Variazioni del profilo di fondo alveo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Variazioni del profilo di fondo alveo"

Transcript

1 Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Tratto: PO_46 - PR_ confluenza Parma in Po - ponte stradale a Est di Colorno Variazioni del profilo di fondo alveo Erosione: Moderata Approfondimento max: m Periodo: Ripascimento: Scarso o nullo Caratteristiche morfologiche Alveotipo: Meandriforme Incidenza forme abbandonate connesse all'ambiente fluvial Nessuna Incidenza forme abbandonate disgiunte dall'ambiente fluvia Nessuna Ampiezza media dell'inviluppo delle forme relitt 2 m Erosione di sponda ((sponda dx +sponda sx) / lut): Giudizio non formulabile Settore superiore Settore intermedio Settore inferiore Variazione media sezione incisa: % Periodo: Commento Caratteri del corso d acqua Alveo sinuoso con brevi segmenti rettilinei soprattutto in prossimita' del F. Po. La struttura e' monocursale. La larghezza e' costante. Il corso d'acqua e' fiancheggiato da argini continui. Stabilità morfologica - La fotointerpretazione e i successivi sopralluoghi non hanno individuato processi di erosione di sponda in atto. - Tendenza del fondo alveo (erosione / ripascimento) L'alveo mostra una tendenza evolutiva verso un approfondimento suggerito dalla presenza di opere di stabilizzazione al piede di cedimenti che interessano sia i fianchi della sezione incisa che i rilevati delle arginature in froldo; questi fenomeni sono verosimilmente indotti dall'abbassamento della curva di fondo del F. Po che in questo tratto risulta essere stato maggiore di 3 m (Magistrato per il Po, 992). Il confronto tra le diverse cartografie (tavolette I.G.M. a scala :25. del 958, C.T.R. Regione Emilia a scala :. del 976) non mostra cambiamenti. - Non sono disponibili sezioni per la valutazione delle modifiche della quota di fondo alveo. Elementi di morfologia fluviale non più attivi Non sono presenti elementi di morfologia fluviale. Presenza di una rete di controllo della morfologia fluviale E' disponibile un rilievo fatto eseguire dal Magistrato del Po nel 972. Caratteristiche morfometriche Periodo di indagine: 8 anni Dato attuale Dato pregresso(i) Dato pregresso(ii) Evoluzione % m-km Data Indice di ramificazione Indice di sinuosità 976,5 958,5 Larghezza media fra le sponde - bankfull (m) 5 5 Lunghezza della valle (km) 5 5 Lunghezza della linea di thalweg (km) 7 7 Erosione sponda dx + sponda sx (km)

2 Presenza e caratteristiche delle opere Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Caratteristiche delle opere di attraversamento Tratto: PO_46 - PR_ confluenza Parma in Po - ponte stradale a Est di Colorno Caratteristiche delle opere di sistemazione Densità di opere nel tratto: bassa Codice Descrizione opera Lungh. (m) Pile in alveo L'opera determina: restringimenti rispetto alla sez. d'alveo riduzione in riduzione in larg. della alt. della sez. di piena sez. di piena N. Foto N. Arginature Presenza difese Presenza opere di spondali stabilizzazione del fondo N. Traverse fluviali 2 Nulla Nulla PR7 ponte stradale COLORNO 7 2 PR8 ponte stradale MEZZANO SUPERIORE 4 delle arginature delle altre opere Trasporto solido Valore del trasporto solido a partire dalla stima di estrazioni di inerti concessionate al 99 Valore del trasporto solido presupponendo uno scenario di totale assenza di estrazioni di inerti -,8 -,8 cm/anno (*) cm/anno (*) Sottoprogetto SP.3 Compatibilità delle Attività Estrattive

3 Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Tratto: PR_ - PR_2 ponte stradale a Est di Colorno - località Torrile Variazioni del profilo di fondo alveo Erosione: Moderata Approfondimento max: m Periodo: Ripascimento: Scarso o nullo Caratteristiche morfologiche Alveotipo: Meandriforme Incidenza forme abbandonate connesse all'ambiente fluvial Nessuna Incidenza forme abbandonate disgiunte dall'ambiente fluvia Nessuna Ampiezza media dell'inviluppo delle forme relitt 2 m Erosione di sponda ((sponda dx +sponda sx) / lut): Giudizio non formulabile Settore superiore Settore intermedio Settore inferiore Commento Caratteri del corso d acqua Alveo sinuoso con tendenza a formare meandri. La struttura e' monocursale. La larghezza dell'alveo e' costante. Il corso d'acqua e' fiancheggiato da argini continui. Stabilità morfologica - Non sono stati individuati significativi processi di erosione di sponda in atto. - Tendenza del fondo alveo (erosione / ripascimento) Sulla base del sopralluogo effettuato l'alveo, nella prima parte, mostra una sostanziale stabilita' mentre nella seconda parte sembra in atto una tendenza evolutiva non molto marcata verso un abbassamento del profilo di fondo; Il confronto tra le tavolette I.G.M. a scala :25. del 959 e la C.T.R. Regione Emilia a scala :. del 977 non mostra cambiamenti. - Non sono disponibili sezioni per la valutazione delle modifiche della quota di fondo alveo. Elementi di morfologia fluviale non più attivi Non sono presenti elementi di morfologia fluviale. La conformazione dell'argine destro, a sud-est di Bezze, suggerisce la presenza di un meandro completamente cancellato dall'utilizzo per fini agricoli dell'area. Presenza di una rete di controllo della morfologia fluviale E' disponibile un rilievo fatto eseguire dal Magistrato del Po nel 972. Variazione media sezione incisa: % Periodo: Caratteristiche morfometriche Periodo di indagine: 8 anni Dato attuale Dato pregresso(i) Dato pregresso(ii) Evoluzione % m-km Data Indice di ramificazione Indice di sinuosità 976,98 958,98 Larghezza media fra le sponde - bankfull (m) 5 5 Lunghezza della valle (km) 4 4 Lunghezza della linea di thalweg (km) 7 7 Erosione sponda dx + sponda sx (km)

4 Presenza e caratteristiche delle opere Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Caratteristiche delle opere di attraversamento Tratto: PR_ - PR_2 ponte stradale a Est di Colorno - località Torrile Caratteristiche delle opere di sistemazione Densità di opere nel tratto: bassa Codice Descrizione opera Lungh. (m) Pile in alveo L'opera determina: restringimenti rispetto alla sez. d'alveo riduzione in riduzione in larg. della alt. della sez. di piena sez. di piena N. Foto N. Arginature Presenza difese Presenza opere di spondali stabilizzazione del fondo N. Traverse fluviali 3 Sporadica Nulla PR4 ponte stradale COLORNO 35 PR5 PR6 ponte stradale COLORNO 6 2 passerella pedonal COLORNO 4 delle arginature delle altre opere Buone condizioni Trasporto solido Valore del trasporto solido a partire dalla stima di estrazioni di inerti concessionate al 99 Valore del trasporto solido presupponendo uno scenario di totale assenza di estrazioni di inerti -,8 -,8 cm/anno (*) cm/anno (*) Sottoprogetto SP.3 Compatibilità delle Attività Estrattive

5 Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 6, Tratto: PR_2 - PR_3 località Torrile - ponte stradale A Variazioni del profilo di fondo alveo Erosione: Moderata Approfondimento max: m Periodo: Ripascimento: Scarso o nullo Caratteristiche morfologiche Alveotipo: Meandriforme Incidenza forme abbandonate connesse all'ambiente fluvial Nessuna Incidenza forme abbandonate disgiunte dall'ambiente fluvia Nessuna Ampiezza media dell'inviluppo delle forme relitt 2 m Erosione di sponda ((sponda dx +sponda sx) / lut): Giudizio non formulabile Settore superiore Settore intermedio Settore inferiore Variazione media sezione incisa: % Periodo: Commento Caratteri del corso d acqua Alveo con andamento sinuoso e tendenza a formare meandri. La struttura e' monocursale. La larghezza e' costante. Il corso d'acqua e' delimitato con continuita' da argini che delimitano un'ampia fascia di espansione a ridosso dell'alveo. Stabilità morfologica - Non sono stati riconosciuti significativi processi di erosione di sponda in atto. - Tendenza del fondo alveo (erosione / ripascimento) Sulla base del sopralluogo l'alveo mostra una sostanziale stabilita'; la presenza di forme relitte ancora in relazione con la parte attiva del corso d'acqua potrebbe indicare una tendenza evolutiva non molto marcata verso un approfondimento. Il confronto tra le cartografie consultate (tavolette I.G.M. a scala :25. del 958, C.T.R. Regione Emilia a scala :. del 976) mostra un modesto incremento della lunghezza. - Non sono disponibili sezioni per la valutazione delle modifiche della quota di fondo alveo. Elementi di morfologia fluviale non più attivi Subito a valle del ponte dell'autostrada A, in destra idrografica, e' riconoscibile un segmento di canale disgiunto dall'alveo attivo che, in quanto contiguo al T. Parma, potrebbe essere riattivato con portate eccezionali. Presenza di una rete di controllo della morfologia fluviale E' disponibile un rilievo fatto eseguire dal Magistrato del Po nel 972. Caratteristiche morfometriche Periodo di indagine: 8 anni Dato attuale Dato pregresso(i) Dato pregresso(ii) Evoluzione % m-km Data Indice di ramificazione Indice di sinuosità 976,77 958,7 Larghezza media fra le sponde - bankfull (m) Lunghezza della valle (km) 9 9 Lunghezza della linea di thalweg (km) Erosione sponda dx + sponda sx (km)

6 Presenza e caratteristiche delle opere Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 6, Caratteristiche delle opere di attraversamento Tratto: PR_2 - PR_3 località Torrile - ponte stradale A Caratteristiche delle opere di sistemazione Densità di opere nel tratto: medio-bassa Codice Descrizione opera Lungh. (m) Pile in alveo L'opera determina: restringimenti rispetto alla sez. d'alveo riduzione in riduzione in larg. della alt. della sez. di piena sez. di piena N. Foto N. Arginature Presenza difese Presenza opere di spondali stabilizzazione del fondo N. Traverse fluviali 3 Nulla Nulla PR ponte autostradale BAGANZOLINO 6 PR2 PR3 ponte stradale BORGHETTO 5 2 ponte stradale SAN SIRO 75 delle arginature delle altre opere Trasporto solido Valore del trasporto solido a partire dalla stima di estrazioni di inerti concessionate al 99 Valore del trasporto solido presupponendo uno scenario di totale assenza di estrazioni di inerti,5,5 cm/anno (*) cm/anno (*) Sottoprogetto SP.3 Compatibilità delle Attività Estrattive

7 Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 8, Tratto: PR_3 - PR_4 ponte stradale A - confluenza Baganza in Parma Variazioni del profilo di fondo alveo Commento Erosione: Ripascimento: Alveotipo: Moderata Scarso o nullo Meandriforme Caratteristiche morfologiche Approfondimento max: m Periodo: Caratteri del corso d acqua Alveo rettilineo fino a valle di Parma da dove assume una conformazione sinuosa con tendenza a formare meandri. La struttura e' prevalentemente monocursale anche se localmente sono presenti barre che possono formare isolotti. La larghezza dell'alveo e' costante. A valle di Parma il corso d'acqua e' fiancheggiato da argini che delimitano un'ampia fascia di espansione a ridosso dell'alveo. Stabilità morfologica - Non sono stati individuati significativi processi di erosione di sponda in atto. - Incidenza forme abbandonate connesse all'ambiente fluvial Saltuaria Incidenza forme abbandonate disgiunte dall'ambiente fluvia Saltuaria Ampiezza media dell'inviluppo delle forme relitt 2 m Erosione di sponda ((sponda dx +sponda sx) / lut): Giudizio non formulabile Settore superiore Settore intermedio Settore inferiore Variazione media sezione incisa: % Periodo: Caratteristiche morfometriche Periodo di indagine: 8 anni Dato attuale Dato pregresso(i) Dato pregresso(ii) Evoluzione % m-km Tendenza del fondo alveo (erosione / ripascimento) Sulla base del sopralluogo effettuato l'alveo, nella prima parte, mostra una sostanziale stabilita' anche per la diffusa presenza di opere di difesa. Solo a valle di Parma si osserva una tendenza evolutiva non molto marcata verso un maggiore approfondimento che comporta la reincisione dei depositi. A monte della fine del tratto vi sono comunque condizioni di sovralluvionamento con tendenza alla rielaborazione e rimobilizzazione dei sedimenti che produce instabilita' delle barre e delle rare isole. Il confronto tra le tavolette I.G.M. a scala :25. del 958 e la C.T.R. Regione Emilia a scala :. del 977 mostra un modesto incremento della lunghezza. - In corrispondenza dei principali ponti di Parma sono presenti opere di difesa trasversali. Non sono disponibili sezioni per la valutazione delle modifiche della quota di fondo alveo. Elementi di morfologia fluviale non più attivi Localmente l'alveo e' definito da scarpate di erosione isolate alte Ö2 m. A valle di Parma in destra orografica (S. Donnino) e' riconoscibile un segmento che mostra di essere ancora parzialmente connesso con il corso d'acqua; una forma simile ma disgiunta dall'alveo attivo e' presente, sempre in destra idrografica, poco a monte del ponte dell'autostrada A. Presenza di una rete di controllo della morfologia fluviale Dai dati in possesso e' disponibile un rilievo a scala :5. fatto eseguire dal Magistrato del Po nel 972. Data Indice di ramificazione Indice di sinuosità 976,45 958,38 Larghezza media fra le sponde - bankfull (m) Lunghezza della valle (km) 6 6 Lunghezza della linea di thalweg (km) Erosione sponda dx + sponda sx (km)

8 Presenza e caratteristiche delle opere Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 8, Caratteristiche delle opere di attraversamento Tratto: PR_3 - PR_4 ponte stradale A - confluenza Baganza in Parma Caratteristiche delle opere di sistemazione Densità di opere nel tratto: bassa Codice Descrizione opera Lungh. (m) Pile in alveo L'opera determina: restringimenti rispetto alla sez. d'alveo riduzione in riduzione in larg. della alt. della sez. di piena sez. di piena N. Foto N. Arginature Presenza difese Presenza opere di spondali stabilizzazione del fondo N. Traverse fluviali 7 Sporadica Nulla PR4 2 3 PR5 PR delle arginature delle altre opere PR7 PR PR9 PR ponte ferroviario PARMA Valore del trasporto solido a partire dalla stima di estrazioni di inerti concessionate al 99 Trasporto solido Valore del trasporto solido presupponendo uno scenario di totale assenza di estrazioni di inerti,5,5 cm/anno (*) cm/anno (*) Sottoprogetto SP.3 Compatibilità delle Attività Estrattive

9 Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 5, Tratto: PR_4 - PR_5 confluenza Baganza in Parma - località Porporano Variazioni del profilo di fondo alveo Commento Erosione: Ripascimento: Alveotipo: Moderata Scarso o nullo Pluricursale Caratteristiche morfologiche Approfondimento max: m Periodo: Caratteri del corso d acqua Alveo moderatamente sinuoso. La struttura e' ancora pluricursale anche se mostra una maggiore canalizzazione che si evidenzia con l'interposizione di alcuni segmenti quasi monocursali. Sono ancora presenti piu' gruppi di barre longitudinali separati da canali che spesso sono attivi solo in occasione di portate significative e soggetti a modificazioni a seguito di eventi alluvionali rilevanti. La larghezza del corso d'acqua e' variabile fino all'altezza del Quartiere Cinghio da dove tende a ridursi. Stabilità morfologica - Non sono stati riconosciuti significativi processi di erosione di sponda. Incidenza forme abbandonate connesse all'ambiente fluvial Nessuna Incidenza forme abbandonate disgiunte dall'ambiente fluvia Nessuna Ampiezza media dell'inviluppo delle forme relitt 75 m Erosione di sponda ((sponda dx +sponda sx) / lut): Giudizio non formulabile Settore superiore Settore intermedio Settore inferiore Variazione media sezione incisa: % Periodo: Caratteristiche morfometriche Tendenza del fondo alveo (erosione / ripascimento) Sulla base del sopralluogo effettuato l'alveo mostra una tendenza evolutiva verso una maggiore canalizzazione con parziale reincisione dei depositi, disattivazione dei canali piu' esterni e stabilizzazione e colonizzazione da parte della vegetazione delle barre laterali. Nella prima meta' del tratto permangono localmente condizioni di parziale sovralluvionamento. Il confronto tra le diverse cartografie (tavolette I.G.M. a scala :25. del 958, C.T.R. Regione Emilia a scala :. del 976) mostra un restringimento dell'alveo. - Non sono disponibili sezioni per la valutazione delle modifiche della quota di fondo alveo. Elementi di morfologia fluviale non più attivi Localmente l'alveo e' definito da scarpate di erosione isolate alte Ö3 m.. Presenza di una rete di controllo della morfologia fluviale E' disponibile un rilievo fatto eseguire dal Magistrato del Po nel 972. Periodo di indagine: 8 anni Dato attuale Dato pregresso(i) Dato pregresso(ii) Evoluzione % m-km Data Indice di ramificazione Indice di sinuosità 976-2, ,4 Larghezza media fra le sponde - bankfull (m) Lunghezza della valle (km) 5 5 Lunghezza della linea di thalweg (km) 5 5 Erosione sponda dx + sponda sx (km)

10 Presenza e caratteristiche delle opere Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 5, Caratteristiche delle opere di attraversamento Tratto: PR_4 - PR_5 confluenza Baganza in Parma - località Porporano Caratteristiche delle opere di sistemazione Densità di opere nel tratto: bassa Codice Descrizione opera Lungh. (m) Pile in alveo L'opera determina: restringimenti rispetto alla sez. d'alveo riduzione in riduzione in larg. della alt. della sez. di piena sez. di piena N. Foto N. Arginature Presenza difese Presenza opere di spondali stabilizzazione del fondo N. Traverse fluviali 2 Frequente Nulla PR2 5 2 PR delle arginature delle altre opere Buone condizioni Trasporto solido Valore del trasporto solido a partire dalla stima di estrazioni di inerti concessionate al 99 Valore del trasporto solido presupponendo uno scenario di totale assenza di estrazioni di inerti -4,6, cm/anno (*) cm/anno (*) Sottoprogetto SP.3 Compatibilità delle Attività Estrattive

11 Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 9, Tratto: PR_5 - PR_6 località Porporano - ponte stradale S.P. n. 32 Variazioni del profilo di fondo alveo Erosione: Ripascimento: Moderata Scarso o nullo Approfondimento max: m Periodo: Caratteristiche morfologiche Alveotipo: Pluricursale Incidenza forme abbandonate connesse all'ambiente fluvial Nessuna Incidenza forme abbandonate disgiunte dall'ambiente fluvia Nessuna Ampiezza media dell'inviluppo delle forme relitt m Erosione di sponda ((sponda dx +sponda sx) / lut): % - 3% Settore superiore Settore intermedio Settore inferiore Variazione media sezione incisa: % Periodo: Caratteristiche morfometriche Periodo di indagine: 8 anni Dato attuale Dato pregresso(i) Dato pregresso(ii) Evoluzione % m-km Commento Caratteri del corso d acqua Il corso d'acqua e' prevalentemente rettilineo. La struttura e' marcatamente pluricursale ramificata: sono presenti piu' gruppi di barre longitudinali separati da canali che spesso sono attivi solo in occasione di portate significative e soggetti a modificazioni a seguito di eventi alluvionali rilevanti. La larghezza dell'alveo e' abbastanza costante e tende a ridursi a monte di Porporano, dove l'alveo evolve verso una struttura piu' vincolata. Stabilità morfologica - L'erosione di sponda interessa molti settori distribuiti lungo tutto tratto e caratterizzati da lunghezza normalmente di qualche decina di metri. - Tendenza del fondo alveo (erosione / ripascimento) Sulla base del sopralluogo effettuato l'alveo mostra locali sovralluvionamenti (come a monte dell'abitato di Pannocchia) alternati a prevalenti processi di approfondimento; in generale permane diffusa la tendenza alla rielaborazione e rimobilizzazione dei sedimenti con conseguente instabilita' delle barre. - Il confronto tra le cartografie (tavolette I.G.M. a scala :25. del 958, C.T.R. Regione Emilia a scala :. del 976) mostra un restringimento dell'alveo molto marcato conseguente ad una tendenza evolutiva verso una generalizzata maggiore canalizzazione. Non sono disponibili sezioni per la valutazione delle modifiche della quota di fondo alveo. Elementi di morfologia fluviale non più attivi Sia in sinistra che in destra orografica, sono presenti scarpate di erosione fluviale discontinue. All'altezza di Monticelli Terme, in destra orografica, sono conservate al di fuori della fascia golenale tracce di segmenti di alveo abbandonati; in sinistra, se ne riconosce ancora uno lungo piu' di un chilometro. La distanza dall'asse del torrente e' compresa tra qualche decina fino a qualche centinaio di metri (S. Maria del Piano). Presenza di una rete di controllo della morfologia fluviale E' disponibile un rilievo fatto eseguire dal Magistrato del Po nel 972. Data Indice di ramificazione Indice di sinuosità , ,3 Larghezza media fra le sponde - bankfull (m) Lunghezza della valle (km) 8 8 Lunghezza della linea di thalweg (km) 9 9 Erosione sponda dx + sponda sx (km) 2 22

12 Presenza e caratteristiche delle opere Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 9, Tratto: PR_5 - PR_6 località Porporano - ponte stradale S.P. n. 32 Densità di opere nel tratto: nessuna Caratteristiche delle opere di attraversamento Caratteristiche delle opere di sistemazione Trasporto solido Valore del trasporto solido a partire dalla stima di estrazioni di inerti concessionate al 99 Valore del trasporto solido presupponendo uno scenario di totale assenza di estrazioni di inerti -3, -,2 cm/anno (*) cm/anno (*) Sottoprogetto SP.3 Compatibilità delle Attività Estrattive

13 Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 8, Tratto: PR_6 - PR_7 ponte stradale S.P. n ponte stradale Langhirano Variazioni del profilo di fondo alveo Erosione: Ripascimento: Scarsa o nulla Scarso o nullo Approfondimento max: m Periodo: Caratteristiche morfologiche Alveotipo: Pluricursale Incidenza forme abbandonate connesse all'ambiente fluvial Saltuaria Incidenza forme abbandonate disgiunte dall'ambiente fluvia Saltuaria Ampiezza media dell'inviluppo delle forme relitt 75 m Erosione di sponda ((sponda dx +sponda sx) / lut): % - 3% Settore superiore Settore intermedio Settore inferiore Variazione media sezione incisa: % Periodo: Caratteristiche morfometriche Periodo di indagine: 4-7 anni Dato attuale Dato pregresso(i) Dato pregresso(ii) Evoluzione % m-km Data Indice di ramificazione Commento Caratteri del corso d acqua Il corso d'acqua e' prevalentemente rettilineo con alcune sinuosita' a grande raggio (es. presso Torrechiara). La struttura e' marcatamente pluricursale ramificata: sono presenti piu' gruppi di barre longitudinali separate da canali in genere attivi solo in occasione di portate significative e soggetti a modificazioni a seguito di eventi alluvionali rilevanti. La larghezza e' costante nel primo tratto e tende a ridursi a partire dall'altezza di Torrechiara, dove l'alveo mostra una maggior canalizzazione. Stabilità morfologica - L'erosione di sponda interessa alcuni settori localizzati nella seconda meta' del tratto (verso valle) e caratterizzati da lunghezza compresa tra qualche decina fino a qualche centinaio di metri. - Tendenza del fondo alveo (erosione / ripascimento) Sulla base del sopralluogo effettuato l'alveo mostra prevalenti condizioni di equilibrio anche se permane evidente la tendenza alla rimobilizzazione dei sedimenti con conseguente instabilita' delle barre e dei canali. - Immediatamente a valle di Langhirano si osservano processi di sovralluvionamento. - Il confronto tra le cartografie (tavolette I.G.M. a scala :25. del 936/59, C.T.R. Regione Emilia a scala :. del 976) mostra una tendenza evolutiva verso una maggiore canalizzazione con parziale reincisione dei depositi, disattivazione dei canali piu' esterni e stabilizzazione delle barre laterali che hanno prodotto un modesto restringimento dell'alveo. Non sono disponibili sezioni per la valutazione delle modifiche della quota di fondo alveo. Elementi di morfologia fluviale non più attivi Il tratto e' fiancheggiato, in sinistra ed in destra orografica, da superfici terrazzate. A monte di Torrechiara i relitti di superficie, sospesi di alcune decine di metri rispetto al livello di base, mostrano un forte grado di rimodellamento. A valle di Torrechiara, sono visibili, sia in destra orografica che in sinistra, due superfici che mostrano buona continuita' spaziale e che sono delimitate da scarpate alte 5- m. In sinistra orografica, tra Lesignano de Bardi e S. Maria del Piano, sono presenti due superfici che si raccordano verso valle. A valle di Torrechiara sono conservate tracce di segmenti di alveo abbandonati sia in destra (S. Maria del Piano sulla superficie piu' alta), che in sinistra in corrispondenza della superficie in cui e' modellato l'alveo di piena. La distanza dall'asse del torrente varia tra una decina fino ad un centinaio di metri (S. Maria del Piano). Presenza di una rete di controllo della morfologia fluviale E' disponibile un rilievo fatto eseguire dal Magistrato del Po nel 972. Indice di sinuosità,2,2 Larghezza media fra le sponde - bankfull (m) Lunghezza della valle (km) 8 8 Lunghezza della linea di thalweg (km) 8 8 Erosione sponda dx + sponda sx (km) 2 22

14 Presenza e caratteristiche delle opere Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 8, Caratteristiche delle opere di attraversamento Tratto: PR_6 - PR_7 ponte stradale S.P. n ponte stradale Langhirano Caratteristiche delle opere di sistemazione Densità di opere nel tratto: medio-bassa Codice Descrizione opera Lungh. (m) Pile in alveo L'opera determina: restringimenti rispetto alla sez. d'alveo riduzione in riduzione in larg. della alt. della sez. di piena sez. di piena N. Foto N. Arginature Presenza difese Presenza opere di spondali stabilizzazione del fondo N. Traverse fluviali Nulla Nulla PR ponte stradale MAMIANO 29 5 delle arginature delle altre opere Trasporto solido Valore del trasporto solido a partire dalla stima di estrazioni di inerti concessionate al 99 Valore del trasporto solido presupponendo uno scenario di totale assenza di estrazioni di inerti -,9,4 cm/anno (*) cm/anno (*) Sottoprogetto SP.3 Compatibilità delle Attività Estrattive

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Crostolo Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 9,0 Tratto: PO_49000 - CR_0000 confluenza Crostolo in Po - località Santa

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA COMUNE DI MONDOVÌ Progetto dei lavori di adeguamento e potenziamento dell impianto di depurazione acque reflue del Comune di Mondovì località Longana analisi di compatibilità idraulica e idrogeologica

Dettagli

Grottaminarda (AV), 14-16 giugno 2010

Grottaminarda (AV), 14-16 giugno 2010 5a riunione Nazionale Grottaminarda (AV), 14-16 giugno 2010 Valutazione preliminare, mediante GIS, della pericolosità fluviale indotte da variazioni morfologiche del F. Calore Civitillo itill D., Magliulo

Dettagli

Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti sul torrente Gesso attraversamento di Cuneo

Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti sul torrente Gesso attraversamento di Cuneo Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione e Difesa del Suolo Via Petrarca, 44 Torino Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO Torino, 9-10 Ottobre 2013 Ing. S. Rossato L'impianto idroelettrico Corso

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Trasporto solido e morfologia dell Adige: passato, presente e futuro

Trasporto solido e morfologia dell Adige: passato, presente e futuro Trasporto solido e morfologia dell Adige: passato, presente e futuro Francesco Comiti (Libera Università di Bolzano) Guido Zolezzi (Università di Trento) Sommario della presentazione Legame tra trasporto

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA

COMUNE DI RIO MARINA COMUNE DI RIO MARINA REGOLAMENTO URBANISTICO Documentazione Fotografica di supporto alle verifiche idrauliche sul Fosso di Riale 1 foto 1 - Fosso di Riale immediatamente a monte del ponte sulla Provinciale

Dettagli

LA MODELLAZIONE MORFODINAMICA PER LA GESTIONE DEI CORSI D ACQUA

LA MODELLAZIONE MORFODINAMICA PER LA GESTIONE DEI CORSI D ACQUA DICCA Dipar@mento di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale. Università di Genova LA MODELLAZIONE MORFODINAMICA PER LA GESTIONE DEI CORSI D ACQUA M. Bolla Pittaluga & G. Seminara Convegno ARPAL Simulare

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

Oggetto: Considerazioni sul Progetto di sistemazione idraulica dell area golenale in dx idrografica del fiume Aniene a monte di Ponte Nomentano

Oggetto: Considerazioni sul Progetto di sistemazione idraulica dell area golenale in dx idrografica del fiume Aniene a monte di Ponte Nomentano ARDIS Via Monzabano, 10 Roma AUTORITA DI BACINO DEL TEVERE Via Vittorio Bachelet, 12 Roma ROMANATURA Via Gomenizza 81 Roma SOVRINTENDENZA ARCHEOLOGICA ROMA CAPITALE Piazza Lovatelli, 35 Roma Roma, 23 luglio

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015 La manutenzione degli argini Iacopo Iacopo MANETTI MANETTI Consorzio Consorzio di di bonifica bonifica Medio Medio Valdarno Valdarno Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI

Dettagli

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO Dr. Geol. Daniela Alario - Dr. Geol. Ambrogio

Dettagli

CITTA DI PINEROLO CRONOPROGRAMMA ALLEGATO ALLE VERIFICHE DI PRGC. Scheda n 1 AREE 1 E 2. Scala 1:5000

CITTA DI PINEROLO CRONOPROGRAMMA ALLEGATO ALLE VERIFICHE DI PRGC. Scheda n 1 AREE 1 E 2. Scala 1:5000 Scheda n 1 AREE 1 E 2 Area 1: potrebbe essere utilizzata dopo l avvenuta realizzazione delle opere di difesa spondale a monte del nuovo ponte Chisone; dovrà inoltre essere eseguito un argine sul limite

Dettagli

Morfologie, forme fluviali e depositi alluvionali

Morfologie, forme fluviali e depositi alluvionali Morfologie, forme fluviali e depositi alluvionali MORFOLOGIE FLUVIALI: il tracciato fluviale Il tracciato planimetrico assunto da un corso d acqua viene definito come configurazione d alveo. In realtà

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE della Provincia di Torino

PIANO PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE della Provincia di Torino PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE PIANO PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE della Provincia di Torino Allegato 1 Analisi dei corsi d'acqua provinciali e delle Attività Estrattive nelle

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli

La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d acqua

La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d acqua La Direttiva Europea Alluvioni : verso una gestione del rischio idraulico in ambito montano - Bolzano, 21-22 Novembre 2013 La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d

Dettagli

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera Camera dei Deputati - Palazzo Marini Sala delle Colonne ASPETTI PROGETTUALI E CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 IV A. Area a rischio significativo di alluvione ARS Distrettuali

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile 1 COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza Piano Comunale di Protezione Civile Caorso 6 Ottobre 2009 2 RIFERIMENTI NORMATIVI DEL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE Legge 24.02.1992 n.225 (Istituzione del servizio

Dettagli

STUDIO DEGLI EFFETTI SULL IDRODINAMICA E SULLA DINAMICA DEL TRASPORTO SOLIDO DI OPERE DI LAMINAZIONE: MODELLAZIONE NUMERICA E FISICA

STUDIO DEGLI EFFETTI SULL IDRODINAMICA E SULLA DINAMICA DEL TRASPORTO SOLIDO DI OPERE DI LAMINAZIONE: MODELLAZIONE NUMERICA E FISICA Università di Genova STUDIO DEGLI EFFETTI SULL IDRODINAMICA E SULLA DINAMICA DEL TRASPORTO SOLIDO DI OPERE DI LAMINAZIONE: MODELLAZIONE NUMERICA E FISICA Relatore Prof. Ing. M. Colombini CONVENZIONI AdB-UNIGE

Dettagli

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE Norme di attuazione - Direttive di Piano 5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE approvata con deliberazione di C.I. n. 1 in data 15 aprile 1998

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA MONTECCHI DI SOTTO - POLO 17 COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17 1. INQUADRAMENTO Comune di: Castrocaro Terme - Terra del Sole. Località: Montecchi di sotto. Elaborato cartografico

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

Autorità di Bacino dei Fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione

Autorità di Bacino dei Fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione LA FASCIA DI PERTINENZA FLUVIALE E IL LUOGO DOVE MASSIMAMENTE E QUOTIDIANAMENTE SI INCONTRANO UOMO E FIUME LE FASCE DI PERTINENZA FLUVIALE: STUDI PROPEDEUTICI ALL INDIVIDUAZIONE E ALLA PIANIFICAZIONE DEGLI

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it 1 Punti dell intervento: Rischio idrogeologica e fragilità territoriale Attività di Bonifica Il

Dettagli

Manuale operativo sulla vulnerabilità idraulica dei ponti

Manuale operativo sulla vulnerabilità idraulica dei ponti Cliente Progetto Vulnerabilità Ponti Azioni per il controllo delle condizioni di sicurezza idraulica dei ponti della Provincia di Torino ricadenti nelle Fasce Fluviali PAI Manuale operativo sulla vulnerabilità

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Studio di trasporto solido sul fiume Serchio Il gruppo di ricerca è così composto: - Prof. Geol. Massimo Rinaldi, docente di Geologia Applicata presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA

COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA IL TECNICO: DOTT. ING. CRISTIANO CAPPELLI MAGGIO 2015

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

S.P. 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM 39+200 IN COMUNE DI GARZIGLIANA. LOTTO 1.

S.P. 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM 39+200 IN COMUNE DI GARZIGLIANA. LOTTO 1. SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI VIABILITÀ II www.provincia.torino.it S.P. 589 DEI LAGHI DI AVIGLIANA LAVORI PER REALIZZAZIONE DIFESE SPONDALI SPALLA DESTRA KM 39+200 IN COMUNE DI GARZIGLIANA.

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO INDICE 1 NODO STRADALE ED AUTOSTRADALE DI GENOVA Adeguamento del Nodo di San Benigno... 3 1.1 Descrizione progetto... 3 1.2 Opere d arte... 9 1 NODO

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

RELAZIONE DI IDRAULICA

RELAZIONE DI IDRAULICA Politecnico di Torino RELAZIONE DI IDRAULICA Relazione esercitazioni. Anno Accademico 2011/2012 Corso di Idraulica Professore: L. Ridolfi Studente: Eleonora Magnotta Matricola: 162010 1 INDICE ESERCITAZIONE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino. Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po

Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino. Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po I principi della L. 183/89 Interdisciplinarietà: visione integrata delle dinamiche acqua suolo

Dettagli

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE INDICE 1. Premessa... 2 1.1. Dati di base utilizzati per l implementazione dei modelli idraulici... 2 2. Studi idrologici-idraulici di interesse effettuati sul territorio comunale... 4 2.1. Studi sul fiume

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

sponda Terrazzo Piana alluvionale Terrazzo Piana alluvionale Alveo attivo barra isola Canale di magra

sponda Terrazzo Piana alluvionale Terrazzo Piana alluvionale Alveo attivo barra isola Canale di magra Terrazzo Piana alluvionale Alveo attivo sponda Terrazzo Piana alluvionale barra isola Canale di magra Canale di magra: parte dell alveo che risulta totalmente o parzialmente ricoperta di acqua per la maggior

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

PROGETTO DI AMPLIAMENTO E REGIMAZIONE DELLA CASSA DI ESPANSIONE PRA DEI GAI PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL LIVENZA ALLA CONFLUENZA COL MEDUNA

PROGETTO DI AMPLIAMENTO E REGIMAZIONE DELLA CASSA DI ESPANSIONE PRA DEI GAI PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL LIVENZA ALLA CONFLUENZA COL MEDUNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO E REGIMAZIONE DELLA CASSA DI ESPANSIONE PRA DEI GAI PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL LIVENZA ALLA CONFLUENZA COL MEDUNA Il progetto prevede la creazione di n 2 casse di espansione

Dettagli

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Lambro pulito, Lambro sicuro Contratto fiume Lambro settentrionale URBAN CENTER di Monza Milano, 7 marzo 2015 Ing. Gaetano LA MONTAGNA Responsabile

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Dr ENRICO MARVELLI. IPERWOOD S.r.l. Work Shop

Dr ENRICO MARVELLI. IPERWOOD S.r.l. Work Shop DIFESE DI SPONDA E REGIMAZIONI IDRAULICHE NELL OTTICA DELLA TUTELA E DELLA RIQULIFICAZIONE AMBIENTALE ATTRAVERSO L UTILIZZO DI ESSENZE LIGNEE DUREVOLI. ALCUNI ESEMPI. Dr ENRICO MARVELLI IPERWOOD S.r.l.

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

I due concetti fondamentali nell organizzazione dei dati per la strutturazione del DB sono quelli di entità e di classe.

I due concetti fondamentali nell organizzazione dei dati per la strutturazione del DB sono quelli di entità e di classe. ENTITÀ E CLASSI I due concetti fondamentali nell organizzazione dei dati per la strutturazione del DB sono quelli di entità e di classe. L Entità è l unità minima di informazione. Entità dello stesso tipo

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

Più natura per ridurre il rischio: l'approccio della riqualificazione fluviale

Più natura per ridurre il rischio: l'approccio della riqualificazione fluviale LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO, INTERVENTI E POLITICHE LOCALI A CONFRONTO Vicenza, 12 novembre 2011 Più natura per ridurre il rischio: l'approccio della riqualificazione fluviale Andrea Goltara

Dettagli

Blocchi incatenati 35

Blocchi incatenati 35 SINONIMI Descrizione sintetica Tecnica che prevede il posizionamento longitudinale di massi ciclopici alla base di sponde, al piede di palificate spondali e coperture diffuse (armate). I massi vengono

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI DELLA TREDICESIMA COMMISSIONE DEL SENATO Mercoledì 3 luglio 2013 PROPOSTA DI LEGGE STATALE DA TRASMETTERE AL PARLAMENTO NAZIONALE, AI SENSI

Dettagli

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano

Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO COME DEFINITO DALLA D.G.R. 7/7868 del 25/01/2002 e s.m.i. Relazione tecnica illustrativa Maggio 2009 Aggiornamento: Marzo

Dettagli

Gianmarco Margaritora. Il Tevere Urbano

Gianmarco Margaritora. Il Tevere Urbano Presidenza Gianmarco Margaritora Il Tevere Urbano Lo studio del corso del Tevere da Roma al mare costituisce per un ingegnere idraulico un argomento affascinante. E' un tratto di fiume di cui si possono

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Il progetto prevede la realizzazione di una cassa di laminazione in derivazione in sx idraulica al Fiume Pecora, ubicata in loc. Scopaione - Comune di Scarlino (GR) ed

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 IV A. Area a rischio significativo di alluvione ARS Distrettuali

Dettagli

Pierpaolo Macconi Bolzano, 9 giugno 2011

Pierpaolo Macconi Bolzano, 9 giugno 2011 Pierpaolo Macconi Bolzano, 9 giugno 2011 Sistema ED30 Direttiva EU ED30 & valutazione di pericolositá Documentazione eventi in Alto Adige Pericoli idrogeologici Pericoli idraulici Alluvioni Colate detritiche

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA

VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA AUTORITÀ DEI BACINI REGIONALI ROMAGNOLI VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA RELAZIONE Prof. Ing. Armando Brath Collaborazioni: Ing. Giuliano

Dettagli

9 - ELEMENTI DI MORFOMETRIA. 9.1 - Elementi morfometrici dei bacini imbriferi

9 - ELEMENTI DI MORFOMETRIA. 9.1 - Elementi morfometrici dei bacini imbriferi 9 - ELEMENTI DI MORFOMETRIA L analisi morfologica può essere effettuata in modo qualitativo, con un procedimento descrittivo ed interpretativo, ma non sufficiente per ottenere risultati tangibili e concreti.

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Piano di Risanamento Fiume Lambro

Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano annuale delle manutenzioni Triuggio, Dicembre 2013 INDICE 1. PREMESSA 3 2. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA 4 2.1. Interventi per la manutenzione delle opere

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli