MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE"

Transcript

1 MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari

2 INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida Guida per individuare le azioni positive

3 PERCHE FARE UN PIANO TRIENNALE Favorire le pari opportunità all interno dell ente locale può essere un utile laboratorio per consolidare una pratica politica da estendere al territorio. Spesso gli enti locali prendono iniziative significative di un attenzione alle pari opportunità, che però non assumono organicità e non vengono adeguatamente valorizzate. La guida che forniamo aiuta ad individuare questi interventi e a farne un binario di marcia per indirizzare la modalità di gestire l organizzazione e rivolgere un attenzione strutturata a favorire le pari opportunità in ogni iniziativa. PREMESSE LEGISLATIVE La Legge del 10/4/1991 n. 125 Azioni Positive per la realizzazione delle parità uomo-donna nel lavoro, così come modificata dal D. Lgs. 196 del 23/5/2000, prevede che, le Pubbliche Amministrazioni predispongano Piani di Azioni Positive di durata triennale al fine di promuovere l inserimento delle donne nell ambito lavorativo ad ogni livello, ad ogni settore e di rimuovere gli ostacoli che di fatto impediscono la realizzazione di pari opportunità. Stabilisce che: le Amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le province, le regioni, i comuni e tutti gli enti pubblici non economici, nazionali, regionali e locali, predispongano piani di azioni positive tendenti ad assicurare nel loro ambito rispettivo, la

4 rimozione degli ostacoli che, di fatto impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne. Detti piani, fra l altro, al fine di promuovere l inserimento delle donne nei settori e nei livelli professionali nei quali esse sono sotto rappresentate, favoriscono il riequilibrio della presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche ove sussiste un divario tra generi non inferiore a due terzi. Per il Piano Triennale di Azioni Positive l Amministrazione dovrà avvalersi del giudizio del Comitato Pari Opportunità costituito all interno dell ente o dell Azienda e del parere della Consigliera di Parità territorialmente competente. Il parere richiesto agli organismi di parità ha natura obbligatoria, ma non vincolante e deve contenere un giudizio di congruità del piano alle finalità di cui all art. 1 della legge 125/91. Scopi del Piano Triennale di Azioni Positive: 1. Eliminare le disparità di fatto di cui le donne sono oggetto nella formazione scolastica e professionale, nell accesso al lavoro, nella progressione di carriera, nella vita lavorativa e nei periodi di mobilità. 2. Favorire la diversificazione delle scelte professionali delle donne in particolare attraverso l orientamento scolastico e professionale e gli strumenti della formazione; 3. favorire l accesso al lavoro autonomo e alla formazione imprenditoriale e la qualificazione professionale delle lavoratrici autonome e delle imprenditrici. 4. Superare condizioni, organizzazione e distribuzione del lavoro che provocano effetti diversi, a seconda del sesso, nei confronti dei dipendenti con pregiudizio nella formazione nell avanzamento professionale e di carriera, ovvero nel trattamento economico e retributivo. 5. Promuovere l inserimento delle donne nelle attività nei settori professionali e nei livelli nei quali esse sono sottorappresentate e in particolare nei settori tecnologicamente avanzati ed ai livelli di responsabilità. 6. Favorire anche mediante una diversa organizzazione del lavoro, delle condizioni e del tempo di lavoro l equilibrio tra responsabilità familiari e

5 professionali e una migliore ripartizione di tali responsabilità tra i due sessi. La predisposizione del Piano, ha per le Pubbliche Amministrazioni carattere obbligatorio, con previsione in caso di mancato adempimento, dell applicazione della sanzione in base alla quale le Amministrazioni Pubbliche che non provvedono agli adempimenti non possono assumere nuovo personale, compreso quello appartenente alle categorie protette (Art. 6 comma 6 D.Lgs. 165/01 o Art. 6 comma 6 D.Lgs 29/93).

6 LINEE GUIDA GENERALI PER LA REDAZIONE 1. Descrizione degli obiettivi: Indicare gli obiettivi che si intendono raggiungere per: 1. rimuovere gli ostacoli che impediscono la realizzazione di pari opportunità nel lavoro per garantire il riequilibrio delle posizioni femminili nei ruoli e nelle posizioni in cui sono sottorappresentate; 2. favorire politiche di conciliazione tra lavoro professionale e lavoro familiare; 3. rimuovere la segregazione occupazionale orizzontale e verticale. 2. Azioni Positive: Indicare le azioni attraverso le quali si intendono raggiungere gli obiettivi prefissati ad es.: formazione per le donne, servizi sociali, trasporti, mense (che comportano oneri di spesa) - orario flessibile, istituzione del Comitato Pari Opportunità, codice sulle molestie sessuali o regolamento su norme di buone prassi (che non comportano oneri di spesa). 3. Soggetti e uffici coinvolti: Indicare gli uffici impegnati e/o coinvolti nella realizzazione delle azioni positive.

7 4. Impegno di spesa: Quantificare il costo di ogni singola azione e indicare i capitoli di bilancio e le eventuali fonti di finanziamento (regionali, comunitarie). 5. Periodo di realizzazione: Indicare il periodo di tempo previsto per l attuazione di ogni azione. 6. Schema riassuntivo: Azioni programmate Soggetti e uffici coinvolti Costi Fonti finanziarie Periodo GUIDA PER INDIVIDUARE LE AZIONI POSITIVE Rimuovere ostacoli che impediscono realizzazione di P.O. nel lavoro per garantire il riequilibrio delle posizioni femminili nei ruoli e nelle posizioni in cui sono sottorappresentate Favorire politiche di conciliazione tra lavoro professionale e lavoro familiare Rimuovere la segregazione occupazionale orizzontale e verticale Formazione Convenzioni: Iniziative di

8 SOGGETTI E UFFICI COINVOLTI IMPEGNO DI SPESA - del personale - rivolta a donne in rientro dalla maternità Empowerment (counseling e altre forme di supporto) Informazioni sulla legislazione relativa P.O. Iniziative informative su mobbing e molestie Punti di ascolto del personale - Assistenza minori (asili, centri estivi, centri estivi, oratori, doposcuola) - Assistenza anziani (RSA, centri diurni, cooperative sociali) - Assistenza persone portatrici di handicap o altre forme di disagio (centri diurni, laboratori, cooperative sociali) - Società di servizi -Voucher da tutela delle pari opportunità nei bandi di selezione Indagini conoscitive su sviluppi professionali utilizzare per servizi Commissione pari opportunità Comitato pari opportunità Consulente per la prevenzione del mobbing e molestie Figure di supporto (es. Iniziative sulla mobilità

9 assistente sociale) Flessibilità dell orario di entrata e uscita Facilitazioni nella gestione dei turni Part-time Chi predispone il piano? L organo politico dell Ente consultando: C.P.O. Le R.S.U. La Consigliera di Parità competente. 3. Raccolta dati Monitoraggio dell organico dell Ente per genere e categorie. Descrizione all interno di ciascuna categoria dei posti di ruolo divisi per genere e per orario part-time/ full-time nel triennio precedente. Analisi della distribuzione di donne e uomini nell Ente nel triennio precedente. Forme flessibili e/o atipiche utilizzate nell Ente nel triennio precedente (P.T. orizzontale/verticale, job sharing, telelavoro, co.co.co, ecc.). 4. Nella predisposizione è necessario: Specificare gli obiettivi articolando anche in sotto-obiettivi; Individuare, chi fa che cosa e come lo fa; Individuare un gruppo operativo del progetto; Individuare le attività di monitoraggio e chi e come verranno fatte, coinvolgendo tutti gli attori organizzativi e le parti sociali.

10 5. Aspetto finanziario Per come stabilito dall art.57 del dlgs 165/2001 (Art. 61 del d.lgs n. 29 del 1993, come sostituito dall'art. 29 del d.lgs n. 546 del 1993, successivamente modificato prima dall'art. 43, comma 8 del d.lgs n. 80 del 1998 e poi dall'art. l7 del d.lgs n.387 del 1998), le pubbliche amministrazioni, al fine di garantire pari opportunita' tra uomini e donne per l'accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro possono finanziare programmi di azioni positive e l'attivita' dei Comitati pari opportunita' nell'ambito delle proprie disponibilita' di bilancio. Non mancano possibilità di finanziamento per cui singole azioni contenute nei Pap possono essere finanziate presentando domanda al Comitato Nazionale di Parità presso il ministero del Lavoro dal 1 ottobre al 30 novembre di ogni anno, ai sensi della legge 125/1991: a maggio di ogni anno viene presentato il programma obiettivo a cui dovranno conformarsi le singole azioni. Le Aziende private e gli enti pubblici possono inoltre usufruire dei finanziamenti previsti dalla Legge 53/2000, facendone domanda entro il 10 febbraio, 10 giugno e 10 ottobre di ogni anno. 6. Possibili temi: Aggiornamento professionale/formazione; Orario di lavoro, flessibilità, conciliazione vita/lavoro Aumento della presenza femminile nei ruoli ricoperti solo da uomini; Predisposizione codici di condotta molestie e mobbing.

11 COMMISSIONE PARI OPPORTUNITÁ E un organo consultivo, non obbligatorio, che fonda la propria attività sulla valorizzazione delle differenze di genere. Ha lo scopo di favorire, in stretto raccordo con gli altri soggetti del territorio, la completa affermazione di condizioni di pari opportunità fra i generi favorendo la presenza delle donne nei diversi livelli della vita economica, politica ed istituzionale. Le Commissioni Comunali di pari opportunità sono state istituite, o si stanno istituendo, a cura delle Giunte locali sulla base della raccomandazione 84/635/CEE che invitava ad "eliminare comportamenti e strutture basate su una tradizionale divisione dei ruoli nella società" e incoraggiava "la partecipazione delle donne alle varie attività nei settori dove esse siano attualmente sottorappresentate, nei settori dell'innovazione tecnologica e ai livelli superiori di responsabilità" promuovendo l'assunzione di "azioni positive" (cioè iniziative ed interventi) a favore delle donne per eliminare le discriminazioni di cui esse sono oggetto. Cosa fanno queste Commissioni? Il loro 'campo' di azione è vastissimo il loro 'potere' è quello di essere consultate dagli organi di governo locale e di proporre agli stessi azioni che possano

12 migliorare in qualche modo la situazione femminile dal lavoro, alla famiglia, ai servizi, alla cultura. La Commissione pari opportunità di un Comune lavora a stretto contatto con le cittadine e i cittadini e con le associazioni del territorio, promuovendo e organizzando - con il budget che le viene attribuito ogni anno - interventi di interesse politico e sociale ma anche servizi informativi per le donne, attività formative. Esse servono come stimolo e come mezzo, alle donne per essere informate e partecipare di più alla vita politica e sociale, agli uomini per conoscere e stimare di più il pensiero e la professionalità delle donne. E necessario che la Commissione sia stata voluta dalla Giunta e istituita dal Consiglio Comunale che ne approva l'apposito regolamento. FAC - SIMILE PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE DI CON DELIBERAZIONE N. DEL Premessa L art. 7 del d.lgs. 196/2000 stabiliva, fra l altro, l obbligo, per i comuni di dotarsi di piani di azioni positive tendenti ad assicurare, nei loro ambiti rispettivi, la rimozione di ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro fra uomini e donne. La norma di cui sopra risulta ora recepita nell art. 48 del d.lgs. 198/2006 codice delle pari opportunità. Il Comune, con l adozione e la stesura del piano delle azioni positive, assume una prospettiva metodologica e una visione unitaria che auspica risultati significativi per la qualità del lavoro e dell organizzazione dell azienda pubblica comunale.

13 La Giunta individua linee di indirizzo del piano, sia per quanto attiene alla procedura per l approvazione dello stesso con relativa tempistica, sia per quanto riguarda i contenuti, secondo quanto di seguito precisato: a. articolazione in N aree d intervento, obiettivi (es.formazione e valorizzazione del personale, famiglia e carriera, salute e benessere); b. indicazione per ogni azione di: descrizione target (a chi si rivolge) soggetti attuatori gli obiettivi specifici le attività necessarie per raggiungere gli obiettivi i tempi le eventuali risorse necessarie e le fonti di finanziamento gli indicatori per il monitoraggio c. modalità di controllo dell attuazione d. previsione di iniziative di informazione del personale circa il piano stesso e sull'attuazione delle iniziative nello stesso contenute. La legge prevede poi che il piano elaborato dalle Pubbliche Amministrazioni sia sottoposto al parere della RSU e della Consigliera di Parità territorialmente competente. Nell ambito delle misure per l attuazione della parità e delle pari opportunità è stata emanata apposita direttiva ministeriale pubblicata in G.U n Le azioni previste nel presente piano sono coerenti con quanto in essa disposto.

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO 2015/2017 (Art. 48 del D.Lgs. 198/2006) Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 Quadro normativo Il Piano delle Azioni Positive si inserisce nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione per

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA. Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA. Deliberazione della Giunta Comunale COPIA COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA Deliberazione della Giunta Comunale n 53 in data 25-03-2016 Oggetto: Approvazione piano triennale 2016-2018 delle Azioni Positive ai sensi art. 48

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P)

Dettagli

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA COMUNE DI POLLENA TROCCHIA PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 i (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 13 del 26.02.2015) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 Comune di Pompiano PIANO DELLE AZIONI POSITIVE triennio 2015/2017 -Approvato dal Comitato unico di garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 191 del 20/06/2014 OGGETTO APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE GIUGNO 2014 - MAGGIO 2016 AI SENSI DELL' ART.48 DEL

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

Comune di Cimolais. Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Cimolais. Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Cimolais Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ANNO 2014 N. 42 del Reg. Delibere OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE A FAVORE DELLE

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA Per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 RELAZIONE INTRODUTTIVA La legge n.

Dettagli

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO "Paese dell'ossidiana" PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015/2017 Art. 48 D. Lgs. 11.04.2006, n. 198. L adozione del Piano Triennale di azioni positive risponde ad un obbligo

Dettagli

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015,

Dettagli

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013 Premessa Il Piano delle Azioni Positive - PAP, è documento programmatico redatto a norma dell'art. 48 del D.Lgs. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della legge

Dettagli

Stato dell arte a livello nazionale

Stato dell arte a livello nazionale Ogni anno il Dipartimento della Funzione Pubblica e il Dipartimento per le Pari Opportunità redigono un rapporto di sintesi sull attuazione della direttiva Misure per attuare parità e pari opportunità

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010

PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010 PIANO ANNUALE DI AZIONI POSITIVE dell ISPRA ANNO 2010 Con il presente piano si definiscono le modalità operative di dettaglio, i soggetti coinvolti e le responsabilità individuate per l attuazione del

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CODICE ENTE 022012 COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

I PAP IN PROVINCIA DI CUNEO. Linee guida per la realizzazione dei Piani triennali di Azioni Positive

I PAP IN PROVINCIA DI CUNEO. Linee guida per la realizzazione dei Piani triennali di Azioni Positive I PAP IN PROVINCIA DI CUNEO Linee guida per la realizzazione dei Piani triennali di Azioni Positive Maggio 2007 1 Testi a cura di Elena Manueddu e Monica Occelli Project management di Ivana Pelloso Poliedra

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016 COMUNE DI RAVENNA Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004- Pagina 2 di 6 1. Premessa Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse

Dettagli

ACCORDO DI COOPERAZIONE

ACCORDO DI COOPERAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ACCORDO DI COOPERAZIONE tra COMITATO UNICO DI GARANZIA e CONSIGLIERA DI PARITÀ REGIONALE ACCORDO DI COOPERAZIONE tra Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP) COMUNE DI ARNAD Frazione Closé, 1 11020 ARNAD (AO) C.FISCALE e P.IVA 00125720078 COMMUNE D ARNAD 1, hameau de Closé 11020 ARNAD (Vallée d Aoste) TEL. 0125966121-089 FAX 0125966306 e-mail: info@comune.arnad.ao.it

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015 COMUNE DI TODI PROVINCIA DI PERUGIA Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015 Oggetto: ORIGINALE APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 L anno duemilaquindici, addì ventitre

Dettagli

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Art. 21 della l. 183/2010 (cd. collegato lavoro) che ha modificato l art. 7, c.

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 20 DEL 25.06.2014 Anno 2014 giorno 25 mese giugno alle ore 8.30 sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito il C.d.A. dell'esu

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì diciannove del mese di marzo alle ore 12.00 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SORCI ROBERTO

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste tel 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 a cura della

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

COMUNE DI CANCELLARA

COMUNE DI CANCELLARA COMUNE DI CANCELLARA Via Salvatore Basile n. 1 C.A.P. 85010 PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE REG. N. 7 DEL 05/03/2014 COPIA ALBO OGGETTO: APPROVAZIONE "PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO

COMUNE DI MONTALCINO COMUNE DI MONTALCINO ORIGINALE Deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 13/03/2015 ore 17:30 Presso il Palazzo Comunale di Montalcino Presiede NAFI ALESSANDRO Vicesindaco Assiste il Dott. DOTTORI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE C.P.O. ARPA Lombardia 2009/2012 ARPA Lombardia approva per la prima volta il Piano di Azioni Positive, relativo al triennio 2009/2012, sviluppato dal Comitato per le

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. Legge regionale 18 marzo 2009, n. 8.

REGIONE PIEMONTE. Legge regionale 18 marzo 2009, n. 8. REGIONE PIEMONTE Legge regionale 18 marzo 2009, n. 8. "Integrazione delle politiche di pari opportunità di genere nella Regione Piemonte e disposizioni per l'istituzione dei bilanci di genere". (B.U. 26

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

CITTÀ DI ISCHIA Provincia di Napoli

CITTÀ DI ISCHIA Provincia di Napoli CITTÀ DI ISCHIA Provincia di Napoli ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE Seduta del 28/11/2007 N. 122 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE (ART.7, COMM 5 DEL D.L.VO

Dettagli

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B Premessa Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Sull o.d.l. Sulla qualità della vita Sulla competitività

Dettagli

Analisi dati del Personale

Analisi dati del Personale Allegato A Analisi dati del Personale L analisi dell attuale situazione del personale dipendente in servizio, presenta il seguente quadro di raffronto tra la situazione di uomini e donne lavoratori: FOTOGRAFIA

Dettagli

PROGETTARE IL PAP. Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino

PROGETTARE IL PAP. Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino PROGETTARE IL PAP Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino REDAZIONE ED ATTUAZIONE DEL PIANO DI AZIONI POSITIVE, progetto finanziato con la Misura E1 Linea di intervento

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 III DIREZIONE GESTIONE DEL PERSONALE E SERVIZI INFORMATICI SERVIZIO GESTIONE GIURIDICA DEL PERSONALE Ufficio

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 59 OGGETTO: ARTICOLO 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198 "CODICE DELLE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E L A G I U N T A P R O V I N C I A L E L Anno duemilasette il giorno ventuno del mese di novembre si è riunita la Giunta Provinciale convocata per le ore 15,00 e presieduta da GIUSEPPA ROZZO in qualità

Dettagli

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica nell aprile 2013 I punti fondamentali

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina l attività del Comitato Unico

Dettagli

92/241/CEE: Raccomandazione del Consiglio, del 31 marzo 1992, sulla custodia dei bambini

92/241/CEE: Raccomandazione del Consiglio, del 31 marzo 1992, sulla custodia dei bambini 92/241/CEE: Raccomandazione del Consiglio, del 31 marzo 1992, sulla custodia dei bambini Gazzetta ufficiale n. L 123 del 08/05/1992 pag. 0016-0018 RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 31 marzo 1992 sulla

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE Seduta del 23/01/2015 Delibera n. 4 L'anno duemilaquindici addì ventitre del mese di gennaio alle ore 09:00 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

S T A T U T O del COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA dell Università degli Studi di Messina. Art.1 (Istituzione e finalità)

S T A T U T O del COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA dell Università degli Studi di Messina. Art.1 (Istituzione e finalità) S T A T U T O del COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA dell Università degli Studi di Messina Art.1 (Istituzione e finalità) 1. È istituito presso l Università degli Studi di Messina il Comitato per le Pari

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza -------

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- N.97 reg COPIA DI IMMEDIATA ESEGUIBILITA COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE IN

Dettagli

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 Servizio apicale Segreteria del Sindaco - Politiche di Sviluppo dell'organizzazione Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 1. IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il contesto

Dettagli

DIRETTIVA SULLE MISURE PER ATTUARE PARI OPPORTUNITÀ NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

DIRETTIVA SULLE MISURE PER ATTUARE PARI OPPORTUNITÀ NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIRETTIVA SULLE MISURE PER ATTUARE PARI OPPORTUNITÀ NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto - Uffici del personale, dell organizzazione e della formazione Alle Aziende

Dettagli

Piano di Azioni Positive per il biennio 2008-2009

Piano di Azioni Positive per il biennio 2008-2009 Piano di Azioni Positive per il biennio 2008-2009 PREMESSA La presente relazione si riferisce alla pianificazione delle azioni positive relative al 2008-2009, in quanto scadendo nel 2009 il mandato dell

Dettagli

COMITATO UNICO DI GARANZIA - CUG

COMITATO UNICO DI GARANZIA - CUG COMITATO UNICO DI GARANZIA - CUG Azienda USL di Reggio Emilia Manuela Predieri, Reggio Emilia 27 marzo 2013 Agenda CUG: di cosa si tratta Composizione Modalità di funzionamento Obiettivi Il percorso intrapreso

Dettagli

RELAZIONE DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ANNO 2012

RELAZIONE DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ANNO 2012 RELAZIONE DEL COMITATO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE ANNO 2012 1. Premessa. La presente Relazione è redatta ai sensi dell art. 3.3 della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Piani di Azioni Positive e Comitati Unici di Garanzia

Piani di Azioni Positive e Comitati Unici di Garanzia Piani di Azioni Positive e Comitati Unici di Garanzia Paola Petrucci Paola Casciati Aprile 2012 CONSIGLIERA DI PARITÀ per la REGIONE MARCHE via G. da Fabriano, 9 - Ancona tel. 071 8062454 - fax 071 8062465

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Introduzione L art. 21 della L. 04/11/2010

Dettagli

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta promulga la

Dettagli

C O M U N E D I O L B I A REGOLAMENTO COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA

C O M U N E D I O L B I A REGOLAMENTO COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA C O M U N E D I O L B I A REGOLAMENTO COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA REGOLAMENTO COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA Art. 1 ( Istituzione, scopi e finalità della commissione) 1. La realizzazione delle pari opportunità

Dettagli

di interventi volto a promuovere la condivisione e l attuazione di tali principi presso tutte le amministrazioni locali della Puglia.

di interventi volto a promuovere la condivisione e l attuazione di tali principi presso tutte le amministrazioni locali della Puglia. 4932 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 43 del 26-3-2007 LEGGE REGIONALE 21 marzo 2007, n. 7 Norme per le politiche di genere e i servizi di conciliazione vita-lavoro in Puglia La seguente

Dettagli

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE 2012-2015 1 Sommario 1. Premessa 2. Normativa di riferimento 3. Le Azioni Positive 4. Analisi relativa alle risorse umane dell Università degli Studi del Molise 5. Il

Dettagli

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO Regolamento di funzionamento del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro «Certo caro Socrate ci hai plasmato, come uno scultore, dei bei Governanti». «Ma caro Glaucone, se è per questo anche delle

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI PERUGIA Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la Valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015-2017 INDICE

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 Proposto dal Comitato Unico di Garanzia della Scuola Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 28 ottobre 2015 Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO Art. 1 Costituzione Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

THESAURUS DI GENERE PAROLE DI PARITÀ E PARI OPPORTUNITÀ TRA DONNE E UOMINI. Centro Risorse Servizi Pari Opportunità - Mercato del Lavoro.

THESAURUS DI GENERE PAROLE DI PARITÀ E PARI OPPORTUNITÀ TRA DONNE E UOMINI. Centro Risorse Servizi Pari Opportunità - Mercato del Lavoro. THESAURUS DI GENERE PAROLE DI PARITÀ E PARI OPPORTUNITÀ TRA DONNE E UOMINI Centro Risorse Servizi Pari Opportunità - Mercato del Lavoro Marzo 2006 Redazione a cura di S.&T. - Monica Andriolo Introduzione

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli