Alla cortese attenzione dei Medici di Medicina Generale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alla cortese attenzione dei Medici di Medicina Generale"

Transcript

1 U.O.ASSISTENZA MEDICA PRIMARIA Via Galileo Galilei, Brescia Tel. 030/ Fax 030/ Brescia, li 22 luglio 2007 Alla cortese attenzione dei Medici di Medicina Generale L O R O S E D I Prot. Gen Oggetto: Prima attuazione della "Preintesa riguardante l'accordo integrativo Regionale per la disciplina dei rapporti con i Medici di Medicina Generale per gli anni " DGR n VIII/09788 del 08/07/09 Si comunica che in data 8 luglio 2009 Regione Lombardia ha formalmente approvato la Preintesa riguardante l'accordo integrativo regionale per la disciplina dei rapporti con i Medici di Medicina Generale per gli anni 2009/2010, di seguito sintetizzata. Governo Clinico Per dare attuazione a quanto previsto dall ACR 2009 per la Medicina Generale, nella seduta del Comitato Aziendale del 24 giugno è stato siglato l'accordo Aziendale per il Governo Clinico dei MMG dell'asl di Brescia (pubblicato sul sito ASL nella sezione Medici delle Cure Primarie -> strumenti professionali -> Accordi, Progetti). Forme Associative L Accordo Regionale consente il riconoscimento delle forme associative in Gruppo o in Rete che si sono costituite a far corso dal 15 settembre 2007 fino al 31 dicembre 2008, tale riconoscimento avrà decorrenza economica dal 1 gennaio Collaboratore di studio e personale infermieristico L Accordo Regionale consente il riconoscimento del collaboratore di studio e personale infermieristico attivati a far corso dal 15 settembre 2007 al 31 dicembre 2008, con decorrenza economica dalla data di attivazione. Tutti i MMG, singoli e in forma associative, che percepiscono indennità riconosciute con il presente Accordo e con gli Accordi precedenti (per forme associative e/o per collaboratore di studio e infermiere) dovranno obbligatoriamente essere in possesso dei requisiti di seguito indicati: disponibilità della Carta dei servizi, che deve essere esposta negli studi e consegnata all'asl per la necessaria pubblicizzazione (allegato 1 fac simile carta dei servizi approvata in Comitato Aziendale del 12 giugno 2007); adesione di tutti i componenti la forma associativa al SISS adesione di tutti i componenti la forma associativa al Progetto del Governo Clinico L'adeguamento deve avvenire entro il giorno 30 settembre Le DGD effettueranno i dovuti controlli; il mancato assolvimento anche ad uno solo dei requisiti, da parte di uno o più componenti la forma associativa, comporterà la sospensione di tutte le indennità ai MMG inadempienti, sino al comprovato assolvimento del/dei requisito/i. Fondo a riparto per valorizzazione personale di studio. La Regione ha istituito un Fondo a riparto per la valorizzazione del personale di studio da destinare ai MMG o Forme associative che incrementino del 25% la presenza oraria in studio del collaboratore di studio e/o personale infermieristico, rispetto a quanto previsto dall'acr 2007; l'orario minimo da acquisire è il seguente: MMG singolo: - collaboratore amministrativo presente in studio per almeno 10 ore settimanali; - personale infermieristico presente in studio per almeno 5 ore settimanali. Forme associative: - collaboratore amministrativo presente in studio, per almeno 25 ore settimanali nel caso di tre medici, 31 ore settimanali nel caso di quattro medici, 37,5 ore settimanali nel caso di cinque medici. Per ogni medico oltre i cinque dovrà essere garantita una ulteriore disponibilità di 7,5 ore settimanali. - personale infermieristico presente in studio, per almeno 12,5 ore settimanali nel caso di tre medici, 15,5 ore settimanali nel caso di quattro medici, 19 ore settimanali nel caso di cinque medici. Per ogni medico oltre i cinque dovrà essere essere garantita una ulteriore disponibilità di 3,5 ore settimanali. ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, Brescia Tel Fax Codice Fiscale e Partita IVA:

2 Ciascun MMG o forma associativa deve esplicitare il piano di utilizzo del personale, specificando le modalità di attribuzione dell'incarico (assunzione diretta, personale fornito da società di servizi, utilizzo di liberi professionisti, etc) Fondo a riparto per incremento orario di studio. La Regione ha istituito un fondo a riparto per i MMG singoli e le forme associative che garantiscano i tre requisiti sotto riportati: incremento degli orari di studio del 20% rispetto a quanto previsto dall'acn vigente; l'orario minimo da rispettare è il seguente: 6 ore fino a 500 assistiti 12 ore da 500 a 1000 assistiti 18 ore da 1000 a 1500 almeno 2 giorni la settimana l'apertura degli studi dalle ore 8,00 oppure la chiusura alle ore 20,00, anche a rotazione tra i MMG, nel caso di forme associative, apertura tutti i sabato per almeno 4 ore. Qualificazione dell offerta Viene confermato il Fondo di qualificazione dell offerta previsto dall'acr 2007, che verrà suddiviso tra i MMG in base al numero di assistiti al 31/12/2009. Il Fondo è suddiviso in due livelli, A e B; i requisiti devono essere presenti a far corso dal 1 gennaio 2009: FONDO A - MMG singoli o operanti in forme associative che: 1. garantiscano, attività ambulatoriale per 5 giorni la settimana, incrementato del 20% rispetto all orario previsto dall ACN e precisamente: - 6 ore fino a 500 assistiti - 12 ore da 500 a 1000 assistiti - 18 ore da 1000 a garantiscono attività ambulatoriale il venerdì pomeriggio o il sabato mattina o il lunedì mattina 3. provvedano a condividere, aggiornandolo, l elenco degli assistiti in condizioni di fragilità (di noma quelli ADI e ADP) e le relative sintesi clinico/assistenziali, secondo modalità che verranno stabilite in sede di Comitato Regionale. FONDO B MMG in Gruppo che: 1. garantiscano un orario di studio dei medici tale da coprire complessivamente almeno sette ore/die per cinque giorni settimanali nella sede unica se medicina di gruppo. 2. garantiscano la presenza, anche parzialmente non sovrapposta all attività ambulatoriale, di personale di segreteria (per il front office anche telefonico) e di infermiera (anche per attività di counselling) nella sede unica superiore, per almeno una delle due figure professionali, del 15% superiore a quanto attualmente in essere, secondo un piano di utilizzo depositato e verificato dall ASL, sentito il Comitato Aziendale. L assolvimento di tale requisito è considerato raggiunto, in una prima fase, fino e non oltre il mese di ottobre 2007, anche qualora sia presente in studio una sola figura professionale che effettui l orario previsto per le due figure. 3. garantiscano almeno 3 ore di apertura della sede unica/comune il sabato mattina realizzando una copertura su 6 giorni la settimana. FONDO B - MMG in Rete che: 1. garantiscano una sede comune, intesa come luogo di attività e non solo come sede rappresentativa, in cui sia prevista una presenza giornaliera di almeno cinque ore/die con modalità, esplicitate nella carta dei servizi, atte a garantire gli accessi per prestazioni non differibili. Il requisito è raggiunto a condizione che vengano mantenuti da parte dell associazione gli orari negli altri ambulatori. 2. garantiscano i punti 2 e 3 previsti per la Medicina in Gruppo. Si evidenzia che il MMG può partecipare contestualmente al Fondo a riparto per incremento orario di studio e al Fondo di Qualificazione dell offerta A e B. Al fine di facilitare la formulazione delle diverse richiesta, è stato predisposto l allegato modello (allegato 2) pubblicato anche sul sito ASL -> Medici delle Cure Primarie->Strumenti professionali->accordi, che i MMG possono utilizzare barrando la/le voci richieste; il modello deve essere restituito alle DGD di competenza territoriale, entro il 31 agosto Si comunica inoltre che nella seduta del Comitato Aziendale del 24/06/09 sono state approvate le "Modalità e remunerazione previste per i MMG che intendono conferire dati tramite SISS su informazioni clinico-epidemiologiche" che le SS.VV possono trovare accodate all'accordo Aziendale per il Governo Clinico, sul sito ASL. Si coglie l occasione per porgere cordiali saluti. IL DIRETTORE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE f.to (Dott. Fulvio Lonati) Allegati 2

3 Criteri di riferimento per la formulazione della carta dei Servizi del MMG/PLS - Approvati nella seduta del Comitato Aziendale Della Medicina Generale del Approvati nella seduta del Comitato Aziendale della Pediatria di Libera Scelta del Approvati dall Ordine dei Medici con nota del protocollo n Si precisa che: La redazione della carta dei servizi è facoltativa; I medici potranno esporla nel proprio ambulatorio; La distribuzione da parte degli Uffici Scelta e Revoca dell Asl avverrà solo su richiesta degli assistiti. SCHEMA TIPO: CARTA DEI SERVIZI DEL DR. 1. PARTECIPAZIONE A MEDICINA IN ASSOCIAZIONE 2. CURRICULUM FORMATIVO PERTINENTE LA MEDICINA GENERALE E TITOLI ACCADEMICI 3. INDIRIZZO 4. CONTATTI 5. ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA 6. PERSONALE DI STUDIO 7. ATTIVITA AMBULATORIALE 8. ATTIVITA DOMICILIARE 9. STRUMENTAZIONE UTILIZZABILE NELL ATTIVITA DI STUDIO 10. STRUMENTAZIONE E PRESTAZIONI EFFETTUABILI SU RICHIESTA DELL ASSISTITO A PAGAMENTO DATA FIRMA DEL MEDICO INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DELLA CARTA DEI SERVIZI: 1. IN ASSOCIAZIONE CON: riportare i nominativi dei MMG associati, evidenziando la tipologia di forma associativa (in gruppo, in rete, in associazione) 2. CURRICULUM FORMATIVO PERTINENTE LA MEDICINA GENERALE E TITOLI ACCADEMICI: specializzazione, corso post-laurea in Medicina Generale, tutor 3. CONTATTI: riportare telefono/i, fax, cellulare, , evidenziando eventuali orari e/o modalità 4. ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA : specificare se: uso cartella clinica informatizzata, collegamento informatico tra medici, ambulatori dedicati/su chiamata;attività educative; ripetizione ricette; gestione problemi clinici interconnessi con possibilità di accesso ambulatoriale-domiciliare presso altri medici 5. PERSONALE DI STUDIO: segnalare, se presenti, orario di attività del collaboratore di studio e/o infermiere e tipologia attività svolte 6. ATTIVITA AMBULATORIALE: esplicitare le modalità di accesso e di espletamento 7. ATTIVITA DOMICILIARE: esplicitare le modalità di accesso e di espletamento 8. STRUMENTAZIONE UTILIZZABILE NELL ATTIVITA CONVENZIONALE, A DISCREZIONE DEL MEDICO: esplicitare quali strumenti sono utilizzati nell attività convenzionale (ECG, ecografo, spirometro, etc.) 9. STRUMENTAZIONE E PRESTAZIONI EFFETTUABILI SU RICHIESTA DELL ASSISTITO A PAGAMENTO: esplicitare quali prestazioni possono essere richieste: visita specialistica, refertazione ECG/ECO, etc.

4 Accordo Collettivo Regionale 2009 (DGR n VIII/ del 08/07/09) Da trasmettere al Distretto di appartenenza entro il giorno 31 agosto 2009 Il dottor / I dottori: operante in forma Singola 4. operante nella seguente forma associativa: b. Associazione N c. Rete N d. Gruppo N Richiede/richiedono di aderire all'accordo Aziendale per il Governo Clinico dei MMG dell'asl di Brescia. si no Richiede/richiedono di accedere al Fondo a riparto per valorizzazione del personale di studio In caso di risposta positiva, si impegna/impegnano a ridefinire la presenza oraria di: 5. personale infermieristico - nuovo monte ore settimanale 6. collaboratore di studio - nuovo monte ore settimanale Il personale è utilizzato secondo il piano di seguito esplicitato: Il personale è incaricato con le modalità di seguito esplicitate:

5 Richiede/richiedono di accedere al Fondo per incremento orario di studio In caso di risposta positiva, si impegna/impegnano a ridefinire l'orario di studio come sotto indicato: 4. monte ore settimanale 5. almeno 2 giorni la settimana l'apertura degli studi dalle ore 8,00 oppure la chiusura alle ore 20,00, anche a rotazione nel caso di forme associative (dettagliare) 6. apertura tutti i sabato per almeno 4 ore Richiede/richiedono di accedere al Fondo A di qualificazione dell offerta. In caso di risposta positiva, dichiara/dichiarano di possedere, a far corso dal 1gennaio 2009, i seguenti requisiti: svolge/svolgono attività ambulatoriale per 5 giorni settimanali, anche se appartenenti a forme associative, con un incremento di quanto previsto dall A.C.N. del 20 %; garantisce/garantiscano l'attività ambulatoriale il venerdì pomeriggio o il sabato mattina o alternativamente il lunedì mattina con un numero di ore adeguato ai pazienti in carico; provvedano inoltre a condividere aggiornandolo, in prospettiva attraverso l uso del SISS, l elenco degli assistiti in condizioni di fragilità (di norma tra quelli in APD e ADI) e le relative sintesi clinico/ assistenziali. Dettagliare i requisiti sopra dichiarati: Richiedono di accedere al Fondo B di qualificazione dell offerta (riservato ai Medici in Rete o in Gruppo) In caso di risposta positiva, dichiarano di possedere, a far corso dal 1 gennaio 2009, i seguenti requisiti: - garantiscano un orario di studio dei medici tale da coprire complessivamente almeno sette ore/die per cinque giorni settimanali nella sede unica se medicina di Gruppo. Per quanto riguarda la medicina in Rete il requisito è assolto qualora nella sede comune, da attivare obbligatoriamente, sia prevista una presenza giornaliera di almeno cinque ore/die con modalità, esplicitate nella carta dei servizi, atte a garantire gli accessi per prestazioni non differibili. Il requisito è raggiunto a condizione che vengano mantenuti da parte dell associazione gli orari negli altri ambulatori; - garantiscano la presenza, anche parzialmente non sovrapposta all attività ambulatoriale, di personale di segreteria (per il front office anche telefonico) e di infermiera (anche per attività di counselling) nella sede unica o comune superiore, per almeno una delle due figure professionali, del 15% superiore a quanto attualmente in essere, secondo un piano di utilizzo depositato e verificato dall ASL, sentito il Comitato Aziendale. - garantiscano almeno 3 ore di apertura della sede unica/comune il sabato mattina realizzando una copertura su 6 giorni la settimana. Dettagliare i requisiti sopra dichiarati: data spazio per firme e timbri Responsabile procedimento: Dott.ssa Lucilla Zanetti Responsabile U.O. Assistenza Medica Primaria tel

6 Accordo Aziendale per il Governo Clinico dei Medici di Medicina Generale dell ASL di Brescia Al fine di applicare nell ASL di Brescia i contenuti dell articolo 1 della Preintesa con le rappresentanze sindacali dei medici di Medicina Generale anni in attuazione dell Accordo Collettivo Nazionale 23 marzo 2005 per la disciplina dei rapporti con i medici di Medicina Generale, siglata in data a livello regionale, tra l ASL DI BRESCIA e le OO.SS. DELLA MEDICINA GENERALE SI CONCORDA - il seguente Piano per il Governo Clinico nel biennio , attivabile, salvo diverse indicazioni regionali, a seguito di trasmissione formale alle ASL da parte degli organi regionali delle indicazioni relative all attuazione della citata Preintesa; - le seguenti modalità e remunerazione previste per i MMG che intendono conferire dati tramite SISS su informazioni clinico epidemiologiche. Piano per il Governo Clinico nel biennio ) Obiettivi generali Il presente Piano ha l obiettivo generale di concorrere al processo di miglioramento della qualità dei servizi erogati dalle Cure Primarie, già in atto presso l ASL di Brescia, finalizzato a favorire: il mantenimento della relazione MMG paziente; collaborazione alla definizione, applicazione e monitoraggio dei PDT; gestione dell informazione e delle decisioni direttamente connesse ai PDT; partecipazione concordata alle attività nell area della prevenzione (sui comportamenti, stili di vita); appropriatezza prescrittiva (farmaceutica e specialistica); promozione dell integrazione tra le diverse componenti afferenti il SSR. 2) Aree di attività Il Piano individua le seguenti due aree di attività: Appropriatezza prescrittiva: 7. Promozione della appropriatezza prescrittiva, anche con tendenziale spostamento verso farmaci di uso consolidato, individuati nei farmaci con brevetto scaduto; Percorsi diagnostico terapeutici: 2. Adesione al PDT Diabete. 3) Obiettivi specifici Gli obiettivi specifici, correlati alla remunerazione di cui al successivo punto 4), sono: Incremento tendenziale rispetto al 2006, da parte del singolo MMG, della proporzione della percentuale di prescrizione di farmaci a brevetto scaduto, con monitoraggio trimestrale; Adesione al PDT Diabete nel corso degli anni 2009 e 2010 con prevalenza di assistiti diabetici in carico >4% (o, se inferiore, accompagnata contestualmente da congruente motivazione relativa alla composizione della popolazione assistita), con almeno il 10% di tali assistiti con emoglobina glicata <= 7, documentati attraverso ritorni informativi tramite SISS di cui al successivo punto 7, oppure cartacei o su supporto informatico (anonimizzati) con evidenziazione analitica dei dati richiesti, come per il Tali report devono essere trasmesso all asl entro il per il 2009 ed entro il per il 2010.

7 4) Remunerazione Ai MMG che aderiscono al Piano sarà riconosciuta la quota contrattuale annua di cui all art. 59 punto B comma 15 dell ACN, con le seguenti modalità: per ciascun anno di adesione 1,54 per assistito (liquidati rispettivamente con gli emolumenti di settembre 2009 e settembre 2010); con gli emolumenti rispettivamente di febbraio 2010 e febbraio 2011, salvo eventuale successivo recupero dell importo in caso di non raggiungimento degli obiettivi: 8. 0,77 per assistito per anno ai medici che raggiungono l obiettivo relativo al PDT diabete; 9. 0,77 per assistito per anno ai medici con incremento tendenziale della proporzione di farmaci con brevetto scaduto (in base ai dati disponibili dell ultimo biennio). I tempi per la liquidazione degli emolumenti potrà variare nel caso di specifiche indicazioni regionali in merito. 5) Adesione dei MMG Tutti i MMG sono invitati dall ASL, tramite e posta ordinaria, ad aderire al Piano. Entro la fine del mese successivo alla trasmissione di tale invito, ciascun MMG può liberamente aderire al Piano. 6) Quota del fondo aziendale eventualmente non distribuita per mancato raggiungimento degli obiettivi La quota non distribuita o recuperata viene ridistribuita, fino ad un occorrenza individuale massima di 8.000, ai MMG che, oltre al raggiungimento degli obiettivi previsti al punto 3), abbiano ottenuto tutti i seguenti obiettivi d eccellenza: raggiungimento degli obiettivi d eccellenza per il PDT Diabete, documentati attraverso ritorni informativi tramite SISS: 14. un numero di diabetici con PA adeguata (<=130/80) superiore all 1% del totale degli assistiti; 15. un numero di diabetici con anamnesi sul fumo registrata superiore al 2% del totale degli assistiti. Modalità e remunerazione previste per i MMG che intendono conferire dati tramite SISS su informazioni clinico epidemiologiche 7. Ciascun MMG può trasmettere all ASL, entro i tempi indicati, tramite SISS, i seguenti files che soddisfano i requisiti di cui ai corrispondenti protocolli tecnici (allegati 1,2 e 3), riportati di seguito: file per Ipertensione: entro il per il 2009; entro il per il 2010; file per Diabete: entro il per il 2009; entro il per il 2010; file con secondo conferimento su RCCV: entro il per il 2009; entro il per il Per tale attività, l ASL riconosce a ciascun MMG una remunerazione annua di 1 /assistito in carico, corrispondente alla trasmissione di tutti i 3 files; nel caso in cui il MMG ne trasmetta un numero inferiore, il riconoscimento economico è proporzionato al numero di files adeguati trasmessi entro i tempi previsti, pari a 0,33 /assistito in carico annui per ciascun file. 9. In alternativa alle modalità di cui al comma a) è consentita la trasmissione di un unico file annuo sulla patologia cardiovascolare, che soddisfi i requisiti di cui al corrispondente protocollo tecnico (allegato 4), da trasmettere entro il 15 dicembre dell anno corrispondente. 10. Le modalità di remunerazione di cui ai commi precedenti rimangono valide, anche per gli aspetti economici, per gli anni 2009 e 2010 salvo eventuale sopravvenienza di nuovi accordi regionali e/o nazionali che modifichino i criteri di riferimento della remunerazione dei MMG per la partecipazione al SISS. 11. Per i medici che abbiano trasmesso, entro il , il seguente numero di records informatici per il RCCV adeguati e completi: 120 records oppure 360 records dall inizio della raccolta sino al viene ripartito il budget di La remunerazione di cui ai commi precedenti viene riconosciuta ai MMG con le competenze stipendiali di marzo dell anno successivo. 13. La trasmissione dei files (preventivamente criptati mediante il software Sysgillo o Digital Sign, messi a disposizione dal SISS) dovrà avvenire tramite all indirizzo che sarà indicato impostando sempre la conferma di lettura del messaggio o tramite portale ASL. 14. Trattandosi di attività a carattere innovativo e sperimentale, nel corso dell anno potranno essere introdotte eventuali modifiche concordate ai protocolli tecnici per la trasmissione allegati. Brescia, 24 giugno 2009 Per l ASL per CGIL Medici per FIMMG per FPL-UMI per SNAMI

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale.

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale. PROPOSTA S.N.A.M.I. BOLZANO DI APPLICAZIONE DI ACCORDO INTEGRATO, UNIFORMATO E REGOLARIZZATO SECONDO LA LEGISLAZIONE DEL RAPPORTO CONVENZIONALE DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE A LIVELLO NAZIONALE IN PROVINCIA

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010

ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010 ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 5 E 6 DELL ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE 8 LUGLIO 2010 Il contesto L integrazione

Dettagli

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza:

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Presidente dell Ordine dei Medici di Verona Via S. Paolo 16-37129 Verona Oggetto: Accordo per la MEDICINA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete COMPOSIZIONE DELLA MEDICINA DI RETE La Medicina in Rete è una associazione, libera, volontaria e paritaria che ha lo scopo di esercitare la Medicina

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI MEDICINA GENERALE CONVENZIONATA IN ASSOCIAZIONE MISTA

ATTO COSTITUTIVO E REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI MEDICINA GENERALE CONVENZIONATA IN ASSOCIAZIONE MISTA AL DIRETTORE GENERALE della ASL 312 di PAV I A e p.c. al PRESIDENTE dell ORDINE dei MEDICI della PROVINCIA di P A V I A ATTO COSTITUTIVO E REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

Accordo Regionale per la Medicina Generale

Accordo Regionale per la Medicina Generale Accordo Regionale per la Medicina Generale Art. 58 Accordi regionali L accordo regionale reso esecutivo con DGR 2289/07 viene confermato e integrato con i seguenti articoli e resterà in vigore in regime

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1447 del 05/12/2014 OGGETTO: Attività di guardia in forma protetta del medico in formazione specialistica: Regolamento-attuativo

Dettagli

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050 Carta dei servizi INFORMAZIONI GENERALI Scopo di questa Carta dei servizi è quello di offrire le informazioni per

Dettagli

ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE

ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE 2013 Pag. 1 di 6 In data 16 GENNAIO 2013 alle ore 11.30, ha avuto luogo l incontro per la firma dell Accordo Integrativo Regionale per la Medicina Generale, tra l Assessore

Dettagli

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE I GRUPPI DI CURE PRIMARIE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ASL Pavia Dr. Guido FONTANA - Dr.ssa Simonetta NIERI Milano, 21 settembre 2011 GRUPPI DI CURE PRIMARIE Struttura Nel giugno 2004 nell ASL della provincia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete MEDISETTE (accordi regionali 2009) Medici Associati LODI ASL 306 DOTT. ARAGIUSTO GIUSEPPE Specialista in Malattie dell Apparato Respiratorio Medico

Dettagli

la SISAC nella persona del Coordinatore dott. Franco Rossi firmato Vista la legge 23 dicembre 1978 n. 833;

la SISAC nella persona del Coordinatore dott. Franco Rossi firmato Vista la legge 23 dicembre 1978 n. 833; ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENARALE AI SENSI DELL ART. 8 DEL D.LGS. N. 502 DEL 1992 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI BIENNIO ECONOMICO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ Dr. COGORNO Stefano Dr. DAPELO Federico Dr. LAMBRUSCHINI Mario Dr. ROTTOLA Cristina Dr. SANNAZZARI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ Dr. FATI FRANCO Sede studio: Piazza Caprera 2\3 SML e-mail: fatif@libero.it Telefono fisso: 0185283645

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ Dr. Salvatore ROMANO Spec. in Chirurgia Plastica Spec. in Oncologia Sede studio: piazza G. Garibaldi 45 Rapallo Telefono fisso:

Dettagli

DECRETO n. 155 del 12/03/2015

DECRETO n. 155 del 12/03/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Accordo Aziendale 2009-2010 per il Governo Clinico dei Medici di Medicina Generale dell ASL di Brescia

Accordo Aziendale 2009-2010 per il Governo Clinico dei Medici di Medicina Generale dell ASL di Brescia Accordo Aziendale 2009-2010 per il Governo Clinico dei Medici di Medicina Generale dell ASL di Brescia Al fine di applicare nell ASL di Brescia i contenuti dell articolo 1 della Preintesa con le rappresentanze

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI GRUPPO dei Medici di Famiglia Serafino Caverzasio Ferloni Mario Gambato Lodovica Vitaloni

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI GRUPPO dei Medici di Famiglia Serafino Caverzasio Ferloni Mario Gambato Lodovica Vitaloni CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI GRUPPO dei Medici di Famiglia Serafino Caverzasio Ferloni Mario Gambato Lodovica Vitaloni 1. Presentazione 2. Composizione della Medicina di Gruppo 3. Sede 4. Attività

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

MIR Medicina in Rete di Varese CARTA DEI SERVIZI. Short-version. Contenuti della carta dei servizi

MIR Medicina in Rete di Varese CARTA DEI SERVIZI. Short-version. Contenuti della carta dei servizi MIR Medicina in Rete di Varese CARTA DEI SERVIZI Short-version Contenuti della carta dei servizi Presentazione Composizione della medicina di Rete Sede Comune (SC) e Sedi Periferiche (SP) Attività ambulatoriale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Presentazione. Composizione della medicina in rete. Attività ambulatoriale. Visite domiciliari. Prestazioni. Personale di studio

CARTA DEI SERVIZI. Presentazione. Composizione della medicina in rete. Attività ambulatoriale. Visite domiciliari. Prestazioni. Personale di studio CARTA DEI SERVIZI Presentazione Composizione della medicina in rete Attività ambulatoriale Visite domiciliari Prestazioni Personale di studio Formazione continua dei i medici della medicina in rete Partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ARPAS

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione amministrativa Servizio Provveditorato ed economato AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A PARTECIPARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI ASSISTENZA

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in RETE. Medici associati

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in RETE. Medici associati CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in RETE Medici associati Dott. Altrocchi Vittorio cod. reg. 10012/c Medico di Medicina Generale Dott. Gugliandolo Angelo cod.reg. 27711 Medico di Medicina

Dettagli

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE gnbvmnbvb ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MMG EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE Art. 1 Compiti professionali Il medico di emergenza sanitaria territoriale, oltre ai compiti

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R n. del 21.2.2013 ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE. ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE 2013 Pag. 1 di 8

Allegato alla Delib.G.R n. del 21.2.2013 ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE. ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE 2013 Pag. 1 di 8 Allegato alla Delib.G.R n. del 21.2.2013 ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE 2013 ACCORDO PONTE MEDICINA GENERALE 2013 Pag. 1 di 8 In data 6 FEBBRAIO 2013 alle ore 11.30, ha avuto luogo l incontro per la firma

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA 1 I N D I C E Articolo 1 PREMESSA Articolo 2 NORME GENERALI

Dettagli

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro Davide Lauri, MMG Scuola di Formazione e Ricerca in Medicina di Famiglia Presidente Coop Medici Milano Citta H. Niguarda, Milano 23 Gennaio 2012 ADI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO. Dr. MARCO MARI Specialista in Medicina Interna. Dr. ENA PORCELLA Specialista in Endocrinologia Dr.

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO. Dr. MARCO MARI Specialista in Medicina Interna. Dr. ENA PORCELLA Specialista in Endocrinologia Dr. CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO Dr. MARCO MARI Specialista in Medicina Interna Dr. ANGELO B. MASSUCCO Specialista in Pneumologia Dr. ENA PORCELLA Specialista in Endocrinologia Dr. FRANCO SIVORI Sede

Dettagli

oggetto: iniziative di formazione permanente per il primo semestre 2010.

oggetto: iniziative di formazione permanente per il primo semestre 2010. DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE U.O. ASSISTENZA MEDICA PRIMARIA Via G. Galilei, 20 25128 Brescia Tel. 030.3839244 Fax 030.3839317 E-mail dipssb@aslbrescia.it Brescia, 11/03/2010 Prot. Gen. n. 0033360 Alla cortese

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

SOMMARIO. Il presente documento è ad uso dei MMG. 1. Introduzione

SOMMARIO. Il presente documento è ad uso dei MMG. 1. Introduzione SOMMARIO 1. Introduzione... 2. Accesso al Sistema... 3. Arruolamento alla gestione integrata dei pazienti 4. Dismissione dalla gestione integrata dei pazienti 5. Rinnovo-Proroga Piani Terapeutici... 6.

Dettagli

FRONTESPIZIO PROTOCOLLO GENERALE

FRONTESPIZIO PROTOCOLLO GENERALE FRONTESPIZIO PROTOCOLLO GENERALE REGISTRO: NUMERO: DATA: OGGETTO: Protocollo generale 0082911 17/09/2014 08:57 Avviso per l'attribuzione di incarico dirigenziale di struttura semplice dipartimentale denominata

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 In data 21 Dicembre 2009, alle ore 10.30, presso la Sala Riunioni dell A.S.L.

Dettagli

OGGETTO: Avviso per la nomina di un membro nel Consiglio di Amministrazione di Farmacie Fiorentine A.FA.M. S.p.A.

OGGETTO: Avviso per la nomina di un membro nel Consiglio di Amministrazione di Farmacie Fiorentine A.FA.M. S.p.A. OGGETTO: Avviso per la nomina di un membro nel Consiglio di Amministrazione di Farmacie Fiorentine A.FA.M. S.p.A. IL SINDACO Visto l'art. 50, c. 8, del d.lgs. n. 267/2000 (TUEL) che attribuisce al Sindaco

Dettagli

PROCEDURE CONSIGLIATE PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI SCIOPERO

PROCEDURE CONSIGLIATE PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI SCIOPERO PROCEDURE CONSIGLIATE PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI SCIOPERO 1) Il comma 2 dell Art. 31 del vigente ACN determina la necessità che i livelli locali del sindacato comunichino alle A.S.L. di competenza

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

PATTO. fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale

PATTO. fra Azienda U.L.SS. e Medici di Continuità Assistenziale AZIENDA U.L.SS. n. 8 ASOLO (In attuazione dell ACN reso esecutivo in data 23 marzo 2005 per la disciplina dei rapporti con i Medici di Medicina Generale e del conseguente Accordo Regionale) PATTO fra Azienda

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE x ------------------------

CARTA DEI SERVIZI. STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE x ------------------------ CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE x ------------------------ Dr. LEVAGGI FRANCESCO Specialista in: IGIENE E MED.PREVENTIVA Dr. PRATO RENZO Specialista in:cardiologia

Dettagli

AVVISO PER MANIFESTAZIONE DELLA DISPONIBILITA A PARTECIPARE

AVVISO PER MANIFESTAZIONE DELLA DISPONIBILITA A PARTECIPARE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO PER MANIFESTAZIONE DELLA DISPONIBILITA A PARTECIPARE alle attività assistenziali/tecnico sanitarie

Dettagli

Regolamento 27 maggio 2008, n.14. Regolamento relativo alla presentazione e valutazione di progetti

Regolamento 27 maggio 2008, n.14. Regolamento relativo alla presentazione e valutazione di progetti Regolamento 27 maggio 2008, n.14 Regolamento relativo alla presentazione e valutazione di progetti volti al miglioramento della produttività e del servizio Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Al fine di

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Come indicato nel Piano Annuale della Performance (P.A.P.), predisposto a partire dall anno 2015, l Azienda annualmente esplicita gli obiettivi,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

1. Iter procedurale per la concessione della CIG in deroga

1. Iter procedurale per la concessione della CIG in deroga ALLEGATO 1 - MODALITÀ APPLICATIVE DELL ACCORDO QUADRO SUGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA IN LOMBARDIA 2011 del 25 FEBBRAIO 2011 (di seguito accordo quadro 2011 ) 1. Iter procedurale per la concessione della

Dettagli

(osservazioni di SNAMI) (osservazioni SMI) in rosso ratificate dalla regione Lazio e barrate doppio cancellate

(osservazioni di SNAMI) (osservazioni SMI) in rosso ratificate dalla regione Lazio e barrate doppio cancellate UNITÀ DI CURE PRIMARIE (UCP) considerazioni FIMMG (osservazioni di SNAMI) (osservazioni SMI) in rosso ratificate dalla regione Lazio e barrate doppio cancellate 1. OBIETTIVI GENERALI Le Unità di Cure Primarie

Dettagli

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Premessa L approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 527 del 25/06/2014

Delibera del Direttore Generale n. 527 del 25/06/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione Avvio progetto sindrome metabolica Adesione 1. i medici associati in super rete, super gruppo e CPT sono obbligati ad aderire e NON devono comunicare l'adesione al distretto di competenza; 2. I medici

Dettagli

ACCORDO FINALIZZATO ALL ABBATTIMENTO DELLE LISTE D ATTESA PERSONALE DEL COMPARTO

ACCORDO FINALIZZATO ALL ABBATTIMENTO DELLE LISTE D ATTESA PERSONALE DEL COMPARTO ACCORDO FINALIZZATO ALL ABBATTIMENTO DELLE LISTE D ATTESA PERSONALE DEL COMPARTO - Visto l Accordo sulle prestazioni aggiuntive sottoscritto in data 26.01.2012 ed approvato dalla Giunta Regionale con deliberazione

Dettagli

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12.

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12. FINANZIARIA 2002 (L.448 DEL 28.12.2001): IMPORTANTI NOVITA' PER I MEDICI, IN VIGORE DALL' 1.1.2002 Art. 19 (...) 10. I medici di base iscritti negli elenchi di medicina generale del Servizio sanitario

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli

AO ORDINE MAURIZIANO DI TORINO. Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte. Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino

AO ORDINE MAURIZIANO DI TORINO. Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte. Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino CONFERIMENTO DELLA POSIZIONE DI COORDINATORE SANITARIO E DI ASSISTENTE SOCIALE CRITERI GENERALI (art. 10 c.8

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

IL DIRETTORE. Protocollo N 31694 -VII.1 Rep. n 831/2014. Data 18.12.2014. Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott.

IL DIRETTORE. Protocollo N 31694 -VII.1 Rep. n 831/2014. Data 18.12.2014. Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott. Protocollo N 31694 -VII.1 Rep. n 831/2014 Data 18.12.2014 Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott. Matteo Di Trani Settore Alta Formazione, Didattica e Servizi agli Studenti Responsabile Dott. Tommaso

Dettagli

Codice Fiscale e Partita IVA: 03436310175

Codice Fiscale e Partita IVA: 03436310175 Allegato A alla Determinazione ASL n. 885 del 23/12/2014 Brescia, 23 dicembre 2014 Prot. Gen. n. 0162226 CL.: 1.4.02 SCADENZA AVVISO ore 12,00 del 15 FEBBRAIO 2015 AVVISO PUBBLICO Servizio di Assistenza

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AREA COMPARTO

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AREA COMPARTO REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AREA COMPARTO AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE Scadenza: 23 dicembre 2013

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali

Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali Ovidio Brignoli, MMG, Brescia (Vice-Presidente SIMG - Società Italiana di Medicina Generale) Cosa dovrebbe

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Medicina di Gruppo Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Dott. C. Campiglia (referente) Dott. M. Budelli Dott. M. Corio Dott. G. Gorletta Dott. C. Grassi Dott. R. Stella Indice Presentazione

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli

Allegato alla deliberazione Prot. n. 10537 N. 167 del 27/02/2013

Allegato alla deliberazione Prot. n. 10537 N. 167 del 27/02/2013 Allegato alla deliberazione Prot. n. 10537 N. 167 del 27/02/2013 Brescia, 28/02/2013 AVVISO PUBBLICO PER INCARICO LIBERO PROFESSIONALE A LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE PRESSO IL CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

firmato CISL Medici FP CGIL Medici SIMET SUMAI

firmato CISL Medici FP CGIL Medici SIMET SUMAI ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENARALE AI SENSI DELL ART. 8 DEL D.LGS. N. 502 DEL 1992 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI QUADRIENNIO NORMATIVO

Dettagli

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI Sedi e numeri di telefono L Ente Erogatore ADI ASL di Brescia ha una sede principale presso il Distretto di Brescia in Viale Duca degli Abruzzi, 13. La Segreteria, sita al primo piano, opera con il seguente

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all.

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all. ACCORDO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI NORMATIVI ED ECONOMICI PER LA REDAZIONE DELLE CERTIFICAZIONI RESE A FAVORE DEGLI INFORTUNATI SUL LAVORO E TECNOPATIOCI PRESSO LE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE. Premesso

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco

Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI (ottobre 2011 febbraio 2012) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER SOLI TITOLI FINALIZZATA ALLA FORMAZIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO ------------------------

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO ------------------------ CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO ------------------------ Dott. Benvenuto Maria Nicoletta Specialista in: Anestesia e rianimazione Dott. Borzone Stefano Specialista in:gastroenterologia ed endoscopia

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico " G. MARTINO" - Messina

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico  G. MARTINO - Messina AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico " G. MARTINO" - Messina Deliberazione del Direttore Generale n 722 del 24.06.2015 A seguito di Proposta in data 23.06.2015 n. 609 U.O.C. Settore Affari Generali

Dettagli

IL PERSONALE DI STUDIO MEDICO. Dr. Filippo Capriotti 11 ottobre 2011 JESI Ospedale Murri

IL PERSONALE DI STUDIO MEDICO. Dr. Filippo Capriotti 11 ottobre 2011 JESI Ospedale Murri IL PERSONALE DI STUDIO MEDICO Dr. Filippo Capriotti 11 ottobre 2011 JESI Ospedale Murri PARTE GENERALE Il personale, collaboratore di studio ed infermieristico, risultano essere una risorsa preziosa per

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni;

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni; ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI PEDIATRI DI LIBERA SCELTA AI SENSI DELL ART. 8 DEL D.LGS. N. 502 DEL 1992 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI BIENNIO ECONOMICO

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Approvazione avviso con procedura di valutazione comparativa ex art. 7 comma 6 del D.Lgs. 165/2001 per il conferimento di n.1 incarico

Dettagli

AREA DIRIGENZA MEDICA

AREA DIRIGENZA MEDICA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna AREA DIRIGENZA MEDICA ACCORDO AZIENDALE Determinazione Fondo di Posizione Graduazione Economica delle Posizioni

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE Articolo 1 Costituzione

Dettagli

Trasmissione mensile dei dati sulle prestazioni specialistiche. Estensione alle strutture pubbliche, classificate ed aziendalizzate

Trasmissione mensile dei dati sulle prestazioni specialistiche. Estensione alle strutture pubbliche, classificate ed aziendalizzate Trasmissione mensile dei dati sulle prestazioni specialistiche. Estensione alle strutture pubbliche, classificate ed aziendalizzate Il flusso mensile per il Privato Accreditato la Determina Dirigenziale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE, L ORGANIZZAZIONE E IL BILANCIO SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA ACCORDO UTILIZZO DEL FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE ANNO 2014 La delegazione di parte pubblica del Ministero

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali.

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. (11A04974) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Medicina d attesa Medicina d opportunità Medicina d Iniziativa Campagne di sensibilizzazione e di prevenzione Dr. Maurizio Pozzi Modelli Generali delle Cure Primarie

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli