La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul"

Transcript

1 IL TERRITORIO DI BERGAMO NELLA NUOVA CARTOGRAFIA GEOLOGICA Museo Civico di Scienze Naturali BERGAMO La cartografia della successione triassico-giurassica F. Jadoul

2 Foglio Lecco Foglio Clusone Foglio Breno

3 La stratigrafia triassica della Prealpi Bergamasche Foglio Bergamo 1: (1954) Carta geologica Provincia Bergamo (2000) Foglio Clusone (2012) Evoluzione delle unità cartografate: dalle unità temporali alle litofacies\ambienti deposizionali

4 Foglio Bergamo 33 Desio,1954 Foglio Clusone,2012 Carta Geologica provincia Bergamo, 2000

5 IL TRIASSICO INFERIORE-MEDIO Le rocce di queste età affiorano ampiamente nel settore più settentrionale delle Prealpi Bergamasche. Con l inizio del Triassico inizia una successione terrigeno-carbonatica che indica l instaurarsi di ambienti marini. Il Trias medio (Anisico- Ladinico) presenta varie successioni di rocce prevalentemente carbonatiche di mare sottile iniziano a sviluppasi le prime piattaforme carbonatiche anisiche ( C. di Angolo, Camorelli-CMR2) seguite nel Ladinico da piattaforme (Esib) rilevate con ambienti scoglierapendio progradanti (ESIa) su aree bacinali con diversi tipi di sedimenti (C. di Prezzo, Buchenstein, Perledo Varenna, F. di Wengen). Il Trias inferiore (Scitico) è caratterizzato da rocce ancora in prevalenza terrigene (SRV) di ambienti costieri e di bassa profondità e alla sommità anche evaporitici (BOV).

6 Cosa si intende per piattaforma carbonatica, e relativi ambienti deposizionali Da: Bosellini, 1991 Piana tidale con canali di marea e laguna

7 . Valbona M. Ortighera C. di Prezzo L Anisico della Valle Brembana (Lenna) C. Angolo+Calcare di Camorelli) A B Foglio Clusone C C. di Angolo

8 P.zo Arera Le piattaforme carbonatiche interne del Ladinico-Carnico Inf. Pian Cansaccio A B C Foglio Clusone Alghe dasycladacee del C. di Esino ESIB del P.zoArera Calcare peritidale con stromatoliti (F. di Breno, Mineralizzazioni Pian Cansaccio)

9 La successione anisico carnica del M.te Pegherolo a a Berra et al., 2011 Foglio Sondrio

10 Paglio Pignolino L emersione regionale alla fine del Ladinico (evento Calcare Rosso) F. di Breno Foglio Clusone C. di Esino C. Rosso B A Paleosuolo a terra rossa alla base del Calcare Rosso (Galleria Sonzogni, Paglio Pignolino) Tepee e paleosuolo a terra rossa nel Calcare (Arabescato Orobico Cava Remuzzi) C

11 L Arabescato Orobico: esempi di moderni utilizzi

12 IL TRIASSICO SUPERIORE Le rocce di queste età affiorano ampiamente nel settore centro-meridionale delle Prealpi Bergamasche. Retico: Alla base importante cambiamento climatico, successione prima argillosa (Argillite Riva di Solto ARS) poi ciclica con marne-calcari scuri (Calcare di Zu, ZUU1,2). Norico: potente piattaforma carbonatica (Dolomia Principale, DPR,DPRb) con particolari biocostruzioni (DPRa) che delimitano lagune e bacini ristretti anossici (calcari neri del C. di Zorzino (ZOR), Brecce dolomitiche (DZN), Dolomie scure (DZNa) ed argilliti nere Argilliti di Riva di Solto basali (ARS). Carnico: maggiore differenziazione ambientale e climatica del Trias. A meridione prevalgono le arenareisiltiti fluviali-deltizie(avs) e marine-costiere (GOR), a settentrione le piattaforme carbonatiche (BRE). Al tetto il clima diventa più arido con anche deposititi evaporitici costieri (SGBa,b,c)

13 Il Carnico marino, carbonatico dell area settentrionale Cresta tra M. Pegherolo M. Secco S GOR GOR CMB GOR BRE CMB KLR BRE KLR CMB KLR ESb Foglio Sondrio ESIa

14 Il Carnico Inferiore e Medio terrigeno della Valle Brembana a M. Cancervo D.P. AVS+Gor+SGB Breno+CMB C. Rosso F. Breno Corpi canalizzati di arenarie siltiti fluvio-deltizie dell Arenaria di V. Sabbia (25) (Strada C. Cornello-Bruga

15 Ricostruzione della paleogeografia del Carnico Medio nel Sudalpino occidentale (da Berra e Jadoul, 2001).

16 (Berra e Jadoul, 2001,) Relazioni stratigrafiche tra le unità carniche terrigene fluvio-deltizie, lagunari costiere, evaporitiche e di piattaforma carbonatica (Nord-Est) Argillite di Lozio Gessi del Carnico Sup. Fm. S. Giovanni B. Fm. di Gorno, Arenaria di Val Sabbia

17 Il sistema deposizionale della Dolomia Principale Berra & Jadoul 1996

18 dolomie massive di scogliera (DPRa) Dolomia Principale superiore massiccia con brecce ed organismi di scogliera Dolomia Principale di piattaforma interna (DPRb) Il versante nord del M. Alben. La porzione superiore della Dolomia Principale è sovente massiva e costituita brecce dolomitiche e associazioni di organismi (serpulidi, microbialiti, lamellibranchi) che documentano ambienti particolari non molto favorevoli ad altri organismi marini Foglio Clusone

19 Il modello deposizionale dei margini della Dolomia Principale- D. Zonate, C. Zorzino (Jadoul, 1985) Dolomia Principale

20 La ripresa della produttività dei carbonati alla fine del Trias (le rampe piattaforme carbonatiche del Retico ALZ (Calcare di Zu, ZUUa,b) Foglio Lecco ZUUb ZUUa

21 IL GIURASSICO Le rocce di questo periodo affiorano in una fascia ristretta E-O sul bordo meridionale prealpino. Il Giurassico inferiore : annegamento delle piattaforme retico-hettangiane legato alla tettonica distensiva di rifting. Prevalenti carbonati ben stratificati di ambiente marino aperto con tendenza ad approfondirsi, molto potenti nei bacini, ridotte e con lacune deposizionali, facies condensate sugli alti strutturali. Il Giurassico medio-superiore: diffusione generalizzata delle successioni di mare profondo, ben stratificate e poco differenziate (calcari fini, marnosi, rocce silicee) tipiche dei fondali oceanici. Completamento dell apertura dell oceano Ligure-Piemontese.

22 La successione di passaggio tra il Trias e il Giurassico (cava Italcementi M. Albenza) Albenza Fm. Upper Zu Lmst. T/J boundary

23 L ultima piattaforma carbonatica delle Prealpi Bergamasche Albenza FM. (ALZ) grainstones- packs oolitici con grani aggregati, rivestiti, intraclasti bioclasti Calcareniti miste oolitiche con aggregati micritizzati, intraclasti e bioclasti (Subfacies A3).

24 Schema litostratigrafico del Norico-sinemuriano delle Prealpi Lombarde (Jadoul et al., 2005 mod). Foglio Bergamo

25 La successione di bacino della Val Seriana e l alto strutturale di M. Nese Slumping nei calcari selciosi del C. di Moltrasio (MOT) B Foglio Bergamo Le brecce carbonatiche del Giurassico basale ( Brecce Liassiche ) ai marginidegli alti strutturali A Calcari bacinali del C. di Moltrasio (MOT) C

26 La successione di fondale oceanico del Giurassico medio-superiore (M. Albenza) Calcari con selce rossa (Rosso ad Aptici) Le Radiolariti A B

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

La geologia e la geomorfologia del territorio di Alzano Lombardo. Dott. Luca Tucciarelli

La geologia e la geomorfologia del territorio di Alzano Lombardo. Dott. Luca Tucciarelli La geologia e la geomorfologia del territorio di Alzano Lombardo Dott. Luca Tucciarelli Alzano 13/5/2010 Le placche terrestri La deriva dei continenti Breve storia geologica del territorio alpino 300 MA

Dettagli

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica UBICAZIONE E GENERALITA L istanza di permesso di ricerca d..g.r-.np che si richiede è ubicata nel Canale

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Organo Cartografico dello Stato (legge n 68 del 2.2.1960)

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Organo Cartografico dello Stato (legge n 68 del 2.2.1960) 0 1 I S P R A Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA Organo Cartografico dello Stato (legge n 68 del 2.2.1960) NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA

Dettagli

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Luca Martelli Regione Emilia Romagna Servizio geologico, sismico e dei suoli LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

a) La piattaforma interna, b) Le facies di alta energia : spiagge, barre e margini sabbiosi d) Le facies di scarpata e pendio Roma 28-29 Aprile 2011

a) La piattaforma interna, b) Le facies di alta energia : spiagge, barre e margini sabbiosi d) Le facies di scarpata e pendio Roma 28-29 Aprile 2011 Dipartimento per le Attività Bibliotecarie, Documentali e per l Informazione Servizio Educazione e Formazione Ambientale Dipartimento Difesa del Suolo Settore Rilevamento geologico e Analisi di Laboratorio

Dettagli

Geologia del sudalpino lombardo e degli Appennini N

Geologia del sudalpino lombardo e degli Appennini N Geologia del sudalpino lombardo e degli Appennini N Aspetti geologico-stratigrafici delle Prealpi Lombarde F. Jadoul e F. Forcella Il CRINALE OROBICO Nella zona del crinale orobico affiorano le rocce

Dettagli

CORNA RANGO ETÀ REGIONE. Formazione Hettangiano-Sinemuriano Inferiore Lombardia

CORNA RANGO ETÀ REGIONE. Formazione Hettangiano-Sinemuriano Inferiore Lombardia CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 73 CORNA RANGO ETÀ REGIONE Formazione Hettangiano-Sinemuriano Inferiore Lombardia FOGLIO AL 100.000 FOGLIO AL 50.000 SIGLA 34, 35, 47 (1a e

Dettagli

REGIONE SICILIANA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO UNITA OPERATIVA n 3 EROSIONE COSTIERA Dr.

REGIONE SICILIANA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO UNITA OPERATIVA n 3 EROSIONE COSTIERA Dr. REGIONE SICILIANA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO UNITA OPERATIVA n 3 EROSIONE COSTIERA Dr.ssa DANIELA ALARIO STUDIO EFFETTUATO SULL ISOLA DI MARETTIMO GROTTA CAMMELLO - RIPRESE

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI A1.1. I Dati Pluviometrici All'interno della zona in indagine, che comprende i bacini del versante jonico e tirrenico ed alcuni bacini interni del versante

Dettagli

Riunione Gruppo di Lavoro sulle Coperture Sedimentarie Comitato d area per le Alpi centrali, orientali ed occidentali

Riunione Gruppo di Lavoro sulle Coperture Sedimentarie Comitato d area per le Alpi centrali, orientali ed occidentali Riunione Gruppo di Lavoro sulle Coperture Sedimentarie Comitato d area per le Alpi centrali, orientali ed occidentali Riunione del 20 aprile 2005 Verona Presenti: Avanzini, Berra, Gianolla, Keim, Sciunnach,

Dettagli

dr. Fausto Franzoni geologo 0 Premessa

dr. Fausto Franzoni geologo 0 Premessa 0 Premessa La presente relazione viene redatta ad integrazione e revisione della Relazione Geologico- Tecnica del Maggio 2002 a supporto del P.R.G. comunale, già aggiornata nel Gennaio 2003 (prot. n Z1.

Dettagli

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione)

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piattaforma continentale Scarpata continentale Dorsali oceaniche Fondali oceanici Fosse oceaniche Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piana abissale -6000m Piattaforma

Dettagli

STORIA GEOLOGICA D ITALIA

STORIA GEOLOGICA D ITALIA STORIA GEOLOGICA D ITALIA PERMIANO-TRIASSICO 300-250 Ma Il Triassico (250 Ma) che cominciò con una grande estinzione di massa, fu l epoca nella quale si avviarono i grandi cambiamenti geografici ed evolutivi

Dettagli

IL TERRITORIO DI SONDRIO NELLA NUOVA CARTOGRAFIA GEOLOGICA

IL TERRITORIO DI SONDRIO NELLA NUOVA CARTOGRAFIA GEOLOGICA IL TERRITORIO DI SONDRIO NELLA NUOVA CARTOGRAFIA GEOLOGICA venerdì 5 settembre 2014, 9:30 16:30 Sala Consiliare del Comune di Tirano Piazza Cavour 18 Tirano (SO) Le successioni sedimentarie del Sudalpino

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 6.0 I Sistemi Deposizionali Costieri Sergio G. Longhitano Dipartimento di

Dettagli

PROGETTO CARG RIVA DEL GARDA. foglio 080. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000

PROGETTO CARG RIVA DEL GARDA. foglio 080. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000 NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000 foglio 080 RIVA DEL GARDA a cura di Alberto Castellarin (1), Vincenzo Picotti (1), Luigi Cantelli (1), Michele Claps (2), Luigi Trombetta

Dettagli

SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA

SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA I S P R A Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA Organo Cartografico dello Stato (legge n 68 del 2.2.1960) NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DISTRIBUZIONE DEI CEMENTI MARINI NEGLI SLOPE ANISICI DI FUCIADE (DOLOMITI)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DISTRIBUZIONE DEI CEMENTI MARINI NEGLI SLOPE ANISICI DI FUCIADE (DOLOMITI) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI GEOSCIENZE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE GEOLOGICHE DISTRIBUZIONE DEI CEMENTI MARINI NEGLI SLOPE ANISICI DI FUCIADE (DOLOMITI) Relatore: Prof. Nereo

Dettagli

Atto di indirizzo per la definizione e perimetrazione delle aree a pericolosità geomorfologica in ambito costiero

Atto di indirizzo per la definizione e perimetrazione delle aree a pericolosità geomorfologica in ambito costiero A U T O R I T À D I B A C I N O D E L L A P U G L I A L.R. 9 Dicembre 2002 n. 19 C/o INNOVA PUGLIA S.P.A - (EX TECNOPOLIS CSATA) Str. Prov. per Casamassima Km 3-70010 Valenzano Bari tel. 080 4670209 /

Dettagli

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO GEOLOGIA DEL BACINO TERZIARIO PIEMONTESE (BTP)

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO GEOLOGIA DEL BACINO TERZIARIO PIEMONTESE (BTP) CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO GEOLOGIA DEL BACINO TERZIARIO PIEMONTESE (BTP) GIUSEPPE BEN geoben2009@gmail.com 1 CARTA STRUTTURALE D ITALIA 2 CARTA STRUTTURALE D ITALIA 3 CRONOLOGIA

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

"Geoturismo in Italia" Primavera 2006

Geoturismo in Italia Primavera 2006 Associazione Geoturismo Società Geologica Italiana- Sez. Giovani Il presente itinerario è stato realizzato per la partecipazione al concorso: "Geoturismo in Italia" Primavera 2006 Una delle principali

Dettagli

viduano rocce legate ai tre cicli orogenetici che hanno caratterizzato la placca Europea: il Caledoniano, l'ercinico e l'alpino.

viduano rocce legate ai tre cicli orogenetici che hanno caratterizzato la placca Europea: il Caledoniano, l'ercinico e l'alpino. viduano rocce legate ai tre cicli orogenetici che hanno caratterizzato la placca Europea: il Caledoniano, l'ercinico e l'alpino. Inquadramento geolitologico La catena montuosa attuale, quella della Alpi,

Dettagli

L orogenesi appenninica

L orogenesi appenninica L orogenesi appenninica Introduzione L area mediterranea occidentale è un mosaico crostale i cui bacini sono nella maggior parte il risultato di una fase distensiva recente (Eocene-attuale), metre le catene

Dettagli

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

Storia Geologica delle Alpi. - Con fondamenti di geologia generale -

Storia Geologica delle Alpi. - Con fondamenti di geologia generale - Storia Geologica delle Alpi - Con fondamenti di geologia generale - Michele Pregliasco ONC CAI Savona L interno della Terra Foto da: www.digilands.it 50/4 L interno della Terra Perché il pianeta non fonde?

Dettagli

La Cava di pietra Moltrasina

La Cava di pietra Moltrasina - La vera pietra Moltrasina del lago di Como - - Estrazione diretta dalla nostra cava di Faggeto Lario - - Direttamente dalla materia prima al prodotto finito - La Cava di pietra Moltrasina La pietra Moltrasina

Dettagli

PROGETTO CARG ISEO. foglio 099. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000

PROGETTO CARG ISEO. foglio 099. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000 NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000 foglio 099 ISEO A cura di: G. Cassinis 2, D. Corbari 1, P. Falletti 1, C. Perotti 2 Con contributi di: P. Schirolli 3, R. Calabrò 2,

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

MASSICCIO DEL MATESE.

MASSICCIO DEL MATESE. MONTE LA COSTA, cartografato nel Foglio I.G.M.I. 405 Campobasso, ovvero nella Tavoletta I.G.M. 162, III N.O. BOJANO, è una propaggine del MASSICCIO DEL MATESE centro settentrionale che si sviluppa degradando

Dettagli

1. INTRODUZIONE 3 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO 5 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO 6 4. COMMENTO ALLA CARTA GEOLOGICO-STRUTTURALE 7

1. INTRODUZIONE 3 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO 5 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO 6 4. COMMENTO ALLA CARTA GEOLOGICO-STRUTTURALE 7 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO 5 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO 6 3.1 CENNI PALEOGEOGRAFICI 6 4. COMMENTO ALLA CARTA GEOLOGICO-STRUTTURALE 7 4.1 CARATTERI GEOMORFOLOGICI E GEOLOGICI 7

Dettagli

2. LETTURA GEOLITOLOGICA E GEOMORFOLOGICA DELL AREA DOLOMITICA E DI PASSO VALLES IN SPECIFICO

2. LETTURA GEOLITOLOGICA E GEOMORFOLOGICA DELL AREA DOLOMITICA E DI PASSO VALLES IN SPECIFICO 2. LETTURA GEOLITOLOGICA E GEOMORFOLOGICA DELL AREA DOLOMITICA E DI PASSO VALLES IN SPECIFICO 2.1 INTRODUZIONE L analisi ambientale che ci si è posti di attuare all interno del bacino del torrente Cordevole

Dettagli

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA DIRETTIVA 92/437CEE DPR 357/97 MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 IT9210142 LAGO PANTANO DI PIGNOLA Dott.ssa SARLI Serafina INDICE PREMESSA

Dettagli

1. - WORKSHEET CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 9

1. - WORKSHEET CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 9 1. - WORKSHEET CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 9 CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 11 CALCARENITI DI ANDRANO A. NOME DELLA FORMAZIONE: Calcareniti

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche XII Congresso GeoSed Associazione Italiana per la Geologia del Sedimentario Sezione della Società Geologica italiana Cagliari

Dettagli

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale.

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Angela Alfieri, Domenico Carrà, Giuseppe Lanzo, Domenico Monteleone,

Dettagli

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale Dati litologici Vengono distinti il substrato e le formazioni superficiali. Per formazioni superficiali si intendono i depositi direttamente collegati con l evoluzione del rilievo attualmente osservabile,

Dettagli

32 COMMISSIONE ITALIANA DI STRATIGRAFIA DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA

32 COMMISSIONE ITALIANA DI STRATIGRAFIA DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 32 COMMISSIONE ITALIANA DI STRATIGRAFIA DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 5. - LITOSTRATIGRAFIA 5.1. - INTRODUZIONE La litostratigrafia si occupa di suddividere e gerarchizzare le successioni rocciose in

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Corpo idrico sotterraneo: Monte Ramalloro- Monte Inici b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche. Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica Questo

Dettagli

PRINCIPI DI STRATIGRAFIA

PRINCIPI DI STRATIGRAFIA PRINCIPI DI STRATIGRAFIA STRATIGRAFIA: parte della Geologia che studia la successione delle rocce sedimentarie secondo l ordine di deposizione e cerca di ricostruire gli originari ambienti di sedimentazione.

Dettagli

CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 331 3. - SICILIA

CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 331 3. - SICILIA CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 331 3. - SICILIA CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 345 CALCARE DI BASE RANGO ETÀ REGIONE Membro Miocene Superiore

Dettagli

CALCARI GRIGI RANGO ETÀ REGIONE. Giurassico inferiore (Hettangiano-Domeriano) FOGLIO AL 100.000 FOGLIO AL 50.000 SIGLA 11, 12, 21, 22, 36, 48, 49

CALCARI GRIGI RANGO ETÀ REGIONE. Giurassico inferiore (Hettangiano-Domeriano) FOGLIO AL 100.000 FOGLIO AL 50.000 SIGLA 11, 12, 21, 22, 36, 48, 49 CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 125 CALCARI GRIGI RANGO ETÀ REGIONE Gruppo Giurassico inferiore (Hettangiano-Domeriano) Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia

Dettagli

I.2 Inquadramento geomorfologico

I.2 Inquadramento geomorfologico I.2 Inquadramento geomorfologico I.2.1 Domini geologici e lineamenti strutturali principali Il territorio della Provincia Autonoma di Trento è caratterizzato dal punto di vista geologico dalla presenza

Dettagli

Field T rips. Geological. 2010 Vol. 2 (2)

Field T rips. Geological. 2010 Vol. 2 (2) Geological Field T rips Società Geologica Italiana ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale 2010 Vol. 2 (2) SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA Organo Cartografico dello Stato (legge

Dettagli

COMUNE DI ROVETTA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ROVETTA PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO PER IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (L.r. 11 marzo 2005, n 12 d.g.r. 22 dicembre 2005, n 8/1566, modificata dalla d.g.r. 28 maggio 2008, n 8/7374) relazione illustrativa

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PRATI ARIDI : Quali rocce si ritrovano nel substrato dei prati? Da dove vengono? Come sono giunte fino a qui? Breve contributo alla conoscenza degli aspetti geomorfologici,

Dettagli

Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro

Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro UNIVERSITA DEGLI STUDI DICAGLIARI FACOLTA DI ARCHITETTURA Corso di Laurea magistrale in Architettura_LM4 a.a. 2013-2014 Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro QUESTIONI DI RESTAURO

Dettagli

L evoluzione del reticolo idrografico

L evoluzione del reticolo idrografico L evoluzione del reticolo idrografico romano e l urbanizzazione Uno studio dell uso del suolo in relazione al reticolo secondario del settore sud-est della Capitale, dall Unità d Italia ad oggi I depositi

Dettagli

FORMAZIONE DI S. CASSIANO

FORMAZIONE DI S. CASSIANO 1. - ALPI CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 49 FORMAZIONE DI S. CASSIANO RANGO ETÀ REGIONE Formazione Ladinico Superiore - Carnico Inferiore Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli

Dettagli

Indice. 3b. Analisi del rapporto isotopico del carbonio nel carbonato. 4a. Risultati dell analisi del rapporto isotopico del carbonio

Indice. 3b. Analisi del rapporto isotopico del carbonio nel carbonato. 4a. Risultati dell analisi del rapporto isotopico del carbonio Indice Introduzione 2. Inquadramento geologico 3. Metodi 2a. Paleogeografia del Giurassico 2b. L area di Mezzaselva di Roana 2c. Il gruppo dei Calcari Grigi 3a. Analisi di campagna 3b. Analisi del rapporto

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

STORIA GEOLOGICA PROVINCIA DI BERGAMO

STORIA GEOLOGICA PROVINCIA DI BERGAMO STORIA GEOLOGICA PROVINCIA DI BERGAMO La pianura, un tavolato che si direbbe quasi tirato con la pialla, la quale verso nord viene interrotta da una serie di colline a loro volta protette da montagne che,

Dettagli

ITINERARIO. Stop 2 LOCALITA IGNE L Evento Anossico Toarciano (black shale): marne e calcari marnosi della Formazione di Igne (Bacino di Belluno)

ITINERARIO. Stop 2 LOCALITA IGNE L Evento Anossico Toarciano (black shale): marne e calcari marnosi della Formazione di Igne (Bacino di Belluno) B. Figus ITINERARIO Stop 1 LAGO DI BARCIS Il Calcare di Monte Cavallo: calcari con Rudiste in posizione fisiologica, facies di margine di piattaforma carbonatica cretacica superiore (Piattaforma Friulana)

Dettagli

Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare

Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare Maria Teresa De Nardo, Stefano Segadelli (Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli, RER) Luca Marcone (Autorità di Bacino Interregionale Marecchia-Conca)

Dettagli

PLACCA AFRICANA GEOLOGIA DEL TICINO

PLACCA AFRICANA GEOLOGIA DEL TICINO PLACCA AFRICANA GEOLOGIA DEL TICINO Placca Africana. Durante il periodo successivo al Triassico (da 225 a 190 milioni di anni fa), l apertura di grandi fessure nel Pangea segnò l inizio della disgregazione

Dettagli

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Bartolomeo Vigna Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture - Politecnico di Torino L utilità

Dettagli

PROGETTO. Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale

PROGETTO. Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA Organo cartografico dello Stato (legge 68 del 2.2.1960) NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla

Dettagli

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente).

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente). LA LUNA Si è formata agli inizi del sistema solare dallo scontro tra la PROTOTERRA e un corpo celeste delle dimensioni di Marte chiamato THEIA: il nucleo di Theia si fuse col nucleo della Terra ma il resto

Dettagli

PIERO PIERI 1. I Dinosauri in Puglia: aspetti paleoambientali e paleogeografici

PIERO PIERI 1. I Dinosauri in Puglia: aspetti paleoambientali e paleogeografici PIERO PIERI 1 I Dinosauri in Puglia: aspetti paleoambientali e paleogeografici Premessa I dinosauri appartengono ad una grande famiglia di animali suddivisi in due gruppi: gli Ornitischi con alcuni caratteri

Dettagli

LINEAMENTI GEOLOGICI DEL BACINO DEL TEVERE

LINEAMENTI GEOLOGICI DEL BACINO DEL TEVERE LINEAMENTI GEOLOGICI DEL BACINO DEL TEVERE Cenni di geologia e geomorfologia 1 - Generalità 2 - La dorsale carbonatica appenninica 3 - Il Graben del Tevere, il bacino Tiberino, le conche intermontane 4

Dettagli

La geologia del bacino montano del Tagliamento: dagli antichi oceani alle montagne d oggi

La geologia del bacino montano del Tagliamento: dagli antichi oceani alle montagne d oggi [dal volume Il Tagliamento, CiErre edizioni, 2006] La geologia del bacino montano del Tagliamento: dagli antichi oceani alle montagne d oggi Adriano Zanferrari (Dipartimento di Georisorse e Territorio,

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

RILEVAZIONANDO QUANDO NON SAI COME FARE UNA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AD UNA CARTA GEOLOGICA. di AGOSTINO IVAN

RILEVAZIONANDO QUANDO NON SAI COME FARE UNA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AD UNA CARTA GEOLOGICA. di AGOSTINO IVAN RILEVAZIONANDO QUANDO NON SAI COME FARE UNA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AD UNA CARTA GEOLOGICA di AGOSTINO IVAN 0 APPUNTI SU COME POTREBBE ESSERE IMPOSTATA UNA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA CARTA

Dettagli

Comune di Favignana località Torretta Cavallo

Comune di Favignana località Torretta Cavallo REGIONE SICILIANA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO STUDIO SULL EROSIONE DELLA COSTA Il Dirigente dell U.O.B n. 3 Dr.ssa Geol. Daniela Alario Comune di Favignana località Torretta

Dettagli

puntuale ELEMENTI GENERALI NOTA BENE: Esistono talvolta lievi differenze tra le progressive rilevate direttamente con metodo speditivo dalle tavole

puntuale ELEMENTI GENERALI NOTA BENE: Esistono talvolta lievi differenze tra le progressive rilevate direttamente con metodo speditivo dalle tavole PROGETTO NUOVA LINEA FERROVIARIA DEL BRENNERO - PROVINCIA DI TRENTO TRATTA DI COMPLETAMENTO SUD, VARIANTE C - IMPATTI SULLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE I dati delle colonne 1-4 provengono dai documenti

Dettagli

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Geologia Applicata Centro di GeoTecnologie La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato

Dettagli

AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ATO2 - MARCHE CENTRO - ANCONA

AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ATO2 - MARCHE CENTRO - ANCONA AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ATO2 - MARCHE CENTRO - ANCONA SERVIZIO DI REDAZIONE DELLE INDAGINI E DEGLI STUDI FINALIZZATI ALLA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO D AMBITO PER I COMUNI DELL ATO MARCHE

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

Con il presente studio si è cercati di inquadrare da un punto di vista geotecnico, al fine di determinare,

Con il presente studio si è cercati di inquadrare da un punto di vista geotecnico, al fine di determinare, 1) - Premessa Con il presente studio si è cercati di inquadrare da un punto di vista geotecnico, al fine di determinare, la fattibilità e le modalità operative di estrazione di materiale lapideo da un

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

VASCHETTE LAVANDINI. Vivere il Verde. articoli d arredo giardini CATALOGO 2012 duemiladodici OLTRE 20 MODELLI

VASCHETTE LAVANDINI. Vivere il Verde. articoli d arredo giardini CATALOGO 2012 duemiladodici OLTRE 20 MODELLI VASCHETTE LAVANDINI OLTRE 20 MODELLI 05 Vivere il Verde articoli d arredo giardini CATALOGO 2012 duemiladodici KAM s.r.l. Via E. Fermi 2/A - PONTE SAN PIETRO (BG) www.kam-italia.it info@kam-italia.it Fotografia

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA DIDATTICA E PROFESSIONALE DOTT. MARCELLO CAGGIATI DOTTORANDO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA TERRA

CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA DIDATTICA E PROFESSIONALE DOTT. MARCELLO CAGGIATI DOTTORANDO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA TERRA CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA DIDATTICA E PROFESSIONALE DOTT. MARCELLO CAGGIATI DOTTORANDO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA TERRA A) DATI ANAGRAFICI Nome: Marcello Cognome: Caggiati Nazionalità: Italiana

Dettagli

La ricerca di fonti energetiche nel sottosuolo del Ticino m e r i d i o n a l e

La ricerca di fonti energetiche nel sottosuolo del Ticino m e r i d i o n a l e P rogetto AET TiGeo La ricerca di fonti energetiche nel sottosuolo del Ticino m e r i d i o n a l e Azienda Elettrica Ticinese Viale Officina 10 6500 Bellinzona Il progetto AET TiGeo intende esaminare

Dettagli

MODELLO A/1. 1. Numero degli occupati alla fine di ciascun trimestre 3. Spese per il personale dipendente. Operai e apprendisti.

MODELLO A/1. 1. Numero degli occupati alla fine di ciascun trimestre 3. Spese per il personale dipendente. Operai e apprendisti. MODELLO A/1 COMUNE PROVINCIA MI ANNO 2014 TITOLARE AUTORIZZAZIONE SEDE NATURA DEL MATERIALE SIGLA CAVA 1. SEZIONE A - OCCUPAZIONE, ORE DI LAVORO, SPESE DEL PERSONALE 1. Numero degli occupati alla fine

Dettagli

Concetti introduttivi alla stratigrafia sequenziale. Variazioni relative del livello marino

Concetti introduttivi alla stratigrafia sequenziale. Variazioni relative del livello marino Concetti introduttivi alla stratigrafia sequenziale Variazioni relative del livello marino Considerando le curve che indicano la variazione nel tempo degli onlap costieri entro un determinato bacino,

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA S.P. 130 ANDRIA-TRANI LAVORI DI AMMODERNAMENTO ED ALLARGAMENTO DEL PIANO VIABILE E DELLE RELATIVE PERTINENZE RISOLUZIONE DELL INTERSEZIONE CON LA S.P. 168 A LIVELLI SFALSATI DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Dettagli

ITINERARIO 1: IL FIUME, LE CASCATE, IL LAGO: DALLE MARMORE AL LAGO DI PIEDILUCO

ITINERARIO 1: IL FIUME, LE CASCATE, IL LAGO: DALLE MARMORE AL LAGO DI PIEDILUCO ITINERARIO 1: IL FIUME, LE CASCATE, IL LAGO: DALLE MARMORE AL LAGO DI PIEDILUCO IL LAGO DI PIEDILUCO Nel Quaternario il Fiume Velino e il Fiume Nera furono protagonisti del modellamento morfologico dell

Dettagli

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 6 Suolo e sottosuolo

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 6 Suolo e sottosuolo Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano Scheda 6 Suolo e sottosuolo Indice INQUADRAMENTO GEOLOGICO IDROGEOLOGICO... 146 Siti soggetti ad obbligo di bonifica... 149 145 145 SUOLO E SOTTOSUOLO

Dettagli

^"^^iul^^- Alfonso Bosellini - Emiliano Mutti Franco Ricci Lucchi ROCCE E SUCCESSIONI SEDIMENTARIE UTET

^^^iul^^- Alfonso Bosellini - Emiliano Mutti Franco Ricci Lucchi ROCCE E SUCCESSIONI SEDIMENTARIE UTET Alfonso Bosellini - Emiliano Mutti Franco Ricci Lucchi ^"^^iul^^- ROCCE E SUCCESSIONI SEDIMENTARIE UTET SOMMARIO \ - Premessa P- xv 1. INTRODUZIONE «1 1.1. Come si forma una roccia sedimentaria «2 1.2.

Dettagli

NOTE SUL FENOMENO CARSICO NEL MASSICCIO DEL MONTE CANIN (Alpi Giulie Occidentali, Italia)

NOTE SUL FENOMENO CARSICO NEL MASSICCIO DEL MONTE CANIN (Alpi Giulie Occidentali, Italia) Alh Convegno In1.l~ sul carso dr alta montagna Imperra, 30 aprile-4 maggio 1982 1 (1 983). 427-435 FULVIO GASPARO (*) NOTE SUL FENOMENO CARSICO NEL MASSICCIO DEL MONTE CANIN (Alpi Giulie Occidentali, Italia)

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 Atti Mus. civ. Stor. nat. Trieste STUDIO PRELIMINARE DI REPERTI OSSEI DI DINOSAURI DEL CARSO TRIESTINO TIZIANA BRAZZATTI (*) & RUGGERO

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Lineamenti Geografici

Lineamenti Geografici Peculiarità del continente Numerose peculiarità differenziano l'antartide dagli altri continenti della Terra. Innanzi tutto, si caratterizza per la presenza di una calotta glaciale che copre la quasi totalità

Dettagli

22. Analisi del dissesto da frana in Basilicata

22. Analisi del dissesto da frana in Basilicata 22. Analisi del dissesto da frana in Basilicata N. Vignola, M. Tramutoli, D. Melfi 22.1 Premessa La convenzione stipulata tra il Servizio Geologico Nazionale - DSTN (ora in APAT - Agenzia per la protezione

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

LA CURA DELLA PROPRIETÀ EDILIZIA NELLA DIFESA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO

LA CURA DELLA PROPRIETÀ EDILIZIA NELLA DIFESA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO LA CURA DELLA PROPRIETÀ EDILIZIA NELLA DIFESA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO NELLE ZONE FORTEMENTE URBANIZZATE Dott. Geol. Andrea Piccardo IL DISSESTO IDROGEOLOGICO NELLE ZONE FORTEMENTE

Dettagli

I GIACIMENTI FOSSILI DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

I GIACIMENTI FOSSILI DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO I GIACIMENTI FOSSILI DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano comprende nel suo territorio alcuni orizzonti fossiliferi di estremo interesse scientifico,

Dettagli