La replicazione del DNA Come in quasi tutti i procarioti, anche in E. coli il cromosoma è una molecola circolare che possiede un singolo sito di origine della replicazione costituita da una sequenza specifica di circa 300 basi che viene riconosciuta da proteine specifiche. A livello dell origine di replicazione la doppia elica di DNA si apre e la replicazione inizia su entrambi i filamenti. Man mano che la replicazione procede la forca di replicazione si muove lungo il DNA. Spesso la replicazione è bidirezionale a partire dall origine di replicazione e perciò ci sono due forche di replicazione che si muovono in direzioni opposte. Nel DNA circolare, la replicazione bidirezionale porta alla formazione di una struttura caratteristica chiamata forma teta (θ).

25 La replicazione del DNA In E. coli ci sono 5 DNA polimerasi, ma a livello delle forche di replicazione l enzima principale nel processo replicativo è la DNA polimerasi III. A livello della forca di replicazione la doppia elica si srotola per azione di proteine chiamate elicasi. Si viene così a formare una piccola regione a singolo filamento che viene subito complessata dalla proteina affine al DNA a singola elica, che lo stabilizza. La replicazione del DNA è un processo accuratamente regolato e i sistemi di regolazione agiscono essenzialmente a livello dell origine.

26 La replicazione del DNA La DNA elicasi svolge la doppia elica di DNA

27 La replicazione del DNA Sul filamento che cresce dal 5 - fosfato verso il 3 -ossidrile, detto filamento guida, la sintesi procede in modo continuo. Sul filamento opposto, definito filamento copia, la sintesi del DNA ha luogo in modo discontinuo perché non c è, a livello della forca di replicazione, un gruppo 3 -OH al quale può essere aggiunto il nuovo nucleotide. Perciò sul filamento copia deve essere sintetizzato un piccolo innesco di RNA da una primasi che viene poi sostituita dalla DNA polimerasi III che continua ad aggiungere nucleotidi finchè non raggiunge il DNA precedentemente sintetizzato.

28 La replicazione del DNA Raggiunto il frammento di DNA precedentemente sintetizzato, la DNA polimerasi III si ferma e viene coinvolta la DNA polimerasi I che svolge più di una attività; oltre a sintezzare DNA, grazie alla sua attività di esonuclesica 5-3 può rimuovere gli inneschi di RNA che incontra avanzando. Una volta che l innesco è stato eliminato e sostituito con DNA, la DNA polimerasi I viene rilasciata. L ultimo legame fosfodiesterico della catena viene prodotto dalla DNA ligasi enzima coinvolto insieme alla DNA polimerasi I anche nei meccanismi di riparo del DNA.

29 La replicazione del DNA In corrispondenza di un origine di replicazione vengono iniziate due forche replicative. Ciò richiede un innesco per ognuna delle due eliche guida che crescono in direzione opposta

30 La replicazione del DNA Durante la replicazione le due eliche vengono sintetizzate da due molecole accoppiate di DNA polimerasi III grazie al ripiegamento ad ansa dell elica copia. Il replisoma è un complesso contenente elicasi, primasi e due molecole di DNA polimerasi III, oltre a diverse altre proteine. Il complesso di replicazione si posiziona nella parte centrale della cellula batterica e serve da officina di replicazione, in quanto spinge lo stampo di DNA al proprio interno promuovendo la replicazione, durante la quale è il DNA che si muove non la polimerasi.

31 La replicazione del DNA Gli errori nella replicazione introducono mutazioni. Il tasso di mutazione negli organismi viventi è notevolmente basso: tra 10-8 e errori per coppia di basi inserita. In parte quest accuratezza si basa anche sul fatto che sia la DNA polimerasi I che III possiedono un attività enzimatica definita correzione delle bozze (proofreading), un attività esonuclesica 3-5 che permette la rimozione del nucleotide inserito erroneamente e la successiva sostituzione con quello corretto.

32 La trascrizione La trascrizione dell informazione genetica da DNA ad RNA viene realizzata dall enzima RNA polimerasi, che catalizza la formazione di legami fosfodiesterici tra i ribonucleotidi e richiede la presenza di DNA come stampo. Nella maggior parte dei casi lo stampo di DNA per l RNA polimerasi è una molecola a doppia elica, ma per ogni gene soltanto uno dei due filamenti è trascritto. L RNA polimerasi a differenza della DNA polimerasi può iniziare direttamente la sintesi della catena nucleotidica che si allunga in direzione 5-3. Durante l allungamento di una catena di RNA, i nucleotidi vengono aggiunti al 3 -OH del ribosio del ribonucleotide precedente con rilascio di due legami fosfato ad alta energia. La prima base dell RNA è quasi sempre una purina, un adenina o una guanina.

33 La trascrizione Nei batteri è presente una singola RNA polimerasi mentre negli eucarioti ci sono tre enzimi. In E. coli l enzima è costituito da quattro tipi di subunità proteiche: b, b, a (presente in due copie) e s. Le subunità interagiscono a formare l enzima attivo, oloenzima, ma il fattore sigma (s) non è legato saldamente al complesso e può facilmente dissociarsi, determinando la formazione di quello che è chiamato core dell enzima che da solo può catalizzare la formazione dell RNA. Il fattore sigma è invece la subunità della polimerasi principalmente coinvolta nella fase di riconoscimento dei promotori, ovvero il sito idoneo per avviare la trascrizione

34 La trascrizione: fasi della sintesi dell RNA 1. I siti d inizio e di terminazione sono sequenze specifiche del DNA 2. Il fattore sigma permette alla RNA polimerasi di riconoscere il promotore ed il sito d inizio 3. La trascrizione inizia ed il fattore sigma viene rilasciato

35 La trascrizione: fasi della sintesi dell RNA 4. Crescita della catena di mrna. L RNA polimerasi si muove lungo la catena di DNA provocando l apertura della doppia elica e la trascrizione di uno dei due filamenti 5. Quando il sito di terminazione viene raggiunto, la crescita della catena si arresta 6. Rilascio dell RNA polimerasi e dell mrna

36 La trascrizione: il promotore All interno della regione promotore vi sono due sequenze altamente conservate che vengono riconosciute dal fattore sigma; entrambe localizzate a monte del sito d inizio della trascrizione. La regione -10, localizzata 10 basi prima dell inizio della trascrizione, è detta Pribnow box e possiede una sequenza consenso che corrisponde a TATAAT. La regione -35, che si trova circa 35 basi prima dell inizio della trascrizione e possiede una sequenza consenso che è TTGACA.

37 La trascrizione: i terminatori La trascrizione si arresta in corrispondenza di regioni dette terminatori della trascrizione. Nei batteri una sequenza di terminazione classica contiene una sequenza invertita ripetuta con un segmento centrale di basi non ripetute che quando viene trascritta può formare una struttura ansa-stelo. Nel caso in cui queste strutture ansa-stelo siano seguite da uridine ripetute in serie, si vengono a formare degli efficienti terminatori della trascrizione. (Esempio di terminatori intrinseci).

38 Altri terminatori: Rho Esistono altri terminatori che richiedono oltre alla polimerasi la presenza di altri fattori proteici specifici. In E. coli un tipo di terminatore richiede la presenza della proteina Rho la quale si lega tenacemente all RNA e scorre lungo la molecola verso il complesso RNApolimerasi-DNA. Una volta che la polimerasi si è fermata in corrispondenza di un sito di terminazione Rho dipendente, Rho può provocare il distacco dell mrna e della polimerasi dal DNA, terminando la trascrizione.

39 Le unità di trascrizione I cromosomi sono organizzati in unità fiancheggiate da siti in corrispondenza dei quali il processo trascrizionale ha inizio e fine: le unità di trascrizione. Esistono unità di trascrizione che ospitano due o più geni, che saranno cotrascritti, dando luogo a una singola molecola di RNA chiamata mrna policistronico dal quale verranno sintetizzati contemporaneamente più polipeptidi. Nei procarioti i geni dei trna sono in genere cotrascritti e spesso anche con i geni per l rrna. Tutti questi trascritti devono essere processati prima. che vengano prodotte molecole di rrna o trna mature, che vengono definiti RNA stabili in quanto non sono degradati a differenza dell mrna che non viene processato ed è estremamente instabile per cui viene rapidamente degradato dalle nucleasi della cellula

40 Gli introni self-splicing Nei procarioti, all interno dei geni che codificano proteine sono stati scoperti solo pochi introni e la maggior parte dei ribozimi è costituita proprio da introni selfsplicing, che sono in grado di autorimuoversi da una molecola di RNA giuntando tra loro gli esoni adiacenti. Gli introni self-splicing si differenziano dalla maggior parte degli enzimi proteici in quanto di norma possono catalizzare la loro reazione soltanto una volta. Si pensa che i ribozimi siano le vestigia di una forma di vita più semplice, la vita ad RNA, che può aver preceduto l era delle proteine come principali catalizzatori cellulari.

41 La sintesi delle proteine L ultima tappa del trasferimento dell informazione biologica, la traduzione si avvale sempre di uno stampo di acidi nucleici, ma in questo caso il prodotto finale è una proteina.

42 Il codice genetico Per convenzione ci si riferisce sempre al codice genetico come mrna piuttosto che come DNA, perché è con uno stampo di mrna, in cui ogni tripletta di basi chiamato codone codifica per uno specifico aminoacido, che avviene il processo di traduzione. Oltre ai codoni specifici per i diversi aminoacidi, ci sono speciali codoni come il codone d inizio (AUG) che codifica per l aminoacido N-formilmetionina e codoni non-senso o di stop (UAA, UAG, UGA) che non corrispondono ad alcun aminoacido e costituiscono i segnali di terminazione della traduzione di un gene.

43 Il codice genetico La caratteristica forse più interessante del codice genetico risiede nel fatto che molti aminoacidi sono codificati da triplette diverse ma non correlate tra loro. Quindi, sapendo che in una proteina un aminoacido si trova in una determinata posizione, non possiamo automaticamente risalire al codone corrispondente sull RNA;tale proprietà di mancata corrispondenza viene definita degenerazione del codice genetico.

44 La sintesi delle proteine Nella cellula un codone è letto dall appaiamento delle basi con un trna a livello di una sequenza di tre basi definita anticodone. Per alcuni aminoacidi esiste più di un trna ma ci sono anche trna che leggono più di un codone. Questo è reso possibile dal fatto che le molecole di trna possono formare a volte appaiamenti classici solo con le prime due basi del codone, sopportando in terza posizione anche un altra base; questo fenomeno di appaiamento erroneo (mismatch) viene chiamato vacillamento.

45 La selenocisteina: il ventunesimo aminoacido UGA è generalmente un efficiente codone di arresto in E. coli, ma è stato dimostrato che esso può anche essere tradotto direttamente come codone per la selenocisteina in alcuni mrna

46 La sintesi delle proteine Con un codice a triplette è assolutamente essenziale che la traduzione inizi nel punto esatto, altrimenti l intero modulo (o fase) di lettura verrebbe spostato con la conseguente formazione di una proteina diversa o di nessuna proteina. Per convenzione la fase di lettura corretta è chiamata fase 0, mentre le altre due possibili fasi di lettura sono indicate con -1 e +1. Perché un mrna possa essere tradotto deve contenere una fase di lettura aperta (open reading frame, ORF), che consiste in un codone di inizio seguito da numerosi codoni e da un codone di stop nella stessa fase di lettura del codone d inizio. Lo schema rappresenta la regione interna di un mrna

47 I ribosomi procariotici I ribosomi costituiscono il sito presso il quale avviene la sintesi proteica e nei procarioti sono costituiti da una subunità 30S e da una subunità 50S che formano il ribosoma 70S. Ogni subunità è un complesso ribonucleoproteico costituto da rrna e proteine.

48 I ribosomi procariotici ed eucariotici La subunità 30S contiene l rrna 16S e circa 20 proteine, mentre la 50S contiene gli rrna 5S e 23S e circa 30 proteine.

49 La sintesi delle proteine Struttura degli 16S rrna I ribosomi dei batteri riconoscono lo specifico codone AUG come codone d inizio grazie all aiuto di una breve sequenza localizzata nell mrna a monte dello stesso, chiamato sequenza Shine-Dalgarno. sequenza complementare alla Shine-Dalgarno

50 La sintesi delle proteine La struttura di un trna può essere rappresentata con una forma a quadrifoglio ed alcune regioni della struttura secondaria prendono il nome dalle basi che si ritrovano più frequentemente (l ansa T C e l ansa D) o dalla funzione specifica svolta (l ansa dell anticodone e l estremità accettrice). trna per la Phe di lievito

51 La sintesi delle proteine Le molecole di trna contengono alcune basi leggermente diverse da quelle presenti negli altri RNA, in quanto modificate non solo per metilazione, ma attraverso modificazioni chimiche che insieme al processamento sono necessarie per rendere la molecola funzionale.

52 La sintesi delle proteine Nei diversi trna si nota che alcune basi e alcune strutture secondarie sono conservate mentre alcune regioni sono variabili. STABILE Una delle regioni variabili della molecola è quella dell anticodone che contiene i tre nucleotidi coinvolti nel processo di riconoscimento ed appaiamento con il codone. In tutti i trna, invece, l estremità 3, detta accettrice, è costituita da tre nucleotidi non appaiati che sono sempre CCA, ed è proprio al ribosio del residuo terminale che l aminoacido si lega covalentemente tramite un legame estere. VARIABILE Reale ripiegamento della molecola di trna

53 La sintesi delle proteine A. Struttura secondaria del trna B. Struttura terziaria del trna

54 La sintesi delle proteine Per una corretta sintesi proteica risulta fondamentale il riconoscimento tra trna e l aminoacil-trna-sintetasi. La reazione chimica specifica tra un aminoacido e un trna catalizzata dalla aminoacil-trna sintetasi coinvolge dapprima l attivazione dell aminoacido tramite la reazione con l ATP. L intermedio aminoacil-amp che si forma rimane legato all enzima fino al momento della collisione con l appropriata molecola di trna; l aminoacido attivato è poi trasferito al trna per formare un trna carico. A questo punto il trna carico lascia la sintetasi e viene trasportato da un fattore proteico verso il ribosoma. Il trna e il suo specifico aminoacido vengono trasportati assieme da un enzima, anch esso specifico, che fa sì che un determinato trna riceva l aminoacido corretto. Questi enzimi in grado di attivare gli aminoacidi stabilizzando il legame con il proprio trna sono detti aminoacil-trna sintetasi.

55 La sintesi delle proteine: la fase d inizio L mrna scorre attraverso il ribosoma legato essenzialmente alla subunità 30S. Nella subunità 50S invece si distingue un sito A, accettore, dove si lega il trna caricato del suo aminoacido ed un sito P, peptidico, dove il peptide nascente è legato a un trna. Sebbene tutte le proteine inizino con una metionina, questo aminoacido viene generalmente rimosso da una specifica proteasi alla fine della traduzione.

56 La sintesi delle proteine: la fase d inizio L inizio è caratterizzato dalla formazione del complesso d inizio, costituito dalla subunità 30S che si unisce alla subunità 50S a formare un ribosoma attivo, dall mrna, dal trna per la formilmetionina e dai fattori d inizio. Inoltre, in questa fase è richiesto il guanosintrifosfato. - legame subunità 30S / IF3 - riconoscimento del mrna (sequenza Shine-Dalgarno) - legame IF2 / fmet-trna - fmet-trna nel sito P - idrolisi del GTP per l assemblaggio del ribosoma - rilascio IF2 - IF3

57 La sintesi delle proteine: la fase di elongazione ii Il trna che trattiene il peptide nascente (f-met) si muove dal sito A al sito P, lasciando libero il primo sito per un altro trna carico (Asp). iii Formazione del legame peptidico ad opera dell enzima peptidil transferasi, tra aminoacidi su molecole di trna adiacenti.questa attività enzimatica è svolta dal rrna 23S della subunità maggiore del ribosoma.

58 La sintesi delle proteine: traslocazione e rilascio L ultimo evento del ciclo di allungamento della catena polipeptidica è la traslocazione, che richiede uno specifico fattore di elongazione EF-G (traslocasi GTP-dipendente) e una molecola di GTP per ogni trna traslocato. A ogni tappa di traslocazione il messaggero avanza di tre nucleotidi, esponendo un nuovo codone nel sito A. La traslocazione spinge il trna ormai vuoto in un nuovo sito, chiamato sito E (di uscita) e viene rilasciato dal ribosoma.

59 La terminazione della sintesi proteica La terminazione della sintesi proteica avviene quando si raggiunge un codone di stop, cui non è in grado di legarsi nessun trna. Particolari proteine, chiamate fattori di rilascio, riconoscono i segnali di terminazione della catena e tagliano il polipeptide ancora legato all ultimo trna e rilasciano la proteina completa.

60 La sintesi delle proteine: il polisoma Quando diversi ribosomi stanno simultaneamente traducendo un singolo messaggero, il complesso viene definito polisoma. I polisomi aumentano la velocità e l efficienza di traduzione di un messaggero.

61 Accoppiamento trascrizione-traduzione

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA DNA: contiene tutte le informazioni per definire lo sviluppo e la fisiologia della cellula: ma come svolge questa funzione? Beadle e Tatum (1941): studiando mutanti della comune

Dettagli

FORMAZIONE DEL LEGAME PEPTIDICO

FORMAZIONE DEL LEGAME PEPTIDICO AMINOACIDI FORMAZIONE DEL LEGAME PEPTIDICO SEQUENZA AMINOACIDICA DELL INSULINA STRUTTURA SECONDARIA DELLE PROTEINE STRUTTURA TERZIARIA DELLE PROTEINE STRUTTURA QUATERNARIA DELLE PROTEINE Definizione Processi

Dettagli

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA. Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la. sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA. Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la. sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle proteine. Tuttavia il flusso unidirezionale di informazioni

Dettagli

07/01/2015. Come si ferma una macchina in corsa? Il terminatore. Terminazione intrinseca (rho-indipendente)

07/01/2015. Come si ferma una macchina in corsa? Il terminatore. Terminazione intrinseca (rho-indipendente) Come si ferma una macchina in corsa? Il terminatore Terminazione intrinseca (rho-indipendente) Terminazione dipendente dal fattore Rho (r) 1 Operoni: gruppi di geni parte di una unica unità trascrizionale

Dettagli

CELLULA PROCARIOTICA PROCARIOTE

CELLULA PROCARIOTICA PROCARIOTE CELLULA PROCARIOTICA O PROCARIOTE CELLULA EUCARIOTICA O EUCARIOTE Sany0196.jpg IL NUCLEO Provvisto di due membrane (interna ed esterna) che congiungendosi in alcuni punti formano i pori nucleari attraverso

Dettagli

SINTESI DELLE PROTEINE

SINTESI DELLE PROTEINE SINTESI DELLE PROTEINE IN UN GIORNO DI UN INDIVIDUO ADULTO NORMALE: -100 grammi vengono introdotti con la dieta -400 grammi vengono degradati -400 grammi vengono sintetizzati -100 grammi vengono consumati

Dettagli

Il dogma centrale della biologia. molecolare

Il dogma centrale della biologia. molecolare Il dogma centrale della biologia Cell molecolare Transcription Translation Ribosome DNA mrna Polypeptide (protein) L informazione per la sintesi delle proteine è contenuta nel DNA. La trascrizione e la

Dettagli

Duplicazione del DNA. 6 Dicembre 2007

Duplicazione del DNA. 6 Dicembre 2007 Duplicazione del DNA 6 Dicembre 2007 Duplicazione - Trascrizione - Traduzione DNA Trascrizione DNA - La DUPLICAZIONE è il processo che porta alla formazione di copie delle molecole di DNA ed al trasferimento

Dettagli

TRASCRIZIONE DEL DNA. Formazione mrna

TRASCRIZIONE DEL DNA. Formazione mrna TRASCRIZIONE DEL DNA Formazione mrna Trascrizione Processo mediante il quale l informazione contenuta in una sequenza di DNA (gene) viene copiata in una sequenza complementare di RNA dall enzima RNA polimerasi

Dettagli

LA TRASCRIZIONE. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene

LA TRASCRIZIONE. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene LA TRASCRIZIONE Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene GLI ACIDI RIBONUCLEICI Nelle cellule nucleate la sintesi proteica avviene nel citoplasma, mentre il DNA si

Dettagli

IL DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA RNA

IL DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA RNA La traduzione IL DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA Trascrizione DNA Passaggio dell informazione contenuta nel DNA mediante la sintesi di RNA RNA Proteine Duplicazione DNA Traduzione Costruzione della catena

Dettagli

IL FLUSSO DELL INFORMAZIONE GENETICA. DNA à RNA. RNA à PROTEINA. DNA à RNA à PROTEINA. Dogma centrale della biologia molecolare di Francis Crick, 1957

IL FLUSSO DELL INFORMAZIONE GENETICA. DNA à RNA. RNA à PROTEINA. DNA à RNA à PROTEINA. Dogma centrale della biologia molecolare di Francis Crick, 1957 IL FLUSSO DELL INFORMAZIONE GENETICA DNA à RNA à PROTEINA Dogma centrale della biologia molecolare di Francis Crick, 1957 DNA/RNA (seq polinucleotidica) DNA à RNA mrna trna rrna RNA à PROTEINA Proteina

Dettagli

La trascrizione. La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA

La trascrizione. La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA LA TRASCRIZIONE La trascrizione La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA Le caratteristiche dell RNA La costituzione a singolo filamento permette alle

Dettagli

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA DNA: contiene tutte le informazioni per definire lo sviluppo e la fisiologia della cellula: ma come svolge questa funzione? Beadle e Tatum (1941): studiando mutanti della comune

Dettagli

TRASCRIZIONE e TRADUZIONE

TRASCRIZIONE e TRADUZIONE TRASCRIZIONE e TRADUZIONE Trascrizione e traduzione Dogma centrale della biologia molecolare: processo con cui l informazione contenuta nel DNA dirige la sintesi delle proteine. Trascrizione Maturazione

Dettagli

Contenuto di DNA aploide in alcune specie

Contenuto di DNA aploide in alcune specie Contenuto di DNA aploide in alcune specie 1-10 2 kb 10 3 kb 10 4 kb 10 5-10 8 kb Dimensioni del genoma Paradosso del valore C Non c è una correlazione tra la quantità di DNA e la complessità di un organismo

Dettagli

SUBUNITA MAGGIORE = 60S (rrna 28S, 5.8S e 5S + 45 proteine) SUBUNITA MAGGIORE = 50S (rrna 23S e 5S + 34 proteine)

SUBUNITA MAGGIORE = 60S (rrna 28S, 5.8S e 5S + 45 proteine) SUBUNITA MAGGIORE = 50S (rrna 23S e 5S + 34 proteine) TRADUZIONE I RIBOSOMI I Ribosomi hanno un diametro di circa 15-30 nm, sono costituiti da proteine ed rrna e sia nei Procarioti che negli Eucarioti, sono costituiti da una subunità maggiore e da una subunità

Dettagli

LA SINTESI PROTEICA LE MOLECOLE CHE INTERVENGONO IN TALE PROCESSO SONO:

LA SINTESI PROTEICA LE MOLECOLE CHE INTERVENGONO IN TALE PROCESSO SONO: LA SINTESI PROTEICA La sintesi proteica è il processo che porta alla formazione delle proteine utilizzando le informazioni contenute nel DNA. Nelle sue linee fondamentali questo processo è identico in

Dettagli

E. Giordano 16/09/2010

E. Giordano 16/09/2010 GRUPPO NAZIONALE DI BIOINGEGNERIA XXIX Scuola Annuale BIOLOGIA SINTETICA Bressanone 13-17 settembre 2010 1/41 COSTITUENTI MOLECOLARI DELLO CHASSIS CELLULARE Emanuele GIORDANO II Facoltà di Ingegneria Dipartimento

Dettagli

DNA E PROTEINE IL DNA E RACCHIUSO NEL NUCLEO, MENTRE LA SINTESI PROTEICA SI SVOLGE NEL CITOPLASMA: COME VIENE TRASPORTATA L INFORMAZIONE?

DNA E PROTEINE IL DNA E RACCHIUSO NEL NUCLEO, MENTRE LA SINTESI PROTEICA SI SVOLGE NEL CITOPLASMA: COME VIENE TRASPORTATA L INFORMAZIONE? DNA E PROTEINE NUMEROSI DATI SUGGERISCONO CHE IL DNA SVOLGA IL SUO RUOLO GENETICO CONTROLLANDO LA SINTESI DELLE PROTEINE, IN PARTICOLARE DETERMINANDONE LA SEQUENZA IN AMINOACIDI E NECESSARIO RISPONDERE

Dettagli

Il Codice Genetico. La decodifica della sequenza nucleotidica in. sequenza aminoacidica

Il Codice Genetico. La decodifica della sequenza nucleotidica in. sequenza aminoacidica Il Codice Genetico La decodifica della sequenza nucleotidica in sequenza aminoacidica La sequenza del mrna viene letta a gruppi di 3 nucleotidi, senza interruzioni e senza sovrapposizioni; 4 3 = 64 ---------64

Dettagli

La trascrizione è simile alla replicazione ma esistono alcune importanti differenze

La trascrizione è simile alla replicazione ma esistono alcune importanti differenze LA TRASCRIZIONE processo nel quale il DNA stampo viene copiato in una molecola di RNA La molecola di RNA è identica in sequenza all elica codificante e complementare a quella stampo. La trascrizione è

Dettagli

La genetica molecolare

La genetica molecolare La genetica molecolare 1 Il materiale genetico Varia di quantità da specie a specie. Regola lo sviluppo della cellula. Ha la capacità di duplicarsi. Nome comune Numero di coppie di cromosomi zanzara 3

Dettagli

Espressione ed utilizzo della informazione genetica II Trascrizione e Traduzione

Espressione ed utilizzo della informazione genetica II Trascrizione e Traduzione Espressione ed utilizzo della informazione genetica II Trascrizione e Traduzione CdL Tecnici di Lab Biomedico AA. 2011-12 - Prof.ssa Frabetti Come si esprime l informazione? Per i geni classici vedremo:

Dettagli

SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI

SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI PER TRASCRIZIONE SI INTENDE LA SINTESI DI UNA MOLECOLA DI RNA COMPLEMENTARE AD UNO STAMPO DI DNA. GLI RNA CELLULARI SONO DISTINTI IN TRE PRINCIPALI CATEGORIE:

Dettagli

SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI

SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI PER TRASCRIZIONE SI INTENDE LA SINTESI DI UNA MOLECOLA DI RNA COMPLEMENTARE AD UNO STAMPO DI DNA. GLI RNA CELLULARI SONO DISTINTI IN TRE PRINCIPALI CATEGORIE:

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

RNA: trascrizione e maturazione

RNA: trascrizione e maturazione RNA: trascrizione e maturazione Trascrizione e traduzione Nei procarioti: : stesso compartimento; negli eucarioti: : due compartimenti Pulse and chase 1) le cellule crescono in uracile radioattivo in eccesso

Dettagli

all codons are used in protein synthesis 20 amino acids 3 termination (stop) codons: UAA, UAG, UGA

all codons are used in protein synthesis 20 amino acids 3 termination (stop) codons: UAA, UAG, UGA Il Codice Genetico The genetic code consists of 64 triplet codons (A, G, C, U) 4 3 = 64 all codons are used in protein synthesis 20 amino acids 3 termination (stop) codons: UAA, UAG, UGA AUG (methionine)

Dettagli

FLUSSO DELL INFORMAZIONE E REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA

FLUSSO DELL INFORMAZIONE E REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA FLUSSO DELL INFORMAZIONE E REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA DNA ed RNA ACIDI NUCLEICI DNA ed RNA sono polimeri di nucleotidi che sono costituiti da basi puriniche e pirimidinic he legate a zuccheri

Dettagli

Struttura dei nucleotidi...6 Modello di Watson e Crick...10 Organizzazione strutturale superiore del DNA...13 DUPLICAZIONE DEL DNA...

Struttura dei nucleotidi...6 Modello di Watson e Crick...10 Organizzazione strutturale superiore del DNA...13 DUPLICAZIONE DEL DNA... ACIDI NUCLEICI...2 FUNZIONI DEL DNA...5 FUNZIONI DELL RNA...5 I NUCLEOTIDI...6 Struttura dei nucleotidi...6 Modello di Watson e Crick...10 Organizzazione strutturale superiore del DNA...13 DUPLICAZIONE

Dettagli

Espressione Genica Informazione contenuta nei geni (DNA) viene decodificata prima in RNA (Trascrizione) e successivamente in proteine (Traduzione)

Espressione Genica Informazione contenuta nei geni (DNA) viene decodificata prima in RNA (Trascrizione) e successivamente in proteine (Traduzione) Espressione Genica Informazione contenuta nei geni (DNA) viene decodificata prima in RNA (Trascrizione) e successivamente in proteine (Traduzione) Nucleotidi e Ribonucleotidi L RNA è costituituito

Dettagli

lati esterni altamente Idrofilici

lati esterni altamente Idrofilici I due filamenti complementari del DNA sono antiparalleli: uno è in direzione 5-3 e l altro in direzione 3-5. parte interna idrofobica lati esterni altamente Idrofilici APPAIAMENTO DELLE BASI AZOTATE: 2

Dettagli

LA REPLICAZIONE DEL DNA

LA REPLICAZIONE DEL DNA www.fisiokinesiterapia.biz LA REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA Durante il processo di replicazione la doppia elica del DNA si srotola e ciascuno dei due filamenti funziona da stampo per un nuovo

Dettagli

LA TRASCRIZIONE NEGLI EUCARIOTI

LA TRASCRIZIONE NEGLI EUCARIOTI LA TRASCRIZIONE NEGLI EUCARIOTI NEGLI EUCARIOTI TRASCRIZIONE E TRADUZIONE SONO DUE EVENTI SEPARATI CHE AVVENGONO IN DUE DIVERSI COMPARTIMENTI CELLULARI: NUCLEO E CITOPLASMA. INOLTRE, A DIFFERENZA DEI

Dettagli

Dal gene alla proteina

Dal gene alla proteina Dal gene alla proteina Il collegamento tra geni e proteine La trascrizione e la traduzione sono i due principali processi che legano il gene alla proteina: uno sguardo panoramico Le informazioni genetiche

Dettagli

COME È FATTO? Ogni filamento corrisponde ad una catena di nucleotidi

COME È FATTO? Ogni filamento corrisponde ad una catena di nucleotidi Il DNA Il DNA è una sostanza che si trova in ogni cellula e contiene tutte le informazioni sulla forma e sulle funzioni di ogni essere vivente: eppure è una molecola incredibilmente semplice. COME È FATTO?

Dettagli

STRUTTURE DEGLI ACIDI NUCLEICI, CODICE GENETICO E REPLICAZIONE DEL DNA

STRUTTURE DEGLI ACIDI NUCLEICI, CODICE GENETICO E REPLICAZIONE DEL DNA IL LABORATORIO DI BIOLOGIA MOLECOLARE: Introduzione alle tecniche e alle loro applicazioni STRUTTURE DEGLI ACIDI NUCLEICI, Il DNA nell arte: Susan Rankaitis 2002, DNA2 CODICE GENETICO E REPLICAZIONE DEL

Dettagli

La trascrizione del DNA

La trascrizione del DNA La trascrizione del DNA I prodotti iniziali dei geni consistono in molecole di Acido Ribonucleico Dogma centrale DNA RNA polipeptide RNA/DNA Proprieta dell RNA - Prodotto a partire dal DNA stampo (trascrizione)

Dettagli

Il flusso e la regolazione dell informazione genica. Lezione nr. 8 Psicobiologia

Il flusso e la regolazione dell informazione genica. Lezione nr. 8 Psicobiologia Il flusso e la regolazione dell informazione genica Lezione nr. 8 Psicobiologia L informazione che viene trascritta non riguarda tutto il DNA ma solo delle particolari sequenze definite GENI. Tipologie

Dettagli

La Terminazione della Trascrizione

La Terminazione della Trascrizione La Terminazione della Trascrizione I geni batterici possiedono dei terminatori della trascrizione. I Terminatori sono sequenze dell RNA che promuovono il distacco dell RNA polimerasi dal templato Ne esistono

Dettagli

Regolazione dell espressione genica

Regolazione dell espressione genica Regolazione dell espressione genica definizioni Gene attivato quando viene trascritto in RNA e il suo messaggio tradotto in molecole proteiche specifiche Espressione genica processo complessivo con cui

Dettagli

mrna + 20 aminoacidi In vitro nulla

mrna + 20 aminoacidi In vitro nulla La sintesi proteica mrna + 20 aminoacidi In vitro nulla Il codice genetico I geni controllano la struttura delle proteine: in che modo? 4 nucleotidi A, T, C, G 20 aminoacidi Esiste un codice che converte

Dettagli

Nucleotidi e Acidi Nucleici. Struttura di DNA e RNA

Nucleotidi e Acidi Nucleici. Struttura di DNA e RNA Nucleotidi e Acidi Nucleici Nucleosidi Nucleotidi Funzioni biologiche dei nucleotidi Struttura di DNA e RNA Concatenazione e appaiamento dei nucleotidi Lo scheletro degli acidi nucleici Componenti degli

Dettagli

MFN0366-A1 (I. Perroteau) - il nucleo. Solo per uso didattico, vietata la riproduzione, la diffusione o la vendita

MFN0366-A1 (I. Perroteau) - il nucleo. Solo per uso didattico, vietata la riproduzione, la diffusione o la vendita 1 Cosa contiene il nucleo? Il nucleo non contiene solo DNA, che costituisce solo il 20% del materiale nucleare, ma anche una grande quantità di proteine chiamate nucleoproteine ed RNA. La maggior parte

Dettagli

Definizione Composti quaternari: C H O N S P Fe Mg I

Definizione Composti quaternari: C H O N S P Fe Mg I PROTIDI Definizione Composti quaternari: C H O N S P Fe Mg I ORIGINE cellulare ogni cellula sintetizza le sue prote CARATTERISTICHE insolubili in acqua sensibili a variazioni di ph coagulano in presenza

Dettagli

Acidi Nucleici. Contenuto:

Acidi Nucleici. Contenuto: Acidi Nucleici Contenuto: Il DNA e' l'unica molecola depositaria dell'informazione genetica, ossia del progetto nel quale sono immagazzinate istruzioni precise per tutte le caratteristiche ereditarie autoduplicazione

Dettagli

1) Un gene-un enzima 2) Un gene- una catena polipeptidica

1) Un gene-un enzima 2) Un gene- una catena polipeptidica 1) Un gene-un enzima 2) Un gene- una catena polipeptidica 3) Un gene è una unità funzionale di DNA che codifica per la sequenza amminoacidica di uno o più polipeptidi o alternativamente per uno o più tipi

Dettagli

Allineamento dei 2 RNA

Allineamento dei 2 RNA La traduzione 2 codone Allineamento dei 2 RNA anticodone Studi Molecolari hanno dimostrato che: 3 residui nucleotidici del mrna sono necessari per codificare ciascun amminoacido Il linguaggio contenuto

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA 1

REPLICAZIONE DEL DNA 1 REPLICAZIONE DEL DNA 1 La replicazione del DNA è semiconservativa: ciascuno dei due filamenti parentali serve da stampo per la sintesi di un nuovo filamento e le due nuove doppie eliche sono costituite

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE TRASCRIZIONE Processo mediante il quale una sequenza di DNA (un gene) viene copiata in una sequenza di RNA Dalla trascrizione derivano gli mrna, che verranno tradotti

Dettagli

Riassunto struttura DNA

Riassunto struttura DNA Riassunto struttura DNA Il nucleotide (unita monomerica del DNA): composto da uno zucchero pentoso, una base azotata e un gruppo fosfato (1-3) Il DNA e l RNA sono polimeri costituiti da nucleotidi uniti

Dettagli

DNA e replicazione del DNA

DNA e replicazione del DNA DNA e replicazione del DNA 1928: EXP di Griffith Scoperto il fattore trasformante Struttura elicoidale del DNA Struttura del DNA Subunità nucleotidiche Struttura del DNA Subunità nucleotidiche La replicazione

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceu6che a.a Università di Catania. La stru(ura del gene. Stefano Forte

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceu6che a.a Università di Catania. La stru(ura del gene. Stefano Forte Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceu6che a.a. 2014-2015 Università di Catania La stru(ura del gene Stefano Forte I Geni Il gene è l'unità ereditaria e funzionale degli organismi viventi. La

Dettagli

Codice Genetico (segue) 04/11/2015. «Wobble base pairs» (appaiamento tentennante di basi) CODICE GENETICO

Codice Genetico (segue) 04/11/2015. «Wobble base pairs» (appaiamento tentennante di basi) CODICE GENETICO «Wobble base pairs» (appaiamento tentennante di basi) CODICE GENETICO http://www.atdbio.com/img/articles/rna wobble base pairs large.png CODICE GENETICO Codice mediante il quale la sequenza nucleotidica

Dettagli

Progetto Tandem Biologia saperi minimi Anno accademico Marzo 2012 COGNOME...

Progetto Tandem Biologia saperi minimi Anno accademico Marzo 2012 COGNOME... Progetto Tandem Biologia saperi minimi Anno accademico 2011-2012 2 Marzo 2012 COGNOME... NOME 1) Quali delle seguenti affermazioni sulla struttura primaria delle proteine è falsa? a) può essere ramificata

Dettagli

REPLICAZIONE DEI GENOMI A DNA

REPLICAZIONE DEI GENOMI A DNA REPLICAZIONE DEI GENOMI A DNA LA REPLICAZIONE DEL DNA SERVE A PERPETUARE L INFORMAZIONE GENICA FIGURA 12.26 GENES VII FIGURA 13.1 GENOMI II FIGURA 13.2 GENOMI II NEL 1958 MESELSON E STAHL DIMOSTRANO CHE

Dettagli

Codice Genetico (segue)

Codice Genetico (segue) CODICE GENETICO Nucleotidi, acidi nucleici CODICE GENETICO Codice mediante il quale la sequenza nucleotidica di una molecola di DNA o di RNA specifica la sequenza amminoacidica di un polipeptide. Consiste

Dettagli

LA TRASCRIZIONE...2. Terminazione della trascrizione...10

LA TRASCRIZIONE...2. Terminazione della trascrizione...10 LA TRASCRIZIONE...2 INDUZIONE ENZIMATICA...3 Organizzazione geni dei procarioti...4 Organizzazione geni degli eucarioti...5 Sequenze dei Promotori dei procarioti...6 Sequenze dei Promotori degli eucarioti...6

Dettagli

Nel DNA e nell RNA i nucleotidi sono legati covalentemente da legami fosfodiesterei.

Nel DNA e nell RNA i nucleotidi sono legati covalentemente da legami fosfodiesterei. DNA e RNA Composizione e proprietà Struttura Analisi 1 STRUTTURA DAGLI ACIDI NUCLEICI Nel DNA e nell RNA i nucleotidi sono legati covalentemente da legami fosfodiesterei. I gruppi fosforici hanno pka vicino

Dettagli

LE BASI AZOTATE PIRIMIDINE PURINE

LE BASI AZOTATE PIRIMIDINE PURINE LE BASI AZTATE PURIE PIRIMIDIE Le basi azotate sono composti eterociclici aromatici con azoti portanti doppietti basici. Possono avere un solo anello (pirimidine) o due (purine). Le basi adenina, guanina

Dettagli

Gli Acidi Nucleici DNA RNA

Gli Acidi Nucleici DNA RNA Gli Acidi Nucleici DNA RNA Gli Acidi nucleici Gli acidi nucleici sono il: DNA (acido desossiribonucleico) RNA (acido ribonucleico) Essi sono formati dai polimeri (molecole molto grosse) i cui monomeri

Dettagli

FUNZIONI DEL DNA E FLUSSO DELL INFORMAZIONE GENETICA. 2. Trasmissione dell informazione genetica dal gene alla proteina

FUNZIONI DEL DNA E FLUSSO DELL INFORMAZIONE GENETICA. 2. Trasmissione dell informazione genetica dal gene alla proteina FUNZIONI DEL DNA E FLUSSO DELL INFORMAZIONE GENETICA 2. Trasmissione dell informazione genetica dal gene alla proteina LA TRASCRIZIONE NEI PROCARIOTI E NEGLI EUCARIOTI PROCARIOTI EUCARIOTI LA TRASCRIZIONE

Dettagli

Struttura ed espressione del Gene

Struttura ed espressione del Gene Struttura ed espressione del Gene PowerPoint Lectures for Essential Biology, Third Edition Neil Campbell, Jane Reece, and Eric Simon Essential Biology with Physiology, Second Edition Neil Campbell, Jane

Dettagli

Sequenze nucleotidiche del DNA definite loci costituiscono i geni. Ogni gene codifica per una specifica proteina

Sequenze nucleotidiche del DNA definite loci costituiscono i geni. Ogni gene codifica per una specifica proteina sintesi proteica La sintesi proteica è il processo che porta alla formazione delle proteine da sequenze del DN definite geni. Si tratta di un processo a più fasi Nelle sue linee fondamentali questo processo

Dettagli

David Sadava, H. Craig Heller, Gordon H. Orians, William K. Purves, David M. Hillis. Biologia La scienza della vita

David Sadava, H. Craig Heller, Gordon H. Orians, William K. Purves, David M. Hillis. Biologia La scienza della vita 1 David Sadava, H. Craig Heller, Gordon H. Orians, William K. Purves, David M. Hillis Biologia La scienza della vita 2 B - L ereditarietà e l evoluzione La regolazione genica negli eucarioti 3 I genomi

Dettagli

Il DNA come molecola in grado di veicolare informazione ereditabile (genetica)

Il DNA come molecola in grado di veicolare informazione ereditabile (genetica) Il DNA come molecola in grado di veicolare informazione ereditabile (genetica) Essenz. Alberts: cap 6 La trasmissione dell informazione replicazione trascrizione traduzione DNA RNA Proteina da, dg, dc,

Dettagli

Modulo 8: I nucleotidi e gli acidi nucleici

Modulo 8: I nucleotidi e gli acidi nucleici Modulo 8: I nucleotidi e gli acidi nucleici Modulo 10: Acidi nucleici Filamento di DNA fuoriuscito da una cellula di Escherichia coli Struttura e funzioni dei nucleotidi Funzioni dei nucleotidi: Unità

Dettagli

Struttura e funzione dei geni. Paolo Edomi - Genetica

Struttura e funzione dei geni. Paolo Edomi - Genetica Struttura e funzione dei geni 1 Il DNA è il materiale genetico La molecola di DNA conserva l informazione genetica: topi iniettati con solo DNA di batteri virulenti muoiono 2 Proprietà del DNA Il DNA presenta

Dettagli

ALCUNE DOMANDE DI RIEPILOGO PER LA 2 2 VERIFICA DEL CORSO DI GENETICA AGRARIA

ALCUNE DOMANDE DI RIEPILOGO PER LA 2 2 VERIFICA DEL CORSO DI GENETICA AGRARIA ALCUNE DOMANDE DI RIEPILOGO PER LA 2 2 VERIFICA DEL CORSO DI GENETICA AGRARIA Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene Domande di riepilogo alla lezione 1 Riproduzione

Dettagli

Definizione TRADUZIONE

Definizione TRADUZIONE Sintesi proteica Definizione La sintesi proteica è costituita da una sequenza di eventi che portano alla formazione di un polimero di amminoacidi (proteina o polipeptide) ad opera dei ribosomi a partire

Dettagli

Le proprietà elettive della cellula: Espressione della informazione genetica e differenziamento II Trascrizione- Codice genetico- Traduzione

Le proprietà elettive della cellula: Espressione della informazione genetica e differenziamento II Trascrizione- Codice genetico- Traduzione Le proprietà elettive della cellula: Espressione della informazione genetica e differenziamento II Trascrizione- odice genetico- Traduzione dl Infermieristica aa. 2011/12 Prof.ssa Frabetti ESPRESSIONE

Dettagli

Codice Genetico (segue) 29/10/2014 CODICE GENETICO

Codice Genetico (segue) 29/10/2014 CODICE GENETICO CODICE GENETICO Codice mediante il quale la sequenza nucleotidica di una molecola di DNA o di RNA specifica la sequenza amminoacidica di un polipeptide. CODICE GENETICO Consiste di codoni a tre nucleotidi

Dettagli

Nei batteri non è presente una membrana nucleare

Nei batteri non è presente una membrana nucleare La cellula procariota (Bacteria e Archaea) Morfologia generale Composizione chimica Le strutture cellulari e le loro funzioni parte 1 L involucro Appendici esterne: Le strutture cellulari e le loro funzioni

Dettagli

2. DUPLICAZIONE DNA. 1. COMPOSIZIONE e STRUTTURA 3. CROMOSOMI

2. DUPLICAZIONE DNA. 1. COMPOSIZIONE e STRUTTURA 3. CROMOSOMI 2. DUPLICAZIONE DNA 1. COMPOSIZIONE e STRUTTURA 3. CROMOSOMI 1 1. COMPOSIZIONE e STRUTTURA Ma che cos è il DNA? è un contenitore di informazioni... scritte come sequenza di basi azotate 2 Acidi Nucleici:

Dettagli

IL MATERIALE EREDITARIO. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene

IL MATERIALE EREDITARIO. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene IL MATERIALE EREDITARIO Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene Caratteristiche del materiale ereditario 1 Replicarsi accuratamente durante crescita e divisione

Dettagli

ACIDI NUCLEICI ESPERIMENTI

ACIDI NUCLEICI ESPERIMENTI ACIDI NUCLEICI ESPERIMENTI 1869 FRIEDRICK MIESCHER Isolò per la prima volta una sostanza zuccherina leggermente acida contenente fosforo Questa sostanza venne chiamata: acido nucleico perché scoperta nel

Dettagli

TRASCRIZIONE DEL DNA, TRADUZIONE DELL RNA

TRASCRIZIONE DEL DNA, TRADUZIONE DELL RNA TRASCRIZIONE DEL DNA, TRADUZIONE DELL RNA TRADUZIONE La traduzione e il processo con cui viene sintetizzata un data proteina, attraverso reazioni chimiche di polimerizzazione di amminoacidi, in una

Dettagli

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo REPLICAZIONE E COMPOSIZIONE DEL DNA

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo REPLICAZIONE E COMPOSIZIONE DEL DNA CORSO DI GENETICA REPLICAZIONE E COMPOSIZIONE DEL DNA La struttura del DNA La replicazione del DNA Iduefilamenti della doppia elica parentale si srotolano generando ciascuno un filamento figlio secondo

Dettagli

Capitolo 19. Risposte a domande interne al capitolo (p. 595) 19.2 (p. 596) a. O H 3 C N CH 2 H OH

Capitolo 19. Risposte a domande interne al capitolo (p. 595) 19.2 (p. 596) a. O H 3 C N CH 2 H OH Capitolo 19 Risposte a domande interne al capitolo 19.1 (p. 595) 19.2 (p. 596) a. 3 C P C 2 196 b. 2 P P P C 2 c. P C 2 19.3 (p. 610) L RA polimerasi riconosce il sito promotore per un gene, separa i filamenti

Dettagli

INTERAZIONE TRA mrna, trna e RIBOSOMI

INTERAZIONE TRA mrna, trna e RIBOSOMI INTERAZIONE TRA mrna, trna e RIBOSOMI mrna: porta l'informazione della sequenza degli aminoacidi di una determinata proteina. trna: ogni trna è specifico per il trasporto di un determinato aminoacido Ribosoma:

Dettagli

Traduzione. Trascrizione

Traduzione. Trascrizione Duplicazione del DNA IL DNA è LA MOLECOLA DEPOSITARIA DELL INFORMAZIONE GENICA CHE DEVE ESSERE EREDITATA DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE. PERTANTO LA STRUTTURA DEL DNA DEVE ESSERE TALE DA SODDISFARE AL MEGLIO

Dettagli

LA REGOLAZIONE GENICA DEI PROCARIOTI.

LA REGOLAZIONE GENICA DEI PROCARIOTI. LA REGOLAZIONE GENICA DEI PROCARIOTI www.fisiokinesiterapia.biz NON TUTTI I GENI VENGONO UTILIZZATI NELLO STESSO MOMENTO E NON TUTTI CON LA STESSA INTENSITÀ Regolazione genica = la modalità con cui viene

Dettagli

SDD Seconde Gli acidi nucleici. Gli acidi nucleici

SDD Seconde Gli acidi nucleici. Gli acidi nucleici 1 Capire come le informazioni genetiche sono immagazzinate nelle cellule e come avviene la trasformazione di queste informazioni nei meccanismi metabolici delle cellule. Quattro mattoncini La cellula ha

Dettagli

E la più piccola struttura di un organismo in grado di effettuare quei processi che definiscono la vita

E la più piccola struttura di un organismo in grado di effettuare quei processi che definiscono la vita Costituita da proteine, acidi nucleici, carboidrati e lipidi Si differenzia tra eucarioti e procarioti E la più piccola struttura di un organismo in grado di effettuare quei processi che definiscono la

Dettagli

Come si replica il DNA

Come si replica il DNA Come si replica il DNA Filamenti figli Replicazione semiconservativa Filamento parentale Un emielica di DNA funziona da stampo per la sintesi di un nuovo filamento Filamento parentale L enzima DNA polimerasi

Dettagli

LA TRADUZIONE E IL CODICE GENETICO

LA TRADUZIONE E IL CODICE GENETICO LA TRADUZIONE E IL CODICE GENETICO La traduzione La traduzione è il processo di sintesi di una catena polipeptidica, un polimero costituito da amminoacidi legati insieme da legami peptidici Le molecole

Dettagli

MUTAZIONI. -Spontanee. -appaiamenti vacillanti*, depurinazione, deaminazione e sequenze ripetute portano ad errori durante la replicazione

MUTAZIONI. -Spontanee. -appaiamenti vacillanti*, depurinazione, deaminazione e sequenze ripetute portano ad errori durante la replicazione MUTAZIONI -Spontanee -appaiamenti vacillanti*, depurinazione, deaminazione e sequenze ripetute portano ad errori durante la replicazione -errori durante il riparo -errori durante la meiosi -Indotte -agenti

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

Introduzione alla biologia della cellula. Lezione 3 Le biomolecole DNA e RNA

Introduzione alla biologia della cellula. Lezione 3 Le biomolecole DNA e RNA Introduzione alla biologia della cellula Lezione 3 Le biomolecole DNA e RNA Acidi nucleici DNA (acido desossiribonucleico) RNA (acido ribonucleico) Sono polimeri di monomeri detti NUCLEOTIDI Un nucleotide

Dettagli

MODALITA DI REPLICAZIONE

MODALITA DI REPLICAZIONE MODALITA DI REPLICAZIONE In teoria è ipotizzabile che il DNA possa duplicarsi con modalità: 1) semi-conservativa se alla generazione successiva passano due doppie eliche entrambi costituite da un'elica

Dettagli

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT2. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT2. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT2 POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 1 IL MATERIALE GENETICO 2 2 Per svolgere il proprio ruolo, il materiale genetico

Dettagli

Il genoma dei batteri è organizzato in operon. Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore

Il genoma dei batteri è organizzato in operon. Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore Il genoma dei batteri è organizzato in operon Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore I geni di un operon sono diversi, ma concorrono allo

Dettagli

La nuova biologia.blu

La nuova biologia.blu David Sadava, David M. Hillis, H. Craig Heller, May R. Berenbaum La nuova biologia.blu Genetica, DNA ed evoluzione PLUS 2 Capitolo B4 La regolazione genica 3 Il genoma procariotico /1 I genomi procariotici

Dettagli

IL CODICE GENETICO E I CARATTERI EREDITARI

IL CODICE GENETICO E I CARATTERI EREDITARI IL CODICE GENETICO E I CARATTERI EREDITARI Il DNA porta le informazioni genetiche scritte nella sequenza di basi. Qualunque sequenza è possibile. Il DNA virus più semplici: 5000 basi appaiate; 46 cromosomi

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LEZIONE PRIMA PARTE. Dott.ssa A. Fiarè

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LEZIONE PRIMA PARTE. Dott.ssa A. Fiarè CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LEZIONE PRIMA PARTE Dott.ssa A. Fiarè IL DNA (ACIDO DESOSSIRIBONUCLEICO) E UN ACIDO NUCLEICO DEFINITO POLINUCLEOTIDE, IN QUANTO E UNA MOLECOLA FORMATA

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica

Il flusso dell informazione genetica DNA, RNA e Proteine Il flusso dell informazione genetica Struttura del DNA DNA: Polimero organico costituito da monomeri chiamati nucleotidi (deossiribonucleotidi) Doppio filamento per appaiamento delle

Dettagli

Funzioni dei nucleotidi

Funzioni dei nucleotidi Funzioni dei nucleotidi monomeri degli acidi nucleici esempi di altre funzioni ATP: moneta energetica GTP: fonte di energia nella sintesi proteica camp: secondo messaggero nella trasduzione del segnale

Dettagli

TRADUZIONE LA TRADUZIONE E QUEL PROCESSO ATTRAVERSO CUI SI PASSA DAL LINGUAGGIO RIBONUCLEOTIDICO DELL RNA A QUELLO AMINOACIDICO DELLE PROTEINE. IL CODICE GENETICO E L INSIEME DI CODONI (TRIPLETTE NUCLEOTIDICHE)

Dettagli

Quanto DNA è contenuto in una cellula?...

Quanto DNA è contenuto in una cellula?... Quanto DNA è contenuto in una cellula?... bp = Base Pair (coppie di basi) lungh DNA/lungh struttura ospitante E. coli: 4,6x10 6 bp (1,7 mm) 850 (unica molecola circolare) Cellula umana: 3,2x10 9 bp (~2

Dettagli